Scarica gratuitamente il Software di simulazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scarica gratuitamente il Software di simulazione"

Transcript

1

2

3 Scarica gratuitamente il Software di simulazione Modalità di installazione Vai all indirizzo e clicca sul pulsante Scarica Software Se sei già registrato, inserisci la tua e la tua password Se non sei ancora registrato, clicca su Registrati e completa il form di registrazione Scegli il volume che hai acquistato e scarica l ultima versione del software di simulazione

4 EdiTEST Logica numerica II Edizione Copyright 2010, 2007 EdiSES s.r.l. Napoli Le cifre sulla destra indicano il numero e l anno dell ultima ristampa effettuata STOP A norma di legge, le pagine di questo volume non possono essere fotocopiate o ciclostilate o comunque riprodotte con alcun mezzo meccanico. La casa editrice sarebbe particolarmente spiacente di dover promuovere, a sua tutela, azioni legali verso coloro che arbitrariamente non si adeguano a tale norma. L Editore Testi a cura di: Emiliano Barbuto Redazione: EdiSES s.r.l. Napoli Progetto grafico e composizione: ProMediaStudio di A. Leano Napoli Fotoincisione: PrintSprint Napoli Stampato presso la: Litografia di Enzo Celebrano Pozzuoli (NA) Per conto della EdiSES Via Nuova San Rocco, 62/A Napoli ISBN

5 Logica numerica per la preparazione di: Ammissioni universitarie Concorsi pubblici Selezioni aziendali

6 Sommario Prefazione... p. V Capitolo 1: Abilità di calcolo...» 1 Esercizi...» 1 Come sviluppare un calcolo rapido e preciso...» 5 Capitolo 2: La Media...» 13 Definizione...» 13 Proprietà della Media...» 14 Esercizi...» 15 Capitolo 3: Frazioni e Percentuali...» 17 Frazioni...» 17 Confronti tra frazioni...» 20 Percentuali...» 23 Percentuali e Tasso di Interesse...» 27 Esercizi...» 29 Capitolo 4: Proporzioni...» 35 Proprietà delle proporzioni...» 35 Problema del tre semplice inverso e diretto...» 38 Il tre composto...» 42 Esercizi...» 44 Capitolo 5: Equazioni e Sistemi di equazioni...» 48 Equazioni di primo grado...» 48 Sistemi di equazioni...» 56 Le trasformazioni simboliche...» 63 Esercizi...» 65 Capitolo 6: Il Calcolo Combinatorio...» 72 Principio di Moltiplicazione...» 72 Disposizioni con ripetizione...» 74 Disposizioni e Permutazioni...» 75

7 Sommario Combinazioni e coppie di oggetti... p. 77 Esercizi...» 79 Capitolo 7: Probabilità...» 85 Definizione e Proprietà...» 85 Prodotto di Probabilità ed eventi Indipendenti...» 89 Probabilità con il calcolo combinatorio...» 92 Esercizi...» 94 Capitolo 8: Progressioni Geometriche...» 104 Definizione ed esempi...» 104 Esercizi...» 107 Capitolo 9: Insiemi...» 109 Operazioni tra insiemi...» 109 Esercizi...» 113 Capitolo 10: Interpretazione dei Dati...» 115 Esercizi...» 123 Capitolo 11: Sequenze Logiche...» 133 Le Sequenze Numeriche...» 133 Le Sequenze Letterali e Miste...» 137 Le sequenze in configurazioni grafico geometriche...» 140 Esercizi...» 151 Capitolo 12: Puzzle...» 168 Soluzioni...» 181 Approfondimenti: Minimo comune multiplo e Massimo comun divisore...» 229 Spazio, tempo e velocità...» 243 V

8 Prefazione La logica è l anatomia del pensiero. (John Locke) Test di ragionamento logico e logica numerica sono ormai gli strumenti più comunemente utilizzati a qualsiasi livello di selezione: dai concorsi pubblici alle assunzioni aziendali, dall ammissione universitaria all ingresso a master e scuole di specializzazione. L utilizzo di simili strumenti risponde a diverse esigenze, prima fra tutte la necessità di standardizzare le prove rendendole oggettive, non soggette cioè alla valutazione personale dell esaminatore. In linea generale, bisogna anche rilevare che nel tempo i modelli di valutazione sono stati perfezionati; grazie alla sperimentazione su vasti campioni i test sono stati via via affinati e mirati alla valutazione di caratteristiche sempre più specifiche: dai più noti test del Quoziente di intelligenza QI, si è passati alla rilevazione di altri tipi di intelligenza, come quella creativa, quella visuo-percettiva, quella emotiva. Fattori come ambizione, tolleranza, creatività, pragmatismo, carisma possono dunque fare la differenza nonostante un QI giudicato modesto. Non esiste un intelligenza assoluta, in grado cioè di rendere i soggetti capaci di svolgere qualsiasi compito, ma esistono diversi tipi di intelligenza in grado di rendere un individuo più portato per una determinata funzione piuttosto che un altra. Un alto QI, se non accompagnato da un ottima capacità relazionale (capacità di lavorare in gruppo, esercitare carisma, motivare gli altri), non è di per sé sufficiente, per esempio, ad avere successo come dirigente o amministratore in una grande compagnia. In tale contesto si inseriscono i test attitudinali, volti proprio a valutare l esistenza delle capacità (o attitudini) necessarie per avere successo in determinati campi: così per esempio nelle ammissioni universitarie si tende a privilegiare i test di logica numerica e verbale, indici rispettivamente di capacità di ragionamento e di comprensione di concetti nuovi, caratteristiche entrambe essenziali per avere successo negli studi; analogamente, nelle selezioni del personale, a seconda della posizione da occupare, verranno misurate attitudini specifiche, per esempio l empatia sarà richiesta per le posizioni legate alla gestione del personale, la leadership per le posizioni dirigenziali etc. VI

9 Prefazione Questo volume tratta una delle tipologie di test, quelli di logica numerica, mirati a valutare capacità di ragionamento, abilità di calcolo mentale ed intuito logico-matematico. Si tratta della tipologia più diffusa tra i test ma anche la più complessa in quanto richiede l abilità di attivare processi di interpretazione dei simboli (i numeri sono appunto un sistema di simboli), risultato di una pratica sedimentata negli anni che non può essere acquisita in breve tempo ma che può essere migliorata grazie all esercizio. Eppure, sarebbe sbagliato pensare alla logica come uno strumento finalizzato al superamento di un esame. Le abilità di calcolo e la logica numerica sono capacità utilizzate quotidianamente, per esempio nel conteggiare le entrate e le uscite mensili, nel calcolare la percentuale di sconto nei periodi di saldi; anche quando si gioca al lotto è utile avere un idea di quali siano le probabilità che un certo numero venga estratto. Insomma, la logica insegna a ragionare in modo più efficace, ad organizzare il sapere per renderlo immediatamente disponibile quando serve. Questo volume rappresenta dunque un valido strumento non solo per chi deve prepararsi ad affrontare un esame ma anche per quanti desiderano migliorare le proprie capacità intuitive e mantenere la propria mente sempre giovane e in forma. Per molto tempo infatti si è creduto che, una volta conclusa l età dello sviluppo, il cervello divenisse una struttura rigida e immodificabile, e che anzi con il passare del tempo, la degenerazione delle cellule cerebrali portasse ad una costante riduzione delle capacità mentali. Oggi, invece, sappiamo che gli stimoli e l allenamento costante consentono di continuare a modellare il cervello che, negli anni, preserva la sua capacità di modificarsi. L esercizio e la pratica possono dunque migliorare le nostre abilità di calcolo anche se abbiamo da tempo concluso gli studi o se abbiamo sempre avuto un rapporto conflittuale con la matematica. Organizzazione del testo Prerequisiti indispensabili per la risoluzione dei quiz di logica numerica sono l abilità e la rapidità di calcolo mentale, l intuito e l attitudine logica. La prima caratteristica può svilupparsi solo attraverso una pratica costante ed un continuo esercizio; le altre, per quanto in gran parte innate, possono essere affinate VII

10 Prefazione e migliorate con l esperienza. Lo scopo di questo libro è dunque quello di aiutare ad acquistare dimestichezza con i ragionamenti che richiedono calcoli. Per raggiungere questo obiettivo oltre ad una vastissima parte esercitativa composta da circa 400 quiz, vengono sintetizzate le nozioni teoriche necessarie per giungere alla soluzione dei problemi. L obiettivo è dunque quello di favorire il ragionamento e di indurre l apprendimento di una metodologia applicabile alla soluzione di infiniti altri quesiti. Il primo capitolo costituisce un momento di autovalutazione e di preparazione al lavoro. Il volume si apre infatti con un primo blocco di 60 quesiti, una sorta di pretest per valutare le condizioni di partenza, in termini di dimestichezza con le quattro operazioni fondamentali (base dei quiz di logica numerica), e di rapidità di calcolo. Al termine dell esercitazione vengono proposte delle tecniche di calcolo rapido per aiutarvi a sviluppare la capacità di svolgere le operazioni mentalmente e rapidamente. Ciascun capitolo presenta la medesima struttura: Una breve introduzione teorica Una serie di esempi svolti Una esercitazione finale Un capitolo conclusivo contiene i cosiddetti puzzle, cioè esercizi la cui soluzione richiede l applicazione di conoscenze trasversalmente presentate nel corso dei capitoli. Tutti i quesiti proposti sono risolti e commentati nella parte finale del testo. VIII

11 Capitolo 1 Capitolo 1 ABILITÀ DI CALCOLO Abilità di calcolo e intuito logico-matematico sono i due elementi essenziali per la risoluzione di quesiti di logica numerica. Mentre la prima caratteristica riesce ad essere metabolizzata attraverso una pratica costante ed un esercizio assiduo, il secondo requisito è spesso una caratteristica innata, che però può essere affinata e migliorata con l esperienza. L abilità di calcolo aiuta nella risoluzione in quanto minimizza i tempi di risposta e fornisce sicurezza al candidato, sopperendo talvolta ad una carenza di intuito e di esperienza. È dunque necessario possedere una buona dimestichezza con le operazioni fondamentali di calcolo, per affrontare le varie tipologie di quesiti di logica numerica. A tale scopo, in questo primo capitolo, ci occuperemo delle quattro operazioni fondamentali (addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione), la cui conoscenza è un prerequisito essenziale per lo svolgimento di qualsiasi test di logica numerica. Prima di entrare nel vivo dell argomento è necessario sottolineare che la precisione del calcolo non basta a garantire una buona prestazione, se non è accompagnata dalla necessaria rapidità e da una buona elasticità mentale. L interconnessione tra precisione e rapidità di calcolo è dettata dalle modalità del calcolo stesso. Un calcolo mentale è molto più rapido di un calcolo scritto. Nel calcolo mentale, però, bisogna fare uso contemporaneamente sia delle abilità di calcolo che della memoria a breve termine, utile per memorizzare risultati parziali, in vista di ottenere il risultato finale. Per misurare la propria abilità di calcolo proponiamo di seguito una serie di quesiti, in cui è necessario svolgere operazioni rapidamente. Essi necessitano di una rapida analisi, per individuare le operazioni da utilizzare, e del successivo utilizzo di un calcolo preciso e rapido. Suggeriamo di controllare non solo l esattezza delle risposte ai test proposti, ma anche il tempo impiegato per fornire la risposta corretta. Esercizi Riportiamo una serie di 60 quesiti che mettono alla prova le abilità di calcolo, invitandovi a risolverli in un tempo massimo di 30 minuti. 1

12 Capitolo 1 1) Giovanni acquista 3 pizze al costo di e 7,00 l una, pagando con e 25,00. A quanto ammonterà il resto? 2) Quante mele posso comprare con e 15,00, se il costo di ogni mela è di e 0,20? 3) Un teatro ha 12 file con 12 posti, 4 file con 10 posti e 4 file con 8 posti. Quanti sono i posti in totale? 4) Ripongo una bibita in frigorifero. Se la temperatura iniziale della bibita è 25 gradi ed ogni minuto la sua temperatura diminuisce di mezzo grado, dopo quanti minuti la temperatura della bibita raggiungerà i 4 gradi? 5) Se un bottone pesa 0,15 grammi, quanto peserà un sacchetto di 600 bottoni? 6) Acquisto 20 penne al costo di e 0,20 ciascuna, quanto guadagnerò rivendendole tutte a e 0,50? 7) Se acquisto 12 maglioni a e 30,00 e la metà li rivendo ad e 65,00 quanto avrò guadagnato? 8) Quanto spendo se acquisto 2 kg di arance a e 0,80 al kg e 1,5 kg di pere a e 0,60? 9) Quanti litri di acqua vi sono in una balla di sei bottiglie da 1,5 litri? 10) Una vasca ha una capienza di 120 litri, se il suo rubinetto eroga 15 litri d acqua in un ora, in quante ore riuscirò a riempire la vasca? 11) Acquisto 12 penne al costo di e 0,70 ciascuna, 8 quaderni a e 1,25 ciascuno e 5 matite al costo di e 0,50 ciascuna. Quanto spenderò in totale? 12) Su di un autobus vi sono 32 passeggeri, alla prima fermata salgono 13 persone e ne scendono 8, alla successiva ne salgono 4 e ne scendono 15 e alla terza fermata salgono 7 persone e ne scendono 10. Quanti passeggeri vi sono ancora sull autobus? 13) 50 persone devono affrontare una spesa di e 200. Volendo contribuire tutti in parti uguali quanto dovranno versare a testa? 14) Marco riceve da Luigi e 148. Se ora Marco ha in totale e 200, quanto aveva prima di ricevere i soldi da Luigi? 15) Giovanna riceve da due amiche rispettivamente 45 e 54 cioccolatini che vuole dividere tra i suoi 3 figli. Quanti cioccolatini distribuirà ad ognuno di essi? 16) Ogni kg di pane costa e 2,30. Quanto costerà a Gina l acquisto di 2,5 kg di pane? 17) Con e 25 mi rifornisco di 20 litri di carburante. Quanto costa un litro di carburante? Se la mia auto percorre 12 km con un litro di carburante, quanti km riuscirò a percorrere con il rifornimento fatto? 2

13 Abilità di calcolo 18) Se ogni giorno sottraggo dal mio salvadanaio e 35, in quanti giorni esaurirò i miei risparmi se nel salvadanaio ci sono inizialmente e 210? 19) Mario ha 3 sacchetti in ognuno dei quali ci sono 16 biglie, in ciascuno dei 5 sacchetti di Luca ve ne sono 32, mentre nei 2 sacchetti di Lorenzo ve ne sono 32 in totale. Quante biglie possiedono i tre amici? 20) Lucia possiede e 42, riesce a raddoppiare la propria somma grazie ad una vincita. Se a tale cifra deve sottrarre e 12 di tasse, quanto le resta? 21) Se un tavolo è lungo 3,2 metri ed un libro 0,2 metri. Quanti libri riuscirò a disporre, in fila uno dietro l altro, lungo il bordo del tavolo? 22) Quante mattonelle quadrate di lato 0,4 metri mi serviranno per coprire il pavimento di una stanza quadrata di lato 4,8 metri? 23) 32 operai ordinano dal panettiere 5 panini a testa. Per sbaglio il panettiere porta loro 171 panini, quanti panini in più avranno ricevuto? 24) Voglio creare da 27 metri di stoffa 150 fazzoletti di uguale grandezza. Quanto dovrà essere lungo ogni fazzoletto? 25) In un condominio vivono 6 famiglie composte da 3 persone, 4 famiglie composte da 4 persone e 2 famiglie composte da 5 persone. Quanti abitanti in totale avrà il condominio? 26) Quattro amici ordinano 5 pizze da e 3,50 e 3 birre da e 1,10. Volendo dividere la spesa equamente, quanto dovrà versare ciascuno di loro? 27) Ogni giorno riesco a mettere da parte e 3,20. Dopo quanti giorni avrò messo da parte e 48,00? 28) Se una cassetta piena di pere pesa 12 kg e la stessa cassetta vuota pesa 0,78 kg, quanto peseranno le pere? 29) Acquistando 20 libri a e 15 e successivamente altri 20 libri a e 20 e rivendendoli tutti ad e 30, quanto avrò guadagnato? 30) Se il piano di un palazzo è alto 2,90 metri, quanto sarà alto un palazzo di 12 piani? 31) In un pollaio vi sono 35 galline. Se ogni gallina produce un uovo al giorno, quante uova si produrranno nel mese di novembre? 32) Se ogni giorno mangio 3 cioccolatini da una scatola di 50, quanti cioccolatini mi saranno rimasti dopo 12 giorni? 33) Se, per comprare un televisore del costo di e 1150, ho dato un anticipo di e 350 e voglio pagare il resto in rate mensili da e 50, quanti mesi impiegherò per estinguere il mio debito? 34) La cometa di Halley passa vicino alla Terra ogni 76 anni. Se l ultimo passaggio è avvenuto nel 1986, quando avverrà il prossimo? Un bambino nato nel 2049 quanti anni dovrà aspettare prima di vedere la cometa? 3

14 Capitolo 1 35) Un palombaro deve scendere ad una profondità di 52,4 metri. Disponendo di tubo lungo 76,8 metri, quanta parte del tubo resterà fuori dall acqua? 36) Se in 1,5 minuti riesco a piegare un foglio di carta per creare una barchetta, quanti minuti mi ci vorranno per creare 156 barchette? 37) Un quaderno ha 120 pagine. Quante pagine ci saranno, in totale, in un blocco di 16 quaderni? 38) In una cassettiera composta da 7 cassetti, posso riporre al massimo 12 maglioni per cassetto. Quanti maglioni resteranno fuori dalla cassettiera, se ne possiedo 95? 39) Di quante confezioni da 12 uova avrò bisogno se devo impacchettare 1500 uova? 40) Ogni giorno Guido aggiunge 6 figurine alla sua collezione. Quante figurine gli mancheranno tra 13 giorni se l album completo ne richiede 112? 41) Quanto ho speso per vestirmi se la mia camicia costa e 35, la mia giacca e 52, il pantalone e 45, le scarpe e 70, la cravatta e 12, la cintura e 10 ed il paio di calzini e 7,50 ed il negoziante mi ha praticato uno sconto di e 11,50 sul totale? 42) Se le mele costano e 0,40 al kg ed il fruttivendolo dice che gli devo e 3, quanti kg di mele mi avrà messo da parte? 43) Collegando due piani distanti 3 metri con 20 scalini uguali, quanto dovrà misurare ogni scalino? 44) Quanti litri di vino possiedo se riempio 4 fiaschi con 5,5 litri ognuno e 12 bottiglie con 0,75 litri? 45) Se una mensilità dello stipendio di Giulio è pari a e 1150, quanto percepirà con 13 mensilità? 46) Un album contiene 132 fotografie ed è composto da 22 pagine su ognuna delle quali vi è lo stesso numero di fotografie. Quante fotografie vi sono per pagina? 47) Acquistando 4 tazzine da caffè del costo di e 3,50 l una ed una caffettiera del costo di e 15, quanto spenderò in totale? 48) Se sul ripiano di uno scaffale di 7 piani possono essere disposti 14 libri, quanti libri si possono disporre in totale, su 6 di questi scaffali? 49) Una scatola contiene 32 biglie. Se ogni biglia pesa 6 grammi e la scatola pesa 30 grammi, quale sarà il peso totale della scatola riempita con le biglie? 50) Una vincita di e deve essere suddivisa tra 15 partecipanti. Quanto percepirà ognuno di essi? 51) Se un etto di pasta fornisce 150 calorie, quante calorie forniranno 6 etti di pasta? 4

15 Abilità di calcolo 52) Il Medioevo è iniziato nell anno 476 ed è terminato nel Quanti anni è durato? 53) Con quante banconote da 5 euro si accumulano 125 euro? 54) Se ho messo da parte 100 monete da 20 centesimi, 60 monete da 50 centesimi, 42 monete da un euro e 15 monete da 2 euro, quanto avrò in totale? 55) Se un euro vale 1,20 dollari qual è il valore in dollari di 50 euro? 56) In ognuna di 128 gabbie sono contenute 3 galline. Quante sono le galline in totale? 57) Un cesto contiene 24 orchidee. Se ogni orchidea ha 5 petali, quanti petali contiene l intero cesto? 58) Lucia e Renzo sono sposati da 46 anni. Se Lucia ha 72 anni e Renzo ne ha 78, quanti anni avevano quando si sono sposati? 59) Quanti giorni vi sono in un lustro con due anni bisestili? 60) Un distributore eroga 12 biglietti in un ora. Quanti biglietti erogano 20 distributori in 12 ore? Come sviluppare un calcolo rapido e preciso Come è emerso dagli esercizi proposti le quattro operazioni sono in grado di modellizzare situazioni pratiche di vario genere. Sarà apparso altrettanto chiaramente che la velocità di calcolo è un elemento chiave per il successo ad un esame. Sebbene tale velocità di calcolo si acquisisca attraverso un esercizio continuo, può, comunque, risultare utile illustrare alcune tecniche di calcolo veloce. Sarà compito del lettore affinare queste tecniche mediante una pratica costante. L addizione e la sottrazione Calcolare la somma di più numeri può risultare più o meno ostico, a seconda di come si affronta tale compito. L utilizzo delle proprietà dell addizione spesso facilita il calcolo di somme di più numeri. Una proprietà molto utile è la commutativa, secondo la quale, cambiando l ordine degli addendi, la somma non cambia. Operativamente si può dire che nella seguente somma: non si deve necessariamente svolgere il calcolo da sinistra verso destra. Se, per qualche motivo, ci risulta più semplice sommare dapprima il 33 con il 16 o il 114 con il 16, possiamo farlo senza pervenire ad un risultato errato. 5

16 Capitolo 1 Un modo intelligente di scegliere l ordine con cui sommare gli addendi può essere dettato dalla seguente regola: sommare dapprima addendi che ci restituiscano come risultato multipli di dieci (numero con zero unità). A tale proposito è necessario tenere presente che le seguenti coppie di numeri costituiscono una decina: = = = = = 10 Vediamo cosa significa praticamente. Supponiamo di dover sommare i seguenti numeri: Dapprima notiamo che le unità del 34 (cioè 4) e le unità del 26 (cioè 6) insieme formano una decina (4 + 6 = 10). Memorizziamo tale decina e passiamo a sommare i due numeri, privati delle loro unità: = 50. A tale risultato aggiungiamo la decina memorizzata per ottenere 60, risultato che, a sua volta, possiamo memorizzare. A questo punto abbiamo ridotto il calcolo alla seguente espressione: Notiamo che le unità del 43 e del 17 formano una nuova decina (3 + 7 = 10) che, ancora una volta, memorizziamo. A questo punto sommiamo le decine dei due numeri = 50 a cui aggiungiamo la decina memorizzata per ottenere ancora 60. Ora possiamo scrivere: A questo punto il conto risulta molto semplificato e possiamo quindi scriverne il risultato: = 132 6

17 Abilità di calcolo Per maggiore chiarezza riassumiamo schematicamente il processo appena descritto: = = = = = = = 132 Altrettanto si può fare con numeri decimali: 32,7 + 16,4 + 11,3 Conviene dapprima calcolare 32,7 + 11,3 = 44,0 in quanto i due numeri dopo la virgola sommano a dieci. Successivamente si aggiunge l altro numero: 44,0 + 16,4 = 60,4. La sottrazione è un operazione che richiede una maggiore attenzione rispetto all addizione e quindi un maggiore impegno nel calcolo mentale. D altro canto è vero che essa è l operazione inversa dell addizione e le è quindi strettamente legata. In virtù di questo legame, per comodità, essa può essere vista come una somma di numeri se si adotta il metodo seguente: partire dal numero più piccolo e aggiungere, man mano, dei numeri, cercando di raggiungere dei valori multipli di 10, fino a quando non si ottiene l altro numero. Per esempio, per sottrarre 78 da 243 si parte dal numero più piccolo, 78, e si aggiunge (memorizzandolo) 2, per giungere fino ad 80, di seguito si aggiunge 20, per giungere fino a 100 (memorizzando = 22), di seguito si aggiunge 100 per raggiungere 200 (memorizzando = 122) ed infine si aggiunge 43 ottenendo il risultato della sottrazione = 165. Riassumiamo il processo schematicamente: = = = 165 7

18 Capitolo 1 La moltiplicazione Il calcolo mentale di una moltiplicazione tra un qualsiasi numero ed un numero ad una cifra può essere operato, senza troppa difficoltà, attraverso l uso delle tabelline e la semplice memorizzazione, di volta in volta, di un riporto. Il calcolo si complica nel momento in cui entrambi i fattori hanno più di una cifra, in quanto non vi è da memorizzare il solo riporto, ma anche una serie di numeri che vanno, in ultimo, sommati. Esistono comunque dei metodi per cercare di migliorare il calcolo mentale nel caso delle moltiplicazioni, riducendo la quantità di numeri da memorizzare. Ad esempio, una moltiplicazione tra numeri di due cifre può essere ridotta all utilizzo delle tabelline, al calcolo di somme e alla memorizzazione di qualche cifra durante il calcolo mentale. Consideriamo, ad esempio, la seguente moltiplicazione: = Come prima operazione dobbiamo moltiplicare le due cifre che rappresentano le unità 4 6 = 24. Scriviamo il 4 e memorizziamo il 2 (il riporto) = 4 A questo punto moltiplichiamo la cifra delle decine di un numero con la cifra delle unità dell altro e viceversa. Per fissare meglio questo passaggio possiamo disegnare mentalmente una sulle cifre per individuare i prodotti da sviluppare = 4 Nel nostro caso avremo 3 6 = 18 e 2 4 = 8. Dobbiamo poi sommare tra loro i risultati di queste due moltiplicazioni ed aggiungervi il riporto (che nel nostro caso era 2). Quindi = 28 Ora dobbiamo scrivere 8 affianco al 4 e memorizzare il 2 (il nuovo riporto) = 84 8

19 Abilità di calcolo Come ultimo passaggio dobbiamo moltiplicare le cifre che rappresentano le decine 3 2 = 6 ed a tale numero aggiungere il riporto = 8. Otteniamo quindi il risultato della moltiplicazione: = 884 Un altro punto su cui conviene soffermarsi è la moltiplicazione con i numeri decimali. L imbarazzo creato dalla presenza della virgola può essere ovviato con semplici tecniche. Per calcolare la moltiplicazione 23,4 7,2 si possono dapprima moltiplicare i numeri senza la virgola: = e poi si possono aggiungere tante cifre decimali quante ve ne sono presenti in ognuno dei fattori. In questo caso, con una cifra decimale sia nel primo che nel secondo fattore, avremo un totale di due cifre decimali nel risultato: 168,48. Analogamente si può verificare che: 0,034 6,1 = 0,2074 (34 61 = = 4 cifre decimali 0,2074) 1,4 0,21 = 0,294 (14 21 = = 3 cifre decimali 0,294) 3,2 2,23 = 7,136 ( = = 3 cifre decimali 7,136) 2,5 3,2 = 8 (25 32 = = 2 cifre decimali 8,00=8) La divisione Anche la divisione è usata per esprimere la soluzione di molteplici situazioni problematiche. Ecco due situazioni sostanzialmente diverse la cui soluzione è esprimibile attraverso l operazione di divisione del numero 200 per 50. A) Quanto devono versare a testa 50 persone per accumulare 200 euro? (cioè come suddividere 200 in 50 parti); B) Quante banconote da 50 euro servono per raggruppare una somma di 200 euro? (cioè quante volte 50 sta in 200) Nel calcolo mentale di una divisione si utilizza spesso l equivalenza tra (A) (divisione in senso stretto, cioè per partizione) e (B) (divisone per contenenza, nel senso che si cerca quante volte un numero è contenuto nell altro). Tipicamente il primo caso avviene se il divisore (il numero per cui divido) è molto distante dal dividendo (il numero da dividere), mentre il secondo caso quando il divisore si avvicina molto al dividendo. Consideriamo un caso in cui il divisore è distante dal dividendo. Per calcolare 1000 / 4 non penso a quante volte 4 sta in 1000 ma ragiono così: «divido 9

20 Capitolo in 4 parti» (ad es. divido 1000 in 2, ottenendo 500, e poi ancora in 2, ottenendo infine 250). Viceversa, per calcolare mentalmente 600 : 50 (un caso in cui dividendo e divisore non sono molto distanti) non penso a suddividere 600 in 50 parti eguali ma a quante volte 50 sta in 600 (ad es. penso che 50 sta 2 volte in 100 e deduco che sta 2 6 = 12 volte in 600). Talvolta i numeri decimali possono essere fastidiosi e scoraggiare l utilizzo del calcolo mentale. In realtà si può ovviare a queste difficoltà con dei semplici accorgimenti. Supponiamo di voler calcolare 3,2 : 0,04. Possiamo dividere i due numeri senza la virgola 32 : 4 = 8. Successivamente possiamo giungere al risultato spostando la virgola verso destra per quante sono le cifre decimali del divisore e verso sinistra per quante sono le cifre decimali del dividendo. Per cui, tenendo conto delle due cifre decimali del divisore, giungeremo a 800 ma, successivamente, dovendo spostare la virgola verso sinistra, per via della cifra decimale del dividendo, scriveremo 80. Quindi 3,2 : 0,04 = 80 Altri esempi: 48 : 0,3 = 160 (48 : 3 = 16 con cifra decimale del divisore otteniamo 160) 0,012 : 4 = 0,003 (12 : 4 = 3 con tre cifre decimali al dividendo otteniamo 0,003) 0,125 : 0,25 = 0,5 (125 : 25 = 5 con tre e due cifre decimali rispettivamente al dividendo e al divisore otteniamo 0,5) Notiamo inoltre che è possibile mantenere invariato il risultato di una divisione se riduciamo di pari numero la quantità di zeri presenti sia nel dividendo che nel divisore : 400 = : 4 00 = 1240 : 4 = 310 In ultima analisi si può sottolineare come la memorizzazione di alcuni valori, frutto dell utilizzo costante di questi ultimi, può ulteriormente accelerare il calcolo, soprattutto in presenza di divisioni il cui risultato è un numero con la virgola. Ad esempio, memorizzando i valori delle frazioni: 1 : 3 = 1 = 0, = 0, : 3= = + = 0, , = 0, = 06, si può rapidamente calcolare il risultato della divisione 29 : 3. 10

21

22

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica?

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica? Introduzione Per gran parte dei concorsi pubblici, dall'accesso al'università alla selezione per posti lavorativi i quiz di logica solo parte importante dei quesiti selettivi. Non richiedono una preparazione

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

120 funzionari RIPAM Coesione La preselezione attitudinale

120 funzionari RIPAM Coesione La preselezione attitudinale 120 funzionari RIPAM Coesione La preselezione attitudinale I quesiti della banca dati risolti e commentati Accedi ai servizi riservati Il codice personale contenuto nel riquadro dà diritto a servizi esclusivi

Dettagli

Tecniche di Memoria. e Comprensione dei testi. Francesco Cordua

Tecniche di Memoria. e Comprensione dei testi. Francesco Cordua Tecniche di Memoria e Comprensione dei testi Francesco Cordua Tecniche di Memoria e Comprensione dei testi Copyright 2012, EdiSES S.r.l. Napoli 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 2017 2016 2015 2014 2013 2012 Le cifre

Dettagli

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Emidio Tribulato Centro studi LOGOS - Messina 1 Emidio Tribulato SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA C 2010- Tutti i diritti

Dettagli

Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi Matematici (10-12-09) Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare)

Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi Matematici (10-12-09) Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 65843 (cell.: 340 47 47 952) e-mail: agostino_zappacosta@libero.it Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi

Dettagli

Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico

Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico Monica Falleri, Sandra Taccetti 2013 Argomenti da trattare la discussione come elemento centrale nell apprendimento

Dettagli

Vince il più piccolo. Contenuti

Vince il più piccolo. Contenuti Vince il più piccolo Livello scolare: 4 a classe Competenze interessate Contenuti Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Comprendere il significato e l uso dello zero e della virgola. Comprendere il significato

Dettagli

Lauree Magistrali di Area Economica

Lauree Magistrali di Area Economica Esercizi commentati per la preparazione ai test di accesso alle Lauree Magistrali di Area Economica LM 16 Finanza; LM 56 Scienze dell economia; LM 76 Scienze economiche per l ambiente e la cultura; LM

Dettagli

MODULO 2 NUMERI DECIMALI E FRAZIONI

MODULO 2 NUMERI DECIMALI E FRAZIONI MODULO 2 NUMERI DECIMALI E FRAZIONI Questo modulo si articola in due sottomoduli: Sottomodulo 2/1: Numeri decimali. Sottomodulo 2/2: Frazioni e percentuali. Ad esso saranno dedicate 3 lezioni, pari a 6

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE LE AZIONI DEL FARE MATEMATICA OSSERVARE OSSERVARE Dalla spontanea formazione dei concetti nella mente del bambino fino alla concezione

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

E costituito da un indice.

E costituito da un indice. Questo semplice quaderno di matematica è pensato sia per bambini e bambine che hanno problemi specifici di apprendimento sia per quei bambini e bambine che hanno solo bisogno di un ripasso prima di un

Dettagli

Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi Matematici (10-12-09) Soluzioni Categoria E3 (Alunni di terza elementare)

Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi Matematici (10-12-09) Soluzioni Categoria E3 (Alunni di terza elementare) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 65843 (cell.: 340 47 47 952) e-mail: agostino_zappacosta@libero.it Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Esempi di didattica laboratoriale

Esempi di didattica laboratoriale Esempi di didattica laboratoriale Il curricolo di matematica nella scuola primaria e secondaria di primo grado Abbiamo visto che I nostri allievi non sanno applicare le abilità apprese a scuola ad un contesto

Dettagli

Didattica del numero e dei problemi

Didattica del numero e dei problemi Scienze della Formazione Primaria Livorno 8-3-2010 Didattica del numero e dei problemi Pietro Di Martino dimartin@dm.unipi.it www.dm.unipi.it/~dimartin Emerge che Spesso chi ha grosse difficoltà in matematica

Dettagli

Logica matematica e problem solving

Logica matematica e problem solving Logica matematica e problem solving & Cos è il problem solving? Per fornire un idea di facile e immediata comprensione, si potrebbe dire che il problem solving è la capacità di risolvere problemi, non

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

matematica classe quarta I NUMERI IN BASE 10 SCHEDA N. 1 1. Rappresenta ogni numero sull abaco, poi scrivilo in lettere. 3. Componi i seguenti numeri.

matematica classe quarta I NUMERI IN BASE 10 SCHEDA N. 1 1. Rappresenta ogni numero sull abaco, poi scrivilo in lettere. 3. Componi i seguenti numeri. SCHEDA N. 1 I NUMERI IN BASE 10 1. Rappresenta ogni numero sull abaco, poi scrivilo in lettere. 10 2 02 migliaia k centinaia h decine da unità u migliaia k centinaia h decine da unità u migliaia k centinaia

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IRRINUNCIABILI

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IRRINUNCIABILI SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE VERTICALE MATEMATICA In tutti i nuclei tematici sviluppati trasversalmente si persegue questo traguardo per lo sviluppo di competenze: l alunno sviluppa un atteggiamento

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2015/16 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2015/16 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2015/16 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo RB00001 Una banca offre un interesse sui suoi conti correnti a) 1.5 euro b) 3 euro c) 150 euro d) 300 euro b dello 0.05% annuo in capitalizzazione semplice. Quanto si ottiene di interessi investendo per

Dettagli

G iochi con le carte 1

G iochi con le carte 1 Giochi con le carte 1 PREPARAZIONE E DESCRIZIONE DELLE CARTE L insegnante prepara su fogli A3 e distribuisce agli allievi le fotocopie dei tre diversi tipi di carte. Invita poi ciascun allievo a piegare

Dettagli

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Macroindicatori di conoscenze/abilità Comprensione: -del significato dei numeri -dei modi per rappresentarli -della notazione posizionale dei traguardi per

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

era applicato uno sconto del 35%, quale era il prezzo iniziale del vestito?

era applicato uno sconto del 35%, quale era il prezzo iniziale del vestito? QA00001 Un contadino vende 450 Kg di mele per un totale di a) 2,5 b) 2 c) 3 d) 1,60 b 630. Il commerciante che ha acquistato le mele le rivende con un guadagno di 60 centesimi al Kg. A quanto le ha vendute?

Dettagli

Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria

Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria CLICCOLO, L ESERCIZIARIO INTERATTIVO CLICCOLO, L ESERCIZIARIO INTERATTIVO Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria Cos è Cliccolo Cliccolo è un percorso didattico interattivo e multimediale

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI MAT 3

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI MAT 3 Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI MAT 3 PESO SPECIFICO MISURA DEL TEMPO PERCENTUALE NUMERI PERIODICI STATISTICA CALCOLO DELLE PROBABILITÀ ASSE CARTESIANO

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

Apprendere al volo con il metodo analogico!

Apprendere al volo con il metodo analogico! Chiavari, 16 novembre 2013 Apprendere al volo con il metodo analogico! dott.ssa Zara Mehrnoosh pedagogista e vicepresidente O.S.Dislessia ONLUS Il 20% circa degli studenti incontrano difficoltà nella matematica

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OPENLAB - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Campo/ area/ materia Periodo di riferimento Nucleo tematico??? Macroindicato re??? Traguardo di competenza Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Scuola primaria: classe 1^ NUMERI L alunno

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

MATEMATICA CLASSE 5 a

MATEMATICA CLASSE 5 a MATEMATICA CLASSE 5 a Esempio di prova 75 Per questa prova hai 75 minuti di tempo. D1. La maestra porta in classe 54 caramelle, vorrebbe distribuirle in parti uguali tra i suoi 22 alunni ma ciò non è possibile.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI DI ECONOMIA AZIENDALE e INFORMATICA DI BASE ISTVAS Ancona Indirizzo: RAGIONIERI Proff.

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIME DEL LICEO MURATORI ESERCIZI DI MATEMATICA

PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIME DEL LICEO MURATORI ESERCIZI DI MATEMATICA LICEO CLASSICO STATALE L. A. MURATORI con sezioni di Liceo Linguistico Via Cittadella, 50-411 MODENA - Tel. 059-4007 - FAX 059-497186 e-mail: mopc00008@pec.istruzione.it - mopc00008@istruzione.it Codice

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

II.f. Altre attività sull euro

II.f. Altre attività sull euro Altre attività sull euro II.f È consigliabile costruire modelli in carta o cartoncino di monete e banconote, e farli usare ai bambini in varie attività di classe fin dal primo o al più dal secondo anno.

Dettagli

Rita Fazzello. Le operazioni fondamentali in N e le

Rita Fazzello. Le operazioni fondamentali in N e le Le operazioni fondamentali in N e le proprieta' 1 Le operazioni fondamentali - Insieme N Clicca qui per effettuare il download dell'e-book in formato pdf 2 Le operazioni aritmetiche Le prime operazioni

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

a) È più conveniente acquistare 3 paia di calzini a dicembre che a gennaio

a) È più conveniente acquistare 3 paia di calzini a dicembre che a gennaio RB0001B Un negozio offre a dicembre in promozione tre paia di calzini al prezzo di due. A gennaio questa offerta è stata sostituita da uno sconto del 35% su ogni singolo prezzo. Sapendo che il prezzo di

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE TERZA

MATEMATICA - CLASSE TERZA MATEMATICA - CLASSE TERZA I NUMERI NATURALI E LE 4 OPERAZIONI U. A. 1 - IL NUMERO 1. Comprendere la necessità di contare e usare i numeri. 2. Conoscere la struttura dei numeri naturali. 3. Conoscere e

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

a) b) c) Il 50% delle figure sono cerchi Il 75% delle figure sono cerchi Il 20% delle figure sono cerchi a) b) c)

a) b) c) Il 50% delle figure sono cerchi Il 75% delle figure sono cerchi Il 20% delle figure sono cerchi a) b) c) CAPITOLO 1 1. Aggiungi figure 1 Lezione 1 1. Aggiungi dei cerchi, in modo che la frase sotto al riquadro sia corretta. a) b) c) Il 50% delle figure sono cerchi Il 75% delle figure sono cerchi Il 20% delle

Dettagli

Scienze della comunicazione Media e Giornalismo Comunicazione d impresa Comunicazione pubblica Scienze e tecnologie della comunicazione DAMS

Scienze della comunicazione Media e Giornalismo Comunicazione d impresa Comunicazione pubblica Scienze e tecnologie della comunicazione DAMS Esercizi commentati per la preparazione ai test di accesso in Scienze della comunicazione Media e Giornalismo Comunicazione d impresa Comunicazione pubblica Scienze e tecnologie della comunicazione DAMS

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI

ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI (Indicazioni di Cristiana Zucca, insegnante referente per la dislessia nella scuola primaria di Argentera Canavese. Spunti tratti da "La discalculia evolutiva" Biancardi-

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

Ogni primino sa che...

Ogni primino sa che... Ogni primino sa che... A cura della équipe di matematica 25 giugno 2015 Competenze in ingresso Tradizionalmente, nei primi giorni di scuola, gli studenti delle classi prime del Pascal sostengono una prova

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

Guida alla navigazione

Guida alla navigazione 2 Guida alla navigazione Note generali Il programma si installa automaticamente nel pc creando un icona sul desktop per poterlo poi avviare. Il software è utilizzabile con qualsiasi lavagna interattiva

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

Soluzioni Categoria Sup-T (Alunni Triennio Scuole Superiori)

Soluzioni Categoria Sup-T (Alunni Triennio Scuole Superiori) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 65843 (cell.: 340 47 47 952) e-mail: agostino_zappacosta@libero.it Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net MOLTIPLICA E DIVIDI PER 10, 100, 1.000 A. Osserva, scrivi i risultati e poi completa la regola. X10 X1.000 X100 1 X 10 = 1 X 100 = 1 X 1.000 = Regola Se moltiplico un numero per 10 scrivo questo numero

Dettagli

È DAVVERO UN PROBLEMA?

È DAVVERO UN PROBLEMA? È DAVVERO UN PROBLEMA? Daniela Manzoni Università Cattolica del Sacro Cuore Workshop Milano, 17 marzo 2016 Organizzazione Spiegazione Esercizio Resoconto Quali parti sono state divertenti/difficili/frustranti?

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com

scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com CHE COS E LA DISCALCULIA scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com La discalculia è una difficoltà specifica nell apprendimento del calcolo che si manifesta nel riconoscimento e nella denominazione

Dettagli

Nella seconda partita Tommaso ha vinto o perso delle figurine? E quante? Spiegate il vostro ragionamento.

Nella seconda partita Tommaso ha vinto o perso delle figurine? E quante? Spiegate il vostro ragionamento. 11 o RALLY MATEMATICO TRANSALPINO - PROVA II marzo 2003 ARMT.2003 p. 1 1. GIOCHI CON ME? (Cat. 3) /ARMT/2003-11 - II prova Tommaso va a casa di Francesco per giocare con le figurine. Tommaso ha 27 figurine.

Dettagli

Informatica nel concorso per il personale educativo

Informatica nel concorso per il personale educativo Informatica nel concorso per il personale educativo Teoria e test per le prove selettive Accedi ai servizi riservati Il codice personale contenuto nel riquadro dà diritto a servizi riservati ai clienti.

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SPECIFICHE Numeri! Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure in

Dettagli

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA INDICAZIONI METODOLOGICHE L'approccio approccio metodologico adottato si fonda sulla convinzione che la caratteristica fondamentale del pensiero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAGNACCO SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS PROGETTO SeT. Scheda di lavoro. Problemi procedurali NONSOLOCALCOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAGNACCO SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS PROGETTO SeT. Scheda di lavoro. Problemi procedurali NONSOLOCALCOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAGNACCO SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS PROGETTO SeT Scheda di lavoro Problemi procedurali NONSOLOCALCOLO Destinatari i bambini della IV classe elementare 1. Obiettivi formativi Sviluppo

Dettagli

Corso basilare di programmazione

Corso basilare di programmazione Parte vi Corso basilare di programmazione Introduzione............................................ 947 Programma didattico.................................. 947 Strumenti per la compilazione..........................

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

I numeri almeno entro il venti.

I numeri almeno entro il venti. MATEMATICA CLASSE PRIMA Nucleo: IL NUMERO Competenza: L alunno si muove nel calcolo scritto e mentale con i numeri e usa le operazioni aritmetiche in modo opportuno entro il 20. 1.1 Contare associando

Dettagli

per Mara a) 16% b) 12% c) 11% d) 15% d 3.200, se aspetti 5mesi ci vogliono 200 in più. Che tasso annuo ha applicato il creditore?

per Mara a) 16% b) 12% c) 11% d) 15% d 3.200, se aspetti 5mesi ci vogliono 200 in più. Che tasso annuo ha applicato il creditore? RA00001 Quanti d interesse producono, in capitalizzazione a) 326,4 b) 412,5 c) 132,8 d) 210 a composta, 4000 impiegati al 4% dopo 2 anni? RA00002 Investendo per 6 anni un capitale di 32000, si sono a)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

MATEMATICA UNITÀ DI APPRENDIMENTO Classi quarte - Scuola Primaria di Bellano - a.s. 2014/2015

MATEMATICA UNITÀ DI APPRENDIMENTO Classi quarte - Scuola Primaria di Bellano - a.s. 2014/2015 METODOLOGIA ATTIVITÀ - MEZZI PERIODO DI ATTUAZIONE I NUMERI NATURALI Simbolizzare la realtà con il linguaggio della matematica. Storia, Tecnologia, Italiano Lettura e scrittura di numeri naturali oltre

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Classificazione degli apprendimenti con riferimento alla matematica. Gianfranco Arrigo ASP Locarno - NRD Bologna

Classificazione degli apprendimenti con riferimento alla matematica. Gianfranco Arrigo ASP Locarno - NRD Bologna Classificazione degli apprendimenti con riferimento alla matematica Gianfranco Arrigo ASP Locarno - NRD Bologna Classificazione degli apprendimenti matematici L apprendimento della matematica può essere

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria CLASSE PRIMA Obiettivi formativi ABILITA CONOSCENZE Il numero - Contare in senso progressivo e regressivo. -

Dettagli

IL VALORE POSIZIONALE

IL VALORE POSIZIONALE SCHEDA N. 1 IL VALORE POSIZIONALE 1. Scomponi ogni numero, seguendo l esempio. Esempio: 1=00000+0000+000+0+0+ =... 1 =... 9 1 =... 0 =... 0 09 =... 0 =.... Componi ogni numero, seguendo l esempio. Esempio:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istiituto Comprensiivo Don Lorenzo Miillanii Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado anche

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE La base del sistema decimale è 10 I simboli del sistema decimale sono: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Il sistema di numerazione decimale è un sistema posizionale. L aggettivo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

A.S. 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA PIANO DI STUDIO ANNUALE DI MATEMATICA

A.S. 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA PIANO DI STUDIO ANNUALE DI MATEMATICA PIANO DI STUDIO ANNUALE DI MATEMATICA OBIETTIVO FORMATIVO: A - Avere immagini corrette del numero sulle quali costruirne di successive che portino alla formazione del modello corretto. I NUMERI CONOSCENZE

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE Ottobre/Novembre Unità 1 MISURE E FORME - LA QUANTITA Prerequisiti: Acquisizione dei concetti relativi all orientamento

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO Il sistema di numerazione decimale (o base dieci) possiede dieci possibili valori (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 o 9) utili a rappresentare i numeri. Le cifre possiedono

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli