LINEA GUIDA REV.4 del Pag 1 di 16 LINEA GUIDA 20121

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEA GUIDA 20121 REV.4 del 23-07-2014 Pag 1 di 16 LINEA GUIDA 20121"

Transcript

1 Pag 1 di 16 LINEA GUIDA OBIETTIVI Obiettivo del presente documento è quello di fornire un istantanea su come la documentazione delle organizzazioni sia adeguata a sostenere i diversi step di valutazione previsti per la certificazione ISO di Certification Europe Italia. Questo documento potrà essere utilizzato dalle Organizzazioni per auto-valutare il proprio livello di maturità e la propria capacità di affrontare il processo certificativo. Per una analisi più approfondita e specifica, effettuata direttamente sulla documentazione prodotta dall organizzazione, Certification Europe Italia è disponibile a svolgere un servizio di Gap Analysis, che fornirà un quadro dettagliato attraverso il quale poter riconoscere e organizzare secondo una corretta priorità le aree su cui è maggiore la necessità di lavorare per poter affrontare il processo di certificazione. Infine, il presente documento potrà servire come supporto alle verifiche per gli auditor interni ed esterni. LE FASI DI VERIFICA Certification Europe Italia ha suddiviso le verifiche di Certificazione relative ai Sistemi di Gestione Sostenibile degli Eventi in tre differenti fasi, qui di seguito riassunte. PROGETTAZIONE ESECUZIONE PREPARAZIONE MONITORIAGGIO RIPRISTINO REPORTING L attività di progettazione sarà verificata nel corso delle Verifiche di Stage 1 e di Stage 2; quelle di monitoraggio e di reporting saranno oggetto delle verifiche di sorveglianza.

2 Pag 2 di 16 GLI STEP DI VERIFICA PER GLI EVENTI E LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA Lo stage1 avrà la finalità di analizzare, a livello complessivo, l impostazione generale dell evento e verificare le condizioni di base relative all impostazione di un Sistema di Gestione Sostenibile conforme alla norma ISO Idealmente, lo stage 1 si potrà svolgere diversi mesi prima dell esecuzione dell evento. Al termine dello stage 1 verrà consegnato al cliente un rapporto contenente le risultanze dell audit e, eventualmente, i rilievi e le loro modalità di gestione. STAGE MODALITÀ DI GESTIONE: DURATA: 1 P.to NORMA AUDIT REMOTO / A DISTANZA VIA TELECONFERENZA EVIDENZE RICERCATE EVIDENZA STAKEHOLDERS: identificazione, valutazione di esigenze e aspettative SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE: Definizione dei confini di scopo e campo di applicazione del Sistema di Gestione (quali attività sono incluse) PRINCIPI DI SVILUPPO SOSTENIBILE: Definizione dei principi di sviluppo sostenibile e dichiarazione di intenti e di valori POLITICA: Definizione della Politica, conforme, disponibile agli stakeholders, coerente con 4.5 e rispettosa dei requisiti al punto 5.22 IDENTIFICAZIONE DEGLI ASPETTI SIGNIFICATIVI: Identificazione e valutazione degli aspetti significativi per quanto riguarda gli ambiti Ambientale, Economico e Sociale (Riferimento ad Appendice C) COMUNICAZIONE: Valutazione delle modalità di comunicazione esterna e definizione modalità di comunicazione e rendicontazione futura MIN: ½ GIORNO TIPOLOGIA Procedura + Inoltre, in fase di stage 1 verrà verificato che l organizzazione abbia proceduto con: la definizione delle principali caratteristiche del progetto; la valutazione di punti di forza e/o di debolezza dei progetti (SWOT analysis); la pianificazione delle tempistiche per le proprie attività (timing, eventualmente attuabile attraverso un diagramma di Gantt); l assegnazione delle risorse necessarie alla prosecuzione del progetto. Verrà infine valutato come l organizzazione abbia predisposto la gestione e la tenuta sotto controllo delle informazioni documentate richieste dalla norma: a) Identificazione e impegno degli stakeholder (4.2). b) Determinazione dello scopo e campo di applicazione del sistema di gestione sostenibile degli eventi (4.3). c) Principi di sviluppo sostenibile, dichiarazione di intenti e valori (4.5). d) Politica (5.2). e) Ruoli dell'organizzazione, responsabilità e autorità (5.3). f) Identificazione e valutazione degli aspetti (6.1.2).

3 Pag 3 di 16 g) Obiettivi di sostenibilità degli eventi e loro perseguimento (6.2). h) Gestione della catena di fornitura (8.3). i) Monitoraggio, misurazione, analisi e valutazione (9.2). j) Non conformità e azione correttiva (10.1). Lo stage 2, sempre basato sull attività di progettazione, dovrà essere pianificato quando il ciclo di progettazione sarà completo e saranno già state definite tutte le modalità operative di gestione, monitoraggio e rendicontazione dell evento. Durante lo stage 2 si verificherà inoltre l attività di verifica interna e di Riesame dell attività di Progettazione. Temporalmente, lo stage 2 troverà la sua migliore collocazione nelle settimane che precedono l evento. Se lo stage 1 viene sempre svolto in modalità remota ed a distanza, vista la maggior complessità delle evidenze riscontrabili nello Stage 2 potrà essere necessario che questo si svolga presso la sede del cliente oppure, se già disponibile, presso la sede che ospiterà l evento. La scelta di effettuare lo stage 2 in remoto e/o tramite comunicazione a distanza e videoconferenza potrà essere riservata per eventi di durata, portata e complessità minori. Così come per lo stage 1, al termine dello stage 2 verrà consegnato al cliente un rapporto contenente le risultanze dell audit e, eventualmente, i rilievi e le loro modalità di gestione. Al termine dello Stage 2, nel caso in cui gli esiti siano positivi ed a seguito di delibera del Comitato di Certificazione, verrà emesso e consegnato il Certificato, che avrà durata limitata alla durata dell evento cui si riferisce.

4 Pag 4 di 16 STAGE MODALITÀ DI GESTIONE: DURATA: 2 IN REMOTO / A DISTANZA VIA TELECONFERENZA oppure PRESSO IL CLIENTE MIN: ½ GIORNO P.to NORMA EVIDENZE RICERCATE EVIDENZA RUOLI, AUTORITÀ E RESPONSABILITÀ: Definizione ed assegnazione di ruoli, risorse, autorità da parte dell Alta Direzione per il funzionamento del Sistema di Gestione OBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ: Set degli obiettivi, coerenti con Principi e Politica, correttamente definiti e con piano di perseguimento (vedi requisiti norma) PRESCRIZIONI LEGALI E ALTRE PRESCRIZIONI: Identificazione e accesso a prescrizioni legali e ad altre prescrizioni volontarie alle quali l Organizzazione è sottoposta GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA: sulle modalità di gestione della catena di Fornitura (Rif. Appendice B) AUDIT INTERNI Pianificazione ed esecuzione di almeno un audit interno relativo alla progettazione RIESAME DELLA DIREZIONE Riesame della fase della progettazione del Sistema di Gestione per la Sostenibilità degli Eventi TIPOLOGIA Procedura + pianificazione e documentazione audit Riesame DOCUMENTAZIONE Così come evidenziato in Appendice A, la norma richiede che sia presente una documentazione, poiché essa è essenziale per la dimostrazione di trasparenza e responsabilità, nonché per consentire la possibilità di una verifica di terza parte. La documentazione tuttavia può essere proporzionata e appropriata al sistema di gestione sostenibile degli eventi e agli aspetti interessati. Bozze, e altre comunicazioni meno formali o meno attinenti al sistema di gestione spesso rappresentano una documentazione sufficiente. PROCEDURE Come definito nel punto 3.4 della norma ISO 9000:2005 e così come riportato in Appendice A, una procedura è un "metodo specificato di portare a termine un'attività o un processo". I processi possono includere procedure. Né i processi né le procedure necessitano di essere documentati, a meno che l'assenza di documentazione provochi un'attuazione non efficace del sistema di gestione. In alcune situazioni, procedure formalizzate e/o processi documentati sono importanti perché la loro assenza potrebbe portare a uno scostamento dallo scopo, dai valori, dalla politica di sviluppo sostenibile, dagli obiettivi e dai traguardi di un'organizzazione. Il valore del documentare una procedura è che si acquisiscono e immagazzinano conoscenze e si appronta un processo di fornitura comune. Ciò assicura che la procedura sarà eseguita nello stesso modo indipendentemente da chi la mette in pratica. Procedure eccessivamente prescrittive possono limitare la creatività e il pensiero innovativo quando si gestiscono eventi. Ove appropriato, i sistemi di gestione sostenibile degli eventi sviluppati per un evento possono essere condivisi, modificati, adattati e migliorati per l'applicazione in altri eventi, al fine di evitare la duplicazione degli sforzi all'inizio del ciclo di

5 Pag 5 di 16 Come output dello stage 2 il valutatore incaricato dovrà concordare con l organizzazione le modalità e i tempi di verifica sul campo da applicare alla fase 2 di certificazione, con la stesura dell audit plan di sorveglianza. Durante la fase di sorveglianza, i valutatori di Certification Europe Italia verificheranno l esecuzione dell evento nel momento in cui l evento si svolge. Saranno infatti valutati le sub-fasi di allestimento e preparazione, esecuzione e monitoraggio e ripristino del sito. L ultima fase, quella di reporting verrà valutata in modalità remota- al termine dell evento, concordando con l organizzazione i tempi per i quali l attività di reporting sarà completata e siano state effettuate le comunicazioni definite verso tutti i differenti stakeholders. SOCIETÀ ED EVENTI CHE POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI A CERTIFICAZIONE Non solo certificazione di eventi: conformemente a quanto definito dalle istruzioni Accredia, Certification Europe Italia srl ha identificato tre tipologie di certificazione legate alla norma ISO In aggiunta a queste, Certification Europe Italia srl ha inserito una quarta categoria, relativa alle organizzazioni il cui Core Business non è legato all organizzazione di eventi ma che, con una elevata frequenza, organizzano eventi (interni o esterni). Sono inoltre presi in considerazioni gli eventi multipli che, a partire da una medesima organizzazione centrale si ripetono, in contemporanea o in un breve periodo di tempo, su differenti location. SOCIETÀ E ORGANIZZAZIONI SOCIETÀ DI EVENTI Per eventi singoli Per eventi con cadenza periodica Per eventi già svolti SOCIETÀ DI SERVIZI DI SUPPORTO Società di catering Lavoro interinale Hostess, sicurezza e stewardship Energia Pulizia e bagni chimici... LOCATION E STRUTTURE Quartieri fieristici Centri congressuali e hotel Stadi e palazzetti sportivi Aree e strutture di proprietà o gestione pubblica... ALTRE SOCIETÀ Società il cui scopo principale è diverso dall'organizzazion e degli eventi ma che dispongono di una struttura interna (marketing / commerciale) che organizza eventi

6 Pag 6 di 16 SOCIETÀ DI SERVIZI DI SUPPORTO La norma ISO richiede che le società e che gestiscono direttamente organizzazione degli eventi dispongano di un sistema per la gestione sostenibile degli eventi accompagnato da una procedura specifica per la progettazione e la loro conduzione. Questa tipologia di procedura è molto simile a quanto richiesto dalla norma ISO 9001 al punto 7.3 relativo alla progettazione del servizio. Per questo motivo, ogni volta che viene richiesto che sia inserita l attività di progettazione nello scopo del certificato che dovrà essere emesso, Certification Europe Italia richiederà alle società che organizzano eventi già in possesso di un Sistema di Gestione ISO 9001 (sia esso certificato o no) di fornire tra la documentazione da analizzare in Stage 1, la propria procedura di progettazione. Inoltre, sempre in Stage 1, verranno richieste le modalità attraverso le quali l organizzazione procede con le attività di monitoraggio degli eventi da essa progettati ed erogati. Se l organizzazione richiedente non è in possesso di un Sistema di Gestione per la qualità, Certification Europe Italia richiederà comunque, in fase iniziale, una procedura o delle istruzioni operative dettagliate circa le attività di progettazione e di gestione, monitoraggio e controllo delle attività legate agli eventi. FASE STAGE 1 STAGE 2 TIPOLOGIA DI VERIFICA REQUISITI DI SISTEMA PROCEDURA PROGETTAZIONE (se l attività di progettazione è compresa nello scopo richiesto in certificato) GESTIONE ATTIVITA MONITORAGGIO E CONTROLLO VERIFICA ATTIVITA DI PIANIFICAZIONE, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO APPLICATA AD UN EVENTO ORGANIZZATO DALL ORGANIZZAZIONE A seconda di quanto concordato, i certificati emessi da Certification Europe Italia potranno riportare o meno il riferimento ad un evento specifico. CERTIFICATO GENERICO Qualora non sia riportato alcun riferimento specifico ad eventi (certificato generico), i singoli eventi da essa organizzati non potranno essere chiamati Eventi Sostenibili se non a seguito di una ulteriore verifica da parte di Certification Europe Italia. CERTIFICATI SPECIFICI Perché uno o più eventi siano riportati nel certificato, sarà necessario che siano verificate direttamente in fase di audit tutte le relative attività di progettazione ed esecuzione. L organizzazione potrà ricevere un certificato riportante: Il riferimento ad un singolo evento; Il riferimento ad un evento periodico oppure multiplo;

7 NESSUN RIFERIMENTO AD EVENTI LINEA GUIDA REV.4 del Pag 7 di 16 Il riferimento a più eventi, non collegati tra di loro; Il riferimento ad un elenco controllato di eventi gestiti in maniera sostenibile che potrà essere richiesto all organizzazione Il riferimento ad una tipologia di eventi, ad esempio: eventi sportivi. In tal caso, solo questi eventi, o queste categorie di eventi, dovranno essere gestiti in maniera sostenibile, e almeno una fase di tutti gli eventi devono essere state verificate prime dell emissione del certificato. Infine, quando si certifica un soggetto responsabile del sistema sostenibile di vari eventi (per uno o più servizi), è possibile emettere dei certificati indipendenti specifici per il singolo evento, collegati però ad un certificato principale, sempre a condizione che tale evento sia stato verificato.

8 IL RIFERIMENTO AD UN EVENTO PERIODICO OPPURE MULTIPLO; IL RIFERIMENTO AD UN SINGOLO EVENTO LINEA GUIDA REV.4 del Pag 8 di 16

9 IL RIFERIMENTO AD UNA TIPOLOGIA DI EVENTI IL RIFERIMENTO AD UN ELENCO CONTROLLATO DI EVENTI GESTITI IN MANIERA SOSTENIBILE CHE POTRÀ ESSERE RICHIESTO ALL ORGANIZZAZIONE LINEA GUIDA REV.4 del Pag 9 di 16

10 CERTIFICATI INDIPENDENTI SPECIFICI PER IL SINGOLO EVENTO COLLEGATI AD UN CERTIFICATO PRINCIPALE LINEA GUIDA REV.4 del Pag 10 di 16 CERTIFICATO PRINCIPALE

11 Pag 11 di 16 EVENTI SINGOLI, CON CADENZA PERIODICA E MULTIPLI PROGETTAZIONE ESECUZIONE REPORTING EVENTO SINGOLO PROGETTAZIONE 1 ESECUZIONE REPORTING PROGETTAZIONE 2 ESECUZIONE REPORTING PROGETTAZIONE n ESECUZIONE REPORTING EVENTO CON CADENZA PERIODICA PROGETTAZIONE SERIE DI EVENTI ORGANIZZAZIONE CENTRALE ESECUZIONE SERIE DI EVENTI REPORTING PROG. 1 EVENTO ESECUZIONE 1 EVENTO REPORTING PROG. 2 EVENTO ESECUZIONE 2 EVENTO REPORTING PROG. n EVENTO ESECUZIONE n EVENTO REPORTING EVENTO MULTIPLO

12 Pag 12 di 16 COME SVILUPPARE UN SISTEMA DI GESTIONE SOSTENIBILE DEGLI EVENTI 1- CONOSCERE LO STANDARD In questa fase è necessario essersi procurati la norma UNI ISO 20121:2013 ed averla letta integralmente. Oltre alla lettura della norma, si consiglia una lettura approfondita delle appendici, che forniscono chiarimenti e strumenti utili per la costruzione di un Sistema di Gestione. 2- DEFINIRE LO SCOPO E IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PROPRIO SISTEMA DI GESTIONE PER LA SOSTENIBILITÀ DEGLI EVENTI A quali attività si applica il Sistema di Gestione? Cosa viene preso in considerazione e cosa è escluso? 3- IDENTIFICARE GLI STAKEHOLDERS Come riportato in Appendice A, per identificare il gruppo di stakeholder, è importante considerare chi è influenzato o coinvolto nell'attività correlata all'evento. Ciò può includere visitatori, espositori, intrattenitori, residenti locali, polizia, autorità locale, fornitori e subappaltatori per l'evento. In seguito all identificazione degli stakeholders, è necessario identificare le modalità di comunicazione adottabili con ciascuno di essi e la definizione delle attività necessarie per il loro coinvolgimento e per l ascolto delle loro esigenze e aspettative riguardo alla gestione degli eventi. La norma richiede che sia definita una procedura per l individuazione degli stakeholders. La norma, inoltre, nel prospetto A.1 fornisce un elenco dei principali Stakeholders che andrebbero presi in considerazione per tutti gli eventi. 4- DEFINIRE I PROPRI PRINCIPI DI SVILUPPO SOSTENIBILE I principi di sviluppo sostenibile sono i principi ai quali l intera attività dell organizzazione si deve orientare. Per la definizione dei propri principi di sviluppo sostenibile, può essere utile fare riferimento ai principi di gestione, inclusività, integrità e trasparenza suggeriti dalla norma ed ai sette principi di responsabilità sociale espressi dalla linea guida ISO 26000: Responsabilità di render conto; Trasparenza; Comportamento etico; Rispetto degli interessi delle parti interessate; Rispetto del principio di legalità; Rispetto delle norme internazionali di comportamento; Rispetto dei diritti umani. 5- DEFINIRE LA PROPRIA POLITICA La politica di sostenibilità del vostro evento sarà il vostro impegno a rispettare tutti i requisiti di legalità e quelli volontari definiti dallo standard, a migliorare continuamente la vostra performance ed a raggiungere gli obiettivi che voi stessi vi darete.

13 Pag 13 di 16 La politica dovrà essere documentata e sottoscritta dall Alta Direzione della vostra organizzazione. Inoltre, sarà necessario che la politica prenda in considerazione tutti i requisiti definiti nei punti e della norma. Suggeriamo che, una volta definita la vostra politica di sostenibilità, questa venga resa disponibile al pubblico, ai media, alla comunità ed ai vostri fornitori. Condividere i propri sforzi sarà una delle chiavi del vostro successo! 6- DEFINIRE I RUOLI, LE RESPONSABILITÀ E L AUTORITÀ È necessario, secondo la norma, che l Alta Direzione assicuri che le responsabilità e le autorità per i ruoli riguardanti la gestione sostenibile degli eventi siano assegnate e rese note nell'ambito dell'organizzazione. In sostanza è necessario che, a seconda della tipologia e della complessità dell organizzazione, siano assegnate competenze ed autorità a uno o più individui circa il funzionamento del Sistema di Gestione e il perseguimento dei principi di sostenibilità e della Politica. 7- IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI DI SVILUPPO SIGNIFICATIVI Per sua natura, ciascun evento ha numerosi impatti ambientali, economici e sociali. Tali impatti possono essere diretti o indiretti, forti o deboli, negativi o positivi. È importante, in primo luogo che l organizzazione operi per poter identificare tutti gli aspetti sui quali può avere un influenza diretta o indiretta. Non tutti gli aspetti di sviluppo sostenibile hanno però la stessa importanza, poiché tra gli aspetti individuati ce ne saranno alcuni più forti, o più facilmente controllabili ed influenzabili. È importante che l Organizzazione, una volta identificati gli aspetti di sviluppo sostenibile che porta con sé, provveda ad una valutazione della loro significatività attraverso una metodologia stabilita e documentata al fine di dare una corretta priorità agli aspetti sui quali sarà necessario lavorare. I criteri utilizzati per la valutazione del significato devono essere documentati e devono includere una considerazione sui commenti di ritorno (feedback) gli stakeholder e l'identificazione di nuovi aspetti previsti. Gli esiti della procedura devono essere documentati, mantenuti aggiornati e condivisi con gli stakeholder. La norma ISO fornisce, in Appendice C, delle linee guida per l identificazione e la valutazione degli aspetti di sostenibilità e, con il prospetto C1, l elenco di aspetti che le organizzazioni devono considerare per l'identificazione e la valutazione degli aspetti. 8- IDENTIFICARE E VALUTARE LE PRESCRIZIONI LEGALI Per essere pienamente gestito in modo sostenibile, un evento deve essere costantemente conforme a tutte le prescrizioni legali alle quali è sottoposto. La mancata conformità a un obbligo di legge può comportare la sospensione dell evento, il ricevimento di una sanzione ed altre gravi conseguenze sui piani economico, sociale ed ambientale. Ecco perché la norma, al punto richiede che l'organizzazione assicuri che le prescrizioni di legge applicabili e atre prescrizioni alle quali aderisce (impegni volontari, vincoli da partner/clienti, ecc. ) sono tenute in considerazione e soddisfatte costantemente.

14 Pag 14 di 16 Per far ciò, è necessaria una procedura che permetta, sistematicamente, di identificare, accedere e verificare l aderenza dell organizzazione a queste prescrizioni. 9- STABILIRE GLI OBIETTIVI Per perseguire la politica e perseguire i principi di sostenibilità adottati, sarà necessario che, per ciascuno degli aspetti di sostenibilità già identificati come significativi e prioritari, siano assegnati degli obiettivi, al fine di avere uno strumento per organizzare le proprie azioni di miglioramento e valutarne le performance. La norma richiede di stabilire obiettivi chiari, specifici, misurabili, raggiungibili, ragionevoli e scadenzati. Tali obiettivi devono essere supportati da specifici traguardi e da azioni concrete e piani per il loro perseguimento. Qui di seguito si riporta una tabella esemplificativa di come può essere organizzato un obiettivo. Evento Principio di Sviluppo Sostenibile adottato Stralcio della politica di Sostenibilità Obiettivo Traguardo 1 Festival del Cinema Africano INCLUSIVITÀ [ ] L organizzazione si impegna a promuovere la partecipazione al Festival a tutte le persone con disabilità [ ] Permettere il pieno godimento di tutti gli eventi del Festival alle persone con disabilità motoria e uditiva Rendere tutte le sale di proiezione prive di barriere architettoniche Lamentele ricevute KPI (Key Performance circa la non Indicator) accessibilità delle sale = 0 Azione 1.1. Provvedere a installare pedane mobili all ingresso del Cinema Responsabile: Direttore Cinema Tempo di attuazione: 31 gennaio 2015 Risorse: euro a bilancio Azione 1.2. Verifica: una settimana prima del Festival Comunicare l impegno al superamento delle barriere architettoniche e istituire sistema di feedback Responsabile: Direttore Comunicazione Operatività il giorno della prima Tempo di attuazione: conferenza stampa di presentazione del festival 2015 Nessuna risorsa Risorse: aggiuntiva è necessaria Verifica: Al termine del festival

15 Pag 15 di 16 Traguardo 2 Azione 2.1. Sottotitolare almeno l 80% dei film proiettati KPI (Key Performance Indicator) (N di film sottotitolati / N di film totali) *100 Ingaggiare agenzia per inserimento sottotitoli Responsabile: Direttore Festival Tempo di attuazione: 31 gennaio 2015 Risorse: Verifica: euro a bilancio una settimana prima del festival 10- DETERMINARE LE COMPETENZE NECESSARIE E PROGRAMMARE LE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE Un organizzazione è efficace quando tutti i suoi membri sono consapevoli di lavorare insieme per un obiettivo e riconoscono il proprio ruolo per il suo raggiungimento. L organizzazione deve inoltre conoscere, per ciascuno dei ruoli chiave definiti, le competenze necessarie per poter rispettare i principi di sostenibilità e la politica adottata e per poter concorrere al raggiungimento degli obiettivi. Definito il mansionario, viene richiesto dallo standard che siano effettuati degli interventi di formazione per colmare eventuali lacune evidenziate che non permetterebbero il buon funzionamento del Sistema di Gestione per la Sostenibilità degli Eventi. Ad esempio, se l Event Sustainability Manager definito non dispone delle conoscenze necessarie per garantire il funzionamento di un sistema di gestione, potrebbe essere necessario provvedere alla sua formazione specifica. Se necessario, Certification Europe Italia, insieme ai suoi partner commerciali, è in grado di fornire la necessaria formazione per soddisfare tali requisiti e per fornire all organizzazione le competenze di base per l implementazione, in autonomia, di un Sistema di Gestione. Allo stesso modo, se la persona incaricata di gestire la comunicazione dell evento non dispone delle conoscenze necessarie a comunicare adeguatamente le scelte dell organizzazione in ambito di Waste Management, potrebbe essere definito un momento di formazione interna o esterna per colmare il gap tra competenze richieste e competenze a disposizione. In alternativa, l incaricato alla comunicazione potrebbe essere affiancato, per quella specifica mansione, ad una figura in possesso delle competenze richieste. 11- DEFINIRE LE MODALITÀ DI COMUNICAZIONE INTERNA ED ESTERNA Al fine di una corretta gestione dell evento, l Organizzazione dovrà determinare preventivamente le proprie necessità di comunicazione interna ed esterna. Le modalità di comunicazione esterna dovranno definire come dovrà essere gestito il dialogo con i differenti stakeholders; quali comunicazioni dovranno essere inviate, con

16 Pag 16 di 16 quali modalità e tempistica e in che modo l organizzazione si prenderà carico dei feedback ricevuti. Per la gestione delle comunicazioni esterne, la norma richiede che sia presente una procedura specifica (un piano di comunicazione ben organizzato può rispondere in modo esaustivo alle richieste della norma). Tra le modalità di comunicazione adottabili, bisognerebbe tenere in considerazione anche tutta la reportistica post-evento. 12- GESTIRE CORRETTAMENTE LA PROPRIA CATENA DI FORNITURA Per poter essere sicuri di perseguire le proprie politiche di sostenibilità, ciascuna organizzazione che gestisce eventi, deve essere sicura che le proprie scelte in ambito di acquisti e forniture siano coerenti con i principi di sostenibilità adottati. I fornitori dovranno essere necessariamente ricompresi tra gli stakeholders identificati e, inoltre, la norma richiede che siano prese in considerazione gli aspetti dell'approvvigionamento sostenibile, coerentemente con la tipologia degli approvvigionamenti ricevuti e la loro valutazione degli impatti. 13- GESTIRE LE ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO, MISURAZIONE E ANALISI La norma richiede che siano stabilite procedure per le attività di monitoraggio, al fine di avvisare qualora vi sia un rischio elevato di non raggiungere un traguardo e per poter e controllare come lavora il sistema di gestione e assicurare che tutti gli insegnamenti appresi siano considerati nel successivo evento per migliorare la prestazione. Secondo la norma, infatti, l'organizzazione deve determinare: che cosa è necessario monitorare e misurare; i metodi di monitoraggio, misurazione, analisi e valutazione, come applicabile, per assicurare risultati validi; quando il monitoraggio e la misurazione devono essere eseguite; quando i risultati del monitoraggio e della misurazione devono essere analizzati e valutati. 14- ORGANIZZARE LE ATTIVITÀ DI AUDIT, RIESAME DELLA DIREZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ Quest ultimo punto è il più legato ai Sistemi di Gestione tradizionali. Infatti, viene richiesto che siano predisposti piani e programmi per le verifiche ispettive interne (audit interni) al fine di auto-valutare l adeguatezza del proprio sistema alla norma di riferimento e che sia effettuato, periodicamente, un Riesame del sistema da parte dell Alta Direzione. La norma, chiede inoltre che stabilita la metodologia per identificare le non conformità emerse dagli audit, dall attività di comunicazione e dalle attività di monitoraggio e per rispondere alle non conformità con adeguate azioni correttive. Il riesame, che deve prendere in considerazione tutti gli aspetti significativi emersi dal Sistema di Gestione (compresi i risultati dell audit interno) avrà la finalità di correggere eventuali errori di impostazione e di stabilire le nuove politiche e i nuovi obiettivi di miglioramento. Audit, gestione delle non conformità e Riesame della Direzione dovranno essere necessariamente documentati.

Vs. rif.: Ns. rif.: DC2013UTN076 Milano, 10/01/2014

Vs. rif.: Ns. rif.: DC2013UTN076 Milano, 10/01/2014 Att.: Tutti gli OdC accreditati Vs mail Vs. rif.: Ns. rif.: DC2013UTN076 Milano, 10/01/2014 Oggetto: Dipartimento Certificazione e Ispezione Accredia - Circolare N 01/2014 Informativa in merito all accreditamento

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

Programma di risparmio energetico

Programma di risparmio energetico Programma di risparmio energetico Ridurre gli sprechi per ottenere risparmi CO2save per UNI CEI EN ISO 50001 Premessa La norma ISO 50001 definisce gli standard internazionali per la gestione dell'energia

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR01 - n conformità, Reclami, Azioni Correttive, Azioni Preventive Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER Breve presentazione su: - High Level Structure delle ISO per gli standard del sistema di gestione - Principali cambiamenti nel DIS 9001:2015 e DIS 14001:2015 - Piano per la revisione e il periodo di transizione

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000)

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) INTRODUZIONE Il 15 dicembre 2000, come atteso, è entrata puntualmente in vigore la nuova norma relativa ai Sistemi di Gestione della Qualità ISO 9001:2000 (altrimenti

Dettagli

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2. RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 2 3. RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE 4 5. USO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO ALLE NORME DI RiFERIMENTO... 2 4.1 Referente per DNV GL...

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

La Certificazione di qualità in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000

La Certificazione di qualità in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000 La Certificazione di qualità in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000 Giorgio Capoccia (Direttore e Responsabile Gruppo di Audit Agiqualitas) Corso USMI 07 Marzo 2006 Roma Gli argomenti dell intervento

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

La 20121 come strumento e guida per l organizzazione dell evento sostenibile.

La 20121 come strumento e guida per l organizzazione dell evento sostenibile. La 20121 come strumento e guida per l organizzazione dell evento sostenibile. Federico Pasqui Milano, 17 luglio 2014 Che cosa significa applicare la sostenibilità ad un evento? Ogni evento (fiera, congresso,

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Dai modelli organizzativi e di gestione alla responsabilità sociale di impresa - La rendicontazione sociale: strumento di gestione e di accountability

Dai modelli organizzativi e di gestione alla responsabilità sociale di impresa - La rendicontazione sociale: strumento di gestione e di accountability Dai modelli organizzativi e di gestione alla responsabilità sociale di impresa - La rendicontazione sociale: strumento di gestione e di accountability Carlo Luison Segretario nazionale Managing director

Dettagli

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 13485 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05M

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 13485 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05M INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI E' RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014 D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni M. Mengoli 5 giugno 2014 Il D. Lgs. 231/01 introduce una nuova fattispecie di responsabilità da reato Reato nell organizzazione è imputabile

Dettagli

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Report sulla sostenibilità di Foodvivia #1: un format dal ricco ripieno

Report sulla sostenibilità di Foodvivia #1: un format dal ricco ripieno Report sulla sostenibilità di Foodvivia #1: un format dal ricco ripieno Indice Introduzione pg2 Il contesto. pg2 Il format... pg2 La location... pg2 Ruoli... pg2 Politica dello sviluppo sostenibile pg2

Dettagli

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF Regole 3 Edizione Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF 3 Edizione per

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

RSGQ DT DG. Indice. Causa della modifica. Redazione Verifica Autorizzazione Ed. Emissione. Revisione. al documento RG-RI28-IT-A00.

RSGQ DT DG. Indice. Causa della modifica. Redazione Verifica Autorizzazione Ed. Emissione. Revisione. al documento RG-RI28-IT-A00. Regolamento di Certificazione Integrativo per Organizzazioni operanti nel settore EA 28 (imprese di costruzione ed installazione) che richiedano la Certificazione dei Sistemi di Gestione Qualità conformi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE SOTTOCRITERIO 3.1 Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente in linea con le politiche e le strategie a) analizzare regolarmente

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG08 Pag. 1 di 6 0 01.10.2013 CEPAS srl R.A. Favorito

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione

Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO Il presente Progetto è essenzialmente finalizzato a: diffondere i principi e i concetti della Qualità come strategia

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Revisione ITA4 Settembre 2010 Regolamento Q.C.B. Italia SG ITA4 Set 10- pag. 1/15 Contenuti ll presente regolamento si applica per la

Dettagli

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF FAQ della 4 Edizione delle per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF Le per il raggiungimento e il mantenimento del Riconoscimento IATF, 4 Edizione per l ISO/TS 16949 ( 4 Edizione),

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità Il Sistema di Gestione della Qualità 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione La gestione del progetto Le interfacce La Certificazione 9001:2008 Referenze 2 Chi siamo

Dettagli