UNIVERSITÀ DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Cattedra di Organizzazione Internazionale. La normativa tecnica dell O.A.C.I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Cattedra di Organizzazione Internazionale. La normativa tecnica dell O.A.C.I."

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Cattedra di Organizzazione Internazionale La normativa tecnica dell O.A.C.I. Relatore Prof. Sergio Marchisio Laureando Antonino Viola Anno Accademico 2000 /

2 INDICE Introduzione pag. 5 Capitolo I ANTECEDENTI STORICI DELLA CONVENZIONE DI CHICAGO DEL Gli strumenti giuridici e gli organi internazionali precedenti alla Convenzione di Chicago» La Commissione Internazionale per la Navigazione Aerea (C.I.N.A.)» Le Comité international technique d expertes juridiques aériens (C.I.T.E.J.A.)» La Conferenza di Chicago del 1ˆ novembre, 7 dicembre 1944» La Convenzione O.A.C.I. del 7 dicembre 1944» 40 Capitolo II L ORGANIZZAZIONE NALE DELL AVIAZIONE CIVILE INTERNAZIO- 1. Il quadro istituzionale, i fini, gli obiettivi e le funzioni dell O.A.C.I.» 51 2

3 2. La natura degli atti dell O.A.C.I.» Le decisioni.» Le raccomandazioni.» La revisione della Convenzione di Chicago.» Gli Organi principali, sussidiari e periferici dell O.A.C.I.» L attività operativa dell O.A.C.I.» Le relazioni dell O.A.C.I. con le Nazioni Unite e con le Organizzazioni regionali operanti nel settore della navigazione e del trasporto aereo.» 98 Capitolo III CONTENUTO, NATURA ED EFFICACIA DEGLIALLEGATI TECNICI. 1. Gli Allegati alla Convenzione di Chicago» Caratteri comuni degli Allegati» Il sistema di elaborazione e di adozione degli Allegati» La natura e l efficacia degli Allegati tecnici» Il problema delle differenze» 154 3

4 6. Altri atti di carattere tecnico adottati dall O.A.C.I. (DOC, PANS, SUPPS)» 167 Capitolo IV LA QUESTIONE DELL ADEGUAMENTO DEGLI ORDINAMENTI INTERNI AGLI ALLEGATI TECNICI. 1. L adeguamento degli ordinamenti interni agli Allegati» La legislazione italiana e l attuazione della normativa O.A.C.I.» Conclusioni» 195 Bibliografia» 198 4

5 Introduzione L incompiuta opera di adattamento dell ordinamento italiano agli accordi internazionali in materia di navigazione aerea 1, ha comportato la disapplicazione di norme interne considerate superate perchè non rispondenti alla moderna realtà aeronautica, inducendo gli «addetti ai lavori» all applicazione in via di fatto di norme tecniche internazionali (contenute in particolare nei cosiddetti Annessi alla Convenzione O.A.C.I.), data la loro oggettiva capacità di offrire una adeguata, se non anche esclusiva, coerente ed attuale disciplina della materia oggetto di analisi nel presente lavoro. Numerose, ormai, sono le norme del codice della navigazione aerea italiano, entrato in vigore il 21 aprile del 1942, da ritenersi superate perchè in contrasto non solo con gli usi e gli accordi internazionali, ma con 1 A tut oggi l Italia ha provveduto al recepimento dei principi contenuti in tre dei diciotto Annessi alla Convenzione di Chicago e, in particolare: Annesso n. 1, riguardante le licenze del personale (Personnel Licensing), introdotto nell ordinamento italiano con D.P.R. del 18 novembre 1988, n. 566 (pubblicato nella Gazz. Uff. del 20 gennaio 1989, n. 16, S.O.); Annesso n. 16 relativo alla protezione ambientale (Enviromental Protection), introdotto nel nostro ordinamento con D.M. del 3 dicembre 1983 concernente la «certificazione acustica degli aeromobili» (pubblicato nella Gazz. Uff. del 9 gennaio 1984, n. 8, S.O.); Annesso n. 13, inerente le inchieste sugli incidenti aerei (Aircraft Accident Investigation), introdotto nell ordinamento italiano con D.Lgs del 25 febbraio 1999, n. 66 (pubblicato nella Gazz. Uff. del 22 marzo 1999, n. 67, S.O.). 5

6 tutta la successiva produzione normativa interna che, impostasi per imprescindibili esigenze di funzionalità, si è venuta a sovrapporre, talvolta in modo disorganico, alle previsioni del legislatore del tempo. A questo si aggiunga che al codice non sono seguite, fatta eccezione per alcune recenti e disomogenee iniziative legislative 2, le opportune disposizioni di carattere regolamentare necessarie per la sua piena esecuzione, obbligando spesso gli operatori aeronautici a ricorrere al vecchio regolamento per la navigazione aerea del 1925 per quelle parti non contrarie ed incompatibili con le norme del Codice stesso 3. Conseguentemente, il ritardo nel recepimento della normativa internazionale in argomento ha determinato l instaurarsi di un diffuso stato di 2 Vedi, ad esempio, il recente D.Lgs. del 25 febbraio 1999, n.66, sopracitato, che ha istituito l Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, dando attuazione alla direttiva del Consiglio dell U.E. 94/56/CE che stabilisce i principi fondamentali in materia di inchieste sugli incidenti e inconvenienti dell aviazione civile, in linea con la Convenzione di Chicago del , istitutiva dell O.A.C.I. e, in particolare, con l allegato XIII (Aircraft Accident Investigation). Questa inziativa legislativa, pur apprezzabile nei contenuti, desta alcune perplessità in quanto l introduzione nel nostro ordinamento delle normative tecniche contenute negli allegati alla Convenzione di Chicago, tra cui appunto l allegato XIII, è già stata fissata nel D.P.R. 4 luglio 1985, n.461 (in particolare l art.15) (pubblicato nella Gazz. Uff. del 5 settembre 1985, n. 209), che prevede l emazione di appositi decreti attuativi del Ministro dei trasporti per le materie elencate nell art. 687 del codice della navigazione, così come modificato dall art.1 della legge 13 maggio 1983, n. 213 (pubblicata nella Gazz. Uff. del 24 maggio 1983, n. 140). 3 Il regolamento della navigazione ancora in vigore, nelle parti non espressamente abrogate dal codice della navigazione del 1942, è stato approvato con R.D. 11 gennaio 1925, n

7 incertezza nell azione della pubblica amministrazione sia in fase di interpretazione che di applicazione della legislazione interna vigente, ma è soprattutto nell ambito delle più significative e pertinenti pronuncie degli organi giurisdizionali italiani che sono state registrate la maggiori incongrenze ermeneutiche, e a tal riguardo basta scorrere gli atti dei procedimenti giudiziari che hanno seguito le sciagure aviatorie dell Elba del 1960, di Palermo Punta Raisi del 1972, di Cagliari del 1979, e altre ancora più recenti, nelle quali è dato osservare, stante la posizione dei giudici italiani sostanzialmente contraria all applicazione degli Allegati O.A.C.I., atteggiamenti contraddittori e, forse, in qualche caso del tutto errati 4. Appare chiaro, infatti, come il giudice italiano sia orientato a ritenere in vigore tutte quelle disposizioni aventi forza di legge che regolano la materia e che non siano state espressamente e formalmente abrograte da 4 E stata negata l applicabilità degli Allegati tecnici O.A.C.I. nella seguenti decisioni: Trib. Livorno, 27 febbraio 1965, e App. Firenze, 10 febbraio 1966 (relative al disastro aviatorio di M.te Capanne-Isola d Elba, del 14 ottobre 1960, di un velivolo DC.9 ITAVIA), in Il diritto aereo, 1966, p. 243 ss.; Cons. St., 18 ottobre 1967, n. 485, in Cons. St., 1967, I, 1766; Cons. St., 18 ottobre 1967, n. 487, ivi, p. 1769; Pret. Canelli, 11 marzo 1968, ivi, 1969, p. 288; Trib. Catania, 12 marzo 1982, App. Catania, 16 giugno 1983, e Cass., 4 aprile 1984, ivi, 1984, p. 152 (relative al disastro aviatorio di Montagnalonga-Palermo, del 5 maggio 1972, di un velivolo DC.8 ALITALIA); Trib. Cagliari, 23 giugno 1982; App. Cagliari, 21 febbraio 1984, e Cass., 12 aprile 1985, ivi, 1985, p. 209 (relative al disastro aviatorio, del 14 settembre 1979, di M.te Nieddu agro Capoterra di un velivolo DC.9 ATI). E stata, invece, data applicazione agli Allegati tecnici nella decisione del Pret. Salò, 16 giugno 1967, ivi, 1968, p. 410; Trib. Milano, 30 aprile 1970, ivi, 1972, p. 145 ss.; Pret. Milano, 12 ottobre 1974, ivi, 1975, p. 72 ss. 7

8 successivi atti interni, mentre, fatta qualche rara eccezione 5, ha sempre ribadito la mancanza di obbligatorietà delle norme internazionali non ancora oggetto di attuazione nell ordinamento interno 6 alle quali, invece, la pubblica amministrazione da applicazione, quantomeno in via di fatto, per assicurare quell indispensabile funzionalità in un settore che, preminentemente sul piano internazionale, deve ispirarsi a criteri di uniformità normativa oltre che tecnica. A tal riguardo è interessante osservare come, dal 1960 ad oggi, la giurisprudenza interna in materia di aviazione civile abbia costantemente fatto riferimento al problema del recepimento o meno nell ordinamento interno della regolamentazione tecnica emanata dall Organizzazione dell aviazione civile internazionale (O.A.C.I.), alla quale, seppure in forma extragiuridica, tale giurisprudenza è stata comunque indotta a fare ricorso 5 Vedi nota supra, ultima parte. 6 Cfr., Trib. Livorno 27 febbraio 1965, in Il diritto aereo, 1966, p Il fatto che la pubblica amministrazione spesso si conformi, nei propri atti, agli Allegai tecnici della Convenzione di Chicago ha portato lo stesso Consiglio di Stato ad annullare gli atti della P.A. giudicati contrari a disposizioni di legge. Nella prima sentenza, Cons. St. 18 ottobre 1967, citata supra, la Suprema Corte amministrativa ha ritenuto illegittimo il D.M. del 28 giugno 1966 di approvazione della mappa 6060 delle zone circostanti l aeroporto dell Urbe perché poneva vincoli diversi da quelli previsti dalla L. 4 febbraio 1963, n. 58 (modificativa dell art. 715 cod. nav.) e conformi invece Allegato n. 14 «Aerodromes». Il Consiglio di Stato affermava, quindi, che l interprete «deve osservare... esclusivamente le norme della legge citata, potendo avere il riferimento alla Convenzione di Chicago o all atto aggiuntivo soltanto valore di un sussidio ermeneutico» (p. 48). 8

9 ogni qual volta si sia reso necessario formulare delle esatte definizioni di carattere tecnico-normativo per nulla rintracciabili nella legislazione vigente, al fine di dare un qualche fondamento ad effermazioni che investono problemi di natura tecnica nel campo dell aviazione civile, riaffermando con ciò, indirettamente, la necessità e l attualità del problema del recepimento degli Allegati tecnici O.A.C.I. nell ordinamento italiano 7. Magistrati, giuristi ed operatori del settore, posti di fronte a specifiche problematiche aeronautiche, si vedono pertanto costretti ad applicare, ob torto collo, la obsoleta normativa nazionale vigente facendo, di volta in volta, immancabile e necessitato richiamo agli Allegati O.A.C.I. quantomeno al fine di pervenire, come notato sopra, alla formulazione di 7 I requisiti per il rilascio della licenza di pilota di linea, l agibilità aeroportuale in relazione alle assistenze elettriche e radio elettriche disponibili con particolare riferimento all inefficienza del faro di aerodromo, eventuali compiti aggiuntivi riguardanti la responsabilità dei controllori del traffico aereo in ordine alla prevenzione delle collisioni con il terreno (terrain clereance) da parte degli aeromobili anche quando gli stessi non siano giudati dal radar, sono argomenti sui quali vi è stato e vi è ampio dibattito nelle aule giudiziarie. Cfr., in particolare, App. Firenze, 10 febbraio 1966, citata supra, nella cui motivazione la Corte, dovendo dimostrare che l aeromobile sinistrato era idoneo al volo strumentale ovvero che il pilota era in possesso dei requisiti professionali per il tipo di volo condotto, ciò al fine di confutare la tesi contraria della parte civile, è ricorsa per necessità a quanto detto in materia rispettivamente dall Allegato n. 6, par. 6.6 e 6.7., e dall Allegato n.1 ai par e della Convenzione di Chicago. E evidente che tali richiami alla normativa tecnica dell O.A.C.I., come pure riscontrabili in altre pronuncie della giurisprudenza italiana, hanno probabilmente un puro scopo illustrativo o meglio, come ha in proposito affermato la Corte di Appello di Firenze in occasione della suddetta pronuncia, in relazione ai riflessi positivi che il ricordato contenuto delle norme O.A.C.I. poteva avere in favore del pilota, senza peraltro voler mai considerare le stesse quali fonti normative di diritto positivo. 9

10 esatte definizioni di carattere tecnico-normativo calzanti con la moderna realtà dei trasporti aerei internazionali. Come sarà evidenziato nella parte di questo lavoro dedicata ai rapporti tra ordinamento italiano e regolamentazione O.A.C.I., va preliminarmente osservato come il mancato recepimento nel nostro ordinamento di questi atti abbia determinato una significativa frattura tra ciò che nella prassi e nel concreto della realtà quotidiana delle operazioni di volo connesse all esercizio della navigazione aerea viene ad essere praticato da tutti gli operatori del settore, piloti, controllori, tecnici, società di navigazione aerea ecc, in quanto ritenuto professionalmente doveroso e pertinente per l osservanza dei canoni e principi di sicurezza del volo internazionalmente definiti e codificati ed a cui, peraltro, tutta la normativa tecnica O.A.C.I. è certamente ispirata, e ciò di cui, invece, si è tenuti a render conto, in termini di responsabilità penale, civile e amministrativa, nelle aule di giustizia italiane qualora, per sciagurata ipotesi, taluno di costoro vi venga ad essere chiamato in giudizio in conseguenza di sinistri aeronautici verificatisi anche al di là di ogni possibile e ragionevole prevedibilità dell evento 8. 8 Vedi, in particolare, Cass. 12 aprile 1985, in Agenzia di Stampa Air Press, n. 34, 1985, p. 15 (relativa al disastro aviatorio di Capoterra, citato supra), con cui la Suprema Corte respinse il ricorso presentato contro la sentenza di appello (App. Cagliari, 21 febbraio 1984, citata supra,), confermando la condanna 10

11 Tale stato di cose, a nostro giudizio, oltre che denotare un mancato assolvimento di impegni internazionali, è sintomatico di una situazione di crisi del diritto interno, verosimilmete imputabile alla sussistenza di norme ormai non più aderenti alla concreta realta della fenomenologia dei rapporti giuridici e delle situazioni fattuali riscontrabili nella moderna aviazione civile. E interesse reciproco degli Stati, e in generale dell aviazione civile internazionale, che la reale e integrale attuazione della normativa O.A.C.I. sia riconosciuta obbligatoria a fronte dell indifferibile esigenza, avvertita sia sul piano delle relazioni internazionali che degli ordinamenti interni del controllore del traffico aereo in servizio presso l ente ATC (Air Traffic Controll). Tale decisione appare esemplificativa dell orientamento giurisprudenziale italiano, in quanto la Cassazione in tale occasione, argomentando in merito agli Annessi O.A.C.I., ha avuto modo di precisare che essi «non sono di immediata applicazione, pur trattandosi di atti emanati dalla Convenzione di Chicago del 7 dicembre 1944», rigettando con ciò i motivi del ricorso dell imputato e dell Avvocatura dello Stato (in difesa del Ministero Difesa Aeronautica) che avevano cercato di mettere in luce come il controllore di volo, in relazione alle procedure tecniche effettivamente in uso presso gli enti del controllo del traffico aereo informate come sono alle norme contenute negli Allegati e nelle pubblicazioni tecniche pubblicate dall O.A.C.I. (Allegato n. 2 Rules of the Air, Allegato n. 11 Air Traffic Services e DOC.4444), non avesse potere di intervento sull autonoma decisione del comandante che abbandonava la rotta assegnata e scendeva al di sotto delle quote minime di volo consentite per evitare delle formazioni nuvolose pericolose (cumuli nembi). La Cassazione ritenne, al riguardo, che alcuni compiti d istituto del controllore del traffico aereo debbano considerarsi compatibili in linea di massima con le autonome decisioni del comandante dell aeromobile, penalmente rilevando il comportamento omissivo del controllore medesimo, nella sua veste di garante della sicurezza del volo unitamente alla figura del comandante dell aeromobile, ove una qualsiasi inosservanza dei compiti istituzionali suddetti contribuisse causalmente alla produzione dell impatto del velivolo con il terreno. Per ulteriori osservazioni circa la sentenza in argomento, cfr., Air Press, n. 34, del 7 settembre

12 degli Stati membri dell O.A.C.I., di una gestione della materia su basi di uniformità giuridica oltre che tecnica. Peraltro, la natura internazionalistica della problematica era già stata opportunamente sottolineata dal Monaco che in proposito così si espresse: «Il velivolo stesso che è costruito, posseduto, utilizzato da compagnie aeree che hanno carattere internazionale, le attrezzature che servono per il volo, i negozi giuridici che vengono compiuti nei riguardi dell aereo, le assicurazioni aeronautiche, rappresentano un campo nel quale l addentellato, l aspetto e il profilo internazionalistico sono presenti e preponderanti di fronte all aspetto nazionale. In dipendenza di ciò emerge subito che l aviazione civile, sia pure come fenomeno specifico e limitato, è qualche cosa che dà un contributo rilevante alla cooperazione internazionale» 9. Questo brano delinea il ruolo eccezionale che, agli effetti della cooperazione internazionale, può giocare l espansione dell aviazione civile internazionale. A nostro avviso, la congiuntura storica odierna impone l adozione, senza ulteriori ritardi o rinvii, di strumenti internazionali funzionali alle esigenze politiche ed economiche degli Stati, che come nel campo dell aviazione civile sono, più che in altri settori, caratterizzate da un 9 MONACO, La disciplina giuridica internazionale dell aviazione civile, in Riv. dir. nav., 1956, p. 100 (Corsivo mio). 12

13 incessante espansione intimamente connessa allo sviluppo delle tecnologie disponibili e alla conseguente ed innarrestabile crescita del mercato del trasporto aereo internazionale, nella consapevolezza che l internazionalismo promanante dall aviazione civile, come quello in genere legato al trasporto internazionale, può costituire, e di fatto costituisce, un elemento determinante al rafforzarsi dei vincoli di cooperazione nell ambito della comunità internazionale. E, a tal riguardo, auspicabile che la lenta ed incompiuta questione del recepimento della normativa internazionale in materia di navigazione aerea, mettendo a frutto le esperienze acquisite, trovi al più presto una soluzione definitiva che consenta un adeguamento effettivo dell ordinamento italiano in conformità agli standards O.A.C.I.. A nostro avviso deve, pertanto, guardarsi con interesse alle più recenti iniziative multilaterali registrate in ambito regionale 10, ed in particolare nel contesto dell area europea, intese a dare, per altra e meglio percorribile via, concretezza normativa uniforme ai principi e agli obblighi fissati nella Convenzione O.A.C.I.. In questa prospettiva si pone, in particolare, l Arrangement sottroscritto a Cipro il 28 settembre 1990, dai rappresentanti delle Autorità nazionali per l aviazione civile di venticinque Stati, di una 10 Cfr., ZYLICZ, International Air Transport Law, Dordrecht, Martinus Nijhoff, 1992, p

14 apposita Joint Aviation Authorities (J.A.A.) 11 che, in qualità di organismo associato della E.C.A.C. (European Civil Aviation Conference) 12, si è caratterizzato per l esplicazione di innovative funzioni di rule-making nelle materie di comune interesse aeronautico in ambito europeo al fine di: «a) to ensure, through co-operation on regulation, common high levels of aviation safety within the Member States; b) to achieve a cost effective safety system so as to contribute to an efficient aviation industry; c) to contribute, through the uniform applications of common standards, to fair 11 La JAA (Joint Aviation Authorities), istituita a seguito dell Arrangement sottroscritto a Cipro il 28 settembre 1990 dai rappresentanti delle Autorità nazionali per l aviazione civile di venticinque Stati, è un organismo internazionale, a carattere tecnico, associato della E.C.A.C. (European Civil Aviation Conference), che si è caratterizzato per l esplicazione di innovative funzioni di rule-making nelle materie di comune interesse aeronautico in ambito europeo. Esso ha iniziato i propri lavori nel 1970 quale organo tecnico dell E.C.A.C., quando era conosciuta come Joint Airworthiness Authorities. Originariamente i suoi obiettivi erano solo quelli di produrre un codice di certificazione comune per aeromobili da trasporto e le relative motorizzazioni. Ciò al fine di soddisfare le esigenze delle industrie europee ed in particolare per i prodotti realizzati mediante consorzi (Airbus). A partire dal 1987 la sua attività è stata estesa alla standardizzazione delle certificazioni relative alle operazioni, alla manutenzione/progettazione, alle licenze di esercizio per tutte le classi di aeromobili. Attraverso apposite procedure di certificazione della progettazione, produzione e organizzazione della manutenzione, si è pervenuti all adozione di un sistema unificato di Joint certifications emesse dagli Stati JAA simultaneamente e su basi comuni. Cfr., ARRIGONI, Ioint Aviation Authorities: Development of an International Standard for Safety Regulation. The First Steps Are Being Taken by the JAA, in Law and Policy in International Business, 1992, pp ; TAVERNA, JAA Tackles Operations, in Interavia (48), 1993, p Vedi, infra, cap. II, 8, p. 101, nota n

15 and equal competition within the Member States; d) to promote, through international co-operation, the JAA standards and system to improve the safety of aviation world-wide» 13. Non vi è dubbio che, allo stato attuale, la JAA rappresenta il più avanzato ed efficace strumento multilaterale regionale di cooperazione nel campo dell aviazione civile internazionale creato allo scopo di produrre comuni, comprensive e dettagliate norme, nella specie denominate JARs (Joint aviation requirements) 14, destinate, peraltro, ad avere diretta efficacia negli ordinamenti interni degli Stati JAA che siano contestualmente membri dell Unione Europea 15, stante il previsto recepimento della regolamentazione in questione da parte del diritto comunitario Vedi, preambolo dell «Arrangements concerning the development, the acceptance and the implementation of Joint Aviation Requirements (JARs)», firmato a Cipro il 28 settembre 1990, dai rappresentanti delle Autorità nazionali per l Aviazione civile di venticinque Stati, e precisamente: Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Finlandia, Francia, Repubblica Federale di Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Lussamburgo, Malta, Principato di Monaco, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Regno Unito, Yugoslavia. 14 Vedi, «Appendix 1 to the Arrangements of Cyprus - Development and publication of requirements JARs». 15 Cfr., PILLING, More Power for Europe s Safety Body, 1991, in 46 Interavia, p Cfr., «Council Regulation (EEC) No. 3922/91 of 16 December 1991 on the harmonisation of technical requirements and administrative procedures in the field of civil aviation». Tale Regolamento U.E. realizza, attraverso il recepimento della normativa JAA (JARs 21, 22, 23, 25, 27, 29, 36, 145, 147, 15

16 CAPITOLO PRIMO ANTECEDENTI STORICI DELLA CONVENZIONE DI CHICAGO DEL ) Gli strumenti e gli organi internazionali precedenti alla Convenzione di Chicago. In questo capitolo intendiamo delineare il quadro generale entro il quale si colloca il problema dell applicazione degli Allegati tecnici alla Convenzione di Chicago, impropriamente definiti annessi, per lo studio e la comprensione del quale non può prescindersi da una anche se sommaria disamina degli antecedenti storici prodromici dell attuale assetto normativo e istituzionale del settore. JAR/OPS 1, 2, 3, e JAR/FCL 1, 2, 3 e 4 ecc..), l adeguamento ai principi e ai contenuti degli Annessi 1, 6, 8, 13 e 16 alla Convenzione O.A.C.I., relativi rispettivamente alle licenze del personale aeronavigante (personnel licensing), alle operazioni degli aeromobili (Operations of Aircraft), alla navigabilità degli aeromobili (Airworthiness of Aircraft). Alle inchieste sugli incidenti aerei (Aircratf Accident Investigations) e alla tutela ambientale (Enviromental Protection). 16

17 I primi dibattiti in materia di diritto aereo svoltisi a livello internazionale risalgono al primo Congrés international d aéronautique, riunitosi a Parigi in occasione dell Esposizione universale del Nel 1910, nel corso di una Conferenza diplomatica organizzata dal Governo francese ed aperta agli Stati maggiormente interessati allo studio delle tematiche giuridiche connesse allo sviluppo della navigazione aerea, fu fondato a Parigi il Comité juridique international de l aviation, col compito di predisporre un Code de l air. Il Comitato non giunse subito a risultati apprezzabili, ma nei congressi organizzati negli anni successivi predispose lo schema di un documento di considerevole importanza e cioè di un progetto di codice internazionale dell aria di diritto pubblico e privato che, costituì un modello di riferimento per le successive leggi nazionali e convenzioni internazionali adottate in materia. Con il rapido diffondersi dell aviazione civile, già alla fine della prima guerra mondiale, fu avvertita l esigenza di creare un organismo internazionale nell ambito del quale fosse possibile affrontare i complessi 17 Cfr., PEPIN, Le droit aérien, in Recueil des Cours de l Académie de droit international de La Haye, 1947, II, p. 481 ss. 17

18 problemi di collaborazione interstatuale connessi allo sviluppo della navigazione aerea 18. Al termine della prima guerra mondiale, il Consiglio supremo della Conferenza di pace del 1919, nelle sedute del marzo 1919, al fine di uniformare i principi generali della legislazione aeronautica internazionale, nominò una Commissione per l aeronautica, con l incarico specifico di studiare i problemi tecnico-giuridici relativi al settore, in rapporto ai trattati di pace che si venivano stipulando e di formulare uno schema di convenzione per la navigazione aerea internazionale. Dai lavori della Commissione scaturirono le norme relative alla navigazione aerea inserite nei successivi trattati di pace di Vaersailles, Saint Germain, Neuilly, Trianon e Sèvres. In tale contesto, e grazie al crescente interesse che andava instaurandosi nell ambito delle relazioni internazionali riguardanti la materia, la Commissione suddetta ebbe modo di elaborare il progetto definitivo della Convenzione internazionale sulla navigazione aerea che, il 18 Cfr., LATTANZI, Organizzazione dell aviazione civile internazionale (O.A.C.I.), in Enc. diritto, 1981, p ss. 18

19 13 ottobre 1919, venne firmata a Parigi da trentatré Stati 19, tra cui l Italia 20. 2) La Commissione internazionale per la navigazione aerea (C.I.N.A.) la Convenzione internazionale sulla navigazione aerea del 1919, meglio nota come Convenzione di Parigi, rappresenta il primo strumento giuridico in materia di cooperazione internazionale nel campo aeronautico. Essa, sebbene criticata 21 sotto il profilo della riaffermazione del principio della piena ed esclusiva sovranità usque ad coelum degli Stati sugli spazi aerei, può essere tuttavia considerata come il primo segnale concreto verso 19 Della Convenzione di Parigi, entrata in vigore l 11 luglio 1922, fecero parte: Argentina, Australia, Belgio, Bolivia, Bulgaria, Canada, Cecoslovacchia, Cile, Danimarca, Finlandia, Francia, Giappone, Grecia, India, Irak, Iran, Irlanda, Italia, Iugoslavia, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Panama, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Siam, Spagna, Svezia, Svizzera, Unione sud-africana, Uruguay. Cfr., MATEESCO MATTE, Traité de droit aérien aéronautique, Paris, l Italia ha dato esecuzione alla Convenzione internazionale di Parigi del 1919 con R.D.Lg. del 20 agosto 1923, n (pubblicato nella Gazz. Uff. del 5 settembre 1923, n. 208). 21 Cfr., MATEESCO MATTE, Traité, op. ult. cit. Questo autore analizza in chiave critica i contenuti della Convenzione di Parigi in quanto fortemente informati al principio della piena sovranità usque ad coelum degli Stati sullo spazio aereo, quale inevitabile conseguenza dello stato d animo dei vincitori del conflitto. Tuttavia essa risentiva sia delle esperienze di una cooperazione post-bellica (il Comitato interalleato d aviazione istituito nel 1918 e composto da Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, e Italia aveva intrapreso una intensa attività di cooperazione) e sia della evidente esigenza di incrementare, nell interesse stesso dei vincitori del conflitto, gli scambi e i contatti commerciali con tutti gli altri Paesi. 19

20 la definizione di norme uniformi per la disciplina della navigazione aerea internazionale e della volontà della comunità internazionale per la creazione di una apposita organizzazione istituzionalizzata di Stati, che oggi trova appunto la sua massima e moderna espressione nell Organizzazione per l aviazione civile internazionale (O.A.C.I.). Tra gli elementi positivi della Convenzione di Parigi possono essere senz altro menzionati l affermazione del diritto di sorvolo inoffensivo, seppur accordato unicamente agli Stati contraenti e sottoposto ad importanti limitazioni, il diritto di atterraggio in caso di distress ed il principio di non discriminazione per le tasse di atterraggio, ma soprattutto l adozione di norme comuni contenute negli otto Allegati tecnici 22 e la creazione della Commissione internazione per la navigazione aerea (C.I.N.A.), che costituiscono gli antecedenti storici più diretti della attuale struttura normativo-organizzativa dell O.A.C.I.. La Convenzione di Parigi, oltre a disciplinare gli aspetti più rilevanti della navigazione aerea, come innanzi detto, prevedeva l istituzione della 22 Gli otto Allegati tecnici alla Convenzione di Parigi del 1929 erano i seguenti: Annexe A Classification des aéronefs et definitions. Marques à porter sur les aéronefs. Immatriculation des aéronefs. Indicatifs d appel ; Annexe B Certificats de navigabilité ; Annexe C Livre de bord ; Annexe D Règlement sur les feux et signaux ; Annexe E Personnel de conduite ; Annexe F Cartes et repères aéronautiques ; Annexe G Centralisation et distribution des renseignements météorologiques ; Annexe H Douane. Cfr., LATTANZI, Organizzazione, op. cit., p

LE LIBERTÀ DELL ARIA

LE LIBERTÀ DELL ARIA DOC TRA 04 LE LIBERTÀ DELL ARIA Il forte sviluppo del mezzo aereo per il trasporto di persone e merci aveva, già prima della 2^ Guerra Mondiale, evidenziato una serie di problemi tecnici e politici relativamente

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Convenzione Chicago 1944 relativa all aviazione civile internazionale 2

Convenzione Chicago 1944 relativa all aviazione civile internazionale 2 Traduzione Convenzione Chicago 1944 relativa all aviazione civile internazionale 2 Conchiusa a Chicago il 7 dicembre 1944 Preambolo Considerato che lo sviluppo della navigazione aerea civile internazionale

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 Convenzione 78 CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai Ministri finanziari e ai Governatori delle banche centrali del G20 sull attuazione di Basilea 3 Ottobre 2012 Il presente documento è stato redatto

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio Traduzione 1 Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio 0.632.20 Concluso a Marrakech il 15 aprile 1994 Approvato dall Assemblea federale il 16 dicembre 1994 2 Ratificato dalla Svizzera

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli