Visioni, percorsi e verifiche nei controlli manageriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visioni, percorsi e verifiche nei controlli manageriali"

Transcript

1 Visioni, percorsi e verifiche nei controlli manageriali

2

3 Paola Signori Visioni, percorsi e verifiche nei controlli manageriali Applicazioni al marketing e alla comunicazione McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C. Auckland Bogotá Lisboa London Madrid Mexico City Montreal New Delhi San Juan Singapore Sydney Tokyo Toronto

4 Copyright 2011, 2008 The McGraw-Hill Companies, S.r.l. Publishing Group Italia Via Ripamonti, Milano McGraw-Hill A Division of the McGraw-Hill Companies I diritti di traduzione, di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale e parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche) sono riservati per tutti i Paesi. Date le caratteristiche intrinseche di Internet, l Editore non è responsabile per eventuali variazioni negli indirizzi e nei contenuti dei siti Internet riportati. Nomi e marchi citati nel testo sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici. Publisher: Paolo Roncoroni Produzione: Donatella Giuliani Realizzazione print on demand: Ilovebooks, Fara Gera d Adda (Bergamo) Stampa: Prontostampa, Fara Gera d Adda (Bergamo) ISBN Printed in Italy

5 Dedicato a chi ama il suo lavoro

6

7 Indice Prefazione di Antonio Borghesi Introduzione XI XIII Capitolo 1 Allineamento e armonizzazione dei controlli. Il prospetto di analisi La visione del controllo nei sistemi di misurazione delle performance Il problema dei controlli I percorsi del controllo Gli approcci di misurazione L allineamento e l armonizzazione nei controlli Il prospetto di analisi 12 Bibliografia del capitolo 1 14 Capitolo 2 La visione del controllo nei Performance Measurement Systems Requisiti e condizioni dei sistemi di misurazione Limiti dei tradizionali sistemi di misurazione delle performance Il dibattito: misurare i risultati o i processi L architettura informativa proposta nel Performance Measurement Manifesto Lo schema concettuale del Balance Scorecard Il Performance Prism e le dimensioni multiple interrelate 31

8 VIII Indice 2.7 Indicazioni dal Six Sigma Estensioni al controllo interaziendale. Esempi dallo SCORmodel Le visioni del controllo 40 Bibliografia del capitolo 2 40 Capitolo 3 Il percorso del controllo ovvero l auditing. Un esempio nel marketing I diversi percorsi del controllo. Significato e importanza dell'auditing di marketing Ruoli e fasi dell auditing di marketing I principi dell'audit interno di marketing I principi dell audit esterno di marketing L'analisi SWOT per il marketing audit La key factor analysis Le liste di controllo Le ipotesi e gli scenari Le matrici delle opportunità e delle minacce La mappa delle priorità La lista delle priorità La gap analysis Il report finale La tecnica modulare e la tecnica centralizzata I punti di controllo, lo scarto significativo e l analisi di sensibilità Gli strumenti di supporto I Ratios di marketing L allineamento dei percorsi di auditing nella visione del controllo 94 Bibliografia del capitolo 3 95 Capitolo 4 Le verifiche del controllo sulla misura delle attività. L applicazione alla comunicazione I modelli di analisi dei processi della comunicazione La mappa del processo di comunicazione aziendale come traccia per il controllo Le verifiche di area 1: la congruenza degli obiettivi Le verifiche di area 2: la conoscenza dei riceventi, degli astanti e le influenze di contesto Le verifiche di area 3: l emittente e l apparato di emissione 125

9 Indice IX 4.6 Le verifiche di area 4: i contenuti intrinseci Le verifiche di area 5: le codifiche del messaggio e gli stimoli emessi Le verifiche di area 6: i canali, gli strumenti, i mezzi e i veicoli di comunicazione Le verifiche di area 7: la ricezione del messaggio Le verifiche di area 8: il controllo dei feedback e degli effetti della comunicazione Le verifiche di area 9: la scheda di coerenza Le verifiche sulle attività sono armonizzate nella visione del controllo 160 Bibliografia del capitolo 4 160

10

11 Prefazione La vita di ogni impresa è costituita da una serie incessante di operazioni, senza soluzione di continuità. Ciascuna delle attività o dei processi, che non sono che una loro concatenazione sequenziale, richiede comunque una serie di misurazioni, antecedenti al loro inizio, concomitanti e susseguenti. Allo scopo di garantire congruità tra siffatte misurazioni, direzionali ed operative, rispetto al quadro complessivo degli obiettivi aziendali, un numero crescente di imprese ricorre oggi al processo di performance management. Più in generale tale processo è uno dei numerosi processi che oggi sembrano essere, più che nel passato, gli strumenti di creazione del valore. La transizione dalla più tradizionale gestione per funzioni alla gestione per processi ha significativamente ridotto il riferimento alle sole misurazioni economicofinanziarie, quali driver del successo aziendale e del profitto di lungo termine. In tal senso le verifiche basate sul binomio efficacia/efficienza appaiono sempre più prendere il posto di quelle fondate sul binomio inverso efficienza/efficacia. Questo volume non è un libro sulla misurazione, e non si propone di inventare nuovi indicatori. Non intende neppure presentare il nuovo processo aziendale di performance management né vuole ripercorrere i pur numerosi studi sui calcoli di convenienza tecnico-economica, che devono precedere qualunque avvio di nuove operazioni aziendali. Intende invece ricercare, ed in ciò sta la sua principale originalità, linee guida metodologiche per armonizzare gli indicatori più appropriati al sistema o sub-sistema aziendale esaminato. E in sostanza l individuazione, in ottica sistemica, di modalità che permettano di conseguire la congruenza tra indicatori, ciascuno dei quali ha un suo proprio campo di validità, e l allargamento di tale campo agli obiettivi aziendali generali, che unitamente agli altri indicatori prescelti, deve essere in grado di rappresentare.

12 XII Prefazione Come è noto ogni legge, tanto delle scienze naturali quanto delle scienze sociali, è delimitata da un campo di validità, così come ogni strumento su di essa basato. Allo stesso modo ogni indicatore è dotato di un campo di validità, corrispondente al fine per cui è stato creato. Non è detto, di conseguenza, che il loro assemblaggio, comunque effettuato, dia luogo alla loro congruenza rispetto agli obiettivi strategici. In effetti gli indicatori possono essere decisi dall alto (in linea con obiettivi strategici) o promanare dal basso (in linea con obiettivi operativi) e pertanto il loro allineamento ai primi comporta la loro rispondenza ad una serie di requisiti ed in particolare l accertamento della adeguatezza del loro campo di validità. Una volta individuato il percorso metodologico per la verifica sopra delineata, Paola Signori affronta la sua pratica applicazione alla comunicazione aziendale, quale sottosistema del marketing. Ciò in quanto l auditing di marketing appare al mondo accademico e professionale come una delle aree nelle quali è più difficile dare certezze alla misurazioni che dovrebbero esprimere gli effetti degli investimenti attuati. Tale applicazione a sua volta permette di dimostrare come visioni, percorsi e verifiche possano essere allineati e armonizzati. Antonio Borghesi

13 Introduzione Dedico questo libro a chi ama il suo lavoro. Il motivo di questa scelta è legato in modo netto alle tematiche che ho sviluppato e al modo in cui le ho affrontate. Ho incrociato tre temi diversi: il tema dei sistemi di misurazione dei risultati, il tema dell auditing di marketing e il tema della comunicazione. Questi argomenti derivano dalla mia storia di lavoro. Sono sempre stata attratta dalle misurazioni, prima nel marketing poi nella logistica. La sfida era comprendere il come si fa, il lato operativo, il lato vero della gestione delle imprese. Prima mi attraeva tutto quanto fosse riferibile al marketing audit. Poi mi sono avvicinata alle problematiche della misurazione tra imprese, sviluppando un metodo di analisi per valutarne le capacità di integrazione. In parallelo, subendo il fascino della comunicazione, ho in modo naturale affrontato il tema in modo tecnico, in particolare sulle valutazioni di efficacia. Adoro tanto questo argomento che mi dedico sempre con grande entusiasmo ai miei corsi di marketing e di economia e tecnica della comunicazione. Su questi tre temi da anni sto leggendo, insegnando, correggendo, seguendo la crescita dei miei allievi, ma soprattutto facendo ricerca applicata, vedendo le esperienze delle imprese e incontrando tanti appassionati del loro lavoro. Ho vissuto però alcuni momenti di dissonanza. In ogni ambiente dovevo avere un diverso biglietto da visita che mi presentasse. E mi sentivo in dovere di mascherare le mie altre anime per non correre il rischio di non essere capita. Mi trovavo talvolta a ragionare a scatole chiuse. Crescevano in me competenze e sete di conoscenze tipiche di ogni area ma con dei conflitti interni. Questi conflitti, dopo lunghi momenti di incubazione, facevano debordare idee da un area all altra in imprevisti momenti di creatività. Allora applicavo in modo sperimentale, a mente a- perta, alcuni strumenti operativi tipici di un argomento su problematiche completamente diverse. Finché non è arrivata la riflessione comune sui controlli. I controlli pervadono ogni momento, ogni area, ogni livello nelle imprese organizzate. Controlli in logistica, controlli in produzione, controlli in marketing, controlli in

14 XIV Introduzione comunicazione, controlli nel commerciale, controlli in finanza, controlli direzionali, ecc. Ogni area ha le sue tecniche e i suoi strumenti. Ogni livello ha i suoi obiettivi. Ogni valutatore ha necessità di raccogliere le risposte alle sue domande. Non è solo un problema di indicatori: molte tecniche indicano come definire un set di indicatori finalizzati ai loro obiettivi. La crescita rapida dei KPIs in ogni area è un aspetto che affascina molti ricercatori (il numero di indici prodotti dalle imprese non è registrabile tanto è elevato e in continuo cambiamento), ma non sembra preoccupare molti managers. Non è neanche un problema di misurazioni, risolvibile da un recording chart chiaro e ben definito. E proprio un problema di motivazioni che spingono i controlli. Le motivazioni sono spesso chiare a tutti i livelli, ma forse non sono le stesse per tutti. Se allora i controlli si conducono con scopi e con ottiche diverse, lo stesso risultato del controllo è utile a scopi e per prospettive diverse. E posto che i controlli non sono solo valutazioni di scostamento di un risultato, rispetto all atteso o all ideale, vi sono molte vie per condurli. I percorsi del controllo seguono le specializzazioni delle aree per le quali essi sono stati avviati. L audit economico-finanziario ha tecniche e principi consolidati, l audit di marketing supporta il marketing analitico ed entra le processo di pianificazione. I percorsi del controllo, qualunque sia il loro scopo, devono essere allineati con la visione strategica del controllo. Senza questo allineamento le valutazioni rimangono esercizi a scatola chiusa e non sono finalizzati al più ampio disegno al quale loro dovrebbero contribuire. Gli indicatori poi, utili agli scopi per cui sono stati creati, offrono il loro valore di controllo ristretto ad essi. Come si può ritrovare la visione generale del controllo in ogni valutazione? La necessaria armonia sembra facilmente assorbibile attuando inizialmente delle semplici verifiche. Le verifiche dei controlli sono quel passaggio necessario a chiarire e comprendere se le singole valutazioni delle attività, nella loro funzione specifica, offrono un contributo utile al sistema generale del controllo. Se le ottiche di valutazione sono diverse, sarà difficile trarne un reciproco beneficio. Ormai numerosi modelli teorici hanno proposto sistemi di misurazione con dettagli applicativi che dimostravano la validità dei loro assunti. E, a contrasto, ho notato però che in alcune esperienze aziendali il cambiamento verso quei modelli è stato vissuto come una vera innovazione di rottura, con tutte le problematiche tipiche del change management. Tali modelli però si fermavano alla direzione, pur cercando dati ai livelli operativi; in sostanza sembravano proprio non venire integrati nelle decisioni e nel lavoro quotidiano di tutti i collaboratori, a tutti i livelli. E paradossalmente, in o- gni area di specializzazione, si notano sempre più aggiornate tecniche, utilizzate nelle distinte aree di competenza: tecniche di audit di marketing per esempio, tecniche di controllo della comunicazione aziendale. Nuovi strumenti di misurazione, nuove tecniche, nuovi metodi, nuovi indici. Come essere sicuri di mantenere unicità di visione nei controlli? Come verificare se tutto il sistema di controllo mantiene un vivo legame? Questi ragionamenti mi sono parsi spunti interessanti di riflessione.

15 Introduzione XV Devo oggi ringraziare il mio maestro e amico, Prof. Antonio Borghesi, per avermi in questi anni fortemente motivato verso queste riflessioni, offrendomi costantemente piccoli interessanti spunti e aiutandomi a cercare il percorso logico che, persa nelle scatole chiuse, non riuscivo a chiarire. Ringrazio sentitamente anche tutto il mio gruppo, Barbara Gaudenzi, Ivan Russo, Veronica Pasqualetto, Ilenia Confente (chiamarli solo colleghi sarebbe riduttivo) perché in questo ultimo periodo mi hanno regalato il tempo della riflessione, facendosi carico anche dei miei, sempre urgenti, compiti quotidiani. Grazie per la dedizione e l entusiasmo che mettete ogni giorno nel vostro lavoro! Voglio lasciare scritti i ringraziamenti alla mia famiglia, ai miei genitori, pazienti sostenitori delle mie iniziative, a mia sorella Roberta e alle mie cognate, Patrizia e Silvana, vicine e comprensive. Devo poi riconoscere grande merito a mio marito Giorgio, dato che senza il suo sostegno non sarei mai riuscita a finire questo progetto editoriale: non potevo deludere la stima incondizionata che ripone da sempre in me. Non sempre purtroppo i momenti di riflessione si vivono in atmosfere controllate. Possono avvenire fatti che turbano la necessaria serenità, le priorità possono cambiare e le motivazioni si indeboliscono. Nei periodi scuri servono grandi amori e grandi amicizie. Io li ho avuti in regalo. Grazie. Ringrazio mio figlio Cesare per la gioia che i suoi occhi mi donano ogni volta che stiamo insieme. Sento il dovere di ringraziare pubblicamente anche le mie amiche, forse non consapevoli del grande aiuto psicologico che mi hanno dato, in particolare Fabrizia, la mia spalla di supporto, ma anche Barbara (con Giuseppe), Cristina, Eva, Francesca, Patrizia, Silvia, Nadia, Katia, Monica, Monica, Gabriella per la vicinanza che mi hanno saputo dimostrare. Un ringraziamento generale poi va a tutti gli appassionati del lavoro, che ho incontrato in tutti questi anni e che come me non si accontentano di ciò che fanno ma vogliono guardare oltre. Una cosa che abbiamo in tanti in comune è il desiderio di non fermarsi alle conoscenza consolidate, non appigliarsi alle regole, provare a ragionare con un approccio creativo. Il contributo che ho cercato di dare in questo libro è proprio questo in sintesi. Vorrei offrire i miei sforzi di riflessione, l amore per il mio lavoro, a tutti coloro che vogliono migliorare, che cercano di uscire dalle scatole chiuse in cui le aree di specializzazione vogliono metterci. Arriva un momento in cui tutte le cose che si fanno con grande passione e travolgimento convergono. E allora il beneficio che deriva dai nostri sforzi è potenziato. Introduco così questo libro perché vorrei fosse letto non tanto e non solo nei suoi contenuti, che si svelano nei dettagli di ogni pagina, ma nel suo senso più importante. Vorrei fosse uno stimolo a migliorarsi, a guardare oltre la tecnica, oltre i modelli organizzativi o gli strumenti pronti che le mode continuano a proporre come migliori, oltre la propria scatola chiusa. Vorrei che in questo libro qualcuno trovasse uno spunto, un idea da condividere, un motivo per fermarsi a riflettere, un modo nuovo di guardare il proprio amato lavoro. Paola Signori

16

Autorevolezza personale e leader nella professione

Autorevolezza personale e leader nella professione Autorevolezza personale e leader nella professione Adolfo Maria Comari Autorevolezza personale e leader nella professione Psicologia della leadership McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington

Dettagli

Il bilancio di esercizio. Principi contabili e il loro impatto sulla performance aziendale

Il bilancio di esercizio. Principi contabili e il loro impatto sulla performance aziendale Il bilancio di esercizio Principi contabili e il loro impatto sulla performance aziendale Monica Bartolini Il bilancio di esercizio Principi contabili e il loro impatto sulla performance aziendale McGraw-Hill

Dettagli

Riclassificazione e indici di bilancio

Riclassificazione e indici di bilancio Riclassificazione e indici di bilancio Riccardo Silvi Riclassificazione e indici di bilancio McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C. Auckland Bogotá Lisboa London Madrid Mexico City

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Organizzazioni sanitarie: dal design al management

Organizzazioni sanitarie: dal design al management Organizzazioni sanitarie: dal design al management Massimo Franco, Stefania De Simone Organizzazioni sanitarie: dal design al management McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C. Auckland

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Il rischio di compliance

Il rischio di compliance Il rischio di compliance A cura di Antonio Matacena ed Enrico Supino Il rischio di compliance McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C. Auckland Bogotá Lisboa London Madrid Mexico City

Dettagli

Il Leasing per le Piccole e Medie Imprese

Il Leasing per le Piccole e Medie Imprese Il Leasing per le Piccole e Medie Imprese A cura di Clara de Braud e Ilaria Tagliabue Il Leasing per le Piccole e Medie Imprese McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C. Auckland Bogotá

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

PAOLA TOSATO LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO

PAOLA TOSATO LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO PAOLA TOSATO Anteprima di: LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO Migliora il Tuo Rapporto con la Ricchezza per Raggiungere la Prosperità Economica 2 Titolo LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO Autore Paola Tosato

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Il caso del Passante di Mestre

Il caso del Passante di Mestre A13 Luciano Bologna Schemi interpretativi per calmierare l entropia nel sistema di realizzazione delle opere pubbliche alla luce delle odierne tendenze di esternalizzazione Il caso del Passante di Mestre

Dettagli

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Le imprese alberghiere

Le imprese alberghiere Le imprese alberghiere Aurelio G. Mauri Le imprese alberghiere Strategie e marketing Seconda edizione McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C. Auckland Bogotá Lisboa London Madrid Mexico

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Scuole Classiche e moderne. La realtà Italiana.

Scuole Classiche e moderne. La realtà Italiana. CONTINUA L INTRODUZIONE ARCHITETTURA FENG SHUI Scuole Classiche e moderne. La realtà Italiana. 1. Parlando strettamente nell ambito del Feng Shui c'è anche da comprendere che esistono le Scuole classiche

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché.

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché. LA RICERCA TI CERCA Come diventare ricercatore. E perché. INDICE CHE COS È LA RICERCA FARMACEUTICA? Una lunga storia, in breve 3 COME SI ENTRA NEL MONDO DELLA RICERCA? Un lavoro che guarda lontano, visto

Dettagli

Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto

Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto Antonella Montano, direttrice dell Istituto A.T. Beck di Roma (www.istitutobeck.it), antropologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Economia agroalimentare: mercati e politiche

Economia agroalimentare: mercati e politiche Economia agroalimentare: mercati e politiche Valeria Sodano, Maria Sassi, Andrea Marchini Economia agroalimentare: mercati e politiche McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C. Auckland

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

l intervista Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione m m

l intervista Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione m m Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione Mario Donato Germani, titolare della ditta di manutenzione, GERMAR srl, compie 70 anni di vita e 50 di attività. Lo abbiamo incontrato ed intervistato perché

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio A01 Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I Laboratorio Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A. A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera. video intervista con cellulare

Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A. A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera. video intervista con cellulare Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera intervista con solo voce registrata video intervista con cellulare intervista con appunti

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione?

Come scrivere una lettera di presentazione? Come scrivere una lettera di presentazione? Dividerla in tre sezioni: 1. Perché sto scrivendo e chi sono: Se state rispondendo ad un annuncio, inserzione, sui giornali, siti-web ecc allora potete esordire

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie Il MANAGER e la COMUNICAZIONE Strategie, metodi e nuove tecnologie Manuale per sviluppare le competenze individuali e facilitare il flusso comunicativo all interno e all esterno dell organizzazione Indice

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/06/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri)

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri) Linee programmatiche per un anno di cammino per Adolescenti PRIMO ANNO TEMA DI FONDO: Il Senso della VITA, qualsiasi essa sia La riflessione su questo tema si sviluppa in quattro tappe per un totale di

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Il tutoring peer to peer

Il tutoring peer to peer Il tutoring peer to peer Peer to peer 9 ore in presenza, alle quali deve essere aggiunta 1 ora dedicata alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line interamente a carico delle scuole

Dettagli

Sistemi informativi sanitari

Sistemi informativi sanitari Sistemi informativi sanitari Alberto Rosotti Sistemi informativi sanitari McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C. Auckland Bogotá Lisboa London Madrid Mexico City Montreal New Delhi

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Carla Roverselli Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Fatema Mernissi: educare a superare i confi ni ISBN: 9788867092307 Prima edizione: dicembre 2015 2015 - Editoriale Anicia s.r.l. Via

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

PIÙ DI 10 ANNI A PANE E INTERNET

PIÙ DI 10 ANNI A PANE E INTERNET Polo d attrazione. PIÙ DI 10 ANNI A PANE E INTERNET UNA PARTITA AVVINCENTE L esperienza e lo stile distinguono i professionisti dai principianti. Dieci anni a pane e Internet sono tanti; per molti sono

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

IPERCA. Il metodo a sei fasi Per gestire con successo progetti, incarichi e situazioni di vita e per accrescere continuamente l esperienza.

IPERCA. Il metodo a sei fasi Per gestire con successo progetti, incarichi e situazioni di vita e per accrescere continuamente l esperienza. PRInCIPI IPERCA Il metodo a sei fasi Per gestire con successo progetti, incarichi e situazioni di vita e per accrescere continuamente l esperienza. 1 Informare Qual è esattamente il mio incarico? 2 Pianificare

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Processo di referaggio collana punto org

Processo di referaggio collana punto org Caro Referee, grazie in anticipo per aver accettato di referare per la collana punto org. Il Suo è un ruolo delicato: appartiene a una comunità di studiosi, docenti e professionisti che forniscono ai colleghi

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

Le novità 2014 per CoachMag

Le novità 2014 per CoachMag Le novità 2014 per CoachMag Credits Direttore editoriale: Natascia Pane direttore@coachmag.it - tel. +39 340 5279723 Editore: LA CASE Books, Los Angeles, CA 90093, USA. www.lacasebooks.com Fondatrice:

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Come Attuare il Cambiamento Attraverso la PNQ e il Modellamento della Realtà 2 Titolo LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Autore Luca Clun Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

collana di istruzione scientifica serie di ingegneria meccanica

collana di istruzione scientifica serie di ingegneria meccanica collana di istruzione scientifica serie di ingegneria meccanica Piermaria Davoli Laura Vergani Stefano Beretta Mario Guagliano Sergio Baragetti Costruzione di macchine 1 seconda edizione McGraw-Hill Milano

Dettagli

Il Tempo Zero del Desiderio. Una strategia evolutiva per l economia e la società della conoscenza

Il Tempo Zero del Desiderio. Una strategia evolutiva per l economia e la società della conoscenza Il Tempo Zero del Desiderio Una strategia evolutiva per l economia e la società della conoscenza Andrea Pitasi, Emilia Ferone Il Tempo Zero del Desiderio Una strategia evolutiva per l economia e la società

Dettagli

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di:

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di: Compito I settimana del II modulo Fagnani Lorena classe E13 1. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica

STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica 1) Com è possibile ridestare la voglia di studiare e cos ha risvegliato in te

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Storie di migranti a fumetti.

Storie di migranti a fumetti. Storie di migranti a fumetti. Il fumetto nelle scuole come strumento di sensibilizzazione e informazione per la diffusione dei contributi positivi dell immigrazione Settembre 2005 UN FUMETTO ALLA SCOPERTA

Dettagli