RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF. A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF. A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA"

Transcript

1 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA 1

2 Dopo 10 anni che ho svolto la funzione Sostegno al lavoro dei docenti, questo è il terzo anno che ho l incarico di svolgere la funzione Gestione e Monitoraggio POF rendendomi pienamente disponibile a lavorare per tutte le necessità collegate con l attuazione del Piano dell Offerta Formativa del nostro Istituto. 2

3 Questo ha significato in dettaglio: Partecipare agli incontri con la Dirigente e con gli altri Docenti incaricati delle F.S., secondo le necessità createsi nel proseguo dell anno scolastico. Collaborare con la dirigenza in tutte le attività di promozione dell istituto. Coordinare la commissione P.O.F. ed aggiornare il Piano dell Offerta Formativa. Predisporre una relazione finale su tutte le attività svolte (Progetti, Concorsi ecc..) in base alle singole relazioni dei vari docenti referenti. Seguire tutte le attività scolastiche al fine di monitorare l andamento fino alla valutazione finale. 3

4 In primo luogo ho: 1. Raccolto l elenco dei progetti e dei concorsi richiesti dagli insegnanti all inizio dell anno scolastico per analizzare, monitorare e valutare le attività e individuare i progetti e i concorsi che saranno effettivamente svolti. 2. Aggiornato il POF organizzando la struttura come quella del Liceo Classico dividendolo in tre parti e pubblicandolo sul sito. 3. Aggiornato l estratto del regolamento d istituto per pubblicarlo sul sito. 4. Promosso e coordinato le iniziative che il P.O.F. ha individuato come sperimentali e innovative. 5. Finito di costruire una didattica modulare condivisa nel primo biennio del Liceo Artistico, al fine di definire un curricolo di scuola. 4

5 Per svolgere il mio compito ho proceduto durante l'intero anno scolastico alle osservazioni e alla rilevazione dei dati utili alla valutazione finale distinguendo lo svolgimento delle attività più generalmente curricolari da quello dei progetti. Ho analizzato le attività previste dal P.O.F., l elenco dei progetti e dei concorsi richiesto dagli insegnanti all inizio dell anno scolastico e ho valutato le attività, i progetti e i concorsi effettivamente svolti. 5

6 1) EDUCAZIONE ALLA SALUTE, CON ATTIVITÀ SPORTIVE Il Liceo Artistico di Lanciano, nell ambito del C.I.C., ha attivato il progetto sperimentale Educazione alla Salute, approvato dal Collegio Docenti e dal Consiglio d Istituto. Il suddetto progetto ha previsto prestazioni professionali specialistiche,della dott.ssa Maria G. Aniello. L attività, sul piano organizzativo, è stata affidata alla prof.ssa Angela Salvatore, la quale ha concordato con l esperta il calendario degli incontri e gli argomenti da affrontare nelle classi. NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR RISULTATO FINALE EDUCAZIONE ALLA SALUTE: C.I.C. - Psicologa Tutti gli alunni 1.Costruzione di un positivo clima scolastico; 2.Ricerca di un equilibrio psicoaffettivo e relazionale, nella piena accettazione del sé; 3.Integrazione di ogni alunno nei vari contesti di riferimento; 4.Promozione della conoscenza e valorizzazione del sé. Tutto l anno Servizio di consulenza psicologica per gli alunni Salvatore Angela Il numero dei ragazzi che hanno usufruito del suddetto servizio è andato progressivamente aumentando e il servizio stesso è stato largamente apprezzato. Per quanto riguarda i Tornei Sportivi durante l anno scolastico , i ragazzi sono stati coinvolti con rientri pomeridiani sullo svolgimento di tornei interni di pallavolo. Il Liceo Artistico non ha preso parte ai Giochi Sportivi Studenteschi poiché l attivazione di questi ultimi è stata confermata solo in data ; pertanto sono risultati insufficienti i tempi tecnici per un efficace organizzazione. 6

7 2) ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO in entrata: Laboratori didattici con le scuole medie del territorio Al fine di accompagnare e sostenere i ragazzi nella loro crescita individuale e nel passaggio da un percorso scolastico a un altro, il Liceo Artistico di Lanciano ha messo in atto azioni volte a presentare e far conoscere l Istituto nelle sue risorse strutturali, umane, e di offerta formativa in termini didattico - pedagogici, a tutte le scuole secondarie di 1 grado del territorio e alle scuole secondarie di 1 grado della città stessa. Inoltre alunni delle elementari hanno partecipato al seguente progetto: NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR RISULTATO FINALE PROGETTO DALL ARTE ALL ARTE Alunni della classe quinta della scuola primaria Sviluppo della creatività e dell espressività I quadrimestre Sensibilizzazione verso l arte per una futura scelta scolastica La Morgia Elena Soddisfazione ed entusiasmo da parte degli alunni e delle insegnanti 7

8 3) ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO in uscita: Laboratori didattici con le Università del territorio Le fasi e le attività dell'orientamento in uscita, si sono svolte nel periodo compreso novembre maggio Esse hanno visto coinvolti alunni delle classi quarte e quinte, docenti e personali del Liceo Artistico, nonché docenti, operatori e rappresentanti del mondo del lavoro e delle istituzioni superiori. Gli interventi programmati hanno avuto l'obiettivo di garantire agli alunni una prima visione orientativa del complesso mondo imprenditoriale e lavorativo e delle istituzioni superiori post-secondarie. 8

9 Gli alunni delle classi quinte hanno partecipato al seguente concorso e progetto: NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR RISULTATO FINALE CONCORSO STARTUP: NUOVE IDEE PER INTRAPRENDERE indetto dal Rotary Club Classi: 5A-5B-5C Simulazioni di idee di azienda innovativa I Quadrimestre Creazione di un progetto di azienda innovativa Bruno Margherita, Blandini Vanda, D Amico Cinzia, Di Ruscio Valerio, Costantini Dora. Vinto: 1 premio 5C-5A; 2 premio 5B NOME PROGETTO PROGETTO SCEGLI LA TUA STRADA DESTINATARI Classi: 5A-5B-5C OBIETTIVO Orientamento in uscita TEMPI 2 giorni (28 febbraio e 1 marzo 2013) PRODOTTO FINALE Consapevolezza delle scelte universitarie e/o lavorative REFERENTE Salvatore Angela Presentazione e discussione dei progetti vincitori del concorso RISULTATO FINALE STARTUP: NUOVE IDEE PER INTRAPRENDERE indetto dal Rotary Club 9

10 4)VIAGGI DI ISTRUZIONE, VIAGGI DI SEZIONE E VISITE GUIDATE Nel corso dell'a.s. 2012/2013 le attività inerenti alla funzione strumentale Viaggi e visite d istruzione hanno visto l impegno della Prof.ssa Alessandra De Laurentiis. Le mete prescelte per i viaggi d istruzione e realmente effettuate sono state sei: Alba Fucens (sito archeologico ); Roma ( Musei Vaticani e Galleria Nazionale di arte Moderna); Perugia/Assisi (Galleria Nazionale dell Umbria, Basilica di S. Francesco); Firenze (visita dei monumenti e musei principali); Venezia (Biennale dell architettura); Barcellona ( visita dei monumenti e musei principali). Le uscite didattiche effettuate sono state quattro: Pescopennataro (museo della pietra e sentieri con le sculture di Pinocchio); Pescara (teatro in inglese); Lanciano (casa circondariale); L Aquila (Accademia belle arti). Solo il viaggio a Vicenza, previsto come di consueto per le classi della sez. metalli, non è stato effettuato per il numero esiguo degli alunni partecipanti. I vari viaggi sono stati programmati ed effettuati nei tempi stabiliti (entro il 30 aprile 2013), tranne per il viaggio d istruzione delle classi quinte che ha subito un cambio di programma rispetto a quello preventivato (si è svolto in anticipo). 10

11 5) GIOVANI E LAVORO: Iniziative con Associazioni del territorio NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO GIORNATA DELLA MEMORIA PROGETTO COMMEMORAZIONE DELLA SHOAH E DELLE FOIBE: ricordare perché non accada di nuovo 2 alunni della 5B Rievocare i fatti per far riflettere e per conservare viva la memoria di quel periodo di storia europea. TEMPI Anno scolastico PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR Stefano Giuseppe RISULTATO FINALE Realizzazione della planimetria del Campo di Concentramento di Birkenau Esposizione elaborato presso il Museo Diocleziano di Lanciano e Borsa di studio: viaggio di 4 giorni a Monaco per un solo alunno. 11

12 Tirocini Formativi (Alternanza Scuola Lavoro) NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE INSEGNANTI TUTOR Bruno Margherita RISULTATO FINALE CATALOGAZIONE COSTUMI PALAZZO D AVALOS - VASTO Classe 4C Conoscenza della nomenclatura e armature dei tessuti. Conoscenza delle tecnologie e stili degli abiti nel corso della storia. Progetto iniziato nell anno scolastico 2010/11, portato avanti nell anno scolastico 2011/12 da completare nell a.s. 2012/13 Schede tecniche degli abiti del Museo del Costume e catalogo Finale Organizzazione guide e laboratorio all interno del Museo da sostenersi durante l estate 12

13 6) AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA: Educazione al patrimonio e all Arte Progetto A scuola con il museo NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE PROGETTO A SCUOLA CON ILMUSEO Progetto iniziato nell a.s con le classi 2A-1B da completare nell a.s CON LE CLASSI 3A-2B-2A Educazione al patrimonio e all Arte Tutto l anno scolastico INSEGNANTI TUTOR La Morgia Elena RISULTATO FINALE Evento conclusivo con presentazione al Vescovo In corso 13

14 Introduzione di un ora di Inglese e una di Informaticper adeguare il curricolo degli studi del Corso Ordinamentale Si è proseguito anche quest anno per la Sezione Arte dei Metalli e dell Oreficeria con la flessibilità didattica (20%) per consentire l introduzione di un ora di Inglese per adeguare il curricolo degli studi alle esigenze di una didattica più radicata nella realtà e più efficace sia per il futuro inserimento nel mondo del lavoro che anche per un eventuale proseguo degli studi. 14

15 Iniziative di educazione alla legalità anche in collaborazionecon associazioni ed enti esterni NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO LE STRADE DELLA LEGALITÀ Classi 1A e 1B Educare alla legalità e alla cittadinanza attiva in territori condizionati dalla presenza della criminalità organizzata attraverso un'analisi critica della realtà territoriale in cui la scuola è inserita. TEMPI Mese di marzo PRODOTTO FINALE Produzione di sculture INSEGNANTI TUTOR Colangelo Giuseppe RISULTATO FINALE Classificati al 3 posto sono stati vinti

16 Attività in rete con altre scuole anche di diverso ordine e grado NOME PROGETTO CONCORSO CENTO SCUOLE (Antidispersione scolastica) IO SONO, NOI SIAMO.LA NOSTRA CITTÀ DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE Classi 3A-4B Promuovere la conoscenza del proprio territorio Iniziato a.s segue a.s prosegue a.s Aggiornamento Sito Web con produzione di materiali e pubblicazione in rete INSEGNANTI TUTOR La Morgia Elena e i docenti di Storia dell Arte RISULTATO FINALE Partecipazione alla consegna per il 1 premio (5000 ) 16

17 Attività di riorientamento e rimotivazione allo studio in particolare in relazione alle scelte di Indirizzo NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO P.O.FSE Classi seconde e terze Supportare e consolidare il processo di apprendimento del Laboratorio Artistico in relazione alle scelte di Indirizzo TEMPI Tre mesi PRODOTTO FINALE Realizzazione di progetti e produzione di manufatti INSEGNANTI TUTOR La Morgia Elena e Salvatore Angela RISULTATO FINALE Evento con esposizione del lavoro svolto. 17

18 ELENCO PROGETTI (Didattici) 18

19 1 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO SISTEMAZIONE PERCORSO MUSEALE MOSTRA DEL COSTUME NEL PALAZZO DAVALOS- VASTO Classe 3B TEMPI anno scolastico 2012/13. PRODOTTO FINALE Rilevamenti dell ambiente museale e degli arredi attuali Studio dell allestimento e delle teche esistenti, studio percorso museale. Studio di un percorso museale INSEGNANTI TUTOR Bruno Margherita e Di Ruscio Valerio RISULTATO FINALE Progetto realizzato 19

20 2 NOME PROGETTO PROGETTO SCOLASTICO COMBINE PAINTING DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE Classe 2B-2C-5A-5B Rivalutare l ambiente scolastico (passato di moda) sperimentando diverse forme di espressione artistica, sviluppando le capacità creative attraverso un intervento diverso e ispirato al New Dada. Tutto l anno scolastico INSEGNANTI TUTOR De Laurentiis Alessandra L opera sarà il risultato di una combinazione di oggetti e pittura RISULTATO FINALE Assemblaggio di materiali scolastici recuperati e poi dipinti 20

21 3 NOME PROGETTO PROGETTO SCOLASTICO L AULA CHE VORREI DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE Classe 2B-2C-5A Sviluppare le capacità di intervento artistico nell ambiente scolastico logoro e rovinato, decorando l aula con diverse espressioni d arte visiva Tutto l anno scolastico INSEGNANTI TUTOR De Laurentiis Alessandra L aula sarà ornata con motivi che ricordano l arte di Piet Mondrian RISULTATO FINALE Decorazione parietale con colori acrilici 21

22 4 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PROGETTO CONOSCI TE STESSO Classe 3A-3B Dare agli alunni la consapevolezza dei loro modi di percepire, elaborare, apprendere e comunicare; Far comprendere l importanza che può assumere l adottare metodi differenti dai propri; Potenziamento del metodo di studio e dell apprendimento. Tutto l anno scolastico PRODOTTO FINALE Autoconsapevolezza degli stili di apprendimento e cognitivi INSEGNANTI TUTOR Salvitti Carlo RISULTATO FINALE Tutti gli obiettivi sono stati conseguiti. 22

23 ELENCO CONCORSI 23

24 1 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE CONCORSO ANCI-MIUR (design per calzature) MILANO Classi: 3C-4C Saper progettare Tutto l anno scolastico Elaborati grafici INSEGNANTI TUTOR Blandini Vanda RISULTATO FINALE In corso, da terminare dentro la fine di giugno. 24

25 2 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE CONCORSO "UN TALENTO PER LA SCARPA" Classi 3B Gruppo Moda-3C-4C-5C Saper progettare Tutto l anno scolastico Elaborati grafici INSEGNANTI TUTOR Cinzia D'Amico RISULTATO FINALE In attesa di risultati 25

26 3 NOME PROGETTO CONCORSO NAZIONALE ENTE MOSTRA DELL'ARTIGIANATO ARTISTICO GUARDIAGRELE - (SEZIONE OREFICERIA) DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE Classi: 3A - 4A - 5A Saper progettare e realizzare Tutto l anno Prototipi INSEGNANTI TUTOR Di Toro Innocenzo - Costantini Dora RISULTATO FINALE Esposizione di elaborati e prototipi nel mese di agosto a Guardiagrele. 26

27 4 NOME PROGETTO DESTINATARI OBIETTIVO TEMPI PRODOTTO FINALE CONCORSO NEW DESIGN 2013 indetto dal Miur Classi: 5A 5C 4C Stimolare la creatività nell istruzione artistica I quadrimestre Progettazione di oggetti di design e realizzazione prototipi INSEGNANTI TUTOR Bruno Margherita, Salomone Nicola RISULTATO FINALE Scelto il progetto di un alunno di 5A (Nativio Simone) con esposizione alla Biennale di Venezia 27

28 5 PARTECIPAZIONE AL FESTIVAL DELL ARTE LA SCUOLA IN MUSICA Al Polo Musicale di Santo Spirito ESPOSIZIONE DI OPERE DI PITTURA E SCULTURA DEL DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE E PLASTICHE 10 e 11 Maggio A cura degli insegnanti Colangelo G., De Laurentiis A., e D Alessandro B. 28

29 RAGAZZI DIVERSAMENTE ABILI Nel Liceo Artistico di Lanciano, viene data importanza non secondaria al problema dell'integrazione dei ragazzi diversamente abili. Di fatto esiste una consolidata tradizione pedagogica, la quale vede gli alunni diversamente abili come risorsa per tutti e considera l'integrazione di normodotati e diversamente abili come obiettivo fondamentale. Le azioni intraprese dalla scuola, i progetti e gli interventi sul piano curriculare ed extracurriculare, hanno contribuito al miglioramento della personalità degli alunni H sul piano della cognitività, della psicoaffettività, della relazionalità e della professionalità in genere. Le varie azioni di tipo didattico e non, già da tempo avviate ed ampliate in questo anno scolastico, hanno consolidato la tradizione radicata in questo istituto, incentrata sull'integrazione quale obiettivo fondamentale per tutto il procedere della vita scolastica. 29

30 Ho fatto una valutazione d istituto monitorando questionari sull "Abilità nel Settore Informatico"somministrati sia a tutti i docenti del Liceo Artistico che del Liceo Classico ottenendo i seguenti risultati: VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEI DOCENTI SULL "ABILITÀ NEL SETTORE INFORMATICO" Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che tutti gli insegnanti usano il computer quotidianamente e la maggior parte usa il portatile. Tutti sono forniti di collegamento a Internet. Tutti lo usano per la scrittura, per inviare e ricevere e per internet. La maggior parte lo usa per presentazioni, lettori multimediali, prodotti multimediali e per ascoltare musica. Pochi lo usano per disegno tecnico (CAD), gruppi di discussione, chat, prodotti ipertestuali, fotografia, grafica, data-base, programmazione, calcolo. Pochissimi lo usano per gruppi discussione, conferencing, montaggio, applicazioni gestionali o simili. Per quanto riguarda le varie apparecchiature con relativi software tutti conoscono l uso del mouse, della stampante, dello scanner dei DVD, dei CD-rom, della penna U.S.B.. La maggior parte conosce la lavagna luminosa, il video proiettore, la videocamera digitale, la fotocamera digitale, il formato zip, l amplificatore, il microfono, il masterizzatore, la L.I.M.. Pochi conoscono il programma screen cam, i supporti audio alla videoproiezione, i lettori ottici, la tavoletta grafica e la videoconferenza. Pochissimi conoscono l OCR. Inoltre poco meno della metà ha esperienza di reti informatiche come utenti, pochissimi come progettisti e come amministratori. Per quanto riguarda le diverse parti fisiche interne ed esterne ad un computer, le conoscono solo in parte e nessuno ha pratica di riparazioni hardware. 30

31 MONITORAGGIO "ABILITÀ NEL SETTORE INFORMATICO" I.I.S. V. EMANUELE II 31

32 32

33 33

34 34

35 VALUTAZIONE D ISTITUTO Infine ho fatto una valutazione d Istituto monitorando i questionari somministrati ad alunni della classi quinte, ad alunni delle classi prime e terze, ai genitori degli alunni della classi prime e terze, ai docenti e al personale A.T.A. ottenendo i seguenti risultati: 35

36 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEGLI ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che gli alunni della classi quinte a suo tempo hanno scelto questa scuola perché erano interessati alle materie e perché la ritenevano adeguata alle loro capacità ritenendo in parte soddisfatte le aspettative con le quali si erano iscritti. Hanno giudicato buona la preparazione conseguita e il corso di studi frequentato gli ha fornito capacità di giudizio autonomo, in parte competenze spendibili al di fuori della scuola, in parte capacità di comprendere ed analizzare fenomeni e problemi, e in parte uno studio rigoroso e sistematico. Hanno provato interesse solo per alcune discipline studiate e ritengono che la scuola gli abbia fatto acquistare maggiore rispetto nei confronti delle opinioni altrui, maggiore senso delle responsabilità, capacità di autovalutazione, solo in parte sensibilità verso i problemi del nostro tempo e disponibilità all impegno. Ritengono che i progetti varati dalla scuola in parte siano realmente utili ed interessanti, in parte influiscono positivamente sullo stile di vita degli studenti ed in parte hanno una ricaduta positiva sull attività didattica curricolare. I ragazzi di quinta hanno particolarmente apprezzato il progetto Progetto "Start up" indetto dal Rotary Club. Il Progetto Cento scuole "Io sono, noi siamo...la nostra città". Il Progetto "San Giovanni in Venere". Sono favorevoli ai Viaggi di Istruzioni ritenendoli utili per la formazione, per la didattica e perché sono occasioni di aggregazione. La maggior parte non ha usufruito delle attività di recupero anche se le ritiene un servizio utile per gli studenti in difficoltà. Hanno ritenuto l attività di Orientamento abbastanza importante e non si sentono sostenuti dalla scuola per il superamento dell Esame di stato. Un aspetto della scuola che vorrebbero migliorato è l organizzazione e la comunicazione. Vorrebbero avere a disposizione più materiali, più pulita la scuola e più comprensione da parte degli insegnanti. La struttura più utilizzata è stato il laboratorio di Informatica e le sale proiezioni, hanno usato la Biblioteca di propria iniziativa. Hanno giudicato insufficienti le strutture, le attrezzature della scuola e il sistema del passaggio delle informazioni. Ritengono insufficienti l organizzazione complessiva della scuola come i servizi di segreteria, fotocopie, Biblioteca e la pulizia degli ambienti di lavoro e dei servizi igienici. 36

37 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEGLI ALUNNI a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che gli alunni delle classi prime e terze sono abbastanza d accordo sul funzionamento della Segreteria, sul fatto che i laboratori sono spazi funzionali. Sono poco d accordo sull adeguatezza dei sevizi igienici. Sono abbastanza d accordo sulla comunicazione delle informazioni agli studenti in modo adeguato. Sono poco d accordo sul fatto che il punto di vista degli studenti conti e venga preso in considerazione. Sono abbastanza d accordo sull importanza dei progetti, sul fatto che le visite guidate programmate dalla scuola siano state apprezzabili sotto il profilo didattico ed organizzativo. Non hanno informazioni sufficienti sul progetto Accoglienza. Sono abbastanza d accordo sul fatto che vari insegnanti e la scuola offrono agli studenti in difficoltà possibilità di recupero, di trovare interessanti le attività didattiche che si svolgono in classe durante le lezioni. Sono poco d accordo sul fatto che le verifiche scritte e orali sono ben distribuite nel corso del quadrimestre e non concentrate nelle ultime settimane, che le verifiche scritte e orali sono corrette e riconsegnate tempestivamente. Sono abbastanza d accordo sulle valutazioni degli insegnanti, né troppo severe né troppo larghe. Sono molto d accordo a ritenere che le attività di recupero siano un servizio utile per gli studenti. Sono abbastanza d accordo nel ritenere di avere rapporti positivi con i loro insegnanti. e nel ritenere utili i servizi C.I.C.. Ritengono adeguata la quantità dello studio e dei compiti assegnati a casa. Quindi in base all esperienza fatta finora se potessero tornare indietro si riscriverebbero di nuovo in questa scuola anche se hanno incontrato qualche difficoltà nello studio specialmente sulla mancanza di una metodologia, difficoltà che hanno superato con un maggiore impegno. 37

38 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEI GENITORI a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che i genitori si ritengono abbastanza informati sulla vita della scuola maggiormente dai figli. Ritengono positiva la tempestività delle comunicazioni delle assenze dei propri figli e gli risulta facile avere i colloqui con gli insegnanti dove trovano un clima di cordialità e collaborazione. Ritengono buona la preparazione offerta dalla scuola, sono un po insoddisfatti per quanto riguarda la concentrazione delle verifiche, le valutazioni di alcuni insegnanti e la qualità di alcune lezioni. Le attività di recupero vanno bene così come sono, solo che dovrebbero estendersi a tutte la materie. Sono utili i vari progetti proposti e le attività extracurricolari. Risulta sufficientemente facile accedere ai servizi di Segreteria, ritengono sufficienti le attrezzature e l organizzazione della scuola. 38

39 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEI DOCENTI a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che per quanto riguarda l Area della Didattica i docenti condividono sufficientemente gli orientamenti nell ambito dei Consigli di classe e risulta confacente la gestione dei tempi di lavoro nell esperire le attività programmate. Ritengono di dover approfondire l elaborazione delle prove di verifica inter/multidisciplinare. Ritengono soddisfacente l efficacia degli interventi di recupero e la valorizzazione delle eccellenze da attuare senz altro. Le attività di formazione dei docenti hanno per alcuni poche e per altri abbastanza ricadute sulla didattica. È soddisfacente la rispondenza delle attività formative della scuola (spettacoli teatrali,conferenze, attività sportive, viaggi di istruzione, visite guidate) sugli allievi e ritengono che queste attività dovrebbero essere approfondite ed estese anche ad allievi disabili. Per quanto riguarda l Area delle Comunicazioni e Relazioni i docenti ritengono qualche volta carente la tempestività e la chiarezza delle informazioni, discrete le modalità di comunicazione con le famiglie, discreta la percezione della collegialità, buoni i rapporti con gli alunni, abbastanza positivi i rapporti interpersonali. Per l Organizzazione sono abbastanza soddisfatti dell efficienza dei servizi di Segreteria, della funzionalità dell orario scolastico e dell organizzazione degli incontri docenti-genitori. Propongono di migliorare il raccordo tra la segreteria centrale e quella dell Artistico a tutti i livelli. Per quanto riguardano le Strutture, ritengono scarsa la funzionalità degli spazi didattici e la cura degli ambienti. Propongono per il prossimo anno l aggiornamento di software di uso più comune e frequente. Ravvisano la necessità di avere altre lavagne interattive multimediali (LIM) almeno altre tre e soprattutto banche e sedie. Chiedono di evitare un uso personale, incontrollato ed improprio della navigazione in rete presso le aule multimediali. 39

40 VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLE SCHEDE DEL PERSONALE A.T.A. a.s Da una prima analisi delle schede di valutazione risulta che per il personale A.T.A. risulta positivo il clima dell ambiente di lavoro, buoni i rapporti con i docenti ed anche ottimi con gli alunni. La metà ritiene inadeguati gli strumenti che hanno a disposizione per il lavoro e inadeguato il sistema interno di comunicazione relativo alle attività che si svolgono nella scuola. Ritengono buono l orario di lavoro. La maggior parte si ritiene informato sulle delibere del Consiglio di Istituto ma complessivamente sono abbastanza soddisfatti dell anno scolastico trascorso. 40

41 MONITORAGGIO ALUNNI CLASSI QUINTE A.S

42 MONITORAGGIO ALUNNI CLASSI QUINTE A.S Quale aspetto della scuola per te andrebbe migliorato o cambiato? E per quale motivazione? L organizzazione della scuola Il servizio della segreteria Sistema di informazioni agli alunni I servizi di pulizia della scuola I servizi igienici Avere più materiale Il rapporto con alcuni professori 42

43 MONITORAGGIO ALUNNI CLASSI QUINTE A.S

44 MONITORAGGIO ALUNNI A.S

45 MONITORAGGIO ALUNNI A.S

46 MONITORAGGIO ALUNNI A.S EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO al grafico A) Altro: Non mi sono mai impegnato abbastanza Insegnanti che non sanno spiegare La lingua straniera è troppo difficile Le verifiche orali non sono ben distribuite Troppo studio in una giornata Dislessia non capita 46

47 MONITORAGGIO GENITORI A.S

48 MONITORAGGIO GENITORI A.S Qualora abbia dei motivi di insoddisfazioni, potrebbe imputarlo a : a. eccessiva severità dei docenti b. eccessiva mole di lavoro c. valutazioni d. concentrazione delle verifiche e. rapporti tra docenti e studenti f. qualità delle lezioni g. eccessiva perdita di ore di lezione h. Altri motivi di insoddisfazione: Alcuni insegnanti non valutano bene gli alunni Dovrebbe migliorare la qualità delle lezioni Ci sono troppi alunni per classe Gli insegnanti dovrebbero assegnare più lavoro a casa sotto forma di esercizi, ricerche, idee per progetti, lettura di un libro a piacere o consigliato da loro, in modo da impegnare i ragazzi per 1 o 2 ore il pomeriggio così da non perdere di vista il lavoro svolto a scuola 9. Se ritiene che le attività di recupero e di sostegno debbano essere modificate, può indicare qualche suggerimento? Aumentare le ore di recupero per le materie più importanti Farli fare a tutti gli alunni, anche a quelli che abbiano voti sufficienti Far recuperare tutte le materie non solo inglese e Matematica L alunno in difficoltà va aiutato e seguito a tutti i costi Dovrebbero essere tenuti da insegnanti esterni Il recupero va fatto a piccoli gruppi di studenti 48

49 MONITORAGGIO GENITORI A.S

50 AREA DELLA DIDATTICA MONITORAGGIO DOCENTI A.S EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO (al grafico 7) Somministrare un questionario agli alunni sull efficacia degli insegnamenti. Video, conferenze attività teatrali per alunni DSA o disabili. Potenziare il metodo di studio degli alunni che non viene acquisiti in modo naturale. Trasformare ciascuna delle attività formative al punto 7 in laboratorio didattico interdisciplinare. 50

51 MONITORAGGIO DOCENTI A.S AREA DELLE COMUNICAZIONI E RELAZIONI 51

52 MONITORAGGIO DOCENTI A.S ORGANIZZAZIONE EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO Istituire uno o più spazi per studio/lavoro dei docenti. Apertura pomeridiana della scuola per attività di supporto alla docenza, per sportello recupero,per una ricerca individuale degli alunni, per attività extracurricolari. Migliorare il raccordo tra la segreteria centrale e quella dell Artistico a tutti i livelli. 52

53 MONITORAGGIO DOCENTI A.S STRUTTURE 3. Osservazioni e proposte sulle attrezzature e sussidi didattici: Necessità di aggiornare software di uso più comune e frequente. Necessità di avere altre lavagne interattive multimediali (LIM) almeno altre 3. Evitare un uso personale, incontrollato ed improprio della navigazione in rete presso le aule multimediali. Necessità di avere altri banchi e sedie. 53

54 MONITORAGGIO DOCENTI A.S PROPOSTE PER IL PROSSIMO ANNO A. Potenziamento delle eccellenze B. Potenziamento dei laboratori didattici C. Il monitoraggio delle problematiche giovanili D. L orientamento in entrata ed in uscita E. Il monitoraggio dell attività didattica e della valutazione F. Corsi di approfondimento ed aggiornamenti nelle varie aree disciplinari G. Altro (F) CORSI DI APPROFONDIMENTI ED AGGIORNAMENTI NELLE VARIE AREE DISCIPLINARI Area scientifica. Area didattica, docimologica, psicologica, pedagogica. Area linguistico letteraria. Corsi sull uso della LIM. (G) ALTRO Corsi sulle strategie didattiche per un insegnamento confacente alle caratteristiche delle classi. Tutte le attività a carattere artistico-espressivo, in funzione di ampliamento e qualificazione dell offerte Formativa, nonché utili a rimotivare alunni del triennio per una partecipazione più attiva ai diversi percorsi didattici. 54

55 MONITORAGGIO PERSONALE A.T.A. A.S EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO (al grafico 4) Ci vogliono più attrezzature di migliore qualità EVENTUALI RISPOSTE IN MERITO (al grafico 6) C è scarsa comunicazione 55

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012 MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Betty Ambiveri Sede: Via C. Berizzi, 1 24030 Presezzo (BG) 035/610251 Fax 035/613369 Cod. Fisc. 82006950164 http://www.bettyambiveri.it

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli