GLI EFFETTI DELLA DIRETTIVA 51/2003/CE SULLA UN ANALISI COMPARATIVA TRA ITALIA E REGNO UNITO TESI DI ROBERTO TOSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI EFFETTI DELLA DIRETTIVA 51/2003/CE SULLA UN ANALISI COMPARATIVA TRA ITALIA E REGNO UNITO TESI DI ROBERTO TOSA"

Transcript

1 GLI EFFETTI DELLA DIRETTIVA 51/2003/CE SULLA COMUNICAZIONE DEI KEY PERFORMANCE INDICATORS. UN ANALISI COMPARATIVA TRA ITALIA E REGNO UNITO TESI DI ROBERTO TOSA

2 INDICE INTRODUZIONE... P. 4 Capitolo Primo INFORMATIVA SOCIETARIA E MANDATORY DISCLOSURE 1.1 Informativa societaria e mandatory disclosure...» Il processo di armonizzazione contabile in Europa e la direttiva 51/2003/CE...» Il processo di armonizzazione contabile in Europa...» La direttiva 51/2003/CE: aspetti generali...» Il recepimento della direttiva 51/2003/CE in UK...» Il recepimento della direttiva 51/2003/CE in Italia...» 23 Capitolo Secondo LA COMUNICAZIONE DEGLI INDICATORI DI PERFORMANCE IN ITALIA E NEL REGNO UNITO 2.1 Literature review e ipotesi di ricerca...» Database e metodologia...» Database e processo di raccolta dati...» Metodologia...» Analisi descrittiva del database...» 38 Capitolo Terzo RISULTATI DELL ANALISI EMPIRICA 3.1 La comunicazione degli indicatori di prestazione finanziaria in Italia...» La comunicazione degli indicatori di prestazione non finanziaria in Italia...» La comunicazione degli indicatori di prestazione finanziaria in UK...» La comunicazione degli indicatori di prestazione non finanziaria in UK...» 48 CONCLUSIONI...» 52 BIBLIOGRAFIA...» 57 APPENDICE 1...» 62 APPENDICE 2...» 63

3 INTRODUZIONE L informativa societaria costituisce uno degli elementi che concorrono al corretto funzionamento del mercato dei capitali. Attraverso l informazione gli investitori sono in grado di procedere a una corretta valutazione del rapporto rischio-rendimento di un attività finanziaria. Tale rapporto è fondamentale per decidere se e in che misura investire le proprie risorse in una determinata società. Infatti, in generale, un soggetto sarà disposto a investire in un attività finanziaria solamente se ritiene di poter conseguire un rendimento adeguato al rischio sopportato (Bozzolan, 2005). Molteplici sono le variabili che incidono sul flusso informativo esistente nel mercato dei capitali. Sicuramente uno degli aspetti di maggior rilievo riguarda la regolamentazione dell informativa societaria. Le imprese, infatti, comunicano informazioni al mercato o su base volontaria o perché esiste una norma che impone loro la diffusione di una certa tipologia di informazioni. Secondo la decision usefulness theory, il legislatore decide di intervenire con un provvedimento normativo teso a regolamentare l informativa societaria qualora ritenga che una certa informazione sia fondamentale per gli investitori. Fra i vari organismi che sono impegnati nell individuare i contenuti da comunicare all esterno e armonizzare la diffusione e l applicazione di standard contabili, vi è l Unione Europea. Quest ultima, nel 2003, è intervenuta con la direttiva n. 51, detta anche Accounting Modernisation Directive, la quale apporta modifiche innovative sul piano della disclosure societaria e in particolare per le informazioni incluse nella Relazione sulla Gestione. Tale intervento è giustificato dalla necessità di promuovere modifiche all informativa di bilancio, stante la riduzione della relevance dei tradizionali modelli di reporting aziendale (Francis e Schipper, 1999). Fra le novità introdotte, il legislatore comunitario ha richiesto la pubblicazione in bilancio degli indicatori di performance, senza però alcuna specificazione in 3

4 merito alla quantità e alla qualità di pubblicazione di tali indicatori. I Key Performance Indicators (KPIs) sono considerati un informazione useful per gli investitori, soprattutto qualora, ad esempio, siano commentati dagli amministratori, poiché in questo modo è possibile valutare un impresa ispirandosi ai principi del trough the eyes of management. Il legislatore comunitario ha previsto la pubblicazione in bilancio non soltanto degli indicatori di natura finanziaria, la cui rilevanza nella valutazione delle performance aziendali è ampiamente trattata in letteratura (Altman, 1968; Beaver, 1966; Gibson, 1982) ma anche degli indicatori di natura non finanziaria. Questa scelta è giustificata dal fatto che i soli indicatori di natura finanziaria non sono in grado di fornire un quadro esauriente in merito all andamento complessivo dell impresa. Considerata quindi la rilevanza degli indicatori di performance, il presente lavoro mira a valutare quali sono stati gli effetti dell entrata in vigore della direttiva 51/2003 sulla pubblicazione in bilancio dei KPIs finanziari e non finanziari in due paesi europei, Italia e UK. La scelta di questi due paesi ci consente di valutare le ricadute della direttiva in due contesti molto diversi, sia per quanto riguarda gli assetti istituzionali ed economici, sia per quanto attiene l approccio regolamentativo verso l informazione non finanziaria. L analisi ha preso in esame due dimensioni della comunicazione: (i) la quantità, ovvero il numero di indicatori pubblicati, e (ii) la qualità, ovvero le modalità di pubblicazione di tali indicatori. Gli esercizi analizzati sono stati il 2004, prima dell entrata in vigore della direttiva, e il 2008 dopo l entrata in vigore del provvedimento comunitario. Le evidenze empiriche hanno mostrato risultati diversi nei due paesi oggetto d analisi. Nel Regno Unito, dopo l entrata in vigore della direttiva, si sono verificati incrementi statisticamente significativi sia nella quantità sia nella qualità di pubblicazione degli indicatori di natura finanziaria e non finanziaria. Per quanto concerne l Italia, invece, si è verificato un incremento statisticamente significativo soltanto per quanto riguarda il numero di indicatori non finanziari, passati da 0,42 a circa un indicatore mediamente pubblicato per società. 4

5 A determinare il diverso comportamento delle imprese nel Regno Unito ha influito probabilmente l intervento dello standard setter nazionale sulla disclosure narrativa di bilancio nel quale viene affrontato anche il tema della comunicazione dei KPIs. Il Reporting Standard 1: Operating and Financial Review realizzato dall Accounting Standards Board (ASB), infatti, fornisce alle imprese anche una guida operativa per la comunicazione degli indicatori, con particolare riferimento alle modalità di comunicazione da seguire per ottenere una disclosure di qualità. La ricerca si struttura come segue. Nel primo capitolo viene trattato il tema dell informativa societaria con particolare riguardo alle determinanti della mandatory disclosure. Viene, inoltre, analizzata in dettaglio la direttiva 51/2003, la sua ratio e l iter che ha preceduto la sua emanazione. Sono altresì evidenziate le differenze di recepimento tra Italia e UK. Nel capitolo 2, dopo aver analizzato la Literature Review ed illustrato le ipotesi di ricerca, si è proceduto ad esporre la composizione del database nonché la metodologia impiegata per l analisi empirica. Nel capitolo 3 sono presentati i risultati della ricerca. Nel capitolo conclusivo vengono riportati i contributi e i principali limiti della ricerca. 5

6 BIBLIOGRAFIA ABRAHAM S., COX P., Analysing the determinants of narrative risk information in UK FTSE 100 annual reports, in The British Accounting Review, 39, , ALTMAN E. I., Financial ratios, discriminant analysis and the prediction of corporate Bankruptcy, in The Journal of Finance, ARIPIN N., Tower G., Taylor G., The Determinants Of Financial Ratio Disclosures And Quality: Australian Evidence, paper presentato all Accounting & Finance Association of Australia and New Zealand (AFAANZ) Annual Conference, Sydney, Australia, July, 6-8, ARTINA R., Le modifiche alla Relazione sulla Gestione, in Pratica Contabile, vol. 6, ASB (Accounting Standards Board), Operating and Financial Review, ASB, London, ASB (Accounting Standards Board), Reporting Standard 1 Operating and Review, ASB, London, BEATTIE V., MCINNES B., Narrative reporting in the UK and in the US which system works best?, London, The Institute of Chartered Accountants in England and Wales (ICAEW), BEAVER W. H., Financial ratios as predictors of failure, in Journal of Accounting Research, BEAVER W. H., "The Nature of Mandated Disclosure", in The Report of the Advisory Commitee on Corporate Disclosure to the SEC, 95 Cong., 1st Sess (House Comm. Print (1977)), reprinted in RICHARD A. POSNER, and KENNETH E. SCOTT, "Economics of Corporate Law and Securities Regulation", p. 316 BOZZOLAN S., Trasparenza informativa e mercato finanziario. Modelli e comportamenti di comunicazione volontaria, McGraw Hill, Milano,

7 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI (CNDCEC), La Relazione sulla Gestione art.2428 codice civile - La Relazione sulla Gestione dei bilanci d esercizio alla luce delle novità introdotte dal d.lgs 32/2007, Roma, DAINELLI F., BINI L., GUIDANTONI S., GIUNTA F., The international standardization for communicating financial Key Performance Indicators - Evidence from Italy, Paper presented at the 31th Annual Congress European Accounting Association, Rotterdam April, 23-25, DELOITTE, Write from the start Surveying narrative reporting in annual reports, Deloitte, London, DELOITTE, A telling performance - Surveying narrative reporting in annual reports, Deloitte, London, FERRARINI G., Informazione societaria: quale riforma dopo gli scandali?, in Banca Impresa e Società, Vol.3, FORTUNATO S., Armonizzazione Contabile fra Sovranità Nazionale e Globalizzazione, in Rivista delle Società, Vol. 2, pag. 328 e segg, FRANCIS J., SCHIPPER K., Have financial statements lost their relevance? in Journal of Accounting Research, 37 (2): pp , GIBSON C.H., Financial ratios in annual reports, The CPA Journal, September, pp 18 29, GIBSON C. H., How chartered financial analysts view financial ratios, Financial Analysts Journal 43(3), 73-76, 1987 GROSSMAN S., The Information Role of Warranties and Private Disclosure About Product Quality, in «Journal of Law and Economics», 24, p. 461, HEALY P. M., PALEPU K. G., Information asymmetry, corporate disclosure, and the capital markets: a review of the empirical disclosure literature, in Journal of Accounting and Economics, 31, , HORRIGAN J. O., Some empirical bases of financial ratio analysis, in The Accounting Review,

8 INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARDS BOARD (IASB), Exposure draft of An improved Conceptual Framework for Financial Reporting, May INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARDS BOARD (IASB), Exposure draft on Management Commentary, June INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARDS BOARD (IASB). Discussion paper: Preliminary views on an improved conceptual framework for financial reporting: The objective of financial reporting and Qualitative characteristics of decision-useful financial reporting information, London, June INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARDS COMMITTEE (IASC), Framework for the Preparation and Presentation of Financial Statements, April JENSEN, M. C., MECKLING, W. H., Theory of firm: managerial behaviour, agency costs and ownership structure, in Journal of Financial Economics. 3(4), , JOOS P., LANG M., The effects of accounting diversity: evidence from the European Union, Journal of Accounting Research, Vol. 32, LAJILI K., ZÉGHAL, D.,A content analysis of risk management disclosures in Canadian annual reports, in Canadian Journal of Administrative Sciences, 22(2), , LINSLEY P.M., SHRIVES P.J., Risk reporting: a study of risk disclosures in the annual reports of UK companies, in The British Accounting Review, 38(4), , 2006 MATSUMOTO, K., SHIVASWAMY, M. and HOBAN, J. P., Jr., Security analysts views of the financial ratios of manufactories and retails, in Financial Practice and Education 5, 44-55, MORRISSETTE R., Financial and non financial information toward an integrative theory of information choises in organizations, paper presentato alla XXI European accounting Association Conference, Antwerp, NALEBUFF B., "Prisoners' Dilemma", "The New Palgrave Dictionary of Law and Economics", Vol , Peter Newman, editor (1998). 58

9 NEOPHYTOU E., MOLINERO C. M., Predicting corporate failure in the U.K: A multidimensional Scaling Approach, in Journal of Business Finance & Accounting, PAOLINI A., I principi contabili IAS/IFRS, Associazione Formazione Professionisti, Macerata, PRICEWATERHOUSECOOPERS, Guide to key performance indicators. Pricewaterhouse Coopers, London, PRICEWATERHOUSECOOPERS, Comment letter to Exposure draft on Management Commentary, consultabile sul sito https://pwcinform.pwc.com/inform2/show?action=informcontent&id= , Marzo RICCABONI A., Di PIETRA R., Il processo di Armonizzazione in Italia dopo il recepimento della Quarta Direttiva: un analisi empirica, in Riv. Dott. Comm., Vol. 4, pagg. 615 e segg, RIVA P., Informazioni non finanziarie nel sistema di bilancio, Milano, Egea, ROMANO, R., Empowering Investors: A Market Approach to Securities Regulation, in «Yale Law Journal», 107, p. 2359, 1998 The Advantage of Competitive Federalism for Securities Regulation, AEI, ROMANO, R., SANTUCCI S., Corso di Contabilità e bilancio internazionale Lezione n.1, disponibile su (2005). SEAH S., TARCA A.,. The Impact of Regulatory Framework on Management Commentary Reports, Working Paper Series, SSRN paper, SILVI R., La misurazione della performance. Criteri di analisi e progettazione, in Economia e Management, 4/1996. TAURINGANA V., MANGENA, M., The Influence of the Business Review on Reporting Key Performance Indicators in the UK Media Sector, Edinburgh: Institute of Chartered Accountants of Scotland,

10 ZINGALES L., The Costs and Benefits of Financial Market Regulation, Ecgi Working Paper, n. 21/2004, reperibile sul sito p

11 APPENDICE 1. INDICATORI DI PERFORMANCE FINANZIARI CLASSIFICATI PER CATEGORIA E RILEVATI NELL ANALISI EMPIRICA. Cashflow Debito Sviluppo Liquidità Mercato Redditività CF/EBITDA CF/Utile CF/Fatturato Oneri finanziari/ Vendite Interest cover Oneri operativi/ fatturato (Equity +Debiti)/ Attivo Immob. (E+Debiti)- Attivo Immob. Copertura Immob. CAPEX/ Svalutazioni&A mm.ti Vendite nuovi prodotti/ fatturato tot. Oneri R&S Turnover delle scorte Debt/MV Cost saving NWC Dividend cover EBIT growth rate Turnover pagamenti Dividend Growth EBITDA Growth D/E Sales CAGR Quick margin Dividend yield EBITDA margin D/E ratio DEBT/ EBITDA Receivables turnover E/Shares EBITDA/ Capitale investito netto WC turnover EBIT/share EBT GR E/ Attivo Immob. Acid margin EBITDA/ shares EBT margin E/ Capitale Investito. Acid ratio EPS growth EBT/margin E- Attivo Attivo Immob. / Capitale Current ratio FCF/Share Immob Investito Finanziamenti Day sales bancari netti outstanding MVPS/BVPS Costi fissi /Fatturato Debiti netti Price/BV GP margin Posizione finanziaria netta (NFP) Price/ Earning ratio Gross margin NFP/E Price/ EBITDA Net income margin NFP/ EBITDA Regulatory Turnover capitale netto capital value investito NFP/ vendite Revenues by brand NI/Revenues Debiti tot./ Capitale TSR ROA investito Debiti Tot/E ROCE ROCE/WACC ROE ROI oper ROS Tax rate Turnover Valore aggiunto (VA) VA/Fatturato 61

12 WACC APPENDICE 2. INDICATORI DI PERFORMANCE NON FINANZIARI CLASSIFICATI PER CATEGORIA E RILEVATI NELL ANALISI EMPIRICA. Analisi fattori processi produttivi Ordini in portafoglio Rotazione magazzino di ordini Imballaggi Ore di trasmissione filiali Tasso di rotazione magazzino di broadcasts Peak demand (MW) Volumi prodotti Boutiques area Materiale utilizzato (Ottone, acciaio) di concorrenti Indice del costo di produzione Volumi prodotti (Kw) Volatilità prezzo rame Net efficient capacity Number of DOS Puntualità Volumi trasportati Oneri della qualità Elettricità netta generata di impianti gestiti Spazio vendita al pubblico Domanda elettricità Import. nette Elettric. venduta Network (KM) Prod. gas Oil Spills Royalties library Negozi aperti nell ulti mo anno Riserve gas Nuovi negozi Order book coverage Energia consumata Ambiente Percentuale media riciclo Consumo carburante Consumo acqua Livelli carbonio utilizzato Greenhouse gas emissions Emissione CO2 Pollution incidents Efficienza consumi Refinery avability Energia consumata Energia rinnovabile generate Effic. Energ. Risorse e riserve Invest. Oneri ambientali/ ambient./ Vendire Vendite Sviluppo sostenibile Sprechi Innovazione % vendite nuovi clienti Traffico online Fixed-line network connections di accessi alla rete Mobile line at year-end Ore di formazione Tasso dei nuovi clienti nuovi clienti Ore progettazioni nuovi prodotti Nuovi prodotti brevetti imprese Hi-tech in portaf. 62

13 Analisi forza lavoro EBITDA/ dipendenti Employee satisfaction Fatturato/ Staff Satisf. numero dip.ti Dipendenti per area geografica Employees turnover Tasso crescita fatturato per dipendente Tasso incidenti sul lavoro Giorni lavoro persi per dip.ti incidenti sul lavoro Customer satisfaction Tasso incidenza primi 20 clienti reclami Customer fidelity Customer satisf. dei top costumer Giorni di risposta ai reclami Posizionamento sul mercato Audience Tasso crescita clienti Market share clienti Product Number of market season tickets share Vendite medie per cliente Altro Corporate social involvment Investiment in community 63

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi. 40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015 Prof. Alessandro Minichilli Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.it Descrizione del corso. Obiettivi: il corso intende fornire

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet scrivere in medicina Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet L emergere di Internet come fonte preziosa di informazioni, ha reso necessaria la definizione di alcune regole

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Scheda 08 LA BORSA E IL BILANCIO D'IMPRESA:

Scheda 08 LA BORSA E IL BILANCIO D'IMPRESA: MI-1, a.a. 2014-2015 Linguaggi settoriali Economia Raffaele Petrillo (Il contenuto del presente documento non ha alcuna pretesa di scientificità, essendo inteso esclusivamente quale strumento utile ai

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

LE CONSEGUENZE DEL MANAGEMENT «BUY OUT». IL CASO ISAGRO: GLI EFFETTI SULLE STRATEGIE D IMPRESA

LE CONSEGUENZE DEL MANAGEMENT «BUY OUT». IL CASO ISAGRO: GLI EFFETTI SULLE STRATEGIE D IMPRESA STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2/99 LE CONSEGUENZE DEL MANAGEMENT «BUY OUT». IL CASO ISAGRO: GLI EFFETTI SULLE STRATEGIE D IMPRESA NINO ROSA * 1. Introduzione Tra le evoluzioni che in questi ultimi decenni hanno

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI

CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI DATI PERSONALI Luogo e data di nascita: Catanzaro 29/03/1984 Residenza/Domicilio: Viale G. Rustici, 52 43123 Parma (PR) Stato civile: Nubile POSIZIONE ATTUALE Assegnista

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Premessa Il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 Attuazione della direttiva

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli