GESTIONE INTEGRATA DELLA MANUTENZIONE E SICUREZZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE INTEGRATA DELLA MANUTENZIONE E SICUREZZA"

Transcript

1 GESTIONE INTEGRATA DELLA MANUTENZIONE E SICUREZZA Consulta interassociativa italiana per la prevenzione 6 CONVENTION AMBIENTE E LAVORO SAFE MAINTENANCE MODENA FIERE 7 OTTOBRE 2010 ING. FRANCO SANTINI PRESIDENTE AIMAN ed EFNMS Mobile: E.mail: PIAZZA MORANDI MILANO

2 GESTIONE INTEGRATA DELL ASSET PER L ECCELLENZA DELL H.S.E. IMPIANTI COSTRUITO TECNOLOGIE PROCESSI LEGGI NORME REGOLE PROCEDURE HARDWARE LAWWARE GESTIONE APPRAISAL OBIETTVIVI INDICATORI CONDIVISIONE MOTIVAZIONE INTEGRATA VALORI RISORSE ORGANIZ. METODI MANAGENT HSE ESERCIZIO MAINUTENZ. HUMANWARE RISK ANAYSIS RAMS.PREVENTIVA MIGLIORATIVA CULTURA B.B.S. FORMAZIONE PROFESSIONALITÀ

3 SICUREZZA SUL LAVORO (D.L.GS 81/2008): BARRIERE DI PREVENZIONE AGLI INCIDENTI 1 A BARRIERA DI PREVENZIONE 2 A BARRIERA DI PREVENZIONE 3 A BARRIERA DI PREVENZIONE 4 A BARRIERA DI PREVENZIONE RISCHI? UOMINI I N P U T IMPIANTI MACCHINE APPARECCHI MANUFATTI AMBIENTE INTERNO ESTERNO O U T P U T VIGILANZA ADEMPIMENTI TUTELA ORGANIZZAZIONE MAN. IMPIANTI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA VIGILANZA NELLA ESECUZIONE BBS COMPORAMENTO POSITIVO % CONFORMITÀ % PIANIFICAZIONE % IMPLEMENTAZIONE % MIGLIORAMENTO

4 VIGILANZA - ADEMPIMENTI - TUTELA FATTORI DI PREVENZIONE SULLE MACCHINE E IMPIANTI A R E E DATORI DI LAVORO PREPOSTI DELEGHE OBBLIGHI ANALISI RIDUZIONE RISCHI MANUTENZ. PREVENTIVA FORMAZIONE INFORMAZIONE GESTIONE EMERGENZE DISPOSITIVI DI PREVENZIONE D I A P P L I C A Z I O N E LAVORATORI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RAPPRESENTANTI LAVORATORI AMMINIST E GESTIONE REQUISITI INTRINSECI REQUISITI D ESERCIZIO REQUISITI MANUTENTIVI SORVEGLIANZA SANITARIA

5 PIANIFICAZIONE E GESTIONE INTEGRATA DELLA SICUREZZA PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. CRITICITÀ MACCHINE IMPIANTI ANALISI RISCHI E RIDUZIONE MANUTENZI. PREVENTIVA COMPORTAM. PROCEDURE E MISURE INTERFERENZE E PERMESSI FASCICOLO DI MANUTENZIONE ESERCIZIO MANUTENZIONE IMPRESA A CANTIERE IMPRESA B CANTIERE

6 BARRIERE PREVENTIVE PER RIDURRE I RISCHI DI INCIDENTI RISCHI ELEVATI RISCHI RIDOTTI RISCHI MINIMI RISCHIO NULLO SEGNALAZIONI IINTERUTTORI PROTEZIONI INDIVIDUALI CONOSCENZE PROCESSI INTERBLOCCHI E DI GRUPPO PROCEDURE UTENSILI ORGANIZZATIVE MACCHINE COMANDI MANUALI STRUMENTI COMPORTAMENTO IMPIANTI DE-ENERGIZZARE ELIMINAZIONE INTERFERENZE AZIONI ISPETTIVE FONTI DI PERICOLO BONIFICHE PROCEDURE OPERATIVE CHECKLISTS PREVENTIVE MIGLIORATIVE BARRIERE INTRINSICHE BARRIERE OPERATIVE BARRIERE PROFESSIONALI

7 TIPOLOGIE E TERMINOLOGIA DI MANUTENZIONE MANUTENZIONE CORRETTIVA Ripristino dopo guasto PREVENTIVA Contrasto Usura Prima del Guasto MIGLIORATIVA Immediata Posposta Ispettiva Predittiva Monitoraggio Su condizione Pre- Determinata ciclica Più Affidabilità Più Sicurezza Più Manutentibilità L INGEGNERIA DELLA MANUTENZIONE È LA DISCIPLINA PER OTTIMIZZARE LE POLITICHE 7

8 GLI EFFETTI DELLA MANUTENZIONE SULLA RIDUZIONE DEL RISCHIO PROBABILITÀ EVENTO NON MANUTENZIONE PREVENTIVA ACCETTABILE O MANUTENZIONE MIGLIORATIVA ACCETTABILE RILEVANTE MAGNITUDO EVENTO

9 9

10 PRINCIPALI CONTENUTI TECNICO-ORGANIZZATIVI INGENERIA DI MANUTENZIONE DIAGNOSI E ANALISI GUASTI T.P.M. NORMATIVE E CERTIFICAZIONI R.A.M RISK ANALYSIS MIGLIORIE INNOVAZIONI METODI DI INTERVENTO SPECIFICHE DI MANUTENZIONE GESTIONE ASSETS L.C.C. PROGRAMMAZIONE CONTROLLO KPI MANUTENZIONE PREVENTIVA INFORMATION COMUNICATION TECHNOLOGY ALIENAZIONE 10

11 ASSET LIFE CYCLE E INGEGNERIA DI MANUTENZIONE PLAN DISPOSE DESIGN UPGRADE MANTAIN USE ASSET LIFE CYCLE START-UP ACQUIRE BUILD INSTALL INGEGNERIA DI MANUTENZIONE 11

12 LE FASI DELLA SOSTENIBILITÀ OPERATIVA IN UN ASSET PROGETTAZIONE INDUSTRIALIZZAZIONE SOLUZIONI SOSTENIBILI FASI DELLA SOSTENIBILITÀ OPERATIVA CONDUZIONE E MANUTENZIONE RICICLO RECUPERO SOSTENIBILITÀ OPERATIVA DELL ASSET Fattibilità Sociale-ambientale Tecnico-economica Ottimizzazione Progettazione & Costruzione Efficienza Industrializzaz. Esercizio CICLO DI VITA Elevata Durabilità Ingegneria di MAnutenzione

13 PROGETTARE E GESTIRE L ECCELLENZA OPERATIVA DI UN IMPIANTO INNOVAZIONI PROGETTAZIONE RISK ANALYSIS COSTRUZIONE COLLAUDO INDUSTRIALIZZAZIONE CRITICITÀ FMECA SAFE MAINTENANCE & OPERATION FMEA RAMS CICLO PROGETTAZIONE CICLO DELL ESERCIZIO INGEGNERIA DI MANUTENZIONE Sicurezza Ambiente Conduzione Manutenzione correttiva Manutenzione Preventiva Manutenzione migliorativa COCKPIT

14 CURVA VASCA DA BAGNO λ TASSO DI GUASTO USURA RODAGGIO VITA UTILE (GUASTI CASUALI) TEMPO DI ESERCIZIO 14

15 MISURA DELLA AFFIDABILITÀ IL PARAMETRO CHE MISURA L AFFIDABILITÀ DI UN SISTEMA È: MTBF MEAN TIME BETWEEN FAILURE È LA MEDIA IN ORE DEI TEMPI DI FUNZIONAMENTO TRA GUASTI SUCCESSIVI IN UN DETERMINATO INTERVALLO DI TEMPO. MTBF =1/λ 15

16 CAUSE DI GUASTO USURA DIFETTI DI PROGETTAZIONE SOVRACCARICHI DIFETTI DI COSTRUZIONE INCOMPETENZA NELL ESERCIZIO NEGLIGENZA NELLA MANUTENZIONE DIFETTI DI INSTALLAZIONE ANALIZZARE I GUASTI: ROOT CAUSES ANALISYS CHIEDERSI 5 VOLTE PERCHE?

17 R= MAGNITUDO X PROBABILITA' GUASTO I II III IV MAGNITUDO = SEVERITA' DEI GUASTI CATASTROFICA (MORTE, DANNI > O,5 MIL ) ELEVATA (LESIONI GRAVI > 60 GG, DANNI 0,3-0,5 MIL ) MODESTA, (LESIONI > 30-60GG, DANNI 0,2-0,3 <MIL ) MARGINALE (LESIONI <10-30 GG, DANNI 0,1-0,2 < MIL ) TRASCURABILE ( NESSUNA LESIONE PROBABILITA' GUASTO PER PERIODO DI ESERCIZIO A B C D FREQUENTE> 20% 5 PROBABILE >10-20% OCCASIONALE >1-10% 3 REMOTA 0,2-1% 2 4 V < 10 GG, DANNI 0,1 < MIL ) 1 E ESTREMAMENTE IMPROBABILE <0,2% 1

18 MATRICE CRITICITA' GUASTI (RISK ANALYSIS) PROBABILITA' GUASTO (A-E) CRITICITA' ELEVATA >12 CRITICITA' MEDIA CRITICITA' MEDIA < 6 MAGNITUDO = SEVERITA' (I-V)

19 AFFIDABILITÀ DI UNITÀ IN SERIE E IN PARALLELO AFFIDABILITÀ =Π 1.. n affidabilità i Pg = 0,2 Aff. = 0,8 Pg = 0,1 Aff. = 0,9 Pg = 0,3 Aff. = 0,7 AFFIDABILITÀ =0,8 x 0,9 x 0,7 = 0,54 = 50% 1 AFFIDABILITÀ =1- Π 1.. n Pg i 2 3 AFFIDABILITÀ = 1- (0,2 x 0,1 x 0,3) = 1-0,006 = 0,994 99,4% Pg 1 = 0,2 Pg 2 = 0,1 Pg 3 = 0,3

20 SVILUPPO ED IMPLEMENTAZIONE POLITICHE DI MANUTENZIONE INVENTARIO IMPIANTI E MACCHINE CODIFICA ANAGRAFICA METODI E CRITERI VALUTAZIONE CRITICITÀ UNITÀ CRITICHE E SUBCRITICHE PROCEDURA DI ESERCIZIO GESTIONE GUASTI-INTERVENTI RICAMBI PIANO DI MANUTENZIONE PREVENTIVA PREDITTIVA ISPEZIONI MONITORAGGIO SU CONDIZIONE PREDETERMINATA DEFINIZIONE CLASSIFICAZIONE CRITICITÀ FMECA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO PROGETTI DI OTTIMIZZAZIONE DELLA MANUTENZIONE PREVENTIVA UNITÀ NON CRITICHE PIANO ATTIVITÀ DI ESERCIZIO TPM PROCEDURA GESTIONE GUASTI IMPIANTI E RICAMBI

21 LA FMECA E LE SUE FASI FASE 1 SELEZIONE MACCHINA CRITICA FASE 2 FASE 3 FASE 4 FASE 5 FASE 6 SCOMPOSIZIONE MACCH. IN GRUPPI E COMPONENTI INDIVIDUAZIONE MODI DI GUASTO E VALUTAZIONE DELLA SEVERITÀ DEGLI EFFETTI ANALISI CAUSE DI GUASTO E INDIVIDUAZIONE COMPONENTI CRITICI FORMULAZIONE DEI PIANI DI MANUTENZIONE PRODUTTIVA (SPECIFICHE OPERATIVE) DEFINIZIONE DEI PIANI DI MANUTENZIONE PREVENTIVA (SPECIFICHE DI MANUTENZIONE) FASE 7 VERIFICA RISULTATI E RITARATURA PIANI

22 VALUTARE GUASTI E ANOMALIE CONOSCERE CLASSIFICARE PIANIFICARE MIGLIORARE CICLO DELLA CONOSCENZA MANUTENTIVA

23 FINALITÀ DELLA MANUTENZIONE PREDITTIVA IL CONTROLLO IN TEMPO REALE DELLO STATO FISICO DEI COMPONENTI CRITICI E SUBCRITICI FORNIRE PREVISIONI: VITA RESIDUA E RISCHIO PERSONE ATTRAVERSO DETERMINAZIONE CURVE DI VITA INDIVIDUAZIONE DEI PARAMETRI INDICATORI SIGNIFICATIVI MISURE DEL DETERIORAMENTO PROGRESSIVO (VELOCITÀ, EFFETTI, RISCHI POTENZIALI) PIANI DI VERIFICA: STRUMENTI DIAGNOSTICI, SENSORI, MODALITÀ, FREQUENZA, ECC..) RACCOGLIERE DATI E CONSOLIDARE ALGORITMI REPLICABILI

24 TECNOLOGIE DIAGNOSTICHE PER VERIFICARE LO STATO DI SALUTE DEI COMPONENTI CORRENTI INDOTTE EMISSIONI ACUSTICHE LIQUIDI PENETRANTI MAGNETOSCOPIA METODI OTTICI RADIOGRAFIA TERMOGRAFIA ULTRASUONI VIBRAZIONI DEGRADO OLI RILEVATORI DI FUGHE!! OBIETTIVO DA INDICAZIONI SINGOLE AD ELABORAZIONI COMBINATE CON ALGORITMI PER VALUTARE LA VITA RESIDUA PRIMA DEL GUASTO

25 MONITORAGGIO DIAGNOSTICO FUNZIONALITÀ RESISTENZA RILIEVI RILIEVI RILIEVI PREALLARME ALLARME SOGLIA D ALLARME SOLLECITAZIONE GUASTO TEMPO LIM ITE TEMPO ESERCIZIO

26 IL CICLO PREDITTIVO Unità critiche da monitorare Identificare tecnologie predittive Frequenze e planning CICLO INTERVENTI CICLICI Valutazione Azioni PREDITTIVO Monitoraggio acquisizione dati INTERVENTI ON CONDITION Analisi diagnostica dati

27 VALUTAZIONE DELLA PRIORITÀ DEL RISCHIO INIFLUENTE 1 INIFLUENTE 1 CERTA 5 ELEVATA 5 TRASCURABILE 2 REMOTA 2 QUASI SICURA 4 ABBASTANZA ELEVATA 4 MODERATA 3 OCCASIONALE 3 MEDIA 3 MODESTA 3 ALTA 4 PROBABILE 4 DIFFICILE 3 BASSA 2 PERICOLOSA 5 FREQUENTE 5 POSSIBILE 1 MINIMA 1 VALORI DI RIFERIMENTO DELLE PRIORITÀ 1-50 Trascurabile Accettabile Elevato Rilevante > 350 Molto Rilevante

28 IL MODELLO DI ECCELLENZA DELLA MANUTENZIONE W.C.M. O B B I E T T I V I PERFORMANCE APPRAISAL SYSTEM K P I COCKPIT PROCESSO DI MANUTENZIONE INGEGNERIA DI MANUTENZIONE R I S U L T A T I PROATTIVITÀ PIANI

29 HUMANWARE ORGANIZATION WARE INFORMATION WARE MAINTENANCE ENGINEERING SOFTWARE HARDWARE MAINTENANCE ENGINEERING: A CROSS-ROAD TO MOVE FROM THE KNOW HOW TO THE KNOW WHY

30 INNOVARE IN SICUREZZA VUOL DIRE PROGREDIRE. IL FUTURO. MI INTERESSA PERCHÉ ÈLÌ CHE PASSERO IL MIO TEMPO ANONIMO INTELLIGENTE

31 DAL KNOW HOW SAPERE COME FARE AL KNOW WHY SAPERE PERCHÈ SI FA IN QUEL MODO

32 POLITICHE TECNICO-ORGANIZZATIVE DELLA MANUTENZIONE REATTIVA CORRETTIVA (SU GUASTO) PRONTO INTERVENTO PICCOLI INTERVENTI (TPM) MANUTENZIONE RIPRISTINO PROATTIVA PREVENTIVA (PRIMA DEL GUASTO) CURA DI ROUTINE(TPM) PREDITTIVA DIAGNOSTICA SU CONDIZIONE RCM PREDETERMINATA ELIMINAZIONE INGEGNERIA DI MANUTENZIONE MIGLIORATIVA (RIDURRE I GUASTI) CAUSE DI GUASTO RIDUZIONE TASSO DI USURA RIDONDANZE 6 SIGMA AUTOMAZIONE INTELLIGENCE EXTENSION LIFE (LCC) 32

33 HUMANWARE INFORMATION WARE INGEGNERIA DI MANUTENZIONE HARDWARE SOFTWARE L INGEGNERIA DI MANUTENZIONE CROCEVIA OBBLIGATO PER MIGLIORARE 33

34 NON CI SONO VENTI SICURI PER CHI NON CONOSCE LA ROTTA ANONIMO NAVIGATORE

35 SCOMPOSIZIONE DEGLI ASSETS AD ALBERO SISTEMA SOTTO SISTEMA IMPIANTO-LINEA CHE SVOLGE UN PROCESSO COMPIUTO (PRIMARIO, SECONDARIO, TERZIARIO, AUSILIARIO, ECC) LIVELLO 1 LIVELLO 2 GRUPPO (ASSIEME) SOTTOGRUPPO (SOTTOASSIEME) LIVELLO 3 COMPONENTE LIVELLO 4 SINGOLO PEZZO

36 ESEMPIO SCOMPOSIZIONE DI SOTTOSISTEMA SINO AL 3 LIVELLO TORNIO LIVELLO 1 (GRUPPO) GRUPPO MANDRINO TAVOLA PORTA PEZZI SISTEMA E CONTROLLO ASSI IMPIANTO LUBRIFICAZIONE LIVELLO 2 (SOTTOGRUPPO) MOTORE SISTEMA BLOCCAGGIO LIVELLO 3 (COMPONENTE) CUSCINETTI ROTORE STATORE

37 INFLUENZA DELLA LEADERSHIP SULL HSE VALORI - VISIONE LEADERSHIP PARTECIPATIVA COME LAVORO IN MODO PIÙ SICURO BEST PRACTICES (ECCELLENZA) CONOSCENZE (SAPERE) CAPACITÀ (SAPER FARE) COMPORTAMENTI (SAPER ESSERE) PROFESSIONALITÀ

38 ASSET LIFE CYCLE E INGEGNERIA DI MANUTENZIONE PIANO DISPOSE PROGETTAZIONE UPGRADE MANTAIN USE ASSET LIFE CYCLE START-UP ACQUISIZIONE BUILD INSTALL INGEGNERIA DI MANUTENZIONE 38

39 LA MANUTENZIONE È ENTRATA NELL ERA DELLE CONOSCENZE SPECIFICHE PER ACQUISIRE L ECCELLENZA

40

41 HSE NELLA GESTIONE DEI TECHNICAL ASSETS ALIENAZIONE SMONTAGGIO BONIFICA IDENTIFICAZIONE RIFIUTI TRATTAMENTO TRACCIABILITÀ MANUTENZIONE RAMS-ANALISI RISCHIO CRITICITÀ BARRIERE DI PREVENZIONE MAN CORRETTIVA MAN. PREVENTIVA: PREDITTIVA, SU CONDIZIONE PREDETERMINATA MAN. MIGLIORATIVA ADEGUAMENTI, MIGLIORIE RIQUALIFICAZIONE HSE & TECHNICAL ASSETS PROGETTAZIONE IDEAZIONE-CONCEZIONE CONFIGURAZIONE INDUSTRIALIZZAZIONE PROCESSO RAMS ING. DI MAN. PIANI DI MAN. DIMENSIONAMENTO ISTALLAZIONE AVVIAMENTO COLLAUDO ESERCIZIO CAPACITA STRATEGIA UTILIZZO ANALISI RISCHIO CRITICITÀ BARRIERE PREVENTIVE SPECIFICHE DI PROCESSO GMP-BEST PRACTICES PROCEDURE OPERATIVE ATTIVITÀ DI SUPPORTO

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Dottorato in Tecnologie e Sistemi di Produzione - XXI Ciclo Tesi di Dottorato

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Sicurezza funzionale dei sistemi di controllo delle macchine: requisiti ed evoluzione della normativa

Sicurezza funzionale dei sistemi di controllo delle macchine: requisiti ed evoluzione della normativa Sicurezza funzionale dei sistemi di controllo delle macchine: requisiti ed evoluzione della normativa Edizione 2013 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA relativa alla manutenzione (Dossier di BOZZA Rev 0 REDATTO VERIFICATO APPROVATO M. Scrivani R. Cammarata M.G. Marzoni INDICE 1 Premessa... 3 2 Scopo e campo di applicazione... 3 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

MANUTENZIONE CRESCITA ED INNOVAZIONE

MANUTENZIONE CRESCITA ED INNOVAZIONE XXV CONGRESSO NAZIONALE A.I.MAN. MANUTENZIONE CRESCITA ED INNOVAZIONE Firenze, 18-19 novembre 2014 GENERAL ELECTRIC SPA - Learning Center Con il Patrocinio di Segreteria Organizzativa: A.I.MAN. Associazione

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm 2 Migliorate l efficienza della vostra macchina utensile La pressione della concorrenza

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Glossario del Facility Management

Glossario del Facility Management Glossario del Facility Management Il presente Glossario terminologico è tratto dalla pubblicazione Glossario del Facility Management, EdiCom, Milano, 2013, promossa da Terotec e curata da S. Curcio e C.

Dettagli