Conferenza sulla Gestione dei rischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conferenza sulla Gestione dei rischi"

Transcript

1 Direzione Generale Armamenti Aeronautici Conferenza sulla Gestione dei rischi La Gestione dei rischi in un Programma di attività di Assicurazione Qualità Governativa 1

2 Scopo Scopo della presentazione è illustrare come attuare in ambito nazionale i requisiti della pubblicazione N.A.T.O. A.Q.A.P. 170 (ed.2 del Settembre 1997),avente per titolo: NATO Guide for the delegation of Government Quality Assurance. 2

3 Capire chi siamo conoscendo cosa siamo stati L attività definita sorveglianza tecnica è stata storicamente presente nell aeronautica militare sino dai tempi della sua fondazione.vediamo quali sono stati i passi fondamentali che hanno portato alla odierna struttura della D.G.A.A. e come i cambiamenti sia nella struttura organizzativa della Amministrazione della Difesa che della tecnologia aeronautica abbiano influito su le modalità di esecuzione della sorveglianza tecnica stessa. 3

4 Il Ministero dell Aeronautica, \ costituito con R.D.L. del 30/8/1925 n 15134, comprendeva la Direzione Generale del Genio Aeronautico la quale, assorbendo le competenze delle preesistenti: Direzione Tecnica d Aviazione ( ) Direzione Superiore del Genio e Costruzioni Aeronautiche ( ), era preposta all approvvigionamento ed alla manutenzione di tutti i materiali aeronautici 4

5 Nei 18 anni seguenti le competenze di tale Direzione furono ripartite tra nuovi Enti che nel 1942 assommavano a 7: Direzione Generale delle Costruzioni e degli Approvvigionamenti (1927); Direzione Generale dei Servizi(1927); Direzione Generale degli Studi e delle Esperienze (1927); 5

6 Direzione Generale delle Armi e Munizioni(1942); Ispettorato delle Telecomunicazioni(1942); Ispettorato del Genio Aeronautico e della Produzione Aeronautica(1942); La D.G.C.A.,costituita in data 23/6/1927 con R.D. n 1241, mantiene la sua struttura pressoché immutata per circa 40 anni,cioè sino al 18/11/1965, quando, entrando in vigore il D.P.R.n 1472 si riformano 6

7 Uffici Centrali e Direzioni Generali e viene istituita la Direzione Generale delle Costruzioni,delle Armi e degli Armamenti Aeronautici e Spaziali, risultante dalla fusione della Direzione Generale delle Costruzioni e Degli Approvvigionamenti e della Direzione Generale delle Armi e Munizioni Fonte:Gen.G.A. Francesco VADALA TECNICI IN UNIFORME AZZURRA-Il Genio Aeronautico visto attraverso i suoi ordinamenti dalle origini al 1990) - Roma

8 In tale veste la D.G. ha operato per oltre 30 anni giungendo infine alla riorganizzazione operata con il D.M. del 26/1/1998, il quale riforma e riorganizza le precedenti competenze nella nuova : DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI 8

9 Evoluzione Industriale Rammentiamo come nel periodo di tempo intercorso tra il 1927 ed 2000 si è evoluta l Industria. 9

10 1.Evoluzione della Qualità Industriale (dal 1920 ) I Evoluzione della Metodologia 1920 ISPEZIONE COLLAUDO FINALE CONTROLLO PRODUZIONE CONTROLLO STATISTICO DI QUALITA' AFFIDABILITA' MANUTENIBILITA' CONTROLLO TOTALE DI QUALITA' PRODUZIONE ASSICURAZIONE DI QUALITA' SISTEMI DINAMICI DI QUALITA' PRODUZIONE Aree industriali coinvolte PROGETTO ALTRE FUNZIONI ORGANIZZAZIONE DELL'AZIENDA GESTIONE DELL'AZIENDA 10

11 Inizialmente l attività venne espletata sotto forma di ispezioni e collaudi eseguiti direttamente dal personale tecnico, militare e civile, presso gli Stabilimenti di Costruzioni Aeronautiche 11

12 Successivamente. Successivamente (1931) nacque l esigenza di distaccare presso gli stabilimenti delle Ditte Aeronautiche un gruppo di tecnici militari che ne sorvegliassero le lavorazioni tramite ispezioni e collaudi fatti in serie o in parallelo a quelli effettuali dal personale del Collaudo delle Ditte. 12

13 Poi.Nasce il Controllo di Qualità La norma AM VIII (della D.G.C.A.) e successivamente la: Norma AA-Q-1(poi AER-Q-1) del 1967 dal titolo Norma per il Controllo degli Approvvigionamenti di competenza della D.G.C.A.A.A.S. Stabilivano i requisiti di un sistema di controllo Qualità che le Ditte erano obbligate a soddisfare 13

14 Quindi Veniva meno il requisito di effettuare verifiche ed ispezioni, le quali si potevano ridurre a sorveglianza del Controllo qualità della Ditta in accordo a dei Piani di Sorveglianza emessi in conformità a quanto previsto dalla NORMA AER-Q-D-1, avente per titolo: 14

15 Direttive sull Organizzazione del Servizio di Sorveglianza Tecnica per l applicazione del Controllo di Qualità previsto dalla Norma AA-Q-1 Che sono rimaste valide sino a quando è stata emessa la Direttiva Permanente 2003/5, distribuita con foglio AD4/GCT/3/3/D.P. del 21/1/2003 che le hanno abolite. 15

16 Presupposti organizzativi. La AER-Q-D-1 era: Basata su liste guida per il controllo dei: Prodotti Procedure Sistemi Speciali 16

17 Chi operava Era chiaramente stabilito, a chi fosse destinata! Il Cap. III era intitolato: Direttive per l organizzazione degli UU.SS.TT. per svolgere la Sorveglianza Tecnica secondo Piani di Sorveglianza Tecnica Uniformi 17

18 Il cambiamento La riorganizzazione del Ministero della Difesa ha portato, tra l altro alla: Ristrutturazione degli Enti periferici della D.G.A.A., con l istituzione degli Uffici Tecnici Territoriali (UU.TT.TT.) di MILANO, TORINO e NAPOLI; L assorbimento da parte degli UU.TT.TT. di parte dei compiti delle DD.CC.AA. e UU.SS.TT. 18

19 Le Conseguenze Nel campo della sorveglianza tecnica,la perdita di Uffici residenti presso le principali Ditte Fornitrici, quindi la non più continua presenza di personale ha ridotto l efficacia della AER-Q-D-1. Si è ritenuto quindi necessario passare ad altra metodologia. 19

20 Arriva la: Gestione dei Rischi, oppure: 20

21 Allineiamoci alla NATO Già da tempo la NATO aveva sostituito (per motivazioni analoghe alle nostre) ad una attività di Government Quality Assurance basata su : Sistem Element Evaluation Product Inspection Verification Mandatory Product Control Corrective action Reporting 21

22 Allineiamoci alla NATO(cont.) Con una attività basata sulla : GESTIONE DEI RISCHI Vediamo, ora in pratica, cosa significa. 22

23 Cosa è il rischio? Per rischio in Italiano s intende: Possibilità di conseguenze dannose o negative a seguito di circostanze non sempre prevedibili. In linguaggio NATO (AQAP-170 Edition 2 Annex B), il rischio è: il prodotto tra la probabilità del verificarsi di un evento ed il suo impatto (cioè gli effetti causati). 23

24 La rivoluzione Copernicana Cosa cambia nelle attività di Assicurazione Qualità Governativa? Da una attività basata sulla verifica della puntuale attuazione del P.A.Q. da parte della Ditta Contraente ( vecchio metodo ), si passa a selezionare le caratteristiche da verificare in base al risk assessment (nuovo approccio). 24

25 Come funziona la Gestione dei Rischi? POSSIAMO IDENTIFICARE 25

26 Fase 1: Identificazione dei rischi Fase 2: Valutazione dei rischi Fase 5: Esame dei Risultati Risk Management Fase 4: Monitorizzazione ed esame critico Fase 3: Creazione di un Piano di riduzione 26 dei Rischi

27 Come si agisce? Identificare e definire i rischi FASE 1 Identificazione Identificare nelle Organizzazioni Aziendali le responsabilità (Ownership) 27

28 Come si agisce? Stabilire la probabilità di rischio FASE 2 Valutazione Valutare l impatto del rischio 28

29 Come si agisce? Pianificare le azioni necessarie a gestire e ridurre il rischio FASE 3 Creazione Piano Riduzione rischi Applicare le azioni correttive 29

30 Come si agisce? FASE 4 Monitorizzazione ed esame critico Riesaminare ed aggiornare (se necessario) le attività pianificate in fase 3 30

31 Come si agisce? FASE 5 Esame dei risultati Trarre insegnamento dalle esperienze fatte (lesson learning) 31

32 Chi è coinvolto nella gestione dei rischi? Ente Appaltante Gestione Dei Rischi Ditta Contraente UTT (R.A.Q.) 32

33 Chi è il R.A.Q. E l acronimo di Rappresentante Assicurazione Qualità Traduzione in Italiano di Q.A.R. (Quality Assurance Representative),citato in tutte le pubblicazioni NATO della Serie AQAP. 33

34 Dove opera il R.A.Q.? Presso le Ditte Fornitrici, su base saltuaria, in funzione: dei rischi identificati e delle azioni necessarie a mitigarli; delle esigenze di uno specifico contratto o degli accordi relativi ad un programma di cooperazione internazionale. 34

35 R.A.Q. & N.Q.A.R. L N.Q.A.R. (National Quality Assurance Representative) ed il R.A.Q. anche se talvolta fisicamente coincidenti svolgono, in genere compiti diversi. Vediamo di comprendere in cosa differiscono. 35

36 L N.Q.A.R. Caratteristiche salienti: Esplica attività di G.Q.A. in Programmi di Cooperazione Internazionale.(NATO o non) Rappresenta l A.D. in G.di L. internazionali Opera a supporto di Agenzie NATO o Agenzie Esecutive (coop. Non NATO) E nominato dal D.G. di D.G.A.A.su proposta della Direttore dell U.T.T. territorialmente competente e dietro avallo del Direttore della D.T. competente per aeromobile/materiale. Eccezionalmente può essere nominato NQAR anche personale di F.A. 36

37 Il R.A.Q. La figura del R.A.Q. nella struttura ordinativa di ARMAEREO ed Enti Territoriali dipendenti si identifica con Capo della Sezione Assicurazione Qualità dell Ufficio Tecnico Territoriale (U.T.T.) che gestisce il contratto sottoposto ad attività di assicurazione Qualità Governativa. 37

38 I compiti del R.A.Q. nel Risk Management Identificare i rischi connessi alla Ditta Fornitrice. Valutare i rischi associati alla Ditta Fornitrice. Valutare se esistono le capacità professionali ad eseguire la attività di Assicurazione Qualità Governativa (G.Q.A.) 38

39 I compiti del R.A.Q.nel Risk inoltre: Management (cont.) Determinare, pianificare, eseguire e standardizzare le attività di A.Q. governativa con il metodo del P.D.C.A. 39

40 I compiti del R.A.Q.nel Risk Management (cont.) 40

41 Il Risk Manager I compiti: Identifica l interdipendenza dei vari rischi. Stabilisce le priorità. Sviluppa il Piano di Assicurazione Qualità Governativa basato sulla Gestione dei rischi. Raccoglie e processa le informazioni provenienti dai RAQ /NQAR allo scopo di coordinare le attività di riduzione dei rischi. 41

42 Il Risk Manager(cont.) Nella attuale organizzazione di ARMAEREO, il Risk Manager si identifica con il Capo del 1 Ufficio dell Ufficio Tecnico Territoriale responsabile dell esecuzione delle attività di Assicurazione Qualità Governativa su di uno specifico Contratto. 42

43 Il R.A.Q. ed il Risk Manager figure coinvolte nella gestione dei rischi? Ci sono altri due attori sicuramente coinvolti e di importanza basilare in un efficace ed efficiente Programma di gestione dei rischi stabilito a fronte di un contratto: L Ente appaltante La Ditta Fornitrice 43

44 RAQ Risk Manager Ente Appaltante Contratto/Programma Ditta Fornitrice 44

45 Quali sono i compiti dell Ente appaltante nell ambito del R.M.? L Ente appaltante deve: Assicurare che le clausole essenziali (inclusa, se necessario quella relativa alla gestione dei rischi ) siano incluse nell invito a gara/richiesta di offerta; Conduce valutazioni finanziarie relative alle ditte invitate a gara. Esamina i dati storici relativi alle Ditte Assicura un metodo efficiente di selezione dei potenziali Fornitori 45

46 E,in definitiva: 46

47 Come interviene la Ditta contraente? Essa è responsabile per: Lo sviluppo e l attuazione di un Sistema di Qualità appropriato. L identificazioni dei rischi del Prodotto /Processo Il controllo, la gestione e la riduzione dei rischi che possano aver impatto nella fornitura 47

48 Concludendo: la Ditta è responsabile per la fornitura di un: 48

49 In pratica, come si opera? Le prime domande che si deve porre un RAQ (o RM) in conseguenza di una attività di gestione dei rischi associate ad un Contratto/Programma sono elementari: Cosa può andare bene? Cosa può andare male? Quanto può andare male? 49

50 Bisogna comprendere la situazione Quindi prima di tutto si debbono esaminare i dati a disposizione o, in alternativa raccoglierli opportunamente. Opportunamente significa che i dati debbono essere raccolti con metodo scientifico quindi debbono: rappresentare la realtà, ed essere documentabili e confrontabili 50

51 I Dati Rilevazione delle condizioni:data, ora, processo /procedura. Realistici Documentabili Analizzabili in relazione ad altri dati raccolti sul medesimo argomento K.O. Casi Particolari Confrontabili 51

52 La rilevazione Risulta logico rilevare solo quei dati necessari ad: identificare Analizzare Controllare E, successivamente, a stilare un PAQ Governativo 52

53 Quali sono i rischi che debbono essere presi in esame? L AQAP-170 HDBH li divide in due categorie principali connessi al prodotto Rischi relativi al processo di tipo organizzativo 53

54 I rischi del Prodotto Tecnologia Matura? Tecnologici Stato dell arte O.K.? Problemi di Minimizzazione Rischi d uso Completa Innovazione? D uso Principi Scientifici Consolidati? Scientifici Specifica nei limiti della Realizzabilità? Incertezza nella raggiungibilità Estrapolazioni Permesse? Prestazioni 54

55 I rischi del Processo D&D PI Risorse(impianti attrezzature etc) Ingegneristici Specifica OK? contingentamenti S.S., oppure alternative Subforniture S.C.& Vendors affidabili obsolescenza manutenzione Tecnici Nuova tecnologia supporto ben Pianificato? 55

56 I rischi di tipo organizzativo(1) Costi Rivalutazioni Certificazione AER Q- ISO AQAP Verifica Pre-contratto Sistema qualità Rispettato Nel Passato? Piano di consegna Andamento Qualitativo Passate forniture 56

57 I rischi di tipo organizzativo(2) licenze Relazioni Industriali Fuga notizie Sicurezza Attacco informatico Commerciali Mercato civile Adattamento al mercato Accordi Work Share Problemi legali Gruppi Di controllo Vincoli finanziari Gestionali Management 57

58 Altri rischi Rischi di tipo: INTERNAZIONALE POLITICI E poi. Sicurezza sul lavoro, impatto ambientale scioperi, profilo di pagamento e altri meno rilevanti. 58

59 Come interviene il R.A.Q. Dalla precedente esposizione appare evidente che, a meno che non sia diversamente richiesto (come nel caso di alcuni Programmi di Collaborazione internazionale), Il RAQ non può influire in maniera significativa (preventiva) su alcuni rischi in quanto risulta implicito che siano stati valutati (e mitigati) dall Ente Appaltante. 59

60 Quali sono i rischi sui quali può Audits Mirati agire il RAQ? Esame O.A. Richieste GQA Sistema Qualità Sub Forniture F.A.I. M.R.B Tecnico/ Ingegneristici Partecipazione a: D.Reviews Configuration Audit 60

61 Quali sono i rischi sui quali può intervenire l Ente Appaltante? L Ente appaltante può intervenire su tutti i tipi di rischi precedentemente identificati sia in maniera: preventiva Attività eseguite in sede Progetto di contratto Attività eseguite in sede di Selezione Ditte 61

62 Quali sono i rischi sui quali può intervenire l Ente Appaltante?(2) Oppure inserendo : Opportune clausole contrattuali Piano Gestione Rischi Piano Gestione Progetto Piano assicurazione Qualità 62

63 Come procedere? Tutti i contratti per i quali e richiesto un livello qualitativo AER-Q-110/AQAP-110, oppure AER-Q-120/AQAP-120 prevedono (a contratto) la compilazione di un P.A.Q. Solo contratti di grossa entità (es: Sviluppo/Costruzione aeromobili) prevedono un Piano di Gestione dei Rischi: (RMP- Risk Management Plan). 63

64 Come procedere?(2) Nel caso del RMP il lavoro è semplificato in quanto i rischi sono già evidenziati. Se disponiamo solo del PAQ ci si dovrà basare sull esperienze precedenti, sul data base in possesso del Risk Manager, sulle indicazioni fornite dall Ente appaltante. In tutti i casi per decidere come e quando intervenire si dovrà operare seguendo le indicazioni successivamente esposte. 64

65 La metrica del rischio Ricordiamo che il rischio (talvolta denominato (fattore di rischio) è definito dalla semplice formula : R=PxI (Rischio=Probabilità X Impatto) Dove sia P che I possono assumere i valori da 1 a 3 65

66 La Metrica (2) Probabilità 3=Alta 6 9 2=Media 4 6 1=Bassa 2=Medio 3=Alto 1=Basso Impatto 66

67 La Metrica(3) Dunque R può avere 6 possibili valori In corrispondenza di diverse accoppiate di P ed I Il rischio è considerato Basso se = 1 o 2 Medio se = 3 o 4 Alto se = 6 o 9 67

68 La Metrica (4) Facciamo un esempio su come si formano i valori R. Cominciamo dalla Probabilità E alta se> 50%, che detto a parole, significa che l evento e più facile che accada che no. E media se tra il 20% ed il 50% in altri termini ci sono ragionevoli possibilità che accada E bassa se compresa tra 0 e 20%: evento raro, ma non impossibile! 68

69 La Metrica (5) Per l Impatto, il discorso è meno definito in quanto bisogna considerare (ed associare) volta per volta diversi parametri. Anche l impatto è quantizzabile con numeri: 1 = basso, 2 = medio, 3 = alto ma il significato associato a questi numeri non è rigido. 69

70 La Metrica(6) ESEMPIO Un malfunzionamento con una perdita di prestazioni e limitazioni operative è ad alto impatto. Un malfunzionamento analogo, senza limitazioni operative è a medio impatto. Problematiche senza conseguenze per l uso sono a basso impatto 70

71 La riduzione dei Rischi Comunque : Quando R>3 Si debbono impostare le azioni correttive 71

72 Contratti in Italia oppure all Estero?(1) Nei contratti stipulati in Italia sarà compito dell U.T.T. territorialmente competente, (responsabile della gestione del contratto) trasformare una valutazione dei rischi in : Assegnazione di compiti da eseguirsi al fine di mitigare i rischi. 72

73 Contratti in Italia oppure all Estero?(2) Nel caso di contratti all estero si potrà richiedere, in genere a titolo gratuito, l intervento di una Autorità Nazionale di Assicurazione Qualità se sussistono di Accordi bi-multilaterali nel campo del mutuo riconoscimento/fornitura dei servizi di A.Q. Governativa. 73

74 Con quali Paesi esistono tali accordi? Paesi aderenti alla NATO U.S.A.(Titolo oneroso in casi particolari) Repubblica Sud Africana Bulgaria Brasile Finlandia (non ancora firmato- testo concordato titolooneroso) Svezia (non ancora firmato- testo concordato- titolo oneroso ) Australia (titolo oneroso) Corea 74

75 Esempio di valutazione dei rischi Premessa: La valutazione dei rischi và effettuata nell ambito del contesto contrattuale. Per il presente esempio si fanno le seguenti assunzioni: Contratto: relativo ad attività di manutenzione programmata e non; assegnato a seguito gara a Ditta non detentrice di SDR; livello di qualità previsto: AER-Q-120; norme di riferimento per la Gestione della Configurazione: AER ; AER ; AER ; AER-Q

76 Esempio di valutazione dei rischi(cont.) In questo contesto i rischi sono legati, tipologicamente ed a meno di conoscenze di specifiche problematiche legate al materiale, al suo impiego, alla sua storia pregressa, alle seguenti aree: Disponibilità delle pubblicazioni; Disponibilità delle attrezzature specifiche; Addestramento del personale; Controllo della configurazione; Approvvigionamento delle parti di ricambio 76

77 Esempio di valutazione dei rischi(cont.) Tali rischi possono essere limitati se la Ditta è SDR, se tali lavorazioni sono state oggetto di precedenti e ripetuti contratti. Le attività di GQA (Assicurazione Governativa della Qualità che, come detto, possono essere effettuate dal Committente o da Ente da Esso delegato, saranno impostate (con l esperienza e le professionalità di chi le effettua) in ragione di tali rischi. Lo strumento potrebbe essere un Piano per l Assicurazione Governativa della Qualità che con audit miranti a verificare se il sistema Qualità Aziendale ha agito/agisce, per le aree di rischio individuate, secondo i requisiti di Qualità dell AER-Q

78 Esempio di valutazione dei rischi(cont.) Attraverso tali requisiti si giunge a verificare: - il possesso della Documentazione tecnica e del suo livello di aggiornamento; - il possesso dell attrezzatura specifica e del suo stato di calibrazione; - la tracciabilità delle parti di ricambio; ecc.. La controfirma del Certificato di Conformità significherà che l incaricato del GQA ha sottoposto a verifica queste aree di rischio senza rilevare inadempienze. 78

79 79

80 FINE C.T. (C1) BIONDI Sergio > > > Ministero della Difesa > Direzione Generale delle Costruzioni Aeronautiche > Ufficio Generale Coordinamento Tecnico > 3 Ufficio "Omologazione ed Assicurazione della Qualità" > 3^Sezione "Assicurazione della Qualità" > Viale dell'università n ROMA- > ITALIA. > > Phone: xx > Fax :xx > > TLX: ARMAEREO 80

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

Appunti su Risk management

Appunti su Risk management Appunti su Risk management Da circa 10 anni è avviato un processo di spostamento dell attenzione dal modello sistema Qualità al modello safety management, basato sul risk management. L aspetto di rilevo

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Evoluzione della qualità

Evoluzione della qualità SOMMARIO Evoluzione della qualità ISO 9000 L evoluzione delle norme ISO 9000 (Vision 2000) Il Manuale della qualità secondo le ISO 9000 Il ciclo PDCA I punti del Sistema Qualità La Certificazione e i Marchi

Dettagli

L Agenzia Torino 2006

L Agenzia Torino 2006 L Agenzia Torino 2006 Seoul 19 giugno 1999 Il CIO assegna le Olimpiadi del 2006 a TORINO Città di Torino e CONI costituiscono il Comitato per l'organizzazione dei Giochi (TOROC) Ottobre 2000 il Parlamento

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

per l'industria Aerospaziale e Aeronautica

per l'industria Aerospaziale e Aeronautica Soluzioni Spettabile Tecniche Cliente per l'industria Aerospaziale e Aeronautica ISO 9001 Qualita ISO 14001 Ambiente ISO 13485 Biomedicale ISO/TS 16949 Automotive ISO 22000 Cosmetico ISO 27001 Sicurezza

Dettagli

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva MARIA GISELLA CONCA GESTIONE DELLA QUALITÀ Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva LIUC - Castellanza febbraio - maggio 2001 CERTIFICAZIONE: DIFFUSIONE E NORMATIVA

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 570 CONTINUITA AZIENDALE INDICE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 570 CONTINUITA AZIENDALE INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 570 CONTINUITA AZIENDALE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it INFORMATION SECURITY I SERVIZI DI CONSULENZA. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano www.axxea.it info@axxea.it INDICE 1. SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI... 3 1.1 ANALISI DELLO STATO DELL ARTE...

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

La Certificazione AS/EN 9100. Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori

La Certificazione AS/EN 9100. Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori La Certificazione AS/EN 9100 Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori 1 UNAVIAcert ha adottato lo schema di certificazione AS/EN 9100 per incrementare la fiducia

Dettagli

Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines

Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines Lo standard ISO 31000 nel sistema di controllo interno e di gestione dei rischi ex art. 7 del Codice di Autodisciplina

Dettagli

Innovazione. Integrazione. Interazione.

Innovazione. Integrazione. Interazione. Automazione, Strumentazione e Telecomunicazioni per Impianti Industriali. Innovazione. Integrazione. Interazione. Automazione, Strumentazione e Telecomunicazioni per Impianti Industriali. Innovazione.

Dettagli

Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co. Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI

Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co. Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co Strumen5 e Metodi per agire nel Sociale e in Poli5ca DIOCESI DI VERONA Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI Sabato 12 maggio 2012

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO La presente Politica rappresenta l impegno della Termisol Termica verso la salute e la sicurezza dei propri lavoratori e di tutte le persone che si trovino ad operare all interno della propria sede e dei

Dettagli

COMITATO TECNICO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

COMITATO TECNICO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO COMITATO TECNICO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Convenzione fra Provincia di Forlì-Cesena e Istituti Scolastici di Secondo grado Sede presso Servizio Prevenzione e Protezione della Provincia di Forlì-Cesena

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

RDP_TECSE_001-2011.ppt. R. DE PARI NAPOLI Giugno 2011

RDP_TECSE_001-2011.ppt. R. DE PARI NAPOLI Giugno 2011 R. DE PARI NAPOLI Giugno 2011 0 SOMMARIO Lo Schema ICOP e gli Schemi di Certificazione EN 9100:2009 Le modifiche inserite: EN 9100:2009 perché Modifiche principali EN 9101:2009 Panoramica sulle principali

Dettagli

La direzione dei lavori

La direzione dei lavori APPALTI PUBBLICI: L APPROFONDIMENTO Definizioni, compiti e responsabilità alla luce del DLgs 12 aprile, n. 163 - Codice dei Contratti La direzione dei lavori Francesco Musci * e Roberto Scaravaglione **

Dettagli

POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA

POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA POLITICA DELLA CONSULENZA GIURIDICA 1. Che cos è la consulenza giuridica La consulenza giuridica dell Aeronautica Militare si esplica come attività di supporto all azione di comando, volta ad assistere

Dettagli

a.a 2012/2013 VIII MODULO QUALITY & OUTSOURCING MANAGEMENT

a.a 2012/2013 VIII MODULO QUALITY & OUTSOURCING MANAGEMENT a.a 2012/2013 VIII MODULO QUALITY & OUTSOURCING MANAGEMENT Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella Pubblica

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA OHSAS 18001:2007 Occupational Health and Safety Assessment Series (Norme per la valutazione della salute e

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER QUALITÀ, AMBIENTE, SALUTE E SICUREZZA

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER QUALITÀ, AMBIENTE, SALUTE E SICUREZZA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER QUALITÀ, AMBIENTE, SALUTE E SICUREZZA GENERALITÀ SUI SISTEMI DI GESTIONE In generale, si può pensare che per una organizzazione di apprezzabile complessità

Dettagli

evoluzione storica della qualità

evoluzione storica della qualità evoluzione storica della qualità 1920 Ispezione finale Final Inspection Controllo sul prodotto. Il prodotto è accettato o scartato al termine del processo produttivo da personale della produzione che effettua

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Approccio occidentale e giapponese Modelli gestionali: TQM, ISO 9000, EFQM, PREMIO QUALITA Strategia

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI Pagina 1 di 9 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITA 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6 ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA 9 ALLEGATI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 La separazione funzionale nel trasporto del gas

Dettagli

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini Pag. 1 di 10 QA-EQDL20 Revisione n 1 del 29/03/2005 PROCEDURA DI AUDIT EQDL REVISIONI 1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA P. Fezzi/C. Morlacchi CONTROLLATA F. Filippazzi/

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail VIA DI PRATIGLIOLO 3/C 00062 BRACCIANO (RM) 06 4986 3566 (ufficio) 3357666398

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR01 - n conformità, Reclami, Azioni Correttive, Azioni Preventive Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale

Dettagli

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole www.certificazione.info autore: Dr. Matteo Rapparini La certificazione di qualità nelle scuole La certificazione di qualità ISO 9001:2000 ha avuto recentemente

Dettagli

CAPITOLATO D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO DELL'INCARICO

CAPITOLATO D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO DELL'INCARICO Comune di Partinico Provincia di Palermo SETTORE AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Responsabile D.ssa Maria Pia Motisi E-mail mpmotisi@comune.partinico.pa.it Tel 091/8913235 Fax 091/8906786 www.comune.partinico.pa.it

Dettagli

Addetti agli approvvigionamenti

Addetti agli approvvigionamenti M generali Fornire le conoscenze di base per gli addetti agli approvvigionamenti, in relazione a tutto il processo relativo Consolidare conoscenze e metodiche di gestione che risultino le più consone allo

Dettagli

LE NORME DELLA SERIE EN 45000

LE NORME DELLA SERIE EN 45000 LE NORME DELLA SERIE EN 45000 Le EN 45000 riguardano il processo di accreditamento di: laboratori di prova; organismi di accreditamento dei laboratori di prova; organismi di certificazione di prodotto;

Dettagli

ERAP DELLE MARCHE. SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE

ERAP DELLE MARCHE. SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE SEZ 08 Rev.: 01 Data : 31-10-2013 Pag 1 di 11 INDICE 1. GENERALITÀ... 2 2. MONITORAGGIO E MISURAZIONE... 2 2.1 SODDISFAZIONE DEL CLIENTE/UTENTE... 2 2.2. AUDIT INTERNI... 4 2.3 MONITORAGGIO E MISURAZIONE

Dettagli

Formare performare Presentazione Calendario Corsi Gennaio - Marzo 2014

Formare performare Presentazione Calendario Corsi Gennaio - Marzo 2014 Formare performare Presentazione Calendario Corsi Gennaio - Marzo 2014 1 Intertek Academy: Corsi di specializzazione e di aggiornamento, seminari e workshop per la tua formazione Intertek ritiene che la

Dettagli

GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE CHIMICHE PER LA SICUREZZA DELLA LOGISTICA CHIMICA. MILANO, 13 maggio 2013

GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE CHIMICHE PER LA SICUREZZA DELLA LOGISTICA CHIMICA. MILANO, 13 maggio 2013 Per una migliore qualità della vita GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE CHIMICHE PER LA SICUREZZA DELLA LOGISTICA CHIMICA MILANO, 13 maggio 2013 Stefano Cevenini s.cevenini@certiquality.it AGENDA

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS03/2-2015 Sostituiscono le LINEE GUIDA CTS03/1-2014

Allegato a) LINEE GUIDA CTS03/2-2015 Sostituiscono le LINEE GUIDA CTS03/1-2014 Allegato a) PROCEDURE DI SALUTE E SICUREZZA RELATIVE A APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI ALL INTERNO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DI SECONDO GRADO AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS. 81/2008 LINEE GUIDA

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL Natalia Distefano*, Giuseppe Falsaperla**, Salvatore Leonardi*, Salvatore Montessuto*** * D.I.C.A. Università degli Studi

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO A l l e g a t o C C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Capitolato d oneri per l aggiudicazione del servizio di brokeraggio

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA DIREZIONE GENERALE GESTIONE E SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE E DEI SISTEMI INFORMATIVI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA DIREZIONE GENERALE GESTIONE E SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE E DEI SISTEMI INFORMATIVI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Settore: DG Proponente: 33.A Proposta: 2016/779 del 20/04/2016 COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA R.U.D. 323 del 22/04/2016 DIREZIONE GENERALE GESTIONE E SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE E DEI SISTEMI INFORMATIVI Dirigente:

Dettagli

Iter di Certificazione

Iter di Certificazione Iter di Certificazione 1 Accreditamento Riconoscimento formale della idoneità di un laboratorio ad effettuare specifiche prove o determinati tipi di prova Nota - Il termine "accreditamento di un laboratorio"

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

SEZIONE PRIMA CONSULENZA SU PRODOTTI ASSICURATIVI E GESTIONE DEL PORTAFOGLIO. A) metodologia tecnica e tempistica di gestione

SEZIONE PRIMA CONSULENZA SU PRODOTTI ASSICURATIVI E GESTIONE DEL PORTAFOGLIO. A) metodologia tecnica e tempistica di gestione SEZIONE PRIMA CONSULENZA SU PRODOTTI ASSICURATIVI E GESTIONE DEL PORTAFOGLIO A) metodologia tecnica e tempistica di gestione 1) Attivita preliminari: identificazione, analisi e valutazione dei rischi,

Dettagli

Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio

Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio INTRODUZIONE AI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA 23-05-2013 Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio 1) Introduzione ai sistemi di gestione della sicurezza; 2) Le attività tecnico amministrative;

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI. www.aakhon.it

I NOSTRI SERVIZI. www.aakhon.it I NOSTRI SERVIZI www.aakhon.it RESEARCH & DEVELOPMENT Ci dedichiamo al settore della ricerca e dello sviluppo, per gestire ogni progetto di innovazione in sinergia con diversi partner impegnati nella ricerca,

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA AGENZIA INDUSTRIE DIFESA STABILIMENTO MILITARE "RIPRISTINI E RECUPERI DEL MUNIZIONAMENTO" 43015 NOCETO (PR)

SCHEMA DI CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA AGENZIA INDUSTRIE DIFESA STABILIMENTO MILITARE RIPRISTINI E RECUPERI DEL MUNIZIONAMENTO 43015 NOCETO (PR) ALLEGATO B SCHEMA DI CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA AGENZIA INDUSTRIE DIFESA STABILIMENTO MILITARE "RIPRISTINI E RECUPERI DEL MUNIZIONAMENTO" 43015 NOCETO (PR) CONTRATTO N in data CONTRATTO PER ATTO PUBBLICO,

Dettagli

M I N I S T E R O D E L L A D I F E S A DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI NAVALI

M I N I S T E R O D E L L A D I F E S A DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI NAVALI M I N I S T E R O D E L L A D I F E S A DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI NAVALI O BBLIGHI DELL INDUSTRIA NAZIONALE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI TECNICI DELLA M.M. IN APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA NATO AQAP

Dettagli

Comune di Diano Marina Provincia di Imperia

Comune di Diano Marina Provincia di Imperia Comune di Diano Marina Provincia di Imperia II SETTORE SERVIZI AL CITTADINO - Ufficio Servizi Sociali DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 Modalità d offerta e documentazione. Ogni Ditta, Cooperativa o Associazione

Dettagli

Piattaforma Informatica di Knowledge Risk. Gestione del Sistema Qualità, Sicurezza e Ambiente di CANTIERE

Piattaforma Informatica di Knowledge Risk. Gestione del Sistema Qualità, Sicurezza e Ambiente di CANTIERE Piattaforma Informatica di Knowledge Risk Gestione del Sistema Qualità, Sicurezza e Ambiente di CANTIERE 2013 1 PI-KR DI CANTIERE La Piattaforma Informatica PI-KR di Cantiere, ad architettura modulare,

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 9-06-1994 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 9-06-1994 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 9-06-1994 REGIONE PIEMONTE Norme di attuazione della legge 8 novembre 1991, n. 381 > Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE

Dettagli

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3.

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3. OH&SAS Requisiti 1. Scopo e Campo di Applicazione Questa Norma della serie Occupational Healt and Safety Assessment (OHSAS) specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI STANDARD DA INTERFERENZE EX ART. 26 COMMA 3-TER D. LGS. 81/2008 E S.M.I.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI STANDARD DA INTERFERENZE EX ART. 26 COMMA 3-TER D. LGS. 81/2008 E S.M.I. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI STANDARD DA INTERFERENZE EX ART. 26 COMMA 3-TER D. LGS. 81/2008 E S.M.I. Pagina 1 di 6 - PREMESSA - DEFINIZIONI - VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD Pagina

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il Comune di San

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002 Risoluzione n. 97/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002 Oggetto: Interpello./2001 Articolo11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Ministero della Difesa Direzione generale del Demanio

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "Francesco Da Collo" TVIS021001

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Francesco Da Collo TVIS021001 Prot.n. 438/C14 Conegliano, 20 gennaio 2015 CIG. X9A12AFC9F CUP. DITTE VARIE PRESENTI IN MEPA ALL ALBO PRETORIO BANDI E GARE OGGETTO: Gara per la fornitura del servizio di connettività in fibra ottica.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE Art.1 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato Speciale ha come oggetto la

Dettagli

Prot.n. 910/B32 Campi Salentina 09.03.2009

Prot.n. 910/B32 Campi Salentina 09.03.2009 CIRCOLO DIDATTICO STATALE CAMPI SALENTINA p.zza Giovanni XXIII 7302 Campi S.na (LE) tel.0832/7933 fax 0832/797280 c.m. LEEE0500A c.f. 8002080752 direzionecampi@tiscali.it leee0500a@istruzione.it ANNUALITA

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO ALLEGATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER ACQUISTI DI BENI E SERVIZI DI VALORE

REGOLAMENTO PER ACQUISTI DI BENI E SERVIZI DI VALORE REGOLAMENTO PER ACQUISTI DI BENI E SERVIZI DI VALORE INFERIORE ALLA NORMATIVA NAZIONALE E COMUNITARIA INDICE Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Programmazione dell attività contrattuale Art. 3 Principi

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO 8 Marzo 2001 SEMINARIO TESTIMONI DI IMPRESA MARCO CAVALCA Executive Summary Introduzione La qualità in azienda (basic( quality

Dettagli

COMUNE DI VILLA COLLEMANDINA. Provincia di Lucca Rep. N. 84 CONTRATTO DI APPALTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO SISMICO

COMUNE DI VILLA COLLEMANDINA. Provincia di Lucca Rep. N. 84 CONTRATTO DI APPALTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO SISMICO COMUNE DI VILLA COLLEMANDINA Provincia di Lucca Rep. N. 84 CONTRATTO DI APPALTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO SISMICO FABBRICATO SEDE PALAZZO COMUNALE-POSTE ITALIANE E AMBULATORIO REPUBBLICA ITALIANA L anno

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli