/////////////////////////////////// /// ESERCIZI SUI SEMAFORI /// /// Stefano Ferretti /// ///////////////////////////////////

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "/////////////////////////////////// /// ESERCIZI SUI SEMAFORI /// /// Stefano Ferretti /// ///////////////////////////////////"

Transcript

1 /////////////////////////////////// /// ESERCIZI SUI SEMAFORI /// /// Stefano Ferretti /// /////////////////////////////////// Soluzione al Problema del Barbiere Possiamo vedere questo problema come un problema di produttore-consumatore. I produttori sono i clienti, che producono se stessi. E il consumatore è il barbiere, che consuma un cliente alla volta. Innanzitutto, dobbiamo descrivere la vita del barbiere e dei clienti, perchè non è esattamente specificata: process Barbiere { while (true) { attendi cliente // taglia capelli libera poltrona process Cliente { verifica se c'è posto, altrimenti esci attendi turno // fatti tagliare i capelli E questo è il programma: Semaphore mutex = new Semaphore(1); Semaphore clientedisponibile = new Semaphore(0); Semaphore poltrona = new Semaphore(0); int sedielibere = N; process Barbiere { while (true) { clientedisponibile.p(); // taglia capelli poltrona.v(); process Cliente { if (sedielibere==0) { return; sedielibere--; clientedisponibile.v(); poltrona.p(); sedielibere++; // Fatti tagliare i capelli // e poi esci

2 Nome: Semafori Barriera abbiamo già visto (nei lucidi) un esempio in cui 2 processi si sincronizzano attraverso una sorta di "barriera" fatta di una sequenza di operazioni V() e P() su 2 semafori. Ora se ci chiedessimo di sincronizzare tramite una barriera 3 processi P, Q, R, come potremmo fare? // riporto qui la versione a 2 processi per rinfrescarci la memoria s1, s2 semafori generali iniz. a 0 process P process Q s2.v() s1.v() // P da il via a Q e viceversa s1.p() s2.p() // P aspetta il via da Q e viceversa // fine versione a 2 processi s1, s2, s3 semafori generali iniz. a 0 process P process Q process R s2.v() s1.v() s1.v() s3.v() s3.v() s2.v() s1.p() s2.p() s3.p() s1.p() s2.p() s3.p() Guardando al codice dei tre processi, sembrerebbe che non facciano nulla (non stampano, non fanno calcoli, etc.). Quello che fanno i tre processi è sincronizzarsi uno con l'altro. Dobbiamo immaginare che vi sia del codice prima e dopo le invocazioni delle primitive dei semafori, rappresentato da. Ognuno di loro potrà proseguire solo quando ognuno degli altri avrà eseguito le due V() - ovvero, quando avrà superato il codice che si trova prima. Nome: Semafori Interleaving Il seguente programma concorrente, a seconda dell'interleaving fra i due processi, può stampare una o più stringhe. Indicare quali Nota: tutti i semafori sono generali e inizializzati a 0. process P { s1.v(); print F; s1.p(); s2.v(); s1.p(); print C;

3 process Q { print G; s2.p(); print D; s1.v(); La risposta semplice a questa domanda è: FGDC, GFDC. La risposta completa dovrebbe mostrare il reticolo delle azioni, per dimostrare che effettivamente avete capito cosa state facendo. Nome: Semafori Interleaving 2 Cosa fa questo programma concorrente? (s1, s2 semafori, entrambi inizializzati a 0) process P { s1.v(); s2.p(); print O s2.p(); print D s1.v(); process Q { s1.p(); print L; s2.v(); s2.v(); s1.p(); print E Risposta veloce: stampa "LODE"; la risposta completa dovrebbe fare vedere il reticolo dei possibili passi. Nome: letargo spontaneo Contesto: un processo vuole decidere autonomamente di sospendersi; qualunque altro processo puo' svegliarlo ma solo *dopo* che si e' addormentato Soluzione: Semaphore sosp = 0; // semaforo di sospensione bool sleeping = false; // mutex process P { // che si vuole sospendere autonomamente

4 sleeping = true; sosp.p(); // si sospende perche' S vale sempre 0 process Q { // che vuole svegliare P solo se P e' gia' sospeso? if (sleeping) { sleeping = false; sosp.v(); // scelta possibile: passaggio del testimone o meno Nome: Sezione Critica con risorse condivise Contesto: abbiamo una o piu' risorse condivise e l'accesso a tali risorse deve avvenire in mutua esclusione Soluzione base (già vista ampiamente): // inizializzato a 1 // entrare in sezione critica // lasciare la sezione critica Problema: A volte e' necessario valutare il valore delle risorse condivise per sapere se sia possibile o meno proseguire nella computazione. // chiamiamo la condizione da valutare sui dati condivisi "C(shared)" Soluzione 1 errata: shared dato; if (C(shared) { // NO! Non sono in sezione critica. Dato alterabile. // entrare in sezione critica // lasciare la sezione critica Soluzione 2 errata: Semaphore sosp = 0; // semaforo di sospensione shared dato; // entrare in sezione critica if (C(shared) { else { sosp.p(); // deadlock: nessun altro entrera' mai piu' in sezione critica

5 // lasciare la sezione critica Soluzione 3 (sub-ottimale, alla Java): Semaphore sosp = 0; // semaforo di sospensione shared dato; // entrare in sezione critica while (!C(shared) { // lascio la sezione critica sosp.p(); <-- qua si puo' inserire qualcuno che cambia shared // lasciare la sezione critica Il processo che risveglia il processo sospeso esegue il seguente codice: // entra in sezione critica.. // altera i dati condivisi fra cui shared sosp.v(); // nel dubbio risveglio l'altro processo. Problemi: starvation, spreco di CPU, no FIFO Soluzione 4: (Uso il passaggio del testimone) Semaphore sosp = 0; // semaforo di sospensione shared dato; // entrare in sezione critica if (!C(shared) { // lascio la sezione critica sosp.p(); // ASSUMIAMO DI ESSERE IN SEZIONE CRITICA AL RISVEGLIO // QUA SIAMO CERTI CHE C(shared) VALGA! // lasciare la sezione critica Sia il seguente codice quello eseguito dal processo che risveglia il processo precedente. mutex.p(m); // entra in sezione critica.. // altera i dati condivisi fra cui shared if(c(shared)) { sosp.v(); // RISVEGLIA L'ALTRO PROCESSO E PASSA LA SEZIONE CRITICA. else { Problema ulteriore: La soluzione precedente si basa sull'assunzione che la condizione

6 C(shared) sia valutabile esclusivamente a partire dai dati condivisi. Questo perche' deve essere valutata da entrambi i processi. Come fare quando la condizione coinvolge anche dati non condivisi? Caso A: i dati sono sensibili e non li vogliamo condividere. Soluzione: si torna alla soluzione alla Java. Caso B: i dati non sono sensibili e possono essere condivisi Caso B.1: non mi costa troppo (in spazio) condividere sempre tutti i dati Problemi: a) spreco di memoria (forse) b) aumenta la possibilita' di bug/errori Caso B.2: Osservazione: al processo che deve risvegliare non servono i dati privati di tutti gli altri processi, ma solo quelli del processo che si e' sospeso. Soluzione: il processo che si sospende subito prima di rilasciare la sezione critica condivide i suoi dati privati che servono a testare la condizione. Soluzione alternativa ai filosofi a cena I Semaphore sem_filosofo[5] = {0,., 0; bool b_libera[5] = {1,., 1; // dice se la bacchetta è libera bool sospeso[5] = {0,., 0; // dice se il filosofo attende le bacchette Philo[i] { while (1) { pensa(); prendi_bacchette(i); mangia(); rilascia_bacchette(i); void prendi_bacchette(int i) { if (!b_libera[i]!b_libera[(i+1)%5]) { sospeso[i] = 1; // il processo si sospende sem_filosofo.p(); // PASSAGGIO DEL TESTIMONE b_libera[i] = 0; b_libera[(i+1)%5] = 0; void rilascia_bacchette(int i) { b_libera[i] = 1; b_libera[(i+1)%5] = 1; // ho 4 possibilità: // 1 - sia il filosofo a dx che quello a sx sono affamati e ci sono le

7 bacchette // 2 - il filosofo a dx è affamato e ci sono le bacchette // 3 - il filosofo a sx è affamato e ci sono le bacchette // 4 - nessuno dei 2 può mangiare if (b_libera[(i-1)%5] == 1 && sospeso[(i-1)%5] == 1) { sem_filosofo[(i-1)%5].v(); // PASSAGGIO DEL TESTIMONE if (b_libera[(i+2)%5] == 1 && sospeso[(i+1)%5) { sem_filosofo[(i+1)%5].v(); // PASSAGGIO DEL TESTIMONE else { else if (b_libera[(i+2)%5 == 1 && sospeso[(i+1)%5) { sem_filosofo[(i+1)%5].v(); // PASSAGGIO DEL TESTIMONE // start_nb: è necessario questo codice sotto? if (b_libera[(i-1)%5] == 1 && sospeso[(i-1)%5) { sem_filosofo[(i-1)%5].v(); // PASSAGGIO DEL TESTIMONE else { // end_nb: prendendo e rilasciando la mutex, forse sono più fair // nel (ri)controllare se svegliare il filosofo (i+1) else { Soluzione alternativa ai filosofi a cena II #define N 5 /* Numero di filosofi */ #define RIGHT(i) (((i)+1) % N) #define LEFT(i) (((i)==n)? 0 : (i)+1) // questa soluzione non usa l'idea di bacchette, ma setta lo stato dei filosofi typedef enum { THINKING, HUNGRY, EATING stato_filosofo; stato_filosofo state[n]; Semaphore sem_filosofo[n]; /* uno per filosofo, inizializzati a 0 */ /* Questa è la funzione principale, dato un filosofo "i", controlla quello che sta facendo il filosofo a destra e a sinistra. Il trucco qui è che se verifica che "i" può mangiare, allora setta il suo stato a EATING e chiama una V() sul semaforo privato di "i". La cosa è un po' oscura, nel senso che troviamo qui una V() senza una P() nella stessa porzione di codice (la relativa P() la troviamo in get_forks()). */ void test(int i) { if ( state[i] == HUNGRY && state[left(i)]!= EATING && state[right(i)]!= EATING ) { state[i] = EATING; sem_filosofo[i].v();

8 void get_forks(int i) { state[i] = HUNGRY; test(i); // se la condizione in test(i) precedente è stata verificata, allora // è stata preventivamente eseguita una sem_filosofo[i].v();, per cui // i non si bloccherà nella P() qui sotto // in caso contrario, il processo si blocca e potrà essere risvegliato // durante l'esecuzione di put_forks() da parte di un filofoso vicino sem_filosofo[i].p(); void put_forks(int i) { state[i]= THINKING; test(left(i)); test(right(i)); void philosopher(int process) { while(1) { think(); get_forks(process); eat(); put_forks(process); /* Nelle versioni precedenti un filosofo può cambiare lui lo stato del suo fiolosofo vicino. Se la cosa non ci piace, dobbiamo creare un'altra versione, in cui ogni volta che un filosofo rilascia le bacchette, sveglia il filosofo accanto, che dovrà controllare se ha la possibilità di prendere 2 bacchette. Questa possibilità non è sempre verificata, per cui il filosofo potrebbe essere stato svegliato per niente. */ Soluzione alternativa ai filosofi a cena III (sub-ottimale, ma che consente l'incapsulamento dello stato dei filosofi) void get_forks(int i) { state[i] = HUNGRY; while ( state[i] == HUNGRY ) { // controllo se posso mangiare if ( state[i] == HUNGRY && state[left]!= EATING && state[right(i)]!= EATING ) { state[i] = EATING; sem_filosofo[i].v(); // grazie a questa V() non mi bloccherò nella P() successiva sem_filosofo[i].p(); // se sto mangiando (entrato nell'if precedente) non mi blocco,

9 // altrimenti mi blocco e aspetto che mi risvegli un vicino void put_forks(int i) { state[i]= THINKING; if ( state[left(i)] == HUNGRY ) sem_filosofo[left(i)].v(); // lo sveglio affichè controlli se puà mangiare if ( state[right(i)] == HUNGRY) sem_filosofo[right(i)].v(); // lo sveglio affichè controlli se puà mangiare void philosopher(int process) { while(1) { think(); get_forks(process); eat(); put_forks(); Problema: i processi debbono risvegliarsi in ordine non FIFO Soluzione: invece di usare un unico semaforo S su cui tutti si sospendono, ogni processo ha un proprio semaforo S[i], sul quale si sospende facendo S[i].P(). Chi lo vuole risvegliare lo fa con S[j].V(). Problema: da dove ricava j? Idea: quando il processo "i" si sospende prima pubblica il proprio pid() i in una qualche struttura dati. Il processo che vuole risvegliare pesca da questa struttura dati con una politica!= FIFO. Esempio: coda con priorita' (2) bool libero = 1; queue coda[n]; // N e' il numero di priorita' Semaphore S[M]; // M e' il numero di processi nel sistema Process P[i,p] { // processo di indice i con priorita' p if (!libero) { queue[p].push(i); S[i].P(); else {.. // viene servito int k = 0; int svegliato = 0; while (!svegliato && k<n) { if (empty(queue[k])) k++;

10 else { // c'è qualcuno da riattivare j = queue[k].pop(); svegliato = 1; S[j].V();

Sincronizzazione. Problemi di sincronizzazione tipici Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Sincronizzazione. Problemi di sincronizzazione tipici Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sincronizzazione Problemi di sincronizzazione tipici Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Produttore-Consumatore Produttore e consumatore con memoria limitata Utilizza

Dettagli

Sincronizzazione. Problemi di sincronizzazione tipici Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Sincronizzazione. Problemi di sincronizzazione tipici Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sincronizzazione Problemi di sincronizzazione tipici Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Produttore-Consumatore Produttoree consumatorecon memorialimitata Utilizzaun

Dettagli

Sistemi operativi - Concetti ed esempi -Settima edizione

Sistemi operativi - Concetti ed esempi -Settima edizione Capitolo 6: Sincronizzazione dei processi Capitolo 6: Sincronizzazione dei processi Introduzione Problema della sezione critica Soluzione di Peterson Hardware per la sincronizzazione Semafori Problemi

Dettagli

ESERCIZIO SincrAmbGlob-1

ESERCIZIO SincrAmbGlob-1 ESERCIZI DI SINCRONIZZAZIONE TRA THREAD CON SEMAFORI ESERCIZIO SincrAmbGlob-1 Si consideri un sistema nel quale è definito il semaforo sem1 e i thread P1, P2 e P3. Al tempo t il semaforo sem1 ha la seguente

Dettagli

Esercizi di utilizzo del semaforo semplice di competizione per l'uso di una risorsa comune

Esercizi di utilizzo del semaforo semplice di competizione per l'uso di una risorsa comune Esercizi di utilizzo del semaforo semplice di competizione per l'uso di una risorsa comune a) Uso di una risorsa condivisa Siano P 1, P 2, P 3,, P k i processi che condividono l uso di una risorsa comune

Dettagli

Problema dei Fumatori di sigarette. Problema dei Fumatori di sigarette. Problema dei Fumatori di sigarette

Problema dei Fumatori di sigarette. Problema dei Fumatori di sigarette. Problema dei Fumatori di sigarette 1 3 processi fumatori 1 processo tabaccaio Ogni fumatore esegue ripetutamente un ciclo in cui prepara una sigaretta e poi la fuma Per preparare la sigaretta un fumatore ha bisogno di 3 ingredienti (risorse):

Dettagli

Sushi bar problem. The Little Book of Semaphores by Allen B. Downey

Sushi bar problem. The Little Book of Semaphores by Allen B. Downey Sushi bar problem The Little Book of Semaphores by Allen B. Downey http://greenteapress.com/semaphores/ 1 Sushi bar problem Immaginiamo di avere un sushi bar con 5 sedie. Se un cliente arriva e c'è una

Dettagli

Lettori e scrittori, Barbiere sonnolento

Lettori e scrittori, Barbiere sonnolento DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 Lettori e scrittori, Barbiere sonnolento Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 14 maggio 2012 Lettori e scrittori Problema che riproduce una situazione

Dettagli

Monitor [Hoare 74] Costrutto sintattico che associa un insieme di procedure/funzioni (entry) ad una struttura dati comune a più processi.

Monitor [Hoare 74] Costrutto sintattico che associa un insieme di procedure/funzioni (entry) ad una struttura dati comune a più processi. Monitor [Hoare 74] Costrutto sintattico che associa un insieme di procedure/funzioni (entry) ad una struttura dati comune a più processi. Il compilatore può verificare che esse siano le sole operazioni

Dettagli

Monitor [Hoare 74] Uso del monitor

Monitor [Hoare 74] Uso del monitor Monitor [Hoare 74] Costrutto sintattico che associa un insieme di procedure/funzioni (entry) ad una struttura dati comune a più processi. Il compilatore può verificare che esse siano le sole operazioni

Dettagli

Problematiche dello scambio di messaggi Produttore-consumatore con scambio di messaggi

Problematiche dello scambio di messaggi Produttore-consumatore con scambio di messaggi Scambio di messaggi Comunicazione non basato su memoria condivisa con controllo di accesso. Meccanismi di sincronizzazione Scambio di messaggi Basato su due primitive (chiamate di sistema o funzioni di

Dettagli

Esercitazione 15. Il problema dello Sleeping Barber

Esercitazione 15. Il problema dello Sleeping Barber Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Sistemi Operativi Corsi A e B Esercitazione 15 Il problema dello Sleeping Barber E dato un salone di barbiere,

Dettagli

Hilzer s Barbershop problem

Hilzer s Barbershop problem The Little Book of Semaphores by Allen B. Downey http://greenteapress.com/semaphores/ Versione più complicata del classico problema del barbiere 1 Il nostro barbershop ha tre sedie, tre barbieri, e un'area

Dettagli

Sincronizzazione Le sezioni scritiche

Sincronizzazione Le sezioni scritiche Sincronizzazione Le sezioni scritiche Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Ambiente di sviluppo Concorrenza e sincronizzazione Programmazione concorrente (tramite

Dettagli

Sistemi Operativi. Lezione 7-bis Esercizi

Sistemi Operativi. Lezione 7-bis Esercizi Sistemi Operativi Lezione 7-bis Esercizi Esercizio Problema dei lettori e scrittori Un insieme di processi condivide un file dal quale alcuni possono solo leggere i dati, altri solo scriverli Più lettori

Dettagli

Sistemi Operativi e Laboratorio, Prova del 6/4/2017 versione A

Sistemi Operativi e Laboratorio, Prova del 6/4/2017 versione A Nome: Cognome: Matricola: corso: fila: posto: Esercizio 1 (5 punti) Si consideri un processore che dispone dei registri speciali PC (program counter) e PS (program status), dello stack pointer SP e dei

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Il monitor. Sistemi Operativi T AA

Il monitor. Sistemi Operativi T AA Il monitor Sistemi Operativi T AA 2009-2010 1 Costrutti linguistici per la sincronizzazione I semafori costituiscono un meccanismo molto potente per la sincronizzazione dei processi. Tuttavia, il loro

Dettagli

Java Virtual Machine. Indipendenza di java dalla macchina ospite. I threads in Java

Java Virtual Machine. Indipendenza di java dalla macchina ospite. I threads in Java programmi sorgente: files.java compilatore Indipendenza di java dalla macchina ospite Programmi java Programmi java Programmi java files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class

Dettagli

SEMAFORI SEMAFORI. Sul semaforo sono ammesse solo due operazioni (primitive)

SEMAFORI SEMAFORI. Sul semaforo sono ammesse solo due operazioni (primitive) SEMAFORI 1 SEMAFORI Variabile intera non negativa con valore iniziale >= 0 Al semaforo è associata una lista di attesa Qs nella quale sono posti i descrittori dei processi che attono l autorizzazione a

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Chiamata di procedura remota

Chiamata di procedura remota Con gli strumenti gia` visti, si puo` realizzare come segue: lato chiamante: send asincrona immediatamente seguita da una receive lato chiamato: una receive seguita, al termine dell azione richiesta, da

Dettagli

SOLUZIONE. ESERCIZIO PRODUTTORE CONSUMATORE (semafori)

SOLUZIONE. ESERCIZIO PRODUTTORE CONSUMATORE (semafori) ESERCIZIO PRODUTTORE CONSUMATORE (semafori) In un sistema operativo, i thread A (produttore) e B (consumatore) cooperano scambiandosi messaggi attraverso un buffer di 10 celle, ciascuna capace di contenere

Dettagli

Porto Renzo Davoli, Alberto Montresor

Porto Renzo Davoli, Alberto Montresor Porto Nel porto di PincoPallo ci sono quattro moli e su ogni molo una gru. Ogni gru è abilitata a scaricare una certa tipologia di container (indicate da 0 a 3) I mercantili possono portare carichi composti

Dettagli

LE STRUTTURE DATI DINAMICHE: GLI ALBERI. Cosimo Laneve

LE STRUTTURE DATI DINAMICHE: GLI ALBERI. Cosimo Laneve LE STRUTTURE DATI DINAMICHE: GLI ALBERI Cosimo Laneve 1 argomenti 1. definizione di alberi e nozioni relative 2. implementazione degli alberi, creazione, visita 3. algoritmo di visita iterativa e sua implementazione

Dettagli

Il monitor. Costrutti linguistici per la sincronizzazione

Il monitor. Costrutti linguistici per la sincronizzazione Il monitor 1 Costrutti linguistici per la sincronizzazione I semafori costituiscono un meccanismo molto potente per la sincronizzazione dei processi. Tuttavia, il suo uso può risultare troppo a basso livello.

Dettagli

Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002. Sistemi Operativi Corsi A e B. Esercitazioni 7 e 8

Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002. Sistemi Operativi Corsi A e B. Esercitazioni 7 e 8 Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Sistemi Operativi. Lezione 7 Comunicazione tra processi

Sistemi Operativi. Lezione 7 Comunicazione tra processi Lezione 7 Comunicazione tra processi Introduzione La soluzione sw al problema della mutua esclusione è abbastanza complessa Algoritmo di Peterson La soluzione hw mediante disabilitazione degli interrupt

Dettagli

Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione. Soluzioni ai problemi di Mutua EsclusionePrimitive di sincronizzazione

Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione. Soluzioni ai problemi di Mutua EsclusionePrimitive di sincronizzazione Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione Soluzioni basate su primitive di sincronizzazione Le primitive di sincronizzazione piú comuni sono: Lock (mutex) - realizzati in

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry, o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Decima Esercitazione. Accesso a risorse condivise tramite Monitor Java

Decima Esercitazione. Accesso a risorse condivise tramite Monitor Java Decima Esercitazione Accesso a risorse condivise tramite Monitor Java 1 Agenda Esempio 1 La banca: gestione di una risorsa condivisa da più thread, con politica prioritaria Esercizio 2 da svolgere Accesso

Dettagli

Sincronizzazione. Soluzioni software Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Sincronizzazione. Soluzioni software Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sincronizzazione Soluzioni software Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Specifiche Le soluzioni software al problema della si basano sull utilizzo di variabili

Dettagli

Cooperazione tra Processi

Cooperazione tra Processi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Esercizio sul Monitor. Ponte con utenti grassi e magri 11 Novembre 2013

Esercizio sul Monitor. Ponte con utenti grassi e magri 11 Novembre 2013 Esercizio sul Monitor Ponte con utenti grassi e magri 11 Novembre 2013 1 Ponte con utenti grassi e magri Si consideri un ponte pedonale che collega le due rive di un fiume. Al ponte possono accedere due

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica. La ricorsione

Corso di Fondamenti di Informatica. La ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica La ricorsione La ricorsione Si dice che un oggetto (una struttura dati, una funzione matematica, un concetto ) è ricorsivo se è possibile darne una definizione in termini

Dettagli

Architettura degli Elaboratori 2

Architettura degli Elaboratori 2 Architettura degli Elaboratori 2 Esercitazioni 2 Grafo di allocazione delle risorse Comunicazione tra processi A. Memo - 2004 Grafo di allocazione delle risorse è uno strumento grafico utile per l individuazione

Dettagli

Thread in Java. Thread = flusso di esecuzione indipendente nel codice del programma

Thread in Java. Thread = flusso di esecuzione indipendente nel codice del programma Thread in Java Thread = flusso di esecuzione indipendente nel codice del programma Come si può realizzare il concetto di Thread in Java? Seguendo la filosofia OO: sono oggetti particolari ai quali si richiede

Dettagli

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 6 - Blocchi e cicli Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Esercitazione n 2. Obiettivi

Esercitazione n 2. Obiettivi Esercitazione n 2 Obiettivi Progettazione di una applicazione Java Utilizzo di classi come schemi Utilizzo di costruttori Utilizzo di stringhe Uguaglianza tra oggetti Utilizzo di classi come componenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E METODI MATEMATICI Corso di Laurea in Ingegneria Informatica/Meccanica Esame di Sistemi Operativi a.a. 2008-09 (Modulo di

Dettagli

Le strutture di controllo in C++

Le strutture di controllo in C++ Le strutture di controllo in C++ Docente: Ing. Edoardo Fusella Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell Informazione Via Claudio 21, 4 piano laboratorio SECLAB Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Sincronizzazione. Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Sincronizzazione. Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sincronizzazione Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Soluzioni hardware Le soluzioni hardware al problema della SC possono essere classificate

Dettagli

LinuxThreads. LinuxThreads: monitor & variabili condizione

LinuxThreads. LinuxThreads: monitor & variabili condizione LinuxThreads Variabili Condizione LinuxThreads: monitor & variabili condizione Lo standard POSIX 1003.1c (libreria ) non implementa il costrutto Monitor ma implementa i mutex implementa le variabili

Dettagli

Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo

Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Linguaggi di programmazione Un linguaggio formale disegnato per descrivere la computazione Linguaggi ad alto livello C, C++, Pascal, Java,

Dettagli

Monitor. Le procedure entry sono le sole operazioni che possono essere utilizzate dai processi per accedere alle variabili comuni.

Monitor. Le procedure entry sono le sole operazioni che possono essere utilizzate dai processi per accedere alle variabili comuni. Monitor Costrutto sintattico che associa un insieme di procedure ad una struttura dati comune a più processi. Il compilatore può verificare che esse siano le sole operazioni permesse su quella struttura.

Dettagli

Il semaforo. Strumento linguistico di basso livello per risolvere problemi di sincronizzazione.

Il semaforo. Strumento linguistico di basso livello per risolvere problemi di sincronizzazione. Il semaforo 1 Il semaforo Strumento linguistico di basso livello per risolvere problemi di sincronizzazione. Il meccanismo semaforico e` normalmente utilizzato a livello di macchina concorrente per realizzare

Dettagli

SOLUZIONE. <l auto arriva all ingresso I> while PostiDisponibili == 0

SOLUZIONE. <l auto arriva all ingresso I> while PostiDisponibili == 0 ESERCIZIO parcheggio Un parcheggio per auto della capacità di 10 posti è dotato di un unico ingresso I e un unica uscita U. L ingresso e l uscita sono controllate da sbarre. Le auto sono thread di uno

Dettagli

Il semaforo. Strumento linguistico di basso livello per risolvere problemi di sincronizzazione.

Il semaforo. Strumento linguistico di basso livello per risolvere problemi di sincronizzazione. Il semaforo 1 Il semaforo Strumento linguistico di basso livello per risolvere problemi di sincronizzazione. Il meccanismo semaforico e` normalmente utilizzato a livello di macchina concorrente per realizzare

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 6: Problemi classici della programmazione concorrente

Sistemi Operativi. Lez. 6: Problemi classici della programmazione concorrente Sistemi Operativi Lez. 6: Problemi classici della programmazione concorrente Produttore e consumatore Uno dei problemi classici della programmazione concorrente è il problema del produttore consumatore.

Dettagli

Interazione tra Processi. Sistemi Operativi T AA

Interazione tra Processi. Sistemi Operativi T AA Interazione tra Processi Sistemi Operativi T AA 2009-2010 1 Classificazione: Processi interagenti processi interagenti/indipendenti: due processi sono interagenti se l esecuzione di un processo è in alcun

Dettagli

Le risorse. Alcune definizioni

Le risorse. Alcune definizioni Le risorse Dicesi risorsa un qualunque oggetto, fisico o logico, di cui un processo necessita per portare a termine la sua evoluzione. Poiché un processo evolve eseguendo istruzioni (procedure), una risorsa

Dettagli

DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione. La cena dei filosofi. Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN. 14 maggio 2012

DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione. La cena dei filosofi. Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN. 14 maggio 2012 DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 La cena dei filosofi Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 14 maggio 2012 Il problema dei filosofi a cena Il problema dei filosofi a cena Il problema:

Dettagli

Introduzione alla programmazione

Introduzione alla programmazione Introduzione alla programmazione Risolvere un problema Per risolvere un problema si procede innanzitutto all individuazione Delle informazioni, dei dati noti Dei risultati desiderati Il secondo passo consiste

Dettagli

Condivisione. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Es.: produttore -- consumatore. Es.: produttore -- consumatore. Es.: produttore -- consumatore

Condivisione. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Es.: produttore -- consumatore. Es.: produttore -- consumatore. Es.: produttore -- consumatore Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Sincronizzazione dei Processi Condivisione I processi di un SO possono cooperare Tipicamente condividono dati e file Si rendono necessari meccanismi che garantiscano

Dettagli

Informatica 1. Prova di recupero 21 Settembre 2001

Informatica 1. Prova di recupero 21 Settembre 2001 Informatica 1 Prova di recupero 21 Settembre 2001 Si risolvano i seguenti esercizi. Ai fini della determinazione del voto finale il loro punteggio andrà sommato al punteggio del laboratorio. Il tempo complessivo

Dettagli

Esercizi Esercizi Università di Salerno

Esercizi Esercizi Università di Salerno Sistemi Operativi: Prof.ssa A. Rescigno Anno Acc. 2015-2016 Esercizi Esercizi Università di Salerno 1. In un sistema si possono presentare solo due tipi di processi: lettori P l e scrittori P s. Dove i

Dettagli

Alberi. Gli alberi sono una generalizzazione delle liste che consente di modellare delle strutture gerarchiche come questa: Largo. Fosco.

Alberi. Gli alberi sono una generalizzazione delle liste che consente di modellare delle strutture gerarchiche come questa: Largo. Fosco. Alberi Alberi Gli alberi sono una generalizzazione delle liste che consente di modellare delle strutture gerarchiche come questa: Largo Fosco Dora Drogo Frodo Dudo Daisy Alberi Gli alberi sono una generalizzazione

Dettagli

Implementazione dell albero binario in linguaggio C++

Implementazione dell albero binario in linguaggio C++ Implementazione dell albero binario in linguaggio C++ Costruire il programma per gestire le operazioni su un albero binario. Ogni nodo dell albero contiene un codice e una descrizione; il programma deve

Dettagli

Esercizio 2 (punti 7) Dato il seguente programma C: #include <stdio.h> int swap(int * nome, int length);

Esercizio 2 (punti 7) Dato il seguente programma C: #include <stdio.h> int swap(int * nome, int length); Fondamenti di Informatica L-A (A.A. 004/005) - Ingegneria Informatica Prof.ssa Mello & Prof. Bellavista I Prova Intermedia del 11/11/004 - durata h - COMPITO B Esercizio 1 (punti 1) Una associazione di

Dettagli

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 9 - Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

Fondamenti di informatica, Sez. Ing. Informatica, Ing. Gestionale, Ing. Ambientale II prova in itinere, 29 Gennaio 2009

Fondamenti di informatica, Sez. Ing. Informatica, Ing. Gestionale, Ing. Ambientale II prova in itinere, 29 Gennaio 2009 Fondamenti di informatica, Sez. Ing. Informatica, Ing. Gestionale, Ing. Ambientale II prova in itinere, 29 Gennaio 2009 Esercizio 1 (punti 3) Sia data la funzione ricorsiva seguente: void elabora (unsigned

Dettagli

«Sciente e Tecnologie dei Beni Culturali»

«Sciente e Tecnologie dei Beni Culturali» 6 Informatica CdS in «Sciente e Tecnologie dei Beni Culturali» AA 2014-2015 Mini-sito dell insegnamento: http://www.unife.it/scienze/beni.culturali/insegnamenti/informatica Prof. Giorgio Poletti giorgio.poletti@unife.it

Dettagli

Sistemi Operativi Esercizi Ricapitolazione. Docente: Claudio E. Palazzi

Sistemi Operativi Esercizi Ricapitolazione. Docente: Claudio E. Palazzi Sistemi Operativi Esercizi Ricapitolazione Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Problema Numerosi operai in una fabbrica preparano un unico prodotto con l utilizzo di na quantità del componente

Dettagli

C espressioni condizionali

C espressioni condizionali C espressioni condizionali Esiste un particolare operatore, detto operatore condizionale, che rappresenta un istruzione if else. estremamente compattata?: Supponiamo di voler inserire nella variabile intera

Dettagli

5 - Istruzioni condizionali

5 - Istruzioni condizionali 5 - Istruzioni condizionali Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Università degli Studi di Padova - Facoltà di Scienze MM.FF.NN. - Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Padova - Facoltà di Scienze MM.FF.NN. - Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Padova - Facoltà di Scienze MM.FF.NN. - Corso di Laurea in Informatica Regole dell'esame Il presente esame scritto deve essere svolto in forma individuale in un tempo massimo

Dettagli

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1)

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione. Lezione 6 - Modulo 1. Errori durante l esecuzione. Il controllo dell esecuzione

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione. Lezione 6 - Modulo 1. Errori durante l esecuzione. Il controllo dell esecuzione Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione Modulo 1: La gestione delle eccezioni Modulo 2: Programmazione concorrente Lezione 6 - Modulo 1 La gestione delle eccezioni Politecnico

Dettagli

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE

CORSO DI PROGRAMMAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY SASSARI CORSO DI PROGRAMMAZIONE INTRODUZIONE ALLE ISTRUZIONI ITERATIVE DISPENSA 03.01 03-01_Iterazioni_[ver_15] Questa dispensa è rilasciata sotto la licenza Creative

Dettagli

Esercitazione 11. Liste semplici

Esercitazione 11. Liste semplici Esercitazione 11 Liste semplici Liste semplici (o lineari) Una lista semplice (o lineare) è una successione di elementi omogenei che occupano in memoria una posizione qualsiasi. Ciascun elemento contiene

Dettagli

STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++

STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++ STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++ Le istruzioni if e else Le istruzioni condizionali ci consentono di far eseguire in modo selettivo una singola riga di codice o una serie di righe di codice (che viene detto

Dettagli

La mutua esclusione (dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti) mutua esclusione

La mutua esclusione (dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti) mutua esclusione La (dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti) Mutua esclusione e sistemi concorrenti La nasce nei sistemi concorrenti abbiamo n processi che vogliono accedere ad una risorsa condivisa ogni processo

Dettagli

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false;

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false; Metodi iterativi con array monodimensionali 1. Scrivere un metodo che, dato un array di interi a, restituisce il valore minimo in a. public static int minimo (int[] a) { int min = a[0]; for (int i=1; i

Dettagli

18/12/2002 Descrivere il metodo di allocazione di file basato su indicizzazione a livelli multipli. Si consideri un file di dati F di 2048 record ed

18/12/2002 Descrivere il metodo di allocazione di file basato su indicizzazione a livelli multipli. Si consideri un file di dati F di 2048 record ed 18/12/2002 Descrivere il metodo di allocazione di file basato su indicizzazione a livelli multipli. Si consideri un file di dati F di 2048 record ed un dispositivo di memorizzazione di massa con blocchi

Dettagli

Soluzione 1. Filosofo i

Soluzione 1. Filosofo i Filosofi a cena Il problema N filosofi si ritrovano a cena in un ristorante cinese, occupando un tavolo circolare, apparecchiato con un piatto per ogni filosofo e un bastoncino interposto fra ogni coppia

Dettagli

Facciamo lampeggiare un led

Facciamo lampeggiare un led Facciamo lampeggiare un led Passiamo a fare qualche esercizio, il più semplice per iniziare a programmare con Arduino è il canonico esercizio blink, che trovate anche negli esempi del programma. Si tratta

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 7 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Threads Un thread è l unità di base per l utilizzo della CPU. Composto

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web Le funzioni in PHP. Angelica Lo Duca IIT-CNR 2012/2013

Laboratorio Progettazione Web Le funzioni in PHP. Angelica Lo Duca IIT-CNR 2012/2013 Laboratorio Progettazione Web Le funzioni in PHP Angelica Lo Duca IIT-CNR angelica.loduca@iit.cnr.it 2012/2013 Funzioni Una funzione è una sequenza di istruzioni che implementano una specifica funzionalità

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento

Fondamenti di Informatica. Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare se un elemento fa parte della sequenza oppure l elemento

Dettagli

Codice Gray. (versione Marzo 2007)

Codice Gray. (versione Marzo 2007) Codice Gray (versione Marzo 27) Data una formula booleana con n variabili, per costruire una tavola di verità per questa formula è necessario generare tutte le combinazioni di valori per le n variabili.

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzione condizionale switch Istruzioni di salto break e continue Uso di variabili di tipo boolean Variabili di tipo array (monodimensionali)

Dettagli

Programmazione, 5 a lezione

Programmazione, 5 a lezione Programmazione, 5 a lezione Eugenio Omodeo Dipartimento di Matematica e Informatica, Università degli Studi di Trieste. Trieste, 12.10.2010 Esecuzione sequenziale I All avvio di un programma, il processo

Dettagli

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt);

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt); Un esempio per iniziare Il controllo del programma in C DD Cap.3 pp.91-130 /* calcolo di 8!*/ #include #define C 8 int main() int i=1; int fatt=1; while (i

Dettagli

ALGORITMI E STRUTTURE DATI

ALGORITMI E STRUTTURE DATI ALGORITMI E STRUTTURE DATI Esercitazioni AndreA Orlandini http://www.dia.uniroma3.it/~ orlandin/asd/ e-mail: orlandin@dia.uniroma3.it Orario di ricevimento: Martedì 14.00-16.00 HEAP SORT StudentiDIA Forum

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati. Code con Priorità

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati. Code con Priorità Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Code con Priorità Teresa M.A. Basile basile@di.uniba.it Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Materiale di base gentilmente concesso

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini Gli algoritmi e la risoluzione di problemi

Informatica Generale Andrea Corradini Gli algoritmi e la risoluzione di problemi Informatica Generale Andrea Corradini 12 - Gli algoritmi e la risoluzione di problemi Sommario Che significa risolvere un problema? Algoritmi e programmi Rappresentazione di algoritmi Lo pseudocodice Primitive

Dettagli

Non sai di che segno sei?

Non sai di che segno sei? Non sai di che segno sei? Vediamo di risolvere quei casi in cui una persona non sa quale sia il suo segno (cioè non sa dove ha il sole). Ad esempio, in gennaio, certi anni il sole entra in acquario il

Dettagli

Alberi. Gli alberi sono una generalizzazione delle liste che consente di modellare delle strutture gerarchiche come questa: Largo. Fosco.

Alberi. Gli alberi sono una generalizzazione delle liste che consente di modellare delle strutture gerarchiche come questa: Largo. Fosco. Alberi Alberi Gli alberi sono una generalizzazione delle liste che consente di modellare delle strutture gerarchiche come questa: Largo Fosco Dora Drogo Dudo Frodo Daisy Alberi Gli alberi sono una generalizzazione

Dettagli

Programmazione concorrente con il linguaggio Java

Programmazione concorrente con il linguaggio Java Programmazione concorrente con il linguaggio Java Thread, Mutua Esclusione e Sincronizzazione Alcuni aspetti architetturali e di prestazioni Concetto di thread Un thread è un flusso di esecuzione indipendente

Dettagli

Rappresentazione degli algoritmi

Rappresentazione degli algoritmi Rappresentazione degli algoritmi Universitá di Ferrara Ultima Modifica: 21 ottobre 2014 1 1 Diagramma di flusso Utilizzare il diagramma di flusso per rappresentare gli algoritmi che risolvono i seguenti

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Esercizi sui metodi. Carla Limongelli. Maggio Esercizi 1

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Esercizi sui metodi. Carla Limongelli. Maggio Esercizi 1 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Esercizi sui metodi Carla Limongelli Maggio 2010 Esercizi 1 Passaggio di parametri di tipo primitivo Indicare che cosa viene visualizzato sullo

Dettagli

Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor

Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor 1 Introduzione Nelle prossime lezioni vedremo alcuni meccanismi dei sistemi operativi e dei linguaggi di programmazione sviluppati per facilitare la scrittura

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata e Senza Starvation

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata e Senza Starvation Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata e Senza Starvation Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli