INDICE. Introduzione 1 1. Metodologie di valutazione degli impatti ambientali derivanti dall uso dei trasporti 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Introduzione 1 1. Metodologie di valutazione degli impatti ambientali derivanti dall uso dei trasporti 2"

Transcript

1

2 Il rapporo presena i risulai di una ricerca realizzaa da Lucio Triolo, Oherearh, ricercaore nelle valuazioni di impao ambienale dei sisemi energeici e Eleonora Pieralice ricercarice ISFORT. La redazione del eso e della meodologia sono fruo di un lavoro svolo in sinergia ra i due ricercaori. Si ringrazia la do.ssa Magda Schimberni ricercarice dell ENEA il cui conribuo nella review della leeraura scienifica, relaiva agli inquinani amosferici, è sao deerminane. Lo sudio cosiuisce un approfondimeno meodologico e un proseguimeno degli aspei di ricerca sugli effei saniari, della esi di laurea Economia del benessere e mobilià urbana sosenibile di E. Pieralice. Si coglie l occasione per ringraziare il professor Angelo Casaldo, relaore della esi, per aver sosenuo con il suo conribuo inelleuale lo sviluppo della ricerca nella sua fase iniziale. Per desiderio degli auori, il rapporo, è dedicao a Maria Pia Monesi che, creando e simolando inconri e associazioni ciadine, si è baua sino alla fine dei suoi giorni per una mobilià più sosenibile. Per alri maeriali e riferimeni visiare il sio sezioni Osservaorio Audimob e Osservaorio sulle Poliiche di Mobilià Urbana Sosenibile.

3 INDICE Inroduzione 1 1. Meodologie di valuazione degli impai ambienali derivani dall uso dei raspori 2 2. Emissioni inquinani dei sisemi di rasporo ed effei nocivi sulla salue umana Inquinani amosferici Il parco veicolare Effei degli inquinani sulla salue umana Gli sudi sugli effei dell inquinameno da raffico sulla salue umana Un modello per la sima delle emissioni e la simulazione di scenari di cambio modale Le foni dei dai e gli indicaori Il modello Meodologia per la sima delle emissioni Confroni ra i primi risulai dello sudio e i dai ufficiali Gli scenari ipoizzai per il cambio modale Meodologia di calcolo dei cambiameni modali Primo scenario di cambio modale Secondo scenario di cambio modale Una scela più efficiene per i due scenari di cambio modale I risulai Un modello di inegrazione ra scenari di cambio modale e effei sulla salue umana I faori dose-risposa relaivi agli effei del PM 10 sulla salue umana Meodologia Prima ipoesi per la sima degli effei saniari Seconda ipoesi per la sima degli effei saniari Sima delle morbosià I risulai Conclusioni 37 Allegao meodologico 39 Meodologia uilizzaa per la sima delle emissioni 39 Meodologia di calcolo della prima ipoesi di cambiameno modale 41 Meodologia di calcolo della seconda ipoesi di cambiameno modale 42 Allegao saisico 43 Bibliografia 47

4

5 Inroduzione Il Rapporo Brundland del 1987 definisce sosenibile quello sviluppo in grado di soddisfare i bisogni dell auale generazione senza compromeere la capacià delle fuure generazioni di soddisfare i propri. Alla fine del 1997, alla Conferenza della Convenzione Quadro delle Nazioni Unie su cambiameni climaici, 160 nazioni sooscrivono il primo raao inernazionale sull ambiene, il cosiddeo proocollo di Kyoo. I paesi indusrializzai si impegnano alla riduzione delle emissioni che inquinano l amosfera e alerano il clima erresre. Nel 2005, il proocollo di Kyoo oiene la raifica di 55 nazioni, sono i paesi che complessivamene generano più del 50% delle emissioni inquinani globali. Nel 2008, dopo diversi disposiivi in maeria ambienale, il Parlameno Europeo e il Consiglio adoano la Direiva 2008/50/CE relaiva alla qualià dell ambiene e per un aria più pulia in Europa. Un anno dopo, l Unione Europea fissa i conribuii di abbaimeno per ogni Sao membro. Da diversi anni ci si inerroga sulle possibili soluzioni per risolvere l emergenza ambienale mondiale. Dai pacchei di misure salva-clima ai raai inernazionali e comuniari, il dibaio mira a definire gli ambii di inerveno per ridurre le emissioni in amosfera degli ageni più inquinani in un oica di abbaimeno di quei faori che, è ormai scienificamene accerao, olre ad alerare l ecosisema globale si ripercuoono con effei devasani sulla salue umana. La ricerca, parendo dalle ragioni e dai fenomeni sociali delle abiudini di mobilià, cerca un percorso per oimizzare soluzioni per il benessere dell inera colleivià. I dai sui comporameni in mobilià degli individui, infai, consenono di simulare diversi scenari di cambio modale. Se uno sposameno in auo produce un deerminao quaniaivo di emissioni di PM 10, quale sarebbe l abbaimeno di ali emissioni nel caso in cui lo sesso percorso avvenisse sul mezzo pubblico? E quali benefici si oerrebbero in ermini saniari? Dopo un analisi degli inquinani amosferici generai dai sisemi di rasporo su srada, viene proposa una sinesi di alcuni sudi sull impao saniario del PM 10 e una breve leeraura sulla misurazione degli impai ambienali derivani dall uso dei raspori. La ricerca, uilizzando la banca dai dell Osservaorio Audimob di ISFORT, prosegue sviluppando una meodologia per simare le emissioni giornaliere e ipoizzare scenari di cambio modale. Infine, per valuare i benefici sulla salue associai a nuovi scenari di emissioni legai al cambio modale, che deermina la diminuzione delle concenrazioni di PM 10, si applicano le funzioni dose-risposa di vari sudi epidemiologici e ossicologici per misurare i possibili risulai saniari. 1

6 1. Meodologie di valuazione degli impai ambienali derivani dall uso dei raspori Tra i diversi sudi, la leeraura di riferimeno per la valuazione degli impai ambienali derivani dall uso dei raspori propone re principali approcci meodologici molo suggesivi. Una prima meodologia è l analisi dei cosi e dei benefici con valuazione monearia dei cosi eserni. Una seconda si muove su crieri di appropriae carrying capaciy misurando il consumo di risorse ambienali e la loro capacià di rigenerarsi, è la meodologia di analisi conosciua come Ecological Fooprin o improna ecologica. La erza uilizza sisemi di indicaori chiave per misurare e moniorare i danni ambienali provocai dai raspori. Gli approcci suggerii in leeraura possono essere disini in due macro-caegorie: meodi di valuazione aggregae e crieri di misurazione basai su sisemi di indicaori. L analisi dei cosi eserni e l analisi dell improna ecologica rienrano nella caegoria dei meodi di valuazioni aggregae; la prima riconduce i diversi eveni a valori moneari, la seconda uilizza crieri di misurazione di ipo fisico. L analisi su sisemi di indicaori chiave si differenza perché non riconduce ad un'unica unià di misura i differeni ipi di danno, ma disingue gli indicaori secondo le componeni del danno. L approccio economico per la misurazione dei cosi eserni è normalmene disino in più sadi. In sinesi, la successione prevede l idenificazione dei casi o eveni negaivi da aribuire ai cosi sociali che non corrispondono a ransazioni di mercao; una vola individuai i fenomeni, bisognerà definire l enià del danno che arrecano e infine occorrerà assegnare loro un valore economico. Una delle applicazioni meodologiche più auorevoli, sulle valuazioni delle esernalià negaive nel seore dei raspori, è rappresenaa dallo sudio INFRAS/IWW 1 pubblicao, per la prima vola, a meà degli anni 90. Il meodo, INFRAS/IWW (INFRAS, IWW, 2004), definisce quali dovrebbero essere le esernalià da inernalizzare considerando alcune componeni di coso come, ad esempio, la concenrazione di PM 10, l incidenalià e il rischio di more o inabilià, i premi assicuraivi per i veicoli, le esposizioni acusiche, gli effei nocivi sull ambiene, le spese mediche, i cosi indirei. La valuazione dei cosi è disina per caegoria di effeo e per paese ineressao. In Ialia Amici della Terra in collaborazione con le FS hanno svolo uno sudio (Lombard P. L. e Molocchi A., 1999) per quanificare i cosi, non sosenui dagli ueni dei raspori, che ricadono sull inera colleivià. Lo sudio cerca di far ineragire i due sisemi classicamene uilizzai in leeraura, op-down e boom-up, per riuscire a dare una valuazione dei cosi eserni su scala nazionale 2. La scela di inerazione delle ecniche di aggregazione dal basso in alo, boom-up, o quelle di decomposizione dall alo in basso, op-down, deriva dalla difficile reperibilià di dai elemenari per alcune caegorie di indicaori. Alri meodi di valuazione sono più sineici e specifici. Meodi di analisi cosi benefici, dove è considerao il ciclo di via dei raspori su srada per idenificare le variabili che conribuiscono significaivamene all impao ambienale, come la produzione di combusibile, la manuenzione del veicolo, il consumo di risorse non rinnovabili, l'elericià, le emissioni dell'aria, fino ad arrivare alla fase conclusiva del ciclo con lo smalimeno o roamazione del mezzo (Eriksson E. e al., 1996). Analisi che ra i crieri di valuazione inseriscono i sisemi di sicurezza delle infrasruure e il rischio di incideni (Greene D. e al., 1997), o includono ra i cosi della ree l usura della srada, i flussi e la capienza della srada (Gran-Muller S. and J. Laird, 2007). Poliiche regolarici, per ricondurre ad un equilibrio sociale con valuazioni economiche ae a 1 2 INFRAS è una socieà di Zurigo e IWW è l isiuo per la Poliica e la Ricerca Economica dell Universià di Karlsruhe. Nel eso si rova una noa, scria dagli sessi auori che evidenzia un puno debole della meodologia. Gli auori scrivono: Quano maggiore è l ampiezza del coneso errioriale di riferimeno, ano maggiore è la numerosià delle foni d impao mobili e sazionarie da prendere in considerazione. In quesi casi non è possibile ricosruire ad uno ad uno i senieri d impao legai ad ogni fone, e occorre applicare procedure semplificae di sima basae anche sugli sudi, ove disponibili, che ricosruiscono ali senieri d impao. 2

7 misurare gli effei ambienali derivani dalla congesione e non solo araverso un riequilibrio della ree sradale (O Mahony M. e al., 1997). Richard C. Porer misura i danni economici derivani dall uso dell auomobile, come la sicurezza sradale, le assicurazioni, la congesione, l inquinameno, il riscaldameno globale, per valuare una abiudine socialmene cososa e per sviluppare poliiche a sosegno di una miglior qualià della via (Porer R. C., 1999). La eoria di Clifford Cobb, pare, dal presupposo che i cosi sociali degli auomobilisi non ricadono su chi li produce ma sull inera socieà. L analisi valua come le cià diverrebbero più vivibili, se i cosi sociali si rasformassero in asse (Cobb C., 1998). Un analisi delle poliiche e degli impedimeni praici per inernalizzare i cosi eserni, in Canada, passa araverso la revisione delle misurazioni dei cosi sociali, sudiando l impao ambienale per ue le modalià di rasporo (English G. e al., 2000). L inernalizzazione dei cosi può essere faa direamene con la regolazione, misure di conrollo e di ordine, o indireamene fornendo moivi migliori agli ueni di rasporo, è la srada indicaa nel manuale di M. Maibach (2008). Un alra srada per valuare l impao ambienale deerminao dai raspori passa araverso l esame delle ripercussioni saniarie o dei benefici che la mobilià alernaiva genera in ermini di salue (Frank L. e al., 2006). Sempre su queso versane è saa sviluppaa una meodologia per valuare gli effei benefici sulla salue riguardani la mobilià dolce come l uso della biciclea e il camminare (Cavill N. e al., 2007). Il secondo approccio individuao è l improna ecologica (Wackernagel M. e W. E. Rees, 2000), uno dei più receni meodi di analisi degli impai ambienali. Nel 1996 Mahis Wackernagel e William Rees ribalarono le valuazioni radizionali in maeria di sosenibilià sudiando le capacià di carico dei sisemi naurali in relazione all impao del carico umano. L unià di misura valuaa in ermini di superficie equivalene è così definia: Quano spazio bioproduivo in rapporo alla produivià media globale viene uilizzao per la produzione delle risorse consumae da una deerminaa popolazione. Dalle leggi della ermodinamica è noo che, per la conservazione della maeria, la massa non si crea né si disrugge, e inolre per esensione, dal primo principio della ermodinamica, l energia non si crea né si disrugge. Quesi concei sono perfeamene compaibili con le sime dell improna ecologica che valua quane risorse naurali sono disponibili a livello globale e allo sesso empo quane se ne sanno consumando, ossia valua quano inquinameno le risorse naurali sono in grado di riassorbire. In praica l improna ecologica è un meodo di calcolo che permee di converire in superficie equivalene sia le risorse naurali disponibili sia il loro esaurimeno graduale. Il risulao finale consene di confronare l area bioproduiva richiesa e quella disponibile; se il divario eccede in senso negaivo, si porà affermare che le aivià umane sono insosenibili. In Ialia, una sperimenazione su base regionale è saa curaa e diffusa dal WWF in uno sudio nell ambio del Programma Operaivo Nazionale Assisenza Tecnica e Azioni di Sisema del Minisero dell Ambiene e della Tuela del Terriorio, co-finanziao dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (Bilanzone G. e al., 2002). L improna ecologica è un misuraore di ipo fisico in grado di valuare gli impai ambienali ed ecologici, ma non gli effei direi dei danni sull uomo. Nel 2002 Nicky Chambers e Craig Simmons hanno pubblicao, insieme a Mahis Wackernagel, un manuale con esempi applicaivi per il calcolo dell improna ecologica (Chambers N. e al., 2002). Negli anni a seguire alri ricercaori e isiui di ricerca, nell ineno di applicare l indicaore su base nazionale, hanno ampliao i meodi di calcolo. Ad esempio in Svizzera l improna ecologica è ricalcolaa per un confrono con quella di alri paesi e la meodologia è messa a disposizione per consenire di diffondere, criicare e valuare il meodo uilizzao (Von Sokar T. e al., 2006). Nel 2007, un nurio eam di ricercaori propone un uleriore sima e revisione della meodologia di calcolo e l improna ecologica viene assuna dalla Germania come l indicaore nazionale di sosenibilià (Giljum S. e al., 2007). Infine il erzo approccio si sviluppa nel 1993, quando l OCSE 3, al fine di agevolare la leura degli indicaori ambienali, propone il modello PSR, acronimo di Pressioni, Sao e 3 Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. 3

8 Rispose. Un sisema di indicaori chiave che misurano le aivià umane in ermini di pressioni causae all ambiene, qualià e quanià delle risorse disponibili, e rispose della socieà ai problemi ambienali. Qualche anno più ardi l European Environmen Agency e l Eurosa inroducono alri due elemeni: Deerminani, ossia le cause primarie, e gli effei denominai Impai. Il modello DPSIR dà una visione di insieme dei fenomeni ambienali selezionando gli indicaori in base alle loro principali caraerisiche e dinamiche causali. Il modello è alimenao da circa 400 indicaori suddivisi in 6 emaiche ambienali. TERM 4 è il modello di monioraggio degli indicaori inereni il rasporo e l ambiene, ed è sudiao per valuare in ermini di efficienza-efficacia la domanda, le presazioni, la capacià infrasruurale, le ecnologie, la ariffazione e la pianificazione errioriale (EEA, European Environmen Agency, 2000). L APAT, Agenzia per la Proezione dell'ambiene e per i Servizi Tecnici, nel rapporo del 2005, (Conaldi M. e R. Pignaelli, 2005) ha proposo una versione dello schema di misurazione TERM applicao all Ialia. Il rapporo Ecosisema Urbano 2009, elaborao da Legambiene e dall isiuo di ricerca Ambiene Ialia, è un alro sudio che si basa su crieri di misurazione di sisemi di indicaori (Legambiene, 2009). Anche in quesa ricerca si rirovano i faori di pressione, capacià di risposa e di gesione ambienale, definii dal modello DPSIR; la rappresenazione dei dai viene però fornia in forma di graduaorie che consenono di silare una classifica dei comuni capoluoghi di provincia. Anche nell ambio dell analisi su sisemi di indicaori si possono rovare diversi crieri di classificazione. La severià delle probabili conseguenze e l'applicazione dei meodi analiici cosiuiscono la base per sviluppare una fore azione globale per ridurre le emissioni gas-serra, è l orienameno del Regno Unio che propone un analisi degli indicaori economici dei cambiameni climaici per preservare le generazioni fuure (Sern N. e al., 2006). Un analisi dei dai per verificare quano gli indicaori ambienali, dal buco nell ozono, alle piogge acide, ai cambiameni climaici, e gli inerveni dello Sao con performance di policy, abbiano migliorao la crescia e lo sviluppo, è la ricerca pubblicaa dal World Resources Insiue (Hammond A. e al., 1995). La congesione del raffico pone un problema e la sua riduzione è l obieivo da raggiungere, è uno dei emi affronai da Todd Liman in un efficace guida per la definizione di indicaori obieivo per la valuazione della mobilià sosenibile (Liman T., 2009). Tra le linee guida va senz alro ricordaa la pubblicazione sugli sandard inernazionali per la valuazione delle emissioni inquinani (Eggleson H.S. e al., 2006). Infine, un ulima via è quella degli indicaori di performance, normalmene usai per le poliiche di programmazione, dove la valuazione avviene in ermini di efficacia dell inerveno effeuao (Pearce B., 2005). In un sudio presenao dal CRENoS 5, gli indicaori di performance, selezionai sulla base di crieri di efficienza, esausivià e adaabilià, sono uilizzai per valuare l efficacia e moniorare nel empo, le poliiche per la mobilià urbana sosenibile. Gli indicaori di performance sono adaai, di vola in vola, alle esigenze e alla specificià errioriale, di una deerminaa cià e, di conseguenza, non possono essere uilizzai per un confrono ra cià di diversa dimensione (Mameli F. e G. Marleo, 2009). 4 5 Transpor and Environmen Reporing Mechanism. CRENoS, Cenro Ricerche Economiche Nord Sud, è un cenro di ricerca delle Universià di Cagliari e Sassari. 4

9 2. Emissioni inquinani dei sisemi di rasporo ed effei nocivi sulla salue umana 2.1. Inquinani amosferici Le emissioni di inquinani amosferici sono generae da diversi seori produivi indusriali, come le aivià meallurgiche, chimiche, di rasformazione di prodoi peroliferi e cenrali ermoeleriche. Per quano riguarda il seore dei servizi le principali emissioni sono dovue al rasporo sia pubblico che privao e al riscaldameno di edifici civili e residenziali. Nella Fig. 1 i principali inquinani amosferici, generai dal sisema dei raspori, sono classificai secondo il loro effeo locale o climalerane. Va ricordao che non esisono disinzioni per quano concerne il loro effeo nocivo sulla salue umana e sull ambiene. Fig. 1 - Inquinani amosferici generai dai sisemi di rasporo Inquinani ad effeo locale l l NO x, CO, NMVOC s, PM10, PM2.5, Pb, SO 2,. Inquinani climalerani l CO 2, CH 4, N 2 O, Nel documeno LRTAP (Long Range Transboundary Air Polluion) del 2008, presenao alla convenion UNECE (Unied Naions Economic Commission for Europe), l L Agenzia Europea per l Ambiene (EEA) ha confronao i dai dell andameno delle emissioni oali nei 27 Paesi dell Unione Europea (Fig. 2). Fig. 2 - UE-27: andameno delle emissioni di NO x, CO, NMVOC, SO x, NH 3, PM 10 e PM 2.5 ( , in ermini relaivi) PM2.5 PM10 NH3 NO x NMVOC CO SOx Fone: European Environmen Agency (EEA), I dai, analizzai in serie sorica , spiegano la endenza per ogni agene inquinane in funzione del Numero Indice dove si assume l anno 1990 come base=100. 5

10 Le emissioni riconducibili essenzialmene al seore rasporisico sono: ossidi di azoo (NO x ), monossido di carbonio (CO) e composi organici non meanici (NMVOC s ), come il benzene e l eanolo. Menre per quano riguarda le polveri soili (Pm 10 e PM 2,5 ), i raspori, a livello europeo, cosiuiscono la seconda fone di emissione dopo il seore residenziale. Ciò non è vero per quano riguarda l Ialia, dove il PM 10 proviene principalmene dal seore dei raspori. Una normaiva più aena agli aspei ossicologici ed epidemiologici ha consenio nell ulimo decennio di inserire quei cambiameni ecnologici in grado di abbaere le emissioni inquinani, di auoveicoli e carburane, dovue al piombo (Pb) e agli ossidi di zolfo (SO x ). Il Proocollo di Kyoo (IPCC - Inergovernmenal Panel on Climae Change) ha poso l obieivo di una riduzione dei gas serra (uilizzando a riferimeno i dai rilevai nel 1990) del 25-40% enro il 2020 e del 50% enro il L Ialia raificando il proocollo IPCC con Legge 120/2002, si è impegnaa al raggiungimeno enro il 2012 di un obieivo inermedio pari ad una riduzione del 6,5% delle emissioni rispeo al Nella realà dal 1990 al 2005 le emissioni di gas serra a livello nazionale (Tab. 1), espresse in CO 2 equivalene, sono complessivamene aumenae del 12,7%. Il seore raspori, nel 2005, risula la seconda più imporane fone di emissione dopo la produzione di energia e la rasformazione dei combusibili per una quoa del 23,9%. Nonosane il fore aumeno delle alre sorgeni e assorbimeni, unica voce che normalmene viene deraa dal oale, l andameno crescene delle emissioni di anidride carbonica è dovuo in larga misura alla crescia cosane del rasporo su srada. Tab. 1 - Andameno delle emissioni di anidride carbonica, per macro seore (Numero Indice anno 1990=100 e Val. %) Numero indice Disribuzione Descrizione macroseore delle emissioni (%) 01-produzione energia, rasformaz. combusibili 100,0 103,1 110,3 118,7 32,9 02-combusione non indusriale 100,0 98,5 103,3 122,2 17,3 03-combusione nell'indusria 100,0 99,4 99,1 91,0 16,3 04-processi produivi 100,0 94,1 88,7 95,8 5,8 05-esrazione e disribuzione combusibili 100,0 235,3 184,7 300,2 0,1 06-uso di solveni 100,0 89,1 79,7 83,3 0,3 07-rasporo su srada 100,0 110,8 118,0 125,0 23,9 08-alre sorgeni mobili e macchinari 100,0 103,2 104,4 107,0 3,3 09-raameno e smalimeno rifiui 100,0 76,7 35,3 37,7 0,1 11-alre sorgeni e assorbimeni 100,0 131,1 122,8 143,5-23,4 Toale complessivo 100,0 102,6 106,6 112,7 100,0 Fone: Elaborazione ISFORT su dai ISPRA Alla fine del 2008 l Unione Europea ha approvao un paccheo di provvedimeni per il seore dei raspori. In prima isanza, con Decisione 406/2009/CE, il Parlameno europeo e il Consiglio hanno fissao il conribuo minimo di riduzione, per ciascuno Sao. L Ialia, nei seori di piccolamedia impresa, in quelli civili, in agricolura e nei raspori, dovrà abbaere del 13% le emissioni nel periodo Una seconda isanza riguarda la Direiva 2009/28/CE, dove l uso dell energia da foni rinnovabili deve raggiungere enro il 2020 una quoa pari almeno al 10% di uilizzo di biocarburani al poso di gasolio e benzina per il rasporo su gomma. Infine il Regolameno 443/2009/CE riguarda la diminuzione delle emissioni di CO 2 delle nuove auomobili. Nelle figure 3-8 sono rappresenae le emissioni di PM 10, NO x, COVNM s, CO, benzene ed ammoniaca (NH 3 ) per i 34 capoluoghi di provincia, indagai nel VI Rapporo Ispra su "Qualià dell'ambiene urbano" e rappresenaivi delle principali realà urbane ialiane. 6

11 Per le emissioni di PM 10 (Fig. 3) il rasporo su srada cosiuisce la principale sorgene emissiva per 21 cià sulle 34 considerae. Per 13 cià il conribuo apporao dal rasporo su srada alle emissioni di PM 10 si aesa aorno al 40% delle emissioni oali; ale valore viene superao abbondanemene nelle aree urbane di Aosa, Milano, Monza, Roma, Palermo e Caania. In ermini di valore assoluo, nel 2007 le emissioni maggiori riguardano Tarano (5374 onnellae, dove circa il 92% di ali emissioni risula aribuibile all indusria) e Roma (3303 onnellae). Fig. 3 - Emissioni a livello comunale di PM 10 primario (riparizione seoriale, 2007) Fone: ISPRA 2009 Nelle diverse aree urbane (Fig. 4), la disribuzione di ossidi di azoo (NO x ) evidenzia i conribui emissivi dovui principalmene al seore indusriale e a quello del rasporo su srada, dove ques'ulimo è superiore al 50% in ben 27 cià su 34. Fig. 4 - Emissioni a livello comunale di ossidi di azoo (riparizione seoriale, 2007) Fone: ISPRA

12 Per le cià poruali, un conribuo imporane è cosiuio dal seore Alro rasporo che comprende le emissioni derivani da aivià poruali: a Triese, Genova e Cagliari l inero seore conribuisce per più del 20% alle emissioni di ossidi di azoo, per il 30% ad Ancona e per il 40% a Livorno, menre a Napoli supera addiriura il 60%. Per quano riguarda gli ossidi di azoo, in valore assoluo le emissioni maggiori, per il 2007, sono sae regisrae a Roma (31072 onnellae), Napoli (25313 onnellae) e Tarano (20464 onnellae). L'uso di solveni, conenuo nel macro-aggregao "Alro", caraerizza le emissioni relaive ai composi organici non meanici. Tuavia si può noare come il "Trasporo su srada" anche in queso caso rappreseni una delle cause principali di emissione (Fig. 5). Infai rappresena un valore olre il 20% in ben 25 cià capoluogo, con picchi del 40% a Roma, Aosa e Cagliari. Roma (36691 onnellae) e Milano (24451 onnellae) deengono il primao, in valore assoluo, per le maggiori emissioni di composi organici volaili non meanici. Fig. 5 - Emissioni a livello comunale di Composi Organici Volaili Non Meanici (riparizione seoriale, 2007) Fone: ISPRA, 2009 Per quano riguarda la sima delle emissioni di monossido di carbonio (Fig. 6), si evidenzia una disribuzione superiore al 50% per il segmeno di rasporo su srada nella quasi oalià delle cià, uniche eccezioni Venezia, Triese e Tarano. 8

13 Fig. 6 - Emissioni a livello comunale di monossido di carbonio (riparizione seoriale, 2007) Fone: ISPRA, 2009 Il "rasporo su srada" deiene il primao anche per quano riguarda le emissioni di benzene (Fig. 7). Solo in 3 cià il conribuo del rasporo è al di soo del 60%, menre in ben 12 capoluoghi le emissioni di benzene per queso seore supera l'80%. Fig. 7 - Emissioni a livello comunale di benzene (riparizione seoriale, 2007) Fone: ISPRA, 2009 "Agricolura e forese e Traspori su srada" caraerizzano i conribui più rilevani nel caso dell ammoniaca (Fig. 8). Sono 9 le aree urbano dove l'incidenza del rasporo supera il 40%. 9

14 Fig. 8 - Emissioni a livello comunale di ammoniaca (riparizione seoriale, 2007) Fone: ISPRA, Il parco veicolare In Tab. 2 sono riporae le variazioni del parco veicolare ra gli anni 1990, 2000 e Poso come base=100 il 1990 si noa l incremeno di ui i veicoli ad eccezione dei moocarri che, però, sembrano essere sosiuii dagli Auocarri, che crescono in misura maggiore rispeo alle alre caegorie. Tab. 2 - Confrono sulla consisenza del parco veicolare suddiviso per caegoria (Numero Indice, anno 1990=100) Anni Moocicli Moocarri Auoveure Auobus Auocarri Merci Speciali Morici Alro Toale ,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100, ,5 83,9 118,9 113,2 138,8 194,6 171,1 121,3 121, ,2 62,8 134,1 128,5 186,1 314,5 233,5 62,9 145,0 Fone: Elaborazioni ISFORT su dai A.C.I. - Saisiche auomobilisiche Osservando la Tab. 3, nel periodo considerao si evidenzia un decremeno delle auoveure nei capoluoghi del cenro-nord, menre per Roma, Napoli e Palermo la consisenza del parco privao incremena ra i 10 e 17 puni percenuali. Tab. 3 - Confrono sulla consisenza del parco auoveure per alcuni comuni ialiani (Numero Indice 1990=100) Anni Torino Milano Genova Bologna Firenze Roma Napoli Palermo Ialia ,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100, ,4 85,4 92,8 88,4 85,5 107,8 129,1 116,7 118, ,3 77,7 87,6 80,9 82,8 110,8 117,9 117,0 134,1 Fone: Elaborazioni ISFORT su dai A.C.I. - Saisiche auomobilisiche 10

15 Il dao delle auoveure relazionao alla dimensione demografica (Tab. 4) è in Ialia in linea con i paesi dell Unione Europea, per quano riguarda gli auobus per abiane. Menre sul versane degli auoveicoli privai si supera di almeno 100 veure ogni abiani gli alri paesi europei. Tab. 4 - Auoveure e Auobus per abiani in alcuni paesi UE, 2008 Nazione Auoveure per abiani Auobus per abiani Ausria 515,3 1,1 Belgio 478,7 1,5 Finlandia 507,3 2,3 Francia 499,9 1,4 Germania 502,3 0,9 Gran Breagna 496,9 1,5 Irlanda 440,7 - Ialia 608,1 1,6 Olanda 473,5 0,7 Spagna 493,4 1,4 Svezia 467,7 1,5 Complesso 513,9 1,3 Fone: Elaborazioni ISFORT su dai A.C.I. - Saisiche auomobilisiche Scendendo nel deaglio (Tab. 5), Genova e Bologna rappresenano i comuni con una più bassa concenrazione di auoveure per abiane, quindi da un puno di visa di possibile generazione di raffico e inquinameno, risulano più viruosi di cià come Torino, Napoli o Palermo. Roma invece, con le sue 693,7 auo per abiani, deiene il primao negaivo, che aumena fino a superare la soglia di 800 auoveure se si considerano solo i resideni con eà da paene. Tab. 5 - Auoveure per abiani in alcuni comuni ialiani, 2010 Comuni Auoveure per Auoveure per abiani abiani con eà >= 18 anni Torino 598,4 699,1 Milano 546,8 643,5 Genova 466,2 539,7 Bologna 518,4 597,4 Firenze 557,6 647,9 Roma 693,7 831,0 Napoli 578,2 717,8 Palermo 597,1 741,6 Ialia 608,0 733,1 Fone: Elaborazioni ISFORT su dai A.C.I. - Saisiche auomobilisiche Il ipo di alimenazione e le norme europee sugli sandard di emissione cosiuiscono elemeni cardini per definire quano più un auoveura inquina. Le variazioni percenuali ra il 2007 e il 2010 (Tab. 6) mosrano una endenza degli ialiani al rinnovo del parco veicolare, la scela ricade principalmene su veure a benzina o gas liquido (Var. % 838,8). 11

16 Tab. 6 - Variazione percenuale del parco auoveure secondo l alimenazione e la classe Euro (Var. %) Alimenazione Euro 0 Euro 1 Euro 2 Euro 3 Euro 4 Toale complessivo Alre -12,6-4,3-37,5-38,5-16,1 3,3 Benzina -20,6-37,0-24,2-6,5 43,3-7,9 Benzina o gas liquido -22,8-29,6 0,4 67,1 838,8 78,7 Benzina o meano -29,9-34,0-12,1 11,1 207,2 57,8 Gasolio -7,8-30,1-20,7-7,7 58,8 15,2 Toale -19,3-35,7-22,6-6,4 62,2 3,0 Fone: Elaborazioni ISFORT su dai A.C.I. - Saisiche auomobilisiche Le auo a Gpl o meano, rispeo a quelle a gasolio emeono meno polveri primarie, ma esise una consisene formazione di polveri secondarie generalmene non messe in evidenza. Se si pone uguale a 100 il livello di emissioni di CO 2 di un moore a benzina, nel caso di Gpl si scende a 90 e a 80 nel caso del meano. Le emissioni di idrocarburi non variano ra benzina, Gpl e meano, menre gli ossidi di azoo e ossidi di carbonio risulano generalmene inferiori rispeo ai veicoli a benzina e per quano riguarda il benzene le emissioni sono nulle per l alimenazione a meano. In Fig. 9 sono riporae le emissioni di CO 2 in funzione del peso delle veure alimenae a benzina o a meano. E ben visibile un aumeno spiccao delle emissioni di CO 2 nelle veure a benzina. Le veure a meano emeono mediamene il 20% di CO 2 in meno rispeo a quelle a benzina. I valori più elevai in figura rispeo alla rea di inerpolazione corrispondono a misure effeuae con elevae accelerazioni dell ordine di 7-8 secondi per raggiungere una velocià di 100 km/ora. Fig. 9 Emissioni di CO 2 in funzione peso/presazioni (veure benzina e meano) Fone: Cavallino F., 2006 Se da un lao, in Ialia, ci si sposa sempre più verso veicoli in linea con gli sandard europei, dall alro è pur vero che aumenano le auoveure con classi di cilindraa sempre maggiore. Infai, come si legge nella Tab. 7, aumena del 13,8% la classe ra i e cc con più di auoveure in valore assoluo, e in analoga proporzione cresce il numero di auo con cilindraa superiore a cc fino ad un oale di veicoli. 12

17 L obieivo fissao dal Regolameno 443/2009/CE per l abbaimeno delle emissioni di CO 2 si porà oenere solo se le auomobili di nuova fabbricazione mediamene produrranno livelli inferiori al 130g/km. Per oenere queso risulao le indusrie auomobilisiche endenzialmene diminuiscono le emissioni di CO 2 per le auoveure normalmene più vendue, come ad esempio le uiliarie o quelle con basse cilindrae, menre per garanire elevae presazioni dei moori abbaono in misura minore le emissioni per i veicoli con cilindrae maggiori, che resano sopra le soglie sabilie dall Unione Europea. Quindi, se è vero che la produzione garanisce il raggiungimeno del valore medio, è pur vero che, se cambiano gli sili di via dei consumaori, come ad esempio l aumenaa propensione all acquiso di veicoli con cilindrae superiori, probabilmene sarà molo difficile raggiungere l obieivo fissao in ambio UE. Inolre, se è vero che il mercao della ecnologia avanzaa ripone più aenzione alla riduzione di PM 10 e CO 2, è pur vero che per aumenare le presazioni dei moori si ricorre, alcune vole, all uso del proossido di azoo (N 2 O) la cui ossidazione produce quanià di NO x anche se rascurabili rispeo a quelle prodoe nella combusione. Tab. 7 - Auoveure per classi di cilindraa, (Var. % ) Cilindraa Var. % Differenza in valori assolui cc -8, cc -8, cc 13, cc -0, cc 1, olre cc 15, Toale 3, Fone: Elaborazioni ISFORT su dai A.C.I. - Saisiche auomobilisiche 2.3. Effei degli inquinani sulla salue umana Il paricolao amosferico è un insieme molo eerogeneo di paricelle solide e liquide, che possono essere immesse direamene nell'amosfera (paricolao primario) o generae da reazioni gas-solido che avvengono in amosfera (paricolao secondario). La sua ossicià dipende da caraerisiche fisiche (dimensione delle paricelle) e dalla composizione chimica, che è prevalenemene cosiuia da composi organici del carbonio (IPA - Idrocarburi Policiclici Aromaici; niro-ipa) e ossidi di elemeni ossici (Pb, Cd, Ni, ec). Le paricelle che si disperdono nell amosfera hanno un diamero oscillane da 0,1 a 10 micron. Sono in grado di penerare nelle vie respiraorie, raggiungendo l epielio dei bronchioli e gli alveoli polmonari penerano direamene nel sangue. Negli ulimi anni l aenzione si è concenraa sulle frazioni più fini del paricolao ed in paricolare sul PM 10 (paricelle con diamero aerodinamico < 10 µm) e, in empi più receni, su frazioni cosiuie da paricelle di dimensioni ancora minori, quali il PM 2.5 (diamero aerodinamico < 2.5 µm). Sudi epidemiologici e sudi di ossicià hanno reso, inolre, sempre più consisene l ipoesi che gli effei ossici del paricolao siano da aribuire in gran pare alla presenza di nanoparicelle (diamero <100 nm), che derivano da processi di combusione (es.: impiani per la produzione di energia, impiani di riscaldameno, raffico veicolare), dal crescene impiego di nanoecnologie e nanomaeriali e da foni naurali (vulcani, incendi, erosione, spray marini). Il paricolao può produrre sia effei acui, dovui ad esposizioni per brevi periodi di empo, sia effei cronici, dovui ad esposizioni prolungae. 13

18 Per quano riguarda gli effei acui, quelli più rilevani si manifesano nella cosiddea popolazione sensibile (ad es.; anziani, bambini, soggei asmaici) e comprendono infiammazioni polmonari, paologie respiraorie e cardiovascolari, aumeno della richiesa di cure mediche e di ricoveri ospedalieri. Gli effei cronici includono un aumeno delle paologie dell apparao respiraorio inferiore quali le malaie polmonari osruive croniche e la riduzione delle funzioni polmonari nei bambini e negli aduli, paologie cardiache e cancro al polmone. Per il paricolao non esise una soglia di concenrazione minima al di soo della quale non sia possibile verificare delle conseguenze saniarie. In una scela di valuazioni di sosenibilià sono definii dei limii normaivi che acceano il rischio delle ineviabili paologie e dei decessi associai. NO x rappresena il composo che idenifica l insieme di ui gli ossidi di azoo e le miscele dei loro composi chimici. Gli ossidi di azoo vengono prodoi araverso qualsiasi combusione dove viene uilizzaa aria, quindi dal moore delle auomobili al camino a legna o alle cenrali ermoeleriche. Secondo le condizioni di combusione si oengono diverse quanià e qualià di miscele di ossidi di azoo. NO x rappresena un elevao faore di inquinameno amosferico. Le ecnologie per la diminuzione della emperaura di combusione mirano a diminuire la concenrazione dell inquinane sesso. Per oenere migliori risulai, normalmene, sono uilizzai i caalizzaori o i meodi di iniezione. Le reazioni chimiche degli ossidi di azoo con idrocarburi non-meano in presenza di radiazioni UV deerminano la sinesi di ozono e di alri ossidani foochimici. Se gli ossidi di azoo sono dissoli nelle precipiazioni amosferiche e nella nebbia si deermina la formazione di acidià minerale, le cosiddee piogge acide. Il monossido (NO) ed il biossido di azoo (NO 2 ) risulano enrambi poenzialmene pericolosi per la salue umana. L azione dell NO è, però, relaivamene blanda e a causa della sua rapida ossidazione a NO 2 si fa riferimeno esclusivamene agli effei di ques ulimo, che può avere una ossicià fino a quaro vole maggiore di quella del monossido. Fore ossidane ed irriane, l NO 2 esercia il suo effeo ossico principalmene sugli occhi e sull apparao respiraorio e può conribuire all insorgere di bronchii croniche, asma ed enfisema polmonare. Il rischio è più elevao in gruppi di popolazione sensibili, quali i bambini e gli asmaici. Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanià (OMS) l esposizione conemporanea a biossido di azoo e ad ozono può deerminare effei addiivi e/o sinergici. Il Monossido di carbonio (CO), è un gas velenoso prodoo dalla combusione incomplea di sosanze organiche coneneni carbonio. Numerosi sudi epidemiologici hanno evidenziao una correlazione ra concenrazioni ambienali e ricoveri ospedalieri per malaie cardiovascolari, anche a basse concenrazioni ambienali (1-5 ppm). Soggei con pregressa cardiopaia ed icus cerebrale cosiuiscono un gruppo paricolarmene a rischio dal momeno che gli effei nocivi del CO (per l insorgere dei quali sembra non esisa una soglia di concenrazione) ineressano prevalenemene il cuore ed il sisema nervoso cenrale. La ossicià del monossido di carbonio si può manifesare, anche in presenza di basse concenrazioni, araverso la riduzione della capacià del sangue di far affluire ossigeno ai vari organi e in paricolare al cervello; colpisce anche i polmoni ed è causa di asfissia. L anidride carbonica divena ossica quando la sua concenrazione nell aria supera la soglia del 5%. L aumeno delle emissioni di CO 2 per combusione di fossili come il carbone, il perolio e il gas naurale, e per la deforesazione che causa una minore assimilazione foosineica della CO 2 dagli ecosisemi vegeali, hanno provocao un incremeno della concenrazione di queso inquinane climalerane che deermina l effeo serra. Il proossido di azoo (N 2 O), è fondamenalmene uno dei gas serra, viene normalmene uilizzao per aumenare la poenza delle presazioni dei moori. È rienuo un composo poco ossico anche se la sua inalazione, per periodi prolungai, può porare a malaie del sisema nervoso, anemie e carenze di viamina B

19 L ammoniaca (NH 3 ), è un composo ossico dall odore molo caraerizzane; pur non essendo un inquinane climalerane, provoca danni ambienali nei suoli e nelle falde acquifere. I principali effei dell'ozono e degli ossidani foochimici sulla salue umana si evidenziano a carico delle vie respiraorie, dove si ha l'induzione di una risposa infiammaoria ed alerazioni che deerminano una riduzione della funzione polmonare, comparsa di iper-reaivià bronchiale fino a possibile insorgenza di edema polmonare. L'esposizione all'o 3 può provocare una maggiore frequenza di crisi asmaiche nei pazieni già affei da asma ed aggravare le condizioni di pazieni affei da malaie osruive croniche. Per quesi individui, come pure per i fumaori, il rischio associao all'esposizione ad O 3 è comunque più elevao a causa della preesisene diminuia funzionalià polmonare. Tra i composi organici volaili non-meano (NMVOC) i più menzionai sono: gli idrocarburi, il benzene e i composi organici ossigenai. Insieme agli ossidi di azoo cosiuiscono i precursori della sinesi dell ozono roposferico, cioè in quella fascia dell amosfera che si rova a direo conao con la superficie erresre. Le emissioni in amosfera sono generae dall evaporazione dei carburani durane il rifornimeno nelle sazioni di servizio, dalle emissioni di prodoi incombusi dagli auoveicoli e dai riscaldameni domesici. Il benzene (C 6 H 6 ) è una sosanza cancerogena, classificaa dallo IARC (Inernaional Agency for Research on Cancer) in classe 1, cioè ra le sosanze per le quali esise un evidenza acceraa in relazione all induzione di umori nell uomo. Relaivamene agli effei ossici cronici, livelli di concenrazione compresi ra 700 e 3000 ppm possono causare verigini, sonnolenza, aumeno del baio cardiaco, remori, confusione e perdia di coscienza. Concenrazioni minori ma più prolungae nel empo possono alerare la memoria ed alcune capacià psichiche. Il benzene è anche responsabile di un effeo irriane sulla pelle e sulle mucose (oculare e respiraoria in paricolare). Per quano riguarda gli effei ossici cronici, il benzene si disingue per la sua elevaa ossicià per le cellule sanguigne e gli organi che le producono (soprauo midollo osseo) e può causare danni emaologici che vanno dalla semplice anemia alla diminuzione simulanea dei globuli rossi, dei globuli bianchi e delle piasrine (panciopenia). Può provocare anche danni geneici (alerazioni geniche e cromosomiche) e diversi sudi hanno messo in evidenza il pericolo di conrarre la leucemia mieloide o alre forme di umore. Ad alcuni Idrocarburi Policiclici Aromaici (IPA) sono impuai effei eraogeni, cancerogeni e muageni. Lo IARC (Inernaional Agency for Research on Cancer) ha da empo classificao numerosi IPA con 4-6 anelli condensai nelle classi 2A o 2B (probabili o possibili cancerogeni per l uomo) 6 ed ha inserio il benzo(a)pirene nella classe 1 (cancerogeni per l uomo) 7. Numerosi sudi hanno evidenziao che l esposizione a quese sosanze può comporare vari danni a livello emaico, immunosoppressione e danni al sisema polmonare. Alcuni IPA hanno dimosrao in es di laboraorio di essere in grado di causare il cancro per inalazione (ai polmoni), per ingesione (allo somaco) e per conao dermico (alla pelle). Le emissioni dei moori a benzina sono neamene inferiori alle emissioni dei moori diesel, come affermao precedenemene. La qualià del paricolao è anche diversa e la cancerogenicià delle emissioni dei moori diesel è superiore a quelle dei moori a benzina, anche perché nel paricolao del diesel è presene una maggiore quanià di niro-ipa. 6 Gruppo 2A: ageni probabili cancerogeni per l uomo. Quesa caegoria è riservaa alle sosanze con limiaa evidenza di cancerogenicià per l uomo e sufficiene evidenza per gli animali. Gruppo 2B: ageni possibili cancerogeni per l uomo. Quesa caegoria è riservaa alle sosanze cui è riconosciua una inadeguaa evidenza per l uomo ma una sufficiene evidenza nell animale da esperimeno, oppure una limiaa evidenza nell uomo in assenza di alri dai. 7 Ageni cancerogeni per l uomo: quesa caegoria è riservaa alle sosanze con sufficiene evidenza di cancerogenicià per l uomo. 15

20 La miscela delle emissioni complessive del diesel (e non il solo paricolao) è classificao dallo IARC 2A (probabile cancerogeno per l uomo), menre quelle dei moori a benzina 2B (possibili cancerogeni) (Crosignani P. e al., 2005). L inroduzione nel moore diesel del filro ani-paricolao porebbe diminuire le emissioni sul piano quaniaivo, menre le emissioni complessive/km sia nei moori diesel che a benzina possono essere aenuae se la velocià del veicolo è più moderaa. I limii di velocià, dunque, possono rappresenare un uile provvedimeno anche per conenere le emissioni complessive (paricolao e gas) sia nelle srade urbane che exra-urbane Gli sudi sugli effei dell inquinameno da raffico sulla salue umana In un rapporo presenao nel 2005 l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanià) ha valuao che l inquinameno amosferico da paricolao fine (PM 2.5 ) misurao nell anno 2000 avrebbe accorciao in media la via di ogni persona all inerno dell Unione Europea di 8,6 mesi e quella degli Ialiani di 9 mesi (ARPAT, 2005). In un alro sudio condoo dall Ufficio Regionale per l Europa dell OMS su incarico dell APAT (2007) è sao esaminao l impao saniario del PM 10 e dell ozono in 13 cià ialiane. Si raa delle cià che superano i abiani e cioè Torino, Genova, Milano, Triese, Padova, Venezia-Mesre, Verona, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Caania e Palermo, per un oale di circa 9 milioni di abiani. I risulai indicano un impao saniario considerevole, non dissimile da quello oenuo in alri Paesi d Europa. Si riferiscono in paricolare alla moralià per effei a lungo ermine aribuibili a concenrazioni di PM 10 superiori a 20 µg/m 3. Tale concenrazione rappresenava il limie sabilio dalla Direiva Comuniaria 99/30/EC a parire dal 2010 e coincide con quello proposo nelle linee guida sulla qualià dell aria revisionae dall OMS (2006). I risulai indicano, ra il 2002 ed il 2004, una media di 8220 mori all anno causae da concenrazioni di PM 10 superiori a 20 µg/m 3, ovvero pari al 9% della moralià per individui con eà superiore a 30 anni per ue le cause, esclusi gli incideni sradali. Tale indice di moralià comprende varie ipologie: cancro al polmone (742 casi/anno), infaro del miocardio (2562 casi/anno) e icus (329 casi/anno). La morbilià include, inolre, bronchii, asma, sinomi respiraori in bambini ed aduli e ricoveri ospedalieri per malaie cardiache e respiraorie. Recenemene è sao presenao a Parigi il progeo APHEKOM (Approfondimeno della conoscenza e della comunicazione per il Processo Decisionale su Inquinameno Amosferico e salue in Europa) sugli impai sulla salue e i cosi dell inquinameno amosferico in 25 cià europee: condoo da 60 ricercaori di 12 paesi europei, coordinao, durane i 3 anni di lavoro, dall Isiuo francese per la sorveglianza della salue pubblica. Uilizzando i radizionali meodi di valuazione di impao sulla salue (VIS), si è mosrao che la diminuzione fino a 10 microgrammi/m 3 nella concenrazione del paricolao PM 2.5 (linee guida annuali sulla qualià dell aria dell OMS), in 25 grandi cià europee, può comporare un aumeno fino a 22 mesi di aspeaiva di via a persone di 30 anni di eà ed olre. Inolre, i benefici saniari e finanziari risulani dall adoare con srumeni adeguai i valori guida dell OMS, ammonerebbero a circa 31,5 miliardi di euro annui, compresi i risparmi sulle spese saniarie, l asseneismo ed i cosi inangibili quali il benessere, l aspeaiva e la qualià della via. Il lavoro effeuao per il progeo Aphekom è rilevane perché vari sai membri della Unione Europea superano i valori limie della concenrazione di paricolao sabilii nel In 25 cià europee superare le linee guida per la qualià dell aria nella concenrazione di PM 2.5 deermina su circa 39 milioni di abiani i segueni risulai aggregai: decessi, dei quali per paologie cardiovascolari. Vivere in prossimià di srade di grande raffico porebbe causare ra il 15 e il 30% dei casi di asma nei bambini; malaie polmonari osruive croniche e paologie coronariche in aduli olre i 65 anni. In Ialia lo sudio ha esaminao la siuazione di Roma, con il coordinameno del Diparimeno di Epidemiologia del Servizio Saniario della Regione Lazio. A Roma il 23% dei resideni vive a meno di 75 meri da una srada ad alo raffico. I risulai dello sudio mosrano che l 11% dei casi di aggravameno di asma nei bambini, il 18% di problemi acui negli anziani affei da bronco pneumopaia cronico osruiva, e il 23% di problemi acui 16

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra REGIONE LIGURIA Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra 1 Piano di risanameno

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

ALLEGATO 2 LA PIANIFICAZIONE NAZIONALE

ALLEGATO 2 LA PIANIFICAZIONE NAZIONALE Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra ALLEGATO 2 LA PIANIFICAZIONE NAZIONALE 1. Il Piano Nazionale per la riduzione delle emissioni di gas ad effeo serra Nell'ambio

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

6.1 VALUTAZIONI GENERALI

6.1 VALUTAZIONI GENERALI Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra 6 SCENARI DI PIANO 6.1 VALUTAZIONI GENERALI Le azioni di risanameno dovranno garanire il rispeo dei limii in ue le zone

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sisemi informaivi Servizio saisica e oponomasica Bolleino mensile di Saisica Seembre 2013 Sisema Saisico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Saisica Direzione Sisemi informaivi Servizio

Dettagli

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programma di Sviluppo Rurale della Regione Lombardia 2007-2013 in applicazione del Regolameno Comunià Europea n. 1698 del 2005, aricolo 43 1. DEFINIZIONE 2.

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

I confronti alla base della conoscenza

I confronti alla base della conoscenza I confroni alla ase della conoscenza Un dao uaniaivo rae significao dal confrono con alri dai Il confrono è la prima e più immediaa forma di analisi dei dai I confroni Daa una grandezza G, due suoi valori

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

Terminologia relativa agli aggregati

Terminologia relativa agli aggregati N. 17 I/10 Terminologia relaiva agli aggregai Schede ecniche Edilizia Genio civile 1 Presupposi Con l'inroduzione delle Norme europee (EN) riguardani gli aggregai, la erminologia finora uilizzaa è saa

Dettagli

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano Corso di Proezione Idraulica del Terriorio Sisemi di drenaggio urbano Prof. Anonino Cancelliere Diparimeno di Ingegneria Civile e Ambienale Universià di Caania acance@dica.unic.i 095 7382718 I sisemi di

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO Aricolo 1 Scela del conraene La Provincia di Pisa inende procedere all espleameno

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici Facolà di Agraria - Universià di Sassari Anno Accademico 004-005 Dispense Corso di Pianificazione e Difesa del erriorio Docene: Luciano Guierrez Analisi Cosi e Benefici. Inroduzione. Decisioni individuali

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti Obieivi della pubblicià Creare la conoscenza di un prodoo Analisi di Mercao Facolà di Economia francesco mola La pubblicià Creare l'immagine di marca Influenzare gli aeggiameni Rafforzare la fedelà alla

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO DEFICIT E DEITO PULICO Defici e debio pubblico Se il governo di uno Sao spende più di quano incassa, si genera un defici pubblico. Viceversa, si parla di surplus. Il defici è finanziao dallo Sao ricorrendo

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Specialisica in Scienze Saisiche, Economiche, Finanziarie e Aziendali VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLA PUBBLICITÀ NEL MERCATO

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale Universià degli Sudi di Firenze Facolà di Ingegneria Tesi di laurea magisrale in Ingegneria per l'ambiene e il Terriorio 20 Aprile 2006 Teleconrollo via inerne del processo SBR con ecniche di inelligenza

Dettagli

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI Al ecnico si presenano moli casi in cui non è sufficiene la deerminazione delle massime porae ramie i crieri di similiudine idrologica, precedenemene esposi. Si ciano, a iolo

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE

INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DCO 29/11 CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELLE TARIFFE PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PER IL PERIODO 20 2015 INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

Raccolta e Trasporto Rifiuti e Piattaforma ecologica di Via Goltara (BG)

Raccolta e Trasporto Rifiuti e Piattaforma ecologica di Via Goltara (BG) Raccola e Trasporo Rifiui e Piaaforma ecologica di Via Golara (BG) Dichiarazione Ambienale Aggiornameno www.apricaspa.i Leera del Rappresenane della Direzione Il presene documeno cosiuisce l aggiornameno

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI 94 Capiolo V 5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI Ricapioliamo brevemene la srada percorsa ino a qui. Siamo parii nel primo capiolo analizzando una semplice economia di barao con re ageni. In queso coneso

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) Alla ricerca dei capiali perdui: una sima delle aivià all esero non dichiarae dagli ialiani di Valeria Pellegrini e Enrico Tosi Luglio 2011 Numero 97

Dettagli

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP La casa è il bene rifugio per eccellenza, la sicurezza, l eredià da lasciare ai figli. Cosruzioni civili ed indusriali La casa, nuova da cosruire o vecchia da risruurare... La sruura indusriale, prefabbricaa

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

Raccolta e Trasporto Rifiuti e Piattaforma ecologica di Via Goltara (BG) Dichiarazione Ambientale Aggiornamento 2014

Raccolta e Trasporto Rifiuti e Piattaforma ecologica di Via Goltara (BG) Dichiarazione Ambientale Aggiornamento 2014 1611 Raccola e Trasporo Rifiui e Piaaforma ecologica di Via Golara (BG) Dichiarazione Ambienale Aggiornameno 214 1 Raccola e Trasporo Rifiui e Piaaforma ecologica di Via Golara (BG) Dichiarazione Ambienale

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA RELATORE: Ch.mo Prof. Francesco

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE MASTER IN STATISTICA APPLICATA L approccio ime series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda Relaore: Prof. Paolo Maana

Dettagli

Cartone e impronta al carbonio

Cartone e impronta al carbonio Carone e improna al carbonio Informazioni Pro Caron Carone e improna al carbonio L'approccio del packaging in carone al carbonio fossile e biogenico L'approccio del packaging in carone al carbonio fossile

Dettagli

CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA

CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA 1. Inroduzione Il rasferimeno dell energia elerica dai luoghi in cui viene prodoa a quelli in cui viene uilizzaa avviene, salvo casi paricolari,

Dettagli

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Prof. Ing. R. M. Poro A cura della TELECOMUNICAZIONI Con il ermine elecomunicazioni

Dettagli

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Pare Seconda: Offera, Sosenibilià e Impao Jan van der Borg Dicembre 2009 CAPITOLO 1: L OFFERTA TURISTICA 1.1 Offera urisica In prima approssimazione possiamo definire

Dettagli

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione;

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione; La sinesi neoclassica LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI Il dibaio si concenra, fino ad oggi, su una serie di emi di vasa poraa, ra cui: la naura e le cause della crescia economica; le foni dell insabilià

Dettagli

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento Sommario Lezione 15 Converiore di ipo Flash Converiore a gradinaa Converiore a rampa Converiore ad approssimazioni successive (SA) Converiore di ipo SigmaDela Esempi di converiori preseni a bordo di mc

Dettagli

Preparare l ambiente di posa in opera

Preparare l ambiente di posa in opera Preparare l ambiene di posa in opera Prima della posa in opera, il parque deve essere conservao in ambieni asciui, con imballo inegro e chiuso, proeo da evenuali influenze dell'ambiene eserno che porebbero

Dettagli

Analisi dei guasti a terra nei sistemi MT a neutro isolato e neutro compensato

Analisi dei guasti a terra nei sistemi MT a neutro isolato e neutro compensato Analisi dei uasi a erra nei sisemi MT a neuro isolao e neuro compensao - Problemaiche inereni alle proezioni 5N e 67N - A cura di: n. laudio iucciarelli n. Marco iucciarelli . nroduzione Di seuio viene

Dettagli

Agricoltura Biologica. IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i controlli e la coversione

Agricoltura Biologica. IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i controlli e la coversione Agricolura Biologica IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i conrolli e la coversione IL SISTEMA DEI CONTROLLI Reg. CE 834/2007 D.Lgs.220/95 Organismi di Conrollo (auorizzai dal MiPAF) Minisero Regioni

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

Provincia di Treviso

Provincia di Treviso Treviso, 21 dicembre 2004 OGGETTO: Gesione rifiui urbani e assimilai Servizio pubblico inegraivo di gesione rifiui speciali Adempimeni relaivi alla compilazione di formulari di idenificazione, regisri

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Pare Seconda: Offera, Sosenibilià e Impao Jan van der Borg Dicembre 2009 CAPITOLO 1: L OFFERTA TURISTICA 1.1 Offera urisica In prima approssimazione possiamo definire

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

Controllo di processo e automazione

Controllo di processo e automazione 6.5 Conrollo di processo e auomazione 6.5. Inroduzione L auomazione e il conrollo di processo sono essenziali per il funzionameno sicuro e reddiizio degli impiani perolchimici e di raffinazione. Di seguio

Dettagli

L integrazione europea e il mercato del lavoro: un analisi teorica ed empirica in un contesto insider/outsider

L integrazione europea e il mercato del lavoro: un analisi teorica ed empirica in un contesto insider/outsider L inegrazione europea e il mercao del lavoro: un analisi eorica ed empirica in un coneso insider/ousider Michela Marinoia Doorao in Scienze Economiche Universià degli Sudi di Milano Via Conservaorio, 7

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia Diparimeno di Scienze Economiche, Maemaiche e Saisiche Universià degli Sudi di Foggia Inroduzione all analisi quaniaiva dei beni pubblici Ialo M. Scrocchia Quaderno n. 27/2008 Esemplare fuori commercio

Dettagli

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì hp://www.affiasi-dolomii.i/ MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affia?sì Comunià Monana del FRIULI OCCIDENTALE 1 hp://www.affiasi-dolomii.i/ o «Affi a?sì! ENTI FINANZIATORI Regione Friuli

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Universià degli Sudi di Parma Diparimeno di Economia Obieivi della lezione Capire i profili di analisi di un invesimeno in beni srumenali Saper scegliere correamene

Dettagli

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1 Cara di Urbanisica I Pro.ssa Arch. Fabiola Fraini Cara di Urbanisica I --- a.a. 2003/2004 PROGETTO PER UN AMBITO URBANO NEL QUARTIERE DI CENTOCELLE Laboraorio progeuale annuale INDICAZIONI RIGUARDO LE

Dettagli

Modelli empirici di aggiustamento e crescita

Modelli empirici di aggiustamento e crescita A13 107 Albero Bagnai Modelli empirici di aggiusameno e crescia Appuni per un corso di Macroeconomia dello sviluppo ARACNE Copyrigh MMV ARACNE edirice S.r.l. www.aracneedirice.i info@aracneedirice.i via

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

Un po di teoria. cos è un condensatore?

Un po di teoria. cos è un condensatore? Sudio sperimenale del processo di carica e scarica di un condensaore cos è un condensaore? Un po di eoria Un condensaore è un sisema di due conduori affacciai, dei armaure, separai da un isolane. Esso

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE TESI DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA STIMA DELLA VOLATILITA NEI MERCATI FINANZIARI CON DATI INFRA-GIORNALIERI: ALCUNI CONFRONTI

Dettagli