Bozza UNI - Riproduzione riservata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bozza UNI - Riproduzione riservata"

Transcript

1 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E14D00032 Attività professionali non regolamentate Profili professionali per l ICT Parte 2: Profili professionali di "seconda generazione" Unregulated professional activities ICT professional profiles Part 2: Second generation professional profiles ORGANO COMPETENTE UNINFO - Tecnologie Informatiche e loro applicazioni CO-AUTORE SOMMARIO La presente proposta nasce per definire i principali profili professionali per l ICT di seconda generazione prendendo come riferimento principale quanto già definito nel CWA 16458, ampliandolo e contestualizzandolo alla realtà nazionale. UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E14D00032 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

2 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E14D00032 Questo testo NON è una norma UNI, ma è un progetto di norma sottoposto alla fase di inchiesta pubblica, da utilizzare solo ed esclusivamente per fini informativi e per la formulazione di commenti. Il processo di elaborazione delle norme UNI prevede che i progetti vengano sottoposti all'inchiesta pubblica per raccogliere i commenti degli operatori: la norma UNI definitiva potrebbe quindi presentare differenze -anche sostanziali- rispetto al documento messo in inchiesta. Questo documento perde qualsiasi valore al termine dell'inchiesta pubblica, cioè il: UNI non è responsabile delle conseguenze che possono derivare dall'uso improprio del testo dei progetti in inchiesta pubblica. RELAZIONI NAZIONALI RELAZIONI INTERN.LI PREMESSA La presente norma è stata elaborata sotto la competenza dell'ente federato - Tecnologie Informatiche e La Commissione Centrale Tecnica dell'uni ha dato la sua approvazione il giorno UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E14D00032 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

3 0 Introduzione La norma recepisce parte del lavoro definito in ambito europeo all interno del contesto dell European e- Competence Framework, proseguendo nell approccio iniziato con la pubblicazione della UNI La norma costituisce un punto di raccordo fondamentale tra l applicazione ai profili di seconda generazione della norma E14.D e le norme inerenti alla definizione dei profili di terza generazione, di taglio più settoriale. Nella stesura della norma sono stati osservati e tenuti in opportuna considerazione i principi e le indicazioni di cui alla Raccomandazione 2008/C111/01 (EQF) e della Raccomandazione 2009/C155/02 (ECVET), mantenendo ovunque possibile un allineamento terminologico e di sostanza con esse. 0.1 Contesto nazionale La presente norma ha lo scopo di supportare la definizione di profili professionali accogliendo i principi definiti nella UNI E14.D , mira a diffondere l utilizzo della UNI 11506:2013 e a costituire un punto di riferimento per la predisposizione di leggi, regolamenti ed altre norme tecniche sia in materia di attività professionali non regolamentate operanti nel settore ICT ai sensi della LEGGE 14 gennaio 2013, n. 4 Disposizioni in materia di professioni non organizzate, sia in materia di attività professionali regolamentate in ordini o collegi, di cui al Decreto del Presidente Della Repubblica 7 agosto 2012, n. 137, disciplinate nel Decreto del Presidente Della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328 e successive modificazioni e integrazioni. La presente norma può inoltre costituire il riferimento di valutazione e convalida per gli apprendimenti non formali ed informali secondo l Accordo sulle Certificazioni sancito dalla Conferenza Stato-Regioni in data 19/04/ Scopo La presente parte della norma definisce, applicando le linee guida metodologiche espresse nella UNI E14.D , i principali profili professionali per l ICT di seconda generazione prendendo come riferimento principale quanto già definito nella UNI E14.D I profili di seconda generazione sono generici e semplici, studiati in modo da renderne possibile l utilizzo da parte di tutte le organizzazioni ICT, indipendentemente dalla loro dimensione, dalla loro struttura e dalle loro politiche di tipo make or buy. Essi sono in effetti di natura trasversale rispetto alle specificità settoriali esistenti nello stesso ambito dell ICT. I profili professionali per l ICT di seconda generazione definiti nella presente norma, in quanto elementi qualificanti dell'attività svolte dai soggetti che esercitano le professioni corrispondenti in ambito ICT, 1

4 possono costituire la base di valutazione all interno di appropriati schemi di certificazione delle persone. 2 Riferimenti normativi La presente norma rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte nella presente norma come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti). UNI 11506:2013 CWA 16234:2014 Part 1 CWA 16458:2012 Attività professionali non regolamentate Figure professionali operanti nel settore ICT Definizione dei requisiti di conoscenza, abilità e competenze European e-competence Framework 3.0. A common European Framework for ICT Professionals in all industry sectors European ICT Professional Profiles 3 Termini e definizioni Ai fini della presente parte di norma si applicano i termini e le definizioni di cui alla UNI E14.D Razionali dei profili professionali per l ICT di seconda generazione 4.1 Identificazione dei profili ICT Lo scopo dello sviluppo di questo documento è di definire un set generale di profili ICT ritenuti essere d uso comune, impiegando la UNI come base per l individuazione delle competenze. Questi profili sono i medesimi identificati nel CWA 16458:2012 e sono stati sviluppati in modo da essere generali e significativi per tutti i tipi e dimensioni delle organizzazioni a partire da una lista non esaustiva di più di 140 titoli da una varietà di fonti che includono percorsi di carriera aziendali, servizi di consulenza governativa, percorsi di istruzione tecnica e strutture rappresentative delle PMI 1. E stato pertanto adottato un approccio che ha riconosciuto l esigenza di identificare titoli e ruoli che fossero chiari e facilmente comprensibili da tutti gli stakeholder, creando un complesso foglio di calcolo per consolidare il raggio d azione e lo scopo dei ruoli identificati. Tale insieme è caratterizzato dalla presenza di livelli di granularità differenti, dallo Specialista di Package (qualifica di uno specialista di software proprietario) al Tecnico (un titolo molto generico). 1 In particolare sono stati analizzati i seguenti framework: Michelin, livello internazionale EUCIP, livello europeo AITTS, Germania Airbus, livello internazionale CIGREF, Francia un framework per le PMI da UK un frame work per le PMI dalla Germania il frame work governativo inglese Microsoft Technet, international level IBM, livello internazionale, IWA Web Skills Profiles, livello internazionale. 2

5 Una granularità comparabile nei profili individuati è stata ottenuta riconoscendo la connessione essenziale con le e-competence; gli esperti hanno utilizzato la relazione con le e-competence come metro per la scelta della granularità. Ciò nonostante la coerenza della granularità in alcuni non si è rivelata perfetta e il riconoscere questo limite ha consentito di arrivare al concetto di profili generati/personalizzati dall utente della Generazione 3 che fornisce l opportunità di costruire profili con una struttura coerente che si riferisce alla Generazione 2 e che tuttavia fossero di un livello di granularità appropriato. I risultati del lavoro degli esperti è stato presentato ad una comunità più estesa di stakeholder ed esperti per acquisire altre opinioni e per mettere a punto la selezione dei titoli dei profili 2. Il prodotto finale del processo descritto e con l accordo dei diversi stakeholder è risultato infine di 23 profili. Tenendo conto del necessario basso livello di granularità, le descrizioni dei profili possono essere viste come complementari e complete: esse vogliono coprire l intero processo di business dell ICT. Il prospetto 1 dà una visione d insieme dei 23 titoli di profilo con le loro definizioni di sintesi. La colonna 3 del prospetto 1 riporta i titoli alternativi attualmente usati sul mercato per profili simili. Prospetto 1 Titoli dei 23 profili (in ordine alfabetico) con la definizione sintetica ed esempi di titoli alternativi per profili simili. Titolo del profilo ICT Definizione sintetica del profilo ICT Titoli alternativi che possono essere trovati ed usati dal mercato per profili simili. Non necessariamente preciso Account Manager Business Analyst Business Information Manager Punto di riferimento (focal point) Senior per le vendite e la soddisfazione del cliente. Analizza il Sistema Informativo per migliorare la performance del business. Propone piani e gestisce l evoluzione funzionale e tecnica del Sistema Informativo nel dominio del business principale. Sales Advisor (AITTS) Customer Representative (General multi sector use) Business Development Manager (ICT Role, ACS) Business Intelligence Developer (Microsoft) Business/ Systems Analyst (ICT Role) 2 Vedi Interim Report: "Towards European ICT (e Job) Profiles", April

6 Titolo del profilo ICT Definizione sintetica del profilo ICT Titoli alternativi che possono essere trovati ed usati dal mercato per profili simili. Non necessariamente preciso Chief Information Officer Database Administrator Developer Digital Media Specialist Enterprise Architect Sviluppa e mantiene i Sistemi Informativi in conformità con il business e le esigenze dell organizzazione. Progetta, realizza, o controlla e mantiene database. Realizza/codifica soluzioni ICT e scrive le specifiche di prodotti ICT conformemente ai requisiti del cliente. Crea website ed applicazioni multimediali combinando la potenza della tecnologia digitale con un uso efficace di grafici, audio, immagini fotografiche e video. Progetta e mantiene la Architettura di Azienda (Enterprise Architecture). Head of Computing (Demand side title) Database Developer (Microsoft) Database Manager (Eucip) Network Administrator (ACS) Component Developer (AITTS) Application Developer (ITA J) Programmer (IBM) Front End Web Developer (IWA) User Experience Designer (IWA) Web & Multimedia Master (Eucip) Web Content Manager (UK Gov, IWA) Web Developer (Bring IT On, Microsoft, UK Gov) Web Editor (UK Gov) Digital Media Developer (AITTS) Multimedia Designer (Bring IT On) Multimedia Developer (ACS) ICT Consultant Favorisce la comprensione di come le nuove tecnologie ICT aggiungano valore al business. Consultant (ACS) Consultant and Contractor (ACS) Enterprise Solutions Consultant (Eucip) Logistics & Automation Consultant (Eucip) Sales & Application Consultant (Eucip) Technical Consultant (Bring IT On) 4

7 Titolo del profilo ICT Definizione sintetica del profilo ICT Titoli alternativi che possono essere trovati ed usati dal mercato per profili simili. Non necessariamente preciso ICT Operations Manager Gestisce attività, persone e risorse complessive per le operazioni ICT. IS Service Manager (Airbus) Service Advisor (AITTS) Computing Manager (Demand side title) ICT Security Manager ICT Security Specialist ICT Trainer Network Specialist Project Manager Gestisce la politica di sicurezza dei Sistemi Informativi. Assicura l implementazione della politica di sicurezza aziendale. Istruisce e forma professionisti ICT per raggiungere predefiniti standard di competenza tecnica o di business nell ICT. Assicura l allineamento della rete, incluse le infrastrutture di telecomunicazione e/o dei computer, per soddisfare le esigenze di comunicazione dell azienda. Gestisce progetti per raggiungere la performance ottimale conforme alle specifiche originali. Security Advisor (Eucip) Security Analyst (ACS) Security Service Personal (UK Gov) Security Services Specialist (ITA J) Security Specialist (aux, ICT Role) Security Technician (AITTS) Technical Trainer (IBM) Instructor (multi sector common title) Network Engineer (Bring IT On, UK Gov) Network Manager (Eucip, UK Gov) Network Services Specialist (ITA J) Network Support (ACS) Network Administrator (ACS) IS Project Manager (Eucip) Project Coordinator (AITTS Web Project Manager (IWA)) Quality Manager Assurance Assicura che i Sistemi Informativi siano prodotti secondo le politiche aziendali (qualità, rischi, Service Level Agreement). Quality Management Coordinator (AITTS) Quality Manager (SME) Service Desk Agent Fornisce il primo livello di supporto telefonico o via ai clienti interni o esterni su aspetti di natura tecnica. Help Desk Supervisor (Eucip) Helpdesk Professional (UK Gov) 5

8 Titolo del profilo ICT Definizione sintetica del profilo ICT Titoli alternativi che possono essere trovati ed usati dal mercato per profili simili. Non necessariamente preciso Service Manager Pianifica, implementa e gestisce la consegna della soluzione. Service Advisor (AITTS) IS Service Manager (Airbus) Systems Administrator Systems Analyst Systems Architect Technical Specialist Amministra i componenti del sistema ICT per soddisfare i requisiti del servizio. Analizza i requisiti e specifica software e sistemi. Pianifica e garantisce l implementazione e l integrazione di software e/o di sistemi ICT. Mantiene e ripara hardware e software presso il cliente. Network Administrator (ACS) Server Administrator (Microsoft) System Administrator (SME) Database Administrator (Microsoft) Enterprise Administrator (Microsoft) Enterprise Messaging Administrator (Microsoft) Web Server Administrator (IWA) Information Scientist (UK Gov) Information Systems Analyst (Eucip, ACS) Telecommunications Architect (Eucip) Computer Service and Repair Technician (UK Gov) Consumer Support Technician (Microsoft) Service Engineer (general multi sector use) Customer Engineer (IBM) Test Specialist Progetta e attua i piani di test. Computer Games Tester (UK Gov) Software Tester (SME) Systems Integration & Testing Engineer (Eucip) Test Specialist (ITA J) Tester (AITTS) 6

9 4.2 Identificazione dei risultati attesi Per gli scopi del progetto non è richiesta una lista completa dei risultati attesi, ma semplicemente l identificazione dei più rilevanti, coerenti con il livello generale di granularità ed applicabili ai profili ICT identificati. La scelta è stata quella di identificare quei risultati attesi rilevanti che aggiungono valore ai profili ICT al fine di caratterizzare la loro missione. I risultati attesi, sia tangibili che intangibili, sono stati selezionati per meglio descrivere i risultati osservabili. Per supportare i 23 profili, l elenco dei risultati attesi è stato limitato a circa elementi. Il processo di identificazione dei risultati attesi si è inspirato da tre differenti fonti: i) UNI 11506:2013. ii) Contenuti aggiuntivi derivati dal Processo di sviluppo a cascata (Waterfall Development Process). iii) Iterazione ruolo profilo. I paragrafi seguenti descrivono nel dettaglio come sono state usate le tre differenti fonti. i) In primo luogo è stato estratto un set di risultati attesi dalla UNI 11506:2013 prendendoli dalla dimensioni 2, 3 e 4. Poiché più di una competenza può contribuire ad un risultato atteso, lo stesso risultato atteso può essere relativo a più di una competenza. Questo processo di estrazione ha garantito un alto livello di coerenza con le definizioni di competenza dell e CF. ii) iii) 49 risultati attesi sono stati definiti usando questo processo. Il Waterfall Development Process è il più diffuso e solido processo ICT usato per descrivere come organizzare la realizzazione di un sistema. Per questa ragione è stato esaminato per identificare ulteriori risultati attesi da integrare nell elenco i). Nuovi risultati attesi sono stati assegnati ad 1 o più delle 36 e Competence della UNI 11506:2013. Altri 11 risultati attesi sono stati identificati utilizzando il Waterfall Process. Ulteriori risultati attesi sono stati suggeriti dal processo di definizione del profilo. Come le missioni ed i compiti erano identificati si è stabilito un ciclo iterativo tra risultati attesi e profili del ruolo. Nuovi risultati attesi sono stati attribuiti ad una o più delle 36 e Competence della UNI 11506: ulteriori risultati attesi sono stati identificati con questo processo. 7

10 Per facilitare una comune comprensione dei risultati attesi, il seguente schema fornisce una visione generale dei risultati attesi identificati. In coerenza con il processo di sviluppo ICT, questi possono essere raggruppati in 7 tipi di risultati attesi per mezzo delle categorie evidenziate nei riquadri in blu: Figura 1 Classi di risultati attesi secondo il processo generale ICT (vista generale) Business Need - Cartografia (ICT, processi) - Gap Analysis Piano di progetto - Metodi - Referenze Specifiche generali Specifiche di progettazione Moduli (testati) Soluzione (testata) Soluzione (diffusa) - SLA, supporto - Formazione - Manutenzione Per assicurare la massima coerenza con altri importanti lavori sulle abilità, il livello di granularità dei risultati attesi è basato sulla UNI Tuttavia deve essere sottolineato che, data la variabilità dei profili ICT in termini di complessità ed autonomia, non tutti i risultati attesi identificati possono essere allo stesso livello di granularità. Mentre un risultato atteso di alto livello come Strategia ed Implementazione del SI assegnato al CIO è molto generico, altri previsti ad un livello più basso di complessità ed autonomia, ad es. l Audit Report assegnato al Quality Assurance Manager, sono più specifici e più dettagliati. Le figure 2 e 3 forniscono una panoramica dei risultati attesi identificati e classificati secondo la UNI

11 Figura 2 Parte I: Risultati attesi nelle aree e-cf PLAN, BUILD, RUN Deliverables : 52 Deliverable dal Framework e-cf 38 Da e-cf (dim 2,3,4) o dal Draft dei Profili (P) 6 Da Waterfall Dimensione Deliverable 7 Dai Profile Draft (P) Dall'Interim Report Review(IR) A.1 Allineamento Strategie SI e di Business Modello ICT Strategia SI e sua implementazione S4 Dipartimento SI & Budget IR Requisiti di business P Deliverable da Waterfall Include: Requisiti concettuali (WF), Include: Orientamenti ICT (WF) Strategia Governance ICT Politica ICT A.2 Gestione Livelli di Servizio Service Level Agreement L3 A.3 Sviluppo del Business Plan Business Plan Business Cas e Strategia SI e sua implementazione L4 A.4 Pianificazione di Prodotto o di Progetto Piano di Progetto L4 S3 Processo di Sviluppo Piano di Budget P Piano Qualità S3 A.5 Progettazione di Architetture Enterprise Architecture S2 SW Needs Assessment A.6 Progettazione di Applicazioni Specifiche della soluzione A.7 Osservatorio Tecnologico Proposta integrazione nuova tecnologia A.8 Sviluppo Sostenibile Eco-Responsibilities Referential B.1 Progettazione e Sviluppo Componente Software Descrizione disegno SW Componente Multimedia Componente Hardware Include: Swot Analysis (e-cf), Analisi di mercato (e-cf) Include: Piano di Comunicazione (WF) Include: Analisi Conversione Dati (WF) Pattern e Modelli di Progettazione Include: Gap Analysis (WF) Include: Specifiche Requisiti SW (WF) Include: Architettura Dati (WF), Codice Applicativo (WF), Applicazione Testata (WF), Applicazione per la Conversione Dati (WF), B.2 Integrazione di Sistemi Soluzione integrata B.3 Testing Procedure di Test S3 Piano di Test Risultato del Test L2 S5 Soluzione validata B.4 Diffusione della soluzione B.5 Produzione della documentazione Documentazione della soluzione C.1 Supporto dell'utente Supporto Primo Livello (WF) C.2 Supporto al cambiamento Soluzione aggiornata C.3 Erogazione del servizio Soluzione in esercizio Su pporto Primo Livello (WF) C.4 Gestione del problema Incidente risolto Include: Applicazione per la Conversione Dati (WF) Includes: Post Impelementation Include: Procedure Utente (WF) Documentazione dell'applicazione (WF) Include: Contingency Plan Manutenzione (WF) Sistema in Esercizio (WF) Data Base in Esercizio WF) Diffusione Applicazione e Migrazione (WF) 9

12 Figura 3 Parte II: Risultati attesi nelle aree e-cf ENABLE and MANAGE D.1 Sviluppo delle Strategia Strategia Sicurezza Informazioni S1 della Sicurezza Informatica Politica Sicurezza Informazioni S2 D.2 Sviluppo dellla Strategia della Qualità ICT Strategia Qualità ICT & Implementazione Politica Qualità ICT S1 D.3 Istruzione e Formazione Politica Formazione ICT Programma Formazione D.4 Acquisti Include: Piano Formazione Utente (WF) Catalogo Formazione (WF) D.5 Sviluppo dell'offerta Proposta Tecnica L3 D.6 Gestione del Canale di Vendita D.7 Gestione delle Vendite Vendita D.8 Gestione del Contratto D.9 Sviluppo del Personale Corsi di Istruzione L2 Piano Sviluppo Risorse Umane P L4 D.10 Gestione dell'informazione e della Conoscenza Base di conoscenza o informazione Modello dei Dati P E.1 Formulazione delle Previsioni Previsione Vendite S2 Previsione Produzione S3 E.2 Gestione del Progetto e del Portfolio Portafoglio Progetti P Piano di Progetto E.3 Gestione del Rischio Politica di gestione dei rischi L4 Piano gestione rischi S2 S1 Include: Piano di Implementazione(WF) Project Charter (WF) Stato di Progetto E.4 Gestione della Relazione Relazione di Business E.5 Miglioramento del Processo Definizione del processo ICT E.6 Gestione della Qualità ICT Politica Qualità ICT Report di Audit P S5 Quality Assurance S4 Indicatori di performance della Qualità P Include: Quality Referential (WF) E.7 Gestione del cambiamento del Business Definizione del processo di Business E.8 Gestione della Sicurezza dell'informazione Strategia della Governance ICT E.9 IT Governance Strategia e Implementazione ICT L4-L5 Include: Security Referential (WF) Per facilità di orientamento, il prospetto 2 fornisce la lista di tutti i risultati attesi utilizzati per la descrizione dei profili ICT,. Inoltre per ciascun risultato si specifica l area di e-competence di pertinenza (Dimensione 1 della UNI 11506) e l indicazione del livello di responsabilità (responsabile finale/esecutore/contributore) dei profili identificati. 10

13 Prospetto 2 Risultati attesi: Nome, area di e-competence, descrizione, e livelli di responsabilità dei profili per ciascun risultato atteso Dimensione 1 e CF RISULTATO ATTESO 1 Report di Audit PLAN BUILD RUN ENABLE MANAGE DESCRIZIONE ATTESO RISULTATO Risultati dei controlli effettuati e delle azioni da intraprendere per sanare situazioni errate RESPONSABILE F. 16 ESECUTORE CONTRIBUTORE 2 Piano di Budget 3 Business Case Modello finanziario di evoluzione del business se strategie, eventi e piani si realizzano Coglie le ragioni per l'avvio di un progetto o di una attività Business Plan Definizione formale degli obiettivi di business, perché sono ritenuti attendibili, ed il piano per raggiungerli Definizione Processo Business Relazione Business Requisiti Business Corso Istruzione del di Modello dei Dati di di di Processo di Sviluppo Insieme di attività correlate, strutturate che consentono il raggiungimento di specifici obiettivi aziendali Relazione contrattualmente formale stabilità per fornire servizi di business Descrive di cosa ha bisogno il business in modo che possa avere successo Singola unità di un Programma di Istruzione Descrizione di dati e relazioni in termini di dipendenza, consistenza ed integrità Processo adottato per lo Sviluppo di un prodotto sw

14 11 12 Eco Responsibilities Referential Enterprise Architecture Supporto di 13 Primo Livello (WF) 14 Componente Hardware 15 Piano Sviluppo Risorse Umane Dimensione 1 e CF Riferimento ambientale all impatto Descrizione rigorosa della struttura aziendale rispetto all ICT Servizi che forniscono un primo livello di assistenza all utente Oggetto fisico di una tecnologia Processo sistematico per mettere in relazione le abilità ed i talenti degli individui con gli obiettivi di lungo termine dell organizzazione O NS AB ES EC UT OR E 8 17 NT RI BU TO RE Modello ICT Definizione Processo ICT Politica ICT del Qualità Strategia e Implementazione ICT Politica Formazione ICT Politica Sicurezza Informazioni Strategia Sicurezza Informazioni Descrizione delle funzioni utente e dei servizi messi a disposizione dal sistema informativo Definisce un insieme di attività strutturate, correlate o compiti finalizzati al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo ICT Principi o regole per guidare le decisioni e raggiungere risultati in linea con la politica della Qualità Definisce obiettivi e strategia IT Principi o regole per guidare le decisioni e raggiungere risultati in linea con la politica di Formazione ICT Principi o regole per guidare le decisioni e raggiungere risultati in linea con la Sicurezza delle informazioni Definisce obiettivi e strategia per la qualità nel Processo di Sicurezza delle informazioni

15 Soluzione Integrata Dipartimento SI & Budget Base Conoscenza Informazione di o Componente 26 Multimedia Proposta 27 integrazione nuova tecnologia 28 Previsione Produzione 29 Piano di Progetto Dimensione 1 e CF Soluzione nella fase in cui tutti i componenti ed i sottosistemi sono integrati e testati Organizzazione, Processi, Risorse, infrastrutture e Budget necessari per implementare la strategia del SI Il modello per l acquisizione, l organizzazione e la fruizione delle informazioni e della conoscenza Software e contenuti basati su audio, video e animazioni Illustra obiettivi, benefici e strategia per l introduzione di nuove tecnologie ICT Proiezione di volumi di produzione raggiungibile, basati sulla domanda di mercato, dati di vendita storici e sull attuale capacità di produzione Un documento formale ed approvato usato per guidare sia l esecuzione del progetto che il controllo di progetto O NS AB ES EC UT OR E NT RI BU TO RE Portafoglio Progetti Set di documenti per analizzare e gestire insieme un gruppo di progetti in corso o proposti Quality Assurance Il monitoraggio e la valutazione sistematica dei vari aspetti di un progetto o servizio per massimizzare la probabilità che al processo di produzione siano applicati standard minimi di qualità 16 13

16 Dimensione 1 e CF O NS AB ES EC UT OR E NT RI BU TO RE Indicatori 32 performance della Qualità di Indicatori che misurano come la politica di qualità è implementata sui progetti SI e sulle soluzioni ICT in esercizio Piano Qualità Definisce le attività per consegnare soluzioni conformi alle aspettative di qualità del cliente sulla base degli standard di qualità Piano gestione Rischi Politica di Gestione dei 35 Rischi 36 Vendita Previsione 37 Vendite Service Level 38 Agreement Componente 39 Software Documentazione 40 della soluzione Soluzione in 41 esercizio Specifiche della 42 soluzione 43 Incidente risolto Documento per prevedere i rischi, stimarne la concretezza e per creare un piano di contromisure per contrastarli Principi o regole per guidare le decisioni e raggiungere risultati nella Gestione del rischio Contratto che implica un trasferimento di possesso e del diritto (titolo) di un bene o proprietà in cambio di denaro Proiezione delle vendite, basate sui dati storici di vendita, analisi di ricerche di mercato e dei trend, e le stime dei venditori Parte di un contratto di servizio dove è definito formalmente il livello di servizio Pacchetto SW, o modulo che incapsula un set di funzioni collegate (o dati) Set di documenti che illustrano tutti gli aspetti di una Soluzione Soluzione installata e funzionante nell ambiente definitivo Set di documenti che definiscono nel dettaglio la Soluzione da sviluppare Fase di un Incidente in cui la soluzione del problema è stata applicata

17 44 45 Descrizione disegno SW SW Needs Assessment 46 Proposta Tecnica 47 Piano di Test 48 Procedure Test di 49 Risultato del Test 50 Programma Formazione 51 Soluzione aggiornata 52 Soluzione Validata Dimensione 1 e CF Set di documenti che descrivono tutte le caratteristiche del sw da sviluppare Descrive i requisiti del software dopo una dettagliata valutazione dell organizzazione Documento che definisce i requisiti tecnici di un progetto e descrive il piano elaborato per realizzarli Un documento formale ed approvato usato per guidare la Fase di Test Un insieme di test che si riferiscono ad un area applicativa omogenea Dettaglia i risultati di diverse sessioni durante la Fase di Test Programma per acquisire conoscenze, abilità e competenze Soluzione aggiornata nella Fase di Manutenzione Soluzione alla fine della Fase di Test e Validazione O NS AB ES EC UT OR E 20 NT RI BU TO RE Identificazione della famiglia di profili ICT Strutturare per famiglie i 23 profili ICT facilita in maniera significativa la navigazione e fornisce una guida all orientamento. In questa maniera i profili ICT possono dividersi in gruppi di famiglie di profili correlati. Il prospetto 3 riporta un esempio che descrive le competenze e CF assegnate a due differenti profili di ICT Manager. 15

18 Prospetto 3 Assegnazione delle e-competence Due esempi di profilo ICT ICT Security Manager Project Manager A.4. Pianificazione di Prodotto o di Servizio (livello 4) A.7. Monitoraggio delle Tendenze Tecnologiche (livello 4) D.1. Sviluppo della Strategia della Sicurezza Informatica (livello 5) E.2. Gestione del Progetto e del Portfolio (livello 4) E.3. Gestione del rischio (livello 3) E.3. Gestione del rischio (livello 3) E.8. Gestione della Sicurezza dell Informazione (livello 4) E.9. Governance IT (livello 4) E.4. Gestione della Relazione (livello 3) E.7. Gestione del Cambiamento del Business (livello 3) Il prospetto 4 riporta un altro esempio di due differenti profili ICT: entrambi collocati nel campo dei sistemi (notare il diverso livello di competenza). Prospetto 4 Assegnazione delle e-competence Due ulteriori esempi di profilo ICT Systems Analyst Systems Architect A.5. Progettazione di Architetture (livello 3) A.5. Progettazione di Architetture (livello 4) A.7. Monitoraggio delle Tendenze Tecnologiche A.9. Innovazione B.6. Ingegneria dei Sistemi (livello 3 4) B.6. Ingegneria dei Sistemi (livello 4 5) E.5 Miglioramento del Processo (livello 3 4) B.2. Integrazione dei Componenti (livello 4) Basandosi sul modello delle competenze è possibile collocare ciascun profilo ICT su una mappa, costruita dalla Dimensione 1 (definita nella UNI 11506), che riporta i cinque principali processi di business ICT PLAN, BUILD, RUN, ENABLE and MANAGE. Molti dei profili ICT sono collocati in una dimensione, per esempio, CIO in MANAGE, Enterprise Architect in PLAN o Technical Specialist in RUN. Tutte o le più importanti competenze del profilo sono correlate a 16

European ICT Professional Profiles

European ICT Professional Profiles CEN Workshop ICT Skills CWA European ICT Professional Profiles Il presente CEN Workshop Agreement (CWA) definisce un set di profili europei nel settore dell ICT; Usando lo European e-competence Framework

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence Lo Stard UCIP e le competenze per la Business Intelligence Competenze per l innovazione digitale Roberto Ferreri r.ferreri@aicanet.it Genova, 20 maggio 2008 0 AICA per lo sviluppo delle competenze digitali

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

European e-competence Framework 3.0

European e-competence Framework 3.0 3.0 A Un shared European Europeo condiviso for per i ICT Professionisti Professionals ICT di in tutti all industry i settori sectors industriali Prefazione Questo documento CWA pubblica l (e-cf) versione

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Il modello EUCIP. Un approccio standard alla definizione e alla misurazione delle competenze ICT

Il modello EUCIP. Un approccio standard alla definizione e alla misurazione delle competenze ICT Il modello EUCIP Un approccio standard alla definizione e alla misurazione delle competenze ICT Novembre 2008 Il presente documento (in particolare i capitoli 2, 3 e 4) contiene estratti, tradotti in lingua

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli