APPROFONDIMENTO RELATIVO ALLA DIRETTIVA 2005/68/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN TEMA DI RIASSICURAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROFONDIMENTO RELATIVO ALLA DIRETTIVA 2005/68/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN TEMA DI RIASSICURAZIONE"

Transcript

1 APPROFONDIMENTO RELATIVO ALLA DIRETTIVA 2005/68/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN TEMA DI RIASSICURAZIONE *Articolo 1: Campo di applicazione Sono interessate le imprese di riassicurazione aventi la sede principale nella Comunità, che svolgono soltanto attività riassicurative (riassicuratori professionali). La presente direttiva non si applica alle imprese di assicurazione rientranti nel campo di applicazione delle direttive sull'assicurazione vita e non vita, visto che le attività di riassicurazione da quelle praticate mediante accettazione sono già oggetto di queste direttive. Inoltre, le imprese di assicurazione e gli enti esclusi dal campo di applicazione delle citate direttive sono altresì esclusi dal campo di applicazione della presente direttiva. Ciò nondimeno, per garantire la solidità finanziaria delle imprese esercenti anche la riassicurazione, le disposizioni della presente direttiva sul calcolo del margine di solvibilità richiesto (articoli da 35 a 39) si applicano alle imprese di assicurazione oggetto delle direttive sull'assicurazione vita e non vita limitatamente alle loro accettazioni in riassicurazione laddove il volume delle loro attività riassicurative rappresenti una parte significativa del volume globale della loro attività1 (vedi gli articoli 57, paragrafo 6, e 60, paragrafo 10). Inoltre, nell'ipotesi che in uno Stato membro possa verificarsi il caso particolarissimo in cui non sia possibile ottenere copertura riassicurativa sul mercato commerciale, la dierttiva non si applica alle attività di riassicurazione assunte dallo Stato membro in qualità di riassicuratore di ultima istanza per motivi di interesse pubblico. Questa disposizione non esime tuttavia lo Stato membro dal dover ottemperare alle regole comunitarie della concorrenza e in materia di aiuti di Stato. Si pensi ad esempio alla situazione creatasi nel settore delle assicurazioni aeronautiche dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001, quando il comparto non è stato più in grado di riassicurare taluni rischi e sono dovuti intervenire gli Stati membri. I dispositivi da questi istituiti sono stati dapprima esaminati ai fini del diritto dell'ue, in particolare delle norme in materia di aiuti di Stato, e solo allora sono stati autorizzati. E cioè quando ricorra una delle seguenti condizioni a) i premi di riassicurazione raccolti superano il 10 % del suo premio totale; b) i premi di riassicurazione raccolti superano EUR; c) le riserve tecniche relative alle sue accettazioni in riassicurazione superano il 10 % delle sue riserve tecniche totali. *Articolo 2: Definizioni L'articolo 2 contiene le definizioni dei concetti essenziali utilizzati nella direttiva, nell'intento di chiarirne il significato e contribuire a una comprensione più ampia. Molti di questi ricorrono in altri atti legislativi comunitari applicabili all'assicurazione, come la direttiva 2002/83/CE sull'assicurazione vita, le direttive 73/239/CEE e 92/49/CEE sull'assicurazione non vita e la direttiva 98/78/CE relativa alla vigilanza supplementare sulle imprese di assicurazione appartenenti a un gruppo assicurativo. È introdotta una definizione di "impresa di riassicurazione captive" intesa come impresa di riassicurazione appartenente a una o più grandi imprese o gruppi aziendali ovvero a un'impresa finanziaria diversa da un'impresa di assicurazione o di riassicurazione. Le captive sottoscrivono o riassicurano esclusivamente i rischi dell'impresa o gruppo aziendale cui appartengono o di cui sono parte. La definizione è necessaria poiché la direttiva contempla un regime speciale per tali imprese limitatamente al fondo minimo di garanzia previsto all'articolo 40 per l'esercizio dell'attività riassicurativa.

2 Sono stati anche introdotti i concetti di: -"società veicolo": qualsiasi impresa, con o senza personalità giuridica, diversa da un'impresa di assicurazione o di riassicurazione esistente, che assume i rischi ceduti da imprese di assicurazione o riassicurazione e che finanzia integralmente la sua esposizione a tali rischi mediante l'emissione di titoli o altri strumenti finanziari per cui i diritti di rimborso dei detentori di tali titoli o altri strumenti finanziari sono subordinati agli obblighi di riassicurazione di detta società di veicolo -"riassicurazione finite": una riassicurazione in base alla quale la potenziale perdita massima esplicita, espressa in termini di rischio economico massimo trasferito, risultante da un significativo trasferimento sia del rischio di sottoscrizione che del rischio di "timing", eccede, per un importo limitato ma significativo, il premio per l'intera durata del contratto, unitamente ad almeno una delle seguenti caratteristiche: i) considerazione esplicita e materiale del valore del denaro in rapporto al tempo; ii) disposizioni contrattuali intese a limitare il risultato economico del contratto tra le parti nel tempo al fine di raggiungere il trasferimento del rischio previsto. *Articoli da 3 a 14: Accesso all'attività riassicurativa In linea con le vigenti direttive sull'assicurazione diretta, vengono sanciti i principi dell'autorizzazione unica e del controllo del paese d'origine. La direttiva stabilisce le condizioni minime necessarie per ottenere tale autorizzazione amministrativa. L'impresa deve inoltre assumere una specifica forma giuridica, presentare un programma d'attività comprensivo dei dati essenziali del piano aziendale e disporre del fondo minimo di garanzia previsto all'articolo 40. La direttiva impone anche che l'impresa di riassicurazione sia effettivamente diretta da persone in possesso di adeguate qualifiche tecniche ed esperienza professionale. operazioni connesse; in altri termini può svolgere, per esempio, attività di consulenza statistica o attuariale, analisi di rischio o ricerca per i suoi clienti. Prima di rilasciare l'autorizzazione, le autorità competenti devono aver ottenuto comunicazione dell'identità degli azionisti o dei soci che detengono una partecipazione qualificata nell'impresa di riassicurazione. L'obiettivo è permettere alle autorità competenti di valutare l'idoneità degli azionisti in modo da garantire la gestione sana e prudente. Allo stesso modo, quando sussistono stretti legami tra l'impresa di riassicurazione e altre persone fisiche o giuridiche, le autorità competenti negano l'autorizzazione se tali legami ostacolano l'effettivo esercizio delle loro funzioni di vigilanza. La domanda di autorizzazione deve essere esaminata entro sei mesi dalla sua presentazione. Sia l'eventuale rifiuto che la revoca devono essere motivati e riportare chiaramente le ragioni del respingimento. L'impresa di riassicurazione deve avere il diritto di presentare ricorso giurisdizionale avverso tale decisione. *Articoli da 15 a 31: Condizioni di esercizio dell'attività riassicurativa. Principi e metodi di vigilanza finanziaria Un regime prudenziale fondato su un sistema di autorizzazione unica, rilasciata dalle autorità competenti dello Stato membro d'origine dell'impresa di riassicurazione e valida in tutta la Comunità, presuppone la devoluzione dei poteri di vigilanza alle citate autorità in modo da garantire il pieno rispetto delle condizioni di esercizio dell'attività riassicurativa, tanto in regime di libero stabilimento che di libera prestazione di servizi. L'articolo 15 della direttiva attribuisce alle autorità competenti dello Stato membro d'origine la competenza esclusiva con riguardo alla vigilanza finanziaria sull'impresa di riassicurazione e sulle attività da questa esercitate attraverso succursali o in libera prestazione di servizi.

3 Data la competenza esclusiva dello Stato membro d'origine in ordine alla vigilanza su tutti gli aspetti finanziari di un'impresa di riassicurazione, le autorità competenti non possono, nei confronti dell'impresa su cui esercitano la vigilanza, rifiutare un contratto di retrocessione da questa concluso con un'altra impresa di riassicurazione comunitaria disciplinata dalla presente direttiva, per ragioni direttamente connesse con la solidità finanziaria di quell'impresa di riassicurazione (o assicurazione). Una siffatta forma di vigilanza indiretta su tali imprese significherebbe interferire con i poteri di vigilanza delle autorità competenti per quelle imprese, inoltre contrasterebbe con il principio fondamentale del riconoscimento reciproco cui si informa il quadro giuridico istituito dalla presente direttiva. L'impresa di riassicurazione deve disporre di una buona organizzazione amministrativa e contabile e di adeguate procedure di controllo interno. Questo requisito serve a garantire un esercizio ordinato e finanziariamente stabile delle attività riassicurative. È compito dello Stato membro d'origine stabilire le condizioni affinché sia rispettato. L'articolo 16 conferisce alle autorità competenti dello Stato membro d'origine il diritto di effettuare ispezioni e verifiche direttamente presso le succursali dell'impresa di riassicurazione in un altro Stato membro, e fissa l'iter procedurale del caso. Questa previsione ricorre già, mutatis mutandis, nelle direttive sull'assicurazione non vita e vita. Per un esercizio efficiente della vigilanza sulla riassicurazione, le autorità competenti devono disporre di poteri adeguati per svolgere indagini approfondite, esigere documenti o prendere provvedimenti, per esempio, nei confronti dell'impresa, dei suoi dirigenti o direttori (articolo 17). *Articoli da 19 a 23 Contengono disposizioni specifiche sulla vigilanza delle partecipazioni qualificate in un'impresa di riassicurazione, il cui fine è garantire che le autorità competenti siano a conoscenza dell'assetto proprietario dell'impresa. L'articolo è il corollario del controllo effettuato sulle partecipazioni qualificate durante l'esame della domanda di autorizzazione di cui all'articolo 12. Il regime è quello in vigore per le assicurazioni e gli altri servizi finanziari. *Articoli da 24 a 30 Riguardano la riservatezza delle informazioni in possesso delle autorità competenti. Chiunque lavori o abbia lavorato per le autorità competenti, compresi i revisori e gli esperti che operano per loro conto, è vincolato dall'obbligo del segreto d'ufficio. La riservatezza delle informazioni non limita in alcun modo la facoltà delle autorità competenti di scambiarsi informazioni dirette a garantire il corretto esercizio della vigilanza sulle imprese regolamentate. Le informazioni scambiate sono comunque coperte dall'obbligo di riservatezza e non possono essere divulgate senza l'accordo esplicito delle autorità competenti che le hanno fornite. *Articoli da 28 a 30 Dettano anche le condizioni e le circostanze in cui tali informazioni possono essere comunicate ad autorità e organi diversi dalle autorità incaricate della vigilanza sulla riassicurazione. Il regime è quello in vigore per le imprese di assicurazione. L'articolo 31 stabilisce l'obbligo per i revisori di segnalare tempestivamente alle autorità competenti dello Stato membro d'origine fatti o decisioni sull'impresa di riassicurazione che pregiudichino le condizioni per l'esercizio dell'attività e di cui siano venuti a conoscenza nello svolgimento del loro incarico presso l'impresa o presso qualunque altra impresa che con quella abbia stretti legami. La direttiva riprende il regime già in vigore per le imprese di assicurazione.

4 *Articoli da 32 a 34: Regole sulle riserve tecniche Gli accantonamenti tecnici sono un aspetto fondamentale della tecnica assicurativa. Essi consentono all'impresa di assicurazione o di riassicurazione di onorare gli impegni derivanti dai contratti conclusi. In tal senso, l'obbligo di costituire accantonamenti tecnici adeguati è un principio fondante di ogni regime prudenziale che riguardi tali imprese. In un sistema basato su un'autorizzazione unica rilasciata dallo Stato membro d'origine, spetta alle autorità competenti di quello Stato imporre tale obbligo alle imprese di assicurazione o di riassicurazione, per l'insieme delle loro attività svolte nella Comunità tanto in regime di libero stabilimento che di libera prestazione di servizi. Inoltre, lo Stato membro d'origine deve verificare l'osservanza di questo requisito e dispone per questo di mezzi appropriati a tal fine. L'articolo 32 stabilisce il principio del controllo del paese d'origine per quanto riguarda la definizione e il calcolo degli accantonamenti tecnici di un'impresa di riassicurazione. L'ammontare di tali accantonamenti è determinato a norma della direttiva 91/674/CEE relativa ai conti annuali e ai conti consolidati delle imprese di assicurazione. La direttiva prevede anche che, con riguardo alle attività di riassicurazione vita, lo Stato membro d'origine possa stabilire norme più specifiche in accordo con l'articolo 20 della direttiva 2002/83/CE relativa all'assicurazione sulla vita, che stabilisce i principi attuariali applicabili agli accantonamenti tecnici per le attività di assicurazione vita. Lo Stato membro d'origine dispone anche che le sue imprese di riassicurazione costituiscano delle riserve di compensazione per le operazione di riassicurazione del credito (articolo 33). Il loro ammontare è determinato in accordo con le disposizioni della direttiva 73/239/CEE, in particolare l'allegato, che definisce quattro metodi considerati equivalenti. Lo Stato membro d'origine può comunque esonerare da tale obbligo le imprese di riassicurazione le cui attività di riassicurazione del credito non siano rilevanti (premi o contributi inferiori al 4% del totale dei premi o contributi esigibili e a EUR). Lo Stato membro d'origine può altresì disporre che le sue imprese di riassicurazione costituiscano riserve di compensazione per rischi diversi dalla riassicurazione del credito, applicando le norme dello Stato membro d'origine. Questa facoltà è in linea con la normativa in vigore per l'assicurazione, in particolare con la direttiva 73/239/CEE e la direttiva 91/674/CEE relativa ai conti annuali delle imprese di assicurazione. L'istituzione di un regime prudenziale per le imprese di riassicurazione, che nessun quadro giuridico comunitario ha sinora disciplinato, ha per corollario di abolire l'obbligo di costituire attivi a garanzia degli accantonamenti per premi non acquisiti e per sinistri alla chiusura dell'esercizio per l'impresa di riassicurazione che sia riassicurata da un'altra impresa di riassicurazione autorizzata ai sensi della presente direttiva, ovvero da un'impresa di assicurazione autorizzata ai sensi delle direttive 73/239/CEE (assicurazione non vita) o 2002/83/CE (assicurazione vita). L'articolo 34 propone una strategia qualitativa per quanto attiene alle regole d'investimento. Le specificità della riassicurazione rendono questa strategia preferibile al metodo più quantitativo applicato nell'assicurazione diretta. Stando a questa disposizione, gli attivi di un'impresa di riassicurazione devono tenere conto del tipo di operazioni effettuate e dell'importo e della durata dei regolamenti di sinistri previsti, in modo da garantire la sufficienza, la liquidità, la qualità, il rendimento e la congruenza degli investimenti; gli investimenti devono essere diversificati e opportunamente dispersi per permettere la reazione adeguata a un contesto economico variabile. Tuttavia lo Stato membro può nei confronti della impresa di riassicurazione che abbia sede sul suo territorio stabilire anche le seguenti regole quantitative purchè giustificate sotto il profilo

5 prudenziale: limite del 30% per gli investimenti delle riserve tecniche lorde in valute diverse; limite del 30% per gli investimenti delle riserve tecniche lorde in azioni, obbligazioni, titoli di credito non ammessi alla negoziazione su un mercato regolamentato. *Articoli da 35 a 41: Margine di solvibilità e fondo di garanzia Il margine di solvibilità è un fattore essenziale della vigilanza prudenziale. La direttiva fissa dei requisiti di solvibilità per la riassicurazione che mutua dalle vigenti disposizioni in materia di assicurazione diretta. L'assicurazione e la riassicurazione sono attività interconnesse ed è pertanto opportuno che i requisiti di solvibilità siano simili per entrambe. Per la riassicurazione non vita, la direttiva integra i requisiti prescritti dalla direttiva 73/239/CEE sull'assicurazione non vita (articolo 37) ma contempla la possibilità, per taluni rami o tipi di contratti riassicurativi specifici, di aumentare il margine di solvibilità richiesto. La direttiva sull'assicurazione non vita già prevede che il margine possa essere aumentato del 50 % nelle assicurazioni di responsabilità che presentano un profilo di rischio particolarmente volatile. La presente direttiva dispone invece che il margine di solvibilità possa essere aumentato fino al 50% per taluni rami riassicurativi diversi dalla responsabilità. Tale adeguamento è deciso dalla Commissione, previo parere del comitato delle assicurazioni, nell'esercizio delle competenze di esecuzione conferitele dal trattato. Le modifiche sono adottate in conformità della procedura di regolamentazione di cui all'articolo 5 della decisione 1999/468/CE (articolo 55). Il margine di solvibilità può essere rafforzato soltanto previa attenta disamina e ampia consultazione delle parti interessate. Nell'intento di garantire condizioni eque di concorrenza fra le imprese di riassicurazione e le imprese di assicurazione esercenti attività riassicurative, la normativa modifica di conseguenza la direttiva 73/239/CEE sull'assicurazione non vita e la direttiva 2002/83/CE relativa all'assicurazione sulla vita. Pertanto, alle imprese di assicurazione che svolgono attività riassicurativa per accettazione si applicano le disposizioni della presente direttiva limitatamente al margine di solvibilità richiesto, laddove le loro operazioni di riassicurazione rappresentino una parte significativa del volume totale delle loro attività (articoli 57, paragrafo 6, e 60, paragrafo 10). Queste disposizioni saranno applicabili non appena la Commissione avrà adottato la decisione che modifica il margine di solvibilità richiesto per la riassicurazione non vita. Per la riassicurazione vita, fermo che il margine va calcolato in base ai criteri stabiliti per il calcolo del margine di solvibilità richiesto in relazione alle attività di riassicurazione danni, lo Stato membro d'origine può prevedere per le attività di riassicurazione vita connesse con fondi di investimento o contratti di partecipazione che il relativo margine venga calcolato in base ai criteri vigenti per l'assicurazione diretta sulla vita (direttiva 2002/83/CE). Quando un impresa di riassicurazione esercita contemporaneamente la riassicurazione vita e non vita, il margine di solvibilità richiesto è pari alla somma dei margini richiesti per entrambe le attività riassicurative (articolo 39). Il margine di solvibilità disponibile si costituisce degli elementi patrimoniali elencati all'articolo 36, che sono gli stessi già ammessi a costituire il margine di solvibilità dalle direttive sull'assicurazione vita e non vita. L'articolo 40 riguarda il fondo di garanzia necessario per l'esercizio dell'attività riassicurativa, consistente in una quota minima di capitale di cui l'impresa deve disporre in permanenza per poter esercitare la riassicurazione con la dovuta solidità finanziaria. La direttiva fissa il fondo di garanzia a un minimo di 3 milioni di euro ma stabilisce anche che, per le captive, lo Stato membro d'origine possa autorizzare un fondo di garanzia di 1 milione di euro. Con questo si è voluto tenere conto

6 delle specificità di tali imprese, solitamente piccole e medie, la cui attività si limita a coprire l'esposizione ai rischi delle imprese cui appartengono. *Articoli da 42 a 44: Imprese di riassicurazione in difficoltà - Revoca dell'autorizzazione Le autorità competenti devono avere la facoltà di intervenire nei confronti di un'impresa di riassicurazione la cui situazione finanziaria si stia degradando, per esempio quando non costituisce accantonamenti tecnici adeguati o il suo margine di solvibilità non raggiunge il livello richiesto. In questi frangenti, le autorità competenti devono poter esigere un piano di finanziamento o un piano di risanamento finanziario ovvero vietare la libera disponibilità degli attivi dell'impresa di riassicurazione. Allo stesso modo, è essenziale disporre che l'autorizzazione possa essere revocata in circostanze specifiche, se per esempio l'impresa non soddisfa le condizioni per il rilascio dell'autorizzazione, ovvero manca gravemente agli obblighi cui è tenuta per legge per l'esercizio dell'attività, ecc. Le disposizioni previste dalla direttiva sono identiche a quelle che già si applicano nel settore assicurativo. *Articoli 45-46: Disposizioni relative alla riassicurazione finite e alle società veicolo In considerazione della natura speciale di tale linea di attività di riassicurazione, lo Stato membro d'origine può fissare disposizioni specifiche per l'esecuzione di attività di riassicurazione finite che potrebbero essere diverse dal regime generale stabilito nella presente direttiva per quanto riguarda vari punti specifici. Per le società veicolo che assumono rischi dalle imprese di assicurazione e riassicurazione ma non sono imprese di assicurazione o riassicurazione, lo Stato membro che decida di consentire lo stabilimento sul suo territorio esige preventivamente un'autorizzazione ufficiale e fissa le condizioni per l'esercizio delle attività di tali società. *Articoli 47-48: Attività riassicurative esercitate in regime di libero stabilimento o di libera prestazione dei servizi Un'impresa di riassicurazione opportunamente autorizzata dalle autorità competenti dello Stato membro d'origine può operare nell'intera Comunità in regime di stabilimento o di libera prestazione dei servizi (articolo 4, paragrafo 1). L'articolo 47 contempla il caso dell'impresa di riassicurazione che, in siffatte circostanze, non ottemperi alle disposizioni di legge dello Stato membro ospitante. Il regime proposto si ispira a quello istituito dalle direttive sull'assicurazione diretta e trae fondamento dalla cooperazione fra le autorità competenti dello Stato membro d'origine e dello Stato membro ospitante. L'articolo 48 stabilisce il principio della parità di trattamento dei creditori in caso di liquidazione di un'impresa di riassicurazione, vietando di distinguere fra contratti in funzione delle modalità di sottoscrizione (libero stabilimento ovvero libera prestazione dei servizi). *Articoli 49-52: Imprese di riassicurazione di paesi terzi Le imprese di riassicurazione aventi la sede principale in un paese terzo e esercenti attività riassicurative in uno Stato membro non ricevono un trattamento più favorevole di quello concesso alle imprese di riassicurazione aventi la sede principale in quello Stato membro (articolo 49).

7 L'articolo 50 prevede la possibilità di concludere accordi con i paesi terzi aventi ad oggetto la vigilanza sulle imprese di riassicurazione. Scopo precipuo di questi accordi internazionali è permettere sia lo scambio di informazioni fra le autorità competenti dell'ue e dei paesi terzi interessati, sia il riconoscimento reciproco delle norme e delle pratiche prudenziali dall'una o dagli altri applicate in materia di riassicurazione. Questa disposizione riveste particolare importanza nella misura in cui permetterà di superare gli ostacoli regolamentari che impediscono alle imprese comunitarie di accedere ai mercati riassicurativi dei paesi terzi. *Articoli da 53 a 56: Altre disposizioni L'articolo 53 conferisce all'impresa di riassicurazione il diritto di presentare ricorso giurisdizionale avverso qualunque decisione delle autorità competenti che la riguardi, in applicazione delle disposizioni nazionali di attuazione della presente direttiva. L'articolo 54 prevede la collaborazione tra Stati membri e Commissione per agevolare la vigilanza sulla riassicurazione all'interno dell'unione. E' inoltre contemplata la possibilità per la Commissione di adottare misure di esecuzione senza tuttavia modificare gli elementi essenziali della presente direttiva. Nell'esercizio delle sue competenze d'esecuzione, la Commissione è assistita dal Comitato delle assicurazioni istituito con direttiva 91/675/CEE. Le modifiche decise dalla Commissione sono soggette alla procedura di cui all'articolo 5, paragrafo 6, della decisione 1999/648/CE recante modalità per l'esercizio delle competenze di esecuzione conferite alla Commissione. Le competenze di esecuzione sono esercitate soprattutto per rafforzare il margine di solvibilità nel caso di attività riassicurative o tipi di contratti specifici diversi dalla responsabilità (articolo 37, paragrafi 3 e 4). *Articoli da 57 a 60: Modifiche tecniche alle direttive vita, non vita e sui gruppi assicurativi L'introduzione nell'ue di un quadro regolamentare sulla riassicurazione è destinata ad avere un impatto sulle direttive esistenti in materia di assicurazione (vita, non vita e gruppi assicurativi); in effetti, la presente direttiva andrà ad integrare il quadro legislativo esistente per il settore assicurativo. Le direttive assicurative esistenti ( 73/239/CEE, 92/49/CEE e 2002/83/CE) devono pertanto essere opportunamente modificate. Come già detto in particolare occorre: - adeguare le disposizioni esistenti che autorizzano le autorità competenti per le imprese di assicurazione diretta a esercitare una "vigilanza indiretta" sulle imprese di riassicurazione F abolire l'obbligo di costituire attivi a garanzia delle riserve tecniche dell'impresa di assicurazione che sia riassicurata da un'impresa di riassicurazione autorizzata a norma della presente direttiva - estendere alle imprese di assicurazione diretta esercenti la riassicurazione i requisiti di solvibilità ora stabiliti per le imprese di riassicurazione (quando le operazioni di riassicurazione rappresentano una parte significativa del volume totale delle loro attività). È modificata anche la direttiva 98/78/CE sui gruppi assicurativi affinché le imprese di riassicurazione appartenenti a un gruppo assicurativo o riassicurativo siano soggette a vigilanza supplementare al pari delle imprese di assicurazione facenti attualmente parte di un gruppo assicurativo.

8 *Articoli da 61 a 64 disposizioni finali e transitorie - Diritti acquisiti dalle imprese di riassicurazione esistenti - Imprese di riassicurazione che cessano l'attività L'impresa di riassicurazione che sia stata abilitata o autorizzata all'esercizio dell'attività riassicurativa conformemente alle disposizioni dello Stato membro d'origine prima della data di attuazione della presente direttiva può continuare a esercitare senza dover chiedere l'autorizzazione. Essa è tuttavia soggetta alla presente direttiva, in particolare ai requisiti di solidità finanziaria (accantonamenti tecnici, margine di solvibilità e fondo di garanzia), onorabilità ed esperienza professionale dei dirigenti e idoneità degli azionisti che detengono partecipazioni qualificate. La direttiva dà comunque facoltà agli Stati membri di contemplare un periodo transitorio di due anni che permetta alle imprese di riassicurazione esistenti di conformarsi a questi requisiti senza dover incorrere in difficoltà finanziarie (articolo 61). La direttiva non si applica invece alle imprese di riassicurazione che alla data di attuazione della stessa non stipulino più nuovi contratti riassicurativi ma si limitino ad amministrare il portafoglio esistente nella prospettiva di cessare l'attività. Ciò nonostante, poiché queste imprese non sono subordinate al regime dell'autorizzazione unica istituito dalla presente direttiva, è essenziale, per motivi di trasparenza e certezza giuridica, che gli Stati membri redigano un elenco di tali imprese e lo comunichino a tutti gli altri Stati membri (articolo 62). (Fonte: ANIA)

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE (DECRETO LEGISLATIVO 7 settembre 2005, n. 209) redazione a cura della Sezione Consulenza Legale aggiornato ad aprile 2010 [1] INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002 24.4.2002 L 108/21 DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 7 marzo 2002 relativa alle autorizzazioni per le reti e i servizi di comunicazione elettronica (direttiva autorizzazioni)

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

In questo contesto il GEIE può avere differenti funzioni: può essere utilizzato come semplice quadro di coordinamento e di organizzazione delle

In questo contesto il GEIE può avere differenti funzioni: può essere utilizzato come semplice quadro di coordinamento e di organizzazione delle COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Partecipazione dei gruppi europei d'interesse economico (GEIE) agli appalti pubblici e a programmi finanziati con fondi pubblici (97/C 285/10) INTRODUZIONE Con la sua comunicazione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Testo Unico Bancario. Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385

Testo Unico Bancario. Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 Testo Unico Bancario Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia Versione aggiornata al decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169 ottobre 2012

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli