Donare Ricevere Ricambiare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Donare Ricevere Ricambiare"

Transcript

1 Donare Ricevere Ricambiare

2 Sommario La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus 1 Il Bene Comune 2 Una missione possibile La nostra e le altre fondazioni comunitrie C'è bisogno di tutti noi Tra presente e futuro 5 Come donare Le donazioni correnti Le donazioni a patrimonio I lasciti testamentari Azione e donazione 10 La prima sfida I settori di intervento Le modalità di erogazione L'attività svolta Il diritto di donare 15 Servizi e vantaggi per il donatore Chi siamo 18 Il Consiglio di Amministrazione I Soggetti Fondatori

3 La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus La Fondazione della Comunità Onlus è la prima Fondazione di Comunità del Mezzogiorno ed è stata costituita il 27 aprile Nasce con l'obiettivo di promuovere una vera cultura del dono che faccia sentire tutti noi partecipi dello sviluppo sociale, culturale ed etico del territorio al quale apparteniamo, di rafforzare i legami di solidarietà e responsabilità sociale, migliorare la qualità della vita della nostra comunità locale. La Fondazione della Comunità è il punto di incontro tra chi vuole donare e chi ha bisogno di aiuto. È il luogo in cui si incontrano bisogni diversi che danno vita ad un nuovo modo di intendere il bene comune, il luogo in cui le esigenze di chi ha bisogno e di chi invece vuole donare per aiutare il prossimo, possono essere soddisfatte. Perchè donando alla Fondazione della Comunità noi doniamo direttamente alla comunità. Per questo la Fondazione della Comunità, il cui patrimonio iniziale di oltre euro è stato costituito grazie al contributo di 63 fondatori, rivolge il suo appello a tutti: a privati cittadini, imprese, altre fondazioni già esistenti, associazioni professionali e di categoria, enti territoriali per costruire, tutti insieme, la cassaforte della comunità. In questo nostro cammino abbiamo incontrato tanti donatori che non hanno voluto far mancare il proprio contributo: banche, enti locali, imprenditori, famiglie, ma anche enti ecclesiali, servizi sociali e organizzazioni di terzo settore, grazie ai quali abbiamo potuto individuare i bisogni della nostra comunità. 1

4 Il bene comune Una missione possibile Scopo della Fondazione della Comunità Salernitana Onlus è quello di contribuire a realizzare progetti di utilità sociale sul territorio grazie alle donazioni di tutti noi. Una nuova cultura del dono che responsabilizza tutti a ricercare il bene collettivo è l'obiettivo della Fondazione, perché solo donando offriamo alla Fondazione la possibilità di intervenire concretamente sul territorio sostenendo progetti socialmente utili. Infatti tutte le attività, i progetti già avviati e quelli che saranno realizzati, possono essere sostenuti grazie ai frutti del patrimonio permanente della Fondazione che viene incrementato anche dalle nostre donazioni. Il rapporto di collaborazione che nasce con il terzo settore, con le associazioni presenti sul territorio, e con gli enti ecclesiali, per i quali la Fondazione si pone anche come stimolo per la crescita progettuale, permette alla Fondazione stessa di diventare il tramite naturale tra chi vuole donare e chi realizza interventi sociali sul territorio. Ma il ruolo della Fondazione è anche quello di affiancare e sostenere il pubblico, senza sostituirlo, laddove non ci sono sufficienti risorse per agire sul territorio. 2

5 La nostra e le altre fondazioni comunitarie La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus è la prima che nasce nel centro sud Italia. Ma l'esperienza delle Fondazioni di Comunità è una realtà concreta che da anni opera, con risultati eccellenti, nel nord Italia grazie al sostegno della Fondazione Cariplo, che ne sostiene le attività attraverso il meccanismo di raddoppio del patrimonio fino al raggiungimento delle sfide programmate. In Lombardia, ad esempio, la Fondazione Comasca Onlus in nove anni ha costituito un patrimonio di 5 milioni di euro in donazioni necessarie a ricevere, grazie al meccanismo del raddoppio, ben 10 milioni di euro, che le permettono di realizzare un numero maggiore di interventi nei settori in cui opera. In questi nove anni la Fondazione Comasca ha finanziato 1024 progetti distribuendo alle organizzazioni non profit oltre 11 milioni di euro. Il patrimonio della Fondazione Comasca supera i 15 milioni di euro. Ancora, in Piemonte, la Fondazione della Comunità Novarese, costituita nel 2000, grazie al sostegno di tanti sensibili donatori, ha favorito la creazione di oltre 42 fondi patrimoniali, raggiungendo quasi 7 milioni di euro. Il patrimonio della Fondazione, che supera i 16 milioni di euro, ha permesso in 11 anni di attività di finanziare numerosi progetti di utilità sociale: nell ambito dello sport, a favore di disabili, manifestazioni culturali e musicali di grande rilievo, acquisto di materiale specifico per molte associazioni che operano sul territorio a favore della comunità. 3

6 C è bisogno di tutti noi Tutti noi possiamo contribuire ad incrementare il patrimonio della Fondazione della Comunità Salernitana Onlus raggiungendo, tutti insieme, gli obiettivi prefissati. Il dono, piccolo o grande, di ciascuno di noi è fondamentale. Tutti possiamo donare: singoli e gruppi di cittadini che vogliono mantenere vivo il ricordo di una persona stimata, che vogliono realizzare un determinato progetto anche attraverso il sostegno ad associazioni di terzo settore; persone benemerite che vogliono effettuare una donazione costituendo un fondo patrimoniale, intestato a se stessi o ad una persona cara per ricordarla nel tempo e per vedere realizzato un loro desiderio; famiglie che hanno nel loro nucleo un disabile e si preoccupano della loro assistenza una volta che non potranno più prendersene cura; associazioni professionali o di categoria che possono promuovere tra i loro soci la costituzione di un fondo collettivo di categoria o di associazione presso la Fondazione della Comunità Salernitana Onlus destinando il reddito alla realizzazione di progetti di cui essi stessi possono essere fruitori; enti territoriali perché tutti insieme si possa far fronte alle esigenze più urgenti che arrivano dal territorio. 4

7 Tra presente e futuro Come donare Donare alla Fondazione della Comunità Salernitana Onlus significa scegliere se il proprio dono dovrà essere destinato alla costituzione di un patrimonio i cui frutti siano perennemente destinati al finanziamento di attività di utilità sociale, o invece potrà essere utilizzato fin da subito per la realizzazione di progetti o di altre iniziative. Si può donare, dunque, per accrescere il patrimonio della Fondazione o per erogare direttamente risorse per finanziare interventi immediati sul territorio. In qualunque caso, il nostro dono, piccolo o grande, rafforza la capacità di intervento della Fondazione della Comunità contribuendo alla crescita sociale e solidale del territorio e sostenendo le attività di tutte le associazioni del terzo settore, del volontariato, di enti ecclesiali e territoriali che sono impegnati ad aiutare chi ha bisogno. Il dono, quindi, è il primo mattone per costruire una comunità coesa che sappia trovare al suo interno la capacità di garantire un futuro serio e certo per tutti coloro che hanno bisogno di assistenza, per lo sviluppo del territorio, per consentire alle idee e ai progetti di camminare contribuendo alla realizzazione del bene comune. 5

8 Le donazioni correnti La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus gestisce la parte più consistente delle erogazioni per conto dei donatori che l'hanno scelta come intermediaria di fiducia per la propria attività filantropica. Il donatore può suggerire alla Fondazione della Comunità Salernitana gli interventi che ritiene più interessanti, oppure può demandare alla Fondazione la selezione dei destinatari. È possibile creare presso la Fondazione della Comunità Salernitana Onlus un fondo corrente, incrementabile di anno in anno dal donatore, che permetta di non immobilizzare le donazioni ma di destinarle al sostegno di interventi di solidarietà sociale da pianificare nel tempo, massimizzando da subito i benefici fiscali. Il donatore può, dunque, scegliere di destinare il suo dono per sostenere un progetto individuato dalla Fondazione della Comunità, condividendone le finalità, oppure decidere di proporre alla fondazione un proprio progetto e di sostenerlo con le risorse del Fondo. Si può scegliere, infine, di donare alla Fondazione della Comunità Salernitana destinando il 5x1000 dell'imposta sul reddito delle persone fisiche. Destinare il nostro 5x1000 alla Fondazione è semplice e non costa nulla: basta inserire il codice fiscale nel primo riquadro a sinistra della scheda per la scelta della destinazione del 5 per mille dell'irpef nei moduli CUD, 730, UNICO. Con una semplice firma nella tua dichiarazione dei redditi puoi sostenere i progetti che la Fondazione della Comunità Salernitana Onlus realizza in favore della nostra comunità. 6

9 Le donazioni a patrimonio Accanto alle donazioni correnti, la Fondazione offre ai donatori una modalità alternativa che è rappresentata dalla donazione a patrimonio. Con la propria donazione si può creare un fondo, accrescerne uno già esistente o incrementare il fondo comune della Fondazione. I fondi possono essere di vario tipo in base agli interessi e al coinvolgimento di chi dona: a) nominativi: rappresentano l'alternativa più semplice ed immediata alla costituzione di una propria fondazione. Il donatore può infatti scegliere a chi intestare il fondo, può indicarne le finalità e stabilire, insieme alla Fondazione, la politica di investimento della quota patrimoniale; b) memoriali: sono costituiti in memoria di una persona scomparsa. Lo scopo della donazione può essere definito al momento del conferimento, facendo riferimento agli interessi e alle finalità benefiche perseguite in vita dalla persona cui viene intestato il fondo; c) geografici: sono fondi costituiti per finanziare interventi localizzati in aree specifiche del territorio provinciale; d) di categoria: nascono per decisione di una associazione di categoria e possono essere alimentati nel tempo dai suoi aderenti. Per una categoria professionale la costituzione di un fondo rappresenta una significativa opportunità in termini di coesione interna e di immagine positiva sul territorio; 7

10 e) tematici: si caratterizzano per l'area di interesse a cui il donatore vuole destinare il suo dono. Inoltre, con una donazione non inferiore a 500 euro si può sottoscrivere una cedola di buona azione, diventando parte attiva nella formazione del patrimonio della Fondazione. Ogni cedola di buona azione va ad incrementare la cassaforte della solidarietà che, grazie a tali piccole donazioni, diventerà una sicurezza permanente per l'intera comunità. Il donatore può costituire, in cinque anni, un fondo patrimoniale senza vincoli di destinazione del valore minimo di euro, acquisendo la qualifica di Fondatore Successivo della Fondazione della Comunità Salernitana. 8

11 Lasciti testamentari Una ulteriore modalità di donazione, per contribuire concretamente alla realizzazione delle attività della Fondazione della Comunità Salernitana, è rappresentata dai lasciti testamentari attraverso cui si può dare continuità alle proprie attività filantropiche, finché in vita, ed avere la certezza che queste verranno portate avanti anche in seguito. Il testamento è un gesto semplice ma allo stesso tempo di grande responsabilità che consente di tutelare le persone a noi care e di decidere, compatibilmente con la legge, come destinare i propri beni. Attraverso le donazioni particolari si possono donare immobili che potranno essere utilizzati dal donante finché in vita oppure donare in gestione altri beni (denaro, titoli, fondi di investimento, assicurazioni sulla vita) il cui reddito annuale, oppure parte del bene donato, resteranno utilizzabili per le necessità in vita del donatore. 9

12 Azione e donazione La prima sfida Tutti noi con il nostro dono possiamo contribuire ad accrescere il patrimonio della Fondazione della Comunità Salernitana Onlus, collaborando a raggiungere un primo obiettivo importante. La sfida che possiamo vincere tutti insieme è quella di accrescere, con le nostre donazioni, il patrimonio della Fondazione a 2 milioni di euro con cui sarà possibile accedere, con il meccanismo del raddoppio della raccolta, ad un pari contributo della Fondazione con il Sud, ente che sostiene la nascita e lo sviluppo delle Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno. Obiettivo della Fondazione con il Sud è quello di collaborare alla creazione, nell'arco dei prossimi anni, di un patrimonio di almeno 5 milioni di euro, al fine di rafforzare sempre di più questo salvadanaio della Comunità. La Fondazione con il Sud è impegnata anche a mettere a disposizione della Fondazione di Comunità Salernitana per i primi 3 anni, ulteriori risorse incrementando i fondi raccolti dalla Fondazione della Comunità Salernitana da erogare sul territorio. 10

13 I settori di intervento I settori in cui la Fondazione della Comunità Salernitana Onlus vuole intervenire con la preziosa collaborazione delle organizzazioni del terzo settore e del volontariato, degli enti ecclesiali e con gli enti territoriali, sono i seguenti: assistenza sociale assistenza sanitaria assistenza socio-sanitaria cultura, istruzione, educazione, formazione, con particolare riferimento alla promozione dello sviluppo di capitale umano di eccellenza sport dilettantistico imprenditoria sociale solidarietà internazionale tutela e valorizzazione di attività ed iniziative culturali, di interesse artistico e storico tutela e valorizzazione della natura e dell'ambiente ricerca scientifica 11

14 Le modalità di erogazione Le esigenze di una comunità rappresentano la domanda cui una Fondazione di Comunità deve fornire risposte immediate e certe. L'erogazione di risorse da parte della Fondazione può avvenire attraverso questi strumenti: Bandi con raccolta: sono uno strumento utilizzato per sostenere progetti di utilità sociale da realizzare nei settori di intervento della Fondazione in favore del territorio. Permette una assoluta trasparenza nell'assegnazione dei contributi, con una selezione che coinvolge un comitato tecnico di valutazione preliminare e gli organi della Fondazione. Patrocini: sono strumenti attraverso cui la Fondazione può diffondere la sua immagine, consentendo l'utilizzo del logo per eventi. Microerogazioni: sono contributi di piccola entità che la Fondazione potrà erogare sia a favore di progetti non particolarmente onerosi, pervenuti extrabando, sia per far fronte a particolari situazioni di bisogno. 12

15 Progettualità specifiche: la Fondazione può affiancare interventi nuovi e qualitativamente significativi a sostegno di aree tematiche individuate come prioritarie di intervento. Erogazioni di beneficenza: la Fondazione può concedere contributi modesti a favore di persone indigenti e nuclei famigliari attraverso l'istituzione dell'ufficio Pio che può svolgere una funzione puramente assistenziale, erogando sussidi su domanda di una parrocchia, ente ecclesiale, ente territoriale o associazione di beneficenza. Borse di studio: a favore di giovani meritevoli o in condizioni economiche svantaggiate, dando loro la possibilità di formarsi ed esprimere al meglio le proprie potenzialità, erogando contributi ad enti terzi (Università, etc). Macroerogazioni: per finanziare progetti significativi rientranti nelle finalità istituzionali della Fondazione e pervenuti extrabando da soggetti terzi o promossi dagli stessi in collaborazione con la Fondazione. 13

16 Le prime erogazioni In questi primi anni di vita e grazie al sostegno di quanti ci accompagnano in questo cammino, abbiamo dato vita a numerose iniziative in favore della comunità. Grazie ai nostri donatori abbiamo costituito 13 fondi e con questi abbiamo potuto realizzare importanti progetti tra cui il microcredito economico e sociale e la lotta alla povertà per combattere l'esclusione sociale e offrire una possibilità di speranza alle persone in situazione di povertà e di emarginazione. Grazie ai bandi, promossi anche con l'aiuto dei nostri donatori, abbiamo potuto sostenere le attività di tante organizzazioni del terzo settore e associazioni di volontariato che hanno così potuto realizzare piccoli e grandi progetti di utilità sociale. Abbiamo sostenuto progetti di formazione destinati ai ragazzi, iniziative sportive per combattere il disagio sociale giovanile, azioni in favore di famiglie in difficoltà, anziani soli. E ancora progetti di educazione ambientale e di sostegno alla legalità. In questi primi anni di vita abbiamo visto maturare una nuova visione comune di problemi e prospettive nella consapevolezza che solo insieme si può creare una comunità responsabile e solidale. 14

17 Il diritto di donare I servizi e i vantaggi per il donatore La Fondazione offre la possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalle normative vigenti con il sistema del più dai, meno versi. Le donazioni fatte alla Fondazione da persone fisiche o da enti soggetti all'imposta del reddito sulle società, sono deducibili dal reddito complessivo nel limite del 10% dello stesso e comunque nella misura massima di ,00 euro annui, come previsto dalla normativa vigente. I titolari di reddito di impresa possono usufruire delle agevolazioni fiscali previste dall'art. 100 del Testo Unico delle imposte sul reddito e dedurre le donazioni nella misura massima prevista di 2.065,83 euro o del 2% dl reddito di impresa dichiarato. Si estendono anche alle imprese i benefici del D. L. 35\05 che ha introdotto il principio più dai, meno versi. Per usufruire dei benefici fiscali è sufficiente che il donatore alleghi alla propria dichiarazione dei redditi la ricevuta del pagamento effettuato a favore della Fondazione. 15

18 La Fondazione garantisce l'anonimato o la massima pubblicità, secondo le esigenze del donatore. Un gesto di solidarietà nasce dall'intenzione del donatore, che può essere un privato cittadino o una azienda, di compiere una azione utile e concreta in favore di chi ha bisogno di aiuto. La scelta filantropica può diventare, attraverso la comunicazione, un esempio per gli altri, ma anche un modo per valorizzare la propria immagine e la vicinanza al territorio. A chi volesse mantenere la riservatezza del gesto compiuto, la Fondazione garantisce totale anonimato e discrezione. 16

19 Chi siamo

20 Gli amministratori CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Giovanni VIETRI, presidente Giuseppe CAVALIERE, vicepresidente Ermanno GUERRA, vicepresidente Antonia AUTUORI, consigliere Antonio CALANDRIELLO, consigliere Vincenzo CESAREO, consigliere Francesco CHIRICO, consigliere Anna NUNZIANTE, consigliere Rev. Don Vincenzo FEDERICO, consigliere Maddalena PEZZOTTI, consigliere Maria Patrizia STASI, consigliere COLLEGIO DEI REVISORI Giuseppe MELARA, presidente Antonio ANNUNZIATA, membro effettivo Matteo PICARDI, membro effettivo Gerardo ATTIANESE, membro supplente Antonio PILUSO, membro supplente COLLEGIO DEI PROBIVIRI Nicola FALCONE, membro Giuseppe LOMBARDI, membro Caterina MIRAGLIA, membro 18

21 I fondatori Enti pubblici Comune di Salerno, Provincia di Salerno, Università degli Studi di Salerno, Comune di Castel San Giorgio, Piano Sociale di Zona S4, Ente Provinciale per il Turismo di Salerno, Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Autorità Portuale di Salerno. Banche di credito cooperativo Banca di Credito Cooperativo di Sassano, Banca di Credito Cooperativo di Salerno, Banca Prossima Spa. Fondazioni di erogazione Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana Autorità ecclesiastiche Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, Diocesi di Amalfi- Cava dei Tirreni, Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno, Diocesi di Teggiano-Policastro, Diocesi di Vallo della Lucania. Ordini professionali e singoli professionisti Ordine degli Architetti, P.P. e C. della Provincia di Salerno, Ordine dei Commercialisti, Arch-Team Adinolfi Associati, Anna Nunziante, Alfonso Sansone, Michele Salvatore Mastromartino, Domenico Della Porta, Camilla Caramico. Istituti scolastici e agenzie formative Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Genovesi di Salerno, Associazione Tecnici Controllori. 19

22 Associazioni di categoria Associazione Nazionale Costruttori Edili Salerno, Confesercenti della provincia di Salerno, Cidec Salerno, Confcooperative Salerno, Associazione Cristiana Artigiani Italiani, Confindustria Salerno, Unimpresa Provinciale di Salerno, Federazione Provinciale Artigiani di Salerno aderenti alla C.A.S.A (Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani), CNA Associazione Provinciale di Salerno, Associazione Piccole e Medie Imprese di Salerno e provincia, Confartigianato Imprese A.L.I. della provincia di Salerno, Federazione Provinciale Coltivatori Diretti di Salerno. Organizzazioni di terzo settore Forum Provinciale del Terzo Settore, Associazione Mentoring USA\Italia onlus, Fondazione San Michele Arcangelo, A.R.F.O.S. s.c.a.r.l., Fondazione Alario per Elea Velia onlus, Associazione Solidarietà e Sviluppo onlus, Bi. Ci. Ci.Lavoro Soc. coop. a r.l.. Fondazione I.Ri.Di.A Istituto di Ricerca e Didattica Ambientale Museo Naturalistico, Università Popolare del Vallo di Diano, Alburni e Cilento, La Rada Consorzio di Cooperative Sociali Scs, Fondazione M.I.d.A. - Musei Integrati dell'ambiente. Imprese Michele Autuori srl, Tubifor Srl, Co.Ge.Nu.Ro srl, Salerno Energia S.p.A, Sorgen srl, Idrocilento S.C.p.A, Centrale del Latte di Salerno S.p.A., CSTP Azienda della Mobilità S.p.A., Consorzio Turistico Contursi Thermae, La Doria Spa, Centro Sportivo Meridionale Bacino Sa3 ECOMETA, G. Del Priore srl, Metoda Spa. 20

23

24

Relazione del Collegio dei Revisori sul bilancio consuntivo al 31.12.2013 Fondazione della Comunità Salernitana Onlus STATO PATRIMONIALE

Relazione del Collegio dei Revisori sul bilancio consuntivo al 31.12.2013 Fondazione della Comunità Salernitana Onlus STATO PATRIMONIALE Relazione del Collegio dei Revisori sul bilancio consuntivo al 31.12.2013 Fondazione della Comunità Salernitana Onlus Il Bilancio, composto dallo Stato Patrimoniale, dal Rendiconto gestionale e dalla Nota

Dettagli

UMANA MENTE SUMMER SCHOOL

UMANA MENTE SUMMER SCHOOL UMANA MENTE SUMMER SCHOOL WEBINAIR Grautità e intermediazione filantropica Relatore: Bernardino Casadei Segretario Generale Assifero 11 SETTEMBRE 2012 L intermediazione filantropica Un ente, di norma una

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31 dicembre 2011

Nota integrativa al bilancio al 31 dicembre 2011 FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Via Bastioni, 14/16 84125 Salerno - Codice Fiscale: 95119680650 1 Premessa Nota integrativa al bilancio al 31 dicembre 2011 La Fondazione della Comunità Salernitana

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA. Premessa

NOTA INTEGRATIVA. Premessa FONDAZIONE COMUNITARIA DEL NORD MILANO Sede legale: Corso Europa, 291 20017 Rho (MI) Sede operativa: Viale Casiraghi, 600-20099 Sesto San Giovanni (MI) DPGR Lombardia n. 5015 del 16/05/2007 C.F. 05475200969

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31 dicembre 2013

Nota integrativa al bilancio al 31 dicembre 2013 FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Via Romualdo II Guarna, 11 84121 Salerno Codice Fiscale: 95119680650 1 Premessa Nota integrativa al bilancio al 31 dicembre 2013 La Fondazione della Comunità

Dettagli

Fondazione della Comunità Salernitana Onlus. Bilancio consuntivo al 31.12.2014

Fondazione della Comunità Salernitana Onlus. Bilancio consuntivo al 31.12.2014 Fondazione della Comunità Salernitana Onlus Bilancio consuntivo al 31.12.2014 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 27 maggio 2015 STATO PATRIMONIALE ATTIVO Esercizio 2014 Esercizio 2013 Differenza

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

Finanziamo con te buone notizie

Finanziamo con te buone notizie Finanziamo con te buone notizie IL PRESIDENTE MISSION E IDENTITÀ STORIA ORGANI SOCIALI ATTIVITÀ EROGATRICE PERCHÉ SOSTENERE LA FONDAZIONE COME SOSTENERE LA FONDAZIONE PROGETTI FONDI PATRIMONIALI BILANCIO

Dettagli

Alla scrittura privato o all atto pubblico dovrà essere allegato il regolamento del Fondo.

Alla scrittura privato o all atto pubblico dovrà essere allegato il regolamento del Fondo. FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VCO REGOLAMENTO E LINEE GUIDA PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PATRIMONIALI 1. Tipologie di Fondi patrimoniali Presso la Fondazione Comunitaria del VCO è possibile costituire le

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus Rapporto sintetico RAPPORTO SINTETICO. Ultima revisione documento 30/11/2013 1

Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus Rapporto sintetico RAPPORTO SINTETICO. Ultima revisione documento 30/11/2013 1 RAPPORTO SINTETICO Ultima revisione documento 30/11/2013 1 IDENTITA E MISSION La Fondazione Comunitaria del Ticino Olona si inserisce nell ambito del Progetto Fondazioni di Comunità di Fondazione Cariplo,

Dettagli

LA FONDAZIONE DEL DONO

LA FONDAZIONE DEL DONO LA FONDAZIONE DEL DONO INSIEME PER PROMUOVERE LA CULTURA DEL DONO E REALIZZARE IL BENE COMUNE PRESENTAZIONE La Fondazione è sorta nel 2010 ed è un Ente non profit (Onlus), autonomo e indipendente, che

Dettagli

F A Q. CHI è COOPI CHE TIPO DI ATTIVITA' REALIZZA COOPI ALL'ESTERO?

F A Q. CHI è COOPI CHE TIPO DI ATTIVITA' REALIZZA COOPI ALL'ESTERO? F A Q CHI è COOPI COOPI - Cooperazione Internazionale è un'organizzazione non governativa italiana laica e indipendente fondata nel 1965. COOPI è un'associazione ufficialmente riconosciuta dal Ministero

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 II Documento programmatico previsionale annuale determina le finalità, le priorità, le risorse disponibili e le modalità operative della Fondazione nello svolgimento

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA. Premessa

NOTA INTEGRATIVA. Premessa FONDAZIONE COMUNITARIA DEL NORD MILANO Sede legale: Corso Europa, 291 20017 Rho (MI) Sede operativa: Viale Casiraghi, 600-20099 Sesto San Giovanni (MI) DPGR Lombardia n. 5015 del 16/05/2007 C.F. 05475200969

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA. Premessa

NOTA INTEGRATIVA. Premessa FONDAZIONE COMUNITARIA NORD MILANO ONLUS Sede legale: Corso Europa, 293 20017 Rho (MI) Sede operativa: Viale F.lli Casiraghi, 600-20099 Sesto San Giovanni (MI) DPGR Lombardia n. 5015 del 16/05/2007 C.F.

Dettagli

La Fondazione di Comunità della Sinistra Piave: strumento di innovazione del welfare locale

La Fondazione di Comunità della Sinistra Piave: strumento di innovazione del welfare locale La Fondazione di Comunità della Sinistra Piave: strumento di innovazione del welfare locale M.A.S.TER. School Villa Brandolini, Solighetto (TV) 21 settembre 2013 FONDAZIONE DI COMUNITA uno strumento

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 120.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus

Dettagli

TUTTO CIO' PREMESSO, LE PARTI, COME INNANZI COSTITUITE, CONCORDANO QUANTO SEGUE: Art. 1 - Scopo Le Parti intendono realizzare un programma di lotta

TUTTO CIO' PREMESSO, LE PARTI, COME INNANZI COSTITUITE, CONCORDANO QUANTO SEGUE: Art. 1 - Scopo Le Parti intendono realizzare un programma di lotta ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO PATRIMONIALE TRA "COMUNE DI, rappresentato da, il quale interviene nella sua qualità di Sindaco pro tempore e legale rappresentante dell'ente con sede in ed agisce

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus promuove un bando per l individuazione

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA. la nostra Fondazione si è costituita in data 11 gennaio 2008 con atto a rogito notaio Marzani Dott.

NOTA INTEGRATIVA. la nostra Fondazione si è costituita in data 11 gennaio 2008 con atto a rogito notaio Marzani Dott. FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA Sede in Aosta via San Giocondo, n. 16 Codice fiscale: 91051600079 Iscritta nel registro regionale delle persone giuridiche al n. 76 NOTA INTEGRATIVA Signori Consiglieri,

Dettagli

FONDAZIONE DELLA COMUNITA DEL NOVARESE ONLUS

FONDAZIONE DELLA COMUNITA DEL NOVARESE ONLUS FONDAZIONE DELLA COMUNITA DEL NOVARESE ONLUS Corso Italia 50/a 28100 Novara Codice Fiscale 94037480038 ***************************************************** BILANCIO AL 31.12.2013 NOTA INTEGRATIVA PREMESSA

Dettagli

ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE

ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE Le associazioni sono un insieme di individui che si riuniscono e si vincolano tramite un contratto al fine di perseguire uno scopo comune volto al soddisfacimento

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA. la nostra Fondazione nel corso dell anno 2012 ha continuato la sua attività, perseguendo esclusivamente

NOTA INTEGRATIVA. la nostra Fondazione nel corso dell anno 2012 ha continuato la sua attività, perseguendo esclusivamente FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA - ONLUS Sede in Aosta via San Giocondo, n. 16 Codice fiscale: 91051600079 Iscritta nel registro regionale delle persone giuridiche al n. 76 NOTA INTEGRATIVA Signori

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Giovedì 2 luglio 2015 - ore 11.00 Politecnico di Milano - Polo territoriale di Lecco marzo 2015 febbraio 2018 BANDO WELFARE DI COMUNITÀ E INNOVAZIONE SOCIALE FONDAZIONE

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA ORGANIZZAZIONE OPERA DI PADRE MARELLA Fondo straordinario di solidarietà da destinare al servizio mensa ANTONIANO DEI FRATI MINORI Fondo straordinario di solidarietà

Dettagli

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Settore Servizi Sociali e Cultura REGOLAMENTO COMUNALE PER l ISTITUZIONE DELL Albo delle Associazioni E PER I Rapporti con le Associazioni Approvato con

Dettagli

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO In connessione con la manifestazione EXPO2015 si intende favorire lo

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012 CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 TERRAFUTRA FIRENZE 26 Maggio 2012 Francesco Delfino andriacaritas@libero.it www.caritasandria.com GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS Per effetto del cosiddetto decreto sulla competitività (D.L. n. 35 del 2005), le persone fisiche e gli enti

Dettagli

STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S.

STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. 1 STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. (Associazione di volontariato ex legge n. 266/91 - O.N.L.U.S.

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

Microcredito per il territorio. Rassegna stampa

Microcredito per il territorio. Rassegna stampa Microcredito per il territorio Rassegna stampa PerMicro - Microcredito in Italia PerMicro è il primo (e ad oggi unico) operatore professionale di microcredito sociale in Italia, iscritto all'albo degli

Dettagli

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko ROMA, 27 maggio 2011 Premessa 2 A quasi tre anni dall indagine sui donatori effettuata nel luglio 2008, l Istituto Italiano

Dettagli

SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE

SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE Latina marzo 2003 IL TERZO SETTORE A LATINA 1. INTRODUZIONE L Osservatorio economico statistico congiunturale Osserfare si è dotato di una metodologia di analisi alternativa

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Maria Luisa Del Gatto Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Giordana Ferri Fondazione Housing Sociale

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

Nota Integrativa al Bilancio al 31 dicembre 2014

Nota Integrativa al Bilancio al 31 dicembre 2014 FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA - ONLUS Sede in Aosta via San Giocondo, n. 16 Codice fiscale: 91051600079 Iscritta nel registro regionale delle persone giuridiche al n. 76 Nota Integrativa al

Dettagli

MODULO Iniziative di microcredito in Sicilia

MODULO Iniziative di microcredito in Sicilia PON Governance e Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 Obiettivo 1 - Convergenza [IT051PO006] Progetto SILLA - Servizi di Intermediazione Locale per il Lavoro Asse B, Obiettivo specifico 2.2 Potenziare i sistemi

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

2.2.9 Erogazioni liberali a favore di enti che operano nel settore dello spettacolo

2.2.9 Erogazioni liberali a favore di enti che operano nel settore dello spettacolo 2.2.9 Erogazioni liberali a favore di enti che operano nel settore dello spettacolo 111 Secondo quanto fissato dalla lett. i), c. 1, dell art. 13-bis) del TUIR, sono considerate spese detraibili dall imposta

Dettagli

NORMATIVA RELATIVA ALLE DONAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE ONLUS

NORMATIVA RELATIVA ALLE DONAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE ONLUS NORMATIVA RELATIVA ALLE DONAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE ONLUS La Pubblica Assistenza SAN MARCO, al fine di sintetizzare la vigente normativa relativa alle donazioni liberali a favore delle ONLUS, redige

Dettagli

FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA. Fiscalità italiana: poche idee e ben confuse

FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA. Fiscalità italiana: poche idee e ben confuse FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Tutela e valorizza il patrimonio storico e artistico della nazione. (Art. 9 della

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA

BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA BUDGET COMPLESSIVO : Euro 50.000 messi a disposizione dalla

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS. Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S.

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS. Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S. STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S. Art. 2 DURATA L Associazione è un organizzazione non lucrativa

Dettagli

DEDUCIBILITA FISCALE DELLE EROGAZIONI LIBERALI

DEDUCIBILITA FISCALE DELLE EROGAZIONI LIBERALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DEDUCIBILITA FISCALE DELLE EROGAZIONI LIBERALI ELENA DEMARZIANI 26 Marzo 2014 Sala Convegni C.so Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO PROVINCIALE DI COOPERAZIONE DECENTRATA NEL BACINO DEL FIUME CONGO

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO PROVINCIALE DI COOPERAZIONE DECENTRATA NEL BACINO DEL FIUME CONGO PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO PROVINCIALE DI COOPERAZIONE DECENTRATA NEL BACINO DEL FIUME CONGO Premesso che: la Repubblica Democratica del Congo e la Repubblica del Congo (nota anche

Dettagli

Come nasce e come opera il Banco Farmaceutico

Come nasce e come opera il Banco Farmaceutico Come nasce e come opera il Banco Farmaceutico La Storia L associazione Banco Farmaceutico Onlus è nata nel 2 dall incontro tra la professionalità della Lombarda (associazione fra titolari di farmaci di

Dettagli

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro A partire dalle numerose esperienze sbocciate in alcune diocesi nel campo del microcredito a sostegno delle imprese nate dal Progetto Policoro

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 1358 18/09/2015 Oggetto : Approvazione della bozza di accordo operativo

Dettagli

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze Dati di riferimento Denominazione: Associazione rimettere le ali onlus Tipologia: Associazione non Profit Onlus Riconoscimenti: Iscritta all anagrafe delle Onlus regionale del Lazio al protocollo 0036191

Dettagli

le attività 2005 La SDOA attua:

le attività 2005 La SDOA attua: La SDOA forma giovani laureati da inserire nel mondo del lavoro. Grazie ad essa 1885 giovani lavorano in primarie aziende nazionali e multinazionali. La SDOA attua: Formazione specialistica per giovani

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA AGGIORNATA CON IL DECRETO 28 MARZO 2007 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE

Dettagli

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00 " Social bond UBI..." Ubi Banca punta sul social bond con Cesvi Obbligazioni a sostegno del progetto Cesvi per la sicurezza alimentare in Uganda da Ubi" Barbara Conti In Italia arriva il prestito obbligazionario

Dettagli

L esperienza del Laboratorio Sud della Fondazione Tertio Millennio - Onlus JOB CREATION, RETE, TERRITORIO

L esperienza del Laboratorio Sud della Fondazione Tertio Millennio - Onlus JOB CREATION, RETE, TERRITORIO L esperienza del Laboratorio Sud della Fondazione Tertio Millennio - Onlus JOB CREATION, RETE, TERRITORIO Cinzia Ministeri Palermo 11 maggio 2011 Cos è la Fondazione Tertio Millennio La Fondazione Tertio

Dettagli

Casa Bordino_Sede di Torino

Casa Bordino_Sede di Torino RELAZIONE ATTIVITA' - ANNO 2014 Casa Bordino_Sede di Torino Nel 2014 Casa Bordino ha continuato ad effettuare sul territorio interventi di aiuto concreto, diversificati nelle varie aree di supporto alle

Dettagli

LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE. Stresa 27 novembre 2009

LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE. Stresa 27 novembre 2009 LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE Stresa 27 novembre 2009 EVOLUZIONE STORICA DELLA NOZIONE DI BENEFICENZA art. 10, comma 1, lett. a), n. 3, D. lgs. 460/1997

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

COME NASCE E COME OPERA BANCO FARMACEUTICO

COME NASCE E COME OPERA BANCO FARMACEUTICO STORIA L Associazione Banco Farmaceutico onlus nasce nel 2000 dall incontro tra la professionalità di Federfarma e l esperienza nel settore sociale di Compagnia delle Opere. Nel 2008, dall esigenza di

Dettagli

La Fondazione. Il meglio di te ONLUS è una Fondazione umanitaria non lucrativa di utilità sociale, costituita a Napoli nel 2005.

La Fondazione. Il meglio di te ONLUS è una Fondazione umanitaria non lucrativa di utilità sociale, costituita a Napoli nel 2005. WWW.ILMEGLIODITE.IT La Fondazione Il meglio di te ONLUS è una Fondazione umanitaria non lucrativa di utilità sociale, costituita a Napoli nel 2005. Nata dal desiderio di aiutare il prossimo, con particolare

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE "ABILIATOUR O.N.L.U.S. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ABILIATOUR O.N.L.U.S. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE "ABILIATOUR O.N.L.U.S. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Denominazione È costituita, nel rispetto del D.Lgs 460/97, un associazione senza scopo di lucro, indipendente, aconfessionale

Dettagli

di Marianna Martinoni

di Marianna Martinoni Dai Tagli alla cultura alle nuove politiche di sostenibilità per le organizzazioni culturali: una possibile strada per il fundraising nel settore culturale di Marianna Martinoni Se fino a una decina di

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA BANCA DAL 1472 Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario Dir. Rossano Bagnai IL PROGRAMMA DI MICROCREDITO DELLA

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ASSOCIAZIONE L ALTRA CITTA NEL MONDO ONLUS VIA ALFIERI N.11 58100 GROSSETO CODICE FISCALE 92060120539 BILANCIO AL 31/12/2009

ASSOCIAZIONE L ALTRA CITTA NEL MONDO ONLUS VIA ALFIERI N.11 58100 GROSSETO CODICE FISCALE 92060120539 BILANCIO AL 31/12/2009 ASSOCIAZIONE L ALTRA CITTA NEL MONDO ONLUS VIA ALFIERI N.11 58100 GROSSETO CODICE FISCALE 92060120539 BILANCIO AL 31/12/2009 Sede Sociale Grosseto Via Alfieri n.11 Codice fiscale 92060120539 Iscrizione

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO

COMUNE DI MONTEMILETTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI NONCHE DI BENI MOBILI ED IMMOBILI AD ASSOCIAZIONI, ENTI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. 1 Bando 2009

PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. 1 Bando 2009 PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO 1 Bando 2009 ASSISTENZA SOCIALE E SOCIO-SANITARIA - RICERCA SCIENTIFICA E IN CAMPO SANITARIO FORMAZIONE - TUTELA, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DI ATTIVITA

Dettagli

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013 Circolare n. 6/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 21 marzo 2013 OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2013 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI PER GLI ENTI DEL VOLONTARIATO

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

DOCUMENTI DI BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010

DOCUMENTI DI BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010 DOCUMENTI DI BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010 (01/01/2010-31/12/2010) Roccia di Fuoco Onlus Organizzazione Umanitaria Internazionale Via dell Albanella 26 00169 Roma C.F. 97516580582 pag.1 Il presente elaborato

Dettagli

Definizioni preliminari

Definizioni preliminari LIUC, 20 marzo 2015 Definizioni preliminari Terzo settore: complesso di enti e istituzioni che, all interno di un sistema economico, si collocano tra Stato e mercato, ma non sono riconducibili né all uno

Dettagli

PIANO DI EROGAZIONE 2015

PIANO DI EROGAZIONE 2015 Fondazione della Comunità di Monza e Brianza PIANO DI EROGAZIONE 2015 Giovedì 19 Marzo -ore 17 Casa del Volontariato - MONZA 1 Un ultimo sguardo al 2014 2 QUALCHE NUMERO sul 2014 996.000 17 patrocini euro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Allegato A alla delibera C.C. N. 17 Del 01.03.2011. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Art.1 Definizione e finalità Il patrocinio rappresenta una forma simbolica di adesione ed una

Dettagli

IL CERCHIO ONLUS Documento di Buona Causa

IL CERCHIO ONLUS Documento di Buona Causa IL CERCHIO ONLUS Documento di Buona Causa Il marketing sociale si propone di influenzare e modificare i comportamenti dei membri di una certa società NON per generare profitti per sé ma per creare benefici

Dettagli

Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?!

Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?! Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?! Darfo 23 Novembre 2013! Cosa non è il fundraising: Sponsorizzazione (vendita) Mera ricerca ai denari La sua traduzione in italiano come

Dettagli

Alimenta il dono. sostieni il Banco Alimentare della Toscana

Alimenta il dono. sostieni il Banco Alimentare della Toscana Alimenta il dono sostieni il Banco Alimentare della Toscana Guida alle agevolazioni fiscali sulle erogazioni in denaro e natura per le persone fisiche e per le aziende aggiornata al settembre 2012 1 Presentazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E VANTAGGI ECONOMICI IN CAMPO SOCIALE. Capo I Erogazione di contributi e sussidi a persone fisiche

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E VANTAGGI ECONOMICI IN CAMPO SOCIALE. Capo I Erogazione di contributi e sussidi a persone fisiche LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E VANTAGGI ECONOMICI IN CAMPO SOCIALE Capo I Erogazione di contributi e sussidi a persone fisiche Articolo 1 - Finalità generali Il presente Capo disciplina

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

SEC MEDITERRANEA - PRESS MONITORING

SEC MEDITERRANEA - PRESS MONITORING TESTATA: LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO BARI DATA: 1 novembre 2012 TITOLO: La vela contro il disagio mentale TESTATA: LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO BARI DATA: 13 novembre 2012 TITOLO: Disagio e vela 30 i malati

Dettagli

ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO

ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO NASCITA DEFINIZIONE TERZO SETTORE La prima definizione si ritrova in Europa a partire dalla metà degli anni

Dettagli

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 6 Non appena si è avviato il progetto, le prime iniziative che la Spazio - Lavoro ha intrapreso sono state quelle relative alla preparazione del territorio nel

Dettagli