Bozza UNI - Riproduzione riservata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bozza UNI - Riproduzione riservata"

Transcript

1 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E14D00032 Attività professionali non regolamentate Profili professionali per l ICT Parte 2: Profili professionali di "seconda generazione" Unregulated professional activities ICT professional profiles Part 2: Second generation professional profiles ORGANO COMPETENTE UNINFO - Tecnologie Informatiche e loro applicazioni CO-AUTORE SOMMARIO La presente proposta nasce per definire i principali profili professionali per l ICT di seconda generazione prendendo come riferimento principale quanto già definito nel CWA 16458, ampliandolo e contestualizzandolo alla realtà nazionale. UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E14D00032 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

2 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E14D00032 Questo testo NON è una norma UNI, ma è un progetto di norma sottoposto alla fase di inchiesta pubblica, da utilizzare solo ed esclusivamente per fini informativi e per la formulazione di commenti. Il processo di elaborazione delle norme UNI prevede che i progetti vengano sottoposti all'inchiesta pubblica per raccogliere i commenti degli operatori: la norma UNI definitiva potrebbe quindi presentare differenze -anche sostanziali- rispetto al documento messo in inchiesta. Questo documento perde qualsiasi valore al termine dell'inchiesta pubblica, cioè il: UNI non è responsabile delle conseguenze che possono derivare dall'uso improprio del testo dei progetti in inchiesta pubblica. RELAZIONI NAZIONALI RELAZIONI INTERN.LI PREMESSA La presente norma è stata elaborata sotto la competenza dell'ente federato - Tecnologie Informatiche e La Commissione Centrale Tecnica dell'uni ha dato la sua approvazione il giorno UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E14D00032 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

3 0 Introduzione La norma recepisce parte del lavoro definito in ambito europeo all interno del contesto dell European e- Competence Framework, proseguendo nell approccio iniziato con la pubblicazione della UNI La norma costituisce un punto di raccordo fondamentale tra l applicazione ai profili di seconda generazione della norma E14.D e le norme inerenti alla definizione dei profili di terza generazione, di taglio più settoriale. Nella stesura della norma sono stati osservati e tenuti in opportuna considerazione i principi e le indicazioni di cui alla Raccomandazione 2008/C111/01 (EQF) e della Raccomandazione 2009/C155/02 (ECVET), mantenendo ovunque possibile un allineamento terminologico e di sostanza con esse. 0.1 Contesto nazionale La presente norma ha lo scopo di supportare la definizione di profili professionali accogliendo i principi definiti nella UNI E14.D , mira a diffondere l utilizzo della UNI 11506:2013 e a costituire un punto di riferimento per la predisposizione di leggi, regolamenti ed altre norme tecniche sia in materia di attività professionali non regolamentate operanti nel settore ICT ai sensi della LEGGE 14 gennaio 2013, n. 4 Disposizioni in materia di professioni non organizzate, sia in materia di attività professionali regolamentate in ordini o collegi, di cui al Decreto del Presidente Della Repubblica 7 agosto 2012, n. 137, disciplinate nel Decreto del Presidente Della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328 e successive modificazioni e integrazioni. La presente norma può inoltre costituire il riferimento di valutazione e convalida per gli apprendimenti non formali ed informali secondo l Accordo sulle Certificazioni sancito dalla Conferenza Stato-Regioni in data 19/04/ Scopo La presente parte della norma definisce, applicando le linee guida metodologiche espresse nella UNI E14.D , i principali profili professionali per l ICT di seconda generazione prendendo come riferimento principale quanto già definito nella UNI E14.D I profili di seconda generazione sono generici e semplici, studiati in modo da renderne possibile l utilizzo da parte di tutte le organizzazioni ICT, indipendentemente dalla loro dimensione, dalla loro struttura e dalle loro politiche di tipo make or buy. Essi sono in effetti di natura trasversale rispetto alle specificità settoriali esistenti nello stesso ambito dell ICT. I profili professionali per l ICT di seconda generazione definiti nella presente norma, in quanto elementi qualificanti dell'attività svolte dai soggetti che esercitano le professioni corrispondenti in ambito ICT, 1

4 possono costituire la base di valutazione all interno di appropriati schemi di certificazione delle persone. 2 Riferimenti normativi La presente norma rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte nella presente norma come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti). UNI 11506:2013 CWA 16234:2014 Part 1 CWA 16458:2012 Attività professionali non regolamentate Figure professionali operanti nel settore ICT Definizione dei requisiti di conoscenza, abilità e competenze European e-competence Framework 3.0. A common European Framework for ICT Professionals in all industry sectors European ICT Professional Profiles 3 Termini e definizioni Ai fini della presente parte di norma si applicano i termini e le definizioni di cui alla UNI E14.D Razionali dei profili professionali per l ICT di seconda generazione 4.1 Identificazione dei profili ICT Lo scopo dello sviluppo di questo documento è di definire un set generale di profili ICT ritenuti essere d uso comune, impiegando la UNI come base per l individuazione delle competenze. Questi profili sono i medesimi identificati nel CWA 16458:2012 e sono stati sviluppati in modo da essere generali e significativi per tutti i tipi e dimensioni delle organizzazioni a partire da una lista non esaustiva di più di 140 titoli da una varietà di fonti che includono percorsi di carriera aziendali, servizi di consulenza governativa, percorsi di istruzione tecnica e strutture rappresentative delle PMI 1. E stato pertanto adottato un approccio che ha riconosciuto l esigenza di identificare titoli e ruoli che fossero chiari e facilmente comprensibili da tutti gli stakeholder, creando un complesso foglio di calcolo per consolidare il raggio d azione e lo scopo dei ruoli identificati. Tale insieme è caratterizzato dalla presenza di livelli di granularità differenti, dallo Specialista di Package (qualifica di uno specialista di software proprietario) al Tecnico (un titolo molto generico). 1 In particolare sono stati analizzati i seguenti framework: Michelin, livello internazionale EUCIP, livello europeo AITTS, Germania Airbus, livello internazionale CIGREF, Francia un framework per le PMI da UK un frame work per le PMI dalla Germania il frame work governativo inglese Microsoft Technet, international level IBM, livello internazionale, IWA Web Skills Profiles, livello internazionale. 2

5 Una granularità comparabile nei profili individuati è stata ottenuta riconoscendo la connessione essenziale con le e-competence; gli esperti hanno utilizzato la relazione con le e-competence come metro per la scelta della granularità. Ciò nonostante la coerenza della granularità in alcuni non si è rivelata perfetta e il riconoscere questo limite ha consentito di arrivare al concetto di profili generati/personalizzati dall utente della Generazione 3 che fornisce l opportunità di costruire profili con una struttura coerente che si riferisce alla Generazione 2 e che tuttavia fossero di un livello di granularità appropriato. I risultati del lavoro degli esperti è stato presentato ad una comunità più estesa di stakeholder ed esperti per acquisire altre opinioni e per mettere a punto la selezione dei titoli dei profili 2. Il prodotto finale del processo descritto e con l accordo dei diversi stakeholder è risultato infine di 23 profili. Tenendo conto del necessario basso livello di granularità, le descrizioni dei profili possono essere viste come complementari e complete: esse vogliono coprire l intero processo di business dell ICT. Il prospetto 1 dà una visione d insieme dei 23 titoli di profilo con le loro definizioni di sintesi. La colonna 3 del prospetto 1 riporta i titoli alternativi attualmente usati sul mercato per profili simili. Prospetto 1 Titoli dei 23 profili (in ordine alfabetico) con la definizione sintetica ed esempi di titoli alternativi per profili simili. Titolo del profilo ICT Definizione sintetica del profilo ICT Titoli alternativi che possono essere trovati ed usati dal mercato per profili simili. Non necessariamente preciso Account Manager Business Analyst Business Information Manager Punto di riferimento (focal point) Senior per le vendite e la soddisfazione del cliente. Analizza il Sistema Informativo per migliorare la performance del business. Propone piani e gestisce l evoluzione funzionale e tecnica del Sistema Informativo nel dominio del business principale. Sales Advisor (AITTS) Customer Representative (General multi sector use) Business Development Manager (ICT Role, ACS) Business Intelligence Developer (Microsoft) Business/ Systems Analyst (ICT Role) 2 Vedi Interim Report: "Towards European ICT (e Job) Profiles", April

6 Titolo del profilo ICT Definizione sintetica del profilo ICT Titoli alternativi che possono essere trovati ed usati dal mercato per profili simili. Non necessariamente preciso Chief Information Officer Database Administrator Developer Digital Media Specialist Enterprise Architect Sviluppa e mantiene i Sistemi Informativi in conformità con il business e le esigenze dell organizzazione. Progetta, realizza, o controlla e mantiene database. Realizza/codifica soluzioni ICT e scrive le specifiche di prodotti ICT conformemente ai requisiti del cliente. Crea website ed applicazioni multimediali combinando la potenza della tecnologia digitale con un uso efficace di grafici, audio, immagini fotografiche e video. Progetta e mantiene la Architettura di Azienda (Enterprise Architecture). Head of Computing (Demand side title) Database Developer (Microsoft) Database Manager (Eucip) Network Administrator (ACS) Component Developer (AITTS) Application Developer (ITA J) Programmer (IBM) Front End Web Developer (IWA) User Experience Designer (IWA) Web & Multimedia Master (Eucip) Web Content Manager (UK Gov, IWA) Web Developer (Bring IT On, Microsoft, UK Gov) Web Editor (UK Gov) Digital Media Developer (AITTS) Multimedia Designer (Bring IT On) Multimedia Developer (ACS) ICT Consultant Favorisce la comprensione di come le nuove tecnologie ICT aggiungano valore al business. Consultant (ACS) Consultant and Contractor (ACS) Enterprise Solutions Consultant (Eucip) Logistics & Automation Consultant (Eucip) Sales & Application Consultant (Eucip) Technical Consultant (Bring IT On) 4

7 Titolo del profilo ICT Definizione sintetica del profilo ICT Titoli alternativi che possono essere trovati ed usati dal mercato per profili simili. Non necessariamente preciso ICT Operations Manager Gestisce attività, persone e risorse complessive per le operazioni ICT. IS Service Manager (Airbus) Service Advisor (AITTS) Computing Manager (Demand side title) ICT Security Manager ICT Security Specialist ICT Trainer Network Specialist Project Manager Gestisce la politica di sicurezza dei Sistemi Informativi. Assicura l implementazione della politica di sicurezza aziendale. Istruisce e forma professionisti ICT per raggiungere predefiniti standard di competenza tecnica o di business nell ICT. Assicura l allineamento della rete, incluse le infrastrutture di telecomunicazione e/o dei computer, per soddisfare le esigenze di comunicazione dell azienda. Gestisce progetti per raggiungere la performance ottimale conforme alle specifiche originali. Security Advisor (Eucip) Security Analyst (ACS) Security Service Personal (UK Gov) Security Services Specialist (ITA J) Security Specialist (aux, ICT Role) Security Technician (AITTS) Technical Trainer (IBM) Instructor (multi sector common title) Network Engineer (Bring IT On, UK Gov) Network Manager (Eucip, UK Gov) Network Services Specialist (ITA J) Network Support (ACS) Network Administrator (ACS) IS Project Manager (Eucip) Project Coordinator (AITTS Web Project Manager (IWA)) Quality Manager Assurance Assicura che i Sistemi Informativi siano prodotti secondo le politiche aziendali (qualità, rischi, Service Level Agreement). Quality Management Coordinator (AITTS) Quality Manager (SME) Service Desk Agent Fornisce il primo livello di supporto telefonico o via ai clienti interni o esterni su aspetti di natura tecnica. Help Desk Supervisor (Eucip) Helpdesk Professional (UK Gov) 5

8 Titolo del profilo ICT Definizione sintetica del profilo ICT Titoli alternativi che possono essere trovati ed usati dal mercato per profili simili. Non necessariamente preciso Service Manager Pianifica, implementa e gestisce la consegna della soluzione. Service Advisor (AITTS) IS Service Manager (Airbus) Systems Administrator Systems Analyst Systems Architect Technical Specialist Amministra i componenti del sistema ICT per soddisfare i requisiti del servizio. Analizza i requisiti e specifica software e sistemi. Pianifica e garantisce l implementazione e l integrazione di software e/o di sistemi ICT. Mantiene e ripara hardware e software presso il cliente. Network Administrator (ACS) Server Administrator (Microsoft) System Administrator (SME) Database Administrator (Microsoft) Enterprise Administrator (Microsoft) Enterprise Messaging Administrator (Microsoft) Web Server Administrator (IWA) Information Scientist (UK Gov) Information Systems Analyst (Eucip, ACS) Telecommunications Architect (Eucip) Computer Service and Repair Technician (UK Gov) Consumer Support Technician (Microsoft) Service Engineer (general multi sector use) Customer Engineer (IBM) Test Specialist Progetta e attua i piani di test. Computer Games Tester (UK Gov) Software Tester (SME) Systems Integration & Testing Engineer (Eucip) Test Specialist (ITA J) Tester (AITTS) 6

9 4.2 Identificazione dei risultati attesi Per gli scopi del progetto non è richiesta una lista completa dei risultati attesi, ma semplicemente l identificazione dei più rilevanti, coerenti con il livello generale di granularità ed applicabili ai profili ICT identificati. La scelta è stata quella di identificare quei risultati attesi rilevanti che aggiungono valore ai profili ICT al fine di caratterizzare la loro missione. I risultati attesi, sia tangibili che intangibili, sono stati selezionati per meglio descrivere i risultati osservabili. Per supportare i 23 profili, l elenco dei risultati attesi è stato limitato a circa elementi. Il processo di identificazione dei risultati attesi si è inspirato da tre differenti fonti: i) UNI 11506:2013. ii) Contenuti aggiuntivi derivati dal Processo di sviluppo a cascata (Waterfall Development Process). iii) Iterazione ruolo profilo. I paragrafi seguenti descrivono nel dettaglio come sono state usate le tre differenti fonti. i) In primo luogo è stato estratto un set di risultati attesi dalla UNI 11506:2013 prendendoli dalla dimensioni 2, 3 e 4. Poiché più di una competenza può contribuire ad un risultato atteso, lo stesso risultato atteso può essere relativo a più di una competenza. Questo processo di estrazione ha garantito un alto livello di coerenza con le definizioni di competenza dell e CF. ii) iii) 49 risultati attesi sono stati definiti usando questo processo. Il Waterfall Development Process è il più diffuso e solido processo ICT usato per descrivere come organizzare la realizzazione di un sistema. Per questa ragione è stato esaminato per identificare ulteriori risultati attesi da integrare nell elenco i). Nuovi risultati attesi sono stati assegnati ad 1 o più delle 36 e Competence della UNI 11506:2013. Altri 11 risultati attesi sono stati identificati utilizzando il Waterfall Process. Ulteriori risultati attesi sono stati suggeriti dal processo di definizione del profilo. Come le missioni ed i compiti erano identificati si è stabilito un ciclo iterativo tra risultati attesi e profili del ruolo. Nuovi risultati attesi sono stati attribuiti ad una o più delle 36 e Competence della UNI 11506: ulteriori risultati attesi sono stati identificati con questo processo. 7

10 Per facilitare una comune comprensione dei risultati attesi, il seguente schema fornisce una visione generale dei risultati attesi identificati. In coerenza con il processo di sviluppo ICT, questi possono essere raggruppati in 7 tipi di risultati attesi per mezzo delle categorie evidenziate nei riquadri in blu: Figura 1 Classi di risultati attesi secondo il processo generale ICT (vista generale) Business Need - Cartografia (ICT, processi) - Gap Analysis Piano di progetto - Metodi - Referenze Specifiche generali Specifiche di progettazione Moduli (testati) Soluzione (testata) Soluzione (diffusa) - SLA, supporto - Formazione - Manutenzione Per assicurare la massima coerenza con altri importanti lavori sulle abilità, il livello di granularità dei risultati attesi è basato sulla UNI Tuttavia deve essere sottolineato che, data la variabilità dei profili ICT in termini di complessità ed autonomia, non tutti i risultati attesi identificati possono essere allo stesso livello di granularità. Mentre un risultato atteso di alto livello come Strategia ed Implementazione del SI assegnato al CIO è molto generico, altri previsti ad un livello più basso di complessità ed autonomia, ad es. l Audit Report assegnato al Quality Assurance Manager, sono più specifici e più dettagliati. Le figure 2 e 3 forniscono una panoramica dei risultati attesi identificati e classificati secondo la UNI

11 Figura 2 Parte I: Risultati attesi nelle aree e-cf PLAN, BUILD, RUN Deliverables : 52 Deliverable dal Framework e-cf 38 Da e-cf (dim 2,3,4) o dal Draft dei Profili (P) 6 Da Waterfall Dimensione Deliverable 7 Dai Profile Draft (P) Dall'Interim Report Review(IR) A.1 Allineamento Strategie SI e di Business Modello ICT Strategia SI e sua implementazione S4 Dipartimento SI & Budget IR Requisiti di business P Deliverable da Waterfall Include: Requisiti concettuali (WF), Include: Orientamenti ICT (WF) Strategia Governance ICT Politica ICT A.2 Gestione Livelli di Servizio Service Level Agreement L3 A.3 Sviluppo del Business Plan Business Plan Business Cas e Strategia SI e sua implementazione L4 A.4 Pianificazione di Prodotto o di Progetto Piano di Progetto L4 S3 Processo di Sviluppo Piano di Budget P Piano Qualità S3 A.5 Progettazione di Architetture Enterprise Architecture S2 SW Needs Assessment A.6 Progettazione di Applicazioni Specifiche della soluzione A.7 Osservatorio Tecnologico Proposta integrazione nuova tecnologia A.8 Sviluppo Sostenibile Eco-Responsibilities Referential B.1 Progettazione e Sviluppo Componente Software Descrizione disegno SW Componente Multimedia Componente Hardware Include: Swot Analysis (e-cf), Analisi di mercato (e-cf) Include: Piano di Comunicazione (WF) Include: Analisi Conversione Dati (WF) Pattern e Modelli di Progettazione Include: Gap Analysis (WF) Include: Specifiche Requisiti SW (WF) Include: Architettura Dati (WF), Codice Applicativo (WF), Applicazione Testata (WF), Applicazione per la Conversione Dati (WF), B.2 Integrazione di Sistemi Soluzione integrata B.3 Testing Procedure di Test S3 Piano di Test Risultato del Test L2 S5 Soluzione validata B.4 Diffusione della soluzione B.5 Produzione della documentazione Documentazione della soluzione C.1 Supporto dell'utente Supporto Primo Livello (WF) C.2 Supporto al cambiamento Soluzione aggiornata C.3 Erogazione del servizio Soluzione in esercizio Su pporto Primo Livello (WF) C.4 Gestione del problema Incidente risolto Include: Applicazione per la Conversione Dati (WF) Includes: Post Impelementation Include: Procedure Utente (WF) Documentazione dell'applicazione (WF) Include: Contingency Plan Manutenzione (WF) Sistema in Esercizio (WF) Data Base in Esercizio WF) Diffusione Applicazione e Migrazione (WF) 9

12 Figura 3 Parte II: Risultati attesi nelle aree e-cf ENABLE and MANAGE D.1 Sviluppo delle Strategia Strategia Sicurezza Informazioni S1 della Sicurezza Informatica Politica Sicurezza Informazioni S2 D.2 Sviluppo dellla Strategia della Qualità ICT Strategia Qualità ICT & Implementazione Politica Qualità ICT S1 D.3 Istruzione e Formazione Politica Formazione ICT Programma Formazione D.4 Acquisti Include: Piano Formazione Utente (WF) Catalogo Formazione (WF) D.5 Sviluppo dell'offerta Proposta Tecnica L3 D.6 Gestione del Canale di Vendita D.7 Gestione delle Vendite Vendita D.8 Gestione del Contratto D.9 Sviluppo del Personale Corsi di Istruzione L2 Piano Sviluppo Risorse Umane P L4 D.10 Gestione dell'informazione e della Conoscenza Base di conoscenza o informazione Modello dei Dati P E.1 Formulazione delle Previsioni Previsione Vendite S2 Previsione Produzione S3 E.2 Gestione del Progetto e del Portfolio Portafoglio Progetti P Piano di Progetto E.3 Gestione del Rischio Politica di gestione dei rischi L4 Piano gestione rischi S2 S1 Include: Piano di Implementazione(WF) Project Charter (WF) Stato di Progetto E.4 Gestione della Relazione Relazione di Business E.5 Miglioramento del Processo Definizione del processo ICT E.6 Gestione della Qualità ICT Politica Qualità ICT Report di Audit P S5 Quality Assurance S4 Indicatori di performance della Qualità P Include: Quality Referential (WF) E.7 Gestione del cambiamento del Business Definizione del processo di Business E.8 Gestione della Sicurezza dell'informazione Strategia della Governance ICT E.9 IT Governance Strategia e Implementazione ICT L4-L5 Include: Security Referential (WF) Per facilità di orientamento, il prospetto 2 fornisce la lista di tutti i risultati attesi utilizzati per la descrizione dei profili ICT,. Inoltre per ciascun risultato si specifica l area di e-competence di pertinenza (Dimensione 1 della UNI 11506) e l indicazione del livello di responsabilità (responsabile finale/esecutore/contributore) dei profili identificati. 10

13 Prospetto 2 Risultati attesi: Nome, area di e-competence, descrizione, e livelli di responsabilità dei profili per ciascun risultato atteso Dimensione 1 e CF RISULTATO ATTESO 1 Report di Audit PLAN BUILD RUN ENABLE MANAGE DESCRIZIONE ATTESO RISULTATO Risultati dei controlli effettuati e delle azioni da intraprendere per sanare situazioni errate RESPONSABILE F. 16 ESECUTORE CONTRIBUTORE 2 Piano di Budget 3 Business Case Modello finanziario di evoluzione del business se strategie, eventi e piani si realizzano Coglie le ragioni per l'avvio di un progetto o di una attività Business Plan Definizione formale degli obiettivi di business, perché sono ritenuti attendibili, ed il piano per raggiungerli Definizione Processo Business Relazione Business Requisiti Business Corso Istruzione del di Modello dei Dati di di di Processo di Sviluppo Insieme di attività correlate, strutturate che consentono il raggiungimento di specifici obiettivi aziendali Relazione contrattualmente formale stabilità per fornire servizi di business Descrive di cosa ha bisogno il business in modo che possa avere successo Singola unità di un Programma di Istruzione Descrizione di dati e relazioni in termini di dipendenza, consistenza ed integrità Processo adottato per lo Sviluppo di un prodotto sw

14 11 12 Eco Responsibilities Referential Enterprise Architecture Supporto di 13 Primo Livello (WF) 14 Componente Hardware 15 Piano Sviluppo Risorse Umane Dimensione 1 e CF Riferimento ambientale all impatto Descrizione rigorosa della struttura aziendale rispetto all ICT Servizi che forniscono un primo livello di assistenza all utente Oggetto fisico di una tecnologia Processo sistematico per mettere in relazione le abilità ed i talenti degli individui con gli obiettivi di lungo termine dell organizzazione O NS AB ES EC UT OR E 8 17 NT RI BU TO RE Modello ICT Definizione Processo ICT Politica ICT del Qualità Strategia e Implementazione ICT Politica Formazione ICT Politica Sicurezza Informazioni Strategia Sicurezza Informazioni Descrizione delle funzioni utente e dei servizi messi a disposizione dal sistema informativo Definisce un insieme di attività strutturate, correlate o compiti finalizzati al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo ICT Principi o regole per guidare le decisioni e raggiungere risultati in linea con la politica della Qualità Definisce obiettivi e strategia IT Principi o regole per guidare le decisioni e raggiungere risultati in linea con la politica di Formazione ICT Principi o regole per guidare le decisioni e raggiungere risultati in linea con la Sicurezza delle informazioni Definisce obiettivi e strategia per la qualità nel Processo di Sicurezza delle informazioni

15 Soluzione Integrata Dipartimento SI & Budget Base Conoscenza Informazione di o Componente 26 Multimedia Proposta 27 integrazione nuova tecnologia 28 Previsione Produzione 29 Piano di Progetto Dimensione 1 e CF Soluzione nella fase in cui tutti i componenti ed i sottosistemi sono integrati e testati Organizzazione, Processi, Risorse, infrastrutture e Budget necessari per implementare la strategia del SI Il modello per l acquisizione, l organizzazione e la fruizione delle informazioni e della conoscenza Software e contenuti basati su audio, video e animazioni Illustra obiettivi, benefici e strategia per l introduzione di nuove tecnologie ICT Proiezione di volumi di produzione raggiungibile, basati sulla domanda di mercato, dati di vendita storici e sull attuale capacità di produzione Un documento formale ed approvato usato per guidare sia l esecuzione del progetto che il controllo di progetto O NS AB ES EC UT OR E NT RI BU TO RE Portafoglio Progetti Set di documenti per analizzare e gestire insieme un gruppo di progetti in corso o proposti Quality Assurance Il monitoraggio e la valutazione sistematica dei vari aspetti di un progetto o servizio per massimizzare la probabilità che al processo di produzione siano applicati standard minimi di qualità 16 13

16 Dimensione 1 e CF O NS AB ES EC UT OR E NT RI BU TO RE Indicatori 32 performance della Qualità di Indicatori che misurano come la politica di qualità è implementata sui progetti SI e sulle soluzioni ICT in esercizio Piano Qualità Definisce le attività per consegnare soluzioni conformi alle aspettative di qualità del cliente sulla base degli standard di qualità Piano gestione Rischi Politica di Gestione dei 35 Rischi 36 Vendita Previsione 37 Vendite Service Level 38 Agreement Componente 39 Software Documentazione 40 della soluzione Soluzione in 41 esercizio Specifiche della 42 soluzione 43 Incidente risolto Documento per prevedere i rischi, stimarne la concretezza e per creare un piano di contromisure per contrastarli Principi o regole per guidare le decisioni e raggiungere risultati nella Gestione del rischio Contratto che implica un trasferimento di possesso e del diritto (titolo) di un bene o proprietà in cambio di denaro Proiezione delle vendite, basate sui dati storici di vendita, analisi di ricerche di mercato e dei trend, e le stime dei venditori Parte di un contratto di servizio dove è definito formalmente il livello di servizio Pacchetto SW, o modulo che incapsula un set di funzioni collegate (o dati) Set di documenti che illustrano tutti gli aspetti di una Soluzione Soluzione installata e funzionante nell ambiente definitivo Set di documenti che definiscono nel dettaglio la Soluzione da sviluppare Fase di un Incidente in cui la soluzione del problema è stata applicata

17 44 45 Descrizione disegno SW SW Needs Assessment 46 Proposta Tecnica 47 Piano di Test 48 Procedure Test di 49 Risultato del Test 50 Programma Formazione 51 Soluzione aggiornata 52 Soluzione Validata Dimensione 1 e CF Set di documenti che descrivono tutte le caratteristiche del sw da sviluppare Descrive i requisiti del software dopo una dettagliata valutazione dell organizzazione Documento che definisce i requisiti tecnici di un progetto e descrive il piano elaborato per realizzarli Un documento formale ed approvato usato per guidare la Fase di Test Un insieme di test che si riferiscono ad un area applicativa omogenea Dettaglia i risultati di diverse sessioni durante la Fase di Test Programma per acquisire conoscenze, abilità e competenze Soluzione aggiornata nella Fase di Manutenzione Soluzione alla fine della Fase di Test e Validazione O NS AB ES EC UT OR E 20 NT RI BU TO RE Identificazione della famiglia di profili ICT Strutturare per famiglie i 23 profili ICT facilita in maniera significativa la navigazione e fornisce una guida all orientamento. In questa maniera i profili ICT possono dividersi in gruppi di famiglie di profili correlati. Il prospetto 3 riporta un esempio che descrive le competenze e CF assegnate a due differenti profili di ICT Manager. 15

18 Prospetto 3 Assegnazione delle e-competence Due esempi di profilo ICT ICT Security Manager Project Manager A.4. Pianificazione di Prodotto o di Servizio (livello 4) A.7. Monitoraggio delle Tendenze Tecnologiche (livello 4) D.1. Sviluppo della Strategia della Sicurezza Informatica (livello 5) E.2. Gestione del Progetto e del Portfolio (livello 4) E.3. Gestione del rischio (livello 3) E.3. Gestione del rischio (livello 3) E.8. Gestione della Sicurezza dell Informazione (livello 4) E.9. Governance IT (livello 4) E.4. Gestione della Relazione (livello 3) E.7. Gestione del Cambiamento del Business (livello 3) Il prospetto 4 riporta un altro esempio di due differenti profili ICT: entrambi collocati nel campo dei sistemi (notare il diverso livello di competenza). Prospetto 4 Assegnazione delle e-competence Due ulteriori esempi di profilo ICT Systems Analyst Systems Architect A.5. Progettazione di Architetture (livello 3) A.5. Progettazione di Architetture (livello 4) A.7. Monitoraggio delle Tendenze Tecnologiche A.9. Innovazione B.6. Ingegneria dei Sistemi (livello 3 4) B.6. Ingegneria dei Sistemi (livello 4 5) E.5 Miglioramento del Processo (livello 3 4) B.2. Integrazione dei Componenti (livello 4) Basandosi sul modello delle competenze è possibile collocare ciascun profilo ICT su una mappa, costruita dalla Dimensione 1 (definita nella UNI 11506), che riporta i cinque principali processi di business ICT PLAN, BUILD, RUN, ENABLE and MANAGE. Molti dei profili ICT sono collocati in una dimensione, per esempio, CIO in MANAGE, Enterprise Architect in PLAN o Technical Specialist in RUN. Tutte o le più importanti competenze del profilo sono correlate a 16

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Il Nuovo Sistema Professionale ICT

Il Nuovo Sistema Professionale ICT Il Nuovo Sistema Professionale Simonetta Marangoni 30 settembre 2015 Risorse Umane, Organizzazione e Servizi Sintesi del documento 2 Il Sistema Professionale della famiglia risentiva di elementi di obsolescenza

Dettagli

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it )

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) CEPIS e-cb Italy Report Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) Free online selfassessment tool Online services Enables the identification of competences needed for various ICT roles e-cf Competences

Dettagli

European ICT Professional Profiles

European ICT Professional Profiles CEN Workshop ICT Skills CWA European ICT Professional Profiles Il presente CEN Workshop Agreement (CWA) definisce un set di profili europei nel settore dell ICT; Usando lo European e-competence Framework

Dettagli

Competenze, mercato del Lavoro e profili più richiesti nel Settore ICT (1 workshop)

Competenze, mercato del Lavoro e profili più richiesti nel Settore ICT (1 workshop) Costruisci il tuo futuro nell ICT Competenze, mercato del Lavoro e profili più richiesti nel Settore ICT (1 workshop) Università di Milano Bicocca 29 maggio 2013 I fattori di contesto a livello ambientale

Dettagli

Bozza UNI - Riproduzione riservata

Bozza UNI - Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E14D00031 Attività professionali non regolamentate Profili professionali per l ICT Parte 1: Metodologia per la costruzione di profili professionali basati sul

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI Reparto Sistemi C4I e Trasformazione EUROPEAN COMMISSION Directorate-General for Communications Networks, Content and Technology Going Local Italia L esperienza formativa

Dettagli

Competenze ICT per le professionalità operanti nel mondo dei dati

Competenze ICT per le professionalità operanti nel mondo dei dati Competenze ICT per le professionalità operanti nel mondo dei dati Modello e-cf (UNI EN 16234-1:2016) L European e-competence Framework (e-cf) fornisce un riferimento di 40 competenze richieste e praticate

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ASSOCIAZIONE INFORMATICI PROFESSIONISTI

ASSOCIAZIONE INFORMATICI PROFESSIONISTI ASSOCIAZIONE INFORMATICI PROFESSIONISTI professioni non organizzate in ordini o collegi finalmente qualcosa si è fatto! 2 leggi 1 norma tecnica L. n. 4, 14 gennaio 2013 «Disposizioni in materia di professioni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Le principali evidenze emerse Giancarlo Capitani Presidente NetConsulting cube

Le principali evidenze emerse Giancarlo Capitani Presidente NetConsulting cube Le principali evidenze emerse Giancarlo Capitani Presidente NetConsulting cube Roma, 15 gennaio 2016 La Digital Transformation è la principale sfida per le aziende italiane Stakeholder interni Stakeholder

Dettagli

Eucip. e le competenze digitali nella scuola e nel mondo del lavoro

Eucip. e le competenze digitali nella scuola e nel mondo del lavoro Eucip e le competenze digitali nella scuola e nel mondo del lavoro specialisti specialisti ict ict 1,4 milioni le certificazioni CEPIS-AICA EUCIP ITAdm altri altri mestieri mestieri 3,9 milioni Power User

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA La Sicurezza Informatica e delle Telecomunicazioni (ICT Security) VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA Auto Valutazione Allegato 1 gennaio 2002 Allegato 1 Valutazione del livello di Sicurezza - Auto Valutazione

Dettagli

SETTORE PER SETTORE, I PROFILI PIU RICHIESTI (E PIU PAGATI) DALLE AZIENDE

SETTORE PER SETTORE, I PROFILI PIU RICHIESTI (E PIU PAGATI) DALLE AZIENDE SETTORE PER SETTORE, I PROFILI PIU RICHIESTI (E PIU PAGATI) DALLE AZIENDE SALUTE FINANZA LUSSO & MODA DIGITALE RISTORAZIONE VENDITA ENERGIA DIGITALE 1) Web marketing manager Ruolo: responsabile dello sviluppo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

EUCIP4U Certificazioni professionali informatiche nei curricula universitari Progetto nazionale AICA-CINI-CRUI per l inserimento nel mondo

EUCIP4U Certificazioni professionali informatiche nei curricula universitari Progetto nazionale AICA-CINI-CRUI per l inserimento nel mondo EUCIP4U Certificazioni professionali informatiche nei curricula universitari Progetto nazionale AICA-CINI-CRUI per l inserimento nel mondo universitario delle certificazioni europee nel settore ICT 1 Programmi

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Professioni e competenze

Professioni e competenze Professioni e competenze Roberto Scano (Presidente IWA Italy) da uno standard internazionale nascono i profili professionali per il Web International Webmasters Association (IWA) Partecipazioni internazionali

Dettagli

LINEA PROJECT MANAGEMENT

LINEA PROJECT MANAGEMENT LINEA PROJECT MANAGEMENT ITIL FOUNDATION V3 46.10.3 3 giorni Il corso, nell ambito della Gestione dei Servizi IT, mira a: 1. Comprendere Struttura e Processi di ITIL V3 - Information Technology Infrastructure

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

La certificazione CISM

La certificazione CISM La certificazione CISM Firenze, 19 maggio 2005 Daniele Chieregato Agenda Ruolo del Security Manager Certificati CISM Domini Requisiti Ruolo del Security Manager La gestione della Sicurezza Informatica

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

La sicurezza dell informazione

La sicurezza dell informazione La sicurezza dell informazione come costruire il sistema di gestione per la sicurezza dell informazione Ing. Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Qualità, Agosto 2000) 1 Introduzione L informazione, nel linguaggio

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors Associazione Italiana Information Systems Auditors Agenda AIEA - ruolo ed obiettivi ISACA - struttura e finalità La certificazione CISA La certificazione CISM 2 A I E A Costituita a Milano nel 1979 Finalità:

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Le prime esperienze in Imprese ed Enti Pubblici (Profili professionali EUCIP e Mercato del Lavoro nel settore ICT)

Le prime esperienze in Imprese ed Enti Pubblici (Profili professionali EUCIP e Mercato del Lavoro nel settore ICT) Programma Liguria - Competenze per l Innovazione Digitale Le prime esperienze in Imprese ed Enti Pubblici (Profili professionali EUCIP e Mercato del Lavoro nel settore ICT) Roberto Bellini - Presidente

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP

La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP MiOpen-CNA La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP Roberto Bellini Milano, 19 Ottobre 2007 0 Indice Competenze e professionalità digitali Lo standard

Dettagli

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni:

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni: copertina pg. 1 immagine pg. 2 Easytech è un gruppo di giovani professionisti uniti da un obiettivo comune: proporre le migliori soluzioni per rendere le imprese leggere e pronte a sostenere la competizione

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Certificazioni professionali informatiche in Europa la misura condivisa delle competenze ICT per competere e innovare

Certificazioni professionali informatiche in Europa la misura condivisa delle competenze ICT per competere e innovare Forum PA 2007 Formazione Informatica nella PA Certificazioni professionali informatiche in Europa la misura condivisa delle competenze ICT per competere e innovare Giulio Occhini AICA Roma, 21 Maggio 2007

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc.

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc. CLUSIT Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica Linea guida per l analisi di rischio Codice doc.to: CS_CERT/SC1/T3 Stato: Draft 1 2 INDICE 1. Introduzione....4 2. Scopo della presente

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 INFORMATICA Processo Sviluppo e gestione di prodotti e servizi informatici Sequenza di processo Analisi

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1 Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia September 29, 2010 Slide 1 Sommario La norma UNI CEI EN 16001:2009 Definizioni Approccio al sistema di gestione

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico. Certificazioni informatiche europee

AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico. Certificazioni informatiche europee - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico Certificazioni informatiche europee Milano, 6 ottobre 2003 1 AICA Profilo istituzionale Ente senza fini di lucro, fondato nel 1961 Missione:

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A5_1 V1.0 Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Telex telecomunicazioni. Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali

Telex telecomunicazioni. Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali Telex telecomunicazioni Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali Agenda 1 azienda 2 organizzazione 3 offerta 4 partner 5 referenze Storia Azienda Nasce 30 anni fa Specializzata

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

Le competenze digitali europee in un azienda in-house: il modello Insiel. Antonella Deluchi Iginia De Fent

Le competenze digitali europee in un azienda in-house: il modello Insiel. Antonella Deluchi Iginia De Fent Le competenze digitali europee in un azienda in-house: il modello Insiel Antonella Deluchi Iginia De Fent Open Source Day, sabato 28 novembre 2015 Insiel nata nel 1974, è oggi una società ICT privata a

Dettagli

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità Il Sistema di Gestione della Qualità 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione La gestione del progetto Le interfacce La Certificazione 9001:2008 Referenze 2 Chi siamo

Dettagli

IL PERFORMANCE MANAGEMENT

IL PERFORMANCE MANAGEMENT IT PROFESSIONAL SERVICES UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT for Enterprise Gestire il portfolio applicativo monitorando qualità, produttività e costi dello sviluppo applicativo Overview ARGOMENTI:

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

STATISTICA e STATISTICO

STATISTICA e STATISTICO STATISTICA e STATISTICO Aggiornato il 17 dicembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Che cosa deve essere in grado di

Dettagli

La piattaforma nazionale delle competenze ICT

La piattaforma nazionale delle competenze ICT La piattaforma nazionale delle competenze ICT Dalle linee guida AgID alla normazione UNI Roberto Scano roberto.scano@agid.gov.it Perché Nel minuto appena passato: sono stati caricati su YouTube 48 ore

Dettagli

Dalle Competenze alle Certificazioni Informatiche Europee

Dalle Competenze alle Certificazioni Informatiche Europee L evento di fine Primavera itsmf Italia Dalle Competenze alle Certificazioni Informatiche Europee Daniela Rovina Torino, 20 giugno 2006 Cosa fa AICA Certificazioni Informatiche Europee Convegni Ricerche

Dettagli

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La

Dettagli

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management 1 Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - V. Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici INTERNATIONAL STANDARD ISO 21500 Peculiarità della

Dettagli

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L attuale contesto economico e di mercato richiede l implementazione di un nuovo modello di presidio della clientela business e pubblica amministrazione finalizzato

Dettagli

Corso GESTIRE E TRASMETTERE LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Corso GESTIRE E TRASMETTERE LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Corso GESTIRE E TRASMETTERE Obiettivi, destinatari, programma, metodi didattici, orari, durata e data di inizio, corpo docente, costo di iscrizione PRESENTAZIONE: LUIGI E. GOLZIO 1 I bisogni formativi

Dettagli

Ricerca di personale interno

Ricerca di personale interno Ricerca di personale interno Diplomati e laureati in Real Estate (RIF RE1) Cerchiamo risorse da inserire presso le Aree Immobiliari nell ambito della funzione Real Estate. Realizzazione e implementazione

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

Piattaforma Informatica di Knowledge Risk

Piattaforma Informatica di Knowledge Risk Piattaforma Informatica di Knowledge Risk La guida sicura per la certificazione e la conformità 2012 1 IL CONCETTO INNOVATIVO PI-KR E UNA SOLUZIONE INTEGRATA PER I SISTEMI DI GESTIONE E DI GOVERNO AZIENDALE

Dettagli