RELAZIONE DI MANDATO Fondazione Territori Sociali - Altavaldelsa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DI MANDATO Fondazione Territori Sociali - Altavaldelsa"

Transcript

1 RELAZIONE DI MANDATO Fondazione Territori Sociali - Altavaldelsa Comune di Casole d Elsa Comune di Colle di Val d Elsa Comune di Poggibonsi Comune di Radicondoli Comune di San Gimignano

2 INDICE FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE... 3 UN ESEMPIO DI SUCCESSO : GLI ANNI DELLA PROVA... 5 LA FTSA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE... 7 ORGANIZZAZIONE... 9 ORGANI SOCIALI... 9 ATTIVITÀ DEGLI ORGANI...10 SISTEMA DI QUALITÀ E ACCREDITAMENTO...11 PROCEDURE E PROTOCOLLI APPROVATI...12 QUESTIONARI DI GRADIMENTO DEI SERVIZI SOMMINISTRATI AGLI UTENTI...13 I SERVIZI DI WELFARE...15 UTENTI...15 SPESA PER CATEGORIA DI UTENTI...15 QUOTA CAPITARIA contribuzione dei Comuni fondatori dal 2010 al COSTI A CARICO DEI COMUNI PER CATEGORIA DI UTENZA...18 LO SVILUPPO DEL MODELLO...21 ATTIVITÀ DI CODIFICAZIONE DEL SISTEMA...21 INVESTIMENTI...22 CONTABILITÀ...22 LE RISORSE INFORMATICHE...23 LA COMUNICAZIONE...24 LE DONAZIONI...25 IL CINQUE PER MILLE...26 DESTINAZIONI E IMPORTI CAMPAGNA 5 X MILLE ANNO 2011 PROGETTO CASA IN COMUNE...27 SERVIZI IN CONVENZIONE / APPALTO indotto...27 TABELLA SERVIZI AFFIDATI RIPARTITI PER MACRO AREE DI AFFERENZA...32 FTSA UN LUOGO IN CUI LAVORARE. LE POLITICHE DEL PERSONALE...34 LE NOSTRE RISORSE...34 FIDELIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE...35 Dipendenti per categorie professionali e datori di lavoro...36 COSTO DEL PERSONALE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SUL CLIMA AZIENDALE...39 LE ATTIVITÁ FORMATIVE ANZIANI DIVERSAMENTE ABILI MINORI E FAMIGLIE I PROGETTI IL SERVIZIO CIVILE REGIONALE IL WELFARE COMUNITARIO DICONO DI NOI

3

4 FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE UN ESEMPIO DI SUCCESSO I cambiamenti sociali, demografici ed economici avvenuti negli ultimi anni nel nostro Paese, come nei nostri territori, mettono ogni giorno a dura prova il sistema del welfare come fino ad oggi l abbiamo conosciuto. Oggi più che mai abbiamo bisogno di un solido sistema di welfare per affrontare le sfide dello sviluppo e della coesione sociale. L esperienza della Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa in questi anni dimostra come il welfare comunitario sia il più adatto per rispondere in modo innovativo e flessibile alle richieste che provengono da una società in evoluzione. La crisi in atto alimenta la preoccupazione in tutti noi di non riuscire a rispondere ancora in modo puntuale ad ulteriori e crescenti bisogni. Non dimentichiamo, infatti, che le erogazioni nazionali assistenziali riescono ad abbattere solo marginalmente il rischio di povertà e restano quindi poco efficaci e poco eque. Sulle carenze antiche è sopravvenuto, inoltre, anche in Valdelsa, l impatto delle trasformazioni sociali e poi della crisi: disoccupazione e cassa integrazione in aumento, impoverimento crescente e diffuso, diseguaglianze accentuate, riduzione dei consumi e oneri crescenti sulle famiglie. Di fronte a tutto questo purtroppo il Governo nazionale ha scelto di ridurre drasticamente la spesa sociale per le Regioni e gli Enti locali. E diventato pertanto prioritario nei nostri territori utilizzare le risorse disponibili massimizzandone l efficacia, cercando di promuovere a tutti i livelli equità ed efficienza di gestione e tutelando chi è in una maggiore situazione di vulnerabilità e di bisogno: famiglie con figli, poveri nuovi e vecchi, anziani non autosufficienti e disabili. Da sempre i comuni valdelsani, impegnati sul fronte della domanda sociale, attraverso lo strumento di una fondazione di partecipazione come la Ftsa, hanno risposto alla domanda di assistenza, convinti che per realizzare coesione sociale occorrono innanzitutto servizi tarati sulle specificità del territorio, una maggiore economicità ed efficienza nella gestione e una dimensione di intervento territoriale adeguata e davvero partecipata. I cambiamenti in corso, come detto, nella struttura della popolazione non si limitano al solo fenomeno dell invecchiamento, quella che sta cambiando è anche la composizione delle famiglie, con un forte incremento di quelle monoparentali, e di anziani soli. Entrambe queste categorie ci chiedono un sostegno sulla prossimità, il potenziamento dei servizi di contrasto alla solitudine e alla povertà relativa. La Fondazione in questo contesto può rilanciare la sua capacità di integrazione, in particolare, sull emergenza abitativa. Escludendo la possibilità ovviamente che sia soltanto la FTSA a risolvere il problema dell abitare, è tuttavia auspicabile e opportuno che essa intervenga in modo mirato in alcuni aspetti del problema, mettendo in campo proprie competenze e approcci, intervenendo sulle fasi di emergenza che colpiscono l utenza di riferimento, quali i nuclei con minori e le donne vittime di violenza. La progettualità della Fondazione potrebbe estendersi ad esperienze di cohousing e housing sociale, servizi per la prevenzione degli sfratti con morosità e accesso al mercato delle locazioni, gestione di alloggi riservati alle segnalazioni dei servizi sociali, accessibilità degli alloggi per le persone disabili. Realizzare una rete di interventi coordinati sull emergenza abitativa consentirebbe non solo di sfruttare e mettere a punto i migliori modelli mutuandoli dalle esperienze dei singoli comuni, ma anche di razionalizzare senza duplicare le risorse necessarie, con una maggiore flessibilità nelle risposte. 3

5 L investimento nella FTSA ha consentito ai Comuni di assumere un ruolo diretto nella governance e nella attività di programmazione, monitoraggio e controllo, determinando equità, efficacia, attivazione e integrazione delle risorse disponibili sul territorio. Il successo di quest esperienza ci porta inevitabilmente ad interrogarci sulla possibilità di ulteriori strategie di integrazione rispetto ad altri servizi alla persona, quali ad esempio le attività per i minori, e a quelli già citati sulle problematiche dell abitare. Noi siamo convinti che i servizi per bambini e ragazzi devono diventare centrali nel sistema di politiche sociali in Valdelsa, recuperando un insufficienza storica di risorse, progetti e programmi di intervento. In questo contesto possiamo individuare nuovi filoni di intervento e di servizi integrati in aggiunta a quelli educativi extrascolastici già attivati dalla Fondazione; la gestione delle attività educative scolastiche, degli asili nido, il potenziamento e la messa in rete delle attività ricreative. Gli asili nido, in particolare, rappresentano uno strumento determinante rispetto ai bisogni di sostegno alle sempre più fragili reti familiari e, nonostante il nostro territorio sia sopra la media nazionale e regionale per numero di strutture, non ci può esimere dal ragionare su una nuova e diversa pianificazione, compatibilmente con le risorse disponibili. Si tratta, infatti, di un servizio essenziale per le famiglie che è parte integrante di tutte le politiche attive del lavoro, delle pari opportunità e della conciliazione. In questo contesto la FTSA potrebbe essere il gestore ideale di un servizio educativo e sociale che conserverebbe il controllo diretto dei Comuni ma in una cornice organizzativa diversa e più efficace, con una razionalizzazione dell offerta ed un incremento negli standard di qualità, in grado di colmare anche le eventuali lacune geografiche. È con questo auspicio che concludo la mia esperienza di Presidente della Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa e il mio mandato da Sindaco di Colle Val d Elsa, consapevole della maturità raggiunta da questo territorio nel campo delle politiche sociali. Desidero cogliere l occasione per ringraziare tutti coloro che a vario titolo hanno puntualmente collaborato con professionalità, spirito di sussidiarietà e forte senso di comunità, penso ad associazioni, amministrazioni comunali, dipendenti, collaboratori e non meno importanti i cittadini valdelsani che ci hanno permesso in questi anni anche attraverso le loro sollecitazioni di contribuire attivamente al benessere della nostra società. Grazie, infine per l occasione che ho avuto di vivere questa esperienza unica e irripetibile e di aver dato il mio contributo ad un arricchimento del nostro territorio. Paolo Brogioni Presidente Ftsa 4

6 GLI ANNI DELLA PROVA Si può guardare con particolare orgoglio ai quattro anni passati, e trarne auspici positivi per il futuro della Fondazione. Nel 2010 la FTSA veniva da un quadriennio di investimenti ed entusiasmi, di nuovi progetti e servizi, e col vento in poppa aveva in pochi anni accreditato nella Comunità un modello nuovo di integrazione e di servizi, cercando di smentire diffidenze e pregiudizi iniziali, naturali per una novità di tali proporzioni. Il contesto, proprio in avvio del secondo mandato degli organi, cambiò radicalmente e tra il 2010 e il 2011 ha imposto ai servizi sociali dei Comuni alcune grandi sfide, che avrebbero potuto segnare la fine dell esperienza, e che invece, riteniamo, ne hanno permesso il rafforzamento. Innanzitutto hanno inciso gli ingenti tagli ai finanziamenti statali: direttamente (Fondo Nazionale Politiche Sociali) con una riduzione violenta di oltre euro all anno tra il massimo del 2008 e il suo minimo nel 2012; direttamente anche con l azzeramento dei finanziamenti della Fondazione MPS (dal 2010); indirettamente attraverso i tagli effettuati alle risorse dei Comuni, che hanno dovuto fare scelte molto impegnative per mantenere in tutti questi anni lo stesso livello di finanziamento alla Fondazione e naturalmente senza poterlo aumentare. Una seconda sfida è stata nel 2010 la nascita della Società della Salute in Valdelsa, che ci ha costretto a dimostrare, negli stessi anni, di essere un valore aggiunto per la comunità e per la stessa Sds, e non un inutile sovrastruttura. Questa sfida si poteva vincere solo con una continua ricerca della specializzazione, aumento del know-how, efficacia ed idee e con una feroce ricerca dell efficienza economica. Una terza, faticosissima, è venuta dal cambiamento del contesto normativo che, nel 2011 con l approvazione del DL 138/11, ha messo in discussione lo stesso strumento, aprendo un dibattito istituzionale sulla legittimità della Fondazione e sulle sue regole di funzionamento. Per dodici mesi, fino alla sentenza della corte costituzionale che ha definitivamente abrogato l ultimo provvedimento governativo in materia, è sembrato che le nuove regole sui servizi pubblici locali costringessero i Comuni ad azzerare l esperienza di gestione integrata dei servizi sociali attraverso la Fondazione e orientare tutto al mercato privato, perdendone dunque il controllo e la capacità operativa. Ma l ultimo e il più importante cambiamento che la Fondazione ha dovuto raccogliere riguarda il contesto economico e la pesante crisi che ha colpito le famiglie della nostra comunità. In pochissimi anni è cambiata la qualità della vita delle persone, i loro bisogni, le loro richieste, talvolta le grida di aiuto. L aumento della disoccupazione, con dimensioni maggiori di sempre, ha portato con sé nuove povertà, diffuse in fasce di popolazione che non l avevano conosciuta fino ad oggi, e con essa nuove forme di disagio, nuovi bisogni di prossimità, di azioni, di servizi. Mai come in questi anni abbiamo compreso il bisogno di costruire intorno a ciascuno di noi, a ciascun cittadino della Valdelsa, una comunità forte, coesa, inclusiva, capace innanzitutto di non lasciare sole le persone. La risposta migliore, l unica possibile a tutte le nuove domande sociali, è che non ci sia più una comunità divisa: tra cittadini che chiedono e istituzioni che danno; tra enti pubblici che pagano e terzo settore che eroga servizi, accentuando il valore dei rapporti economici a scapito della sussidiarietà e della coprogettazione vera; tra cittadini ricchi e cittadini poveri, dove gli uni non hanno bisogno degli altri e si sentono autosufficienti, finché scoprono che hanno anche loro bisogno dell aiuto che non hanno mai dato, e gli altri si sentono lasciati soli, impotenti, e si chiudono nella rabbia e nella disperazione. La missione più importante per la FTSA è stata, dunque, in questi anni quella di saper leggere questa nuova grande domanda di comunità e di orientare le politiche sociali in questa direzione, aggiungendo servizi e risposte nuove, ma soprattutto rinnovando il modo di fare i servizi di sempre. Nelle pagine di questa relazione di fine mandato abbiamo cercato di rendere conto di come abbiamo 5

7 affrontato gli anni Lo sforzo congiunto di un miglioramento continuo della qualità e dell efficienza dei servizi nonostante le minori risorse, e di progettarne di nuovi per rispondere ai bisogni emergenti, è senz altro la cifra più importante di questi anni. Tra i tanti numeri, che abbiamo voluto lasciare leggibili nella loro trasparenza senza forzare troppe interpretazioni, si possono comunque evidenziare nel dettaglio i fenomeni organizzativi più importanti: a) sul piano della gestione dei servizi tradizionali: l introduzione del sistema di qualità e di accreditamento dei servizi, che sta portando ad una diversa maturità e modernità nel nostro saper fare ; la decisione, storica per certi versi, di andare verso una maggiore gestione diretta (come la internalizzazione della mensa e della RSA Bottai di Colle) laddove tutti i Comuni italiani vanno verso maggiori appalti; la riorganizzazione della filiera dei servizi per la disabilità, che ci consentirà di dare risposte a più famiglie, garantendo loro una risposta di continuità nel tempo (riorganizzazione dei centri diurni, apertura di una nuova RSD in Valdelsa); b) sul piano dei nuovi progetti: tra i tanti quelli sul contrasto alla povertà (Poggibonsi/ Valdelsa con te); quelli sulla risposta all emergenza abitativa; quelli sulla promozione della partecipazione, del volontariato e della solidarietà. Ma quali nuovi traguardi attendono le politiche sociali della Valdelsa e, in particolare, la Fondazione nel prossimo quadriennio? Su tutte, due mi sembrano le più decisive: la prima, perseguire il processo di coesione e inclusione della comunità (Welfare Community) già avviato, orientandone e rafforzandone progetti, azioni e servizi; la seconda, ripensare i servizi per la non autosufficienza, in particolare per gli anziani, alla luce dei cambiamenti che gli indirizzi nazionali e regionali stanno introducendo nelle politiche e nella programmazione. Questo tema sarà molto rilevante per la Fondazione, che oggi lega il 70% circa della propria organizzazione alla gestione delle strutture per anziani (risorse economiche e addetti). Le nuove programmazioni, tanto nazionali che della Regione Toscana, tendono a dare sempre meno importanza alla gestione pubblica dei servizi residenziali, privilegiando da un lato l assistenza domiciliare, dall altra il sostegno economico alle famiglie anche perché assicurino da sé la cura di cui hanno bisogno. Il mantenimento del sistema dei servizi sanitari, ospedalieri e di territorio, sui livelli che abbiamo conosciuto, imporrà il prezzo del ridimensionamento dei servizi sociali e sociosanitari. I Comuni della Valdelsa, che sempre hanno creduto e investito sulla accoglienza degli anziani come il fiore all occhiello, la cifra distintiva del welfare nel nostro territorio, dovranno decidere se contrastare questa deriva istituzionale difendendo l esperienza maturata in tre decenni di accoglienza degli anziani, o ripensare tutti i servizi, lasciando al mercato privato la gestione delle residenzialità e investendo sui servizi diversi, da quelli domiciliari, a quelli leggeri, ai nuovi progetti. Le ultime parole sono per i bambini della Valdelsa. Tra loro ci sono i cittadini di domani, i lavoratori, la classe dirigente, gli imprenditori, i poeti e gli artisti, gli amministratori pubblici, gli insegnanti, tutti quelli che avranno il compito di essere e organizzare la nostra comunità e tramandarla alle generazioni successive. Quanto e cosa vogliamo aspettarci da loro? Quanto siamo disposti ad investire perché crescano coesi, solidi e solidali come li vorremmo? Questo dipenderà da quanto vorremo investire su di loro, sui servizi diretti, sul sostegno alle famiglie in difficoltà, sul supporto alla genitorialità, sui servizi educativi. Nel dibattito storico sulla spesa sociale, se sia una spesa o un investimento, questo mi sembra chiaro: un euro speso per i bambini è un euro di investimento sulla qualità di vita, sul livello di civiltà e di progresso di domani. La Fondazione e i Comuni si possono dare allora un nuovo orizzonte di sviluppo, un nuovo traguardo: potenziare il ruolo della FTSA nei servizi socio-educativi, sperimentando nuove forme e spazi di integrazione sulle competenze e i servizi, unendo sociale ed educativo, e comprendendo che l uno ha bisogno, integra e rafforza l altro. Antonio Mazzarotto Direttore Generale della FTSA 6

8 LA FTSA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE La Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa gestisce dal 2006 i servizi sociali per conto dei Comuni di Casole d Elsa, Colle di Val d Elsa, Poggibonsi, Radicondoli e San Gimignano. Obiettivo della Fondazione è stato fin da subito l elaborazione di nuovi progetti per fornire risposte efficaci ai problemi di disagio ed emarginazione sociale. Lo strumento di una fondazione di partecipazione ha consentito, in particolare, di recuperare il ruolo strategico delle amministrazioni comunali nel campo dei servizi sociali. La FTSA organizza servizi e persone per migliorare la qualità della vita in Valdelsa, non rinunciando all apporto emergente della società civile, con il quale è riuscita nel corso degli anni a creare una rete di contatti, dalle associazioni alla scuola, ai servizi per l impiego, alle cooperative sociali. I servizi della Fondazione sono rivolti a: famiglie: nuclei familiari temporaneamente in situazioni di disagio economico e sociale; anziani: persone anziane che vivono una situazione di grande difficoltà fisica o economica, da soli o con una famiglia che purtroppo non può più assisterli; diversamente abili: attività a supporto della persona e della sua famiglia per favorirne l autonomia; minori: bambini e ragazzi fino a 18 anni di età. Come tutte le organizzazioni, la FTSA si ispira ad alcuni principi inequivocabili ed irrinunciabili come sancito dall Articolo 1 del Regolamento unico di accesso ai servizi sociali: - rispetto della libertà e dignità della persona; - garanzia dell uguaglianza, delle pari opportunità rispetto a condizioni sociali e stati di bisogno differenti; - valorizzazione della differenza di genere; - valorizzazione delle capacità e delle risorse della persona; - perseguimento delle possibilità di scelta fra le prestazioni erogabili; - adeguatezza, appropriatezza e personalizzazione degli interventi; - prevenzione e rimozione delle condizioni di disagio sociale; - sostegno dell autonomia delle persone disabili e non autosufficienti; - valorizzazione e sostegno del ruolo peculiare delle famiglie quali luoghi privilegiati per la crescita, lo sviluppo e la cura della persona; - partecipazione attiva dei cittadini singoli o associati nell ambito dei principi di solidarietà e di auto-organizzazione; - sviluppo e alla qualificazione degli interventi e dei servizi; - valorizzazione delle professioni sociali. Gli Stakeholders Il successo del modello è legato anche agli interlocutori sociali e alla qualità dei rapporti con i diversi gruppi di stakeholders con i quali la Fondazione interagisce. Oggi, infatti, non è più possibile gestire efficacemente una qualsiasi organizzazione se non si è in grado di conoscere e prevedere le legittime attese dei propri portatori di interesse. Qualità dei servizi offerti, ma anche sicurezza e benessere negli ambienti di lavoro, promozione dei valori etici e sociali, rappresentano le nuove frontiere alle quali le organizzazioni come la FTSA devono affacciarsi facendo proprie le istanze dei diversi gruppi. 7

9 Gli stakeholders della Fondazione possono essere suddivisi in tre macro-categorie: istituzionali: enti locali territoriali (Comuni fondatori, Provincia di Siena, Regione Toscana) e agenzie funzionali (AUSL 7 di Siena); dipendenti dell organizzazione: personale diretto e indiretto; informali: utenti, cittadini e piccoli gruppi di volontariato; società civile: sindacati, associazioni di categoria, mass media e associazioni del territorio. Come è possibile osservare si tratta di una molteplicità complessa e variegata di soggetti portatori di interesse della comunità. Nel corso del tempo, le sollecitazioni provenienti dagli interlocutori sociali della Fondazione hanno subito una profonda trasformazione, conquistando sempre più voce e riuscendo ad influenzare, anche indirettamente, l elaborazione di strategie e strumenti. Coinvolgere lavoratori, volontari, utenti, comunità è complicato ma è una prerogativa indispensabile per rendere efficaci ed efficienti progetti di rilevanza sociale. Non si tratta per la FTSA, infatti, solo di un attento gioco ad incastri che presuppone capacità di lettura e di mediazione, ma piuttosto una rielaborazione di feedback, esperienze, variabili di contesto, vincoli e prospettive, cultura personale, che le ha consentito nel corso del tempo di rispondere prontamente alla domanda cosa possiamo fare per gli utenti dei servizi sociali e per la comunità tutta. 8

10 ORGANIZZAZIONE ORGANI SOCIALI La composizione degli organi della FTSA conferma la volontà dei Comuni fondatori di partecipare attivamente alla definizione delle strategie e degli interventi volti a migliorare la qualità della vita e della comunità. Il Presidente, il Consiglio di Indirizzo, il Consiglio di Gestione sono, infatti, espressione diretta delle amministrazioni locali. Tutte le cariche sono svolte a titolo gratuito ad eccezione del Collegio dei Revisori dei Conti e del Direttore Generale. L attuale composizione degli organi è la seguente: Consiglio di Indirizzo - Piero Pii, Sindaco del Comune di Casole d Elsa - Federica Casprini, Assessore a Istruzione, Cultura, Associazionismo, Turismo e Pari Opportunità del Comune di Colle di Val d Elsa - Lucia Coccheri, Sindaco del Comune di Poggibonsi - Emiliano Bravi, Sindaco del Comune di Radicondoli - Giacomo Bassi, Sindaco del Comune di San Gimignano Il Consiglio d Indirizzo approva gli obiettivi ed i programmi della Fondazione proposti dal Consiglio di Gestione e verifica i risultati complessivi della gestione della medesima. (art. 17 dello Statuto della FTSA) Consiglio di Gestione - Giampiero Torellini, Assessore alla Sanità, Servizi Sociali, Sport del Comune di Casole d Elsa; - Mauro Lenzi, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Colle di Val d Elsa - Filomena Convertito, Assessore alle Politiche Sociali e Politiche della Casa del Comune di Poggibonsi - Stefania Dei, Assessore alle Politiche Sociali e Giovanili, Immigrazione, Sanità, Istruzione, Politiche della Casa, Pari Opportunità del Comune di Radicondoli - Ilaria Garosi, Assessore alle Politiche Sociali, Politiche Giovanili e per la Multiculturalità, Scuola del Comune di San Gimignano Il Consiglio di Gestione provvede all amministrazione ordinaria e straordinaria ed alla gestione della Fondazione, con criteri di economicità, efficacia ed efficienza, nell ambito dei piani, dei progetti e dei bilanci approvati dal Consiglio d Indirizzo. (art. 18 dello Statuto della FTSA) Presidente - Paolo Brogioni, Sindaco del Comune di Colle di Val d Elsa Il Presidente della Fondazione presiede il Consiglio d Indirizzo ed il Consiglio di Gestione ed è nominato dal Consiglio d Indirizzo.Il Presidente, inoltre, cura le relazioni con enti, istituzioni, imprese pubbliche e private e altri organismi, anche al fine di instaurare rapporti di collaborazione e sostegno delle singole iniziative della Fondazione. (art. 19 dello Statuto della FTSA) 9

11 Direttore Generale - Antonio Mazzarotto Il Direttore è scelto attraverso un bando ad evidenza pubblica. Resta in carica tre anni e il suo mandato è rinnovabile. Il Direttore Generale è responsabile operativo della Fondazione. Egli risponde del proprio operato innanzi agli organi collegiali della Fondazione. (art. 20 dello Statuto della FTSA) Collegio dei Revisori dei conti Membri effettivi - Roberto Bonini, in qualità di Presidente - Cristina Galgani - Monica Stellin Membri supplenti - Mauro Bardotti - Fabrizio Corsi. Il Collegio dei Revisori è organo contabile della Fondazione e vigila sulla gestione finanziaria della Fondazione, accerta la regolare tenuta delle scritture contabili, esamina le proposte di bilancio preventivo e di rendiconto economico e finanziario, redigendo apposite relazioni, ed effettua verifiche di cassa. (art. 21 dello Statuto della FTSA) ATTIVITÀ DEGLI ORGANI Riunioni del Consiglio di Indirizzo Partecipazione media 62,86% 49,09% 60,00% 62,50% Riunioni del Consiglio di Gestione Partecipazione media 95,56% 60,00% 97,14% 77,33% Riunioni congiunte

12 SISTEMA DI QUALITÀ E ACCREDITAMENTO Nel quadriennio passato, che dal punto di vista dei servizi tradizionali può essere considerato di consolidamento, si è cercato di garantire qualità nella gestione concentrando attenzione e sforzi organizzativi in ogni direzione: non solo dunque con l introduzione di un sistema di qualità in senso stretto, ma anche con l attenzione all efficienza nei costi, agli investimenti per il rinnovo delle infrastrutture e per l aumento della professionalità, all equilibrio e all incisività nella gestione delle risorse umane ed ad un diretto collegamento con le scelte politiche e di indirizzo. L accreditamento è un procedimento amministrativo con il quale il Comune riconosce a un soggetto già autorizzato all esercizio dei servizi sociali o socio-sanitari lo status di potenziale erogatore di prestazioni nell ambito e per conto del Sistema Integrato dei Servizi Sociali. Si tratta, dunque, di una forma di certificazione pubblica che attesta il possesso di una serie di requisiti qualitativi stabiliti dalla legge regionale e verificati su una scala di indicatori dichiarati dal soggetto stesso e periodicamente verificati dal Comune. Lo scopo è quello di certificare la qualità delle prestazioni e l adeguatezza del servizio alla soddisfazione dei bisogni dei cittadini. Con questo riconoscimento il soggetto accreditato viene dichiarato in grado di svolgere i servizi del welfare pubblico locale e come tale può considerarsi un fornitore verificato. La Pubblica Amministrazione e il cittadino possono rivolgersi tranquillamente al soggetto accreditato, perché è stato ritenuto in grado di garantire gli standard organizzativi ed operativi richiesti dalle norme. Il cittadino che riceve i servizi da un soggetto accreditato ha la garanzia di ottenere servizi dotati di alcuni standard qualitativi, periodicamente verificati e sottoposti a processi di controllo amministrativi. La Legge quadro dell 8 novembre 2000 n. 328, che ha istituito il sistema integrato dei servizi sociali, ha assegnato la responsabilità di tale riconoscimento ai Comuni. Spetta, infatti, alle Amministrazioni Comunali il compito di accreditare i soggetti pubblici e privati che intendono proporre i loro servizi al finanziamento pubblico, come parte integrante del sistema di welfare locale. Accreditare i propri servizi significa, per l organizzazione che li produce, sottoporsi ad un regime 11

13 di controllo amministrativo, il cui obiettivo è quello di indagare la sostanza del modello adottato, le competenze utilizzate, le tecnologie e le strutture messe a disposizione e, quindi, la qualità che tutti questi fattori, interagendo fra loro, imprimono al servizio. Per la FTSA procedere all accreditamento delle strutture e dei servizi è stata ed è una sfida molto importante perché la Legge Regionale 82/2009, concepita per l accreditamento di singole strutture e singoli servizi, non contempla casi in cui il gestore sia unico e le strutture e i servizi tanti quanti quelli gestiti dalla Fondazione. Per questo motivo lavorare per uniformare la documentazione e renderla fruibile per tutti ha comportato e comporta un costante impegno. Il lavoro svolto per l accreditamento deriva dalla definizione e dall accertamento del possesso e del mantenimento di una serie di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi che si ritengono rilevanti per garantire un alto livello qualitativo. Ciò, tuttavia, comporta la necessità di introdurre metodi di valutazione sistematica e periodica della qualità dei servizi attraverso l utilizzo di indicatori e il riesame degli stessi. La FTSA per permettere una valutazione dei servizi forniti agli utenti ha previsto, nell ambito del sistema qualità, la somministrazione di questionari volti a valutare il gradimento dei servizi, la qualità del clima aziendale e altri strumenti, quali l esame di eventuali reclami e il monitoraggio del Piano della Qualità. La politica per la qualità produce, infatti, una forte spinta al miglioramento; l analisi delle variabili di ciascun processo permette poi di ottimizzare l impegno e le risorse e quindi di migliorare la performance complessiva di tutti i servizi. PROCEDURE E PROTOCOLLI APPROVATI Strutture Residenziali e Semiresidenziali Strutture Residenziali Procedure approvate Protocolli approvati R.S.A. Dina Gandini Poggibonsi R.S.A. Santa Fina San Gimignano R.S.A. F. Bottai Colle di Val d Elsa Struttura Residenziale per Disabili Il Mulino Poggibonsi Totale Strutture Semiresidenziali C.D.A. S. Traversari Poggibonsi C.D.S. L Impronta Colle di Val d Elsa Totale

14 Assistenza Domiciliare Assistenza Domiciliare Socio Assistenziale Assistenza Domiciliare Socio- Sanitaria Assistenza Domiciliare Socio- Educativa Procedure approvate Protocolli approvati Totale Altri Servizi alle persone Procedure approvate Protocolli approvati Trasporti Sociali 4 1 Totale 4 1 QUESTIONARI DI GRADIMENTO DEI SERVIZI SOMMINISTRATI AGLI UTENTI Numero di questionari R.S.A. Dina Gandini Poggibonsi R.S.A. Santa Fina San Gimignano R.S.A. F. Bottai Colle di Val d Elsa C.A.P. Il Mulino Poggibonsi C.D.A. S. Traversari Poggibonsi C.D.S. L Impronta Colle di Val d Elsa Comunità di tipo familiare 1 Casa Ginestra Casole d Elsa ) Struttura non soggetta ad accreditamento regionale. 13

15 C.D.A. Il Bagolaro 2 San Gimignano Centro Lucia ANFASS 3 Poggibonsi Casa Fattoria Valle del Sole Totale Assistenza Domiciliare Numero di questionari Assistenza Domiciliare Socio Assistenziale e Socio Sanitaria Poggibonsi n.d 96 Assistenza Domiciliare Socio Assistenziale e Socio Sanitaria Colle di Val d Elsa Assistenza Domiciliare Socio Assistenziale e Socio Sanitaria San Gimignano Assistenza Domiciliare Socio Assistenziale e Socio Sanitaria Casole d Elsa Assistenza Domiciliare Socio Assistenziale e Socio Sanitaria Radicondoli n.d 79 n.d 20 n.d 26 n.d 5 Totale ) Struttura non soggetta ad accreditamento regionale. 3) Struttura convenzionata con FTSA. 4) Struttura convenzionata con FTSA. 14

16 I SERVIZI DI WELFARE Il quadriennio passato è stato contrassegnato da un calo importante dei finanziamenti nazionali, ai quali si è aggiunta la sospensione del finanziamento della Fondazione MPS. Complessivamente sono venuti meno, nel tempo, circa annui, effetto parzialmente attutito dalla contestuale introduzione del Fondo della Non Autosufficienza. A questo calo dei finanziamenti corrisponde negli anni un conseguente calo della spesa ( annui), un maggiore carico sugli utenti con un aumento delle compartecipazioni ( ) e lo sforzo dei Comuni nel mantenimento della quota capitaria, nonostante i pesanti tagli subiti dei trasferimenti nazionali anche direttamente nei bilanci comunali UTENTI Popolazione residente Utenti complessivi dei servizi Incidenza dell utenza sulla popolazione residente 4,58% 4,75% 4,63% 4,52% Il numero degli utenti viene aggiornato annualmente, archiviando i casi che non hanno ricevuto interventi nell arco di due anni. SPESA PER CATEGORIA DI UTENTI Le categorie utilizzate nella tabella sottostante corrispondono a quelle previste per la rilevazione della spesa sociale rendicontata all ISTAT. La forte riduzione di spesa nella voce Famiglia e Minori tra il 2010 e il 2011 e il contestuale aumento nella voce Disagio Adulto sono imputabili a una diversa classificazione del servizio sociale professionale e alla conclusione di due importanti finanziamenti specifici per progetti sui minori. Da segnalare anche l incidenza delle accoglienze fuori zona, il cui dato è disponibile a pag 60. * Famiglia e minori Disabili Anziani Immigrati Disagio adulto Multiutenza** Totale *2013 dato stimato. ** Sono compresi nella Multiutenza tutti i sevizi non classificabili in un utenza specifica 15

17 Spesa per categorie di utenti negli anni 2010, 2011, 2012, 2013 Totale ripartito: Ricavi per categorie - grafico 16

18 Ricavi - dettaglio * Compartecipazione utenti Comuni fondatori Azienda USL 7 Siena Fondo Nazionale Politiche Sociali Fondo per la Non Autosufficienza Altro Totale *anno 2013 da proiezione al 31/12/2013 Dal confronto con il 2008, l anno in cui il Fondo Sociale Nazionale ha raggiunto il suo massimo storico, possiamo rilevare che c è stata una forte diminuzione del Fondo passato da a del QUOTA CAPITARIA contribuzione dei Comuni fondatori dal 2010 al

19 Il finanziamento dei Comuni ai servizi sociali è cresciuto costantemente negli anni fino al 2010 (46,20 per abitante a fronte di 41,20 del 2009). Dal 2010 la quota capitaria è rimasta costante, unico caso tra i diversi servizi comunali, nonostante i progressivi e importanti tagli ai trasferimenti nazionali subiti. Costi dei servizi La riduzione dei costi per i servizi dal 2010 al 2013 di circa è conseguenza delle strategie di razionalizzazione e contenimento della spesa dovute alla flessione dei finanziamenti disponibili. COSTI A CARICO DEI COMUNI PER CATEGORIA DI UTENZA Spesa totale Spesa per abitante Spesa totale Spesa per abitante Spesa totale Spesa per abitante Anziani ,85 12, ,76 13, ,45 11,36 Disabili ,75 15, ,03 14, ,55 13,05 Famiglie e minori ,00 9, ,80 8, ,00 12,71 Disagio adulto ,00 1, ,04 1, ,00 1,36 Multiutenza ,00 7, ,57 7, ,00 7,72 Totale ,60 46, ,20 46, ,00 46,20 18

20 Costo a carico dei Comuni grafico Costo complessivo dei servizi sociali grafico 19

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli