Università degli Studi di Palermo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Palermo"

Transcript

1 Test P PRIMRI VRSION TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità a.a. 2013/2014 Test Preliminare Scuola Primaria Versione TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO

2 Test P PRIMRI VRSION progres domanda risposte sivo hi per primo ha istituito i Kindergarten? ) J. F. Herbart ) V. da Feltre 1 ) J.. asedow ) F. Fröbel ) J. P. Richter J. Piaget per lo sviluppo della sua teoria ha utilizzato il metodo: ) comparivo ) clinico 2 ) osservazione naturalistica ) sperimentale ) analitico Quale pensatore romantico valorizzò, nel poema pedagogico Levana, l'educazione in rapporto al problema della storia? ) Hegel 3 ) Fröbel ) Schiller ) Goethe ) Richter La teoria del feedback periferico di James sosteneva che la causa dell'emozione è: ) la valutazione cognitiva dello stimolo 4 ) una causa esterna al soggetto ) l'attivazione fisiologica ) la sensazione emozionale ) la percezione dello stimolo Lo sviluppo psicosociale progresisce in base al principio epigenetico secondo: ) rikson ) Piaget 5 ) andura ) runer ) Jung Le cianfrusaglie senza brevetto erano il materiale didattico delle scuola di: ) Roberto rdigò ) rnesto odignola 6 ) Ferrante porti ) Rosa e arolina gazzi ) Maria Montessori Secondo la teoria dell'attaccamento, gli adulti classificati insicuri-preoccupati: ) sono soggetti che non hanno elaborato le esperienze di maltrattamento subite nell'infanzia ) sono soggetti che hanno elaborato aspetti positivi e negativi dalle proprie passate esperienze di attaccamento 7 ) sono soggetti ancora coinvolti massicciamente nelle loro passate relazioni di attaccamento ) sono soggetti che non hanno elaborato il lutto in riferimento alla perdita di un genitore nell'infanzia ) sono soggetti che non avendo elaborato un trauma infantile non riescono ad allontanarsi dall'ambiente in cui vivono risposta esatta

3 Test P PRIMRI VRSION Per quale approccio psicologico l'ambiente è primario nel determinare il comportamento? ) Il comportamentismo 8 ) Lo strumentalismo ) La Gestalt ) Il costruttivismo ) Il cognitivismo Per costanza di forma si intende: ) la capacità di stimare la grandezza degli oggetti in base alla loro forma ) la capacità di stimare la posizione esatta degli oggetti 9 ) la tendenza automatica a percepire in modo costante la forma degli oggetti, al variare della loro posizione nello spazio ) la rigidità percettiva che impedisce la percezione di nuovi stimoli ) la capacità di discriminazione costante degli stimoli he cosa significa goodness of fit nella concezione di hess e Thomas? ) Il grado in cui le proprietà dell'ambiente si adattano alle caratteristiche individuali del bambino ) La compresenza di qualità di un carattere (temperamento) classificato come 10 facile ) La capacità di comprendere e superare situazioni critiche ) Un basso grado di conflittualità nella famiglia intesa come sistema ) La compatibilità del carattere (temepramento) della madre con quello del bambino Quale tra i seguenti non è uno stadio della creatività per Sternberg e avidson? ) nessuna delle altre risposte è corretta ) odificazione selettiva 11 ) Preparazione selettiva ) onfronto selettivo ) ombinazione selettiva Qual è il titolo dell'opera di Vygotskij in cui viene esplicitata la nozione di creatività? ) Immaginazione e creatività nell'età infantile 12 ) Intelligenza emotiva ) apacità mentali fondamentali ) Natura dell'intelligenza ) Grammatica della fantasia Quale tra questi strumenti metodologici viene più utilizzato nell'ambito del brainstorming? ) Lezione interattiva 13 ) Osservazione partecipata ) Mappe mentali ) Gioco ) Lezione frontale Qual è la traduzione più corretta del termine consassage, riferito a una metodologia didattica? ) Tecnica del mosaico 14 ) Tecnica della frantumazione ) Tecnica del domino ) Tecnica dell'incastro ) Tecnica del pensiero costruttivo

4 Test P PRIMRI VRSION Quale tra i seguenti non è da considerarsi sinonimo di pensiero creativo? ) Pensiero laterale ) Pensiero produttivo 15 ) Pensiero convergente ) Nessuna delle altre risposte è corretta ) Pensiero divergente Nel 1968 fu ideato il TTT, un test per la misurazione del pensiero creativo. Il suo autore è: ) Treffinger 16 ) e ono ) alvi ) Torrance ) Williams quale tipo di pensiero corrisponderebbe, secondo la teoria elaborata da e ono, il cappello blu? ) mozioni 17 ) Nascita di nuove idee ) Originalità ) Positività ) Monitoraggio, controllo In cosa consiste il test di P. Watzlawick sull'intelligenza creativa? ) Nel congiungere cinque punti neri su un foglio cercando di creare una forma non geometrica 18 ) laborazione di un origami a forma di cubo ) Problema dei nove punti neri ) Nessuna delle altre risposte è corretta ) Test a risposta multipla hi è l'autore del volume Il meccanismo della mente? ) annon ) Osborn 19 ) Freud ) Perkins ) e ono on l'aggettivo laterale, riferito al pensiero, si intende: ) un pensiero inutile e marginale ) un pensiero la cui soluzione ha una modalità logica sequenziale 20 ) un pensiero ossessivo, insistente ) un pensiero coerente e logico ) un pensiero che si discosta dalla soluzione apparentemente ovvia Quali tra queste non sono, secondo Shaver, tra le reazioni a uno stato emotivo? ) Fisiologiche e interne ) Topologiche 21 ) Verbali ) ognitive ) Irrazionali Il Facial ction oding System fu inventato da: ) Leoux ) kman e Friesen 22 ) rnold ) annon ) Newman

5 Test P PRIMRI VRSION Quando nel bambino si svilupperebbe, secondo la teoria di L. lan Sroufe, il cosiddetto sistema circospezione-paura? ) opo il primo anno di vita 23 ) opo il terzo mese di vita ) al decimo mese di vita ) opo il quarto mese di vita ) Sin dai primi giorni di vita osa si intende per valutazione formativa? ) Una valutazione che sia utile alla crescita dell'alunno ) Una valutazione svolta all'inizio dell'annos colastico per capire i livelli di partenza degli alunni 24 ) Una valutazione della formazione degli insegnanti ) Una valutazione che renda conto dell'andamento globale dell'alunno nel corso dell'intero anno scolastico ) Una valutazione di tipo formale La Piramide dei bisogni è un costrutto elaborato da: ) Melanie Klein ) Thomas Gordon 25 ) braham Maslow ) aniel S. Lehrman ) arl Rogers Lo shaping è una procedura tecnologica dell'istruzione che si fonda su programmi di: ) rinforzamento sistematico 26 ) stimolazione sistematica ) gestione informatizzata del compito ) controllo alternato della risposta ) osservazione di un altro soggetto Quanti tipi di incapacità/inabilità sono stati riscontrati dagli studi di settore per quel che concerne le abilità sociali di soggetti con difficoltà di apprendimento? ) ue 27 ) Sei ) Quatto ) Nessuno ) Tre Qual è l'opera di arwin relativa alle emozioni? ) L'intelligenza emotiva ) L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali 28 ) L'arte di amare ) L'origine dell'uomo e la selezione sessuale ) L'origine dell'uomo Quale tra le seguenti non è una delle caratteristiche dell'intelligenza emotiva individuate da Goleman? ) utocontrollo 29 ) mpatia ) Motivazione ) Inquietudine ) onsapevolezza di sé

6 Test P PRIMRI VRSION La motivazione all'avvicinamento: ) ' una naturale tendenza ad avvicinare agli individui allo scopo di socializzare ) ' una motivazione ad evitare situazioni di rischio 30 ) ' una motivazione che ci porta ad aiutare le persone in difficoltà ) ' una motivazione a sperimentare esiti positivi ) ' una tendenza a non sperimentare esiti negativi Il principio secondo il quale per gli allievi in situazioni di handicap " l'istruzione dell'obbligo deve avvenire nelle classi normali della scuola pubblica" è stato sancito in Italia per la prima volta dalla legge: ) 59/97 31 ) 118/71 ) 104/92 ) 517/77 ) 482/68 Se si afferma che ntonio nel termine di sei mesi dall'inizio dell'anno scolastico sarà perfettamente integrato nel gruppo classe in termini didattici si sta: ) descrivendo un obiettivo 32 ) prevedendo un esito ) formulando un'ipotesi ) esponendo una strategia ) formulando una finalità hi si occupa della redazione del PI? ) L'insegnante di sostegno ) Il dirigente scolastico 33 ) Il gruppo di lavoro per l'handicap ) Il consiglio di classe ) Il gruppo di lavoro per l'inclusione La ircolare Ministeriale n. 199/79 stabilisce che la risposta ai bisogni educativi degli alunni deve essere data: ) dagli insegnanti di sostegno 34 ) dal medico scolastico ) dagli insegnanti curricolari ) dalle funzioni obiettivo/strumentali ) da tutti gli insegnanti L'art. 24 della onvenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità statuisce: ) il diritto di fare orario ridotto 35 ) il diritto delle persone con disabilità a ricevere assistenza ) il diritto ad usufruire di agevolazioni economiche ) il diritto delle persone con disabilità all'istruzione ) il diritto ad usufruire di assistenza domiciliare La sentenza della orte ostituzionale n. 80 del 2010 precisa che l'art. 12 della Legge 104/92 attribuisce all'allievo disabile il diritto soggettivo all'educazione ed all'istruzione: ) dalla scuola dell'infanzia fino all'università 36 ) dalla scuola primaria alla secondaria di secondo grado ) fino e non oltre il compimento dei 18 anni di età ) nessuna delle altre risposte è corretta ) dalla scuola dell'infanzia alla secondaria di primo grado

7 Test P PRIMRI VRSION La legge 59/97 sull'autonomia scolastica e il successivo regolamenti attuativo (.P.R. 275/99) hanno introdotto nelle istituzioni scolastiche: ) il tempo settimanale rigido ) la centralità della classe 37 ) un modello organizzativo fisso ) la didattica direttiva ) la flessibilità com strategia portante per assicuare il successo formativo a tutti gli alunni L'autonomia didattica è finalizzata al perseguimento degli obiettivi generali del sistema nazionale di istruzione, nel rispetto: ) della diversificazione, dell'efficienza e dell'efficacia del servizio scolastico ) della integrazione e del miglior utilizzo delle risorse e delle strutture 38 ) della realizzazione della flessibilità ) dell'introduzione di tecnologie innovative e del coordinamento con il contesto territoriale ) della libertà di insegnamento, della libertà di scelta educativa da parte delle famiglie e del diritto ad apprendere Quali disturbi fanno parte della categoria dei isturbi Specifici dell'pprendimento (S) secondo il SM IV? ) islessia, discalculia, disturbi degli automatismi, disgrafia 39 ) isturbo di lettura, di compitazione, delle abilità aritmetiche e S misto ) isturbo d'ansia da separazione e disturbo bipolare ) islessia, discgrafia, disortografia, discalculia ) islessia, disprassia, discalculia La onvenzione della lotta contro la discriminazione dell'insegnamento è stata adottata dall'unso nel: ) ) 1990 ) 1960 ) 1959 ) 1995 Indicare l errore di ortografia: ) cieco ) scempio 41 ) sufficiente ) ucciello ) quadro Quale dei seguenti termini è un participio? ) nessuna delle altre risposte è corretta ) stato 42 ) alto ) strato ) stadio Individuare l errore: ) quell'albero ) quel imbroglione 43 ) quell'amica ) quell'ombrello ) quel cane

8 Test P PRIMRI VRSION Quale parola è scritta correttamente? ) bisognio ) uggola 44 ) gnente ) sogno ) nesuno Indicare l avverbio di luogo: ) prima ) adesso 45 ) qua ) quando ) assai Quale tra le seguenti parole ha lo stesso significato di avariata e sfilata? ) amminata ) Salita 46 ) Rotta ) rida ) Marcia ompletare la frase onosceva posti. raccontava meraviglie : ) a cui ) che 47 ) cui ) di cui ) a che Qual è un contrario di emblematico? ) allegorico ) tiepido 48 ) simbolico ) realistico ) nessuna delle altre risposte è corretta Indicare il plurale di caporeparto : ) nessuna delle altre risposte è corretta ) caporeparti 49 ) capireparto ) capireparti ) non esiste il plurale di questo termine hi dice questo? è una frase: ) enunciativa ) esclamativa 50 ) imperativa ) interrogativa ) nessuna delle altre risposte è corretta Indicare l intruso: ) maggiore ) inferiore 51 ) miserrimo ) minore ) superiore

9 Test P PRIMRI VRSION ompletare la frase Se facesse del bel tempo loro subito a sciare. ) andati ) andremo 52 ) andrebbero ) andrà ) andassero Nella frase rrivò di corsa, di corsa è complemento: ) di modo ) di materia 53 ) oggetto ) di specificazione ) predicativo del soggetto Minimo è il superlativo assoluto di: ) piccolo ) magro 54 ) alto ) misero ) meschino Quale delle seguenti frasi contiene un errore ortografico? ) Non incianpare! ) L'imputato si dichiarò innocente. 55 ) Sul documento manca il timbro. ) Sei un credulone. ) Questa sera mangerò una pizza. Indicare un sinonimo di embargo: ) felicità ) economia 56 ) libertà ) blocco ) impegno Quale tra le seguenti congiunzioni non è avversativa? ) tuttavia ) peraltro 57 ) ossia ) nessuna delle altre risposte è corretta ) eppure La forma Io ebbi indotto del verbo indurre è: ) congiuntivo passato ) trapassato prossimo 58 ) trapassato remoto ) passato remoto ) futuro anteriore In quale delle seguenti frasi è presente un complemento di scopo o fine? ) Per te faccio questo ) L'appuntamento è per il 10 prile 59 ) Il maglione di ntonio è rosso ) In fila per due ) Ti voglio parlare per un consiglio

10 Test P PRIMRI VRSION La III persona plurale del futuro semplice del verbo "mancare" è: ) mancherete ) mancheranno 60 ) manchi ) manco ) mancherà

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Test P PRIMRI VRSION. TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Test P PRIMRI VRSION. TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Test P PRIMRI VRSION. TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Test Preliminare - Versione TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Test Preliminare - Versione TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione

Dettagli

Indice. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 49. Indice delle schede

Indice. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 49. Indice delle schede Indice delle schede Prefazione dell edizione italiana Ringraziamenti dell editore Guida alla lettura XIII XV XIX XXI Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1 Capitolo 1 INTRODUZIONE 3 1.1 Sviluppo

Dettagli

Teorie dell apprendimento, teorie della mente e dida0ca. Romina Nes+

Teorie dell apprendimento, teorie della mente e dida0ca. Romina Nes+ Teorie dell apprendimento, teorie della mente e dida0ca Romina Nes+ E fu la mente. Le strategie e le metodologie didattiche sono influenzate dalle teorie della mente e dalle teorie dell apprendimento.

Dettagli

Normativa DSA e BES il ruolo della Scuola dell Infanzia. Elena Dal Pio Luogo

Normativa DSA e BES il ruolo della Scuola dell Infanzia. Elena Dal Pio Luogo Normativa DSA e BES il ruolo della Scuola dell Infanzia Elena Dal Pio Luogo LEGGE 170 8 ottobre 2010 Art. 1 Riconoscimento e definizione di: Dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia. Garantire

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Test Preliminare - Versione TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione

Dettagli

Docente: Collino Elena

Docente: Collino Elena Docente: Collino Elena I.I.S. SELLA - A.ALTO - LAGRANGE Sede Lagrange PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Polis 1 socio-sanitario serale MATERIA: SCIENZE UMANE E SOCIALI Libri di testo consigliati: Elisabetta Clemente,

Dettagli

Indice generale. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 59

Indice generale. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 59 Prefazione alla terza edizione italiana Autore Guida alla lettura xiii xvii xix Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1 Capitolo 1 INTRODUZIONE 3 1.1 Sviluppo infantile - ieri e oggi 4 1.1.1 Prospettive

Dettagli

Ignazia Caruso. Nuova legge 170/2010 sui Disturbi Specifici di Apprendimento

Ignazia Caruso. Nuova legge 170/2010 sui Disturbi Specifici di Apprendimento Ignazia Caruso Nuova legge 170/2010 sui Disturbi Specifici di Apprendimento LINEE GIUDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON DSA La legge 8 ottobre N.170 riconosce: la dislessia,la disortografia

Dettagli

COSTRUIRE IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO P.E.I.

COSTRUIRE IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO P.E.I. COSTRUIRE IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO P.E.I. Istituto Comprensivo "Collodi -Marini " 13 Aprile 2016 Maria Boccia Compiti Funzione Strumentale Collaboro con il Dirigente Scolastico nell organizzazione

Dettagli

LA SCUOLA E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA SCUOLA E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LA SCUOLA E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Con il termine Bisogno Educativo Speciale si indica una difficoltà evolutiva di funzionamento in ambito educativo e/o apprenditivo

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO dott.ssa Silvia Ceccaroli dott.ssa Nicoletta Staffa Associazione Strategicamente Insieme PROGETTO «IMPARARE E» Comune di Cervia 1 incontro 08.09.2016 DISTURBI SPECIFICI

Dettagli

JEROME SEYMOUR BRUNER

JEROME SEYMOUR BRUNER TEORIE DELL APPRENDIMENTO E QUALITÀ DEI PROCESSI (PARTE II) PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 JEROME SEYMOUR BRUNER--------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INCLUSIONE SOCIALE ED ASPETTI INTERCULTURALI SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INCLUSIONE SOCIALE ED ASPETTI INTERCULTURALI SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INCLUSIONE SOCIALE ED ASPETTI INTERCULTURALI SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LABORATORIO 1 FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI a.s. 2016-17 Grosseto Paola Brunello Dirigente Scolastico

Dettagli

L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS

L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS L ORIENTAMENTO COME LIFE SKILLS L orientamento consiste nel mettere un individuo in condizione di prendere coscienza delle sue caratteristiche personali e di svilupparle in vista della scelta degli studi

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE CLASSE II ASU ANNO SCOLASTICO 2015/2016. Liceo M. T. Cicerone - Pollione PROF. CARMELO ZICARI

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE CLASSE II ASU ANNO SCOLASTICO 2015/2016. Liceo M. T. Cicerone - Pollione PROF. CARMELO ZICARI PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE CLASSE II ASU ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Liceo M. T. Cicerone - Pollione PROF. CARMELO ZICARI Sezione di Psicologia Modulo 1 Emozioni, motivazioni e personalità. Le emozioni Conoscere

Dettagli

Legge 8 ottobre 2010 n Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico.

Legge 8 ottobre 2010 n Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Legge 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Interventi di identificazione precoce casi sospetti Attività di recupero didattico mirato

Dettagli

Filosofia e acquisizione di competenze. Pensiero filosofico per le competenze educative A.A. 2014/15 lezione 17 novembre 2014

Filosofia e acquisizione di competenze. Pensiero filosofico per le competenze educative A.A. 2014/15 lezione 17 novembre 2014 Filosofia e acquisizione di competenze Pensiero filosofico per le competenze educative A.A. 2014/15 lezione 17 novembre 2014 1. Che cosa si intende per competenza? 2. Come si insegnano o trasferiscono

Dettagli

Principi e metodologie di didattica inclusiva

Principi e metodologie di didattica inclusiva Principi e metodologie di didattica inclusiva Il presente corso si rivolge ai docenti di ogni ordine e grado, curricolari e di sostegno, che vogliano migliorare la propria gestione della didattica inclusiva

Dettagli

L interazione tra i servizi socio-sanitari, gli specialisti (psicologi, logopedisti, ecc ) e l organizzazione scolastica

L interazione tra i servizi socio-sanitari, gli specialisti (psicologi, logopedisti, ecc ) e l organizzazione scolastica L interazione tra i servizi socio-sanitari, gli specialisti (psicologi, logopedisti, ecc ) e l organizzazione scolastica Individuare i più adeguati interventi didattico-educativi Formazione referente coordinatore

Dettagli

Indicazioni per la certificazione delle competenze relative all assolvimento dell obbligo di istruzione nella scuola secondaria superiore Premessa I saperi e le competenze, articolati in conoscenze e abilità,

Dettagli

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta Concepimento Morte Nascita Vecchiaia Ciclo evolutivo Infanzia Tarda età adulta Adolescenza Età adulta Psicologia dello sviluppo Identifica e spiega i cambiamenti che l individuo ha nell arco della vita

Dettagli

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta Concepimento Morte Nascita Vecchiaia Ciclo evolutivo Infanzia Tarda età adulta Adolescenza Età adulta Psicologia dello sviluppo Identifica e spiega i cambiamenti che l individuo ha nell arco della vita

Dettagli

PROGRAMMA DI PSICOLOGIA GENERALE RELATIVO AL III ANNO INDIRIZZO SOCIO- SANITARIO

PROGRAMMA DI PSICOLOGIA GENERALE RELATIVO AL III ANNO INDIRIZZO SOCIO- SANITARIO PROGRAMMA DI PSICOLOGIA GENERALE RELATIVO AL III ANNO INDIRIZZO SOCIO- SANITARIO INSEGNANTE: CATIA GIROLAMETTI CLASSE: IIIE A.S. 2016-17 OBIETTIVI MINIMI: Aspetti e problemi della condizione degli anziani

Dettagli

UNIVERSITA DI FIRENZE SCUOLA DI PSICOLOGIA

UNIVERSITA DI FIRENZE SCUOLA DI PSICOLOGIA UNIVERSITA DI FIRENZE SCUOLA DI PSICOLOGIA (a.a. 2016-17) PSICOLOGIA GENERALE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Il corso di Psicologia Generale Docente: Fiorenza Giganti fiorenza.giganti@unifi.it

Dettagli

AID Ente Formatore accreditato con decreto MIUR del 06/12/2004 SEZIONE AID VICENZA

AID Ente Formatore accreditato con decreto MIUR del 06/12/2004 SEZIONE AID VICENZA AID Ente Formatore accreditato con decreto MIUR del 06/12/2004 SEZIONE AID VICENZA I DSA: dalla certificazione diagnostica al Piano di Studio Personalizzato (PDP) Dott.ssa Maria Rita Cortese Docente Pedagogista

Dettagli

ALUNNI B. E. S. azione. GLI Lurago d Erba 17 marzo 2014

ALUNNI B. E. S. azione. GLI Lurago d Erba 17 marzo 2014 ALUNNI B. E. S. Normativa e documenti di riferimento Direttiva ministeriale 27/12/2012 Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali Circolare ministeriale n.8n.8,, 06/03/2013 Direttiva

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo I GRO PLRMO -. TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo I GRO PLRMO - TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo I GRO PLRMO - TTNZION NON INIZIR IL TST PRIM H VNG SPLIITMNT ORINTO Università degli Studi di Palermo Selezione per l accesso ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le

Dettagli

I bisogni educativi speciali

I bisogni educativi speciali I bisogni educativi speciali Seconda unità di lavoro novembre 2013 roberto.grison@istruzioneverona.it - gli svantaggi socio-economici, (famiglie di basse fasce di reddito, ISEE, assenza di libri di testo

Dettagli

QUELLI CHE INSEGNANO devono saper insegnare

QUELLI CHE INSEGNANO devono saper insegnare QUELLI CHE INSEGNANO devono saper insegnare A cura di Fabrizio M. Pellegrini 04.2011 devono saper insegnare SAPER INSEGNARE A questo sapere corrispondono COMPETENZE maturate attraverso le CONOSCENZE e

Dettagli

Università degli Studi di Enna Kore Facoltà di Scienze dell Uomo e della Società

Università degli Studi di Enna Kore Facoltà di Scienze dell Uomo e della Società Anno Accademico 2017 2018 A.A. Settore Scientifico Disciplinare CFU Insegnamento Ore di aula Mutuazione 2017/18 M-PSI/01 Psicologia generale Il settore si interessa all attività scientifica e didattico

Dettagli

Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina. DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO

Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina. DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva - - - IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO SdS Coni Liguria - Genova, 03 dicembre 2011 Dott.sa Sabrina

Dettagli

LEZIONI DI PEDAGOGIA SPECIALE (B)

LEZIONI DI PEDAGOGIA SPECIALE (B) P.A.S. - Percorsi Abilitanti Speciali LEZIONI DI PEDAGOGIA SPECIALE (B) LA LEGGE QUADRO 104/1992 Prof.ssa Monica Capuzzi L. 104/92 - Art. 16. Valutazione del rendimento e prove d'esame 1. Nella valutazione

Dettagli

PROGETTO ISTRUZIONE DOMICILIARE

PROGETTO ISTRUZIONE DOMICILIARE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana-Regione Siciliana DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO DIDATTICO Via Dei Mandorli, s.n. 95033 Biancavilla(CT) Tel 095 985309

Dettagli

test di autorientamento

test di autorientamento università degli studî suor orsola benincasa facoltà di scienze della formazione CORSO DI LAUREA IN Scienze della Formazione primaria test di autorientamento Prova a rispondere alle seguenti domande e

Dettagli

Nuoro - 25 settembre 2015 Cagliari - 28 settembre 2015 Sassari - 5 ottobre 2015

Nuoro - 25 settembre 2015 Cagliari - 28 settembre 2015 Sassari - 5 ottobre 2015 Ufficio Scolastico Regionale della SARDEGNA CTS-SASSARI Centro Territoriale di Supporto Dall integrazione all inclusione Corso di formazione per docenti referenti del GLI delle Istituzioni Scolastiche

Dettagli

Contributi per la riflessione, l approfondimento e il confronto

Contributi per la riflessione, l approfondimento e il confronto LA COSTRUZIONE DEL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO PER L ALUNNO DISABILE Contributi per la riflessione, l approfondimento e il confronto Linda Branca Franca Gotti Carla Torri Sommario argomenti L osservazione

Dettagli

Legge n. 170 dell 8/10/2010

Legge n. 170 dell 8/10/2010 DSA Legge n.170 8/10/2010 D. M. 5669 del 12/07/2011 Linee guida Legge n. 170 dell 8/10/2010 DISTURBI SPECIFICI APPRENDIMENTO DSA - Michele Ciliberti - Istituto Comprensivo - Nereto - (TE) 2 Riconoscimento

Dettagli

A cura di Fabrizio M. Pellegrini SAPER INSEGNARE

A cura di Fabrizio M. Pellegrini SAPER INSEGNARE QUELLI CHE INSEGNANO devono saper insegnare A cura di Fabrizio M. Pellegrini 02.2009 SAPER INSEGNARE Questo sapere diventa COMPETENZA se viene costruito sulle CONOSCENZE, sulla RELAZIONE, sulle ABILITA,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI E GENITORI IMPARO CON LE MANI. il materiale sensoriale montessoriano in sostegno alla disabilità

CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI E GENITORI IMPARO CON LE MANI. il materiale sensoriale montessoriano in sostegno alla disabilità CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI E GENITORI IMPARO CON LE MANI il materiale sensoriale montessoriano in sostegno alla disabilità L Associazione Montessori Brescia in collaborazione con il CNIS di Brescia

Dettagli

NOVITA' SPECIALE TFA SOSTEGNO 2016/2017

NOVITA' SPECIALE TFA SOSTEGNO 2016/2017 NOVITA' SPECIALE TFA SOSTEGNO /2017 Libreria Codice Agente EDITORE EdiSES S.r.l. N. Codice EAN Autore Titolo Collana/Editore Prezzo QUANTITA' NOTE VECCHIA ED,. RIPROPOSTE RIPROPOSTE 1 9788865849248 AA.VV

Dettagli

GIORNALE DEL PROFESSORE DI SCUOLA SECONDARIA di 1 GRADO

GIORNALE DEL PROFESSORE DI SCUOLA SECONDARIA di 1 GRADO (Timbro dell Istituzione Scolastica) GIORNALE DEL PROFESSORE DI SCUOLA SECONDARIA di 1 GRADO Anno Scolastico ----- / ----- Docente: Prof. --------------------- Disciplina ---------------------------- Classe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LABORATORIO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE N. SCARANO DI TRIVENTO DI ALFABETIZZAZIONE ALLA LINGUA LATINA CLASSI IIª A, IIª B, IIª C

ISTITUTO COMPRENSIVO LABORATORIO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE N. SCARANO DI TRIVENTO DI ALFABETIZZAZIONE ALLA LINGUA LATINA CLASSI IIª A, IIª B, IIª C ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE N. SCARANO DI TRIVENTO LABORATORIO DI ALFABETIZZAZIONE ALLA LINGUA LATINA CLASSI IIª A, IIª B, IIª C DOCENTE: Prof.ssa Maria Concetta Savino ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato

Piano Didattico Personalizzato 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. STRADELLA - NEPI - Anno Scolastico... Scuola...... Classe... 2 A)

Dettagli

I DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) NORMATIVA ITALIANA. La legge 170/2010 Il DM 12 luglio 2011 e Linee Guida

I DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) NORMATIVA ITALIANA. La legge 170/2010 Il DM 12 luglio 2011 e Linee Guida I DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) NORMATIVA ITALIANA La legge 170/2010 Il DM 12 luglio 2011 e Linee Guida non solo DSA I BES (Bisogni Educativi Speciali) LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme

Dettagli

QUELLI CHE INSEGNANO. devono saper insegnare

QUELLI CHE INSEGNANO. devono saper insegnare QUELLI CHE INSEGNANO devono saper insegnare devono saper insegnare SAPER INSEGNARE Questo sapere diventa COMPETENZA se viene costruito sulle CONOSCENZE e sulle ABILITA, cioè sul SAPERE, SAPER FARE, SAPER

Dettagli

Tecnologie e apprendimento: paradigmi teorici e modelli applicativi. Maria Ranieri Università di Firenze Lezione 3

Tecnologie e apprendimento: paradigmi teorici e modelli applicativi. Maria Ranieri Università di Firenze Lezione 3 Tecnologie e apprendimento: paradigmi teorici e modelli applicativi Maria Ranieri Università di Firenze Lezione 3 Recall! Questioni terminologiche Tecnologie dell istruzione (TI) e Tecnologie dell educazione

Dettagli

Modulo Collana TFA SOSTEGNO 2017

Modulo Collana TFA SOSTEGNO 2017 Modulo Collana TFA SOSTEGNO 2017 Manuali teorici ed Esercizi commentati E: eserciziari commentati T: Manuali teorici Legenda Cliente Indirizzo EAN TFA per tutte le classi Prezzo Edizione Quantità 9788865846698

Dettagli

Le principali teorie psico-pedagogiche. Modelli teorici e lavoro scolastico

Le principali teorie psico-pedagogiche. Modelli teorici e lavoro scolastico Le principali teorie psico-pedagogiche Modelli teorici e lavoro scolastico Teorie dell apprendimento APPRENDIMENTO =processo mediante il quale si acquisiscono nuove conoscenze Esterno Dipende dall ambiente

Dettagli

Manuale di psicologia dell educazione

Manuale di psicologia dell educazione Manuale di psicologia dell educazione a cura di Giovanna Lo Sapio Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2011 EDIZIONI ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com www.edizioniets.com

Dettagli

NUOVO TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO ADOTTATO COME TESTO BASE

NUOVO TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO ADOTTATO COME TESTO BASE ALLEGATO 7 Nuove norme in materia di disturbi specifici d'apprendimento (C. 2459 Senatore Franco Vittoria ed altri, approvata in un testo unificato dalla 7 a Commissione permanente del Senato, C. 479 Anna

Dettagli

SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO LINEE GENERALI E COMPETENZE

SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO LINEE GENERALI E COMPETENZE SCIENZE UMANE LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri delle scienze umane nelle molteplici dimensioni attraverso le quali l uomo si costituisce

Dettagli

CORSO PAA PER ASSISTENTI DI VOLO SYLLABUS

CORSO PAA PER ASSISTENTI DI VOLO SYLLABUS CORSO PAA PER ASSISTENTI DI VOLO SYLLABUS I PRINCIPI BASILARI DELLA COMUNICAZIONE: - elementi della comunicazione o mittente, messaggio, ricevente o la pragmatica della comunicazione - fattori di inefficacie

Dettagli

Padova, 4 settembre 2013 Auditorium Gramsci

Padova, 4 settembre 2013 Auditorium Gramsci L EVOLUZIONE DELLA NORMA SINO ALLA LEGGE 170 ED ALLE LINEE GUIDA I bambini con DSA nella scuola: dalla legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane Giornata di formazione per promuovere una didattica

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gaggio Montano. Scuola Primaria di Castel d Aiano PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO. Classe quarta. Anno scolastico 2015/2016

Istituto Comprensivo di Gaggio Montano. Scuola Primaria di Castel d Aiano PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO. Classe quarta. Anno scolastico 2015/2016 Istituto Comprensivo di Gaggio Montano. Scuola Primaria di Castel d Aiano PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO Classe quarta Anno scolastico 2015/2016 Insegnante: Ropa Lina La presente Programmazione annuale

Dettagli

I disturbi specifici dell Apprendimento:DSA

I disturbi specifici dell Apprendimento:DSA I disturbi specifici dell Apprendimento:DSA Disturbo Specifico di Apprendimento Difficoltà di apprendimento La categoria dei Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento viene convenzionalmente identificata

Dettagli

LEZIONE Rubriche di valutazine di prestazioni autentiche

LEZIONE Rubriche di valutazine di prestazioni autentiche LEZIONE Rubriche di valutazine di prestazioni autentiche Obiettivi Conoscere come si utilizza e si costruice una Rubrica di valutazione Contenuti Elmenti di una Rubrica di valutazione Rubrica per la valutazione,

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA DI EASY BASKET

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA DI EASY BASKET DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA DI EASY BASKET EASYBASKET SEMPLICE EMOZIONANTE A MISURA DI BAMBINO ALLA PORTATA DEGLI INSEGNANTI ma di TUTTI gli insegnanti e di TUTTI i bambini

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR)

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR) CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR) Comma 129 della Legge n. 170/2015 La legge 107/2015 stabilisce che il Comitato di valutazione elabora i criteri per la valorizzazione

Dettagli

Progetto Crescere insieme con il modello ICF MONITORAGGIO IN ITINERE

Progetto Crescere insieme con il modello ICF MONITORAGGIO IN ITINERE Progetto Crescere insieme con il modello ICF MONITORAGGIO IN ITINERE Questionario A Come giudichi questa esperienza formativa? abbastanza utile 38% altro inutile Efficace 62% Efficace abbastanza utile

Dettagli

Esami conclusivi del 2 ciclo di istruzione. Giugno 2012

Esami conclusivi del 2 ciclo di istruzione. Giugno 2012 Esami conclusivi del 2 ciclo di istruzione Giugno 2012 www.istruzioneer.it Materiali incontro 12.6.2012 Linee guida in materia di Esami conclusivi per gli allievi con handicap certificato in base alla

Dettagli

Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico.

Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. L. 8 ottobre 2010, n. 170 (1). Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 18 ottobre 2010, n. 244. La Camera dei deputati ed il

Dettagli

ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI. dalla Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 alla Circolare Ministeriale n.8, del 6 marzo 2013

ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI. dalla Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 alla Circolare Ministeriale n.8, del 6 marzo 2013 ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI dalla Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 alla Circolare Ministeriale n.8, del 6 marzo 2013 Direttiva Ministeriale del 27 Dicembre 2012 Con la direttiva ministeriale

Dettagli

Programma del corso di Storia delle istituzioni educative

Programma del corso di Storia delle istituzioni educative Programma del corso di Storia delle istituzioni educative Insegnamento Storia delle istituzioni educative Corso di laurea Laurea Triennale in Scienze dell'educazione e della Formazione L-19 Settore Scientifico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE:2^ IEFP TURISTICO MATERIA: PSICOLOGIA DEL TURISMO DOCENTE: GHILARDI MARINA ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI ASSE CULTURALE STORICO-SOCIALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA competenze chiave competenze base

Dettagli

Note: - 1 CFU di insegnamento = 7,5 ore d aula e 17,5 di studio individuale - Si considerano ore da 60 minuti per i laboratori e il tirocinio

Note: - 1 CFU di insegnamento = 7,5 ore d aula e 17,5 di studio individuale - Si considerano ore da 60 minuti per i laboratori e il tirocinio Corsi di specializzazione per le attività di sostegno A.A. 206/207 Direzione del corso: Prof. Marco Lazzari Prof. associato SSD M-PED/03 Laboratori: laboratori affidati a docenti in possesso della specializzazione

Dettagli

Pedagogia e Didattica speciale (1) M-PED/03

Pedagogia e Didattica speciale (1) M-PED/03 Corso di Perfezionamento e Aggiornamento professionale / Master in Didattica e Psicopedagogia per alunni con DISTURBO AUTISTICO Primo modulo [20 CFU] MED/9 M-PSI/04 IUS/09 Classificazione, criteri diagnostici

Dettagli

I N D I C E Come è strutturata questa guida didattica e come utilizzarla

I N D I C E Come è strutturata questa guida didattica e come utilizzarla I N D I C E Come è strutturata questa guida didattica e come utilizzarla... pag. 3 PARTE INTRODUTTIVA Ragioni che stanno alla base della scelta modulare curricolare, organizzativa, didattica, fin dalla

Dettagli

Integrazione scolastica Dott.ssa M.Cristina Cornia A.S.L. Modena

Integrazione scolastica Dott.ssa M.Cristina Cornia A.S.L. Modena Integrazione scolastica 2006 Dott.ssa M.Cristina Cornia A.S.L. Modena La storia dei Servizi territoriali di Neuropsichiatria infantile è strettamente connessa con il percorso fatto dal mondo della Scuola

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA Anno scolastico

PROGETTO CONTINUITA Anno scolastico PROGETTO CONTINUITA Anno scolastico 2013-2014 TITOLO : RACCONTIAMO INSIEME ( il ) E' un progetto pensato e strutturato per gli alunni della scuola dell infanzia, per gli alunni delle classi quinte della

Dettagli

Scheda di valutazione del tirocinante

Scheda di valutazione del tirocinante COGNOME NOME TIROCINANTE DENOMINAZIONE ISTITUTO DENOMINAZIONE SCUOLA Scheda di valutazione del tirocinante DIRIGENTE TUTOR DEL TIROCINANTE PARTE A: DATI INFORMATIVI TUTOR DEL TIROCINANTE (Area disabilità)

Dettagli

Laboratorio Didattica Speciale: Codici comunicativi dell educazione linguistica Gruppo B. Prof.ssa Michela Lupia

Laboratorio Didattica Speciale: Codici comunicativi dell educazione linguistica Gruppo B. Prof.ssa Michela Lupia Laboratorio Didattica Speciale: Codici comunicativi dell educazione linguistica Gruppo B Prof.ssa Michela Lupia Accoglienza Inclusione Bisogni Educativi Speciali Educazione Linguistica Life Skills La storia

Dettagli

Dott.ssa Martina Cecchi Pedagogista. Lo sviluppo del bambino: genetica o ambiente?

Dott.ssa Martina Cecchi Pedagogista. Lo sviluppo del bambino: genetica o ambiente? Dott.ssa Martina Cecchi Pedagogista Lo sviluppo del bambino: genetica o ambiente? Temperamento Salute generale Genitori ed altre figure accudenti Scuola NATURA GENETICA EDUCAZIONE INFLUENZE ESTERNE Contesto

Dettagli

La sottocategoria disturbi evolutivi specifici comprende:

La sottocategoria disturbi evolutivi specifici comprende: Premessa L area dello svantaggio scolastico viene indicata come area dei Bisogni Educativi Speciali e richiede una speciale attenzione da parte della scuola. Comprende problematiche diverse classificabili

Dettagli

U. A. 1 : ITALIANO ABILITÀ METODI / STRATEGIE ATTIVITÀ TEMPI VERIFICH PER CREARE UN CLIMA POSITIVO CHE FAVORISCA LA

U. A. 1 : ITALIANO ABILITÀ METODI / STRATEGIE ATTIVITÀ TEMPI VERIFICH PER CREARE UN CLIMA POSITIVO CHE FAVORISCA LA U. A. 1 : ITALIANO ABILITÀ METODI / STRATEGIE ATTIVITÀ TEMPI VERIFICH PER CREARE UN CLIMA POSITIVO CHE FAVORISCA LA RELAZIONE E LA COMUNICAZIONE: - Partecipazione alla conversazione - conversazioni per

Dettagli

CURRICULUM VITAE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CURRICULUM VITAE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CURRICULUM VITAE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE COGNOME: LUCHETTI NOME: FEDERICA ESPERIENZE Area della didattica CLIL (Content and Language Integrated Learning) Didattica

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA Intestazione della scuola PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA La scuola progetta e realizza percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi degli allievi. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Il Progetto Tartaruga

Il Progetto Tartaruga Il Progetto Tartaruga PROSPETTIVA PSICODINAMICA EMOZIONE AUTISMO PROSPETTIVA COGNITIVISTA COGNIZIONE ELEMENTI DI INTEGRAZIONE ATTENZIONE CONGIUNTA STATI MENTALI FORME E STEREOTIPIE VISIONE GLOBALE DEL

Dettagli

01 MODULO INTRODUTTIVO

01 MODULO INTRODUTTIVO 01 MODULO INTRODUTTIVO Lezione 02 Percorso di formazione Attività di tirocinio Profilo del docente specializzato Avvio all auto-riflessione, attraverso la scrittura Avvio all interazione con gli altri,

Dettagli

Prof.ssa Floriana Falcinelli Università degli Studi di Perugia

Prof.ssa Floriana Falcinelli Università degli Studi di Perugia Prof.ssa Floriana Falcinelli Università degli Studi di Perugia Tre parole chiave Inserimento: presenza degli allievi con disabilità nelle scuole comuni, riconoscimento di un diritto Integrazione : processo

Dettagli

Teorie sull acquisizione del linguaggio

Teorie sull acquisizione del linguaggio Teorie sull acquisizione del linguaggio I principali problemi intorno al linguaggio sono: 1. Ruolo dei fattori genetici e di quelli ambientali 2. Rapporti tra il linguaggio e il pensiero/cognizione 3.

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ! MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IC n. 6 Scuola... LA SPEZIA PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO P.E.I. (Ai sensi dell articolo 12 - L. 104/92) Alunno/a Classe Docente/i di sostegno

Dettagli

liceo B. Russell PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: Scienze Umane INDIRIZZO: Liceo delle Scienze Umane

liceo B. Russell PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: Scienze Umane INDIRIZZO: Liceo delle Scienze Umane PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: Scienze Umane INDIRIZZO: Liceo delle Scienze Umane Secondo BIENNIO: Classi IV DISCIPLINA: Scienze Umane MODULO di SOCIOLOGIA Ø Saper riflettere sulle evoluzioni

Dettagli

IL SENSO DELLA PSICOLOGIA

IL SENSO DELLA PSICOLOGIA INSEGNAMENTO DI: PSICOLOGIA GENERALE IL SENSO DELLA PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 IL SENSO DELLA PSICOLOGIA -----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PARADIGMI ATTUALI ALLE CONSIDERAZIONI SUL RAPPORTO ALUNNO INSEGNANTE DALL ORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI COGNITIVI

PARADIGMI ATTUALI ALLE CONSIDERAZIONI SUL RAPPORTO ALUNNO INSEGNANTE DALL ORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI COGNITIVI PARADIGMI ATTUALI DALL ORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI COGNITIVI ALLE CONSIDERAZIONI SUL RAPPORTO ALUNNO INSEGNANTE I CONCETTI DELLA DIDATTICA ORDINARIA LA DIDATTICA DIFFERENZIATA LEGGE 104 INDIVIDUALIZZATA

Dettagli

CONTESTI COOPERATIVI PER GENERARE OPPORTUNITÀ

CONTESTI COOPERATIVI PER GENERARE OPPORTUNITÀ VIII EDIZIONE SIREF SUMMER SCHOOL LECCE 2013 CONTESTI COOPERATIVI PER GENERARE OPPORTUNITÀ Apprendere, formare, agire nel corso della vita: capacità, democrazia, partecipazione. Nuove politiche per lo

Dettagli

DSA e ricadute emotive-motivazionali. Elena Bortolotti

DSA e ricadute emotive-motivazionali. Elena Bortolotti DSA e ricadute emotive-motivazionali Elena Bortolotti Alta percentuale di bambini (stima dell 80%) con difficoltà di apprendimento presenta anche disturbi emotivi e/o sociali Insuccesso scolastico spesso

Dettagli

Spelzini Gigliola. Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Ossuccio, gennaio 2017

Spelzini Gigliola. Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Ossuccio, gennaio 2017 Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Ossuccio, gennaio 2017 DIFFICOLTÀ AD APPRENDERE 1. Rilevazione del bisogno 2. Segnalazione alla famiglia e

Dettagli

Difficoltà e Disturbo: quale relazione negli apprendimenti scolastici. Marzia L. Bizzaro

Difficoltà e Disturbo: quale relazione negli apprendimenti scolastici. Marzia L. Bizzaro Difficoltà e Disturbo: quale relazione negli apprendimenti scolastici Marzia L. Bizzaro Università Milano-Bicocca, 15 novembre 2010 Disabilità: limitazione o perdita (conseguente a menomazione) delle capacità

Dettagli

PARTE V Monitoraggio. Verifica e valutazione

PARTE V Monitoraggio. Verifica e valutazione PARTE V Monitoraggio Verifica e valutazione Agli insegnanti competono la responsabilità della valutazione e la cura della documentazione, nonché la scelta dei relativi strumenti, nel quadro dei criteri

Dettagli

P I A N O P E R S O N A L I Z Z A T O D E L L E A T T I V I T A E D U C A T I V E

P I A N O P E R S O N A L I Z Z A T O D E L L E A T T I V I T A E D U C A T I V E I S T I T U T O C O M P R E N S I V O T I V O L I C E N T R O I I S C U O L A D E L L I N F A N Z I A P l e s s i I. G i o r d a n i e S. P o l o d e i C a v a l i e r i a. s. 2 0 1 3-2 0 1 4 P I A N O

Dettagli

ISTITUZIONI SCOLASTICHE:

ISTITUZIONI SCOLASTICHE: » LA FIGURA DEL REFERENTE DSA NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE:» obiettivi e compiti» Padova, 4 settembre 2013 » -FIGURA DI SISTEMA?» - OTTICA MIDDLE MANAGEMENT?» -PROSPETTIVA LEADERSHIP PER» -PROSPETTIVA

Dettagli

Curricolo verticale d'istituto e co-progettazione: integrazione tra le competenze dell'esperto e le esigenze della scuola

Curricolo verticale d'istituto e co-progettazione: integrazione tra le competenze dell'esperto e le esigenze della scuola Curricolo verticale d'istituto e co-progettazione: integrazione tra le competenze dell'esperto e le esigenze della scuola Paolo Seclì Università di Modena e Reggio Emilia Dip. di Educazione e Scienze Umane

Dettagli

Provincia autonoma di Trento Prova di concorso per Assistente educatore Anno 2012

Provincia autonoma di Trento Prova di concorso per Assistente educatore Anno 2012 Provincia autonoma di Trento Prova di concorso per Assistente educatore Anno 2012 Test di cultura generale e cultura professionale della figura di assistente educatore N. 1 Nella Costituzione italiana

Dettagli

STRATEGIE PRATICHE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Relatore: Matteo Sclafani

STRATEGIE PRATICHE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Relatore: Matteo Sclafani STRATEGIE PRATICHE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Relatore: Matteo Sclafani La didattica inclusiva e la personalizzazione dell insegnamento come concetti non nuovi - Decreti delegati del 77 (organi collegiali)

Dettagli