PROGETTO UN VIAGGIO IN BANCA ALLA SCOPERTA DI UN MONDO (A NOI) ANCORA SCONOSCIUTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO UN VIAGGIO IN BANCA ALLA SCOPERTA DI UN MONDO (A NOI) ANCORA SCONOSCIUTO"

Transcript

1 PROGETTO UN VIAGGIO IN BANCA ALLA SCOPERTA DI UN MONDO (A NOI) ANCORA SCONOSCIUTO Progetto a cura della Banca di Bedizzole Turano Valvestino Ufficio Soci

2 Il Progetto Un viaggio in Banca. Alla scoperta di un mondo (a noi) ancora sconosciuto La Banca di Bedizzole Turano Valvestino viene costituita e inizia a operare sul territorio di Bedizzole nel settembre 1895 grazie alla iniziativa di dodici soci promotori. Oggi conta oltre soci, clienti, diciannove filiali distribuite su un territorio che conta 64 comuni. Fin dalle sue origini si prefigge, accanto alla preminente funzione creditizia, obiettivi di utilità comune, tra i quali la promozione all educazione al risparmio e della cooperazione. Ancora oggi l articolo 2 dello Statuto sociale indica tra i principi ispiratori quello della promozione dello sviluppo della cooperazione e l'educazione al risparmio e alla previdenza nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera. Tenuto conto dell importanza che, ancor più oggi, riveste l educazione al risparmio già nelle giovani generazioni, la BCC ha ritenuto di dare il proprio contributo in tal senso, facendosi promotrice di una occasione formativa su questo tema, aprendo le porte della Banca per una lezione sui generis sul campo. Un viaggio in banca, vuole essere appunto lo spunto per introdurre i bambini alla scoperta di un mondo che appartiene, nei discorsi quotidiani, esclusivamente agli adulti, ma che fin d ora li può coinvolgere sul piano educativo. La banca si rende disponibile nei confronti degli istituti scolastici che vorranno aderire fornendo loro personale, materiale didattico e locali per svolgere una breve lezione divisa in due momenti una più teorica dedicata al concetto di risparmio (vedi PUNTO 1) e l altra a contatto con l operatività di uno sportello bancario (vedi PUNTO 2). Per la Banca, questo progetto rappresenta il proseguimento di un impegno nei riguardi dei giovani e giovanissimi che già caratterizza la sua attività sociale una su tutte l iniziativa Premio allo Studio giunta quest anno alla ventesima edizione - e consente alla stessa di ribadire la propria visibilità e vocazione di banca locale e cooperativa. 2

3 1. Introduzione al concetto di Risparmio DESTINATARI - Classi Quarte e Quinte della Scuola Primaria FINALITA - Lo scopo della lezione è introdurre e far comprendere ai bambini, attraverso un oggetto concreto quale il salvadanaio, l importanza del risparmio, e cosa comporta il risparmiare. TEMPO: 40 minuti. LUOGO: sala riunioni presso la Sede centrale della Banca MATERIALE: salvadanai, opuscolo informativo sul tema risparmio. OBIETTIVI CONCRETI: Prendere confidenza con il denaro in maniera positiva (utilizzo del salvadanaio) Essere capaci di riconoscere le monete e le banconote, e il loro valore concreto, per metterli in condizione di saper contare i soldi propri. Far comprendere le opportunità legate alle differenti scelte di acquisto (di impulso o posticipate) IPOTESI SVOLGIMENTO 1. Confidenza con il salvadanaio 3

4 Chiedere ai bambini: Che cosa significa risparmiare? Fare in modo che ciascun bambino possa esprimere una sua opinione. Mostrare qualche differente salvadanaio (il classico porcellino e una bottiglia di plastica trasparente con il collo ampio che permette di inserire le monete da due euro e di vedere il contenuto). Raccontare la storia del salvadanaio e perchè viene generalmente usata la forma di un porcellino. (Un salvadanaio è un contenitore che serve a riporre e accumulare monete, spesso utilizzato dai bambini. La forma tradizionale del salvadanaio è quella del porcellino di ceramica o porcellana. Il salvadanaio ha generalmente un apertura sottile sulla parte superiore che serve a infilare le monete. L estrazione del contenuto è in genere più difficile e richiede la rimozione di un tappo o addirittura (nel caso dei contenitori in ceramica) la rottura del salvadanaio.uno dei primi salvadanai risale al II secolo a.c. e fu rinvenuto presso Priene, in Asia Minore nel corso di scavi archeologici in un abitazione. Ha la forma di un tempio greco adibito alla conservazione di ricchezze (thesauros) e possiede un foro sulla parte superiore dove veniva inserito il denaro. In età romana il salvadanaio consiste generalmente in un contenitore di terracotta dalla forma tondeggiante. Ci sono numerosi resti di oggetti di questo tipo. Dell epoca medievale si sono conservati soprattutto scrigni di metallo assicurati per mezzo di un lucchetto. Nonostante questo la terracotta e le altre ceramiche rimasero per molti secoli il materiale più diffuso, mentre le forme zoomorfe diventavano sempre più comuni, ed in particolare quella del maiale, da sempre simbolo di abbondanza, utilità e sufficienza) A questo punto può seguire una discussione con domande del tipo: Quanti di voi hanno un salvadanaio? Perché viene usato? Quante volte l avete rotto? Per comprare che cosa? 2. Piccoli e grandi acquisti Si racconta la storia di un bambino che voleva acquistare tante cose: Un gelato Bustina Pokemoon Un biglietto per il cinema Libro di Geronimo Stilton Zaino scolastico 4

5 una bicicletta Etc. Invita i bambini a dare il prezzo giusto di ciascun oggetto su un foglio, partendo da quello che ha il prezzo più basso, a quello che ha il prezzo più alto. Poi si scrive alla lavagna elettronica il prezzo medio corretto dei diversi oggetti. Al termine si premia con un gadget chi ha indovinato il numero maggiore di prezzi. Si racconta che il bambino riceve ogni domenica 4 euro dalla sua mamma per comperare gli oggetti che lei desidera. Una volta al mese, 4 euro vengono messi nel salvadanaio (una bottiglietta di plastica trasparente. Si illustra il gesto). A questo punto, invita ciascun alunno a stimare quanto sarà il tempo di attesa necessario per acquistare l oggetto desiderato. Se il bambino mettesse 4 euro nel salvadanaio ogni domenica, come cambierebbero i tempi di attesa. A questo punto si spiega il concetto di scarsità delle risorse: le risorse sono insufficienti se si desidera mangiare il gelato ogni settimana e contemporaneamente realizzare i propri progetti. La realizzazione dei progetti implica di conseguenza una rinuncia in termini di gelati. Analogamente, il consumo settimanale di gelati implica una rinuncia ai propri progetti. L insufficienza delle risorse rispetto ai propri desideri/bisogni richiede che si compiano delle scelte. Per tutti in regalo un salvadanaio. 5

6 2. Visita allo sportello della Banca DESTINATARI - Classi 4 e 5 elementare FINALITA Introdurre il bambino alla funzione di una banca, soprattutto sul fronte del risparmio. TEMPO: 20 minuti. LUOGO: Filiale di Bedizzole 2 adiacente alla Sede centrale della Banca OBIETTIVI CONCRETI: Mostrare l interno di uno sportello bancario. Cosa vanno a fare gli adulti in una banca. Mostrare come funziona il versamento/prelievo di una somma di denaro in una banca. IPOTESI SVOLGIMENTO Breve momento introduttivo per spiegare cosa è una Banca. Spiegazione di dove si sta andando, quali sono le caratteristiche di uno sportello bancario (le porte di sicurezza, cassaforte, bancomat etc.). Presso una cassa scuola, simulazione di un operazione di versamento/prelievo. 6

I diritti dell Infanzia raccontati dai bambini. Progetto Unicef Abruzzo per le classi quinte delle scuole primarie.

I diritti dell Infanzia raccontati dai bambini. Progetto Unicef Abruzzo per le classi quinte delle scuole primarie. I diritti dell Infanzia raccontati dai bambini Progetto Unicef Abruzzo per le classi quinte delle scuole primarie. Anno scolastico 2015-2016 1 Premessa... 3 Obiettivi formativi.....3 Pianificazione didattica...

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06

SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06 SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06 Il problema di partenza Il contesto Le risorse I fondamenti teorici Metodi e strategie

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Il Museo del Risparmio di Torino è un luogo unico, innovativo e divertente in cui bambini, ragazzi e adulti possono avvicinarsi ai temi del risparmio

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e

l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso

Dettagli

L economia con i più piccoli nell aula di matematica: dal baratto alle carte di credito

L economia con i più piccoli nell aula di matematica: dal baratto alle carte di credito A.A. 2011-2012 L economia con i più piccoli nell aula di matematica: dal baratto alle carte di credito di Daniela Pagliaroli Relatrice: Prof.ssa Ana Millán Gasca Supervisore: Dott.ssa Viviana Rossanese

Dettagli

LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 16

LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 16 LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 16 Finalità: Sistemattizzare i concetti probabilistici studiati. Realizzare la mappa concettuale. Metodo: Organizzati in gruppi costruzione della mappa concettuale. Discussione

Dettagli

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Il Museo Archeologico dell Alto Mantovano, fondato nel 1967 e allestito a cura del Gruppo Archeologico Cavriana,

Dettagli

LEGGERE IL TESTO. 1^ tappa

LEGGERE IL TESTO. 1^ tappa LEGGERE IL TESTO 1^ tappa Per poter risolvere esattamente un problema matematico la prima cosa da fare è leggere bene il testo per comprendere la situazione che dobbiamo risolvere. Per fare questo serve

Dettagli

Programmi didattici. Le scuole & il Museo Archeologia a Varese

Programmi didattici. Le scuole & il Museo Archeologia a Varese Le scuole & il Museo Archeologia a Varese Programmi didattici Museo Civico Archeologico di Villa Mirabello - Varese Museo Civico Preistorico Isolino Virginia - Lago di Varese - Biandronno Visite guidate

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

Archeologia a scuola

Archeologia a scuola Archeologia a scuola Progetto per attività didattiche archeologiche per le scuole primarie e secondarie proposto da: Museo di Archeologia per Roma UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA Piccoli Archeologi Progetto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A Passeggiando per Bagnara Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A A.S. 2014-2015 Presentazione Gli alunni della Classe III - A della S.S. di I grado San Francesco di Bagnara

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

OGGETTI E MATERIALI. Scuola Primaria Vittorino da Feltre Classi I A e I B a.s. 2012 2013 Docente Annalisa Nardini

OGGETTI E MATERIALI. Scuola Primaria Vittorino da Feltre Classi I A e I B a.s. 2012 2013 Docente Annalisa Nardini OGGETTI E MATERIALI Scuola Primaria Vittorino da Feltre Classi I A e I B a.s. 2012 2013 Docente Annalisa Nardini Conversazione introduttiva: scienze e scienziato Conversazione - Chi è lo scienziato e che

Dettagli

Problema. Spesa di Giovanni dal. Problema

Problema. Spesa di Giovanni dal. Problema Giovanni spende in cartoleria 4 e 5 cent; in edicola 3,15. dal cartolaio paga con una banconota da 10. Quanto riceve di resto? Con il reso ricevuto, Giovanni ha potuto pagare il giornalaio o ha dovuto

Dettagli

GITE DI SOCIALIZZAZIONE

GITE DI SOCIALIZZAZIONE GITE DI SOCIALIZZAZIONE ANNO 2015/2016 PER LE SCUOLE SUPERIORI Il Parco archeologico si trova in collina e sorge sulle rive del fiume Trebbia. La vegetazione attuale ripropone le essenze tipiche del Neolitico.

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PERCORSI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRESENTAZIONE Anche per l anno scolastico 2013/2014 la Cooperativa Colline Metallifere torna a proporre alle scuole primarie e secondarie i Percorsi Didattici

Dettagli

Villaggio Michelin per la Sicurezza Stradale 6 ottobre 2013 Piazza Castello, Milano

Villaggio Michelin per la Sicurezza Stradale 6 ottobre 2013 Piazza Castello, Milano Comunicato stampa Settembre 2013 II Festa dell Educazione Stradale Villaggio Michelin per la Sicurezza Stradale 6 ottobre 2013 Piazza Castello, Milano 1 Partito da Ascoli Piceno il 5 maggio, il Villaggio

Dettagli

Offerta per Gruppi Scolastici e Oratoriali

Offerta per Gruppi Scolastici e Oratoriali Offerta per Gruppi Scolastici e Oratoriali INGRESSO E DIDATTICA MUSEI S1 Ingresso al Museo di Santa Giulia S2 Ingresso a Brixia. Parco romana S3 Ingresso ai Musei del S4 Ingresso a una sede (a scelta fra

Dettagli

UN TESORO PER LA SCUOLA:

UN TESORO PER LA SCUOLA: SCHEDA PROGETTO S 8 SOCIETA' E ORDINAMENTI: L'EUROPA UN TESORO PER LA SCUOLA: LE FAMIGLIE DONANO IL TEMPO Conoscenze Esperienze Competenze Ricordi TITOLO Proponente Oggetto sintetico Modalità A chi è diretto

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

Progetto accoglienza Scuola dell infanzia

Progetto accoglienza Scuola dell infanzia Progetto accoglienza Le docenti di scuola dell infanzia del IV istituto comp. G. Verga di Siracusa hanno stilato il progetto accoglienza per i bambini iscritti all anno scolastico 2011/2012 Motivazioni

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI II LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO LABORATORIO CONTENUTI: DURATA: 2 h

LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI II LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO LABORATORIO CONTENUTI: DURATA: 2 h LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI II LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO INDICARE FASCIA SCOLASTICA DI LABORATORIO UN ARTE NATA MOLTO TEMPO FA: LA TESSITURA!

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Obiettivo del gioco: capire i meccanismi del mercato gestito dalle multinazionali nei paesi in via di sviluppo

Obiettivo del gioco: capire i meccanismi del mercato gestito dalle multinazionali nei paesi in via di sviluppo THINKING DAY 22 FEBBRAIO 2005: LA NOSTRA VOCE INSIEME A QUELLA DELLE GUIDE DEL MONDO: SÌ ALLA PACE, NO ALLA FAME! I NOSTRI DIRITTI, LE NOSTRE RESPONSABILITÀ: IL DIRITTO DI ESSERE ASCOLTATI Attività di

Dettagli

"SPORTELLO VS HOME-BANKING: I NUOVI ORARI DI APERTURA DELLE BANCHE"

SPORTELLO VS HOME-BANKING: I NUOVI ORARI DI APERTURA DELLE BANCHE TAB. 1.1 Classi di età Con che frequenza Le capita di recarsi personalmente ad uno sportello bancario? Spesso 9 1 3 22 Qualche volta 37 31 38 42 Di rado 47 56 54 34 Mai - Quasi mai 7 12 5 2 TAB. 1.2 Con

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie. Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente, per se stessi

Dettagli

CIBI BUONI = CIBI GIUSTI

CIBI BUONI = CIBI GIUSTI UNITÀ DI APPRENDIMENTO CIBI BUONI = CIBI GIUSTI Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE Pagina 1 di 13 UDA Denominazione UNITA DI APPRENDIMENTO Cibi buoni

Dettagli

Joseph Roth Il primo della classe

Joseph Roth Il primo della classe Lavoro di gruppo elaborato nel corso ALIS VII (2006-2007) - Sportello Stranieri di Ponte S. Pietro Lavoro di gruppo coordinato da M. Baccanelli Supervisione di C. Ghezzi NARRARE ESPERIENZE PERSONALI Testo

Dettagli

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 I. LA STORIA IN GIOCO: terza, quarta e quinta elementare II. LA STORIA

Dettagli

A cura dell Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena

A cura dell Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena A cura dell Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena PRESENTAZIONE Questo opuscolo, realizzato da alcuni studenti del biennio dell Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena, è stato

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

Costruire dei contenitori per la raccolta separata Istruzioni, schede di lavoro, soluzioni

Costruire dei contenitori per la raccolta separata Istruzioni, schede di lavoro, soluzioni Obiettivi Gli alunni realizzano il compito in maniera sostenibile e creativa. Contenuto e attività Gli alunni lavorano in gruppi e realizzano dei contenitori per il riciclaggio dei rifiuti. Metodo di lavoro

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

Non si tratta di una ripetizione, ma di una modo evolutivo di presentare il problema e le sue possibili soluzioni.

Non si tratta di una ripetizione, ma di una modo evolutivo di presentare il problema e le sue possibili soluzioni. ALLEGATO 10 EDUCAZIONE AMBIENTALE 1 OBIETTIVI DEL PROGETTO L obiettivo di questo progetto è quello di contribuire a creare una corretta cultura della gestione dei rifiuti negli alunni, sapendo che così,

Dettagli

educazione finanziaria atelier condividere con voi la mia esperienza di insegnamento

educazione finanziaria atelier condividere con voi la mia esperienza di insegnamento Ringrazio gli organizzatori e i colleghi che hanno deciso di dedicare il loro tempo a questa iniziativa. Mi presento. Io insegno EIF e FA nei corsi di Laurea di Economia: quindi insegno a ragazzi grandi

Dettagli

IMPARARE CON L ARCHEOLOGIA #3 PROPOSTE DIDATTICHE 2013-14

IMPARARE CON L ARCHEOLOGIA #3 PROPOSTE DIDATTICHE 2013-14 IMPARARE CON L ARCHEOLOGIA #3 PROPOSTE DIDATTICHE 2013-14 IMPARARE CON L ARCHEOLOGIA #3 Proposte didattiche 2013/14 Cultour Active e Noventa Arte e Storia, in collaborazione con Soprintendenza per i Beni

Dettagli

Chiare, Fresche, Dolci Acque toscane. a.s. 2008-2009

Chiare, Fresche, Dolci Acque toscane. a.s. 2008-2009 Chiare, Fresche, Dolci Acque toscane a.s. 2008-2009 2009 PROGETTO Il progetto, giunto con successo al suo terzo anno di attività,, viene riproposto alle scuole grazie alla volontà e al sostegno della società

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Esempi di didattica laboratoriale

Esempi di didattica laboratoriale Esempi di didattica laboratoriale Il curricolo di matematica nella scuola primaria e secondaria di primo grado Abbiamo visto che I nostri allievi non sanno applicare le abilità apprese a scuola ad un contesto

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

FREQUENZA TEORICA E FREQUENZA PERCENTUALE Lezione n. 13

FREQUENZA TEORICA E FREQUENZA PERCENTUALE Lezione n. 13 FREQUENZA TEORICA E FREQUENZA PERCENTUALE Lezione n. 13 Finalità: Enunciare le definizioni maturate attraverso l esercitazione pratica. Sistematizzare concetti e definizioni Metodo: Sperimentazione pratica

Dettagli

2013/14. F.S. Integrazione A.S. 2013/2014 Scheda sintetica progetti per l integrazione scolastica degli alunni con bisogni educativi speciali

2013/14. F.S. Integrazione A.S. 2013/2014 Scheda sintetica progetti per l integrazione scolastica degli alunni con bisogni educativi speciali 2013/14 Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Ruggero Marturano, 77/79 90142 Palermo Telefono 0916374806 Fax 0916379151 Email paic89900q@istruzione.it Sito web www.abbaalighier.it

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni

Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni Scuola dell Infanzia Maria Bambina Ist.Canossiano Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni Mani creative dal 14 Gennaio al 12 Aprile Dal 14 gennaio

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ NELLA SCUOLA DI PRESENZANO

PROGETTO CONTINUITÀ NELLA SCUOLA DI PRESENZANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MIGNANO M.L. / MARZANO A. PROGETTO CONTINUITÀ NELLA SCUOLA DI PRESENZANO FABBRICA FORMATIVA Laboratorio Permanente per attività manuali DESTINATARI: - ALUNNI DELLA CLASSE 5^

Dettagli

Dida%ca Speciale per l insegnamento dell aritme4ca. Giampaolo Chiappini - Is4tuto per le Tecnologie Dida%che - CNR

Dida%ca Speciale per l insegnamento dell aritme4ca. Giampaolo Chiappini - Is4tuto per le Tecnologie Dida%che - CNR Dida%ca Speciale per l insegnamento dell aritme4ca Giampaolo Chiappini - Is4tuto per le Tecnologie Dida%che - CNR Apprendimento in campo aritmetico Problema di Aritmetica Pratica Sei bottiglie di succo

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. LABORATORIO IN CLASSE TRA FORME E NUMERI - a.s.

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. LABORATORIO IN CLASSE TRA FORME E NUMERI - a.s. Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia W GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE III a.s.2009/2010 Componenti del gruppo Mara Sartori coordinatore; Sabrina Alessandro;

Dettagli

Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto

Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto educazione ambientale e sviluppo sostenibile Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto Riù, la ludoteca del riuso, propone alle scuole percorsi

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Competenza matematicoscientifica COMPETENZE

Dettagli

DIDATTICA PER LE SCUOLE SUPERIORI 2014/2015

DIDATTICA PER LE SCUOLE SUPERIORI 2014/2015 DIDATTICA PER LE SCUOLE SUPERIORI 2014/2015 A cura di Museo e Parco Archeologico di Travo (PC) Archeotravo Cooperativa Sociale web: www.archeotravo.it e-mail: didattica@archeotravo.it IL PARCO ARCHEOLOGICO

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E NATURALISTICA PER LE SCUOLE

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E NATURALISTICA PER LE SCUOLE PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E NATURALISTICA PER LE SCUOLE Progetto realizzato con PARCO REGIONALE dei COLLI EUGANEI PROVINCIA DI PADOVA Assessorato all Ambiente Il Bacino Padova 4 si presenta Con

Dettagli

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole Classe 1ª 1 Scuola elementare di San Polo INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi LA SCELTA DELL OBIETTIVO Lavoriamo sulle

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Gian Franco Giannini Guazzugli

Gian Franco Giannini Guazzugli SENATO DELLA REPUBBLICA 7ª COMMISSIONE ISTRUZIONE PUBBLICA E BENI CULTURALI Disegno di legge AS 1196 Norme per l'educazione alla Cittadinanza economica Intervento del Vice Presidente di ANASF Gian Franco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Piave, 62 20090 Vimodrone (MI) tel. 02 27 40 12 07 fax 02 25 012 42 e-mail: miic8b000l@istruzione.it sito: www.scuolavimodrone.it VERBALE COLLEGIO DOCENTI 24 febbraio 2015

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE CIVICA Alla ricerca del cittadino perduto

PROGETTO EDUCAZIONE CIVICA Alla ricerca del cittadino perduto PROGETTO EDUCAZIONE CIVICA Alla ricerca del cittadino perduto SOGGETTO PROPONENTE MUBA nasce nel 1995 con l'obiettivo di realizzare un Museo dei Bambini a Milano e per primo ha proposto con successo mostre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

Nonni su Internet. VI edizione - a.s. 2007-2008. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Referenti:

Nonni su Internet. VI edizione - a.s. 2007-2008. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Referenti: VI edizione - a.s. 2007-2008 Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Per aderire al progetto contattare: dott.ssa Cecilia Stajano

Dettagli

Pag. 1. 1. Principi e Finalità

Pag. 1. 1. Principi e Finalità 1. Principi e Finalità Il Comune di Francavilla al Mare ha da tempo attivato un articolato sistema di raccolta differenziata dei rifiuti attraverso la raccolta porta a porta. Negli ultimi anni è emersa

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

Il percorso LOGICO-MATEMATICO e l elaborazione del PORTFOLIO

Il percorso LOGICO-MATEMATICO e l elaborazione del PORTFOLIO Il percorso LOGICO-MATEMATICO e l elaborazione del PORTFOLIO Il percorso di matematica L insegnamento della matematica, forse più che in altre discipline, richiede un approccio di carattere pratico, nel

Dettagli

Progetti di promozione della solidarietà

Progetti di promozione della solidarietà Progetti di promozione della solidarietà Anno 2014-2015 1 Indice 1. Proposte per le scuole a) Proposte: a.1 scuola primaria di primo grado: intervento in classe; a.1.1 scuola primaria di primo grado: visita

Dettagli

... Appena arrivati all Archeoparck...abbiamo fatto una piccola merenda... lasciati i bambini di 4,ci siamo diretti a Cividate Camuno

... Appena arrivati all Archeoparck...abbiamo fatto una piccola merenda... lasciati i bambini di 4,ci siamo diretti a Cividate Camuno Appena arrivati all Archeoparck i bambini di quarta sono scesi dal pullman mentre noi di quinta siamo restati in compagnia delle guide: Nicoletta e Michele e le maestre e ci siamo diretti verso la zona

Dettagli

MODULO DIDATTICO. Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009. La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO

MODULO DIDATTICO. Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009. La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO MODULO DIDATTICO Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009 La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO Agenda 21 e la scuola Il coinvolgimento delle scuole nei processi di Agenda 21 costituisce

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI I LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO TITOLO DEL LABORATORIO

LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI I LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO TITOLO DEL LABORATORIO LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI I LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO INDICARE FASCIA SCOLASTICA DI TITOLO DEL LABORATORIO SCAVARE LA STORIA BREVE DESCRIZIONE:

Dettagli

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO È ormai noto che la base per orientare le future generazioni verso lo sviluppo sostenibile è l educazione

Dettagli

Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA

Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VALDAGNO 1^ Via Pasubio, 171 36078 VALDAGNO Tel. 0445/410428 Fax

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio:

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: La bottega è nata nell 89 da un idea di Umberto Carbone e Michi Coralli. Riutilizza

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Servizio / Progetto Finalità / Obiettivi Destinatari LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Il presente progetto ha due obiettivi generali: 1) Radicare nei giovani

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LA NOSTRA IDENTITÀ Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle ultime classi delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle ultime classi delle Scuole Primarie. L IMPRONTA ECONOMICA Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente,

Dettagli

GLI INCONTRI Il programma prevede 3 incontri di 1 ora e mezza ciascuno e l affiancamento di un tutor d azienda per lo svolgimento delle lezioni.

GLI INCONTRI Il programma prevede 3 incontri di 1 ora e mezza ciascuno e l affiancamento di un tutor d azienda per lo svolgimento delle lezioni. Allegato 1 L IMPRONTA ECONOMICA Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

Programmi Silea per le scuole Itinerari per educare all ambiente

Programmi Silea per le scuole Itinerari per educare all ambiente Silea Spa 201516 Programmi Silea per le scuole Itinerari per educare all ambiente Incontri in classe - pagine 1, 3, 4, 5 Per ogni fascia di età la possibilità di scegliere il programma più adatto, richiedendo

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli