LEGISLAZIONE AERONAUTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGISLAZIONE AERONAUTICA"

Transcript

1 MICHELANGELO FLACCAVENTO BARBARA GIANNETTI LEGISLAZIONE AERONAUTICA Le fonti del diritto aeronautico - Gli enti aeronautici Gli aeromobili e gli aeroporti - L omologazione del velivolo Documentazione dell aeromobile Le licenze e le abilitazioni aeronautiche I contratti di trasporto aereo - Le assicurazioni HOEPLI

2

3 LEGISLAZIONE AERONAUTICA

4

5 MICHELANGELO FLACCAVENTO BARBARA GIANNETTI LEGISLAZIONE AERONAUTICA Le fonti del diritto aeronautico Gli enti aeronautici Gli aeromobili e gli aeroporti L omologazione del velivolo Documentazione dell aeromobile Le licenze e le abilitazioni aeronautiche I contratti di trasporto aereo Le assicurazioni EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

6 UN TESTO PIÙ RICCO E SEMPRE AGGIORNATO Nel sito sono disponibili: materiali didattici integrativi; eventuali aggiornamenti dei contenuti del testo. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A Via Hoepli 5, Milano (Italy) tel fax Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali

7 Indice Prefazione Parte prima - Teoria generale del diritto aeronautico 1 Nozioni introduttive 1.1 Il diritto Il diritto soggettivo Il diritto oggettivo Le fonti del diritto oggettivo L interpretazione delle norme giuridiche Efficacia delle norme giuridiche nel tempo e nello spazio Lo Stato Persone fisiche e persone giuridiche Le persone fisiche Le persone giuridiche Il diritto internazionale Il diritto comunitario Le fonti del diritto aeronautico 2.1 Nozioni introduttive - Definizioni Le fonti del diritto della navigazione Il codice della navigazione Le leggi e i regolamenti Le norme corporative Usi e consuetudini Il diritto comune Le convenzioni internazionali Il regime giuridico dello spazio aereo 3.1 Lo spazio aereo La legge imperante a bordo degli aeromobili Le cinque libertà dell aria Divieti di transito e di sorvolo Il diritto spaziale. 33

8 VI 4 Gli enti aeronautici 4.1 Gli enti aeronautici internazionali ICAO IATA CEAC Eurocontrol JAA EASA L organizzazione dell aviazione civile italiana Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ente nazionale per l aviazione civile (ENAC) Ente nazionale per l assistenza al volo (ENAV s.p.a) Aero Club d Italia (AeCI) Enti istituiti nell ambito del VDS 62 Parte seconda - L aeromobile e gli aeroporti 5 Gli aeromobili 5.1 Definizione di aeromobile - Bene mobile registrato Le parti dell aeromobile - Pertinenze e accessori Classificazione degli aeromobili Classificazione giuridica Classificazione tecnica Classificazione secondo l impiego Classificazione in base alla lunghezza della pista La proprietà dell aeromobile La costruzione e l ammissione dell aeromobile alla navigazione 6.1 L attività normativa degli Stati La costruzione dell aeromobile L evento giuridico Il contratto di costruzione Le imprese aeronautiche - Il personale L aeronavigabilità Omologazione del tipo Rilascio del certificato di navigabilità La normativa relativa al VDS Attività ispettive. 96

9 VII 6.4 Immatricolazione dell aeromobile Iscrizione nei registri Cancellazione I documenti dell aeromobile 7.1 Classificazione dei documenti La documentazione tecnica dell aeromobile Il manuale di pilotaggio Il manuale di impiego Il manuale di manutenzione Il manuale di revisione Il catalogo nomenclatore La documentazione di bordo Certificato di immatricolazione Certificato di navigabilità Giornale di bordo Nota di assicurazione Documenti doganali e sanitari Certificato acustico Licenza di stazione radio Certificato di operatore aereo Foglio di carico e di centraggio Inosservanza delle disposizioni sui documenti di bordo I libri dell aeromobile Il libretto dell aeromobile Il libretto del motore Il libretto dell elica Il quaderno tecnico di bordo Il demanio aeronautico - Gli aerodromi 8.1 La proprietà pubblica e privata Gli aerodromi Gli aeroporti - Evoluzione storica Classificazione degli aeroporti Le infrastrutture aeroportuali Gli aeroporti doganali Gli aeroporti sanitari Gli aeroporti turistici I grandi aeroporti e lo sviluppo urbano Le aviosuperfici Il campo volo.. 138

10 VIII 8.5 Elisuperficie, idrosuperficie e aeroscalo Vincoli alla proprietà privata La gestione degli aeroporti 9.1 Il gestore aeroportuale I compiti del gestore aeroportuale La carta dei servizi e il regolamento di scalo I servizi aeroportuali I servizi della navigazione aerea I servizi di assistenza a terra Segnaletica e luci di aeroporto. 149 Parte terza - Disciplina della navigazione aerea 10 Le licenze e le abilitazioni aeronautiche - Normativa JAR-FCL 10.1 Struttura delle norme JAR-FCL Le licenze aeronautiche previste dalle JAR-FCL Attestato di allievo pilota Licenza di pilota privato PPL Licenza di pilota commerciale CPL Licenza di pilota di linea ATPL Altre licenze aeronautiche Le abilitazioni aeronautiche previste dalle JAR-FCL Abilitazione per classe e per tipo CR/TR Abilitazione strumentale IR Abilitazioni di istruttore di volo FI L organizzazione sanitaria - JAR-FCL Il servizio di medicina aeronautica Requisiti medico-sanitari Validità e rinnovo dei certificati medici Validità delle licenze e delle abilitazioni Rilascio, rinnovo e reintegrazione dei titoli Computo e attribuzione del tempo di volo Le organizzazioni di addestramento 11.1 Le scuole di volo Organizzazioni registrate Organizzazioni di addestramento al volo Organizzazioni di addestramento abilitazioni per tipo.. 177

11 IX Organizzazioni specializzate in istruzione teorica Il personale Struttura organizzativa Istruttori Esaminatori e modalità di esame Infrastrutture e mezzi Aeroplani Aerodromo Locali per attività a terra Il simulatore di volo e i banchi didattici Programma di addestramento L impresa della navigazione 12.1 L esercente La natura giuridica dell esercente La dichiarazione e la certificazione dell esercente Le responsabilità dell esercente L equipaggio dell aeromobile La natura giuridica dell equipaggio Organizzazione dell equipaggio - Requisiti Il rapporto di lavoro Il comandante dell aeromobile I poteri e le funzioni del comandante La rappresentanza dell esercente Il caposcalo Funzioni e responsabilità I poteri di rappresentanza del caposcalo I reati commessi dall equipaggio Parte quarta - Diritto aeronautico privato e commerciale 13 Contratti di utilizzazione dell aeromobile - Servizi aerei 13.1 Tipologie di contratti Il contratto di locazione Obblighi del locatore e del locatario Cessazione e risoluzione del contratto Particolari tipi di locazione

12 X La locazione finanziaria (leasing) Il contratto di noleggio Natura e forma del contratto Obblighi del noleggiante e del noleggiatore Il comodato Il contratto di trasporto aereo Il trasporto aereo di persone Il trasporto aereo di cose I servizi di trasporto aereo I servizi di linea I voli noleggiati (non di linea) I servizi di lavoro aereo Gli accordi tra vettori Sinistri aeronautici - Le assicurazioni 14.1 Inconvenienti e incidenti Responsabilità per danni da urto Responsabilità per danni a terzi sulla superficie Il contratto di assicurazione L assicurazione delle cose L assicurazione di responsabilità L assicurazione obbligatoria delle persone L assicurazione obbligatoria per danni a terzi L assistenza e il salvataggio 15.1 Gli istituti di assistenza, salvataggio e recupero Il soccorso obbligatorio, contrattuale e spontaneo L indennità e il compenso Disposizioni doganali, sanitarie e penali 16.1 Disposizioni doganali Disposizioni sanitarie Disposizioni penali Norme sul sorvolo dei centri abitati I privilegi, l ipoteca e il sequestro 17.1 Le obbligazioni del debitore I privilegi aeronautici L ipoteca aeronautica Il sequestro dell aeromobile. 252

13 XI Appendici Appendice 1 - La convenzione di Chicago Parte I - Navigazione aerea Parte II - L Organizzazione per l Aviazione Civile Internazionale. 265 Parte III - Trasporti aerei internazionali Parte IV- Disposizioni finali Appendice 2 - Definizioni Definizioni di termini impiegati nel testo Appendice 3 - Abbreviazioni e acronimi utilizzati nel testo Abbreviazioni e acronimi.. 283

14 XII

15 XIII Prefazione In considerazione della carenza di testi giuridici che trattano in maniera completa ed esauriente, ma nello stesso tempo elementare, il diritto aeronautico nelle sue varie sfaccettature, pensiamo di fare cosa utile approntando un volume che possa colmare tali lacune, pur limitandoci a fornire solo i principi della legislazione aeronautica. Si tenga presente inoltre che la materia è interconnessa con quella tradizionalmente denominata traffico aereo (ATC, Air Traffic Control) per cui spesso, al fine di presentare al lettore una visione logica d insieme, nel testo sono trattati argomenti non strettamente propri della legislazione aeronautica. Con ciò speriamo di essere riusciti a rendere meno arida la materia, non sempre facile, ma importante e formativa per il futuro pilota; certi argomenti interessano infatti i piloti non meno dei giuristi. Questo non significa che il pilota debba essere anche un giurista: vuol dire che egli deve conoscere di diritto quel tanto che gli consenta di poter volare in tutto il mondo, portando con sé altre persone, avendo una visione chiara di quali siano i suoi diritti e i suoi doveri e, di conseguenza, del comportamento da tenere in tutte le fasi del volo. Non potendo evidentemente sviluppare tutta la materia con adeguata ampiezza, ci si è proposti di fornire agli allievi, insieme ai rudimenti di base, almeno uno schema organico nel quale essi possano in avvenire inquadrare sistematicamente le nozioni che man mano apprenderanno nella vita professionale insegnando loro a servirsi del codice. Il volume è dedicato agli allievi degli Istituti Tecnici Aeronautici e delle Scuole di Volo (costruttori aeronautici, addetti alla manutenzione dei velivoli, motoristi, piloti professionisti ecc.), agli studenti dei corsi post-diploma di perfezionamento nelle materie aeronautiche e a quanti, interessati alla cultura aeronautica, desiderano approfondire le loro conoscenze circa i principi della legislazione aeronautica; il volume può essere adottato inoltre quale testo propedeutico ai corsi di diritto aeronautico presso le università. Il testo si articola in 17 capitoli che possono essere raggruppati in quattro moduli. Il primo modulo (teoria generale del diritto aeronautico), dopo un richiamo delle nozioni fondamentali che stanno alla base del diritto in generale, analizza le

16 XIV PREFAZIONE fonti del diritto aeronautico, le regole dell aria ed esamina gli organismi aeronautici sia nazionali che internazionali. Il secondo modulo (l aeromobile e gli aeroporti) tratta l aeromobile dal punto di vista dell aeronavigabilità e della documentazione che lo deve accompagnare nella sua vita. Si esaminano inoltre l aeroporto e le sue infrastrutture. Il terzo modulo (disciplina della navigazione aerea) tratta delle licenze e delle abilitazioni aeronautiche e dell impresa della navigazione aerea. Il quarto modulo (diritto aeronautico privato e commerciale) affronta i contratti del trasporto aereo, le assicurazioni e le ipoteche. L esposizione è orientata ai fini didattici; il testo non è pertanto da considerare un manuale, in quanto tende a promuovere l approfondimento individuale attraverso l integrazione con gli articoli del codice man mano richiamati. Il lettore non troverà solo informazioni giuridiche, ma anche cultura aeronautica, utile in sede operativa e professionale; il linguaggio, chiaro e semplice, ma nello stesso tempo rigoroso, integrato da numerose figure (cosa anomala in un testo di diritto) contribuisce ad avvicinare la materia al tecnico aeronautico. Alla fine di ogni capitolo viene proposto un certo numero di domande a risposta multipla; le risposte corrette si trovano in fondo al volume. Un particolare ringraziamento va all avv. Giannetti Giovanni Antonio per i preziosi consigli e le argute osservazioni. Si ringrazia, inoltre, il presidente dell Aero Club di Alessandria com.te Rosiello Liberato per la documentazione fornita. Gli autori

17 Parte I TEORIA GENERALE DEL DIRITTO AERONAUTICO

18 2 CAPITOLO 1

19 NOZIONI INTRODUTTIVE 3 1 Nozioni introduttive 1.1 Il diritto La parola diritto nel linguaggio giuridico può essere usata con due differenti significati: diritto soggettivo e diritto oggettivo. In senso soggettivo il diritto è inteso come pretesa di un individuo tutelata dall ordinamento giuridico (es., secondo l art. 21 della Costituzione tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero); in senso oggettivo, come l insieme di norme che regolano i rapporti tra gli individui di una comunità: in altre parole, l ordinamento giuridico di quella comunità (es., questo testo tratta del diritto aeronautico) Il diritto soggettivo I diritti soggettivi possono essere assoluti o relativi, patrimoniali o non patrimoniali. Sono assoluti i diritti soggettivi che si vantano verso tutti, indistintamente (diritto alla vita, all integrità fisica ecc.). Tra i diritti assoluti vi sono i diritti reali, vale a dire quelli che assicurano un potere immediato dell individuo su di una cosa (es., il diritto di proprietà, in quanto tutti hanno il dovere di astenersi dal compiere atti che ostacolino l esercizio di tale diritto). Sono relativi i diritti che si possono esercitare solo nei confronti di uno o più determinati soggetti (es., il diritto di credito per cui il creditore può pretendere il pagamento solo dal suo debitore). La distinzione tra diritti patrimoniali e non si riferisce all oggetto del diritto, che può avere un contenuto economico (es., un diritto di proprietà o un diritto di credito) o morale (es., il diritto all integrità personale o il diritto di fedeltà tra coniugi).

20 4 CAPITOLO Il diritto oggettivo L ordinamento giuridico italiano si articola in vari rami; si suole, infatti, distinguere i gruppi di norme in base alle materie che essi disciplinano. Una prima fondamentale distinzione si opera tra il diritto pubblico e il diritto privato. Il diritto pubblico si occupa di regolare l organizzazione dello Stato (e della Pubblica amministrazione in genere) e i rapporti tra questo e gli individui; è caratterizzato da una posizione di superiorità dell ente pubblico nei confronti dell individuo. Il diritto pubblico comprende il diritto costituzionale (norme relative all organizzazione dello Stato e ai diritti e doveri fondamentali dei cittadini), il diritto amministrativo (regolamenta il funzionamento e le attività della Pubblica amministrazione, cioè di quell insieme di organi, enti e uffici che perseguono fini pubblici), il diritto penale (indica i comportamenti individuati dallo Stato come reati e quindi vietati), il diritto processuale (disciplina l organizzazione della giustizia in campo civile, penale e amministrativo) e il diritto internazionale pubblico (l ordinamento internazionale tra gli Stati). Nel diritto privato, invece, rientrano tutti i rapporti tra i singoli individui caratterizzati da posizione di parità delle parti. Le principali suddivisioni del diritto privato sono: il diritto civile (disciplina i rapporti tra i singoli Figura La giustizia soggetti a eccezione delle attività economiche rientranti nel diritto commerciale), il diritto commerciale (indica le norme relative all esercizio dell impresa) e il diritto della navigazione (l insieme di norme riguardanti i rapporti tra soggetti legati alla navigazione marittima e aerea) Le fonti del diritto oggettivo Per fonte del diritto si intende l atto dal quale nasce una norma giuridica. Tutti gli atti normativi si trovano tra loro in un rapporto gerarchico.

21 NOZIONI INTRODUTTIVE 5 Qualora all interno di un ordinamento giuridico vi siano norme che regolamentino in maniera difforme una stessa situazione, verranno applicate le fonti di grado superiore che prevalgono sulle norme di grado inferiore. I gradi delle norme nazionali sono essenzialmente i seguenti. 1. Le fonti costituzionali: la Costituzione e le leggi costituzionali. 2. Gli atti legislativi: comprendono le leggi ordinarie emanate dal Parlamento, le leggi regionali deliberate dalle Regioni e gli altri atti aventi forza di legge emanati dal Governo, quali i decreti legislativi e i decreti legge. Infatti, anche se il potere legislativo non spetta al Governo, questo può con l autorizzazione preventiva del Parlamento o con una sua approvazione successiva emanare atti che sulla scala gerarchica si trovano sullo stesso piano della legge. I decreti legislativi sono atti emanati in seguito a una delega del Parlamento che, con una legge, indica al potere esecutivo i criteri da seguire e le tempistiche da osservare per regolamentare materie molto complesse. I decreti legge, invece, sono emanati dal Governo in caso di necessità e urgenza, vale a dire qualora l intervento del potere legislativo non sarebbe altrettanto tempestivo. Il Parlamento deve però convertire il decreto in legge entro 60 giorni altrimenti perderà efficacia fin dall origine. 3. I regolamenti sono atti normativi, emanati dal Governo, che hanno lo scopo di completare la legge quando questa disciplina la materia in modo non dettagliato. 4. Gli usi o consuetudini sono fonti non scritte, che consistono in comportamenti costanti, tenuti da tempo immemorabile, da una determinata collettività nella convinzione di rispettare una norma di legge. In Italia gli usi sono efficaci solo se espressamente richiamati dalle norme (secundum legem) oppure se riguardano materie non disciplinate da leggi o regolamenti (praeter legem); non sono invece ammesse le consuetudini contra legem, vale a dire quelle che contrastano la normativa esistente. 1.2 L interpretazione delle norme giuridiche Le norme giuridiche regolamentano in astratto fatti e comportamenti; affinché queste si possano applicare a un caso concreto occorre interpretarle. Si distinguono i tipi di interpretazione a seconda di chi la effettua e dei criteri utilizzati. Il soggetto che più chiaramente può sciogliere ogni dubbio sull interpretazione di una norma è colui che l ha emanata: il legislatore, infatti, potrà emanare una nuova norma per chiarire il significato di una precedente. Questa interpretazione viene

22 6 CAPITOLO 1 chiamata autentica ed è vincolante per tutti, cioè da quel momento in poi tutti dovranno seguirla. L interpretazione autentica però è rara e spesso i giudici si trovano a doversi interrogare se la norma da applicare si riferisca o meno al caso concreto che devono giudicare. Effettueranno un interpretazione chiamata giudiziale, che sarà vincolante solo per le parti che in quel momento sono coinvolte nel giudizio. L interpretazione dottrinale è effettuata dagli studiosi del diritto, non è vincolante, ma è comunque molto importante poiché può influenzare altri operatori del diritto come i giudici. Indipendentemente da chi esegue l interpretazione, quando si applica una norma il primo significato che le si deve attribuire è quello proprio delle singole parole che la compongono: in questo caso si parla di interpretazione letterale. Chi deve eseguire l interpretazione, tuttavia, non si ferma quasi mai al suo significato letterale, ma cercherà di capire la finalità della norma. Questa non semplice operazione deve tener conto della volontà del legislatore, desumibile dal complesso di leggi di cui la norma fa parte. Si parla in tal caso di interpretazione logica. Può accadere che l interprete si trovi davanti a un caso che non è disciplinato da alcuna norma; egli opererà allora per analogia (interpretazione analogica), cioè applicherà un altra norma che disciplina un caso simile o una materia analoga. L interpretazione analogica non si applica al diritto penale. 1.3 Efficacia delle norme giuridiche nel tempo e nello spazio Di regola le norme giuridiche, salvo che le stesse prevedano diversamente, iniziano a produrre i loro effetti 15 giorni dopo la pubblicazione sulla gazzetta ufficiale poiché, passato questo periodo, si presumono conosciute da tutti. La perdita di efficacia delle norme può avvenire in seguito alla loro abrogazione o annullamento. Una norma giuridica può essere abrogata da una norma successiva o da un referendum abrogativo, cioè un quesito con il quale si chiede agli elettori se siano favorevoli all abrogazione di una norma o a parte di essa. Si parla di abrogazione espressa quando è la stessa nuova norma a precisare che quella precedente non sarà più in vigore, e di abrogazione tacita se il nuovo testo disciplina in modo diverso la materia; infatti se due norme, dello stesso grado gerarchico, si contrappongono, occorrerà applicare quella più recente. Una norma giuridica perde la sua efficacia anche quando viene annullata dalla Corte costituzionale perché ritenuta in contrasto con i principi stabiliti nella Costituzione, che è fonte, come si è detto, in cima alla scala gerarchica.

23 NOZIONI INTRODUTTIVE 7 Nessun comportamento può essere sanzionato o punito in base a una legge non ancora in vigore quando è stato commesso. Le norme giuridiche sono quindi irretroattive, cioè possono disporre solo per i comportamenti futuri. Il principio di irretroattività non è però assoluto: in campo civile la stessa norma potrà prevedere la sua applicazione a fatti precedenti; in materia penale le leggi più favorevoli al reo sono retroattive. Le norme giuridiche hanno efficacia solamente nel territorio di competenza dell autorità che le ha emesse; così i regolamenti comunitari avranno efficacia all interno dell Unione Europea, le leggi dello Stato varranno su tutto il territorio nazionale, le leggi regionali estenderanno la loro efficacia entro i confini della Regione e così via. 1.4 Lo Stato Lo Stato è un popolo giuridicamente organizzato sopra un territorio. Elementi che costituiscono uno Stato sono: - il popolo; - il territorio: - l organizzazione politica. Il popolo è l insieme dei cittadini di uno Stato. Questo concetto va distinto da quelli di popolazione (insieme di individui anche non cittadini che in un dato momento si trovano sul territorio dello Stato) e di nazionalità (tutte le persone legate da tradizioni, lingua, cultura, religione, razza ecc.). Il territorio è la porzione di terra delimitata da confini, naturali o convenzionali, su cui lo Stato esercita la sua sovranità. Il territorio si estende anche verticalmente al sottosuolo (fino a dove è raggiungibile e sfruttabile dall uomo), allo spazio aereo sovrastante (nel limite dello spazio atmosferico) e alla porzione di mare su cui lo Stato si affaccia fino a 12 miglia marine dalla costa; al di là di tale limite si trovano le acque internazionali. Più precisamente ìsono soggetti alla sovranità dello Stato i golfi, i seni e le baie, le cui coste fanno parte del territorio della Repubblica, quando la distanza tra i punti estremi dell apertura del golfo, del seno o della baia non supera le 24 miglia marine. Se tale distanza è superiore a 24 miglia marine, è soggetta alla sovranità dello Stato la porzione del golfo, del seno o della baia compresa entro la linea retta tirata tra i due punti più foranei distanti tra loro 24 miglia marine. È soggetta altresì alla sovranità dello Stato la zona di mare dell estensione di 12 miglia marine lungo le coste continentali e insulari della Repubblica (art. 2 cod. nav.). Le navi e gli aeromobili italiani sono considerati territorio italiano (cosiddetto ìterritorio fluttuante ) qualora si trovino in un luogo non soggetto alla

24 8 CAPITOLO 1 sovranità di alcuno Stato; inoltre per la cosiddetta legge di bandiera, ìgli atti e i fatti compiuti a bordo di una nave o di un aeromobile nel corso della navigazione in luogo o spazio soggetto alla sovranità di uno Stato estero sono regolati dalla legge nazionale della nave o dell aeromobile in tutti i casi nei quali, secondo le disposizioni sull applicazione delle leggi in generale, dovrebbe applicarsi la legge del luogo dove l atto è compiuto o il fatto è avvenuto. La disposizione del comma precedente si applica agli atti e ai fatti compiuti a bordo di una nave o di un aeromobile di nazionalità estera nel corso della navigazione in luogo o spazio soggetto alla sovranità dello Stato italiano, sotto condizione di reciprocità da parte dello Stato al quale la nave o l aeromobile appartiene (art. 5 cod. nav.). Vengono considerate territorio di uno Stato anche le proprie sedi diplomatiche all estero. Per organizzazione politica si intende l organizzazione di un popolo sotto un comune potere in grado di emanare le leggi, farle osservare dai cittadini ed eseguirle con i propri organi. Questo elemento, chiamato sovranità, viene esercitato dallo Stato attraverso tre funzioni o poteri: legislativo, esecutivo e giurisdizionale. Nello Stato moderno queste tre funzioni non sono affidate a una stessa persona o allo stesso gruppo di persone ma a organi diversi che vengono così a limitarsi e controllarsi reciprocamente. La funzione legislativa consiste nell emanare norme giuridiche, cioè regole di condotta vincolanti. La forma attraverso la quale il potere legislativo esercita la sua funzione, cioè l atto mediante il quale il potere legislativo emana le norme giuridiche, si chiama legge. La funzione legislativa compete al Parlamento ma in determinati casi questo potere può spettare ad altri organi quali il Governo (a livello nazionale attraverso i decreti legge e i decreti legislativi nei limiti sopra analizzati) e ai Consigli regionali (a livello locale). La funzione esecutiva, detta anche funzione amministrativa, consiste nel provvedere al soddisfacimento degli interessi economici e sociali della collettività, con atti volti ad applicare le norme giuridiche. Essa compete al Governo. Gli atti mediante i quali il potere esecutivo provvede all amministrazione Figura La funzione giurisdizionale si chiamano regolamenti. La funzione giurisdizionale, infine, consiste nell interpretare le norme

25 NOZIONI INTRODUTTIVE 9 giuridiche per applicarle alle situazioni reali. Compete ai giudici, i quali, quindi, hanno il compito di risolvere le controversie che sorgono tra i diversi soggetti. Gli atti mediante i quali il potere giudiziario provvede alla funzione giurisdizionale si chiamano sentenze. 1.5 Persone fisiche e persone giuridiche Le persone fisiche La persona fisica è l uomo. Egli alla nascita acquista la cosiddetta capacità giuridica, cioè l idoneità a essere titolare di diritti e doveri. La capacità giuridica si perde solo con la morte e non può essere in alcun modo limitata nel corso della vita. Non sempre è facile stabilire con certezza il momento della morte di un soggetto; questo accade, per esempio, nel caso in cui una persona non faccia sapere più nulla di sé. Per risolvere tale situazione, l ordinamento giuridico prevede tre istituti: la scomparsa, l assenza e la morte presunta. 1. Affinché si possa dichiarare la scomparsa di una persona occorre che non sia più comparsa nel luogo del suo ultimo domicilio o della sua residenza 1 e non se ne abbiano più notizie (art. 48 cod. civ.). Su richiesta di un interessato il Tribunale nominerà un curatore (sempre che lo scomparso non abbia già un rappresentante legale), il quale avrà il compito di prendersi cura degli interessi dello scomparso. 2. Quando un soggetto è scomparso da oltre due anni, il Tribunale con sentenza potrà dichiararne l assenza. Gli eredi potranno essere immessi nel possesso, anche se temporaneo, dei beni dell assente. Il patrimonio dovrà essere conservato e, nel caso in cui l assente ritorni, restituito. 3. Quando sono trascorsi dieci anni dal giorno a cui risale l ultima notizia dell assente, il Tribunale competente potrà con sentenza dichiararne la presunta morte. Il concetto di capacità giuridica va tenuto distinto da quello di capacità di agire, cioè l idoneità del soggetto a compiere atti giuridicamente rilevanti disponendo così dei propri diritti. La capacità di agire si acquista con il raggiungimento della maggiore età; gli incapaci di agire sono quindi i minorenni, gli interdetti giudiziali (coloro che si trovano abitualmente in uno stato di grave infermità mentale) e legali (come 1 Il domicilio di una persona è il luogo in cui essa ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi. La residenza è il luogo in cui la persona dimora abitualmente. La dimora è la sede dove una persona temporaneamente si trova.

NOZIONI DI BASE DEL DIRITTO IL DIRITTO COME INSIEME DI REGOLE

NOZIONI DI BASE DEL DIRITTO IL DIRITTO COME INSIEME DI REGOLE NOZIONI DI BASE DEL DIRITTO IL DIRITTO COME INSIEME DI REGOLE SI SENTONO SPESSO MOLTE FRASI CHE CONTENGONO LA PAROLA DIRITTO, AD ESEMPIO: - L omicidio è punito dalla legge - I cittadini sono obbligati,

Dettagli

INDICE. Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI (Rocco Lobianco) Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO

INDICE. Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI (Rocco Lobianco) Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO INDICE Introduzione (Prof. Alfredo Antonini)... XIII Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI 1. Profili storici.... 1 2. Caratteri... 2 Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V)

ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V) ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 014/015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V) MATERIA 1: LEGISLAZIONE AERONAUTICA TITOLO MATERIA 1: DIRITTO AERONAUTICO

Dettagli

LEGISLAZIONE AERONAUTICA

LEGISLAZIONE AERONAUTICA MICHELANGELO FLACCAVENTO BARBARA GIANNETTI LEGISLAZIONE AERONAUTICA Le fonti del diritto aeronautico Gli enti aeronautici Gli aeromobili e gli aeroporti L omologazione del velivolo Documentazione dell

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

La nozione di tributo e di diritto tributario

La nozione di tributo e di diritto tributario La nozione di tributo e di diritto tributario La nozione di tributo (1) Inesistenza di una definizione legislativa di tributo Alcuni tratti caratteristici: corrispettivo per il finanziamento di servizi

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2378 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CICOLANI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 LUGLIO 2003 Disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato

Dettagli

Trasporto aereo di persone

Trasporto aereo di persone Trasporto aereo di persone ART. 1678 c.c. delinea la figura generale valida per qualsiasi tipo di trasporto ART. 940 cod. nav.. DISCIPLINA IL SOTTOTIPO Contratto di trasporto di persone per via aerea e

Dettagli

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRESSO GLI ENTI PRIVATI IN CONTROLLO PUBBLICO, A

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) LEGGE REGIONALE 18 maggio 2004, n. 17 Norme per la disciplina dell attività degli operatori del turismo subacqueo. (BUR n. 9 del 18 maggio 2004, supplemento straordinario n. 6) Art. 1 (Finalità e ambito

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 del 22/04/1980 e modificato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia Traduzione 1 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia 0.748.127.194.541 Conchiuso a Roma il 4 giugno 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4 marzo 1957 2 Entrato in vigore il

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

Diritto e Legislazione socio-sanitaria

Diritto e Legislazione socio-sanitaria O S E S359 Collana giuridico-economica per la scuola riformata diretta da Federico del Giudice A cura di Alessandra Avolio Diritto e Legislazione socio-sanitaria Per il secondo biennio dei nuovi Istituti

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

3ª E R.I.M Programmi svolti di Diritto e Relazioni Internazionali Insegnante Prof.ssa Grazia Urbini Anno scolastico 2014-2015

3ª E R.I.M Programmi svolti di Diritto e Relazioni Internazionali Insegnante Prof.ssa Grazia Urbini Anno scolastico 2014-2015 3ª E R.I.M Programmi svolti di Diritto e Relazioni Internazionali Insegnante Prof.ssa Grazia Urbini Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO DI DIRITTO TEORIA GENERALE DEL DIRITTO Le norme giuridiche.

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

VOLANDO IL TERRITORIO

VOLANDO IL TERRITORIO VOLANDO IL TERRITORIO I droni nella professione del Geometra e del Perito Agrario Acquisiamo le competenze e le abilità per utilizzare i droni. Brevetto da Pilota per l attività professionale PROGRAMMA

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia (Legge sul trasporto di merci, LTM) Avamprogetto del XX. xxx 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 87

Dettagli

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S.

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S. BRASILE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI EMIGRAZIONE FRA L ITALIA ED IL BRASILE DEL 9/12/1960 Firma: Brasilia, 30 gennaio 1974 Ratifica: legge 6 aprile 1977, n. 236 G.U. del 1 giugno 1977, n. 147 Entrata

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea?

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea? La corte di Giustizia Europea dichiara che la legislazione italiana in materia di contratti a termine per il personale della scuola OSTA con la normativa comunitaria La Corte di Giustizia Europea dichiara

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 15/06/2009 Circolare n. 80 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN *

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * Art. 1 È costituita l associazione culturale denominata Istituto Internazionale Jacques Maritain, con sede sociale a Roma. Art. 2 L Istituto non

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA

GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA GIUNTA REGIONALE DETERMINAZIONE N. 13/2012/ DE10 DEL 20/ 02/ 2012 DIREZIONE: SERVIZIO: UFFICIO: DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SU GOMMA E FERRO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI (AFFARI ESTERI E COMUNITARI)

CAMERA DEI DEPUTATI (AFFARI ESTERI E COMUNITARI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4880-A RELAZIONE DELLA III COMMISSIONE PERMANENTE (AFFARI ESTERI E COMUNITARI) (Ai sensi dell articolo 79, comma 15, del regolamento) Presentata

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Anno Scolastico 2015/2016 Istituto Tecnico Tecnologico E. Barsanti Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 9 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Discipline giuridiche ed economiche

Dettagli

Concetti giuridici di base

Concetti giuridici di base Concetti giuridici di base Corso Nuove tecnologie e diritto 19 aprile 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Che cos è il diritto Sistema di regole per risolvere i conflitti tra gli uomini. Si

Dettagli

ALLE IMPRESE ASSOCIATE. Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale

ALLE IMPRESE ASSOCIATE. Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale 30 Falso Prot. 0426 Circolare Roma, 22 dicembre 2005 Distribuzione ALLE IMPRESE ASSOCIATE Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale In previsione dell imminente entrata in

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

Proposta di legge "Del Patto Civile di Solidarietà"Presentata dall'on. Dario Rivolta e altri

Proposta di legge Del Patto Civile di SolidarietàPresentata dall'on. Dario Rivolta e altri Proposta di legge "Del Patto Civile di Solidarietà"Presentata dall'on. Dario Rivolta e altri Onorevoli colleghi, la Proposta di Legge per istituire il Patto Civile di Solidarietà nasce dalle nuove esigenze

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 54 del 6 Marzo 2006

Gazzetta Ufficiale N. 54 del 6 Marzo 2006 Gazzetta Ufficiale N. 54 del 6 Marzo 2006 DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2006, n.69 Disposizioni sanzionatorie per la violazione del Regolamento (CE) n. 261/2004 che istituisce regole comuni in materia

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di autonomia dell Università del Salento ed in particolare l art. 29;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di autonomia dell Università del Salento ed in particolare l art. 29; OGGETTO: Emanazione del Regolamento per la formazione del personale tecnicoamministrativo novellato dalla delibera del Consiglio di Amministrazione in data 22/12/2010. IL RETTORE D.R. N. 1 VISTO lo Statuto

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE IX Presentazione... Elenco delle principali abbreviazioni... VII XIX PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE CAPITOLO I L ORDINAMENTO GIURIDICO INTERNAZIONALE 1. Il diritto internazionale come espressione di

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

tra: titolare della concessione per n con sede in via n Partita IVA/Codice Fiscale rappresentata dal signor di seguito denominata Titolare di Sistema

tra: titolare della concessione per n con sede in via n Partita IVA/Codice Fiscale rappresentata dal signor di seguito denominata Titolare di Sistema La società Contratto per l affidamento dell attività di commercializzazione ai sensi del decreto del direttore generale dell Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato in data 21 marzo 2006 tra: titolare

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore Pag. 1 di 10 Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore DCRUO Relazioni Industriali Settembre 2005 Pag. 2 di 10 INDICE Scopo e campo di applicazione pag. 3 Principi generali pag. 3 Riferimenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO FUNZIONE MOTORIZZAZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTT DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione

Dettagli

Traduzione a cura di Sara DʼAttoma ****

Traduzione a cura di Sara DʼAttoma **** Traduzione a cura di Sara DʼAttoma Decreto del Presidente della Repubblica Popolare Cinese N. 36 Si dichiara che la Legge della Repubblica Popolare Cinese sulla legge applicabile ai rapporti privatistici

Dettagli

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009 RISOLUZIONE N. 126/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 maggio 2009 Oggetto: Acquisto di aeromobili e di altri beni e servizi destinati ad attività di trasporto aereo a prevalente carattere

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

(pubbl. in Gazz. Uff. n. 79 del 4 aprile 1942, ed. straordinaria). DISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALE CAPO I DELLE FONTI DEL DIRITTO

(pubbl. in Gazz. Uff. n. 79 del 4 aprile 1942, ed. straordinaria). DISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALE CAPO I DELLE FONTI DEL DIRITTO R.D. 16 marzo 1942, n. 262. Approvazione del testo del Codice civile. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 79 del 4 aprile 1942, ed. straordinaria). DISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALE CAPO I DELLE FONTI DEL DIRITTO

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 1609 del 17 luglio 2000 (G.U. n. 169 del 21 luglio 2000)

PROVVEDIMENTO N. 1609 del 17 luglio 2000 (G.U. n. 169 del 21 luglio 2000) Pagina 1 di 5 PROVVEDIMENTO N. 1609 del 17 luglio 2000 (G.U. n. 169 del 21 luglio 2000) Modifiche al provvedimento Isvap n. 1202 del 28 giugno 1999, recante modalità per l iscrizione nell Albo dei mediatori

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

MANCATE ANNOTAZIONI SULLA CARTA DI CIRCOLAZIONE DAL 3 NOVEMBRE SCATTANO LE SANZIONI

MANCATE ANNOTAZIONI SULLA CARTA DI CIRCOLAZIONE DAL 3 NOVEMBRE SCATTANO LE SANZIONI Dott. Giovanni Maria CONTI Dott. Emanuela Maria CONTI Dott. Marcello PRIORI Dott. Domenico MAISANO Avv. Emanuela REGAZZI Dott. Simone DALLEDONNE Dott. Lorenzo PICCININI Dott. Florjan SHTYLLA Dott. Domenico

Dettagli

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente.

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente. La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

P r o d u t tive. Circolare n.

P r o d u t tive. Circolare n. Circolare n. Legge 23 agosto 2004, n. 239 - articoli 53 e 54, recanti modifiche e integrazioni ai requisiti per l accesso ai contributi in favore degli autoveicoli alimentati a GPL e metano di cui al decreto

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente.

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente. RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 marzo 2002 Oggetto: Forniture di carburante a bordo di natanti da diporto gestiti in noleggio. Regime di non imponibilità Iva di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ELENCO DEGLI AGENTI SPORTIVI DELLA LEGA PALLAVOLO SERIE A

REGOLAMENTO DELL ELENCO DEGLI AGENTI SPORTIVI DELLA LEGA PALLAVOLO SERIE A REGOLAMENTO DELL ELENCO DEGLI AGENTI SPORTIVI DELLA LEGA PALLAVOLO SERIE A Art. 1) ISTITUZIONE E istituito presso la Lega Pallavolo Serie A Maschile l Elenco degli Agenti Sportivi Art.2) DEFINIZIONI E

Dettagli

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera n 15 del Consiglio di Amministrazione in data 08/10/2010 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Semplificazione amministrativa. L autocertificazione: istruzioni per l uso

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Semplificazione amministrativa. L autocertificazione: istruzioni per l uso PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Semplificazione amministrativa L autocertificazione: istruzioni per l uso Cos è l autocertificazione? L autocertificazione è uno strumento di semplificazione amministrativa

Dettagli

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato.

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. CONSIGLIO DI STATO CONCORSO (scad. 13 giugno 2011) Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. IL PRESIDENTE Visto il regio decreto 26 giugno 1924, n. 1054, che approva il Testo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

http://www.normattiva.it//dispatcher?task=attocompleto&service=212&datagu=2003...

http://www.normattiva.it//dispatcher?task=attocompleto&service=212&datagu=2003... Page 1 of 7 LEGGE 11 agosto 2003, n. 218 Disciplina dell'attivita' di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2614 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI

Dettagli

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ (Ai sensi degli artt. 54 del D.Lgs 28 agosto 2000 n. 274 e 2 del D.M. 26 marzo 2001) Premesso che, a norma dell art. 54 del D. L.vo 274 del

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli