Formazione Excellence Manageriale ed Industriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formazione Excellence Manageriale ed Industriale"

Transcript

1 Formazione Excellence Manageriale ed Industriale SGC Grecu Consulting Partners Srl Riorganizzazioni industriali avanzate Lean Operations and Excellence in Manufacturing Performances Riposizionamento strategico e competitivo di impresa 2013

2 Nelson Mandela (Premio Nobel per la Pace 1993)

3 PRESENTAZIONE Stiamo vivendo in questi anni una crisi strutturale che lascia spazio soltanto a dinamiche aziendali ed imprenditoriali che integrino flessibilità, adattabilità, razionalità, velocità e continua innovazione. In particolare, l'innovazione non è necessariamente da attuarsi nel prodotto ma deve sempre essere di certo perseguita nella mentalità e nello spirito di guida che l'imprenditore spende giorno per giorno e condivide con i propri collaboratori. SGC Grecu Consulting Partners nelle sue B.U. formative e consulenziali studia da quasi trent'anni i fenomeni di riorganizzazione e riposizionamento competitivo di impresa affiancando dal 1985 imprenditori e manager in termini produttivi, innovativi, manageriali e strategici. La nostra Business Unit Fucine dell'innovazione è costantemente al lavoro per ideare nuove metodologie, calibrare e ri-calibrare le esistenti e recepire i feedback dei cantieri per poter rispondere in maniera sempre vicina alle esigenze delle aziende, in modo determinato e preciso, alle aspettative, richieste ed esigenze di manager e imprenditori impegnati in mercati selettivi, spietati e sempre più esigenti. Ecco il catalogo del 2013: è stato rinnovato e ampliato, per poter rispondere ai numerosi input di imprenditori e manager con i quali proseguire questa eccezionale sinergia di fiducia e sfida continua verso i mercati, giorno dopo giorno e anno dopo anno. Grazie per la fiducia che numerosi ci dimostrate e rinnovate. Ing. Alessandro Grecu Direttore SGC Grecu Consulting & Lean Plastic Center

4 Riorganizzazioni industriali avanzate, Lean Operations and Excellence in Manufacturing & Logistics Performances Riposizionamento strategico e competitivo di impresa Sede Legale e Direzione Generale: V.le M.Buonarroti Novara (NO) - ITALY tel / Fax mailto website - Skype ID: sgc_consulting

5 Arie De Geus (Strategic Planner Shell Group)

6 CALENDARIO 2013 Nome del corso Codice Prezzo (IVA escl.) Durata gen 13 feb 13 mar 13 apr 13 mag 13 giu 13 lug 13 ago 13 set 13 ott 13 nov 13 dic 13 catalogo 5S Plastic: riorganizzare il micro-layout e la cella di lavoro 5S-LPP giorno 13 Pag 08 Riorganizzare il Layout produttivo - Specializzazione M.Plastiche LAY giorni 6-13 Pag 09 Tecniche e metodi per il Controllo Qualità in produzione Trasformazione M.Plastiche - BASE CQ1.LPP giorno 12 Pag 09 Tecniche e metodi per il Controllo Qualità in produzione Trasformazione M.Plastiche - ADV. CQ2.LPP giorni Pag 10 Massimizzare l efficienza nella Trasformazione M. Plastiche EF1.LPP giorno Analisi e taglio dei costi nella Trasformazione M. Plastiche CST1.LPP giorno Lean Plastic La Lean al servizio dell industria plastica - BASE LPP giorni Lean Plastic La Lean al servizio dell industria plastica - AVANZATO LPP4 Controllo statistico di processo applicato allo stampaggio ad iniezione SPC2.LPP giorni Corso base di stampaggio ad iniezione INJ giorno Daily Management: la gestione giornaliera del proprio lavoro DM giorno Lean development & Lean innovation DEV giorni Applicare la Lean Production & Lean Management in azienda. Studio ed LP2 analisi di 12 casi di successo giorni Massimizzare l efficienza nello stampaggio ad iniezione EF1.LPP giorno corso fuori catalogo (erogazione esclusivamente in azienda) Analisi e taglio dei costi nello stampaggio ad iniezione CST1.LPP giorno corso fuori catalogo (erogazione esclusivamente in azienda) Lean Logistics : riorganizzazione del magazzino e della logistica industriale e distributiva. LOG2 2 giorni corso fuori catalogo (erogazione esclusivamente in azienda) Quali prospettive per la mia azienda? Redesign, modellazione e calibrazione e del proprio modello di business. BUS2 2 giorni corso fuori catalogo (erogazione esclusivamente in azienda) 1, Pag giorni + 1 in azienda Pag Pag Pag Pag Pag Pag 16 Pag 17 Pag 18 Nota: Tutti i corsi di questo catalogo e i seminari e workshop extra catalogo, possono essere anche erogati presso l azienda del Cliente. Per qualsiasi informazione: Dr,ssa Claudia Merini, BU Training Manager Tel

7 Henry Ford (imprenditore)

8 5S PLASTIC Riorganizzare l ambiente di lavoro per le aziende di trasformazione - Durata 1 giorno Affrontare in maniera metodologica e pratico-applicativa le più avanzate tecniche e metodi per riorganizzare l'ambiente di lavoro in maniera organica e strutturata condividendo i criteri per un presidio delle performance nell'ambiente di lavoro a lungo termine. Metodologia ed applicazione pratica. Organizzare la postazione: pressa, estrusore e aree contigue. Problemi ed opportunità. Confronti pratici nel plastic transformation. Logiche di Tagging: il cartellino rosso per separare le cose utili dagli sprechi. Gli strumenti. Il corso si fonda sulle logiche di base della metodologia Toyota Lean Production, riferendosi in maniera particolare alla metodologia Lean Plastic come strumento fondamentale per condurre una riorganizzazione concreta e specifica rivolta alle aziende trasformatrici. Ordine e metodo: Introdurre una standardizzazione del processo e dell ambiente. Decidere le allocazioni/baie/spazi appropriati: utilizzo dei colori e dei kanban. Identificare il flusso del valore nel layout delle aziende di trasformazione termoplastici. Figure dirigenziali nell'ambito industriale e produttivo Figure di coordinamento intermedio produttivo Personale della manutenzione e dei tempi e metodi Fondamenti del metodo 5S Plastic: Motivazioni alla base della ricerca di efficienza nell ambiente di lavoro. Il metodo Toyota Lean Production, la Lean Plastic e la razionalità produttiva: oltre l approccio teorico. Gli sprechi nell'ambiente di lavoro produttivo nel contesto trasformazione materie plastiche. Pretendere obiettivi immediati: Efficienza attraverso la rimozione degli sprechi. Come ordine e pulizia migliorano la qualità del prodotto e i tempi di attraversamento. Il contenimento delle scorte grazie ad un ambiente efficiente. Coinvolgimento delle risorse umane. Pulizia come strumento di prevenzione: Pianificare la campagna di pulizia. Ispezioni ed audit per il mantenimento della pulizia. Confronti sui punti deboli dei principali processi plastic (stampaggio, estrusione, film, master/comp ). Standardizzare il processo e l ambiente: Formulazione e definizione delle check list. Problem Solving e rimozione delle cause delle inefficienze fisiche nell ambiente di lavoro. Procedure ed istruzioni operative pratiche ed immediate. La disciplina come strumento per mantenere i successi nel lungo termine: Leadership e coinvolgimento creativo e motivato. Le condizioni chiave per il successo. Crescere assieme al team. Progettare e condurre i 5S audit. Logiche 5S e Sicurezza sul lavoro nella trasformazione: Come utilizzare lo strumento delle 5S per una consapevole prevenzione degli infortuni. Condividere efficienza, qualità e sicurezza in una progettazione globale dell ambiente di lavoro. Strumenti integrati per la gestione a vista dell ambiente di lavoro, integrando efficienza e sicurezza. 8

9 RIORGANIZZARE IL LAYOUT PRODUTTIVO Specializzazione Trasformazione Materie Plastiche - Durata 2 giorni La tematica del recupero di efficienza e produttività dei sistemi produttivi industriali è sempre più centrale, più che mai considerando le recenti esigenze - altamente selettive - in termini di mercato, di costi e di tempi di consegna. Per ottenere risultati permanenti da un progetto di riorganizzazione è fondamentale considerare anche il layout produttivo e l'ambiente di lavoro: senza questo contributo pratico una riorganizzazione rimarrebbe solo teorica, parziale e sostanzialmente inefficace. Questo corso è stato progettato per poter fornire in maniera chiara, attraverso numerosi esercizi ed esempi pratici, il quadro complessivo dei metodi e delle tecniche ingegneristiche più avanzate per comprendere le inefficienze e riorganizzare il layout produttivo, dalla struttura complessiva industriale alla singola postazione di lavoro. Il corso è finalizzato alla identificazione dei punti deboli degli sprechi nel layout, nelle movimentazioni e dei flussi dei materiali, mezzi e persone, e alla ricerca di opportunità e spunti per il miglioramento, comprendendone l'impatto sui risultati e quindi la priorità di azione. È un corso rivolto sia a chi vuole ottimizzare il layout esistente, identificando l'opportunità di recupero di efficienza finora sottovalutata, sia a chi debba progettare da zero un nuovo layout, un nuovo capannone, un nuovo insediamento industriale per meglio conoscere quali criteri e quali metodologie possano guidare una scelta di successo. Il corso è sviluppato affrontando aspetti ingegneristici di teoria della riorganizzazione del layout e fornendo numerosi esempi pratici. Alla fase metodologica si affianca un ampio spazio dedicato alle simulazioni ed agli esercizi pratici, offrendo quindi ai partecipanti la possibilità di capire ed applicare sui processi della propria azienda queste logiche, indipendentemente dal tipo di prodotto o dai processi produttivi in azienda. Il corso verrà erogato in due sessioni separate per lasciare ai partecipanti un periodo di tempo per simulare sul campo le metodologie visti assieme e studiare e valutare il proprio layout aziendale. Nella successiva lezione sarà così possibile il confronto in aula sui risultati ed eventuali dubbi applicativi, da discutere assieme al docente e ai colleghi di corso. Ingegneri ed Analisti Tempi e Metodi Responsabili e staff di Produzione Tecnologi Tecnici di processo Responsabili Industrializzazione Tecnici ed addetti ufficio tecnico Quali opportunità esistono oggi per ottenere efficienza produttiva grazie al layout: Approccio tradizionale alla gestione del layout. Logiche attuali di ingegneria produttiva e ottimizzazione del layout. Il layout: un mezzo fondamentale per il recupero di efficienza. Fondamenti odierni di ingegneria industriale: Layout a green-field e layout riorganizzato e loro caratteristiche. Lean Flows: il contributo della Lean Plastic nello sviluppo delle logiche di layout. Scatenare la Caccia agli sprechi nel layout plastic. Flow design & cell design. Principali tipologie e configurazioni di layout per il settore plastic. Valutazione dello status attuale del Layout e delle opportunità di cambiamento: Configurare le Leve dei sistemi produttivi ed identificare i colli di bottiglia nei flussi. Tecniche di Lean Flow mapping e VSM a livelli. Logiche LR: abbattere i tempi di consegna agendo sul layout. Contenimento delle scorte grazie ad un layout efficiente e personalizzato. Tecniche e strumenti ingegneristici ed analitici: Il bilancio tra teoria e convenienza pratica: tecniche di simulazione. Contributo fondamentale dei Tempi e Metodi industriali. Trovare il bilancio ottimale per la propria azienda: Matrici di calcolo F-P-PQD. Ottenere risultati assieme alla squadra Non sottovalutare il layout: gli errori da evitare Studio e analisi delle criticità e opportunità di miglioramento del layout aziendale di ciascun partecipante 9

10 TECNICHE E METODI PER IL CONTROLLO QUALITA IN PRODUZIONE Trasformazione M. Plastiche - Durata: 1 giorno - CORSO BASE; 2 giorni - CORSO AVANZATO Il corso è finalizzato ad affrontare le principali tematiche legate al presidio e governo della qualità di prodotto e di processo nella industria della trasformazione delle materie plastiche, attraverso una parte teorica ed una consistente parte di simulazioni ed esercitazioni pratiche. Verranno affrontate le cause di variabilità, l importanza di una progettazione di prodotto, processo e controllo che sia fattibile (non teorica o inefficace) ma nel contempo che abbia solide basi logiche per un controllo robusto. Nel corso verranno affrontate le tecniche principali di progettazione di un piano di controllo in produzione, in base alla comprensione delle specificità industriali che verranno analizzate anche attraverso la discussione di casi reali sviluppati sul campo dal docente. Verrà quindi impostata una metrica di misurazione e saranno affrontate le tematiche del ripristino di processo/prodotto conformi. Unitamente a questi strumenti ed alla discussione delle principali organizzazioni delle risorse umane e delle responsabilità nella gestione dei controlli (capiturno, ispettori,...), verrà dato ampio spazio alla simulazione di casi reali ed alle esercitazioni di gruppo che affronteranno situazioni concrete che si possono verificare in azienda. Esercizi e simulazioni hanno la finalità di generare apprendimento pratico che ogni partecipante riporterà in azienda. Per questo una quota significativa di tempo, circa il 40% del corso, verrà dedicata agli esercizi di gruppo ed alle simulazioni di casi reali. Quality Manager Responsabili Quality Control, Addetti al Quality Control (produzione/ accettazione/collaudo) Quality auditor Assistenti di Produzione Ingegneri di Fabbricazione Tecnologi di processo PROGRAMMA CORSO BASE: Il Controllo Qualità in azienda: Evoluzioni dei controlli e loro importanza nel rapporto cliente-fornitore. Figure, organizzazione, ruoli per il Controllo Qualità. Le competenze tecniche del personale diretto e indiretto e capacità manageriali fondamentali per il Controllo Qualità. Impostare e governare il Controllo Qualità sul campo: Progettazione del controllo necessario. Fonti di variabilità nel settore trasformazione dei termoplastici. I piani di campionamento. Tipologie e dettagli metodologici ed operativi, sui differenti controlli Qualità: CQ in ingresso, in produzione, a fine linea, in laboratorio. Il collaudo. Il controllo sui fornitori: occasionali e supply chain. Autocontrollo in linea. Logiche di Free-pass. Come migliorare la qualità in Produzione: Gestione delle non conformità in ottica di miglioramento. Il Teamworking come strumento fondamentale: pilastri e premesse. Progettare per la qualità : logiche di prevenzione e differenti criticità. La progettazione al servizio della produzione: Design for Manufacturing, Design for Assembling. Come implementare un progetto di miglioramento della Qualità: Le figure necessarie. Principali strumenti di Problem Solving nel CQ (priorità d azione, diagrammi causa-effetto, matrici di causa, ). Errori da evitare: Principali errori e risvolti da conoscere ed evitare durante la riorganizzazione aziendale. Affrontare il cambiamento di mentalità con le logiche Change management. INTEGRAZIONE PER IL CORSO AVANZATO: Impostare e governare il Controllo Qualità sul campo: Le control charts per attributi (1 e 2 livello). Governare i vincoli reali: limiti di macchina, processo e prodotto. Determinare e governare gli indici di capacità (Cp, Cpk, ). Logiche di Problem Solving & Decision Making nel controllo Qualità. Prevenzione e gestione manageriale: Integrazione tra qualità e logiche di snellimento Lean Plastic. Le analisi avanzate di prevenzione per la qualità P-FMECA / FMECA. Costi e Qualità: misurare ed abbattere i costi della non qualità e contenere i costi della qualità. I contratti di fornitura in qualità (cenni). 10

11 MASSIMIZZARE L EFFICIENZA NELLA TRASFORMAZIONE M. PLASTICHE Specializzazione trasformazione Materie Plastiche - Durata: 1 giorno Il corso è stato progettato per poter fornire ai partecipanti una visione specialistica delle principali voci responsabili dell'efficienza nella trasformazione delle materie plastiche. Durante la trattazione verranno studiati in maniera approfondita i 16 sprechi specifici che il metodo Lean Plastic identifica nell'area trasformazione materie plastiche. Efficienza, costi, leve di governo nella trasformazione Mettere a fuoco le leve e gli indici di produttività e di Lean Plastic in trasformazione Lean, Lean Plastic e analisi dei 16 sprechi tipici della trasformazione sul processo a caldo (stampaggio) e sul post processo a freddo (assemblaggio, smatterozzatura, ) Analizzando in maniera metodologica ed applicativa le aree critiche, verrà quindi sviluppato assieme ai partecipanti lo studio e l'analisi di casi reali di progetti di recupero di efficienza in trasformazione. Studio delle operazioni manuali (smaterozzatura, assemblaggio,..) ed analisi di efficienza e leve critiche Verrà lasciato ampio spazio alle esercitazioni simulazioni di gruppo attraverso le quali i partecipanti potranno applicare concretamente le metodologie discusse assieme, anche grazie all'interpretazione pratico/ applicativa delle linee manageriali e metodologiche di Lean Plastic. Analisi tecnica dei processi di trasformazione e studio preventivo delle criticità Plant Manager e Manufacturing Manager Responsabile Qualità e Controllo Qualità Responsabile Progettazione Responsabile TMS Coordinatore di produzione e di industrializzazione Capi turno Calcolare l'efficienza globale: macchina, processo, operazioni manuali, supporto Layout e cella: possibili soluzioni specifiche applicate al settore trasformazione plastica Presidio dell'efficienza e strutturazione di processi stabili: approccio di team ed approccio di Lean Plastic Visual Management Discussione ed analisi di casi aziendali, ed esercizi di simulazione in team Come attivare concretamente progetti di recupero efficienza e produttività: confronto, best practices e consigli 11

12 ANALISI E TAGLIO DEI COSTI NELLA TRASFORMAZIONE M. PLASTICHE Specializzazione Materie Plastiche - Durata 1 giorno Il corso è progettato per poter fornire ai partecipanti una chiara identificazione delle principali voci di costo nel settore della trasformazione delle materie plastiche e della gomma. Il corso sviluppa un'analisi metodologica e schematica della struttura di costo tipica del settore della trasformazione, identificando le voci dirette ed indirette, ed illustrando i principali approcci in uso in questo settore specifico per gestire e ottimizzare i costi. Plant Manager e Manufacturing Manager Responsabile Qualità e Controllo Qualità Responsabile Progettazione Responsabile TMS Coordinatore di produzione e di industrializzazione Durante il corso verrà studiato in maniera specifica l'approccio di Lean Plastic, che identifica 16 principali voci di spreco nelle aree della trasformazione e delle operazioni manuali ed automatiche strettamente correlate. Tali voci di spreco (e quindi di extra costi) sono da identificare attentamente qualora si vogliano sviluppare progetti ambiziosi di riduzione dei costi. Analisi della struttura dei costi industriali di trasformazione: prodotto, processo, costi industriali e risorse umane Inoltre relativamente agli approcci di taglio dei costi nella trasformazione di materie plastiche, verrà approfondito l'approccio progettuale e le principali opportunità che questo settore vede. Costi diretti ed indiretti nella trasformazione ed interpretazione del miglior compromesso Alla trattazione teorica verranno applicati anche diversi casi applicativi e simulazioni di gruppo per permettere ai partecipanti una reale comprensione di come approcciare l'analisi e - dove possibile - il taglio dei costi nella trasformazione e nei processi industriali strettamente correlati. Come vengono evidenziati sprechi ed extra costi attraverso l'analisi Lean Plastic Bilanciamento di cella ed operatore nel miglior compromesso di produttività e costi Determinare il costo orario Progettare il miglioramento: identificare con la Lean Plastic le principali voci di costo aggredibili Comprendere lo spazio di miglioramento attraverso le 16 voci di perdita specifiche della trasformazione materie plastiche Come condurre progetti di riduzione costi attraverso il team working e la metodologia Lean Plastic 12

13 LEAN PLASTIC : la Lean al servizio delle materie plastiche Applicare la Lean al settore Plastic transformation Durata: 2 giorni - CORSO GREEN BELT (base); 4 giorni + 1 opt. in azienda - CORSO BLACK BELT (avanzato) Nello scenario competitivo di oggi le aziende riescono a competere e primeggiare solo se offrono un ottimo prodotto, a condizioni di prezzi e tempi di consegna vantaggiosi. Per raggiungere questo le aziende devono essere supportate da una organizzazione razionale e dinamica e da metodi innovativi ed estremamente efficaci. Il percorso Lean Plastic prevede un approfondimento del metodo Lean Production sviluppando diversi percorsi personalizzati e flessibili dedicati al settore Plastic Transformation. E' così possibile seguire sentieri di miglioramento non generici ma altamente specifici, basati sulle tipicità di tecnologia, produttività, punti deboli, fonti tipiche d'inefficienza di ogni settore tecnologico (stampaggio ad iniezione, masterbatch, estrusione di film, estrusione di profili,...). Il modello manageriale organizzativo Lean Plastic rappresenta un sentiero di miglioramento personalizzato basato sul metodo Toyota Lean Production (noto anche con i sinonimi di Lean Manufacturing, Lean Management o Lean Thinking). Più precisamente però Lean Plastic ne rappresenta una evoluzione specialistica in quanto integra la metodologia di base della Lean Production con numerosi sentieri e strumenti non presenti nella Lean, ma caratteristici del settore del'industria plastica. L'approccio è quindi molto più forte e complesso, rispetto ad un solo approccio Lean generalistico e teorico. Gli strumenti specifici Lean Plastic sono mirati al recupero di produttività in maniera specifica per i diversi settori e per le diverse tecnologie di trasformazione delle materie plastiche e la costruzione di stampi ed attrezzature. Imprenditori Direttori di stabilimento Direttori e Responsabili di Produzione Direttori e Responsabili Logistica Ingegneri e Coordinatori di Produzione Ingegneri ed Analisti Tempi e Metodi PROGRAMMA CORSO BASE: Gli sprechi del settore plastics: Introduzione alle logiche di Lean Production & Metodo Toyota, alla mentalità razionale ed alla caccia agli sprechi Plastic: definizione di valore e spreco nei contesti produttivi di trasformazione, costruzione stampi, progettazione e realizzazione impianti. Analisi iniziale: studio approfondito dei 16 pilastri LPP e degli strumenti specifici Lean presenti nel solo metodo Lean Plastic. Migliorare velocità dei flussi e ridurre i costi produttivi ed industriali settore plastic. Abbattere i costi: efficienza e razionalità dei flussi produttivi logistici tipici del settore plastic. Analisi dei costi, delle sequenze di produzione e dei relativi legami in ottica di miglioramento. Simulazione industriale con il Toyota Lean Game. INTEGRAZIONE PER CORSO AVANZATO Efficienze nei processi, macchinari, ed impianti plastics: Recupero di efficienza ingegneristica ed industriale nell industria delle materie plastiche in ambito macchine (trasformazione), operazioni manuali, autonomia delle risorse umane ed ambiente (micro e macro layout). Condurre la squadra e le persone nella grande trasformazione aziendale: Introduzione e gestione del progetto di miglioramento Lean Plastic : leadership, coinvolgimento e sviluppo delle risorse umane in linea al pensiero snello e alle caratteristiche specifiche del mondo plastics. Gestione delle criticità durante il percorso e gestione delle "resistenze al cambiamento". GIORNO 5 - Sessione di lavoro (a richiesta) in produzione: Visita dell ingegnere docente del corso presso l'azienda di ciascun partecipante (senza coinvolgere gli altri partecipanti) con l'obiettivo di individuare e suggerire migliorie nelle aree critiche ed i margini di miglioramento nei reparti ed uffici: Progettazione, Trasformazione, Assemblaggio, Officina Stampi, magazzini e strutture Logistiche. Piano di lavoro. 13

14 CONTROLLO STATISTICO DI PROCESSO APPLICATO ALLO STAMPAGGIO AD INIEZIONE Specializzazione Materie Plastiche - Durata 2 giorni Il corso è stato progettato per poter coinvolgere i partecipanti attraverso un sentiero formativo metodologico ed applicativo, che vede come primo approccio la identificazione delle voci principali di instabilità dei processi produttivi di stampaggio ad iniezione di materie plastiche, creando anche dei legami analitici tra lo stampo, la pressa, le materie prime, i processi e le risorse umane. All'interno di questo quadro specifico verrà quindi identificato l'approccio del controllo statistico di processo, identificando le specificità e le criticità caratteristiche dello stampaggio iniezione. Verranno quindi studiate le carte di controllo nel loro approccio metodologico generale, al quale farà seguito uno studio specifico e caratteristico di come questi strumenti possano essere applicati al settore dello stampaggio iniezione, identificando anche gli strumenti preferenziali che in questo settore possono dare risultati migliori. Verranno studiati in maniera metodologica e pratico applicativa (anche attraverso numerosi esercizi e simulazioni di gruppo) diversi casi aziendali di applicazione del controllo statistico di processo del governo della qualità ad aziende di stampaggio iniezione e lavorazioni manuali di materie plastiche. Un contributo importante è inoltre l'approccio culturale legato al Problem Solving, che vede l'utilizzo di questi strumenti all'interno di un contesto logico e manageriale finalizzato al miglioramento continuo e all'approccio preventivo. Questo corso di formazione è stato progettato dedicando ampio spazio alle simulazioni, esercitazioni di gruppo, discussione di casi reali di applicazione degli strumenti del controllo di processo allo stampaggio ad iniezione delle materie plastiche ed alle lavorazioni aggiuntive; così facendo sarà possibile fornire un approccio estremamente concreto ed applicativo alla componente metodologica. Plant Manager e Manufacturing Manager Responsabile Qualità e Controllo Qualità Responsabile Progettazione Responsabile TMS Coordinatore di produzione e di industrializzazione Capi turno Gli indici di presidio dei processi produttivi e della qualità in ottica Lean Plastic nello stampaggio ad iniezione La normale variabilità dei processi di stampaggio ad iniezione, ed il legame tra materiali, presse, tolleranze e processi Comprendere la compatibilità tra variabilità naturale, disegno, quote critiche e tolleranze naturali di progetto e processo Misurare le capacità nello stampaggio: capacità di processo, di macchina, di stampo, di prodotto Tracciare le Blue-Chart Tracciare le Red-Chart L'approccio di Control Chart applicato allo stampaggio: specificità e migliori approcci in uso Studio e confronto sui tipi di carte di controllo in base alle differenti specificità dello stampaggio ad iniezione Analisi delle variabilità naturali a caldo ed a freddo Parte applicativa e determinazione degli indici di processo in casi reali di stampaggio, e legami causa-effetto Lean Plastic Problem Solving in stampaggio: come generare un approccio preventivo e un LPP Visual Projecting Team-working nel governo dei processi e nell'approccio preventivo di problem solving 14

15 CORSO BASE DI STAMPAGGIO AD INIEZIONE Specializzazione Materie Plastiche - Durata 1 giorno Il corso è stato progettato per poter fornire ai partecipanti una visione a tutto campo sulla tecnologia e produttività nel settore dello stampaggio ad iniezione. Nella prima parte saranno approfondite le basi ed i fondamenti della tecnologia di stampaggio ad iniezione, delle presse e degli stampi, dei polimeri e degli additivi (quali coloranti, additivi di processo e compound) e sarà investita una quota di tempo nello studio dei processi di trasformazione e delle principali variabili di criticità che ne possono influenzare il risultato tecnologico e di qualità sul prodotto. Unitamente ai processi a caldo saranno anche analizzati i processi a freddo poststampaggio quali ad esempio smaterozzatura ed assemblaggio. Nella seconda parte del corso saranno approfonditi i primi principali passi e tecniche per poter mantenere efficiente e performante un processo di trasformazione e di eventuale posta lavorazione. Saranno studiate le principali logiche di misurazione dell'efficienza e saranno illustrate condivise le principali voci di spreco e di carenza organizzativa (dalla organizzazione di reparto, alle operazioni e sincronia nelle operazioni di supporto quali ad esempio il cambio stampo e la programmazione). Il corso vede una quota significativa di tempo, di circa il 50%, spesa in simulazioni, esercitazioni e confronti di aula per poter fornire ai partecipanti un taglio estremamente concreto del corso, stimolando un rapido e cosciente apprendimento operativo. Introduzione al processo di stampaggio a iniezione, impianti e macchinari di stampaggio Analisi del ciclo di stampaggio e dei macchinari a bordo pressa e studio della miglior configurazione Analisi del processo di stampaggio finalizzata ad analizzare le più frequenti difettosità e le modalità di risoluzione Sicurezza sul lavoro: comportamento, conoscenza delle principali protezioni delle presse e delle attrezzature ausiliarie Programmazione della produzione Tempi e Metodi Problem Solving tecnico in stampaggio e route tecnologica di prestazione Organizzazione nei reparti Principali polimeri, caratteristiche e comportamento nello stampaggio ad iniezione Prestazione e gestione degli stampi Cenni sulle metodologie Lean e Lean Plastic ed efficienza Responsabili di Produzione, Industrializzazione e Ufficio Tecnico Capiturno Operatori Manutentori 15

16 DAILY MANAGEMENT La gestione giornaliera del proprio lavoro, la gestione del team e del tempo lavorativo Durata 1 giorno Quando pensano a come essere più efficienti le aziende spesso si concentrano sui grandi passi: innovazione, efficienze nei macroflussi, sviluppo del capitale umano. Ma esiste una componente micro, meno visibile, di fondamentale importanza per la gestione del lavoro giornaliero delle persone. Il corso affronterà la tematica della gestione efficace ed efficiente della ordinarietà : la gestione delle priorità, la gestione del tempo e dello stress, la programmazione del proprio lavoro d ufficio, l integrazione in team e la pianificazione della agenda e delle micro-attività. Il corso verrà condotto con ampio spazio dedicato al confronto ed al roleplay per poter condividere assieme ai partecipanti le tecniche, gli strumenti e soprattutto le mentalità che stanno alla base della gestione ordinaria del proprio lavoro. Tutte le figure aziendali con una quota di lavoro indiretto: Imprenditori Top Manager Manager intermedi Project Manager Figure aziendali intermedie di coordinamento e supervisione Operatori e figure dell ufficio commerciale, qualità, produzione, logistica, acquisti, manutenzione. Problematiche nella gestione giornaliera: Cosa farò oggi in ufficio?!?. Urgenze e priorità : capirle e governarle. Mentalità: pensare snello anche nelle piccole cose: Caccia agli sprechi. Passare da Re-Attivo a Pro-Attivo. Delega e leadership. Teamworking. L alibi più comune: Non ho Tempo. Stress e clima: l influenza sul daily management. Strumenti fondamentali: Come condurre con successo i meeting di lavoro. Il meeting Kaizen ed il team Kaizen nella quotidianità. La regola dell 80/20 nel daily management. Matrice di priorità giornaliera. Matrice di priorità nei progetti complessi. Evitare il disordine: MUDA & Time Management. Decidere rapidamente: il Decision Making e le logiche di presa di decisione nei conflitti di priorità. Disordine Mentale: come riordinare le idee utilizzando le Mappe Mentali. Logiche Lean Plastic & 5S nella gestione del tempo e dei progetti. Visual Daily Management: come rendere visibili le priorità ed i piani di azione. Gli errori da evitare assolutamente: Convivere o azzerare le interruzioni esterne (visite, telefonate, mail). Quando dire no e quando dire si. Sopravvivere alla routine. 16

17 LEAN DEVELOPMENT & LEAN INNOVATION Lo sviluppo di nuovi prodotti e nuove soluzione - Durata 2 giorni Gestire la innovazione di prodotto è sempre più importante per proiettare la azienda parallelamente al mercato e, se possibile, anticiparlo. È fondamentale procedere in maniera strutturata attraverso uno sviluppo dei passi e delle logiche a tutto campo pensando a come il cliente percepirà questo nuovo prodotto ed a come i reparti tecnici, produttivi e logistici possano recepire con successo l innovazione. L importanza della innovazione nel contesto odierno. Innovazione di processo. Innovazione di prodotto. Innovazione organizzativa e mentalità. Fondamenti del pensiero snello Lean. Snellimento e razionalità. La mentalità Toyota, Lean Production, Lean Plastic. Caccia agli sprechi. Il miglioramento Kaizen. Le settimane Kaizen e l'evento 3P. Il corso affronterà le metodologie e le tecniche odierne per uno sviluppo snello, efficace, razionale e condiviso da tutti per poter definire un nuovo prodotto comprendendo le esigenze e le potenzialità del cliente e gestire il rischio legato ai vari fattori e la progressione globale del progetto stesso anche acquisendo dati reali sulla progressione del progetto, sul Budgeting, e sulle possibili/potenziali failure. I fondamenti: il Flusso ed il Valore: Guidare l'innovazione come un flusso. Il valore e le attività VA / NVA / SVA nel Development. Integrare finalità ed energie delle funzioni. Livellare carichi di lavoro e ridurre i tempi di ciclo. Verranno inoltre affrontati elementi fondamentali anche nella progettazione e sviluppo: l efficienza ed il rispetto dei tempi. Attraverso una integrazione con il metodo Toyota Lean Production, verranno compresi ed analizzati i fattori critici di successo in grado di presidiare la innovazione dal punto di vista di tempi, costi, contenuti, integrazione con partner esterni. Ingegneri di prodotto e di innovation Responsabili di ingegnerizzazione Responsabili e Direttori Tecnici Direttori Ricerca e Sviluppo Responsabili Progettazione Project Manager Lean Development: Sviluppo Nuovi Prodotti SNP: comprendere l'innovazione delle logiche ed il fil rouge del metodo. Standardizzazione, teamworking e competenze. Lean Plastic & Lean Development: integrare lo sviluppo prodotto con le strategie, i valori aziendali ed i risultati globali. KPI strategici; VSM e metodo scientifico nello sviluppo prodotto. Strumenti del Lean Development: Logiche 3P, Junka box, Visual Development. DFM-DFA, Concurrent Engineering. Development Risk Management: la gestione del rischio nell'innovazione. Governo del rischio FMEA / P-FMEA / FMECA. Logiche di Decision Making per la presa di decisione in contesti di sviluppo prodotto, complessi ed incerti. Guidare concretamente un piano di sviluppo prodotto: Generare nuove idee. Potenziare il personale: creatività e motivazione. Project Management e teamworking. Fattori critici di successo. 17

18 APPLICARE LA LEAN PRODUCTION & LEAN MANAGEMENT Studio metodologico ed analisi di 12 casi di implementazione Lean - Durata 2 giorni NOVARA 23 e 31 Gennaio 2013 Prezzo 900 Eur + IVA a partecipante Parlando di metodo Toyota e di Lean Production (nota anche con i sinonimi di Lean Manufacturing o Lean Thinking), parliamo di una guerra a tutto campo contro gli sprechi e le inefficienze. L obiettivo è migliorare rapidamente la performance aziendale: efficienze maggiori, sprechi contenuti, a cui conseguono costi decrescenti e profitti in crescita. Destinatari dello snellimento sono tutti i processi aziendali: i processi logistici, produttivi e manutentivi, le attività di ufficio, di progettazione e sviluppo, e tutte le attività di supporto. Evoluzione dell organizzazione produttiva: I sistemi produttivi: caratteristiche, evoluzione. Vincoli e opportunità legati alla crisi. Come reagire: innovazione, recupero di produttività e nuove possibili soluzioni. Identificare la catena di creazione del valore e gli sprechi: i sette sprechi e le fonti di inefficienza. Muda: Identificarlo ed isolarlo. Vedere il proprio lavoro in un modo nuovo: come capire dove cercare gli sprechi e le inefficienze nascoste. Vengono quindi migliorati velocemente i tempi di attraversamento del prodotto (Lead Time), gli standard di efficienza, la qualità del prodotto, i costi di produzione e di prodotto, ed il servizio al cliente. Far scorrere il flusso di valore; lotto e flusso: Layout e tecniche produttive per massimizzare l efficienza. La Value Stream Map, lo SMED, il Kanban: Strumenti e logiche. Simulazioni ed esercizi su come riprogettare il proprio modo di lavorare e di vedere il valore aggiunto. Produzione a flusso teso: caratteristiche, logiche, opportunità. Imprenditori Direttori di stabilimento Direttori e Responsabili di Produzione Direttori e Responsabili Logistica Ingegneri e Coordinatori di Produzione Ingegneri ed Analisti Tempi e Metodi Far trainare il flusso dalla domanda: Logica Pull e logica Push, criteri concreti di Just In Time. Contenere magazzini superflui ma non dimenticare il cliente! Efficienze e Kaizen: Principio della logica Kaizen. Il segreto dell efficienza di Toyota. L organizzazione per supportare il miglioramento. Concretamente: da dove partire per riorganizzare la propria azienda in maniera pratica. Tecniche di Lean Manufacturing strumenti principali: Gestione visuale. Cell Design. Lean Problem Solving. Value Stream Mapping sovrapposte. Flussi di valore incrociati. 5S e 6S: le logiche di efficienza fisica dell ambiente di lavoro Durante il corso è prevista una simulazione pratica del Toyota Lean Game. 18

19 MODULO DI ISCRIZIONE IDENTIFICATIVO DEL CORSO TITOLO DURATA GG DATI PARTECIPANTE NOME e COGNOME MAIL AZIENDALE TEL RUOLO/FUNZIONE LUOGO e DATA DI NASCITA TITOLO DI STUDIO DATI RESPONSABILE FORMAZIONE NOME e COGNOME MAIL AZIENDALE DATI AZIENDA RAGIONE SOCIALE INDIRIZZO CITTA CAP PROV TEL FAX P. IVA MODALITA DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE: L'iscrizione si effettua inviando a mezzo fax o mail la presente scheda di iscrizione, completa in ogni sua parte e munita di sottoscrizione e timbro aziendale, unitamente alla copia della contabile del bonifico bancario almeno 10 giorni prima dell'inizio del corso. Dato il numero limitato di posti, verrà data priorità in base alla data di ricevimento dei scheda di iscrizione. QUOTA DI ISCRIZIONE E MODALITA' DI PAGAMENTO: La quota di partecipazione indicata nella scheda del corso si intende al netto di IVA. La quota comprende, oltre al diritto di partecipazione, i materiali didattici e l'attestato di partecipazione. Il versamento della quota + IVA 21% dovrà essere effettuato anticipatamente in un'unica soluzione, effettuando Bonifico bancario su Banca Monte Paschi di Siena intestato a: SGC Grecu Consulting Partners Srl IBAN: IT 19 H A seguito dell'avvenuto pagamento, SGC Srl provvederà ad inviare una mail di conferma dell'inserimento nell'elenco dei partecipanti al corso e regolare fattura quietanzata, a mezzo posta all'indirizzo di fatturazione indicato. E previsto uno sconto del 5% in caso di 2 partecipanti della stessa azienda e del 10% in caso di 3 o più iscrizioni. MODALITA' DI DISDETTA: La disdetta dell'iscrizione deve essere effettuata a mezzo fax o mail agli stessi riferimenti utilizzati per l'iscrizione, entro il 10º giorno di calendario antecedente all'inizio del corso. Suddetta comunicazione dà diritto alla restituzione dell'intero importo versato. In caso di rinunce pervenute oltre tale termine, non è previsto alcun rimborso e l'importo versato sarà interamente fatturato. È sempre consentita la sostituzione del partecipante iscritto con un altro dipendente dell'azienda. VARIAZIONE DEL SGC Srl si riserva il diritto di rinviare o annullare il corso dandone comunicazione via fax o mail a tutti gli iscritti entro 3 giorni lavorativi dalla data di inizio del corso. In tal caso SGC Srl restituirà quanto già versato dal partecipante, senza null altro dovere ad alcun titolo. SGC Srl inoltre si riserva di cambiare il calendario dei corsi e di modificare il programma senza peraltro alterarne il contenuto. E altresì facoltà di SGC Srl sostituire il docente nel caso di sopravvenuti impedimenti imprevisti. COD. FISC. SETTORE ATTIVITA N. DIP Data Firma e timbro aziendale DATI PER LA FATTURAZIONE (se diversi dai dati Azienda) PRIVACY: Dichiarazione ai sensi del D.Lgs.196/2003 in materia di Privacy: acconsento al trattamento dei dati personali sopra forniti per le finalità di iscrizione al corso. Titolare del trattamento: SGC Grecu Consulting Partners Srl Novara. Inoltre 0 do il consenso 0 nego il consenso al trattamento dei miei dati sopra forniti per l invio di inviti e segnalazioni su future iniziative analoghe, fatti salvi i miei diritti di cui all art.7 D.Lgs.196/2003. RAGIONE SOCIALE INDIRIZZO CITTA CAP PROV P. IVA COD. FISC. Data Firma e timbro aziendale

20 Programmi dettagliati dei corsi 20

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Parc Hotel Villa Immacolata

Parc Hotel Villa Immacolata SEMINARIO di presentazione del corso: USO EFFICIENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE: L AZIENDA E L ENERGY MANAGEMENT Pescara, 13 Marzo 2009 Segreteria organizzativa Centro Congressi Strada Comunale San Silvestro,

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli