rimborso. Il progetto punta sulla rotazione annuale/biennale secondo la norma, per impedire radicamenti e dispotismi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "rimborso. Il progetto punta sulla rotazione annuale/biennale secondo la norma, per impedire radicamenti e dispotismi."

Transcript

1 Premessa Che il Villaggio Praialonga si sia costituito ab origine in condominio, nulla osta: tutti gli stabili, una volta abitati si organizzano in condominio, anche in ottemperanza alla legislazione dello Stato. Quello che è però sbagliato è che si sia data una forma gestionale come se Praialonga fosse un semplice condominio cittadino (tuttavia, nelle città, i grandi complessi residenziali, da tempo sono Supercondominii) e si sia fatto il regalo al comune di Isola Capo Rizzuto di esimersi dai suoi doveri nei confronti di una frazione del territorio comunale, da cui però, pretende di introitare tasse e tributi. Si, lo sappiamo alcuni potrebbero obiettare con la solita litania il collaudo mancato, siamo abusivi, c è la sbarra, ecc. ecc. tutte castronerie, solo per usare un eufemismo. Da questo peccato (anomalia) originale, ne scaturiscono un infinità; del resto, l esperienza che abbiamo accumulato in un quarantennio ci ha detto che questa forma di governo è assurda e pseudo funzionante solo se si chiudono entrambi gli occhi. Il fatto è che, a furia di chiudere gli occhi, a parte tutti i soldi tolti, siamo arrivati al punto che le nostre unità immobiliari non hanno il valore che meriterebbero! Il Progetto Non possiamo indugiare ulteriormente; abbiamo il dovere di trovare una forma di governo collettiva, necessaria per le dimensioni e le problematiche dell insediamento; lontana dalla consolidata logica del lucro e della speculazione ma, all insegna del servizio, sia pure remunerato, meritocratico e solidaristico per l interesse comune. Se c è un difetto in questo progetto, è proprio quello della fine del MARE MAGNUM. Siamo sicuri che l insediamento può rinascere e meritare l appellativo di Villaggio dei vip che alcuni ci hanno dato solo per sbeffeggiarci. La riforma del condominio, legge 220/2012 dello Stato non è un qualcosa di opinabile ma, una legge che, fatta, va applicata! (IPSO IURE ET FACTO). L art. 2 introduce l articolo 1117-bis c.c., di nuova formulazione, che consente di ampliare la nozione di condominio, includendovi espressamente anche i cosiddetti condominii orizzontali quali, ad esempio, i villaggi residenziali e i «supercondominii», quelli cioè costituiti da più condomìni semplici. L obiettivo principale del NUOVO SISTEMA DI GESTIONE è la Governance plurale unita all esigenza di trasparenza. I condominii semplici Il Villaggio è già suddiviso in lotti, ciascuno, con i propri millesimi. I lotti diventano condomini semplici all interno del Supercondominio. Si deve stabilire soltanto se li vogliamo lasciare così come sono o accorparne alcuni (i contigui più piccoli), per arrivare per es. a dieci. Gli amministratori Ciascun condominio semplice, in piena autonomia e secondo le vigenti norme, elegge il proprio amministratore, stabilendone il compenso o il rimborso spese o quello che preferisce. L amministratore coordinatore Per quanto riguarda l amministratore del supercondominio (coordinatore) che dovrà gestire le parti comuni, si prospettano più opzioni: 1. potrà essere eletto dall assemblea dei delegati dei condominii semplici; 2. dall assemblea generale con le modalità odierne non certamente convincenti ed efficienti; 3. potrà essere uno degli amministratori dei condominii semplici o uno aggiunto. N DENOMINAZIONE MILLESIMI 01 Edilpraia 94,44 02 Ville Elisabetta 62,22 03 Ville Marta 79,09 04 Residence Corpo aggiunto 114,98 05 Intour 43,03 06 Immobiltour 150,80 07 Krutt 23 24,87 08 Lopez 3,92 09 Centro commerciale (Fav 18-35,68 Puccio-Veredil-Ristorante) 10 Delta Elisabetta 20,89 11 Comprensorio C 73,59 12 Crugliano +Esperia 11 e 17 91,81 13 Krutt 8,9,10 68,89 14 Fav 7 22,28 15 Edilmare 38,03 16 Delta 75,24 Tutti gli amministratori hanno pari dignità. Come per Totale 999,76 gli amministratori dei condominii semplici, anche per il coordinatore si potrà stabilire un compenso o un Tabella 1 dal consuntivo 1995 rimborso. Il progetto punta sulla rotazione annuale/biennale secondo la norma, per impedire radicamenti e dispotismi. pag. 1

2 I candidati ad amministratore possono essere condomini (meglio) o professionisti esterni all insediamento. Qualora un condominio semplice non riuscisse a eleggere un amministratore, per i motivi più diversi, potrà farsi amministrare, per quella circostanza, dall amministratore di un altro condominio semplice, naturalmente per espressa e verbalizzata volontà dell assemblea. Principio fondante del nuovo Modello Gestionale è la Governance Plurale: tutti gli amministratori, al di là del condominio semplice di appartenenza, saranno come un unico amministratore, dal momento che obiettivo prioritario di tutto il Progetto è la trasparenza e il Bene dell intero Insediamento 1. Pertanto, tutte le decisioni verranno discusse e prese in sedute congiunte, con consiglio e aiuto reciproci. Il Supercondominio L unicità del SUPERCONDOMINIO viene garantita dalla centralizzazione amministrativa: unico ufficio in Praialonga con unità amministrativa al servizio dei condomini e non soltanto degli amministratori, con garanzia di azione di continuità che prescinda dall alternarsi delle figure degli amministratori. Tale concetto viene rafforzato dall eliminazione di ogni forma di campanilismo, in quanto, tutte le decisioni, saranno prese sinergicamente e con la consapevolezza che ciascun condominio parteciperà alle spese con i millesimi di proprietà, e che non gli siano state addebitate anche spese di altri condominii. Si creerà una sorta di sana competizione che porterà al miglioramento di tutto l insediamento residenziale. Tutta la documentazione, cartacea e non, che afferisce alla vita del condominio e ne costituisce la traccia storica, deve essere archiviata negli uffici amministrativi di nostra proprietà perché è nostra proprietà! È noto a tutti che gli amministratori avvicendatisi, in una logica di tanto peggio, tanto meglio, hanno mantenuto strumenti e documentazione necessari per amministrare il condominio. Persino l anagrafica e le tabelle millesimali, ogni volta, il successore, ha dovuto copiarli dai libri contabili, creando molte incertezze sulla loro esattezza! Tabelle millesimali Oggi, l amministratore in carica non possiede nemmeno le tabelle millesimali ufficiali da cui partire per un eventuale rivisitazione. Qualora un condòmino si rivolgesse al giudice, contestando la correttezza dei propri millesimi (ce ne sono tanti), il condominio sarebbe soccombente in quanto, la prima cosa che il giudice chiederebbe, sarebbe la tabella millesimale ufficiale, giurata dal perito redattore e ratificata dall Assemblea condominiale. Per chi l avesse dimenticato, nel 1995 il tecnico Cretella Bonaventura portò a termine un lavoro di rivisitazione delle tabelle millesimali che durò alcuni anni. Questi millesimi scaturiscono dal rilevamento dei m 2 complessivi delle UU.II. dell insediamento, tenendo conto degli indici fissati per verande coperte (2/3); verande scoperte (1/3); giardini (1/20). All assemblea di agosto 1995, i m 2 complessivi risultavano essere , È fondamentale venire in possesso di quella documentazione ufficiale di riferimento se si vogliono operare modifiche 2. N.B. posseduti gli strumenti di cui sopra, non è affatto vero che ogni qualvolta si debbano rivisitare Figura 1 dal consuntivo del 1995 i millesimi occorra un tecnico o, comunque, un dispendio di denaro. Con un semplice foglio di calcolo elettronico Excel -, inserendo i m 2 aggiuntivi di una U.I., il programma ricalcola in tempo reale i millesimi di tutti. Questo è possibile in quanto la tabella millesimale è 1 Questo costituisce un punto di forza e, rassicura quanti potrebbero pensare che amministrare sarebbe un carico troppo oneroso. 2 Per modificare i millesimi non si può prescindere dai m 2 della singola U.I. ma, nemmeno dai m 2 totali del lotto. pag. 2

3 unica e tiene conto soltanto dei m2 delle UU.II. Sarà compito degli amministratori effettuare le comunicazioni rituali agli interessati e far ratificare il tutto alle assemblee dei condominii semplici. Con la creazione del Supercondominio, sarà più facile procedere, in continuum, all aggiornamento delle tabelle millesimali. L amministratore del condominio semplice, oltre a conoscere uno per uno i suoi condomini (specialmente se è stato eletto un condomino), conosce una per una ciascuna unità immobiliare che ha subito nel tempo delle modifiche significative o quantomeno, avrà la possibilità di chiederne le superfici e, procedere all aggiornamento in sinergia con gli altri amministratori. I conti correnti bancari Ciascun condominio semplice avrà un proprio conto corrente bancario su cui canalizzare le quote condominiali attraverso bonifico o bollettino MAV inviato dall amministratore insieme al documento di ripartizione delle spese. Ciascun condomino verrà fornito di credenziali per accedere alla visione dei flussi bancari del conto corrente del condominio. Le quote condominiali Le quote condominiali saranno composte, come al solito, solo con più chiarezza, da due tipologie di spesa, quella del condominio semplice e quella delle parti comuni (non dimentichiamo che ad oggi, fra le spese generali sono state comprese spese di pertinenza dei lotti: spurghi, assicurazioni, enel scale). Una volta stabilita, per voci, la spesa delle parti comuni, gli amministratori, in seduta comune, la ripartiscono, per voci, ai condomini semplici. Sarà l amministratore del condominio semplice, aggiunta la spesa del proprio condominio, a effettuare la ripartizione e a inviare le notifiche del pagamento. Incassate le quote, provvederà a versare sul conto corrente del Supercondominio la quota spettante al condominio semplice per le parti comuni. L amministratore coordinatore, altro non dovrà fare che pagare fornitori, dipendenti, oneri fiscali, ecc. Questi passaggi, che possono sembrare superflui o addirittura inutili, sono invece importanti perché più persone siano coinvolte e perché la trasparenza sia adottata come metodo e non come circostanza opzionale. L amministratore del condominio semplice, controllato gli afflussi dei pagamenti, può intervenire diligentemente presso i condomini Figura 2 Banca intesa Sanpaolo ritardatari o morosi con un margine di successo superiore all attuale. I condomini, infatti, sono sollecitati dal fatto che il condominio semplice in ordine con i versamenti, non dovrà più pagare per i morosi degli altri condominii semplici, come succede oggi con i lotti. Non solo; all interno del condominio semplice, molto più piccolo, i condòmini si conoscono tutti fra di loro e, con l amministratore si instaura un rapporto più diretto e più concreto. Va osservato che, ciascun condominio semplice, potrà deliberare spese più confacenti alla desiderata dei propri condomini, senza il parere o la partecipazione economica degli altri condominii semplici. Sarà chiaro e trasparente cosa si paga e chi lo paga. Le assemblee dei condominii semplici Non assisteremo più ad assemblee farsa di lotto dove eleggere, proforma, un consigliere con le modalità pulcinelliche che conosciamo (senza verifica di maggioranze legali, senza controllo di deleghe e, validate anche quando completamente andate deserte). Consiglieri fatti a forza, anche contro la loro volontà o, per compiacere l amministratore di turno o ancora per il gettone di presenza o per farsi i lavori alle proprie UU.II. Le assemblee saranno fatte con i crismi della legalità, in luoghi idonei e in un clima di civile convivialità e non più al buio e in piedi. L assemblea si dovrà esprimere, sia sul consuntivo e preventivo delle parti comuni, sia sul pag. 3

4 consuntivo e preventivo del proprio condominio. Eleggerà il proprio amministratore, con le modalità sopradette, e due delegati che rappresenteranno il condominio nell Assemblea Generale. Le assemblee avranno successo di partecipazione perché più serie, più legali, meno numerose e quindi, meno rissose. Non va sottovalutato il fatto importante che, in maniera preventiva, il condòmino, diligentemente sollecitato al proprio dovere, qualora non potesse essere presente alla data di indizione dell assemblea, potrà delegare persona di sua fiducia. Tutte le delibere verranno prese con la conta dei millesimi e non con le alzate di mano, salvo situazioni plebiscitarie o di unanimità. Una tale correttezza sarà garantita esprimendo il proprio voto con scheda di votazione recante i millesimi e, consegnata al condòmino al momento della sottoscrizione della presenza. Sarà redatto regolare verbale che certificherà tutte le delibere con le relative maggioranze espresse e che costituiranno le delibere parziali dell Assemblea Generale. L assemblea del supercondominio (Assemblea Generale) Visto che tutto è già stato discusso e deliberato nelle varie assemblee dei condominii semplici, l assemblea generale (del supercondominio) costituita dai delegati dei condominii semplici, dall amministratore coordinatore uscente (senza diritto di voto) e dai neo eletti amministratori dei condominii semplici (senza diritto di voto) dovrà semplicemente procedere alla sommatoria dei millesimi con i quali, ciascun condominio semplice, ha deliberato sui vari punti all ordine del giorno ed eleggere l amministratore coordinatore che, come già detto potrà essere: un condomino (preferibile); un professionista esterno; uno degli amministratori dei condominii semplici. I servizi Eccezione fatta per la fornitura dell acqua 3, per la manutenzione del verde comune (da individuare con inequivocabilità e da istituzionalizzare), per la manutenzione dell impianto elettrico comune, per la manutenzione delle stradi comuni, per la pulizia degli spazi comuni (da individuare in modo inequivocabile e da istituzionalizzare), ciascun condominio semplice avvierà trattative personalizzate per manutenere, pulire e migliorare la vivibilità dei propri spazi. Spenderà di più o di meno, è cosa che deve interessare solo i condòmini residenti in quel condominio e, non si capirebbe perché altri dovrebbero impedirlo. Bilanci Ci sarà il bilancio del supercondominio e, tanti bilanci quanti sono i condominii semplici. La lettura dovrà essere semplice, alla portata di tutti e non soltanto dei professionisti del ramo. Ogni bilancio dovrà chiaramente considerare le spese comuni e quelle del condominio semplice; il capitolo della ripartizione dovrà riportare tante colonne quanto sono le spese, oltre naturalmente, le colonne del totale dovuto, della somma versata e del conguaglio. Ogni colonna, a chiusura, riporterà il totale che dovrà trovare riscontro nel capitolo riassuntivo delle entrate e delle uscite. La struttura dei bilanci dovrà avere una veste tipografica costante nel tempo in modo tale che si possa procedere al confronto immediato dei bilanci di più esercizi finanziari per vederne le oscillazioni in aumento o in diminuzione o addirittura, se una spesa entrata eccezionalmente in bilancio, continua ad essere presente nel tempo. Per meglio verificare la tipologia delle spese e il loro andamento negli anni, i bilanci dovranno essere suddivisi in capitoli e i capitoli dovranno essere localizzati da pagina/pagine. Per es. in una pagina si inseriscono tutti i nominativi del personale con gli emolumenti mensili e il saldo attualizzato (sapere se e chi avanza stipendi); in un altra pagina tutto ciò che riguarda la manutenzione dell impianto elettrico con contratto, preventivo e consuntivo +/-. In un altra pagina tutto ciò che riguarda le spese dell animazione, ivi comprese anche il vitto. In un altra pagina i canoni dell acqua con fatture pagate e l indicazione degli anni di riferimento e, l elenco scandito per annualità dei canoni ancora da pagare. In un altra pag. il consumo dell Enel con l indicazione delle utenze (abbiamo pagato fra le spese generali anche le luci delle scale di tutte quelle palazzine che hanno una scala e anche l assicurazione stipulata da alcuni lotti), ecc. ecc. Per concludere, i bilanci che si succedono devono essere legati tra di loro in maniera che l ultimo possa escludere il precedente 4. 3 Anche per questa anomalia, si dovrà trattare con il comune di Isola Capo Rizzuto, a muso duro, per capire come mai noi dobbiamo avere un rapporto di carattere privatistico con la SO.RI.CAL. e non con il comune che è socio della, ente che fornisce il servizio alla cittadina. 4 Ricordiamoci che una commissione di professionisti non è riuscita a ricostruire i bilanci che l Assemblea non ha mai approvato. pag. 4

5 Abusivismo edilizio L amministratore del condominio semplice, anche coadiuvato da altri condomini, avrà più possibilità di successo sugli abusi edilizi in quanto, chiunque volesse effettuare dei lavori dovrà presentare domanda in tempo utile, affinché possa essere inserito all ordine del giorno dell assemblea del condominio semplice. Tutti coloro che non presentano domanda entro la data stabilita non potranno effettuare lavori, a meno che non siano di carattere straordinario. La domanda per effettuare lavori nella propria U.I., pena l invalidità, dovrà essere redatta su un format concordato fra tutti i condominii semplici e messo sul sito da cui scaricarlo. Le variazioni di superfici, accertate con reperti fotografici, exante ed expost, saranno subito computate come già detto in un punto precedente. Il sito web Il supercondominio a posteriore della delibera assembleare si doterà di un sito web appositamente creato per dare un servizio ai condomini e non per essere la vetrina dell amministratore. Il sito dovrà avere tanti settori quanti sono i condominii semplici e, di sicuro, dovrà consentire a tutti i condomini di verificare le attività amministrative e l interazione fra loro e con gli amministratori. N.B. nessuno pensa che quanto esposto nel presente progetto non sia perfettibile. Soltanto, a chiunque lo legga, viene fatta la raccomandazione di non cadere nei luoghi comuni o di non farsi sviare dai buoni propositi dai falsi dottori della legge. Tutto quanto esposto sembrerebbe cosa scontata e per niente novità ma, chi ha scritto, lo ha fatto sulla base di una esperienza pregressa ultratrentennale e, con la convinzione che Praialonga è troppo particolare perché i suoi proprietari non debbano decidere come essere amministrati. Gli amministratori devono operare tutelandosi davanti alla legge, questo è vero, ma dove sta scritto che debbano farlo a loro piacimento? Come vogliamo essere amministrati lo decidiamo noi, nel rispetto della normativa! Per questo chiediamo la costruzione di un edificio ex novo per portineria, locali di amministrazione e depositi per le nostre attrezzature (eliminando fitti che ci costano più dell attrezzatura stessa). Per questo chiediamo che i bilanci vengano fatti in un certo modo: quando sono leggibili e trasparenti, nessuna legge ti dirà che si sarebbe dovuto fare in altro modo! Per questo chiediamo l amministrazione plurale: i legislatori, per cosa pensiamo che abbiano fatto la legge 220/2012? Tutti i ssgg. Condomini che condividessero il presente Progetto sono pregati a darne ampia divulgazione presso i propri amici e parenti. Il documento viene inviato a tutti coloro di cui conosciamo la e pubblicato sulla pagina di facebook/praialonga: condominio anomalo. Chiunque avesse suggerimenti ed obiezioni di qualunque natura può comunicarli al seguente indirizzo di posta elettronica: Cell IL COMITATO PROMOTORE pag. 5

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

N. 01/2013. 13 Aprile 2013

N. 01/2013. 13 Aprile 2013 N. 01/2013 13 Aprile 2013 Il bilancio condominiale Innanzitutto cerchiamo di intenderci sul concetto di bilancio condominiale, termine non proprio del condominio ma delle società. In maniera estremamente

Dettagli

Bilancio. Rendiconto Consuntivo Standard

Bilancio. Rendiconto Consuntivo Standard Bilancio Rendiconto Consuntivo Standard 1 Bilancio Anche se la legge non stabilisce un termine fisso entro cui l amministratore debba procedere alla presentazione del bilancio è bene che non superari i

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Le tariffe applicate sono chiare e vengono calcolate in base al numero di unità immobiliari presenti nel Condominio che a sua volta determinano l impegno dell

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O.

facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O. facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O. i t INTRODUzione Facile Condominio racchiude una suite di applicazioni web-based

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Direzione Regionale del Piemonte Ufficio Fiscalità Generale Torino, 29/01/2003 Prot. n. 03/5727 OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Premessa È necessario

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO N.B. La presente stesura aggiorna la precedente edizione del 15 aprile 1996 rendendola omogenea al nuovo statuto Animp

Dettagli

---------------------------------------------- ! " # $ % & $ ' (# # )$ * !"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!#

---------------------------------------------- !  # $ % & $ ' (# # )$ * !#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# ----------------------------------------------! " # $ % & $ ' (# # )$ *!"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# I N D I C E Art. 1 L Autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni Art. 2 Costituzione

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM?

QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM? QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM? LA MEDIAZIONE CIVILE COSTA DI PIU O DI MENO DI UNA CAUSA NORMALE? Costa molto di meno. Per una mediazione relativa ad una lite

Dettagli

Dr. Paolo Barillà Avv. Margherita Marcianò. Via Aquileja n 12/A 20021 Baranzate (MI) Tel./Fax 023561245 Linea Emergenze 339-1799881.

Dr. Paolo Barillà Avv. Margherita Marcianò. Via Aquileja n 12/A 20021 Baranzate (MI) Tel./Fax 023561245 Linea Emergenze 339-1799881. Amministrazione Condominiale Immobiliare Professionale e Studio Legale Dr. Paolo Barillà Avv. Margherita Marcianò Dove siamo Via Aquileja n 12/A 20021 Baranzate (MI) Tel./Fax 023561245 Linea Emergenze

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL DISTRETTO DI PROTEZIONE CIVILE VR5 DELLE VALLI (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 13 del 18.02.2013) 2 PREMESSA

Dettagli

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 26.04.2013 In vigore dal 26.04.2013 1 TITOLO I TITOLO I - ISTITUZIONE

Dettagli

ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO

ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO TARIFFARIO APPLICATO PER L AMMINISTRAZIONE IMMOBILIARE LA GESTIONE DEI CONTRATTI DI AFFITTO LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE CONDOMINIALI LA REDAZIONE DEI REGOLAMENTI DI CONDOMINIO ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI 1 Degli Associati (approvato con delibera n. 1 del 29/03/2013) 1.1 Domanda di iscrizione del nuovo associato. L'aspirante

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI. Titolo 1 - Costituzione

Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI. Titolo 1 - Costituzione Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI Titolo 1 - Costituzione Denominazione - Sede Art. 1 - È costituita con sede in Molfetta, via Francesco

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Art. 2 Ricevimento dell ordine Art. 3 Esecuzione del contratto e tempi di consegna

Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Art. 2 Ricevimento dell ordine Art. 3 Esecuzione del contratto e tempi di consegna Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Le presenti condizioni generali di vendita si applicano a tutti i contratti stipulati dalla società Ghibli Design srl (d ora innanzi Ghibli)

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 1. Denominazione STATUTO ALLEGATO A È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 2. Sede L Associazione ha sede legale in Pisa

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

Autogestione servizi accessori e spazi comuni. Condominio

Autogestione servizi accessori e spazi comuni. Condominio Autogestione servizi accessori e spazi comuni. ondominio on il presente documento, si intende evidenziare alcune fondamentali norme, nonché suggerimenti procedurali e di collaborazione tra l A.T.E.R. di

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

www.locazioneamica.it

www.locazioneamica.it LOCAZIONE AMICA (PRESENTAZIONE PRODOTTO) Leggi tutte le informazioni sull acquisto di crediti futuri LOCAZIONE AMICA, LA SOLUZIONE IDEALE PER IL LOCATORE Ogni qualvolta un locatore andrà ad affittare il

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

Condominio 2010. Amministrazione Condominiale e Gestione Beni Immobili

Condominio 2010. Amministrazione Condominiale e Gestione Beni Immobili Stai cercando un amministratore di condominio? Il vecchio amministratore proprio non ti convince più? Non sai in che modo rimuovere il vecchio amministratore? Abiti in uno stabile in cui non c è ancora

Dettagli

Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno

Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno Nel 2011 ad iniziativa di Fondazione Tercas e Fondazione CARISAP è stato istituito il Fondo Housing Sociale (HS) Italia Centrale,

Dettagli

GESTIONE COMMESSE IMPIANTI

GESTIONE COMMESSE IMPIANTI GESTIONE COMMESSE IMPIANTI Dedicato ad Aziende di Impianti Elettrici, Idraulici, etc. Lo scopo del progetto è quello di : Migliorare la gestione dei preventivi Rendere più flessibili le analisi dei costi

Dettagli

Auser Volontariato Territoriale Firenze. Regolamento Tesseramento e ripartizione risorse finanziarie Trasparenza e comportamenti

Auser Volontariato Territoriale Firenze. Regolamento Tesseramento e ripartizione risorse finanziarie Trasparenza e comportamenti Auser Volontariato Territoriale Firenze Regolamento Tesseramento e ripartizione risorse finanziarie Trasparenza e comportamenti Delibera del Comitato Direttivo dell Auser Volontariato Territoriale Firenze

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

La parola agli addetti ai lavori.

La parola agli addetti ai lavori. La parola agli addetti ai lavori. Il parere degli Amministratori condominiali sulla riforma. Commenti, critiche e consigli degli amministratori. (a cura dell Avv. Nicola Nicodemo Damiano) Intervista all

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

ASSOCIAZIONE Unione Sportiva ZINELLA CSI Associazione Sportiva Dilettantistica

ASSOCIAZIONE Unione Sportiva ZINELLA CSI Associazione Sportiva Dilettantistica ASSOCIAZIONE Unione Sportiva ZINELLA CSI Associazione Sportiva Dilettantistica ART. 1 FINALITÀ E STRUTTURE L Associazione sportiva U. S. Zinella CSI Associazione Sportiva Dilettantistica con sede in San

Dettagli

Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 ( Denominazione e sede )

Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 ( Denominazione e sede ) Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ( Denominazione e sede ) 1. E costituita Associazione denominata Al Centro della Vita.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA I Soci della Banca Popolare di Milano Scrl sono convocati in Assemblea ordinaria e straordinaria in prima adunanza il giorno 11 aprile 2014,

Dettagli

TARIFFARIO AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI 2015

TARIFFARIO AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI 2015 TARIFFARIO AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI 2015 APPLICATO PER LA GESTIONE E AMMINISTRAZIONE IMMOBILIARE PARTE INTEGRANTE DELLA LETTERA DI DISPONIBILITA ALL ASSUNZIONE DELLA GESTIONE O AMMINISTRAZIONE Vignola,

Dettagli

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO AESA Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA Art. 1 E costituita l Associazione fra i diplomati della Scuola di Specializzazione in Studi sulla Amministrazione

Dettagli

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione.

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. Bandi di concorso e regolamenti Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. In applicazione dell

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Rep. n. - Atti Privati soggetti a registrazione schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 omissis Tutto ciò premesso

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS

STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS Art. 1 Denominazione e sede E costituita una fondazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus) sotto

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 EBILOG REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 INDICE Art. 1 - Funzionamento degli Organi pag. 1 Art. 2 - Contribuzione pag. 1 Art. 3 Spese per il funzionamento

Dettagli

Fondo artigiano regionale per la formazione degli imprenditori dei lavoratori grafici

Fondo artigiano regionale per la formazione degli imprenditori dei lavoratori grafici Fondo artigiano regionale per la formazione degli imprenditori dei lavoratori grafici Art. 1 - Costituzione E' costituita tra le Organizzazioni regionali sindacali dei datori di lavoro CONFARTIGIANATO

Dettagli

Guida alla. ristrutturazione. della casa

Guida alla. ristrutturazione. della casa Guida alla ristrutturazione della casa 1 Guida alla ristrutturazione della casa La ristrutturazione della casa può essere considerata un vero e proprio investimento e a volte costituisce un alternativa

Dettagli

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15.03.2011 1 ARTICOLO 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Sede centrale: Vicolo Grossardi, 16/A - 43100 Parma tel. 0521-215111

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation Cari membri della fondazione, dopo un'ampia discussione sia all'interno del Consiglio che all'interno dell'esecutivo, siamo giunti alla conclusione, pacifica e condivisa, che la Fondazione abbia raggiunto

Dettagli

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.)

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) 1 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE CON CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Tra :...(1)... (di

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO «AMICI DEL TESORO» TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 (Denominazione e sede)

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO «AMICI DEL TESORO» TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 (Denominazione e sede) Associazione AMICI DEL TESORO Via Fossa Fresca n 9 Cap 37050 S.Giovanni Lupatoto - Verona Tel e Fax 045-8732283 Nr Iscrizione Registro Volontariato VR0705 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO «AMICI

Dettagli

Ordine degli Psicologi della Toscana FIRENZE

Ordine degli Psicologi della Toscana FIRENZE OPT.odpt_to.REGISTRO UFFICIALE.U.0000793.05-02-2015 Ordine degli Psicologi A tutti i professionisti interessati Oggetto: Avviso pubblico di procedura comparativa per conferimento incarico per consulenze

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ART. 1 Denominazione. E costituita un associazione di volontariato avente le caratteristiche di Organizzazione Non Governativa (ONG) e le caratteristiche di Organizzazione Non

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010 Accordo

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 17 aprile 2014 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sui punti all Ordine del Giorno ai sensi dell articolo 125-ter del D.Lgs. n. 58/98

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO

SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO Procedura aperta per la Fornitura di materiali per Osteosintesi - Distretto Collo/Femore occorrenti alle AA.SS.LL., EE.OO. e I.R.CC.S. della Regione Liguria N. gara

Dettagli

CONTI E RAPPORTI DORMIENTI: Istruzioni per l uso

CONTI E RAPPORTI DORMIENTI: Istruzioni per l uso CONTI E RAPPORTI DORMIENTI: Istruzioni per l uso 2 CONTI E RAPPORTI DORMIENTI: ISTRUZIONI PER L USO Conti e rapporti dormienti: le novità Recentemente sono entrate in vigore le nuove norme sui cosiddetti

Dettagli

Manuale d uso Gestione Condomini

Manuale d uso Gestione Condomini Manuale d uso Gestione Condomini Guida Per Amministratori Indice 1. Introduzione 1.1 Principali Videate pag. 3 2. Comandi 2.1 Inserire una riga pag. 4 2.2 Cancellare una riga pag. 4 2.3 Aggiornare una

Dettagli

CONDOM@T versione 11.00

CONDOM@T versione 11.00 CONDOM@T versione 11.00 L aggiornamento Condom@t 2014 prevede una serie di modifiche, di cui, una parte di maggiore entità e altre modifiche minori. Di seguito tratteremo dapprima le modifiche più importanti,

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO ACCORDO ex art. 15 legge 241/90 e s.m.i fra i comuni di BALZOLA, CAMAGNA MONFERRATO, CONZANO, CUCCARO MONFERRATO, FRASSINELLO MONFERRATO, LU, MIRABELLO MONFERRATO, MORANO SUL PO, OCCIMIANO, OLIVOLA, OTTIGLIO,

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE TITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1. Costituzione È costituita l Associazione denominata SLOW TIME. Essa avrà durata illimitata. L Associazione SLOW TIME è disciplinata dal

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE SICILIANA PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE INTERREG IIIC - ZONA SUD OPERAZIONE QUADRO REGIONALE TREND COMPOSANTE 4 - PROGETTI DIMOSTRATIVI SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA 1 Soggetto

Dettagli

La revisione del condominio

La revisione del condominio 1 La revisione del condominio Art. 1130-bis. (Rendiconto condominiale). L assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità specificamente identificate, nominare un revisore che verifichi

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Art. 1 Denominazione e logo dell Associazione pag. 3 Art. 2 Scopi

Dettagli

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros Configurator è uno strumento facile ed intuitivo nel suo utilizzo, che vi permetterà di realizzare in breve tempo il dimensionamento di canne fumarie e renderà

Dettagli