Donare Ricevere Ricambiare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Donare Ricevere Ricambiare"

Transcript

1 Donare Ricevere Ricambiare

2 Sommario La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus 1 Il Bene Comune 2 Una missione possibile La nostra e le altre fondazioni comunitrie C'è bisogno di tutti noi Tra presente e futuro 5 Come donare Le donazioni correnti Le donazioni a patrimonio I lasciti testamentari Azione e donazione 10 La prima sfida I settori di intervento Le modalità di erogazione L'attività svolta Il diritto di donare 15 Servizi e vantaggi per il donatore Chi siamo 18 Il Consiglio di Amministrazione I Soggetti Fondatori

3 La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus La Fondazione della Comunità Onlus è la prima Fondazione di Comunità del Mezzogiorno ed è stata costituita il 27 aprile Nasce con l'obiettivo di promuovere una vera cultura del dono che faccia sentire tutti noi partecipi dello sviluppo sociale, culturale ed etico del territorio al quale apparteniamo, di rafforzare i legami di solidarietà e responsabilità sociale, migliorare la qualità della vita della nostra comunità locale. La Fondazione della Comunità è il punto di incontro tra chi vuole donare e chi ha bisogno di aiuto. È il luogo in cui si incontrano bisogni diversi che danno vita ad un nuovo modo di intendere il bene comune, il luogo in cui le esigenze di chi ha bisogno e di chi invece vuole donare per aiutare il prossimo, possono essere soddisfatte. Perchè donando alla Fondazione della Comunità noi doniamo direttamente alla comunità. Per questo la Fondazione della Comunità, il cui patrimonio iniziale di oltre euro è stato costituito grazie al contributo di 63 fondatori, rivolge il suo appello a tutti: a privati cittadini, imprese, altre fondazioni già esistenti, associazioni professionali e di categoria, enti territoriali per costruire, tutti insieme, la cassaforte della comunità. In questo nostro cammino abbiamo incontrato tanti donatori che non hanno voluto far mancare il proprio contributo: banche, enti locali, imprenditori, famiglie, ma anche enti ecclesiali, servizi sociali e organizzazioni di terzo settore, grazie ai quali abbiamo potuto individuare i bisogni della nostra comunità. 1

4 Il bene comune Una missione possibile Scopo della Fondazione della Comunità Salernitana Onlus è quello di contribuire a realizzare progetti di utilità sociale sul territorio grazie alle donazioni di tutti noi. Una nuova cultura del dono che responsabilizza tutti a ricercare il bene collettivo è l'obiettivo della Fondazione, perché solo donando offriamo alla Fondazione la possibilità di intervenire concretamente sul territorio sostenendo progetti socialmente utili. Infatti tutte le attività, i progetti già avviati e quelli che saranno realizzati, possono essere sostenuti grazie ai frutti del patrimonio permanente della Fondazione che viene incrementato anche dalle nostre donazioni. Il rapporto di collaborazione che nasce con il terzo settore, con le associazioni presenti sul territorio, e con gli enti ecclesiali, per i quali la Fondazione si pone anche come stimolo per la crescita progettuale, permette alla Fondazione stessa di diventare il tramite naturale tra chi vuole donare e chi realizza interventi sociali sul territorio. Ma il ruolo della Fondazione è anche quello di affiancare e sostenere il pubblico, senza sostituirlo, laddove non ci sono sufficienti risorse per agire sul territorio. 2

5 La nostra e le altre fondazioni comunitarie La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus è la prima che nasce nel centro sud Italia. Ma l'esperienza delle Fondazioni di Comunità è una realtà concreta che da anni opera, con risultati eccellenti, nel nord Italia grazie al sostegno della Fondazione Cariplo, che ne sostiene le attività attraverso il meccanismo di raddoppio del patrimonio fino al raggiungimento delle sfide programmate. In Lombardia, ad esempio, la Fondazione Comasca Onlus in nove anni ha costituito un patrimonio di 5 milioni di euro in donazioni necessarie a ricevere, grazie al meccanismo del raddoppio, ben 10 milioni di euro, che le permettono di realizzare un numero maggiore di interventi nei settori in cui opera. In questi nove anni la Fondazione Comasca ha finanziato 1024 progetti distribuendo alle organizzazioni non profit oltre 11 milioni di euro. Il patrimonio della Fondazione Comasca supera i 15 milioni di euro. Ancora, in Piemonte, la Fondazione della Comunità Novarese, costituita nel 2000, grazie al sostegno di tanti sensibili donatori, ha favorito la creazione di oltre 42 fondi patrimoniali, raggiungendo quasi 7 milioni di euro. Il patrimonio della Fondazione, che supera i 16 milioni di euro, ha permesso in 11 anni di attività di finanziare numerosi progetti di utilità sociale: nell ambito dello sport, a favore di disabili, manifestazioni culturali e musicali di grande rilievo, acquisto di materiale specifico per molte associazioni che operano sul territorio a favore della comunità. 3

6 C è bisogno di tutti noi Tutti noi possiamo contribuire ad incrementare il patrimonio della Fondazione della Comunità Salernitana Onlus raggiungendo, tutti insieme, gli obiettivi prefissati. Il dono, piccolo o grande, di ciascuno di noi è fondamentale. Tutti possiamo donare: singoli e gruppi di cittadini che vogliono mantenere vivo il ricordo di una persona stimata, che vogliono realizzare un determinato progetto anche attraverso il sostegno ad associazioni di terzo settore; persone benemerite che vogliono effettuare una donazione costituendo un fondo patrimoniale, intestato a se stessi o ad una persona cara per ricordarla nel tempo e per vedere realizzato un loro desiderio; famiglie che hanno nel loro nucleo un disabile e si preoccupano della loro assistenza una volta che non potranno più prendersene cura; associazioni professionali o di categoria che possono promuovere tra i loro soci la costituzione di un fondo collettivo di categoria o di associazione presso la Fondazione della Comunità Salernitana Onlus destinando il reddito alla realizzazione di progetti di cui essi stessi possono essere fruitori; enti territoriali perché tutti insieme si possa far fronte alle esigenze più urgenti che arrivano dal territorio. 4

7 Tra presente e futuro Come donare Donare alla Fondazione della Comunità Salernitana Onlus significa scegliere se il proprio dono dovrà essere destinato alla costituzione di un patrimonio i cui frutti siano perennemente destinati al finanziamento di attività di utilità sociale, o invece potrà essere utilizzato fin da subito per la realizzazione di progetti o di altre iniziative. Si può donare, dunque, per accrescere il patrimonio della Fondazione o per erogare direttamente risorse per finanziare interventi immediati sul territorio. In qualunque caso, il nostro dono, piccolo o grande, rafforza la capacità di intervento della Fondazione della Comunità contribuendo alla crescita sociale e solidale del territorio e sostenendo le attività di tutte le associazioni del terzo settore, del volontariato, di enti ecclesiali e territoriali che sono impegnati ad aiutare chi ha bisogno. Il dono, quindi, è il primo mattone per costruire una comunità coesa che sappia trovare al suo interno la capacità di garantire un futuro serio e certo per tutti coloro che hanno bisogno di assistenza, per lo sviluppo del territorio, per consentire alle idee e ai progetti di camminare contribuendo alla realizzazione del bene comune. 5

8 Le donazioni correnti La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus gestisce la parte più consistente delle erogazioni per conto dei donatori che l'hanno scelta come intermediaria di fiducia per la propria attività filantropica. Il donatore può suggerire alla Fondazione della Comunità Salernitana gli interventi che ritiene più interessanti, oppure può demandare alla Fondazione la selezione dei destinatari. È possibile creare presso la Fondazione della Comunità Salernitana Onlus un fondo corrente, incrementabile di anno in anno dal donatore, che permetta di non immobilizzare le donazioni ma di destinarle al sostegno di interventi di solidarietà sociale da pianificare nel tempo, massimizzando da subito i benefici fiscali. Il donatore può, dunque, scegliere di destinare il suo dono per sostenere un progetto individuato dalla Fondazione della Comunità, condividendone le finalità, oppure decidere di proporre alla fondazione un proprio progetto e di sostenerlo con le risorse del Fondo. Si può scegliere, infine, di donare alla Fondazione della Comunità Salernitana destinando il 5x1000 dell'imposta sul reddito delle persone fisiche. Destinare il nostro 5x1000 alla Fondazione è semplice e non costa nulla: basta inserire il codice fiscale nel primo riquadro a sinistra della scheda per la scelta della destinazione del 5 per mille dell'irpef nei moduli CUD, 730, UNICO. Con una semplice firma nella tua dichiarazione dei redditi puoi sostenere i progetti che la Fondazione della Comunità Salernitana Onlus realizza in favore della nostra comunità. 6

9 Le donazioni a patrimonio Accanto alle donazioni correnti, la Fondazione offre ai donatori una modalità alternativa che è rappresentata dalla donazione a patrimonio. Con la propria donazione si può creare un fondo, accrescerne uno già esistente o incrementare il fondo comune della Fondazione. I fondi possono essere di vario tipo in base agli interessi e al coinvolgimento di chi dona: a) nominativi: rappresentano l'alternativa più semplice ed immediata alla costituzione di una propria fondazione. Il donatore può infatti scegliere a chi intestare il fondo, può indicarne le finalità e stabilire, insieme alla Fondazione, la politica di investimento della quota patrimoniale; b) memoriali: sono costituiti in memoria di una persona scomparsa. Lo scopo della donazione può essere definito al momento del conferimento, facendo riferimento agli interessi e alle finalità benefiche perseguite in vita dalla persona cui viene intestato il fondo; c) geografici: sono fondi costituiti per finanziare interventi localizzati in aree specifiche del territorio provinciale; d) di categoria: nascono per decisione di una associazione di categoria e possono essere alimentati nel tempo dai suoi aderenti. Per una categoria professionale la costituzione di un fondo rappresenta una significativa opportunità in termini di coesione interna e di immagine positiva sul territorio; 7

10 e) tematici: si caratterizzano per l'area di interesse a cui il donatore vuole destinare il suo dono. Inoltre, con una donazione non inferiore a 500 euro si può sottoscrivere una cedola di buona azione, diventando parte attiva nella formazione del patrimonio della Fondazione. Ogni cedola di buona azione va ad incrementare la cassaforte della solidarietà che, grazie a tali piccole donazioni, diventerà una sicurezza permanente per l'intera comunità. Il donatore può costituire, in cinque anni, un fondo patrimoniale senza vincoli di destinazione del valore minimo di euro, acquisendo la qualifica di Fondatore Successivo della Fondazione della Comunità Salernitana. 8

11 Lasciti testamentari Una ulteriore modalità di donazione, per contribuire concretamente alla realizzazione delle attività della Fondazione della Comunità Salernitana, è rappresentata dai lasciti testamentari attraverso cui si può dare continuità alle proprie attività filantropiche, finché in vita, ed avere la certezza che queste verranno portate avanti anche in seguito. Il testamento è un gesto semplice ma allo stesso tempo di grande responsabilità che consente di tutelare le persone a noi care e di decidere, compatibilmente con la legge, come destinare i propri beni. Attraverso le donazioni particolari si possono donare immobili che potranno essere utilizzati dal donante finché in vita oppure donare in gestione altri beni (denaro, titoli, fondi di investimento, assicurazioni sulla vita) il cui reddito annuale, oppure parte del bene donato, resteranno utilizzabili per le necessità in vita del donatore. 9

12 Azione e donazione La prima sfida Tutti noi con il nostro dono possiamo contribuire ad accrescere il patrimonio della Fondazione della Comunità Salernitana Onlus, collaborando a raggiungere un primo obiettivo importante. La sfida che possiamo vincere tutti insieme è quella di accrescere, con le nostre donazioni, il patrimonio della Fondazione a 2 milioni di euro con cui sarà possibile accedere, con il meccanismo del raddoppio della raccolta, ad un pari contributo della Fondazione con il Sud, ente che sostiene la nascita e lo sviluppo delle Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno. Obiettivo della Fondazione con il Sud è quello di collaborare alla creazione, nell'arco dei prossimi anni, di un patrimonio di almeno 5 milioni di euro, al fine di rafforzare sempre di più questo salvadanaio della Comunità. La Fondazione con il Sud è impegnata anche a mettere a disposizione della Fondazione di Comunità Salernitana per i primi 3 anni, ulteriori risorse incrementando i fondi raccolti dalla Fondazione della Comunità Salernitana da erogare sul territorio. 10

13 I settori di intervento I settori in cui la Fondazione della Comunità Salernitana Onlus vuole intervenire con la preziosa collaborazione delle organizzazioni del terzo settore e del volontariato, degli enti ecclesiali e con gli enti territoriali, sono i seguenti: assistenza sociale assistenza sanitaria assistenza socio-sanitaria cultura, istruzione, educazione, formazione, con particolare riferimento alla promozione dello sviluppo di capitale umano di eccellenza sport dilettantistico imprenditoria sociale solidarietà internazionale tutela e valorizzazione di attività ed iniziative culturali, di interesse artistico e storico tutela e valorizzazione della natura e dell'ambiente ricerca scientifica 11

14 Le modalità di erogazione Le esigenze di una comunità rappresentano la domanda cui una Fondazione di Comunità deve fornire risposte immediate e certe. L'erogazione di risorse da parte della Fondazione può avvenire attraverso questi strumenti: Bandi con raccolta: sono uno strumento utilizzato per sostenere progetti di utilità sociale da realizzare nei settori di intervento della Fondazione in favore del territorio. Permette una assoluta trasparenza nell'assegnazione dei contributi, con una selezione che coinvolge un comitato tecnico di valutazione preliminare e gli organi della Fondazione. Patrocini: sono strumenti attraverso cui la Fondazione può diffondere la sua immagine, consentendo l'utilizzo del logo per eventi. Microerogazioni: sono contributi di piccola entità che la Fondazione potrà erogare sia a favore di progetti non particolarmente onerosi, pervenuti extrabando, sia per far fronte a particolari situazioni di bisogno. 12

15 Progettualità specifiche: la Fondazione può affiancare interventi nuovi e qualitativamente significativi a sostegno di aree tematiche individuate come prioritarie di intervento. Erogazioni di beneficenza: la Fondazione può concedere contributi modesti a favore di persone indigenti e nuclei famigliari attraverso l'istituzione dell'ufficio Pio che può svolgere una funzione puramente assistenziale, erogando sussidi su domanda di una parrocchia, ente ecclesiale, ente territoriale o associazione di beneficenza. Borse di studio: a favore di giovani meritevoli o in condizioni economiche svantaggiate, dando loro la possibilità di formarsi ed esprimere al meglio le proprie potenzialità, erogando contributi ad enti terzi (Università, etc). Macroerogazioni: per finanziare progetti significativi rientranti nelle finalità istituzionali della Fondazione e pervenuti extrabando da soggetti terzi o promossi dagli stessi in collaborazione con la Fondazione. 13

16 Le prime erogazioni In questi primi anni di vita e grazie al sostegno di quanti ci accompagnano in questo cammino, abbiamo dato vita a numerose iniziative in favore della comunità. Grazie ai nostri donatori abbiamo costituito 13 fondi e con questi abbiamo potuto realizzare importanti progetti tra cui il microcredito economico e sociale e la lotta alla povertà per combattere l'esclusione sociale e offrire una possibilità di speranza alle persone in situazione di povertà e di emarginazione. Grazie ai bandi, promossi anche con l'aiuto dei nostri donatori, abbiamo potuto sostenere le attività di tante organizzazioni del terzo settore e associazioni di volontariato che hanno così potuto realizzare piccoli e grandi progetti di utilità sociale. Abbiamo sostenuto progetti di formazione destinati ai ragazzi, iniziative sportive per combattere il disagio sociale giovanile, azioni in favore di famiglie in difficoltà, anziani soli. E ancora progetti di educazione ambientale e di sostegno alla legalità. In questi primi anni di vita abbiamo visto maturare una nuova visione comune di problemi e prospettive nella consapevolezza che solo insieme si può creare una comunità responsabile e solidale. 14

17 Il diritto di donare I servizi e i vantaggi per il donatore La Fondazione offre la possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalle normative vigenti con il sistema del più dai, meno versi. Le donazioni fatte alla Fondazione da persone fisiche o da enti soggetti all'imposta del reddito sulle società, sono deducibili dal reddito complessivo nel limite del 10% dello stesso e comunque nella misura massima di ,00 euro annui, come previsto dalla normativa vigente. I titolari di reddito di impresa possono usufruire delle agevolazioni fiscali previste dall'art. 100 del Testo Unico delle imposte sul reddito e dedurre le donazioni nella misura massima prevista di 2.065,83 euro o del 2% dl reddito di impresa dichiarato. Si estendono anche alle imprese i benefici del D. L. 35\05 che ha introdotto il principio più dai, meno versi. Per usufruire dei benefici fiscali è sufficiente che il donatore alleghi alla propria dichiarazione dei redditi la ricevuta del pagamento effettuato a favore della Fondazione. 15

18 La Fondazione garantisce l'anonimato o la massima pubblicità, secondo le esigenze del donatore. Un gesto di solidarietà nasce dall'intenzione del donatore, che può essere un privato cittadino o una azienda, di compiere una azione utile e concreta in favore di chi ha bisogno di aiuto. La scelta filantropica può diventare, attraverso la comunicazione, un esempio per gli altri, ma anche un modo per valorizzare la propria immagine e la vicinanza al territorio. A chi volesse mantenere la riservatezza del gesto compiuto, la Fondazione garantisce totale anonimato e discrezione. 16

19 Chi siamo

20 Gli amministratori CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Giovanni VIETRI, presidente Giuseppe CAVALIERE, vicepresidente Ermanno GUERRA, vicepresidente Antonia AUTUORI, consigliere Antonio CALANDRIELLO, consigliere Vincenzo CESAREO, consigliere Francesco CHIRICO, consigliere Anna NUNZIANTE, consigliere Rev. Don Vincenzo FEDERICO, consigliere Maddalena PEZZOTTI, consigliere Maria Patrizia STASI, consigliere COLLEGIO DEI REVISORI Giuseppe MELARA, presidente Antonio ANNUNZIATA, membro effettivo Matteo PICARDI, membro effettivo Gerardo ATTIANESE, membro supplente Antonio PILUSO, membro supplente COLLEGIO DEI PROBIVIRI Nicola FALCONE, membro Giuseppe LOMBARDI, membro Caterina MIRAGLIA, membro 18

21 I fondatori Enti pubblici Comune di Salerno, Provincia di Salerno, Università degli Studi di Salerno, Comune di Castel San Giorgio, Piano Sociale di Zona S4, Ente Provinciale per il Turismo di Salerno, Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Autorità Portuale di Salerno. Banche di credito cooperativo Banca di Credito Cooperativo di Sassano, Banca di Credito Cooperativo di Salerno, Banca Prossima Spa. Fondazioni di erogazione Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana Autorità ecclesiastiche Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, Diocesi di Amalfi- Cava dei Tirreni, Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno, Diocesi di Teggiano-Policastro, Diocesi di Vallo della Lucania. Ordini professionali e singoli professionisti Ordine degli Architetti, P.P. e C. della Provincia di Salerno, Ordine dei Commercialisti, Arch-Team Adinolfi Associati, Anna Nunziante, Alfonso Sansone, Michele Salvatore Mastromartino, Domenico Della Porta, Camilla Caramico. Istituti scolastici e agenzie formative Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Genovesi di Salerno, Associazione Tecnici Controllori. 19

22 Associazioni di categoria Associazione Nazionale Costruttori Edili Salerno, Confesercenti della provincia di Salerno, Cidec Salerno, Confcooperative Salerno, Associazione Cristiana Artigiani Italiani, Confindustria Salerno, Unimpresa Provinciale di Salerno, Federazione Provinciale Artigiani di Salerno aderenti alla C.A.S.A (Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani), CNA Associazione Provinciale di Salerno, Associazione Piccole e Medie Imprese di Salerno e provincia, Confartigianato Imprese A.L.I. della provincia di Salerno, Federazione Provinciale Coltivatori Diretti di Salerno. Organizzazioni di terzo settore Forum Provinciale del Terzo Settore, Associazione Mentoring USA\Italia onlus, Fondazione San Michele Arcangelo, A.R.F.O.S. s.c.a.r.l., Fondazione Alario per Elea Velia onlus, Associazione Solidarietà e Sviluppo onlus, Bi. Ci. Ci.Lavoro Soc. coop. a r.l.. Fondazione I.Ri.Di.A Istituto di Ricerca e Didattica Ambientale Museo Naturalistico, Università Popolare del Vallo di Diano, Alburni e Cilento, La Rada Consorzio di Cooperative Sociali Scs, Fondazione M.I.d.A. - Musei Integrati dell'ambiente. Imprese Michele Autuori srl, Tubifor Srl, Co.Ge.Nu.Ro srl, Salerno Energia S.p.A, Sorgen srl, Idrocilento S.C.p.A, Centrale del Latte di Salerno S.p.A., CSTP Azienda della Mobilità S.p.A., Consorzio Turistico Contursi Thermae, La Doria Spa, Centro Sportivo Meridionale Bacino Sa3 ECOMETA, G. Del Priore srl, Metoda Spa. 20

23

24

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Patto per Ferrara Un progetto di cittadinanza sociale delle imprese

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT - GUIDA PRATICA - a cura di: Gruppo di studio costituito tra Agenzia delle Entrate Direzioni Regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia Direzioni Provinciali

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO La guida è curata da: Alfredo Amodeo Mariella Gioiello, Manuela Lia - 2 - INDICE PREMESSA pag. 4 PARTE PRIMA: INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli