STAR T HAEU AHUE HAEU AHUE ISO 9660 FORNASINI MICROFILM SERVICE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STAR T HAEU AHUE HAEU AHUE ISO 9660 FORNASINI MICROFILM SERVICE:"

Transcript

1 STAR T F E ISO 9660 FORNASINI MICROFILM SERVICE:

2 PROPRIETE EXCLUSIVE DES ARCHIVES HISJ;ORIQUES DE L 'UNION EUROPEENNE. TOUS LES DROITS DE REPRODUCTION ET D'EXPLOITATION LEUR SONT i5trictement RESERVES. E;'f(CLTJSIVE PROPERTY OF THE ILTSTORICAL ARCHIVES OF THE EUROPEAN UNION. ALL THE RIGHTS REGARDING THE USE AND REPRODUCTION OF THESE DOCUMENTS ARE STRJCTLY RESERVED..

3 ARCHIVES HISTORIQUES DE L'UNION EUROPEENNE FONDS CODE: *** * * * * * * *** AS-335 DOSSIER: no DATE: TITLE : Correspondance reçue et envoyée par Altiero Spine/li en qualité de parlamentaire européen

4 Rome, le Altiero SPINELLI Deputato al Parlamento europeo Vieolo Valdina la Rom~/Italia Monsieur R. TOULEMONT A.F.E.U.R. 2, rue Mérimée PARIS Cher ami, Merci pour ta lettre du Je serai l Paria pour une conférence à Scienoes-Po dans l'après-midi du 17 février. Je peux dono participer ce jour-là au déjeuner-débat auquel tu m'invites, sana beeoin d'aucun remboursement de fra.is de votre part. J attends un signe de vo.nfirmation de t a part et je te salue bien amicalement. f Altier~ Spinelli lo ~~i1? VVVV'' ~V'V"'\JI' \... \ l \

5 Roma, ll Egregio Ambasciatore Moehe ALOlf Ambasciata d'israele 12/14, via M. Mercati Roma Egregio Ambasciatore e caro amico, Voglia scusarmi se a causa di impegni molteplici rispondo solo ora alle Sue del 5 e del 14 gennaio. Anzitutto mi permetto di meravigliarmi del fatto che Lei abbia considerato utile aggiungere a mano nella copia destinata amae di una lettera circolare da Lei inviata a numerosi altri deputati, le parole caro nemico. Non comprendo perchè, avendo voi gi~ abbastanza nemici reali, ve ne andiate inventando anche di immagàlari. A meno che per voi sia nemico chiunque dissenta dalla politica del governo israeliano, e vorrebbe ~ederne una diversa. Ma in tal caso avete molti nemici in Israele stesso, fra gli stessi israeliani. Ho letto con attenzione i tre documenti sull'olp c4e Lei acclude alla lua lettera del 5 gennaio. Si, 8 ~ in essi della follia nazionalista e insieme degli sforzi di venirne :fuori. Ma non si ll accorto di quanto quella ~ollia sia simile alla follia nazionalista di molti israeliani? Provi -a mettere le parole "popolo isrseliano al posto di "popolo palestinese, "Erez Israeln al posto di "Palestina come unit~ territoriale integra", "OLP" at posto di "entit~ sionista O, più semplicemente, pensi direttamente alle numerose, ripetute asserzioni di intollerante diritto degli Ebrei ad avere quella terra Quando leggo le rivendicazioni palestinesi e le vostre, non posso non pensare al grande modello che è dietro a.d eeee, a1).o spi-etato libbo Giosuè della Bibbia. Ma. anche fr 110i accanto alla follia nazionalista c'è lo sforzo di venirne fuori, ed anche per voi si.. ;. l.,l

6 .;.. tratta di uno sforzo pieno di esitazioni, incertezze, passi in avanti e passi indietro. Io non ho, e molti come me non hanno, veramente nessuna si~patia per nussuno dei vostri due nazionelisai, e ne abbiamo invece moltissi~a per ogni tentativo paleatinese e vostro - dico bene : palestinese e vostro - di scopriee che dovrete imparare a convivere, il che significa che dovrete -entrambi imparare a comprendervi ed a farvi reciproche concessioni. Io credo che questo sia il senso della politica europea attuale, la quale non vuole essere contro di voi, ma non vuole nemmeno essere, come pretendereste, contro il popolo pslestinese e le sue aspirazioni. Ho letto la proposta di risoluzione De Courcy Ling e altri che Lei allega alla Sua del 14 gennaio. La Comunità ha relazioni buone con Israele, ed io me ne rallesro. Purtroppo la Comunità come ~ attualmente non ha alcuna competenza circa le relazioni diplomatiche dei suoi stati membri con stati terzi, e diversità di atteggi~menti esistono non eolo verso Israele ~& anche verso altri stati. Io mi batto nel Parlamento affinchè la Comunità assuma più vaste competenze anche in politica estera. Ma proprio per questa ragione preferisco restarmene appartato e silenzioso ogni volta che il Parlamento europpo si trasforma in un parlatoio. Con cordial* e, almeno da p&rte mia, amichevoli saluti, Altiero Spinelli \ )

7 Roma, 5 gennaio 1981 Il l ~ stre Onorevole, Ho letto sull'uni ~à del 24 dicembre 1980 che un gruppo d i deputati (3 comunisti, 2 democristiani, 1 socialista e 1 radicale ) ha presentato alla ~o rr.u'tiissio ne Esteri della Camera, di cui sono membri, una mozi one c~e "impegna il governo a- ad agire. per giungere al più presto possibile ad una ripresa dei negoziati per una pace globale e giusta nella regione {del M.O.] sulla base della partecipazione paritaria di tutte le parti interessate al conflitto, compresa l'olp, b - ad intraprendere gli opportuni contatti poli.ti.ci e culturali con l'olp, c - d - [ad] invitarne in Italia i massimi dirigenti, [a] procedere al riconoscimento dell'olp come leggittimo rappresentante del popolo palestinese". Mi permetto di inviarle qui allegate tre pubblicazioni: - L'ideologia dell'olp Le acrobazie dell'olp - L'OLP si toglie la maschera dalle quali Lei potrà farsi 1.m' idea dei principi e delle do t t rine di genocidio e di distr-.1zione di questa Organizzazione. Tenendo conto anche delle pratiche terroristiche, micidiali e sanguinarie, dell 'OLP, Lei comprenderà cert~llente le ragioni :.:>~::c cui Israele si oppone a qualsiasi contatto o trattati va con =\_ sta Organizzazione, e i motivi per cui esso ritiene che queste considerazioni dovrebbero ~~idare anche tutti gli altri paesi del mondo libero nel determin are il loro atteggiamento. s al'-lt.i. Voglia gradire, /l /{,' {/ltq illustre," Onorevole,.i miei pi1 cord:..al: Moshe Alon / Ill. On. Altiero SPINELLI Camera dei Deputati R O M A

8 Roma, 14 gennaio 1981 l l lustre Onorevole, Mi permetto di rivolgermi a Lei nel la Sua qualità di rappresentante italiano al Parlamento Europeo. In seguito al l'incontro fra la delegazione del Parlamento Europeo e quel la del Parlamento lsrael iano, avvenuto a Gerusalemme il me se scorso, un gruppo di otto membri. del Parlamento Europeo ha prese ntato una bozza di risoluzione (la cui traduzione è qui allegata), che è stata trasmessa al la Commissione Poi itica e in cui si auspicavano pieni contatti diplomatici fra la Grecia e Israele dopo l'entrata del la Grecia nel la CEE i! 1 gennaio Spero che anche Lei s1a convinto della necessità di non turbare l'equilibrio del le relazioni fra la Comunità Europea e Israele, con l'adesione di un membro- la Grecia- che, a differenza degli altri nove membri, non ha delle normali relazioni diplomatiche con Israele. Le sarò quindi molto grato se nel corso de l la Sessiorie 1n cui si dibatterà questo a~gomento Lei vorrà intervenire in aula ed eventualmente votare a favore di questa iniziativa. RingraziandoLa anticipatamente, La prego di accogliere, i l lustre Onorevole( i sensi della mia più v1va stima ed i migliori saluti. l l l. mo On. Altiero SPINELLI Via Clivio Rutario 5 R o m a

9 17 dicembre 1980 DOC UMENTO 1-742/80 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata dagli onn. De Courcy Ling, Charzat, Blumenfeld, Beyer De Ryke, Deleau, D'Ormesson, Sassano e Schwenke ai sensi dell'articolo 25 del Regolamento sulle relazioni diplomatiche tra la Grecia e Israele Il Parlamento Europeo, - visto l'articolo 210 del Trattato di Roma e l'accordo CEE-Israele, - rilevando che gli stati membri intrattengono correntemente r elazioni diplomatiche con Israele, e che lo stesso non può dirsi per la Greçia, in vista dell'imminente adesione della Grecia alla Comunità europea, 1. confida che, in seguito all'adesione della Grecia alla Comunità europea al 1 gennaio 1981, il governo greco avrà, al pari dei propri partner, relazioni diplomatiche correnti con Israele; 2. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione delle Comunità europee, nonché al governo e al Parlamento di Grecia.

10 L'IDEOLOGIA DELLtOLP del Prof. Y.ARNON-OHANNA Dipartimento di Storia del Medio Oriente - Università di Haifa L'ideologia ufficiale dell 1 0LP è concentrata prima di tutto nella Convenzione Nazionale Palestinese ed in secondo luogo nelle risoluzioni del Consiglio Nazionale Palestinese. descritti minuziosamente la "visione" dell 1 0LP, i Nella Convenzione Nazionale sono suoi obbiettivi, le sue opinioni e il suo atteggiamento verso lo stato d'israele e lo stato palestinese che intende costituire in futuro. Questa Convenzione, che esiste dalla fondazione dell 1 0LP nel 1964 fino ad oggi, è stata sottoscritta da tutti gli organismi membri dell 1 0LP. Gli unici ~ambiamenti in questa Con venzione furono introdotti nel 1968, e furono tutti in senso più radicale. Nella Convenzione Nazionale si intrecciano due elementi: da una parte il futuro della Palestina e dall'altra la distruzione d'israele. Già nell'articolo 2 della Convenzione vengono definiti i confini territoriali della Palestina e si afferma! "La Palestina, nei suoi confini come erano all'epoca del Mandato britannico, è un'unità territoriale integra". Questo articolo è di centrale importanza nella Convenzione Nazionale. Con il riferimento al Mandato britannico si esprime indirettamente una rivendicazione territoriale non solo di tutta la superficie della Palestina occidentale ma anche della Transgiordania. Questa rivendicazione si basa sull'argomento che il Mandato britannico sulla Palestina comprendeva i territori di entrambe, la Cisgiordania~ ~ e la Transgiordania; e infatti fino al 1946, anno in cui Abdallah venne incoronato re di Transgio~ dania, le due rive erano unite sotto la giurisdizione dell'alto Commissario, che risiedeva a Gerusalemme. Nell'affermazione che la Palestina è nei suoi confini un'unità integra - cioè indivisibile - c'è una chiara pretesa nei confronti di Isra~ le ed un'allusione nei confronti della Giordania alla necessità di entram ~ Israele, Giudea, Samaria e Gaza (ndr)

11 - 2 - be di scomparire e far posto ad un futuro stato palestinese. La pretesa dell'olp della "liberazione" dell'intera Palestina viene continuamente ripetuta nella Convenzione Nazionale, ma la questione se l'olp comprenda nei confini della Palestina anche la Transgiordania è almeno per Israele assolutamente irrilevante L'articolo 21 della Convenzione Nazionale afferma: "La nazione araba palestinese, mentre esprime la sua indipendenza per mezzo della rivoluzione palestinese armata, respinge tutte le soluzioni che propongono un surrogato alla liberazione dell'intera Palestina " In realtà per conoscere il punto di vista dell'olp sull'esistenza dello stato d'israele non c'è bisogno di allusioni; esso appare nero su bianco nella Convenzione Nazionale e non solo in uno o due suoi articoli: "La spartizione della Palestina nell'anno 1947 e la costituzione dello stato d'israele sono radicalmente nulle, senza prendere in considerazione quanto tempo continua [Israele a sopravvivere]. " (Art.19) E in un'altra parte della Convenzione viene spiegato bene e molto chiaramente il significato di "liberazione della Palestina": "La liberazione della Palestina dal punto di vista arabo è un dovere nazionale per respingere dalla grande patria araba l'invasione sionista imperialistà e per purificare la Palestina dall'entità sionista".. (Art.lS) Non c'è da meravigliarsi che l 1 0LP esorti a "purificare la Palestina dall'entità sionista", perchè ai suoi occhi il movimento sionista è molto turpe:

12 ~-. ' l J 11 Il sionismo è un movimento politico legato organicamente con l'imperialismo mondiale ( ); è un movimento razzista e fanatico nella sua essenza; aggressivo, espansionista e colonialista nell e sue mire; nazi-fascista nei suoi mezzi 11 (Art.22) L'OLP non si contenta solo di condannare e diffamare il sionismo, ma tenta anche di giudicare gli ebrei, la loro religione e la loro personalità: 11 La Dichiarazione Balfour e il testo del Mandato, e ciò che ne é risultato,lcioè la creazione di Israele) sono considerati nulli. Le affermazioni circa il legame storico o spirituale degli Ebrei con la Palestina non sono compatibili con le verità storiche o con le componenti dello stato nel ~oro reale significato. L'Ebraismo come religione rivelata non è un nazionalismo con un'esistenza propria, e inoltre gli Ebrei non sono un popolo unico con una propria personalità "(Art.20) Poiché gli ebrei "non sono un popolo 11 e poiché coloro che immigrarono in Palestina lo fecero all'interno di un movimento 11 aggressivo espansionista 11, si pone il problema di quale sarà il destino di quegli ebrei che vivono oggi nello stato d'israele, se l 1 0LP realizzerà la sua visione di 11 liberare la Palestina 11 L'articolo 6 della Convenzione Nazionale - che è uno dei pi~ conosciuti e famosi tra quelli contenuti nella Convenzione - spiega chi fra gli ebrei d'israele avrà dei diritti in questo caso: 11 Gli ebrei che abitavano stabilmente in Palestina fino all'inizio dell'invasione sionista saranno considerati palestinesi 11 Allora- solo quegli ebrei che arrivarono in Palestina 11 fino all'inizio dell'invasione sionista 11 saranno considerati palestinesi. Prima di tutto bisogna notare che i loro figli non vengono neppure menzio- l

13 - 4 - nati; in secondo luogo, qual 1 è la data dell'inizio dell'invasione sionista? Le risoluzioni del Consiglio Nazionale stabiliscono che: "L'aggressione contro la nazione palestinese e la sua terra è iniziata con l'invasione sionista in Palestina nell'anno 1917" [anno della dichiarazione Balfour]. In altre parole: solo quegli ebrei che arrivarono in Palestina prima del 1917 saranno riconosciuti cittadini dello stato palestinese che l 1 0LP costituirà La Convenzione non chiarisce quale sarà il destino di quegli ebrei che vivono lì oggi e non erano in Israele prima del Secondo l'articolo qui sopra ricordato, sembra che essi saranno considerati cittadini dei paesi dai quali sono emigrati. Una spiegazione corrente è che essi dovranno tornare nei loro paesi d'origine. Questo risulta non solo agli Israeliani, ma anche ad una personalità di rilievo dell'olp: Sabri GIRIES, l'unico esponente dell'olp che a suo tempo suggerì di cambiare 1 1 ar ticolo 6 della Convenzione, perché secondo lui: " la sola spiegazione per questo articolo è di strappare dai lu2 ghi in cui vivono il 99 per cento degli ebrei che risiedono oggi in Palestina" In seguito l'olp ha tentato di mascherare e annacquare il grave significato della Convenzione Nazionale Palestinese, ed in particolare quello dell'articolo 6. Arafat, nella sua apparizione davanti all'assemblea Generale dell'gnu nel 1974, disse: "quando parliamo delle nostre comuni speranze per la Palestina di domani, noi comprendiamo nelle nostre aspettative tutti gli ebrei che vivono oggi in Palestina e che acconsentono a vivere con noi in pace."

14 - 5 - Esaminando le parole di Arafat, si dovrebbe notare che faceva riferii me nto ad "ebrei" e non a "israeliani" o a persone del "popolo ebraico". Bisogna anche rilevare che le ultime parole citate sopo molto significative. Il Sionismo viene definito, come è già stato detto, aggressivo n e lla sua stessa essenza e nel suo stesso essere, ed è chiaro che chiunque aderisce ad esso non può essere compreso nel numero di quelli che "acconsentono a vivere con noi in pace". Da ciò si deduce che chi avrà il permesso di restare in Palestina dovrà rinunciare completamente alla sua identità sionista e nazionale. L'OLP è venuta fuori con lo slogan "stato laico e democratico" che intende costituire in Palestina dopo la sua "liberazione". essa sia diventata più moderata; ma in concreto rimangono i Sembra così che gravi fatti che parlano per se stessi. L'articolo 6 della Convenzione N&zionale rimane va- - l lido e invariato fin dal giorno in cui fu formulato mentre nella Convenzione Nazionale non sono state aggiunte le parole 11 stato laico e demo crati co 11, sebbene l'organizzazione di Nayef HAWATMEH abbia proposto due volte che esse vi fossero incluse. Da quando 12 anni fa venne decisa la definitiva formulazione della Convenzione Nazionale Palestinese, 1 1 0LP ha fatto molta strada. Essa ha adotta to l'immagine di organizzazione politica e non solo militare, ha ricevuto il riconoscimento internazionale da molti paesi e dall 1 0NU, ha aperto vari uffici di rappresentanza nel mondo, che servono e portano avanti la sua causa. Ma la Convenzione Nazionale, come massimo documento di base, è rimasto valido così com'era, senza alcun cambiamento: al contrario - molte risoluzioni adottate nei congressi del Consiglio Nazionale Palestinese, comprese quelle più recenti, cominciano con le parole "sulla base della Convenzione Nazionale 11 j

15 - 6 - Lo scopo principale a cui mira l'olp adesso è quello di ottenere uno stato palestinese 11 in ogni parte della Palestina che verrà liberata 11 - se-:o. condo la sua definizione -; con ciò sembra ci si riferisca alla Giudea, Samaria e striscia di Gaza. E' possibile dedurre da ciò che l'olp è disposta ad accontentarsi solo di uno stato palestinese a fianco dello stato d'israele? Sembra che una chiarissima risposta a tale domanda sia stata data da Faruk El Kaddumi, incaricato degli Affari Esteri dell'olp, in un'intervista al settimanale americano Newsweek nel Marzo '77: 11 Dopo la costituzione di uno stato palestinese ci dovrebbe essere la pace ( ) Ci devono essere altri modi per riguadagnare i nostri diritti - cioè il ritorno dei profughi nella loro patria, in quello che rimane della nostra patria ( ) Ci sono delle tappe nel nostro ritorno. La prima fino ai confini del La seconda fino ai con fini del 1 48 e la terza 'è lo stato democratico palestinese!'. E infatti il modo in cui 1 1 0LP opera. oggi segue chiaramente una strategia di tappe. Questa strategia si basa su tre principali elementi: l) concentrare gli sforzi mirando a raggiungere la prima tappa. ( 11 stato in ogni parte della Palestina che verrà liberata 11 ), 2) opporsi ad ogni concessione da parte dell'organizzazione (per esempio il riconoscimento di Israele) in cambio del raggiungimento di questa prima tappa, per evitare una situazione in cui la concessione metta in pericolo la possibilità dell'olp di continuare a reclamare le tappe successive, e 3) attenersi strettamente alla Convenzione Nazionale che stabilisce l'ultima tappa- la distruzione d'israele. Questa strategia di tappe venne decisa per la prima volta nelle risoluzioni del Consiglio Nazionale Palestinese adottate nel 1974, dopo la gue~ ra del Kippur. J

16 - 7 - Queste risoluzioni affermano: 11 Art. 4: L 1 0LP vede in ogni passo compiuto verso la liberazione un anello di una catena che porta al conseguimento del suo obbiettivo strategico che è la costituzione di uno stato democratico palestinese Art. 3: L 1 0LP lotta contro ogni progetto di un'entità palestinese, il cui prezzo sia il riconoscimento td 1 Israele], la pace o confini ti SlCUrl Per raggiungere questi scopi intermedi 1 1 0LP unisce azioni militari e azioni politiche. Con questa politica 1 1 0LP cerca di darsi un'immagine tol lerante, ma senza mutare la sua ideologia formale. L'azione militare è subordinata ai fini politici~ 1 1 0LP distingue tre tipi di azione militare: attentati all'interno dello stato d'israele, attività lungo i suoi confini e azioni contro obbiettivi israeliani all'estero. Gli attentati alltestero pregiudicano l'immagine politica tolle~ rante che l r OLP vuole dare di sé; è per questo che da tempo l 1 Organizzazione si dichiara estranea a quelli che vengono compiuti da organizzazioni ad essa appartenenti. Gli attentati lungo i confini sono ultimamente diminuiti perché i paesi confinanti con Israele proibiscono la loro esecuzione. Così è rimasto aperto all 1 0LP soprattutto il metodo degli attentati all'interno del territorio dello stato d'israele edalmare, e questo è il modo in cui l'olp opera oggi. Così il modo d'agire dell 1 0LP négli_ultimi anrti è una navigazione prudente e sofisticata tra lo sforzo di integrarsi nel processo politico per conseguire fini politici.da un lato e la totale osservanza dei principi della Convenzione Nazionale dall'altro. Perciò l'olp spesso presenta la Convenzione Nazionale come un documento vecchio e sorpassato a cui si aderisce solo per motivi di nostalgia. Questo è inconcepibile: se la Convenzione è così poco importante, perché 1 1 0LP non è disposta a cambiarla? E l'organizzazione sa bene che se

17 - 8 - cambia la Convenzione, e/o riconoscerà il diritto d'israele all'esistenza, o la risoluzione 242, le viene praticamente promesso qualcosa di molto im portante in cambio - il riconoscimento degli Stati Uniti. Comunque, nonostante questa tentazione 1 1 0LP non l'ha fatto e ci sono apparentemente due ragioni principali per tale atteggiamento: la prima- la vera adesione all'ideologia ufficiale e 1 1 indisponibilità di base a riconoscere lo stato d'israele e il suo diritto all'esistenza, neppure in una parte della superficie della Palestina; la seconda - la consapevolezza che il prezzo che dovrebbe pagare sul fronte interno per un tale cambiamento nell'ideologia sarebbe caro, e molto probabilmente provocherebbe dissensi, scissioni, lotte intestine o addirittura il crollo completo di tutta la sua struttura, organizzativa. Dicembre 1979

18 MEdio ORiENTE fatti E documenti LE "ACROBAZIEtr DELL'OLP Numero speciale dedicato all'ultima manifestazione dell'ipocrisia e della doppiezza che caratterizzano questa organizzazione terroristica. Roma, 20 agosto 1980 I Nel suo IV Congresso (22-31 maggio 1980, a Damasco), il "Fatah", la più grande delle organizzazioni che compongono l'olp (e il cui lead~r, Yasser Arafat, è quindi il capo dell'olp), ha adottato un programma politico. Ecco due- estratti di questo programma pubblicato sul quotidiano Al Liwa (Beirut) del 2 giugno 1980: 1 - "Fatah è un movimento nazionale rivoluzionario indipendente, il cui scopo è guello di liberare,la Palestina completamente e di liquidare l'entità sionista politicamente, economicamente-1 mi li tarmente 1 culturalmente e ideologicamente "La rivoluzione armata del popolo arabo palestinese è un fattore decisivo nella battaglia per la liberazione e per la liquidazione della presenza sionista. Questa lotta non avrà termine finché l'entità sionista non sia liquidata e la Palestina liberata." II Sul quotidiano 'International Herald T rib~ ne ' (Zurigo) del 31 luglio 1980, in un articolo del corrispondente Joseph FITCHETT, inviato da Beirut il 30 luglio 1980,si leg ge: 11 Yasser Arafat ha smentito oggi resoconti diplomatici e giornalisti-_ ci che risalgono al maggio scorso, secondo i quali il suo gruppo di guerrigli~ri avrebbe recentemente richiesto la distruzione d 1 I sraele ' In risposta ad una domanda fattagli durante un'intervista,ha dei to che aveva lasciato il resoconto senza smentita per settimane pe~ ché era troppo occupato da altri problemi, benché ci fossero stati disconoscimenti della violenta dichia~azione anti-israelia -

19 l. 3 La conclusione del corrispondente: 11 Le prove disponibili sembrano sostenere la versione di Araf a t L 1 0LP non 1 1 ha inclusa [la versione di Al-LiwftJ nella versione ufficiale del congresso". III Ma la conclusione del giornalista corrisponde alla verità? La versione d i Arafat rispecchia la realtà? La ri sp~ sta è, naturalmente, negativa, ed è strano che la redazione del 'Tribune ' non abbia verificato la smentita di Ara fat prima di pubblicarla, dandole così credibilità non meritata. Ecco qualche prova: l. Alla fine del congresso di Al-Fatah a Damasco, un corrispondente dell'. agenzia di stampa del Katar ha trasmesso ( 1- giugno) l'annuncio finale, compresa la frase che parla della distruzione dell'entità sionista, come formulata su "Al-Liwa": 11 Al Fatah ha deciso di incrementare la lotta armata contro Israele attraverso tutti i fronti arabi. Al-Fatah si è impegnato a combattere fino alla liberazione di tutta la Palestina e al la distruzione dell'entità sionista economicamente, politicamente, militarmente, culturalmente ed ideologicamente Il testo completo delle risoluzioni di Al-Fata~ comprendente la f rase originale, esattamente come è apparsa su "Al-Liwa 11, è stato pubblicato anche dall'organo del "Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina" di George Habash, il settimanale 11 Al-Hadaf" del 7 giugno 1980, pp Il rappresentante dell 1 0LP a Parigi, Ibrahim Al-Suss, intervi stato dalla Radio "Europe 1", il 16 giugno 1980, ha confermato letteralmente la suddetta frase. Ecco le domande e le risposte: - Yvan Levai: Infine Le domanderò se stiamo assistendo o no ad un'ascesa dei duri dell 1 0LP, all'interno dell 1 0LP. Ibrahim Al-Suss: Le risponderò subito alla terza domanda p e r stroncarla immediatamente. In primo luogo non ci sono du~i e moderati nell'olp. Noi siamo un movimento di liberazione nazional~ e abbiamo la nostpa strategia, i nostri obbiettivi, i nostri scopi. Yvan Levai: Quando il Fatah fa una dichiarazione, affermando che bisogna liquidare l'entità sionista, considera che 1 1 0LP sia completamente d 1 accordo con questa dichiarazione? Ibrahim Al-Suss: L 1 0LP è completamente d'accordo c on la d i -

20 5 bi occupati dal 1947 e non soltanto dal 1967, anche se le condizioni ci costringono a dividere la lotta in modo che la liberazione dei territori del 1967 s~a la fase iniziale e decisiva che renderà possibili le altre fasi." 5. Qui acclusa si trova una fotocopia delle prime pagine del testo originale del programma di Al-Fatah, di cui si parla nel paragrafo I qui sopra: le due citazioni (1,2) vi appaiono incorniciate in nero. a cura dell'ambasciata d'israele Roma

21 1 ~ -

22 'l -'- ~~ \ l... L;~-~1 ~~ l Z_?J l-~!) t ~ _,J l 0.&..J..L:J 1 : \ 'l A _.J ~ l )... '-! Il ~LJ\ 2~ \-~ \ J,..>"'l~..L>Jt~' ~ ~~~ l4..i_~~ LA:..tti_, l.:..:~ L-.::.il.. ~ 1.,?--'..bj.:.. P w t..:.."'s'i l"" ~G.> 4~)l;...:- ~ d...~_,; c.:.. ~Ls. v-~ l.) ~'~,~'.n a.,...,.. --~.,.,.;JI ~U! ~~ ~~-J~ ~~J "---=~, ~:YJl 0 b_,jt <J..J ~~ d~~ J)l;...::... ~tc.:.. ~.)~,~ ~ 0 ts' w_, ~ 4:J i~)u ~ ~ ':/l 0~ lill t.?!:j ~ 4..1.P 4..7~ t :- 0 l9 ~ La:;.. c.:.. Jt:,.> d l ybj t? ~ i ( L;;Jt ~,i ~J"-:--Y' <SII ~.JJJ ';/l~l:j~'ilc..~ ~l~-' iò ~l; 1 ~ l c ~ t.s ~_,Al l ly:j).j ~t;~ ~, ~>-..i;..>y: c:.j 4.:J w l 4:J t.- ~' J_,_.l ~, f f n ')l. <, {. 1,,., - l ~ " li l ' A l j. l l ::; 1 r l "X" l (, l <'1 l ~..>L..t:>:...- J w~ w ~'-:-...r -" ~~ "-;-~ &.r;0j.j..,a..u... w <.;r~ u~ ~~ J...AJ 1 6 ~w t u.a ì ~), W~l <i~ l.) L...,...: 4 ~ ~~ -~ ~""t; ~l"'.jy._,.l \ ~ l ~ ~ l 45'"~ t )v, 0-1!.;.J.il.; ~~e -' ~:- w.o._!- "' '~ 1 ~t ~_,..j;j.. "'.. ~~~l.-!)1~~ ;~!."»'ji~~jt...~\ -. '-::...Lt-= ~~,~.~ ~ t._, ~..v_, '3 1 ~ ~lhi ~ 1 F~l L.K.J:), -.s_,..;-.1 ~ 04 ~-'l..,~'llc-,:jl " ~ ~ 'j l J ~ ':i ~~ l c.:.. ~d~.) ~.; \ 0 k,:l..l "!'.J~~ l 4J.J...J \ " ~ l., ":J ~~~ \ t,s~~-~. J.il 1 ~i~.;--: ~. ~b" l:j l u)j 1 _,.> G 1 ~ 4.:..,~ l ~~-;J 1 c.:.. \ ~ 0 1 ~_, ~ t.;..l~ 1 _, 1; ~ tb;j:l 1 ":-:~'i 1 ~ 0 )1.r,S.JJ-~.u:? J..A.: ~t;.._, ~.J-'..iJ ~ 4..:, \ t.jst.li..w, J!l \..i.._~c.:..l::-1~ f.:-.; o:h. l; l. J-.f, ~;_l (J 4:-J LJ ~ ~l~ l ~;il t ~_; lyt u l _.d. ~-~~ ~ dj_,.~\ ~lv, ~\s. ~~)t: :_jr- ; ~...uj ~ ~ ' '\ t A l rl.r- (.r~h...d 4:-{; t,.j..? L~H-.:..-.J \..:.; ~~~ \ ~....t~)u ~ ~ ;.(' \i ~ :r \'"_,..5 \... l. - l L: ~ ~. cl.::'-~ t:.:-... _;_'!2>..r :... ') l.:.:--n..._.:, l ~_-' ~

23 '\ Il 4--.ill."-:J l t.~~ ~ 'i ; d.. ><: J l..:...!'""'i~ t :;..s W: ~~W l 4_J ~~ ~ ~ ~)1..6:) l ".~..t:'-' 4~,.. J l L ~,, ~ ~l!'-- J L:U t.._j, t;>-: (..'5:1-lS ~ lt-=.,u;.l;j 4 ~..J ~ l ~~ ~r-d Il... i~) \~,::!f.-l L...., ~~,_,.~J ~ :.,:--1-.J l ~) \:.f. i:.'"1.,. ::-; '.i~l l... ~_,J l ~~::J L.r.J,,. ~ ~:l:; c) G {,!:~~~ 1.:-1:.- 7-_,_.~: 4: l.: ~ 1;. :) 1-! \&.:... ~..;....-:._; J l ~i 4.. ~. t.:;..!r P'_,.. d~ c:.: if.o>è;,.j l ~u> ;Jt p, ~-~ l-- :J_; L, ~l 1.. ~: l:.. JJ \<:.;,. LJ \ ~'-:-:;~ ~,_. ~; ~ ' 'ì y ' 1 i le.,.:;.j.j ~l l~ ;;~ l..l.r-1_,-; ~.;,.a-"; t:... ~~~... ;;...:,;.!-~ - ~ ;. 1 ;;) ' ~~r 'j t ~"":.J:, clj..; ~t 4.9L;, 'i~, v-j~1 1 (..,ç. tj.. ~;..) Lt:; Lv~ c, L.-.<~,.J ~ c..:} " i ).d l C.. \_,.,... :f l..,_?.~,j_,.j ~_,:J l :;.J ~~ ) l "..i.a '-::rp d l 4-- L., t ~ ~ ~..r- ~ --~G G 4 :..L:.c..;~5' :~..,5_,.: i ~ ~~~~ J) -.1.~ {~,._~; L:S..r-- d.jl~ l.;;.j_,: ~...:ls';:: -1~~ ~~ _...,-:~J 1 ~.)l u-k Jfci c:l-,j 1 cllij 1..,~~ ~ ~ '-:----:...:_,: ~.. ~ ~;J ~.il;,n,.,.!p l:~ i.,. ~- ~~ ç' :-r-11.. d~~..,... ~:::= ~ ~;Fb-.t~;J 1 ;;"' $-~ ~.)~: :<=-! \ ~:,.~+'~- J i --'. ~ : :)t J~;-b (.Y ~J-_,j.A:J 4) '~.f:4 ')l ~ j 1 ~.. ~) ~Lò_, l,~ UIJ éi.i ~ '7~-:~ L. t.. oiii. ~.:J l l.~~ ;~.A-~) l v_,.i! l J..; <.)..- L.vJ ~ ~ 3.J l :':u-<--:j l<.:..~ G l;., ~'l..- J l '-:--r-=.) ~... :.-' (1 L.~,,;;)A.Il (..)~ : ~J t ~ ; _.;~~ \ r..;..,., ~.~ \.,;~ ~ ~ ;; t.-.ll 4..h.._,..;J l ~ ~,._; "=-'"' -:S"-: ''::)-"''' ~ u <.::.~ ) ~ t~~;) ;-l.:- ~ l..l../} 'i ~ ~.L,-, -~ ~,;..s.:.~a 'j \.~.. ~ J:-- ~ \ l7 J ~~ i L---f',..; ~~~' 0~,_- :: 1,~; l' _,p ~,;J t ~.r- ~~= ~ ~ ul..v.d J.i>.~ 1..1.: ~ ~~ ~_j Jf 1?"---n GJ L:..-J l :~.. ~ ; ~ ~ ~ 0l 0 L>: t...; ;.~,_..J t!~ 1 f; '_,..J t 0 l9 ~J..il 3 :. ~ ~ J l iy Lr! 4J ~ ~.. ~~ ù l.. ~~. \-f o L,"':..i ~,_..c.j \ ~-~,.t_.~ _,.l t Lrj!,.iJ ~rj l~ 1 ;;S:._- jj W ~ ta ~,; 4...;- ~J \ ;;s'_).;.j!,=., ~;..,.)5' ~ ' l..i.. ~ 0 L....: 'l\ Jy-;_.,.. L.v-,..:... ::..ij ~ r..r.. i.~:j 1 '-:.~.i._, ~~::'~ l:~-..j' ~J..0' ".i.' l '-="'~..}:r :) {, y t...c ~.J.i\ \ 4._. r '.l10 l..l~ ~ J:.l~: t,j; ~J L..!J l ò~ L':,J t r ~..J ~b I_,..J l (J ~ ~W \ e-vj 1 (,\L:_,.. L:-;;J 1t,..crO..G:J \ ~,..._rj t l~~..j l.: L~.~ L~ \.h: l_~r~ ~ ~._rnj l

24 -- --~ ' , Jt ~.;~ ~~~~ ~ 0 ~ :;_,.fo ~.,..s _ ~... dj\j._jt~ '~_,,; ~, r':n ~. 1 ~..,-J~~ ~ ~y\ A:!; J.~~ J'tb li\\ '.) t>yl ~~~~l h-:_,!~1 ~... ~t~~~~ l;.h~i ~ l:...~\ 0 \ ~1. n.. JJ 4.,..!,Il ;;j_,:j~ ~~J ~...;t;\-1~ ~. ' t ~l: 1,, ~)-'~ ~~ tt tj\ t~jj_,;. JJJ" <ry~,..t~, ~~;~t a<~ ~ 1 t.:-. J..~ J'.h.. liti.j. 6-11J\ ~J' 'l.ji... n "J ;t~ ~la) ~ ~J' ~;.)"~) ~~~0~ ~~ ~ WJ~ v_,.il\ JS''tw ~ ~t~ ~~'6'~t.;~~'~'t!~ u-l~ ~ J _;,~~~t 4.J.>o_,J1.~ r:l-jt J L;t.!J\ J)\> Q4 ~~I _. JI t#4.lw 1 ~.by l 4f ~ l ~ ~~\_r.-a t-:j \' é.l!j..! ~ ~.h...j..u \ ~.r-1 l~~ ~v sj ' 4.s 'i\ ~ ~ \ r>")\:j 1 4 \... _,.. ~.Y ~ J )\.>. ()A :1J.J-.1 l 6.u-. ~ ~ ~ ~t::~ ~l~ t,...-:j \.)"...,_6; & 1 J ~ ~..rj t J J..u \[... L= t;~ \.. \ ~...,.J l 0 /r:j\ ~ J->-..t::.: ~ ~ J ~ tt...u:. L~.J ~...:... ~ cl-l ~ t: lld t 0- l d\ ~ _r ~ ':l L.L.r~ e-.:.bj.,...~,j:. h,! étl '":-~ ' ( L6 ill_y J 1 l:.; J Il_,..! ~ J>.J:J ~.J..>-'i ~ 'f.:; j_,..j.l \., 4 j.;..ù l c.j.kj l ~ 0.;_fJ l ~ l Ltl ~ ;.: h J àll ~~ l _; ~ l t? ~ L:.: l tl-j ;D ~J ~!, Ut \: c;'j""'j \ ~ ~ ~~ 1 6.,. ~ 1 ~ ~ ~!.b ~.J ~l [:'r..)~ l:.;,. ') l.j_~j ~..,; ifj ~ ~ ~ ~ ~ ~~ \ ~{> L:.J ~W l ~ 4..~ l 4..;_,i1 l l_. c)taj l cj:j l ~\;l '-,h. (lr-"'~~~ 1J!l-_,Jt ~~~1 ~1(>4 ~\~~_,J..tWt ~Wt ~~ J -,.Jl ~~~ ù~l ~ lyj-:..1$.~\ ~l:--1' J_,.L.J\ J$ ~ti:_,~\ J> c; t p ~ 4~ \...,y \ ) t Lt-L...,..,; J \ ~l.-.lil1 ~ ill \ ~..; ~ \ ~ ~ \ (.~ L!.J \ J.<)'J ~ ~~ ~ ~~_,..n ~h.1i11~~ ~~Jl 0 J!>y1 V.~~~ c:~ ~.,r- 0-- l:~j._'... _ ~l d~ll o-e?. >-"'; ~..._u~ ~~l 0 ~ \ ù l 0-- {j)lh: ~ ~_rij l 4. ~l v-- l~.r-j 1 4-o "i\ 4...t~.. ~~ ~t~...lll t ;;_n:j 1 0 ~ ~_,; ~~-t ;;.J.e.b..9 ~ ll:;- ':l t ~ G.w 1 u.. H ~ _;J!J l ~-=J.JJ \ & ~ J.!..:J tr>~'s'" (>4 ~ ~_,:J 1 et~,, ~ ff.: o~~ ~ ' ": _ ~,,.J,..t.-.? I.!.J tj, r w,"'=--_,.....:..~... ~, J L-i:.!\ ~ ~~ d> t6 ~..ili~~~~, '-'-----'-"!;.t..j t ~ U;.)..6" y j \ l~ L G ~ l..lj~ ~ '\5..J ~ ~ t;)lh; ~ c:ll : l.~ ~ 1.: l...: l _. (.? 1_ L. ~ ès~j ~ ~ 1 rw 1 _,.,: _,J 1 ~

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

Ricerca attiva del lavoro

Ricerca attiva del lavoro Ricerca attiva del lavoro La ricerca attiva in tre fasi 1 3 2 CONSAPEVOLEZZA STRUMENTI INFORMAZIONI Fase 1: Consapevolezza Io cosa offro? Bilancio di competenze Strumenti: Domande individuali: cosa so

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

WICHTIGER HINWEIS: Bitte fertigen Sie keine Kopien dieses Fragebogens an!

WICHTIGER HINWEIS: Bitte fertigen Sie keine Kopien dieses Fragebogens an! Test-Umfrage Cari allievi, il vostro parere è per noi molto importante! Desideriamo migliorare costantemente la qualità del nostro lavoro nella scuola. Al fine di individuare i punti di forza e quelli

Dettagli

Orientierungstest Italienisch Muster

Orientierungstest Italienisch Muster Orientierungstest Italienisch Muster Name:... A. Setzen Sie die Sätze in den Plural. 1. Il sistema scolastico italiano deve essere riformato.... 2. Nella scorsa settimana ho visto un film interessante.

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

4. I verbi del comunicare Scrivete l esempio usando il LEI Sono lieto di Mi pregio Sono costretto a

4. I verbi del comunicare Scrivete l esempio usando il LEI Sono lieto di Mi pregio Sono costretto a 1 IL REGISTRO LINGUISTICO 2 Scrivere nel registro colto/solenne - esercitazioni 1. PER COMINCIARE Egregio Signore Gentile Signore/a Gentilissimo/a Chiarissimo Professore Spettabile Ditta (Egregio Sig.

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

5 Wie die vorherige Aufgabe. 6 Vervollständigt die Sätze wie im Beispiel. 7 Vervollständigt die Frage oder die Antwort.

5 Wie die vorherige Aufgabe. 6 Vervollständigt die Sätze wie im Beispiel. 7 Vervollständigt die Frage oder die Antwort. 1 Vervollständigt mit dem Indikativ Präsens der vorgegebenen Verben. 1. andare Io... spesso a mangiare al ristorante. 2. venire Domani Maria e Bruno... a casa mia. 3. andare Antonio e Sergio... in Francia.

Dettagli

UNITÀ PRIMI PASSI. Ciao nel mondo. surfist. 1 Conosciamoci!

UNITÀ PRIMI PASSI. Ciao nel mondo. surfist. 1 Conosciamoci! UNITÀ 1 Conosciamoci! PRIMI PASSI Giapp one Ciao nel mondo i e... Hawai i surfist 14 UNITÀ 1 Arabia Saudita Etiopia ogia b m a C 15 UNITÀ 1 GUARDA E ASCOLTA Salutiamoci! 1 4-1 Ascolta. 2 Prova a leggere

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Il Molo. 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido. 2 luogo di questo. Dove mai più solo. 3 mi sento e in buona compagnia che al molo

Il Molo. 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido. 2 luogo di questo. Dove mai più solo. 3 mi sento e in buona compagnia che al molo Il Molo 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido 2 luogo di questo. Dove mai più solo 3 mi sento e in buona compagnia che al molo 4 San Carlo, e più mi piace l onda a il lido? 5 Vedo navi il cui nome

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

VIII SESSIONE REGIONALE DEL PEG

VIII SESSIONE REGIONALE DEL PEG VIII SESSIONE REGIONALE DEL PEG MILANO, 7-9 MAGGIO 2012 BANDO DI PARTECIPAZIONE IL PARLAMENTO EUROPEO GIOVANI www.eypitaly.org L (PEG) è stata costituita nel 1994 su iniziativa di un gruppo di docenti

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo

Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo Inviata tramite PEC Alla c.a. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/a 00198 Roma Milano, 19 novembre 2015 Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo

Dettagli

2. II LABORATORIO. 60 minuti. 3. VISIONE DI VIDEO/FILM + COMMENTI 60 minuti 4. CONSEGNA PERSONAGGI E PRIMA LETTURA 15 minuti

2. II LABORATORIO. 60 minuti. 3. VISIONE DI VIDEO/FILM + COMMENTI 60 minuti 4. CONSEGNA PERSONAGGI E PRIMA LETTURA 15 minuti 2. II LABORATORIO OBIETTIVI: spiegare la storia del conflitto israelo-palestinese in maniera interattiva; avvicinarsi ad una situazione conflittuale attraverso molteplici canali di comunicazione (immagini,

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Discorsi del Presidente della Fondazione Craxi Inaugurazione della Mostra "Tunisiaca" Tunisi, Museo Nazionale del Bardo, 19 gennaio 2004 Stefania Craxi Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Eccellenza,

Dettagli

Basi del Processo Decisionale con il Consenso

Basi del Processo Decisionale con il Consenso Basi del Processo Decisionale con il Consenso Questo documento è pensato per servire come introduzione al processo decisionale basato sul consenso per le comunità che stanno provando sul campo le proposte

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione?

Come scrivere una lettera di presentazione? Come scrivere una lettera di presentazione? Dividerla in tre sezioni: 1. Perché sto scrivendo e chi sono: Se state rispondendo ad un annuncio, inserzione, sui giornali, siti-web ecc allora potete esordire

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Versione italiana PRONTUARIO. Occorre agire subitocon urgenza! VEDERE ALL'INTERNO per sapere come utilizzare questo prontuario.

Versione italiana PRONTUARIO. Occorre agire subitocon urgenza! VEDERE ALL'INTERNO per sapere come utilizzare questo prontuario. Versione italiana PRONTUARIO LA CAMPAGNA PER PER SALVARE DEGLI I NOSTRI INTEGRATORI INTEGRATORI ALIMENTARI Occorre agire subitocon urgenza! VEDERE ALL'INTERNO per sapere come utilizzare questo prontuario.

Dettagli

Selbsteinschätzungsbogen für Schülerinnen und Schüler zur Vorbereitung auf die Schularbeit

Selbsteinschätzungsbogen für Schülerinnen und Schüler zur Vorbereitung auf die Schularbeit SCHULARBEIT Selbsteinschätzungsbogen für Schülerinnen und Schüler zur Vorbereitung auf die Schularbeit Ich kann. noch nicht ausreichend gut einen Tagesablauf schildern. eine Wohnung beschreiben. Ortsangaben

Dettagli

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso?

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? Livello A2 Unità 10 La costituzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? - Ciao Carlo, in questi giorni l Italia festeggia i 150 anni di unità e naturalmente

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 42 In data 25.09.2014 Prot. N. 14229 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Test di progresso in italiano

Test di progresso in italiano Test di progresso in italiano 1. Noi le ragazze ungheresi. A) siete B) sono C) siamo D) sei 2. Giuseppe, sono senza soldi,..? A) ha 10 euro B) hai 10 euro C) ho 10 euro D) abbiamo 10 euro 3. -Cosa oggi

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni

UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni Strumenti di comunicazione per i membri del CdR Edizione 2010 Strumenti di comunicazione per i membri del CdR Edizione 2010 Il team Comunicazione e stampa fornisce

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Giornata di studio Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Enna, 19 novembre 2010 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente ANEA Pagina 1 di

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa A ACQUISIZIONE INCARICO PRESENTAZIONE DA 1 MINUTO Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa Posso dare un occhiata veloce alla

Dettagli

BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI

BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI CAMERA DEI DEPUTATI 41 MARTEDÌ 20 GENNAIO 2015 XVII LEGISLATURA BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI INDICE DELEGAZIONE PRESSO L ASSEMBLEA PARLAMENTARE DEL CONSIGLIO

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica

Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica Referendum del 2 Giug 1945 Il voto alle donne Le donne elette all assemblea costituente Il ruolo delle donne nella

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Metodologia della ricerca

Metodologia della ricerca Presupposti teorici lingue in contatto spazio linguistico, nel senso di repertorio condiviso nelle comunità, in conseguenza dell ingresso di immigrati in Italia percezione di una lingua percezione delle

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

Risultati parziali - su 1580 partecipanti

Risultati parziali - su 1580 partecipanti Risultati parziali - su 1580 partecipanti 1. PARTECIPANTI AL SONDAGGIO 69,81% ETA' 24,50% Partecipanti al sondaggio 19-24 anni 25-29 anni Figura 1: Giovani partecipanti al sondaggio per fascia d età REGIONE

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Livello intermedio Il futuro Il futuro semplice

www.iluss.it - Italiano online Livello intermedio Il futuro Il futuro semplice semplice semplice indica che l azione espressa dal verbo si svolge in un momento successivo al presente. Domani Giorgio darà l'esame. Fra un anno finirò l'università e comincerò a lavorare. essere sarò

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

CHIAVI DEGLI ESERCIZI

CHIAVI DEGLI ESERCIZI Lycée Blaise-Cendrars/ sr + cr Febbraio 2012 Unità 1 : 1. Completa con il verbo essere. 2. sono 3. Siamo 4. Siete 5. Sei 6. Sono CHIAVI DEGLI ESERCIZI 2. Metti le frasi dell esercizio 1 alla forma negativa.

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola Unità Per cominciare... Osservate le seguenti attività e iniziative. Di solito, quali di queste è possibile svolgere a scuola? fare lezioni di guida cantare in un concorso organizzare una mostra proteggere

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW)

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW) Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW) PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE Il seguente Protocollo Facoltativo è stato approvato dallassemblea

Dettagli

Questo è un aiuto per la traduzione del questionario della città di Pforzheim sui argomenti migrazione e integrazione

Questo è un aiuto per la traduzione del questionario della città di Pforzheim sui argomenti migrazione e integrazione Questo è un aiuto per la traduzione del questionario della città di Pforzheim sui argomenti migrazione e integrazione Le preghiamo di scrivere le risposte nel questionario officiale (in verde) invece di

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Lezione 11 Livello principiante

Lezione 11 Livello principiante Lezione 11 Livello principiante Parte 1 - L orario (livello formale) e le parti della giornata. Le domande per chiedere l ora sono le seguenti (hanno lo stesso identico significato, scegliete pure quella

Dettagli