CONDITION MONITORING RELIABILITY & MAINTENANCE CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TECNOLOGIE CORRETTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONDITION MONITORING RELIABILITY & MAINTENANCE CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TECNOLOGIE CORRETTIVE"

Transcript

1 CONDITION MONITORING RELIABILITY & MAINTENANCE CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TECNOLOGIE CORRETTIVE 1

2 SOMMARIO Abbiamo pensato a 4 differenti percorsi di formazione. Ogni percorso si compone di più training, che possono essere seguiti anche in modo indipendente l'uno dall'altro. Seguire il percorso completo, consente una preparazione globale, approfondita ed in linea con i più alti standard formativi del mercato. MODULO 1 : CONDITION MONITORING 05 > Le tecniche della manutenzione predittiva e proattiva 06 > Analisi delle vibrazioni: livello 1 ISO > Analisi delle vibrazioni: livello 2 ISO > Analisi dei lubrificanti: livello 1 ISO > Analisi dei lubrificanti: livello 2 ISO > Termografia infrarossa: livello 1 ISO > Termografia infrarossa: livello 2 ISO > Analisi degli ultrasuoni: ISO > Diagnostica Cuscinetti: cause di guasto e contromisure MODULO 2: RELIABILITY & MAINTENANCE 15 > Ingegneria dell'affidabilità 16 > Reliability Centered Maintenance 17 > Lean Maintenance e TPM 18 > Life Cycle Cost Management 19 > Team Building 20 > KPI di manutenzione: sceglierli, misurarli e applicarli con successo 21 > Gestione del magazzino ricambi di manutenzione 22 > Laboratorio pratico di analisi FMECA 23 > Project management di manutenzione con PMP certificato 24 > Attuazione di un piano di lubrificazione proattivo Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

3 25 > Calcolo dell Overall Equipment Effectiveness base 26 > Calcolo dell Overall Equipment Effectiveness avanzato 27 > Censimento degli Asset MODULO 3 : CONTROLLI NON DISTRUTTIVI 29 > Metodo Visivo (VT) 30 > Metodo Liquidi Penetranti (PT) 31 > Metodo Ultrasuoni (UT) 32 > Metodo Magnetoscopico (MT) MODULO 4 : TECNOLOGIE CORRETTIVE 34 > Allineamento laser in sito di macchine rotanti 35 > Allineamento laser : misura di precisione 36 > Allineamento laser : planarità e rettilineità 37 > Allineamento laser : misura dei movimenti delle macchine 38 > Allineamento laser di generatori di energia eolica 39 > Equilibratura dinamica in sito di macchine rotanti Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

4 CONDITION MONITORING Il corso professionale di Condition Monitoring Specialist, permette di entrare in conoscenza di tutte le procedure e strumentazioni utilizzati per la manutenzione predittiva e proattiva. Grazie a queste conoscenze è possibile specializzarsi ed esser in grado, attraverso l uso di strumentazione specifica, di fare approfondite analisi sullo stato di salute delle macchine, identificando possibili guasti o malfunzionamenti. E possibile seguire ogni corso singolarmente. Seguire con successo l intero percorso formativo significa ottenere l attestato di Condition Monitoring Specialist. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

5 CONDITION MONITORING Le tecniche della manutenzione predittiva e proattiva Riuscire ad individuare precocemente le anomalie incipienti consentirebbe una migliore gestione dell esercizio e delle manutenzioni, evitando importanti ripercussioni di tipo economico ed ambientale. D altra parte, le nuove modalità di esercizio degli impianti rendono indispensabile garantire sempre la massima efficienza e flessibilità. Per tale motivo, è necessario associare alle tradizionali pratiche manutentive nuove e più innovative strategie basate su azioni predittive. L analisi dello stato di salute del macchinario consente, infatti, non solo di anticipare il verificarsi di un guasto, ma anche di indirizzare efficacemente le risorse di manutenzione là dove il macchinario lo richiede. Il risultato finale è l ottimizzazione delle risorse economiche ed il miglioramento dell indice di efficienza complessiva. Questo seminario offre la possibilità di saper organizzare un piano di manutenzione predittiva e proattiva, capire quale tecnica applicare, dove e con quali benefici attesi. Attraverso una serie di esercitazioni pratiche, e sessioni di discussione tra i partecipanti, sarà possibile applicare immediatamente quanto appreso una volta rientrati in a z i e n d a. 1 giorno Operatori, tecnici e manager di manutenzione Panoramica sui diversi concetti di manutenzione Presentazione della manutenzione predittiva Analisi vibratoria nella manutenzione predittiva L analisi dei lubrificanti nella manutenzione predittiva La termografia infrarossa nella manutenzione predittiva L analisi agli ultrasuoni nella manutenzione predittiva L analisi dei motori elettrici nella manutenzione predittiva Le altre tecniche non distruttive della manutenzione predittiva Esercizi pratici di applicazione della manutenzione predittiva Auto-diagnostica di manutenzione Come redarre un analisi costo/beneficio Sessione di domande e risposte Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

6 CONDITION MONITORING Analisi delle vibrazioni: livello 1 ISO Avere una solida comprensione del perché analizzare le vibrazioni su macchine rotanti Saper iniziare un nuovo programma di controlli predittivi, migliorarne uno esistente Determinare se è il caso di implementare un piano di controlli o meno 4 giorni Responsabili manutenzione, pianificatori, Reliability Engineers di Panoramica sui differenti concetti di manutenzione Introduzione alla manutenzione predittiva Panoramica sulle tecnologie della manutenzione predittiva Comprensione e conoscenza dei principali tipi di macchina rotante Perché le vibrazioni "parlano" circa le condizioni della macchina Come raccogliere "buone" misure, ripetibili nel tempo Fondamenti di misurazione delle vibrazioni Sensori per le vibrazioni e loro implementazione Descrizione e analisi dei problemi meccanici: sbilanciamento,disallineamento, gioco, difetti di cuscinetto Illustrazione di casi studio reali per ognuno dei problemi sopra menzionati Esempi pratici su banco prova Sessione di domande e risposte Possibilità di richiedere l'esame per ottenere la certificazione ISO dopo la formazione. Materiale didattico Banco di prova per simulare difetti vibratori. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

7 CONDITION MONITORING Analisi delle vibrazioni: livello 2 ISO Essere in grado di diagnosticare difetti accuratamente Impostare limiti di allarme Correggere certi tipi di difetto Comprendere i parametri degli analizzatori e configurare correttamente una misura vibrazionale Comprendere le analisi temporali e di fase 4 giorni + esame Operatori, tecnici, Reliability Engineers Come un buon programma ed un approccio RCM migliorano l'oee Tecniche di manutenzione predittiva avanzate (test motori elettrici, analisi particelle d'usura, emissioni acustiche US) Comprensione e conoscenza delle macchine rotanti Come scegliere il miglior punto di misura in base alla macchina ed al problema che sto riscontrando I parametri di configurazione di un analizzatore Come analizzare spettri, onde temporali, demodulazioni e misure di fase Come diagnosticare un elevato numero di difetti: sbilanciamento, eccentricità, disallineamento, alberi piegati, cuscinetti mal inseriti, gioco, difetti ai cuscinetti, cuscinetti radenti, riduttori, risonanze,.. Detezione di problemi elettrici con l analisi spettrale delle correnti e del campo magnetico Come impostare soglie di allarme manualmente Come bilanciare una macchina e correggere un problema di risonanza Esempi pratici sul banco prova Sessione di domande e risposte Possibilità di richiedere l'esame per ottenere la certificazione ISO dopo la formazione. Materiale didattico Banco di prova per simulare difetti vibratori. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

8 CONDITION MONITORING Analisi dei lubrificanti: livello 1 ISO Essere in grado di scegliere il lubrificante appropriato Saper campionare correttamente Saper scegliere le analisi da effettuare in base alle necessità Saper interpretare un report d'analisi 4 giorni Operatori, tecnici e manager di manutenzione, Reliability Engineers Presentazione dei diversi concetti di manutenzione Teoria della lubrificazione/fondamentali La scelta dei lubrificanti Principi di applicazione dei lubrificanti Stoccaggio e gestione dei lubrificanti Sostituzione dei lubrificanti Campionamento in campo - Livello 1 Monitoring e Diagnostica dello stato dei lubrificanti- Livello 1 Contaminazione e controllo - Livello 1 Monitoraggio dei detriti d'usura ed analisi - Livello 1 Panoramica delle varie prove e degli strumenti disponibili Presentazione di casi di studio reali per ogni difetto citato Esempi pratici sul banco di prova Sessione di domande e risposte Possibilità di richiedere l'esame per ottenere la certificazione ISO dopo la formazione. La stessa sarà valida solo dopo aver conseguito 12 mesi di esperienza pratica. Materiale didattico Minilab per analisi dei lubrificanti: test chimici, contaminazione solida e liquida, usura della macchina. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

9 CONDITION MONITORING Analisi dei lubrificanti:livello 2 ISO Entrare nei dettagli del mondo dei lubrificanti Comprendere metodologie più avanzate Definire piani e soglie Fare dell'analisi un metodo proattivo oltre che predittivo Introduzione Campionamento- Livello 2 Monitoraggio e diagnostica dello stato dei lubrificanti - Livello 2 Misure di contaminazione e controllo - Livello 2 Analisi e monitoraggio delle particelle d'usura - Livello 2 Scegliere analisi routinarie ed analisi straordinarie Definire i target dell'analisi e le soglie d'allarme Interpretare i dati, leggere un report d'analisi Ispezioni in campo e test Workshop - Casi studio Esempi pratici sul banco di prova Sessione di domande e risposte 4 giorni Responsabili di Manutenzione, Tecnici, Reliability Engineers Possibilità di richiedere l'esame per ottenere la certificazione ISO dopo la formazione. Materiale didattico Minilab per analisi dei lubrificanti: test chimici, contaminazione solida e liquida, usura della macchina. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

10 CONDITION MONITORING Termografia infrarossa: livello 1 ISO Essere in grado di comprendere potenzialità e limiti di un analisi termografica. Presentazione della manutenzione predittiva Panoramica sulle diverse tecnologie di manutenzione predittiva Introduzione alla termografia infrarossa Comprendere la teoria alla base Comprendere l importanza del controllo della temperatura Comprendere i punti forti della termografia Comprendere i limiti della termografia Conoscere gli ambiti di applicazione Conoscere le metodologie di acquisizione delle misure termografiche Materiale didattico Termocamera ad infrarossi. 1 giorno Operatori, tecnici di manutenzione, Reliability Engineers Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

11 CONDITION MONITORING Termografia infrarossa: livello 2 ISO giorni Tecnici di manutenzione, Reliability Engineers Essere in grado di utilizzare con precisione una termocamera ad infrarossi. Presentazione della manutenzione predittiva Panoramica sulle diverse tecnologie di manutenzione predittiva Introduzione alla termografia infrarossa Come usare una termocamera (impostazioni di base e avanzate) Interpretazione di fotografie termiche Tecniche di analisi di fotografie termiche Analisi qualitative e quantitative Tecniche di misura ad infrarossi Presentazione di casi di studio reali dei difetti citati Sessione di domande e risposte Materiale didattico Termocamera ad infrarossi. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

12 CONDITION MONITORING Analisi degli ultrasuoni: ISO Recenti studi rilevano che circa il 30-40% dell aria compressa usata in industria sfugge in perdite causate da scarsa manutenzione, connessioni difettose, raccordi e tubi assemblati in malo modo (fonte: Instituto Frauenhofer, Germania). In altre parole, se un azienda utilizza tre compressori per la distribuzione dell aria compressa, ne troverà uno a lavorare solo per far fronte alle perdite delle condotte. Questo seminario offre la possibilità di saper organizzare ed eseguire una raccolta dati tramite strumenti portatili di misurazione, di conoscere i concetti base dell analisi ad ultrasuoni e di iniziare da subito un percorso di efficientamento. 1 giorno Tecnici di manutenzione, Manutentori Meccanici, Energy e Reliability Engineers anche senza esperienza preliminare La teoria del suono, lunghezza d onda, riflessione, rifrazione, assorbimento, scattering Attenuazione e regolazioni Strumentazione: cosa c è sul mercato Detezione di perdite su circuiti in pressione Detezione di perdite su circuiti di vuoto Detezione di perdite di tenute virtuali Ispezione dello stato di tenuta interna di valvole Ispezione dello stato di funzionamento degli scaricatori di condensa Controllo della corretta lubrificazione Analisi costo/beneficio e casi studio Esercitazione pratica su banco prova Materiale didattico Pistola ad ultrasuoni. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

13 CONDITION MONITORING Diagnostica Cuscinetti:cause di guasto e contromisure Conoscere le diverse tecniche predittive di rilevazione dei difetti di cuscinetto Conoscere i diversi tipi di difetto di cuscinetto Saper riconoscere ed interpretare i diversi tipi di difetti di cuscinetto 1 giorno Team di manutenzione, Team di Ingegneria di Manutenzione, Consulenti in gestione della manutenzione ed affidabilità Panoramica sul cuscinetto a rotolamento Panoramica sui diversi tipi di cuscinetti L analisi vibrazionale per la rilevazione di difetti/problemi La termografia infrarossa per la rilevazione di difetti/problemi L analisi degli ultrasuoni per la rilevazione di difetti/problemi Come funziona l analisi delle vibrazioni Cosa si può individuare con l analisi delle vibrazioni L analisi del trend Tipi di difetto di un cuscinetto a rotolamento Sfaldatura, dentellatura, difetti di montaggio, peeling, scalfitura,smerigliatura, usura abrasiva e sfregamento, decolorazione,grippaggio, fluting, corrosione, cricche Anomalie cicliche e non Cuscinetti radenti Test finale di apprendimento Materiale didattico Cuscinetti con diverse tipologie di difetto. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

14 RELIABILITY & MAINTENANCE Il ruolo primario del Reliability Manager, è quello di identificare e gestire i rischi di affidabilità delle attività che potrebbero influenzare negativamente il funzionamento degli impianti o del business dell Azienda. Questo ruolo può essere diviso in tre aree di Gestione: eliminazione perdite, gestione del rischio e di asset management del ciclo di vita (LCAM). E possibile seguire ogni corso singolarmente. Seguire con successo l intero percorso formativo significa ottenere l attestato di Reliability Manager. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

15 RELIABILITY & MAINTENANCE Ingegneria dell Affidabilità Conoscere i diversi concetti inerenti all ingegneria dell affidabilità. 2 giorni Concetti di affidabilità e di guasto Elementi di probabilità Modelli affidabilistici Minimal Path Set, Minimal Cut Set e sistemi equivalenti Affidabilità del component e del sistema Variabili Causali (discrete, continue, Poisson, ripartizioni) Distribuzioni Affidabilità di flotta Funzione di rischio Le prove di affidabilità e stime dei parametri Stima puntuale MTTF, CFR, Weibull Sistemi riparabili Misure di disponibilità Modelli di sostituzione Modelli di riparazione Ottimizzazione economica della sostituzione preventiva Sessione di domande e risposte Ufficio tecnico, Maintenance planners, Engineering RELIABILITY & MAINTENANCE Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

16 RELIABILITY & MAINTENANCE Reliability Centered Maintenance Conoscere le politiche manutentive per incrementare l affidabilità di un processo. 1 giorno Richiami sull'analisi RAMS (affidabilità, disponibilità, manutenibilità e sicurezza) Dalla Manutenzione alla Reliability Centered Maintenance (RCM) Perché utilizzare la RCM Analisi RAMS e ciclo di progetto del sistema Le tecniche di analisi qualitative Failure Mode, Effect and Criticality Analysis (FMECA) Hazard and Operability Analysis (HAZOP) Le tecniche di analisi quantitative Reliability Block Diagram (RBD) Fault Tree Analysis (FTA) Calcolo inaffidabilità e indisponibilità dei componenti La stima numerica dei parametri RAMS per un sistema Analisi di criticità La manutenibilità La Reliability Centered Maintenance Politiche di manutenzione Total Productive Maintenance L'organizzazione della manutenzione Responsabili di manutenzione, Tecnico, Reliability Engineers Ufficio Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

17 RELIABILITY & MAINTENANCE Lean Maintenance and TPM L'obiettivo della formazione è quello di introdurre il TPM, di formare i partecipanti circa gli strumenti del TPM e vedere come il TPM può essere impiegato efficacemente su un sito di produzione. 2 giorni Responsabili di manutenzione e di produzione, Reliability Engineers Il modello Lean La TPM e la Lean Production Il miglioramento dell'efficienza L'analisi delle perdite Il miglioramento dell'affidabilità La Process Capability La riduzione dei tempi di cambio produzione (Set-up) - cenni Le logiche di base per la riduzione dei tempi di set-up Un caso aziendale La nuova organizzazione della manutenzione I compiti della produzione e dell'ente Manutenzione La manutenzione autonoma La gestione a vista nel reparto La certificazione delle attività di manutenzione L'approccio Lean: l'evento Kaizen La ricerca del miglioramento: i 7 flussi ed i 7 sprechi L'analisi delle cause: i 5 perché La ricerca delle soluzioni: il trystorming e le 7 soluzioni La standardizzazione: le OPL Presentazione di un caso aziendale di miglioramento rapido dell'efficienza Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

18 RELIABILITY & MAINTENANCE Life Cycle Cost Management 2 giorni Comprendere i principi e le applicazioni del Life Cycle Cost Scegliere le macchine giuste Utilizzare le analisi di investimento Tenere conto delle applicazioni a rischio Principi del Life Cycle Cost LCC vs Strategia manutentiva Modello base di LCC Come utenti finali e fornitori usano l LCC Analisi di criticità Analisi dell investimento LCC vs Budget Pianificazione risorse Gestione del rischio Ottimizzazione delle strategie Gare e Audit Studi di fattibilità Caso studio per promuovere la discussione e mettere in pratica quanto appreso Responsabili di manutenzione, tecnico ufficio Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

19 RELIABILITY & MAINTENANCE Team Building Trasformare un gruppo di collaboratori in un team ad alte prestazioni Essere consapevoli delle dinamiche del team Motivare le persone per orientarle verso un obiettivo di gruppo e non in funzione di obiettivi individuali Ragionare in termini di risultato di gruppo Comprendere le potenzialità di ogni collaboratore Esercitare il ruolo di trainer Mantenere l'efficienza del team, anche in situazioni di crisi 1 giorno Conoscere il rapporto tra organizzazione aziendale e gruppi di lavoro per meglio indirizzare i propri sforzi Condizioni per creare un team di successo Come sviluppare un team ad alta performance Accompagnare l'evoluzione del proprio team Sviluppare un coordinamento produttivo nel proprio gruppo di lavoro Il processo decisionale nel gruppo di lavoro Come arrivare al team eccellente Responsabili di area e direttori di funzione, Team leader, Responsabili di unità organizzative, Responsabili di team di progetto interfunzionali, Project Manager, Capi Area Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

20 RELIABILITY & MAINTENANCE KPI di manutenzione:sceglierli, misurarli e applicarli con successo Controllare e valutare le prestazioni di manutenzione attraverso i Key Performance Indicators (KPI) è un approccio strategico per raggiungere in modo efficace gli obiettivi aziendali. I KPI di efficacia e di efficienza possono essere utilizzati per un migliore conseguimento dei risultati aziendali, poiché sono legati in modo specifico ad ogni singolo obiettivo; sono misurabili per verificare i progressi dell organizzazione; sono realistici e quindi raggiungibili in uno spazio temporale predefinito. L approccio del corso è estremamente pratico: verranno proposte esercitazioni e studio di casi reali. 1 giorno Presentazione del corso Statistica di base Statistica applicata ai processi di manutenzione ed erogazione dei servizi Raccolta ed analisi dei dati di manutenzione KPI di efficacia KPI di efficienza Casi Studio Dirigenti e quadri, responsabili qualità, responsabili e figure tecniche del servizio di manutenzione, tecnici e manager di manutenzione, consulenti, direttori di unità produttive Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

21 RELIABILITY & MAINTENANCE Gestione del magazzino ricambi di manutenzione Il magazzino ricambi rappresenta una gran parte dei costi di manutenzione di ogni impianto; non avere i materiali giusti al posto giusto e al momento giusto è una causa comune di perdita di produttività e ridotta affidabilità. Questo seminario unico fornisce soluzioni concrete ai problemi di gestione del magazzino ricambi. Portate il vostro team di Gestione di Manutenzione, il Responsabile Magazzino Manutenzione, Acquisti e IT e tornerete con strumenti e conoscenze per migliorare notevolmente la gestione delle parti di ricambio e dei materiali di consumo. 1 giorno Responsabili Manutenzione, Responsabili del magazzino ricambi, Direttori di Produzione, Direzione Acquisti L'impatto del Magazzino Ricambi sulle prestazioni della manutenzione L'organizzazione per la gestione efficiente dei materiali e massima affidabilità degli impianti Allineamento degli obiettivi per i manager di Acquisti, Magazzino e Manutenzione Le competenze necessarie per una gestione efficace dei materiali di manutenzione L accuratezza dei dati sui materiali e come questo obiettivo critico può essere raggiunto Integrazione della gestione dei materiali con l'affidabilità degli impianti Nozioni di base di gestione dell'inventario per forniture e parti di ricambio Un processo logico e step-by-step per decidere cosa tenere a magazzino e in quale quantità Gestione delle scorte obsolete Creazione efficiente delle BOM Ricercare efficacemente le parti di ricambio, anche nella vostra situazione attuale Intercambiabilità dei ricambi Gestione delle parti di ricambio riparabili Utilizzare le informazioni del magazzino per individuare i miglioramenti di affidabilità Test finale di apprendimento con sufficienza al 70%. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

22 RELIABILITY & MAINTENANCE Laboratorio pratico di analisi FMECA La principale finalità dell intervento proposto è quella di fornire al personale tecnico le basi metodologiche e gli strumenti operativi per una gestione ottimizzata delle attività di manutenzione dei propri asset, nell obiettivo globale di ridurre gli impatti economici, intesi in termini di costi diretti ed indotti di mancata produzione. 1 Giorno: Argomenti di Ingegneria di Manutenzione e dell Affidabilità Definizioni e concettualità della manutenzione Terminologia secondo le norme UNI CEN Concetti generali Le politiche di manutenzione Affidabilità, manutenibilità e disponibilità di componenti: calcolo di MTBF, MTTF, MTBM, MRT, MTTR, MDT e degli indici di disponibilità; il tasso di guasto e la curva a vasca da bagno Aspetti metodologici e strumenti operativi dell analisi RAMS Analisi di criticità di impianti. FMECA (Failure Mode Effect and Criticality Analysis) 2 giorni Direttori di Stabilimento, Direttori di Produzione, Responsabili di Manutenzione, Ingegneria di Manutenzione, Responsabili della Progettazione, Direttori Tecnici, Project Engineering, Industrial Operations Managers 2 Giorno: Applicazioni pratiche Analisi di criticità di una unità d'impianto (n max. sedi tecniche pari a 20), ritenuta significativa per aspetti legati a: produzione, sicurezza e impatto ambientale Impostazione della FMECA di un singolo asset (es. compressore gas) finalizzata ad una valutazione critica delle attività di manutenzione in essere ed alla riprogettazione di un piano di manutenzione ottimizzato Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

23 RELIABILITY & MAINTENANCE Project management di manutenzione con PMP certificato Partecipa a questo corso per: Saper impostare la direzione di un progetto Progettare la struttura organizzativa adeguata per il raggiungimento di obiettivi specifici Coordinare e motivare le risorse umane Gestire i tempi di realizzazione degli interventi Ottenere migliori prestazioni nella manutenzione e ridurne i costi 2 giorni Figure con alcuni anni di esperienza che vogliano acquisire competenze di project management per migliorarsi o orientarsi al nuovo ruolo di Manager di manutenzione Note Tecniche di Project Management Il ciclo di vita del progetto (Project Life Cycle) e le fasi di sviluppo Rappresentazione di Morris, rappresentazione di Murphy, rappresentazione di Muench & Co Gestione degli Stakeholders Planning del Project Manager Tree Diagram & Logic Flow; Work Breakdown Structure Organizational Breakdown Structure e Work Package Description Stima dei tempi di progetti ad elevata incertezza con la tecnica PERT Riallocazione delle risorse di progetto con la tecnica CPM, lo scheduling delle attività di progetto, il diagramma di Gantt Il bar-chart Gestione del team di progetto con il metodo SCRUM Misurazione e controllo del progetto con l Earned Value Added Caso studio applicativo su progetto di Reliability Excellence L'esame conclusivo consiste di 20 domande (a risposta multipla) alle quali bisogna rispondere in 40 minuti. L'esame viene superato se si risponde correttamente ad almeno il 75% delle domande. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

24 RELIABILITY & MAINTENANCE Attuazione di un piano di lubrificazione proattivo Essere in grado di attuare un piano di lubrificazione proattivo. 1 giorno Presentazione della manutenzione predittiva Gli effetti della lubrificazione sull'affidabilità delle macchine Introduzione alla lubrificazione delle macchine Gli oli di base e gli addensanti per i grassi Prestazioni di un lubrificante (proprietà chiave) I lubrificanti alimentari ed ecologici Il degrado degli additivi Le prassi migliori della lubrificazione con grasso Le prassi migliori della lubrificazione con olio Come scaricare, pulire e gestire le proprie riserve Lo stoccaggio e la manutenzione dei lubrificanti Implementazione e ottimizzazione di piani predittivi di lubrificazione I lubrificanti per le automobili Il controllo della contaminazione Monitoraggio e valutazione degli indicatori di performance Esercitazione pratica in sito Sessione di domande e risposte Responsabili di manutenzione, Tecnico, Reliability Engineers Ufficio Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

25 RELIABILITY & MAINTENANCE Calcolo dell OEE base Comprendere come l OEE può essere utilizzato per migliorare le performance produttive. Definizione e calcolo dell OEE Modalità di definizione del sistema di misura Modalità di raccolta dei dati Esercitazioni pratiche con dati fittizi Tracciare le componenti dell OEE Identificare ed imparare dalla migliori pratiche operative Presentare e saper comunicare i dati OEE L OEE come strumento per motivare lo staff verso il miglioramento aziendale L OEE e la TPM (Total Productive Maintenance) 2 giorni Tecnici, responsabili di produzione, manager di manutenzione, Reliability Engineers Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

26 RELIABILITY & MAINTENANCE Calcolo dell OEE avanzato ELIABILITY & MAINTENANC Progettazione del sistema di monitoraggio dell OEE per lo stabilimento in esame Sperimentazione della metodologia Individuazione dei primi interventi migliorativi Individuazione dei primi interventi migliorativi Predisposizione modulistica Raccolta dati Presentazione degli strumenti di analisi dei dati Analisi preliminare dei dati raccolti Metodi pratici di miglioramento dell OEE Analisi ulteriore dei dati raccolti Definizione degli interventi di miglioramento Verifica implementazione modifiche Consolidamento del sistema Sistemi di mantenimento del sistema Diffusione dei risultati e delle responsabilità L'organizzazione della manutenzione 18 giorno giorni Responsabili Operatori, di tecnici e manutenzione, manager Ufficio di Tecnico, manutenzione, Reliability Reliability Engineers Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

27 RELIABILITY & MAINTENANCE Censimento degli asset Capire perché e come censire gli asset secondo la normativa di riferimento. Panoramica sui vantaggi, costi e benefici derivanti dal censimento degli asset Creazione dell albero degli asset Organizzazione documentale e reperimento informazioni La convalida impiantistica Il censimento come strumento per fare efficienza La normativa di riferimento per i diversi settori Casi pratici di applicazione Tracciabilità degli interventi Bar-code e parti di ricambio Casi studio 1 giorno Responsabili Operatori, di tecnici e manutenzione, manager di manutenzione Ufficio Tecnico, Reliability Engineers Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

28 CONTROLLI NON DISTRUTTIVI Il ruolo primario dello Specialista dei Controlli Non Distruttivi, è quello di applicare la giusta metodologia non distruttiva al caso specifico, di condurla nelle modalità corrette, di conoscere quando le condizioni sono tali da ritenere la prova valida o almeno sapere stabilire il grado di e gli aspetti di rischio. E possibile seguire ogni corso singolarmente. Seguire con successo l intero percorso formativo significa ottenere l attestato di Specialista dei Controlli Non Distruttivi. Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

29 CONTROLLI NON DISTRUTTIVI Metodo Visivo (VT) 3 giorni Personale tecnico addetto ai controlli non distruttivi Il corso si propone di addestrare il personale addetto al metodo visivo dei controlli non distruttivi. Per le imprese che desiderano formare più addetti è possibile prevedere un calendario personalizzato, da svolgersi eventualmente presso la sede aziendale. Introduzione Definizioni Visione Illuminazione Caratteristiche dei materiali Fattori ambientali e fisiologici Percezione visiva Attrezzatura Applicazioni tipiche del datore di lavoro Esame visivo con riferimento a specifiche procedure Criteri di accettabilità Registrazione e documentazione operativo in fase di manutenzione (Es. FDP Ciampino ACC) Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

30 CONTROLLI NON DISTRUTTIVI Metodo Liquidi Penetranti (PT) Il corso si propone di addestrare il personale addetto ai controlli non distruttivi sul metodo dei liquidi penetranti. Per le imprese che desiderano formare più addetti è possibile prevedere un calendario personalizzato, da svolgersi eventualmente presso la sede aziendale. Principi del controllo con liquidi penetranti Basi fisiche del metodo Tecniche applicative e modalità operative Apparecchiature ed accessori Indicazioni evidenziabili all'esame con liquidi penetranti Tecniche speciali Interpretazione e rapporto d'esame Normativa 3 giorni Personale tecnico addetto ai controlli non distruttivi Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

31 CONTROLLI NON DISTRUTTIVI Metodo Ultrasuoni (UT) Il corso si propone di addestrare il personale addetto ai controlli non distruttivi sul metodo con ultrasuoni. Per le imprese che desiderano formare più addetti è possibile prevedere un calendario personalizzato, da svolgersi eventualmente presso la sede aziendale. Principi del controllo ultrasonoro Basi fisiche del metodo Apparecchiature Tecniche di controllo Tarature Applicazioni Interpretazione e rapporto d'esame 1 Normativa 10 giorni Personale tecnico addetto ai controlli non distruttivi Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

32 CONTROLLI NON DISTRUTTIVI Metodo Magnetoscopico (MT) Il corso si propone di addestrare il personale addetto ai controlli non distruttivi sul metodo magnetoscopico. Per le imprese che desiderano formare più addetti è possibile prevedere un calendario personalizzato, da svolgersi eventualmente presso la sede aziendale. Principi del controllo magnetoscopico Basi fisiche del metodo Tecniche applicative Apparecchiature ed accessori Rivelatori Verifica dell'efficacia dei mezzi di controllo Interpretazione e rapporto d'esame Normativa 3 giorni Personale tecnico addetto ai controlli non distruttivi Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel

33 TECNOLOGIE CORRETTIVE Il ruolo dello Specialista delle Tecnologie Correttive è quello di concretizzare gli interventi proattivi per migliorare lo stato di funzionamento delle macchine. Essere il portavoce dell'importanza della conoscenza dello stato di funzionamento delle macchine per avere un processo affidabile, sicuro, energeticamente efficiente. Puntare al miglioramento continuo della disponibilità delle macchine e del life cycle cost. E possibile seguire ogni corso singolarmente. Seguire con successo l intero percorso formativo significa ottenere l attestato di Specialista delle Tecnologie Correttive. Il ruolo primario dello Specialista dei Controlli Non Distruttivi, è quello di applicare la giusta metodologia non distruttiva al caso specifico, di condurla nelle modalità corrette, di Via Enrico Fermi 5/A, Salò (BS) Tel conoscere quando le condizioni sono tali da ritenere la prova valida o almeno sapere

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Dottorato in Tecnologie e Sistemi di Produzione - XXI Ciclo Tesi di Dottorato

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli