La valutazione delle performance socio-ambientali. Indicatori e modelli interpretativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione delle performance socio-ambientali. Indicatori e modelli interpretativi"

Transcript

1

2 La valutazione delle performance socio-ambientali Indicatori e modelli interpretativi

3

4 Federica Balluchi La valutazione delle performance socio-ambientali Indicatori e modelli interpretativi G. Giappichelli Editore Torino

5 Copyright G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO VIA PO, 21 - TEL FAX ISBN/EAN Volume pubblicato con il contributo dell Università degli Studi di Parma - Dipartimento di Economia. Il presente volume è stato pubblicato previa valutazione scientifica condotta attraverso il sistema della peer review. Le valutazioni sono conservate dalla Casa editrice. Stampa (D): Stampatre s.r.l. - Torino Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941, n Le fotocopie effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Centro Licenze e Autorizzazioni per le Riproduzioni Editoriali, Corso di Porta Romana 108, Milano, e sito web

6 A Davide, Pietro e Margherita

7 VI LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AZIENDALI

8 INDICE pag. Introduzione IX 1. LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE AZIENDALI: I KEY PERFORMANCE INDICATORS (KPI) 1.1. Aspetti definitori Classificazione e rappresentazione KPI economico-finanziari KPI di processo I CRUSCOTTI DI CONTROLLO 2.1. Aspetti definitori e classificazione Direct Intellectual Capital Methods Market Capitalization Methods Return on Assets Methods Scorecard Methods Tableau de Bord Balanced Scorecard Skandia Navigator Intangible Asset Monitor GLI INDICATORI DI PERFORMANCE SOCIO-AMBIEN- TALE 3.1. Premessa 39

9 VIII LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI pag Aspetti definitori: il capitale intellettuale sociale Misurazione delle performance socio-ambientali Area collaboratori/dipendenti Area clienti/fornitori Area collettività/territorio/istituzioni e ambiente Una Social Balanced Scorecard L UTILIZZO DEGLI INDICATORI DI PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALE NEL CONTESTO ITALIANO. ANALISI EMPIRICA 4.1. Obiettivi e metodologia della ricerca Rilevazione dei dati e analisi dei risultati Dimensione sociale Dimensione ambientale Riflessioni conclusive 83 Bibliografia 85

10 INTRODUZIONE In un contesto ambientale caratterizzato da forte complessità e turbolenza, più che mai l azienda ha necessità di controllare e monitorare la propria attività verificando il grado di raggiungimento degli obiettivi o, in altri termini, valutando le sue performance, ovvero la propria capacità di generare valore nel tempo. Lo scopo è quello, da un lato, di migliorare le scelte e i comportamenti futuri, dall altro, di rendere trasparente la propria condizione a tutti coloro che direttamente o indirettamente sono interessati ad essa (stakeholder). In termini molto semplici, misurare 1 le performance equivale a valutare i risultati conseguiti in riferimento ad un certo periodo, chiaramente tenendo conto degli obiettivi che si intendono raggiungere. Quando tali obiettivi si concretizzano nel miglioramento della capacità reddituale e, quindi, nella sopravvivenza e nello sviluppo dell azienda in una prospettiva di medio e lungo periodo, la valutazione della ricchezza prodotta rappresenta un modo per la misurazione delle performance aziendali. Tuttavia, per esprimere periodicamente la capacità dell azienda di conseguire i propri obiettivi non è sufficiente il riferimento ai risultati contabili di bilancio e neppure l utilizzo di indicatori di performance come l EVA (Economic Value Added), il REI (Risultato Economico Integrato) o il REIR (Risultato Economico Integrato Residuale) 2 ; questi devono necessariamente essere integrati da strumenti che permettano il continuo monitoraggio della dinamica del valore. L analisi delle performance economico-finanziarie (ossia quella basata su informazioni di natura tecnico-contabile), in altri termini, da sola non è in grado 1 «La misurazione è parte integrante della rilevazione, consiste in un sistema di assegnazione di valori a oggetti ed eventi rilevanti secondo norme e scopi prestabiliti». Cariola, 2006, pp Per approfondimenti si veda anche Flamholtz, «L idea che l azienda debba periodicamente valutare se stessa nasce dall opinione che solo la dinamica del valore rappresenti una efficace misura della performance. Misura che non è espressa certamente in modo adeguato dai risultati di bilancio, cioè dai puri dati contabili, e forse è solo parzialmente sostituibile con talune pur efficaci integrazioni, quali sono i cosiddetti indicatori di performance [ ]». Guatri, 1998, p. 445.

11 X LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI di soddisfare tutte le esigenze informative in questione 3 ; essa, infatti, non fa emergere quell aspetto nascosto, immateriale, intangibile, inerente le condizioni interne ed esterne di gestione e le modalità con cui l attività viene svolta. Il rischio è quello di giungere a giudizi che, di per sé, non riflettono correttamente la realtà aziendale e che penalizzano le unità economiche che hanno scelto di investire in risorse invisibili o intangibili piuttosto che in risorse materiali. La misurazione delle performance rappresenta, quindi, anche uno strumento utile a esprimere un giudizio sull attività svolta dai responsabili della direzione aziendale, ovvero sulle loro capacità di prendere decisioni e di effettuare scelte in vista del conseguimento degli obiettivi stabiliti. È in questo senso che i moderni sistemi di controllo di gestione dovrebbero includere una serie di indicatori di performance relativi, ad esempio, a variabili quali efficacia, efficienza, qualità, tempestività, flessibilità, innovatività e competenza, sistematizzati in strumenti del tipo cruscotti di controllo bilanciati dalla cui lettura complessiva e sistematica può risultare lo stato di salute di un azienda 4. Tali sistemi di controllo di gestione divengono pertanto strumenti indispensabili a fornire informazioni a supporto dei processi decisionali del management 5 e, allo stesso tempo, strumenti che attraverso la misurazione della performance, siano in grado di motivare il processo decisionale verso un continuo miglioramento di variabili quali, ad esempio, la produttività, la flessibilità, la soddisfazione del cliente ma anche, in un ottica integrata, di variabili che misurino l impatto socio-ambientale conseguente all operare dell impresa. A partire da queste premesse, il presente volume ha la finalità di offrire una panoramica sui principali sistemi di valutazione delle performance, con particolare attenzione alle performance socio-ambientali. Dopo aver definito il concetto di key performance indicator (KPI) e analizzate le varie classificazioni degli indicatori di performance proposte dalla Dottrina e dalla prassi operativa (Capitolo 1), lo scritto richiama i principali cruscotti di controllo implementanti nell ambito dei sistemi di controllo di gestione e che contribuiscono al monitoraggio delle performance in un ottica di breve periodo (Capitolo 2). Successi- 3 «Il controllo della bontà della gestione non può prescindere dal monitoraggio di indicatori che in modo omogeneo nel tempo sono in grado di valutare le prestazioni e di confrontare quelle di oggi con quelle di ieri, valutare gli scostamenti fra i risultati ottenuti e risultati pianificati e, se possibile, paragonare i nostri risultati con quelli dei nostri concorrenti», Di Crosta, 2005, p. 18. Tali sistemi di misurazione delle performance, inoltre, tendono ad avere un focus sui risultati passati piuttosto che sulle performance future. Si veda anche Bhimani et al., 2008, pp ; Lothian, 1997, p. 3 ss.; Cariola, 2006, p. XI e p. 17 ss. 4 Lynch e Cross, 1992, p Lizza, 2007, p. 42.

12 INTRODUZIONE XI vamente (Capitolo 3) l attenzione è concentrata sulle valutazioni delle performance socio-ambientali con specifico riferimento alle aree critiche rappresentate dalle relazioni che l impresa intrattiene con alcuni principali stakeholder quali i collaboratori, i clienti e i fornitori, la collettività, il territorio, le istituzioni e l ambiente. Lo scopo è quello di offrire uno strumento integrato di analisi delle performance che non solo includa analisi di tipo economico-finanziario o di processo, ma anche valutazioni degli aspetti socio-ambientali connessi all attività dell impresa. Nell ultimo capitolo (Capitolo 4) si propongono i primi risultati di una ricerca empirica svolta nel contesto nazionale e avente l obiettivo di evidenziare quali siano gli indicatori di performance socio-ambientale più diffusi tra le imprese in funzione del settore di attività a cui appartengono. Parma, Università degli Studi, 30 settembre 2013 Federica Balluchi

13 XII LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI

14 1 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE AZIENDALI: I KEY PERFORMANCE INDICATORS (KPI) SOMMARIO: 1.1. Aspetti definitori Classificazione e rappresentazione KPI economico-finanziari KPI di processo ASPETTI DEFINITORI Gli indicatori di performance (key performance indicators KPI) sono misure quali-quantitative, talvolta risultato di rapporti tra grandezze, definite rispetto a specifici fattori critici di successo di un impresa; possono essere rappresentati da parametri monetari, parametri di tipo quantitativo numerico e parametri di tipo quantitativo non numerico. In questo senso possono costituire uno strumento informativo utile a valutare il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati 1. La definizione di opportuni indicatori di performance si avvia con l individuazione, sia a livello globale che di singoli processi 2 o unità operative, delle variabili strategiche da monitorare, ovvero degli output più importanti dell organizzazione, del processo, dell attività o della singola operazione (ad esempio: la qualità, la produttività, e così via). Successivamente è necessario definire le dimensioni critiche della performance di ciascuno di questi output (ad esempio per la produttività: tempestività, quantità) che, di fatto, rappresentano gli obiettivi da conseguire in termini di fattori critici di successo (ovvero elementi su cui l azienda deve basare la capacita di competere sul mercato). Una volta comprese le dimensioni critiche è necessario individuare misure o indicatori per cia- 1 Di Crosta, 2005, p. 31. In Parmenter (2010, p. 4): «KPIs represent a set of measures focusing on those aspects of organizational performance that are the most critical for the current and future success of the organization». 2 Sull importanza della mappatura dei processi si veda, tra gli Altri, Di Crosta, 2005, p. 19 ss.

15 2 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI scuna di esse 3. In questi termini, pertanto, variabili di natura spesso qualitativa, devono essere opportunamente tradotte in espressioni quantitative mediante l individuazione parametri (seppur approssimati) che ne permettano un utile monitoraggio 4. Dall analisi delle fasi nelle quali si concretizza il processo di definizione degli indicatori 5 conseguono le principali caratteristiche di un sistema di misurazione basato su KPI 6 : deve essere integrato con la strategia di fondo dell impresa ed essere gestito e supportato a livello complessivo; deve comprendere misure eque e raggiungibili, in grado di collegare le attività agli obiettivi strategici in modo che le varie unità operative (reparti e funzioni) conoscano il loro contributo al perseguimento degli obiettivi aziendali; in tal senso può costituire un importante strumento motivazionale; deve integrare le informazioni di natura contabile con quelle di natura extracontabile; deve fornire informazioni giuste al momento giusto ; deve presupporre che tutte le attività dell impresa siano incentrate sulle esigenze del cliente; deve essere semplice, chiaro e comprensibile; deve presuppore un sistema di feedback in termini di meccanismo di retroazione e continuo aggiornamento. Con specifico riferimento invece ai singoli indicatori, perché gli stessi siano 3 Rummler e Brache, 1995, p Per una riflessione sull importanza del coinvolgimento del personale nella definizione degli obiettivi e nella determinazione delle misure di performance si veda Bhimani et al., 2008, pp Per un analisi dell evoluzione del controllo di gestione e dei processi di misurazione delle performance si veda, tra gli Altri, Riva, 2005; Bhimani et al., 2008, pp. 4-7; Cariola, 2006, p. 18 ss. 5 Parmenter (2010, p. 29 ss. e p. 41 ss.) individua four foundation stones guiding the development and use of KPIs: «1. Partnership with the staff, unions, key suppliers, and key customers; 2. Transfer of power to the front line; 3. Measuring and reporting only what matters; 4. Linkage of performance measures to strategy through the CSFs». Definisce quindi un modello di definizione del sistema di indicatori di performance composto dalle seguenti 12 fasi: «1. Senior management team commitment; 2. Establishing a winning KPI project team; 3. Establishing a just do it culture and process; 4. Setting up a holistic KPI development strategy; 5. Marketing KPI system to all employees; 6. Identifying organization-wide critical success factors; 7. Recording of performance measures in a databased; 8. Selecting team performance measures; 9. Selecting organizational winning KPIs; 10. Developing the reporting frameworks at all levels; 11. Facilitating the use of winning KPIs; 12. Refining KPIs to maintain their relevance». 6 Questa classificazione è il risultato di una rielaborazione di quelle fornite in Lynch e Cross (1992, p. 33) e Bhimani et al. (2008, p. 169).

16 I KEY PERFORMANCE INDICATORS 3 significativi e utili agli scopi del loro utilizzo è necessario che presentino le seguenti caratteristiche 7 : facilità di definizione e praticità di utilizzo da parte di tutti gli utenti i quali potrebbero avere formazione e competenze differenti; idoneità a rappresentare grandezze significative per la misurazione del valore e del grado di raggiungimento degli obiettivi strategici predefiniti (rilevanza); devono quindi essere i più appropriati al fenomeno da osservare; risultato di un processo di calcolo il cui costo è superato dal beneficio che si consegue dal loro utilizzo; dinamicità, ovvero capacità di adeguarsi ai possibili cambiamenti relativi agli obiettivi dell impresa (dinamicità); confrontabilità nel tempo (continuità); uniformità del processo di individuazione e di descrizione per tipologia di KPI, così come la dimensione di calcolo e la fonte di rilevazione. In ogni caso, la scelta degli indicatori di performance dovrebbe costituire il risultato di un processo di analisi che tenga conto delle specificità dell azienda (ad esempio, il settore di appartenenza) che vuole implementarli. Infatti, l utilità degli indicatori è funzione della «capacità di catturare adeguatamente le variabili e di rappresentare, senza distorsioni, l ambito discrezionale nel quale si esprime la responsabilità» 8. In tal senso è opportuno che il set di indicatori sia ideato alla luce delle specifiche esigenze dell impresa senza basarsi su schemi preconfezionati. Nonostante la necessità che ciascuna impresa definisca uno specifico sistema di indicatori, è possibile individuare le principali prospettive di analisi verso le quali un sistema di indicatori dovrebbe orientarsi 9 : le attività e i processi, la cui comprensione permette la definizione delle aree sui cui focalizzare le strategie di miglioramento; i clienti, il cui comportamento può orientare verso l individuazione delle aree critiche da sottoporre a valutazione; l ambiente esterno, inteso in special modo come ambiente competitivo. 7 Per approfondimenti si veda Di Crosta, 2005, p. 32. Parmenter (2010, p. 6) individua 7 principali caratteristiche degli indicatori di performance: «1) are nonfinancial measures; 2) are measured frequently; 3) are acted on by CEO and senior management team; 4) clearly indicate what action is required by staff; 5) are measures that tie responsibility down to a team; 6) have a significant impact; 7) they encourage appropriate action». 8 Bergamin Barbato, 2003, p Bhimani et al., 2008, pp

17 4 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI In queste prospettive di analisi, le variabili che in un approccio classico alla misurazione delle performance dovrebbero essere monitorate sono 10 : l efficacia: capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati (output programmato/output conseguito); l efficienza: rapporto tra risultati conseguiti e mezzi impiegati per conseguirli; la produttività: rapporto tra output dei processi e input impiegati per realizzarli; la qualità: confronto tra caratteristiche attese relative ad un processo interno (produzione, processo organizzativo, ecc.) o esterno (acquisto, vendita, finanziamento, ecc.) e quelle effettivamente manifestatesi; la flessibilità: capacità dell impresa di adeguarsi in tempi rapidi ai cambiamenti che si manifestano; l elasticità: capacità di cambiare la quantità del volume di produzione, minimizzandone il costo; l economicità: capacità di remunerare i fattori produttivi impiegati; l innovazione: capacità di migliorare la sua performance generale (aspetto che pervade tutta l impresa) CLASSIFICAZIONE E RAPPRESENTAZIONE Gli indicatori di performance possono essere classificati seguendo diversi criteri. Una prima classificazione divide i KPI in quantitativi e qualitativi. Le misure quantitative sono generalmente di facile calcolo e caratterizzate da un discreto livello di obiettività. Esse possono essere di natura economicofinanziaria o non economico-finanziaria. Tra le prime troviamo, ad esempio, gli indici calcolati a partire dai documenti contabili: indici di liquidità, indici di redditività, ROI, ROA, ROE, indici di rigidità della struttura finanziaria, margini di contribuzione, fatturato, leva finanziaria, costi suddivisi per i reparti di produzione o per i progetti, e così via. Gli indicatori quantitativi non di natura economico-finanziaria sono espressi da frequenze numeriche (misure per enumerazione o per conteggio) o da percentuali. Nel primo caso si fa riferimento, ad esempio, a: numero di reclami da parte dei clienti, numero ordini ricevuti, numero di prodotti difettosi, numero di dipendenti di sesso femminile, numero di dipendenti laureati; nel secondo caso, al tasso di difettosità dei prodotti, lead time di prodotto, tasso di assenteismo, rotazione del personale, e così via. Le misure qualitative (funzionali) sono di calcolo più complesso e, talvolta, caratterizzate da un alto livello di soggettività. Sono determinate senza l utilizzo 10 Cariola, 2006, p. 16.

18 I KEY PERFORMANCE INDICATORS 5 di informazioni di natura contabile e si fa riferimento, ad esempio, a indicatori riferiti alla motivazione dei dipendenti, alla fiducia dei clienti, alle competenze dei manager, alla qualità dei servizi offerti. Si possono poi avere indicatori ponderali di più misure (es.: indice di soddisfazione della clientela risultato della media pesata tra diversi aspetti), indicatori che seguono una scala qualitativa ( buono, sufficiente, soddisfacente, ecc.) e indicatori espressi da una simbolistica che identifica una condizione (es.: OK, KO,, ) 11. Si distinguono poi misure di performance per la proprietà che possono basarsi su misure tradizionali di performance o su misure esterne di performance 12. Le prime si concretizzano nei tradizionali indicatori calcolati dal confronto tra il flusso di ricavi e il flusso dei costi e altri oneri di gestione caratteristica e non. Sono pertanto di derivazione contabile e misurano, in generale, il rendimento relativo agli investimenti a vario titolo effettuati (es.: ROI, ROE, ROA). Le misure esterne di performance (es.: total shareholder return, relative shareholder return, market value added, market to book ratio, Tobin s Q) sono calcolate basandosi su dati di mercato (es.: prezzi delle azioni) e sono quindi utilizzabili soltanto nell ambito delle realtà delle aziende quotate in Borsa; esse consentono di stimare il valore creato in un determinato periodo (o cumulato in più periodi) seppur con importanti limiti informativi; tali limiti possono essere sintetizzabili nei seguenti 13 : «sono condizionate da fenomeni estranei alla gestione e, quindi, al di fuori della sfera di influenza e di governo del management e/o da fattori riferibili all impresa, ma spesso non suffragati da causalità oggettive; non offrono contributi significativi ai fini dell apprezzamento delle determinanti del valore per l impresa, dalle quali dipende la capacità di sviluppo e di successo futuro; sono costruite utilizzando metodologie di calcolo e principi di valutazione che si riferiscono a sati dell impresa diversi dall ipotesi di funzionamento e che, pertanto, meglio si prestano ad approssimare le condizioni dell impresa in occasione di operazioni straordinarie (per esempio, cessione, liquidazione, scalate, ecc.). Ciò porta, tra l altro, ad enfatizzare eccessivamente le prospettive future di risultato compromettendo le capacità di rappresentazione delle prestazioni realmente conseguite». 11 Di Crosta, 2005, p Cariola, 2006, p. 39 ss. 13 Cariola, 2006, pp

19 6 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI In questo senso si individuano indicatori che non si basano esclusivamente su dati esterni del mercato azionario, ma che misurano la performance di un impresa in termini di capacità del reddito operativo (o, talvolta, di cash flow) rispetto al costo complessivo delle fonti finanziarie investite in azienda in un determinato periodo (misure di performance value based). Si fa riferimento, ad e- sempio, a indicatori quali il reddito residuale, l economic profit, l EVA, il cash flow return on investment, il risultato economico integrato residuale 14. In riferimento a indicatori calcolati durante le diverse fasi del ciclo operativo, si possono avere indicatori 15 : iniziali: misurano, ad esempio, la qualità dei materiali o dei servizi offerti dai fornitori; intermedi: sono relativi, ad esempio, alla non conformità di determinate lavorazioni produttive; finali: riguardano le misure della soddisfazione del cliente o la riduzione dei costi di produzione. Un ulteriore prospettiva di analisi per classificare gli indicatori di performance scaturisce dalla natura dell oggetto osservato. Si possono così distinguere 16 : indicatori manifatturieri e di produzione: produttività, linearità della produzione, carico di lavoro, efficienza, ecc.; indicatori di qualità, affidabilità e servizio: livelli di giacenza, tempi di consegna, qualità del servizio offerto e della consegna, ecc.; indicatori sull attività di vendita e marketing: soddisfazione del cliente, fiducia del cliente, indicatori economici generali (tasso di inflazione, tassi di cambio, disoccupazione, reddito pro-capite, ecc.); indicatori sulle risorse umane: numerosità e tipologia, numero di dipendenti per responsabile, soddisfazione del personale (turnover, assenteismo), costi di assunzione, valutazione delle performance, ecc.; indicatori relativi alla funzione di ricerca e sviluppo; indicatori di tipo economico-finanziario. Come evidenziato, a seconda delle specifiche esigenze delle imprese, il numero dei KPI da calcolare è talvolta molto elevato. Fin dall inizio si è mes- 14 Per approfondimenti si rinvia a Cariola, 2006, p. 68 ss. 15 Classificazione proposta in Di Crosta, 2005, pp Per approfondimenti si veda Lothian, 1997.

20 I KEY PERFORMANCE INDICATORS 7 so in evidenza la necessità che gli stessi, per fornire il loro contributo a livello di processi decisionali, debbano essere rappresentati in opportuni report o cruscotti in grado di facilitarne una lettura sistematica e sintetica. Questi ultimi aspetti sono fondamentali in quanto un sistema di reporting, per essere utile ai fini decisionali, non dovrebbe basarsi su un numero considerevole di KPI rischiando di distogliere l attenzione dai principali drivers che caratterizzano il business. In questo senso, il prospetto dovrebbe raggruppare gli indicatori scelti opportunamente per rappresentare in maniera sintetica ed efficace i processi, le attività, le operazioni considerate. Gli indicatori utilizzati dovrebbero quindi essere in grado di valutare il contributo che ciascun processo, attività o singola operazione può fornire in termini di valore creato e di raggiungimento degli obiettivi prestabiliti. In sintesi, un report avente per oggetto indicatori di performance dovrebbe presentare le seguenti caratteristiche: fedeltà: nel senso della conformità alla situazione analizzata; precisione: deve offrire informazioni limitate e utili all analisi e al monitoraggio del problema; condivisione: deve dare una rappresentazione di facile comprensione agli utenti; leggibilità: deve utilizzare un unico linguaggio comprensibile a tutti gli utenti. Per ciò che concerne il contenuto, gli indicatori presenti nel report dovrebbero essere classificati per categoria, in funzione della loro rilevanza e in rapporto agli obiettivi ai quali fanno riferimento. Oltre alla descrizione degli indicatori, l utilità del report è legata alla presenza nello stesso del confronto tra risultati conseguiti e obiettivi stabiliti e dell analisi degli eventuali scostamenti ai fini della definizione di opportune azioni correttive. Quando il modello di rappresentazione degli indicatori di performance è costituito da modelli del tipo cruscotti di controllo, la visione sistematica e la completezza degli aspetti sottoposti a monitoraggio diviene più complessa (si veda il Capitolo 2). Nei paragrafi seguenti si descrivono, seppur succintamente, gli indicatori di natura economico-finanziaria e quelli relativi all analisi dei processi, per porre quindi maggiore attenzione ai KPI socio-ambientali (Capitolo 3).

21 8 LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SOCIO-AMBIENTALI 1.3. KPI ECONOMICO-FINANZIARI 17 Gli indicatori di performance economico-finanziaria costituisco il risultato di elaborazioni di parametri contabili. Tali elaborazioni derivano dalle riclassificazioni dei dati tratti dal bilancio e/o dalla contabilità analitica. Generalmente l indice è di tipo quantitativo ed è il risultato di un rapporto tra due grandezze (es.: incidenze di costi specifici su ricavi, cash conversion rate, % di assenteismo, ecc.), oppure è una grandezza singola e costituisce l output del processo di analisi di bilancio il quale, attraverso specifiche procedure e rielaborazioni, permette di addivenire a una migliore comprensione ed interpretazione della situazione economica, patrimoniale e finanziaria d impresa e di confrontarla nel tempo e nello spazio 18. In tale prospettiva, gli indicatori economico-finanziari o indici o quozienti di bilancio rappresentano misurazioni che consentono di valutare in modo più completo e critico la gestione aziendale. L elaborazione di indici di bilancio, tuttavia, non fornisce informazioni utili se non fa riferimento a un vero e proprio processo di analisi degli stessi. La significatività degli indici, perciò, dipende in larga misura dal grado di affidabilità delle operazioni di riclassificazione di bilancio operate e dalla corretta interpretazione delle condizioni aziendali generali e di mercato nel quale si innesta la lettura degli stessi. La Dottrina ha individuato alcuni dei principali aspetti critici della capacità segnaletica del sistema degli indicatori economico-finanziari, aspetti da tenere in considerazione del processo di analisi, ovvero nella lettura ed interpretazione del significato degli indici. Anzitutto, l interpretazione degli indici non può prescindere dall analisi delle relazioni gestionali, sistemiche e ambientali in cui si colloca l attività d impresa 19. Inoltre, gli indici di bilancio non possono essere letti singolarmente, ma in un ottica di sistema e vanno rapportati a parametri di riferimento connessi al settore di appartenenza, agli obiettivi dell analisi e ai trend storici. In altri termini, data la sinteticità dell indice, è necessario interpretarne il risultato alla luce delle specifiche caratteristiche sia in relazione al settore, sia alla fase del ciclo aziendale in cui l azienda si trova ad operare (fase di start up, expansion, maturazione o declino). Inoltre, l indice calcolato deve essere necessariamente interpretato con l ausilio di parametri di riferimento o di benchmark, di conoscenze, di expertise, per ovviare al rischio intrinseco di cu- 17 Questo paragrafo è curato da Caterina Pesci e Veronica Tibiletti. 18 Per approfondimenti sulla natura e la funzione delle analisi di bilancio si rimanda all ampia bibliografia in materia. Paganelli, 1991; Ferrero et al., 2003; Brunetti et al., 1990; Caramiello et al., 2003; Brunetti et al., 1974; Teodori, Cfr. Teodori, 2010, p. 112.

22 I KEY PERFORMANCE INDICATORS 9 mulo di informazioni asettiche, generate, peraltro, da una crescente disponibilità di informazioni spesso disordinate, o di possibili misundertanding. Con specifico riferimento alle varie tipologie di indicatori economico-finanziari esse sono riconducibili alle principali dimensioni gestionali che caratterizzano l attività dell impresa: redditività, solidità, liquidità. Si possono pertanto classificare in: indici di redditività: forniscono informazioni relative ai rendimenti dei fattori impiegati, all efficienza e all economicità complessiva; indici di solidità (patrimoniale e finanziaria): si riferiscono alla capacità dell azienda di perdurare nel tempo in autonomia, soprattutto in relazione alla sua capacità di sopravvivenza in ambienti perturbati, quindi in un ottica di lungo periodo; indici di liquidità: si collegano all equilibrio finanziario e monetario di breve periodo e sono relativi al costante bilanciamento nel breve termine di attivo e passivo. In tale ambito, gli indicatori economico-finanziari sono suddivisibili in quattro macro aree: indici patrimoniali, indici economici e di redditività, indici di rotazione e, infine, indici di produttività e sviluppo. Di seguito, in funzione di tali macro aree, si descrivono alcuni degli indicatori specificandone le modalità di calcolo, il significato e i valori di riferimento 20. Indicatori patrimoniali Current ratio [attività correnti / passività correnti]: misura la capacità di un azienda di far fronte a impegni di breve termine con attività a breve; più è alto il valore di tale indice più la società riesce a far fronte agli impegni di breve termine; se l indice è compreso tra i valori 1,5 e 1,7 la situazione è soddisfacente, se l indice è minore di uno si è in presenza di uno squilibrio finanziario. Indice di autonomia finanziaria [patrimonio netto / fonti di finanziamento]: misura la composizione delle fonti di finanziamento; quanto è più alto l indice quanto è maggiore l autonomia finanziaria. Indice di dipendenza finanziaria [capitale di terzi / fonti di finanziamento]: 20 Elaborazione PriceWaterhouseCoopers (Parma).

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XVII Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO SEZIONE PRIMA LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1. GLI OBIETTIVI DELLE ANALISI PER INDICI 1.1. L

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1 1 Indici di redditività Gli indici di redditività L analisi della redditività si pone l obiettivo di apprezzare l attitudine della gestione aziendale a remunerare il capitale che ha concorso alla sua formazione.

Dettagli

Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo

Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo Introduzione Tutte le aziende, anche di medie o piccole dimensioni,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Sommario Introduzione 2 Le Caratteristiche 3 Il Funzionamento 4 Budget Economico 5 Flussi di Cassa 6 Budget Commerciale 7

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

Sistemi di controllo di gestione

Sistemi di controllo di gestione GIOVANNI AZZONE Sistemi di controllo di gestione Metodi, strumenti e applicazioni Redazione e fotocomposizione: Servizi editoriali Studio Norma, Parma ISBN 978-88-17-05921-3 Copyright 2006 RCS Libri SPA

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ 1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ Il controllo di gestione: tecniche e finalità 1. Premessa 1.1. 1.1. PREMESSA I sistemi di programmazione e controllo iniziarono a svilupparsi nel diciannovesimo

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici 1 Sommario Introduzione Introduzione La Riclassificazione del Conto Economico La Riclassificazione dello Stato Patrimoniale L Analisi di Bilancio tramite Quozienti

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard

Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard 1 Limiti e problematiche dei tradizionali sistemi di controllo Orientamento all interno anziché al mercato (poca attenzione alla prospettiva

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Come tradurre la strategia in azione a cura di Alessandro Saviotti - saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Costi Cash Flow EVA Return on investmen

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Quanti si pongono queste domande: Quali sono i miei obiettivi di vendita? Li sto raggiungendo? Quali margini conseguo? I costi

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo Corso di specializzazione TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Percorso formativo Moduli propedeutici ELEMENTI DI OFFICE AUTOMATION Foglio elettronico Presentazione multimediale Servizi

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE)

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) MODULO 1 REDAZIONE DEL BILANCIO Saper leggere un bilancio d esercizio (Stato Patrimoniale e Conto Economico). Conoscere e analizzare gli elementi fondamentali

Dettagli

Pianificare, costruire e gestire un sistema manageriale integrato di BSC

Pianificare, costruire e gestire un sistema manageriale integrato di BSC Pianificare, costruire e gestire un sistema manageriale integrato di BSC Marco Bianchini Premessa L incremento del livello di complessità gestionale all interno delle aziende e soprattutto il fatto che

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione)

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) OBIETTIVI E COMPETENZE La finanza aziendale sta diventando sempre di più uno strumento fondamentale per la crescita delle imprese,

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

L an ali al si i si dell el e l perf er o f rm r an ce eco nomi m ch e e f n i anziar ar e i dell el e l im i p m rese

L an ali al si i si dell el e l perf er o f rm r an ce eco nomi m ch e e f n i anziar ar e i dell el e l im i p m rese L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese Indice. Aspetti generali. Il bilancio d esercizio come strumento di analisi delle performance economiche e finanziarie. La riclassificazione

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30%

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30% Aspetto finanziario Aspetto economico Grado Grado di di indebitamento indebitamento Cap. Cap. Investito Investito Patr. Patr.. Netto Netto Indice Indice di di redditività redditività operativa operativa

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget...

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 IL COMPARTO INDUSTRIALE E COMMERCIALE: Pagina 1. LA COMPOSIZIONE

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow)

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Assemblea Assogiocattoli 27 maggio 2010 Antonio Fossati Managing Partner RDS Consulting Università Pavia 1 2 REMAP YOUR SALES RESHAPE YOUR

Dettagli

Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli

Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli La funzione e il fine delle imprese Alcune definizioni Gino Zappa (1927) proponeva che la funzione principale delle

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Dott.ssa ANGELA SCILLA Il Business Plan FUNZIONI: Serve per formalizzare le idee di gestione dell impresa

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO determinazione dei flussi rilevanti; definizione di flussi monetari; definizione di flussi differenziali;

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa

La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Dall ultima lezione L analisi

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) Mc Graw-Hill 2001, cap. 5 1 GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE AZIENDE NON PROFIT RACCOMANDAZIONE N. 10 GLI INDICI E GLI INDICATORI DI PERFORMANCE NELLE AZIENDE NON PROFIT IMPEGNATE NELLA RACCOLTA FONDI E

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

NewCo. Business Plan

NewCo. Business Plan NewCo Business Plan 1 NewCo... 1 Business Plan... 1 Executive Summary... 3 Customer Value Proposition... 4 Demand Pull... 4 Technology Push... 4 Enterpreneurial Team... 5 Market Analysis... 6 Macro analisi

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche

L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche da Marketing e performance delle imprese turistiche (Pencarelli, 2001) Annalisa Sentuti -1- Indice 1. Aspetti generali 2. La

Dettagli

IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it

IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA 1 SOMMARIO LA FASE INIZIALE DEL PROGETTO ESTERO : STRATEGIA, RUOLI, RAPPORTI CASA MADRE- CONTROLLATE L ANALISI E LA DEFINIZIONE DEL REPORT PACKAGE LE PROCEDURE, LE TEMPISTICHE,

Dettagli

La Balanced Scorecard - Relazione finale-

La Balanced Scorecard - Relazione finale- La Balanced Scorecard - Relazione finale- 07 ottobre 2008 Indice Indice...3 1. Premessa...5 2. Fasi di sviluppo del progetto...9 3. BU Batterie trazione...13 3.1 Le Key performance Area...13 3.2 Gli indicatori

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Pianificazione strategica e business plan

Pianificazione strategica e business plan START CUP CAMPANIA 2015 Pianificazione strategica e business plan Prof. Raffaele Fiorentino Università di Napoli Parthenope fiorentino@uniparthenope.it Napoli, 22 maggio 2015 Copyright Materiale depositato

Dettagli

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance AMMINISTRAZIONE & FINANZA Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance Amedeo De Luca FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced,

Dettagli

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Per ottenere una maggiore o migliore capacità produttiva, il decisore definisce i progetti di investimento industriale per mezzo dei quali

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) Il principio di economicità aziendale b) L economicità e l efficienza c) Il sistema dei rischi nella gestione d impresa d) L economicità e l equilibrio finanziario

Dettagli

Criteri per la valutazione e verifica della Validità Tecnica

Criteri per la valutazione e verifica della Validità Tecnica Criteri per la valutazione e verifica della Validità Tecnica Al fine di migliorare la Validità Tecnica delle proposte (Rif. 2 della Scheda di valutazione) e rendere più oggettive le valutazioni sia del

Dettagli

Le analisi di bilancio

Le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Salvatore Loprevite Dott. Salvatore Loprevite 1 Sommario 1) I principi generali di riclassificazione del Conto Economico: le aree della gestione aziendale e le configurazioni parziali

Dettagli

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali I Sistemi Informativi Direzionali I reporting direzionali Concezioni del controllo Concezione tradizionale valutare l efficienza, l onestà e la diligenza dei dipendenti Concezione moderna (p.e. Anthony)

Dettagli

Programma quadro d insegnamento per la disciplina Contabilità analitica e finanziaria MP1

Programma quadro d insegnamento per la disciplina Contabilità analitica e finanziaria MP1 Via Vergiò 18 6932 Breganzona telefono 091 815 31 00 fax 091 815 31 09 e-mail url decs-dfp@ti.ch www.ti.ch/maturitaprofessionale Divisione della formazione professionale Maturità professionale Programma

Dettagli