Lo stato dell'arte e le strategie di gestione degli asset aziendali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo stato dell'arte e le strategie di gestione degli asset aziendali"

Transcript

1 Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione (TeSeM) Lo stato dell'arte e le strategie di gestione degli asset aziendali prof. Marco Garetti Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano Verona, 26 Marzo 2013

2 2 Agenda: - L area gestione della manutenzione - Manutenzione e sicurezza - Risultati delle ricerche dell Osservatorio TeSeM - Nella manutenzione ci vuole ingegneria! - Strategia di manutenzione: di che si tratta? - Gestione del ciclo di vita degli asset - Efficienza e efficacia - Tecnologie e strumenti di supporto per la manutenzione - La manutenzione è cultura!

3 Competenze e iniziative nell area gestione della manutenzione al Polimi DIG Collaborazioni con enti e imprese Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Master universitario executive (1000 ore di formazione, frequenza 3 giorni/mese)

4

5 Cos è la manutenzione? E il lavoro sporco! E qualcosa che ha a che fare solo con prodotti di cattiva qualità! E qualcosa che ha a che fare solo con impianti mal progettati! E solo un costo! E qualcosa da lasciare ai tecnici! Non è importante da un punto di vista gestionale! La perfezione non esiste! Niente è per sempre! Ogni cosa deve essere manutenuta! Una buona manutenzione significa sicurezza, qualità, economia di costi, rispetto ambientale, competitività... La manutenzione può essere un asset strategico! Manutenzione è cultura e sostenibilità!

6 Con cosa ha a che fare la manutenzione? Product design Manufacturing technology Cost evaluation Organization Information & Communication Technology Mathematics Phisics Mechanical engineering Manutenzione Production planning Spares planning Management (operational, tactical, strategic level) Electronic engineering System engineering.. and more.. Enterprise strategy

7 Obiettivi della manutenzione 7 Obiettivi di costo Riduzione dei costi di manodopera Riduzione dei costi dei ricambi Riduzione del capitale immobilizzato Aumento del ciclo di vita degli asset Obiettivi di Produttività Aumento dell Affidabilità del processo Aumento della Disponibilità del processo Aumento della Resa del processo Integrazione fra Manutenzione, Produzione, Direzione e Fornitori Obiettivi di Qualità e Sicurezza Miglioramento della qualità dell output Obiettivo zero difetti nel processo Obiettivo zero guasti alle attrezzature Aumento della Sicurezza Miglioramento della sostenibilità Riduzione delle emissioni.

8 Una buona manutenzione è sicurezza! 2005, disastro ATR42, caduta in mare presso Palermo, causa arresto motori, 19 morti 1988, esplosione e incendio della piattaforma offshore Shell Piper Alpha, 167 morti 1984, disastro impianto Union Carbide di Bhopal, India, 2000 morti

9 Risultati della ricerca dell Osservatorio TeSeM 9

10 Osservatorio TeSeM: Survey sulla maturità manutentiva Settore delle reti 32 % Distribuzione delle aziende per settori e dimensioni 12 % 56 % Grande Impresa 37 % Piccola media impresa Settore di processo Settore manifatturiero Campione: 108 rispondenti 63 % Articolazione del Maturity Index Indice generale di maturità Indice di maturità manageriale Indice di maturità organizzativa Indice di maturità tecnologica

11 Definizione del livello di maturità: Maturity Level dei processi di manutenzione Si garantisce il miglioramento continuo del processo con l identificazione delle cause dei difetti e dei problemi nel processo, sono definite le azioni necessarie per prevenirne l accadimento nel futuro. Prestazioni del processo misurate con l identificazione delle cause di variazioni anomale; buon bilanciamento tra analisi quantitative e qualitative; gestione del processo assicurata da responsabilità organizzative e sistemi tecnici pienamente funzionali.. Il processo è pianificato; analisi semi quantitative effettuate periodicamente per sviluppare le buone pratiche di gestione; gestione del processo non completa per quanto riguarda responsabilità organizzative e/o sistemi tecnici. Il processo è parzialmente pianificato; analisi delle prestazioni dipendente dalla competenza personale del gestore; la gestione del processo è parziale per mancanze nell organizzazione e/o nei sistemi tecnici. Il processo è poco controllato, o non controllato del tutto. I processi di manutenzione Strategia e organizzazione Progettazione Pianificazione Esecuzione Consuntivazione e Controllo Risorse e Strumenti di supporto

12 Risultati della Survey La maturità dei processi di manutenzione La maggior parte delle aziende di processo è in classe ML4 (gestione dei processi garantita da responsabilità organizzative e sistemi tecnici pienamente funzionali ). La maggior parte delle aziende del settore reti è in classe ML3 (alcune in ML4). La maggior parte delle aziende del settore manifatturiero è in classe ML3, ve ne sono però parecchie in classe ML2 ( parziale pianificazione nei processi e dipendenza dalla competenza personale del gestore ). 60% % campione 50% 40% 30% 20% 10% Maturità per settore: Manifatturiero Processo Reti (utilities) 0% ML1 ML2 ML3 ML4 ML5 45% 40% % campione 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 42 % Maturità: tutto il campione 0% ML 1 ML 2 ML 3 ML 4 ML 5

13 Risultati della Survey: Importanza di IdM + CMMS per essere Best in class Scelte tipiche fatte dalle aziende per il miglioramento della manutenzione CMMS Ingegneria di Manutenzione (IdM) Outsourcing tecnico Outsourcing operativo (vs GSM) Diffusione delle soluzioni tecnicoorganizzative che abbinano CMMS e Ingegneria di manutenzione IdM No Sì CMMS Sì No 32 % 13 % 24 % 31 % 56% 44% La maggior parte delle aziende che si collocano ai livelli alti di Maintenance Maturity rientrano nel 56% del campione in cui è in uso un CMMS, specie se abbinato a metodi di Ingegneria di Manutenzione. Il CMMS è lo strumento fondamentale nel modello di business, ma si deve abbinare ad un adeguato sviluppo dell Ingegneria di Manutenzione per garantire prestazioni best in class.

14 Risultati della Survey: Uso del CMMS e aspetti collegati Il carico/scarico dei ricambi è registrato? Quale supporto si utilizza per la gestione dei ricambi?

15 Risultati della Survey: Aziende dotate di CMMS > funzionalità utilizzate 100% Non svolta Altro CMMS/ERP 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0%

16 Ingegneria di manutenzione 16

17 Ingegneria di manutenzione: Disponibilità operativa I 5 pilastri della Disponibilità Operativa Disponibilità operativa Fonte: A. Arata

18 Ingegneria di manutenzione: Necessità di una visione sistemica Necessità di una visione sistemica per valutare l affidabilità e la disponibilità operativa Il guasto è sempre locale, ma gli effetti sono sistemici! Risorse economiche 18 Fonte: A. Arata 2012

19 Ingegneria di manutenzione: FMECA Failure Mode and Effect Criticality Analysis Liv. 3 Circuito principale e ausiliario FMECA: Failure Mode and Effect Criticality Analysis Liv. 4 Pompe Tubazioni Serbatoio Pistone Valvole Liv. 3 Impianto di raffreddamento Liv. 4 Pompe Tubazioni Serbatoio Scambiatore Valvole Liv. 3 Impianto di filtrazione Liv. 4 Pompe Tubazioni Filtri Valvole

20 Ingegneria di manutenzione: RBD Reliability Block Diagram RBD: Reliability Block Diagram

21 Ingegneria di manutenzione: TPM Total Productive Maintenance I metodi del TPM: - Riduzione dei tempi di set-up - Miglioramento continuo (PDCA) - Analisi di Pareto - Analisi OEE - Metodo dei 5 perché - Automanutenzione - Analisi del processo - Analisi causa-effetto (diagramma Ishikawa) - Ordine e pulizia - QUAL can support Approvazione Materiale GEST executes is input for can support Controllo Qualità DB Saggi Arrivo Materiale da Fornitore Gestione Entrata Materiale Materiale 'entrato' executes Magazzino provides input for Bolla di accompagnamento Magazzino BEM executes Immagazzinamento can support is input for MAG scollegato Trasmissione Sensori cambio gamma sporco rotto scollegata Elettrovalvola sist. oleo rotta sporchi Sensori action Motore In corto Avvolgimenti rotti interrotti Tubi sist. oleo usurate intasati Spazzole usurate Guarnizioni sist. oleo Bloccati pizzicate Cuscinetti rotti check Sistema di bloccaggio utensili rotti Tubi sist. oleo intasati usurate Guarnizioni sist. oleo pizzicate plan do guasta Alimentaz scollegata... Materiale RESPINTO PROCEDERE UTILIZZABILE APPROVATO Immagazzinato Gestione Reclami a Fornitore Aggiornamento has output of Magazzino Logico can support GEST Stato Magazzino Logico has output of Aggiornamento Magazzino Fisico Stato can support Magazzino MAG Fisico Down Time per guasto dei diversi sottosistemi di un Annual Down Time usage Cumulative an Codice sottosistema

22 Strategia di manutenzione 22

23 Strategia di manutenzione: Perché? 23 Una strategia di manutenzione è necessaria perché le performance di manutenzione influenzano direttamente le performance di business (qualità prodotto, costi del servizio, soddisfazione del cliente) e i più stretti margini operativi di oggi impongono che la manutenzione sia in grado di garantire, attraverso un adeguata «vision», le prestazioni attese dagli impianti I costi di manutenzione sono spesso una realtà minore a paragone dei costi derivanti dal non avere un adeguata manutenzione. La strategia di manutenzione deve essere definita in stretta coerenza con la strategia aziendale e di produzione, così da creare quel quadro di riferimento delle «giuste scelte di base» per ciascuna specifica realtà tecnologica, organizzativa, gestionale e di business La strategia di manutenzione deve essere concepita come un processo di miglioramento continuo atto a sempre meglio coniugare le scelte adottate con il contesto in cui l azienda opera. Gli uomini di manutenzione devono ragionare come manager e valutare quel che il business richiede nel suo complesso, evitando la focalizzazione sulla sola riduzione dei costi di manutenzione!

24 Obiettivo: Minimo costo totale di manutenzione Obiettivo: costi propri+indotti = minimo! Costi di Manutenzione ordinaria Costi Propri Costi Indotti Costi Diretti Costi Indiretti 1) Costi propri [visible], costi delle risorse utilizzate per l attività di manutenzione: a) Costi propri diretti: costi direttamente associati all attività di manutenzione: i) ore di lavoro, ii) prestazioni di terzi, iii) ricambi. b) Costi propri indiretti: costi generali organizzativi e di funzionamento dell attività manutentiva: i) struttura manutenzione, ii) servizi tecnici e ausiliari, iii) immobilizzo materiali. 2) Costi indotti [hidden], valorizzazione economica delle perdite generate dall inefficienza manutentiva: i) mancata erogazione del servizio, ii) produzione di non qualità, iii) inefficienza di processo, iv) mancata sicurezza

25 Strategia di manutenzione: La situazione 25 Spesso non esiste una strategia di manutenzione consapevole o, se esiste, è inadeguata! Spesso la strategia di manutenzione e le misure di prestazione impiegate per essa sono inconsistenti con la complessiva strategia del business aziendale Spesso si verifica un analogo tipo di inconsistenza fra la strategia di manutenzione e la gestione operativa degli asset Strategia di business Strategia di manutenzione Gestione degli asset

26 Strategia di manutenzione inadeguata: Un caso eclatante 26 Indagine effettuata su un impianto per la generazione di energia elettrica Technical location (TL), at present: ( ) Work orders: (period ) TLs with work orders: (out of 9.921) L analisi fatta: Al fine di verificare la strategia di manutenzione, si sono classificati gli asset dell impianto (Technical Location, TL) in base al loro Grado di Criticità (GC), calcolata come il prodotto, in opportuna scala, della probabilità di guasto per la severità degli effetti del guasto: GC = Pg x Sg Riadattato da: A. Crespo, 2011

27 Strategia di manutenzione inadeguata: Un caso eclatante 27 Classificazione per grado di criticità dei asset dell impianto Gli asset sono divisi divisi in 3 classi per Grado di Criticità: Rossa, Gialla e Verde, corrispondenti rispettivamente ad Alta, media e Bassa criticità Cliccare per vedere la lista asset Frecuencia Alta VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Frecuencia Media VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Frecuencia Baja VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Consecuencias Asset a basso grado di criticità La figura evidenzia come la categoria ad alta criticità (caselle ROSSE) sia costituita da un numero molto piccolo di asset, mentre la maggior parte di essi è nella categoria VERDE. Riadattato da: A. Crespo, 2011

28 Strategia di manutenzione inadeguata: Conclusioni 28 Risultati dell indagine sulla strategia di manutenzione dell impianto - Il valore economico complessivo dei work order di manutenzione per tutti gli asset della zona Verde è risultato pari a circa 2 Meuro/anno - Appare evidente la possibilità di una ridefinizione delle politiche e dei target di manutenzione per spostare a risparmio o ad investimento parte dei costi della zona VERDE - L analisi sembra mettere in luce che certe volte la manutenzione pone in atto pratiche di intervento basate sulle consuetudini o sulle indicazioni dei fornitori degli asset senza una revisione critica delle stesse e che il management aziendale non è conscio dell importanza di porre attenzione alla definizione, allo sviluppo e alla messa in pratica di un adeguata strategia di manutenzione Riadattato da: A. Crespo, 2011

29 Strategia di manutenzione: La sua concezione 29 Concept del processo di definizione della strategia di manutenzione: Definizione della strategia -Caratteristiche degli asset -Strategia del business Vision Obiettivi: - di business - di manutenzione Presente Analisi gap e pianificazione Futuro Business model della manutenzione Scelte di base e definizione del quadro di riferimento della strategia di manutenzione - La strategia caratterizza il successo della manutenzione nell organizzazione - La corretta strategia determina l efficacia delle successive fasi di attuazione Come sempre, la definizione della strategia parte da una «vision», cui deve seguire un piano d azione che definisca cosa voglio ottenere e come posso arrivare ad averlo

30 Strategia di manutenzione: La sua attuazione 30 Dalla concezione all attuazione della strategia di manutenzione: Attuazione della strategia Business model di manutenzione Definizione di KPI Valori attuali dei KPI Politiche di manutenzione Processi operativi di manutenzione - La corretta attuazione della strategia permette di minimizzare il costo totale di manutenzione - La corretta attuazione della strategia determina l efficienza di gestione della manutenzione Valori obiettivo dei KPI

31 Strategia di manutenzione: Ruolo degli indicatori di prestazione 31 Classificazione delle decisioni di manutenzione Indicatori di prestazione della manutenzione 1. Decisioni strategiche di manutenzione 2. Decisioni tattiche di manutenzione 3. Decisioni operative di manutenzione 1. Total Cost of Ownership (TCO) 2. MTBF, MTTR, tasso di guasto, coefficienti di Weibull, 3. Costi indotti (hidden costs), OEE

32 Strategia di manutenzione: Gli strumenti 32 1) Metodi basati sulla valutazione della criticità degli asset Frecuencia Alta VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Frecuencia Media VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Frecuencia Baja VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA VER LISTA Consecuencias ) Metodi basati su Balanced ScoreCard di manutenzione (uso di più indicatori principali) 3) Valutazione del ciclo di vita degli asset (per scelte di investimento) Mission & Strategy Strategic Objectives Improve maintenance cost effectiveness Improve equipment availability Improvement of maintenance process & documentation Ensure suitable training levels to fulfill the mission Measures (KPI s) -Maintenance cost (%) per unit produced -MTBF -MTTR -ISO 9001 compliance -Training level per each maintenance level Targets Current: 10% Target: 7% - 20% MTBF - 10% MTTR Maintenance certification before Definition of the precise maintenance training level per maintenance level Action Plans -Ensure proper data acquisition -Criticality analysis -PM compliance -RCM Program -Improve maintenance materials management -Develop all remaining procedures and technical specifications -Definition of the training level per maintenance level -Training level assessment Perspective Financial Customer Internal Processes Learning & Growing

33 Strategia di manutenzione: Gli strumenti 33 Valutazione del ciclo di vita degli asset (asset lifecycle management) - Il metodo consiste sostanzialmente nel valutare il TCO (Total Cost of Ownership) dell equipment (Gartner, 1987), cioè la somma di tutti i costi sostenuti durante la vita operativa dell asset (includendo acquisizione, installazione, operatività, manutenzione, dismissione) i = subsystem index, j = index of component type, k = index of year of life

34 Strategia di manutenzione: Valutazione del Total Cost of Ownership (TCO) 34 Valutazione del costo totale di possesso durante il ciclo di vita degli asset Oggi si stanno facendo sostanziali passi avanti nello sviluppo di strumenti software che permettono di simulare l evoluzione degli stati dell equipment durante la vita prevista, consentendo così un agevole applicazione del calcolo del TCO.

35 Efficienza e efficacia in manutenzione 35

36 Obiettivi di miglioramento in manutenzione Costi/Ricavi Ricavi miglioramento performance aumento volumi miglioramento qualità Profitti Costi costi di manutenzione immobilizzi materiali tecnici Miglioramento della manutenzione

37 OEE (Overall Equipment Effectiveness) OEE misura l efficacia produttiva di un impianto. E dato dalla combinazione di disponibilità, rendimento e qualità: OEE = % disponibilità x % output realizzato x % tasso di qualità Tempo teorico di produzione Tempo programmato di produzione Tempo di fermata programmato Fattore Programmato (Pp) Tempo lordo di operazione Perdite tecniche Guasto impianto Set up - Regolazioni Fattore di Disponibilità (A) Tempo netto di operazione Perdita di velocità Fermate minori Riduzione di velocità Fattore di Rendimento (P) Tempo di Produzione utile Perdita di qualità Difetti di processo Perdite all'avvio Fattore di qualità (Q) Le 6 grandi perdite

38 I metodi e gli strumenti di analisi e supporto Fermate pianificate Guasto impianto Set up - Regolazioni Fattore di Disponibilità (A) x I metodi e gli strumenti Organizzazione della manutenzione e dei processi Raccolta e gestione sistematica dei dati (CMMS) Metodi di analisi dei guasti e dell affidabilità (FMECA, RBD, IdM) Metodi sistematici per il miglioramento continuo (TPM) Riduzione del tempo di set-sup Programmazione degli interventi di manutenzione (CMMS) Gestione del ciclo di vita degli asset (total cost of ownership) Fermate minori Riduzione di velocità Fattore di Rendimento (P) x Creazione di procedure di avvio e set-up macchine (IdM & CMMS) Creazione di standard di manutenzione (IdM & CMMS) Raccolta dati su piccole fermate (CMMS) Stesura Piani di Miglioramento Interventi di miglioramento su resa e capacità (TPM) Difetti di processo Perdite all'avvio Le 6 grandi perdite Fattore di qualità (Q) Analisi difetti e ricerca cause (IdM&CMMS) Standard operativi per avvio e set-up Regolazione e ripristino condizioni operative originali

39 Efficacia ed efficienza in manutenzione Efficienza (fare con meno) Pratiche inadatte, molto ben eseguite Pratiche inadatte e mal eseguite Buone pratiche e ben eseguite Buone pratiche, ma mal eseguite Efficacia (fare meglio)

40 Le tecnologie di supporto per la manutenzione 40

41 Tecnologie di supporto: I sistemi informativi Controllare e raccogliere informazioni Sistemi di Registrazione Registro dati dell esecuzione (DB) Analisi Statistica Controllo dei costi Risultati (Dati) Gestire la manutenzione (progetti, ordini, ) Sistemi di Esecuzione Ordini di Lavoro (OdL) Gestione della Manutenzione Riparazione, Operazione (MRO) Programmazione e Follow-up PM MC PM Analisi Ingegneria di manutenzione Master Plan Analizzare, progettare e migliorare la manutenzione Maintenance Engineering Systems Analisi Guasti Pianificazione, Progettazione Interventi di miglioramento

42 Tecnologie di supporto: Microelettronica e mobilità Microelettronica sugli Impianti Mobilità: smartphone e PDA Integrazione logistica Maintenance Engineering Systems Pianificazione interventi, Gestione ricambi, Gestione persone.... CMMS & R-MES WEB ERP & CMMS Raccolta dati dal campo Analsi dati, diagnosi, predizione Gestione della manutenzione e integrazione a livello aziendale

43 La manutenzione è cultura 43

44 I molteplici ruoli della manutenzione La formazione, le scienze sociali e la cultura hanno un ruolo fondamentale nel promuovere la consapevolezza delll importanza della manutenzione per la competitività, la qualità della vita e la sostenibilità (nel senso più ampio di rispetto per l ambiente, per la società e per l economicità). A. Arata La maturità delle persone verso la manutenzione è un fattore essenziale per la realizzazione di un mondo più civile e sicuro. La natura con il suo meraviglioso ciclo di rigenerazione deve essere di esempio per superare la primordialità di ciclo degli artefatti umani

45 The M4SM IMS MTP initiative IMS MTP Manufacturing Technology Platform Maintenance for Sustainable Manufacturing Acronym: M4SM Website:

46 Quando un cambio di paradigma? Passato Massimo guadagno con il minimo di capitale investito cioè trarre profitto e sviluppo dalla pura efficienza nell uso del denaro Futuro Massimo valore aggiunto dal minimo uso di risorse cioè ottimizzare l uso delle risorse Fonte: European Commission, Feb. 2009

47 Riferimenti bibliografici L. Furlanetto, M. Garetti, M. Macchi, vol. 1 "Principi generali di gestione della manutenzione", FrancoAngeli, Milano, 2006 L. Furlanetto, M. Garetti, M. Macchi, vol.2 "Ingegneria della manutenzione", FrancoAngeli, Milano, 2007 L. Furlanetto, M. Garetti, M. Macchi,vol.3, "Pianificazione, organizzazione e gestione tecnicoeconomica della manutenzione", FrancoAngeli, Milano, 2011 M. Macchi, G. Turconi, Progettare e gestire il sistema di manutenzione, FrancoAngeli, Milano, 2011

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce all Asset Management e alla certificazione

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

La gestione degli asset d impresa sta diventando una

La gestione degli asset d impresa sta diventando una OP.03.03.Snitkin.imp 26-11-2003 10:17 Pagina 21 La gestione collaborativa del ciclo di vita degli asset, visione e strategie Un modello che considera l asset management come una serie di processi ben definiti

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli