Progetto Logos - Documentazione -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Logos - Documentazione -"

Transcript

1 Progetto Logos - Documentazione - Marco Benvegnù Gianluca Marcante Simone Sanavio Roberto De Franceschi PM) Corso di Basi di Dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2002/2003

2 Progetto Logos Analisi dei requisiti, rev. 5, 23 giugno 2003 Requisiti generici R1 Si richiede una applicazione di basi di dati che mantenga informazioni riguardo a: tipi di articoli presenti nel catalogo dell azienda; schemi dei tipi di articoli prodotti dall azienda; articoli prodotti dall azienda; clienti dell azienda; interventi d ora in poi lavori) commissionati dai clienti sui prodotti da loro acquistati; personale dell azienda. Requisiti sui dati Cliente D1.1 Per cliente [50] si intende qualsiasi azienda esterna che abbia acquistato almeno un articolo o che abbia intenzione di acquistarne. D1.2 Ad ogni cliente sono associati i seguenti dati: ragione sociale, via, CAP, comune, provincia, stato, , telefono, fax, partita IVA, note. Tipo di articolo, schema elettrico e articolo D2.1 Per tipo di articolo [150] si intende una categoria merceologica ben specifica, individuata da un codice univoco. D2.2 Ad un tipo di articolo sono associati i seguenti dati: codice, nome, descrizione, schema elettrico unico), tensione elettrica. D3.1 Per schema elettrico [150] si intende un documento, individuato univocamente da un codice, che contiene informazioni relative alla costruzione di un esemplare di quel tipo di articolo. D3.2 Ad uno schema elettrico sono associati i seguenti dati: codice, nome file, progettista, note. D4.1 Per articolo [a crescere, 1000] si intende un prodotto dell azienda, autonomo e vendibile ad un cliente; ogni articolo deve essere univocamente identificato da un numero di matricola e deve essere istanza di un tipo di articolo. Un articolo può esistere a magazzino senza essere assegnato ad un cliente; una volta che un articolo è assegnato ad un cliente, vi rimane associato per sempre. D4.2 Ad un articolo sono associati i seguenti dati: matricola, tipo di articolo, note, cliente. Operatore D5.1 Per operatore [10] si intende una persona che lavora nell azienda, con qualsiasi mansione. Può essere non attivo se non lavora più nell azienda avendovi lavorato in passato. D5.2 Ad un operatore sono associati i seguenti dati: codice, nome, cognome, stato di attività, costo orario, note. 1

3 Lavoro D6.1 Per lavoro [a crescere, 1500] si intende un intervento su un articolo esistente nella base di dati, a seguito di richiesta formale da parte del cliente che possiede l articolo o intende venirne in possesso per esempio effettuando un ordine). D6.2 I possibili tipi di lavoro sono: montaggio/cablaggio, riparazione, verifica, altro. D6.3 Ogni articolo deve essere associato ad uno ed uno solo lavoro di montaggio/cablaggio. Qualora un cliente ordini un articolo che ancora non esiste in base di dati, sarà necessario: 1. creare un nuovo articolo; 2. creare un nuovo lavoro di tipo montaggio/cablaggio relativo all articolo appena creato. D6.4 Ogni lavoro deve essere associato ad un responsabile ed eventualmente ad uno o più aiutanti. Questi soggetti devono essere operatori dell azienda, e per poter essere assegnati ai lavori è necessario che siano attivi. Solo il responsabile ha la possibilità di comunicare l inizio e la fine di un lavoro ed eventuali nonconformità; per il resto, può compiere le stesse operazioni che possono compiere gli aiutanti inserire ore di lavorazione). D6.5 Ad un lavoro sono associati i seguenti dati: codice, stato di esecuzione da iniziare, in corso, terminato), tipo lavoro, articolo associato, data prevista di inizio, data di inizio, data prevista di termine, data di termine, ore previste di lavoro, preventivo, prezzo, nonconformità interne nessuna, una o più), nonconformità esterne nessuna, una o più), responsabile, aiutanti, priorità bassa, normale, alta). D6.6 Per ogni lavoro deve essere possibile risalire a chi vi ha preso parte e quante ore di lavoro interne/esterne dalla ditta e ordinarie/straordinarie ognuno di questi operatori vi ha dedicato. D6.7 Ogni operatore che partecipa ad un lavoro da responsabile o da aiutante) deve poter inserire i dati di lavorazione in momenti diversi. In altri termini, può lavorare contemporaneamente su più lavori senza che nessuno di essi sia terminato. D6.8 Per nonconformità interna [1 per lavoro] si intende un inconveniente riscontrato da un operatore durante lo svolgimento di un lavoro. Ad essa sono associati i seguenti dati: tipo componenti danneggiati nel montaggio, componenti difettosi, documentazione errata, altro), note, ore di lavoro per risolverla indipendentemente da chi le svolge). D6.9 Per nonconformità esterna [1 per lavoro] si intende un inconveniente riscontrato da un cliente su un articolo in suo possesso. L insieme delle nonconformità esterne costituisce, di norma, il motivo di avvio di un lavoro di riparazione. Ad una nonconformità esterna sono associati i seguenti dati: tipo componenti danneggiati nel montaggio, componenti difettosi, documentazione errata, altro), note. Requisiti sulle operazioni O1 Inserire/modificare un cliente raro). O2 Inserire/modificare le proprieta di un articolo 3/giorno). Deve essere possibile creare più articoli dello stesso tipo nell ambito della stessa operazione. O3 Inserire/modificare un operatore raro). O4 Inserire/modificare un tipo di articolo 1/mese). 2

4 O5 Inserire/modificare uno schema elettrico 1/mese). O6 Inserire/modificare un lavoro 6/giorno). O7 Consultare la lista dei lavori associati ad un operatore, ordinata per priorità e/o per data prevista di inizio 20/giorno). Dovranno essere prodotte due sottoliste: una per i lavori di cui l operatore è responsabile, una per i lavori cui l operatore partecipa ma non è responsabile. O8 Comunicare l inizio di un lavoro da parte dell operatore che ne è responsabile, con contestuale produzione di stampe informazioni generali sul lavoro) 6/giorno). O9 Comunicare un certo numero di ore ordinarie/straordinarie dedicate ad un lavoro da parte di un operatore che vi partecipa 20/giorno). O10 Comunicare il completamento di un lavoro da parte dell operatore che ne è responsabile 6/giorno). O11 Inserire/modificare una nonconformità interna o esterna ad un lavoro da parte dell operatore responsabile 1/giorno). O12 Consultare tutti i dati relativi ad un articolo 3/giorno). O13 Consultare l elenco di tutti i lavori associati ad un articolo 5/mese). O14 Consultare il numero di articoli di un certo tipo prodotti in un certo periodo 5/mese). O15 Consultare l elenco di tutti i lavori commissionati da un cliente 2/mese). O16 Consultare l elenco di tutti i lavori completati da un operatore in un certo periodo 10/mese). O17 Inserire, da parte di un impiegato addetto non un operatore), l informazione sul prezzo di un lavoro completato 6/giorno). O18 Consultare informazioni su un lavoro: codice, stato, preventivo, prezzo, date, ore previste, ore già effettuate e da chi, nonconformità, con possibilità di stampa 1/giorno). 3

5 Glossario dei termini Termine Significato Sinonimi Collegamenti Cliente Azienda esterna che possiede un articolo o intende acquistarne - Articolo Tipo di articolo Categoria merceologica specifica - Articolo, elettrico Schema Schema elettrico Documento che contiene informazioni sulla costruzione di un esemplare di un tipo di articolo - Tipo di articolo Articolo Prodotto finale e autonomo, la cui tipologia corrisponde ad uno dei tipi di articolo. E associato ad un cliente, oppure si trova disponibile a magazzino Operatore Lavoratore dell azienda. Lavoratore, elemento del personale Lavoro Intervento su un articolo: montaggio o cablaggio, riparazione, verifica o altro - Prodotto Tipo di articolo, Cliente Lavoro Operatore, Articolo, Nonconformità Nonconformità Inconveniente riscontrato da un cliente su un articolo nonconformità esterna) o da un operatore durante lo svolgimento di un lavoro nonconformità interna) Problema, inconveniente Lavoro 4

6 Schema ER, rev. 7, 25 giugno 2003 RV1 RV2 RV3 Un articolo DEVE essere associato ad uno ed uno solo lavoro di tipo montaggio/cablaggio. L'operatore responsabile di un lavoro DEVE essere anche assegnato al lavoro di cui è responsabile. Un operatore DEVE essere attivo per poter essere assegnato ad un lavoro

7 Progetto Logos Documentazione dello schema ER, rev. 6, 23 giugno 2003 Dizionario dei dati: tipi di entità Tipo di entità Descrizione Attributi Identificatore Cliente Articolo Azienda esterna che possiede almeno un articolo o che intenda acquistarne. Prodotto finale ed autonomo, la cui tipologia corrisponde ad uno dei tipi di articolo. E associato ad un cliente, oppure si trova disponibile a magazzino. RagioneSociale, PartitaIVA, Via, CAP, Comune, Provincia, Stato, Telefono, FAX, , Note Matricola, Note TipoDiArticolo Categoria merceologica specifica., Nome, Descrizione, TensioneElettrica SchemaElettrico Documento che contiene informazioni sulla costruzione di un esemplare di un tipo di articolo., Progettista, NomeFile [nome del file in cui è memorizzato lo schema elettrico], Note Operatore Lavoratore dell azienda., Nome, Cognome, CostoOrario, Attivo, Note Lavoro Intervento su un articolo: montaggio o cablaggio, riparazione, verifica o altro. LavoroDaIniziare Specializzazione di Lavoro; si tratta di un attività non ancora iniziata. LavoroIniziato Specializzazione di Lavoro; si tratta di un attività già iniziata. LavoroInCorso LavoroTerminato NonConformità Specializzazione di LavoroIniziato; si tratta di un attività iniziata ma non conclusa Specializzazione di LavoroIniziato; si tratta di un attività conclusa. Inconveniente riscontrato su un articolo durante un lavoro. NonConfInterna Specializzazione di Nonconformità; inconveniente riscontrato da un operatore dell azienda. NonConfEsterna Specializzazione di Nonconformità; inconveniente riscontrato da un cliente., Tipo, DataInizioPrevista, DataTerminePrevista, Preventivo, OrePrevisteLavoro, Priorità, Tipo, DataInizioPrevista, DataTerminePrevista, Preventivo, OrePrevisteLavoro, Priorità, Tipo, DataInizioPrevista, DataTerminePrevista, Preventivo, OrePrevisteLavoro, Priorità, DataInizio, Tipo, DataInizioPrevista, DataTerminePrevista, Preventivo, OrePrevisteLavoro, Priorità, DataInizio, Tipo, DataInizioPrevista, DataTerminePrevista, Preventivo, OrePrevisteLavoro, Priorità, DataInizio, DataTermine, Prezzo, Tipo, Note, Tipo, Note, OreDedicate [ore impiegate per la risoluzione della nonconformità], Tipo, Note PartitaIVA Matricola 1

8 Dizionario dei dati: tipi di associazione Tipo di ass. Descrizione Entità coinvolte Attributi Possesso Intervento Tipologia Schematizzazione Responsabilità Associa un cliente ad un articolo in suo possesso. Associa un lavoro all articolo che vi è sottoposto. Associa un articolo al suo tipo di articolo. Associa un tipo di articolo al suo schema elettrico. Associa l operatore responsabile di un lavoro a quel lavoro. Assegnazione Associa un operatore ad un lavoro che deve eseguire. Problema Associa un lavoro ad una nonconformità riscontrata svolgendo quel lavoro. Cliente 0, N), Articolo 0, 1) Articolo 1, N), Lavoro 1, 1) Articolo 1, 1), TipoDiArticolo 0, N) TipoDiArticolo 1, 1), Schema 1, 1) Operatore 0, N), Lavoro 1, 1) Operatore 0, N), Lavoro 1, N) Lavoro 0, N), NonConformità 1, 1) OreInterneOrdinarie, OreEsterneOrdinarie, OreInterneStraordinarie, OreEsterneStraordinarie Vincoli di integrità RV RV1 RV2 RV3 Regola Un articolo DEVE essere associato ad uno ed uno solo lavoro di tipo montaggio/cablaggio. L operatore responsabile di un lavoro DEVE essere anche assegnato al lavoro di cui è responsabile. Un operatore DEVE essere attivo per poter essere assegnato ad un lavoro. Domini degli attributi: note generali Qui di seguito vengono documentati i domini degli attributi dei tipi di entità e dei tipi di associazione. Trovandoci al livello della progettazione concettuale, si tratta di indicazioni generiche: non vengono utilizzate sintassi specifiche come per esempio la sintassi SQL o la sintassi dei tipi di uno specifico DBMS). 2

9 Domini degli attributi: tipi di entità Tipo di entità Attributo Dominio Cliente Articolo TipoDiArticolo SchemaElettrico Operatore Lavoro PartitaIVA RagioneSociale Via CAP Comune Provincia Stato Telefono FAX Note Matricola Note Nome Descrizione TensioneElettrica Progettista NomeFile Note Nome Cognome CostoOrario Attivo Note Tipo DataInizioPrevista DataTerminePrevista Preventivo OrePrevisteLavoro Priorità [5] [2] Testo Intero autoincrementante Testo Intero autoincrementante Testo Testo Monetario Booleano Testo LavoroDaIniziare Come Lavoro Come Lavoro LavoroIniziato Come Lavoro DataInizio Intero autoincrementante {montaggio/cablaggio, riparazione, verifica, altro} Data Data Monetario Intervallo temporale {massima, alta, normale, bassa} Come Lavoro Data LavoroInCorso Come LavoroIniziato Come LavoroIniziato LavoroTerminato Nonconformità NonconfInterna Come LavoroIniziato DataTermine Prezzo Tipo Note Come Nonconformità OreDedicate Come LavoroIniziato Data Monetario Intero autoincrementante {componenti danneggiati nel montaggio, componenti danneggiati nel funzionamento, componenti difettosi, documentazione errata, altro} Testo Come Nonconformità Intervallo temporale NonconfEsterna Come Nonconformità Come Nonconformità 3

10 Domini degli attributi: tipi di associazione Tipo di associazione Attributo Dominio Assegnazione OreEsterneOrdinarie OreEsterneStraordinarie OreInterneOrdinarie OreInterneStraordinarie Intervallo temporale Intervallo temporale Intervallo temporale Intervallo temporale 4

11 Progetto Logos Carico applicativo, rev. 4, 25 giugno 2003 Considerato il principio dell 80/20, vengono qui elencate solo le operazioni che si prevede di eseguire almeno una volta al giorno. Tavola dei volumi Concetto Costrutto Volume Cliente E 50 Articolo E 1000 TipoDiArticolo E 150 SchemaElettrico E 150 Operatore E 10 Lavoro E 1500 LavoroDaIniziare E 10 LavoroIniziato E 1490 LavoroInCorso E 10 LavoroTerminato E 1480 NonConformità E 3000 NonConfInterna E 1500 NonConfEsterna E 1500 Possesso R 980 Intervento R 1500 Tipologia R 1000 Schematizzazione R 150 Responsabilità R 1500 Assegnazione R 3000 Problema R 3000 Tavola delle operazioni Operazione Tipo Frequenza O2 I 3 volte/giorno O6 I 6 volte/giorno O7 I 20 volte/giorno O8 I 6 volte/giorno O9 I 20 volte/giorno O10 I 6 volte/giorno O11 I 1 volta/giorno O12 I 3 volte/giorno O16 I 10 volte/giorno O17 I 6 volte/giorno O18 I 1 volta/giorno 1

12 Schema ER ristrutturato, rev. 5, 25 giugno 2003 RV1 RV2 RV3 Un articolo DEVE essere associato ad uno ed uno solo lavoro di tipo montaggio/cablaggio. L'operatore responsabile di un lavoro DEVE essere anche assegnato al lavoro di cui è responsabile. Un operatore DEVE essere attivo per poter essere assegnato ad un lavoro.

13 Progetto Logos Note sulla ristrutturazione dello schema ER, rev. 4, 23 giugno 2003 Analisi delle ridondanze Non vi sono ridondanze lo schema ER è infatti minimale). Le uniche operazioni che potrebbero beneficiare di una ridondanza sono quelle, peraltro non previste, di totalizzazione delle ore dedicate ad un lavoro e delle ore non retribuite di un operatore. Eliminazione delle generalizzazioni Il costrutto della generalizzazione è stato usato nello schema due volte: tipo di entità NonConformità tipo di entità Lavoro NonConformità La seguente figura mostra due delle possibili scelte nell eliminazione della generalizzazione per Non- Conformità: Figura 1: Eliminazione della generalizzazione NonConformità: a) Accorpamento delle figlie nel padre b) Accorpamento del padre nelle figlie Non si prende in considerazione l alternativa di sostituzione con associazioni in quanto essa è consigliabile solo quando gli attributi in gioco sono molti. Le operazioni coinvolte sono O11 e O18: O11 - l inserimento richiede lo stesso tempo nelle due forme di eliminazione delle generalizzazioni, ma la modifica è più veloce sulla forma b decomposizione orizzontale) O18 - tavole degli accessi nei due casi: 1

14 a) Accorpamento delle figlie nel padre Concetto Costr. Accessi Tipo Lavoro E 1 L Problema R 2 L NonConformità E 2 L b) Accorpamento del padre nelle figlie Concetto Costr. Accessi Tipo Lavoro E 1 L ProblemaInt R 1 L NonConformitàInt E 1 L ProblemaEst R 1 L NonConformitàEst E 1 L Come si vede abbiamo cinque accessi in lettura in entrambe le ristrutturazioni. In conclusione la nostra scelta sul tipo di eliminazione da adottare cade sulla modalità accorpamento del padre nelle figlie in quanto l accorpamento delle figlie nel padre spreca più memoria senza permettere una maggiore velocità. Lavoro Su 1500 lavori, 1480 sono lavori terminati in pratica il 99% del totale), quindi accorpare le figlie nel padre introduce uno spreco di memoria trascurabile e riduce il numero di accessi per le operazioni O6, O7, O8, O10, O15 e O18, rispetto alle altre alternative. Queste tra l altro richiederebbero la replicazione aggiunta di varie associazioni e vincoli con conseguente aumento della complessità e degli overhead. Partizionamento/Accorpamento di concetti Tutte le operazioni accedono a tutti gli attributi di un concetto, perciò non sono richieste decomposizioni verticali. Non vi sono decomposizioni orizzontali utili. Non ci sono attributi multivalore. L unica associazione uno-ad-uno è Schematizzazione; le entità coinvolte hanno partecipazione obbligatoria e quindi il loro accorpamento non introdurrebbe sprechi di memoria. Dato però che tutte le operazioni accedono separatamente ai due concetti conviene mantenerli separati. Valutiamo l opportunità di accorpare le due associazioni Responsabilità ed Assegnamento. L operazione è sconsigliata dal fatto che modifiche alle non conformità ed alle date di inizio o fine lavoro richiedono un preventivo controllo di responsabilità, che risulta più efficiente mantenendo separate le due associazioni. Scelta degli identificatori primari SchemaElettrico e TipoDiArticolo sono identificate esternamente l una dall altra. Per entrambe le entità risulta più adatta la chiave interna. Le altre entità hanno tutte un solo identificatore. 2

15 Schema logico, rev. 2, 24 giugno 2003

16 Progetto Logos Note sulla traduzione verso il modello logico, rev. 1, 25 giugno 2003 In questa sezione documentiamo alcune scelte effettuate durante la traduzione dello schema ER ristrutturato verso il modello logico relazionale. Consideriamo solo due casi che meritano commento; in tutte le altre occasioni non sono sorte difficoltà o non sono emerse alternative valide. Blocco TipoDiArticolo - Schematizzazione - SchemaElettrico Le cardinalità delle partecipazioni dei tipi di entità TipoDiArticolo e Schematizzazione nel tipo di associazione Schematizzazione sono entrambe 1, 1). Nella traduzione, è possibile inglobare il tipo di associazione in uno dei due tipi di entità mediante un attributo di chiave esterna. La scelta è caduta nell inserire un attributo SchemaElettrico nel tipo di entità TipoDiArticolo in quanto, così facendo, nella consultazione dei dati relativi ad un articolo, si può risalire prima al tipo di articolo e poi da questo facilmente allo schema elettrico. Non sono invece previste operazioni che richiedano di risalire dallo schema elettrico al tipo di articolo. Si noti che questi due tipi di entità non sono stati accorpati, in quanto era stato deciso di mantenerli separati in sede di ristrutturazione dello schema ER. Blocco Articolo - Possesso - Cliente Qui le cardinalità delle partecipazioni sono 0, 1) nel caso di Articolo e 0, N) nel caso di Cliente. La traduzione è stata effettuata nel modo tipico in cui si traduce un tipo di associazione uno a molti, cioè inserendo nello schema di relazione Articolo un attributo Cliente, che risulta chiave esterna riferente l attributo PartitaIVA dello schema Cliente. In questo caso, però, la cardinalità minima della partecipazione di Articolo al tipo di associazione Cliente è 0, per cui va senz altro presa in considerazione l opportunità di tradurre creando un terzo schema di relazione Possesso. Questa introduzione è molto spesso conveniente quando consente di evitare la presenza di molti valori nulli. Nel caso specifico, risulta dalla tabella dei volumi che il numero di articoli non assegnati ad un cliente è molto basso si tratta degli articoli disponibili a magazzino). L introduzione di un terzo schema di relazione Possesso, pertanto, farebbe aumentare la complessità dello schema logico senza risultare particolarmente vantaggiosa. 1

17 Progetto Logos Qualità dello schema logico, rev. 1, 25 giugno 2003 Ci proponiamo di verificare la qualità dello schema logico utilizzando gli strumenti della teoria della normalizzazione. Prima forma normale Gli schemi in 1NF sono caratterizzati dalle seguenti proprietà: tutti gli attributi possono assumere solo valori singoli in un dominio costituito da valori atomici; non esistono relazioni nidificate. Se la progettazione dello schema della base di dati viene effettuata con opportuni criteri, ponendo particolare cura nella progettazione concettuale, tutti gli schemi di relazione ottenuti dovrebbero sempre essere in 1NF. Nel nostro caso, tutti gli schemi sono in prima forma normale. Seconda forma normale Uno schema di relazione R è in 2NF se è in 1NF e se non esiste un attributo A non primo che dipende funzionalmente in modo parziale da una chiave candidata di R. Nel nostro schema di base di dati, la maggior parte degli schemi di relazione ha una sola chiave candidata, che quindi è anche chiave primaria. Fanno eccezione i seguenti schemi di relazione: Cliente, che ha chiave primaria PartitaIVA e possiede un altra chiave candidata RagioneSociale è inverosimile che esistano due clienti con la stessa ragione sociale TipoDiArticolo, che ha chiave primaria e possiede un altra chiave candidata SchemaElettrico, dal momento che nello schema ER le cardinalità della partecipazione di questi due tipi di entità alla associazione Schematizzazione sono entrambe 1, 1). SchemaElettrico, che ha chiave primaria e possiede un altra chiave candidata NomeFile. Nel caso di questi tre schemi di relazione, entrambe le chiavi candidate sono composte da un singolo attributo: per questo motivo, eventuali dipendenze funzionali verso attributi non primi sono necessariamente complete. Tutti gli altri schemi di relazione hanno un unica chiave candidata. Ad eccezione dello schema Assegnazione, tutti hanno chiave primaria formata da un unico attributo e sono quindi in 2NF. Per quanto riguarda invece lo schema di relazione Assegnazione, nessuno degli attributi non primi cioè OreInterneOrdinaria, OreEsterneOrdinarie, OreInterneStraordinarie, OreEsterneStraordinarie) dipende funzionalmente da uno solo degli attributi di chiave primaria Operatore e Lavoro. Terza forma normale Uno schema di relazione R è in 3NF se per ogni dipendenza funzionale X A non banale vale almeno una delle seguenti condizioni: X è superchiave di R; A è un attributo primo. 1

18 L unico caso in cui la proprietà di 3NF può essere discussa riguarda lo schema di relazione Cliente. In questo schema potrebbero sembrare esserci le seguenti dipendenze funzionali: Comune CAP; Comune Provincia; Comune Stato; CAP Provincia;... In realtà, i clienti possono risiedere in diversi stati. Possono esistere nomi di città uguali tra stati diversi, con provincie/regioni diverse e codici di avviamento postale diversi. Per questi motivi, le dipendenze funzionali suddette non esistono. Va detto che la grande maggioranza dei clienti è italiana, ma va anche aggiunto che questo gruppo di attributi non è di interesse per alcuna operazione. Il committente, infatti, desidera mantenere questi dati solo per completezza. 2

19 Progetto Logos Definizione SQL dello schema della base di dati, rev. 1, 24 giugno 2003 Note generali Durante l implementazione dello schema della base di dati in SQL è stato necessario effettuare alcune scelte. Per commentarle, si farà qui riferimento alla documentazione dello schema ER, nella quale si era data un indicazione sui domini degli attributi. Tipi enumerati In fase di progettazione concettuale, era emersa la necessità di assegnare ad alcuni attributi un dominio costituito da un elenco di valori. Per la breve discussione seguente faremo riferimento, come esempio, all attributo LAVORO.Tipo. Questo attributo poteva assumere uno tra i seguenti valori: montaggio/cablaggio riparazione verifica altro Sebbene sia possibile definire con SQL domini personalizzati, si è ritenuto di assegnare a questi attributi il dominio INTEGER, con un vincolo CHECK per garantire che il valore introdotto sia maggiore di 0. Nell esempio specifico: CREATE TABLE Lavoro [...] Tipo INTEGER NOT NULL CHECK Tipo > 0), [...] ) L associazione tra i numeri interi positivi e le stringhe che descrivono il valore dell attributo è demandata all applicazione. Questo permette una notevole flessibilità: qualora, in futuro, il committente decidesse di introdurre altre categorie supplementari di lavoro, non sarebbe necessario modificare lo schema della base di dati. Inoltre la rappresentazione è più compatta e le espressioni SQL di manipolazione risultano più semplici. Tipi monetari Si è optato per l utilizzo di campi DECIMAL 9, 2), con nove cifre per l importo in euro e due cifre per i centesimi. Vincoli di integrità Sebbene il DBMS da noi scelto, PostgreSQL, non supporti le clausole ASSERTION, abbiamo incluso la codifica dei vincoli di integrità anche nell implementazione SQL dello schema della base di dati. 1

20 Schema CREATE TABLE Cliente PartitaIVA VARCHAR 16) PRIMARY KEY, RagioneSociale VARCHAR 50) NOT NULL, Via VARCHAR 50), CAP CHAR 5), Comune VARCHAR 30), Provincia CHAR 2), Stato VARCHAR 14), Telefono VARCHAR 14), Fax VARCHAR 14), VARCHAR 40), Note TEXT CREATE TABLE Operatore VARCHAR 15) PRIMARY KEY, Nome VARCHAR 20) NOT NULL, Cognome VARCHAR 20) NOT NULL, CostoOrario DECIMAL 9, 2) NOT NULL, Attivo BOOLEAN NOT NULL, Note TEXT CREATE TABLE SchemaElettrico VARCHAR 30) PRIMARY KEY, NomeFile VARCHAR 30), Progettista VARCHAR 30), Note TEXT CREATE TABLE TipoDiArticolo SERIAL PRIMARY KEY, Nome VARCHAR 50) NOT NULL, Descrizione TEXT, TensioneAlimentazione VARCHAR 15), SchemaElettrico VARCHAR 30) NOT NULL REFERENCES SchemaElettrico ) ON DELETE RESTRICT ON UPDATE CASCADE 2

21 CREATE TABLE Articolo Matricola SERIAL PRIMARY KEY, TipoArticolo INTEGER NOT NULL REFERENCES TipoDiArticolo ) ON DELETE RESTRICT ON UPDATE CASCADE, Cliente VARCHAR 16) REFERENCES Cliente PartitaIVA) ON DELETE RESTRICT ON UPDATE CASCADE, Note TEXT CREATE TABLE Lavoro SERIAL PRIMARY KEY, Tipo INTEGER NOT NULL CHECK Tipo > 0), DataInizioPrevista DATE NOT NULL, DataTerminePrevista DATE NOT NULL, Preventivo DECIMAL 9, 2), OrePrevisteLavoro INTERVAL, Priorita INTEGER NOT NULL CHECK Priorita > 0), StatoEsecuzione INTEGER NOT NULL CHECK StatoEsecuzione > 0), Prezzo DECIMAL 9, 2), DataInizio DATE, DataTermine DATE, Responsabile VARCHAR 15) NOT NULL REFERENCES Operatore ) ON DELETE RESTRICT ON UPDATE CASCADE, Articolo INTEGER NOT NULL REFERENCES Articolo Matricola) ON DELETE RESTRICT ON UPDATE CASCADE CREATE TABLE Assegnazione Operatore VARCHAR 15) REFERENCES Operatore ), Lavoro INTEGER REFERENCES Lavoro ), OreInterneOrdinarie INTERVAL NOT NULL, OreEsterneOrdinarie INTERVAL NOT NULL, OreInterneStraordinarie INTERVAL NOT NULL, OreEsterneStraordinarie INTERVAL NOT NULL, PRIMARY KEY Responsabile, Lavoro) 3

22 CREATE TABLE NonConformitaEst SERIAL PRIMARY KEY, Lavoro INTEGER NOT NULL REFERENCES Lavoro ) ON DELETE CASCADE ON UPDATE CASCADE, Tipo INTEGER NOT NULL CHECK Tipo > 0), Note TEXT CREATE TABLE NonConformitaInt SERIAL PRIMARY KEY, Lavoro INTEGER NOT NULL REFERENCES Lavoro ) ON DELETE CASCADE ON UPDATE CASCADE, Tipo INTEGER NOT NULL CHECK Tipo > 0), OreDedicate INTERVAL NOT NULL, Note TEXT CREATE ASSERTION ResponsabileAssegnatoLavoro CHECK EXISTS SELECT * FROM LAVORO JOIN ASSEGNAZIONE ON LAVORO. = ASSEGNAZIONE.Lavoro WHERE LAVORO.Responsabile = ASSEGNAZIONE.Operatore ) CREATE ASSERTION ArticoloMontaggio CHECK 1 = SELECT COUNT *) FROM LAVORO JOIN ARTICOLO ON LAVORO.Articolo = ARTICOLO.Matricola WHERE LAVORO.Tipo = 1 ) 4

23 CREATE ASSERTION OperatoreAssegnatoAttivo CHECK 0 = SELECT COUNT *) FROM OPERATORE JOIN ASSEGNAZIONE JOIN LAVORO ON ASSEGNAZIONE.Operatore = OPERATORE. AND ASSEGNAZIONE.Lavoro = Lavoro. WHERE OPERATORE.Attivo = FALSE AND LAVORO.StatoEsecuzione <> 3 ) 5

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 1 Il linguaggio SQL Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 2 Introduzione SQL (Structured Query Language)

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste AEROPORTO (Città, Nazione, NumPiste) VOLO (IdVolo, GiornoSett, CittàPart, OraPart, CittàArr, OraArr, TipoAereo) AEREO (TipoAereo, NumPasseggeri, QtaMerci) Datalog - Aeroporti da cui non partono aerei per

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Progettazione Logica

Progettazione Logica PROGETTAZIONE Ricordiamo le fasi della progettazione di una Base di Dati Progett. CONCETTUALE Progett. LOGICA Progett. FISICA Ci occuperemo adesso della progettazione logica R.Gori - G.Leoni BD Relazionali

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. McGraw-Hill)

Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. McGraw-Hill) Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. cgraw-hill) Progettazione concettuale Scelta dei fatti: Fatto ORDINATO FATTURATO BUDGET Relazione

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI

SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI c 88-08-07003-4 1 Approfondimenti Capitolo 2 SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI I sistemi relazionali ad oggetti sono sistemi basati sul modello dei dati relazionale esteso con le caratteristiche tipiche

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

I class diagram. Class - names

I class diagram. Class - names I class diagram Forniscono una vista strutturale (statica) del sistema in termini di classi attributi operazioni relazioni tra classi (associazioni, generalizzazioni,...) Un class diagram rappresenta uno

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Termine Descrizione Sinonimo Collegamenti Lettore Una persona che prende in Utente

Termine Descrizione Sinonimo Collegamenti Lettore Una persona che prende in Utente Capitolo 7 Esercizio 7.1 Si desidera automatizzare il sistema di prestiti di una biblioteca. Le specifiche del sistema, acquisite attraverso un intervista con il bibliotecario, sono quelle riportate in

Dettagli

SQL. Dipartimento del Tesoro

SQL. Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro SQL 1 Database...4 1.1 COS È UN DATABASE...4 1.2 DAGLI ARCHIVI AI DBMS...5 1.3 VANTAGGI OFFERTI DAI DBMS...6 1.4 INDIPENDENZA DEI DATI DALL APPLICAZIONE...7 1.5 RISERVATEZZA NELL

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno

Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno Decomposizione di uno schema Dato uno schema relazionale R={A1,A2, An} una sua decomposizione

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli