La valutazione delle performance socio-ambientali. Indicatori e modelli interpretativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione delle performance socio-ambientali. Indicatori e modelli interpretativi"

Transcript

1

2 La valutazione delle performance socio-ambientali Indicatori e modelli interpretativi

3

4 Federica Balluchi La valutazione delle performance socio-ambientali Indicatori e modelli interpretativi G. Giappichelli Editore Torino

5 Copyright G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO VIA PO, 21 - TEL FAX ISBN/EAN Volume pubblicato con il contributo dell Università degli Studi di Parma - Dipartimento di Economia. Il presente volume è stato pubblicato previa valutazione scientifica condotta attraverso il sistema della peer review. Le valutazioni sono conservate dalla Casa editrice. Stampa (D): Stampatre s.r.l. - Torino Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941, n Le fotocopie effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Centro Licenze e Autorizzazioni per le Riproduzioni Editoriali, Corso di Porta Romana 108, Milano, e sito web

6 A Davide, Pietro e Margherita

7 VI LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AZIENDALI

8 INDICE pag. Introduzione IX 1. LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE AZIENDALI: I KEY PERFORMANCE INDICATORS (KPI) 1.1. Aspetti definitori Classificazione e rappresentazione KPI economico-finanziari KPI di processo I CRUSCOTTI DI CONTROLLO 2.1. Aspetti definitori e classificazione Direct Intellectual Capital Methods Market Capitalization Methods Return on Assets Methods Scorecard Methods Tableau de Bord Balanced Scorecard Skandia Navigator Intangible Asset Monitor GLI INDICATORI DI PERFORMANCE SOCIO-AMBIEN- TALE 3.1. Premessa 39

9 VIII LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI pag Aspetti definitori: il capitale intellettuale sociale Misurazione delle performance socio-ambientali Area collaboratori/dipendenti Area clienti/fornitori Area collettività/territorio/istituzioni e ambiente Una Social Balanced Scorecard L UTILIZZO DEGLI INDICATORI DI PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALE NEL CONTESTO ITALIANO. ANALISI EMPIRICA 4.1. Obiettivi e metodologia della ricerca Rilevazione dei dati e analisi dei risultati Dimensione sociale Dimensione ambientale Riflessioni conclusive 83 Bibliografia 85

10 INTRODUZIONE In un contesto ambientale caratterizzato da forte complessità e turbolenza, più che mai l azienda ha necessità di controllare e monitorare la propria attività verificando il grado di raggiungimento degli obiettivi o, in altri termini, valutando le sue performance, ovvero la propria capacità di generare valore nel tempo. Lo scopo è quello, da un lato, di migliorare le scelte e i comportamenti futuri, dall altro, di rendere trasparente la propria condizione a tutti coloro che direttamente o indirettamente sono interessati ad essa (stakeholder). In termini molto semplici, misurare 1 le performance equivale a valutare i risultati conseguiti in riferimento ad un certo periodo, chiaramente tenendo conto degli obiettivi che si intendono raggiungere. Quando tali obiettivi si concretizzano nel miglioramento della capacità reddituale e, quindi, nella sopravvivenza e nello sviluppo dell azienda in una prospettiva di medio e lungo periodo, la valutazione della ricchezza prodotta rappresenta un modo per la misurazione delle performance aziendali. Tuttavia, per esprimere periodicamente la capacità dell azienda di conseguire i propri obiettivi non è sufficiente il riferimento ai risultati contabili di bilancio e neppure l utilizzo di indicatori di performance come l EVA (Economic Value Added), il REI (Risultato Economico Integrato) o il REIR (Risultato Economico Integrato Residuale) 2 ; questi devono necessariamente essere integrati da strumenti che permettano il continuo monitoraggio della dinamica del valore. L analisi delle performance economico-finanziarie (ossia quella basata su informazioni di natura tecnico-contabile), in altri termini, da sola non è in grado 1 «La misurazione è parte integrante della rilevazione, consiste in un sistema di assegnazione di valori a oggetti ed eventi rilevanti secondo norme e scopi prestabiliti». Cariola, 2006, pp Per approfondimenti si veda anche Flamholtz, «L idea che l azienda debba periodicamente valutare se stessa nasce dall opinione che solo la dinamica del valore rappresenti una efficace misura della performance. Misura che non è espressa certamente in modo adeguato dai risultati di bilancio, cioè dai puri dati contabili, e forse è solo parzialmente sostituibile con talune pur efficaci integrazioni, quali sono i cosiddetti indicatori di performance [ ]». Guatri, 1998, p. 445.

11 X LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI di soddisfare tutte le esigenze informative in questione 3 ; essa, infatti, non fa emergere quell aspetto nascosto, immateriale, intangibile, inerente le condizioni interne ed esterne di gestione e le modalità con cui l attività viene svolta. Il rischio è quello di giungere a giudizi che, di per sé, non riflettono correttamente la realtà aziendale e che penalizzano le unità economiche che hanno scelto di investire in risorse invisibili o intangibili piuttosto che in risorse materiali. La misurazione delle performance rappresenta, quindi, anche uno strumento utile a esprimere un giudizio sull attività svolta dai responsabili della direzione aziendale, ovvero sulle loro capacità di prendere decisioni e di effettuare scelte in vista del conseguimento degli obiettivi stabiliti. È in questo senso che i moderni sistemi di controllo di gestione dovrebbero includere una serie di indicatori di performance relativi, ad esempio, a variabili quali efficacia, efficienza, qualità, tempestività, flessibilità, innovatività e competenza, sistematizzati in strumenti del tipo cruscotti di controllo bilanciati dalla cui lettura complessiva e sistematica può risultare lo stato di salute di un azienda 4. Tali sistemi di controllo di gestione divengono pertanto strumenti indispensabili a fornire informazioni a supporto dei processi decisionali del management 5 e, allo stesso tempo, strumenti che attraverso la misurazione della performance, siano in grado di motivare il processo decisionale verso un continuo miglioramento di variabili quali, ad esempio, la produttività, la flessibilità, la soddisfazione del cliente ma anche, in un ottica integrata, di variabili che misurino l impatto socio-ambientale conseguente all operare dell impresa. A partire da queste premesse, il presente volume ha la finalità di offrire una panoramica sui principali sistemi di valutazione delle performance, con particolare attenzione alle performance socio-ambientali. Dopo aver definito il concetto di key performance indicator (KPI) e analizzate le varie classificazioni degli indicatori di performance proposte dalla Dottrina e dalla prassi operativa (Capitolo 1), lo scritto richiama i principali cruscotti di controllo implementanti nell ambito dei sistemi di controllo di gestione e che contribuiscono al monitoraggio delle performance in un ottica di breve periodo (Capitolo 2). Successi- 3 «Il controllo della bontà della gestione non può prescindere dal monitoraggio di indicatori che in modo omogeneo nel tempo sono in grado di valutare le prestazioni e di confrontare quelle di oggi con quelle di ieri, valutare gli scostamenti fra i risultati ottenuti e risultati pianificati e, se possibile, paragonare i nostri risultati con quelli dei nostri concorrenti», Di Crosta, 2005, p. 18. Tali sistemi di misurazione delle performance, inoltre, tendono ad avere un focus sui risultati passati piuttosto che sulle performance future. Si veda anche Bhimani et al., 2008, pp ; Lothian, 1997, p. 3 ss.; Cariola, 2006, p. XI e p. 17 ss. 4 Lynch e Cross, 1992, p Lizza, 2007, p. 42.

12 INTRODUZIONE XI vamente (Capitolo 3) l attenzione è concentrata sulle valutazioni delle performance socio-ambientali con specifico riferimento alle aree critiche rappresentate dalle relazioni che l impresa intrattiene con alcuni principali stakeholder quali i collaboratori, i clienti e i fornitori, la collettività, il territorio, le istituzioni e l ambiente. Lo scopo è quello di offrire uno strumento integrato di analisi delle performance che non solo includa analisi di tipo economico-finanziario o di processo, ma anche valutazioni degli aspetti socio-ambientali connessi all attività dell impresa. Nell ultimo capitolo (Capitolo 4) si propongono i primi risultati di una ricerca empirica svolta nel contesto nazionale e avente l obiettivo di evidenziare quali siano gli indicatori di performance socio-ambientale più diffusi tra le imprese in funzione del settore di attività a cui appartengono. Parma, Università degli Studi, 30 settembre 2013 Federica Balluchi

13 XII LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI

14 1 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE AZIENDALI: I KEY PERFORMANCE INDICATORS (KPI) SOMMARIO: 1.1. Aspetti definitori Classificazione e rappresentazione KPI economico-finanziari KPI di processo ASPETTI DEFINITORI Gli indicatori di performance (key performance indicators KPI) sono misure quali-quantitative, talvolta risultato di rapporti tra grandezze, definite rispetto a specifici fattori critici di successo di un impresa; possono essere rappresentati da parametri monetari, parametri di tipo quantitativo numerico e parametri di tipo quantitativo non numerico. In questo senso possono costituire uno strumento informativo utile a valutare il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati 1. La definizione di opportuni indicatori di performance si avvia con l individuazione, sia a livello globale che di singoli processi 2 o unità operative, delle variabili strategiche da monitorare, ovvero degli output più importanti dell organizzazione, del processo, dell attività o della singola operazione (ad esempio: la qualità, la produttività, e così via). Successivamente è necessario definire le dimensioni critiche della performance di ciascuno di questi output (ad esempio per la produttività: tempestività, quantità) che, di fatto, rappresentano gli obiettivi da conseguire in termini di fattori critici di successo (ovvero elementi su cui l azienda deve basare la capacita di competere sul mercato). Una volta comprese le dimensioni critiche è necessario individuare misure o indicatori per cia- 1 Di Crosta, 2005, p. 31. In Parmenter (2010, p. 4): «KPIs represent a set of measures focusing on those aspects of organizational performance that are the most critical for the current and future success of the organization». 2 Sull importanza della mappatura dei processi si veda, tra gli Altri, Di Crosta, 2005, p. 19 ss.

15 2 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI scuna di esse 3. In questi termini, pertanto, variabili di natura spesso qualitativa, devono essere opportunamente tradotte in espressioni quantitative mediante l individuazione parametri (seppur approssimati) che ne permettano un utile monitoraggio 4. Dall analisi delle fasi nelle quali si concretizza il processo di definizione degli indicatori 5 conseguono le principali caratteristiche di un sistema di misurazione basato su KPI 6 : deve essere integrato con la strategia di fondo dell impresa ed essere gestito e supportato a livello complessivo; deve comprendere misure eque e raggiungibili, in grado di collegare le attività agli obiettivi strategici in modo che le varie unità operative (reparti e funzioni) conoscano il loro contributo al perseguimento degli obiettivi aziendali; in tal senso può costituire un importante strumento motivazionale; deve integrare le informazioni di natura contabile con quelle di natura extracontabile; deve fornire informazioni giuste al momento giusto ; deve presupporre che tutte le attività dell impresa siano incentrate sulle esigenze del cliente; deve essere semplice, chiaro e comprensibile; deve presuppore un sistema di feedback in termini di meccanismo di retroazione e continuo aggiornamento. Con specifico riferimento invece ai singoli indicatori, perché gli stessi siano 3 Rummler e Brache, 1995, p Per una riflessione sull importanza del coinvolgimento del personale nella definizione degli obiettivi e nella determinazione delle misure di performance si veda Bhimani et al., 2008, pp Per un analisi dell evoluzione del controllo di gestione e dei processi di misurazione delle performance si veda, tra gli Altri, Riva, 2005; Bhimani et al., 2008, pp. 4-7; Cariola, 2006, p. 18 ss. 5 Parmenter (2010, p. 29 ss. e p. 41 ss.) individua four foundation stones guiding the development and use of KPIs: «1. Partnership with the staff, unions, key suppliers, and key customers; 2. Transfer of power to the front line; 3. Measuring and reporting only what matters; 4. Linkage of performance measures to strategy through the CSFs». Definisce quindi un modello di definizione del sistema di indicatori di performance composto dalle seguenti 12 fasi: «1. Senior management team commitment; 2. Establishing a winning KPI project team; 3. Establishing a just do it culture and process; 4. Setting up a holistic KPI development strategy; 5. Marketing KPI system to all employees; 6. Identifying organization-wide critical success factors; 7. Recording of performance measures in a databased; 8. Selecting team performance measures; 9. Selecting organizational winning KPIs; 10. Developing the reporting frameworks at all levels; 11. Facilitating the use of winning KPIs; 12. Refining KPIs to maintain their relevance». 6 Questa classificazione è il risultato di una rielaborazione di quelle fornite in Lynch e Cross (1992, p. 33) e Bhimani et al. (2008, p. 169).

16 I KEY PERFORMANCE INDICATORS 3 significativi e utili agli scopi del loro utilizzo è necessario che presentino le seguenti caratteristiche 7 : facilità di definizione e praticità di utilizzo da parte di tutti gli utenti i quali potrebbero avere formazione e competenze differenti; idoneità a rappresentare grandezze significative per la misurazione del valore e del grado di raggiungimento degli obiettivi strategici predefiniti (rilevanza); devono quindi essere i più appropriati al fenomeno da osservare; risultato di un processo di calcolo il cui costo è superato dal beneficio che si consegue dal loro utilizzo; dinamicità, ovvero capacità di adeguarsi ai possibili cambiamenti relativi agli obiettivi dell impresa (dinamicità); confrontabilità nel tempo (continuità); uniformità del processo di individuazione e di descrizione per tipologia di KPI, così come la dimensione di calcolo e la fonte di rilevazione. In ogni caso, la scelta degli indicatori di performance dovrebbe costituire il risultato di un processo di analisi che tenga conto delle specificità dell azienda (ad esempio, il settore di appartenenza) che vuole implementarli. Infatti, l utilità degli indicatori è funzione della «capacità di catturare adeguatamente le variabili e di rappresentare, senza distorsioni, l ambito discrezionale nel quale si esprime la responsabilità» 8. In tal senso è opportuno che il set di indicatori sia ideato alla luce delle specifiche esigenze dell impresa senza basarsi su schemi preconfezionati. Nonostante la necessità che ciascuna impresa definisca uno specifico sistema di indicatori, è possibile individuare le principali prospettive di analisi verso le quali un sistema di indicatori dovrebbe orientarsi 9 : le attività e i processi, la cui comprensione permette la definizione delle aree sui cui focalizzare le strategie di miglioramento; i clienti, il cui comportamento può orientare verso l individuazione delle aree critiche da sottoporre a valutazione; l ambiente esterno, inteso in special modo come ambiente competitivo. 7 Per approfondimenti si veda Di Crosta, 2005, p. 32. Parmenter (2010, p. 6) individua 7 principali caratteristiche degli indicatori di performance: «1) are nonfinancial measures; 2) are measured frequently; 3) are acted on by CEO and senior management team; 4) clearly indicate what action is required by staff; 5) are measures that tie responsibility down to a team; 6) have a significant impact; 7) they encourage appropriate action». 8 Bergamin Barbato, 2003, p Bhimani et al., 2008, pp

17 4 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI In queste prospettive di analisi, le variabili che in un approccio classico alla misurazione delle performance dovrebbero essere monitorate sono 10 : l efficacia: capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati (output programmato/output conseguito); l efficienza: rapporto tra risultati conseguiti e mezzi impiegati per conseguirli; la produttività: rapporto tra output dei processi e input impiegati per realizzarli; la qualità: confronto tra caratteristiche attese relative ad un processo interno (produzione, processo organizzativo, ecc.) o esterno (acquisto, vendita, finanziamento, ecc.) e quelle effettivamente manifestatesi; la flessibilità: capacità dell impresa di adeguarsi in tempi rapidi ai cambiamenti che si manifestano; l elasticità: capacità di cambiare la quantità del volume di produzione, minimizzandone il costo; l economicità: capacità di remunerare i fattori produttivi impiegati; l innovazione: capacità di migliorare la sua performance generale (aspetto che pervade tutta l impresa) CLASSIFICAZIONE E RAPPRESENTAZIONE Gli indicatori di performance possono essere classificati seguendo diversi criteri. Una prima classificazione divide i KPI in quantitativi e qualitativi. Le misure quantitative sono generalmente di facile calcolo e caratterizzate da un discreto livello di obiettività. Esse possono essere di natura economicofinanziaria o non economico-finanziaria. Tra le prime troviamo, ad esempio, gli indici calcolati a partire dai documenti contabili: indici di liquidità, indici di redditività, ROI, ROA, ROE, indici di rigidità della struttura finanziaria, margini di contribuzione, fatturato, leva finanziaria, costi suddivisi per i reparti di produzione o per i progetti, e così via. Gli indicatori quantitativi non di natura economico-finanziaria sono espressi da frequenze numeriche (misure per enumerazione o per conteggio) o da percentuali. Nel primo caso si fa riferimento, ad esempio, a: numero di reclami da parte dei clienti, numero ordini ricevuti, numero di prodotti difettosi, numero di dipendenti di sesso femminile, numero di dipendenti laureati; nel secondo caso, al tasso di difettosità dei prodotti, lead time di prodotto, tasso di assenteismo, rotazione del personale, e così via. Le misure qualitative (funzionali) sono di calcolo più complesso e, talvolta, caratterizzate da un alto livello di soggettività. Sono determinate senza l utilizzo 10 Cariola, 2006, p. 16.

18 I KEY PERFORMANCE INDICATORS 5 di informazioni di natura contabile e si fa riferimento, ad esempio, a indicatori riferiti alla motivazione dei dipendenti, alla fiducia dei clienti, alle competenze dei manager, alla qualità dei servizi offerti. Si possono poi avere indicatori ponderali di più misure (es.: indice di soddisfazione della clientela risultato della media pesata tra diversi aspetti), indicatori che seguono una scala qualitativa ( buono, sufficiente, soddisfacente, ecc.) e indicatori espressi da una simbolistica che identifica una condizione (es.: OK, KO,, ) 11. Si distinguono poi misure di performance per la proprietà che possono basarsi su misure tradizionali di performance o su misure esterne di performance 12. Le prime si concretizzano nei tradizionali indicatori calcolati dal confronto tra il flusso di ricavi e il flusso dei costi e altri oneri di gestione caratteristica e non. Sono pertanto di derivazione contabile e misurano, in generale, il rendimento relativo agli investimenti a vario titolo effettuati (es.: ROI, ROE, ROA). Le misure esterne di performance (es.: total shareholder return, relative shareholder return, market value added, market to book ratio, Tobin s Q) sono calcolate basandosi su dati di mercato (es.: prezzi delle azioni) e sono quindi utilizzabili soltanto nell ambito delle realtà delle aziende quotate in Borsa; esse consentono di stimare il valore creato in un determinato periodo (o cumulato in più periodi) seppur con importanti limiti informativi; tali limiti possono essere sintetizzabili nei seguenti 13 : «sono condizionate da fenomeni estranei alla gestione e, quindi, al di fuori della sfera di influenza e di governo del management e/o da fattori riferibili all impresa, ma spesso non suffragati da causalità oggettive; non offrono contributi significativi ai fini dell apprezzamento delle determinanti del valore per l impresa, dalle quali dipende la capacità di sviluppo e di successo futuro; sono costruite utilizzando metodologie di calcolo e principi di valutazione che si riferiscono a sati dell impresa diversi dall ipotesi di funzionamento e che, pertanto, meglio si prestano ad approssimare le condizioni dell impresa in occasione di operazioni straordinarie (per esempio, cessione, liquidazione, scalate, ecc.). Ciò porta, tra l altro, ad enfatizzare eccessivamente le prospettive future di risultato compromettendo le capacità di rappresentazione delle prestazioni realmente conseguite». 11 Di Crosta, 2005, p Cariola, 2006, p. 39 ss. 13 Cariola, 2006, pp

19 6 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI In questo senso si individuano indicatori che non si basano esclusivamente su dati esterni del mercato azionario, ma che misurano la performance di un impresa in termini di capacità del reddito operativo (o, talvolta, di cash flow) rispetto al costo complessivo delle fonti finanziarie investite in azienda in un determinato periodo (misure di performance value based). Si fa riferimento, ad e- sempio, a indicatori quali il reddito residuale, l economic profit, l EVA, il cash flow return on investment, il risultato economico integrato residuale 14. In riferimento a indicatori calcolati durante le diverse fasi del ciclo operativo, si possono avere indicatori 15 : iniziali: misurano, ad esempio, la qualità dei materiali o dei servizi offerti dai fornitori; intermedi: sono relativi, ad esempio, alla non conformità di determinate lavorazioni produttive; finali: riguardano le misure della soddisfazione del cliente o la riduzione dei costi di produzione. Un ulteriore prospettiva di analisi per classificare gli indicatori di performance scaturisce dalla natura dell oggetto osservato. Si possono così distinguere 16 : indicatori manifatturieri e di produzione: produttività, linearità della produzione, carico di lavoro, efficienza, ecc.; indicatori di qualità, affidabilità e servizio: livelli di giacenza, tempi di consegna, qualità del servizio offerto e della consegna, ecc.; indicatori sull attività di vendita e marketing: soddisfazione del cliente, fiducia del cliente, indicatori economici generali (tasso di inflazione, tassi di cambio, disoccupazione, reddito pro-capite, ecc.); indicatori sulle risorse umane: numerosità e tipologia, numero di dipendenti per responsabile, soddisfazione del personale (turnover, assenteismo), costi di assunzione, valutazione delle performance, ecc.; indicatori relativi alla funzione di ricerca e sviluppo; indicatori di tipo economico-finanziario. Come evidenziato, a seconda delle specifiche esigenze delle imprese, il numero dei KPI da calcolare è talvolta molto elevato. Fin dall inizio si è mes- 14 Per approfondimenti si rinvia a Cariola, 2006, p. 68 ss. 15 Classificazione proposta in Di Crosta, 2005, pp Per approfondimenti si veda Lothian, 1997.

20 I KEY PERFORMANCE INDICATORS 7 so in evidenza la necessità che gli stessi, per fornire il loro contributo a livello di processi decisionali, debbano essere rappresentati in opportuni report o cruscotti in grado di facilitarne una lettura sistematica e sintetica. Questi ultimi aspetti sono fondamentali in quanto un sistema di reporting, per essere utile ai fini decisionali, non dovrebbe basarsi su un numero considerevole di KPI rischiando di distogliere l attenzione dai principali drivers che caratterizzano il business. In questo senso, il prospetto dovrebbe raggruppare gli indicatori scelti opportunamente per rappresentare in maniera sintetica ed efficace i processi, le attività, le operazioni considerate. Gli indicatori utilizzati dovrebbero quindi essere in grado di valutare il contributo che ciascun processo, attività o singola operazione può fornire in termini di valore creato e di raggiungimento degli obiettivi prestabiliti. In sintesi, un report avente per oggetto indicatori di performance dovrebbe presentare le seguenti caratteristiche: fedeltà: nel senso della conformità alla situazione analizzata; precisione: deve offrire informazioni limitate e utili all analisi e al monitoraggio del problema; condivisione: deve dare una rappresentazione di facile comprensione agli utenti; leggibilità: deve utilizzare un unico linguaggio comprensibile a tutti gli utenti. Per ciò che concerne il contenuto, gli indicatori presenti nel report dovrebbero essere classificati per categoria, in funzione della loro rilevanza e in rapporto agli obiettivi ai quali fanno riferimento. Oltre alla descrizione degli indicatori, l utilità del report è legata alla presenza nello stesso del confronto tra risultati conseguiti e obiettivi stabiliti e dell analisi degli eventuali scostamenti ai fini della definizione di opportune azioni correttive. Quando il modello di rappresentazione degli indicatori di performance è costituito da modelli del tipo cruscotti di controllo, la visione sistematica e la completezza degli aspetti sottoposti a monitoraggio diviene più complessa (si veda il Capitolo 2). Nei paragrafi seguenti si descrivono, seppur succintamente, gli indicatori di natura economico-finanziaria e quelli relativi all analisi dei processi, per porre quindi maggiore attenzione ai KPI socio-ambientali (Capitolo 3).

21 8 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI 1.3. KPI ECONOMICO-FINANZIARI 17 Gli indicatori di performance economico-finanziaria costituisco il risultato di elaborazioni di parametri contabili. Tali elaborazioni derivano dalle riclassificazioni dei dati tratti dal bilancio e/o dalla contabilità analitica. Generalmente l indice è di tipo quantitativo ed è il risultato di un rapporto tra due grandezze (es.: incidenze di costi specifici su ricavi, cash conversion rate, % di assenteismo, ecc.), oppure è una grandezza singola e costituisce l output del processo di analisi di bilancio il quale, attraverso specifiche procedure e rielaborazioni, permette di addivenire a una migliore comprensione ed interpretazione della situazione economica, patrimoniale e finanziaria d impresa e di confrontarla nel tempo e nello spazio 18. In tale prospettiva, gli indicatori economico-finanziari o indici o quozienti di bilancio rappresentano misurazioni che consentono di valutare in modo più completo e critico la gestione aziendale. L elaborazione di indici di bilancio, tuttavia, non fornisce informazioni utili se non fa riferimento a un vero e proprio processo di analisi degli stessi. La significatività degli indici, perciò, dipende in larga misura dal grado di affidabilità delle operazioni di riclassificazione di bilancio operate e dalla corretta interpretazione delle condizioni aziendali generali e di mercato nel quale si innesta la lettura degli stessi. La Dottrina ha individuato alcuni dei principali aspetti critici della capacità segnaletica del sistema degli indicatori economico-finanziari, aspetti da tenere in considerazione del processo di analisi, ovvero nella lettura ed interpretazione del significato degli indici. Anzitutto, l interpretazione degli indici non può prescindere dall analisi delle relazioni gestionali, sistemiche e ambientali in cui si colloca l attività d impresa 19. Inoltre, gli indici di bilancio non possono essere letti singolarmente, ma in un ottica di sistema e vanno rapportati a parametri di riferimento connessi al settore di appartenenza, agli obiettivi dell analisi e ai trend storici. In altri termini, data la sinteticità dell indice, è necessario interpretarne il risultato alla luce delle specifiche caratteristiche sia in relazione al settore, sia alla fase del ciclo aziendale in cui l azienda si trova ad operare (fase di start up, expansion, maturazione o declino). Inoltre, l indice calcolato deve essere necessariamente interpretato con l ausilio di parametri di riferimento o di benchmark, di conoscenze, di expertise, per ovviare al rischio intrinseco di cu- 17 Questo paragrafo è curato da Caterina Pesci e Veronica Tibiletti. 18 Per approfondimenti sulla natura e la funzione delle analisi di bilancio si rimanda all ampia bibliografia in materia. Paganelli, 1991; Ferrero et al., 2003; Brunetti et al., 1990; Caramiello et al., 2003; Brunetti et al., 1974; Teodori, Cfr. Teodori, 2010, p. 112.

22 I KEY PERFORMANCE INDICATORS 9 mulo di informazioni asettiche, generate, peraltro, da una crescente disponibilità di informazioni spesso disordinate, o di possibili misundertanding. Con specifico riferimento alle varie tipologie di indicatori economico-finanziari esse sono riconducibili alle principali dimensioni gestionali che caratterizzano l attività dell impresa: redditività, solidità, liquidità. Si possono pertanto classificare in: indici di redditività: forniscono informazioni relative ai rendimenti dei fattori impiegati, all efficienza e all economicità complessiva; indici di solidità (patrimoniale e finanziaria): si riferiscono alla capacità dell azienda di perdurare nel tempo in autonomia, soprattutto in relazione alla sua capacità di sopravvivenza in ambienti perturbati, quindi in un ottica di lungo periodo; indici di liquidità: si collegano all equilibrio finanziario e monetario di breve periodo e sono relativi al costante bilanciamento nel breve termine di attivo e passivo. In tale ambito, gli indicatori economico-finanziari sono suddivisibili in quattro macro aree: indici patrimoniali, indici economici e di redditività, indici di rotazione e, infine, indici di produttività e sviluppo. Di seguito, in funzione di tali macro aree, si descrivono alcuni degli indicatori specificandone le modalità di calcolo, il significato e i valori di riferimento 20. Indicatori patrimoniali Current ratio [attività correnti / passività correnti]: misura la capacità di un azienda di far fronte a impegni di breve termine con attività a breve; più è alto il valore di tale indice più la società riesce a far fronte agli impegni di breve termine; se l indice è compreso tra i valori 1,5 e 1,7 la situazione è soddisfacente, se l indice è minore di uno si è in presenza di uno squilibrio finanziario. Indice di autonomia finanziaria [patrimonio netto / fonti di finanziamento]: misura la composizione delle fonti di finanziamento; quanto è più alto l indice quanto è maggiore l autonomia finanziaria. Indice di dipendenza finanziaria [capitale di terzi / fonti di finanziamento]: 20 Elaborazione PriceWaterhouseCoopers (Parma).

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Simone.cavalli@unibg.it Bergamo, Febbraio 2008 Il sistema di misurazione delle

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli