GLI EFFETTI DELLA DIRETTIVA 51/2003/CE SULLA UN ANALISI COMPARATIVA TRA ITALIA E REGNO UNITO TESI DI ROBERTO TOSA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI EFFETTI DELLA DIRETTIVA 51/2003/CE SULLA UN ANALISI COMPARATIVA TRA ITALIA E REGNO UNITO TESI DI ROBERTO TOSA"

Transcript

1 GLI EFFETTI DELLA DIRETTIVA 51/2003/CE SULLA COMUNICAZIONE DEI KEY PERFORMANCE INDICATORS. UN ANALISI COMPARATIVA TRA ITALIA E REGNO UNITO TESI DI ROBERTO TOSA

2 INDICE INTRODUZIONE... P. 4 Capitolo Primo INFORMATIVA SOCIETARIA E MANDATORY DISCLOSURE 1.1 Informativa societaria e mandatory disclosure...» Il processo di armonizzazione contabile in Europa e la direttiva 51/2003/CE...» Il processo di armonizzazione contabile in Europa...» La direttiva 51/2003/CE: aspetti generali...» Il recepimento della direttiva 51/2003/CE in UK...» Il recepimento della direttiva 51/2003/CE in Italia...» 23 Capitolo Secondo LA COMUNICAZIONE DEGLI INDICATORI DI PERFORMANCE IN ITALIA E NEL REGNO UNITO 2.1 Literature review e ipotesi di ricerca...» Database e metodologia...» Database e processo di raccolta dati...» Metodologia...» Analisi descrittiva del database...» 38 Capitolo Terzo RISULTATI DELL ANALISI EMPIRICA 3.1 La comunicazione degli indicatori di prestazione finanziaria in Italia...» La comunicazione degli indicatori di prestazione non finanziaria in Italia...» La comunicazione degli indicatori di prestazione finanziaria in UK...» La comunicazione degli indicatori di prestazione non finanziaria in UK...» 48 CONCLUSIONI...» 52 BIBLIOGRAFIA...» 57 APPENDICE 1...» 62 APPENDICE 2...» 63

3 INTRODUZIONE L informativa societaria costituisce uno degli elementi che concorrono al corretto funzionamento del mercato dei capitali. Attraverso l informazione gli investitori sono in grado di procedere a una corretta valutazione del rapporto rischio-rendimento di un attività finanziaria. Tale rapporto è fondamentale per decidere se e in che misura investire le proprie risorse in una determinata società. Infatti, in generale, un soggetto sarà disposto a investire in un attività finanziaria solamente se ritiene di poter conseguire un rendimento adeguato al rischio sopportato (Bozzolan, 2005). Molteplici sono le variabili che incidono sul flusso informativo esistente nel mercato dei capitali. Sicuramente uno degli aspetti di maggior rilievo riguarda la regolamentazione dell informativa societaria. Le imprese, infatti, comunicano informazioni al mercato o su base volontaria o perché esiste una norma che impone loro la diffusione di una certa tipologia di informazioni. Secondo la decision usefulness theory, il legislatore decide di intervenire con un provvedimento normativo teso a regolamentare l informativa societaria qualora ritenga che una certa informazione sia fondamentale per gli investitori. Fra i vari organismi che sono impegnati nell individuare i contenuti da comunicare all esterno e armonizzare la diffusione e l applicazione di standard contabili, vi è l Unione Europea. Quest ultima, nel 2003, è intervenuta con la direttiva n. 51, detta anche Accounting Modernisation Directive, la quale apporta modifiche innovative sul piano della disclosure societaria e in particolare per le informazioni incluse nella Relazione sulla Gestione. Tale intervento è giustificato dalla necessità di promuovere modifiche all informativa di bilancio, stante la riduzione della relevance dei tradizionali modelli di reporting aziendale (Francis e Schipper, 1999). Fra le novità introdotte, il legislatore comunitario ha richiesto la pubblicazione in bilancio degli indicatori di performance, senza però alcuna specificazione in 3

4 merito alla quantità e alla qualità di pubblicazione di tali indicatori. I Key Performance Indicators (KPIs) sono considerati un informazione useful per gli investitori, soprattutto qualora, ad esempio, siano commentati dagli amministratori, poiché in questo modo è possibile valutare un impresa ispirandosi ai principi del trough the eyes of management. Il legislatore comunitario ha previsto la pubblicazione in bilancio non soltanto degli indicatori di natura finanziaria, la cui rilevanza nella valutazione delle performance aziendali è ampiamente trattata in letteratura (Altman, 1968; Beaver, 1966; Gibson, 1982) ma anche degli indicatori di natura non finanziaria. Questa scelta è giustificata dal fatto che i soli indicatori di natura finanziaria non sono in grado di fornire un quadro esauriente in merito all andamento complessivo dell impresa. Considerata quindi la rilevanza degli indicatori di performance, il presente lavoro mira a valutare quali sono stati gli effetti dell entrata in vigore della direttiva 51/2003 sulla pubblicazione in bilancio dei KPIs finanziari e non finanziari in due paesi europei, Italia e UK. La scelta di questi due paesi ci consente di valutare le ricadute della direttiva in due contesti molto diversi, sia per quanto riguarda gli assetti istituzionali ed economici, sia per quanto attiene l approccio regolamentativo verso l informazione non finanziaria. L analisi ha preso in esame due dimensioni della comunicazione: (i) la quantità, ovvero il numero di indicatori pubblicati, e (ii) la qualità, ovvero le modalità di pubblicazione di tali indicatori. Gli esercizi analizzati sono stati il 2004, prima dell entrata in vigore della direttiva, e il 2008 dopo l entrata in vigore del provvedimento comunitario. Le evidenze empiriche hanno mostrato risultati diversi nei due paesi oggetto d analisi. Nel Regno Unito, dopo l entrata in vigore della direttiva, si sono verificati incrementi statisticamente significativi sia nella quantità sia nella qualità di pubblicazione degli indicatori di natura finanziaria e non finanziaria. Per quanto concerne l Italia, invece, si è verificato un incremento statisticamente significativo soltanto per quanto riguarda il numero di indicatori non finanziari, passati da 0,42 a circa un indicatore mediamente pubblicato per società. 4

5 A determinare il diverso comportamento delle imprese nel Regno Unito ha influito probabilmente l intervento dello standard setter nazionale sulla disclosure narrativa di bilancio nel quale viene affrontato anche il tema della comunicazione dei KPIs. Il Reporting Standard 1: Operating and Financial Review realizzato dall Accounting Standards Board (ASB), infatti, fornisce alle imprese anche una guida operativa per la comunicazione degli indicatori, con particolare riferimento alle modalità di comunicazione da seguire per ottenere una disclosure di qualità. La ricerca si struttura come segue. Nel primo capitolo viene trattato il tema dell informativa societaria con particolare riguardo alle determinanti della mandatory disclosure. Viene, inoltre, analizzata in dettaglio la direttiva 51/2003, la sua ratio e l iter che ha preceduto la sua emanazione. Sono altresì evidenziate le differenze di recepimento tra Italia e UK. Nel capitolo 2, dopo aver analizzato la Literature Review ed illustrato le ipotesi di ricerca, si è proceduto ad esporre la composizione del database nonché la metodologia impiegata per l analisi empirica. Nel capitolo 3 sono presentati i risultati della ricerca. Nel capitolo conclusivo vengono riportati i contributi e i principali limiti della ricerca. 5

6 BIBLIOGRAFIA ABRAHAM S., COX P., Analysing the determinants of narrative risk information in UK FTSE 100 annual reports, in The British Accounting Review, 39, , ALTMAN E. I., Financial ratios, discriminant analysis and the prediction of corporate Bankruptcy, in The Journal of Finance, ARIPIN N., Tower G., Taylor G., The Determinants Of Financial Ratio Disclosures And Quality: Australian Evidence, paper presentato all Accounting & Finance Association of Australia and New Zealand (AFAANZ) Annual Conference, Sydney, Australia, July, 6-8, ARTINA R., Le modifiche alla Relazione sulla Gestione, in Pratica Contabile, vol. 6, ASB (Accounting Standards Board), Operating and Financial Review, ASB, London, ASB (Accounting Standards Board), Reporting Standard 1 Operating and Review, ASB, London, BEATTIE V., MCINNES B., Narrative reporting in the UK and in the US which system works best?, London, The Institute of Chartered Accountants in England and Wales (ICAEW), BEAVER W. H., Financial ratios as predictors of failure, in Journal of Accounting Research, BEAVER W. H., "The Nature of Mandated Disclosure", in The Report of the Advisory Commitee on Corporate Disclosure to the SEC, 95 Cong., 1st Sess (House Comm. Print (1977)), reprinted in RICHARD A. POSNER, and KENNETH E. SCOTT, "Economics of Corporate Law and Securities Regulation", p. 316 BOZZOLAN S., Trasparenza informativa e mercato finanziario. Modelli e comportamenti di comunicazione volontaria, McGraw Hill, Milano,

7 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI (CNDCEC), La Relazione sulla Gestione art.2428 codice civile - La Relazione sulla Gestione dei bilanci d esercizio alla luce delle novità introdotte dal d.lgs 32/2007, Roma, DAINELLI F., BINI L., GUIDANTONI S., GIUNTA F., The international standardization for communicating financial Key Performance Indicators - Evidence from Italy, Paper presented at the 31th Annual Congress European Accounting Association, Rotterdam April, 23-25, DELOITTE, Write from the start Surveying narrative reporting in annual reports, Deloitte, London, DELOITTE, A telling performance - Surveying narrative reporting in annual reports, Deloitte, London, FERRARINI G., Informazione societaria: quale riforma dopo gli scandali?, in Banca Impresa e Società, Vol.3, FORTUNATO S., Armonizzazione Contabile fra Sovranità Nazionale e Globalizzazione, in Rivista delle Società, Vol. 2, pag. 328 e segg, FRANCIS J., SCHIPPER K., Have financial statements lost their relevance? in Journal of Accounting Research, 37 (2): pp , GIBSON C.H., Financial ratios in annual reports, The CPA Journal, September, pp 18 29, GIBSON C. H., How chartered financial analysts view financial ratios, Financial Analysts Journal 43(3), 73-76, 1987 GROSSMAN S., The Information Role of Warranties and Private Disclosure About Product Quality, in «Journal of Law and Economics», 24, p. 461, HEALY P. M., PALEPU K. G., Information asymmetry, corporate disclosure, and the capital markets: a review of the empirical disclosure literature, in Journal of Accounting and Economics, 31, , HORRIGAN J. O., Some empirical bases of financial ratio analysis, in The Accounting Review,

8 INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARDS BOARD (IASB), Exposure draft of An improved Conceptual Framework for Financial Reporting, May INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARDS BOARD (IASB), Exposure draft on Management Commentary, June INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARDS BOARD (IASB). Discussion paper: Preliminary views on an improved conceptual framework for financial reporting: The objective of financial reporting and Qualitative characteristics of decision-useful financial reporting information, London, June INTERNATIONAL ACCOUNTING STANDARDS COMMITTEE (IASC), Framework for the Preparation and Presentation of Financial Statements, April JENSEN, M. C., MECKLING, W. H., Theory of firm: managerial behaviour, agency costs and ownership structure, in Journal of Financial Economics. 3(4), , JOOS P., LANG M., The effects of accounting diversity: evidence from the European Union, Journal of Accounting Research, Vol. 32, LAJILI K., ZÉGHAL, D.,A content analysis of risk management disclosures in Canadian annual reports, in Canadian Journal of Administrative Sciences, 22(2), , LINSLEY P.M., SHRIVES P.J., Risk reporting: a study of risk disclosures in the annual reports of UK companies, in The British Accounting Review, 38(4), , 2006 MATSUMOTO, K., SHIVASWAMY, M. and HOBAN, J. P., Jr., Security analysts views of the financial ratios of manufactories and retails, in Financial Practice and Education 5, 44-55, MORRISSETTE R., Financial and non financial information toward an integrative theory of information choises in organizations, paper presentato alla XXI European accounting Association Conference, Antwerp, NALEBUFF B., "Prisoners' Dilemma", "The New Palgrave Dictionary of Law and Economics", Vol , Peter Newman, editor (1998). 58

9 NEOPHYTOU E., MOLINERO C. M., Predicting corporate failure in the U.K: A multidimensional Scaling Approach, in Journal of Business Finance & Accounting, PAOLINI A., I principi contabili IAS/IFRS, Associazione Formazione Professionisti, Macerata, PRICEWATERHOUSECOOPERS, Guide to key performance indicators. Pricewaterhouse Coopers, London, PRICEWATERHOUSECOOPERS, Comment letter to Exposure draft on Management Commentary, consultabile sul sito https://pwcinform.pwc.com/inform2/show?action=informcontent&id= , Marzo RICCABONI A., Di PIETRA R., Il processo di Armonizzazione in Italia dopo il recepimento della Quarta Direttiva: un analisi empirica, in Riv. Dott. Comm., Vol. 4, pagg. 615 e segg, RIVA P., Informazioni non finanziarie nel sistema di bilancio, Milano, Egea, ROMANO, R., Empowering Investors: A Market Approach to Securities Regulation, in «Yale Law Journal», 107, p. 2359, 1998 The Advantage of Competitive Federalism for Securities Regulation, AEI, ROMANO, R., SANTUCCI S., Corso di Contabilità e bilancio internazionale Lezione n.1, disponibile su (2005). SEAH S., TARCA A.,. The Impact of Regulatory Framework on Management Commentary Reports, Working Paper Series, SSRN paper, SILVI R., La misurazione della performance. Criteri di analisi e progettazione, in Economia e Management, 4/1996. TAURINGANA V., MANGENA, M., The Influence of the Business Review on Reporting Key Performance Indicators in the UK Media Sector, Edinburgh: Institute of Chartered Accountants of Scotland,

10 ZINGALES L., The Costs and Benefits of Financial Market Regulation, Ecgi Working Paper, n. 21/2004, reperibile sul sito p

11 APPENDICE 1. INDICATORI DI PERFORMANCE FINANZIARI CLASSIFICATI PER CATEGORIA E RILEVATI NELL ANALISI EMPIRICA. Cashflow Debito Sviluppo Liquidità Mercato Redditività CF/EBITDA CF/Utile CF/Fatturato Oneri finanziari/ Vendite Interest cover Oneri operativi/ fatturato (Equity +Debiti)/ Attivo Immob. (E+Debiti)- Attivo Immob. Copertura Immob. CAPEX/ Svalutazioni&A mm.ti Vendite nuovi prodotti/ fatturato tot. Oneri R&S Turnover delle scorte Debt/MV Cost saving NWC Dividend cover EBIT growth rate Turnover pagamenti Dividend Growth EBITDA Growth D/E Sales CAGR Quick margin Dividend yield EBITDA margin D/E ratio DEBT/ EBITDA Receivables turnover E/Shares EBITDA/ Capitale investito netto WC turnover EBIT/share EBT GR E/ Attivo Immob. Acid margin EBITDA/ shares EBT margin E/ Capitale Investito. Acid ratio EPS growth EBT/margin E- Attivo Attivo Immob. / Capitale Current ratio FCF/Share Immob Investito Finanziamenti Day sales bancari netti outstanding MVPS/BVPS Costi fissi /Fatturato Debiti netti Price/BV GP margin Posizione finanziaria netta (NFP) Price/ Earning ratio Gross margin NFP/E Price/ EBITDA Net income margin NFP/ EBITDA Regulatory Turnover capitale netto capital value investito NFP/ vendite Revenues by brand NI/Revenues Debiti tot./ Capitale TSR ROA investito Debiti Tot/E ROCE ROCE/WACC ROE ROI oper ROS Tax rate Turnover Valore aggiunto (VA) VA/Fatturato 61

12 WACC APPENDICE 2. INDICATORI DI PERFORMANCE NON FINANZIARI CLASSIFICATI PER CATEGORIA E RILEVATI NELL ANALISI EMPIRICA. Analisi fattori processi produttivi Ordini in portafoglio Rotazione magazzino di ordini Imballaggi Ore di trasmissione filiali Tasso di rotazione magazzino di broadcasts Peak demand (MW) Volumi prodotti Boutiques area Materiale utilizzato (Ottone, acciaio) di concorrenti Indice del costo di produzione Volumi prodotti (Kw) Volatilità prezzo rame Net efficient capacity Number of DOS Puntualità Volumi trasportati Oneri della qualità Elettricità netta generata di impianti gestiti Spazio vendita al pubblico Domanda elettricità Import. nette Elettric. venduta Network (KM) Prod. gas Oil Spills Royalties library Negozi aperti nell ulti mo anno Riserve gas Nuovi negozi Order book coverage Energia consumata Ambiente Percentuale media riciclo Consumo carburante Consumo acqua Livelli carbonio utilizzato Greenhouse gas emissions Emissione CO2 Pollution incidents Efficienza consumi Refinery avability Energia consumata Energia rinnovabile generate Effic. Energ. Risorse e riserve Invest. Oneri ambientali/ ambient./ Vendire Vendite Sviluppo sostenibile Sprechi Innovazione % vendite nuovi clienti Traffico online Fixed-line network connections di accessi alla rete Mobile line at year-end Ore di formazione Tasso dei nuovi clienti nuovi clienti Ore progettazioni nuovi prodotti Nuovi prodotti brevetti imprese Hi-tech in portaf. 62

13 Analisi forza lavoro EBITDA/ dipendenti Employee satisfaction Fatturato/ Staff Satisf. numero dip.ti Dipendenti per area geografica Employees turnover Tasso crescita fatturato per dipendente Tasso incidenti sul lavoro Giorni lavoro persi per dip.ti incidenti sul lavoro Customer satisfaction Tasso incidenza primi 20 clienti reclami Customer fidelity Customer satisf. dei top costumer Giorni di risposta ai reclami Posizionamento sul mercato Audience Tasso crescita clienti Market share clienti Product Number of market season tickets share Vendite medie per cliente Altro Corporate social involvment Investiment in community 63

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali Francesco Dainelli Curriculum Vitae 2011 www.fargroup.eu f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali 25/02/2014 0

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione Le problematiche organizzative e manageriali Milano, 30 maggio 2001 Agenda Sessione I INTRODUZIONE 3 Sessione II MANAGEMENT

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Giuseppe Di Martino. CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE

Giuseppe Di Martino. CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE Giuseppe Di Martino CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE Aprile 2012, Università Statale degli Studi di Trieste Dottorato di Ricerca in Finanza Aziendale SECS-P/09 Titolo e Descrizione

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

G R A Z I A D I C U O N Z O

G R A Z I A D I C U O N Z O G R A Z I A D I C U O N Z O ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2 Dicembre 2013 ad oggi Titolare di assegno di ricerca (s.s.d. SECS-P/07) dal titolo I marchi di impresa: un analisi empirica dei divari tra valori e

Dettagli

CURRICULUM VITAE E DELL ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA PROF. PAOLO ROFFIA NOTE BIOGRAFICHE

CURRICULUM VITAE E DELL ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA PROF. PAOLO ROFFIA NOTE BIOGRAFICHE CURRICULUM VITAE E DELL ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA PROF. PAOLO ROFFIA NOTE BIOGRAFICHE Nato a Mantova, il 05/07/1970 Dottore di ricerca in Economia Aziendale (PhD) XI ciclo, Università di Pisa, 1999.

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. III anno I semestre A.A. 2015/2016

FINANZA AZIENDALE. III anno I semestre A.A. 2015/2016 1-1 FINANZA AZIENDALE III anno I semestre A.A. 2015/2016 Docente Pierluigi Murro (p.murro@lumsa.it) Libro di testo 1-2 Principi di Finanza aziendale Autori: R.A. Brealey S.C. Myers F. Allen S. Sandri Settima

Dettagli

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Convegno di presentazione delle attività di ricerca e incontro con gli operatori Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università LUM giannotti@lum.it

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO

ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO di Maurizio Nizzola Introduzione L obiettivo di questo lavoro è svolgere un analisi

Dettagli

Francesco Giunta Curriculum Vitae. www.fargroup.eu. Curriculum Vitae. Laura B ini 23/02/2014

Francesco Giunta Curriculum Vitae. www.fargroup.eu. Curriculum Vitae. Laura B ini 23/02/2014 Francesco Giunta Curriculum Vitae 2012 www.fargroup.eu Curriculum Vitae Laura B ini 23/02/2014 0 f rg A Dati anagrafici Nata a Pescia il 23.IX.1979. Titoli e incarichi accademici 2012 Ricercatore a tempo

Dettagli

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 ! VPRI-040617-IsLucc-P1 La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 VPRI-040617-IsLucc-P2 Premessa Caratteristiche del Bilancio di Sostenibilità La predisposizione

Dettagli

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali Lezione 19 Il reporting Perché i report 1. Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali 2. Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se:

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

Lez. 2. I principi contabili

Lez. 2. I principi contabili Lez. 2 I principi contabili Il riconoscimento al bilancio del ruolo di strumento informativo a 360 impone al redattore del bilancio l obbligo di tenere un comportamento corretto......ma i redattori avvertivano

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE UNO SGUARDO D INSIEME. 1. Obiettivi e metodologia... Pag. 4 2. I limiti della ricerca field...» 9 3. Ringraziamenti...

INDICE INTRODUZIONE UNO SGUARDO D INSIEME. 1. Obiettivi e metodologia... Pag. 4 2. I limiti della ricerca field...» 9 3. Ringraziamenti... INDICE Prefazione di Alberto Mattiacci... Pag. XI INTRODUZIONE UNO SGUARDO D INSIEME 1. Obiettivi e metodologia... Pag. 4 2. I limiti della ricerca field...» 9 3. Ringraziamenti...» 10 PARTE PRIMA IL CONTESTO

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it Piacenza, 20 marzo 2003 Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it I domini dell armonizzazione Armonizzazione de jure Armonizzazione de facto Norme e principi contabili Armonizzazione Bilanci effettivamente

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

Francesco Giunta Curriculum Vitae 2014. www.fargroup.eu. f r. A g. Curriculum Vitae. Francesco Giunta

Francesco Giunta Curriculum Vitae 2014. www.fargroup.eu. f r. A g. Curriculum Vitae. Francesco Giunta www.fargroup.eu f r A g Curriculum Vitae Francesco Giunta 1/7/2015 1 Studi Maturità classica. Laurea in Economia e Commercio cum laude. Vincitore del Premio Villa Favard per la tesi più originale. Titoli

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale CURRICULUM VITAE FORMAZIONE Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi La Sapienza

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Curriculum Vitae. Francesco D ainelli !"#! www.fargroup.eu. Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali

Curriculum Vitae. Francesco D ainelli !#! www.fargroup.eu. Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali Francesco Dainelli Curriculum Vitae "# www.fargroup.eu f rg A Curriculum Vitae Francesco D ainelli Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali Francesco Dainelli

Dettagli

Luigi Lombardi, Maria Pennica. Manuale di finanza per manager non finanziari MANAGEMENT. FrancoAngeli

Luigi Lombardi, Maria Pennica. Manuale di finanza per manager non finanziari MANAGEMENT. FrancoAngeli Luigi Lombardi, Maria Pennica Manuale di finanza per manager non finanziari MANAGEMENT FrancoAngeli Luigi Lombardi, laureato in Economia e Commercio e Master on Business Administration, oltre che noto

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Audit. Tax. Consulting. Corporate Finance. Servizi di Accounting Advisory Soluzioni operative ed efficaci, su misura per i vostri bisogni

Audit. Tax. Consulting. Corporate Finance. Servizi di Accounting Advisory Soluzioni operative ed efficaci, su misura per i vostri bisogni Audit. Tax. Consulting. Corporate Finance. Servizi di Accounting Advisory Soluzioni operative ed efficaci, su misura per i vostri bisogni Supporto all area amministrazione, finanze e controllo Dovete risolvere

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA (Aggiornato a MARZO 2013) NOME E COGNOME E-MAIL Paola Ramassa ramassa@economia.unige.it CURRICULUM STUDI LAUREA Laurea in Economia e Commercio (indirizzo aziendale) Università degli Studi di Genova DOTTORATO

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2013 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di imprese

Dettagli

QUESTIONARIO. Informazioni anagrafiche. Cognome: Ruolo Svolto: Società: Misure di Performance nel fascicolo di bilancio: Utilità

QUESTIONARIO. Informazioni anagrafiche. Cognome: Ruolo Svolto: Società: Misure di Performance nel fascicolo di bilancio: Utilità QUESTIONARIO Informazioni anagrafiche me: Cognome: Ruolo Svolto: Società: Fatturato:.. Numero Addetti: Misure di Performance nel fascicolo di bilancio: Utilità 1. Il fascicolo di bilancio attualmente predisposto

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010)

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010) EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010) 1. Contabilità finanziaria 2. Contabilità manageriale 3. Diritto commerciale Elementi chiave dell amministrazione La

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 BILANCI Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Risultati economici 0. Analisi

Dettagli

L utile netto pari a 52,0 milioni, è in crescita del 21,5% rispetto al primo trimestre del 2014, con un incidenza sui ricavi del 18,8%.

L utile netto pari a 52,0 milioni, è in crescita del 21,5% rispetto al primo trimestre del 2014, con un incidenza sui ricavi del 18,8%. RECORDATI: NEL PRIMO TRIMESTRE CRESCITA DEI RICAVI E ULTERIORE MIGLIORAMENTO DEI MARGINI. RICAVI +5,9%, UTILE OPERATIVO +18,1%, UTILE NETTO +21,5%. Ricavi netti consolidati 275,7 milioni, +5,9%. EBITDA

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro Direttiva 2003/51/CE D.Lgs. 32/2007 Le società di capitali italiane sono tenute a seguire

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2013 BILANCI Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Risultati economici 1. Analisi dei

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs 1 Framework Business combination (acquisizione del controllo) Purchase Price Allocation (valutazione

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

Il Laboratorio real estate: attività del 2012 e sguardo al futuro

Il Laboratorio real estate: attività del 2012 e sguardo al futuro Il Laboratorio real estate: attività del 2012 e sguardo al futuro Workshop di presentazione dei LAB Università di Roma Tor Vergata 15 16 gennaio 2013 Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. %

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. % Milano, 30 marzo 2006 TOD S S.p.A.: eccellenti risultati nell esercizio 2005 (Ricavi: +19,5%, EBITDA: +27%, EBIT: +34%, utile netto: +39%). Dividendo 2005: 1 Euro per azione, più che raddoppiato rispetto

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

3 rd Annual ABI-AFME Event Opportunities in the Italian Funding Market 2010: Securitisation & Covered Bonds

3 rd Annual ABI-AFME Event Opportunities in the Italian Funding Market 2010: Securitisation & Covered Bonds 3 rd Annual ABI-AFME Event Opportunities in the Italian Funding Market 2010: Securitisation & Covered Bonds Originators and Investors: the new connected network Deloitte Consulting S.p.A. dott.sa Alessia

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali 1 1.1 Le funzioni del bilancio di esercizio 3 1.2 Il quadro normativo nazionale 4 1.2.1 I postulati del bilancio

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

Lezione 22. Il reporting

Lezione 22. Il reporting Lezione 22 Il reporting Perché i report Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se: 1. gli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini Prefazione di Elio Borgonovi... pag. XIII CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini 1. Introduzione... pag. 1 2. Definizioni a confronto...» 2 3. Dall istituto

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

Beni Stabili: il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Beni Stabili: il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Beni Stabili: il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Reddito Operativo 44,2 milioni di euro (42,7 milioni di euro 1 Q 2007) Risultato netto di Gruppo 5,9 milioni di euro (7,3 milioni di euro nel 1

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Convegno Gli strumenti derivati di copertura Genova, 13 maggio 2010 Auditorium Confindustria Dott. Marcello Pollio ODCEC Genova Studio

Dettagli

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo Indice Presentazione, di Gilberto Gabrielli Introduzione Significato dei simboli e degli acronimi XI XII XXI Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Dettagli

ESERCITAZIONE PER I CORSI DELLA PROF.SSA VALENTINA DELLA CORTE. Analisi di Bilancio Dott. Alessio Piras

ESERCITAZIONE PER I CORSI DELLA PROF.SSA VALENTINA DELLA CORTE. Analisi di Bilancio Dott. Alessio Piras ESERCITAZIONE PER I CORSI DELLA PROF.SSA VALENTINA DELLA CORTE Analisi di Bilancio Dott. Alessio Piras BILANCIO: - STATO PATRIMONIALE - CONTO ECONOMICO - NOTA INTEGRATIVA STATO PATRIMONIALE ATTIVO - PASSIVO

Dettagli

Confronto Europa - USA

Confronto Europa - USA Novembre 2012 Confronto Europa - USA Uwe Zoellner Gestore di Portafoglio Franklin European Group Grant Bowers Vice Presidente Gestore di Portafoglio Franklin European Group Domanda Qual è la vostra visione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA Il metodo CVRP per l analisi delle maggiori società tessili italiane Stefano Cordero di Montezemolo

Dettagli

Pagella Redditività : Solidità : Crescita : Rischio : Rating :

Pagella Redditività : Solidità : Crescita : Rischio : Rating : Analisi Diasorin Introduzione I buoni risultati del I trimestre non bastano ad esprimere un giudizio positivo su Diasorin, il titolo è reduce da un forte apprezzamento e quota a multipli elevati, notizie

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di imprese

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

GIULIA BASCHIERI CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA

GIULIA BASCHIERI CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA GIULIA BASCHIERI CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA Luogo e data di nascita Bologna, 9 Maggio 1984 Cittadinanza Italiana Residenza Via Nazario Sauro 27 40121 Bologna Cellulare: +39.339.6748511

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

L aggiornamento dei Principi contabili nazionali

L aggiornamento dei Principi contabili nazionali Paola Costa L aggiornamento dei Principi contabili nazionali Con la pubblicazione definitiva del 5 agosto 2014, si è concluso il progetto di aggiornamento dei Principi contabili nazionali, con l eccezione

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

Gruppo Salini Costruttori TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011

Gruppo Salini Costruttori TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011 TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011 Situazione Contabile Consolidata INDICE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Cariche Sociali pag. 3 INFORMAZIONI SULLA GESTIONE Note di commento all andamento gestionale del trimestre

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

La valutazione degli attivi nei fondi di private equity

La valutazione degli attivi nei fondi di private equity LA VALUTAZIONE DEGLI ATTIVI ILLIQUIDI DETENUTI DAGLI INTERMEDIARI FINANZIARI La valutazione degli attivi nei fondi di private equity Relatore: Daniele Monarca 12 Luglio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Analisi delle performance delle imprese del comparto macchine ACIMGA

Analisi delle performance delle imprese del comparto macchine ACIMGA Analisi delle performance delle imprese del comparto macchine ACIMGA - Jacopo Mattei SDA Bocconi e Università di Ferrara Milano, 2 Luglio 2015 SITUAZIONE GENERALE L analisi è stata condotta su un campione

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti Project Financing Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari Lecce 2 ottobre 2003 A cura del Dott. Massimo Leone Sommario degli argomenti 1. Introduzione al project financing 2. Il project

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 22 aprile 2015

COMUNICATO STAMPA 22 aprile 2015 SERVIZI ITALIA: l Assemblea approva il bilancio 2014 e la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,16 p.a.; nominato il Consiglio di Amministrazione. Approvato il bilancio d esercizio al 31 dicembre

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Trevigiano Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Fanzolo di Vedelago (TV), Via Stazione n.3-5 iscritta all Albo delle

Dettagli

Presentazione istituzionale

Presentazione istituzionale Presentazione istituzionale 2014 Sponsor: www.sdabocconi.it/privateequity OBIETTIVI Nell ottica di creare valore e di supportare l attività degli operatori, il centro si occupa di produrre studi e ricerche

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... pag. 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... pag. 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... pag. 6 1.4. Gli strumenti

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli