b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi"

Transcript

1 B C:\Didattica\SBAC_Fisica\Esercizi esame\sbac - problemi risolti-18jan2008.doc problema 1 Una biglia di massa m = 2 kg viene lasciata cadere (da ferma) da un'altezza h = 40 cm su di una molla avente una costante elastica k = 1960 N/m e una lunghezza (a riposo) L = 20 cm. Calcolare a) con quale velocita' v la biglia arriva a toccare la molla. b) la distanza dal muro alla quale la biglia si ferma. c) l'energia meccanica della biglia e quella della molla quando il sistema e' fermo. d) l'energia meccanica della biglia e quella della molla quando questa e' a distanza di 13 cm dal muro.. h A Risoluzione L a) quando la biglia tocca la molla avra' acquistato un'energia cinetica pari alla sua energia potenziale iniziale. Quindi, dal principio di conservazione dell'energia meccanica m g h = (1/2) m v 2 ottengo v = 2 g h = 2.80 m/s. b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi (1/2) m v 2 = (1/2) k x 2 dove x e' lo spostamento rispetto alla posizione di equilibrio della molla. Risolvendo, ottengo x = 2 g m h / k = 8.95 cm. Quindi, la distanza dal muro alla quale la biglia si ferma e' d = L - x = cm. c) quando la biglia e ferma la sua energia meccanica e zero ed e stata trasferita alla molla sotto forma di energia elastica. Quindi E mecc (biglia) = 0 E elast (molla) = m g h = 7.85 J d) quando la biglia si trova a distanza di 13 cm dal muro, e' ancora in movimento (si ferma a distanza di cm, vedi punto b), quindi solo parte della sua energia cinetica iniziale e' stata trasferita alla molla. La molla avra subito una compressione di x = L - 13cm = 7cm = 0.07 m Quindi la sua energia elastica sara' E elast (molla) = (1/2) k x 2 = 4.80 J Applicando il principio di conservazione dell'energia meccanica E ini =E fin, dove E ini = m g h E fin = E mecc (biglia) + E elast (molla) ottengo E mecc (biglia) = E fin - E elast (molla) = = 3.05 J 1

2 problema 2 Un blocco di ghiaccio di massa m=10 kg si trova inizialmente alla tempertura T= -50 o C in un contenitore aperto alla pressione atmosferica. Se il blocco viene scaldato con una sorgente di calore che eroga una potenza di P=1000 watt, quanto tempo sara' necessario per a) raggiungere la temperatura di 50 o C b) far evaporare tutto il liquido c) raggiungere la temperatura di 150 o C. d) quale sara' lo stato del sistema se il calore complessivamente cedutogli e' pari a Q tot =2x10 6 J dati: calore specifico del ghiaccio c ghi = 2090 J kg -1 o K -1 calore specifico dell'acqua c H20 = 4186 J kg -1 o K -1 calore specifico del vapore acqueo c vap = 2010 J kg -1 o K -1 calore latente di fusione del ghiaccio c fus = 3.33x10 5 J kg -1 calore latente di vaporizzazione dell'acqua c evap = 2.26x10 6 J kg -1 Risoluzione innanzitutto calcolo il calore necessario per le varie trasformazioni: Q1 (-50 a 0 o C) = c ghi m T = 1.045x10 6 J Q2 (fusione da 0 o C a 0 o C) = c fus m = 3.330x10 6 J Q3 (0 a 50 o C) = c H20 m T = 2.093x10 6 J Q4 (50 a 100 o C) = c H20 m T = 2.093x10 6 J Q5 (evaporazione da 100 o C a 100 o C) = c evap m = 2.260x10 7 J Q6 (100 a 150 o C) = c vap m T = 1.005x10 6 J a) per raggiungere i 50 o C occorre fornire il calore Q a =Q1+Q2+Q3=6.468x10 6 J. Il tempo necessario sara' quindi t a =Q a / P = 6.468x10 6 / 1000 J/W = 6468 s = 1.80 h. b) per far evaporare tutto il liquido occorre fornire il calore Q b =Q1+Q2+Q3+Q4+Q5=3.116x10 7 J. Il tempo necessario sara' quindi t b =Q b / P = 3.116x10 7 / 1000 J/W = s = 8.66 h c) per raggiungere i 150 o C occorre fornire il calore Q c =Q1+Q2+Q3+Q4+Q5+Q6=3.217x10 7 J. Il tempo necessario sara' quindi t c =Q c / P = 3.217x10 7 x10 7 / 1000 J/W = s = 8.93 h d) Il calore Q tot =2x10 6 J viene in parte utilizzato per scaldare il ghiaccio da -50 a 0 o C e in parte per scioglierlo. Quindi il calore disponibile per la fusione e' Q fus = Q tot - Q1 = 9.55x10 5 J. Questo calore servira' per fondere solo una parte del blocco, la cui massa m' e' pari a m' = Q fus / c fus = 9.55x10 5 J / 3.33x10 5 J = 2.87 kg. Il resto del blocco, ovvero = 7.13 kg, rimarra' sotto forma di ghiaccio. 2

3 problema 3 Una macchina fotografica utilizza un obiettivo con lunghezza focale F=50mm e apertura massima con diametro D=20 mm. La macchina viene utilizzata per fotografare da una distanza p=3 m un quadro divisionista di lunghezza L=1.20 m e altezza H=0.8 m, composto da puntini di colore rosso e verde distanti tra loro d=2 mm. Calcolare a) le dimensioni del quadro sul piano della p pellicola. b) la distanza fra i puntini sul piano della pellicola. c) le dimensioni dei puntini sul piano della L obj pellicola supponendo che la luce abbia una lunghezza d onda λ=0.5 µm. d) se la macchina e' utilizzata alla sua massima apertura (D=20mm), e' possibile distinguere i puntini sul piano della pellicola? e) quale e' l'apertura alla quale i puntini si sovrappongono? che colore avranno? q L imm Risoluzione a) Applicando la legge delle lenti, e sapendo che p=3m, posso trovare la distanza q tra la lente e la pellicola (1/p) + 1/q) = 1/F da cui trovo q = F p / (p - F) = mm. Quindi, sul piano della pellicola, l'immagine del quadro sara' ridotta di un fattore M=q/p=1.70x10-2.e avra' dimensioni L imm = L M = mm H imm = H M = mm b) La distanza d=2mm tra i puntini sara' ridotta dello stesso fattore M, e sara' d imm = d M = mm = µm c) Le dimensione dei puntini sono determinate dalla diffrazione della lente che ha un diametro D. Dalla legge della diffrazione, supponendo che la luce visibile ha una lunghezza d'onda λ=0.5 µm, la "dimensione" δ del singolo puntino e' δ ~ (λ / D ) q = 1.27 µm Quindi essendo δ < d imm i puntini sono risolti e i puntini rossi si vedono separati da quelli verdi. d) per far sovrapporre i puntini deve risultare δ > d imm, quindi D < λ q / d imm = 0.75 mm. 3

4 problema 4 Blaise Pascal fece una copia del barometro di Torricelli utilizzando del vino rosso di Bordeaux come liquido. La densita' del vino era x 10 3 kg/m 3 e la pressione atmosferica P 0 =1atm. Pascal ripete' l'esperimento due volte. La prima riusci' ad ottenere un vuoto perfetto sopra la colonna di vino, ma la seconda volta (forse un po' offuscato dal Bordeaux) fece untrare un po' di aria e la pressione residua fu pari a P 0 /3. Calcolare l'altezza h della colonna nei due casi. Risoluzione sia ρ =0.984 x 10 3 kg/m 3 la densita' del vino e P 0 =1atm = 1.013x10 5 N/m 2 la pressione atmosferica. Per la legge di Stevino: a) P 0 = ρ g h da cui h = P 0 / ρ g = m b) P 0 = ρ g h + P 0 /3 da cui h = (2/3)P 0 / ρ g = 7.00 m 4

5 problema 5 Una navetta viene lanciata con velocita' v 0 =20 m/s dalla prima gobba delle montagne russe che si trova ad una altezza h=20 m dal suolo. Se la rotaia e' priva di attrito, calcolare a) con quale velocita' arriva nel punto A b) con quale velocita' arriva nel punto B c) con quale velocita' arriva nel punto C d) a quale altezza H si ferma nel punto D D H Poiche' siamo in assenza di attrito, si puo' applicare il principio di conservazione dell'energia meccanica. L'energia meccanica iniziale E 0 e' data da E 0 =K 0 + U 0 = (1/2) m (v 0 ) 2 + m g h a) L'energia meccanica nel punto A e data da E A =K A + U A = (1/2) m (v A ) 2 + m g h A Applicando il principio di conservazione dell'energia meccanica E 0 =E A, poiche' h A =h, risulta v A = v 0 = 20 m/s b) L'energia meccanica nel punto B e data da E B =K B + U B = (1/2) m (v B ) 2 + m g h B Imponendo E 0 =E B, poiche' h B =h/2, risulta (v B ) 2 = (v 0 ) 2 +g h... da cui v B = m/s c) L'energia meccanica nel punto C e data da E C =K C + U C = (1/2) m (v C ) Imponendo E 0 =E C, ottengo (v C ) 2 = (v 0 ) 2 +2 g h da cui v C = m/s d) L'energia meccanica nel punto D e data da E D =K D + U D = 0 + m g H. Imponendo E 0 =E C, ottengo (1/2) m (v 0 ) 2 + m g h = m g H da cui ricavo H = h + (v 0 ) 2 / 2 g che corrisponde a H= 20 m m = m. 5

6 problema 6 Una sfera cava di ferro di massa 10 kg viene immersa in una vasca di acqua. Calcolare quanto deve essere il diametro della sfera affiche' la stessa non affondi (trascurando lo spessore della sfera) Se ripetete lo stesso esperimento sulla luna, sulla cui superficie la forza di gravita' e' circa 1/6 di quello sulla terra, trovereste lo stesso risultato? Se ripetete lo stesso esperimento con il mercurio al posto dell'acqua, cosa accade? dati: densita' dell'acqua ρ 0 = 1 g/cm 3 densita' del ferro ρ 1 = 7.9 g/cm 3 densita' del mercurio ρ 1 = 13.6 g/cm 3 La condizione di galleggiamento per la sfera e' che la sua densita' (media) sia minore o eguale a quella dell'acqua, poiché in questo caso la forza di gravita' che la spinge verso il basso e' controbilanciata dalla spinta di Archimede. La densita' della sfera cava (trascurando il peso dell'aria al suo interno) e' data dalla sua massa m diviso il suo volume v, ovvero ρ sfera = m (4 / 3) π r Uguagliando ρ 0 = ρ sfera =, posso ricavare r da cui risulta 3 r m 3 = ρ0 4 π 3. Numericamente r = 0.13 m, che corrisponde ad un diametro d = cm. b) basta osservare che il risultato non dipende da g. Quindi sulla luna il diametro della sfera sara' lo stesso. c) Il mercurio ha una densità' maggiore di quella del ferro di cui e' fatta la sfera. Quindi non e' necessario fare una sfera cava, anche una sfera di ferro piena galleggerà' sempre! 6

7 problema 7 Una imbarcazione a forma di parallelepipedo con la base S=5 m 2 e un altezza di H=1.80 m viene usata per traportare persone dall Africa alla Sicilia. Sapendo che mediamente una persona ha una massa m=60 kg e una densita di 1.05x10 3 kg/m 3, e che l imbarcazione ha una massa M=1300 kg, calcolare h a) il numero massimo di persone in modo da garantire un livello di sicurezza h=50 cm. b) Se a bordo ci sono 95 persone e si apre una falla che lascia entrare acqua ad una velocita di 0.5 litri/s, quanto tempo passera prima che l imabarcazione affondi? c) Sapendo che a bordo ci sono (pochi) salvagenti di volume v 0 =0.02 m 3, quante persone potranno salvarsi aggrappandosi a ciascun salvagente? d) Se ripetete la stessa traversata su un pianeta dove la forza di gravita' e' il doppio di quella sulla terra, trovereste lo stesso risultato? H a) La forza di archimede F A = v ρ g dipende dal volume di liquido spostato v che in questo caso e v = S (H-h)= 5 x 1.30 = 6.5 m 3. La forza F A deve controbilanciare la forza peso P = (M+Nm) g, da cui S (H-h) ρ g =(M+Nm) g Che risolta per N da vρ M N = = 86.7 persone m b) in questo caso h=0, V=SH e F A = V ρ g. La forza peso e invece P= (M+Nm+m H2O ). Uguagliando e risolvendo per m H2O, ottengo m H 2O = Vρ M Nm =2100 kg. Poiche la falla lascia entrare 0.5litri/s = 0.5kg/s, il tempo rimasto e 4200 s = 1.17 ore. c) la condizione di galleggiamento e che la densita media del salvagente + K persone sia uguale a quella dell acqua. I volume medio di una persona e v p = m/ρ p = m 3. La densita media del salvagente+ persone (trascurando la massa del salvagente), e ρ ave = (Km) / [v 0 + K v p ] ponendo ρ ave = ρ, e risolvendo per K, otteniamo v0ρ K = = 7persone v ( ρ ρ) p p a) basta osservare che il risultato non dipende da g. Quindi i risultati non cambiaranno e la tragedia si consumerebbe allo stesso modo. 7

8 problema 8 Il blocchetti A e B della figura hanno masse M A =10 Kg e M B =250 Kg. Il coefficiente di attrito statico µ s tre il blocchetto B e la superficie del tavolo e' µ s =0.2. Supponendo che la corda attaccata a B sia orizzontale, a) trovare il valore della tensione T della corda e della forza di attrito. b) trovare il valore massimo M A della massa del blocchetto A per cui il sistema e' in equilibrio. a) quando il sistema e' in equilbrio, la somma delle forze agenti sul punto di unione dei tre pezzi di corda deve essere nulla. Quindi, indicando con θ l'angolo di 30 gradi indicato in figura e con f att la forza di attrito sul blocchetto B, la condizione di equilibrio si scrive come asse y asse x T sin (θ) = g M A T cos (θ) = f att che corrisponde ad un sitema di due equazioni nelle dure incognite T e f att. Risolvendo ricavo f att = g M A [cos (θ) / sin (θ)] = N T = g M A / sin (θ) = N b) la forza massima di attrito esercitabile dal blocchetto B e' data da f max = µ s g M B = N. Quindi il valore massimo di M A per cui il sistema rimane in equilibrio si trova imponendo che f att = f max g M A [cos (θ) / sin (θ)] = µ s g M B che risolta rispetto a M A da' il risultato M A = µ s M B [sin (θ) / cos (θ)] = 28.9 kg. 8

9 problema 9 Un mongolfiera di diametro 20 m e' riempita con aria ad una temperatura T maggiore di quella ambiente T A =25 C. Sapendo che la massa della mongolfiera (cestello+pallone+corde+equipaggio) e' m=200 kg e che la densita' dell'aria a temperatura ambiente e' ρ A = 1.25 kg/m 3, a) quale deve essere la densita' dell'aria calda ρ perche' la mongolfiera si sollevi? b) A che temperatura deve essere l'aria interna al pallone della mongolfiera (usare la legge dei gas pefetti) c) Quanto calore Q bisogna fornire per raggiungere tale temperatura (calore specifico dell'aria c= J kg -1 C -1 ) a) Il volume del pallone e' V= (4/3) π r 3. Quindi V= m 3. La spinta di Archimede e' rivolta verso l'alto e e' data dal peso del volume del liquido spostato, quindi F Arch = M A g = ρ A V g dove per M A si intende la massa dell'aria spostata, cioe' quella a temperatura Ambiente. La forza di gravita' spinge verso il basso e agisce sia sull'aria calda che sulla zavorra. Quindi Fg = (M T + m) g = (ρ V + m) g dove per M T si intende la massa dell'aria calda che ha densita' ρ. Uguagliando, si ottiene ρ = ρ A - m/v che numericamente corrisponde a ρ = = 1.20 kg/m 3. b) Innanzitutto supponiamo che il volume del pallone non cambi e che la pressione dell'aria al suo interno rimanga sempre uguale a quella dell'aria esterna. Quindi, scaldando la temperatura interna, parte dell'aria calda uscira' all'esterno e la sua densita' diminuira'. Usando l'equazione di stato dei gas perfetti, se pressione e volume rimangono costanti al variare di T, l'unica variabile che puo' cambiare e' in numero di moli, ovvero la quantita' di aria contenuta del pallone. La densita' dell'aria scalera' quindi come ρ = ρ A (T A / T) Sostituendo ρ Α = 1.25 kg/m 3, ρ = 1.20 kg/m 3 e T A = K., si trova che T = K, ovvero T=37.42 C. c) La variazione di temperatura dell'aria e' T = = C. La sua massa e' M = ρ A V = kg. Quindi bisognera' fornire una quantita' di calore Q pari a Q= c M T = J kg -1 C kg C = 6.53 x 10 7 J 9

10 problema 10 Una pallina di massa m=4 kg viene lanciata in aria con una velocita' iniziale v 0 =15 m/s ad un angolo θ 0 =30 gradi. Calcolare a) L'altezza massima H raggiunta b) dopo quanto tempo ricade al terra c) La gittata R (distanza percorsa lungo l'asse x al momento della ricaduta. d) con quale velocita' ricade e) quale velocita' ha nel punto di massima altezza f) l'energia cinetica nel punto di massima altezza g) l'energia potenziale nel punto di massima altezza Innanzitutto considero indipendentemente I due moti lungo l asse x (moto rettilineo uniforme) e l asse y (moto uniformemente accelerato). Le rispettive velocita iniziali sono: v 0x = v 0 cosθ 0 = m/s v 0y = v 0 senθ 0 = 7.50 m/s a) L altezza H raggiunta puo essere trovata applicando il principio di conservazione dell energia meccanica per il moto lungo l asse y. Quindi m g h = (1/2) m v 2 2 (v 0y ) da cui ottengo H = = 2.87 m. 2g b) il tempo necessario a raggiungere tale altezza e dato dalla legge per la velocita in un moto uniformemente accelerato, ovvero v(t) = v 0y g t Poinche nel punto di massima altezza ho v(t)=0, ottengo t H =v 0y /g = 0.76 s. ovviamente il tempo necessario a ricadere e il doppio di quello per raggiungere H, quindi t R = 1.53 s. c) per tutto il moto parabolico, la pallina si muove lungo l asse x con velocita costante data da v 0x. Quindi al momento in cui ricade avra percorso tratto di strada dato da R = v 0x t R = m. d) ovviamente ricade con lo stesso modulo della velocita iniziale, ovvero v 0 =15 m/s, ma le cui componenti saranno (v x ) fin = (v 0x ) = m/s (v y ) fin = -(v 0y ) = m/s. Notare il cambio di segno nella componente y! e) la velocita alla massima altezza e data solo dalla componente x, cioe v H = (v 0x ) = m/s. f) l energia cinetica nel punto di massima altezza e (E cin ) H = (1/2)m(v H ) 2 = J g) l energia potenziale nel punto di massima altezza e (E pot ) H = m g H = J 10

11 problema 11 Un blocco di massa m = 5 kg viene lanciato lungo una pista orizzontale ad una velocita' v 0 = 16 m/s. La pista e' priva di attrito fino a quando il blocco raggiunge un livello piu' elevato di altezza h A = 3.5 m. A quel punto la pista presenta un coefficiente di attrito dinamico µ k = 0.4. Calcolare A a) con quale velocita' il blocco arriva nel punto A b) la distanza d percorsa c) l'energia meccanica del blocco nel punto A d) l'energia meccanica del blocco dopo che si e' fermato e) la velocita' v 0 minima affinche' il blocco arrivi nel punto A Poiche' nel tratto di strada fino al punto A, siamo in assenza di attrito, si puo' applicare il principio di conservazione dell'energia meccanica. Prendendo come quota di riferimento (U=0) quella iniziale del blocco, l''energia meccanica iniziale E 0 e' data solo dall'energia cinetica E 0 =K 0 + U 0 = (1/2) m (v 0 ) 2 = 640 J a) L'energia meccanica nel punto A e data da E A =K A + U A = (1/2) m (v A ) 2 + m g h A Applicando il principio di conservazione dell'energia meccanica (E 0 =E A ), si ha (1/2) m (v 0 ) 2 = (1/2) m (v A ) 2 + m g h A da cui (v A ) 2 = (v 0 ) 2-2 g h... Sapendo che h A = 3.5 m, si ottiene v A = m/s b) L'energia cinetica del corpo nel punto A viene dissipata tutta in calore a causa del lavoro (negativo) svolto dalla forza di attrito sul corpo in movimento. La forza di attrito e' f = µ N = µ m g e il lavoro e' dato da L attr = f d = µ m g d Quindi imponendo E A = L attr otteniamo (1/2) m (v A ) 2 = µ m g d che risolta per d da come risultato d = (v A ) 2 / (2 µ g ) da cui d = m c) L'energia meccanica del corpo nel punto A e' uguale a quella iniziale, quindi E A = 640 J d) L'energia meccanica del corpo dopo che si e' fermato e' solo quella potenziale, quindi E A = U A = m g h = J e) Affiche' il corpo arrivi in A (con velocita' nulla) la sua energia cinetica iniziale K 0 =(1/2) m (v 0 ) 2 deve essere sufficiente a fargli guadagnare un'energia potenziale U A =m g h. Quindi, imponendo (1/2) m (v 0 ) 2 > m g h trovo la condizione v 0 2 > 2 g h, che implica v 0 > 8.29 m/s. 11

12 problema 12 un blocco di massa m = 5 kg viene lanciato su di un piano inclinato (θ =30 o ) ad una velocita' iniziale v 0 = 8 m/s. In assenza di attrito calcolare: a) la distanza d percorsa b) la variazione dell'energia cinetica e potenziale del blocco al momento in cui si ferma. c) dopo quanto tempo il blocco ritorna al punto di partenza. OPZIONALE: Rispondere alle stesse domande a), b), c) nel caso in cui tra la superficie del piano e il blocco agisca un forza di attrito dinamico il cui coefficiente e' µ=0.12. Si indichino con i pedici 1 e 2 le posizioni iniziale e finale del blocchetto. L'energia meccanica nelle due posizioni e' E 1 =K 1 + U 1 = (1/2) m (v 0 ) posizione iniziale E 2 =K 2 + U 1 = 0 + m g h posizione finale a) -senza attrito. Applicando il principio di conservazione dell'energia meccanica E 1 =E 2, da cui v 0 d θ h = (v 0 ) 2 / 2 g = 3.26 m che trasformato in d [h = d sin(θ)] diviene d = 6.52 m b) -senza attrito. K = K 2 - K 1 = 0 - (1/2) m (v 0 ) 2 = -160 J U = U 2 - U 1 = m g h - 0 = 160 J notare che K+ U = 0 (conservazione E mecc ) c) -senza attrito. L'accelerazione cui e' sottoposto il blocco e' a = -g sin(θ) = m / s 2. (il segno - indica che a e' diretta in verso opposto a v 0 ). Dall'equazione per la velocita' del moto unif. de-celerato ( v = v 0 + a t), ponendo v=0, trovo t = v 0 / a = 1.63 s che corrisponde al tempo di sola andata. Per tornare al punto di partenza inpieghera' quindi t tot = 3.26 s. a') con attrito La forza di attrito e' f k = µ k N dove N=mg cos(θ) e la forza Normale. Quindi f k = µ k m g cos(θ). Il lavoro, ovvero l'energia dissipata per attrito e' L k = f k d = f k [h' / sin(θ)] = µ k m g h' [cos(θ) / sin(θ)] dove h' rappresenta la nuova altezza raggiunta. Applicando il principio di conservazione dell'energia meccanica e tenendo conto dell'energia dissipata in calore a causa dell'attrito E 1 - L k = E 2, (v ) 2 0 / 2g da cui ricavo h' = = 2.42 m che tradotto in d' = h' / sin(θ), da' il risultato d' = 4.84 m cos( θ) 1 + µ k sin( θ) b') con attrito K = K 2 - K 1 = 0 - (1/2) m (v 0 ) 2 = -160 J U = U 2 - U 1 = m g h' - 0 = J notare che K+ U 0 e che K = U + L k. c') con attrito L'accelerazione in salita e' a' = a - f k / m = -g [sin(θ) + µ k cos(θ)] = m/s 2. Quindi il tempo di andata e' t' = v 0 / a' = 1.21 s Per il viaggio di ritorno l' accelerazione e' diversa, a'' = g [sin(θ) - µ k cos(θ)] = m / s 2.In questo caso applico la legge d =(1/2) a''t 2, quindi t''=(2 d )/ a'' = 1.74 s. Complessivamente il tempo di andata e ritorno e t'+ t''= 2.95 s. 12

13 problema 13 Un blocco di massa m = 15 kg viene trascinato da una fune che forma un angolo θ=45 gradi rispetto al piano orizzontale ed esercita una tensione T = 180 N. Trascurando l'attrito, T a) descrivere il moto del blocco e calcolare la sua accelerazione b) calcolare la forza normale esercitata dal piano sul blocco c) cosa accade se la tensione della fune rimane la stessa, ma l'angolo diventa θ=60 gradi? f µ m θ Rispondere alle stesse domande nel caso in cui sia presente l'attrito con coeff. di attrito dinamico µ=0.20. (senza attrito) Applicando la II legge della dinamica lungo i due assi cartesiani, posso scrivere T cosθ = ma x T sinθ +N = mg asse x asse y da cui ottengo (nota: per θ = 45 gradi, cosθ = sinθ = 0.71) a, b) -senza attrito. a x = T cosθ / m = 180x 0.71 / 15 = 8.49 m/s 2 N = mg- T sinθ =15x x0.71= N c) -senza attrito. In questo caso, se usassi la formula di sopra, otterrei un valore negativo per la forza N, il che e' un assurdo. Questo vuol dire che la componente verticale della tensione diviene maggiore della forza peso e il blocco "decolla" accelerando verso l'alto! Infatti per θ=60 gradi sinθ =.0.87 e T sinθ > mg (180x0.87 = N > 15x9.81= N). Dunque in questo caso non esite forza nomale, esiste accelerazione lungo y e le equazioni del moto diventano T cosθ = ma x asse x T sinθ - mg = ma y asse y da cui a y = T sinθ /m g = 0.63 m/s 2. Ovviamente per a x vale la stessa equazione di sopra, per cui a x = T cosθ / m = 6.00 m/s 2. (con attrito) Applicando la II legge della dinamica nel caso T sinθ mg >0 (ovvero quando θ=45 ), T cosθ - µn = ma x T sinθ +N = mg asse x asse y risolvendo la seconda equazione trovo N = mg- T sinθ (che e' uguale al caso senza attrito) e inroducendola nella prima ricavo a x. a x = (T/m) [ cosθ - µ sinθ ] + µg = 5.88 m/s 2. se invece T sinθ mg <0 (ovvero quando θ=60 ), il blocco si solleva, non esiste ne N ne forza di attrito e tutto e come nel caso c) 13

14 problema 14 Un manometro a tubo aperto e' uno strumento che serve per misurare la pressione P di un gas contenuto all'interno di un serbatoio. Il manometro e' costituito da un tubo ad U contenete un liquido di densita' ρ. Un'estremita' del tubo e' collegata al serbatoio e l'altra e' aperta in atmosfera alla pressione P 0. Supponendo che il liquido sia mercurio (ρ = 13.6 g/cm 3 ) e che sia P 0 = 1 atm, calcolare a) l'altezza h nel caso in cui p=2.5 atm b) la pressione P nel caso in cui h = 0 c) Cosa accade se P=0.5 atm? Quanto vale h in questo caso? d) Supponiamo che inizialmente il gas abbia una pressione p=p 0 e si trovi a temperatura ambiente (t A =25 o C). Cosa accade se riscaldo il gas fino ad una temperatura di 100 o C? Quanto sara' h? (trascurare il volume del gas nel tubo). Risoluzione a) La pressione P all'interno del tubo e' maggiore della pressione atmosferica, quindi il liquido viene spinto verso l'alto fino ad un'altezza h tale da soddisfare la legge di Stevino da cui P = P 0 + ρ g h h = (P - P 0 ) / ρ g sapendo che 1atm = 1.013x10 5 N/m 2, g=9.81 m/s 2, ρ = 13.6x10 3 Kg/m 3, si ricava h = 1.14 m b) nel caso in cui h=0, chiaramente P=P 0. c) in questo caso P<P 0., quindi il livello del liquido nel ramo di destra del tubo sara' inferiore a quello di sinistra. Applicando sempre Stevino troviamo h = (P - P 0 ) / ρ g = m d) quando scaldo il gas, poiche' il suo volume e' costante, la pressione del gas aumentera'. Applicando la I legge di Gay-Lussac, si puo' ricavare la pressione P alla temperatura (assoluta) T data da P / T = P 0 / T A Sapendo che T A = o K, T= o K, si ottiene che P=1.25 P 0 = 1.27x10 5 Pascal. Applicando nuovamente Stevino, h = (P - P 0 ) / ρ g = 0.21 m 14

15 problema 15 1) Un carrello da montagne russe di massa m=500kg viene lanciato dal punto 1 posto ad una altezza h 1 =35m con velocita iniziale v 1 =3m/s. Supponendo che non ci sia attrito, calcolare a) le velocita nei punti 2, 3, 4. b) Le energie cinetiche nei punti 1,2,3,4 c) Le energie potenziali nei punti 1,2,3,4 d) Discutere qualitativamente cosa accade in presenza di attrito. e) Se la forza di attrito media e 1/10 del peso del carrello e la lunghezza della rotatia e d = 250m, con quale velocita il carrello arriva nel punto 4? Poiche' siamo in assenza di attrito, si puo' applicare il principio di conservazione dell'energia meccanica. L'energia meccanica iniziale E 1 e' data da v 1 E 1 =K 1 + U 1 = (1/2) m (v 1 ) 2 + m g h 1 = 1.74x10 5 J dove v 1 =3m/s e h 1 =35m rappresenta l altezza della posizione 1 rispetto a quella della posizione 2 (che prendiamo come riferimento di energia potenziale =0). a) L'energia meccanica nel punto 2, poiche h 2 =0, e data da E 2 =K 2 = (1/2) m (v 2 ) 2. Applicando il principio di conservazione dell'energia meccanica (E 1 =E 2,) si ha (1/2) m (v 1 ) 2 + m g h 1 = (1/2) m (v 2 ) 2 da cui (v 2 ) 2 = (v 1 ) 2 +2 g h 1 v 2 = m/s (1/2) m (v 1 ) 2 + m g h 1 = (1/2) m (v 3 ) 2 + m g h 3 da cui (v 3 ) 2 = (v 1 ) 2 +2 g (h 1 -h 3 ) v 3 = m/s (1/2) m (v 1 ) 2 + m g h 1 = (1/2) m (v 4 ) 2 + m g h 4 da cui (v 4 ) 2 = (v 1 ) 2 +2 g (h 1 -h 4 ) v 3 = m/s b) L'energia cinetica del carrello e data da K = (1/2) m (v) 2. Quindi nei vari punti risulta K 1 = (1/2) m (v 1 ) 2 = 2.25x10 3 J K 2 = (1/2) m (v 2 ) 2 = 1.74x10 5 J K 3 = (1/2) m (v 3 ) 2 = 3.66x10 4 J K 4 = (1/2) m (v 4 ) 2 = 1.00x10 5 J c) L'energia potenziale del carrello e data da U = m g h. Quindi nei vari punti risulta U 1 = m g h 1 = 1.72x10 5 J U 2 = m g h 2 = 0 J U 3 = m g h 3 = 1.37x10 5 J U 4 = m g h 4 = 7.36x10 4 J d) In presenza di attrito l energia meccanica non si conserva, ma in parte viene dissipata in calore. Di conseguenza, nei punti 2,3,4, il carrello avra energie cinetiche (e quindi velocita ) minori rispetto a quelle trovate nei casi a) e b). A seconda della forza di attrito e della distanza percorsa, potra capitare che il carrello non avra energia sufficiente a raggiungere il punto 3. In questo caso, il carrello oscillera nell avvallamento tra i punti 1 e 3, fino a fermarsi nel punto 2. e) Il lavoro compiuto dalla forza di attrito lungo il tragitto di d=250m sara dato da L att = F attr d = (mg/10) d = 1.23x10 5 J. Quindi l energia del carrello nel punto 4, sara E 4 = K 4 + U 4 = E 1.- L att = 1.74x x10 5 = 5.10 x10 4 J. Poiche tale energia e inferiore a quella potenziale U 4, se ne deduce che il carrello propbabilmente non arrivera al punto 4. Per essere certi di cio occorre sapere quanta strada ha percorso fino al punto 3, e controllare che in questo punto la sua energia residua sia maggiore dell energia potenziale del punto 3. 15

16 problema 16 Un pallone riempito di elio viene utilizzato per sollevare un carico di massa m carico =200Kg. Trascurando la massa del pallone vuoto e sapendo che le densita dell elio e ρ He =0.18 kg/m 3 mentre quella dell aria (sulla superficie terrstre) e ρ aria =1.29 kg/m 3, calcolare a) il diametro d del pallone affinche; questo inizi a sollevarsi. b) L accelerazione iniziale con cui sale se V=300m 3. c) L altezza massima al quale il pallore arriva sapendo che la densita dell aria diminuisce secondo la legge ρ(h)=1.29*(h/1000). [si usi il sistema mks]. a) Il volume del pallone e' La spinta di Archimede e' rivolta verso l'alto e e' data dal peso del volume delfluido (aria) spostato, quindi F( ) = F Arch = m aria g = ρ aria V g Dove V e il volume del pallone. La forza di gravita' spinge verso il basso e agisce sia sull'elio all interno del pallone che sul carico. Quindi F( ) = (m He + m c ) g = (ρ He V + m c ) g Uguagliando, si ottiene V = m c / ( ρ A - ρ He ) che numericamente corrisponde a V=180.2 m 3. Quindi, il diametro d del pallone e ricavabile dalla formula V= (4/3) π r 3, da cui d=7.01 m (d=2 r) b) In questo caso la spinta di archimede e maggiore del totale della forza peso e quindi la forza risultante verso l alto sara F( ) = (ρ aria -ρ He )V g- m c g Che numericamente corrisponde a Finire!!! 16

17 problema 17 Una comune tazza di vetro contiene V=200 cm 3 di liquido e ha una massa M=150g. Del te, che inizialmente e alla temperatura T 0 =95 o C, viene versato nella tazza e lasciato raffreddare. b) Supponendo che la temperatura iniziale della tazza sia quella ambiente (T A = o 25C) e che non ci sia dispersione di calore all esterno, quale sara le temperatura finale T f di tazza e te? c) Per raffreddare piu velocemente il te, viene messo nella tazza un cubetto di ghiaccio di massa m=20g a temperatura T 1 =0 o C. Quale sara la temperatura finale in questo caso? Dati: densita del te ρ te = 1 g/cm 3 calore specifico del te c te =4186 J Kg -1 o K -1 calore specifico del vetro c ve =840 J Kg -1 o K -1 calore latente di fusione del ghiaccio c fus =3.33x10 5 J/kg La massa di te versata nella tazza e data da m te = ρ te V = 1 (g/cm 3 ) 200 cm 3 = 200 g = 0.2 kg dove si e supposto che la densita del te sia uguale a quella dell acqua. a) Quando si versa il te, poiche quest ultimo e piu caldo della tazza, si avra un traferimento di calore dal te alla tazza; possiamo quindi scrivere che il te cedera una quantita di calore Q te data da Q te = c te m te (T 0 T f ) mentre la tazza acquistera una quantita di calore Q ve data da Q ve = c ve M (T f T A ) Nell ipotesi che non ci sia dispersione di calore, Q te = Q ve, quindi possiamo scrivere c te m te (T 0 T f ) = c ve M (T f T A ) da cui, risovendo rispetto a T f, otteniamo T f c = te m tet c m te 0 te + cvemt + c M ve A Inserendo i dati (espressi nel sistema MKS), otteniamo Tf = o C. Notare che in questa formula, essendo Tf una media pesata di T 0 e T A, e indifferente usare i gradi Celsius o Kelvin. b) In questo caso il calore ceduto dal te ( Q te ) servira per tre scopi: 1) far fondere il cubetto di ghiaccio di massa m=0.020 Kg. Tale calore Q 1 e dato da Q 1 (fusione da 0 o C a 0 o C) = c fus m = 3.33x10 5 (J/Kg) x (Kg) = 6.66 x10 3 J 2) elevare la temperatura del cubetto da 0 o C al suo valore finale. Questo richiede una quantita di calore Q 2 = c te m (T f 0) = c te m T f 3) elevare la temperatura della tazza di vetro, che richiede (come sopra riportato) Q ve. Quindi, se non c e dispersione, Q te = Q 1 + Q 2 + Q ve, il che implica c te m te (T 0 T f ) = c fus m + c te m T f + c ve M (T f T A ) risovendo rispetto a T f, otteniamo sostituendo, otteniamo T f = o C. T f c = te m c te T0 + cvem TA cfus m m + c M + c m te te ve te 17

18 problema 18 Un blocchetto di massa m = 5 kg viene lasciato cadere (da fermo) da un'altezza h = 4 m lungo un binario che presenta un tratto orizzontale di lunghezza d=2.2m. In fondo a tale tratto il blocchetto rimbaza indietro elasticamente e inverte la sua velocita senza cambiare la sua energia cinetica. Supponendo che non ci sia attrito, calcolare a) con quale velocita' v il blocchetto arriva nei punti A e in B. b) L energia cinetica e potenziale del blocchetto in A e B. c) Il tempo necessario per percorrere la distanza d in andata e ritorno. d) Rispondere alle stesse domande a,b,c nel caso in cui il (solo) tratto orizzontale presenti un attrito dinamico concoefficiente µ=0.2. d) Nel caso di attrito, quante volte il blocchetto percorrera il tratto di lunghezza d prima di fermarsi? h A d Risoluzione a) quando il blocchetto arriva nel punto A avra' acquistato un'energia cinetica pari alla sua energia potenziale iniziale. Quindi, dal principio di conservazione dell'energia meccanica m g h = (1/2) m v 2 da cui ottengo v = 2 g h = 8.86 m/s. Ovviamente, poiche siamo in assenza di attrito, lungo il tratto orizzontale il moto sara di tipo rettilineo uniforme e la sua velocita in B sara uguale a quella in A. b) In A e B il blocchetto avra la stessa energia cinetica e potenziale date da quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi Ep = 0 Ecin =(1/2) m v 2 = J c) Il tempo per percorrere il tratto orizzontale e t=d/v=0.45 s. 18

19 problema 19 La biglia A viene lanciata, al tempo t=0, su un piano orizzontale privo di attrito con velocita incognita v A. La biglia B si trova ad una altezza h=15 m rispetto alla biglia A e viene lanciata orizzontalmente con velocita v B =12 m/s in ritardo di un tempo t=5 s rispetto alla biglia A. Calcolare: a1) il tempo t 1 al quale la biglia B raggiunge il piano horizzontale e la distanza d 1 percorsa. b1) la velocita della biglia A affinche le due biglie si urtino come in figura. h v A v B x Supponiamo ora che le due biglie partano allo stesso tempo d t=0, la biglia B con velocita v B incognita, mentre la biglia A parta da ferma e si muova di moto uniformemente accelerato con a=2 m/s 2. Calcolare a2) il tempo t 2 al quale avviene l urto e la distanza d 2 percorsa dalla biglia A b2) la velocita v B affinche avvenga l urto Risoluzione a1) il tempo impiegato dalla biglia B per raggiunge terra e indipendente dalla sua velocita (orizzontale) v B e ricavabile dalla formula [h=(1/2) g (t B ) 2 ] da cui t B = 2 h / g = 1.75 s Quindi la biglia B raggiunge terra al tempo t 1 =t B + t = = 6.75 s. La distanza percorsa sara conseguentemente d 1 = v B t B = m. b1) la condizione per cui avvenga l urto e che la biglia A si trovi in x=d 1 al tempo t 1. Deve quindi risultare d 1 =v A t 1 da cui v A = d 1 / t 1 =3.11 m/s a2) l urto puo avvenire solo quando la biglia B raggiunge terra e questo e indipendente dalla sua velocita (orizzontale) v B. Quindi l urto avviene al tempo t 2 =t B = 1.75 s. La distanza percorsa dalla biglia A, che si muove di moto uniformente accerlearato, sara data dalla formula d 2 = (1/2) a (t 2 ) 2 = 3.06 m. b2) la condizione per cui avvenga l urto e che la biglia B abbia percorso una distanza orizzontale pari a d 2 nel tempo t 2. Deve quindi risultare d 2 =v B t 2 da cui v B = d 2 / t 2 =1.75 m/s 19

20 problema 20 Un corpo di massa m = 5 kg viene lanciato lungo una pista priva di attrito con velocita iniziale v 0 = 16 m/s. Rispetto alla posizione iniziale P 0, le altezze relative ai punti A,B,C,D,E sono h A = 3m, h B = -4m, h C = 7m, h D = -5m, h E = -2m. v 0 A C Calcolare B a) energia potenziale, energia cinetica e velocita in ciascun D punto. b) la velocita iniziale minima affiche il corpo raggiunga il punto E c) la velocita iniziale minima affinche il corpo superi la prima gobba A d) l intervallo di valori della velocita iniziale che permetta al corpo di superare la gobba A ma non la gobba C. Rispondere alle stesse domande se nel tratto tra i punti A e C la forza di attrito viene considerata costante pari a f=10 Newton. La lunghezza del tratto P 0 -A sia d 1 =10 m, mentre quella del tratto A-C sia d 2 =20 m P 0 E Risoluzione in assenz di attrito Se siamo in assenza di attrito, si puo' applicare il principio di conservazione dell'energia meccanica. Prendendo come quota di riferimento (U=0) quella iniziale del blocco, l''energia meccanica iniziale E 0 e' data solo dall'energia cinetica E 0 =K 0 + U 0 = (1/2) m (v 0 ) 2 = 640 J a) L'energia meccanica nei vari punti e E =K + U = (1/2) m (v) 2 + m g h. Quindi applicando il principio di conservazione dell'energia meccanica (E 0 =E), si ha (1/2) m (v 0 ) 2 = (1/2) m (v) 2 + m g h da cui v 2 = (v 0 ) g h e quindi v = (v ) 2gh. Per cui 0 v A = m/s U A = J K A = E 0 -U A = J... v C = m/s U A = J K A = E 0 -U A = J per trovare le energie cinetiche nei vari punti basta ora applicare la formula K = (1/2) m (v) 2, quindi... per trovare le energie potenzialoi nei vari punti basta ora applicare la formula U = m g h, quindi... b) La velocita iniziale minima per raggiungere il punto E e quella che fa arrivare il blocco nel punto C con velocita nulla, e quindi solo con energia potenziale U C =m g h C. Quindi, imponendo (1/2) m (v 0 ) 2 > m g h C trovo la condizione v 2 0 > 2 g h C, che implica v 0 > m/s. Risoluzione in presenza di attrito Il lavoro svolto dalla forza di attrito e Lattr = 20x10 = 200 J... da finire... 20

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento Grandezze fisiche 1. Un amperometro può essere usato con diverse portate. In una misura con la portata di 0.5 A l'indice risulta deviato di 15 divisioni. Quale delle seguenti portate ci darà la misura

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO 1. Un auto lanciata alla velocità di 108 Km/h inizia a frenare. Supposto che durante la frenata il moto sia uniformemente ritardato con decelerazione

Dettagli

j 13 Considera la tabella seguente, relativa al moto di >f» Qual è la lunghezza della pista? s(km) 24

j 13 Considera la tabella seguente, relativa al moto di >f» Qual è la lunghezza della pista? s(km) 24 La variazione di una grandezza fisica Un aereo parte alle 15:30.e arriva a destinazione alle 17:35 dello stesso giorno.!»«indicando con tl l'orario di partenza e con t-, quello di arrivo, calcola Af in

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO 1) Per riscaldare l acqua di uno scaldabagno da 18 C a 38 C occorrono 45 minuti, utilizzando una sorgente di calore che ha la potenza di 3000 W, ma un rendimento dell 80%

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Statica dei fluidi F S. p =

Statica dei fluidi F S. p = tatica dei fluidi 1. Definizione di fluido Il termine fluido deriva dal latino fluere, ce significa scorrere. Pertanto un fluido è una sostanza ce può scorrere. A differenza dei corpi solidi ce tendono

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica La dipendenza dalle coordinate spaziali della forza elettrica è analoga a quella gravitazionale Il lavoro per andare da un punto all'altro è indipendente dal percorso fatto

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli