1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI"

Transcript

1 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito di curare gli interessi di tutta la comunità che rappresentano, promuovendo lo sviluppo sociale e economico. La Provincia ha funzioni di coordinamento, pianificazione, gestione di servizi, presta assistenza tecnica ai Comuni, promuove e coordina attività, realizza opere di pubblica utilità in vari settori, coordina l erogazione di servizi alle persone. Insieme ai Comuni, elabora il Piano territoriale di coordinamento provinciale, che determina le linee generali di sviluppo e di gestione del territorio (dalla localizzazione delle infrastrutture di maggiore importanza alla definizione delle aree da destinare a parchi e riserve naturali). Alla Provincia sono affidati compiti importanti: in più recenti ha acquisito competenze di governo in materia di mercato del lavoro, collocamento, formazione professionale ed edilizia scolastica mantenendo quelli tradizionali e consolidati che riguardano l ambiente, la difesa del suolo, le strade e i trasporti nonché gli interventi per lo sviluppo economico e sociale del territorio. Sono organi della Provincia: Il Presidente; La Giunta provinciale; Il Consiglio provinciale. Organo Conferimento dell incarico Caratteristiche Funzioni Presidente Giunta provinciale Viene eletto direttamente dai cittadini e dalle cittadine contestualmente al Consiglio Provinciale con sistema elettorale a doppio turno Viene nominata dal Presidente È a capo dell amministrazione provinciale Rappresenta l Ente e l intera comunità Dura in carica 5 e può essere rieletto solo una volta E l organo esecutivo dell ente E composta dal Presidente e dagli assessori nominati dal Presidente stesso. Il Presidente nomina tra i componenti un Vice Presidente. Convocare e presiedere la Giunta; Rappresentare l ente; Sovrintendere al funzionamento degli uffici; Nominare i responsabili degli uffici e dei servizi. Collaborare con il Presidente per attuare gli indirizzi del Consiglio; Presentare proposte al Consiglio; Approva il Piano Esecutivo di Gestione; Approvare il regolamento per l ordinamento degli uffici e dei servizi. Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 41

2 Consiglio provinciale Viene eletto dai cittadini e delle cittadine contestualmente al Presidente Organi della Provincia e relative competenze E composto da 46 Consiglieri. Il Presidente, eletto tra i Consiglieri, convoca e presiede le sedute del Consiglio Partecipare alla definizione delle linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti da realizzare nel corso del mandato; Nell'ambito dell'attività di indirizzo, approvare direttive generali e mozioni e chiede alla Giunta di riferire sull'attuazione di specifici atti di indirizzo; Verificare e controllare l'attuazione delle linee programmatiche da parte del presidente della Provincia e dei singoli assessori. Nel corso del tempo, le Giunte della Provincia di Torino hanno dimostrato particolare attenzione alla rappresentanza politica delle donne. La prima donna presidente della Provincia di Torino è stata Nicoletta Casiraghi; la seconda Mercedes Bresso ( ) affiancata da 5 Assessori donne. Con il nuovo mandato politico è stata confermata una particolare attenzione alle tematiche di genere come valore fondante dell azione della Provincia. Su 15 componenti della Giunta, 8 sono le donne Assessore che collaborano con il Presidente. All interno del Consiglio provinciale sono costituite apposite Commissioni Consiliari di tipo permanente, definite nel numero, nelle competenze e nella composizione dal Consiglio Provinciale. Ciascuna Commissione nomina un Presidente e ciascun consigliere viene assegnato a 4 Commissioni permanenti. All interno di ciascuna Commissione ci sono rappresentanti sia della maggioranza sia della minoranza, in modo da rispecchiare la proporzione dei vari gruppi. Le Commissioni consiliari permanenti hanno il compito di occuparsi dell attività preparatoria, dell indirizzo e del controllo politico-amministrativo del Consiglio e di funzioni istruttorie sulle proposte di atti che rientrano nelle competenze del Consiglio stesso. Inoltre, svolgono compiti conoscitivi su temi di interesse provinciale. La Provincia di Torino ha istituito al suo interno le seguenti Commissioni Consiliari permanenti: NOME COMMISSIONE AMBITO DI COMPETENZA I Commissione Olimpiadi Eventi Straordinari - Pianificazione Strategica - Partecipazioni - Turismo - Sport II Commissione Sviluppo sostenibile - Pianificazione ambientale - Risorse Idriche - Qualità dell aria e inquinamento atmosferico, acustico ed elettromagnetico - Parchi ed aree protette III Commissione Solidarietà Sociale - Politiche Giovanili - Programmazione sanitaria - Istruzione - Formazione Scolastica - Cultura - Edilizia Scolastica IV Commissione Viabilità - Trasporti - Grandi Infrastrutture Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 42

3 V Commissione Pianificazione Territoriale - Cartografico - Urbanistica - Agricoltura - Montagna - Sviluppo Rurale Fauna e Flora - Difesa del Suolo Protezione Civile Piccoli Comuni (Assistenza agli EE.LL. 35 ) VI Commissione Formazione Professionale - Attività Economiche e Produttive - Lavoro - Attività di orientamento per il mercato del lavoro - Coordinamento Programmi Europei - Concertazione Territoriale VII Commissione Bilancio - Finanze - Personale - Provveditorato - Sistema Informativo - Patrimonio - Edilizia Generale - Espropriazioni VIII Commissione Controllo IX Commissione Pari Opportunità - Relazioni Internazionali La Commissione Consiliare di Pari opportunità è stata istituita nel 1995 e viene definita all interno dello Statuto della Provincia di Torino come organismo di parità garante della realizzazione dei principi e degli obiettivi di parità e di pari opportunità dichiarati dall Ente a livello statutario. La Commissione svolge compiti di indirizzo, promozione e partecipazione alla vita politica sul territorio provinciale e formula proposte agli Assessori competenti, per favorire la valorizzazione delle donne ed attivare forme di incentivazione nei diversi settori e ambiti di intervento della Provincia 35 Enti Locali Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 43

4 1.4.1 LA PROVINCIA E IL SISTEMA DELLE PARTECIPAZIONI La Provincia di Torino partecipa a vario titolo in 205 enti, società ed organismi vari di diritto privato e pubblico, che si possono suddividere innanzitutto in relazione alla loro natura giuridica: Un primo gruppo (definito di Tipo A) comprende gli enti con sola rappresentanza, nei quali la Provincia si limita a nominare e/o designare un/una proprio/a rappresentante in seno agli organi collegiali e sociali in virtù di norme statutarie o legislative. Ne fanno parte tra gli altri - fondazioni bancarie, comitati tecnici, commissioni, parchi naturali, IPAB (Istituzioni di pubblica assistenza e beneficenza). Sono in tutto 83 al 31 dicembre. Un secondo gruppo (definito Tipo B) è il più numeroso e annovera società, consorzi, associazioni e fondazioni nei quali la Provincia assume la veste di azionista o socio e - in quanto tale - partecipa al capitale sociale e/o al fondo di dotazione ed è titolare di diritti e doveri stabiliti dal codice civile e dagli Statuti approvati dai competenti organi provinciali. Sono in tutto di cui 27 società di capitale - al 31 dicembre. Il controvalore delle partecipazioni della Provincia di Torino è stimato in quasi 23 milioni di euro nel biennio Nel complesso, tutte le partecipazioni della Provincia di Torino concorrono a una comune azione di sviluppo e valorizzazione del patrimonio economico, sociale, culturale e architettonico del territorio dando concreta attuazione ad un ruolo di governance che appare particolarmente ricco e significativo. Per meglio comprendere la funzione che le società partecipate svolgono nell ambito del territorio della provincia di Torino e per avere un quadro di insieme che ne metta in evidenza le principali caratteristiche, si riporta di seguito una suddivisione delle società secondo l ambito di competenza nel quale operano. In base al criterio adottato, risulta che le direttrici fondamentali delle attività della Provincia di Torino per mezzo delle sue partecipate sono quattro e precisamente: l infrastrutturazione, la tutela, lo sviluppo e il marketing del territorio. Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 44

5 AMBITO NUMERO DI SOCIETÀ 36 INFRASTRUTTURAZIONE DEL TERRITORIO Realizzazione di aree industriali attrezzate, parchi tecnologici, poli integrati di sviluppo, centri servizi Servizi di trasporto Telecomunicazioni 14 4 per le autostrade 3 per il trasporto ferroviario 1 per l aeroporto 4 società TUTELA DEL TERRITORIO Tutela ambientale 7 Tutela del patrimonio storico, artistico, culturale e architettonico 14 SVILUPPO DEL TERRITORIO MARKETING Servizi alle imprese Servizi pubblici 5 10 che si occupano di servizi per la creazione di imprese 3 per la consulenza finanziaria 2 per l internazionalizzazione 12 per il trasferimento tecnologico 8 per i servizi commerciali 5 per la creazione di nuovi corsi di studio 9 per l erogazione di borse di studio Formazione e istruzione 17 per la formazione professionale 27 per l attività di ricerca, studio e diffusione del sapere scientifico, letterario, storico, politico, artistico, ambientale Marketing territoriale 14 Marketing culturale 8 Marketing sportivo 4 Relazioni interistituzionali, 16 internazionali e scambi culturali Analizzando questa classificazione, emerge che le società partecipate coprono un raggio di intervento ampio e significativo, coerente con la natura della Provincia, che ha una funzione di sostegno al sistema degli Enti locali e di coordinamento degli stessi. Pertanto, la partecipazione in alcune società che operano sul suo territorio assume per la Provincia anche questo significato. La tabella sottostante riproduce per le partecipazioni in società azionarie ed in consorzi la quota del capitale sociale che la Provincia detiene, il valore assoluto della partecipazione e la percentuale con la quale tale partecipazione incide sul portafoglio dell Ente per l esercizio : 36 Alcune società sono inserite in più categorie nel caso in cui il loro ambito di competenza sia trasversale rispetto alla classificazione proposta; inoltre, alcune operano sull intero territorio provinciale mentre altre solo in determinati contesti locali (circondari, ) Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 45

6 Denominazione Quota del capitale sociale Variaz. % Valore della partecipazione Variaz % sul portafoglio della Provincia al 31/12/ Società ATIVA s.p.a. 17,65% ,00 23,12% SITAF spa 8,69% ,04 19,23% AEM Torino S.p.A. 0,82% ,00 12,88% BIOINDUSTRY PARK S.p.A. 33,13% ,00 6,37% ICARUS S.c.p.A. 7,65% ,60 2,67% ENVIRONMENT PARK S.p.A. 11,20% ,00 2,55% C.A.A.T. S.c.p.A. 1,28% ,16 2,22% SAGAT spa 5,00% ,20 1,73% FINPIEMONTE S.p.A. 1,35% ,00 1,55% SITRACI spa 3,35% 0,00% , ,29 0,72% INCUBATORE DEL POLITECNICO SCPA 16,67% ,00 0,70% VIRTUAL REALITY & MULTIMEDIA PARK 11,29% +0,41% , ,00 0,70% S.p.A. RTM spa 15,14% +15,14% , ,00 0,57% P.I.S.T.A. S.p.A.. In liquidazione 6,29% +0,00% , ,00 0,53% AGESS VAL PELLICE S.P.A. in 9,84% -0,07% , ,98 0,37% fallimento CHIVASSO INDUSTRIA s.p.a. 15,00% ,50 0,26% SMAT spa 0,02% +0,02% , ,35 0,24% AUTOSTRADA ALBENGA- GARESSIO-CEVA 10,00% ,00 0,20% S.p.A. BANCA POPOLARE ETICA Soc. coop. 0,30% ,00 0,18% Per azioni ASSOT s.r.l. 41,47% +11,47% , ,20 0,11% CETAD s.r.l. 23,96% 0,00% , ,00 0,08% CANAVESE SVILUPPO S.p.A. 20,00% ,00 0,07% RSA srl 20,00% ,00 0,05% SOC. GEST. INCUBATORE UNIVERSITA' SCRL 25,00% ,00 0,04% 37 La società è stata costituita il , ma l effettivo versamento è avvenuto nel In fallimento Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 46

7 AGENZIA DELLA PIETRA s.r.l. 55,13% 8.600,00 0,03% AGECER srl in fallimento 56,62% 7.700,00 0,03% INTECH scrl 20,00% 5.164,57 0,02% EC BIC PIEMONTE spa 0,00% -4,93% 0, ,77 0,00% Importo totale delle partecipazioni in ,20 società Consorzi AGENZIA PER LA MOBILITA' 25,00% ,00 N.D. METROPOLITANA CONSORZIO DISTRETTO TECNOLOGICO 53,47% +4,11% , ,14 N.D. CANAVESE C.S.I. PIEMONTE 6,66% ,84 N.D. CONSORZIO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI 0,16% 7.746,85 N.D. CANAVESE CONSORZIO PRACATINAT 21,00% 3.780,00 N.D. C.U.E.A. - Consorzio per la Formaz.Univers. In N.D. N.D. N.D. Ec. Az. COREP - Consorzio ricerca ed educazione N.D. N.D. N.D. permanente CORIPE PIEMONTE N.D. N.D. N.D. Importo totale delle partecipazioni in ,69 consorzi Importo totale delle partecipazioni ,89 Sono inoltre riportate le variazioni del valore assoluto della partecipazione e del capitale sociale detenuto dalla Provincia avvenute tra il 2004 ed il. Dalla tabella si può anche notare come in tale periodo la Provincia abbia azzerato la sua partecipazione nella società EC BIC PIEMONTE spa e di come sia invece entrata in possesso del 15,14% del capitale sociale della RTM spa e dello 0,02% della SMAT spa. In allegato è possibile consultare l elenco di tutte le società partecipate dalla Provincia di Torino, che comprendono sia quelle con sola rappresentanza che quelle in cui l Ente provinciale detiene anche una quota di capitale. Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 47

8 Infine, qui di seguito si riporta il dato delle nomine effettuate dalla Provincia nel biennio negli organi amministrativi e consultivi degli enti partecipati 39 : Distribuzione per genere delle nomine 100% 80% 60% 40% 71% 83% M F 20% 0% 29% 17% 2004 Distribuzione per sesso Il grafico sopra-riportato evidenzia la distribuzione per genere di coloro che sono stati nominati/e: i dati mettono in rilievo una netta prevalenza degli uomini rispetto alle donne nell intero biennio, con un aumento ulteriore nel rispetto all anno precedente (71% nel 2004, 83% nel ). Il grafico sottostante, invece, suddivide le persone nominate in base alla fascia di età alla quale appartengono. La fascia maggiormente rappresentata - in tutto il biennio - è quella tra i 46 e i 65 e prevale notevolmente rispetto alle altre. Le fasce meno rappresentate sono quelle oltre i 66 e al di sotto dei 25. Distribuzione per fasce di età Distribuzione per fascia di età 39 I dati sono aggiornati a fine Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 48

9 Le stesse persone sono nel successivo grafico suddivise a seconda del titolo di studio che detengono: prevalgono in modo significativo i laureati per più del 70% in entrambi gli, mentre sono solo il 7% coloro che hanno raggiunto il diploma di scuola media inferiore. Distribuzione per titolo di studio 160% 140% 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% 71% 75% 24% 18% 7% 5% Laurea Media sup Media inf 2004 Distribuzione per titolo di studio Distribuzione per nomina in Provincia 180% 160% 140% 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% 8% 6% 17% 2% 77% 90% Assessore Funzion/dirig Esterno 2004 Distribuzione per ruolo rispetto alla Provincia Infine, l ultimo grafico evidenzia il rapporto che i soggetti nominati possiedono rispetto alla Provincia; seppure la maggior parte siano esterni rispetto all Ente sia nel 2004 che nell anno successivo la restante quota viene suddivisa tra assessori e funzionari/dirigenti. Questi ultimi nel sono lievemente aumentati. Documento a cura della Provincia di Torino e di S.&T. TORINO Dicembre 2006 Pagina 49

Master in analisi delle politiche pubbliche (Mapp) COREP Corso Trento 13, 10128 Torino - Tel. 011.197 03 730 - fax 011.564 51 10 E-mail: mapp@corep.

Master in analisi delle politiche pubbliche (Mapp) COREP Corso Trento 13, 10128 Torino - Tel. 011.197 03 730 - fax 011.564 51 10 E-mail: mapp@corep. Master in analisi delle politiche pubbliche (Mapp) COREP Corso Trento 13, 10128 Torino - Tel. 011.197 03 730 - fax 011.564 51 10 E-mail: mapp@corep.it 6ª edizione: 2004-2005 Tesi di Master di Stefano Pomo

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 52 Adunanza 04 dicembre 2012 OGGETTO: RAPPORTO SULL ANDAMENTO GESTIONALE DEGLI ORGANISMI PARTECIPATI DALLA PROVINCIA DI TORINO CON DATI AGGIOR-

Dettagli

Sezione 3: Programma 66 pag. 217. Per gli incombenti di direzione politica e di controllo:

Sezione 3: Programma 66 pag. 217. Per gli incombenti di direzione politica e di controllo: Sezione 3: Programma 66 pag. 217 Programma: 66 VALORIZZARE E RINFORZARE LA DIMENSIONE EUROPEA E INTERNAZIONALE DELLA PROVINCIA DI TORINO Responsabile: Per gli incombenti di direzione politica e di controllo:

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO. La Provincia di Novara, nell ambito delle proprie attività e nel rispetto di quanto assegnatole dalla vigente

CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO. La Provincia di Novara, nell ambito delle proprie attività e nel rispetto di quanto assegnatole dalla vigente CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO ART. 1 ISTITUZIONE CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO La Provincia di Novara, nell ambito delle proprie attività e nel rispetto di quanto assegnatole dalla vigente

Dettagli

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali.

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali. Aree funzionali Presidente Gabinetto della Presidenza Polizia Provinciale Rapporti Internazionali Segretario/Direttore Generale Avvocatura Area I Amministrativa Area II Finanziaria Area III Servizi alla

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA. Statuto

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA. Statuto CITTA METROPOLITANA DI GENOVA Statuto Approvato con la Deliberazione della Conferenza metropolitana di Genova n. 1 del 19 dicembre 2014 1 Sommario TITOLO I - Principi generali Articolo 1 La Città metropolitana

Dettagli

Tassi di Assenza e Presenza rilevati nel mese di Settembre 2014

Tassi di Assenza e Presenza rilevati nel mese di Settembre 2014 REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 2562 7,29 % 15,95 % 76,76 % 10001000 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE, PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE E STATISTICA 13 7,69 % 13,29 % 79,02 % 10002000 SERVIZIO AUDIT

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 INDICE TITOLO I Principi generali Art. 1 Principi generali Pag. 3 Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Territorio, sede

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

DISMISSIONE DI SOCIETA PARTECIPATE. PROCEDURA DI SELEZIONE PER ATTIVITÀ DI REDAZIONE DELLE PERIZIE ASSEVERATE DI STIMA. RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

DISMISSIONE DI SOCIETA PARTECIPATE. PROCEDURA DI SELEZIONE PER ATTIVITÀ DI REDAZIONE DELLE PERIZIE ASSEVERATE DI STIMA. RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA 303 SERVIZIO PARTECIPAZIONI www.provincia.torino.gov.it ALLEGATO A) ALLA DGP PROT. N...-20745/2014 DISMISSIONE DI SOCIETA PARTECIPATE. PROCEDURA DI SELEZIONE PER ATTIVITÀ DI REDAZIONE DELLE PERIZIE ASSEVERATE

Dettagli

Referenti della formazione

Referenti della formazione Referenti della formazione dott.ssa SANDRA BORTOLOTTI 0461.493227 D328 DIP. URBANISTICA E AMBIENTE sandra.bortolotti@provincia.tn.it D328 I022 I023 S131 S013 S109 S158 A030 DIP. URBANISTICA E AMBIENTE

Dettagli

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 "Intervento sostitutivo del Governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali a norma dell'articolo 4, comma 5, della legge 15 marzo

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI

PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI TITOLO I CRITERI DELLE GESTIONI ASSOCIATE Art. 192 Finalità della forma associata 1. In applicazione dello statuto le funzioni comunali possono essere

Dettagli

STATUTO. della. Fondazione GABRIELE CASTELLINI Scuola d Arti e Mestieri. COSTITUZIONE articolo 1

STATUTO. della. Fondazione GABRIELE CASTELLINI Scuola d Arti e Mestieri. COSTITUZIONE articolo 1 STATUTO della Fondazione GABRIELE CASTELLINI Scuola d Arti e Mestieri COSTITUZIONE articolo 1 E costituita quale persona giuridica di diritto privato senza scopo di lucro, l organizzazione denominata Fondazione

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ALUMNI SUN

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ALUMNI SUN ALLEGATO A STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ALUMNI SUN Art. 1. Denominazione e Sede Sociale 1.1 E costituita, ai sensi del Codice Civile e della Legge 07.12.2000 n. 383 recante Disciplina delle Associazioni

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

FINPIEMONTE S.p.A. Presentazione istituzionale

FINPIEMONTE S.p.A. Presentazione istituzionale FINPIEMONTE S.p.A. Presentazione istituzionale Chi siamo 2 Evoluzione storica L istituto Finanziario Piemontese fu istituito dalla Regione Piemonte nel 1977 per accelerare i processi di riconversione dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

68.563,00 0,10 CCIAA ALESSANDRIA 15.562,00 0,02 CCIAA ASTI 5.950,00 0,01 Compagine sociale

68.563,00 0,10 CCIAA ALESSANDRIA 15.562,00 0,02 CCIAA ASTI 5.950,00 0,01 Compagine sociale FINPIEMONTE PARTECIPAZIONI 1. Informazioni generali Denominazione FINPIEMONTE PARTECIPAZIONI Sede legale Corso Marconi, 10 10125 TORINO Codice fiscale/p.iva 09665690013 Forma giuridica Società Data di

Dettagli

STATUTO. del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO

STATUTO. del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO STATUTO del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO 1. - L avvocatura italiana svolge funzioni costituzionali nell ambito della giurisdizione e, nel più

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 101 0 0 - DIREZIONE GABINETTO DEL SINDACO PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 OGGETTO: NOMINA DELL ASSESSORE EMANUELE PIAZZA E RIDEFINIZIONE DELLE DELEGHE ASSESSORILI 09/12/2014 Il

Dettagli

DOSSIER LE PROVINCE ALLO SPECCHIO LE FUNZIONI, I BILANCI, I COSTI.

DOSSIER LE PROVINCE ALLO SPECCHIO LE FUNZIONI, I BILANCI, I COSTI. DOSSIER LE PROVINCE ALLO SPECCHIO LE FUNZIONI, I BILANCI, I COSTI. Roma, 20 gennaio 2012 Spesa pubblica complessiva (anno 2011): 813 miliardi di euro Settore Amministrazione Centrale Previdenza Interessi

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

PIT VALLE DEI TEMPLI INTERVENTO N 22 (A.P.)

PIT VALLE DEI TEMPLI INTERVENTO N 22 (A.P.) ALLEGATO 1 Schede analitiche dei singoli interventi comprensive delle eventuali indicazioni e orientamenti generali e delle prescrizioni dell Autorità di gestione regionale (punto 1.c), art.13 del Bando)

Dettagli

COSTI CONTABILIZZATI DEI SERVIZI (Impegni)

COSTI CONTABILIZZATI DEI SERVIZI (Impegni) Organi istituzionali 14.756,42 55,10% 14.310,01 61,37% 16.705,42 71,01% 9.139,60 34,13% 6.849,77 29,38% 5.421,61 23,05% 2.886,49 10,78% 2.156,11 9,25% 1.397,55 5,94% Totale spesa servizio 26.782,51 100%

Dettagli

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Trento ottobre 2009 a cura di Manuela Cumerlotti e Nicoletta Funaro Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Premessa La Provincia Autonoma di Trento(*)

Dettagli

STATUTO NAZIONALE. Art. 1 COSTITUZIONE

STATUTO NAZIONALE. Art. 1 COSTITUZIONE GRUPPO GIOVANI SPEDIZIONIERI STATUTO NAZIONALE Art. 1 COSTITUZIONE Nell ambito della e su iniziativa della stessa è costituito con sede in Milano il Gruppo Giovani Spedizionieri, di seguito denominato

Dettagli

dinamismo ed un forte processo d'innovazione e di promozione delle produzioni sui mercati nazionali ed

dinamismo ed un forte processo d'innovazione e di promozione delle produzioni sui mercati nazionali ed Giunta Provinciale Presidente Gerardo Mario Oliverio Gerardo Mario Oliverio è nato a San Giovanni In Fiore (CS) il 4 gennaio 1953. Eletto Presidente della Provincia di Cosenza per la coalizione di centrosinistra

Dettagli

RTD and Innovation. Italian context. Marco Mangiantini ALPS IRC Manager

RTD and Innovation. Italian context. Marco Mangiantini ALPS IRC Manager . Marco Mangiantini ALPS IRC Manager Fattori di crescita del territorio Capacità di innovare Capacità di assorbire innovazione Capacità di coordinamento territoriale Sistema ricerca pubblico Sistema di

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE

STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE Art. 1 Istituzione 1. L Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (d ora in poi ISIA) di Firenze e stato istituito in forma sperimentale

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PARCO DI PORTO CONTE

AZIENDA SPECIALE PARCO DI PORTO CONTE AZIENDA SPECIALE PARCO DI PORTO CONTE Statuto Adottato con Delibera del Consiglio Comunale di Alghero N 21 del 5.5.2000, resa esecutiva dal Provvedimento del CO.RE.CO. N 1769/021 del 21.6.2000, e approvato

Dettagli

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 35 del 29.04.2010 1 INDICE ART. 1: Oggetto del regolamento ART. 2: Valorizzazione della partecipazione

Dettagli

Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS

Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS n. mecc. 2012 03137/45 allegato 2 [testo coordinato con gli emendamenti approvati, ai sensi articolo 44 comma 2 del Regolamento Consiglio Comunale]. Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS Titolo

Dettagli

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino CURRICULUM VITAE INCARICO RESPONSABILE U.O. INFRASTRUTTURE PUBBLICHE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SALIANI Maria Leonilde Data di nascita 15.03.1965 Qualifica Istruttore

Dettagli

Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO

Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO Approvato con Delibera di Giunta n.55 del 7 settembre 2011 Art. 1 Denominazione e sede È costituita, ad iniziativa della Camera di Commercio, Industria,

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici Settore Segreteria Generale Segretario Generale: Giulio Nardi e-mail: giulio.nardi@provincia.siena.it Telefono: 0577 241360 Fax: 0577 241321 Orario di ricevimento: su appuntamento Settore Servizi Amministrativi

Dettagli

Provincia di Avellino REGOLAMENTO COMITATO PROVINCIALE DI PROTEZIONE CIVILE

Provincia di Avellino REGOLAMENTO COMITATO PROVINCIALE DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Avellino REGOLAMENTO COMITATO PROVINCIALE DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO N. 78 DEL 20/07/2006 Art. 1 Istituzione del Comitato Sulla base delle competenze attribuite

Dettagli

Dirigente - Direttore Apicale Municipio Roma VII

Dirigente - Direttore Apicale Municipio Roma VII INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALTAMURA Gaetano Data di nascita 02/11/1973 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Amministrativo Dirigente - Direttore Apicale

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970 CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO Data di nascita 13 febbraio 1970 Responsabile Area Tecnica e Tecnico Manutentiva del Comune di Lombardore (posizione D2) Tel. Ufficio:

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO COMUNE DI TORINO

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO COMUNE DI TORINO BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO COMUNE DI TORINO ANNO 2010 A cura di Comune di Torino Direzione Partecipazione Comunali STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO - ATTIVO (dati in migliaia di euro) Anno 2010 Anno

Dettagli

STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR. Articolo 1 Costituzione e sede

STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR. Articolo 1 Costituzione e sede STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR Articolo 1 Costituzione e sede 1. La Fondazione Camillo Cavour, derivante dal lascito disposto dal marchese Giovanni Visconti Venosta con disposizione testamentaria

Dettagli

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Grosseto, riconosciuta l importanza di coinvolgere

Dettagli

Gli Enti Locali: un quadro di riferimento

Gli Enti Locali: un quadro di riferimento Gli Enti Locali: un quadro di riferimento Corso di Programmazione e Controllo nelle Amministrazioni Pubbliche dott. Carlo Vermiglio Università degli Studi Roma Tre cvermiglio@uniroma3.it 03 Marzo 2008

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

Catanzaro. I numeri del comune. Abitanti* 91.028 363.979 Superficie (km 2 ) 112,72 2.415,45 Densità (ab. per km 2 ) 807,53 150,69

Catanzaro. I numeri del comune. Abitanti* 91.028 363.979 Superficie (km 2 ) 112,72 2.415,45 Densità (ab. per km 2 ) 807,53 150,69 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Catanzaro I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9..979 Superficie (km ),7., Densità (ab. per km ) 7,,9 * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*..9

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

STATUTO TITOLO I. Denominazione, Sede e Scopi

STATUTO TITOLO I. Denominazione, Sede e Scopi STATUTO TITOLO I Denominazione, Sede e Scopi Art. 1 - DENOMINAZIONE È costituita ad opera di: - San Quirico S.p.A. - ERG S.p.A. Una Fondazione denominata Fondazione Edoardo Garrone (in breve Fondazione

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche di Banca d Italia, nonché

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE SPESE IN CONTO CAPITALE

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE SPESE IN CONTO CAPITALE Funzione 03 04 05 06 FUNZIONI GENERALI DI AMM.NE, DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA,

Dettagli

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze ART. 1 Denominazione E' costituita, ai sensi dell art. 2, comma 5, Legge 29 dicembre 1993, n. 580 PromoFirenze Azienda speciale della Camera di Commercio Industria

Dettagli

LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto

LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto Articolo l Con atto 20 aprile 1951, rogato dal Notaio Capo di Roma, il Conte Vittorio Cini ha istituito, anche a nome della propria Famiglia, in ricordo della generosa

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI NAPOLI

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI NAPOLI STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI NAPOLI PARTE I Disposizioni generali Art. 1 - Natura, sede, emblema. Art. 2 - Funzioni. Art. 3 - Adesione all Unione nazionale

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE SCUOLA MATERNA REGINA MARGHERITA. Via E. Bianchetti n. 27 SAN ZENO NAVIGLIO (BS) ORIGINI. Art. 1

STATUTO FONDAZIONE SCUOLA MATERNA REGINA MARGHERITA. Via E. Bianchetti n. 27 SAN ZENO NAVIGLIO (BS) ORIGINI. Art. 1 STATUTO FONDAZIONE SCUOLA MATERNA REGINA MARGHERITA Via E. Bianchetti n. 27 SAN ZENO NAVIGLIO (BS) ORIGINI Art. 1 L Asilo Infantile del Comune di S. Zeno Naviglio ebbe il suo regolare inizio con l anno

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Allegato 3 La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Premessa Il modello di governance che viene proposto risponde ad alcuni requisiti fondamentali riconducibili al principio di

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Collocazione attuale Incarico attuale E-mail COMPAGNONE, GIUSEPPE DB1100-AGRICOLTURA DB1122-Calamità ed avversità naturali in agricoltura Attività specialistiche di applicazione

Dettagli

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi 01 Servizi istituzionali, generali e di gestione 01 Organi istituzionali Beni e servizi costo: 157.246,06 Beni e servizi costo: 16.519.667,82

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il vigente Regolamento Associazione Laureati del Politecnico di Bari emanato in data 13/2/2003 con DR n. 91;

IL RETTORE. VISTO il vigente Regolamento Associazione Laureati del Politecnico di Bari emanato in data 13/2/2003 con DR n. 91; D.R. n 148/2016 IL RETTORE VISTO il vigente Regolamento Associazione Laureati del Politecnico di Bari emanato in data 13/2/2003 con DR n. 91; VISTA la delibera del Senato Accademico del 28/10/2015 con

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor-

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor- Questo capitolo è dedicato alla descrizione del sistema di relazioni dell Ente - la governance - secondo la ormai classica tripartizione: : si tratta dell organizzazione politica e amministrativa, rispettivamente

Dettagli

La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione

La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione Pietro Lembi Centro Studi PIM Progettare il welfare nella città metropolitana Forum Terzo Settore Lombardia Milano, 21/05/2014

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 OGGETTO: PARTECIPAZIONE ATTIVA DEI CITTADINI AI PROCESSI DECISIONALI DELL'ENTE LOCALE. APPROVAZIONE REGOLAMENTO 'BILANCIO PARTECIPATIVO' L anno 2013,

Dettagli

della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA

della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA Il testo del presente Statuto è aggiornato a seguito della deliberazione del Consiglio camerale n. 7/07 del 26.3.2007 Lo Statuto

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

GABINETTO DELLA PRESIDENZA

GABINETTO DELLA PRESIDENZA FUNZIONIGRAMMA GABINETTO DELLA PRESIDENZA GABINETTO DELLA PRESIDENZA Comunicazione e URP Servizi culturali e Valorizzazione Beni del Territorio Unità Operativa Comunicazione e URP Supporto alle attività

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ^^^^^^^^^^^^^^ INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 - PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA 2 - REQUISITI FONDAMENTALI

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o Assonautica Provinciale di Imperia S t a t u t o Art. 1 Denominazione e natura giuridica L Associazione provinciale per la nautica da diporto di Imperia, denominata Assonautica provinciale di Imperia,

Dettagli

Accademia di Belle Arti L Aquila STATUTO INDICE TITOLO I Principi Generali e Direttivi Art. 1 - Finalità e funzioni Art. 2 Autonomia Didattica e di

Accademia di Belle Arti L Aquila STATUTO INDICE TITOLO I Principi Generali e Direttivi Art. 1 - Finalità e funzioni Art. 2 Autonomia Didattica e di Accademia di Belle Arti L Aquila STATUTO INDICE TITOLO I Principi Generali e Direttivi Art. 1 - Finalità e funzioni Art. 2 Autonomia Didattica e di ricerca Art. 3 Pari opportunità Art. 4 Ricerca, istruzione

Dettagli