rimborso. Il progetto punta sulla rotazione annuale/biennale secondo la norma, per impedire radicamenti e dispotismi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "rimborso. Il progetto punta sulla rotazione annuale/biennale secondo la norma, per impedire radicamenti e dispotismi."

Transcript

1 Premessa Che il Villaggio Praialonga si sia costituito ab origine in condominio, nulla osta: tutti gli stabili, una volta abitati si organizzano in condominio, anche in ottemperanza alla legislazione dello Stato. Quello che è però sbagliato è che si sia data una forma gestionale come se Praialonga fosse un semplice condominio cittadino (tuttavia, nelle città, i grandi complessi residenziali, da tempo sono Supercondominii) e si sia fatto il regalo al comune di Isola Capo Rizzuto di esimersi dai suoi doveri nei confronti di una frazione del territorio comunale, da cui però, pretende di introitare tasse e tributi. Si, lo sappiamo alcuni potrebbero obiettare con la solita litania il collaudo mancato, siamo abusivi, c è la sbarra, ecc. ecc. tutte castronerie, solo per usare un eufemismo. Da questo peccato (anomalia) originale, ne scaturiscono un infinità; del resto, l esperienza che abbiamo accumulato in un quarantennio ci ha detto che questa forma di governo è assurda e pseudo funzionante solo se si chiudono entrambi gli occhi. Il fatto è che, a furia di chiudere gli occhi, a parte tutti i soldi tolti, siamo arrivati al punto che le nostre unità immobiliari non hanno il valore che meriterebbero! Il Progetto Non possiamo indugiare ulteriormente; abbiamo il dovere di trovare una forma di governo collettiva, necessaria per le dimensioni e le problematiche dell insediamento; lontana dalla consolidata logica del lucro e della speculazione ma, all insegna del servizio, sia pure remunerato, meritocratico e solidaristico per l interesse comune. Se c è un difetto in questo progetto, è proprio quello della fine del MARE MAGNUM. Siamo sicuri che l insediamento può rinascere e meritare l appellativo di Villaggio dei vip che alcuni ci hanno dato solo per sbeffeggiarci. La riforma del condominio, legge 220/2012 dello Stato non è un qualcosa di opinabile ma, una legge che, fatta, va applicata! (IPSO IURE ET FACTO). L art. 2 introduce l articolo 1117-bis c.c., di nuova formulazione, che consente di ampliare la nozione di condominio, includendovi espressamente anche i cosiddetti condominii orizzontali quali, ad esempio, i villaggi residenziali e i «supercondominii», quelli cioè costituiti da più condomìni semplici. L obiettivo principale del NUOVO SISTEMA DI GESTIONE è la Governance plurale unita all esigenza di trasparenza. I condominii semplici Il Villaggio è già suddiviso in lotti, ciascuno, con i propri millesimi. I lotti diventano condomini semplici all interno del Supercondominio. Si deve stabilire soltanto se li vogliamo lasciare così come sono o accorparne alcuni (i contigui più piccoli), per arrivare per es. a dieci. Gli amministratori Ciascun condominio semplice, in piena autonomia e secondo le vigenti norme, elegge il proprio amministratore, stabilendone il compenso o il rimborso spese o quello che preferisce. L amministratore coordinatore Per quanto riguarda l amministratore del supercondominio (coordinatore) che dovrà gestire le parti comuni, si prospettano più opzioni: 1. potrà essere eletto dall assemblea dei delegati dei condominii semplici; 2. dall assemblea generale con le modalità odierne non certamente convincenti ed efficienti; 3. potrà essere uno degli amministratori dei condominii semplici o uno aggiunto. N DENOMINAZIONE MILLESIMI 01 Edilpraia 94,44 02 Ville Elisabetta 62,22 03 Ville Marta 79,09 04 Residence Corpo aggiunto 114,98 05 Intour 43,03 06 Immobiltour 150,80 07 Krutt 23 24,87 08 Lopez 3,92 09 Centro commerciale (Fav 18-35,68 Puccio-Veredil-Ristorante) 10 Delta Elisabetta 20,89 11 Comprensorio C 73,59 12 Crugliano +Esperia 11 e 17 91,81 13 Krutt 8,9,10 68,89 14 Fav 7 22,28 15 Edilmare 38,03 16 Delta 75,24 Tutti gli amministratori hanno pari dignità. Come per Totale 999,76 gli amministratori dei condominii semplici, anche per il coordinatore si potrà stabilire un compenso o un Tabella 1 dal consuntivo 1995 rimborso. Il progetto punta sulla rotazione annuale/biennale secondo la norma, per impedire radicamenti e dispotismi. pag. 1

2 I candidati ad amministratore possono essere condomini (meglio) o professionisti esterni all insediamento. Qualora un condominio semplice non riuscisse a eleggere un amministratore, per i motivi più diversi, potrà farsi amministrare, per quella circostanza, dall amministratore di un altro condominio semplice, naturalmente per espressa e verbalizzata volontà dell assemblea. Principio fondante del nuovo Modello Gestionale è la Governance Plurale: tutti gli amministratori, al di là del condominio semplice di appartenenza, saranno come un unico amministratore, dal momento che obiettivo prioritario di tutto il Progetto è la trasparenza e il Bene dell intero Insediamento 1. Pertanto, tutte le decisioni verranno discusse e prese in sedute congiunte, con consiglio e aiuto reciproci. Il Supercondominio L unicità del SUPERCONDOMINIO viene garantita dalla centralizzazione amministrativa: unico ufficio in Praialonga con unità amministrativa al servizio dei condomini e non soltanto degli amministratori, con garanzia di azione di continuità che prescinda dall alternarsi delle figure degli amministratori. Tale concetto viene rafforzato dall eliminazione di ogni forma di campanilismo, in quanto, tutte le decisioni, saranno prese sinergicamente e con la consapevolezza che ciascun condominio parteciperà alle spese con i millesimi di proprietà, e che non gli siano state addebitate anche spese di altri condominii. Si creerà una sorta di sana competizione che porterà al miglioramento di tutto l insediamento residenziale. Tutta la documentazione, cartacea e non, che afferisce alla vita del condominio e ne costituisce la traccia storica, deve essere archiviata negli uffici amministrativi di nostra proprietà perché è nostra proprietà! È noto a tutti che gli amministratori avvicendatisi, in una logica di tanto peggio, tanto meglio, hanno mantenuto strumenti e documentazione necessari per amministrare il condominio. Persino l anagrafica e le tabelle millesimali, ogni volta, il successore, ha dovuto copiarli dai libri contabili, creando molte incertezze sulla loro esattezza! Tabelle millesimali Oggi, l amministratore in carica non possiede nemmeno le tabelle millesimali ufficiali da cui partire per un eventuale rivisitazione. Qualora un condòmino si rivolgesse al giudice, contestando la correttezza dei propri millesimi (ce ne sono tanti), il condominio sarebbe soccombente in quanto, la prima cosa che il giudice chiederebbe, sarebbe la tabella millesimale ufficiale, giurata dal perito redattore e ratificata dall Assemblea condominiale. Per chi l avesse dimenticato, nel 1995 il tecnico Cretella Bonaventura portò a termine un lavoro di rivisitazione delle tabelle millesimali che durò alcuni anni. Questi millesimi scaturiscono dal rilevamento dei m 2 complessivi delle UU.II. dell insediamento, tenendo conto degli indici fissati per verande coperte (2/3); verande scoperte (1/3); giardini (1/20). All assemblea di agosto 1995, i m 2 complessivi risultavano essere , È fondamentale venire in possesso di quella documentazione ufficiale di riferimento se si vogliono operare modifiche 2. N.B. posseduti gli strumenti di cui sopra, non è affatto vero che ogni qualvolta si debbano rivisitare Figura 1 dal consuntivo del 1995 i millesimi occorra un tecnico o, comunque, un dispendio di denaro. Con un semplice foglio di calcolo elettronico Excel -, inserendo i m 2 aggiuntivi di una U.I., il programma ricalcola in tempo reale i millesimi di tutti. Questo è possibile in quanto la tabella millesimale è 1 Questo costituisce un punto di forza e, rassicura quanti potrebbero pensare che amministrare sarebbe un carico troppo oneroso. 2 Per modificare i millesimi non si può prescindere dai m 2 della singola U.I. ma, nemmeno dai m 2 totali del lotto. pag. 2

3 unica e tiene conto soltanto dei m2 delle UU.II. Sarà compito degli amministratori effettuare le comunicazioni rituali agli interessati e far ratificare il tutto alle assemblee dei condominii semplici. Con la creazione del Supercondominio, sarà più facile procedere, in continuum, all aggiornamento delle tabelle millesimali. L amministratore del condominio semplice, oltre a conoscere uno per uno i suoi condomini (specialmente se è stato eletto un condomino), conosce una per una ciascuna unità immobiliare che ha subito nel tempo delle modifiche significative o quantomeno, avrà la possibilità di chiederne le superfici e, procedere all aggiornamento in sinergia con gli altri amministratori. I conti correnti bancari Ciascun condominio semplice avrà un proprio conto corrente bancario su cui canalizzare le quote condominiali attraverso bonifico o bollettino MAV inviato dall amministratore insieme al documento di ripartizione delle spese. Ciascun condomino verrà fornito di credenziali per accedere alla visione dei flussi bancari del conto corrente del condominio. Le quote condominiali Le quote condominiali saranno composte, come al solito, solo con più chiarezza, da due tipologie di spesa, quella del condominio semplice e quella delle parti comuni (non dimentichiamo che ad oggi, fra le spese generali sono state comprese spese di pertinenza dei lotti: spurghi, assicurazioni, enel scale). Una volta stabilita, per voci, la spesa delle parti comuni, gli amministratori, in seduta comune, la ripartiscono, per voci, ai condomini semplici. Sarà l amministratore del condominio semplice, aggiunta la spesa del proprio condominio, a effettuare la ripartizione e a inviare le notifiche del pagamento. Incassate le quote, provvederà a versare sul conto corrente del Supercondominio la quota spettante al condominio semplice per le parti comuni. L amministratore coordinatore, altro non dovrà fare che pagare fornitori, dipendenti, oneri fiscali, ecc. Questi passaggi, che possono sembrare superflui o addirittura inutili, sono invece importanti perché più persone siano coinvolte e perché la trasparenza sia adottata come metodo e non come circostanza opzionale. L amministratore del condominio semplice, controllato gli afflussi dei pagamenti, può intervenire diligentemente presso i condomini Figura 2 Banca intesa Sanpaolo ritardatari o morosi con un margine di successo superiore all attuale. I condomini, infatti, sono sollecitati dal fatto che il condominio semplice in ordine con i versamenti, non dovrà più pagare per i morosi degli altri condominii semplici, come succede oggi con i lotti. Non solo; all interno del condominio semplice, molto più piccolo, i condòmini si conoscono tutti fra di loro e, con l amministratore si instaura un rapporto più diretto e più concreto. Va osservato che, ciascun condominio semplice, potrà deliberare spese più confacenti alla desiderata dei propri condomini, senza il parere o la partecipazione economica degli altri condominii semplici. Sarà chiaro e trasparente cosa si paga e chi lo paga. Le assemblee dei condominii semplici Non assisteremo più ad assemblee farsa di lotto dove eleggere, proforma, un consigliere con le modalità pulcinelliche che conosciamo (senza verifica di maggioranze legali, senza controllo di deleghe e, validate anche quando completamente andate deserte). Consiglieri fatti a forza, anche contro la loro volontà o, per compiacere l amministratore di turno o ancora per il gettone di presenza o per farsi i lavori alle proprie UU.II. Le assemblee saranno fatte con i crismi della legalità, in luoghi idonei e in un clima di civile convivialità e non più al buio e in piedi. L assemblea si dovrà esprimere, sia sul consuntivo e preventivo delle parti comuni, sia sul pag. 3

4 consuntivo e preventivo del proprio condominio. Eleggerà il proprio amministratore, con le modalità sopradette, e due delegati che rappresenteranno il condominio nell Assemblea Generale. Le assemblee avranno successo di partecipazione perché più serie, più legali, meno numerose e quindi, meno rissose. Non va sottovalutato il fatto importante che, in maniera preventiva, il condòmino, diligentemente sollecitato al proprio dovere, qualora non potesse essere presente alla data di indizione dell assemblea, potrà delegare persona di sua fiducia. Tutte le delibere verranno prese con la conta dei millesimi e non con le alzate di mano, salvo situazioni plebiscitarie o di unanimità. Una tale correttezza sarà garantita esprimendo il proprio voto con scheda di votazione recante i millesimi e, consegnata al condòmino al momento della sottoscrizione della presenza. Sarà redatto regolare verbale che certificherà tutte le delibere con le relative maggioranze espresse e che costituiranno le delibere parziali dell Assemblea Generale. L assemblea del supercondominio (Assemblea Generale) Visto che tutto è già stato discusso e deliberato nelle varie assemblee dei condominii semplici, l assemblea generale (del supercondominio) costituita dai delegati dei condominii semplici, dall amministratore coordinatore uscente (senza diritto di voto) e dai neo eletti amministratori dei condominii semplici (senza diritto di voto) dovrà semplicemente procedere alla sommatoria dei millesimi con i quali, ciascun condominio semplice, ha deliberato sui vari punti all ordine del giorno ed eleggere l amministratore coordinatore che, come già detto potrà essere: un condomino (preferibile); un professionista esterno; uno degli amministratori dei condominii semplici. I servizi Eccezione fatta per la fornitura dell acqua 3, per la manutenzione del verde comune (da individuare con inequivocabilità e da istituzionalizzare), per la manutenzione dell impianto elettrico comune, per la manutenzione delle stradi comuni, per la pulizia degli spazi comuni (da individuare in modo inequivocabile e da istituzionalizzare), ciascun condominio semplice avvierà trattative personalizzate per manutenere, pulire e migliorare la vivibilità dei propri spazi. Spenderà di più o di meno, è cosa che deve interessare solo i condòmini residenti in quel condominio e, non si capirebbe perché altri dovrebbero impedirlo. Bilanci Ci sarà il bilancio del supercondominio e, tanti bilanci quanti sono i condominii semplici. La lettura dovrà essere semplice, alla portata di tutti e non soltanto dei professionisti del ramo. Ogni bilancio dovrà chiaramente considerare le spese comuni e quelle del condominio semplice; il capitolo della ripartizione dovrà riportare tante colonne quanto sono le spese, oltre naturalmente, le colonne del totale dovuto, della somma versata e del conguaglio. Ogni colonna, a chiusura, riporterà il totale che dovrà trovare riscontro nel capitolo riassuntivo delle entrate e delle uscite. La struttura dei bilanci dovrà avere una veste tipografica costante nel tempo in modo tale che si possa procedere al confronto immediato dei bilanci di più esercizi finanziari per vederne le oscillazioni in aumento o in diminuzione o addirittura, se una spesa entrata eccezionalmente in bilancio, continua ad essere presente nel tempo. Per meglio verificare la tipologia delle spese e il loro andamento negli anni, i bilanci dovranno essere suddivisi in capitoli e i capitoli dovranno essere localizzati da pagina/pagine. Per es. in una pagina si inseriscono tutti i nominativi del personale con gli emolumenti mensili e il saldo attualizzato (sapere se e chi avanza stipendi); in un altra pagina tutto ciò che riguarda la manutenzione dell impianto elettrico con contratto, preventivo e consuntivo +/-. In un altra pagina tutto ciò che riguarda le spese dell animazione, ivi comprese anche il vitto. In un altra pagina i canoni dell acqua con fatture pagate e l indicazione degli anni di riferimento e, l elenco scandito per annualità dei canoni ancora da pagare. In un altra pag. il consumo dell Enel con l indicazione delle utenze (abbiamo pagato fra le spese generali anche le luci delle scale di tutte quelle palazzine che hanno una scala e anche l assicurazione stipulata da alcuni lotti), ecc. ecc. Per concludere, i bilanci che si succedono devono essere legati tra di loro in maniera che l ultimo possa escludere il precedente 4. 3 Anche per questa anomalia, si dovrà trattare con il comune di Isola Capo Rizzuto, a muso duro, per capire come mai noi dobbiamo avere un rapporto di carattere privatistico con la SO.RI.CAL. e non con il comune che è socio della, ente che fornisce il servizio alla cittadina. 4 Ricordiamoci che una commissione di professionisti non è riuscita a ricostruire i bilanci che l Assemblea non ha mai approvato. pag. 4

5 Abusivismo edilizio L amministratore del condominio semplice, anche coadiuvato da altri condomini, avrà più possibilità di successo sugli abusi edilizi in quanto, chiunque volesse effettuare dei lavori dovrà presentare domanda in tempo utile, affinché possa essere inserito all ordine del giorno dell assemblea del condominio semplice. Tutti coloro che non presentano domanda entro la data stabilita non potranno effettuare lavori, a meno che non siano di carattere straordinario. La domanda per effettuare lavori nella propria U.I., pena l invalidità, dovrà essere redatta su un format concordato fra tutti i condominii semplici e messo sul sito da cui scaricarlo. Le variazioni di superfici, accertate con reperti fotografici, exante ed expost, saranno subito computate come già detto in un punto precedente. Il sito web Il supercondominio a posteriore della delibera assembleare si doterà di un sito web appositamente creato per dare un servizio ai condomini e non per essere la vetrina dell amministratore. Il sito dovrà avere tanti settori quanti sono i condominii semplici e, di sicuro, dovrà consentire a tutti i condomini di verificare le attività amministrative e l interazione fra loro e con gli amministratori. N.B. nessuno pensa che quanto esposto nel presente progetto non sia perfettibile. Soltanto, a chiunque lo legga, viene fatta la raccomandazione di non cadere nei luoghi comuni o di non farsi sviare dai buoni propositi dai falsi dottori della legge. Tutto quanto esposto sembrerebbe cosa scontata e per niente novità ma, chi ha scritto, lo ha fatto sulla base di una esperienza pregressa ultratrentennale e, con la convinzione che Praialonga è troppo particolare perché i suoi proprietari non debbano decidere come essere amministrati. Gli amministratori devono operare tutelandosi davanti alla legge, questo è vero, ma dove sta scritto che debbano farlo a loro piacimento? Come vogliamo essere amministrati lo decidiamo noi, nel rispetto della normativa! Per questo chiediamo la costruzione di un edificio ex novo per portineria, locali di amministrazione e depositi per le nostre attrezzature (eliminando fitti che ci costano più dell attrezzatura stessa). Per questo chiediamo che i bilanci vengano fatti in un certo modo: quando sono leggibili e trasparenti, nessuna legge ti dirà che si sarebbe dovuto fare in altro modo! Per questo chiediamo l amministrazione plurale: i legislatori, per cosa pensiamo che abbiano fatto la legge 220/2012? Tutti i ssgg. Condomini che condividessero il presente Progetto sono pregati a darne ampia divulgazione presso i propri amici e parenti. Il documento viene inviato a tutti coloro di cui conosciamo la e pubblicato sulla pagina di facebook/praialonga: condominio anomalo. Chiunque avesse suggerimenti ed obiezioni di qualunque natura può comunicarli al seguente indirizzo di posta elettronica: Cell IL COMITATO PROMOTORE pag. 5

Il Bilancio Condominiale: regole contabili ed esempi. A cura del Dott.Visca Fabrizio

Il Bilancio Condominiale: regole contabili ed esempi. A cura del Dott.Visca Fabrizio 2 Il Bilancio Condominiale: regole contabili ed esempi. A cura del Dott.Visca Fabrizio Uno dei motivi di revoca dell amministratore per giusta causa, così come previsto dall art. 1129 del Codice Civile,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO E RELATIVO TARIFFARIO DI AMMINISTRATORE

DISCIPLINARE D INCARICO E RELATIVO TARIFFARIO DI AMMINISTRATORE Via Roma 190 98029 Scaletta Zanclea Messina Tel. 0909596001 cell. 347 7559048 E-mail geom.nacci@alice.it E-mail studiotecnico@geometra-giuseppe-nacci.it Pec. Giuseppe.nacci@geopec.it Sito http://www.geometra-giuseppe-nacci.it

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O.

facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O. facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O. i t INTRODUzione Facile Condominio racchiude una suite di applicazioni web-based

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

STUDIO E.P.&D. AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI DI BALESTRI P.I. CLAUDIO E C. S.A.S

STUDIO E.P.&D. AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI DI BALESTRI P.I. CLAUDIO E C. S.A.S STUDIO E.P.&D. AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI DI BALESTRI P.I. CLAUDIO E C. S.A.S Via M. Pellegrini n 2/9-41058 - Vignola (Modena) P.Iva e C.F. 03563810369 Telefono: 059776971 Email: eped@eped.it TARIFFARIO

Dettagli

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI SEZIONE I: MEDIAZIONE IN TEMA DI COMPRAVENDITA E DI LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI Mediazione semplice Art. 1 Elementi dell incarico di vendita» 2

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Tetto: sostituzione con un terrazzo ad uso esclusivo Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto dell edificio con un terrazzo

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

Il conto economico e lo stato patrimoniale della contabilità complessa

Il conto economico e lo stato patrimoniale della contabilità complessa 7 1. La contabilità complessa Il conto economico e lo stato patrimoniale della contabilità complessa Nel corso di questo breve capitolo analizzeremo gli elementi gestionali che possono rendere maggiormente

Dettagli

Manuale d uso icube. Manuale d uso v.1.0. www.icubes.it Pagina 1

Manuale d uso icube. Manuale d uso v.1.0. www.icubes.it Pagina 1 Manuale d uso v.1.0 www.icubes.it Pagina 1 Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata in un sistema di ricerca, o tradotto in qualsiasi lingua o in

Dettagli

Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013

Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013 Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013 Vita in condominio e guida del Garante della privacy Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che alla luce della recente riforma approvata dal Parlamento

Dettagli

IL RENDICONTO ANNUALE E LA CONTABILITA CONDOMINIALE

IL RENDICONTO ANNUALE E LA CONTABILITA CONDOMINIALE IL RENDICONTO ANNUALE E LA CONTABILITA CONDOMINIALE CONVEGNO ANACI DEL 18/07/2014 Estensore Rizzi Rag. Nicola Francesco Commercialista in Torino 1 IL RENDICONTO ANNUALE DI GESTIONE L amministratore alla

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

Progetto Gestione Condominiale

Progetto Gestione Condominiale Progetto Gestione Condominiale Premessa Il condominio è comunemente inteso come un particolare modo di essere della proprietà delle case. Ma il condominio è anche e soprattutto un luogo di vita e un luogo

Dettagli

ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari SEDE PROVINCIALE DI TRAPANI

ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari SEDE PROVINCIALE DI TRAPANI ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari SEDE PROVINCIALE DI TRAPANI PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO DELL ANNO 05 in ottemperanza

Dettagli

La costituzione dell assemblea. Sommario

La costituzione dell assemblea. Sommario La costituzione dell assemblea Sommario 1 La riunione di condominio. - 2 La costituzione dell assemblea. - 3 I condòmini presenti per delega. - 4 La procedura. - 5 La partecipazione dell amministratore

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica Approvato con delibera di Consiglio dell Unione n. 32

Dettagli

La revisione del condominio

La revisione del condominio 1 La revisione del condominio Art. 1130-bis. (Rendiconto condominiale). L assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità specificamente identificate, nominare un revisore che verifichi

Dettagli

N. 01/2013. 13 Aprile 2013

N. 01/2013. 13 Aprile 2013 N. 01/2013 13 Aprile 2013 Il bilancio condominiale Innanzitutto cerchiamo di intenderci sul concetto di bilancio condominiale, termine non proprio del condominio ma delle società. In maniera estremamente

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE Associazione di Promozione Sociale STATUTO 1 Associazione Molisana per la Cremazione Associazione di promozione Sociale Statuto Art. 1: Ai sensi della L. 7/12/2000,

Dettagli

COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO

COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO Primo accertamento: 18 ottobre 1929 Ultime revisioni a) Approvazione del testo da parte della Commissione Provinciale

Dettagli

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea NORMATIVA Release 01/03/2015 LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l installazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Indice Vademecum Casa

Indice Vademecum Casa Vademecum Casa 1 Indice Vademecum Casa 1. Definizioni...a pagina 3 2. Scadenze e date utili... 6 3. Contributo concedibile... 7 a) costo ammissibile a contributo. 7 b) maggiorazione del costo convenzionale.9

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

Condominio 2010. Amministrazione Condominiale e Gestione Beni Immobili

Condominio 2010. Amministrazione Condominiale e Gestione Beni Immobili Stai cercando un amministratore di condominio? Il vecchio amministratore proprio non ti convince più? Non sai in che modo rimuovere il vecchio amministratore? Abiti in uno stabile in cui non c è ancora

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

Circolare n. 51 dell 18 marzo 2011 SOMMARIO. Giurisprudenziali. La maggiore correttezza può limitare i contenziosi

Circolare n. 51 dell 18 marzo 2011 SOMMARIO. Giurisprudenziali. La maggiore correttezza può limitare i contenziosi 1 di 6 17/04/2013 15.08 18/03/2011 - Articolo Redazione a cura di Agostino Lombardi Francesco Venunzio Caratozzolo Raffaele Cristoforo Moretti Tutte le Newsletter sono pubblicate sul sito www.anacilombardia.net

Dettagli

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Nota per la compilazione del piano economico-finanziario (PEF) Sommario Premessa... Elementi generali... 3

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto.

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto. REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASA DEL VOLONTARIATO Art.1 Denominazione e sede La Casa del Volontariato ha sede in Monza via Correggio 59 in un edificio che il Comune di Monza ha dato in comodato

Dettagli

AREA PROFESSIONALIZZANTE

AREA PROFESSIONALIZZANTE LOMBARDIA Viale Monza 59 20127 Milano tel. 02.26119251 lombardia@enforma.biz VENETO via Lamarmora 12/2 30173 Mestre VE tel. 041.610918 veneto@enforma.biz www.enforma.biz Regione Lombardia Accreditamento

Dettagli

Depositata 11.4.13,F. PROPOSTA DI LEGGE

Depositata 11.4.13,F. PROPOSTA DI LEGGE Depositata 11.4.13,F. PROPOSTA DI LEGGE Norme in materia di finanziamento della politica, di trasparenza dei partiti, di movimenti politici e liste, nonché riformulazione delle norme e dei limiti in materia

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 Art. 01 - Gli appartamenti dei Condomini devono essere destinati esclusivamente ad uso

Dettagli

L amministrazione del condominio. SEMPLICITA di.. ANALISI GESTIONE CONTROLLO. Guida all uso. Pagina 1

L amministrazione del condominio. SEMPLICITA di.. ANALISI GESTIONE CONTROLLO. Guida all uso. Pagina 1 L amministrazione del condominio SEMPLICITA di.. ANALISI GESTIONE CONTROLLO Guida all uso Pagina 1 Presentazione CONDxp automatizza tutte le funzioni e facilita il compito dell Amministratore. Alla fine

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n.

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n. CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO TRANSITORIO PER STUDENTI UNIVERSITARI (Ai sensi dell art. 5, comma 2 della legge 9 dicembre 1998, n. 431) Il/La/Soc, di seguito denominata/a locatore, nato a ( )

Dettagli

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 1. Denominazione STATUTO ALLEGATO A È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 2. Sede L Associazione ha sede legale in Pisa

Dettagli

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Direzione Regionale del Piemonte Ufficio Fiscalità Generale Torino, 29/01/2003 Prot. n. 03/5727 OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Premessa È necessario

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

Allegato A all atto rep. n.106.396/22.910 STATUTO

Allegato A all atto rep. n.106.396/22.910 STATUTO Allegato A all atto rep. n.106.396/22.910 STATUTO Art.1 (denominazione e sede) 1. é costituita l organizzazione di volontariato denominata Helios ONLUS (qui di seguito denominata Helios) 2. L organizzazione

Dettagli

...dove c è un condominio

...dove c è un condominio ...dove c è un condominio Unicasa Italia Spa è stata costituita nel 2005 - il Capitale Sociale a marzo 2014 è di 550.000 interamente versato. Il patrimonio di Unicasa Italia Spa è costituito principalmente

Dettagli

GECO GESTIONE CONDOMINIALE SU WEB MANUALE AMMINISTRATORE

GECO GESTIONE CONDOMINIALE SU WEB MANUALE AMMINISTRATORE GECO GESTIONE CONDOMINIALE SU WEB MANUALE AMMINISTRATORE Sommario Sommario... 2 1 Il contratto... 5 2 L aspetto del sito... 6 3 Il Login... 9 4 Selezione del condominio...11 5 Condominio...13 5.1 Inserimento

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI

CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO PIAZZA DIRITTI DEI BAMBINI, 1 - C.A.P. 20060 - TEL. 02/9533335 - FAX. 02/9533337 CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI

Dettagli

Programma del corso. LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi. Diritti reali e rapporti tra proprietari.

Programma del corso. LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi. Diritti reali e rapporti tra proprietari. Programma del corso MODULO 1 IL CONDOMINIO LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi 1. Proprietà di beni immobiliari e contitolarità di diritti 2. Comunione e condominio: similitudini

Dettagli

Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna.

Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna. Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna. ART. 1 OGGETTO DELL ARTICOLATO L articolato individua la natura

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA DI ACCOGLIENZA E PROMOZIONE TURISTICA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO

STATUTO DELL AGENZIA DI ACCOGLIENZA E PROMOZIONE TURISTICA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO STATUTO DELL AGENZIA DI ACCOGLIENZA E PROMOZIONE TURISTICA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO Art. 1 - DENOMINAZIONE E costituito ai sensi dell art. 2602 Codice Civile il Consorzio con attività esterna

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO DEL POLITECNICO DI TORINO

SISTEMA BIBLIOTECARIO DEL POLITECNICO DI TORINO SISTEMA BIBLIOTECARIO DEL POLITECNICO DI TORINO Regolamento approvato dal Senato Accademico del 20.04.2011 Art. 1 Finalità e missione Emanato con DR 126 del 21.04.2011 In vigore dal 21.04.2011 Il Sistema

Dettagli

AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA

AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA MODELLO D: Fac- simile contratto di locazione (il presente modello può essere soggetto a eventuali modifiche da parte dell Azienda). AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI

Dettagli

Tabelle millesimali di condominio. Suddivisione delle Spese Condominiali

Tabelle millesimali di condominio. Suddivisione delle Spese Condominiali Tabelle millesimali di condominio Suddivisione delle Spese Condominiali 1 Condominio Quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale (proprietà esclusive) e parti di proprietà

Dettagli

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!!

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!! 1 Introduzione alla progettazione europea - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria Struttura tipo di un budget europeo Voce di costo Spesa stimata A Staff 100.000,00 B

Dettagli

CONFRONTO VERSIONI SOFTWARE PIGC

CONFRONTO VERSIONI SOFTWARE PIGC N. max di operatori in contemporanea 2 2 2 2 più di 2 1 operatore per ogni licenza N. max condomini 6 illimitato illimitato illimitato illimitato illimitato N. max u.i. per stabile illimitato illimitato

Dettagli

CONDOMINIO. Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione. Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in

CONDOMINIO. Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione. Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in CONDOMINIO Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in via analogica, la disposizione dell art. 1132 c.c.,

Dettagli

L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO

L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO ANACI VERONA presenta L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO A cura del Centro Studi Via Virgilio Zavarise n.1 37125 - Verona - Tel: 045.8303295 - email info@anaci-verona.net http://www.anaci-verona.net

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE PARTE I DEFINIZIONE E AMBITO DI APPLICAZIONE. Articolo 1.

CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE PARTE I DEFINIZIONE E AMBITO DI APPLICAZIONE. Articolo 1. CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE PARTE I DEFINIZIONE E AMBITO DI APPLICAZIONE Articolo 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le definizioni

Dettagli

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche)

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) 1. Denominazione 1.1 L associazione è denominata: World Vision Italia ONLUS 1.2 Il nome e il logo di World Vision Italia ONLUS

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

Prodotto certificato dalla Microsoft per sistemi operativi Windows

Prodotto certificato dalla Microsoft per sistemi operativi Windows Prodotto certificato dalla Microsoft per sistemi operativi Windows BWEnterprise è l'ambiente di lavoro dei vari moduli progettati dalla BrainWare per il settore amministratori di stabili e locazioni. I

Dettagli

935.121.41 Statuto della Società svizzera di credito alberghiero (SCA)

935.121.41 Statuto della Società svizzera di credito alberghiero (SCA) Statuto della Società svizzera di credito alberghiero (SCA) (Statuto SCA) del 18 giugno 2015 (Stato 1 agosto 2015) Approvato dal Consiglio federale il 18 febbraio 2015 L assemblea generale della SCA, visto

Dettagli

Guida all acquisto della casa

Guida all acquisto della casa Comprare casa senza sorprese Guida all acquisto della casa Gli aspetti fiscali I documenti da controllare I passi da compiere A cura di Roberto Spalti Introduzione Prima di acquistare Il contratto preliminare

Dettagli

STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI

STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI - ARTICOLO 1. E costituita una Associazione denominata SIRBO Sindacato Commercialisti di Bologna alla quale possono aderire

Dettagli

RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015

RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015 RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015 Verbale n 15 L anno 2015, addì ventitre del mese di settembre, in Campobasso alle ore 19,00, presso la sede dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

I. Nota sintetica esplicativa Condominio

I. Nota sintetica esplicativa Condominio I. Nota sintetica esplicativa Condominio Via. Gentili Sig.ri Condomini, Il Condominio di Via, è un complesso di n. palazzine, con un totale di n.. Appartamenti e n. negozi. Elenco dei servizi comuni e

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA. Provincia di Pesaro e Urbino. Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA. Provincia di Pesaro e Urbino. Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA ROMA, N. 2 DESTINATO

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE...

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 3 Il Registro di contabilità... 4 Il Riepilogo Finanziario... 4 La nota

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it Allegato A al contratto costitutivo dell Associazione StudentiGiurisprudenza.it STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it Articolo 1. Denominazione e sede È costituita

Dettagli

Ciascuno dei FIDUCIANTI ha diritto di chiedere l adempimento per intero delle obbligazioni nascenti dal rapporto fiduciario e l adempimento

Ciascuno dei FIDUCIANTI ha diritto di chiedere l adempimento per intero delle obbligazioni nascenti dal rapporto fiduciario e l adempimento NORME GENERALI 1) Il FIDUCIANTE ha la possibilità di modificare in ogni momento i poteri conferiti e di revocarli, nonché ha la possibilità di impartire in ogni momento istruzioni per il relativo esercizio,

Dettagli

RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING

RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING C è un imperativo da cui non può prescindere chiunque svolga un attività economica ed è la formazione professionale continua.

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Presentazione Aziendale

Presentazione Aziendale Presentazione Aziendale Beta Formazione opera nel settore dell aggiornamento professionale e della formazione continua con l obiettivo di arricchire i curricula dei professionisti alle prese con un panorama

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici Albez edutainment production Economia Aziendale I Scambi economici 1 La compravendita Secondo l articolo 1470 del Codice Civile: La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà

Dettagli

3. Allo scopo di realizzare le finalità sociali l Associazione potrà:

3. Allo scopo di realizzare le finalità sociali l Associazione potrà: STATUTO DELL ASSOCIAZIONE A.PA.V. SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) 1. E costituita l Associazione denominata A.PA.V. - Associazione Parole che Volano ART. 2) 1. L Associazione ha sede

Dettagli

STATUTO. Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO

STATUTO. Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO STATUTO Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO Art. 1 (Denominazione) E costituita una società per azioni denominata Veneto Sviluppo S.p.A.. Art. 2 (Sede) 1. La società ha sede legale in Venezia.

Dettagli

Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1

Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1 Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1 L anno a questo giorno del mese di, in - il Sig./la Sig.ra 2, nato/a a, il, residente in via, C.F./ Partita IVA, in proprio quale

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

CASA DEL VOLONTARIATO STATUTO

CASA DEL VOLONTARIATO STATUTO CASA DEL VOLONTARIATO STATUTO Art. 1 Denominazione - Sede - Durata E' costituita l'associazione denominata CASA DEL VOLONTARIATO, in seguito chiamata per brevità "associazione", con sede legale in Monza,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

RELAZIONE DEL TESORIERE

RELAZIONE DEL TESORIERE RELAZIONE DEL TESORIERE Carissimi colleghi, il bilancio consuntivo 2013 che vi sottoponiamo oggi all approvazione rappresenta anche il primo bilancio del nuovo Consiglio Regionale insediatosi dopo le elezioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell'art.2, comma 3, L.9 dicembre 1998, n.431) CONCEDE IN LOCAZIONE A

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell'art.2, comma 3, L.9 dicembre 1998, n.431) CONCEDE IN LOCAZIONE A CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell'art.2, comma 3, L.9 dicembre 1998, n.431) il Sig. nato a il domiciliato in, codice fiscale di seguito denominato locatore assistito da:

Dettagli

INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014

INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014 INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014 Illustrissimi soci, confidiamo farvi cosa gradita nel comunicarvi le principali novità giuridiche e fiscali di inizio anno, per la cui elaborazione dobbiamo ringraziare

Dettagli

AMMINISTRATORE CONDOMINIALE

AMMINISTRATORE CONDOMINIALE AMMINISTRATORE CONDOMINIALE AI SENSI DELLA LEGGE 220/2012 Percorso formativo L obiettivo del corso Condominiale è quello di formare professionisti nella consulenza condominiale in relazione alla gestione

Dettagli

Chiedere subito all'agenzia il costo del servizio di intermediazione per evitare sorprese.

Chiedere subito all'agenzia il costo del servizio di intermediazione per evitare sorprese. Guida pratica e giuridica per la ricerca di un alloggio in Italia Affittare una casa 1 Leggi di riferimento Legge 27 Luglio 1078 n. 392 (equo canone) Legge 8 Agosto 1992, n.359 (patti in deroga) Legge

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2014

BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2014 BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2014 DOCUMENTI ALLEGATI: Allegato 1 CONTO DEL BILANCIO COMPRENDENTE IL RENDICONTO FINANZIARIO DECISIONALE Allegato 1/A CONTO DEL BILANCIO COMPRENDENTE IL RENDICONTO FINANZIARIO

Dettagli

Il condominio Sintesi rapida

Il condominio Sintesi rapida Consumer club italia Il condominio Sintesi rapida Servizio informativo Il perché di questo opuscolo Un tempo nel nostro Paese, nelle grandi città, vi erano in prevalenza locatari di complessi immobiliari

Dettagli

Federazione Italiana per la Cremazione. Fac-simile di Statuto per la costituzione di una Società per la Cremazione

Federazione Italiana per la Cremazione. Fac-simile di Statuto per la costituzione di una Società per la Cremazione Federazione Italiana per la Cremazione Fac-simile di Statuto per la costituzione di una Società per la Cremazione COSTITUZIONE E SCOPO Art. 1 Costituzione e Denominazione E costituita la Associazione per

Dettagli

Versione 1.0 - Approvata in data 13.1.2012 IL RESPONSABILE DEL S.I.N. Antonio Zappi

Versione 1.0 - Approvata in data 13.1.2012 IL RESPONSABILE DEL S.I.N. Antonio Zappi Versione 1.0 - Approvata in data 13.1.2012 IL RESPONSABILE DEL S.I.N. Antonio Zappi L art. 35 del Regolamento Associativo dell A.I.A. regola le funzioni del Collegio dei Revisori Sezionali. In particolare

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE EXPERIENCE. E una libera associazione di fatto, apartitica e apolitica, con durata illimitata nel tempo e

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE EXPERIENCE. E una libera associazione di fatto, apartitica e apolitica, con durata illimitata nel tempo e STATUTO DELL ASSOCIAZIONE EXPERIENCE ART. 1 E costituita l associazione culturale EXPERIENCE. E una libera associazione di fatto, apartitica e apolitica, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di

Dettagli

I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO STUDIO AVVOCATO BONINO I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO 1 L ufficio di amministratore: NATURA L amministratore partecipa direttamente all andamento della vita comune, è chiamato ad armonizzare

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

l) devoluzione all erario dell intero saldo del conto di gioco decorsi tre anni dalla data della sua ultima movimentazione.

l) devoluzione all erario dell intero saldo del conto di gioco decorsi tre anni dalla data della sua ultima movimentazione. l) devoluzione all erario dell intero saldo del conto di gioco decorsi tre anni dalla data della sua ultima movimentazione. 3. Fino alla data di entrata in vigore di una nuova disciplina delle scommesse

Dettagli

Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A.

Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A. Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A. Approvato dall Assemblea Ordinaria degli Azionisti nella seduta del: 29/01/2015 Emessa da: Funzione Segreteria Societaria in data: 16/01/2015 Validità dal:

Dettagli