ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI Focus sulle attività marginali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI Focus sulle attività marginali"

Transcript

1 N. 3 ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI Focus sulle attività marginali Quaderno del CSV FVG per le Organizzazioni di Volontariato SECONDA EDIZIONE AGGIORNATA a cura di Sandra Bresin consulente per il Fund Raising del CSV-FVG

2 INDICE PREMESSA p. II Parte prima: nozioni di Fund Raising. I principi della raccolta fondi 1.1. La trasparenza nelle donazioni. p Le linee guida dell Agenzia per le O.N.L.U.S.. p. 3. Definire la Buona Causa 2.1. Obiettivi, bisogni e risultati p Parte seconda: Focus sulle attività marginali e aspetti fiscali 3.. Organizzare raccolte fondi 3.1. Riferimenti normativi. p Le attività marginali p La raccolta pubblica occasionale p Attività marginali e rendicontazione... p Attività marginali in pratica p Aspetti fiscali delle donazioni 4.1. Riconoscimento fiscale della donazione p Le donazioni alle ONLUS p Il punto sulla nuova normativa: +DAI VERSI p Liberalità a favore di altri enti beneficiari.. p Altre liberalità... p.25 APPENDICE DOCUMENTI p.26 NORMATIVA p.39 MODULISTICA p.50

3 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI PREMESSA Questa pubblicazione ha l obiettivo di fornire i principi basilari, per le attività di raccolta fondi e vuole essere un utile supporto per le Associazioni di Volontariato che intendono affrontare tali attività con più efficacia. Perché sottolineare l importanza di un attività di raccolta fondi? Le attività di raccolta fondi sul territorio, oltre a garantire una maggiore visibilità alla propria Associazione, contribuiscono ad una maggiore autonomia nella realizzazione dei propri programmi, permettendo di superare limiti temporali e di bilancio legati all approvazione dei progetti. Dobbiamo sfatare la convinzione che questa attività sia secondaria rispetto alle attività istituzionali e che debba essere svolta saltuariamente, è necessaria invece una costante attività di raccolta fondi perché ci offre l opportunità di comunicare la nostra mission, grazie al contatto diretto con i donatori. Per garantire il pieno sostegno alla nostra Associazione ed il perseguimento della mission i Volontari devono essere in grado integrare una pluralità di fonti di finanziamento. Un altra opinione che viene spesso sostenuta, riguarda il fatto che le tecniche di raccolta fondi siano prerogativa unicamente delle grandi Associazioni a livello nazionale, mentre le Associazioni di Volontariato locali sono strutture piccole e con poche risorse inadeguate a queste attività; a questa affermazione possiamo obiettare che giornalmente anche le piccole Associazioni si trovano a dover risolvere problemi legati alle donazioni: come rendicontare? Quali sono le ricevute da emettere? Questi quesiti, dubbi e bisogni interessano moltissime Associazioni di Volontariato del territorio. Ultimamente il settore delle donazioni è stato interessato da grosse novità legislative, come la cosiddetta + DAI VERSI e il 5x1000, che testimoniano un nuovo approccio favorevole alle donazioni, ma richiedono altresì la capacità di saperle attrarre e gestire. Si è pensato quindi di presentare nella prima parte, i principi guida un Associazione da seguire nella richiesta di fondi; la seconda parte è dedicata agli gli aspetti pratici e legislativi legati alle erogazioni liberali ed alle attività marginali, corredati in appendice della normativa di riferimento, e dei modelli fac-simile utili. Il CSV-FVG propone questo Quaderno con l auspicio che le Associazioni di Volontariato sviluppino con successo la cultura della donazione. Dott.ssa Sandra Bresin consulente per il Fund Raising del CSV-FVG Cav. Mariangela Fantin Presidente del CSV-FVG Dario Mosetti Direttore del CSV-FVG II

4 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI 1.. I principi della Raccolta Fondi 1.1. La trasparenza nelle donazioni Per le organizzazioni di volontariato, e più in generale per il mondo non profit, è sempre più importante muoversi con trasparenza e capacità comunicativa per dare adeguata visibilità al proprio agire sociale, garantendo impegno etico nella gestione della propria associazione. Agire con uno stile etico è fondamentale per fidelizzare volontari e donatori oltre che per muoversi con il consenso della rete sociale e territoriale. Negli ultimi anni diverse sono state le iniziative che sono andate incontro a questa esigenza, gli stessi donatori si mostrano sempre più interessati alla trasparenza delle organizzazioni che sostengono. La Carta della donazione, pubblicata nel , rappresenta la prima esperienza italiana che si è posta l obiettivo di certificare la qualità e la trasparenza nella gestione dei fondi raccolti dalle organizzazioni non profit, ed evidenzia l impegno di consolidare un contesto di fiducia e di trasparenza in cui possono moltiplicarsi le opportunità di donazione in campo sociale. Così come nella Carta dei Valori del volontariato 2, presentata nella sua versione definitiva nel 2001, si afferma che le Organizzazioni di Volontariato ritengono essenziale la legalità e la trasparenza in tutta la loro attività e particolarmente nella raccolta e nell uso corretto dei fondi e nella formazione dei bilanci. Purtroppo non sono mancati in questi ultimi anni notizie a livello nazionale sulla cattiva gestione delle donazioni che hanno coinvolto il mondo del non profit e hanno generato non poche perplessità intorno alle donazioni e al buon fine delle stesse. Ecco perché oggi anche le piccole OdV devono essere pronte a rispondere ai dubbi legittimi dei donatori attraverso trasparenza ed efficacia. Se un tempo la donazione veniva sollecitata semplicemente in nome delle buone intenzioni dell associazione, oggi un organizzazione non profit che desidera meritarsi fiducia e attrarre donazioni deve dimostrarsi capace di fare, avere dei buoni progetti ed avere la capacità di realizzarli. Questa doverosa premessa per indurre l attenzione sui diritti del donatore. Chi si occupa di raccolta fondi all interno dell organizzazione dovrà porsi determinati principi che cercheremo di riassumere e che sono stati dettagliati in dei veri propri codici etici che recentemente sono stati stilati in Italia per autoregolare il settore. Due sono gli strumenti ai quali fare riferimento per conoscere i fondamenti del rapporto tra Associazione non profit e donatore. 1 Pubblicata nel 1999 da Forum Nazionale del Terzo settore, Fondaizone Sodalitas e Summit della Solidarietà, la Carta della Donazione è il primo codice italiano di autoregolamentazione per la raccolta e l utilizzo dei fondi nel non profit. 2 La "Carta dei valori del volontariato", è stata proposta per la prima volta dalla Fivol (Fondazione Italiana per il volontariato) e dal Gruppo Abele, grazie al contributo di volontari, organizzazioni, incontri. La redazione della Carta dei valori ha preso le mosse dall' intenzione di fotografare, nei suoi aspetti essenziali, l'esperienza del volontariato nella ricerca della consapevolezza del suo duplice ruolo: la dimensione attiva, attraverso la gratuita presenza nel quotidiano e la dimensione politica che riveste un soggetto sociale che partecipa alla rimozione degli ostacoli che generano svantaggio, esclusione, degrado e perdita di coesione sociale.nella stesura definitiva è stata presentata a Roma il 4 dicembre 2001 in occasione della conclusione dell'anno internazionale del volontario. 1

5 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI Il primo è la Carta della Donazione, rappresenta il punto di arrivo di una collaborazione che, dal 1996, ha visto convergere gli sforzi di professionisti del non profit, studiosi del mondo universitario, enti, associazioni, organizzazioni del terzo settore. E strutturata in due parti: 1. Diritti e responsabilità: in questa parte sono espressi Diritti dei donatori Diritti dei destinatari delle attività sociali Responsabilità delle Organizzazioni non profit 2. Nella seconda parte sono delineate le regole di comportamento, l osservanza delle quali permette il realizzarsi dei diritti espressi. Metodologie di raccolta Sistemi di rendicontazione La Carta della donazione 3 ha voluto inserire il requisito della certificazione al settore non profit, che risponda all esigenza di aggiungere fiducia alla donazione. Le Organizzazioni aderenti alla Carta della donazione si assumono, di fronte ai donatori, ai destinatari delle loro attività sociali, ai collaboratori, e alla comunità, l'impegno di consolidare un contesto di fiducia e di trasparenza in cui possano moltiplicarsi le opportunità di donazione. Ciò significa che le Organizzazioni aderenti, adottando questo codice di autoregolamentazione, si impegnano, in primo luogo, a tenere nella massima considerazione i donatori, tutelandoli nel loro diritto ad una informazione precisa e trasparente che fornisca loro elementi per valutare l'efficacia del sostegno devoluto e l'efficienza nella gestione. Un'altra esperienza che si ispira ai principi del fund raising è il Codice Etico ASSIF 4. Regola il comportamento del fundraiser professionista ed ha ovviamente delle corrispondenze con diritti e doveri delineati nella Carta della Donazione. Colui che aderisce al codice è tenuto a rispettare il fondamentale diritto di informazione del donatore rispetto alla natura e caratteristiche della mission dell organizzazione non profit, (art. 3 del Codice Etico ASSIF), sulle modalità di utilizzo delle risorse donate ed inoltre sulla capacità dell ente di disporre con efficacia di tali risorse per il conseguimento della mission, sui risultati ottenuti grazie alle donazioni ottenute, sugli aspetti fiscali delle donazioni; viene inoltre sottolineata l importanza del riconoscimento delle donazioni, della comunicazione con il donatore nel rispetto della privacy. Si è voluto aggiornare su queste iniziative non solo per presentare i risultati di esperienze maturate nel settore delle donazioni, ma soprattutto per stimolare anche le piccole organizzazioni a farne propri i principi; anch esse pur non avendo le forze per affrontare un percorso di certificazione dovranno abituarsi a confrontarsi con le esigenze di chi intende donare ed a presentarsi meritandosi pienamente la fiducia dei possibili sostenitori. vai a documenti pag Associazione Italiana Fundraiser 2

6 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI 1.2. Le linee guida dell Agenzia per le O.N.L.U.S Il Consiglio dell Agenzia per le Onlus ha approvato in via definitiva, nel maggio 2010, il documento Linee Guida per la raccolta dei fondi, che promuovono e indicano i principi fondamentali a cui ispirarsi quando vengono intraprese attività di raccolta dei fondi; Hanno lo scopo di indicare le modalità per garantire la massima trasparenza nelle iniziative di raccolta dei fondi che l ente intraprende e per comunicare a tutti i soggetti coinvolti, il donatore, il destinatario della donazione, gli organi di controllo e il pubblico in generale le informazioni utili a comprendere le caratteristiche delle raccolte svolte. Il documento è articolato in tre parti 5.: Linee Guida: sono la parte fondante del documento, e individuano i principi cardine da rispettare nella trasparenza, nella rendicontabilità e nell accessibilità. Allegato n.1, che descrive le modalità e gli strumenti di raccolta più diffusi; Allegato n.2, che richiama le norme fiscali riferite alla rendicontazione sulla raccolta pubblica di fondi e le principali agevolazioni delle erogazioni liberali in denaro. Si pone il punto soprattutto sul principio della trasparenza trasversale agli altri enunciati, e per rispondere a questa esigenza viene proposta la redazione di un documento della trasparenza, che deve imperniarsi su dodici informazioni rilevanti, a documentare tutti gli aspetti della raccolta, dalle finalità, alle persone, alle modalità, alle percentuali di costi, ai beneficiari e così via. Per quanto riguarda la rendicontazione consiste nell attività di comunicare l agire dell associazione, attraverso la redazione di documenti atti ad illustrare, a chi ne ha interesse, donatori o pubblico in genere, il proprio operato; per rispondere a questo principio è utile predisporre un rendiconto gestionale e una relazione di missione o un bilancio sociale. L organizzazione deve adottare dei parametri di misurazione della propria effettiva produttività in termini di utilità sociale, e cioè rendicontare con valori quantitativi e qualitativi la propria efficacia ed efficienza. L accessibilità alle informazioni infine, può oggi venire soddisfatta attraverso la divulgazione sul web o altri strumenti di comunicazione facilmente consultabili. Precisiamo che queste Linee Guida non dettano delle norme, ma bensì tracciano una metodologia comune per gestire la raccolta fondi secondo i principi enunciati. vai a documenti pag Scaricabile integralmente dl sito 3

7 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI PRINCIPI DELLE LINEE GUIDA PER LE ONLUS TRASPARENZA DOCUMENTO DI TRASPARENZA RENDICONTABILITA RENDICONTO GESTIONALE/RELAZIONE DI MISSIONE ACCESSIBILITA NUOVE TECNOLOGIE DONATORE DESTINATARIO I SOGGETTI COINVOLTI NELLA RACCOLTA FONDI Deve vedere realizzate le finalità della sua donazione Deve ricevere le risorse che il donatore intende destinargli AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ASSOCIAZIONE RICEVENTE Deve verificare i presupposti per l applicazione dei benefici fiscali Deve perseguire la propria missione e tutelare la propria reputazione PARAMETRI DI UTILITÀ SOCIALE La misura in cui OdV raggiunge i propri obiettivi: la EFFICACIA capacità di realizzare gli interventi programmati, e la capacità di soddisfare i bisogni collettivi. L OdV efficiente è quella che con la minor quantità EFFICIENZA di risorse (input) produce una maggior quantità di servizi (output) E la capacita di un OdV di perdurare nel tempo,garantendo una gestione economica ECONOMICITA equilibrata, senza incorrere in situazioni di insolvenza 4

8 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI 2. Definire la Buona Causa 2.1 Obiettivi, bisogni e risultati Introduciamo questo paragrafo con l affermazione che ci sono molte cose da fare prima che un associazione possa dirsi pronta per un programma di raccolta fondi. L attività di raccolta fondi va inserita all interno di una precisa strategia di valorizzazione comunicativa che prevede un assunzione di responsabilità verso i beneficiari delle proprie attività e nei confronti dei donatori che sostengono tali attività. L Associazione dovrà prima di tutto fare una vera e propria dichiarazione di intenti, una sorta di programma che il donatore è pronto a condividere e sostenere; nel fund raising questo percorso viene definito Documento di Buona Causa. Dobbiamo sempre ricordare che si ottiene una donazione non perché l associazione esiste, ma perché fa delle cose, lavora, risolve dei problemi. Ecco perché il potenziale donatore dovrà poter essere in grado di conoscere e condividere i problemi concreti che grazie alla sua donazione saremo in grado di risolvere. La decisione di intraprendere la strada della raccolta fondi implica la disponibilità ad affrontare profonde analisi interne, e richiede l apertura al cambiamento, a livello della riorganizzazione interna, e delle strategie di comunicazione e di coinvolgimento del pubblico. Le metodologie del fund raising possono risultare molto deboli se non vi è il reale coinvolgimento all interno dell organizzazione riguardo alla raccolta fondi, e se non viene riconosciuta l importanza delle attività da svolgere costantemente. Un altro scoglio da superare è raggiungere la convinzione che una campagna di raccolta fondi rappresenti un investimento per l associazione, e conseguentemente decidere di destinare alla sua gestione risorse sia umane che finanziarie. L attività di fund raising coinvolge in maniera profonda la mission dell associazione, il fondamentale punto di partenza che giustifica l esistenza della nostra Associazione. La mission da un senso a tutto ciò che facciamo, ai nostri progetti che si tradurranno in attività e risultati. Prima di tutto sarà necessario sviluppare una visione reale e condivisa della mission all interno della propria associazione. Proponiamo un percorso schematico che può stimolare le riflessioni e suggerire i passaggi da affrontare per dare concretezza alla propria buona causa, e costruire in questo modo, all interno dell associazione, un documento condiviso sulla nostra identità e sui programmi da svolgere. Questo documento vi aiuterà a formulare nuovi progetti ed a verificare se siano rispondenti alla propria mission, ad esprimere inoltre ragioni e motivazioni per implementare una campagna di raccolta fondi, e per valutare infine se siano stati raggiunti o meno i risultati dichiarati negli obiettivi. Si suggerisce di redigere un documento interno ma che potrà servire soprattutto a predisporre la comunicazione esterna per sollecitare i potenziali donatori. Il percorso proposto, nello schema seguente è formulato attraverso domande e risposte correlate e conseguenti, è stato costruito come esempio pensando ad una associazione impegnata in una grave e diffusa patologia cronica. 5

9 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI MISSION Qual è il problema che voglio risolvere? I familiari di un malato cronico sopportano un peso spesso insostenibile Esisto perché aiuto i familiari nella cura del malato OBIETTIVO STRATEGICO Cosa intendo fare per risolverlo? Alleviare la cura dei malati cronici Ho risposto con efficacia al problema OBIETTIVI OPERATIVI In che modo intendo farlo? Gestire un centro di respiro e cura Ho gestito con efficienza i fondi PROGRAMMI E SERVIZI Quali sono i servizi offerti? Incontri di formazione Attività ricreative.. Realizzo i servizi FABBISOGNO Di cosa ho bisogno per realizzare i programmi? Volontari Risorse economiche Strutture Dispongo delle risorse necessarie CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI 6

10 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI Come abbiamo visto alla base della riuscita di una strategia di raccolta fondi sta infatti la capacità dell organizzazione di far percepire l importanza e la bontà della propria buona causa, di destare interesse, attenzione e quindi generare partecipazione e sostegno nei confronti dei progetti proposti. Ripercorriamo brevemente i passaggi proposti nello schema: Mission: individua il problema che l associazione si prefigge di risolvere; bisognerà esprimerlo in modo che chiunque possa comprenderlo e condividerlo affinché possa affermare: sì questo problema esiste; Obiettivo strategico: dobbiamo esporre cosa intende fare la nostra associazione per far fronte al problema e migliorare la situazione attuale; Obiettivi operativi: devono rispondere all obiettivo strategico esposto, il modo concreto attraverso la descrizione di azioni che verranno messe in campo dall associazione per fronteggiare il problema; Programmi e servizi: sono la descrizione delle attività che intendo svolgere; quest ultima parte andrà aggiornata annualmente secondo le diverse esigenze interne, sono programmi e servizi quantificabili sia dal punto di vista dei costi che per la verifica dei risultati. Ci serviranno soprattutto a capire quali sono i nostri bisogni sia in termini di volontari, sia per quanto riguarda i fondi necessari. Questo programma è il primo passo da compiere prima di organizzare una raccolta fondi. Dovremo anche abituarci all interno dell associazione a raccogliere sistematicamente altre informazioni che ci riguardano, come ad esempio articoli che parlano di noi, testimonianze dei nostri beneficiari (per le quali è indispensabile il consenso), informazioni sulle nostre strutture, sull organo di governo e sui volontari. Importante è anche dare prova chiara di una gestione efficace delle risorse, fornire bilanci consuntivi che mostrino in modo chiaro spese e risorse finanziarie, pensando non esclusivamente alle sole esigenze contabili; a questo proposito molte associazioni stanno adottando anche con il supporto del CSV-FVG lo strumento del Bilancio Sociale. Gli strumenti da mettere in campo per organizzare la raccolta fondi sono molteplici e spetta all OdV la scelta di optare e programmare quello più consono alle proprie forze. Una cosa importante da tenere presente è che un OdV dovrebbe pensare alla raccolta fondi cercando di rivolgersi verso più mercati per diversificare le fonti di entrata, ed essere preparata ad affrontare eventuali restrizioni di una fonte abituale. Organizzare una raccolta fondi significa programmare un insieme di attività e destinare al loro svolgimento le risorse necessarie. Prima di passare agli strumenti concreti di raccolta fondi era necessario affrontare queste nozioni preliminari affinché ogni associazione si abitui a ricondurre la raccolta fondi alle propria realtà: mission, obiettivi, attività. Gli strumenti possono essere diversi ma vanno predisposti tenendo conto delle proprie esigenze e risorse. 7

11 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI PROGRAMMAZIONE PREPARAZIONE MATERIALI E STRUMENTI ATTIVITA DI SEMSIBILIZZAZIONE E COINVOLGIMENTO GESTIONE DONAZIONI E RINGRAZIAMENTI Ogni campagna fondi deve essere strutturata in relazione all obiettivo che deve conseguire. Ci possono essere nella vita di una associazione, oltre alla gestione consueta delle attività istituzionali, dei progetti particolarmente importanti e innovativi che richiedono delle risorse straordinarie, e per i quale si decide di organizzare una raccolta fondi legata alla nuova esigenza. L individuazione di queste diverse esigenze tecnicamente viene distinta in: FONDI PER LE ATTIVITA ISTITUZIONALI RISORSE PER FINALITA PARTICOLARI CAPITALI STRAORDINARI CAPITALI FINANZIARI RACCOLTA ANNUALE DONAZIONI MIRATE RACCOLTA DI CAPITALI DONAZIONI PIANIFICATE Mira a raccogliere donazioni su base annuale e ripetute per sostenere le attività ordinarie dell associazione Si sollecitano donazioni vincolate ad un determinato progetto, possono essere in denaro o in natura, ed il donatore spesso può scegliere la finalità E un programma legato spesso all apertura di nuove strutture Donazioni elargite attraverso disposizioni testamentarie 8

12 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI Parte seconda: Focus sulle attività marginali e aspetti fiscali 3.Organizzare raccolte fondi 3.1. Riferimenti normativi Le attività marginali rappresentano un importante strumento di raccolta fondi ed una fondamentale fonte di entrata per il sostegno delle attività istituzionali. Si tratta di attività definite nella norma commerciali e produttive marginali che godono del beneficio fiscale in quanto vengono per così dire decommercializzate in quanto non concorrono in ogni caso alla formazione del reddito degli enti non commerciali, 6 sempreché vengano svolte rispettando i criteri normativi. In particolare ricordiamo che le Organizzazioni di Volontariato, iscritte nei registri allo scopo istituiti dalle Regioni e dalle Province Autonome, sono considerate ONLUS di diritto solo ove non svolgano attività commerciali diverse da quelle marginali. Le attività commerciali e produttive marginali sono state individuate in un apposito decreto: DM 25 maggio 1995 nel quale vengono definite la tipologia, i limiti e le caratteristiche che devono avere per rientrare nella definizione di marginali. vai a normativa pag Le attività marginali Le attività marginali possono quindi essere svolte da un'organizzazione di Volontariato in parallelo all'attività istituzionale, avendo la finalità di reperire fondi da destinare totalmente all'esercizio dell'attività istituzionale. Affinché sussista il criterio di marginalità L attività deve essere svolta per la realizzazione del fine istituzionale dell OdV. Non deve configurarsi come autonoma attività commerciale scollegata dai fini istituzionali. Tale attività deve essere svolta senza l impiego di mezzi organizzati professionalmente per fini di concorrenzialità sul mercato, quindi non esercitata in locale attrezzato nella fattispecie di esercizio commerciale, con pubblicità del prodotto, ed uso di insegne, Le attività commerciali e produttive marginali identificate nel decreto sono 1. Attività di vendita occasionali o vendite svolte nel corso di celebrazioni o ricorrenze o in concomitanza di campagne di sensibilizzazione pubblica verso i fini istituzionali dell organizzazione di volontariato; pensiamo alle giornate dedicate ad una determinata causa. 6 Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 "Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale." (Pubblicato in G. U. 2 gennaio 1998, n. 1, S.O.) (Si consiglia la lettura della Circolare del Ministero delle Finanze, 26 giugno 1998, n. 168/E) 9

13 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI 2. Attività di vendita di beni acquistati da terzi a titolo gratuito a fini di sovvenzione purché la vendita sia eseguita direttamente dall organizzazione. 3. Cessione di beni prodotti da assistiti e beneficiari se curata direttamente dall OdV. 4. Attività di somministrazione di alimenti e bevande in occasione di raduni, manifestazioni, celebrazioni e simili di carattere occasionale. 5. Prestazione di servizi rese in conformità alle finalità istituzionali La raccolta pubblica occasionale Tra le attività marginali che le Organizzazioni di Volontariato possono svolgere, molta rilevanza per il sostegno delle associazioni possono assumere le raccolte pubbliche occasionali. Sono sottoposti regime agevolato i fondi raccolti attraverso raccolte pubbliche effettuate occasionalmente, in occasione di una celebrazione o durante una campagna di sensibilizzazione. 8 le giornate dedicate alle raccolte nelle piazze i banchetti di fiori o altri prodotti, decennale dell associazione, date giornate commemorative collegate all ente. La raccolta occasionale non viene considerata commerciale anche se esiste effettivamente un rapporto di scambio: sovvenzione contro cessione. Anche la legge 266/91 prevede all Art. 8 comma 3, la detassazione delle attività commerciali e produttive e marginali impiegate unicamente per fini istituzionali. Devono sussistere le seguenti condizioni. Raccolta pubblica. aperta a tutti non limitata a soci o partecipanti di un evento. In concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione Occasionalità: non deve rappresentare l occupazione abituale o ordinaria dell ente e nemmeno l unica attività posta in essere. 9 Modico valore dei beni vi deve essere una relativa sproporzione tra il costo del bene ceduto e la donazione ricevuta 10, Per evitare contestazioni deve sussistere il più possibile la sproporzione tra offerta ricevuta e servizio prestato. Tra i servizi erogabili possono rientrare anche attività di spettacolo, organizzate comunque rispettando il criterio di occasionalità e di sproporzione nel valore del servizio offerto rispetto al contributo richiesto. 7 Per i quali venga corrisposto un corrispettivo che non ecceda il 50% dei costi di diretta imputazione. A l criterio di marginalità non sono riconducibili i proventi derivanti da convenzioni. 8 comma 3 all art 143 T.U.I.R. ai sensi del quale non concorrono a formare il reddito degli enti non commerciali i fondi pervenuti a seguito di raccolte pubbliche, effettuate occasionalmente anche mediante offerte di modico valore o di servizi ai sovventori, in concomitanza di celebrazioni ricorrenze o campagne di sensibilizzazione. 9 In riferimento alla sussistenza di abitualità vanno considerati il tempo dedicato a tale attività, la natura ed il volume dei mezzi impiegati, il risultato economico. Per quanto riguarda le Associazioni Sportive dilettantistiche sono escluse dalla base imponibile i proventi derivanti da raccolte fondi che no eccedano ,69 e che non sono state conseguite oltre l ambito di due manifestazioni per periodo d imposta. Art.25, comma1, L. 133/ è ragionevole considerare quale limite relativo al valore del bene ceduto 25, 82 ( lire) come previsto per le spese di rappresentanza. 10

14 QUADERNO DEL CSV-FVG ORGANIZZARE LA RACCOLTA FONDI RACCOLTA PUBBLICA OCCASIONALE Art. 2, comma a., D.Lgs. 460/97: fondi pervenuti occasionalmente anche mediante offerte di beni di modico valore o di servizi ai sovventori in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensiblizzazione. AGEVOLAZIONE Non sono assoggettate ad I.V.A. e a qualsiasi altro tributo sia erariale che locale. ADEMPIMENTI Entro 4 mesi dalla chiusura d esercizio va redatto un apposito rendiconto separato, accompagnato ove necessario da una relazione illustrativa sulla singola attività di raccolta fondi. (Art. 20, 2 comma, DPR 600/73) 3.4.Attività marginali e rendicontazione Sussiste l obbligo di predisporre un apposito rendiconto delle attività marginali effettuate, in modo da conferire trasparenza a tutte le attività svolte, che riporti in modo chiaro e cronologico entrate e spese relative a ciascuna attività marginale e/o raccolta pubblica occasionale. Queste scritture non necessitano di particolari formalità di vidimazioni o di bollatura, ma vanno conservate, unitamente alla relativa documentazione 11 non vanno bollati, ed anche se non sia espressamente prevista l approvazione di tali rendiconti da parte dell assemblea dei soci, è opportuno citare tali rendiconti nel verbale d assemblea come approvati dai soci. Tale adempimento per le raccolte pubbliche effettuate sussiste indipendentemente da altri vincoli contabili dell ente. vai a modulistica pag Attività marginali in pratica Molte e diversissime possono essere le attività marginali da mettere in campo, ma idealmente dovrebbero rafforzare il messaggio della nostra mission, essere cioè legate agli scopi istituzionali, così per esempio un associazione per l infanzia, Unicef, veicola la propria campagna attraverso le famose bambole Pigotte. Le attività di raccolta fondi possono riguardare come in questo caso degli oggetti confezionati dai propri volontari, o possono altresì offrire prodotti alimentari o piante, gli esempi possono essere infiniti. La vendita degli oggetti si può curare presso la propria sede o può essere organizzato un evento ad hoc, con i banchetti in piazza o presso centri commerciali; l importante è avere un supporto consistente dalla nostra rete di volontari, perché sono operazioni che richiedono un impegno notevole, ma che possono dare anche notevoli soddisfazioni in termini di fondi raccolti, e di relazioni con nuovi sostenitori per la nostra causa. 11 ai sensi dell'art.22 del D.P.R. n.600 del

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori 1 INDICE Prefazione Parte prima ENTI NO PROFIT secondo

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CSV Daunia CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO

CSV Daunia CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO CSV Daunia CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO Guida pratica alle domande ricorrenti nel mondo del volontariato Indice: Introduzione pag. 6 Nota del Curatore 7 Come si fa a costituire un associazione? 8 Come

Dettagli

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT - GUIDA PRATICA - a cura di: Gruppo di studio costituito tra Agenzia delle Entrate Direzioni Regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia Direzioni Provinciali

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO BREVE GUIDA TECNICO GIURIDICO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO La guida è curata da: Alfredo Amodeo Mariella Gioiello, Manuela Lia - 2 - INDICE PREMESSA pag. 4 PARTE PRIMA: INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli