L industria del tessile e dell abbigliamento in Tunisia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L industria del tessile e dell abbigliamento in Tunisia"

Transcript

1 L industria del tessile e dell abbigliamento in Tunisia Invest in Tunisia

2 Un settore guida Il settore del tessile e dell abbigliamento che unisce esperienza, know how tecnico e competenze, è uno dei gioielli dell economia tunisina. Con oltre imprese, esso occupa un posto predominante nell economia tunisina. E il secondo settore esportatore delle industrie manifatturiere con il 22% delle esportazioni. E anche il primo datore di lavoro con il 42% dell insieme dei posti di lavoro. E anche un settore a forte valore aggiunto, valutato nel 2008 a MTND cioè il 30% del valore di produzione. Il successo dell industria tunisina del tessile e dell abbigliamento è il risultato del dominio del know how, della varietà delle gamme, dell ottimizzazione della produzione con razionalizzazione dei costi, della velocità di consegna e della prossimità dei centri di decisione europei. Il tessile e l abbigliamento in cifre Più di imprese (con almeno 10 lavoratori) che impiegano circa persone. L 83% delle imprese è totalmente esportatrice imprese sono al 100% estere o a partecipazione estera. Più di milioni di dinari tunisini d esportazione in media all anno. Più di 170 milioni di dinari tunisini d investimento all anno in media. IDE: 994 milioni di dinari tunisini d investimento cumulato totale. Un settore competitivo La Tunisia si presenta come uno dei principali siti mondiali dell abbigliamento. Essa figura già da alcuni anni fra i primi fornitori mondiali dell abbigliamento. E il 5 fornitore dell Europa ed il 2 fornitore della Francia in questo campo. E classifcata anche 2 esportatrice tessile pro-capite. Le esportazioni del settore del tessile e dell abbigliamento mantengono una crescita regolare. Così, malgrado la forte concorrenza asiatica e lo smantellamento nel 2005 dell accordo multifibre (AMF) il settore ha saputo riprendersi per preservare le sue parti del mercato. Ha registrato quindi nel 2008 una crescita di oltre l 8% delle esportazioni in euro rispetto al L Unione Europea principale partner della Tunisia. Il 96% delle esportazioni tunisine viene realizzato sul mercato dell Unione Europea. Soltanto la Francia, la Germania, l Italia e la Gran Bretagna ricevono l 82% delle esportazioni tunisine. La Tunisia è classificata come il paese più competitivo della regione Sud Mediterraneo (World Economic Forum di Davos) e da numerosi studi realizzati da uffici di fama internazionale che mettono la Tunisia ampiamente in testa a tutti i Paesi della zona Europa e Mediterraneo, in termini di redditività degli investimenti nel settore dell abbigliamento. Principali prodotti esportati nel 2008 In % Pantaloni jeans Pantaloni eleganti 11,1 5,4 17,6 Biancheria 6,7 10,1 Vestiti da lavoro Altri vestiti 24 12,5 Maglie 12,6 Camicie Tee-shirts Centro Tecnico del Tessile «CETTEX» I prodotti tunisini, leader sul mercato europeo 1 jean su 3, 1 reggiseno su 3, 1 costume da bagno su 2, ed 1 vestito da lavoro su 2 vengono fabbricati in Tunisia. Fonte: dati Eurostat Dinaro tunisino (TND)= 0,554 Euro=0,812 USD (media annua 2008)

3 Forze del settore Un know how confermato La Tunisia offre una manodopera giovane, esperta, sempre più numerosa e competente, dotata di una capacità d apprendimento rapido. Le società locali, così come quelle estere, apprezzano la flessibilità, le capacità di formazione, le competenze e la qualifica dei lavoratori tunisini. Un sistema di formazione adeguato Per mantenere la competitività e il consolidamento del Know-how dell industria tunisina del tessile e dell abbigliamento, lo Stato ha attuato un dispositivo di formazione universitaria e professionale che copre quasi la totalità delle filiere, mettendo sul mercato delle qualifiche sempre più elevate: l Istituto Superiore degli Studi Tecnologici di Ksar Hellal (ISET) la Scuola Nazionale d ingegneri di Monastir (ENIM) l Istituto Superiore dei Mestieri della Moda di Monastir (ISMM) 30 centri di formazione professionale. «Siamo artigiani altamente qualificati. Coltiviamo l amore del nostro mestiere e ciascuno dei nostri pezzi è concepito come un oggetto d arte. Necessitiamo perciò di personale molto qualificato ed il nostro personale è il nostro più importante capitale.» Ferdinand TERBURG, Direttore Generale di VAN LAACK Tunisia Un sostegno attivo dello Stato per l ampliamento delle gamme e la crescita delle attività Per far fronte al cambiamento delle strategie d acquisto dei datori d ordine, orientate sempre di più verso la co-produzione ed il prodotto finito, il settore privato, cosi come i poteri pubblici, consapevoli della necessità di evolvere verso la produzione d articoli con un maggiore valore aggiunto, hanno impegnato un programma nazionale di sviluppo settore indirizzando le imprese verso la co-produzione ed il prodotto finito tramite l assistenza tecnica, finanziaria e commercia. Dall abbigliamento alle attività di finitura e di servizi Per migliorare l approvigionamento e promuovere la moda tunisina, la filiera tessile segue un processo d integrazione con la creazione d imprese di finitura e di fabbricazione di accessori e con lo sviluppo di attività di servizi. Nel corso degli ultimi decenni il numero delle imprese di finitura e d accessori è stato decuplicato. Un rispetto delle norme sociali ed ambientali La legislazione tunisina in materia di lavoro e di protezione è molto avanzata rispetto a paesi dello stesso livello di sviluppo. La produzione in Tunisia si fa non solo nel rispetto delle norme di qualità e degli standard internazionali ma anche secondo regole sociali ed ambientali di etica. Inoltre, la Tunisia è firmataria della convenzione di Ginevra sulle condizioni di occupazione dell impiego dei bambini. Un gran numero d imprese del settore ha aderito alle norme della concessione di regole sociali (label) nelle differenti versioni. La certificazione dei prodotti, sistemi ed ambiente, conosce uno sviluppo notevole all interno delle imprese del settore come lo sviluppo di label quali OEKOTEX, ECOLABEL Un offerta flessibile e differenziata con termini brevi di consegna Facendo prova di una forte reattività e di lavoro a flusso continuo, la Tunisia si situa in modo molto favorevole nei confronti delle piccole serie, dei nuovi assortimenti e dell aggiornamento. Un programma d integrazione «mise à niveau» Più di imprese che operano nel settore Tessile ed Abbigliamento hanno aderito al programma nazionale di «mise à niveau» (ammodernamento) al fine di variare la propria gamma di prodotti esportati. Numerose fra queste si sono associate con partner esteri per acquisire nuovi know how ed integrarsi nelle loro reti di commercializzazione. I termini per un impresa di confezione in subappalto Termine di consegna della pratica tecnica del prodotto: immediato via internet Prototipatura: 3 giorni Industrializzazione del prodotto: 3 giorni Ciclo di produzione: da 3 a 4 giorni Termini di trasporto: 3 giorni Fonte: Centro Tecnico del Tessile «CETTEX»

4 Ambito favorevole La situazione geostrategica della Tunisia e la sua infrastruttura modernissima agevolano l accesso d imprese stabilite sul suo suolo ai principali mercati-chiave. A meno di due ore di volo dalle metropoli europee, la Tunisia ha otto aeroporti internazionali che coprono tutto il Paese ed un centinaio di compagnie aeree straniere garantiscono più di voli settimanali sull Europa. Inoltre, l esistenza di sei porti commerciali e di una flotta marittima moderna che rispondono alle esigenze di sicurezza e di rapidità permettono un servizio regolare dei principali porti europei. La firma di numerosi accordi. Accordo con la Turchia che permette un cumulo di regole d origine, accordo d associazione e di libero scambio con l UE, accordi bilaterali che istituiscono gradualmente una zona di libero scambio con numerosi Paesi arabi, accordo con i Paesi dell AELE. Londra Bruxelles Parigi Francoforte Vienna Milano Barcellona Roma Madrid Tunisi Tunisia L investimento è libero nel settore del tessile e dell abbigliamento. Gli investitori esteri possono detenere fino al 100% del capitale del progetto senza autorizzazione. Sono anche liberi di rimpatriare gli utili e il prodotto di cessione del capitale investito in valuta compresa la più valuta più afferente. Gli investitori esteri possono detenere fino al 100% del capitale sociale senza autorizzazione. Sono anche liberi di rimpatriare gli utili ed il prodotto di cessione del capitale investito in valute, compreso il plusvalore. Le procedure d insediamento sono semplici e si fanno all interno di uno sportello unico presso l Agenzia di Promozione dell Industria «API» che raggruppa tutte le amministrazioni competenti in materia e si possono anche fare on-line attraverso il sito internet (la dichiarazione dei progetti e la costituzione giuridica delle società). Il codice d incentivazione agli investimenti concede numerosi vantaggi in materia d esonero d imposta e di tasse ed in materia di sovvenzioni e di premi all investimento. La creazione di una tecnopoli è stata dedicata al tessile ed all abbigliamento nella regione di Monastir, di una superficie totale di 100 ha, per garantire il ruolo di locomotiva del settore tessile & abbiagliamento e per portare l innovazione nel centro delle strategie delle imprese del settore. La sistemazione di una zona industriale dedicata alle attività di finitura dotata di stazione di depuramento delle acque usate, di una superficie di 50 ha, capace di soddisfare i bisogni delle imprese del settore dell abbigliamento in prodotti di moda che richiedono un tempo di risposta rapido. Questa zona avrà una capacità totale di produzione di circa 150 milioni di metri di tessuti. Strutture d appoggio al servizio dell investitore. Il settore beneficia del sostegno professionale: del Centro Tecnico del Tessile «CETTEX» che dispone di servizi: l aggiornamento tecnologico e gli studi, l assistenza tecnica, le analisi e le prove, lo stilismo, il modellismo e la creazione, la formazione e la cooperazione internazionale, della Federazione Nazionale del Tessile «FENATEX.» Gli investimenti trovano anche un sostegno attivo presso l Agenzia di Promozione dell Investimento Estero, dell Agenzia di Promozione dell Industria e del Centro di Promozione delle Esportazioni a livello livello di attuazione dei progetti, di costituzione delle società e di operazioni d esportazione. «La prossimità geografica dell Europa, i bassi costi della manodopera, la stabilità politica del Paese ed i numerosi vantaggi fiscali hanno giocato un ruolo decisivo nella scelta di sviluppo della filiale tunisina.» Jonata MASSIMO, Direttore BENETTON Tunisia Condizioni di vita piacevolissime. La Tunisia è un paese che concilia a meraviglia tradizione e modernità. Il Tunisino è da sempre tollerante e ospitale. Oltre ad un clima mite, numerose comodità vengono offerte: quartieri residenziali moderni, numerosi centri commerciali e supermercati, scuole straniere, prestazioni mediche d alto livello, lunaparchi e tempo libero ed un importante infrastruttura turistica.

5 Settore a forte potenziale d investimento Più di imprese hanno scelto di impiantarsi in Tunisia, è il numero massimo nel sud del Mediterrano. Così gli IDE hanno rappresentato in media il 17% del totale dell industria manifatturiera nel corso degli ultimi 5 anni. Del resto, la partecipazione dei capitali esteri, in oltre mille imprese tunisine, la presenza d imprese di fama internazionale come Benetton o Van Laack cosi come la co-produzione per i grandi datori d ordine, hanno contribuito in maniera ottimale al successo del settore tessile ed abbigliamento. E una prova aggiuntiva della competitività della Tunisia in questo settore. La presenza di grandi marchi testimonia anche la vivacità e la capacità di quest industria d offrire un servizio reattivo e completo ai datori d ordine, alle centrali d acquisti e di rispondere così ad una richiesta in costante evoluzione. «Con la costruzione della nostra nuova fabbrica, prendiamo oggi, come nel 1974, la decisione di sistemarci in Tunisia.» Günther WEUTHEN, Gestore di GARTEX, filiale di GARDEUR in Tunisia Grandi marchi hanno scelto la Tunisia come sito d insediamento e approvigionamento. 3 POMMES, AMUCO, ARMAND THIERRY, BENETTON, BIERBAUM PROENEN, BRUNOTEX, CALVIN KLEIN, CARHARTT, CELIO, CHANTELLE, CHEVIGNON, COURTAULDS, DECATLHON, DIESEL, ECC ASHION, EL CORTE INGLES, ESPRIT, FAITHFULL UK, FASTENER, FOR YOU, FOULON, FRANK OLIVIER, GAP, GARDEUR, GUESS, GUY LAROCHE, HEINRICH WIRTZ, HEYTENS IDUNA, HUGO BOSS, HUIT, JOSEPH, JULES, KLOPMAN, KOOKAI, LACOSTE, LEE COOPER, LEJABY, LEVI S, LOVE FASHION, MARZOTTO, MAX MARA, MELTIN POT, MIROGLIO, MUSTANG, NAF NAF, NATURANA, PEPE JEANS, PHILANTEX, POLO RALPH LAUREN, ROULEAU GUICHARD, SEYTEX, TED LAPIDUS, TEDDY SMITH, TIMPA, TOMMY HILFIGER, VAN DE VELDE, VAN LAACK, YVES SAINT-LAURENT, ZARA,... Investire in Tunisia, significa cogliere le opportunità d investimento soprattutto nelle seguenti attività: il nobilitazione dei tessuti (attività già realizzata da alcune imprese estere) i servizi con lo sviluppo di piattaforma nel design e nello stilismo (numerosi progetti di questa natura sono in corso) i prodotti a base di tessuti tecnici il miglioramento della gamma dei prodotti: - pantaloni jeans: con l integrazione degli effetti di moda, nuove tecniche di lavaggio - vestiti di maglieria: vestiti sportivi di marchio, vestiti senza cucitura - abiti da lavoro: ad alta protezione contro i prodotti chimici, le fiamme e personalizzati con l immagine del marchio dell impresa - biancheria intima. Ci sono anche altri settori da sfruttare come i tessili biosensoriali, i tessili ad uso cosmetico, i tessili per l automobile ed i tessili per applicazione medica. Investire in Tunisia, significa anche puntare su un settore strategico che ha l ambizione di raggiungere nel 2016 gli obiettivi seguenti a livello: di esportazione: milioni di euro, di integrazione: il 20% delle imprese del settore produrrà i prodotti lavorati, di finitura: copertura del 40% dei bisogni, delle competenze: 500 ingegneri e tecnici superiori per raggiungere un tasso d inquadramento del 15%.

6 FIPA- Tunisia, il vostro partner per il successo L Agenzia di Promozione dell Investimento Estero «FIPA-Tunisia» è un ente nazionale, creato nel 1995 sotto la tutela del Ministero dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale. È incaricata di dare il sostegno necessario agli investitori esteri e di promuovere l investimento estero in Tunisia. FIPA-Tunisia ed i suoi uffici all estero formano una rete: d informazione sulle opportunità d investimento in Tunisia e i principali motivi che fanno della Tunisia un sito privilegiato per gli IDE. Tutte le informazioni utili sull economia tunisina, le risorse umane, l infrastruttura, le incentivazioni all investimento sono presentate in un ampia documentazione in diverse lingue, di contatti da Tunisi o dall estero grazie ad un lavoro di prospezione preliminare e di missioni di contatti specifici per rispondere ai bisogni degli investitori. Il nostro approccio è quello di presentare l offerta tunisina più soddisfacente per le imprese in cerca d internazionalizzazione, di consulenza sulle condizioni appropriate per il successo dei progetti, le regioni d insediamento, i regimi d investimento, le modalità di finanziamento, d accompagnamento dell investitore nelle sue visite di prospezione in Tunisia e nelle varie fasi di realizzazione del suo progetto. I programmi di contatto con le istituzioni e le imprese tunisine, a seconda dei settori di attività desiderati ed i centri d interesse degli investitori vengono elaborati dai responsabili di FIPA, d appoggio per migliorare la perennità dell impresa con un monitoraggio personalizzato ed un assistenza permanente presso i diversi reparti ministeriali e gli enti tunisini, così come presso le autorità regionali. FIPA-Tunisia è presente a: Tunisi Rue Salaheddine El Ammami Centre Urbain Nord 1004 Tunis Tel.: (216-71) Fax: (216-71) Bruxelles 31/33, rue Montoyer, Bte Bruxelles Tel.: (32-2) Fax: (32-2) Colonia Hohenstaufenring Köln Tel.: (49-221) Fax: (49-221) Londra Hatton Garden London EC1N 8LE Tel.: (44-207) Fax: (44-207) Madrid Avenida Alfonso XIII, 68 Madrid-28016, España Tel.: (34-91) Fax: (34-91) Milano Via M. Gonzaga, 5 (Piazza Missori) Milano Tel.: (39-02) Fax: (39-02) Parigi 8, rue de la Bienfaisance Paris Tel.: (33-1) Fax: (33-1) SERVICED

e delle calzature in Tunisia

e delle calzature in Tunisia L industria del cuoio e delle calzature in Tunisia Invest in Tunisia Un settore guida Ereditaria di una lunga tradizione di lavorazione del cuoio, la Tunisia oggi, si presenta come un sito di produzione,

Dettagli

14-15 giugno 2012. Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere. Hotel Ramada Plaza. Tunisi - Tunisia. Gammarth

14-15 giugno 2012. Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere. Hotel Ramada Plaza. Tunisi - Tunisia. Gammarth 14-15 giugno 2012 Hotel Ramada Plaza Gammarth Tunisi - Tunisia La Nuova TUNISIA Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere fipa.tunisia@fipa.tn www.investintunisia.tn www.tunisiainvestmentforum.tn

Dettagli

agroalimentare in Tunisia

agroalimentare in Tunisia L'industria agroalimentare in Tunisia Invest in Tunisia Dinamismo del settore La Tunisia beneficia di una natura generosa e molto varia. Da sempre, le ricchezze naturali della Tunisia e la clemenza del

Dettagli

tecnologie in Tunisia Invest in Tunisia

tecnologie in Tunisia Invest in Tunisia tecnologie dell' informazione et della communicazione in Tunisia Le Invest in Tunisia La Tunisia dispone di un numero elevato di giovani diplomati le cui competenze e qualifiche nelle diverse filiere corrispondono

Dettagli

L INDUSTRIA AERONAUTICA. in Tunisia... invest in Tunisia

L INDUSTRIA AERONAUTICA. in Tunisia... invest in Tunisia L INDUSTRIA AERONAUTICA in Tunisia... invest in Tunisia invest in Tunisia Un industria in espansione 9 000 posti di lavoro 65 imprese Il settore aeronautico in Tunisia conosce da un decennio una reale

Dettagli

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 L ITALIA 2 partner economico della Tunisia 2 Cliente 2 Investitore 25 % il numero delle

Dettagli

ThinkTunisia TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI. >looking for growth? For a win - win partnership. www.thinktunisia.tn

ThinkTunisia TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI. >looking for growth? For a win - win partnership. www.thinktunisia.tn >looking for growth? TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI For a win - win partnership www.thinktunisia.tn Sguardi sul settore TIC & Outsourcing di servizi Settore in forte crescita Le tecnologie dell informazione

Dettagli

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI TAVOL TUNISIA DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO IN TUNISIA L Unione Europea è il primo partner economico e commerciale

Dettagli

Contaminati dalla moda

Contaminati dalla moda Contaminati dalla moda Roma, 20 novembre 2012 Questo briefing riassume i contenuti del rapporto di Greenpeace Toxic Threads: The Big Fashion Stitch-Up 1 che presenta i risultati di una nuova indagine sulle

Dettagli

L Area MEDA IL Caso TUNISIA

L Area MEDA IL Caso TUNISIA L Area MEDA IL Caso TUNISIA Ing.Enrico Ottolini Esperto settoriale Progetto 5 Technopoli tunisine Università Insubria 18 dicembre 2006 I dati di base Superficie 162 155 Km2 ( ca. metà dell Italia) Popolazione

Dettagli

ANALISI OPPORTUNITA IN TUNISIA SETTORE TESSILE E TURISMO

ANALISI OPPORTUNITA IN TUNISIA SETTORE TESSILE E TURISMO ANALISI OPPORTUNITA IN TUNISIA SETTORE TESSILE E TURISMO dott.ssa Giuseppa Costa - 1 - In un Mediterraneo sempre più integrato anche in vista della creazione di un mercato unico euromediterraneo prevista

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Mission design: attenzione al cliente: qualità: professionalità:

Mission design: attenzione al cliente: qualità: professionalità: Company Profile La Società La società Getam Spa opera nel settore tessile casa, settore in cui ha raggiunto, in questi ultimi anni, un notevole grado di penetrazione presso le maggiori catene della Grande

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO Primi IL MERCATO A livello mondiale il mercato dell abbigliamento intimo vale circa 50 miliardi di euro e i principali Paesi consumatori sono l Europa e gli Stati

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

LEADER NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI TESSILE E ABBIGLIAMENTO

LEADER NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI TESSILE E ABBIGLIAMENTO LEADER NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI TESSILE E ABBIGLIAMENTO M2LOG NASCE DALL ESPERIENZA DEL GRUPPO MIROGLIO I NUMERI CHE FANNO LA DIFFERENZA 2POLI LOGISTICI DI SMISTAMENTO CAPI E

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7)

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7) STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO (L. 49/87, Artt. 6 e 7) 2 STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA La Legge-quadro sulla cooperazione allo sviluppo n. 49/87 prevede

Dettagli

TESSILE E ABBIGLIAMENTO

TESSILE E ABBIGLIAMENTO TESSILE E ABBIGLIAMENTO 1 LE OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE VENDERE Tessuti e Filati: il Vietnam è un forte esportatore di confezioni ma la filiera tessile è inadeguata. Gli approvvigionamento di

Dettagli

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Assemblea ACIMIT 2014 1 / 11 Perimetro, Obiettivi e Strumenti dello studio Perimetro Prodotti tessili della filiera Sistema Persona

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD07B ATTIVITÀ 17.72.0 FABBRICAZIONE DI PULLOVER, CARDIGAN E ALTRI

STUDIO DI SETTORE UD07B ATTIVITÀ 17.72.0 FABBRICAZIONE DI PULLOVER, CARDIGAN E ALTRI STUDIO DI SETTORE UD07B ATTIVITÀ 17.72.0 FABBRICAZIONE DI PULLOVER, CARDIGAN E ALTRI ARTICOLI SIMILI A MAGLIA ATTIVITÀ 18.21.0 CONFEZIONE DI INDUMENTI DA LAVORO ATTIVITÀ 18.22.A CONFEZIONE DI ABBIGLIAMENTO

Dettagli

- INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE;

- INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE; - INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE; - PREMI D INVESTIMENTO PER I PROGETTI INDUSTRIALLI NELLE ZONE DI SVILUPPO REGIONALE E PER I PROGETTI TURISTICI E AGRICOLI; -

Dettagli

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO Ufficio di Casablanca - Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO (novembre 2014) In base ai dati diramati dal Governo marocchino, il settore

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Ufficio ICE di Tunisi. Tunisia - Quadro macroeconomico generale

Ufficio ICE di Tunisi. Tunisia - Quadro macroeconomico generale Ufficio ICE di Tunisi Tunisia - Quadro macroeconomico generale Marzo 2014 La crisi politica e le tensioni sociali hanno pesato molto sull attuale situazione economica tunisina. Nel 2013 la crescita del

Dettagli

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) stefano.formenti@esteri.it 1 COOPERAZIONE

Dettagli

Alternatives for Today

Alternatives for Today Alternatives for Today Nell attuale contesto politico europeo, volto alla promozione delle fonti energetiche rinnovabili, AS Solar sostiene e propone iniziative a livello nazionale e internazionale attraverso

Dettagli

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO allegati B e C ISTITUTI TECNICI INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEI SETTORI ECONOMICO E TECNOLOGICO B. SETTORE ECONOMICO Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

DESK NORD AFRICA. Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione. BPO: Business Process Outsourcing:

DESK NORD AFRICA. Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione. BPO: Business Process Outsourcing: Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione BPO: Business Process Outsourcing: o Centri di contatto e call center o Ricerca marketing o Televendita o Supporto Tecnico o Assistenza o

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni 11 settembre 2013 - 2 - Inhalt 1 Contesto 2 Valutare le esigenze in

Dettagli

Internazionalizzare in. Marocco. Casablanca 26-28 Novembre

Internazionalizzare in. Marocco. Casablanca 26-28 Novembre Internazionalizzare in Marocco Casablanca 26-28 Novembre 2014 1 Il Marocco e le nuove Opportunità Strategiche «( da un punto di vista strategico, i piani di sviluppo e i progetti già realizzati hanno permesso

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE ATTIVITÀ AMMISSIBILI Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (codice

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: oltre 8.000 clienti;

Dettagli

Caratteristiche e Potenzialità

Caratteristiche e Potenzialità Le opportunità di investimento per le aziende italiane Dott. Enrico Perego Milano, 8 Marzo 2012 Caratteristiche e Potenzialità Valutazione Paese Forza lavoro giovane e a basso costo Forte stabilità politica

Dettagli

GLOBAL LIFESTYLE MONITOR 2014. VIII edizione April, 2014

GLOBAL LIFESTYLE MONITOR 2014. VIII edizione April, 2014 GLOBAL LIFESTYLE MONITOR 2014 VIII edizione April, 2014 1 PROSPETTIVA ECONOMICA E SPESA DEL CONSUMATORE PRESENTATION TITLE PAGE 2 PERCEZIONE DELLA PROPRIA SITUAZIONE ECONOMICA Totale Uomini Donne Under

Dettagli

Pesaro, 01 Luglio 2014

Pesaro, 01 Luglio 2014 Programma Congiunto UNIDO SMEDA Italia per l istituzione di una Investment Promotion Unit (IPU) in Lahore, con focus sugli investimenti italiani in Pakistan Pesaro, 01 Luglio 2014 1 Obiettivo: Supportare

Dettagli

SCUOLA & SISTEMA MODA

SCUOLA & SISTEMA MODA 12 SCUOLA & SISTEMA MODA Rilanciare la formazione tecnica e accademico-universitaria per un made in Italy competitivo. L esempio della Regione Lombardia Made in Italy e moda sono un binomio inscindibile

Dettagli

Malta: Il modello irlandese a 80 km dall Italia.

Malta: Il modello irlandese a 80 km dall Italia. E-Commerce Forum Milano 20 Maggio 2014 Malta: Il modello irlandese a 80 km dall Italia. Riccardo Usuelli RarTech Ltd Kevin Deguara DF Group Riccardo Usuelli 2 Ma dove stiamo andando? 3 RarTech e Marketing

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

NAUTICA: Opportunità nel settore Nautico in Brasile

NAUTICA: Opportunità nel settore Nautico in Brasile Opportunità di investimento per le PMI italiane Il settore della nautica offre oggi grandi opportunità di investimento in Brasile per le imprese italiane grazie al momento estremamente favorevole che l

Dettagli

DOMANDA PER LA CERTIFICAZIONE TESSILE BIOLOGICA

DOMANDA PER LA CERTIFICAZIONE TESSILE BIOLOGICA Application Form GOTS 1.2. Lo standard copre la trasformazione, fabbricazione, confezionamento, etichettatura, commercializzazione e distribuzione di prodotti tessili costituiti da almeno il 70% di fibre

Dettagli

Gruppo Cornèr Banca. I vostri valori, i nostri valori.

Gruppo Cornèr Banca. I vostri valori, i nostri valori. Gruppo Cornèr Banca I vostri valori, i nostri valori. Gruppo Cornèr Banca 2 Banca privata 3 Mercato svizzero 4 Mercato internazionale 5 Private banking 6 Crediti 7 Cornèrcard 8 Area Mercati 9 Intermediari

Dettagli

Tianjin/Pechino Victoria Trading La porta di accesso al mercato cinese

Tianjin/Pechino Victoria Trading La porta di accesso al mercato cinese Tianjin/Pechino Victoria Trading La porta di accesso al mercato cinese La Cerimonia dell Accordo tra European Trade Centre e Victoria Trading Il progetto Tianjin è una nuova porta di accesso al mercato

Dettagli

A Bolzano il nuovo Parco tecnologico dell Alto Adige

A Bolzano il nuovo Parco tecnologico dell Alto Adige A Bolzano il nuovo Parco tecnologico dell Alto Adige È attualmente in corso di realizzazione, a Bolzano, un Parco tecnologico che integrerà gli istituti di ricerca e le istituzioni universitarie con le

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

START UP & INVESTMENT COMPACT

START UP & INVESTMENT COMPACT Focus on START UP & INVESTMENT COMPACT Marzo 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova London Paris Hamburg Brussels Manchester Munich Dusseldorf

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

TUNISIA IL PRIMO PAESE IN LIBERO SCAMBIO CON L UNIONE EUROPEA

TUNISIA IL PRIMO PAESE IN LIBERO SCAMBIO CON L UNIONE EUROPEA Milano, 12 12 Dicembre 2008 TUNISIA IL PRIMO PAESE IN LIBERO SCAMBIO CON L UNIONE EUROPEA Ing. Ing. Hechmi Chatmen Delegato Generale 1 FIPA Tunisia FIPA FIPA Tunisia Tunisia Milano Milano via via Gonzaga

Dettagli

ALLEGATO C INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE TECNOLOGICO

ALLEGATO C INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE TECNOLOGICO ALLEGATO C INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE TECNOLOGICO Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

Venezia, 22 Gennaio 2015

Venezia, 22 Gennaio 2015 Programma Congiunto UNIDO-SMEDA-Italia per l istituzione di una Investment Promotion Unit (IPU) in Lahore, con focus sugli investimenti italiani in Pakistan Venezia, 22 Gennaio 2015 1 Obiettivo: Supportare

Dettagli

Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia. Le opportunità di investimento in Puglia

Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia. Le opportunità di investimento in Puglia Antonio De Vito Direttore Generale di Puglia Sviluppo S.p.A. Risorse per investire in Puglia Le opportunità di investimento in Puglia Argomenti trattati: La Puglia in breve Comparto del legno-arredo in

Dettagli

Brochure per fornitori e partner

Brochure per fornitori e partner La grande catena di negozi per tutta la famiglia Brochure per fornitori e partner SOMMARIO Sommario... 3 Il Gruppo CIA Diffusione Abbigliamento... 4 La Rete dei Punti Vendita... 4 I motivi di un successo...

Dettagli

2012-2013 IN SINTESI UN MONDO DI ATTENZIONI

2012-2013 IN SINTESI UN MONDO DI ATTENZIONI 2012-2013 IN SINTESI UN MONDO DI ATTENZIONI Fondato nel 1991, Elior è oggi uno dei leader mondiali nel settore della Ristorazione e dei Servizi. Nel 2013, il Gruppo ha realizzato, in 13 paesi, un fatturato

Dettagli

GEFCO LOGISTICA D AUTORE LE STRADE DEL SUCCESSO PER IL FASHION IN RUSSIA

GEFCO LOGISTICA D AUTORE LE STRADE DEL SUCCESSO PER IL FASHION IN RUSSIA GEFCO LOGISTICA D AUTORE LE STRADE DEL SUCCESSO PER IL FASHION IN RUSSIA 18/11/ 2015 > GRUPPO GEFCO 2 GEFCO, UNO DEI PRINCIPALI PROTAGONISTI DELLA LOGISTICA E DEL TRASPORTO 1949 anno di fondazione 4.1

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

A REGIONE DI KRASNODAR: NUOVO POLO DI CRESCITA NEL SUD DELLA RUSSIA

A REGIONE DI KRASNODAR: NUOVO POLO DI CRESCITA NEL SUD DELLA RUSSIA A REGIONE DI KRASNODAR: NUOVO POLO DI CRESCITA NEL SUD DELLA RUSSIA Anche nella regione di Krasnodar un distretto industriale italiano. La regione per prima ha aperto una propria Rappresentanza ufficiale

Dettagli

IL VOSTRO PARTNER UNA BANCA PRIVATA A CONNOTAZIONE UMANA, PER VALORIZZARE IL VOSTRO PATRIMONIO ED I VOSTRI PROGETTI

IL VOSTRO PARTNER UNA BANCA PRIVATA A CONNOTAZIONE UMANA, PER VALORIZZARE IL VOSTRO PATRIMONIO ED I VOSTRI PROGETTI IL VOSTRO PARTNER NELLA GESTIONE PRIVATA UNA BANCA PRIVATA A CONNOTAZIONE UMANA, PER VALORIZZARE IL VOSTRO PATRIMONIO ED I VOSTRI PROGETTI SOMMARIO 01 Approccio globale / Introduzione 02 Forgiare il vostro

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

MANUFACTURING MANUFACTURING

MANUFACTURING MANUFACTURING MANUFACTURING MANUFACTURING 1 CRM Produzione Pianificazione EDI /RADIO Business Intelligence Demand Forecasting Ottimizzazione Approvvigionamento CMMS Finanza GESTIONE PROGETTO Assistenza Post-Vendita

Dettagli

I.T.I.S. V. E. Marzotto - Valdagno ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO. L esperienza del corso di specializzazione tessile

I.T.I.S. V. E. Marzotto - Valdagno ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO. L esperienza del corso di specializzazione tessile I.T.I.S. V. E. Marzotto - Valdagno ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO L esperienza del corso di specializzazione tessile D2 ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO L A.S.L. è una metodologia che prevede un periodo di apprendimento

Dettagli

STIRERIA SARTORIA LAVAGGIO RICEZIONE CAPI CONFEZIONAMENTO TAPPEZZERIA

STIRERIA SARTORIA LAVAGGIO RICEZIONE CAPI CONFEZIONAMENTO TAPPEZZERIA AZIENDA AGAR SERVICE è un azienda italiana leader in servizi di lavanderia professionale, settore nel quale si propone come partner qualificato per ogni esigenza connessa a trattamenti di pulizia ed igienizzazione

Dettagli

Company Profile. L' idea. www.atelier98.com

Company Profile. L' idea. www.atelier98.com www.atelier98.com Company Profile L' idea I PRINCIPI FONDAMENTALI : L informatica può aiutare molto le aziende nella competizione globale ma i maggiori vantaggi si possono ottenere se le applicazioni risultano

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana.

Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana. Sicuri su ogni terreno Dicembre 2012 Avviare un attività commerciale in Svizzera Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana. La Svizzera offre agli imprenditori

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Per sentirsi buoni dentro e belli fuori!

Per sentirsi buoni dentro e belli fuori! Per sentirsi buoni dentro e belli fuori! Da oltre 20 anni realizziamo ogni capo Naturaline con entusiasmo e passione, perché sappiamo cosa significa produrre tessili nel rispetto di standard etici ed ecologici.

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane.

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane. FEDERCHIMICA 2a Conferenza Nazionale N.I.C. Nanotecnologie nell Industria Chimica Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Le attività di Venture Capital di SIMEST Milano 2 dicembre

Dettagli

Costruzioni per fiere, padiglioni, esposizioni

Costruzioni per fiere, padiglioni, esposizioni Costruzioni per fiere, padiglioni, esposizioni 2 3 Esperienza ed affidabilità. Stand fieristici ed esposizioni, hall e padiglioni temporanei per manifestazioni: l esperienza maturata in numerosi progetti

Dettagli

La piccola e media impresa

La piccola e media impresa Lezione 11 La piccola e media impresa Censimento industriale 1991 In Italia piccola impresa (

Dettagli

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Un leader nella CRESCITA SOSTENIBILE UN RUOLO INTERNAZIONALE Seoul ha ospitato a novembre 2010 il Summit G20 dei Capi di

Dettagli

Quadro economico e prospettive dell industria grafica e cartotecnica

Quadro economico e prospettive dell industria grafica e cartotecnica Quadro economico e prospettive dell industria grafica e cartotecnica Dott. Claudio Covini Direttore Generale Assografici 13 Digital Printing Forum, 13 Febbraio 2008 I SETTORI INDUSTRIALI RAPPRESENTATI

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Antonio Ventresca a.ventresca@ice.it ICE - Agenzia per la promozione

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE BENETTON

L ORGANIZZAZIONE BENETTON AZIENDE BENETTON L ORGANIZZAZIONE BENETTON La politica di sviluppo del gruppo tessile italiano mostra come l attenzione costante all innovazione e alla flessibilità dei processi di produzione e distribuzione

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CICU

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CICU Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1618 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CICU Disposizioni per l attuazione e l operatività delle zone franche previste dal decreto

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia

Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia 1. Il Tavolo-Tunisia della cooperazione decentrata, coordinato dal MAE-DGCS/Ufficio della cooperazione decentrata, si è costituito presso il MAE il 7 aprile 2009

Dettagli

Definisci i tuoi obiettivi, noi faremo il resto.

Definisci i tuoi obiettivi, noi faremo il resto. COMPARTI DELLA SICAV GOLDMAN SACHS FUNDS Definisci i tuoi obiettivi, noi faremo il resto. I portafogli GS Wealthbuilder Multi-Asset mirano a sostenere gli investitori nel raggiungimento dei propri obiettivi

Dettagli

Schumacher Precision Tools GmbH

Schumacher Precision Tools GmbH Image-Broschure Tecnologia della Filettatura Schumacher Precision Tools GmbH Prodotti Applicazioni Servizi L impresa Utensili di precisione dal 1918 Schumacher produce utensili di alta qualità e precisione

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli