CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI TORINO GARA PER IL PUBBLICO. 8 Gallery Venerdì 8 marzo 2013 OLIMPIADI DI MATEMATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI TORINO GARA PER IL PUBBLICO. 8 Gallery Venerdì 8 marzo 2013 OLIMPIADI DI MATEMATICA"

Transcript

1 Logo di Stefao Visciglia CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI TORINO GARA PER IL PUBBLICO 8 Gallery Veerdì 8 marzo 013 OLIMPIADI DI MATEMATICA Problema 1 Gioco di carte 0 puti Reato prede u mazzo di carte, estrae i 4 assi e i 4 re formado co essi quattro mucchietti di due carte ciascuo. Davati ad ogi pila di carte scrive su di u cartellio il umero di assi preseti ella pila; poiché è dispettoso, il umero che ha scritto è falso. Sappiamo che vi soo più re ell'ultimo mazzetto a destra che ell'ultimo mazzetto a siistra Dite quati assi ha messo i ogi mazzetto. Scrivere u umero di quattro cifre, ogua delle quali rappreseta la quatità di assi i ogi sigolo mazzetto a partire da siistra. Soluzioe: Poiché le scritte sui cartellii soo false e i re ell ultimo mazzetto a destra (il quarto) soo più degli assi el primo a siistra (il primo), si evice che el quarto mazzetto ci soo re: ifatti el primo ce è almeo uo. Restao da piazzare due re: adrao uo el primo mazzetto (da siistra) ed uo el secodo e o el terzo, altrimeti i esso ci sarebbe u asso come scritto sul cartellio. Automaticamete avremo u asso el primo mazzetto, u asso el secodo, due el terzo (essu re) e zero el quarto. Risposta 1 1

2 Problema Ua gita al mare! 5 puti I ua calda mattia di luglio, u gruppo di amici si scambia qualche sms per decidere se adare o o al mare el pomeriggio. Ecco i messaggi: 1. Giulia è iamorata di Adrea quidi, se Adrea va al mare, ci va ache Giulia. Giulia o Federico vao al mare, ma dopo la discussioe dell altra sera, se va uo o va l altro 3. Erica ha detto che oggi sta co Federico 4. Qualcuo al mare ci sarà sez altro, Erica o Sara ci vao 5. Se Sara va al mare, ci vao ache Adrea e Federico... Isomma! Chi va al mare e chi o? Per dare la risposta regolarsi come segue: associare ad ogi ome i segueti umeri: Adrea 300, Giulia 400, Federico 500, Erica 000, Sara 00. La risposta deve essere la somma dei umeri corrispodeti ai omi di coloro che adrao al mare. Soluzioe: Costruiamo la seguete tabella di verità (itededo co V (vero): va al mare e co F (falso): o va al mare ): A G F E S V V F F V F V F F V F F V V F F F V V V Il quito messaggio ci dice che se S è vera devoo esserlo ache A ed F. Poiché A ed F o soo mai vere cotemporaeamete S deve essere falsa. L uica opzioe compatibile è quella i cui Federico ed Erica vao al mare. Risposta 500 Problema 3 - Recipieti di casa 5 puti Come mostra la figura, u bicchiere pesa quato ua bottiglia più ua tazzia, metre tre bottiglie pesao quato due bicchieri. Quate tazzie pesao quato ua bottiglia?

3 Soluzioe 1: tazzie pesao quato ua bottiglia. Ifatti aggiugedo sulla bilacia di siistra u bicchiere su etrambi i piatti otteiamo: bicchieri tazzia + bottiglia + bicchiere. Ma (vedi bilacia destra) bicchieri 3 bottiglie, quidi: 3 bottiglie tazzia + bottiglia + bicchiere. Ora togliamo ua bottiglia su etrambi i piatti bottiglie tazzia + bicchiere Se ora al posto del bicchiere a destra mettiamo (vedi figura di siistra) ua tazzia + ua bottiglia, otteiamo: bottiglie tazzia + tazzia + bottiglia. Ne segue: Ua bottiglia tazzie. Oppure, detto b il bicchiere, B la bottiglia e t la tazzia, si ha: b t + B b t + B b 3t da cui, 3B b 3B ( t + B) B t Soluzioe (sitetica): Dalla secoda parte della figura (e dal testo!) è evidete che u bicchiere pesa quato ua bottiglia e mezza. Dalla prima parte si evice quidi che ua tazzia vale ua mezza bottiglia. Quidi ci voglioo due tazzie per pareggiare il peso di ua bottiglia. Risposta 000 Problema 4 - Moete i pila 35 puti Fracesco ha appea rotto il suo salvadaaio e vuole mettere i ordie le sue moete. Forma allora delle pile di ove moete e ota co stupore che il umero delle moete rimaeti è uguale al umero delle pile formate. Decide poi di suddividere le sue moete i pile di udici moete: scopre di uovo che il umero delle moete che gli restao è uguale al umero di pile formate. Qual è il umero miimo di moete che aveva Fracesco el suo salvadaaio? Soluzioe: Idicado co N il umero delle moete e co x il umero di pile formato co ove moete ed il umero di moete rimaeti si ottiee l equazioe 9x + x N cioè x N, da cui si deduce che N deve essere u multiplo di dieci. Aalogamete idicado co y il umero di pile formate co udici moete si ottiee 11 y + y N da cui 1 y N, da cui si deduce che N deve essere u multiplo di dodici. Tra i multipli di dieci e dodici il miimo che risolve il problema è il m.c.m. (,1) 60. Altro ragioameto che o fa iterveire le equazioi. Poiché il umero delle moete che avazao è proprio uguale al umero delle pile, si può aggiugere ua moeta ad ogi pila ed otteere pile da moete e da 1 i modo che o avazi alcua moeta i etrambi i casi, quidi N dovrà essere u umero divisibile per e 1. Per tetativi poi si possoo cercare i multipli di dieci e dodici che soddisfao le richieste del problema. Risposta

4 Problema 5 Quati sottoisiemi?? 35 puti Si cosideri l isieme A 1,, { }. Quati soo i suoi sottoisiemi i cui elemeti, umerici, hao somma 07085? Soluzioe: ( ) La somma degli elemeti di A si può trovare usado la somma dei primi umeri S + 1 che, el caso di 013, è pertato la richiesta è equivalete a cotare quati soo i sottoisiemi che hao come somma 6 ed essi soo esattamete 4: { 1,,3} ; { 1,5 } {,4} 6 {}. Risposta 0004 Problema 6 Giallo matematico 40 puti Il commissario di polizia Javert assume u matematico per aiutarlo a risolvere u delitto. Sulla scea del crimie soo preseti tra i 0 e i 00 bicchieri di vio ed esattamete i u bicchiere è stato versato del veleo. Il laboratorio di polizia potrebbe testare sigolarmete il coteuto di tutti i bicchieri, oppure di u gruppo di bicchieri mescolado u campioe per ogi bicchiere. Il commissario vuole ridurre al miimo il umero di test ecessari per determiare i quale bicchiere c è veleo. Il matematico suggerisce al detective di scegliere u bicchiere a caso e di testarlo; el caso il risultato sia egativo di cotiuare i test mescolado tra loro i modo opportuo i campioi degli altri bicchieri, predicedo la risoluzioe dell eigma effettuado al massimo 8 test. Quati bicchieri soo preseti sulla scea del crimie? Soluzioe: Il modo più rapido per trovare il bicchiere avveleato sarebbe quello di dividere di volta i volta i bicchieri i due gruppi, mescolare u campioe di tutti i bicchieri di ogi gruppo, determiado quale dei due gruppi cotega il campioe avveleato. Ripetere quidi il procedimeto dividedo a sua volta il gruppo co il bicchiere avveleato i due gruppi sio a quado o si ottegao due gruppi da u bicchiere sigolo e di cosegueza il bicchiere avveleato. L uica possibilità di avere u umero esatto di test sarebbe se il umero di bicchieri fosse esattamete ua poteza di due; i tutti gli altri casi si arriverebbe per forza ad avere gruppi coteeti u umero dispari di bicchieri che darebbero quidi origie a sottogruppi disomogeei, uo pari ed uo dispari (e quidi ad u umero di test variabile a secoda che il bicchiere avveleato appartega al gruppo pari o al gruppo dispari). Poiché la poteza di due compresa tra 0 e 00 è 18 7, i passaggi ecessari per arrivare a due bicchieri sigoli soo 7, quidi 7 test; sommado il test iiziale si arriva esattamete a 8 test. I bicchieri soo quidi 19. Risposta 019 4

5 Problema 7 Pagie e pagie 40 puti U tipografo sa che per umerare le pagie di u eciclopedia, la cifra 1 è stata utilizzata 013 volte. Il direttore della casa editrice gli chiede se è i grado di dire quate soo complessivamete le pagie umerate coteute ell eciclopedia? Riuscite ad aiutarlo ell impresa? Soluzioe: Per umerare le pagie dell eciclopedia fio alla ovataovesima occorroo 0 cifre 1, che soo coteute all itero della scrittura dei umeri 1,, 11, 1, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 1, 31, 41, 51, 61, 71, 81 e 91. Per umerare le pagie dalla cetesima alla cetoovataovesima occorroo ivece cifre 1 i quato ogi umero cotiee u 1 come cifra delle cetiaia. Riassumedo: Numeri compresi fra Numero di cifre 1 ecessarie 0 e e e e e e e e e e Pertato per scrivere i umeri da 0 a 999 occorre u totale di 300 cifre 1. Per umerare le pagie dalla millesima alla milleovecetoovataovesima occorroo ivece 1300 cifre 1 i quato ogi umero cotiee u 1 come cifra delle uità di migliaia. Riassumedo: Numeri compresi fra Numero di cifre 1 ecessarie 0 e e e e Quidi il umero di pagie dell eciclopedia sarà compreso fra 3000 e 3999, i particolare: Numeri compresi fra Numero di cifre 1 ecessarie 0 e e Aalizzado acora più el dettaglio le ultime decie di umeri: Numeri compresi fra Numero di cifre 1 ecessarie 30 e e e e e e e

6 Per giugere così ad u totale di 007 cifre 1 impiegate per scrivere i umeri fio a 3169 compreso. Le successive cifre 1 servirao per eumerare le pagie 3170, 3171 (doppio 1 ), 317, 3173 e Risposta 3174 Problema 8 Questo è il mio posto! 40 puti U gruppo di amici decide di festeggiare la ricorreza dell 8 Marzo: si ritrovao quidi tutti a cea i uo spazioso locale. Ogi ivitato prede posto i u uica grade tavolata e tutti i posti a disposizioe soo occupati da u commesale. La disposizioe degli ivitati è la seguete: esattamete 7 sigore hao u altra sigora alla loro destra; esattamete1 sigore hao u uomo alla loro destra; esattamete il 75% degli uomii preseti ha ua sigora alla sua destra. Quati soo gli ivitati? Soluzioe: Ogi persoa ha alla propria destra o u uomo o ua doa, quidi le doe sarao i tutto Gli uomii che hao ua doa a destra soo tati quate le doe che hao u uomo a destra, ifatti i qualsiasi distribuzioe circolare di sessi, co almeo tre persoe, se viee aggiuto ad es. u uomo, questo può avveire i 4 modi: 1) Fra due doe: DUD. Si ottiee solo il fatto di aver aggiuto ua D che ha u U a dx (e tolto ua D che ua D a dx) e u U che ha ua D a dx. ) Fra ua doa (a sx) e u uomo (a dx): DUU. No cambia la situazioe. 3) Fra u uomo (a sx) e ua doa (a dx): UUD. No cambia il umero di U che hao D a dx, é cambia la situazioe delle D; 4) Fra due uomii: UUU. No cambia la situazioe che stiamo studiado. 4 Quidi TOTALE UOMINI Quidi le persoe sedute al tavolo soo 3 complessivamete Risposta 0035 Problema 9 - Rettagolo atimagico 45 puti Riempite tutte le caselle vuote di questo rettagolo atimagico. Le somme dei umeri di ogi liea o coloa soo sempre diverse fra loro e sempre miori o uguali a 9. Ioltre il rettagolo cotiee soltato i umeri 1, e 4. Come risposta scrivere i sequeza i umeri dell ultima riga. 6

7 Soluzioe: Dobbiamo otteere 7 somme di cui la massima è 9 e la miima sarà 3 (perché abbiamo almeo 3 caselle). Dovedo essere tutte diverse, sarao ecessariamete Avedo ella prima coloa già due 1 il terzo sarà acora u 1 perché solo i quella coloa è possibile otteere la somma 3. La somma 4 si potrebbe otteere o ell'ultima riga (1,1,1,1) o ella secoda coloa (1,,1) o ella quarta coloa (,1,1). L ultima riga, però, o può essere formata da tutti 1, altrimeti si otterrebbe u'altra somma 4 ella secoda coloa. La quarta coloa o può essere (,,1), perché si avrebbe u altra somma 5 come ella prima riga. Proviamo a produrre 4 ella quarta coloa: la secoda riga dà somma 7. Potremo avere somma 8 solo ella terza riga, ma la secoda e terza coloa possoo dare 7 e 7 oppure 5 e 9. Quidi la secoda coloa sarà (1,,1). Notiamo che possiamo otteere 9 solo ella secoda riga o ella terza coloa. Proviamo co la terza coloa, che diveta (1,4,4). Il 6, a questo puto lo si può avere solo sulla quarta coloa, che diveta (,,), ma ciò o va bee perché si otterrebbero due 9 ella secoda riga e ella terza coloa. Quidi la secoda riga diveta (1,,4,). La quarta coloa dovrà essere (,,4), da cui forzatamete (soluzioe uica) la terza coloa sarà (1,4,1) e l ultima riga sarà (1,1,1,4). Risposta 1114 Problema Cammio di Satiago 45 puti U gruppo di appassioati escursioisti si sta alleado per il Cammio di Satiago di Compostela, formado ua luga fila di 50 metri. La strada è rettiliea ma dopo pochi chilometri icotrerao u bivio i cui occorre svoltare a siistra; l escursioista i fodo al gruppo o è sicuro che l amico che sta i testa alla fila si ricordi della svolta. Decide quidi di raggiugerlo, gli ricorda di svoltare a siistra e ritora i coda. Sapedo che i questo adata e ritoro la velocità dell escursioista premuroso è rimasta costate e che la coloa ha percorso 50 m, qual è la distaza (i m) percorsa dall escursioista premuroso? Soluzioe: Detto x lo spazio percorso dal capofila quado viee raggiuta dalla compago premuroso, v1 la x 50 + sua velocità, v la velocità del premuroso, abbiamo x il tempo impiegato dai due v1 v escursioisti per icotrarsi e 50 + x 50 v v1 il tempo totale dell adata e ritoro. Risolvedo il sistema x + 50 x vx v1 v1 v 50 + x co x > 0, v1> 0, v > v1, otteiamo 50 + x 50 + x ( + ) x v v v vx 1 Da qui si ota che v è semplificabile (quidi il risultato del problema o dipede dalle velocità specifiche delle due formiche); ricaviamo quidi i sequeza 50x + x x, x 500, x 150, x Lo spazio percorso, i cm, dall escursioista premuroso sarà quidi S 50 + x Cioè S 50 ( 1+ ), Risposta 0 7

8 Problema 11 Il gioiello 45 puti U gioielliere ha ua perla sferica di raggio 1 cm. Poiché desidera fare u regalo speciale alla moglie i occasioe della Festa della Doa, pesa di utilizzarla come parte cetrale di ua spilla che abbia u aspetto floreale: u ucleo cetrale co 8 sferette - i oro - tageti (alla perla cetrale ed alle sferette adiaceti, come i figura). Qual è il raggio (i cm) delle sferette? Dare la risposta scrivedo le prime 4 cifre decimali del risultato. Soluzioe 1: Si oti che i cetri delle sferette soo i vertici di u ottagoo regolare il cui lato è lugo quato la somma dei raggi di due di loro e quidi uguale al loro diametro. I figura si ha MN NP AM PB r (raggio sferette). ON biseca l agolo AO ˆ B che è cogruo a MO ˆ P. C è il puto medio di AB. Abbiamo la similitudie dei triagoli rettagoli OPN e OBC. Ci serve cooscere la lughezza di CB, metà di AB. Ora, il segmeto AB è uguale al lato dell ottagoo regolare iscritto ella circofereza di cetro O (perla sferica). Sapedo che l agolo AO ˆ 360 B vale , abbiamo O PN ˆ OBˆ C 67 30' (agoli alla base di 8 8

9 CB 1. OP : NP OB : CB cioè (1 + r ) : r 1:, da cui triagoli isosceli). Utilizzado la trigoometria si trova OB cos( 67 30) ' Possiamo impostare la proporzioe r 0, Soluzioe : Cosideriamo il triagolo OMP estratto dalla precedete figura. Si ha MP r, e l agolo i O uguale a Tracciamo l altezza MH relativa a OP. OM OP 1+ r, 1+ Il triagolo OMH è rettagolo isoscele, quidi MH r OH. Ioltre ( + ) 1 HP OP OH 1 r r Applicado il teorema di Pitagora al triagolo MHP segue ( 1 r) 1 ( r) Da qui otteiamo + r ) ( ) 4, quidi 1 r) r ( 1 r + ( + e, risolvedo, si ha r 0, Risposta Problema 1 La cassaforte 50 puti Giuseppe e Dario soo due soci di ua piccola agezia di viaggi. Dario è u appassioato di giochi matematici. Giuseppe decide di mettere alla prova le abilità di Dario e, a sua isaputa, cambia la combiazioe di 5 cifre della cassaforte dell ufficio; scrive quidi combiazioi diverse su u foglio, tutte sbagliate ma i ogua di esse ua ed ua sola cifra è collocata el posto giusto. I umeri soo : Iutile dire che Dario riesce ad idividuare la combiazioe giusta dopo pochi miuti. Dare come risposta il umero formato dalle prime 4 cifre, da siistra, relative alla combiazioe giusta. Soluzioe: Costruiamo ua tabella dove ella prima coloa idichiamo le 5 posizioi delle cifre e ella secoda coloa le cifre che appaioo i quella posizioe: 9

10 Posizioe Cifre Abbiamo evideziato i rosso le cifre che appaioo i due combiazioi i quella posizioe e i azzurro quelle che appaioo i tre combiazioi. Cosideriamo le cifre al posto giusto che soo i tutto. I prima posizioe ce è ua sola (perché i prima posizioe ci soo ua volta tutte le cifre da 0 a 9). Allora ci sarà almeo ua cifra che compare tre volte ella stessa posizioe. Possoo essere il 7 i secoda posizioe o il 3 i terza posizioe. Ua soluzioe (co u trattio idichiamo cifre acora icogite) o è possibile, altrimeti ella terza combiazioe ci sarebbero due cifre corrette. Poiché ua sola cifra appare tre volte ella stessa posizioe, delle altre sette al posto giusto e apparirà ua sola i prima posizioe e le altre due volte elle restati tre posizioi rimaeti. Se abbiamo 3 i terza posizioe, allora i secoda posizioe ci sarà il 5 (l uica che appare due volte i tale posizioe), ma ua soluzioe o è possibile a causa della quita combiazioe. Allora avremo 7 i secoda posizioe e i terza posizioe ( è l uica cifra che appare due volte i terza posizioe), quidi I quarta posizioe o può esserci 5 a causa della terza combiazioe, quidi avremo -7-. I ultima posizioe o possoo esserci 4 (per la prima combiazioe) oppure 7 (per la sesta combiazioe), quidi avremo -78. A questo puto provado le combiazioi solo la quita risulta compatibile, quidi la combiazioe fiale sarà 478. Risposta 47 Problema 13 I umeri di Sophie Germai 50 puti Sophie Germai ( ) fu ua doa che si iamorò della matematica dopo aver letto le opere di Archimede. Utilizzò per diversi ai uo pseudoimo maschile perché ai suoi tempi le doe erao escluse dagli ambieti accademici. U umero primo p si dice di Sophie Germai se ache p+1 è primo (ad esempio, 3, 5, 11). Sia S la somma dei primi 013 umeri primi (perdoate il gioco di parole!) di Sophie Germai. Quato vale il resto della divisioe di S per 6? Soluzioe: Ogi umero primo p > 3 è cogruo a 1 oppure a 5 modulo 6, quidi è della forma 6k + 1 oppure 6k + 5. U primo di Germai maggiore di 3 è però ecessariamete cogruo a 5 modulo 6. Ifatti, se p fosse primo e p 6k + 1, allora p + 1 1k + 3 sarebbe divisibile per 3 e duque o sarebbe primo (qui k > 0), o rispettado la defiizioe di primo di Germai. Quidi, a parte e 3, tutti i successivi primi di Germai sarao cogrui a 5 modulo 6. Allora S * *5 4 (mod 6). Risposta: 0004 Osservazioe: o è oto se i umeri di Sophie Germai siao fiiti od ifiiti (è ua cogettura); tuttavia si sa che essi soo più di 013.

11 Problema 14 Ua coppia modera 55 puti I ua coppia modera Aa va a lavorare tutti i giori i treo metre Marco rimae a casa a badare alle faccede domestiche. Aa arriva alla stazioe tutte le sere alle ore 18:00. Marco parte i auto da casa per adare a prederla alla stazioe tutti i giori alla stessa ora i modo da arrivare i stazioe al mometo esatto dell arrivo di Aa, dopodiché torao i auto a casa. Oggi Aa ha termiato prima di lavorare ed è riuscita a predere il treo precedete. Arrivata i stazioe si dirige a piedi verso casa metre Marco igaro di tutto parte alla solita ora i auto. Si icotrao lugo la strada e ritorao a casa i auto arrivado 8 miuti prima del solito. Suppoedo che l auto viaggi sempre alla stessa velocità, che Aa cammii a velocità costate pari ad 1/ della velocità dell auto e che quado si icotrao ripartao immediatamete i auto, a che ora è arrivato oggi il treo su cui viaggiava Aa? Forire la risposta idicado le ore e i miuti, ad esempio se il treo arrivasse alle 17:48 il risultato da riportare sarebbe Soluzioe: Sia v P la velocità a piedi, v A la velocità dell auto, x l aticipo del treo e y lo spazio percorso a piedi. Il tempo impiegato da Aa per percorrere a piedi il tratto y è x y/v A (l aticipo del treo meo il tempo che maca all auto per giugere alla stazioe quado si icotrao), da cui v y x y. v P xvp Risolvedo rispetto ad y si ottiee y. L aticipo co cui arrivao a casa è y/v A (il tempo + vp 1 va che l auto avrebbe impiegato per adare dal puto d icotro fra Aa e Marco alla stazioe e uovamete dalla stazioe al puto d icotro). Sostituedo l espressioe per y trovata i precedeza e ricordado che il rapporto fra le velocità è pari a 1/ si ottiee che l aticipo co cui arrivao è: vp x 1 x y va x x. v A vp v A Misurado il tempo i miuti si ottiee allora x/11 8 da cui x 44. Il treo arriva allora 44 miuti prima delle 18:00, ossia alle ore 17:16. Risposta: 1716 A Problema 15 Spidercam 55 puti U campo da teis di dimesioi 4 m µ 11 m è ripreso da ua telecamera appesa a 4 fili tesi che vao dalla telecamera alla cima di 4 pali alti m e posti ai 4 agoli del campo. U operatore può spostare la telecamera i u puto qualsiasi del campo e ad ua altezza qualsiasi (compresa tra 0 m e m) agedo su u joystick che cotrolla la lughezza dei fili. Qual è la massima somma delle lughezze dei 4 fili i metri (qui itediamo per lughezza di u filo il tratto di filo dalla telecamera alla cima del palo)? 11

12 Soluzioe: Il problema si può modellizzare così: data ua piramide a base rettagolare di dimesioi 4 µ ed ua altezza h, suppoedo che la proiezioe del vertice sul piao di base o sia estero al rettagolo di base, trovare la massima somma della lughezza degli spigoli. E iazitutto chiaro che h deve essere uguale a ; ifatti se h < prededo la piramide avete h ed avete il vertice co la stessa proiezioe sulla base otterrei 4 spigoli ciascuo maggiore dello spigolo corrispodete. Voglio mostrare che il massimo si ottiee quado il vertice della piramide si trova sulla verticale di uo dei vertici del rettagolo. Per questo usiamo u piccolo lemma: dato u rettagolo ABCD (vedi figura) co u puto E su CD, allora AE + BE è massimo quado E coicide co D (o co C). Cosideriamo ifatti il caso i cui E o coicida co C é co D e che sia ad es. DE EC. Rappresetiamo il simmetrico del rettagolo rispetto a CD. Allora si ha che AE + EB A E + EB < A D + BD AD + BD. Questa disuguagliaza si può dimostrare cosiderado il quadrilatero A EBD: l agolo A' ÊB è maggiore o uguale ad u agolo piatto (vedi figura) e la sua bisettrice icotri BD i F. Allora A E + EB < A F + FB < A D + DF + FB A D + BD perché i u triagolo ad agolo maggiore si oppoe lato maggiore e per la disuguagliaza triagolare. Aalogamete se DE > EC. Cosideriamo ora il parallelepipedo rettagolo avete la stessa base della piramide e la stessa altezza. Applicado ua prima volta il lemma al rettagolo avete u lato coicidete co u lato di base del parallelepipedo e il lato parallelo passate per il vertice della piramide, segue che il massimo si ottiee quado il vertice appartiee al perimetro della base superiore del parallelepipedo. Applicado acora ua volta il lemma co u rettagolo avete u lato coicidete co u lato di base del parallelepipedo e il lato parallelo sullo spigolo opposto della base superiore del parallelepipedo segue che il vertice della piramide deve coicidere co u vertice della base superiore del parallelepipedo. Premesso questo possiamo sommare i 4 spigoli della piramide otteedo , Risposta:

13 Problema 16 Numero astroomico 55 puti Quali soo rispettivamete la prima, la duemilaquattordicesima, la duemilavetesima e la seimilatretesima cifra a partire da destra del umero: Naturalmete i scrittura decimale. Soluzioe: 013 ( ) 3? Sfruttado lo sviluppo del cubo di biomio si ottiee: ( ) ( ) ( ) A livello di scrittura decimale si ha: pertato e quidi, i defiitiva, , 6039 cifre , 406 cifre , 013 cifre cifre , ( 1 ) ( 6 + 8) cifre cifre 011 Perciò la prima cifra da destra è u, la 014 a è u 1, la 00 a è uo 0 e la 6030 a è u 9. Risposta 9 cifre cifre 01 cifre 8. Problema 17 L ascesore 55 puti L ascesore di u palazzo ferma ad 11 piai (il piao terra più i piai da 1 a ). Al piao terra salgoo persoe, ogua delle quali va, idipedetemete dalle altre, ad u piao compreso tra 1 e co ugual probabilità. Se o vi soo passeggeri che attedoo l ascesore ai piai superiori, quale è il umero medio di fermate dell ascesore? Detto F questo valore, forire come risposta la parte itera di 00 F. 13

14 Soluzioe 1: Per i { 1,,..., } sia X i 1 se l ascesore ferma al piao i e zero altrimeti. Il valore E[X i] è uguale alla probabilità che l ascesore fermi al piao i, quidi E[X i] 1 (9/) i, ossia 1 meo la probabilità che essuo sceda al piao i. Il umero di fermate dell ascesore è i 1 E[ [ ( ) ] X ] 1 9 / 6, i Soluzioe : Numeriamo i passeggeri da 1 a. Per { } 1,,..., i sia Xi uguale a 0 se il passeggero i va ad u piao uguale a quello di u passeggero j < i, ed uguale ad 1 altrimeti. Ovviamete X 11. Il umero di piai a cui ferma l ascesore è allora 1 + X + X3 + + X. Pertato il umero medio di fermate sarà E[1 + X + X X ] 1 + E[X ] + + E[X ]. Ma E[X i] è uguale alla probabilità che il passeggero i o vada ad u piao uguale a quello dei precedeti i - 1 passeggeri, quidi uguale a (9/) i - 1. Perciò il umero medio di fermate è , Risposta: 6513 Problema 18 Calcolo eigmatico 60 puti + : A sego uguale corrispode cifra uguale (e a sego diverso cifra diversa). Quale umero corrispode alla striga? Soluzioe: Sostituiamo lettere ai simboli i questo modo: 14

15 A, B, C, D, E, F, G, H, L Otteiamo così: ABB C ADE + ADF BG GCH FBC : BBL L Dalla somma (verticale) si deduce D 0 oppure D 9, ma dalla prima sottrazioe(orizzotale) si ricava B > D e quidi D 0. Si ha pure F A e A 4. Dalla prima sottrazioe (orizzotale) si ricava quidi C + E BB 11 (e o altri risultati essedo C + E < 18), cioè B 1. Coseguetemete si ha C F + 1. Dalla divisioe (orizzotale i basso) si ottiee poi L 0, 1, 5, 6 (poiché il quadrato di queste quatità dà u umero che termia co la stessa cifra, s iteda: 1 1 1, 5 5 5, e lo zero è comuque da escludere), oché F L a causa del riporto geerato da L B, voledo eseguire la prova della divisioe stessa. Poiché F è pari, L è dispari co L 7. Si deduce allora che L vale 3 oppure 7. I etrambi i casi dovrà essere C 9, ifatti (dalla moltiplicazioe e dall ultima sottrazioe i verticale) si ha G < A F/, G 3; il prodotto G C deve dare u umero di due cifre, la prima delle quali tale da essere u riporto adeguato a formare il umero 11, cioè BB, ella somma co C 1 e ciò si ottiee solo poedo apputo C 9 e G 3. Quidi L 7. Di cosegueza si ha: F 8, A 4. Immediatamete, eseguedo la prima sottrazioe (orizzotale i alto) e poi l ultima sottrazioe (verticale a destra, oppure la secoda orizzotale), scopriamo che è E e H 5. Soluzioe uica. La striga richiesta sarà FLCA Risposta 8794 Problema 19 Il poligoo di Archimede 80 puti Sia l la lughezza del lato di u poligoo regolare di 96 lati iscritto i ua circofereza di raggio 1. Il umero ((( l ) ) ) può essere scritto come la somma di due radicali quadratici a + b co a < b ed etrambi umeri aturali. Forire il risultato come u umero di 4 cifre i cui le prime due soo le cifre di a e le ultime due le cifre di b (ad esempio per scrivere 0305, per + 41 scrivere 041, per scrivere 1113). Soluzioe: Siao l ed l le lughezze dei lati del poligoo regolare di e lati iscritti i ua circofereza di raggio 1. Cosiderado la figura seguete (Fig. 1) si può provare che 4 l l. 15

16 Fig. 1 Ifatti, applicado il teorema del coseo ai due triagoli AOB e AOC, i cui si itede AC l, si ottiee: AB l e l π π 1+ 1 cos cos, π π 1+ 1 cos cos. l π Dalla prima delle due relazioi si può ricavare cos l, da cui, grazie alla formula di bisezioe relativa al coseo (e ricordado che per > il coseo di π/ è positivo), si ottiee il risultato cercato: l π π 1+ cos cos cos l 4 l + π +. U altro modo, acora per via trigoometrica, per arrivare a questa coclusioe è di otare che, π sempre i riferimeto alla figura 1, l l si (come pure si avrebbe l ). π cos Quidi π 1 π cos si π π l l cos 1 si 1 4 l 4. U terzo modo per provare la formuletta seza far ricorso alla trigoometria è il seguete. Dalla figura, applicado il teorema di Pitagora, otteiamo: OD 1 l. 16

17 Fig. EC CD EC 1 OD l l. 4 Per il primo teorema di Euclide: ( ) AC Prededo la radice quadrata si ha la tesi. Siccome l 6 1 (il lato dell esagoo regolare è uguale al raggio della circofereza circoscritta), applicado ricorsivamete la formula trovata i precedeza, si ottiee l Il umero richiesto dal problema è allora uguale a Risposta: 006 Problema 0 Il gagà 90 puti Per Carlo essere alla moda è idispesabile tato che, per seguire le uove tedeze, si è comprato addirittura tre vestiti. No ha badato a spese e ha pagato complessivamete 1991 Euro. Qual era il prezzo del secodo vestito, sapedo che quello del terzo era il doppio di quello del primo e che per scrivere i tre prezzi i questioe (tutti umeri iteri di Euro) si usao ove cifre diverse tra loro? Poiché il problema ammette più di ua soluzioe, dare come risposta la somma dei prezzi del secodo vestito.. Soluzioe: Siao x, y, z ell ordie i prezzi i Euro dei tre vestiti. Poiché la somma dei prezzi è 1991, si deduce che al massimo u solo prezzo può raggiugere le 4 cifre, ifatti è 1991 < 000. Cosideriamo ora le cifre delle uità (prima cifra a destra) dei tre prezzi. La loro somma deve dare 11 oppure 1, cioè termiare co 1. I casi possibili co cifre tutte diverse fra loro soo idicati elle segueti tere: a) Somma 11: (1,,8), (1,4,6), (1,3,7), (,3,6), (,4,5), (0,,9), (0,3,8), (0,4,7), (0,5,6). Di queste, teedo coto che z x (*), soo papabili solo (1,8,), (3,,6), (6,3,), (,5,4), (7,0,4), (5,6,0), le quali hao l ordie dettato dall ultima cosiderazioe fatta. Testiamole, cosiderado che la somma delle decie (col riporto) deve dare 9 o 19. La prima ci lascia scegliere fra 0,3,4,5,6,7,9 (co ua da escludere). Qui il riporto è 1, quidi serve ua tera che dia somma 8 o 18. L uica possibile, per la somma 8, è (0,3,5). Per le cetiaia restao quidi le cifre 4,6,7,9 (meo ua). No essedoci più riporti, per otteere 19 (ove cetiaia ed u migliaio) o resta che scegliere (4,6,9). Sempre per la (*), le tere avrao quest ordie: 17

18 uità: (1,8,), decie (5,3,0), cetiaia (4,6,9). Da cui : x 451, y 638, z 90, umeri che soddisfao la richiesta. Per la somma 18 la ostra tera (1,8,) richiede per le decie (3,9,6) o (5,6,7) oppure (4,5,9), di cui le ultime due o soddisfao la (*), metre (3,9,6) idica per le cetiaia ua scelta di tre fra 0,4,5,7: o è possibile soddisfare la (*). La secoda tera ci lascia scegliere fra 0,1,4,5,7,8,9 (co ua da escludere). Come sopra dobbiamo comporre somma 8. L uica tera è (0,1,7), applicado la quale però o si riesce a soddisfare la solita codizioe (*). Proviamo co somma 18. Otteiamo (4,5,9), che o soddisfa la (*) o (9,1,8), la quale ci fa scegliere, per le cetiaia, fra 0,4,5,7: o si riesce a trovare ua tera cogrua. La terza ci lascia scegliere fra 0,1,4,5,7,8,9 ( ). Ache i questo caso per le decie ci servirebbe (0,1,7), la quale tera qui potrebbe adar bee, scritta (0,7,1). Per le cetiaia restao 4,5,8,9 ( ): scegliamo (4,5,8). Testiamo quidi i tre umeri x 406, y 573, z 81, i quali, pur soddisfacedo la (*), o dao come somma 1991 come richiesto. Oppure (somma 18) per le decie servirebbe (1,9,8) o (4,5,9), di cui la prima o soddisfa la (*) e la secoda richiama 0,1,7,8, da cui o si costruiscoo tere cogrue. La quarta ci fa scegliere fra 0,1,3,6,7,8,9 ( ). Tera coseguete (0,1,7), vedi sopra; oppure (3,7,8), (6,9,3), (9,1,8), di cui la prima fallisce, la secoda ci porta a scegliere fra 0,1,7,8 seza possibilità di soddisfare la (*) e la terza, co scelta fra 0,3,6,7, ci fa trovare la tera (3,6,7). Testiamo quidi i tre umeri x 39, y 615, z 784, i quali, pur soddisfacedo la (*), o dao come somma 1991 come richiesto. La quita ci fa scegliere fra 1,,3,5,6,8,9 ( ). Tera coseguete (1,,5) per somma 8: vedi sopra. Oppure (1,8,9), (6,9,3), di cui la prima o è fruttifera; la secoda fa scegliere fra 1,,5,8 otteedo la tera fiale (,8,5). Testiamo quidi i tre umeri x 67, y 890, z 534, i quali, pur soddisfacedo la (*), o dao come somma 1991 come richiesto. La sesta ci fa scegliere fra 1,,3,4,7,8,9 ( ). Tera coseguete (1,3,4), la quale qui potrebbe adar bee, scritta (1,4,3). Per le cetiaia restao,7,8,9 ( ), coi quali umeri, però, o si può soddisfare la solita relazioe. Oppure, per somma 18, scegliamo (1,8,9), (,7,9), (3,7,8) ma tutte iefficaci per la (*). b) Somma 1: (4,9,8), (5,7,9), (8,7,6), (9,4,8) già co l ordie dettato dalla solita richiesta. La secoda tera però o va bee, restao (4,9,8), (8,7,6) e (9,4,8). Testiamole, cosiderado che la somma delle decie (essedoci u riporto di ) deve dare 7 o 17. La prima ci fa scegliere su 0,1,,3,5,6,7 ( ). Papabili: (0,1,6), (0,,5). Di queste fuzioa bee solo la secoda, ordiata come (5,,0), per il solito discorso. Per le cetiaia restao 1,3,6,7 ( ). Se vogliamo otteere 19 (vedi sopra) dobbiamo predere ecessariamete il 6 ed il 3 per le cetiaia e 1 per il migliaio. Co ovvie cosiderazioi si trova quidi: x 654, y 9, z La secoda possibilità ci fa scegliere su 0,1,,3,4,5,9 ( ). Papabili (0,,5), (0,3,4), (1,,4), (3,9,5). Di queste fuzioa bee solo la prima, ordiata come (,0,5), per il solito discorso. Per le cetiaia restao 1,3,4,9 ( ). No c è verso di otteere 9 come cetiaia del risultato. La terza possibilità, come la prima, ci fa scegliere su 0,1,,3,5,6,7 ( ) otteedo (0,6,1), (,0,5). Di queste la prima ci lascia,3,5,7, da cui o si reperiscoo cetiaia valide. L altra tera richiama 1,3,6,7, da cui otteiamo (3,7,6). Testiamo quidi i tre umeri x 39, y 704, z 658, i quali, pur soddisfacedo la (*), o totalizzao la somma di 1991 come ivece richiesto. I coclusioe il problema ammette le due soluzioi y1 638, y 9, la cui somma dà 667. Risposta

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli