Anno 2012 Pubblicazione semestrale Volume XLI Numero 2. fondata da Antonio Scialoja da Antonio Lefebvre d Ovidio da Elda Turco Bulgherini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 2012 Pubblicazione semestrale Volume XLI Numero 2. fondata da Antonio Scialoja da Antonio Lefebvre d Ovidio da Elda Turco Bulgherini"

Transcript

1 Anno 2012 Pubblicazione semestrale Volume XLI Numero 2 fondata da Antonio Scialoja ripresa da Antonio Lefebvre d Ovidio continuata da Elda Turco Bulgherini

2 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE fondata da Antonio Scialoja ripresa da Antonio Lefebvre d Ovidio continuata da Elda Turco Bulgherini rivista semestrale Direzione e Redazione Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Diritto Pubblico via Bernardino Alimena, Roma Condizioni di acquisto Italia Abbonamento annuale euro 80,00 Fascicolo euro 45,00 Estero Abbonamento annuale..... euro 100,00 Fascicolo euro 60,00 Per ordini Telefax: e mail: Skype: aracneeditrice Modalità di pagamento 1. Bonifico intestato ad Aracne Editrice S.r.l. IBAN: IT23N Causale: Abbonamento Rivista del Diritto del la Navigazione 2. Contrassegno postale 3. Carta di credito (acquisto on line) Autorizzazione n. 444 del 30 dicembre 2009 Tribunale di Roma Editore Aracne editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma Elda Turco Bulgherini 2012 Gli Autori 2012 I diritti di traduzione, di memorizzazione e let tronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. ISSN ISBN La pubblicazione della Rivista è stata resa possibile anche grazie al sostegno di Manfredi Lefebvre d Ovidio e di Silvia Lefebvre d Ovidio. La «Rivista del Diritto della navigazione» è documentata nell Archivio DoGi dell Istituto di Teoria e Tecniche dell Informazione Giuridica (ITTIG) del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

3 SOMMARIO CRITERI DI REFERAGGIO Gli scritti, che compaiono nelle rubriche «articoli», «varietà» e «note a sentenza», sono assoggettati a referaggio, con il sistema del «doppio cieco» («double blind peer review process») e nel rispetto dell anonimato sia dell autore che dei revisori (previa verifica di coerenza con i temi di interesse della Rivista da parte del Direttore). La valutazione è affidata a due esperti del tema trattato, designati dal Direttore preferibilmente fra i componenti del Comitato Scientifico che rivestano, o abbiano rivestito, la posizione di professore universitario di prima fascia nelle università italiane o posizione equivalente nelle università straniere. I revisori formuleranno il proprio giudizio, tenendo conto dei seguenti parametri: coerenza rispetto all ambito disciplinare; originalità dello scritto; adeguatezza della dottrina citata; adeguato aggiornamento normativo e giurisprudenziale; chiarezza del processo logico. Sulla base di tali parametri, i revisori potranno formulare i seguenti giudizi: a) pubblicabile senza modifiche; b) pubblicabile previo apporto di modifiche; c) da rivedere in maniera sostanziale; d) da rigettare. La revisione avverrà in maniera che ciascun autore riceva l esito della revisione possibilmente entro 20 giorni dall invio del proprio elaborato redatto nel rispetto delle regole redazionali. La conformità dello scritto alle regole di redazione (rinvenibili sul sito web sarà valutata dal comitato di redazione. Nel caso di giudizio discordante fra i due revisori, la decisione finale sarà assunta dal Direttore, salvo casi particolari in cui il Direttore medesimo provvederà a nominare tempestivamente un terzo revisore a cui rimettere la valutazione dell elaborato. Il Direttore, su sua responsabilità, può decidere di non assoggettare a revisione scritti pubblicati su invito o comunque di autori di particolare prestigio. XI

4 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE 2012 REVIEW PROCESS The manuscripts which appear in the sections «Articles», «General» and «Notes on Cases» are subject to preliminary review by the Editor in order to check their coherence with the subjects of interest of the Review. Subsequently, the manuscripts are subject to assessment by referees with the double blind peer review process, assuring a- nonymity of authors and referees. The evaluation process is conducted by two experts in the subject matter, selected by the Editor preferably from members of the Scientific Committee who hold or have held the position of tenured university professor in an Italian university or an equivalent position in a foreign university. The referee reports will take into consideration the following parameters: originality of the manuscript; clarity of logical process; accuracy of citations of scholars writings, laws and court decisions; notes of cases reflecting the subject matter of the Review. On the basis of these parameters, the referees can conclude in their reports that the manuscript is: a) publishable without changes; b) publishable subject to changes; c) to be substantially redrafted; d) to be refused. The review process will be made so that each author will receive the decision, if possible, 20 days after submission of the manuscript, drafted according to the editorial guidelines. Compliance of the manuscript with editorial guidelines (available online at will be evaluated by the Editorial Board. In case of disagreement between the two referees, the Editor may decide that the manuscript is to be published, or the Editor, in particular cases, will timely appoint a third referee to evaluate the manuscript. The Editor may decide not to submit to evaluation requested manuscripts or of particularly prestigious authors. XII

5 SOMMARIO SOMMARIO Articoli: UMBERTO LA TORRE, La navigazione degli UAV: un occasione di riflessione sull art. 965 c. nav. in tema di danni a terzi sulla superficie... pag. 553 Unmanned Aerial Vehicles and Damages to Third Parties on the Surface (Abstract)...» 575 SILVIO MAGNOSI, La codificazione del diritto marittimo e l Unità d Italia...» 577 The Codification of Maritime Law and the Unification of Italy (Abstract).» 623 JOSÉ MANUEL MARTIN OSANTE, Algunas cuestiones acerca de la responsabilidad del porteador terrestre de mercancías prevista en la ley española 15/ » 625 Some Issues about the Carrier s Liability as laid down in the Spanish Carriage of Goods by Land Act (Act nr. 15/2009) (Abstract)...» 651 SILVIA MENCARELLI, Porti turistici e fiscalità comunale...» 653 Local Taxation of Marina (Abstract)...» 686 STEFANO POLLASTRELLI, Il trasporto aereo di bagagli...» 689 Air Transport of Baggage (Abstract)...» 763 ELDA TURCO BULGHERINI, Port State Control...» 765 Port State Control (Abstract)...» 787 Varietà: ANDREA BUCCISANO, Imposta regionale sulle concessioni statali dei beni del demanio marittimo...» 791 Regional Tax on State Concessions of Maritime Public Domain Property (Abstract)...» 807 ADELE MARINO, L autorità di regolazione dei trasporti...» 809 The Transport Regulation Authority (Abstract)...» 831 XIII

6 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE 2012 Note a sentenze: PETRA CACCAMO, La compensazione ed il risarcimento del danno non patrimoniale in caso di ritardo aereo... pag. 886 MARIA CIMMINO, Contratto turistico a scopo di immersioni subacquee: informazioni rilevanti e responsabilità del tour operator...» 838 ROXANA CORBRAN RIZZO, Comentarios sobre las solicitudes de inconstitucionalidad del Convenio de Montreal 99 en el Uruguay...» 970 MARIO O. FOLCHI, El salario del comandante asistente en un caso judicial de asistencia de aeronave...» 1002 DAVIDE GENNARI, Ancora sulla vexata quaestio della proroga ex lege delle concessioni demaniali marittime...» 918 LAURA MASALA, Spunti in tema di regolamentazione di accosti e servizi marittimi di linea...» 952 GIUSEPPE SPERA, Spunti ricostruttivi in materia di pesca del novellame...» 904 Sentenze: Autorità marittima Agenti Condotta illegittima Imputabilità Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Trib. Genova, sez. II, 16 luglio 2012, n. 2652)...» 867 Demanio marittimo Concessione demaniale Previsione di termini più lunghi Applicabilità ai rapporti concessori in corso Ammissibilità Ragioni (Cons. St., sez. VI, 13 giugno 2011, n. 3554)...» 914 Diritto processuale Processo penale Atti di indagine riservati Divulgazione Riferibilità agli agenti procedenti Non sussiste (Trib. Genova, sez. II, 16 luglio 2012, n. 2652)...» 867 Diritto processuale Processo penale Sequestro illegittimo Danni conseguenti Convalida Nesso di causalità Interruzione (Trib. Genova, sez. II, 16 luglio 2012, n. 2652)...» 867 XIV

7 SOMMARIO Diritto processuale Processo penale Sequestro illegittimo Dissequestro Ritardo Danni risarcibili Onere della prova (Trib. Genova, sez. II, 16 luglio 2012, n. 2652)... pag. 867 Porti Disciplina degli accosti Sicurezza della navigazione Competenza Autorità marittima (Tar Sardegna, sez. I, 10 marzo 2011, n. 208)...» 939 Reati Pesca Novellame Disapplicazione della normativa nazionale in favore di quella comunitaria Esclusione del limite di tolleranza del dieci per cento Reato ex art. 15 lett. c) della l. n. 963/1965 Sussistenza (Cass. pen., sez. III, 26 maggio luglio 2011, n )...» 900 Soccorso Assistenza prestata ad aeromobile in volo Diritto a compenso Sussistenza (Corte Suprema Justicia Buenos Aires 26 giugno 2012)...» 979 Soccorso Assistenza prestata ad aeromobile in volo Ripartizione del compenso fra esercente e comandante Criterio (Corte Suprema Justicia Buenos Aires 26 giugno 2012)...» 979 Traffici marittimi Cabotaggio Collegamenti regolari e continui Accosti Preferenze Regole di concorrenza Violazione (Tar Sardegna, sez. I, 10 marzo 2011, n. 208)...» 939 Trasporto aereo di cose Trasporto aereo internazionale Convenzione di Montreal del 28 maggio 1999 Principi e diritti fondamentali Limitazioni e deroghe Costituzione dell Uruguay Eccezione di illegittimità Infondatezza (Suprema Corte Justicia Uruguay 15 agosto 2011, n. 2966)...» 961 Trasporto aereo di persone Competenza territoriale Volo nazionale (Giud. Pace Milano 1 febbraio 2011, n. 1624)...» 882 Trasporto aereo di persone Ritardo Compensazione pecuniaria Danno non patrimoniale (Giud. Pace Milano 1 febbraio 2011, n. 1624)...» 882 Trasporto aereo di persone Ritardo Responsabilità Disciplina applicabile (Giud. Pace Milano 1 febbraio 2011, n. 1624)...» 882 XV

8 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE 2012 Viaggio turistico Vendita di pacchetti turistici Catalogo informativo Natura giuridica (Cass., sez. III, 20 marzo 2012, n. 4372)... pag. 835 Viaggio turistico Vendita di pacchetti turistici Immersioni subacquee Obbligo del tour operator di eseguire le prestazioni comunque garantite Sussistenza (Cass., sez. III, 20 marzo 2012, n. 4372)...» 835 Viaggio turistico Vendita di pacchetti turistici Immersioni subacquee Obbligo del tour operator di fornire all acquirente informazioni rilevanti Sussistenza (Cass., sez. III, 20 marzo 2012, n. 4372)...» 835 Atti normativi e materiali vari: Circolare del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 15 marzo 2012 n. 45 «Applicazione alle concessioni demaniali marittime dell imposta regionale di cui all art. 2 della legge 281/1970»...» 1021 Decreto legislativo 28 giugno 2012 n. 111 «Attuazione della Direttiva 2009/20/Ce recante norme sull assicurazione degli armatori per i crediti marittimi»...» 1027 con commento di ALESSIO CLARONI, Il d. lgs. 28 giugno 2012 n. 111 «Attuazione della direttiva 2009/20/Ce recante norme sull assicurazione degli armatori per i crediti marittimi»: una breve nota di commento...» 1033 Norwegian Saleform » 1040 con commento di MARCO POTENZA, Norwegian Saleform 2012: sintesi delle novità...» 1050 Segnalazioni bibliografiche: FIAMMETTA BORGIA, Il regime giuridico dell Artico. Una nuova frontiera per il diritto internazionale?...» 1071 XVI

9 UMBERTO LA TORRE ARTICOLI 551

10 552 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE 2012

11 UMBERTO LA TORRE Scritto sottoposto a doppio referaggio anonimo Work submitted to double blind peer review LA NAVIGAZIONE DEGLI UAV: UN OCCASIONE DI RIFLESSIONE SULL ART. 965 C. NAV. IN TEMA DI DANNI A TERZI SULLA SUPERFICIE SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Applicabilità della disciplina dei danni a terzi in superficie agli UAV. 3. L art. 748 e gli aeromobili cui non si applicano le norme del c. nav. «salva diversa disposizione». 4. L art. 965 c. nav.: il contenuto della disciplina. 5. Il problema del rinvio alle «norme internazionali in vigore nella Repubblica». 6. L individuazione del soggetto responsabile. 7. (Segue): L applicabilità della Convenzione di Roma. 8. L individuazione dell esercente. 9. Il problema dell utente temporaneo e dell utente abusivo. 10. I limiti risarcitori. 11. Brevi spunti sulla tutela del danneggiato. 1. Premessa. Gli apparecchi a pilotaggio remoto (talvolta abbreviati con la sigla APR, talaltra con l acronimo UAV, Unmanned Aerial Vehicles e denominati anche «droni»), indipendentemente dalla mole, dal peso e dalle caratteristiche costruttive ( 1 ), sono caratterizzati dalla scissione tra la macchina volante e la stazione di controllo ( 2 ). Nel volgere degli ultimi anni, le migliorie apportate hanno reso più sicuri gli apparecchi senza pilota ed hanno contribuito ad assottigliare, sotto il profilo operativo, la linea di demarcazione rispetto agli aeromobili con equipaggio a bordo. ( 1 ) Sul tema v. B. FRANCHI, Aeromobili senza pilota (UAV): inquadramento giuridico e profili di responsabilità, I parte, in Resp. civ. prev., 2010, 732, spec. 734 s., ove si richiamano, tra le altre, le caratteristiche tecniche dell UAV denominato RQ Global Hawk prodotto dalla Northtrop Grumman, del peso massimo al decollo di quindicimila kg, con apertura alare di ben trentacinque metri ed autonomia di trentasei ore, posto a confronto con il minuscolo Wasp III d Aerovironment, del peso ridottissimo di quattrocentotrenta grammi e con apertura alare di soli settantadue centimetri. ( 2 ) La «stazione remota» è ubicata in un luogo diverso rispetto a quello in cui si trova il flight vehicle e da essa il pilota dell UAV, mediante speciali apparecchiature, segue la rotta e dirige la navigazione. Esistono tipologie di UAV capaci di volare in automatico senza alcun collegamento con una stazione a terra, secondo modalità stabilite dal computer di bordo il cui software è preprogrammato per gli spostamenti del mezzo. 553

12 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE 2012 Gli UAV, infatti, durante il volo devono interfacciarsi (come gli aeromobili), alle stazioni radar a terra, e ad essi sono stati dedicati spazi aerei non aperti al traffico aereo civile ( 3 ). Più di recente, specifici spazi riservati al traffico civile sono stati, sia pur temporaneamente, occupati da UAV militari, grazie ad una attività coordinata tra autorità civili e militari che ha assicurato il buon esito del volo ( 4 ). Nondimeno, accanto agli incoraggianti successi ottenuti ( 5 ) si sono accompagnate motivate remore che hanno ridimensionato gli entusiasmi verso un più vasto uso di apparecchi senza pilota. Gli UAV, infatti, si presentano tra loro ancora profondamente differenziati quanto a tipologia, dimensioni, performance, costi, tecnologia costruttiva ( 6 ). Basti os- ( 3 ) Si tratta di una misura necessaria volta ad evitare che UAV non ancora del tutto affidabili possano creare intralci e pericoli durante il volo ad aeromobili manned, ed altrettanto provvida precauzione legata a circoscrivere gli effetti di possibili cedimenti tecnici. ( 4 ) Si allude allo spostamento di alcuni Predator dalla base di Amendola ad altro sito, per missioni di sorveglianza aerea sui cieli della città dell Aquila dall 8 al 10 luglio 2009, durante il vertice del G8. Ma, al di fuori da casi episodici, gli APR si spostano lungo spazi circoscritti. Infatti il decreto legislativo 15 marzo 2010 n. 66, recante il c.d. codice dell ordinamento militare, modificato dal decreto legislativo 24 febbraio 2012 n. 20, prescrive, all art. 247, comma 2, che l impiego di queste macchine avviene in spazi determinati e con le limitazioni imposte dall Aereonautica militare e dall ENAC. Il successivo comma 3 prevede che le limitazioni di cui al precedente comma su profili di missione, procedure operative ecc., sono stabilite nel rispetto dei principi della sicurezza del volo. A queste restrizioni non è soggetto l APR impegnato per missioni, sul territorio nazionale od estero, connesse a situazioni di crisi o di conflitto armato. ( 5 ) Gli UAV offrono ottime prestazioni coniugate a risparmio di costi, ed indubbi vantaggi per la salvaguardia degli equipaggi, sottratti ai rischi cui sarebbero esposti se si trovassero a bordo di un aeromobile convenzionale nel corso di missioni pericolose come il sorvolo di zone incendiate o contaminate da radiazioni, da ceneri vulcaniche ecc. Sul punto, per tutti, si rinvia a F. TOMASELLO, Standards and Emerging Rules for Civil UAS, sul sito web 2011, 20 ss. ( 6 ) Si potrebbe obiettare che le medesime considerazioni valgono per gli aeromobili con equipaggio a bordo, diversi tra loro a seconda che siano costruiti per trasporto di persone o di cose, per il diporto, per attività scientifiche o di lavoro aereo ecc. Tuttavia, mentre gli aeromobili tradizionali hanno da tempo superato la fase pioneristica, al punto da essere considerati i più sicuri tra i mezzi di trasporto di massa (come rileva, ex multis, E. TURCO BULGHERINI, Prevenzione e repressione degli attentati contro la sicurezza della navigazione aerea, in Il diritto aeronautico a cent anni dal primo volo, a cura di A. Antonini, F. Morandi, Milano, 2005, 177, spec. 178, secondo cui il rafforzamento della sicurezza si deve ai progressi dei sistemi satellitari di controllo del traffico aereo), lo 554

13 UMBERTO LA TORRE servare che al loro interno confluiscono modelli, progettati ad hoc insieme ad altri, normali aeromobili, adattati, con opportune modifiche, per volare senza pilota a bordo. Sono più di trenta gli Stati impegnati nella produzione di oltre duecentocinquanta diversi tipi di UAV, ma solo alcuni tra questi sono operativi, mentre per altri non si va oltre la mera sperimentazione ( 7 ). Sul piano della disciplina permangono altri nodi da sciogliere, a cominciare dall art. 8 della Convenzione di Chicago del 1944, secondo cui nessun aeromobile senza pilota a bordo può volare al di sopra del territorio di uno Stato contraente senza specifica autorizzazione dello Stato sorvolato. Restano ancora irrisolti i problemi relativi ai requisiti professionali di cui devono essere muniti piloti di UAV e quelli sulla certificazione delle nuove macchine ( 8 ). Per restringere il campo d indagine si deve precisare che, salvo realtà particolari, come quella del Giappone, in cui gli apparecchi senza pilota sono adoperati, dalla fine degli anni Ottanta dello scorso secolo, nella moderna lavorazione dei campi, nella maggior parte dei Paesi, compreso il nostro, gli apparecchi a pilotaggio remoto per usi civili sono relegati ad impieghi in settori, come la fotogrammetria, ancora marginali, almeno in rapporto alle potenzialità del versatile veicolo. Gli UAV, ad oggi, sono per lo più aeromobili militari, utilizzati in missioni militari. stesso non può dirsi dell UAV, ritrovato altamente tecnologico le cui potenzialità possono essere ancora implementate, ma il cui sviluppo è ancora in divenire. ( 7 ) A. MASUTTI, Proposal for the Regulation of Unmanned Aerial Vehicle Use in Common Law, in Air & Space Law, 34, 2009, 1. ( 8 ) La difficoltà di individuare un unico regime normativo, valido per gli aeromobili tradizionali e per gli UAV non sfugge a B. FRANCHI, op. ult. cit., 764. Sul problema della certificazione si veda A. MASUTTI, Prospettive di regolamentazione dell uso dei veicoli senza pilota (UAV) nello spazio aereo comune, in Dir. trasp., 2007, 784, spec ; v. pure A. L. M. SIA, Sulla politica europea di certificazione degli Unmanned Aerial Vehicles (UAV), in La gestione del traffico aereo: profili di diritto internazionale, comunitario ed interno, a cura di M. P. Rizzo, Milano, 2009, 497. L assenza di norme armonizzate sul piano europeo è stata recentemente ribadita da P. VAN BLYENBURGH, European UAS Industry & Market Issues, in occasione dell ICAO UAS Seminar, Lima, Perù, Aprile 2012, 1, spec. 16 s., nel sito web Blyenburgh_Defining-Euro-UAS-Strategy_120414_V1_b.pdf. 555

14 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE Applicabilità della disciplina dei danni a terzi in superficie agli UAV. Accertare se un veicolo ricade nella definizione di aeromobile è determinante ai fini dell applicazione della disciplina dei danni a terzi sulla superficie ( 9 ), poiché l art. 965 c. nav. subordina la responsabilità dell esercente alla condizione che questi danni provengano da un «aeromobile». Sul punto l art. 743, comma 2, c. nav. ( 10 ) sgombra il campo da possibili equivoci interpretativi, nel senso che «Sono altresì considerati aeromobili gli apparecchi a pilotaggio remoto, definiti tali dalle leggi speciali, dai regolamenti dell ENAC e, per quelli militari, dai decreti del ministero della difesa». Si tratta allora di appurare in che modo essi si collocano all interno della disciplina contenuta nel codice della navigazione e, ancora, quando e se la legge detta per gli UAV disposizioni particolari ( 11 ). ( 9 ) Secondo E. FANARA, Le assicurazioni aeronautiche, Reggio Calabria, I, 1976, 411 ss., spec., 447, non vi è attività esercitoria e non può esservi esercente se non in presenza di un mezzo aereo incluso nella definizione di cui all art. 743 c. nav. V. infra, nel testo e nelle note che seguono. ( 10 ) Nella formulazione introdotta dall art. 8 del d. lgs. 15 marzo 2006 n. 151, «Disposizioni correttive ed integrative al decreto 9 maggio 2005 n. 96, recante revisione della parte aeronautica del codice della navigazione». ( 11 ) Ciò a prescindere dall orientamento che opta per la tesi della semplice assimilazione dell UAV all aeromobile, secondo la tesi sostenuta da U. LA TORRE, Gli UAV. Mezzi aerei senza pilota, in Sicurezza, navigazione, trasporto, a cura di R. Tranquilli- Leali, E. G. Rosafio, Milano, 2008, 93, spec. 97 e s., ovvero per quella che, al contrario, ritiene piena la corrispondenza tra UAV ed aeromobile, secondo l indirizzo seguito da B. FRANCHI, op. ult. cit., 740 ss. Si veda pure, per lo sviluppo di altre argomentazioni, ID., Aeromobili senza pilota (UAV): inquadramento giuridico e profili di responsabilità, II parte, in Resp. civ. prev., 2010, 1213, spec ss., ed ivi anche informazioni sui più evoluti modelli di UAV. Secondo A. MASUTTI, Prospettive di regolamentazione dell uso dei veicoli senza pilota (UAV) nello spazio aereo comune, cit., 796, gli UAV devono sottostare, tra l altro, alla disciplina del c. nav. in tema di proprietà ed esercizio ed alle norme in materia di nomina e responsabilità del comandante, oltre che per danni a terzi sulla superficie (ivi, ). A proposito del comandante dovranno risolversi delicati problemi determinati dalla asimmetria tra la figura del comandante a bordo del veicolo ed il pilota che ha la direzione dell UAV. Sul punto v. C. W. AGOSTINELLI, Régimen legal de los UAV, necessidad de regolatión, in XXXIV Jornadas Latinoamericanas de Derecho Aeronáutico y Espacial XXXIV Giornate latinoamericane di diritto aeronautico e spaziale, celebrate in occasione dei 50 anni di ALADA, Asociación Latino Americana de Derecho Aeronáutico y Espacial (Sassari, 3-7 maggio 2010), a cura di M. O. Folchi, M. M. Comenale Pinto, U. La Torre, F. Morandi, R. Tranquilli-Leali, Padova, 2010, 325, spec. 332, il quale si chiede «Donde està el piloto?», posto che, per l art. 79 del codice aeronautico argentino, «toda aeronave debe tener a bordo 556

15 UMBERTO LA TORRE Come è noto il codice della navigazione prevede che gli aeromobili possano essere classificati (v. art. 744 c. nav.) in aeromobili di Stato e privati, per cui, almeno astrattamente, gli apparecchi a pilotaggio remoto possono essere aeromobili privati o di Stato. Tra gli aeromobili di Stato, particolarmente rilevante, ai fini delle problematiche esaminate nel presente lavoro, è la categoria degli UAV militari, già utilizzati dal nostro Paese in missioni operative in Afghanistan e, di recente anche in Libia. È discusso l impiego di UAV per usi civili: esso, come già accennato, trova non pochi ostacoli nell attuale quadro normativo ( 12 ). Fatte queste premesse si tratta allora di verificare se agli UAV si applichi integralmente la disciplina del codice della navigazione, compresa quella sui danni a terzi in superficie, ex artt. 965 e ss. c. nav. Prima, però, è necessaria una messa a punto a proposito degli aeromobili civili, militari e degli aeromobili «equiparati». 3. L art. 748 e gli aeromobili cui non si applicano le norme del c. nav. «salva diversa disposizione». La questione sulla qualificazione degli UAV può porsi ove gli apparecchi a pilotaggio remoto rientrino in quelle categorie di aeromobili previste nel comma 1 dell art. 748 c. nav., tra le quali rilevano gli aero- un piloto habilitado para conducirla». Poiché nel caso dell unmanned aerial vehicles il pilota non è a bordo del veicolo, è dubbio se l apparecchio a pilotaggio remoto ricada o meno nel genus «aeronave». Sul presupposto che gli UAV sono destinati a «trasportare», ritiene che i medesimi rientrino nel genus aeromobile C. SEVERONI, Aeromobile, in Diritto della navigazione, a cura di M. Deiana, nella Collana dei dizionari del diritto privato, promossi da N. Irti, Milano, 2010, 1 ss., spec. 2. ( 12 ) Deve registrarsi una fase di sperimentazione molto avanzata in taluni Paesi, specie negli Stati Uniti, la cui aviazione militare ha fatto largo impiego di UAV ed ove si ipotizza, con sempre maggiore insistenza, la possibilità, in un non lontano futuro, di utilizzare aeromobili senza pilota per il trasporto di cose: in dottrina si rinvia a B. FRANCHI, Aeromobili senza pilota (UAV): inquadramento giuridico e profili di responsabilità, I parte, cit., 63. L ICAO ha confermato che il trasporto aereo di persone a mezzo UAV è un obiettivo ancora da raggiungere: si vedano, sul punto, i par e 3.13 del Doc. ICAO Unmanned Aircraft Systems (UAS), cir. 328, AN 30, 2011, ove si mettono in rilevo le potenzialità ormai consolidate di queste macchine, nelle missioni pericolose, nel controllo delle coste, nella fotogrammetria ecc. Su alcune problematiche sollevate da questa circolare ICAO, cfr. F. TOMASELLO, op. cit., 20, spec. 21 s. 557

16 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE 2012 mobili militari, ossia quelli, ex art. 745, comma 1, c. nav, «[ ] considerati tali dalle leggi speciali e comunque progettati dai costruttori, secondo caratteristiche costruttive di tipo militare, destinati ad usi militari» ( 13 ). L art. 748 c. nav. nel testo vigente, che riscrive il testo del medesimo articolo ma senza incidere, nella sostanza, rispetto alla formula originaria ( 14 ), statuisce che «Salva diversa disposizione, non si applicano le norme del presente codice agli aeromobili militari, di dogana, delle forze di polizia dello Stato» ( 15 ). A questi aeromobili, le modifiche apportate alla parte aeronautica del codice della navigazione hanno aggiunto (anche) gli aeromobili del «corpo nazionale dei vigili del fuoco», oltre ai cosiddetti «aeromobili equiparati a quelli di Stato», di cui all art. 744, comma 4, c. nav. ( 16 ). ( 13 ) Tali aeromobili, in base all art. 745, comma 2, c. nav., sono ammessi alla navigazione, certificati ed immatricolati nei registri degli aeromobili militari dal ministero della difesa. In tal modo, secondo G. MASTRANDREA, L. TULLIO, Il compimento della revisione della parte aeronautica del codice della navigazione, in Dir. maritt., 2006, 1218, la prevalenza dello specifico utilizzo fa sì che il veicolo sia considerato militare anche se solo occasionalmente impiegato in attività non tipiche, come ad es. per allenamento o per le gare sportive, «o in esecuzione di rapporti giuridici di diritto privato (come un servizio di trasporto per conto terzi), contrariamente all orientamento sinora prevalente». In senso analogo, A. LEFEBVRE D OVIDIO, G. PESCATORE, L. TULLIO, Manuale di diritto della navigazione, XII ed., Milano, 2011, 233. ( 14 ) Il previgente art. 748 stabiliva infatti, che «Salva diversa disposizione, agli aeromobili militati, di dogana e di polizia non si applicano le norme del presente codice». Si veda, sul punto, l art. 3, lett. b), della Convenzione di Chicago del 1944, che considera di Stato, e li esclude dal suo campo di applicazione, gli aeromobili militari, di dogana e di polizia. ( 15 ) La nozione di aeromobile di Stato si interpreta (Conv. di Chicago, art. 3 lett. b)), non secondo il criterio formale della proprietà, ma secondo quello della destinazione. Ne discende che nella categoria degli aeromobili di Stato sono compresi anche quelli, di proprietà privata, utilizzati per attività militari: cfr. Cons. Stato, sez. VI, 5 aprile 1996, in Cons. St., 1996, I, 1356, secondo cui sono militari, benché di proprietà privata, gli aeromobili MAC 3 utilizzati dagli Stati Uniti e non soggetti, proprio in quanto militari, al pagamento di diritti aeroportuali. ( 16 ) Il d. lgs. 9 maggio 2005 n. 96, modificato dal d. lgs. 15 marzo 2006 n. 151, ha inserito un quarto comma all art. 744 c. nav. Si è così aggiunta la categoria degli «aeromobili equiparati» a quelli di Stato, ossia quelli «utilizzati da soggetti pubblici o privati». Quanto all impiego, esso «lungi dall essere esclusivamente volto a finalità di polizia di dogana[ ]», come osserva C. SEVERONI, op. cit., 3 può essere diretto, art. 744, ultimo comma, c. nav. «anche occasionalmente, per attività dirette alla tutela della sicurezza nazionale». In questo caso non sembra rilevare il requisito della proprietà in capo 558

17 UMBERTO LA TORRE Nell accezione «salva diversa disposizione» rientra di certo la disciplina dettata dall art. 965 c. nav., sotto la rubrica «Responsabilità dell esercente per danni a terzi sulla superficie». Questo articolo, infatti, deroga rispetto a quanto stabilito in via generale dal sopra citato art. 748 c. nav., e prevede, all art. 965, comma 2 ( 17 ), che la disciplina dettata al precedente primo alla Stato, mentre l esercizio può essere pubblico o privato. Secondo G. MASTRAN- DREA, L. TULLIO, op. ult. cit., 734, l estensione della disciplina degli aeromobili di Stato, di cui all art. 744, a quelli equiparabili, di cui all art. 746 c. nav., è provvida poiché «gli esercenti di tali aeromobili comunque risponderebbero ai sensi del diritto comune», ma la responsabilità oggettiva dell esercente, prevista della Convenzione di Roma richiamata dall art. 965 c. nav. offre una maggiore tutela a favore del danneggiato. ( 17 ) Prima delle modifiche introdotte dall art. 15 del d. lgs. 15 marzo 2006 n. 151 all art. 965 c. nav. (che ha reso applicabile la disciplina dei danni a terzi sulla superficie anche agli aeromobili di cui agli artt. 744 e 746 c. nav.), in giurisprudenza v. Cass. 19 luglio 2002, n , che aveva escluso (in un caso originato da un cartellone per la segnaletica, caduto su un autovettura a causa dello spostamento d aria prodotto da un elicottero dei Carabinieri in fase di involo) l applicabilità dell art. 965 c. nav. Il S. C., nella motivazione, afferma che la navigazione aerea non può ritenersi attività pericolosa, in quanto «attiene ad un mezzo [ ] ampiamente diffuso», ma aveva ritenuto applicabile l art c.c. in quanto essa era svolta in condizioni di «anormalità o di pericolo». Su questa linea v. pure Cass. 13 novembre 1997, n , in Dir. trasp., 1998, 743. Applica invece le norme del c. nav., Trib. Venezia 15 novembre 2004, in Dir. maritt., 2006, 1282 (in un sinistro cagionato da un aeromobile civile precipitato, subito dopo il decollo, in prossimità dell aeroporto di Verona, provocando la morte di quarantanove persone) e, in senso analogo, Cass., sez. lav., 20 giugno 1990, n. 6175, richiamata anche da G. CAMARDA, La responsabilità per l esercizio di attività pericolose nel campo aeronautico, in Il diritto aeronautico a cent anni dal primo volo, cit., 83, nt. n. 9. Sul tema si veda amplius E. G. ROSAFIO, Rilievi critici circa la riconduzione della navigazione aerea nell ambito delle fattispecie di cui all art c.c., in Sicurezza, navigazione, trasporto, cit., 249, spec., 250, V. pure F. PELLEGRINO, Sicurezza e prevenzione dagli incidenti aereonautici nella normativa internazionale, comunitaria ed interna, Milano, 2007, 103 ss., per un breve commento critico a Trib. Milano 16 aprile 2004, secondo cui è «per sua natura pericolosa» la movimentazione di aeromobili sul sedime aeroportuale (nel caso di specie un aereo da turismo urtava un aeromobile adibito al trasporto di persone, provocando la morte di centodiciotto persone, comprese quelle all interno del deposito bagagli coinvolto dalla collisione) mentre tale attività, secondo l A., op. cit., 104, doveva ritenersi pericolosa non in astratto ma in concreto, per carenze sia strutturali (compreso il guasto del radar di terra) sia di appropriate procedure di sicurezza in condizioni di scarsa visibilità. Da ultimo v. Cass. 10 novembre 2010 n (in Giust. civ., 2011, I, 1778, con nota non adesiva di M. M. COMENALE PINTO, Attività pericolose e danni in superficie e in questa Rivista, 2011, 397, con nota di G. PRUNEDDU, Attività pericolose e diritto della navigazione aerea), che, riprendendo l iter argomentativo di altre pronunzie del S. C. ha ribadito che la navigazione aerea non è attività di per sé pericolosa, ma la pericolosità può sussistere ove essa non rientri nella normalità delle condizioni previste, con conseguente applicazione dell art c.c. 559

18 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE 2012 comma relativamente alla responsabilità dell esercente per i danni cagionati dall aeromobile a persone ed a cose sulla superficie si applica «[ ] anche agli aeromobili di Stato e a quelli equiparati di cui agli artt. 744 e 746» ( 18 ). Ciò significa che gli aeromobili privati, compresi gli UAV, che in questa categoria, astrattamente, potrebbero essere oggi ricompresi, sono assoggettati alla disciplina appena menzionata per il fatto stesso del riconoscimento dell UAV come aeromobile, mentre agli UAV militari, i quali ne sarebbero invece esclusi proprio in quanto aeromobili militari, essa si applica in virtù dell espresso richiamo di cui all art. 965 c. nav., comma 2. Per inciso si deve segnalare che la formula «aeromobili di Stato» (espressione che si legge all art. 965, comma 2, c. nav., cui sono aggiunti gli «aeromobili equiparati» e quelli «equiparabili a quelli di Stato», ex artt. 744 e 746 c. nav.) pare più ampia di quella considerata dall art. 748 c. nav. ai fini dell esenzione in punto di applicabilità del codice della navigazione, ove il riferimento è, come sopra osservato, ad aeromobili militari, di dogana, delle forze di polizia della Stato, del «corpo nazionale dei vigili del fuoco» ed agli «aeromobili equiparati a quelli di Stato», di cui all art. 744, comma 4, c. nav. Ne consegue che l applicazione della disciplina di cui all art. 965 c. nav. sarebbe stata per così dire ovvia, ad esempio, agli aeromobili del dipartimento della protezione civile, che sono sì aeromobili di Stato (cfr. art. 744, comma 1, c. nav.), ma che non sono contemplati dall art. 748, comma 1, c. nav. tra quelli ai quali non si applica il codice della navigazione. Analogamente può argomentarsi per gli aeromobili «equiparabili» a quelli di Stato, nel caso in cui il decreto di equiparazione riguardi una categoria di aeromobili per i quali non rilevi l esenzione di cui all art. 748 c. nav. All emissione del provvedimento appena menzionato, infatti, consegue l applicabilità delle disposizioni della categoria cui esso si riferisce e delle altre disposizioni ivi indicate, per cui, se essa riguardasse una categoria non esentata, ne discenderebbe, tout court, l applicazione delle di- ( 18 ) L art. 746 c. nav., rubricato «Aeromobili equiparabili a quelli di Stato», dispone che spetta al ministro delle infrastrutture e dei trasporti, salva la disposizione dell art. 744, comma 4, c. nav. (si veda la precedente nota 16), equiparare con apposito provvedimento agli aeromobili di Stato quelli appartenenti ai privati, ma adibiti ad un servizio di stato di carattere non commerciale. Il provvedimento di cui sopra determina la categoria di aeromobile di Stato cui essa si riferisce e contiene le altre disposizioni indicate nel provvedimento: cfr. art. 746, commi 2 e 3, c. nav. 560

19 UMBERTO LA TORRE sposizioni del codice della navigazione. Premesso ciò, resta ora da esaminare il contenuto della disciplina di cui all art. 965 c. nav., e, soprattutto, quali siano gli effetti della sua applicazione agli aeromobili privati e militari e quindi agli UAV privati e militari, tenuto conto delle loro particolari caratteristiche ( 19 ). 4. L art. 965 c. nav.: il contenuto della disciplina. Per circoscrivere il campo d indagine, si deve preliminarmente osservare che l art. 965 c. nav., confermando la tecnica legislativa già utilizzata con riguardo ad altre materie, quali il trasporto aereo di persone e di cose (si vedano, rispettivamente gli artt. 941 e 951 c. nav.), rinvia, per regolare la «responsabilità dell esercente per danni causati dall aeromobile a persone ed a cose sulla superficie», alle norme internazionali in vigore nella Repubblica e, quindi, allo stato attuale, alla Convenzione di Roma del 1952 ( 20 ). ( 19 ) La dottrina, prima della riforma alla parte seconda del codice della navigazione (e prima ancora che si iniziasse a parlare di apparecchi senza pilota), aveva ritenuto applicabile la disciplina di cui agli artt. 965 ss. c. nav. anche ai danni cagionati sulla superficie da veicoli spaziali, nonostante si spostino in aree prive di aria e siano esclusi dalla nozione di aeromobile. Si è infatti osservato (L. TULLIO, Responsabilità per danni a terzi sulla superficie, in Enc. dir., XXXIX, Milano, 1988, 1423) che veicoli spaziali ed aeromobili si muovono nello spazio, mentre i danni si determinano quando il mezzo nautico è nell atmosfera, per cui la nozione di aeromobile può interpretarsi estensivamente. Ove si tratti di mezzo aereo non idoneo a trasportare (ipotesi che ne esclude la configurabilità come veicolo e, di conseguenza, l interpretazione estensiva), si potrebbe comunque ricorrere all interpretazione analogica «prioritaria», ex art. 1, comma 2, c. nav., trattandosi, nel caso di specie, di «materia di navigazione». Esprime dubbi sull applicabilità estensiva della Convenzione di Roma a terzi sulla superficie da oggetti spaziali E. TURCO BULGHERINI, Responsabilità per danni a terzi sulla superficie, in Dig. disc. priv. sez. comm., XII, Torino, 1996, 411, in ragione della difficoltà di fare coincidere il veicolo spaziale nella nozione di aeromobile. La stessa A. è invece favorevole all applicazione analogica, per insopprimibili ragioni di opportunità legati alla tutela delle vittime. Sui danni a terzi in superficie, si veda, in dottrina, M. GRIGOLI, Responsabilità per danni a terzi sulla superficie, in Noviss. dig. it., XV, 1968, 979 ss.; ID., Danni a terzi sulla superficie, in Enc. Giur. Treccani, X, Roma, ( 20 ) Con il testo originario del codice della navigazione del 1942 il legislatore aveva in parte riformulato (sul punto si rinvia al testo della Relaz. Min., n. 605), taluni principi contenuti nella Convenzione di Roma del 29 maggio 1933, poi sostituita, sul piano del diritto uniforme, dalla successiva Convenzione di Roma del Con il d. 561

20 RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE 2012 Si tratta, è bene precisare, di uno strumento di diritto uniforme che ha avuto, internazionalmente, scarso successo ( 21 ).Questa affermazione è confermata dal fatto che in Europa soltanto Italia, Spagna e Belgio l hanno ratificata, mentre colossi dell aviazione civile come gli Stati Uniti, o Paesi di indiscussa importanza nello scenario dei traffici commerciali internazionali come Francia e Regno Unito non hanno provveduto in tal senso ( 22 ). Forse anche per questo si è discusso, specie negli ultimi anni, della possibile entrata in vigore delle due Convenzioni internazionali di Montreal del 2009 per regolare i danni a terzi sulla superficie: una sui danni c.d. generali, Convention on Compensation for Damage caused by Aircraft to Third Parties, l altra sui danni causati da atti da interferenza illecita, Convention on Compensation for Damage to Third Parties, resulting from Acts of Unlawful Interference involving Aircraft ( 23 ). Tuttavia i risultati raggiunti in sede di conferenza diplomatica svoltasi a Montreal dal 20 aprile al 2 maggio 2009 non paiono appaganti, e lgs. 15 marzo 2006 n. 151 il legislatore ha optato per una diversa tecnica fondata sul rinvio, cosiddetto «dinamico»: secondo E. G. ROSAFIO, Il trasporto aereo di cose. Riflessioni sul nuovo regime legale, Milano, 2008, 22 (con argomentazioni incentrate sul trasporto aereo internazionale di cose e di persone, ma estensibili alla materia dei danni a terzi in superficie), in tal modo, ove le norme di diritto internazionale dovessero mutare, o mediante emendamenti al testo vigente, o mediante l elaborazione di un nuovo testo di diritto uniforme, il codice della navigazione seguirà l evoluzione del diritto uniforme, quando a quest ultimo sarà data esecuzione nel nostro Paese. ( 21 ) Si veda, per tutti, M. CASANOVA, Le Convenzioni di Montreal del 2009 sui danni a terzi in superficie, in XXXIV Jornadas Latinoamericanas de Derecho Aeronáutico y Espacial, cit., 30. ( 22 ) In realtà gli Stati Uniti, con Francia ed Inghilterra, non avevano ratificato neanche la Convenzione di Roma del 1933, probabilmente per la difficoltà di conciliare, in quel particolare periodo storico, le opposte esigenze dell industria aereonautica, in forte ascesa, con la necessità, al tempo forse meno avvertita, di tutelare le vittime del danno. Le ragioni dell insuccesso della Convenzione del 1952 sono spesso ricercate nella mancata disciplina del rumore, oltre che dalla esiguità dei limiti di risarcimento, cui non è riuscito a porre rimedio il Protocollo di Montreal del 23 settembre 1978 (volto ad aumentare il plafond risarcitorio) non ratificato dall Italia: in dottrina T. BALLARINO, B. BUSTI, Diritto aeronautico e spaziale, Milano, 1987, 321, secondo cui la sostituzione del franco Poincaré con il diritto speciale di prelievo ha indebolito le istanze risarcitorie dei danneggiati sul piano del ristoro per il danno patito. ( 23 ) Entrambe sono state approvate nel corso della Conferenza Diplomatica indetta dall ICAO a Montreal dal 20 aprile al 2 maggio In dottrina cfr. R. ABEYRATNE, The ICAO Convention on Liability for Third Party Damage Caused by Aircraft, in Air & Space Law, 2009, 403 ss.; H. KJELLIN, The New International Regime for Third Party Liability, ibidem, 2008, 63 ss. Si veda pure infra, nel testo e nella nota che segue. 562

RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE

RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE Anno 2012 2011 Pubblicazione semestrale Volume XLI Numero 21! RIVISTA DEL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE!!!! Fondata fondata da Antonio Scialoja, ripresa da Antonio Lefebvre d Ovidio, continuata da Elda Turco

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO 1. Individuazione del sistema delle fonti normative del trasporto marittimo di persone.... 2 2. La disciplina di diritto uniforme. Profili sistematici

Dettagli

INDICE. Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI (Rocco Lobianco) Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO

INDICE. Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI (Rocco Lobianco) Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO INDICE Introduzione (Prof. Alfredo Antonini)... XIII Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI 1. Profili storici.... 1 2. Caratteri... 2 Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO

Dettagli

Monica Brignardello monica.brignardello@economia.unige.it italiana

Monica Brignardello monica.brignardello@economia.unige.it italiana (Aggiornato a ottobre 2013) NOME E COGNOME E-MAIL NAZIONALITÀ CURRICULUM STUDI Monica Brignardello monica.brignardello@economia.unige.it italiana LAUREA in Economia e Commercio, conseguita il 2 novembre

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA. Francesca Salerno

CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA. Francesca Salerno CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA Francesca Salerno Professore associato a tempo pieno presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Napoli Parthenope - Settore scientifico

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; DETERMINAZIONE PROT. N. 11827 REP N. 647 DEL 10.10.2013 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio pubblico ai sensi dell art. 16 par. 9 e 10 e art. 17 del Regolamento (CE) 1008/2008.

Dettagli

TRASPORTO AEREO E TUTELA DEI PASSEGGERI CONFERENZA SITA LIBERALIZZAZIONE E CRISI DEL MERCATO

TRASPORTO AEREO E TUTELA DEI PASSEGGERI CONFERENZA SITA LIBERALIZZAZIONE E CRISI DEL MERCATO TRASPORTO AEREO E TUTELA DEI PASSEGGERI CONFERENZA SITA LIBERALIZZAZIONE E CRISI DEL MERCATO Roma, 18 novembre 2010 Norme di riferimento Regolamento (CE) n. 889/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno LETTERA CIRCOLARE N Roma, data protocollo Alle Direzioni Centrali All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. Agli Uffici di Staff del Capo Dipartimento Agli Uffici di

Dettagli

Trasporto aereo di persone

Trasporto aereo di persone Trasporto aereo di persone ART. 1678 c.c. delinea la figura generale valida per qualsiasi tipo di trasporto ART. 940 cod. nav.. DISCIPLINA IL SOTTOTIPO Contratto di trasporto di persone per via aerea e

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Controllo satellitare del traffico aereo e regime di responsabilità

Controllo satellitare del traffico aereo e regime di responsabilità Silvio Magnosi Controllo satellitare del traffico aereo e regime di responsabilità ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue:

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue: Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, ordinanza 14 novembre 2014, causa C-394/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 8 /DPF

RISOLUZIONE N. 8 /DPF RISOLUZIONE N. 8 /DPF Roma, 21 marzo 2008 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Prot. n. 4991-2008/DPF/UFF OGGETTO: Art. 29 del d. l.

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing Osservazioni sulla proposta dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture di Linee Guida per la redazione dei documenti di gara e per l utilizzo dell offerta economicamente

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003 Circolare n. 41/E Roma, 21 luglio 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione- Tassazione delle pensioni pagate ai sensi della legislazione

Dettagli

Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco

Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco Ipsoa Quotidiano LA RISOLUZIONE N. 102/E/2014 20 novembre 2014 ore 06:00 Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco L obbligo di tracciabilità dei pagamenti e dei versamenti

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi Avv. Enrico Mordiglia Studio Legale Mordiglia Genova - Milano Inquadramento normativo > Codice della nautica da

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Oggetto: parere legale in merito alle responsabilità del progettista nel. Affido alle seguenti considerazioni il parere richiesto in ordine alle

Oggetto: parere legale in merito alle responsabilità del progettista nel. Affido alle seguenti considerazioni il parere richiesto in ordine alle Oggetto: parere legale in merito alle responsabilità del progettista nel caso di interventi soggetti a denuncia di inizio attività. Affido alle seguenti considerazioni il parere richiesto in ordine alle

Dettagli

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Consultazione pubblica relativa allo schema recante recepimento della direttiva 2009/110/CE e, concernente l avvio, l esercizio

Dettagli

i n t e r v e n t i ANNA MASUTTI

i n t e r v e n t i ANNA MASUTTI i n t e r v e n t i SULL APPLICAZIONE DELL ART. 1020 C. NAV. ALLA PRESCRIZIONE DEI DIRITTI DERIVANTI DAL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DEI RISCHI DELLA NAVIGAZIONE AEREA ANNA MASUTTI The process of revising

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima I SERVIZI TURISTICI. Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

INDICE SOMMARIO. Parte Prima I SERVIZI TURISTICI. Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Parte Prima I SERVIZI TURISTICI Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1. Il viaggio e le sue trasformazioni: da semplice trasporto di persone ad attività turistica. Il viaggio

Dettagli

Premesso che: all aviazione civile internazionale.

Premesso che: all aviazione civile internazionale. PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ PER L AVIAZIONE CIVILE E LA NAVIGAZIONE MARITTIMA DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E L AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO Visto l art. 26 della Convenzione relativa

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; 13-01 02 Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Determinazione PROT. N. 5022 REP. N. 198 DEL 24 APRILE 2014 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio

Dettagli

ORDINANZA N. 429 ANNO 2008

ORDINANZA N. 429 ANNO 2008 ORDINANZA N. 429 ANNO 2008 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: - Giovanni Maria FLICK Presidente - Francesco AMIRANTE Giudice - Ugo DE SIERVO "

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO RISOLUZIONE N. 308/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2007 OGGETTO: Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972 IVA. Esenzione Corsi di formazione per l accesso alla professione

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

Roma, 06 luglio 2009. Quesito

Roma, 06 luglio 2009. Quesito RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fusione tra società residenti in altri Stati

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

RISOLUZIONE N. 9/E. Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione

RISOLUZIONE N. 9/E. Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione RISOLUZIONE N. 9/E Roma, 18 gennaio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello Ordinario - Tassa sulle concessioni governative per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

Roma, 1 marzo 2012. Prot. 2012/31289

Roma, 1 marzo 2012. Prot. 2012/31289 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2012 Prot. 2012/31289 OGGETTO: Imposta erariale sugli aeromobili privati di cui all articolo 16, commi da 11 a 15-bis, del decreto legge 6 dicembre

Dettagli

Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015

Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015 Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015 Oggetto: InfoCamere S.c.p.a. Affidamento Servizio di gestione documentale componente Sistema di conservazione a norma Legaldoc Annualità 2015 Il Vice Segretario

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo

SOMMARIO. Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo SOMMARIO Elenco Autori... Abbreviazioni... V VII Introduzione... 1 di Luca Zitiello Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

Circolare N. 9 del 20 Gennaio 2015

Circolare N. 9 del 20 Gennaio 2015 Circolare N. 9 del 20 Gennaio 2015 Novita in materia di tassa automobilistica - abrogata dal 01.01.2015 l esenzione riconosciuta ai veicoli ultraventennali Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla Prot. n. 3094 del 3.05.2013 REGOLAMENTO DI RICONOSCIMENTO TITOLI ACCADEMICI STRANIERI IL DIRETTORE Vista la Convenzione

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali

Commissione Protocolli. Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali Commissione Protocolli Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali Il notaio chiamato a stipulare un atto modificativo di società di persone è tenuto ad integrare, con la modifica approvata,

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

STRALCIO N. 259-01. <>

STRALCIO N. 259-01. <<Disposizioni concernenti le revisioni periodiche dei veicoli a motore >> Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI STRALCIO N. 259-01

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 15/06/2009 Circolare n. 80 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it www.ildirittoamministrativo.it Rivista giuridica Registrata presso il Tribunale di Catania ISSN 2039-6937 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN MATERIA DI DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE DICEMBRE 2013 A cura

Dettagli

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Articoli da 4 bis a 4 sexies

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Articoli da 4 bis a 4 sexies Dipartimento per le Politiche Europee Ufficio per la Cittadinanza Europea, il Mercato Interno e gli Affari Generali Servizio mercato interno I TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA Articoli da 4 bis a 4 sexies

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Protocollo n. 2012/97718 Modalità e termini di attuazione dell imposta erariale sui voli dei passeggeri di aerotaxi e sugli aeromobili privati di cui all articolo 16, commi 10-bis e 11, del decreto-legge

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

CITTA DI GALLIPOLI. (Provincia di Lecce) IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Area N 2 - Polizia Comunale e amministrativa IL DIRIGENTE

CITTA DI GALLIPOLI. (Provincia di Lecce) IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Area N 2 - Polizia Comunale e amministrativa IL DIRIGENTE CITTA DI GALLIPOLI (Provincia di Lecce) IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Area N 2 - Polizia Comunale e amministrativa IL DIRIGENTE Ordinanza n. 332 del 07/12/2007 Oggetto: Rimozione di impianto pubblicitario

Dettagli

CIRCOLARE A.F. Imposta erariale sugli aeromobili privati le novità contenute nella legge di conversione al DL 16/2012. N. 67 del 8 Maggio 2012

CIRCOLARE A.F. Imposta erariale sugli aeromobili privati le novità contenute nella legge di conversione al DL 16/2012. N. 67 del 8 Maggio 2012 CIRCOLARE A.F. N. 67 del 8 Maggio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Imposta erariale sugli aeromobili privati le novità contenute nella legge di conversione al DL 16/2012 Gentile cliente, con la presente

Dettagli

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario Il 1 luglio 1996 è entrata in vigore la Direttiva n. 91/439/CEE del 29 luglio 1991, recepita

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Aprile 2016 Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Giuseppe Roddi Premessa Da circa 85 anni il recupero crediti è disciplinato dalla legge e sottoposto al controllo

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive DIREZIONE GENERALE PER IL COMMERCIO, LE ASSICURAZIONI E I SERVIZI Servizio centrale Camere di commercio Ufficio B4 * * * Roma, 29 novembre 2002 prot. n. 514886 Alle

Dettagli

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Un vecchio fabbricato edificato nella prima metà del secolo scorso nel territorio rurale, ad uso abitativo, non legato ad alcuna azienda agricola o coltivatore

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche CIRCOLARE A.F. N. 141 del 20 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche Gentile cliente, desideriamo informarla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli