RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF. A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF. A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA"

Transcript

1 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA 1

2 Dopo 10 anni che ho svolto la funzione Sostegno al lavoro dei docenti, questo è il terzo anno che ho l incarico di svolgere la funzione Gestione e Monitoraggio POF rendendomi pienamente disponibile a lavorare per tutte le necessità collegate con l attuazione del Piano dell Offerta Formativa del nostro Istituto. 2

3 Questo ha significato in dettaglio: Partecipare agli incontri con la Dirigente e con gli altri Docenti incaricati delle F.S., secondo le necessità createsi nel proseguo dell anno scolastico. Collaborare con la dirigenza in tutte le attività di promozione dell istituto. Coordinare la commissione P.O.F. ed aggiornare il Piano dell Offerta Formativa. Predisporre una relazione finale su tutte le attività svolte (Progetti, Concorsi ecc..) in base alle singole relazioni dei vari docenti referenti. Seguire tutte le attività scolastiche al fine di monitorare l andamento fino alla valutazione finale. 3

4 In primo luogo ho: 1. Raccolto l elenco dei progetti e dei concorsi richiesti dagli insegnanti all inizio dell anno scolastico per analizzare, monitorare e valutare le attività e individuare i progetti e i concorsi che saranno effettivamente svolti. 2. Aggiornato il POF organizzando la struttura come quella del Liceo Classico dividendolo in tre parti e pubblicandolo sul sito. 3. Aggiornato l estratto del regolamento d istituto per pubblicarlo sul sito. 4. Promosso e coordinato le iniziative che il P.O.F. ha individuato come sperimentali e innovative. 5. Finito di costruire una didattica modulare condivisa nel primo biennio del Liceo Artistico, al fine di definire un curricolo di scuola. 4

5 Per svolgere il mio compito ho proceduto durante l'intero anno scolastico alle osservazioni e alla rilevazione dei dati utili alla valutazione finale distinguendo lo svolgimento delle attività più generalmente curricolari da quello dei progetti. Ho analizzato le attività previste dal P.O.F., l elenco dei progetti e dei concorsi richiesto dagli insegnanti all inizio dell anno scolastico e ho valutato le attività, i progetti e i concorsi effettivamente svolti. 5

6 1) EDUCAZIONE ALLA SALUTE, CON ATTIVITÀ SPORTIVE Il Liceo Artistico di Lanciano, nell ambito del C.I.C., ha attivato il progetto sperimentale Educazione alla Salute, approvato dal Collegio Docenti e dal Consiglio d Istituto. Il suddetto progetto ha previsto prestazioni professionali specialistiche,della dott.ssa Maria G. Aniello. L attività, sul piano organizzativo, è stata affidata alla prof.ssa Angela Salvatore, la quale ha concordato con l esperta il calendario degli incontri e gli argomenti da affrontare nelle classi. NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR RISULTATO FINALE EDUCAZIONE ALLA SALUTE: C.I.C. - Psicologa Tutti gli alunni 1.Costruzione di un positivo clima scolastico; 2.Ricerca di un equilibrio psicoaffettivo e relazionale, nella piena accettazione del sé; 3.Integrazione di ogni alunno nei vari contesti di riferimento; 4.Promozione della conoscenza e valorizzazione del sé. Tutto l anno Servizio di consulenza psicologica per gli alunni Salvatore Angela Il numero dei ragazzi che hanno usufruito del suddetto servizio è andato progressivamente aumentando e il servizio stesso è stato largamente apprezzato. Per quanto riguarda i Tornei Sportivi durante l anno scolastico , i ragazzi sono stati coinvolti con rientri pomeridiani sullo svolgimento di tornei interni di pallavolo. Il Liceo Artistico non ha preso parte ai Giochi Sportivi Studenteschi poiché l attivazione di questi ultimi è stata confermata solo in data ; pertanto sono risultati insufficienti i tempi tecnici per un efficace organizzazione. 6

7 2) ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO in entrata: Laboratori didattici con le scuole medie del territorio Al fine di accompagnare e sostenere i ragazzi nella loro crescita individuale e nel passaggio da un percorso scolastico a un altro, il Liceo Artistico di Lanciano ha messo in atto azioni volte a presentare e far conoscere l Istituto nelle sue risorse strutturali, umane, e di offerta formativa in termini didattico - pedagogici, a tutte le scuole secondarie di 1 grado del territorio e alle scuole secondarie di 1 grado della città stessa. Inoltre alunni delle elementari hanno partecipato al seguente progetto: NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR RISULTATO FINALE PROGETTO DALL ARTE ALL ARTE Alunni della classe quinta della scuola primaria Sviluppo della creatività e dell espressività I quadrimestre Sensibilizzazione verso l arte per una futura scelta scolastica La Morgia Elena Soddisfazione ed entusiasmo da parte degli alunni e delle insegnanti 7

8 3) ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO in uscita: Laboratori didattici con le Università del territorio Le fasi e le attività dell'orientamento in uscita, si sono svolte nel periodo compreso novembre maggio Esse hanno visto coinvolti alunni delle classi quarte e quinte, docenti e personali del Liceo Artistico, nonché docenti, operatori e rappresentanti del mondo del lavoro e delle istituzioni superiori. Gli interventi programmati hanno avuto l'obiettivo di garantire agli alunni una prima visione orientativa del complesso mondo imprenditoriale e lavorativo e delle istituzioni superiori post-secondarie. 8

9 Gli alunni delle classi quinte hanno partecipato al seguente concorso e progetto: NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR RISULTATO FINALE CONCORSO STARTUP: NUOVE IDEE PER INTRAPRENDERE indetto dal Rotary Club Classi: 5A-5B-5C Simulazioni di idee di azienda innovativa I Quadrimestre Creazione di un progetto di azienda innovativa Bruno Margherita, Blandini Vanda, D Amico Cinzia, Di Ruscio Valerio, Costantini Dora. Vinto: 1 premio 5C-5A; 2 premio 5B NOME PROGETTO PROGETTO SCEGLI LA TUA STRADA DESTINATARI Classi: 5A-5B-5C OBIETTIVO Orientamento in uscita TEMPI 2 giorni (28 febbraio e 1 marzo 2013) PRODOTTO FINALE Consapevolezza delle scelte universitarie e/o lavorative REFERENTE Salvatore Angela Presentazione e discussione dei progetti vincitori del concorso RISULTATO FINALE STARTUP: NUOVE IDEE PER INTRAPRENDERE indetto dal Rotary Club 9

10 4)VIAGGI DI ISTRUZIONE, VIAGGI DI SEZIONE E VISITE GUIDATE Nel corso dell'a.s. 2012/2013 le attività inerenti alla funzione strumentale Viaggi e visite d istruzione hanno visto l impegno della Prof.ssa Alessandra De Laurentiis. Le mete prescelte per i viaggi d istruzione e realmente effettuate sono state sei: Alba Fucens (sito archeologico ); Roma ( Musei Vaticani e Galleria Nazionale di arte Moderna); Perugia/Assisi (Galleria Nazionale dell Umbria, Basilica di S. Francesco); Firenze (visita dei monumenti e musei principali); Venezia (Biennale dell architettura); Barcellona ( visita dei monumenti e musei principali). Le uscite didattiche effettuate sono state quattro: Pescopennataro (museo della pietra e sentieri con le sculture di Pinocchio); Pescara (teatro in inglese); Lanciano (casa circondariale); L Aquila (Accademia belle arti). Solo il viaggio a Vicenza, previsto come di consueto per le classi della sez. metalli, non è stato effettuato per il numero esiguo degli alunni partecipanti. I vari viaggi sono stati programmati ed effettuati nei tempi stabiliti (entro il 30 aprile 2013), tranne per il viaggio d istruzione delle classi quinte che ha subito un cambio di programma rispetto a quello preventivato (si è svolto in anticipo). 10

11 5) GIOVANI E LAVORO: Iniziative con Associazioni del territorio NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO GIORNATA DELLA MEMORIA PROGETTO COMMEMORAZIONE DELLA SHOAH E DELLE FOIBE: ricordare perché non accada di nuovo 2 alunni della 5B Rievocare i fatti per far riflettere e per conservare viva la memoria di quel periodo di storia europea. TEMPI Anno scolastico PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR Stefano Giuseppe RISULTATO FINALE Realizzazione della planimetria del Campo di Concentramento di Birkenau Esposizione elaborato presso il Museo Diocleziano di Lanciano e Borsa di studio: viaggio di 4 giorni a Monaco per un solo alunno. 11

12 Tirocini Formativi (Alternanza Scuola Lavoro) NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR Bruno Margherita RISULTATO FINALE CATALOGAZIONE COSTUMI PALAZZO D AVALOS - VASTO Classe 4C Conoscenza della nomenclatura e armature dei tessuti. Conoscenza delle tecnologie e stili degli abiti nel corso della storia. Progetto iniziato nell anno scolastico 2010/11, portato avanti nell anno scolastico 2011/12 da completare nell a.s. 2012/13 Schede tecniche degli abiti del Museo del Costume e catalogo Finale Organizzazione guide e laboratorio all interno del Museo da sostenersi durante l estate 12

13 6) AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA: Educazione al patrimonio e all Arte Progetto A scuola con il museo NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE PROGETTO A SCUOLA CON ILMUSEO Progetto iniziato nell a.s con le classi 2A-1B da completare nell a.s CON LE CLASSI 3A-2B-2A Educazione al patrimonio e all Arte Tutto l anno scolastico INSEGNANTI TUTOR La Morgia Elena RISULTATO FINALE Evento conclusivo con presentazione al Vescovo In corso 13

14 Introduzione di un ora di Inglese e una di Informaticper adeguare il curricolo degli studi del Corso Ordinamentale Si è proseguito anche quest anno per la Sezione Arte dei Metalli e dell Oreficeria con la flessibilità didattica (20%) per consentire l introduzione di un ora di Inglese per adeguare il curricolo degli studi alle esigenze di una didattica più radicata nella realtà e più efficace sia per il futuro inserimento nel mondo del lavoro che anche per un eventuale proseguo degli studi. 14

15 Iniziative di educazione alla legalità anche in collaborazionecon associazioni ed enti esterni NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO LE STRADE DELLA LEGALITÀ Classi 1A e 1B Educare alla legalità e alla cittadinanza attiva in territori condizionati dalla presenza della criminalità organizzata attraverso un'analisi critica della realtà territoriale in cui la scuola è inserita. TEMPI Mese di marzo PRODOTTO FINALE Produzione di sculture INSEGNANTI TUTOR Colangelo Giuseppe RISULTATO FINALE Classificati al 3 posto sono stati vinti

16 Attività in rete con altre scuole anche di diverso ordine e grado NOME PROGETTO CONCORSO CENTO SCUOLE (Antidispersione scolastica) IO SONO, NOI SIAMO.LA NOSTRA CITTÀ DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE Classi 3A-4B Promuovere la conoscenza del proprio territorio Iniziato a.s segue a.s prosegue a.s Aggiornamento Sito Web con produzione di materiali e pubblicazione in rete INSEGNANTI TUTOR La Morgia Elena e i docenti di Storia dell Arte RISULTATO FINALE Partecipazione alla consegna per il 1 premio (5000 ) 16

17 Attività di riorientamento e rimotivazione allo studio in particolare in relazione alle scelte di Indirizzo NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO P.O.FSE Classi seconde e terze Supportare e consolidare il processo di apprendimento del Laboratorio Artistico in relazione alle scelte di Indirizzo TEMPI Tre mesi PRODOTTO FINALE Realizzazione di progetti e produzione di manufatti INSEGNANTI TUTOR La Morgia Elena e Salvatore Angela RISULTATO FINALE Evento con esposizione del lavoro svolto. 17

18 ELENCO PROGETTI (Didattici) 18

19 1 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO SISTEMAZIONE PERCORSO MUSEALE MOSTRA DEL COSTUME NEL PALAZZO DAVALOS- VASTO Classe 3B TEMPI anno scolastico 2012/13. PRODOTTO FINALE Rilevamenti dell ambiente museale e degli arredi attuali Studio dell allestimento e delle teche esistenti, studio percorso museale. Studio di un percorso museale INSEGNANTI TUTOR Bruno Margherita e Di Ruscio Valerio RISULTATO FINALE Progetto realizzato 19

20 2 NOME PROGETTO PROGETTO SCOLASTICO COMBINE PAINTING DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE Classe 2B-2C-5A-5B Rivalutare l ambiente scolastico (passato di moda) sperimentando diverse forme di espressione artistica, sviluppando le capacità creative attraverso un intervento diverso e ispirato al New Dada. Tutto l anno scolastico INSEGNANTI TUTOR De Laurentiis Alessandra L opera sarà il risultato di una combinazione di oggetti e pittura RISULTATO FINALE Assemblaggio di materiali scolastici recuperati e poi dipinti 20

21 3 NOME PROGETTO PROGETTO SCOLASTICO L AULA CHE VORREI DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE Classe 2B-2C-5A Sviluppare le capacità di intervento artistico nell ambiente scolastico logoro e rovinato, decorando l aula con diverse espressioni d arte visiva Tutto l anno scolastico INSEGNANTI TUTOR De Laurentiis Alessandra L aula sarà ornata con motivi che ricordano l arte di Piet Mondrian RISULTATO FINALE Decorazione parietale con colori acrilici 21

22 4 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PROGETTO CONOSCI TE STESSO Classe 3A-3B Dare agli alunni la consapevolezza dei loro modi di percepire, elaborare, apprendere e comunicare; Far comprendere l importanza che può assumere l adottare metodi differenti dai propri; Potenziamento del metodo di studio e dell apprendimento. Tutto l anno scolastico PRODOTTO FINALE Autoconsapevolezza degli stili di apprendimento e cognitivi INSEGNANTI TUTOR Salvitti Carlo RISULTATO FINALE Tutti gli obiettivi sono stati conseguiti. 22

23 ELENCO CONCORSI 23

24 1 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE CONCORSO ANCI-MIUR (design per calzature) MILANO Classi: 3C-4C Saper progettare Tutto l anno scolastico Elaborati grafici INSEGNANTI TUTOR Blandini Vanda RISULTATO FINALE In corso, da terminare dentro la fine di giugno. 24

25 2 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE CONCORSO "UN TALENTO PER LA SCARPA" Classi 3B Gruppo Moda-3C-4C-5C Saper progettare Tutto l anno scolastico Elaborati grafici INSEGNANTI TUTOR Cinzia D'Amico RISULTATO FINALE In attesa di risultati 25

26 3 NOME PROGETTO CONCORSO NAZIONALE ENTE MOSTRA DELL'ARTIGIANATO ARTISTICO GUARDIAGRELE - (SEZIONE OREFICERIA) DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE Classi: 3A - 4A - 5A Saper progettare e realizzare Tutto l anno Prototipi INSEGNANTI TUTOR Di Toro Innocenzo - Costantini Dora RISULTATO FINALE Esposizione di elaborati e prototipi nel mese di agosto a Guardiagrele. 26

27 4 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE CONCORSO NEW DESIGN 2013 indetto dal Miur Classi: 5A 5C 4C Stimolare la creatività nell istruzione artistica I quadrimestre Progettazione di oggetti di design e realizzazione prototipi INSEGNANTI TUTOR Bruno Margherita, Salomone Nicola RISULTATO FINALE Scelto il progetto di un alunno di 5A (Nativio Simone) con esposizione alla Biennale di Venezia 27

28 5 PARTECIPAZIONE AL FESTIVAL DELL ARTE LA SCUOLA IN MUSICA Al Polo Musicale di Santo Spirito ESPOSIZIONE DI OPERE DI PITTURA E SCULTURA DEL DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE E PLASTICHE 10 e 11 Maggio A cura degli insegnanti Colangelo G., De Laurentiis A., e D Alessandro B. 28

29 RAGAZZI DIVERSAMENTE ABILI Nel Liceo Artistico di Lanciano, viene data importanza non secondaria al problema dell'integrazione dei ragazzi diversamente abili. Di fatto esiste una consolidata tradizione pedagogica, la quale vede gli alunni diversamente abili come risorsa per tutti e considera l'integrazione di normodotati e diversamente abili come obiettivo fondamentale. Le azioni intraprese dalla scuola, i progetti e gli interventi sul piano curriculare ed extracurriculare, hanno contribuito al miglioramento della personalità degli alunni H sul piano della cognitività, della psicoaffettività, della relazionalità e della professionalità in genere. Le varie azioni di tipo didattico e non, già da tempo avviate ed ampliate in questo anno scolastico, hanno consolidato la tradizione radicata in questo istituto, incentrata sull'integrazione quale obiettivo fondamentale per tutto il procedere della vita scolastica. 29

30 Ho fatto una valutazione d istituto monitorando questionari sull "Abilità nel Settore Informatico"somministrati sia a tutti i docenti del Liceo Artistico che del Liceo Classico ottenendo i seguenti risultati: VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEI DOCENTI SULL "ABILITÀ NEL SETTORE INFORMATICO" Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che tutti gli insegnanti usano il computer quotidianamente e la maggior parte usa il portatile. Tutti sono forniti di collegamento a Internet. Tutti lo usano per la scrittura, per inviare e ricevere e per internet. La maggior parte lo usa per presentazioni, lettori multimediali, prodotti multimediali e per ascoltare musica. Pochi lo usano per disegno tecnico (CAD), gruppi di discussione, chat, prodotti ipertestuali, fotografia, grafica, data-base, programmazione, calcolo. Pochissimi lo usano per gruppi discussione, conferencing, montaggio, applicazioni gestionali o simili. Per quanto riguarda le varie apparecchiature con relativi software tutti conoscono l uso del mouse, della stampante, dello scanner dei DVD, dei CD-rom, della penna U.S.B.. La maggior parte conosce la lavagna luminosa, il video proiettore, la videocamera digitale, la fotocamera digitale, il formato zip, l amplificatore, il microfono, il masterizzatore, la L.I.M.. Pochi conoscono il programma screen cam, i supporti audio alla videoproiezione, i lettori ottici, la tavoletta grafica e la videoconferenza. Pochissimi conoscono l OCR. Inoltre poco meno della metà ha esperienza di reti informatiche come utenti, pochissimi come progettisti e come amministratori. Per quanto riguarda le diverse parti fisiche interne ed esterne ad un computer, le conoscono solo in parte e nessuno ha pratica di riparazioni hardware. 30

31 MONITORAGGIO "ABILITÀ NEL SETTORE INFORMATICO" I.I.S. V. EMANUELE II 31

32 32

33 33

34 34

35 VALUTAZIONE D ISTITUTO Infine ho fatto una valutazione d Istituto monitorando i questionari somministrati ad alunni della classi quinte, ad alunni delle classi prime e terze, ai genitori degli alunni della classi prime e terze, ai docenti e al personale A.T.A. ottenendo i seguenti risultati: 35

36 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEGLI ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che gli alunni della classi quinte a suo tempo hanno scelto questa scuola perché erano interessati alle materie e perché la ritenevano adeguata alle loro capacità ritenendo in parte soddisfatte le aspettative con le quali si erano iscritti. Hanno giudicato buona la preparazione conseguita e il corso di studi frequentato gli ha fornito capacità di giudizio autonomo, in parte competenze spendibili al di fuori della scuola, in parte capacità di comprendere ed analizzare fenomeni e problemi, e in parte uno studio rigoroso e sistematico. Hanno provato interesse solo per alcune discipline studiate e ritengono che la scuola gli abbia fatto acquistare maggiore rispetto nei confronti delle opinioni altrui, maggiore senso delle responsabilità, capacità di autovalutazione, solo in parte sensibilità verso i problemi del nostro tempo e disponibilità all impegno. Ritengono che i progetti varati dalla scuola in parte siano realmente utili ed interessanti, in parte influiscono positivamente sullo stile di vita degli studenti ed in parte hanno una ricaduta positiva sull attività didattica curricolare. I ragazzi di quinta hanno particolarmente apprezzato il progetto Progetto "Start up" indetto dal Rotary Club. Il Progetto Cento scuole "Io sono, noi siamo...la nostra città". Il Progetto "San Giovanni in Venere". Sono favorevoli ai Viaggi di Istruzioni ritenendoli utili per la formazione, per la didattica e perché sono occasioni di aggregazione. La maggior parte non ha usufruito delle attività di recupero anche se le ritiene un servizio utile per gli studenti in difficoltà. Hanno ritenuto l attività di Orientamento abbastanza importante e non si sentono sostenuti dalla scuola per il superamento dell Esame di stato. Un aspetto della scuola che vorrebbero migliorato è l organizzazione e la comunicazione. Vorrebbero avere a disposizione più materiali, più pulita la scuola e più comprensione da parte degli insegnanti. La struttura più utilizzata è stato il laboratorio di Informatica e le sale proiezioni, hanno usato la Biblioteca di propria iniziativa. Hanno giudicato insufficienti le strutture, le attrezzature della scuola e il sistema del passaggio delle informazioni. Ritengono insufficienti l organizzazione complessiva della scuola come i servizi di segreteria, fotocopie, Biblioteca e la pulizia degli ambienti di lavoro e dei servizi igienici. 36

37 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEGLI ALUNNI a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che gli alunni delle classi prime e terze sono abbastanza d accordo sul funzionamento della Segreteria, sul fatto che i laboratori sono spazi funzionali. Sono poco d accordo sull adeguatezza dei sevizi igienici. Sono abbastanza d accordo sulla comunicazione delle informazioni agli studenti in modo adeguato. Sono poco d accordo sul fatto che il punto di vista degli studenti conti e venga preso in considerazione. Sono abbastanza d accordo sull importanza dei progetti, sul fatto che le visite guidate programmate dalla scuola siano state apprezzabili sotto il profilo didattico ed organizzativo. Non hanno informazioni sufficienti sul progetto Accoglienza. Sono abbastanza d accordo sul fatto che vari insegnanti e la scuola offrono agli studenti in difficoltà possibilità di recupero, di trovare interessanti le attività didattiche che si svolgono in classe durante le lezioni. Sono poco d accordo sul fatto che le verifiche scritte e orali sono ben distribuite nel corso del quadrimestre e non concentrate nelle ultime settimane, che le verifiche scritte e orali sono corrette e riconsegnate tempestivamente. Sono abbastanza d accordo sulle valutazioni degli insegnanti, né troppo severe né troppo larghe. Sono molto d accordo a ritenere che le attività di recupero siano un servizio utile per gli studenti. Sono abbastanza d accordo nel ritenere di avere rapporti positivi con i loro insegnanti. e nel ritenere utili i servizi C.I.C.. Ritengono adeguata la quantità dello studio e dei compiti assegnati a casa. Quindi in base all esperienza fatta finora se potessero tornare indietro si riscriverebbero di nuovo in questa scuola anche se hanno incontrato qualche difficoltà nello studio specialmente sulla mancanza di una metodologia, difficoltà che hanno superato con un maggiore impegno. 37

38 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEI GENITORI a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che i genitori si ritengono abbastanza informati sulla vita della scuola maggiormente dai figli. Ritengono positiva la tempestività delle comunicazioni delle assenze dei propri figli e gli risulta facile avere i colloqui con gli insegnanti dove trovano un clima di cordialità e collaborazione. Ritengono buona la preparazione offerta dalla scuola, sono un po insoddisfatti per quanto riguarda la concentrazione delle verifiche, le valutazioni di alcuni insegnanti e la qualità di alcune lezioni. Le attività di recupero vanno bene così come sono, solo che dovrebbero estendersi a tutte la materie. Sono utili i vari progetti proposti e le attività extracurricolari. Risulta sufficientemente facile accedere ai servizi di Segreteria, ritengono sufficienti le attrezzature e l organizzazione della scuola. 38

39 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEI DOCENTI a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che per quanto riguarda l Area della Didattica i docenti condividono sufficientemente gli orientamenti nell ambito dei Consigli di classe e risulta confacente la gestione dei tempi di lavoro nell esperire le attività programmate. Ritengono di dover approfondire l elaborazione delle prove di verifica inter/multidisciplinare. Ritengono soddisfacente l efficacia degli interventi di recupero e la valorizzazione delle eccellenze da attuare senz altro. Le attività di formazione dei docenti hanno per alcuni poche e per altri abbastanza ricadute sulla didattica. È soddisfacente la rispondenza delle attività formative della scuola (spettacoli teatrali,conferenze, attività sportive, viaggi di istruzione, visite guidate) sugli allievi e ritengono che queste attività dovrebbero essere approfondite ed estese anche ad allievi disabili. Per quanto riguarda l Area delle Comunicazioni e Relazioni i docenti ritengono qualche volta carente la tempestività e la chiarezza delle informazioni, discrete le modalità di comunicazione con le famiglie, discreta la percezione della collegialità, buoni i rapporti con gli alunni, abbastanza positivi i rapporti interpersonali. Per l Organizzazione sono abbastanza soddisfatti dell efficienza dei servizi di Segreteria, della funzionalità dell orario scolastico e dell organizzazione degli incontri docenti-genitori. Propongono di migliorare il raccordo tra la segreteria centrale e quella dell Artistico a tutti i livelli. Per quanto riguardano le Strutture, ritengono scarsa la funzionalità degli spazi didattici e la cura degli ambienti. Propongono per il prossimo anno l aggiornamento di software di uso più comune e frequente. Ravvisano la necessità di avere altre lavagne interattive multimediali (LIM) almeno altre tre e soprattutto banche e sedie. Chiedono di evitare un uso personale, incontrollato ed improprio della navigazione in rete presso le aule multimediali. 39

40 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEL PERSONALE A.T.A. a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che per il personale A.T.A. risulta positivo il clima dell ambiente di lavoro, buoni i rapporti con i docenti ed anche ottimi con gli alunni. La metà ritiene inadeguati gli strumenti che hanno a disposizione per il lavoro e inadeguato il sistema interno di comunicazione relativo alle attività che si svolgono nella scuola. Ritengono buono l orario di lavoro. La maggior parte si ritiene informato sulle delibere del Consiglio di Istituto ma complessivamente sono abbastanza soddisfatti dell anno scolastico trascorso. 40

41 MONITORAGGIO ALUNNI CLASSI QUINTE A.S

42 MONITORAGGIO ALUNNI CLASSI QUINTE A.S Quale aspetto della scuola per te andrebbe migliorato o cambiato? E per quale motivazione? L organizzazione della scuola Il servizio della segreteria Sistema di informazioni agli alunni I servizi di pulizia della scuola I servizi igienici Avere più materiale Il rapporto con alcuni professori 42

43 MONITORAGGIO ALUNNI CLASSI QUINTE A.S

44 MONITORAGGIO ALUNNI A.S

45 MONITORAGGIO ALUNNI A.S

46 MONITORAGGIO ALUNNI A.S EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO al grafico A) Altro: Non mi sono mai impegnato abbastanza Insegnanti che non sanno spiegare La lingua straniera è troppo difficile Le verifiche orali non sono ben distribuite Troppo studio in una giornata Dislessia non capita 46

47 MONITORAGGIO GENITORI A.S

48 MONITORAGGIO GENITORI A.S Qualora abbia dei motivi di insoddisfazioni, potrebbe imputarlo a : a. eccessiva severità dei docenti b. eccessiva mole di lavoro c. valutazioni d. concentrazione delle verifiche e. rapporti tra docenti e studenti f. qualità delle lezioni g. eccessiva perdita di ore di lezione h. Altri motivi di insoddisfazione: Alcuni insegnanti non valutano bene gli alunni Dovrebbe migliorare la qualità delle lezioni Ci sono troppi alunni per classe Gli insegnanti dovrebbero assegnare più lavoro a casa sotto forma di esercizi, ricerche, idee per progetti, lettura di un libro a piacere o consigliato da loro, in modo da impegnare i ragazzi per 1 o 2 ore il pomeriggio così da non perdere di vista il lavoro svolto a scuola 9. Se ritiene che le attività di recupero e di sostegno debbano essere modificate, può indicare qualche suggerimento? Aumentare le ore di recupero per le materie più importanti Farli fare a tutti gli alunni, anche a quelli che abbiano voti sufficienti Far recuperare tutte le materie non solo inglese e Matematica L alunno in difficoltà va aiutato e seguito a tutti i costi Dovrebbero essere tenuti da insegnanti esterni Il recupero va fatto a piccoli gruppi di studenti 48

49 MONITORAGGIO GENITORI A.S

50 AREA DELLA DIDATTICA MONITORAGGIO DOCENTI A.S EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO (al grafico 7) Somministrare un questionario agli alunni sull efficacia degli insegnamenti. Video, conferenze attività teatrali per alunni DSA o disabili. Potenziare il metodo di studio degli alunni che non viene acquisiti in modo naturale. Trasformare ciascuna delle attività formative al punto 7 in laboratorio didattico interdisciplinare. 50

51 MONITORAGGIO DOCENTI A.S AREA DELLE COMUNICAZIONI E RELAZIONI 51

52 MONITORAGGIO DOCENTI A.S ORGANIZZAZIONE EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO Istituire uno o più spazi per studio/lavoro dei docenti. Apertura pomeridiana della scuola per attività di supporto alla docenza, per sportello recupero,per una ricerca individuale degli alunni, per attività extracurricolari. Migliorare il raccordo tra la segreteria centrale e quella dell Artistico a tutti i livelli. 52

53 MONITORAGGIO DOCENTI A.S STRUTTURE 3. Osservazioni e proposte sulle attrezzature e sussidi didattici: Necessità di aggiornare software di uso più comune e frequente. Necessità di avere altre lavagne interattive multimediali (LIM) almeno altre 3. Evitare un uso personale, incontrollato ed improprio della navigazione in rete presso le aule multimediali. Necessità di avere altri banchi e sedie. 53

54 MONITORAGGIO DOCENTI A.S PROPOSTE PER IL PROSSIMO ANNO A. Potenziamento delle eccellenze B. Potenziamento dei laboratori didattici C. Il monitoraggio delle problematiche giovanili D. L orientamento in entrata ed in uscita E. Il monitoraggio dell attività didattica e della valutazione F. Corsi di approfondimento ed aggiornamenti nelle varie aree disciplinari G. Altro (F) CORSI DI APPROFONDIMENTI ED AGGIORNAMENTI NELLE VARIE AREE DISCIPLINARI Area scientifica. Area didattica, docimologica, psicologica, pedagogica. Area linguistico letteraria. Corsi sull uso della LIM. (G) ALTRO Corsi sulle strategie didattiche per un insegnamento confacente alle caratteristiche delle classi. Tutte le attività a carattere artistico-espressivo, in funzione di ampliamento e qualificazione dell offerte Formativa, nonché utili a rimotivare alunni del triennio per una partecipazione più attiva ai diversi percorsi didattici. 54

55 MONITORAGGIO PERSONALE A.T.A. A.S EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO (al grafico 4) Ci vogliono più attrezzature di migliore qualità EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO (al grafico 6) C è scarsa comunicazione 55

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF. A.S. 2015/2016 Prof.ssa MARA BUCCIARELLI

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF. A.S. 2015/2016 Prof.ssa MARA BUCCIARELLI RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF A.S. 15/1 Prof.ssa MARA BUCCIARELLI Quest anno, per la seconda volta, ho svolto la funzione di Gestione e Monitoraggio POF rendendomi

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO E RILEVAMENTO DEI BISOGNI (PER LE FAMIGLIE)

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO E RILEVAMENTO DEI BISOGNI (PER LE FAMIGLIE) ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI-AZZARITA-DE FILIPPO-UNGARETTI BARI Viale delle regioni 62-70123- BARI Tel 080 5371951 Fax 0805375520 Scuola Secondaria di I grado QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 elaborazione dati dei QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore V. Emanuele II Liceo Artistico G. Palizzi Lanciano. Prof.ssa C. Partipilo Prof.ssa A. Salvatore

Istituto Istruzione Superiore V. Emanuele II Liceo Artistico G. Palizzi Lanciano. Prof.ssa C. Partipilo Prof.ssa A. Salvatore Istituto Istruzione Superiore V. Emanuele II Liceo Artistico G. Palizzi Lanciano FUNZIONE STRUMENTALE : Prof.ssa Salvatore Angela COMMISSIONE: Dir. Dott.ssa P. Costantini Coll.Dir. Prof. N.Salomone Prof.ssa

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07

AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07 AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07 (a cura della referente del P.O.F. Prof.ssa SCARPA MARIA e della responsabile del Gruppo Qualità Prof.ssa Trabattoni Mariagnese ) Indicatori di contesto

Dettagli

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Le istituzioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA Plesso Console RELAZIONE FINALE Docente: Zarrelli Patrizia La scuola, negli ultimi anni, mira alla diffusione

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Totale rappresentanti genitori: 22 Totale questionari cartacei distribuiti: 22 Totale questionari ricevuti:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA'

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA' Questionari Distribuiti n 89 Elaborati n di cui in bianco n ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA VALUTAZIONE e QUALITA' ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 Rilevazione della qualità del servizio

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013

MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013 MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013 All interno di un più ampio progetto di autovalutazione dell Istituto, non può mancare l indagine sulla qualità della scuola

Dettagli

Sede: Misano di Gera d Adda. Ordine di scuola: Scuola Primaria. Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria

Sede: Misano di Gera d Adda. Ordine di scuola: Scuola Primaria. Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria Sede: Misano di Gera d Adda Ordine di scuola: Scuola Primaria Titolo del progetto: Informatica Scuola Primaria Docente responsabile: Simona Pontoglio Destinatari: tutti gli alunni della scuola Docenti

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Anno scolastico 2011/2012 Prof.ssa Anna Barbieri. ITIS «A. Monaco di Cosenza

Anno scolastico 2011/2012 Prof.ssa Anna Barbieri. ITIS «A. Monaco di Cosenza Anno scolastico 2011/2012 Prof.ssa Anna Barbieri ITIS «A. Monaco di Cosenza ASCOLTO LABORATORIO Pomeridiano CONSULENZA Servizi territoriali Filo conduttore del mio lavoro: Sensibilizzare Partecipare Condividere

Dettagli

Questionario di autovalutazione dei docenti

Questionario di autovalutazione dei docenti Questionario di autovalutazione dei docenti INDAGINE CONOSCITIVA 1. AREA PERSONALE 1 2 3 4 5 (1=non so; 2=per nulla; 3=poco; 4=abbastanza; 4=molto) Sei soddisfatto del lavoro che svolgi Ti senti parte

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

Liceo Scientifico "Corradino D'Ascanio" Montesilvano

Liceo Scientifico Corradino D'Ascanio Montesilvano Liceo Scientifico Statale Galilei Pescara - Capofila - Liceo Scientifico Statale D Ascanio - Montesilvano Scuola Secondaria I Grado Rossetti-Mazzini Pescara Associazione Focolare Maria Regina onlus che

Dettagli

QUESTIONARIO GENITORI MODELLO INVALSI COMPILAZIONE ON LINE DAL 10.06.2014 AL 29.06.2014 158 risposte

QUESTIONARIO GENITORI MODELLO INVALSI COMPILAZIONE ON LINE DAL 10.06.2014 AL 29.06.2014 158 risposte QUESTIONARIO GENITORI MODELLO INVALSI COMPILAZIONE ON LINE DAL 1.6.14 AL 29.6.14 158 risposte Riepilogo CHI COMPILA IL QUESTIONARIO? Genitore 1 88 56% Genitore 2 36 23% Entrambi i genitori 32 % Altra persona

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

I.I.S.S. CALOGERO AMATO VETRANO

I.I.S.S. CALOGERO AMATO VETRANO I.I.S.S. CALOGERO AMATO VETRANO Sciacca Anno scolastico 0/0 Sistema Nazionale di Valutazione Questionario Docenti TABULAZIONE DATI (campione indicativo n. () - questionari consegnati n questionari compilati

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Benvenuti in prima media!

Benvenuti in prima media! ISTITUTO COMPRENSIVO SELVAZZANO II Scuola Secondaria I grado M. Cesarotti di Selvazzano & «L. Da Vinci» di Saccolongo Benvenuti in prima media! Corresponsabilità educativa Importanza della famiglia per

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

LICEO MOLINO. PIACENZA Scuola aperta 2010-2011

LICEO MOLINO. PIACENZA Scuola aperta 2010-2011 LICEO GIULIA MOLINO COLOMBINI PIACENZA Scuola aperta 2010-2011 dirigenza Dirigente scolastico: Prof. MARGHERITA FIENGO Docente Vicario: Prof. ANNAMARIA TRIOLI Da 150 anni nella storia di Piacenza fondato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-20 CLASSE: 2 D Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 L attività di orientamento in ingresso e in uscita nel e dal nostro Istituto coinvolge gli alunni e le famiglie delle classi

Dettagli

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898 AD arredo & design ANDREA FANTONI L Arte di Fare Scuola dal 1898 Scuola d Arte Andrea Fantoni Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

L orientamento e il ruolo del tutor. La peer education. Progetto PEER EDUCATION RAFAELLA TONFI 1

L orientamento e il ruolo del tutor. La peer education. Progetto PEER EDUCATION RAFAELLA TONFI 1 L orientamento e il ruolo del tutor La peer education RAFAELLA TONFI 1 La peer education Per lo studente tutor: Partecipazione attiva alla vita della scuola Conoscenza delle dinamiche organizzative della

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi ---------------------------------------------------------------------------------

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi --------------------------------------------------------------------------------- Istituto Istruzione Superiore Sansi Leonardi - Volta Piazza Carducci, 1 06049 Spoleto (PG) Tel. 0743 22 35 05 Fax 0743 22 53 18 e-mail: pgis026007@istruzione.it sito web: www.liceospoleto.gov.it Circ.

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

SINTESI PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (ex art. 1 comma 14 Legge 107/2015)

SINTESI PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (ex art. 1 comma 14 Legge 107/2015) Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 - VIA BACHELET VIA BACHELET, 5-04100 LATINA (LT) Tel. 0773620905 Fax. 0773629059

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco La Scuola Classi : scuola formata da 7 corsi completi 21 classi 14 tempo normale e 7 tempo prolungato Organico docenti: circa 55 docenti quasi tutti di ruolo

Dettagli

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I Progetto Poesia Educativa Apprendimento scolastico e Relazione umana attraverso l espressione di sé Laboratorio Intensivo di Scrittura Poetica Creativa a cura di Massimo Merulla I Introduzione Questo laboratorio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Orientamento come progetto di istituto

Orientamento come progetto di istituto L OFFERTA FORMATIVA PER IL SUCCESSO FORMATIVO DI TUTTI GLI STUDENTI Orientamento come progetto di istituto L orientamento assume un posto di assoluto rilievo nella progettazione educativa dell istituto.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli