MITO 1 Il settore Auto e la sua filiera contribuiscono poco alle economie dell Europa -> FALSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MITO 1 Il settore Auto e la sua filiera contribuiscono poco alle economie dell Europa -> FALSO"

Transcript

1 Spunti di lavoro - dalla ricerca Unioncamere-Prometeia Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei - dalla prefazione al volume del Presidente della Commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica Massimo Mucchetti - dall introduzione al volume del Presidente di Unioncamere Ivanhoe Lo Bello Dalla ricerca, 4 miti da sfatare: MITO 1 Il settore Auto e la sua filiera contribuiscono poco alle economie dell Europa -> FALSO Considerando sia la fase industriale (dalle prime lavorazioni a quelle finali) che quella distributiva l intera filiera genera in Italia quasi il 5% del Pil: una quota paragonabile a quella delle altre economie avanzate. In Europa da segnalare la Germania, unico Paese che negli ultimi 15 anni è riuscito ad estendere la rilevanza del settore auto, passando dal 5,6% ad oltre il 9% sul Pil, per la sola fase industriale (tabella 1 allegato) In Italia la fase industriale genera oltre 27 miliardi di euro di valore aggiunto, impiega oltre 500 mila occupati e contribuisce alla formazione del 2% del Pil (tabelle 1 e 2 allegato) In Italia la fase distributiva produce valore per circa 40 miliardi di euro e sostiene oltre 700 mila occupati (tabelle 1 e 2 allegato) In Italia gli addetti complessivi (diretti e indiretti) della filiera automotive sono stimati a quota 1,2 milioni di unità (500 mila dei quali impegnati nelle sole fasi produttive), con effetti rilevanti sulla capacità di creare benessere nei territori MITO 2 Il settore Auto non porta con sé abbastanza innovazione -> FALSO L attività di R&S e di innovazione è particolarmente intensa nel settore Automotive, ed i benefici in termini di ricchezza e conoscenza sono rilevanti sia per la filiera che per l intera economia. Da qui anche l importanza di sostenere e attrarre questi investimenti (grafico 1 in allegato) L automotive è un sistema complesso di processo e prodotto: ogni auto è composta da circa 30 mila parti. Se per la Apple 200 fornitori rappresentano il 97% degli acquisti di materiale, manufatti e costo di assemblaggio, per le grandi case automobilistiche il numero dei fornitori può superare le 10 mila unità. Il gruppo FCA, solo per gli acquisti di materiali diretti, ha più di 3000 fornitori; di questi i primi 180 contano solo per il 59% del totale acquisti diretti 1

2 Lo sviluppo dei prodotti nell Automotive ha un arco di tempo lungo (5-10 anni): questo è positivo perché garantisce investimenti a lungo termine e capacità progettuali e di visione strategica Lo sviluppo dei prodotti Auto non giustifica elevati ritorni sul capitale, motivo per cui si devono condividere le piattaforme per sostenere l innovazione Il settore è ancora lontano dalla maturazione tecnologica In Italia le spese in ricerca e sviluppo delle imprese della filiera automotive rappresentano il 12% del totale delle spese in ricerca del settore privato, mentre in Germania arrivano al 32% (grafico 2 in allegato) Tra il 2009 e il 2011, pur in una congiuntura non favorevole, in Italia, Germania e Regno Unito spesa e occupazione in R&S delle imprese dell automotive aumentano; la dinamica è particolarmente brillante, e migliore di quella riscontrata nel complesso del manifatturiero per Italia e Regno Unito (tabella 3 in allegato) La sfida dell innovazione per le imprese dell automotive si gioca su elettronica, tecnologie di automazione e di connessione, ricerca sui materiali, sistemi di alimentazione, motore e distribuzione. MITO 3 L automotive è un settore con domanda satura -> FALSO Tra il 2005 e il 2013 la domanda globale di auto aumenta: cresce il peso dei mercati emergenti (grafico 3 in allegato). Nel 2013 Cina, India, Brasile e Russia si posizionano, assieme a Stati Uniti, Giappone e Germania, tra i primi mercati mondiali dell auto. Nei prossimi anni la domanda continuerà a essere trainata dai nuovi mercati; in particolare in Cina le migliori aspettative di crescita coinvolgono le città minori (lower-tier cities), caratterizzate da una crescente urbanizzazione e da problemi di congestione inferiori a quelli delle grandi metropoli (grafico 4 in allegato) La produzione segue la domanda: cresce a livello globale, trainata dalle economie emergenti. Non è solo la dinamicità della domanda a spostare la produzione, pesano anche altri fattori (costo della manodopera, costi logistici, politiche doganali e/o di incentivazione agli investimenti, etc.) (grafico 5 in allegato) Le scelte di produzione risentono da un lato della necessità di soddisfare una clientela che anche nel segmento mass-market si fa sempre più esigente, dall altro dell opportunità di convogliare la produzione in un numero limitato di piattaforme globali in grado di garantire un ampia flessibilità/adattabilità Tra il 2005 e il 2013 il grado di utilizzo degli impianti diminuisce in tutti i principali paesi europei ad eccezione del Regno Unito. Problemi di capacità produttiva inutilizzata nel panorama europeo potrebbero permanere nel breve periodo, per diradarsi a medio termine; la capacità dei produttori nazionali di rilanciare la produzione interna giocherà un ruolo fondamentale per l assetto dell industria francese e italiana del futuro prossimo (tabella 4 in allegato). 2

3 MITO 4 L automotive non ha più bisogno di supporto pubblico -> FALSO L auto resta un settore strategico, perché è uno dei pochi settori ad essere molto complesso: l innovazione viene portata avanti in una logica di sistema e globale, e si trasferisce lungo tutta la filiera. Inoltre il settore continua in maniera importante a sostenere l occupazione, e quindi a cascata i consumi ed il fisco Il settore dell auto ha beneficiato, in particolare durante la recente crisi, di sostegno e interventi statali in America e in tutti i Paesi europei, anche in Germania (grafico 6 e figura 2 in allegato). Tuttavia i player diventano sempre più grandi e globali mentre le scelte di policy rimangono in capo alle istituzioni nazionali, così che la competizione fra Stati per l attrazione degli investimenti può ridurre l efficacia degli strumenti a disposizione (in Europa non sono consentiti gli aiuti di Stato) Sono sufficienti interventi di sistema (riforma del lavoro, tassazione etc) o sono necessari interventi ritagliati su misura per il settore? Molto dipende da quale modello di filiera si vuol perseguire (figura 3 in allegato). Spunti dalla prefazione al volume del Presidente della Commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica Massimo Mucchetti Globalizzazione e insediamento nazionale Nel 1990 il gruppo Fiat contava 303 mila dipendenti, dei quali 66 mila all'estero. Nel 2013, sommando per omogeneità FCA e CNH Industrial, i dipendenti sono 290 mila, dei quali 210 mila all'estero, per effetto del ridimensionamento dell'insediamento nazionale e delle acquisizioni di Chrysler e del produttore americano di trattori, Case. Eppure, anche con "soli" 80 mila dipendenti, le due "figlie" della Fiat restano il maggior datore di lavoro industriale nel Paese, il secondo in assoluto dopo le Poste. Come è cambiata la ripartizione del valore aggiunto Nel 1990, il 76,2% del valore aggiunto di Fiat andava al lavoro, il 5,6% alle imposte, il 5% a dividendi, in quell'anno i proventi erano superiori agli oneri finanziari, il resto restava in azienda come ammortamenti e altre voci minori. Nel 2014, sommando FCA e CNH Industrial, al lavoro è andato il 55% del valore aggiunto, alle imposte il 4%, alla remunerazione dei creditori finanziari il 9%, agli azionisti lo 0,9%, mentre in azienda è rimasto il 31,1%. Come è cambiata la creazione di valore per gli azionisti Dal primo maggio 2004, quando l'attuale amministratore delegato prende servizio, alla fine del primo semestre 2015, la gestione ha dato un rendimento di 14 miliardi ove si consideri a somma delle capitalizzazioni di Borsa di FCA e CNH Industrial rispetto al costo 3

4 cumulato del capitale 1 : Marchionne ha reso il 27% medio annuo rispetto al costo del capitale dei suoi azionisti, un risultato memorabile per i soci (tabella 5 in allegato). I conti dei produttori ospiti al convegno del 28 luglio Una certa distanza separa i conti di FCA da quelli del suo concorrente più prossimo, il gruppo Volkswagen. Nel primo trimestre 2015, FCA ha realizzato un utile netto di 92 milioni su ricavi per 26,4 miliardi, con debiti finanziari netti per 11 miliardi, mentre Volkswagen dichiara un utile netto di 2,9 miliardi su 52,7 di ricavi e una liquidità netta di 20 miliardi. GM ha realizzato nel primo trimestre 2015 un utile netto di 878 milioni di euro (945 milioni di dollari) su ricavi pari a 33.2 miliardi di euro (35.7 miliardi di dollari). La capitalizzazione di mercato del gruppo FCA è pari a 18.2 miliardi di euro, quella di GM supera i 45, mentre Volkswagen si attesta a 90 miliardi. Gli aiuti pubblici al gruppo Fiat Anche la Fiat ha costruito la propria base produttiva con il supporto di aiuti pubblici di vario genere: i contributi in conto capitale e in conto interessi per il Mezzogiorno e per la ricerca; il contingentamento dell'importazione di automobili orientali fino al 1999; la cessione di rami secchi come la Teksid o di partecipazioni non più interessanti come quelle nella Grandi Motori di Trieste e nell'aeritalia alle Partecipazioni statali; la generosa valorizzazione di meri progetti di centrali elettriche grazie agli incentivi scaricati in bolletta dal decreto CIP 6. La gestione inoltre si è avvalsa degli incentivi alla rottamazione delle vecchie automobili e degli ammortizzatori sociali per le eccedenze di personale, in parte finanziati nel tempo con i contributi dell'azienda e dei lavoratori e in parte a carico della fiscalità generale. Nonostante l'azienda non dia informazioni su questa variegata materia, la consistenza monetaria attualizzata del supporto della mano pubblica negli ultimi quarant'anni a Fiat è verosimilmente inferiore ai 27 miliardi di contributi elargiti alle FER, le fonti energetiche rinnovabili, nel solo biennio '14. Contributi che, senza rivalutazione monetaria, si ripetono per vent'anni. La prefazione affronta 3 punti strategici: 1. La concentrazione del settore automotive in cui nessun marchio storico esce di scena. Nel 2015, FCA si offre per una fusione con l'intera Gm, dopo la rottura dell'alleanza nel 2005 e dopo aver invano cercato, nel 2009, di acquisire le attività europee Gm intestate alla tedesca Opel. FCA capitalizza 16,5 miliardi di euro, Gm il triplo. Non sarebbe un merger of equals. A valori correnti, l'exor, la finanziaria controllata dalla famiglia Agnelli, avrebbe più o meno l'8% della combined entity. Da Detroit hanno lasciato cadere la proposta. Una reazione scontata. Resta l'ipotesi che, con questa mossa, FCA si sia posta sul mercato del merger and acquisition per partecipare a un progetto più ambizioso dei suoi attuali business plan, ma 1 Per costo cumulato del capitale si intende la capitalizzazione di Fiat a inizio periodo rivalutata, anno dopo anno, in base al rendimento dei BTP decennali maggiorati del 3,5% come premio al rischio, e integrata con le emissioni azionarie, meno i dividendi. 4

5 ancora tutto da capire, fuori dalle retoriche globaliste. La stessa scissione della Ferrari da FCA, che oggi la controlla al 90%, ridefinisce gli equilibri proprietari in capo alla casa di Maranello: a regime, il controllo di fatto del Cavallino passerà all'exor, ma con una partecipazione del 24%, appena sotto la soglia dell'opa obbligatoria in Italia. Quanto durerà questo assetto? 2. La sinergia tra componentistica e grandi costruttori Secondo il rapporto Unioncamere-Prometeia, si è andato stabilendo un nesso tra l'estensione, l'eccellenza e la complessità della componentistica e la presenza di costruttori veri e propri nei grandi Paesi europei. In Germania, Francia e Italia la componentistica è importante, mentre in Spagna e nel Regno Unito vale meno. La realtà italiana è quella di una componentistica che, pur eccellente, non raggiunge le dimensioni di una Bosch o di una Denso. In questa realtà, dove la piccola dimensione favorisce la specializzazione ma non l'effetto scala, una posizione particolare viene ricoperta dalla Magneti Marelli, multinazionale grande per l'italia, meno per il mercato globale. Se mai FCA volesse separarsene, sull'esempio di tante altre case automobilistiche, si aprirebbero due opposte prospettive: una crescita stand alone favorita dall'indipendenza, magari con la ridefinizione del portafoglio di attività, o il break up, che genererebbe ricchezza finanziaria in capo a chi lo facesse, ma con il rischio di indebolire la partecipazione nazionale alla filiera globale. La questione del futuro del costruttore - della sua capacità di reggere la competizione globale e del ruolo che possono avere o non avere in questa partita le sedi italiane- è centrale. Il rilancio della produzione in Italia e l attrazione di produttori esteri potrebbero essere benefici per le imprese italiane della componentistica. 3. La politica industriale Il piano Fabbrica Italia, annunciato nel 2009 e ritirato nel 2012, prevedeva la produzione di 1,4 milioni di vetture FCA in loco. Nel 2014 in Italia la produzione di automobili, pressoché interamente del gruppo Fiat Chrysler, ora FCA, si è attestata su 401 mila pezzi. Per il 2015 il top management si attende una produzione di 650 mila pezzi. Questi numeri richiamano ciò che la Fiat stessa riteneva possibile senza aiuti pubblici o aumenti di capitale quando sembrava albeggiare la ripresa dell'economia: un'alba fallace, quella di sei anni fa; un'alba migliore, questa del 2015, con l'istat che segnala un incremento tendenziale degli investimenti fissi lordi in mezzi di trasporto del 40%. Una congiuntura in cui anche l Automotive può rafforzarsi. Sarebbe utile al Paese raggiungere e superare l'obiettivo di produzione nazionale di Fabbrica Italia, se non fare addirittura meglio, con il ritorno di FCA ad un maggiore utilizzo degli impianti e, magari, con il contributo di uno o più costruttori esteri, meglio se con iniziative legate al made in Italy, non di mero assemblaggio, insomma. 5

6 Ma senza un forte incremento delle esportazioni - e delle esportazioni extra Ue - la produzione italiana incontrerà il suo limite nelle dimensioni demografiche del mercato interno. Per vincere la scommessa bisogna dunque investire in misura massiccia. Gli investimenti per salvare o ampliare la base produttiva non si finanziano totalmente sul mercato privato. Naturalmente, è possibile attrarre investimenti, anche esteri, in una logica di puro mercato, almeno in apparenza. È accaduto a Torino quando, nel 2005, partendo dalla comproprietà con Fiat dei brevetti multijet, Gm ha aperto nel campus del Politecnico un importante centro di ricerche e sviluppo, dove 700 persone, per l'84% laureate, progettano i motori diesel per l'intero settore automotive nei principali paesi europei gruppo multinazionale americano. Quando invece si è trattato di realizzare un nuovo stabilimento di produzione - è il progetto greenfield per la costruzione di Suv Lamborghini a Sant'Agata Bolognese - gli incentivi pubblici hanno avuto un loro peso nell'orientare la decisione. Oggi i policy makers italiani devono scegliere se mettere o meno risorse pubbliche in un'industria, quella dell'auto, che continuerà a essere cruciale per l'economia manifatturiera italiana e ad avere un moltiplicatore tecnologico e occupazionale tra i più alti. Non si tratta di tornare al passato, di tentare la clonazione fuori tempo delle Partecipazioni statali, ma di usare bene lo strumento degli incentivi mirati su territori e su progetti, imparando dall'esperienza torinese che ha favorito l'insediamento di Gm o da quella bolognese che ci porterà il Suv Lamborghini, e di usare meglio, senza complessi, il Fondo Strategico della Cassa depositi e prestiti quando se ne presentasse l'opportunità. Spunti dall introduzione al volume del Presidente di Unioncamere Ivanhoe Lo Bello Gli obiettivi della ricerca Il Rapporto mira a individuare i principali fattori abilitanti la crescita degli investimenti nel settore automotive e il mantenimento delle fasi più pregiate della filiera all interno del nostro Paese. La domanda di auto cambia segno Dopo alcuni anni caratterizzati da forti flessioni, nel 2014 gli acquisti di auto in Italia si sono riportati su variazioni positive, chiudendo con un +4,4 rispetto al 2013: e il trend positivo si rafforza nell anno in corso, che vede nei primi sei mesi un +15,1% rispetto allo stesso periodo del La domanda di auto cambia nei contenuti Sta cambiando l idea di mobilità per gli italiani, specie nelle aree urbane e nelle fasce più giovani. I nuovi orientamenti dei consumatori hanno impatto sia sulle modalità di fruizione dell auto (come dimostra il boom del car sharing), sia sulle caratteristiche stesse del prodotto auto richiesto: cresce la sensibilità per le tecnologie verdi a minor impatto ambientale. Nel 2014, le emissioni medie di CO2 attribuibili alle nuove immatricolazioni in Italia sono state pari a 118,2 g/km, già al di sotto dei limiti imposti dalla Commissione Europea per il 2015 (130 g/km) e ben inferiori a quelle della Germania (132,5 g/km). 6

7 L evoluzione delle strategie di filiera: i fornitori Nonostante il recente ridimensionamento dell industria domestica di autoveicoli, le circa imprese italiane della componentistica hanno mostrato discreti risultati economici e una buona capacità di presidiare i mercati internazionali. Si tratta di imprese che nel passato hanno beneficiato molto del rapporto con il produttore nazionale - anche in termini di ricerca e sviluppo, tecnologie e conoscenza - ma che col tempo hanno diversificato il loro business alla ricerca di nuovi sbocchi all estero. L evoluzione delle strategie di filiera: i grandi gruppi In prospettiva, molti gruppi tenderanno ad aumentare i propri acquisti da fornitori specializzati localizzati in prossimità dei luoghi di produzione, ai quali verranno richieste capacità maggiori in termini di competenze manageriali, presidio commerciale e sviluppo di innovazioni. Nel determinare l assetto della filiera italiana dell automotive, saranno cruciali non solo le scelte di localizzazione della produzione ma anche le strategie alla base del rilancio della produzione interna, che dovrebbe nascere dal riposizionamento nelle fasce di mercato a maggior valore aggiunto, con vetture di maggior pregio. La prima sfida: sostenere l innovazione e l eco-tendenza lungo l intera filiera Le tendenze in atto impongono non solo di intervenire sulla riduzione delle diseconomie di sistema (costo del lavoro, dell energia elettrica, ecc.) ma soprattutto di rispondere alle importanti sfide tecnologiche e di prodotto imposte dalle scelte dei consumatori e dagli orientamenti dei grandi gruppi. Occorre impostare politiche finalizzate a sostenere gli anelli della filiera a maggior radicamento territoriale e a facilitare i percorsi di diffusione e trasferimento tecnologico lungo la filiera stessa, anche attraverso un più diffuso ricorso ai programmi europei per la ricerca e l innovazione e lo sviluppo di partnership tra le imprese del settore - di diversa dimensione e specializzazione - e con i centri di ricerca. La seconda sfida: sostenere la specializzazione e la dimensione strategica Le prospettive di crescita della filiera dell automotive in Italia passano attraverso strumenti che sappiano far crescere sia il capitale umano, sia la dimensione strategica e relazionale delle nostre imprese, per superare il problema della dimensione organizzativa necessaria per competere. In questo ambito, bisogna incentivare il rafforzamento delle reti orizzontali e verticali tra operatori di diversi segmenti e con diverse specializzazioni nella filiera dell automotive, affinché maggiori e più diffusi siano i risultati ottenuti nel campo commerciale come in quello tecnologico, compreso l ambito delle tecnologie verdi. Le priorità per le Camere di commercio Pensare allo sviluppo dell automotive in Italia non significa solo puntare a incrementare o attrarre investimenti, ma anche individuare chiare priorità per innalzare la competitività degli operatori lungo una filiera che è diversa da quella spagnola o da quella inglese. Per questo, occorre: i) incentivare la ricerca e rafforzarne le ricadute sulle economie territoriali; ii) favorire la modernizzazione delle competenze della filiera, investendo sul capitale umano e facilitando l incontro fra domanda e offerta di lavoro; iii) sostenere la nascita e il rafforzamento delle reti (tra le imprese e tra queste e i centri di produzione e diffusione della conoscenza) per favorire la specializzazione innalzando, al contempo, anche l'effetto scala sul versante tecnologico e commerciale. 7

8 APPENDICE Tabella 1 - Valore aggiunto - contributi diretti e indiretti del settore auto all economia nazionale fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei, elaborazioni su dati degli Istituti di statistica nazionali Tabella 2 - Occupazione - contributi diretti e indiretti del settore auto all economia nazionale fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei, elaborazioni su dati degli Istituti di statistica nazionali 8

9 Grafico 1 - intensità di R&S (%) 2012 (spese in R&S sui ricavi %) Grafico 2 - incidenza delle spese in R&S delle imprese automotive sul totale (%)-2012 fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei, elaborazioni su dati Eurostat Figura 1 - Le principali aree di ricerca dell automotive fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei 9

10 Tabella 3 - La spesa in ricerca e sviluppo delle imprese tra il 2009 e il 2011 per settore* e paese (valori in milioni di euro e variazioni %) fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei, elaborazioni su dati Eurostat Grafico 3 - le immatricolazioni di autovetture (milioni unità) Grafico 4 - tasso di motorizzazione 2013 (auto per 1000 abitanti) fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei, elaborazioni su dati OICA e UN 10

11 Grafico 5 - La produzione di autovetture in alcune economie selezionate tra il 2005 e il 2013 (n. indice 2005=100) fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei, elaborazioni su dati OICA Tabella 4 - La capacità produttiva delle case europee* fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei 11

12 Grafico 6 Il sostegno pubblico statunitense al settore automotive * * Che diventano 16,5 se si considerano gli interessi incassati non una forma di rimborso come fanno gli USA, ma più propriamente il servizio del debito. fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei, elaborazioni su dati TARP Figura 2 Esempi di prestiti agevolati concessi dai paesi europei al settore automotive fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei 12

13 Figura 3 Le sfide di policy e i diversi modelli di filiera fonte: Unioncamere - Prometeia, Il settore automotive in Italia e nei principali paesi europei Tabella 5 - Rendimento del capitale investito nel gruppo Fiat durante la gestione Marchionne Aumenti di capitale (+) Dividendi distribuiti (-) Saldo dei flussi fonte: elaborazioni dell'autore su dati di bilancio Rendimento (+)* Valore di borsa Ricchezza creata o distrutta Tasso BTP 10 anni Premio al rischio Euro 1-V VI * Il rendimento al tempo t = (saldo dei flussi + rendimento t-1) * (1+ tasso BTP 10 anni + premio al rischio)/100 13

Il settore automotive nei principali paesi europei

Il settore automotive nei principali paesi europei Roma 28 luglio 2015 Il settore automotive nei principali paesi europei Ricerca promossa dalla 10a Commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica Roma, 28 luglio 2015 riservatezza

Dettagli

Il settore automotive nei principali paesi europei. Ricerca promossa dalla 10 a Commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica

Il settore automotive nei principali paesi europei. Ricerca promossa dalla 10 a Commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica Il settore automotive nei principali paesi europei Ricerca promossa dalla 10 a Commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica Il settore automotive nei principali paesi europei Ricerca

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI 6 febbraio 2009 1 Indice 1. Settore automotive Pag. 3 2. Le altre misure del provvedimento Pag. 20 2 1. SETTORE

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%.

UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%. UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA ad aprile 2015 registrano 1.209.551 nuove immatricolazioni di autovetture,

Dettagli

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 16 Settembre 2010 1 Agenda I. La Scissione: Obiettivi e descrizione dell

Dettagli

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%.

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%. UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%. Il mercato automotive mostra importanti segnali di ripresa, sebbene il massimo storico del 2007, oltre 16 millioni di

Dettagli

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO Ufficio di Casablanca - Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO (novembre 2014) In base ai dati diramati dal Governo marocchino, il settore

Dettagli

280 aziende associate

280 aziende associate Convegno Centro Studi Promotor Università di Bologna L auto a metà del guado nell anno orribile 2009 Guido Rossignoli Roma, 28 Maggio 2009 ANFIA e la Filiera Automotive ANFIA, Associazione Nazionale Filiera

Dettagli

IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera di Deputati

IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera di Deputati IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera di Deputati Indagine conoscitiva sul trasporto Pubblico Locale Audizione del Presidente del gruppo Autobus ANFIA Dott. Giovanni Pontecorvo

Dettagli

UNIONE EUROPEA 14 incremento consecutivo del mercato auto a ottobre: +6,2%

UNIONE EUROPEA 14 incremento consecutivo del mercato auto a ottobre: +6,2% UNIONE EUROPEA 14 incremento consecutivo del mercato auto a ottobre: +6,2% Secondo i dati diffusi da ACEA, nel complesso dei Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA 1 a ottobre 2014 le immatricolazioni

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Assemblea Pubblica ANFIA

Assemblea Pubblica ANFIA Assemblea Pubblica ANFIA Relazione del Presidente Eugenio Razelli Roma, 27 settembre 2010 Assemblea Pubblica ANFIA 1 La nostra idea di assemblea aperta... SERVIZI UTILIZZATORI FINALI DELLA MOBILITA IMPRESE

Dettagli

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8%

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% Nel 2013 sono stati prodotti in Asia 1 /Oceania oltre 45,8 milioni di autoveicoli, con un incremento del 4,8%; in termini di volumi si tratta

Dettagli

Francesca Amadori Giovanni Morresi Azzurra Nicchi Anna Renzini Elisa Rosati Lorenzo Schiavi

Francesca Amadori Giovanni Morresi Azzurra Nicchi Anna Renzini Elisa Rosati Lorenzo Schiavi Il cambiamento in Fiat Auto attraverso le parole di Sergio Marchionne Corso di Strategie d impresa A.A. 2010/2011 Prof. Tonino Pencarelli, Dott. Simone Splendiani Teamwork: Francesca Amadori Giovanni Morresi

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Priorità per i Trasporti e la Logistica

Priorità per i Trasporti e la Logistica Priorità per i Trasporti e la Logistica Audizione presso Comitato Scientifico Consulta Generale per l Autotrasporto e la Logistica Sommario Premessa: le Linee Guida del Piano per la Logistica... 2 Descrizione

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VI - FINANZE PROPOSTA DI LEGGE N. 2397 AUDIZIONE DEL 24 GIUGNO 2014 PRESIDENTE DI FEDERAUTO FILIPPO PAVAN BERNACCHI

CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VI - FINANZE PROPOSTA DI LEGGE N. 2397 AUDIZIONE DEL 24 GIUGNO 2014 PRESIDENTE DI FEDERAUTO FILIPPO PAVAN BERNACCHI CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VI - FINANZE PROPOSTA DI LEGGE N. 2397 AUDIZIONE DEL 24 GIUGNO 2014 PRESIDENTE DI FEDERAUTO FILIPPO PAVAN BERNACCHI 1 Signor Presidente, Onorevoli Membri della Commissione,

Dettagli

UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4%

UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4% UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4% Nel complesso dei Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA 1 a dicembre 2014 le immatricolazioni

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa SI CONSOLIDA IL TREND DI CRESCITA DEL MERCATO ITALIANO A OTTOBRE: +8,6% La filiera automotive incoraggia l introduzione di nuove norme per i test sulle emissioni, più aderenti all uso

Dettagli

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono Economia e Servizi Delocalizzazione e occupazione: il caso delle medie imprese nel Nord-Est Claudio Gagliardi Direttore Centro Studi Unioncamere Nazionale Un interessante studio di Unioncamere testimonia

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

FCA: alla ricerca della verità perduta.

FCA: alla ricerca della verità perduta. FCA: alla ricerca della verità perduta. Superare il dialogo tra sordi, che ha contraddistinto le relazioni tra i sindacati nell universo ex-fiat presuppone una sintassi unitaria. Un linguaggio logico in

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica Gianni Alioti Con un inquadramento particolare al settore auto ufficio internazionale Fim-Cisl e componente esecutivi Fem e Fism Milano 28 ottobre

Dettagli

UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%.

UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%. UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%. A marzo 2014 si registra il 7 incremento consecutivo delle vendite di autovetture nel mercato UE28+EFTA: +10,4% con 1.489.796 unità. I cinque principali

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Osservatorio sulla filiera autoveicolare italiana 2013

Osservatorio sulla filiera autoveicolare italiana 2013 Osservatorio sulla filiera autoveicolare italiana 2013 Si allarga il divario fra un Europa in crisi e il resto del mondo che continua a crescere: la necessità di una svolta Con la collaborazione di e delle

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive CONTENUTI a) La filiera Automotive in Italia e in Abruzzo b) La sfida,

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Disposizione in materia di incentivi alla rottamazione per autocaravan

Disposizione in materia di incentivi alla rottamazione per autocaravan Disposizione in materia di incentivi alla rottamazione per autocaravan Presentazione del Disegno di Legge n. 1617 JAN DE HAAS Presidente APC - Associazione Produttori Caravan e Camper Senato della Repubblica

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

ANFIA La contraffazione dei Ricambi di Auto e Motocicli

ANFIA La contraffazione dei Ricambi di Auto e Motocicli ANFIA La contraffazione dei Ricambi di Auto e Motocicli Modena, 18 Novembre 2013 1 Chi siamo ANFIA, Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica, con oltre 220 aziende associate, rappresenta

Dettagli

Ma ci sono i fondi? Panorama sugli Incentivi dedicati alla mobilità sostenibile con uno sguardo a ciò che succede in Europa ed In Italia

Ma ci sono i fondi? Panorama sugli Incentivi dedicati alla mobilità sostenibile con uno sguardo a ciò che succede in Europa ed In Italia Bolzano, 21 settembre 2012 Ma ci sono i fondi? Panorama sugli Incentivi dedicati alla mobilità sostenibile con uno sguardo a ciò che succede in Europa ed In Italia A TUxTU con la mobilità sostenibile:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

CRISI, SETTORE AUTOMOTIVE E POLITICHE INDUSTRIALI

CRISI, SETTORE AUTOMOTIVE E POLITICHE INDUSTRIALI L INDUSTRIA DELLA MOBILITÀ: SFIDE STRATEGICHE E POLITICHE INDUSTRIALI Roma. 4 aprile 2014 Ministero dello Sviluppo Economico Quale politica industriale per l automotive in Italia Giuseppe Calabrese CNR-Ceris

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

L Innovazione e l Internazionalizzazione come fattori chiave di successo. L Industria dell Auto accelera

L Innovazione e l Internazionalizzazione come fattori chiave di successo. L Industria dell Auto accelera L Innovazione e l Internazionalizzazione come fattori chiave di successo. L Industria dell Auto accelera Aurelio Nervo Presidente Gruppo Componenti ANFIA Torino, 7 Luglio 2015 Programma Ore 10.00 La Filiera

Dettagli

IL VALORE DELLE 2 RUOTE

IL VALORE DELLE 2 RUOTE Lo scenario dell industria, del mercato e della mobilità EXECUTIVE SUMMARY Aprile 2014 Partner Il futuro oggi Scenario dell industria, del mercato e della mobilità EXECUTIVE SUMMARY 1. Lo scenario internazionale

Dettagli

Andamento generale e specificità della Sicilia

Andamento generale e specificità della Sicilia ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE Andamento generale e specificità della Sicilia Mercato europeo La crisi del settore dell'auto continua senza sosta e si sta aggravando ulteriormente,

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Audizione Commissione Ambiente e Industria del Senato su «Vicenda Volskwagen e ricadute sui consumatori, mercato e ambiente»

Audizione Commissione Ambiente e Industria del Senato su «Vicenda Volskwagen e ricadute sui consumatori, mercato e ambiente» Audizione Commissione Ambiente e Industria del Senato su «Vicenda Volskwagen e ricadute sui consumatori, mercato e ambiente» Roberto Vavassori Presidente Anfia 6 ottobre 2015 Chi siamo ANFIA, Associazione

Dettagli

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già Bozza dell intervento di Cosmo Colonna, del Dipartimento industria Cisl, al Policy Workshop: "La ripresa economica e la politica industriale e regionale: dalla strategia ai progetti" (Milano, 20 marzo

Dettagli

243 30. Informativa per settore di attività

243 30. Informativa per settore di attività 243 Nel corso dell esercizio il Gruppo ha rilevato costi per canoni di leasing per 48 milioni di euro inclusi tra gli Utili/(perdite) delle Continuing Operation e per 45 milioni di euro inclusi tra gli

Dettagli

SPECIAL REPORT. 15 idee d investimento da 100 a 100.000 euro. Rischio: *****

SPECIAL REPORT. 15 idee d investimento da 100 a 100.000 euro. Rischio: ***** FIAT Azioni Italia Prezzo al 02/09/2013 5,81 euro Potenzialità di rivalutazione: **** Rischio: ***** Liquidità: **** PRO CONTRO Partecipazioni detenute non valorizzate adeguatamente dal mercato Mercato

Dettagli

Innovazione e crescita nel sistema bancario

Innovazione e crescita nel sistema bancario Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Innovazione e crescita nel sistema bancario Intervento del Governatore della Banca d Italia Antonio Fazio Roma, 23 giugno 2000 Sommario pag. Il risparmio

Dettagli

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007 Cross Cultural Management Il caso India Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano Napoli, 15 gennaio 2007 Relatore: Giovanni De Filippis 1 IL caso India La Fiat e l India L India per Fiat Auto

Dettagli

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti *

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti * Fiat e dintorni di Aldo Enrietti * Collocare il Piemonte e Torino nell ambito dell industria autoveicolistica, e quindi del rapporto con Fiat, richiede una preventiva valutazione delle recenti fasi del

Dettagli

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014 Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Roma, 10 aprile 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani RAPPORTO 2014 7,3 6,3 4,7 5,5 4,3 27,0 33,6 21,0 32,0 31,7 23,3 46,4 34,2 27,0 26,6 37,6 12,3

Dettagli

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Nicola Ciniero Consigliere Incaricato, Confindustria Digitale Presidente e Amministratore Delegato IBM Italia 13 Maggio 2013 1 Problemi ben noti limitano la

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture a giugno: +14,8%.

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture a giugno: +14,8%. UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture a giugno: +14,8%. Il mercato automotive mostra importanti segnali di ripresa, sebbene il massimo storico del 2007, oltre 16 millioni di

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO AGGIORNAMENTO 2012 Si tratta di un Rapporto riservato. Nessuna parte di esso

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa MAGGIO ANCORA POSITIVO (+10,8%), ANCHE SE LA CRESCITA RALLENTA I volumi delle vetture ad alimentazione alternativa crescono del 12,9% da inizio 2015, con una quota di mercato del 13,9%

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Industria dell Auto in Canada

Industria dell Auto in Canada Industria dell Auto in Canada A cura di Massimo Di Nola Aggiornamento: dicembre 2014 1 Industria dell auto Il Paese, le Opportunità Un industria forte, con una traduzione ormai secolare (la prima fabbrica

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

7. L AUTOMOTIVE 7.1. FIAT NEL NUOVO SCENARIO GLOBALE

7. L AUTOMOTIVE 7.1. FIAT NEL NUOVO SCENARIO GLOBALE 7. L AUTOMOTIVE 7.1. FIAT NEL NUOVO SCENARIO GLOBALE La crisi ha profondamente trasformato il settore mondiale dell automotive: domanda ed offerta si sono contratte e ridistribuite a livello globale. I

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Come le politiche industriali di innovazione dei servizi possono contribuire

Dettagli

ITALIA Nei primi 3 mesi 2014 vendute oltre 428mila auto nuove (+13,5%), il valore più alto dal 2011.

ITALIA Nei primi 3 mesi 2014 vendute oltre 428mila auto nuove (+13,5%), il valore più alto dal 2011. ITALIA Nei primi 3 mesi vendute oltre 428mila auto nuove (+13,5%), il valore più alto dal 2011. Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l'economia italiana, all'interno di un

Dettagli

PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE RELATIVI ALL ATTIVITÀ DEL GRUPPO FIAT. Rischi connessi alle condizioni generali dell economia

PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE RELATIVI ALL ATTIVITÀ DEL GRUPPO FIAT. Rischi connessi alle condizioni generali dell economia PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE RELATIVI ALL ATTIVITÀ DEL GRUPPO FIAT Rischi connessi alle condizioni generali dell economia La situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo è influenzata

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri Lo afferma il Presidente dell UNRAE, Salvatore Pistola IL PROGRESSO DEL MERCATO DELL AUTO PRINCIPALE

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità.

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità. Torino, 7 giugno 2011 Proposta di direttiva recante modifica alla Direttiva 2003/96/CE sulla tassazione dei prodotti energetici che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Il Marketing Strategico di Fiat Auto Una crisi che viene da lontano

Il Marketing Strategico di Fiat Auto Una crisi che viene da lontano Urbino 27 novembre 2002 Il Marketing Strategico di Fiat Auto Una crisi che viene da lontano Giuseppe Volpato Università Ca Foscari di Venezia 1 Alcune doverose premesse 2 Criticare è facile ma. La Fiat

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Audizione presso le Commissioni riunite VI Finanze e X Attività Produttive Camera dei Deputati 8 giugno 2015. Position Paper Ddl Concorrenza (C.

Audizione presso le Commissioni riunite VI Finanze e X Attività Produttive Camera dei Deputati 8 giugno 2015. Position Paper Ddl Concorrenza (C. Audizione presso le Commissioni riunite VI Finanze e X Attività Produttive Camera dei Deputati 8 giugno 2015 La filiera automotive chi siamo Position Paper Ddl Concorrenza (C.3012) ANFIA - - è una delle

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO Assemblea di Bilancio 25.06.2015 CFI- - Cooperazione Finanza Finanza Impresa Impresa Via Giovanni Amendola, 5 Roma info@cfi.it - www.cfi.it Agenda CFI: mission, tipologie e

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

L export italiano vince nella qualità ma è penalizzato dai costi

L export italiano vince nella qualità ma è penalizzato dai costi 14-02-2015 Numero 15-6 NOTA DAL CSC L export italiano vince nella qualità ma è penalizzato dai costi Dal 2000 la qualità dei prodotti italiani è aumentata del 25%, +11,7 punti percentuali rispetto ai tedeschi.

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

NAFTA Il mercato cresce del 3,9% nei primi 6 mesi del 2014 e migliora ancora nel 3 trimestre: +8,6% su luglio-settembre 2013

NAFTA Il mercato cresce del 3,9% nei primi 6 mesi del 2014 e migliora ancora nel 3 trimestre: +8,6% su luglio-settembre 2013 NAFTA Il mercato cresce del 3,9% nei primi 6 mesi del 2014 e migliora ancora nel 3 trimestre: +8,6% su luglio-settembre 2013 NAFTA Nel 2013 la domanda di light vehicles contava oltre 18,33 milioni di unità,

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

Come far ripartire l'italia? Annamaria Di Ruscio

Come far ripartire l'italia? Annamaria Di Ruscio Come far ripartire l'italia? Annamaria Di Ruscio Amministratore Delegato - NetConsulting cube Crescita 2015E/2014 Incertezza economica con qualche segnale di ripresa Crescite anno su anno del PIL 8% 7%

Dettagli