LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO"

Transcript

1 LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO Congresso AICQ - Settore Autoveicoli - Torino C. La Torre - Iveco S.p.A. 1 / 35

2 Argomenti Sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità Iveco Processi aziendali e Sistema di Gestione per la Qualità Gestione e miglioramento dei processi - Piani di Crescita delle Prestazioni dei Processi I percorsi del miglioramento Considerazioni sull esperienza Iveco 2 / 35

3 Sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità Iveco Dal Sviluppo del Sistema Qualità nel tentativo di conciliare l esigenza di soddisfare i requisiti delle Norme ISO 9000 Edizione 1994 / Anfia AVSQ 94 per ottenere la relativa Certificazione con la necessità di far riferimento ad un Sistema di gestione, non di assicurazione, basato su processi operativi aziendali. Implementazione del sistema in tutti gli Enti Centrali, nelle B.U. e nei Plant, con descrizione di tutti i processi di competenza, utilizzando diagrammi di flusso. Dal Piano aziendale Qualità / Costi per il miglioramento strategico dell efficacia ed efficienza dei processi fondamentali e per rendere strutturale il miglioramento continuo, diffondendo e applicando gli strumenti del Total Quality Management. Dal Integrazione dei principi del TQM e dei requisiti ISO 9001:2000 / ISO 9004:2000 e ISO/TS 16949:2002, in particolare per la gestione e il miglioramento di tutti i processi aziendali. 3 / 35

4 Principi di Gestione per la Qualità - ISO 9004: Orientamento al Cliente 2 - Leadership 3 - Coinvolgimento del personale 4 - Approccio per processi Un risultato desiderato si ottiene con maggior efficienza quando le relative attività e risorse sono gestite come un processo. 5 - Approccio sistemico alla gestione Identificare, capire e gestire (come fossero un sistema) processi tra loro correlati contribuisce all efficacia ed all efficienza dell organizzazione nel conseguire i propri obiettivi. 6 - Miglioramento continuo 7 - Decisioni basate su dati di fatto 8 - Rapporti di reciproco beneficio con i fornitori 4 / 35

5 Sistema di Gestione per la Qualità Iveco La gestione per processi: l esperienza Iveco Processi aziendali e Sistema di Gestione per la Qualità PROCESSI AZIENDALI PRIMARI E DI SUPPORTO Valore per il Cliente PROCESSI DI B.U./FUNZIONE/ENTE FORNITORI PROCESS OWNER CLIENTI INPUT FLUSSO DEL PROCESSO OUTPUT K.P.I. ( Q/T/C ) K.P.I. ( Q/T/C ) K.P.I. ( Q/T/C ) 5 / 35

6 Processi aziendali 6 / 35

7 Valori e principi del Quality Management Iveco LA PREMINENZA DEI CLIENTI RELAZIONE CLIENTI-FORNITORI CONOSCENZA FATTUALE DEI PROBLEMI COINVOLGIMENTO E PARTECIPAZIONE DELLE PERSONE LEADERSHIP RESPONSABILITÀ E CORRESPONSABILITÀ DELEGA MOTIVAZIONE PARTNERSHIP PROGRESSO PERMANENTE PIANIFICAZIONE PROGRESSO SISTEMA DI DEPLOYMENT CICLO P.D.C.A. EFFICIENZA ECONOMICA ELIMINAZIONE DEGLI SPRECHI CREAZIONE DI VALORE GESTIONE DEI PROCESSI CONTROLLO DEI PROCESSI DISPERSIONE GESTIONE PER SISTEMI 7 / 35

8 Struttura della documentazione del Sistema di Gestione per la Qualità - Politiche - Descrizione del S.G.Q. - Struttura organizzativa - Processi primari e di supporto MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITÀ IVECO (M.G.Q.) - Attività e processi gestionali - Responsabilità degli enti coinvolti - Riferimento ad altre Procedure - Attività e processi operativi - Responsabilità degli enti coinvolti - Riferimento ad altre Procedure Operative ed alle Norme PROCEDURE GESTIONALI (S.Q.G.) PROCEDURE OPERATIVE (S.Q.O.) Processi Interfunzionali Azienda - Process Owner - Clienti/Fornitori - Input/Output - Indicatori/Obiettivi - Sistema di controllo e miglioramento - Modalità operative e Metodologie NORME (S.Q.) 8 / 35

9 Struttura della documentazione del Sistema di Gestione per la Qualità - Politiche di B.U./Plant - Struttura organizzativa di B.U./Plant - Processi di B.U./Plant - Collegamento ai processi interfunzionali aziendali MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITÀ B.U. / PLANT Processi Interfunzionali B.U. / Plant - Process Owner - Clienti/Fornitori - Input/Output - Indicatori/Obiettivi - Sistema di controllo e miglioramento - Struttura organizzativa dell'ente - Processi di competenza dell'ente - Collegamento ai processi di B.U./Plant DOSSIER DI RIFERIMENTO DELL'ENTE (D.R.E.) E N T E 1 E N T E 2 P r o c e s s i F u n z i o n a l i E N T E 3 E N T E 4 - Modalità operative e Metodologie B.U. e Plant ISTRUZIONI DI LAVORO (I.d.L.) Enti Centrali IVECO - Process Owner - Clienti/Fornitori - Input/Output - Indicatori/Obiettivi - Sistema di controllo e miglioramento 9 / 35

10 Manuale di Gestione per la Qualità Primari Processi Supporto I II III IV INDICE Politica per la Qualità e l'ambiente Delega di Responsabilità Indice Prodotti e sedi IVECO Strategic Planning 1 PIANIFICAZIONE 1.1 Gestione della Politica e degli obiettivi 1.2 Pianificazione strategica 1.4 Matrice delle responsabilità e documenti di riferimento 1.5 Scheda processo e flusso Organization 2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 2.1 Modello organizzativo 2.2 Processi primari e di supporto 2.3 Presidi per la qualità e l'ambiente 2.4 Struttura del Sistema di Gestione per la Qualità e l'ambiente 2.5 Gestione della documentazione e delle registrazioni 2.6 Matrice delle responsabilità e documenti di riferimento 2.7 Scheda processo e flusso Marketing Product Development 3 SVILUPPO DEI PRODOTTI E PROCESSI 3.1 Pianificazione dei nuovi prodotti e processi 3.2 Gestione dello sviluppo dei nuovi prodotti e processi 3.3 Gestione delle modifiche dei prodotti e dei processi 3.5 Matrice delle responsabilità e documenti di riferimento 3.6 Scheda processi e flussi 10 / 35

11 Manuale di Gestione per la Qualità Primari Purchasing Manufacturing Sales Processi Supporto INDICE 4 FORNITORI E FORNITURE 4.1 Gestione dei fornitori 4.2 Gestione delle forniture 4.3 Matrice delle responsabilità e documenti di riferimento 4.4 Scheda processo e flusso 5 MANUFACTURING 5.1 Gestione logistica 5.2 Gestione del processo produttivo 5.3 Gestione dei mezzi di produzione 5.4 Gestione dei mezzi di controllo e serraggio 5.5 Identificazione e rintracciabilità 5.6 Movimentazione, immagazzinamento e consegna 5.7 Gestione dei prodotti con caratteristiche di regolamentazione e di sicurezza 5.8 Matrice delle responsabilità e documenti di riferimento 5.9 Scheda processo e flusso 6 ATTIVITA' COMMERCIALI E POST-VENDITA 6.1 Gestione delle attività di vendita 6.2 Gestione delle attività post-vendita 6.3 Gestione della Responsabilità da prodotto 6.4 Matrice delle responsabilità e documenti di riferimento 6.5 Scheda processi e flussi 11 / 35

12 Manuale di Gestione per la Qualità Primari Processi Supporto Human Resources Work Environment, Safety and Ecology INDICE 7 GESTIONE DELLE RISORSE 7.1 Gestione delle risorse umane 7.2 Gestione ambientale, sicurezza e igiene sul lavoro Informat.Resources 7.3 Gestione delle risorse informatiche Finance and Control 7.4 Gestione delle risorse finanziarie 7.8 Matrice delle responsabilità e documenti di riferimento 7.9 Scheda processi e flussi Measurement, Analysis and Improvement 8 MISURAZIONE, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Gestione delle non conformità 8.2 Gestione delle azioni correttive 8.3 Gestione delle azioni preventive 8.4 Misurazione della soddisfazione del cliente 8.5 Audit del Sistema di Gestione per la Qualità e l'ambiente 8.6 Monitoraggio delle prestazioni dei processi 8.7 Gestione del miglioramento 8.7 Matrice delle responsabilità e documenti di riferimento 8.8 Scheda processi e flussi App. 1 App. 2 App. 3 App. 4 Struttura Organizzativa Iveco Procedure e Norme del Sistema di Gestione della Qualità Gestione del Manuale e stato di aggiornamento Tabelle di corrispondenza 12 / 35

13 Processo interfunzionale SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ PROCEDURA ORGANIZZATIVA - OPERATIVA Titolo : GESTIONE DELLA FORNITURA DI BENI DI INVESTIMENTO Classificazione S.Q.O. 6.2 Edizione 1 - Bozza 3 Data di approvazione Pagina 6 / 1 ATTIVITA' N. FASI OPERATIVE DOCUMENTI i/o T.C. Purch. 10 Definire gli obiettivi specifici relativi alla gestione della fornitura di beni di investimento Norma S.Q Modalità per la gestione della fornitura di beni di investimento Obiettivi generali per i Fornitori Obiettivi specifici per i Fornitori di beni di investimento i i o B.U. Purch. T.C. C. Proc. Eng. ENTI COINVOLTI Platform/ Project B.U. Proc. Eng. Plant Proc. Eng. Plant Manag. 20 Garantire la qualificazione del personale addetto alle visite di valutazione dei Fornitori e la formazione di tutto il personale coinvolto nelle fasi di gestione delle forniture (o) Procedura S.Q.O Addestramento tecnico, qualificazione e certificazione del personale i 30 Verificare se il bene di investimento riguarda una nuova industrializzazione o una importante ristrutturazione dello Stabilimento (o) NO VAI A FASE 240 Legenda: (o) Ogni Ente è responsabile per quanto riguarda le attività di propria competenza i Il documento è un input dell'attività Responsabilità primaria Responsabilità di contributo Archiviazione o Il documento è un output dell'attività Decisione primaria Decisione di contributo E` vietata la riproduzione e l'uso del layout e del testo senza autorizzazione scritta di IVECO S.p.A. Mod: PROC Ed. 0 Pag. 6/6 13 / 35

14 Processo: Gestione del Quality Tracking Ente Owner : Qualità Centrale - Iveco Esempio parziale Diagramma di flusso del processo Doc. di Rif. Documenti I Iveco / Ente del processo O C=cliente; F=fornitore R=responsabile I.d.L. Scheda QSM/32 obiettivi di I Identificazione degli obiettivi e T.C. Quality - (R) processo definizione dei target Individuazione Agenzie per lo svolgimento dell'attività T.C. Quality - (R) T.C. Purchasing - (R) Definizione questionari e codici difetti T.C. Quality - (R) B.U. Quality Veic.- (R) Determinazione del campione T.C. Quality - (R) B.U. Quality Veic.- (R) Lista Indirizzi I Reperimento Lista indirizzi Clienti C.O. Markets - (F) Clienti e invio all'agenzia Scelta casuale dei Clienti e realizzazione interviste Agenzia - (F) 14 / 35

15 Ente Owner : Qualità Centrale Iveco (segue) Processo: Scopo: Perimetro: GESTIONE DEL QUALITY TRACKING Misurare in maniera continuativa la qualità percepita dal Cliente, per supportare l'attività di miglioramento del comportamento del prodotto in esercizio Dall'individuazione delle Agenzie per le indagini all'elaborazione e diffusione dei dati Processo primario / di supporto di appartenenza: Misurazione, analisi e miglioramento Scheda degli obiettivi del processo Clienti DIREZIONE AZIENDALE Output Risultati di difettosità e di gradimento del prodotto: Elaborazioni di sintesi Obiettivi (Q=Qualità, T=Tempi, C=Costi) Rappresentatività statistica dei risultati Mantenimento delle cadenze periodiche di aggiornamento K.P.I. Incertezza (%) e relativo C.L. (livello di fiducia) Tempo tra fine interviste e disponibilità elaborazioni B.U. Elaborazioni di dettaglio e di sintesi Rispetto dei costi preventivati Speso / Budget (%) 15 / 35

16 Ente : Qualità Centrale Iveco (segue) Scheda degli obiettivi del processo (segue) Obiettivi interni del processo (Q=Qualità, T=Tempi, C=Costi) Minimizzare i tempi impiegati per l'analisi dei risultati K.P.I. Tempo tra arrivo risultati e loro diffusione Fornitori Input Obiettivi (Q=Qualità, T=Tempi, C=Costi) K.P.I. AGENZIE ESTERNE Elaborazioni di dettaglio Tempestività dei risultati Tempo tra fine teorica delle interviste e arrivo dei risultati C.O. MARKETS Lista Clienti da intervistare Disponibilità lista Clienti nei tempi e nelle qualitità necessari Tempo tra fine mese di immatricolazione e disponibilità Lista 16 / 35

17 Gestione e miglioramento dei processi PROCESS OWNER INPUT K.P.I FLUSSO DEL PROCESSO K.P.I OUTPUT K.P.I TARGET TARGET TARGET MONITORAGGIO DELLE PRESTAZIONI DEL PROCESSO Piano di crescita delle prestazioni di un processo aziendale Piano di crescita delle prestazioni di B.U. Funzione, Ente 17 / 35

18 Approccio sistemico alla gestione SFORZI ISOLATI RISULTATO SCARSO PIANO A, PIANO B, PIANO X... PIANI SENZA LEGAME TRA LORO TUTTI MIGLIORANO, SALVO L AZIENDA. 18 / 35

19 Approccio sistemico alla gestione ORGANIZZARE E SISTEMATIZZARE IL PROGRESSO DEFINIRE E DIFFONDERE GLI OBIETTIVI Piani di crescita integrati Gestione per sistemi Logica P.D.C.A. Un sistema di deployment degli obiettivi 19 / 35

20 Input Input La gestione per processi: l esperienza Iveco OBIETTIVI AZIENDALI BUSINESS PLAN Logica del deployment degli obiettivi Input B.U. Deployment ENTI / PLANT OBIETTIVI DI B.U. OBIETTIVI DI ENTE / PLANT CRESCITA DELLE PRESTAZIONI DEI PROCESSI AZIENDALI CRESCITA DELLE PRESTAZIONI DEI PROCESSI DI B.U. CRESCITA DELLE PRESTAZIONI DEI PROCESSI DI ENTE / PLANT 20 / 35

21 Deployment degli obiettivi OBIETTIVI DI B.U. / FUNZIONE ENTI / PLANT ENTE 1 ENTE 2 PLANT 1 PLANT 2 1 PROCESSI PROCESSO 1 Process Owner di B.U. / Funzione Process Owner di Ente Process Owner di Ente Process Owner di Plant Process Owner di Plant PROCESSO 2 Process Owner di B.U. / Funzione Process Owner di Ente Process Owner di Plant PROCESSO 3 2 Process Owner di B.U. / Funzione Process Owner di Ente Process Owner di Plant PROCESSO 4 Process Owner di B.U. / Funzione Process Owner di Ente Process Owner di Plant Process Owner di Plant 21 / 35

22 Input per la definizione dei Piani di Crescita delle Prestazioni - Risultati ottenuti dal monitoraggio delle prestazioni dei processi di competenza - Avanzamento delle attività definite nella precedente review del Piano - Analisi della voce dei Clienti e delle altre parti interessate - Analisi dei dati derivanti dall attività di benchmarking del processo - Definizione degli obiettivi, in relazione ai KPI stabiliti, e loro deployment - Analisi e valutazione delle attività di ogni processo e loro sequenza nella logica Cliente - Fornitore interno/esterno per: - Individuare le attività senza valore - Identificare le richieste da fare ai propri Fornitori 22 / 35

23 Piano di crescita delle prestazioni - B.U. / Funzione Input di riferimento Obiettivi di B.U. / Funzione K.P.I. Target Deployment degli obiettivi Processi della B.U./ Funzione coinvolti Process Owner Obiettivi degli Enti K.P.I. Target Frequenza e sede del monitoraggio Piani di crescita delle prestazioni degli Enti 23 / 35

24 Piano di crescita delle prestazioni - Ente Input di riferimento Obiettivi dell Ente K.P.I. Target Deployment degli obiettivi Processi dell Ente coinvolti Azioni / Obiettivi K.P.I. / Target Responsabile dell azione Tempistiche di attuazione Frequenza e sede del monitoraggio Documentazione specifica per ogni azione individuata 24 / 35

25 25 / 35

26 26 / 35

27 Momenti di valutazione dei processi Steering Committee Riunioni di Quality Management con i Quality Leaders Riunioni periodiche B.U. / Plant / Enti Riunioni di Riesame del Sistema di Gestione per la Qualità Audit del Sistema di Gestione per la Qualità 27 / 35

28 La gestione per processi: l esperienza Iveco Audit del Sistema di Gestione per la Qualità nei Plant Test di ammissione alla certificazione esterna CRITERI DI VALUTAZIONE E CLASSIFICAZIONE La valutazione è basata su due parametri: Valutazione dell applicazione del S.G.Q. Misurazione del grado di raggiungimento di obiettivi significativi per qualità/tempi/costi Performance Potenziale Performance Reale Il grado di raggiungimento degli obiettivi è espresso su una scala numerica da 0 a 10 (0 = scostamento grave ; 10 = superamento dell obiettivo) La performance reale è la media aritmetica del grado di raggiungimento degli obiettivi La valutazione globale è costituita a sua volta dalla media aritmetica dei due parametri (Performance Potenziale e Performance Reale ) Classificazione: A (>90%); B (75 89%); C (60 74%); D (<60%) Obiettivi per l accesso agli assessment di certificazione esterna: * nel 2002: Performance Globale: 60%, Performance Reale: 50% * nel 2003: Performance Globale: 75%, Performance Reale: 60% 28 / 35

29 Indicatori di Performance Reale INDICATORI AUDIT S.Q. LEAN PROD. VALU- TAZ. NOTE AUDIT PROCESSO: N.C. DI CLASSE "A" Q5 AUDIT PROCESSO: N.C. TOTALI BUONI SUBITO - LASTRATURA BUONI SUBITO - VERNICIATURA BUONI SUBITO - MONTAGGIO BUONI SUBITO - DOPO COLLAUDO FUNZIONALE SPC - ESTENSIONE DELL'UTILIZZO - SPC - IDONEITÀ' DEI PROCESSI - N.C. FORNITURE ESTERNE N.C. FORNITURE INTERNE N.C. INTERNE - % - N.C. INTERNE - COSTO - QUALITY TRACKING- TGW/VEICOLO A 12 MESI AUDIT PRODOTTO - LASTRATURA (I.D.) AUDIT PRODOTTO - VERNICIATURA (I.D.) AUDIT PRODOTTO - DELIBERA VEICOLO (I.D. EST.) AUDIT PRODOTTO - DELIBERA VEICOLO (I.D. FUNZ.) AUDIT PRODOTTO - DELIBERA VEICOLO (DISPERS.) AUDIT PRODOTTO - DELIBERA GRUPPI (I.D.) AUDIT PRODOTTO - DELIBERA GRUPPI (DISPERS.) Q5 Q4 Q4 Q4 Q4 Q3 Q3 Q6 Q1 Q1 Q1 Q1 Q2 Q1 Q2 GESTIONE A.C. INTERNE (TEMPO - EFFICACIA) - GESTIONE A.C. ESTERNE (TEMPO - EFFICACIA) Q7 LIVELLO DI SERVIZIO - VEICOLARE LIVELLO DI SERVIZIO - FORNITORI INTERNI S5 S4 VALUTAZIONE PERFORMANCE REALE Media aritmetica delle valutazioni (%) Agg. modulo 14 03/05/2002 novembre / 35

30 Competitività La gestione per processi: l esperienza Iveco I percorsi del miglioramento OBIETTIVI STRATEGICI MIGLIORAMENTO STRATEGICO Breakthrough Gap di competitività MIGLIORAMENTO CONTINUO Tempo 30 / 35

31 Considerazioni sull esperienza Iveco Benefici Contributo alla focalizzazione verso i Clienti (esterni / interni) e gli obiettivi primari qualità costi Maggiore disponibilità per superare le barriere tra Funzioni / Enti Maggiore consapevolezza sulla necessità di una gestione sistemica, basata sulla logica P-D-C-A, per raggiungere gli obiettivi e migliorare i risultati Maggiore comprensione del ruolo del Sistema di Gestione per la Qualità ( la finalità non è la Certificazione! ) Vincoli Cambiamento della cultura aziendale ( Change Management ) Mappatura effettiva dei processi e non solo copertura dei requisiti ISO Individuazione dei KPI veramente cruciali Impegno concreto e sistematico dei Process Owner, ai vari livelli, per gestire efficacemente i KPI Necessità di effettuare azioni correttive veramente efficaci e di rendere sistematico e permanente il miglioramento 31 / 35

32 AAAAAAA Approfondimenti 32 / 35

33 Valutazione della soddisfazione del Cliente Interno Fornitore Cliente Processi aziendali Ente A Ente B 33 / 35

34 Valutazione della soddisfazione del Cliente Interno Gestione dei risultati Individuazione attività senza valore Individuazione aree di miglioramento Piani di crescita delle prestazioni dei processi 34 / 35

35 Valutazione della soddisfazione del Cliente Interno Questionario di valutazione della soddisfazione per le attività svolte dal Fornitore per il Cliente interno, anche con domande aperte per raccogliere suggerimenti Interviste face to face ai singoli clienti per stimolare la raccolta di idee di miglioramento e di eventuali attività senza valore 35 / 35

I REQUISITI DELLA ISO TS16949. Nella logica della gestione per processi.

I REQUISITI DELLA ISO TS16949. Nella logica della gestione per processi. I REQUISITI DELLA ISO TS16949 Nella logica della gestione per processi. 14 Novembre - 2002 14-11-02 1 SCADENZE: QUADRO DI SINTESI ISO serie 9000:1994 (in vigore dal 1994 - al 12.2003) EVOLUZIONE NORMATIVA

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001

La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001 MARIA GISELLA CONCA GESTIONE DELLA QUALITÀ La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001 LIUC - Castellanza febbraio - maggio 2001 CERTIFICAZIONE: MOTIVAZIONI,

Dettagli

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs.

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) MODULO C Unità didattica C41-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Intervento: Autore: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011. Ing. Valerio Paoletti

Intervento: Autore: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011. Ing. Valerio Paoletti Intervento: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011 Autore: Ing. Valerio Paoletti Giugno 2006 nasce in ISO la New Work Item Proposal ISO/IEC 17021 Part 2 Conformity

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

QUALITÀ AERONAUTICA AUTOMOTIVE DISPOSITIVI MEDICI AGRO-ALIMENTARE

QUALITÀ AERONAUTICA AUTOMOTIVE DISPOSITIVI MEDICI AGRO-ALIMENTARE PROPOSTA FORMATIVA QUALITÀ Dal modello ISO 9001:08 agli strumenti di controllo e di miglioramento delle performance L evoluzione del sistema qualità secondo la nuova ISO 9001:2008 Definire e migliorare

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

4 Servizi e soluzioni

4 Servizi e soluzioni Servizi e soluzioni 4 Ogni azienda, nel senso etimologico del termine, è concepita come un sistema complesso composto da processi interdipendenti e correlati tra loro teso al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Area Applicativa: Qualità

Area Applicativa: Qualità Il software progettato e sviluppato per gestire in modo del tutto informatizzato le attività relative al controllo qualità aziendale. Un applicazione specifica che consente di raccogliere dati, analizzarli

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

CQFB 16/10/2002 Revisione 01

CQFB 16/10/2002 Revisione 01 Frédéric BRIAUD Consulente Sistemi Qualità e Formazione Professionale. Via della Bastiola, 21 61049 URBANIA (PU) Tel/Fax : 0722 317538; Cell. 335 6058647 WWW.cqfb.org; E-mail : fbriaud@cqfb.org 1 9 9 4

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA

PROCEDURA ORGANIZZATIVA PO.08 03 pag. 1 di 13 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITÀ 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6. ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale all

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato

La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato Maria Rita Cavallo AMD FORMAZIONE Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO9001/2008 1 Le parole chiave Sistema di gestione per la

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale Allocazione delle Attività dei responsabili posti a presidio dei processi Aziendali e delle sedi operative di Roma e Cassino, secondo quanto richiesto dalla DGR 968/07 e dall All.II.2, all interno del

Dettagli

La gestione della sicurezza nella scuola. Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo

La gestione della sicurezza nella scuola. Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo La gestione della sicurezza nella scuola Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo 1 Sommario Organizzazione e gestione Criticità Percorso per la certificazione sulla sicurezza: progetto risk managament

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna 1 Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale

Dettagli

UNI EN ISO 14001 (Sistemi di Gestione Ambientale) e regolamento EMAS;

UNI EN ISO 14001 (Sistemi di Gestione Ambientale) e regolamento EMAS; PrometeoQualità www.softwarequalita.com PrometeoQualità è un software applicativo progettato e realizzato per la gestione del sistema Qualità aziendale. Il software è articolato in moduli indipendenti

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATI

SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATI SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATI 1 Tabella di correlazione tra BS OHSAS 18001:2007, ISO 9001:2000 e ISO 14001:2004 continua 2 segue modello di integrato Cliente / Parti interessate Esigenze/aspettative Budget

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE

PROGRAMMA DI FORMAZIONE PROGRAMMA DI FORMAZIONE Quello che si misura è quello che si ottiene. Se non si può misurare, non si può gestire Plexus Management Systems S.r.l. Sede: Corso Potenza, 15-10143 Torino Tel.: 011 5681954

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE

PROGRAMMA DI FORMAZIONE PROGRAMMA DI FORMAZIONE Quello che si misura è quello che si ottiene. Se non si può misurare, non si può gestire Plexus Management Systems S.r.l. Sede: Corso Potenza, 15-10143 Torino Tel.: 011 5681954

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Relazione Il Sistema di Gestione Qualità nella formazione: esposizione di un caso reale

Relazione Il Sistema di Gestione Qualità nella formazione: esposizione di un caso reale VERONICA PETITT Matricola 710766 Iscritta al 2 anno 2008/09 Relazione Il Sistema di Gestione Qualità nella formazione: esposizione di un caso reale Esame di: Psicologia della formazione e dell orientamento

Dettagli

e qualità della produzione nell automotive

e qualità della produzione nell automotive PRODUZIONE AUTOMOTIVE Certificazione ISO/TS e qualità della produzione nell automotive Immagine Fiat di Fabrizio Crosta e Sergio Pio Angelillis Grazie all introduzione di un sistema software integrato

Dettagli

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l. Workshop: Lean Manufacturing 2008 il progetto Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.) Agenda Obiettivi della

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3

Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3 Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3 PROMOSSO E ORGANIZZATO DA IN COLLABORAZIONE CON: 1/40 Risk management: collegamenti e sinergie con il Sistema Qualità Come visto nel precedente intervento,

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA PROGETTAZIONE. UNO STRUMENTO PER RIDURRE GLI ERRORI, LE MODIFICHE ED IL TIME TO MARKET

IL CONTROLLO DELLA PROGETTAZIONE. UNO STRUMENTO PER RIDURRE GLI ERRORI, LE MODIFICHE ED IL TIME TO MARKET IL CONTROLLO DELLA PROGETTAZIONE. UNO STRUMENTO PER RIDURRE GLI ERRORI, LE MODIFICHE ED IL TIME TO MARKET Dott. G. TORRIDA - Presidente del Gruppo 2G Management Consulting - Responsabile divisione WCM

Dettagli

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DELLA NORMA Il quadro di definizione delle competenze

Dettagli

RILANCIARE QUALITÀ E COMPETITIVITÀ CON UN APPLICAZIONE CORRETTA DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀISO 9001

RILANCIARE QUALITÀ E COMPETITIVITÀ CON UN APPLICAZIONE CORRETTA DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀISO 9001 Confindustria Bari 30 settembre 2008 DALLA CULTURA DELLA QUALITÀ COME CONFORMITÀ E CERTIFICAZIONE ALLO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA RESPONSABILITÀ D IMPRESA RILANCIARE QUALITÀ E COMPETITIVITÀ

Dettagli

ACQUISTI IN TEAM ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR. Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto

ACQUISTI IN TEAM ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR. Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR ACQUISTI IN TEAM Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto 1 Indice 1 ACQUISTARE VALORE DAL MERCATO 2 IL PROCESSO D ACQUISTO

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza QUALITY FOR MASTER Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Una preparazione meramente teorica, seppur di rilievo, non è più sufficiente per affrontare le complesse dinamiche aziendali.

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO La presente Politica rappresenta l impegno della Termisol Termica verso la salute e la sicurezza dei propri lavoratori e di tutte le persone che si trovino ad operare all interno della propria sede e dei

Dettagli

NSQ / il Software di Qualità

NSQ / il Software di Qualità La soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità Norme di riferimento: UNI EN ISO 9000:2005 Sistema di gestione per la qualità - Fondamenti e vocabolario UNI EN ISO 9001:2008 Sistema di

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI Cos è un processo aziendale Processo come trasformazione (dal verbo procedere ) Processo aziendale: insieme di attività interdipendenti finalizzate a un obiettivo

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Evoluzione della qualità

Evoluzione della qualità SOMMARIO Evoluzione della qualità ISO 9000 L evoluzione delle norme ISO 9000 (Vision 2000) Il Manuale della qualità secondo le ISO 9000 Il ciclo PDCA I punti del Sistema Qualità La Certificazione e i Marchi

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. Project Management Introduzione 2. Project Management Corso avanzato 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma Project

Dettagli

RIDURRE GLI ERRORI DI PROGETTO ED IL LEAD TIME LA NEW LEAN THINKING NEL PROCESSO DI PROGETTAZIONE

RIDURRE GLI ERRORI DI PROGETTO ED IL LEAD TIME LA NEW LEAN THINKING NEL PROCESSO DI PROGETTAZIONE COME? RIDURRE GLI ERRORI DI PROGETTO ED IL LEAD TIME LA NEW LEAN THINKING NEL PROCESSO DI PROGETTAZIONE Dott. G. TORRIDA - Presidente del Gruppo 2G Management Consulting - Responsabile divisione WCM e

Dettagli

4.A.1 Il front line ed il back office

4.A.1 Il front line ed il back office 4.A.1 Il front line ed il back office [1.B.2] > Gestione della manutenzione Gli obiettivi del corso sono innanzi tutto quello di fornire un inquadramento delle caratteristiche e del front line e del back

Dettagli

L approccio per processi è uno dei principi fondamentali per la gestione della qualità.

L approccio per processi è uno dei principi fondamentali per la gestione della qualità. Esempio 3: approfondimento gestione per processi Nell ambito di un organizzazione, l adozione di un sistema di processi, unitamente alla loro identificazione, interazione e gestione, è chiamata approccio

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

MIGLIORARE L EFFICIENZA NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION COME?

MIGLIORARE L EFFICIENZA NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION COME? MIGLIORARE L EFFICIENZA COME? NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION (GESTIONE DI TUTTI I PROCESSI SECONDARI A SUPPORTO DEL CORE BUSINESS ) INTRODUZIONE Dott. G. TORRIDA

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, 17 giugno 2014 L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia Dirigente Preposto ex L. 262/05 Premessa Fattori Esogeni nagement - Contesto

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

PROCEDURE 9001 Versione 2.0 Edizione 2015

PROCEDURE 9001 Versione 2.0 Edizione 2015 Qualità UNI EN ISO 9001:2008 v2.0 Edizione 2015 PROCEDURE 9001 Versione 2.0 Edizione 2015 Kit documentale con manuale, procedure, modulistica, checklist ed allegati per la realizzazione di sistemi di gestione

Dettagli

Manuale della Qualità

Manuale della Qualità Manuale della Qualità Il presente Manuale della Qualità è stato redatto in conformità alla Norma Europea Sistemi di Gestione per la Qualità - Requisiti EDIZIONE MQ N 1 del 15.09.2003 DATA ULTIMA REVISIONE

Dettagli

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali M Premessa La AS 9100 è una norma ampiamente adottata in campo aeronautico ed aerospaziale dalle maggiori aziende mondiali del settore, per la definizione, l utilizzo ed il controllo dei sistemi di gestione

Dettagli

Il nuovo pacchetto per la gestione della qualità

Il nuovo pacchetto per la gestione della qualità Documenti in formato Microsoft Word Files modificabili completamente dall utente Grafica professionale completa a colori Formattazione pre-impostata Manuale di qualità completo Procedure e moduli completi

Dettagli

Incontro su SEI SIGMA

Incontro su SEI SIGMA Silvia Martin Tesi di Laurea - Politecnico di Torino Contatto: silviavarese87@libero.it Incontro su SEI SIGMA Confronto parametrico fra i sistemi di Total Quality Management 1 Il Sei Sigmaa confronto con

Dettagli

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere M MODULI generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di gestione per la qualità in una pmi di produzione Comprendere le esigenze dei clienti Valutare la soddisfazione

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale

Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale Titolo piano formativo Gestione integrata qualità, sicurezza e ambiente

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica.

Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica. Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica. Utilizziamo gli strumenti più idonei a mantenerci sul sentiero di Miglioramento Continuo grazie

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Titolo progetto: Ente: ALDEBRA SPA Indirizzo: VIA LINZ, 13 38121 TRENTO Recapito telefonico: 0461/302400 Indirizzo e-mail: info@aldebra.com Indirizzo

Dettagli

Ibpm è lo strumento per la gestione dei processi, dalla modellazione, all esecuzione, al monitoraggio.

Ibpm è lo strumento per la gestione dei processi, dalla modellazione, all esecuzione, al monitoraggio. L applicazione sviluppata da Ibimec si propone di dare una copertura informatica per quelle attività che vengono svolte al di fuori del sistema informatico gestionale dell azienda, ma indispensabili per

Dettagli

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Michela Melis - IEFE Università Bocconi Alberto Riva - Gdl Qualità Ambientale, Assolombarda

Dettagli