Officina Meccanica. Analisi, progetto e sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Officina Meccanica. Analisi, progetto e sviluppo"

Transcript

1 Officina Meccanica Analisi, progetto e sviluppo

2 Definizione del problema e specifica dei requisiti Un officina meccanica dispone di un magazzino in cui tiene parti di ricambio per automobili. Ogni parte è descritta in un catalogo tramite un numero identificativo univoco (ID) e da una descrizione testuale

3 Requisiti Una parte può essere o un complesso (per esempio, un motore) o una parte elementare (per esempio, una vite). Un complesso può a sua volta essere costituito da altri complessi (per esempio, il sistema di distribuzione, il carburatore, ecc.) e/o parti elementari (l iniettore, la flangia, ecc.).

4 Requisiti Il catalogo è organizzato a partire dai differenti tipi di auto e consente la ricerca di una specifica parte procedendo dal tipo di auto, attraverso un complesso, una sottoparte, ecc.... fino alla parte desiderata. Le auto non sono da considerare come parti: esse sono nel catalogo solo come elementi di classificazione e non come parti a magazzino

5 Requisiti Ai fini della gestione del magazzino viene tenuta traccia della disponibilità (esemplari presenti in magazzino) di ogni singola parte presente. Quando il meccanico/magazziniere preleva una o più parti dal magazzino la disponibilità viene decrementata corrispondentemente.

6 Requisiti Per evitare che l officina resti sguarnita per effetto dei prelievi, il sistema provvede ad effettuare gli ordini di reintegro in modo automatico. A tale scopo, a fine giornata, il sistema verifica se ci sono parti la cui disponibilità pari o inferiore ad 1. Per queste parti, se non è già stato effettuato un precedente ordine (ovviamente in giorni antecedenti) viene costruito un ordine che le comprende tutte

7 Requisiti Per semplicità di assuma che l officina lavori per una sola marca. Inoltre, si assuma che vengono sempre riordinate N unità di ciascuna parte. L ordine ha una data e resta presente nel sistema fino al momento in cui le parti non vengono reintegrate.

8 Costruzione del Modello di dominio: ricerca delle classi candidate Un officina meccanica dispone di un magazzino in cui tiene parti di ricambio per automobili. Ogni parte è descritta in un catalogo tramite un numero identificativo univoco (ID) e da una descrizione testuale. Una parte può essere o un complesso (per esempio, un motore) o una parte elementare (per esempio, una vite). Un complesso può a sua volta essere costituito da altri complessi (per esempio, il sistema di distribuzione, il carburatore, ecc.) e/o parti elementari (l iniettore, la flangia, ecc.).

9 Ricerca delle candidate.(1/3) Il catalogo è organizzato a partire dai differenti tipi di auto e consente la ricerca di una specifica parte procedendo dal tipo di auto, attraverso un complesso, una sottoparte, ecc.... fino alla parte desiderata. Le auto non sono da considerare come parti: esse sono nel catalogo solo come elementi di classificazione e non come parti a magazzino

10 Ricerca delle candidate.(2/3) Ai fini della gestione del magazzino viene tenuta traccia della disponibilità (esemplari presenti in magazzino) di ogni singola parte presente. Quando il meccanico/magazziniere preleva una o più parti dal magazzino la disponibilità viene decrementata corrispondentemente. Per evitare che l officina resti sguarnita per effetto dei prelievi, il sistema provvede ad effettuare gli ordini di reintegro in modo automatico. A tale scopo, a fine giornata, il sistema verifica se ci sono parti la cui disponibilità pari o inferiore ad 1. Per queste parti, se non è già stato effettuato un precedente ordine (ovviamente in giorni antecedenti) viene costruito un ordine che le comprende tutte

11 Ricerca delle candidate.(3/3) Per semplicità di assuma che l officina lavori per una sola marca e che gli ordini vengano diretti alla casa madre. Inoltre, si assuma che vengono sempre riordinate N unità di ciascuna parte. L ordine ha una data e resta presente nel sistema fino al momento in cui le parti non vengono reintegrate.

12 Elenco candidate Magazzino Parte Automobile Catalogo numero identificativo univoco (ID) descrizione Complesso Parte elementare Disponibilità Prelievo Ordine di reintegro

13 Considerazioni In base alle specifiche il sistema deve basarsi su di un catalogo per tenere traccia delle parti disponibili in magazzino In un sistema reale il catalogo e il magazzino sono in generale distinti. Il vero catalogo sarà probabilmente di carattere informatico, il vero magazzino è una cosa molto complessa fatta di locali, spazi, depositi e oggetti in esso contenuti

14 Considerazioni Dal punto di vista della modellazione il catalogo è un elenco di parti, con a corredo le descrizioni delle rispettive parti Dal punto di vista della modellazione il magazzino è un elenco di parti, supplementate dalla loro disponibilità ed eventualmente altre informazioni (come ad esempio la dislocazione delle parti negli spazi del magazzino)

15 Considerazioni Dalle specifiche di modello, catalogo e magazzino si possono ridurre ad un unica entità (che sarà appunto il catalogo), avendo cura di aggiungere ad essa le informazioni necessarie alla gestione del magazzino..

16 Struttura del catalogo Il catalogo è una struttura gerarchica (ad albero) ad N livelli, che prevede al primo livello i differenti tipi di auto (per le quali non si può parlare di disponibilità ) Ciascuna auto, a sua volta, è composta da parti elementari e da parti complesse (secondo livello) Ciascuna parte complessa, a sua volta, può essere composta, ricorsivamente, da parti elementari e da parti complesse (livello 3, 4, 5,.)

17 Modello gerarchico del catalogo Catalogo Automobile1 Ruota Motore Radiatore Marmitta Parabrezza Cambio Pistone Cilindro Valvola Carburatore Frizione. Corpo Iniettore

18 Costruzione del modello delle classi

19 Diagramma delle classi

20 Analisi dei casi di utilizzo del sistema Il Magazziniere inserisce una nuova parte nel catalogo Il Magazziniere effettua la ricerca di una parte nel catalogo Il Magazziniere effettua il prelievo di una parte nel catalogo Il Magazziniere effettua il reintegro di una parte nel catalogo (bisogna cancellare l ordine) Il Tempo verifica le parti da reintegrare ed effettua l emissione di un ordine di reintegro

21 Casi d uso

22 Diagrammi di sequenza 1. Ricerca e prelievo di una parte 2. Verifica ed emissione ordine

23 Ricerca e prelievo di una parte

24 Verifica ed emissione ordine

25 Dettagliamo il modello Per ogni contenitore, occorre aggiungere i metodi per creare (add) e per recuperare(get) i contenuti Nella classe parte servono i getter (getid, getdescrizione, getdispo) e il metodo preleva Creiamo le classi applicative CercaPreleva VerificaOrdine.e organizziamo tutto in due package

26 Modello dettagliato

27 Diagramma di package Modello Catalogo Auto Parte Application CercaPreleva VerificaOrdine ParteElementare Complesso Ordine

28 Sequence Diagram: Ricerca e prelievo di una parte Diagramma di sequenza relativo alla ricerca della parte x, appartenente al complesso y (che a sua volta può appartenere al complesso z,...) del tipo di auto a. La sequenza deve concludersi con il prelievo di k esemplari della parte trovata (se ci sono)

29 Sequence Diagram: Ricerca e prelievo di una parte

30 Sequence Diagram: Verifica ed emissione ordine Diagramma di sequenza relativo alla emissione automatica dell ordine di reintegro

31 Sequence Diagram: Verifica ed emissione ordine

32 Implementazione Generiamo i template delle classi Implementiamo

Officina meccanica. Definizione del problema e specifica dei requisiti

Officina meccanica. Definizione del problema e specifica dei requisiti Officina meccanica Rev Novembre 2007 Esempio di esercizio: analizzare, progettare e sviluppare. Per l analisi e il progetto si usi UMLStar, per lo sviluppo Eclipse. Questo esempio deriva dalla prova di

Dettagli

Soluzione dell esercizio del 2 Febbraio 2004

Soluzione dell esercizio del 2 Febbraio 2004 Soluzione dell esercizio del 2 Febbraio 2004 1. Casi d uso I casi d uso sono riportati in Figura 1. Figura 1: Diagramma dei casi d uso. E evidenziato un sotto caso di uso. 2. Modello concettuale Osserviamo

Dettagli

Traccia di soluzione dell esercizio del 25/1/2005

Traccia di soluzione dell esercizio del 25/1/2005 Traccia di soluzione dell esercizio del 25/1/2005 1 Casi d uso I casi d uso sono in Figura 1. Ci sono solo due attori: il Capo officina e il generico Meccanico. Figura 1: Diagramma dei casi d uso. 2 Modello

Dettagli

Soluzione dell esercizio del 12 Febbraio 2004

Soluzione dell esercizio del 12 Febbraio 2004 Soluzione dell esercizio del 12/2/2004 1 Soluzione dell esercizio del 12 Febbraio 2004 1. Casi d uso I casi d uso sono riportati in Figura 1. Figura 1: Diagramma dei casi d uso. 2. Modello concettuale

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Analisi delle opinioni dei clienti in ambito automotive: due casi studio

Analisi delle opinioni dei clienti in ambito automotive: due casi studio Analisi delle opinioni dei clienti in ambito automotive: due casi studio Negli ultimi anni le decisioni strategiche o di business di un azienda si affidano sempre più alla tecnologia: nuovi strumenti di

Dettagli

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1 U N I A R C Amministrazione Digitale dei Documenti Nell ambito delle trasformazioni legate alla conversione al digitale della Pubblica Amministrazione e delle Imprese (nuovo Codice dell Amministrazione

Dettagli

Visualizzazione grafica. La funzione Naviga. Integrazione con Microsoft Office

Visualizzazione grafica. La funzione Naviga. Integrazione con Microsoft Office DAS - Dynamic Automotive Solution, add on per il settore Automotive sviluppato sulla piattaforma Microsoft Dynamics NAV, è la soluzione gestionale studiata e realizzata per soddisfare le specifiche esigenze

Dettagli

Gestione Automatizzata di una Lista Nozze

Gestione Automatizzata di una Lista Nozze Gestione Automatizzata di una Lista Nozze Si deve progettare un sistema per la gestione di liste nozze on line. Il sistema rende possibile la consultazione di un catalogo on line, la creazione di una lista

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

ANALISI FUNZIONALE E DIAGRAMMI DI FLUSSO DEI DATI DFD 1

ANALISI FUNZIONALE E DIAGRAMMI DI FLUSSO DEI DATI DFD 1 ANALISI FUNZIONALE E DIAGRAMMI DI FLUSSO DEI DATI DFD 1 Nelle lezioni precedenti Abbiamo definito il modello Entità- Associazione che serve a descrivere la struttura dei dati Abbiamo usato il modello per

Dettagli

Progettazione ad oggetti

Progettazione ad oggetti Progettazione ad oggetti Gli elementi reali vengono modellati tramite degli oggetti Le reazioni esistenti nel modello reale vengono trasformate in relazioni tra gli oggetti Cos'è un oggetto? Entità dotata

Dettagli

ESERCIZIO #1 Si richiede di costruire un class diagram che rappresenti le classi necessarie ed i loro rapporti reciproci.

ESERCIZIO #1 Si richiede di costruire un class diagram che rappresenti le classi necessarie ed i loro rapporti reciproci. ESERCIZIO #1 un progetto software. Occorre realizzare un sistema informativo per supportare la logistica di una grande società di distribuzione. L azienda è organizzata su tre livelli operativi: (1) l

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

BASI DI DATI I. Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico. Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857

BASI DI DATI I. Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico. Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857 BASI DI DATI I Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857 DESCRIZIONE DELLA REALTA' Si vuole realizzare un DBMS per la gestione

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 7 Componentistica di base: alberi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 7 Componentistica di base: alberi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 7 Componentistica di base: alberi Introduzione ai componenti di macchine I componenti meccanici

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Configuration of a distributed system as emerging behavior of autonomous agents

Configuration of a distributed system as emerging behavior of autonomous agents Configuration of a distributed system as emerging behavior of autonomous agents Configuration of a distributed system as emerging behavior of autonomous agents : Questo documento illustra la strategia

Dettagli

Il problema. ! Si chiede di sviluppare un applicazione per la

Il problema. ! Si chiede di sviluppare un applicazione per la Il problema! Si chiede di sviluppare un applicazione per la gestione del sistema bibliotecario universitario. La soluzione deve implementare le operazioni basilari per la gestione della biblioteca ed inoltre

Dettagli

Project Planning. Politecnico di Milano. Progetto di Ingegneria del Software 2. 15 novembre 2011. Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola

Project Planning. Politecnico di Milano. Progetto di Ingegneria del Software 2. 15 novembre 2011. Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 Project Planning Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 15 novembre

Dettagli

Caso di Studio: Avant Dernier

Caso di Studio: Avant Dernier Caso di Studio: Avant Dernier Specifiche: Nel gioco si affrontano 4 giocatori, ciascuno individuato con un numero progressivo (da 1 a 4). Inizialmente, i giocatori ricevono 5 carte ciascuno, e una carta

Dettagli

Fasi di creazione di un programma

Fasi di creazione di un programma Fasi di creazione di un programma 1. Studio Preliminare 2. Analisi del Sistema 6. Manutenzione e Test 3. Progettazione 5. Implementazione 4. Sviluppo 41 Sviluppo di programmi Per la costruzione di un programma

Dettagli

Mon Ami 3000 Conto Lavoro Gestione del C/Lavoro attivo e passivo

Mon Ami 3000 Conto Lavoro Gestione del C/Lavoro attivo e passivo Prerequisiti Mon Ami 3000 Conto Lavoro Gestione del C/Lavoro attivo e passivo L opzione Conto lavoro è disponibile per le versioni Azienda Light e Azienda Pro. Introduzione L opzione Conto lavoro permette

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

Esercizi sulla progettazione di architetture distribuite

Esercizi sulla progettazione di architetture distribuite Esercizi sulla progettazione di architetture distribuite Negli esercizi proposti di seguito, si richiede di specificare: l architettura complessiva del sistema l elenco dei web service previsti i dati

Dettagli

Vision. highlights. la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda. Un portale che fa!

Vision. highlights. la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda. Un portale che fa! la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda Un portale che fa! Il portale aziendale è un luogo di lavoro. Gemino è un Portal Application ricco di contenuti applicativi pronti all uso! highlights

Dettagli

Gestione del workflow

Gestione del workflow Gestione del workflow Stefania Marrara Corso di Tecnologie dei Sistemi Informativi 2004/2005 Progettazione di un Sistema Informativo Analisi dei processi Per progettare un sistema informativo è necessario

Dettagli

MANUALE UTENTE CENTRI ED OFFICINE. L accesso al portale è regolata da una sistema di controllo basato su credenziali utente con password

MANUALE UTENTE CENTRI ED OFFICINE. L accesso al portale è regolata da una sistema di controllo basato su credenziali utente con password MANUALE UTENTE CENTRI ED OFFICINE Portale di accesso al catalogo dei cristalli per la ricerca di pezzi di ricambio ed accessori con funzionalità di preparazione preventivi, commesse lavoro e fatturazione

Dettagli

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI Clienti, prodotti, categorie merceologiche e stabilimenti di produzione. Difetti, tipologia difetti, test ed esiti finali di verifica. Raggruppamento dei test loro in schede

Dettagli

Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005

Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio di Sistemi e Processi Organizzativi UML

Dettagli

Esempio 1: CarMatch. Direzione centrale Sedi centrali per ogni paese Concessionarie locali di franchising UML 2

Esempio 1: CarMatch. Direzione centrale Sedi centrali per ogni paese Concessionarie locali di franchising UML 2 Esempio 1: CarMatch CarMatch è una società di franchising fondata con lo scopo di promuovere il car sharing CarMatch fornisce un servizio per i potenziali condivisori di automobili cercando di abbinare

Dettagli

Progettazione base dati relazionale

Progettazione base dati relazionale Progettazione base dati relazionale Prof. Luca Bolognini E-Mail:luca.bolognini@aliceposta.it Progettare una base di dati Lo scopo della progettazione è quello di definire lo schema della base di dati e

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

Basi di Dati e Microsoft Access

Basi di Dati e Microsoft Access Basi di Dati e Microsoft Access Lun: 16-18 e Mer: 14-17 Alessandro Padovani padoale@email.it Database: definizione Un database (DB) è una collezione di informazioni organizzata in gruppi, che consentono

Dettagli

Esercizi UML. Angelo Di Iorio

Esercizi UML. Angelo Di Iorio Esercizi UML Angelo Di Iorio Esercizio 1 Disegnare un diagramma dei casi d uso rela9vo ad una biglie

Dettagli

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI Lezione 3: Proiezioni Ortogonali con il metodo europeo Francesca Campana Le proiezioni ortogonali Le proiezioni ortogonali descrivono bi-dimensionalmente un oggetto

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it Progetto Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso manuel.comparetti@iet.unipi.it 1 Documenti da produrre Il progetto deve comprendere i seguenti documenti: Documento di specifica

Dettagli

CARDINI Il mondo dei motori è servito

CARDINI Il mondo dei motori è servito G R U P P O CARDINI Il mondo dei motori è servito CHI SIAMO Cardini nasce nel 1952 come azienda artigianale; agli inizi degli anni ottanta si trasforma in società con profilo industriale, questo determina

Dettagli

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche.

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche. Testo Esercizio Un negozio di musica vende anche libri e riviste musicali. Si intende automatizzare l intero processo, dall approvvigionamento alla vendita. Si analizzino i requisiti e se ne rappresentino

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

In legenda sono riportate le fasi R, P, C/T e I/SA come specificato nella norma ISO/IEC 12207.

In legenda sono riportate le fasi R, P, C/T e I/SA come specificato nella norma ISO/IEC 12207. Durante le attività di sviluppo del software applicativo è spesso utilizzato un ciclo di vita incrementale il cui schema di processo è sintetizzato nella figura seguente. In legenda sono riportate le fasi

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

SOFTWARE MAINTENANCE DESIGN

SOFTWARE MAINTENANCE DESIGN SOFTWARE MAINTENANCE DESIGN INTRODUZIONE... 1 1.1 Identificazione della richiesta di modifica... 2 1.2 Assegnazione di un numero di identificazione alla Change Request... 2 1.3 Classificazione del tipo

Dettagli

Le punterie idrauliche

Le punterie idrauliche Le punterie idrauliche Prima di parlare delle punterie idrauliche, sarà bene ricordare cosa sia esattamente una punteria. Si tratta precisamente di un organo della distribuzione, intendendosi per "distribuzione"

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG31U ATTIVITÀ 45.20.40 ATTIVITÀ 45.40.30 RIPARAZIONI MECCANICHE DI AUTOVEICOLI RIPARAZIONE DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI

STUDIO DI SETTORE UG31U ATTIVITÀ 45.20.40 ATTIVITÀ 45.40.30 RIPARAZIONI MECCANICHE DI AUTOVEICOLI RIPARAZIONE DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI STUDIO DI SETTORE UG31U ATTIVITÀ 45.20.10 RIPARAZIONI MECCANICHE DI AUTOVEICOLI ATTIVITÀ 45.20.20 RIPARAZIONE DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI ATTIVITÀ 45.20.30 RIPARAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI E DI ALIMENTAZIONE

Dettagli

ISCAR TOOLSHOP MANUALE D USO

ISCAR TOOLSHOP MANUALE D USO ISCAR TOOLSHOP MANUALE D USO INDICE INTRODUZIONE Pag. 3 IL CATALOGO ELETTRONICO Selezione per tipologia di lavorazione Pag. 5 Ricerca per famiglia Pag. 8 Ricerca per prodotto Pag. 9 ISCAR TOOLSHOP Inserimento

Dettagli

DATABASE = collezione di oggetti, ovvero contenitore di dati

DATABASE = collezione di oggetti, ovvero contenitore di dati DATABASE = collezione di oggetti, ovvero contenitore di dati ACCESS = RDBMS (Relationship DataBase Management System). Ovvero software per creare e gestire database RELAZIONALI Un database è uno strumento

Dettagli

La procedura informatizzata per Economi/Consegnatari per la Gestione dei Beni Fragili e di Facile Consumo (ai sensi del DPR 04 sett.2002 n.

La procedura informatizzata per Economi/Consegnatari per la Gestione dei Beni Fragili e di Facile Consumo (ai sensi del DPR 04 sett.2002 n. La procedura informatizzata per Economi/Consegnatari per la Gestione dei Beni Fragili e di Facile Consumo (ai sensi del DPR 04 sett.2002 n. 254) OSAnet s.r.l www.osanet.it Che cos è Facile è la soluzione

Dettagli

Passo 2: avviare Access e creare una tabella per ogni tipo di entità Costruire la tabella per l entità cliente.

Passo 2: avviare Access e creare una tabella per ogni tipo di entità Costruire la tabella per l entità cliente. Realizzare un database con Access Di Antonio Bernardo e Mario Bochicchio Esercizio Una catena di supermercati vuole tener traccia dei prodotti acquistati dai clienti. Di ogni cliente si vuole conoscere

Dettagli

La specifica del problema

La specifica del problema 2.9 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: esame del problema Iniziamo ora a esaminare il nostro caso di studio di progettazione e implementazione orientate agli oggetti. Le sezioni Pensare a

Dettagli

Concessionari PartsPartner con Integrazione DMS. Manuale Operativo. Release 1.1

Concessionari PartsPartner con Integrazione DMS. Manuale Operativo. Release 1.1 Concessionari PartsPartner con Integrazione DMS Manuale Operativo Release 1.1 Indice Manuale Gestione Dati Personali Gestione Clienti Gestione Ordini Monitoraggio Performance Clienti Gestione Comunicazioni

Dettagli

Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Struttura di Active Directory Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

UNITA DIDATTICA 1 GUIDA ALL'UTILIZZO DELLA SCHEDA COMMESSA

UNITA DIDATTICA 1 GUIDA ALL'UTILIZZO DELLA SCHEDA COMMESSA UNITA DIDATTICA 1 GUIDA ALL'UTILIZZO DELLA SCHEDA COMMESSA 5 6 Unità di Apprendimento N. 1 Titolo: Presentazione Obiettivo: Introduzione all importanza dell utilizzo della scheda commessa La scheda commessa

Dettagli

ESAME DI FONDAMENTI DI INFORMATICA T-2 del 16/06/2015 Proff. Enrico Denti Gabriele Zannoni Tempo a disposizione: 4 ore MAX

ESAME DI FONDAMENTI DI INFORMATICA T-2 del 16/06/2015 Proff. Enrico Denti Gabriele Zannoni Tempo a disposizione: 4 ore MAX ESAME DI FONDAMENTI DI INFORMATICA T-2 del 16/06/2015 Proff. Enrico Denti Gabriele Zannoni Tempo a disposizione: 4 ore MAX NB: il candidato troverà nell archivio ZIP scaricato da Esamix anche il software

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Gestione Rifiuti PQ08Pa Ed. 0 Rev. 0 - Pag. 1 di 6

MyMax PROCEDURA QUALITA Gestione Rifiuti PQ08Pa Ed. 0 Rev. 0 - Pag. 1 di 6 PQ08Pa Ed. 0 Rev. 0 - Pag. 1 di 6 1.0 Scopo L obiettivo della procedura è definire le responsabilità per la gestione, lo stoccaggio e la movimentazione dei rifiuti utilizzando MyMax 2.0 Campo di applicazione

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito Database 1 biblioteca universitaria Testo del quesito Una biblioteca universitaria acquista testi didattici su indicazione dei professori e cura il prestito dei testi agli studenti. La biblioteca vuole

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 01 Pag. 1 di 5 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10.05.11 1 a Emissione Tutti Tutte Sommario 4 LA QUALITA... 2 4.1 Requisiti Generali... 2 4.2

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Autoscuola Marche - http://www.autoscuolamarche.com/ DIRETTIVA 2012/36/UE DELLA COMMISSIONE del 19 novembre 2012

Autoscuola Marche - http://www.autoscuolamarche.com/ DIRETTIVA 2012/36/UE DELLA COMMISSIONE del 19 novembre 2012 DIRETTIVA 2012/36/UE DELLA COMMISSIONE del 19 novembre 2012 recante modifica della direttiva 2006/126/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la patente di guida LA COMMISSIONE EUROPEA, (Testo

Dettagli

www.saggese.it www.domenicosaggese.it Pagina 1 di 10

www.saggese.it www.domenicosaggese.it Pagina 1 di 10 Materiale prodotto da Domenico Saggese unicamente come supporto per i suoi corsi. E lecito trattenerne una copia per uso personale; non è autorizzato alcun uso commerciale o in corsi non tenuti od organizzati

Dettagli

I database. Cosa sono e a cosa servono i Database

I database. Cosa sono e a cosa servono i Database I database Estratto dal Modulo 1 - I database Prof. Piero GALLO 1 Cosa sono e a cosa servono i Database Un database(o base di dati) e' una raccolta organizzata di dati correlati. Il principale scopo di

Dettagli

Rapporto Tecnico su installazione del dimostratore

Rapporto Tecnico su installazione del dimostratore Rapporto Tecnico su installazione del dimostratore Indice 1 Introduzione 2 2 Installazione 3 2.1 Requisiti.............................. 3 2.2 Installazione........................... 3 3 Inserimento e/o

Dettagli

Piazza Vinci, 78-00139 Roma Tel. +39 347.301.78.14 Fax +39 06.878.599.211 info@etabetaweb.it www.etabetaweb.it. manuale utente Versione 1.

Piazza Vinci, 78-00139 Roma Tel. +39 347.301.78.14 Fax +39 06.878.599.211 info@etabetaweb.it www.etabetaweb.it. manuale utente Versione 1. Piazza Vinci, 78-00139 Roma Tel. +39 347.301.78.14 Fax +39 06.878.599.211 info@etabetaweb.it www.etabetaweb.it OPENm@il manuale utente Versione 1.2 INDICE INDICE 2 1. INDIRIZZI PRINCIPALI 3 1. MENU PRINCIPALE

Dettagli

Nuova procedura di Cassa Contanti Wingesfar: istruzioni per le farmacie Novembre 2009

Nuova procedura di Cassa Contanti Wingesfar: istruzioni per le farmacie Novembre 2009 Nuova procedura di Cassa Contanti Wingesfar: istruzioni per le farmacie Novembre 2009 Documenti Tecnici Informatica e Farmacia Vega S.p.A. Premessa La procedura di Cassa Contanti rileva i movimenti giornalieri

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Ingegneria del Software T

Ingegneria del Software T Home Finance 1 Requisiti del cliente 1 Si richiede di realizzare un sistema per la gestione della contabilità familiare. Il sistema consente la classificazione dei movimenti di denaro e la loro memorizzazione.

Dettagli

Presentazione del progetto. I cicli termodinamici:

Presentazione del progetto. I cicli termodinamici: Presentazione del progetto I cicli termodinamici: OTTO DIESEL Obiettivi Presentare in modo sintetico ed efficace i concetti base relativi ai cicli termodinamici OTTO e DIESEL Organizzare e realizzare con

Dettagli

Progettazione di una base di dati Ufficio della Motorizzazione

Progettazione di una base di dati Ufficio della Motorizzazione Corso di Gestione dell Informazione Studenti NON frequentanti A.A. 2008/2009 1 Scopo del progetto Progettazione di una base di dati Ufficio della Motorizzazione Si vuole realizzare un applicazione base

Dettagli

LABORATORIO DI BASI DI DATI

LABORATORIO DI BASI DI DATI LABORATORIO DI BASI DI DATI IPERMERCATO Versione del 21 marzo 2006 Progetto di Conti Pierfrancesco Pasini Sandro SPECIFICA DEI REQUISITI L'obiettivo di questo progetto è quello di fornire un'applicazione,

Dettagli

1. Archivi. 1.1. Codici I.V.A. 1.2. Codici Lingue Estere. 1.3. Progressivi Ditta

1. Archivi. 1.1. Codici I.V.A. 1.2. Codici Lingue Estere. 1.3. Progressivi Ditta PRODUZIONE E MAGAZZINO 1. Archivi Per gestire il magazzino e la produzione occorre creare i seguenti archivi. 1.1. Codici I.V.A. Occorre creare, obbligatoriamente, tutti i codici I.V.A. (soggetti, esenti,

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

UML Unified Modeling Language

UML Unified Modeling Language UML Unified Modeling Language Lezione 4-1 - UML Il diagramma delle classi Parte Seconda - 2 - Relazioni tra Classi&Oggetti I diagrammi delle classi mettono in evidenza i blocchi costitutivi del sistema

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

STAMPA CON IL CIOCCOLATO

STAMPA CON IL CIOCCOLATO STAMPA CON IL CIOCCOLATO Sostituiamo la testa di stampa con una siringa motorizzata e un riscaldatore, e creiamo oggetti di ogni genere e dolci di qualsiasi forma: dalle uova di Pasqua a cioccolatini personalizzati,

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Catalogo Web OPEL - Trade e-cat. Manuale sulla Navigazione

Catalogo Web OPEL - Trade e-cat. Manuale sulla Navigazione Catalogo Web OPEL - Trade e-cat Manuale sulla Navigazione Indice Manuale Introduzione Caratteristiche Tavola Prodotti Funzionalità di Ricerca 2 Introduzione a OPEL Trade e-cat Riquadri Nel Catalogo Web

Dettagli

PrestaShop 1.5. Manuale per gli utenti. Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2014. A cura di: http://www.prestashoprisolto.com/

PrestaShop 1.5. Manuale per gli utenti. Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2014. A cura di: http://www.prestashoprisolto.com/ PrestaShop 1.5 Manuale per gli utenti Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2014 A cura di: http://www.prestashoprisolto.com/ 1 Sommario 1 PER L UTENTE... 3 1.1 GESTIONE DELL E-COMMERCE... 3 1.1.1 CONCETTI

Dettagli

DNA ERP Warehouse Management System.

DNA ERP Warehouse Management System. DNA ERP Warehouse Management System DNA ERP Warehouse Management System. Il prodotto Warehouse Management System (WMS) è sviluppato da ITACME Informatica per la completa copertura delle esigenze di gestione

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Responsabile tecnico

Responsabile tecnico Responsabile tecnico La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: G 50.2 Manutenzione e riparazione di autoveicoli Figure professionali contigue:

Dettagli

Circuiti pneumatici. Prof. Luciano Scattolini

Circuiti pneumatici. Prof. Luciano Scattolini Circuiti pneumatici Circuiti pneumatici È un insieme di attuatori pneumatici comandati da valvole Lo scopo consiste nel trasformare energia pneumatica in energia meccanica Comando di cilindro a semplice

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Esercizio data base "Biblioteca"

Esercizio data base Biblioteca Rocco Sergi Esercizio data base "Biblioteca" Database 2: Biblioteca Testo dell esercizio Si vuole realizzare una base dati per la gestione di una biblioteca. La base dati conterrà tutte le informazioni

Dettagli

Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti. Introduzione ai Database Relazionali

Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti. Introduzione ai Database Relazionali Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti Introduzione ai Database Relazionali Obiettivo e Struttura del corso Comprendere i concetti e gli aspetti

Dettagli

Gli algoritmi: definizioni e proprietà

Gli algoritmi: definizioni e proprietà Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Gli algoritmi: definizioni e proprietà La presente dispensa e da

Dettagli

Teseo 7 Trade. Una configurabilità ottimale dei flussi logistici. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Trade. Una configurabilità ottimale dei flussi logistici. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Trade Una configurabilità ottimale dei flussi logistici ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it Che cos

Dettagli

Corso di Ingegneria del software Como. Prof. Marco Brambilla. Cruscotto auto. Aramini Antonio Umberto

Corso di Ingegneria del software Como. Prof. Marco Brambilla. Cruscotto auto. Aramini Antonio Umberto Corso di Ingegneria del software Como Prof. Marco Brambilla Cruscotto auto Aramini Antonio Umberto Tema d esame: Si vuole realizzare un sistema embedded per autoveicoli che gestisce tutto il pannello di

Dettagli

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Obiettivi Nelle lezioni precedenti abbiamo descritto come modellare i requisiti funzionali

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

Metodi di verifica degli utenti in ELMS 1.1

Metodi di verifica degli utenti in ELMS 1.1 Metodi di verifica degli utenti in ELMS 1.1 2012-12-21 Kivuto Solutions Inc. [RISERVATO] SOMMARIO PANORAMICA...1 METODI DI VERIFICA...2 Verifica utente integrata (IUV, Integrated User Verification)...2

Dettagli

In aggiunta al catalogo: l App mobile di tröschautoglas

In aggiunta al catalogo: l App mobile di tröschautoglas In aggiunta al catalogo: l App mobile di tröschautoglas In futuro le basterà prendere in mano il cellulare! Vuole ordinare un vetro per la sua auto, dei pezzi di ricambio e degli utensili? Desidera ricevere

Dettagli