Università di Pisa E mail: Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Pisa E mail: allegrini@ec.unipi.it. Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 1"

Transcript

1 Prof. Marco Allegrini i Università di Pisa E mail: Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 1

2 D.Lgs. 32/2007 e modifica dell art c.c. D.Lgs. 195/2007 e modifica del TUF e dell attestazione del DP D.Lgs. 173/2008 modifica della relazione sulla gestione per le quotate Linee guida per la redazione della relazione annuale in materia di Corporate Governance (Borsa Italiana, 2008) Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 2

3 D.Lgs. 32/2007 (recepimento direttiva UE 2003/51): Modifica dell art c.c. Riferimento ad analisi fedele, equilibrata ed esauriente L analisi Lanalisi di cui al comma 1 riguarda anche il risultato della gestione (contenente ) nonché una descrizione dei principali rischi e incertezze sui la società è esposta. L'analisi di cui al comma 1 è coerente con l'entità e la complessità degli affari della società e contiene, nella misura necessaria alla comprensione della situazione della società e dell'andamento e del risultato della sua gestione, gli indicatori di risultato finanziario e, se del caso, quelli non finanziari i i pertinenti all'attività ità specifica della società, comprese le informazioni attinenti all'ambiente e al personale. L'analisi contiene, ove opportuno, riferimento agli importi riportati nel bilancio e chiarimenti aggiuntivi. Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 3

4 D.Lgs. 195/2007: modifica del TUF (Art. 154 bis) Comma 5 Gli organi amministrativi delegati e il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari attestano con apposita relazione sul bilancio di esercizio, sul bilancio semestrale abbreviato e, ove redatto, sul bilancio consolidato: a) l adeguatezza e l effettiva leffettiva applicazione delle procedure di cui al comma 3 nel corso del periodo cui si riferiscono i documenti; e) per il bilancio d esercizio e per quello consolidato, che la relazione sulla gestione comprende un analisi attendibile dell andamento e del risultato della gestione nonché della situazione dell emittente emittente e dell insieme delle imprese incluse nel consolidamento, unitamente alla descrizione dei principali rischi e incertezze cui sono esposti; f) per il bilancio semestrale abbreviato, che la relazione intermedia sulla gestione contiene un analisi attendibile delle informazioni di cui al comma 4 dell articolo 154 ter.

5 DLgs D.Lgs. 195/2007 e attestazione sulla relazione sulla gestione Per il bilancio di esercizio e per quello consolidato, il nuovo art. 154 bis, comma 5, lett. e) prevede che la relazione sulla gestione debba comprendere un analisi attendibile dell andamento e del risultato della gestione, nonché della situazione dell emittente e dell insieme delle imprese incluse nel consolidamento, unitamente alla descrizione dei principali rischi e incertezze cui sono esposti. Per il bilancio semestrale abbreviato, il comma 5, lett. f) stabilisce che la relazione intermedia sulla gestione debba contenere un analisi attendibile delle informazioni di cui al comma 4 dell art. 154 ter in base al quale la relazione intermedia sulla gestione contiene almeno riferimenti agli eventi importanti che si sono verificati nei primi sei mesi dell esercizio e alla loro incidenza sul bilancio semestrale abbreviato, unitamente ad una descrizione dei principali p rischi e incertezze per i sei mesi restanti dell esercizio. Per gli emittenti azioni quotate aventi l Italia come Stato membro d origine, la relazione intermedia sulla gestione contiene, altresì, informazioni sulle operazioni rilevanti con parti correlate.

6 DLgs D.Lgs. 173/2008 e relazione sulla gestione per le società quotate Art. 123 bis del D.Lgs. n. 58/1998 Relazione sul governo societario e gli assetti societari informazioni sul governo dell impresa (riferite ad organo amministrativo, assemblea, soci e loro diritti) Informazioni sugli assetti proprietari (partecipazioni rilevanti, titoli che conferiscono speciali diritti di controllo, patti parasociali, accordi suscettibili di modifica in caso di cambiamento del controllo delle società) Informazioni sull adesione ai codici di comportamento In vigore dai bilanci relativi agli esercizi aventi inizio a decorrere dal 21 novembre 2008 Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 6

7 DLgs D.Lgs. 173/2008 e relazione sulla gestione per le società quotate informazioni sulle caratteristiche dei sistemi di gestione dei rischi e di controllo interno; Lasocietà à di revisione ii dovràà esprimere un giudizio i sulla coerenza con il bilancio di alcune informazioni sul governo societario e gli assetti proprietari e verificare che sia stata elaborata una relazione sul governo societarioe gli assetti proprietari Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 7

8 Linee guida per la redazione della relazione annuale in materia di Corporate Governance (Borsa Italiana, 2008) 1. Profilo dell emittente 2. Informazioni sugli Assetti Proprietari (ex art. 123bis TUF) 3. Compliance 4. Attività di direzione e coordinamento 5. Consiglio di amministrazione 6. Trattamento delle informazioni societarie 7. Comitati interni al Consiglio 8. Comitato per le nomine 9. Comitato per la remunerazione 10.Remunerazione degli Amministratori 11.Comitato per il controllo interno 12.Sistema di controllo interno 13. Interessi degli Amministratori e operazioni con parti correlate 14.Nomina dei Sindaci 15.Sindaci 16.Rapporti con gli Azionisti 17.Assemblee 18.Cambiamenti dalla chiusura dell esercizio di riferimento Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 8

9 Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 9

10 Art c.c. I e II comma 1. Il bilancio deve essere corredato da una relazione degli amministratori contenente un'analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società e dell'andamento e del risultato della gestione, nel suo complesso e nei vari settori in cui essa ha operato, anche attraverso imprese controllate, con particolare riguardo ai costi, ai ricavi e agli investimenti, nonché una descrizione dei principali rischi e incertezze sui la società è esposta. 2. L'analisi di cui al comma 1 è coerente con l'entità e la complessità degli affari della società e contiene, nella misura necessaria alla comprensione della situazione della società e dell'andamento e del risultato della sua gestione, gli indicatori di risultato finanziario e, se del caso, quelli non finanziari pertinenti all'attività specifica della società, comprese le informazioni attinenti all'ambiente e al personale. L'analisi Lanalisi contiene, ove opportuno, riferimento agli importi riportati nel bilancio e chiarimenti aggiuntivi. Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 10

11 Art. 2428, I e II comma Elementi Situazione della società Andamento risultato della gestione Raggio di azione nel suo complesso nei vari settori in cui essa ha operato, anche attraverso imprese controllate Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 11

12 Art. 2428, I e II comma Prospettive Qualitativa Quantitativa Costi, ricavi e investimenti Indicatori finanziari Indicatori non finanziari Ambiente personale Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 12

13 Art. 2428, I e II comma Rischi e incertezze cui la società è esposta Legame con bilancio: riferimento agli importi riportati nel bilancio chiarimenti aggiuntivi. Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 13

14 Le categorie informative obbligatorie: altre informazioni (III co.) 1. Attività di R&S 2. Rapporti con imprese controllate, collegate, controllanti 3. N. e VN di azioni proprie o della controllante possedute 4. N. e VN di azioni i proprie o della controllante acquistate o alienate 5. Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio i 6. Evoluzione prevedibile sulla gestione 6.bis Rischi finanziari Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 14

15 Gli indicatori idi risultato Indicatori finanziari Tradizionali i Alternative performance measures Indicatori non finanziari Competitivi i i Processo Innovazione Risorse umane Ambiente

16 Stato patrimoniale riclassificato secondo il criterio gestionale Crediti netti verso clienti + magazzino prodotti + magazzino materie - debiti verso fornitori correnti +/- crediti/debiti Iva - debiti di lavoro CAPITALE CIRCOLANTE COMMERCIALE - fondo TFR + immobilizzazioni tecniche CAPITALE OPERATIVO INVESTITO NETTO + Investimenti finanziari CAPITALE INVESTITO NETTO GLOBALE - Posizione finanziaria netta CAPITALE NETTO

17 Indicatori finanziari (IRDCEC, documento n. 1): ratios reddituali

18 Indicatori finanziari (IRDCEC, documento n. 1): ratios patrimoniali Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 18

19 Posizione finanziaria netta Operating free cash flow Organic growth EBIT/EBITDA EVA Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 19

20 EBIT/EBITDA Risultato prima delle imposte derivante dalle attività in funzionamento + Oneri finanziari Proventi finanziarii i +/ Quota dei risultati delle partecipazioni in imprese collegate e a controllo congiunto valutate secondo il metodo del patrimonio netto EBIT Risultato Operativo +/ Svalutazioni/(Ripristini di valore) di Attività non Correnti +/ Minusvalenze/(Plusvalenze) da realizzo di attività non Correnti + Ammortamenti EBITDA Risultato Operativo Ante Ammortamenti, Plusvalenze/(Minusvalenze) e Ripristini di valore/(svalutazioni) di Attività non Correnti

21 Posizione Finanziaria Netta (Raccomandazione CESR CESR/05 054b/Consob /2005) Descrizione Variazione A. Cassa B. Altre disponibilità liquide (dettagli) C. Titoli detenuti per la negoziazione D. Liquidità (A+B+C) E. Crediti finanziari correnti F. Debiti bancari correnti G. Parte corrente dell indebitamento non corrente H. Altri debiti finanziari correnti I. Indebitamento finanziario corrente (F+G+H) J. Indebitamento finanziario corrente netto (I E D) K. Debiti bancari non correnti L. Obbligazioni emesse M. Altri debiti non correnti N. Indebitamento finanziario non corrente (K+L+M) O. Indebitamento finanziario netto (J+N)

22 Operating Free cash flow Risultato operativo caratteristico + costi caratteristici non monetari (-ricavi non monetari) I. flusso di circolante della gestione caratteristica corrente (flusso di cassa potenziale) - incremento (+ decremento) rimanenze - incremento (+ decremento) crediti caratteristici + incremento (-decremento) debiti caratteristici II. totale variazioni ioni del capitale circolante netto caratteristico A. cash flow caratteristico corrente (I+II) B. Capital expenditures (investimenti netti operativi) C. Operating Free Cash Flow

23 Organic growth Esprime la variazione in valore assoluto e/o in percentuale dei Ricavi, dell EBITDA e dell EBIT EBIT, escludendo gli effetti di: variazione dell area di consolidamento, acquisti di aziende differenze cambio componenti non organiche costituite dalle poste non ricorrenti

24 Economic Value Added (EVA ) EVA = (ROIC WACC ) K = NOPAT WACC K ROIC = NOPAT/K NOPAT = Operating profit (1 TaxRate) WACC = Weighted Average Cost of Capital K ~ COIN (Capitale Operativo Investito Netto ) WACC = w d (1 T) r d + w e r e w d = debt portion of value of corporation T = tax rate r d = cost of debt (rate) w e = equity portion of value of corporation r e = cost of internal equity (rate)

25 Altri indicatori finanziari

26 Ratios sul cash flow Cash flow caratteristico / vendite Cash flow caratteristico / reddito operativo Cash flow caratteristico / cash flow investimenti Posizione finanziaria netta / Free cash flow

27 Esempio Highlights finanziari (Eni) 27

28 Esempio organic Growth (Telecom) 28

29 Esempio ratios su cash flow (Benetton) 29

30 Indicatori non finanziari (IRDCEC, documento n. 1) Posizionamento i Customer sul mercato satisfaction Efficienza fattori/processi Innovazione Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 30

31 Indicatori non finanziari (es. IRDCEC, documento n. 1): posizionamento sul mercato e customer satisfaction

32 Indicatori non finanziari (es. IRDCEC, documento n. 1): efficienza fattori e processi Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 32

33 Indicatori non finanziari (es. IRDEC, documento n. 1): innovazione Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 33

34 Esempio KPI: Customer satisfaction (Banco Santander) 34

35 Informazioni sul personale (documento n. 1 IRDCEC) Composizione i e turnover Formazione Retribuzione i Sicurezza Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 35

36 Esempio scorecard Risorse umane (Unicredit) 36

37 Informazioni sull ambiente Politiche ambientali Obiettivi Investimenti Impatti ambientali Consumi risorse naturali Emissioni Sprechi Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 37

38 Sostenibilità (Sace) 38

39 KPI: Economic,Social, Health and Safety (Novartis) 39

40 KPI: target e status (Telefonica) 40

41 Attività di direzione e coordinamento Parimenti, gli amministratori devono indicare nella relazione sulla gestione i rapporti intercorsi con chi esercita l'attività di direzione e coordinamento e con le altre società che vi sono soggette, nonché l'effetto che tale attività ha avuto sull'esercizio dell'impresa sociale e sui suoi risultati, (art bis, comma 4) Le decisioni delle società soggette ad attività di direzione e coordinamento, quando da questa influenzate, debbono essere analiticamente motivate e recare puntuale indicazione delle ragioni e degli interessi la cui valutazione ha inciso sulla decisione. Di esse viene dato adeguato conto nella relazione di cui all'art (art ter) Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 41

42

43 Alcuni standard/guide/framework / sul risk reporting Codice Civile: art n. 1 e n. 3, par. 6-bis OIC 3, Principi contabili. Le informazioni sugli strumenti finanziari da includere nella nota integrativa e nella relazione sulla gestione, Marzo IFRS 7 TUF, Art. 154 bis comma 5, e) ed f), come modificato dal D.Lgs. 195/2007 IRDEC, Documento n. 1, La relazione sulla gestione. Alcune considerazioni, Ottobre 2008 Documento Banca d'italia/consob/isvap n. 2 del 6 febbraio 2009, Tavolo di coordinamento fra Banca d'italia, Consob ed Isvap in materia di applicazione degli IAS/IFRS ICAEW, Financial Reporting of Risk Proposals for a Statement of Business Risk SEC (Security Exchange Commission), Financial Reporting Release No. 48 IASB, Discussion Paper on Management Commentary, CICA, Guidance on preparation and disclosure, COSO/ ERM Enterprise Risk Management ASB, Reporting Statement: operating and financial review, SEC- Regolamento S K per la redazione del FORM 10K- Item 1A - 7, German Accounting Standard 5 (GAS 5 riskreporting)

44 Il codice civile e l informativa sui rischi Art codice civile 1 comma Il bilancio deve essere corredato da una relazione degli amministratori contenente un'analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società ità e dell' andamento e del risultato t della gestione, nel suo complesso e nei vari settori in cui essa ha operato, anche attraverso imprese controllate, con particolare riguardo ai costi, ai ricavi e agli investimenti, nonché una descrizione dei principali rischi e incertezze cui la società è esposta. 3 comma 6 bis) in relazione all'uso da parte della società di strumenti finanziari e se rilevanti per la valutazione della situazione patrimoniale e finanziaria e del risultato economico dell'esercizio: a) gli obiettivi e le politiche della società in materia di gestione del rischio finanziario, compresa la politica di copertura per ciascuna principale categoria di operazioni previste; b) l'esposi lesposizione ione della società al rischio di prezzo, al rischio di credito, al rischio di liquidità e al rischio di variazione dei flussi finanziari.

45 Informativa sui rischi ex art I comma: la classificazione del COSO framework Strategic Operations Reporting Compliance

46 Informativa sui rischi finanziari ex art. 2428, III comma 6 bis c.c.: classificazione Rischio credito Rischio prezzo Rischio liquidità Rischio di variazione i dei flussi finanziari Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 46

47 Informativa sui rischi finanziari ex art. 2428, III comma 6 bis informazioni qualitative (quelle di cui all art. 2428, 6 bis, sub a) volte a descrivere gli obiettivi della direzione aziendale, le politiche e i criteri utilizzati per fronteggiare i rischi; informazioni quantitative (quelle di cui all art. 2428, 6 bis bis, sub b) volte a fornire indicazioni circa la dimensione (ampiezza) dell esposizione ai rischi da parte dell impresa.

48 Informazioni iqualitative ti (art. 2428, III co., 6 bis,, sub a, c.c.) OIC 3 L informativa relativa alle scelte e alle politiche di cui al precedente punto a) comprende: il grado di utilizzo degli strumenti finanziari; la struttura e l organizzazione delle funzioni di risk management ; lo scopo e la natura del risk reporting dell impresa o i sistemi di misurazione; le strategie di copertura o di attenuazione dei rischi finanziari; i processi posti in essere dall impresa per monitorare l efficienza di tali strategie; le politiche e i criteri utilizzati dal management per evitare le eccessive concentrazioni di rischio ed ottenere garanzie atte ad attenuare il rischio.

49 Informazioni quantitative Rischio di credito art. 2428, III co., 6 bis, sub b) OIC 3 informazioni relative alla qualità creditizia delle attività finanziarie; l ammontare delle attività finanziarie ritenute di dubbia ricuperabilità; l ammontare che, alla data di riferimento del bilancio, rappresenta adeguatamente la massima esposizione, senza prendere in considerazione le eventuali garanzie collaterali o altri elementi che migliorano la qualità del credito; laddove ritenuto opportuno occorre fornire una descrizione delle garanzie collaterali ottenute (ad esempio pegni, ipoteche, fidejussioni, i i etc.) e degli altri strumenti di sostanziale garanzia ottenuti (come ad esempio: canalizzazione di pagamenti pg da parte del debitore).

50 Informazioni quantitative Rischio di liquidità art. 2428, III co., 6 bis, sub b OIC 3 Analisi sulle scadenze relative alle attività e passività finanziarie classificate in un appropriato numero di fasce temporali di scadenze. Altri elementi: Previsioni circa la possibile estinzione in una data successiva a quella contrattualmente prevista; il possesso di attività finanziarie per le quali esiste un mercato liquido e che sono prontamente vendibili per soddisfare le necessità di liquidità; l esistenza di strumenti di indebitamento (ad esempio commercial paper) o altre linee di credito (ad esempio crediti in stand by) per far fronte alle esigenze di liquidità; il possesso di attività finanziarie per le quali non esiste un mercato liquido ma dalle quali sono attesi flussi finanziari (capitale o interesse) che saranno disponibili per soddisfare le necessità di liquidità; il possesso di depositi presso istituti di credito per soddisfare le necessità di liquidità; l esistenza di differenti fonti di finanziamento; l esistenza di significative concentrazioni di rischio di liquidità sia dal lato delle attività finanziarie che da quello delle fonti di finanziamento.

51 Informazioni quantitative Rischio di liquidità art. 2428, III co., 6 bis, sub b OIC 3 Se l impresa fronteggia il rischio di liquidità in base alle date di scadenza attese (ossia cercando di abbinare per scadenze temporali entrate ed uscite finanziarie) i i occorre illustrare per ciascuna scadenza attesa sia le passività finanziarie e sia le attività ità finanziarie iarie interessate. Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 51

52 Informazioni iquantitative Rischio di prezzo (art. 2428, III co., 6 bis, sub b, c.c.) OIC 3 Qualora il rischio sia significativo è opportuno illustrare un analisi di sensitività alla data di bilancio Rischio di tasso. L analisi i di sensitività ità indica separatamente t l effetto di una variazione nei tassi di interesse su interessi attivi e passivi nonché sulle altre componenti di reddito (ad esempio utile o perdite derivanti dalla negoziazione); Rischio sui tassi di cambio (o rischio valutario). Un analisi di sensitività, sugli strumenti finanziari denominati in valuta estera, può essere fornita per le principali p valute alle quali l impresa è esposta; Rischio di prezzo. Con riferimento a tale rischio, relativo ad esempio alle fluttuazioni dei prezzi di beni all ingrosso, dei prezzi degli strumenti rappresentativi di capitale o degli strumenti finanziari, l analisi li i di sensitività ità può essere modulata mostrando gli effetti di una diminuzione in uno specifico indice di Borsa, nei prezzi all ingrosso dei beni, ecc.

53 Rischio di variazione ione dei flussi finanziari iari (art. 2428, III co., 6 bis, sub b, c.c.) OIC 3 Effetti sui flussi cedolari dello strumento finanziario derivanti dalla variazione dei tassi di interesse. In una prima fase l utilizzo di parametri, quali ad esempio la duration, permettono di fornire indicazioni sulla sensibilità dei flussi finanziari rispetto le variazioni attese dei tassi di mercato. Successivamente, tenuto conto della duration, l analisi si concentra sulla determinazione degli effetti sui flussi finanziari, in relazione a variazioni sui tassi di interesse attesi. Qualora l impresa fronteggi il rischio di variazione dei flussi finanziari attraverso operazioni di copertura, l informativa da fornire nella relazione sulla gestione è basata sugli elementi di efficacia i dello strumento di copertura, rinviando i invece alla nota integrativa per le informazioni di maggior dettaglio sullo strumento derivato.

54 IFRS 7 Rischio di credito Rischio di liquidità idi Rischio di mercato Rischio di valuta Rischio di tasso di interesse sul fair value Rischio di tasso di interesse sui flussi finanziari Rischio di prezzo Esclusi i rischi operativi

55 TUF Art. 154 bis comma 5 (come modificato dal D.Lgs. 195/2007) 5. Gli organi amministrativi i ti i delegati e il dirigente i preposto alla redazione dei documenti contabili tbili societari attestano con apposita relazione sul bilancio di esercizio, sul bilancio semestrale abbreviato e, ove redatto, sul bilancio consolidato: a) l adeguatezza e l effettiva applicazione delle procedure di cui al comma 3 nel corso del periodo cui si riferiscono i i documenti; b) che i documenti sono redatti in conformità ai principi contabili internazionali applicabili riconosciuti nella Comunità europea ai sensi del regolamento (CE) n. 1606/2002; c) la corrispondenza dei documenti alle risultanze dei libri e delle scritture contabili; d) l idoneità ità dei documenti a fornire una rappresentazione veritiera e corretta della situazione i patrimoniale, economica e finanziaria dell'emittente e dell'insieme delle imprese incluse nel consolidamento; e) per il bilancio d esercizio e per quello consolidato, che la relazione sulla gestione comprende un analisi i attendibile dell andamento d e del risultato t della gestione nonché della situazione dell emittente e dell insieme delle imprese incluse nel consolidamento, unitamente alla descrizione dei principali rischi e incertezze cui sono esposti; f) per il bilancio semestrale abbreviato, che la relazione intermedia sulla gestione contiene un analisi attendibile delle informazioni di cui al comma 4 dell articolo 154 ter. 5 bis. L attestazione di cui al comma 5 è resa secondo il modello stabilito con regolamento dalla Consob.

56 DLgs D.Lgs. 195/2007 e attestazione sulla relazione sulla gestione Per il bilancio di esercizio e per quello consolidato, il nuovo art. 154 bis, comma 5, lett. e) prevede che la relazione sulla gestione debba comprendere un analisi attendibile dell andamento e del risultato della gestione, nonché della situazione dell emittente e dell insieme delle imprese incluse nel consolidamento, unitamente alla descrizione dei principali rischi e incertezze cui sono esposti. Per il bilancio semestrale abbreviato, il comma 5, lett. f) stabilisce che la relazione intermedia sulla gestione debba contenere un analisi attendibile delle informazioni di cui al comma 4 dell art. 154 ter in base al quale la relazione intermedia sulla gestione contiene almeno riferimenti agli eventi importanti che si sono verificati nei primi sei mesi dell esercizio e alla loro incidenza sul bilancio semestrale abbreviato, unitamente ad una descrizione dei principali p rischi e incertezze per i sei mesi restanti dell esercizio. Per gli emittenti azioni quotate aventi l Italia come Stato membro d origine, la relazione intermedia sulla gestione contiene, altresì, informazioni sulle operazioni rilevanti con parti correlate.

57 Allegato 3c ter schema 1 Attestazione del bilancio d esercizio/bilancio consolidato ai sensi dell art. 81 ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni (Documento di consultazione) 3 paragrafo:

58 Allegato 3c ter schema 2 (documento di consultazione) Attestazione del bilancio semestrale abbreviato ai sensi dell art. 81 ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni 3 comma:

59 Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili (IRDCEC) Documento n. 1 La relazione sulla gestione. Alcune considerazioni Rischi interni Efficacia/efficienza Delega Risorse umane Integrità Informativa Dipendenza Rischi esterni Mercato Normativa Concorrenza Contesto politico sociale Eventi catastrofici Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 59

60 Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili (IRDCEC) Documento n. 1 La relazione sulla gestione. Alcune considerazioni

61 Documento IRDCEC Il documento dell IRDCEC indica, altresì, le tipologie su cui si ritiene che l organo esecutivo debba fornire una descrizione delle misure adottate per la loro identificazione e fronteggiamento che possono, sinteticamente, essere così individuate: eliminazione delle attività generatrici del rischio medesimo (ad es. rinunciando all attuazione attuazione di una politica espansiva in una zona geografica politicamente instabile); riduzione/prevenzione degli effetti negativi associati all evento aleatorio, impiegando adeguati strumenti/politiche preventive (ad es. diversificando l offertadei prodotti e/oservizi); trasferimento a terzi di possibili risultati negativi (stipulando polizza assicurativa ovvero affidando parte del processo produttivo a terzi in outsourcing); assunzione del rischio medesimo ed i connessi risvolti

62 Incertezze Stime e valutazioni Eventi non prevedibili Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 62

63 Documento Banca d'italia/consob/isvap n. 2 dl6 del febbraio fbb 2009 Tavolo di coordinamento fra Banca d'italia, Consob ed Isvap in materia di applicazione degli IAS/IFRS Si richiama l attenzione sulla necessità di fornire in maniera completa ed esaustiva le informazioni richieste dal Principio IFRS 7 affinché, attraverso una combinazione delle informazioni qualitative e quantitative, sia reso agli utilizzatori del bilancio un quadro chiaro in ordine ai sistemi di gestione, misurazione e controllo dei rischi finanziari assunti dalla società e dell entità di tali rischi. Nell attuale fase di irrigidimento dei mercati finanziari, diviene particolarmente importante assicurare in bilancio un adeguata disclosure sul rischio di liquidità. In merito alla concentrazione dei rischi, si osserva che per le imprese industriali assumono particolare rilievo i crediti commerciali. Al di là di quanto previsto per l esposizione al rischio di credito, andrebbero evidenziati possibili rischi di concentrazione nei confronti di singole controparti, o di classi di clienti, che possono risultare significativi.

64 64 Esempio Schema dei rischi (Benetton)

65 Sezione sui rischi (esempio Unicredit) Oltre 100 pagine 65

66 Classificazione ione dettagliata rischi (Vittoria) 66

67 Informazioni sul processo di implementazione del sistema ERM (Siemens)

68 Valutazione dei rischi: Risk capital (Citigroup) 68

69 Esempio Rischi strategici (Piaggio)

70 Esempio Rischi di mercato (Benetton)

71 Esempio Rischi operativi ed ambientali (Saras)

72 Esempio Rischi operativi ii(stefanel)

73 Esempio Rischi operativi (Snam Rete Gas) Rischi legati al mancato raggiungimento dei previsti obiettivi di sviluppo della rete di trasporto e delle infrastrutture di rigassificazione Rischi derivanti da eventuali malfunzionamenti degli impianti Rischi derivanti dalla necessità di gestire un rilevante flusso di informazioni per operare i servizi di trasporto e rigassificazione Rischi legati alla regolamentazione del settore di attività in cui opera Snam Rete Gas Rischi derivanti dal futuro andamento dei consumi di gas naturale Rischi derivanti dalla stagionalità del business

74 Esempio Rischi operativi (Luxottica) a) Fusione con Oakley b) Innovazione del prodotto c) Diritti di proprietà intellettuale d) Competitività dei mercati e) Ciclicità del settore dell occhialeria f) Efficienza del processo produttivo g) Accordi commerciali h) Rischio connesso al cambio dell Euro i) Rischio connesso alle variazioni di prezzo di taluni materiali utilizzati per la fornitura dei prodotti j) Alternative agli occhiali da vista l) Dipendenza dai fornitori k) Cole Licensed Host Stores m) Rischio compliance SOX n) Rischio legato ai contenziosi pendenti e futuri

75 Esempio Ambiente, salute e sicurezza (Brembo)

76 Esempio Rischi di compliance su privacy ed azioni idi fronteggiamento t (Telecom)

77 Proposta di uno schema di relazione sulla gestione: Struttura tt e contenuti ti Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 77

78 I contenuti: quali criteri di analisi? Oggetto delle informazioni: Dati di bilancio (analisi economico finanziaria) Dati e informazioni quantitativo non monetari Informazioni qualitative su azienda (profilo) Informazioni qualitative su business environment Prospettiva temporale Passato/presente (risultati, profilo attuale dell azienda) Futuro (strategie, rischi, risultati attesi) Dimensione finalistica (shareholder view vs. stakeholder view) Informazione economico finanziaria (in senso ampio) Informazione socio ambientale Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 78

79 I contenuti informativi I) Profilo aziendale e del gruppo II) Contesto ambientale e di mercato III) Performance Finanziarie Non finanziarie Interpretazione e commento delle performance IV) Rischi V) Strategie e risultati attesi VI) Sostenibilità sociale ed ambientale Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 79

80 I contenuti: il modello dll concettuale SHAREHOLDER VIEW STAKEHOLDER VIEW Strategy, targets and risks Company profile / Corporate Governance Corporate environment FUTURO PASSATO/PRESENTE Mgmt Analysis of Business Data Key Performance Indicators Financial Data Sustainability reporting (social and environemental disclosure) Prof. Marco Allegrini (Università di Pisa) 80

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE RICAVI: 70,5 milioni di euro; -1,7 milioni di euro rispetto all esercizio (72,2 milioni di euro) EBITDA: 25,4 milioni

Dettagli

Le politiche di bilancio alla luce della crisi economico-finanziaria

Le politiche di bilancio alla luce della crisi economico-finanziaria Le politiche di bilancio alla luce della crisi economico-finanziaria Valter Cantino Università degli Studi di Torino Dottore Commercialista La comunicazione delle politiche di bilancio 1. Analisi retrospettiva

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 APPROVATI I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2015 Ricavi consolidati totali: 36,1

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE 1 Bilancio e comunicazione aziendale Vi sono diverse tipologie di bilanci: Obbligatori: quando sono previsti da norme di legge (bilancio d esercizio,

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani)

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) Obiettivo: Illustrare, anche con dibattito e casi concreti, gli strumenti, le regole

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Principali risultati al 30 giugno 2015 della neocostituita Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. RICAVI:

Dettagli

Fascicolo 3. Dottori commercialisti

Fascicolo 3. Dottori commercialisti Principali novità per il BILANCIO 2008 Fascicolo 3 SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Nuove informazioni da fornire in nota

Dettagli

Bilanci XBRL: ultimi chiarimenti operativi

Bilanci XBRL: ultimi chiarimenti operativi Bilanci XBRL: ultimi chiarimenti operativi di Massimiliano Monti e Stefano Salvadeo (*) Con questo articolo si vuole fornire una panoramica in materia di bilanci XBRL con un ottica applicativa, in vista

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2015. Ricavi a 25,5 milioni di Euro (29,6 milioni di Euro nel 1 semestre 2014) EBITDA a -2,9 milioni

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

risultato operativo (EBIT) positivo e pari ad euro 58 migliaia; risultato netto di competenza del Gruppo negativo e pari ad euro 448 migliaia.

risultato operativo (EBIT) positivo e pari ad euro 58 migliaia; risultato netto di competenza del Gruppo negativo e pari ad euro 448 migliaia. Il Gruppo Fullsix consolida la crescita e la marginalità industriale. Il Consiglio di Amministrazione di FullSix S.p.A. ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015. Nel dettaglio,

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

Investimenti e Sviluppo spa

Investimenti e Sviluppo spa Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo S.p.A.: approvata la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2009; Paolo Bassi nominato consigliere per cooptazione; la società partecipata I Pinco Pallino

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI PRINCIPIO DI REVISIONE 002 (CNDCEC PR 002) MODALITA DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE DI CONTROLLO CONTABILE AI SENSI DELL ART. 2409

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.000,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: DOCCIA SERVICE S.R.L. PIAZZA VITTORIO VENETO 1 SESTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA 28 Agosto 2015 Retelit S.p.A. Viale Francesco Restelli 3/7-20124 Milano (MI) Tel. (39) 02 2020 45.1 - Fax (39) 02 2020

Dettagli

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 La valutazione delle azioni Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 1 La natura dell investimento in titoli azionari INVESTIMENTO IN AZIONI CAPITALE DI RISCHIO NELL ASPETTO SOGGETTIVO: STATUS

Dettagli

COMUNICATO STAMPA **********

COMUNICATO STAMPA ********** COMUNICATO STAMPA Il consiglio di Amministrazione di Dmail Group Spa approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 Settembre 2014 ********** Milano, 13 Novembre 2014 Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Spettabile Reconta Ernst & Young S.p.A. Via della Chiusa 2 20123 Milano. Milano, 26 giugno 2013

Spettabile Reconta Ernst & Young S.p.A. Via della Chiusa 2 20123 Milano. Milano, 26 giugno 2013 Spettabile Reconta Ernst & Young S.p.A. Via della Chiusa 2 20123 Milano Milano, 26 giugno 2013 Con riferimento all incarico di revisione contabile ai sensi dell art. 14 del D. Lgs. 27.1.2010 n.39 e dell

Dettagli

Andaf Riproduzione riservata

Andaf Riproduzione riservata Terrorismo internazionale Etica Globalizzazione Operazioni straordinarie Mercati Tecnologie Relazioni internazionali Evoluzione normativa Business & strategie Finanziari Contabili Strategici Operativi

Dettagli

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie Comunicato stampa Brescia, 27 febbraio 2008 Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie Screen Service

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

FANCY PIXEL SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

FANCY PIXEL SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro FANCY PIXEL SRL Sede in VIA SARAGAT N.1 FERRARA FE Codice Fiscale 01910420387 - Numero Rea P.I.: 01910420387 Capitale Sociale Euro 20.000 Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Settore di

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.884.400 = int. versato Codice fiscale

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004 APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004 PROPOSTA LA DISTRIBUZIONE DI DIVIDENDI 1. Attività del Gruppo Alerion nel 2004 Investimenti in partecipazioni strategiche o Enertad o Eurovision Dismissioni immobiliari

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

l analisi dei flussi finanziari

l analisi dei flussi finanziari L analisi Lanalisi di Bilancio e l analisi dei flussi finanziari Il marginedistruttura complessivo (o primario) è definitodalladalla differenza fra capitale netto e attività immobilizzate (materiali,

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013 AGENZIA DI SVILUPPO AR.ME.NA. S.P.A. Sede legale: PIAZZA MATTEOTTI N.1 NAPOLI (NA) Iscritta al Registro Imprese di NAPOLI C.F. e numero iscrizione: 05784341215 Iscritta al R.E.A. di NAPOLI n. 775540 Capitale

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012

Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012 Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012 Vendite pari a Euro 40,7 milioni (Euro 41,4 milioni al 31 dicembre 2011) EBITDA negativo per Euro 0,66 milioni (negativo per Euro

Dettagli

Alerion Clean Power S.p.A.: il Consiglio di Amministrazione approva il resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo al 31 marzo 2015

Alerion Clean Power S.p.A.: il Consiglio di Amministrazione approva il resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo al 31 marzo 2015 COMUNICATO STAMPA (an informal translation in English of the press release is available on Alerion website) Milano, 12 maggio 2015 Alerion Clean Power S.p.A.: il Consiglio di Amministrazione approva il

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione Le problematiche organizzative e manageriali Milano, 30 maggio 2001 Agenda Sessione I INTRODUZIONE 3 Sessione II MANAGEMENT

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

IL PROCESSO DI REVISIONE. 7) Conclusioni audit e reporting: La relazione di revisione sul bilancio

IL PROCESSO DI REVISIONE. 7) Conclusioni audit e reporting: La relazione di revisione sul bilancio IL PROCESSO DI REVISIONE. 7) Conclusioni audit e reporting: La relazione di revisione sul bilancio! " # $ %&'&$%&'' (# )*'& %&'' 1 Documento n. 560 Eventi successivi Con il termine eventi successivi si

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

GAL OLTREPO' MANTOVANO SOC.CONS.ARL

GAL OLTREPO' MANTOVANO SOC.CONS.ARL GAL OLTREPO' MANTOVANO SOC.CONS.ARL Sede in PIAZZA PIO SEMEGHINI 1-46026 QUISTELLO (MN) Codice Fiscale 02277540205 - Numero Rea MN 000000239049 P.I.: 02277540205 Capitale Sociale Euro 27.200 i.v. Forma

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 NELL ANNO RICAVI IN CRESCITA DEL 4,2% A CAMBI COSTANTI E DELL 1,8% AL

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013

Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013 Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI Milano, 25 luglio 2014 - Il Consiglio di

Dettagli

La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione

La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione Il controllo di gestione in azienda: le nuove linee guida di Borsa Italiana come possibile modello di riferimento Workshop Pianificazione e Controllo

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea Piano di incentivazione monetario triennale (2014-2016) per il Management del Gruppo Pirelli. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori Azionisti, nella

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

FONDAZIONE ABIO ITALIA ONLUS

FONDAZIONE ABIO ITALIA ONLUS FONDAZIONE ABIO ITALIA ONLUS Sede in MILANO VIA DON GERVASINI 33 Codice fiscale 97384230153 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31/12/2013 Fondazione ABIO Italia Onlus è stata costituita il 9 maggio

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione Principio contabile internazionale n. 30 (rivisto nella sostanza nei 1994) Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Il presente Principio contabile internazionale così

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Il Gruppo conferma positivi risultati nella raccolta del risparmio

Dettagli

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Ricavi 1H15 in crescita del +23% (Euro 99,7 milioni vs Euro 81,2 milioni nel 1H14), rispetto al +13% 1 registrato nell 1H14 vs 1H13 o +25% i Ricavi

Dettagli

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE LA BANCA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Piano di incentivazione monetario triennale (2012/2014) per il Management del Gruppo Pirelli 1 Piano di incentivazione monetario triennale

Dettagli

Convegno Asstel. Fabio Ginelli Milano, 9 maggio 2007

Convegno Asstel. Fabio Ginelli Milano, 9 maggio 2007 Convegno Asstel Il Chief Financial Officer: : l evoluzione l del ruolo Fabio Ginelli Milano, 9 maggio 2007 Agenda 1) Il contesto economico di riferimento delle imprese italiane 2) La cultura del valore

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

PEGASO 03 S.R.L. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

PEGASO 03 S.R.L. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro PEGASO 03 S.R.L. Sede in VIA CAGLIERO N. 3/I-3/L CARIGNANO TO Codice Fiscale 08872320018 - Numero Rea TO 1006893 P.I.: 08872320018 Capitale Sociale Euro 1.000.000 i.v. Settore di attività prevalente (ATECO):

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Cagliari, 14 novembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015

Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015 Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015 Data/Ora Ricezione 15 Maggio 2015 14:27:30 MTA Societa' : MONRIF Identificativo Informazione Regolamentata : 58492 Nome utilizzatore : MONRIFN01 - NATALI Tipologia

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 Convocata l Assemblea ordinaria della società per il prossimo 24 aprile in unica convocazione Valutati i requisiti di indipendenza

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS Approfondimenti Bilancio Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS di Paolo Moretti Le differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi contabile nazionale

Dettagli

Salvatore Ferragamo S.p.A.

Salvatore Ferragamo S.p.A. COMUNICATO STAMPA Salvatore Ferragamo S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 e il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Un altro anno di crescita del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA... 3

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA... 3 I_XX:I_XVI.qxd 05/02/2015 18.41 Pagina IX Presentazione... V COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA... 3 CODICE CIVILE - Disposizioni sulla legge in generale... 25 - Libro I Delle persone e della famiglia...

Dettagli