alla fonte Ufficio Missionario Arcidiocesi di Torino La voce del popolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "alla fonte Ufficio Missionario Arcidiocesi di Torino La voce del popolo"

Transcript

1 Andiamo alla fonte A cura dell Ufficio Missionario Arcidiocesi di Torino supplemento al n. 10 de La voce del popolo del 09/03/2014

2 Sommario Andiamo alla fonte 2 messaggio dell arcivescovo di Torino mons. Cesare Nosiglia Le opere quaresimali possono cambiare il mondo 5 a cura dell Ufficio missionario Mercoledì delle ceneri 7 settimana dal 5 all 8 marzo Laceratevi il cuore e non le vesti (Gl 2,13) Prima settimana di Quaresima marzo Non di solo pane vivrà l uomo (Mt 4,4) Seconda settimana di Quaresima marzo Dell amore del Signore è piena la terra (Sl 32) Terza settimana di Quaresima marzo Mentre eravamo peccatori, Cristo è morto per noi (Rm 5,6) Quarta settimana di Quaresima 30 marzo-5 aprile Io sono la luce del mondo (Gv 9,5) 35 Quinta settimana di Quaresima aprile Gesù si commosse profondamente (Gv 11,33) Settimana Santa aprile Celebrazione della riconciliazione comunitaria Via Crucis Dio è più forte del tifone 58 Progetti QdF: i valori di fondo 60 Direttore responsabile Luca Rolandi Iscrizione al n. 491 dell del registro del Tribunale di Torino Aut. DSP/1/1/5681/042037/102/88LG La presente pubblicazione è stata promossa da Ufficio Missionario - Diocesi di Torino Via Val della Torre, Torino - Tel Équipe redazionale Uffici Anziani, Catechistico, Famiglia, Giovani, Lavoro, Liturgico, Migranti, Salute, Universitari della diocesi. Coordinamento redazionale Patrizia Spagnolo Editore Prelum srl Progetto grafico e impaginazione Studio Ruggieri Poggi Roma Stampa Spedim Montecompatri, Roma Fotografie Archivio Ufficio Missionario Shutterstock La foto della copertina del fascicolo e del manifesto della QdF 2014 è di don Pierantonio Garbiglia

3 Là dove l acqua è più pura Come ogni anno giunge il grande tempo di Quaresima, tempo di grazia e di salvezza, tempo buono per verificare il proprio cammino di fede attraverso la preghiera, il digiuno, la condivisione dei beni. Anche quest anno la diocesi, attraverso la collaborazione di vari Uffici (Famiglia, Anziani, Giovani, Universitari, Catechistico, Liturgico, Salute, Lavoro, Migranti) coordinati dall Ufficio missionario, mette a disposizione questo fascicolo, piccolo ma prezioso strumento per animare comunitariamente e anche personalmente i quaranta giorni di esercizi spirituali. Come Chiesa di Torino stiamo camminando nel solco della riscoperta e valorizzazione del Battesimo e della Iniziazione Cristiana: il sussidio mette quindi al centro della riflessione la riscoperta dei fondamenti della fede per un pellegrinaggio spirituale alla fonte da cui sgorgano tutte le iniziative concrete e gli atteggiamenti che caratterizzano gli stili di vita di un cristiano. Andare alla fonte significa andare là dove l acqua è più pura, significa camminare, in questi giorni che precedono la Pasqua, ascoltando la Parola di Dio e attingendo dal Vangelo quella bella notizia che suscita e anima relazioni e comportamenti. Significa rileggere con gli occhi della fede dimensioni importanti della nostra vita: rapporto con le persone, con le cose, con il creato, con il mondo, con la pace. Settimana dopo settimana, il percorso che proponiamo si snoda attraverso le parole di papa Francesco, testimonianze missionarie, commenti alla Parola, preghiere, itinerari quaresimali rivolti alle diverse fasce di età e approfondimenti tematici realizzati con interviste che aiutino e sollecitino la riflessione. Che il Signore che ha dissetato la Samaritana al pozzo, che ha risuscitato Lazzaro e ridato la vista al cieco nato compia ancora oggi in noi, attraverso la sua Parola, ciò che ha operato in loro. Buon cammino. don Maurizio De Angeli Moderatore della Curia 1

4 Andiamo alla fonte Un cammino di 40 giorni per rivedere il nostro rapporto con Dio e per rinnovarlo, per rivedere che cosa guida e ispira la nostra vita, il nostro concreto agire quotidiano nel rapporto con gli altri, con le cose, con il mondo, con il creato e con la pace. Carissimi, all inizio della Quaresima ancora una volta risuona l invito del Signore: Ritornate a me con tutto il cuore. In questi 40 giorni è il cuore l oggetto della nostra attenzione. Un cuore da convertire, un cuore da far ritornare là dove è la fonte della vita. Andiamo alla fonte è l indicazione che bene esprime il cammino che ci attende. Andiamo alla fonte della vita che è Cristo Signore, perché il nostro cuore diventi come il suo cuore, un cuore traboccante d amore, un cuore che per non chiudersi si è fatto trafiggere sulla croce. Andiamo alla fonte che è Cristo per imparare ad amare, pensare ed agire come Lui. Andiamo a quella fonte inesauribile che è la Parola di Dio, una parola che in questo tempo ci è chiesto di frequentare più assiduamente, perché diventi la luce e la guida sul nostro cammino. Andare alla fonte ci ricorda il nostro battesimo. In questo tempo in cui le nostre riflessioni pastorali sono focalizzate sulla pastorale battesimale e dell iniziazione cristiana, ci farà bene riscoprire quella fonte che ci ha generato nella fede, che ci ha inseriti nella famiglia della Chiesa, che ci ha reso partecipi della vita eterna. Stimolati dalla parola efficace del papa Francesco, andare alla fonte corrisponde anche all andare alle periferie del mondo per incontrare il fratello che è nella difficoltà, nel dolore, che vive isola- 2

5 to. E andando nelle periferie, ritrovare il Cristo risorto che lì ci attende nascosto nel cuore del povero e nelle pieghe dimenticate della storia. Andare alla fonte per cambiare il cuore è dunque rivedere che cosa guida e ispira la nostra vita, il nostro concreto agire quotidiano. Abbiamo 40 giorni per rivedere il nostro rapporto con Dio e per rinnovarlo. In questo tempo quaresimale ci è anche chiesto di rivedere che cosa ispira e guida il nostro rapporto con gli altri, con le cose, con il mondo, con il creato e con la pace. Questo cammino, che sempre rimane di conversione personale, non lo facciamo da soli, ma con la Chiesa, con la nostra comunità. Andare alla fonte non diventi però un tornare nostalgicamente ad un passato che non esiste più. La fonte che è Cristo è una fonte continuamente zampillante e che sempre ci rimanda al vivere nel mondo di oggi, con la gente di oggi, immersi nei problemi di questo nostro tempo. Invito ogni comunità, ma ancor più ogni singolo cristiano, a seguire un programma semplice, concreto e preciso per il proprio cammino spirituale quaresimale. Per andare alla fonte dobbiamo pregare di più, per attingere dall intimità con il Signore quei tesori di amore e grazia che arricchiscono la nostra vita. Abbiamo bisogno di digiuno, per ribadire con gesti concreti il primato di Dio nella nostra vita. La preghiera ed il digiuno diventano quindi carità concreta ed operosa, 3

6 perché andare alla fonte significa creare un mondo migliore più giusto e pacifico che fa di Cristo il suo cuore. In questo cammino vorrei ricordare la proposta della catechesi quaresimale con gli Esercizi spirituali al popolo sul terzo articolo del Credo: Credo nello Spirito Santo. A tutti propongo il fascicolo unitario della Quaresima di Fraternità che offre e concretizza l itinerario formativo e spirituale della quaresimale per la nostra diocesi. Ringrazio nuovamente tutti gli uffici diocesani che per il secondo anno, in spirito di collaborazione e coordinamento, lo hanno realizzato. Le occasioni e gli strumenti per andare alla fonte non ci mancano. La mia preghiera ed il mio augurio è che questo nostro andare alla fonte della vita possa trasformare i nostri cuori e renderli sempre più simili al cuore di Cristo. Affidiamo il nostro cammino alla Vergine Maria che ancora una volta ci invita a fare ciò che Egli ci dirà. Mentre vi benedico auguro a tutti una buona quaresima. Mons. Cesare Nosiglia Arcivescovo di Torino Preghiera comunitaria Dio nostro Padre, strappa dal nostro cuore ogni egoismo e rendici pronti a donare gratuitamente come gratuitamente abbiamo ricevuto. Gesù nostro fratello, donaci di seguire il tuo esempio nel prenderci cura di chi ha bisogno, ricordaci sempre che il più grande è colui che serve di più e che il primo è l ultimo di tutti. Spirito d amore, raccoglici in unità, allontana da noi colui che divide e donaci il perdono e la tua grazia. Ti ringraziamo Signore, per la gioia di condividere con i poveri e perché ti curi dei nostri cuori spezzati. Amen 4

7 Le opere quaresimali possono cambiare il mondo Digiuno, preghiera e carità sono un atto di offerta e di amore al Padre che è nel segreto e che vede nel segreto (Mt 6,18). Sono un aspetto essenziale della sequela di Cristo da parte dei discepoli e in esse vi è un indubbia dimensione sociale e di trasformazione della società. a cura dell Ufficio missionario DIGIUNO Così la Conferenza episcopale italiana ce lo presenta nel documento Il senso cristiano del digiuno e dell'astinenza (4 ottobre 1994): Il senso cristiano del digiuno e dell astinenza spingerà i credenti non solo a coltivare una più grande sobrietà di vita ma anche ad attuare un più lucido e coraggioso discernimento nei confronti delle scelte da fare in alcuni settori della vita di oggi: lo esige la fedeltà agli impegni del battesimo. I cristiani sono chiamati dalla grazia di Cristo a comportarsi come i figli della luce e quindi a non partecipare alle opere infruttuose delle tenebre (Ef 5,8.11). Tra le forme di digiuno consigliate agli uomini e donne del nostro tempo, ricordiamo: buon uso del denaro, evitare sprechi, rinunciare a cose inutili come sigarette, alcool, dolciumi oppure all'uso inutile dell'automobile, all uso acritico ed eccessivo della televisione o di internet, secondo la sensibilità e il buon senso di ciascuno per migliorare il nostro rapporto con gli altri e con il mondo che ci circonda. Prosegue la Cei: Così, praticando un giusto digiuno in questi e in altri settori della vita personale e sociale, i cristiani [ ] offrono una preziosa testimonianza di fede circa i veri valori della vita umana, favorendo la 5

8 nostalgia e la ricerca di quella spiritualità di cui ogni persona ha grande bisogno. La delicata attenzione agli altri è una caratteristica irrinunciabile del digiuno cristiano, al punto che esso è sempre stato collegato con la carità: I cristiani devono dare ai poveri quanto, grazie al digiuno, è stato messo da parte, ammonisce la Didascalia Apostolica. In questo senso il digiuno dei cristiani deve diventare un segno concreto di comunione con chi soffre la fame, e una forma di condivisione e di aiuto con chi si sforza di costruire una vita sociale più giusta e umana. PREGHIERA Dall Esortazione Apostolica di Papa Francesco Evangelii gaudium sull annuncio del Vangelo nel mondo attuale: C è una forma di preghiera che ci stimola particolarmente a spenderci nell evangelizzazione e ci motiva a cercare il bene degli altri: è l intercessione. Osserviamo per un momento l interiorità di un grande evangelizzatore come San Paolo, per cogliere come era la sua preghiera. Tale preghiera era ricolma di persone: Sempre, quando prego per tutti voi, lo faccio con gioia [ ]perché vi porto nel cuore (Fil 1,4.7). Così scopriamo che intercedere non ci separa dalla vera contemplazione, perché la contemplazione che lascia fuori gli altri è un inganno. Questo atteggiamento si trasforma anche in un ringraziamento a Dio per gli altri: Anzitutto rendo grazie al mio Dio per mezzo di Gesù Cristo riguardo a tutti voi (Rm 1,8). Si tratta di un ringraziamento costante: Rendo grazie continuamente al mio Dio per voi, a motivo della grazia di Dio che vi è stata data in Cristo Gesù (1 Cor 1,4); Rendo grazie al mio Dio ogni volta che mi ricordo di voi (Fil 1,3). Non è uno sguardo incredulo, negativo e senza speranza, ma uno sguardo spirituale, di profonda fede, che riconosce quello che Dio stesso opera in loro. Al tempo stesso, è la gratitudine che sgorga da un cuore veramente attento agli altri. In tale maniera, quando un evangelizzatore riemerge dalla preghiera, il suo cuore è diventato più generoso, si è liberato della coscienza isolata ed è desideroso di compiere il bene e di condividere la vita con gli altri. CARITÀ Nell organizzare la colletta a favore della Chiesa di Gerusalemme, San Paolo ci presenta il senso vero e profondo della Carità: E come siete ricchi in ogni cosa, nella fede, nella parola, nella conoscenza, in ogni zelo e nella carità che vi abbiamo insegnato, così siate larghi anche in quest'opera generosa. Non dico questo per darvi un comando, ma solo per mettere alla prova la sincerità del vostro amore con la premura verso gli altri. Conoscete infatti la grazia del Signore nostro Gesù Cristo: da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà. E a questo riguardo vi do un consiglio: si tratta di cosa vantaggiosa per voi, che fin dallo scorso anno siete stati i primi, non solo a intraprenderla ma anche a volerla. Ora dunque realizzatela perché, come vi fu la prontezza del volere, così vi sia anche il compimento, secondo i vostri mezzi. Se infatti c'è la buona volontà, essa riesce gradita secondo quello che uno possiede e non secondo quello che non possiede. Non si tratta infatti di mettere in difficoltà voi per sollevare gli altri, ma che vi sia uguaglianza. Per il momento la vostra abbondanza supplisca alla loro indigenza, perché anche la loro abbondanza supplisca alla vostra indigenza, e vi sia uguaglianza, come sta scritto: Colui che raccolse molto non abbondò e colui che raccolse poco non ebbe di meno. (Cor 8,7-15) 6

9 Mercoledì delle Ceneri settimana dal 5 all 8 marzo Laceratevi il cuore e non le vesti Gi2,13 7

10 COMMENTOALLAPAROLADIDIO Amore autentico, non formalismo vuoto Ricordati che sei polvere ed in polvere ritornerai, convertiti e credi al Vangelo: le parole che abbiamo sentito nel momento in cui siamo stati segnati con la cenere ci riportano ad un disegno, quello di Dio che pensò l essere umano capace di amore, amicizia, legami autentici. La parola che traduciamo con polvere e cenere è la stessa, nell ebraico della Bibbia, che indica l essere umano. Si potrebbe dunque dire: ricordati che sei Adamo ed in Adamo ritornerai, ricordati che sei stato creato per esser l amico di Dio che passeggia con lui nel giardino. Il segno che inizia la Quaresima è il segno che ci riporta al senso autentico di questo tempo: tornare ad essere immagine e somiglianza di Dio. Un impegno allora potrebbe essere proprio questo: ritornare alla freschezza del cristianesimo vero, quello che nasce dalla Parola e dai sacramenti, dall incontro con Cristo. Laceratevi il cuore e non le vesti invita a lasciare che ci guidi un amore autentico che sa fare posto agli altri ed a Dio e non un formalismo vuoto, fatto di regole che rispettiamo nella lettera ma non nello spirito. Il dono al povero non sia fatto per togliercelo di torno, ma per creare con lui un legame; il digiuno non sia fatto per adempiere un precetto ma per creare uno spazio di libertà; la preghiera non sia fatta per abitudine o per assicurarsi qualche cosa ma per far nascere in noi il desiderio dell amore di Dio. Ricordati che sei Adamo ed in Adamo ritornerai, ricordati che la Risurrezione di Gesù attende il tuo sì e che il tuo sì costruisce la Chiesa sposa di Cristo. (a cura dell Ufficio pastorale degli universitari) 8

11 RACCONTIMISSIONARI La forza della preghiera Il Centro Stella del Mattino (Nyota ya asubuhi) accoglie giovani dai 15 ai 25 anni che nella loro breve vita hanno già vissuto esperienze dolorose. Un giorno Andrea è entrato in ufficio con un po di titubanza per parlarmi del problema di un suo compagno, ma poi ha cominciato a raccontarmi la sua storia. È nato in una famiglia abbastanza benestante e i primissimi anni della sua fanciullezza sono trascorsi nella pace. Il padre aveva un lavoro ben retribuito, la mamma coltivava i campi. Erano quattro fratelli di cui Andrea è il maggiore. A un certo punto il padre si è lasciato coinvolgere da un compagno di lavoro in un affare losco, si è dato all alcool e alle donne. Andrea piange quando parla del cambiamento di suo padre, che urlava, batteva sua mamma e suoi fratelli. È sopraffatto dal dolore mentre racconta di quando suo padre un giorno afferrò il figlio più piccolo, di circa 5 anni, lo batté e lo trascinò nel bosco. Il suo fratellino bello, sano, allegro e intelligente fu trovato morto. Andrea dice con forza: Sista, quel giorno ho cominciato a odiare mio padre: per me lui era solo un animale della terra, di quelli che mangiano animali sotto terra La mamma ha dovuto vendere tutti i nostri beni per pagare i debiti di mio padre. Siamo rimasti perfino senza casa. Mi sono ammalato e mi hanno portato nell ospedale della città. Lì il Signore mi aspettava per salvarmi. Io sono sicuro che la grazia di Gesù mi ha conquistato. Tornato a casa ho cominciato a pregare e pian piano ho trovato la forza di perdonare mio padre. Sr. Zita Amanzia Danzero missionaria della Consolata in Tanzania 9

12 PAROLEDIFRANCESCO Cristiani di cuore, non di etichetta Tu guarisci i cuori spezzati O Dio, rifugio di chi è senza casa, asilo di coloro che fuggono, salvatore di coloro che si smarriscono, consolatore degli afflitti e degli infelici. Tu hai pietà dei miseri, hai cura dei bisognosi, sei il tesoro di chi non possiede nulla. Tu guarisci i cuori spezzati, tu guidi chi si è smarrito, tu difendi i deboli, tu proteggi i timorosi, e dai aiuto a chi è nel bisogno. Tu sei fortezza di chi ricerca riparo Certo quella di Gesù è una porta stretta, non perché sia una sala di tortura. No, non per quello! Ma perché ci chiede di aprire il nostro cuore a Lui, di riconoscerci peccatori, bisognosi della sua salvezza, del suo perdono, del suo amore, di avere l umiltà di accogliere la sua misericordia e farci rinnovare da Lui. Gesù nel Vangelo ci dice che l essere cristiani non è avere un etichetta! Io domando a voi: voi siete cristiani di etichetta o di verità? E ciascuno si risponda dentro! Non cristiani, mai cristiani di etichetta! Cristiani di verità, di cuore. Essere cristiani è vivere e testimoniare la fede nella preghiera, nelle opere di carità, nel promuovere la giustizia, nel compiere il bene. Per la porta stretta che è Cristo deve passare tutta la nostra vita. Papa Francesco all Angelus del 25 agosto 2013 Preghiera sciita 10

13 Prima settimana di Quaresima 9-15 marzo Non di solo pane vive l uomo Mt4,4 11

14 COMMENTOALLAPAROLADIDIO Di solo pane l uomo muore Non di solo pane vive l uomo. Facile a dirsi quando è piena la pancia, sazio il cuore. Ma a pronunciare quelle parole di lapidaria incisività è un uomo provato dalla fame, anzi un Dio affamato dell uomo che ora si espone anche alla morsa della nostra fame. Un pellegrino che ha trascorso lunghi giorni di digiuno e di deserto. All indomani del Battesimo nelle acque del Giordano, Gesù è condotto nel deserto per essere messo alla prova in quanto Figlio di Dio, quale è veramente. E forse è stato proprio il tempo del deserto a smascherare l illusione di sempre: che le cose che contano davvero siano quelle che si possono toccare, vedere, mangiare, contare, comprare. Ma è davvero così? Il Vangelo risponde e rilancia con una provocazione. C è una fame più profonda, dice il Signore. L uomo domanda più del pane, l uomo ha bisogno di un di più di vita. Il diavolo dice: Non sognare! Accontentati di avere sazio il ventre. I piedi ben saldi per terra: non c è tempo per i voli del cuore. Il Signore risponde: Non di solo pane vive l uomo. Anzi, di solo pane l uomo muore. Perché la vita non è più vita se si accontenta, se non spinge verso un oltre, e verso un altro. Ma vivere orientati così è faticoso, c è una tensione che costa: è come accettare di convivere con una fame che non ti lascia in pace. Meglio non pensarci, narcotizzare l anima, congelare i sogni. Ed ecco allora la provocazione del Vangelo: perché non provi a fidarti? Prova a lasciare scoperto il cuore! Non sotterrarlo sotto le pietre prese per pane, non riempirlo di cose o di persone usate come cose. Prova ad ascoltare il grido che hai dentro. Forse sarà più scomodo, ma imparerai ad uscire verso una terra che ti è stata promessa, e che già ti appartiene: andrai in cerca del pane vero, quello che sazia, quello che non puoi accumulare ma che devi ricevere ogni giorno come un dono che si rinnova. Questo Pane è la Parola di Dio, cioè il suo desiderio di entrare a casa tua, di parlare con te, di compiere un esodo verso il tuo cuore finalmente sgombro dalle cose che non contano. (a cura dell Ufficio adulti, famiglia, anziani) 12

15 RACCONTIMISSIONARI I frutti della generosità Il dilemma per il missionario è sempre lo stesso: devo o non devo dare? Li aiuto davvero con i miei spiccioli o contribuisco a mantenerli per strada? Quella mattina di febbraio non ero di fretta, stavo aspettando in macchina il mio confratello incaricato della spesa settimanale per la comunità. Così, quando tre bambini, due maschi e una femmina, si sono avvicinati con la richiesta di rito, mi è venuta un idea per lo meno singolare. Con calma ho abbassato il finestrino, ho messo fuori la mia mano sinistra e ho detto ai tre: "You give me money!". I due maschietti mi hanno dato del matto e si sono dileguati. La bambina, invece, mi ha guardato piena di stupore, poi ha allungato la sua mano mettendo nella mia tutti gli spiccioli che aveva racimolato nella mattinata. Mi aveva dato tutto il suo avere. D istinto, avrei voluto io darle tutto quello che avevo. Poi, da occidentale razionalista mi sono detto se le do troppo, il suo budget sarà scombussolato e forse qualche adulto ne approfitterà Così ho optato per una decisione a metà strada. La bambina ha riavuto indietro tutto ciò che mi aveva dato, con l aggiunta di un extra cartaceo. Insomma, il suo gesto le aveva fruttato una quantità 10 volte superiore. Per un attimo ho provato la gioia, lo stupore e la commozione che, penso, Dio stesso prova quando gli diamo tutto di noi. Anche il suo cuore sorride e non vede l'ora di ridarci con la sovrabbondanza della sua generosità quel poco che gli diamo per amore. di Fratel Davide Del Barba Sacra Famiglia, Filippine 13

16 RAPPORTOCONLECOSE Il Vangelo nella cassa Loredana e Antonio Alfiero, lui operaio Fiat e responsabile sindacale Fim-Cisl, lei impiegata amministrativa in un ente di formazione professionale. Hanno due figli, di 19 e 16 anni. Una famiglia come tante, alle prese con le solite difficoltà ad arrivare a fine mese. Ma anche una famiglia che cerca di dare il giusto valore alle cose ponendo al centro del proprio stile di vita l attenzione agli altri, l accoglienza e la preghiera. a cura di Patrizia Spagnolo Il signor Antonio è attualmente in cassa integrazione. Com è cambiata la vostra vita rispetto a prima? La cassa integrazione è sempre un dramma per tutti, oltre al danno economico si vive con l ansia che la situazione lavorativa possa ulteriormente peggiorare. Bisogna rivedere il proprio bilancio famigliare che è già sempre negativo, cercando di intervenire maggiormente sulle spese variabili. Sicuramente ci si organizza evitando acquisti di qualità e si fa la spesa settimanale puntando esclusivamente al prodotto con la miglior offerta. Le uscite domenicali si riducono a passeggiate vicino casa. Come avete impostato l educazione dei vostri figli in merito al rapporto con le cose? Non è facile cercare di fermarsi in una società dove l'evoluzione tecnologica viaggia rapidamente. Si rischia sempre di essere obsoleti ed esclusi nel giro di poco tempo. In questo difficile contesto sociale rendiamo partecipi i nostri figli di quello 14

17 che accade e quali sono le nostre possibilità finanziarie. Anche loro devono capire che a volte è necessario saper rinunciare anche alle cose materiali. Cerchiamo di far capire che i valori non sono improntati al possesso di beni materiali ma alla capacità di trovarsi con gli altri per partecipare ad un miglior cambiamento sociale. La vostra è una famiglia aperta al prossimo, che cerca di prestare attenzione agli altri. Qual è la fonte, l ispirazione del vostro impegno? Il nostro impegno e la nostra piccola e modesta attenzione verso gli altri nascono dall esempio che ci ha lasciato il Signore nella sua vita come uomo. La fede e la speranza fanno parte del nostro essere credenti, dove le parole del Vangelo sono l'unica via d uscita in questo mondo spericolato. Sicuramente fin da bambini vi è un educazione che nasce dalla famiglia, i genitori e i nonni che a loro volta sono stati fonte di modello iniziale. Voi pregate, andate regolarmente a messa, fate parte di un gruppo famiglia Quanto vi aiuta la dimensione della fede nella vita quotidiana? Come dicevamo prima, il modello e lo stile di vita da seguire si trovano nelle pagine del Vangelo. Non è sempre semplice, anzi, ma la partecipazione alla santa messa ci dona la gioia dell incontro con il Signore e questo ci aiuta molto. Nel contempo la preghiera personale o comunitaria con il gruppo famiglia si rivela la vera linfa per nutrire il nostro impegno quotidiano, come genitori, nei luoghi di lavoro e in tutti gli ambienti di vita che frequentiamo. In qualità di responsabile sindacale e quindi sempre a contatto con le persone e i loro problemi, cosa ha potuto rilevare, signor Antonio, in questi anni dal suo osservatorio? Senza dubbio ho imparato a non lamentarmi. Nonostante le difficoltà, c è sempre qualcuno che sta molto peggio di te. La crisi economica che ormai dura da troppo tempo sta mettendo in ginocchio le famiglie. La disoccupazione sta creando un vuoto generazionale nei luoghi di lavoro con le non assunzioni. Tante persone ti chiedono aiuto, non solo per il lavoro ma anche per i rapporti controversi che vivono con il prossimo, ma molte volte anche in famiglia con i propri figli o genitori. Dove possiamo fare qualcosa di concreto nelle nostre modeste possibilità, lo facciamo. Dove non riusciamo, mettiamo tutto nelle mani del buon Dio affinché con la preghiera si possa dare una svolta ad un mondo viziato. 15

18 PAROLEDIFRANCESCO Non sprechiamo i nostri talenti Un cristiano che si chiude in se stesso, che nasconde tutto quello che il Signore gli ha dato è un cristiano non è cristiano! È un cristiano che non ringrazia Dio per tutto quello che gli ha donato. Questo ci dice che l attesa del ritorno del Signore è il tempo dell azione - noi siamo nel tempo dell azione, il tempo in cui mettere a frutto i doni di Dio non per noi stessi, ma per Lui, per la Chiesa, per gli altri, il tempo in cui cercare sempre di far crescere il bene nel mondo. E in particolare in questo tempo di crisi, oggi, è importante non chiudersi in se stessi, sotterrando il proprio talento, le proprie ricchezze spirituali, intellettuali, materiali, tutto quello che il Signore ci ha dato, ma aprirsi, essere solidali, essere attenti all altro. Udienza generale del 24 aprile

19 ITINERARIQUARESIMALI Al termine di ogni settimana di Quaresima, il presente sussidio propone due pagine di itinerari per giovani, adulti e famiglie. Un percorso quaresimale dedicato ai ragazzi è invece disponibile nelle pagine centrali del fascicolo, con la possibilità di staccarle per renderne l utilizzo più agevole e pratico. Giovani: una preghiera, una domanda, un gesto Solo per oggi Signore, all'inizio di questo tempo di Quaresima, ti chiedo di liberarmi dagli affanni che nascono dall'ansia del possesso delle cose e così ti prego: «Solo per oggi, cercherò di vivere alla giornata, senza voler risolvere il problema della mia vita tutto in una volta. Solo per oggi, sarò felice nella certezza che sono stato creato per essere felice non solo nell'altro mondo, ma anche in questo. Solo per oggi, dedicherò dieci minuti del mio tempo a qualche lettura buona, ricordando che come il cibo è necessario alla vita del corpo, così la buona lettura è necessaria alla vita dell'anima. Solo per oggi, compirò una buona azione e non lo dirò a nessuno. Solo per oggi, crederò fermamente, nonostante le apparenze, che la buona provvidenza di Dio si occupa di me come se nessun altro esistesse al mondo. Solo per oggi, non avrò timori. In modo particolare non avrò paura di godere di ciò che è bello e di credere alla bontà. «Basta a ciascun giorno il suo affanno». Questo ti chiedo. Amen». (beato Giovanni XXIII) Quali sono le dieci cose più superflue della mia vita? Ne posso prendere le distanze? Prepara una busta con la scritta DIO AMA CHI DONA CON GIOIA e comincia a mettervi dentro l'equivalente in denaro delle piccole rinunce di ogni giorno. La potrai consegnare durante l'offertorio del Giovedì santo. 17

20 Famiglie e adulti: un invito a riflettere Dall intervista alla famiglia Alfiero: In questo difficile contesto sociale rendiamo partecipi i nostri figli di quello che accade e quali sono le nostre possibilità finanziarie. Anche loro devono capire che a volte è necessario saper rinunciare alle cose materiali. I valori non sono improntati al possesso di beni materiali ma alla capacità di trovarsi con gli altri per partecipare ad un miglior cambiamento sociale. La preghiera può cambiare il mondo non meno delle azioni: in questa e nelle prossime settimane ne proponiamo una per le opere quaresimali degli anziani e degli ammalati Abbastanza Signore Il Vangelo ci chiede sobrietà e condivisione: quali condizionamenti ci impediscono di vivere questi valori? Da quali scelte concrete possiamo partire per essere segni visibili di una coscienza che cresce? O Signore non rendermi così esigente da pretendere ciò che voglio. Dammi abbastanza lacrime per mantenermi umano, abbastanza sorrisi per rendermi fiducioso, abbastanza amici per infondermi coraggio, abbastanza ricordi per darmi conforto, abbastanza pazienza per sostenermi nell attesa, abbastanza speranza per accompagnarmi nell incertezza, abbastanza fede per affidarmi a Te. (Arnaldo Pangrazzi) 18

21 Seconda settimana di Quaresima marzo Dell amore del Signore è piena la terra Salmo32 19

22 COMMENTOALLAPAROLADIDIO Ecologia. C è anche quella umana Il salmo 32 è un inno di esaltazione di Dio, Signore del cosmo e della storia. Nell intera creazione e nella storia è inscritto il suo amore che si manifesta nella sua fedeltà malgrado i nostri errori personali e sociali. Dio si manifesta in modi straordinari, come l episodio vissuto da Pietro, Giacomo e Giovanni sul monte della Trasfigurazione, ma molto più spesso si manifesta nella nostra vita ordinaria, proprio a partire dalla relazione con le persone e con l intera creazione. È proprio vero: Dell amore del Signore è piena la terra! Il coltivare e custodire il creato non comprende solo il rapporto tra noi e l ambiente, riguarda anche i rapporti umani. È necessario parlare di ecologia umana, strettamente legata all ecologia ambientale. L amore è relazione e la fonte di questa relazione è Dio stesso. Come la famiglia può diventare una scuola di relazione anche con il creato? Tre possono essere gli elementi ispiratori. Gratuità. La famiglia è maestra della gratuità del dono che per prima riceve da Dio. Il dono è il suo compito e la sua missione nel mondo, il suo volto e la sua identità. Solo così le relazioni si fanno autentiche e si innesta un legame di libertà con le persone e le cose. È una prospettiva che fa cambiare lo sguardo anche sul creato da cui scaturisce lo stupore e la gratitudine a Dio, che esprimiamo nella preghiera a tavola prima dei pasti, nella gioia della condivisione fraterna, nella cura per la casa, la parsimonia nell uso dell acqua, la lotta contro lo spreco, l impegno a favore del territorio. Reciprocità. La famiglia ha un importanza decisiva nella costruzione di relazioni buone con le persone, perché in essa si impara il rispetto della diversità. È in famiglia che la diversità, invece che fonte di invidia e di gelosia, può essere vista fin da piccoli come ricchezza. Già nella differenza sessuale della coppia sponsale che genera la famiglia c è lo spazio per costruire la comunione nella reciprocità. Riparazione del male. In famiglia si impara anche a riparare il male compiuto da noi stessi e dagli altri, attraverso il perdono, la conversione, il dono di sé. Si apprende l amore per la verità, il rispetto della legge naturale, la custodia dell ecologia sociale e umana insieme a quella ambientale. Si impara a condividere l impegno a riparare le ferite che il nostro egoismo dominatore ha inferto alla natura e alla convivenza fraterna. (a cura dell Ufficio per la pastorale sociale e del lavoro) 20

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Grazie Thomas! RAPPORTOCON PERSONE

Grazie Thomas! RAPPORTOCON PERSONE RAPPORTOCON PERSONE Grazie Thomas! Con 1300 volontari africani e 130 dipendenti, l organizzazione Saint Martin fondata in Kenya dal 1997 accoglie disabili, ragazzi di strada, malati di Aids, dipendenti

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro Parrocchia di San Pietro Carissimo, carissima, questo messalino ti accompagnerà lungo queste domeniche durante le quali cercheremo di capire più a fondo il significato della Messa e delle sue varie parti.

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO?

CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO? Parrocchia santi Giacomo e Filippo ORATORIO SAN GIOVANNI BOSCO www.oratoriocornaredo.it anno pastorale 2007/2008 Primo incontro di riflessione per i genitori di Terza elementare CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO?

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Li inviò a due a due

Li inviò a due a due FEBBRAIO 2015 Adorazione eucaristica dell Istituto Santa Famiglia Li inviò a due a due Proseguiamo la riflessione e preghiera sulla Chiesa in uscita missionaria a partire questa volta dalle indicazioni

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Oltre il sesto giorno. I Incontro, 24 Novembre 2012

Oltre il sesto giorno. I Incontro, 24 Novembre 2012 GRUPPO FAMIGLIA L essere umano è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio per amare e si realizza pienamente in se stesso solo quando fa dono sincero di sé agli altri. La famiglia è l ambito privilegiato

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37 1 Oleggio 24/9/2006 XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3 Dal Vangelo secondo Marco 9, 30-37 Riifflleessssiionii -- prreeghiieerraa La Chiesa, oggi, ci fa leggere

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

CUCINA CRUDISTA CREATTIVA SULLA SCIA DELLA BIBBIA Lettura del 14 maggio 2014.

CUCINA CRUDISTA CREATTIVA SULLA SCIA DELLA BIBBIA Lettura del 14 maggio 2014. CUCINA CRUDISTA CREATTIVA SULLA SCIA DELLA BIBBIA Lettura del 14 maggio 2014. La donna saggia costruisce la sua casa, quella stolta la demolisce con le proprie mani» (Pr 14,1). Questa antica massima della

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli