Lo stato dell'arte e le strategie di gestione degli asset aziendali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo stato dell'arte e le strategie di gestione degli asset aziendali"

Transcript

1 Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione (TeSeM) Lo stato dell'arte e le strategie di gestione degli asset aziendali prof. Marco Garetti Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano Verona, 26 Marzo 2013

2 2 Agenda: - L area gestione della manutenzione - Manutenzione e sicurezza - Risultati delle ricerche dell Osservatorio TeSeM - Nella manutenzione ci vuole ingegneria! - Strategia di manutenzione: di che si tratta? - Gestione del ciclo di vita degli asset - Efficienza e efficacia - Tecnologie e strumenti di supporto per la manutenzione - La manutenzione è cultura!

3 Competenze e iniziative nell area gestione della manutenzione al Polimi DIG Collaborazioni con enti e imprese Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Master universitario executive (1000 ore di formazione, frequenza 3 giorni/mese)

4

5 Cos è la manutenzione? E il lavoro sporco! E qualcosa che ha a che fare solo con prodotti di cattiva qualità! E qualcosa che ha a che fare solo con impianti mal progettati! E solo un costo! E qualcosa da lasciare ai tecnici! Non è importante da un punto di vista gestionale! La perfezione non esiste! Niente è per sempre! Ogni cosa deve essere manutenuta! Una buona manutenzione significa sicurezza, qualità, economia di costi, rispetto ambientale, competitività... La manutenzione può essere un asset strategico! Manutenzione è cultura e sostenibilità!

6 Con cosa ha a che fare la manutenzione? Product design Manufacturing technology Cost evaluation Organization Information & Communication Technology Mathematics Phisics Mechanical engineering Manutenzione Production planning Spares planning Management (operational, tactical, strategic level) Electronic engineering System engineering.. and more.. Enterprise strategy

7 Obiettivi della manutenzione 7 Obiettivi di costo Riduzione dei costi di manodopera Riduzione dei costi dei ricambi Riduzione del capitale immobilizzato Aumento del ciclo di vita degli asset Obiettivi di Produttività Aumento dell Affidabilità del processo Aumento della Disponibilità del processo Aumento della Resa del processo Integrazione fra Manutenzione, Produzione, Direzione e Fornitori Obiettivi di Qualità e Sicurezza Miglioramento della qualità dell output Obiettivo zero difetti nel processo Obiettivo zero guasti alle attrezzature Aumento della Sicurezza Miglioramento della sostenibilità Riduzione delle emissioni.

8 Una buona manutenzione è sicurezza! 2005, disastro ATR42, caduta in mare presso Palermo, causa arresto motori, 19 morti 1988, esplosione e incendio della piattaforma offshore Shell Piper Alpha, 167 morti 1984, disastro impianto Union Carbide di Bhopal, India, 2000 morti

9 Risultati della ricerca dell Osservatorio TeSeM 9

10 Osservatorio TeSeM: Survey sulla maturità manutentiva Settore delle reti 32 % Distribuzione delle aziende per settori e dimensioni 12 % 56 % Grande Impresa 37 % Piccola media impresa Settore di processo Settore manifatturiero Campione: 108 rispondenti 63 % Articolazione del Maturity Index Indice generale di maturità Indice di maturità manageriale Indice di maturità organizzativa Indice di maturità tecnologica

11 Definizione del livello di maturità: Maturity Level dei processi di manutenzione Si garantisce il miglioramento continuo del processo con l identificazione delle cause dei difetti e dei problemi nel processo, sono definite le azioni necessarie per prevenirne l accadimento nel futuro. Prestazioni del processo misurate con l identificazione delle cause di variazioni anomale; buon bilanciamento tra analisi quantitative e qualitative; gestione del processo assicurata da responsabilità organizzative e sistemi tecnici pienamente funzionali.. Il processo è pianificato; analisi semi quantitative effettuate periodicamente per sviluppare le buone pratiche di gestione; gestione del processo non completa per quanto riguarda responsabilità organizzative e/o sistemi tecnici. Il processo è parzialmente pianificato; analisi delle prestazioni dipendente dalla competenza personale del gestore; la gestione del processo è parziale per mancanze nell organizzazione e/o nei sistemi tecnici. Il processo è poco controllato, o non controllato del tutto. I processi di manutenzione Strategia e organizzazione Progettazione Pianificazione Esecuzione Consuntivazione e Controllo Risorse e Strumenti di supporto

12 Risultati della Survey La maturità dei processi di manutenzione La maggior parte delle aziende di processo è in classe ML4 (gestione dei processi garantita da responsabilità organizzative e sistemi tecnici pienamente funzionali ). La maggior parte delle aziende del settore reti è in classe ML3 (alcune in ML4). La maggior parte delle aziende del settore manifatturiero è in classe ML3, ve ne sono però parecchie in classe ML2 ( parziale pianificazione nei processi e dipendenza dalla competenza personale del gestore ). 60% % campione 50% 40% 30% 20% 10% Maturità per settore: Manifatturiero Processo Reti (utilities) 0% ML1 ML2 ML3 ML4 ML5 45% 40% % campione 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 42 % Maturità: tutto il campione 0% ML 1 ML 2 ML 3 ML 4 ML 5

13 Risultati della Survey: Importanza di IdM + CMMS per essere Best in class Scelte tipiche fatte dalle aziende per il miglioramento della manutenzione CMMS Ingegneria di Manutenzione (IdM) Outsourcing tecnico Outsourcing operativo (vs GSM) Diffusione delle soluzioni tecnicoorganizzative che abbinano CMMS e Ingegneria di manutenzione IdM No Sì CMMS Sì No 32 % 13 % 24 % 31 % 56% 44% La maggior parte delle aziende che si collocano ai livelli alti di Maintenance Maturity rientrano nel 56% del campione in cui è in uso un CMMS, specie se abbinato a metodi di Ingegneria di Manutenzione. Il CMMS è lo strumento fondamentale nel modello di business, ma si deve abbinare ad un adeguato sviluppo dell Ingegneria di Manutenzione per garantire prestazioni best in class.

14 Risultati della Survey: Uso del CMMS e aspetti collegati Il carico/scarico dei ricambi è registrato? Quale supporto si utilizza per la gestione dei ricambi?

15 Risultati della Survey: Aziende dotate di CMMS > funzionalità utilizzate 100% Non svolta Altro CMMS/ERP 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0%

16 Ingegneria di manutenzione 16

17 Ingegneria di manutenzione: Disponibilità operativa I 5 pilastri della Disponibilità Operativa Disponibilità operativa Fonte: A. Arata

18 Ingegneria di manutenzione: Necessità di una visione sistemica Necessità di una visione sistemica per valutare l affidabilità e la disponibilità operativa Il guasto è sempre locale, ma gli effetti sono sistemici! Risorse economiche 18 Fonte: A. Arata 2012

19 Ingegneria di manutenzione: FMECA Failure Mode and Effect Criticality Analysis Liv. 3 Circuito principale e ausiliario FMECA: Failure Mode and Effect Criticality Analysis Liv. 4 Pompe Tubazioni Serbatoio Pistone Valvole Liv. 3 Impianto di raffreddamento Liv. 4 Pompe Tubazioni Serbatoio Scambiatore Valvole Liv. 3 Impianto di filtrazione Liv. 4 Pompe Tubazioni Filtri Valvole

20 Ingegneria di manutenzione: RBD Reliability Block Diagram RBD: Reliability Block Diagram

21 Ingegneria di manutenzione: TPM Total Productive Maintenance I metodi del TPM: - Riduzione dei tempi di set-up - Miglioramento continuo (PDCA) - Analisi di Pareto - Analisi OEE - Metodo dei 5 perché - Automanutenzione - Analisi del processo - Analisi causa-effetto (diagramma Ishikawa) - Ordine e pulizia - QUAL can support Approvazione Materiale GEST executes is input for can support Controllo Qualità DB Saggi Arrivo Materiale da Fornitore Gestione Entrata Materiale Materiale 'entrato' executes Magazzino provides input for Bolla di accompagnamento Magazzino BEM executes Immagazzinamento can support is input for MAG scollegato Trasmissione Sensori cambio gamma sporco rotto scollegata Elettrovalvola sist. oleo rotta sporchi Sensori action Motore In corto Avvolgimenti rotti interrotti Tubi sist. oleo usurate intasati Spazzole usurate Guarnizioni sist. oleo Bloccati pizzicate Cuscinetti rotti check Sistema di bloccaggio utensili rotti Tubi sist. oleo intasati usurate Guarnizioni sist. oleo pizzicate plan do guasta Alimentaz scollegata... Materiale RESPINTO PROCEDERE UTILIZZABILE APPROVATO Immagazzinato Gestione Reclami a Fornitore Aggiornamento has output of Magazzino Logico can support GEST Stato Magazzino Logico has output of Aggiornamento Magazzino Fisico Stato can support Magazzino MAG Fisico Down Time per guasto dei diversi sottosistemi di un Annual Down Time usage Cumulative an Codice sottosistema

22 Strategia di manutenzione 22

23 Strategia di manutenzione: Perché? 23 Una strategia di manutenzione è necessaria perché le performance di manutenzione influenzano direttamente le performance di business (qualità prodotto, costi del servizio, soddisfazione del cliente) e i più stretti margini operativi di oggi impongono che la manutenzione sia in grado di garantire, attraverso un adeguata «vision», le prestazioni attese dagli impianti I costi di manutenzione sono spesso una realtà minore a paragone dei costi derivanti dal non avere un adeguata manutenzione. La strategia di manutenzione deve essere definita in stretta coerenza con la strategia aziendale e di produzione, così da creare quel quadro di riferimento delle «giuste scelte di base» per ciascuna specifica realtà tecnologica, organizzativa, gestionale e di business La strategia di manutenzione deve essere concepita come un processo di miglioramento continuo atto a sempre meglio coniugare le scelte adottate con il contesto in cui l azienda opera. Gli uomini di manutenzione devono ragionare come manager e valutare quel che il business richiede nel suo complesso, evitando la focalizzazione sulla sola riduzione dei costi di manutenzione!

24 Obiettivo: Minimo costo totale di manutenzione Obiettivo: costi propri+indotti = minimo! Costi di Manutenzione ordinaria Costi Propri Costi Indotti Costi Diretti Costi Indiretti 1) Costi propri [visible], costi delle risorse utilizzate per l attività di manutenzione: a) Costi propri diretti: costi direttamente associati all attività di manutenzione: i) ore di lavoro, ii) prestazioni di terzi, iii) ricambi. b) Costi propri indiretti: costi generali organizzativi e di funzionamento dell attività manutentiva: i) struttura manutenzione, ii) servizi tecnici e ausiliari, iii) immobilizzo materiali. 2) Costi indotti [hidden], valorizzazione economica delle perdite generate dall inefficienza manutentiva: i) mancata erogazione del servizio, ii) produzione di non qualità, iii) inefficienza di processo, iv) mancata sicurezza

25 Strategia di manutenzione: La situazione 25 Spesso non esiste una strategia di manutenzione consapevole o, se esiste, è inadeguata! Spesso la strategia di manutenzione e le misure di prestazione impiegate per essa sono inconsistenti con la complessiva strategia del business aziendale Spesso si verifica un analogo tipo di inconsistenza fra la strategia di manutenzione e la gestione operativa degli asset Strategia di business Strategia di manutenzione Gestione degli asset

26 Strategia di manutenzione inadeguata: Un caso eclatante 26 Indagine effettuata su un impianto per la generazione di energia elettrica Technical location (TL), at present: ( ) Work orders: (period ) TLs with work orders: (out of 9.921) L analisi fatta: Al fine di verificare la strategia di manutenzione, si sono classificati gli asset dell impianto (Technical Location, TL) in base al loro Grado di Criticità (GC), calcolata come il prodotto, in opportuna scala, della probabilità di guasto per la severità degli effetti del guasto: GC = Pg x Sg Riadattato da: A. Crespo, 2011

27 Strategia di manutenzione inadeguata: Un caso eclatante 27 Classificazione per grado di criticità dei asset dell impianto Gli asset sono divisi divisi in 3 classi per Grado di Criticità: Rossa, Gialla e Verde, corrispondenti rispettivamente ad Alta, media e Bassa criticità Cliccare per vedere la lista asset Frecuencia Alta VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Frecuencia Media VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Frecuencia Baja VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Consecuencias Asset a basso grado di criticità La figura evidenzia come la categoria ad alta criticità (caselle ROSSE) sia costituita da un numero molto piccolo di asset, mentre la maggior parte di essi è nella categoria VERDE. Riadattato da: A. Crespo, 2011

28 Strategia di manutenzione inadeguata: Conclusioni 28 Risultati dell indagine sulla strategia di manutenzione dell impianto - Il valore economico complessivo dei work order di manutenzione per tutti gli asset della zona Verde è risultato pari a circa 2 Meuro/anno - Appare evidente la possibilità di una ridefinizione delle politiche e dei target di manutenzione per spostare a risparmio o ad investimento parte dei costi della zona VERDE - L analisi sembra mettere in luce che certe volte la manutenzione pone in atto pratiche di intervento basate sulle consuetudini o sulle indicazioni dei fornitori degli asset senza una revisione critica delle stesse e che il management aziendale non è conscio dell importanza di porre attenzione alla definizione, allo sviluppo e alla messa in pratica di un adeguata strategia di manutenzione Riadattato da: A. Crespo, 2011

29 Strategia di manutenzione: La sua concezione 29 Concept del processo di definizione della strategia di manutenzione: Definizione della strategia -Caratteristiche degli asset -Strategia del business Vision Obiettivi: - di business - di manutenzione Presente Analisi gap e pianificazione Futuro Business model della manutenzione Scelte di base e definizione del quadro di riferimento della strategia di manutenzione - La strategia caratterizza il successo della manutenzione nell organizzazione - La corretta strategia determina l efficacia delle successive fasi di attuazione Come sempre, la definizione della strategia parte da una «vision», cui deve seguire un piano d azione che definisca cosa voglio ottenere e come posso arrivare ad averlo

30 Strategia di manutenzione: La sua attuazione 30 Dalla concezione all attuazione della strategia di manutenzione: Attuazione della strategia Business model di manutenzione Definizione di KPI Valori attuali dei KPI Politiche di manutenzione Processi operativi di manutenzione - La corretta attuazione della strategia permette di minimizzare il costo totale di manutenzione - La corretta attuazione della strategia determina l efficienza di gestione della manutenzione Valori obiettivo dei KPI

31 Strategia di manutenzione: Ruolo degli indicatori di prestazione 31 Classificazione delle decisioni di manutenzione Indicatori di prestazione della manutenzione 1. Decisioni strategiche di manutenzione 2. Decisioni tattiche di manutenzione 3. Decisioni operative di manutenzione 1. Total Cost of Ownership (TCO) 2. MTBF, MTTR, tasso di guasto, coefficienti di Weibull, 3. Costi indotti (hidden costs), OEE

32 Strategia di manutenzione: Gli strumenti 32 1) Metodi basati sulla valutazione della criticità degli asset Frecuencia Alta VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Frecuencia Media VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Frecuencia Baja VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Consecuencias ) Metodi basati su Balanced ScoreCard di manutenzione (uso di più indicatori principali) 3) Valutazione del ciclo di vita degli asset (per scelte di investimento) Mission & Strategy Strategic Objectives Improve maintenance cost effectiveness Improve equipment availability Improvement of maintenance process & documentation Ensure suitable training levels to fulfill the mission Measures (KPI s) -Maintenance cost (%) per unit produced -MTBF -MTTR -ISO 9001 compliance -Training level per each maintenance level Targets Current: 10% Target: 7% - 20% MTBF - 10% MTTR Maintenance certification before Definition of the precise maintenance training level per maintenance level Action Plans -Ensure proper data acquisition -Criticality analysis -PM compliance -RCM Program -Improve maintenance materials management -Develop all remaining procedures and technical specifications -Definition of the training level per maintenance level -Training level assessment Perspective Financial Customer Internal Processes Learning & Growing

33 Strategia di manutenzione: Gli strumenti 33 Valutazione del ciclo di vita degli asset (asset lifecycle management) - Il metodo consiste sostanzialmente nel valutare il TCO (Total Cost of Ownership) dell equipment (Gartner, 1987), cioè la somma di tutti i costi sostenuti durante la vita operativa dell asset (includendo acquisizione, installazione, operatività, manutenzione, dismissione) i = subsystem index, j = index of component type, k = index of year of life

34 Strategia di manutenzione: Valutazione del Total Cost of Ownership (TCO) 34 Valutazione del costo totale di possesso durante il ciclo di vita degli asset Oggi si stanno facendo sostanziali passi avanti nello sviluppo di strumenti software che permettono di simulare l evoluzione degli stati dell equipment durante la vita prevista, consentendo così un agevole applicazione del calcolo del TCO.

35 Efficienza e efficacia in manutenzione 35

36 Obiettivi di miglioramento in manutenzione Costi/Ricavi Ricavi miglioramento performance aumento volumi miglioramento qualità Profitti Costi costi di manutenzione immobilizzi materiali tecnici Miglioramento della manutenzione

37 OEE (Overall Equipment Effectiveness) OEE misura l efficacia produttiva di un impianto. E dato dalla combinazione di disponibilità, rendimento e qualità: OEE = % disponibilità x % output realizzato x % tasso di qualità Tempo teorico di produzione Tempo programmato di produzione Tempo di fermata programmato Fattore Programmato (Pp) Tempo lordo di operazione Perdite tecniche Guasto impianto Set up - Regolazioni Fattore di Disponibilità (A) Tempo netto di operazione Perdita di velocità Fermate minori Riduzione di velocità Fattore di Rendimento (P) Tempo di Produzione utile Perdita di qualità Difetti di processo Perdite all'avvio Fattore di qualità (Q) Le 6 grandi perdite

38 I metodi e gli strumenti di analisi e supporto Fermate pianificate Guasto impianto Set up - Regolazioni Fattore di Disponibilità (A) x I metodi e gli strumenti Organizzazione della manutenzione e dei processi Raccolta e gestione sistematica dei dati (CMMS) Metodi di analisi dei guasti e dell affidabilità (FMECA, RBD, IdM) Metodi sistematici per il miglioramento continuo (TPM) Riduzione del tempo di set-sup Programmazione degli interventi di manutenzione (CMMS) Gestione del ciclo di vita degli asset (total cost of ownership) Fermate minori Riduzione di velocità Fattore di Rendimento (P) x Creazione di procedure di avvio e set-up macchine (IdM & CMMS) Creazione di standard di manutenzione (IdM & CMMS) Raccolta dati su piccole fermate (CMMS) Stesura Piani di Miglioramento Interventi di miglioramento su resa e capacità (TPM) Difetti di processo Perdite all'avvio Le 6 grandi perdite Fattore di qualità (Q) Analisi difetti e ricerca cause (IdM&CMMS) Standard operativi per avvio e set-up Regolazione e ripristino condizioni operative originali

39 Efficacia ed efficienza in manutenzione Efficienza (fare con meno) Pratiche inadatte, molto ben eseguite Pratiche inadatte e mal eseguite Buone pratiche e ben eseguite Buone pratiche, ma mal eseguite Efficacia (fare meglio)

40 Le tecnologie di supporto per la manutenzione 40

41 Tecnologie di supporto: I sistemi informativi Controllare e raccogliere informazioni Sistemi di Registrazione Registro dati dell esecuzione (DB) Analisi Statistica Controllo dei costi Risultati (Dati) Gestire la manutenzione (progetti, ordini, ) Sistemi di Esecuzione Ordini di Lavoro (OdL) Gestione della Manutenzione Riparazione, Operazione (MRO) Programmazione e Follow-up PM MC PM Analisi Ingegneria di manutenzione Master Plan Analizzare, progettare e migliorare la manutenzione Maintenance Engineering Systems Analisi Guasti Pianificazione, Progettazione Interventi di miglioramento

42 Tecnologie di supporto: Microelettronica e mobilità Microelettronica sugli Impianti Mobilità: smartphone e PDA Integrazione logistica Maintenance Engineering Systems Pianificazione interventi, Gestione ricambi, Gestione persone.... CMMS & R-MES WEB ERP & CMMS Raccolta dati dal campo Analsi dati, diagnosi, predizione Gestione della manutenzione e integrazione a livello aziendale

43 La manutenzione è cultura 43

44 I molteplici ruoli della manutenzione La formazione, le scienze sociali e la cultura hanno un ruolo fondamentale nel promuovere la consapevolezza delll importanza della manutenzione per la competitività, la qualità della vita e la sostenibilità (nel senso più ampio di rispetto per l ambiente, per la società e per l economicità). A. Arata La maturità delle persone verso la manutenzione è un fattore essenziale per la realizzazione di un mondo più civile e sicuro. La natura con il suo meraviglioso ciclo di rigenerazione deve essere di esempio per superare la primordialità di ciclo degli artefatti umani

45 The M4SM IMS MTP initiative IMS MTP Manufacturing Technology Platform Maintenance for Sustainable Manufacturing Acronym: M4SM Website:

46 Quando un cambio di paradigma? Passato Massimo guadagno con il minimo di capitale investito cioè trarre profitto e sviluppo dalla pura efficienza nell uso del denaro Futuro Massimo valore aggiunto dal minimo uso di risorse cioè ottimizzare l uso delle risorse Fonte: European Commission, Feb. 2009

47 Riferimenti bibliografici L. Furlanetto, M. Garetti, M. Macchi, vol. 1 "Principi generali di gestione della manutenzione", FrancoAngeli, Milano, 2006 L. Furlanetto, M. Garetti, M. Macchi, vol.2 "Ingegneria della manutenzione", FrancoAngeli, Milano, 2007 L. Furlanetto, M. Garetti, M. Macchi,vol.3, "Pianificazione, organizzazione e gestione tecnicoeconomica della manutenzione", FrancoAngeli, Milano, 2011 M. Macchi, G. Turconi, Progettare e gestire il sistema di manutenzione, FrancoAngeli, Milano, 2011

Te Se M. Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto. Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione

Te Se M. Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto. Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione Te Se M COME CAMBIANO I RAPPORTI FRA END-USER E FORNITORI DI SERVIZI SECONDO LA MATURITÀ DI

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 Indice Prefazione Presentazione XI XII PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 3 Elementi di teoria della affidabilità, manutenibilità e disponibilità

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012 ID e Operations KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica Bologna, 15 Maggio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner Opta Dott. Gianluca Spada Partner Opta Presentazione

Dettagli

SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT

SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT 1 6 SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT Durante le diverse fasi del ciclo di vita di un Progetto, dalla fase di Concept, allo studio di fattibilità, fino alla progettazione di dettaglio,

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! VERONA ottobre 2013 IL METODO WORLD CLASS MANUFACTURING (WCM) RIDUZIONE DEI COSTI CON INCREMENTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE. ASPETTI RELATIVI ALLA SICUREZZA ED ALLA MANUTENZIONE

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione ICT RISK MANAGEMENT Società KAPPA Introduzione Carlo Guastone, Convegno AIEA Analisi dei rischi, Verona 26 maggio 2006 APPROCCIO ALLA GESTIONE DEL RISCHIO Definizioni Metodologie per il Risk Management

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare

Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare From FARM to FORK Farm Fork 2 Alcuni trend di Settore Pressione crescente della compliance normativa: qualità,

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi 1) Modello di riferimento Per prestazioni di un sistema produttivo si intendono i risultati direttamente percepibili e misurabili dal cliente oppure dal sistema

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

consulenza, formazione, progettazione e gestione dei processi aziendali

consulenza, formazione, progettazione e gestione dei processi aziendali consulenza, formazione, progettazione e gestione dei processi aziendali CONTESTO: in un contesto economico come quello moderno il controllo dei costi e la flessibilità rappresentano due fattori chiave

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati ABB - IL PROCESSO RAM un modello di valore Le analisi di affidabilità, disponibilità e manutenibilità (RAM: Reliability, Availability, Maintainability) si apprestano a diventare lo standard in tutti i

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

I pilastri della TPM

I pilastri della TPM I pilastri della TPM Miglioramento specifico Manutenzione preventiva Set-up impianti Manutenzione autonoma Formazione Sicurezza e ambiente LE POLITICHE DI MANUTENZIONE - Norma UNI 9910 E 10147 - MANUTENZIONE

Dettagli

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services A COSA SERVE Fornisce supporto a 360 agli Utenti Gestione ottimizzata dell intero «ciclo di vita» degli asset informatici dalla acquisizione alla dismissione, eliminando l impatto della complessità tecnologica

Dettagli

Si illustrano di seguito i risultati ottenuti introducendo

Si illustrano di seguito i risultati ottenuti introducendo MANUTENZIONE & DIAGNOSTICA La diagnostica di impianti industriali Un approccio per l introduzione di Prove non Distruttive nei piani di manutenzione. Il caso applicativo della termografia Ing. Sergio Cerciello

Dettagli

Presentazione del Master

Presentazione del Master Master Executive in Gestione della Manutenzione Industriale Presentazione del Master Sergio Cavalieri Marco Garetti La Value Proposition Valorizzare l aspetto gestionale nei processi e servizi di manutenzione

Dettagli

Sistemi di Produzione di beni e servizi

Sistemi di Produzione di beni e servizi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE Sistemi di Produzione di beni e servizi Obiettivi e argomenti del corso napoli, 8 marzo 2006

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 « Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «Iso 9001:2015 i «Kata del miglioramento» Gazoldo, 28 Novembre 2014 CRITICITA E NODI Problema 5 Aumento della turbolenza e contrazione dei tempi operativi 1- Impegno

Dettagli

QUANDO L EFFICIENZA CREA VALORE

QUANDO L EFFICIENZA CREA VALORE QUANDO L EFFICIENZA CREA VALORE Tendenze del settore alimentare Numero di prodotti e personalizzazioni Normative, regolamenti e certificazioni Variabili del processo produttivo Dimensione del lotti o degli

Dettagli

METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Alberi di Evento e Alberi di Guasto

METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Alberi di Evento e Alberi di Guasto Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Docente: Page 1 Quantificazione del Rischio Fase Fase 1. 1. Fase Fase 2. 2. Fase Fase 3. 3. Definizione Definizione

Dettagli

Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane. Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano

Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane. Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano Evoluzione in atto in ambito Osservatorio GeCo Gestione dei Processi Collaborativi

Dettagli

Strumenti di Previsione, Monitoraggio e Controllo dei consumi energetici

Strumenti di Previsione, Monitoraggio e Controllo dei consumi energetici Strumenti di Previsione, Monitoraggio e Controllo dei consumi energetici Dott. Marco Giusti, Sales Manager di Inspiring Software Agenda Energy management L approccio metodologico Formazione Survey & Assessment

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO 8 Marzo 2001 SEMINARIO TESTIMONI DI IMPRESA MARCO CAVALCA Executive Summary Introduzione La qualità in azienda (basic( quality

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto.

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto. Energy Efficiency Country Team Italia, Federchimica 17 Ottobre 2012 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione

Dettagli

Transforming for Results

Transforming for Results Transforming for Results Il nuovo paradigma per un efficace gestione del Capitale Umano 26 settembre 2013 Why deloitte? This is you This is you, Aligned This is you, Transformed Deloitte Business-Driven

Dettagli

Stato dell arte e tendenze di sviluppo nella gestione della manutenzione industriale

Stato dell arte e tendenze di sviluppo nella gestione della manutenzione industriale Tecnologie e organizzazione per l innovazione della manutenzione tato dell arte e tendenze di sviluppo nella gestione della manutenzione industriale Marco Garetti Docente di Gestione della Manutenzione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

Dalla gestione dell asset ospedaliero alla produttività dell Imaging Riccardo Toma Asset Management Solutions di GE Healthcare

Dalla gestione dell asset ospedaliero alla produttività dell Imaging Riccardo Toma Asset Management Solutions di GE Healthcare Dalla gestione dell asset ospedaliero alla produttività dell Imaging Riccardo Toma Asset Management Solutions di GE Healthcare Facoltà di Ingegneria Biomedica Università di Cagliari 28 febbraio 2014 Imagination

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT. Arch. Marco Frigieri

SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT. Arch. Marco Frigieri SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT Arch. Marco Frigieri IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO Roma, 14 marzo 2013 ABI Palazzo Altieri (Sala della Clemenza)

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

12/04/2011. I costi aziendali possono essere classificati in modi differenti a seconda della finalità per la quale sono determinati.

12/04/2011. I costi aziendali possono essere classificati in modi differenti a seconda della finalità per la quale sono determinati. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari Definizione e classificazione dei costi aziendali Riferimenti bibliografici: libro di testo capitolo 2 di BREWER P.C., GARRISON R.H., NOREEN E.W., Programmazione

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 4 1 Le esigenze di cambiamento LA TRADIZIONALE STRUMENTAZIONE E LE METODOLOGIE DEL CONTROLLO si contraddistinguono per: Focalizzazione

Dettagli

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto.

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto. Energy Efficiency Country Team Italia, Febbraio 2012 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna 1 Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

Plant asset management & information technology survey

Plant asset management & information technology survey 1 a parte Plant asset management & information technology survey Aspetti di sintesi e spunti di miglioramento PLANT ASSET MANAGEMENT Franco Massi, IBM Business Global Service - Italia A. Introduzione Nell

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR Modulo A1: ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA ESTERNI (3CFU) PROF. DIEGO BRAVAR Definizione

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242 PREMESSA. L'esigenza di una gestione più attenta e razionale dell'energia ha spinto diverse nazioni ad elaborare standard nazionali volontari, tra le quali anche gli Stati Uniti con MSE 2000:2005, introducendo

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo

Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo Convegno La scienza e la tecnica rendono sicuro il lavoro Genova 29-30 Ottobre 2009 Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo Ing. Maria Grazia Gnoni Dipartimento

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica.

Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica. Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica. Utilizziamo gli strumenti più idonei a mantenerci sul sentiero di Miglioramento Continuo grazie

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

PIANIFICAZIONE, ORGANIZZAZIONE E GESTIONE TECNICO-ECONOMICA DELLA MANUTENZIONE

PIANIFICAZIONE, ORGANIZZAZIONE E GESTIONE TECNICO-ECONOMICA DELLA MANUTENZIONE LUCIANO FURLANETTO, MARCO GARETTI, MARCO MACCHI PIANIFICAZIONE, ORGANIZZAZIONE E GESTIONE TECNICO-ECONOMICA DELLA MANUTENZIONE FrancoAngeli Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced,

Dettagli

Applicazione ISO TS 16949

Applicazione ISO TS 16949 M generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di qualità conforme alle UNI ISO TS 16949 Inquadrare le metodologie di gestione in ottica ISO TS 16949 Insegnare

Dettagli

ideas > action > result

ideas > action > result ideas > action > result 1 M ISSION La OPT Solutions è una società di consulenza e progettazione software che opera nel settore industriale, si pone come obiettivo primario il recupero di efficienza e di

Dettagli

11. Misura e Management della Qualità

11. Misura e Management della Qualità 11. Misura e Management della Qualità LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella Punti di discussione Definizione

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Il progetto Lean Accounting in Metal Work

Il progetto Lean Accounting in Metal Work Il progetto Lean Accounting in Metal Work Nel 2010 parte il progetto Lean Accounting in Metal Work con l obiettivo di costruire un sistema di lean accounting che affianchi e poi sostituisca il sistema

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

The importance of a Board Machine Interface

The importance of a Board Machine Interface INTERTABA S.p.A. Marcello Vezzani The importance of a Board Machine Interface Convegno FESTO sulla Manutenzione Industriale Minerbio, 13/06/2012 AGENDA Philip Morris International e Intertaba S.p.A. La

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

Plant asset management & information technology survey

Plant asset management & information technology survey 2 a parte Plant asset management & information technology survey Aspetti di sintesi e spunti di miglioramento PLANT ASSET MANAGEMENT Franco Massi, IBM Business Global Service - Italia Area: Elaborazione

Dettagli

Il sistema APS (Advanced Planning & Scheduling) è la soluzione giusta per voi? Un sistema APS è la soluzione giusta per voi? PlanetTogether è un Advanced Planning & Scheduling (APS), una soluzione che

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Metodologie statistiche in manutenzione

Metodologie statistiche in manutenzione M in in > Statistica di base per la > FMECA per la alla generali Sviluppare una sensibilità al valore aggiunto derivante da un applicazione di metodi e tecniche statistiche in Fornire conoscenze specifiche

Dettagli

UMTPlus : per una gestione efficace ed efficiente dello studio dei TEMPI di LAVORO. ING. SERGIO PIO ANGELILLIS Resp. Tecnico OPT SOLUTIONS

UMTPlus : per una gestione efficace ed efficiente dello studio dei TEMPI di LAVORO. ING. SERGIO PIO ANGELILLIS Resp. Tecnico OPT SOLUTIONS UMTPlus : per una gestione efficace ed efficiente dello studio dei TEMPI di LAVORO ING. SERGIO PIO ANGELILLIS Resp. Tecnico OPT SOLUTIONS Ci occupiamo di consulenza e soluzioni professionali per la gestione,

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli