comune di Guardare al futuro senza voltarsi... Il Comune non ha più soldi... non è vero, i soldi ci sono ma non si possono spendere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "comune di Guardare al futuro senza voltarsi... Il Comune non ha più soldi... non è vero, i soldi ci sono ma non si possono spendere"

Transcript

1 comune di Anno 26 N Periodico edito a cura dell Amministrazione Comunale In primo piano Guardare al futuro senza voltarsi... Il Comune non ha più soldi... non è vero, i soldi ci sono ma non si possono spendere Uno sguardo al passato... un impegno per il futuro Cinque anni di sociale Evviva lo sport Impegno e oculatezza danno sempre buoni risultati... nonostante tutto Auser Ferno - insieme si sta meglio 1

2 comune di Direttore Responsabile Mauro Cerutti Comitato Editoriale Gesualdi Filippo, Sergio Zaro, Sarah Foti, Silvio Faresin, Angelo Alabiso, Carla Sartori, Rossana Garlaschi. Editore Comune di Ferno Esecuzione Grafica Emanuela Guzzetti, Dario Zaffaroni Realizzazione, Stampa e Pubblicità TIPOGRAFIA ZAFFARONI snc Via al Corbé MOZZATE (Co) tel Registrazione del Tribunale di Busto Arsizio n. 4/85 del La foto di copertina è di Paolo Risi Chiuso in redazione il NUMERI UTILI Ufficio del cittadino Centralino Comune Fax Comune Area Tecnica Area Economica Ufficio Ragioneria - Unione dei Comuni Ufficio Anagrafe Ufficio Tributi Ufficio Protocollo Ufficio Segreteria Area Socio Culturale Biblioteca comunale Ufficio Commercio Ufficio InFormaLavoro Asilo Nido Comunale Segretria Istituto Comprensivo Scuola Media Scuola Elementare Corpo di Polizia Locale Protezione Civile sede Lonate Pozzolo S.A.P Farmacia Terminal 1 Malpensa Indirizzo IN QUESTO NUMERO: Editoriale del Sindaco...Pag. 3 Urbanistica - Ecologia - Ambiente Guardare al futuro senza voltarsi...pag. 4 Programmazione finanziaria Il Comune non ha più soldi... non è vero, i soldi ci sono ma non si possono spendere...pag. 6 Cultura Uno sguardo al passato... un impegno per il futuro...pag. 7 Servizi Sociali Cinque anni di sociale...pag. 9 Sport e Tempo Libero Evviva lo sport...pag. 10 Lavori Pubblici, Ambiente e territorio Impegno e oculatezza danno sempre buoni risultati... nonostante tutto...pag. 11 Gruppi Consiliari Cinque anni...pag. 14 Gruppo consiliare Uniti per Ferno...Pag. 15 Famiglie, garanzia per il futuro...pag. 16 SAP...Pag. 17 Associazioni Colpi di frusta a ritmo di musica. Passato, presente e futuro del gruppo folcroristico frustatori Ferno. I frustatori raccontano in un libro i loro primi venticinque anni di attività...pag. 18 Kung Fu - L anno del dragone...pag. 18 Acli - Associazione Cristiana Lavoratori Italiani...Pag. 19 La banda, ovvero il corpo musicale di Ferno...Pag. 20 Centro Diurno Anziani...Pag. 21 Opera Nazionale, Regionale e Provinciale per i Caduti senza Croce - Delegazione di Ferno...Pag. 22 Nucleo Protezione Civile Carabinieri in congedo di Ferno...Pag. 23 A.S.D. Sbandieratori di Ferno un anno fantastico...pag. 24 Consulta Sportiva - Lo sport!...pag. 25 Andiamo al laghetto...pag. 26 RICEVIMENTO ASSESSORI E SINDACO SINDACO Mauro Cerutti Vicesindaco Gian Franco Baroncelli Assessore Giorgio Bertoni Assessore Filippo Gesualdi Assessore Anselmo Palmieri Assessore Tiziana Zanconato Lavori Pubblici Patrimonio Programmazione Finanziaria Attività Educative e Culturali Sport e Tempo Libero Servizi alla Persona giovedì lunedì mercoledì mercoledì lunedì giovedì lunedì giovedì lunedì giovedì solo su appuntamento Si invitano i Sigg. Utenti a fissare sempre un appuntamento con i rispettivi uffici di riferimento. orari di apertura al pubblico degli uffici comunali Segreteria Affari Generali: aperta al pubblico tutti i giorni, da lunedì a venerdì, dalle 9.00 alle 13.00, e il lunedì e giovedì anche dalle alle Servizi demografici: Lunedì: Dal martedì al venerdì: Sabato: Ufficio tecnico - Tributi Commercio, Polizia Amministrativa Lunedì: Martedì Giovedì: Venerdì Ufficio Socio-Culturale Ragioneria Martedì, mercoledì, venerdì: 9-13 Lunedì e giovedì: Biblioteca Lunedì e giovedì: Martedì: Ufficio Informa Lavoro (presso la stazione ferroviaria Ferno - Lonate Pozzolo) Lunedì: / Martedì: Mercoledì: Giovedì: / Ufficio Protocollo Segreteria Affari Generali Lun. mart. merc. ven Giovedì: Tutto il Comune di Ferno in rete: 2

3 Editoriale Cari concittadini, con questo numero del notiziario, termina il mandato amministrativo iniziato nel Sono già passati 5 anni di un esperienza stimolante sotto molteplici aspetti anche se negli ultimi due o tre anni fortemente condizionata e penalizzata dalla situazione nazionale e dai vincoli imposti dalle vigenti normative. Per il bene della nostra Ferno ho tenuto fede ai principi che hanno sempre ispirato il mio lavoro e il rapporto quotidiano con tutti Voi: credibilità, concretezza e coerenza. Tante cose sono state fatte, anche se di più si sarebbe voluto fare, se non fosse per le disposizioni di legge che hanno blindato e che vincolano tuttora il bilancio comunale. Come ho avuto modo più volte di ribadire, occorre oggi una visione programmatoria che va oltre il quotidiano, che guarda al futuro sotto molteplici aspetti. Il nostro quotidiano è fortemente condizionato e influenzato da fattori nuovi che il mondo globale ci propina costantemente, con il forte rischio che le sue artificiose proposte, portino alla perdita della reale considerazione dell essere umano e di tutto ciò che lo circonda. Non è stato facile mantenere il decoro urbano, pianificare interventi e manutenzioni, salvaguardare gli aspetti sociali e culturali, soprattutto al fine di garantire la crescita e la formazione dei nostri ragazzi, sostenere le associazioni locali portatrici delle nostre tradizioni. Attraverso il P.G.T. (Piano di governo del territorio) si sono dettate le regole per uno sviluppo coordinato del nostro paese, superando luoghi comuni e con coraggio e concretezza, si è voluto guardare alla realtà e gettare le basi per considerare il nostro territorio una fonte di consolidamento economico, non solo subalterno alla presenza dell aeroporto di Malpensa e al suo potenziale sviluppo e indotto. In questi anni ho potuto constatare che la credibilità della nostra gente è un valore aggiunto e non ho mai smesso di evidenziare e portare ad ogni tavolo di confronto, dal governo centrale alla regione alla provincia, questa mia solida convinzione. Abbiamo affrontato sfide durissime a livello legislativo: la coerenza mi ha permesso di trattare a testa alta, di sostenere i nostri diritti, di affrontare le problematiche che hanno visto Ferno in prima linea: l addizionale comunale di imbarco, le nuove norme Enac sui piani di rischio sul volo, la sicurezza del territorio e dell ambiente. TANTO c è ancora da fare. Una realtà come la nostra ha costantemente l esigenza di confrontarsi e di non perdere dietro alla demagogia, il senso reale delle esigenze e la possibilità di crescere, nonostante tutto, e guardare al domani credendo pienamente e consapevolmente di esserci già dentro, perché l oggi è ormai vecchio, superato. Colgo l occasione per ringraziare tutti Voi per la collaborazione e per essermi stati vicino, dandomi la forza di non cedere mai, consolidando in me la consapevolezza che Ferno ha la forza per superare questo momento particolarmente difficile e progredire nei suoi valori e ideali più profondi. Il Vostro Sindaco Mauro Cerutti 3

4 Assessorato all Urbanistica - Ecologia - Ambiente Guardare al futuro senza voltarsi Certamente parlare di futuro in questo delicato momento può sembrare utopistico. Ma si deve, assolutamente. E proprio nei momenti difficili che si vede la forza di una comunità che crede nella ripresa e nella volontà di mantenere la dignità indispensabile per far emergere tutti quei valori che hanno caratterizzato e rafforzato la sua identità. La determinazione che ha guidato in questi anni il rapporto con il territorio, in tutte le sue componenti e rappresentanze, ha fatto in modo di farci occupare uno spazio di primo piano: l attenzione nei nostri confronti non è mai venuta meno anzi, spesso siamo stati il punto fermo e determinante per affrontare e risolvere problematiche complesse. Un esempio su tutti la stazione ferroviaria e la fermata dei treni che garantisce un migliore servizio, oltre al confronto costante con Regione, Governo centrale e istituzioni di ogni ordine e grado. Certamente questo momento di crisi globale, ha snaturato in poco tempo il compito dell amministrazione comunale. Le difficoltà di esercitare il ruolo fondamentale di indirizzo della propria sovranità, a sostegno dei bisogni della propria gente, hanno generato una sfiducia generalizzata e diffusa, facendo emergere la fragilità di un sistema che occorreva modificare parecchi anni addietro con coraggio, con idee nuove, con la volontà di rimuovere uomini e funzioni non più al passo con i tempi. Proprio qui sta il centro di tutti i nostri problemi: consumismo, globalizzazione senza controllo, integrazione senza una adeguata programmazione dei reali bisogni, la difesa ad oltranza di lobby consumistiche, la perdita di valori fondamentali quali la famiglia, la solidarietà, l attenzione all ambiente evitandone lo sfruttamento indiscriminato, il non considerare la persona come strumento di unione, dimenticare l identità culturale e morale delle nostre radici e tradizioni, il venir meno della forza innovatrice. Penso, senza peccare di presunzione, che Ferno nonostante tutto, ha cercato di attutire questo urto destabilizzante, cercando di mantenere quell attenzione indispensabile per aggregare e fare emergere tutto il potenziale presente, gettando le basi di una aggregazione che va oltre la consuetudine, in grado di unire gli sforzi e sopperire alle difficoltà anche economiche. Bisogna crederci. E questo il ruolo fondamentale di un amministratore: la politica non è il fine ma il mezzo per poter supportare il lavoro e concretizzare gli obiettivi. Parlare alla propria gente senza faziosità, con trasparenza, senza false illusioni, programmare il futuro e lo sviluppo del proprio territorio, guardare con obiettività alla crescita complessiva tenendo in considerazione tutte le componenti interessate, indicare scelte che guardano al bene comune, difendere l ambiente e la salute dei propri cittadini, garantire i fondamentali servizi per una crescita sociale condivisa in tutti i settori, in particolare quelli più sensibili. Per garantire tutto questo bisogna avere la forza e la consapevolezza di prendere decisioni che permettano di creare alternative e possibilità di sviluppo, ampliare le modalità di intervento e di scelte. La riflessione sul futuro della città e del suo sviluppo urbanistico deve diventare un progetto che va al di là dell ambito puramente tecnico. Infatti la trasformazione deve tener conto anche della sostenibilità ambientale, creando forme di intervento e di incentivazione, in particolare per il recupero degli ambiti dismessi e del centro storico. E evidente che tutto deve partire dall interesse del privato, proprietario e/o operatore, coadiuvato da uno studio di fattibilità che il nostro strumento urbanistico (PGT) contempla tra le diverse opportunità. Occorre ribadire che questo strumento, approvato nel Ferno è stato tra i primi comuni a raggiungere questo importante obiettivo - è perfettibile e dunque modificabile, e ben si presta a recepire orientamenti che vanno verso soluzioni che evidenziano la bontà architettonica e paesaggistica del nostro centro urbano. In questo ultimo periodo, nonostante la crisi finanziaria faccia sentire tutta la sua drammatica 4

5 Assessorato all Urbanistica - Ecologia - Ambiente voce, si è cercato, nonostante tutto, di godere di tutte le opportunità che potessero andare a beneficio delle nostre esigenze e completare progetti in itinere da diverso tempo. I finanziamenti regionali e del Parco del Ticino sono stati indispensabili per completare l area educativa, ludico-ricreativa e sportiva del nostro parco pubblico. Nell area mercato, ideata per un più ordinato e usufruibile spazio per l esercizio ambulante, la pavimentazione è fatta con autobloccanti fotocatalittici fabbricati con materiale in grado di assorbire, almeno in parte, le polveri sottili (PM10), dimostrando la nostra attenzione alla problematica dell ambiente. Questo è l inizio di un percorso che ci vedrà impegnati a perseguire obiettivi e interventi urbanistici, che vanno a favore dell ambiente e della salute pubblica. Un progetto che anche Ferno ha sottoscritto con il Patto dei Sindaci, contemplato negli indirizzi di Agenda 21. L area dismessa della ex manifattura, è oggetto della mia particolare attenzione. Questo è un momento che non facilita l approccio di operatori, anche se in questi ultimi tempi ci sono stati vari contatti e approfondimenti per trovare una possibile soluzione e iniziare quella riqualificazione, indubbiamente di qualità, che possa coesistere con il contesto che circonda l area e valorizzi l ingresso della nostra cittadina. Obiettivo perseguito anche da parte della proprietà, nel contesto del valore economico e del piano finanziario complessivo dell intervento. Una attenzione particolare è costantemente dedicata alle aree delocalizzate. Situazione soggetta a diversi vincoli legati principalmente alla natura dell accordo quadro, che si è ulteriormente complicata con l applicazione da parte ENAC delle nuove norme sui piani di rischio legati alla sicurezza del volo. Norme vincolanti che vanno a ridurre l effetto del nostro PGT, in riferimento alle prospettive di sviluppo prospettate e individuate proprio a ridosso del perimetro aeroportuale, per insediamenti produttivi, logistici, direzionali, artigianali ecc. Sono state avanzate diverse ipotesi, recepite anche nel nostro piano di governo del territorio, dove il capitolo innovativo della perequazione può dare alternative interessanti per trovare una soluzione, coinvolgendo anche i Comuni di Lonate e Somma. Questa, comunque, è una materia che è stata impugnata legalmente da tutti noi, comuni aeroportuali aderenti ad ANCAI, dove Ferno siede nel Comitato Direttivo. Abbiamo predisposto il progetto preliminare della nuova scuola materna, con lo stanziamento finanziario per la realizzazione delle prime tre sezioni delle 5 complessive previste. Una scelta impegnativa in considerazione dei vincoli del patto di stabilita che diversifica il progetto in due momenti determinanti: la realizzazione dell opera e la gestione della stessa. Questo ulteriore balzello dettato dalle ultime direttive per le pubbliche amministrazioni è in continua evoluzione modificando le possibilità di intervento, arrivando all impedimento, di fatto, della sua momentanea realizzazione. Si sta operando nel campo della pubblica illuminazione e nella rete di distribuzione del gas, per cercare economie va vanno anche a favore dell eco sistema ambientale. Stiamo operando per il potenziamento delle telecamere di sorveglianza nei punti sensibili del territorio, per dare maggior sicurezza ai cittadini e per prevenire comportamenti irresponsabili. Molto altro si potrebbe fare con i fondi di tutti i nostri cittadini, ma vincolati dalle leggi imposte, rimane comunque una risorsa indispensabile il nostro impegno a non cedere di fronte alle difficoltà, mantenendo forte la volontà di operare al meglio per la crescita della nostra Ferno. Il Sindaco Mauro Cerutti 5

6 Bilancio Assessorato alla Programmazione Finanziaria Il Comune non ha più soldi non è vero, i soldi ci sono ma non si possono spendere. Sempre più spesso mi sento chiedere: Ma è vero che il Comune non ha più soldi? la risposta non è semplice. Il Comune ha in cassa molti soldi ma non li può spendere per effetto del cosiddetto Patto Di Stabilità. Ma cos è questo Patto di Stabilità? Introdotto nel nostro ordinamento nel 1998 in applicazione ad un accordo che lo Stato Italiano ha assunto con gli altri Stati Europei, in sede comunitaria, in base al quale i singoli Stati si impegnano a diminuire i debiti nei confronti degli altri stati. Ovviamente a cascata interessa oltre allo Stato anche Regioni, Provincie e Comuni che devono contribuire alla riduzione del debito pubblico nazionale, osservando, di anno in anno, regole sempre più restrittive. Regole che mettono in difficoltà gli stessi Comuni nella realizzazione della programmata attività a favore della cittadinanza. Fino ad alcuni anni fa (con il precedente Governo Berlusconi) il Patto era impostato sul concetto dei limiti di spesa: i comuni non potevano spendere più di un certo importo calcolato principalmente sulle spese dell anno precedente. Poi (con l ultimo Governo Prodi) è stato introdotto il concetto del saldo finanziario ponendo dei vincoli calcolati sulla media degli ultimi tre anni: l effetto è quello che se un Comune per un anno risparmia per mettere in cantiere l anno successivo un opera importante si trova penalizzato perché la media dei pagamenti dell anno prima è ovviamente molto bassa. Per rispettare il Patto il comune non può pagare anche se i soldi sono in cassa. Si assiste al paradosso che il Comune pur rispettando il pareggio di bilancio e la copertura delle spese/investimenti da sostenere non riesce a pagare le scadenze alle date prefissate per non uscire dal patto di stabilità. Cosa succederebbe se non rispettassimo il Patto di Stabilità? Se non rispettassimo il patto di stabilità incorreremmo in una serie di sanzioni molto pesanti, fra le quali: La sanzione di gran lunga più grave sarebbe la riduzione dei trasferimenti ordinari dovuti dallo Stato al Comune, ora fondo sperimentale di riequilibrio (cioè soldi che lo Stato versa al Comune annualmente). Di conseguenza dovremmo ridurre le spese correnti; ridurre le manutenzioni ordinarie di strade, verde pubblico, ecc.; ridurre drasticamente l erogazione dei servizi quali contributi dei servizi sociali, contributi alle scuole di ogni ordine e grado. Altra sanzione sarebbe il divieto di assunzione di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia di contratto o la risoluzione di alcuni contratti in essere che comporterebbe un pesantissimo rallentamento dell attività amministrativa. Per ultimo il divieto di ricorre all assunzione di qualsiasi mutuo per la realizzazione di nuove opere pubbliche (strade, scuole, marciapiedi, ecc.) cosa che già da tempo non stiamo facendo. Come se ne esce? La risposta non è semplice. Certo i Comuni devono fare la loro parte nello sforzo di mettere in ordine i conti dello Stato. Sacrosanto il patto di stabilità per evitare ciò che in anni passati ha portato in alcuni enti pubblici ad una gestione dissennata che vedeva sprechi e indebitamenti crescere a dismisura. D altro canto NON MI SEMBRA assolutamente corretto che comuni come il nostro considerato comune virtuoso secondo i parametri stabiliti con D.L. 98/2011 non possano utilizzare i propri soldi. La soluzione sarebbe semplice, lasciare usare l avanzo di amministrazione accumulato negli anni precedenti senza considerarlo nel computo del patto di stabilità pari a oltre In parole semplici. IL COMUNE DI FERNO HA GESTITO I SOLDI IN MODO CORRETTO, HA CHIUSO I BILANCI IN POSITIVO, HA ACCUMULATO RISPARMI NEGLI ANNI PASSATI. Credo sia corretto che i fernesi in questi anni difficili possano e debbano spendere i loro soldi. L Assessore alla Programmazione Finanziaria Dott. Giorgio BERTONI di MARIO ASPESI & C. sas IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI E CIVILI RIPARAZIONI VIDEOCITOFONI IMPIANTI TV TV CC SATELLITI CANCELLI S.MACARIO (VA) - Via XXII Marzo, 17 - Tel. / Fax (0331)

7 CULTURA Assessorato alle Attività Educative e Culturali Uno sguardo al passato... un impegno per il futuro Alla fine di un percorso amministrativo di cinque anni, durante il quale si è coinvolti in prima persona, è naturale guardarsi indietro e fare un bilancio di un lavoro faticoso, articolato, straordinario. E nel soffermarsi sulle cose fatte, ci si rende conto che è difficile riportare in modo esauriente, in poche righe, le tante iniziative intraprese. I contatti avuti ogni giorno con la gente, la ricchezza e la vivacità delle relazioni umane costruite, sono state un costante stimolo a fare sempre meglio per soddisfare le richieste e le esigenze dei cittadini fernesi. Se mi guardo indietro vedo con soddisfazione quello che è stato fatto dal maggio Non sembra possibile che in soli cinque anni la situazione sia cambiata in modo così radicale, ma la crisi ancora non ci aveva colpito così duramente. Ma fin da subito la condotta amministrativa di questa giunta si è delineata nel segno di un attenta gestione del denaro pubblico per poter dare a Ferno, oltre a tutti i servizi essenziali e indispensabili per la cittadinanza, tutti quei momenti di cultura, svago e divertimento che ci hanno visti protagonisti. Ognuno di questi meriterebbe un ricordo, ma tutto si ridurrebbe ad un elenco, fortunatamente assai corposo, con il rischio tuttavia di dimenticare qualcosa o trascurare i particolari di quanto si è fatto. Non posso tuttavia assolutamente tralasciare il costante e notevole impegno finanziario e umano che ha contraddistinto questa amministrazione nei confronti delle nostre scuole di ogni ordine e grado. Si è sempre lavorato affinché le scuole fernesi potessero mantenere quella qualità, sia dal punto di vista dell offerta formativa sia dal punto di vista delle strutture, che è sempre stata apprezzata e riconosciuta da più parti. La collaborazione con la dirigenza scolastica e gli insegnanti ha permesso di realizzare numerosi progetti che hanno coinvolto i nostri ragazzi sempre pronti a rispondere con entusiasmo. L ultimo in ordine di tempo il progetto degli orti didattici che sarà realizzato presso il Centro di Educazione Ambientale, inaugurato nell aprile 2011, altro importante tassello all ambizioso progetto di riqualificazione ambientale della zona Sud Est del territorio comunale. Questo progetto, fortemente voluto dall Amministrazione Comunale, è stato patrocinato e in gran parte finanziato dal Parco del Ticino, che ne ha riconosciuto l alta valenza ambientale, educativa e sociale. Il progetto degli orti didattici coinvolgerà i ragazzi della scuola primaria e secondaria, e vedrà la preziosa collaborazione dei Volontari del Laghetto, nonni e genitori. La qualità degli interventi ha riscosso anche la fiducia di cittadini benemeriti che, per dimostrare la condivisione del nostro impegno, hanno effettuato donazioni che hanno consentito di dotare il nostro istituto delle più avanzate tecnologie ponendolo così all avanguardia tra le scuole delle nostra zona. Il potenziamento dell aula di informatica della scuola secondaria e l installazione di alcune lavagne multimediali di ultima generazione, sono il risultato di questa virtuosa collaborazione. A tutti va il mio personale ringraziamento con l auspicio di potere, insieme, raggiungere ancora tanti obiettivi. Tra gli eventi più importanti di questi cinque anni voglio ricordare con piacere le celebrazioni che hanno coinvolto le numerose associazioni fernesi: ad ognuna va la mia gratitudine e la mia riconoscenza perché senza di loro non sarebbe stato possibile realizzare gran parte delle manifestazioni. L impegno delle associazioni, che a volte è andato anche oltre le proprie possibilità, è quanto di più bello mi porto dentro: la collaborazione senza sosta, pronta e puntuale, il mettersi a disposizione della comunità anche quando gli impegni diventavano più gravosi, sono un esempio luminoso di cui ogni fernese deve essere fiero. Ed io ho avuto il privilegio di poter lavorare al loro fianco e simbolicamente voglio stringere la mano ad ognuno. Grazie, senza di voi avrei potuto fare ben poco. Tutto il lavoro svolto è stato anche il frutto del lavoro di una maggioranza coesa, compatta, che ha messo al primo posto i cittadini e portato in campo quanto di meglio poteva per amministrare Ferno, mantenendo lo sguardo rivolto al futuro. Gli interventi fatti lo dimostrano. Uno su tutti è l area feste. Un impegno preso con le associazioni che, dopo tanto lavoro burocratico e amministrativo, finalmente sta per vedere la luce. Un luogo dove ognuna di loro potrà avere quello spazio che per anni è sembrato solo un miraggio e che noi abbiamo trasformato in una realtà tangibile. Un altro impegno preso e mantenuto con le associazioni è il nuovo regolamento per l istituzione dell albo comunale delle associazioni no-profit e per la concessione di benefici economici finalizzati al sostegno di attività a rilevanza civile, sociale, culturale, ricreativa, sportiva e ambientale. Questo nuovo strumento permetterà di poter 7

8 assegnare con trasparenza ed efficienza tutti quei contributi necessari al funzionamento delle associazioni e alla realizzazione delle manifestazioni. Grazie alla qualità delle proposte, importanti realtà del territorio hanno deciso di sponsorizzare numerosi eventi che hanno caratterizzato la vita culturale della nostra comunità. Certo, qualcuno potrebbe dire che si poteva fare di più. È vero. Per esempio la nuova scuola dell infanzia. Pur essendo totalmente finanziata non è stato possibile poterla realizzare. Infatti i tagli alla spesa imposti dalle ultime finanziarie hanno impedito di garantire che, una volta costruita, si potessero sostenere i costi per i servizi necessari al suo funzionamento. Anche l idea di renderla a gestione statale è stata subito bloccata da parte degli enti sovracomunali poiché non si potevano garantire adeguate coperture finanziarie. Ci stiamo adoperando per verificare l esistenza di altre soluzioni gestionali che possano in futuro garantire il funzionamento della scuola dell infanzia mantenendo gli standard qualitativi a cui ogni bambino ha diritto. Questo per evitare che una volta costruita, la scuola diventi una cattedrale nel deserto ma rappresenti invece in futuro un importante punto di riferimento per le famiglie fernesi. Vorrei concludere ringraziando ancora una volta tutti coloro che mi hanno sostenuto, che hanno collaborato e condiviso questa esperienza. Ringrazio anche chi ha mosso le proprie critiche, perché grazie a quelle ho avuto lo stimolo di trovare sempre nuovi margini per una migliore riuscita personale, oltre che politica. Condivido con voi i buoni risultati, che sono un nostro successo. Mi scuso per eventuali esiti meno positivi. Sono certo che comprenderete che anche con le più buone intenzioni, a volte si può sbagliare. Ma mi auguro in ogni caso di potervi ritrovare in futuro per rinnovare la mia stima e il mio apprezzamento nei vostri confronti. Un saluto e un arrivederci presto. Filippo Gesualdi Assessore alle Attività Educative e Culturali Si informa che sul sito del Comune di Ferno è disponibile il calendario degli eventi previsti nel corso dell anno Si avvisano le associazioni che non avessero provveduto all invio delle proprie attività programmate per l anno in corso, che è possibile integrare il calendario rivolgendosi all ufficio cultura. 8

9 SERVIZI SOCIALI Assessorato ai Servizi Sociali Cinque anni di sociale Questo è l ultimo articolo del notiziario di questo mandato elettorale e quindi è utile tracciare un bilancio di questi 5 anni di interventi nel campo sociale. Il termine sociale abbraccia un raggio di azione veramente ampio: dai più piccoli agli anziani, dalle famiglie ai progetti realizzati a livello distrettuale. Per i più piccoli l attenzione è stata posta in particolar modo nei confronti del servizio di Asilo Nido, con interventi strutturali all edificio - il rifacimento del tetto e la sistemazione degli ambienti interni - ma soprattutto puntando sull offerta educativa, per garantire l apertura estiva anche per il mese di luglio, l adesione ai progetti Nati per leggere e Nati per la musica, la psicomotricità e la psicopedagogia, la redazione della carta dei servizi, l Open day nell ambito del progetto visibilità, la collaborazione con la consulta nido e con la scuola dell Infanzia. La convenzione con il Comune di Samarate ha consentito, con la riserva di 4 posti per i nostri vicini, di ottimizzare il numero delle frequenze coprendo così tutti i 30 posti e snellendo la lista di attesa del comune a noi confinante. Altro intervento importante è il sostegno alle famiglie in difficoltà con aiuti economici e l accompagnamento all autonomia attraverso l adesione ai vari progetti regionali e dell ambito distrettuale, sempre coadiuvati in modo puntuale e preciso dagli uffici competenti. Da non dimenticare il sostegno alle famiglie con figli diversamente abili, attraverso il mantenimento della collaborazione con le varie strutture per la frequenza diurna e con le varie opportunità di accesso ai contributi regionali. Particolare attenzione è rivolta ai giovani, specialmente per la fase delicata dell adolescenza con progetti di educativa di strada per aiutarli a riconoscere ed evitare situazioni di disagio e possibile devianza. Anche per questo settore la collaborazione con l ambito distrettuale e alcune Associazioni di Volontariato presenti sul territorio, ha permesso di attuare importanti progetti di cooperazione. Nei confronti delle persone anziane l attenzione è sempre alta: l assistenza domiciliare per le azioni quotidiane di accudimento personale attraverso una cooperativa specializzata, la convenzione con il Centro Accoglienza Anziani di Lonate Pozzolo per la fornitura di pasti caldi a domicilio, il supporto al Centro Diurno Anziani di Ferno per tutte le attività da loro svolte al fine di rendere meno solitaria la loro giornata (per citarne alcune la Festa dei Nonni, il pranzo degli auguri di Natale, le numerose gare di briscola, scala 40 e bocce organizzate anche in occasione della manifestazione Ferno in festa ). Al di fuori dei normali servizi offerti di norma alla popolazione, altri accordi sono stati stipulati per agevolare la fruizione di alcuni importanti diritti: una convenzione tra il Centro Accoglienza Anziani di Lonate Pozzolo e l ASL per l apertura di uno sportello distaccato dal distretto di Somma Lombardo per le pratiche di scelta e revoca del medico Curante, il rinnovo delle esenzioni dal ticket, la prenotazione di esami diagnostici presso gli Ospedali della zona, consente di evitare di recarsi personalmente al distretto di Somma. Si sta anche per realizzare il protocollo d intesa con il comune di Samarate, numerosi altri Comuni della Provincia e l Associazione AND per l adozione di buone prassi da seguire per cercare di prevenire la dipendenza da gioco d azzardo. Nonostante le sempre più scarse risorse erogate ai Comuni (anche a livello distrettuale) lo sguardo ai problemi sociali non è mai stato distolto. In un ottica di collaborazione con le persone che vogliono mettere a disposizione della comunità il loro prezioso tempo libero, è stato istituito l albo dei volontari. L aiuto di queste splendide persone permette di realizzare attività impensabili per la nostra Amministrazione sia in campo culturale che sociale e ambientale. Mi sento in dovere di ringraziare tutto il personale dell Ufficio Socio-Culturale che con professionalità, competenza e gentilezza svolge puntualmente il proprio lavoro, offrendo indicazioni e strumenti all utenza per usufruire di tutte le opportunità che le normative vigenti offrono. Tiziana Zanconato Assessore ai Servizi Sociali 9

10 SPORT E TEMPO LIBERO Assessorato allo Sport e Tempo Libero Evviva lo Sport Saluti a tutti Voi cari concittadini, in questo ultimo articolo sarebbe troppo scontato per me parlare di bilanci rispetto al quinquennio trascorso ad amministrare e troppo ovvio parrebbe illustrare ciò che si è fatto. Io invece parlerò di quello che ci potrebbe riservare il futuro, mi riferisco in modo particolare alle difficoltà che la prossima amministrazione si troverà a dover fronteggiare. Purtroppo lo sport non è uno di quei settori che stanno in cima alle priorità di una comunità visto che le difficili condizioni di vita dettate dalla crisi globale impongono delle scelte che mirano sempre più al sostentamento delle famiglie che alla possibilità di investire in altri ambiti, come quello sportivo. Questa situazione mi auguro si risolva al più presto così che quei pochi fondi previsti per l area sportiva non vengano cancellati in corso d opera come successo in questo ultimo anno. Lo sport è una componente importantissima nella vita di un essere umano e come tale dovrebbe assumere un ruolo primario nella nostra società in quanto non si deve considerare solo come un momento ricreativo ma si dovrebbe riconoscere definitivamente come una occasione educativa. Utilizzo la parola occasione perché a parer mio chi dovrà scegliere nel prossimo futuro, se pur tra mille priorità, riservi sempre uno spazio allo sport e al buon lavoro che le nostre società sportive hanno fatto e sicuramente faranno per poter garantire ai nostri ragazzi un offerta sportiva sempre più ampia e di qualità. Colgo l occasione per ringraziare pubblicamente tutte le autorità che in questi anni sono state sempre vicine con la loro presenza ai momenti sportivi fernesi e mi riferisco in particolar modo al Presidente del Coni provinciale Origlio,al Consigliere Regionale Puricelli e all Assessore Provinciale Martignoni. Un ringraziamento a tutte le persone dei nostri uffici comunali che con pazienza e attitudine hanno permesso il raggiungimento di molti obiettivi e un ringraziamento speciale a coloro che operano a vario titolo nelle società sportive fernesi che con grande sacrificio e dedizione garantiscono la sopravvivenza dello sport a Ferno. Cordialmente. Anselmo Palmieri Assessore allo Sport e Tempo Libero Per ricevere in tempo reale tutte le notizie inerenti la vita del Comune di Ferno, invitiamo i cittadini a visitare il sito TEZZA MARCO Imbiancature e Verniciature Interni ed esterni Via Matteotti 29 Ferno -VA- Cell

11 lavori pubblici, ambiente e territorio Assessorato ai LL. PP. e Patrimonio Impegno e oculatezza danno sempre buoni risultati... nonostante tutto Il mandato ricevuto dai cittadini nel 2007 di amministrare del Comune di Ferno si sta per concludere. Riteniamo, con un pizzico di orgoglio, di avere operato e fatto scelte che andassero innanzi tutto a beneficio e nell interesse di tutta la comunità, amministrando il denaro pubblico con parsimonia e oculatezza e senza sprechi. Tutto ciò assume ancora più significato se si considera che sono stati anni non facili, caratterizzati da tanti eventi economici, sociali,finanziari, politici, nazionali e mondiali negativi sotto molteplici aspetti. Uno di questi aspetti negativi per i Comuni è il ben noto Patto di Stabilità. Adottato in coerenza con la disciplina europea al momento dell entrata dell Italia nella moneta unica (1999) ed esteso alle amministrazioni locali con l obiettivo di attuare politiche di rigore nell attenzione della spesa pubblica e di incentivare le economie territoriali. Col passare degli anni le disposizioni ministeriali intervenute si sono fatte sempre più stringenti e hanno praticamente ingessato i Comuni nella loro autonomia gestionale-organizzativa di intervento e di spesa a beneficio dei bisogni delle loro comunità. L ultima stangata in ordine di tempo per i Comuni si è avuta con le recenti manovre del governo Monti dove, non solo si confermano tutti i tagli ai trasferimenti già attuati negli ultimi anni ai Comuni, ma si prevedono ulteriori tagli nel 2012 di 1,45 miliardi di euro al Fondo Sperimentale di Riequilibrio(FSR) destinato ai municipi. L introduzione dell IMU (ex ICI) non porterà né ad un miglioramento dell autonomia finanziaria dei Comuni né a maggiori risorse (a fronte però di maggiori imposte per i cittadini) visto che l eventuale aumento del gettito sarà compensato da un corrispondente ulteriore taglio del FSR, senza dimenticare che il 50% dell IMU sui fabbricati e terreni (esclusa la 1^ casa di abitazione) è versato direttamente allo Stato. PALESTRA REHAB & FITNESS DIVISION Sauna Bagno Turco Idromassaggio Attrezzature Isotoniche Viale Europa, 39 S. Macario di Samarate (Va) Tel./Fax F.LLI FORTE Studio Massofisioterapico Massoterapia Diadinamica Ionoforesi Tens Elettrostimolo Laserterapia Magnetoterapia Ultrasuonoterapia Corsi di ginnastica assistita Riabilitazione in acqua Via Pola, 28 S. Macario di Samarate (Va) Tel./Fax

12 Complessivamente, solo nel 2012 i Comuni saranno chiamati, tra tagli diretti e obiettivi di saldo del patto di stabilità interno, a contribuire al risanamento della finanza pubblica per oltre 8 miliardi di euro e senza alcuna distinzione tra chi è virtuoso e chi spreca (fonte Anci). Un altra beffa contenuta nell art. 35 del decreto liberalizzazioni impone di sospendere sino al 2014 le Tesorerie Comunali, sottraendo pertanto la liquidità dei Comuni dalle banche locali a favore della Tesoreria Centrale di Roma. Tutto questo e quanto sopra alla faccia di quella attesa, auspicata e necessaria autonomia fiscale e gestionale che avrebbe dovuto essere demandata ai Comuni! Di federalismo e costi standard non più una parola dal governo Monti! Fonti Anci rilevano che i residui passivi (denari entrati per finanziare opere pubbliche e non spesi) presenti nelle casse comunali (per ora) ammontano, a novembre 2011, a 40 miliardi di euro, 6 miliardi nella sola Lombardia. Questi denari (per il nostro comune ammontano a più di 1,5 milioni di euro) che non si sono potuti spendere hanno ridotto negli anni passati del 30% gli investimenti e si prevede che caleranno ulteriormente. Dopo questa doverosa premessa che meglio fa comprendere la situazione di disagio e di impotenza in cui si trovano ad operare i Comuni, vado a considerare quanto è successo in questi ultimi cinque anni a Ferno per quanto riguarda gli investimenti e le opere pubbliche, funzioni di competenza del mio assessorato. Sono stati fatti interventi a 360. Riassumendo brevemente ricordo che si è intervenuti massicciamente nei due edifici scolastici presenti sul territorio, nell edificio dell asilo nido, nelle palestre, per una maggiore sicurezza sulle strade e sui marciapiedi, per l ampliamento ed opere nel parco pubblico, per la realizzazione di tratti di piste ciclabili, nella nuova sede dei vigili (in Unione), nella nuova piattaforma ecologica, nella riqualificazione ex area raccolta rifiuti con la realizzazione di fitodepurazione, laghetto, orti, laboratorio botanico, frutteto e poi, per lavori ancora in corso, nella realizzazione della nuova area mercato e nella struttura polivalente per feste, eventi culturali e teatri al parco. Altre opere sono già finanziate ma gli impegni saranno portati a residui passivi nel bilancio 2012 e cioè: adeguamento bagni pubblici nella palestra di via Pedrotti; interventi sulle strade, sui marciapiedi e per piste ciclabili; sostituzione pavimentazione e nuova zoccolatura all asilo nido; ristrutturazione scantinato 12

13 palazzo comunale; adeguamento prevenzione incendi presso la scuola secondaria di primo grado; ampliamento impianto di videosorveglianza nel centro paese e nei luoghi sensibili. Queste opere, ripeto, già finanziate potranno essere realizzate solo se il Patto di Stabilità lo consentirà. Inoltre, per completezza di informazione, sono già stati finanziati oltre 1 milione di euro per la futura realizzazione della nuova struttura pubblica per la scuola materna per la quale è in corso la stesura del progetto preliminare. Tanto è stato fatto e tanto c è ancora fa fare. Le future opere pubbliche le troverete certamente elencate nei programmi elettorali che le coalizioni politiche presenteranno in occasione della prossima tornata elettorale di maggio. Grazie per la vostra attenzione. Gian Franco Baroncelli Assessore LL.PP. e Patrimonio divisione SAI AGENZIA GENERALE DI FERNO Via M. Polo, 1 AGENTE GENERALE SILVIO FARESIN E L AGENZIA GENERALE che può offrirvi in modo personalizzato: Polizza auto Polizza infortuni Polizza casa Polizza R.C. del capofamiglia Polizza fondo pensione Polizza rimborso spese mediche Pensioni integrative Via M.Polo, FERNO (Varese) Tel / Fax CHIAMACI AL N AVRAI TUTTE LE INFORMAZIONI CHE TI SERVONO 13

14 gruppi consiliari Gruppo consiliare di Maggioranza Cinque anni. Sono già passati, sarebbe facile dire volati ben cinque anni. Ed è inevitabile che nascano dei pensieri che tirano un po le somme dell impegno nell amministrazione del paese, inevitabile e anche un po banale. O forse non è così banale fare un bilancio, ed acquista ancora più senso nella prospettiva del valutare cosa è stato e come potrebbe essere. Anzi, il tema del bilancio può essere un buon inizio. Spread, borsa che scende e (forse) sale, pareggio di bilancio, tasse, sono parole che ci rimbalzano addosso costantemente, che un po tutti sono stati costretti ad imparare e che però sotto sotto fanno paura perché non si capiscono fino in fondo. Come amministratori locali il bilancio ed il patto di stabilità sono una costrizione forzata con cui si deve volenti o nolenti convivere, tanto quanto ogni famiglia deve fare i conti con lo stipendio a fine mese. Che piaccia o no, ci si deve mettere la testa. Gli amministratori devono decidere a nome e per conto della comunità, mantenendo una imparzialità che obbligatoriamente deve spostare lo sguardo dal particulare verso una visione comprensiva al massimo di tutte le istanze che nascono dal territorio e dalla popolazione. Sergio Zaro La persona singola non può e non deve essere considerata nelle matrici di valutazione che indirizzano le politiche amministrative. Una scelta è tanto migliore quanto più è trasversale agli insiemi di persone che vivono il territorio, e quindi quanto più si svincola dal caso specifico; di contro, una scelta che riguarda i singoli è di solito una cattiva scelta, quando non diventa un illecito. La logica che ne risulta è fare investimenti per beni o servizi dei quali possano usufruire un numero più ampio possibile dei cittadini. In questi cinque anni crediamo di poter dire che quello che abbiamo fatto sia sempre stato in quest ottica, mantenendoci nel solco della tradizione consolidata a Ferno di un amministrazione oculata ma capace di fare investimenti per la comunità, e contemporaneamente mantenere una cospicua capacità di spesa per il sociale. Sempre senza mai sforare. Se negli anni più lontani sono stati costruiti la nuova sede civica, le scuole medie, ristrutturata la vecchia sede civica, consolidata e ampliata la rete idrica, poi creato un parco pubblico, la nuova piattaforma ecologica, a breve ci saranno la piazza mercato e uno spazio coperto per gli eventi pubblici. Pur con tutte le difficoltà date dalla crescente crisi economica si è mantenuta una fetta di circa destinata al sociale, oltre a circa destinati al Piano di Diritto allo Studio: in pratica circa 1/5 del bilancio è impegnato per i servizi al cittadino. Credo siano dati di cui andare orgogliosi. D altra parte, a proposito di bilanci, la visione obbligata a larga scala comporta il rischio di perdere di vista la persona. Certo, perché i per le funzioni sociali vanno a in qualche modo a finanziare la scuola dell infanzia, la scuola materna, le scuole medie, il sostegno ai diversamente abili e agli anziani, l aiuto alle famiglie in difficoltà, categorie linguistiche che raggruppano persone reali ognuna con il suo peculiare bisogno da soddisfare qui ed ora. La congiuntura economica negativa non ha fatto che acuire i disagi ed aumentare le richieste. Il primo insegnamento che abbiamo avuto da questa esperienza come consiglieri è la meraviglia nel comprendere quanto è complesso il governo del paese. Quanto costi in termini monetari e di risorse umane fornire dei servizi che paiono scontati. Quanto impegno serve perché le cose, pur con qualche problema, funzionino. Ma l insegnamento più grande che resta di questi cinque anni è la consapevolezza che una buona amministrazione deve essere, per così dire, strabica. Deve guardare con un occhio lontano e dall alto, per essere imparziale e coerente nel portare avanti istanze generali. Ma non può mancare di guardare con l altro occhio alle persone che sono il paese, senza mai dimenticare che non sono numeri. Potevamo fare di meglio? Forse si. Però non è umanamente possibile riuscire a vedere tutto, seguire tutto, ascoltare tutti. E chi dice di saperlo fare non dice il vero. D altra parte si trovano tantissime persone pronte a criticare chi fa, ma quando si chiede di collaborare a fare o anche solo a pensare improvvisamente ci si ritrova circondati dal vuoto. Persino iniziative relative all ecologia come Agenda21 sono un po cadute nel vuoto pur interessando molto da vicino le persone ed il loro futuro. Solo le serate per sul risparmio energetico e sull acqua hanno riscosso successo, sebbene visti gli argomenti sarebbe stata auspicabile una ancor maggior partecipazione. La politica segna il passo e pare sempre più lontana dalla gente, stentando a coinvolgere le comunità e non riuscendo a far emergere nuove leve. Sempre meno persone sono disposte a dedicare tempo e forze alla cosa pubblica nell errata convinzione che comunque nulla cambia. Ma le cose cambiano se qualcuno almeno prova a cambiarle, a migliorarle magari anche sbagliando. Quel qualcuno non può essere sempre qualcun altro! La nostra comunità, il paese, e via crescendo di scala, potranno rinnovarsi solo grazie alla somma dei piccoli sforzi di tutti noi, così come ha già fatto negli anni del boom economico. Un po di sano ottimismo senza perdere di vista la realtà, rimboccarsi le maniche e avanti, c è da fare per tutti. Sergio Zaro, capogruppo di maggioranza Isabella Foresti, consigliere per Agenda21 14

15 gruppi consiliari Gruppo consiliare Uniti per Ferno Mancano pochi mesi anzi settimane al voto. Appare quindi doveroso trarre un bilancio su questi cinque anni passati. Ci sembra utile puntualizzare alcune cose, problemi ancora aperti, situazioni che meriterebbero delle risposte diverse, che vadano oltre alla frase il patto di stabilità ci ha impedito di agire diversamente. Detto ciò ci piacerebbe avere delle risposte dall amministrazione. Viabilità a Ferno A Settembre 2008, inaugurazione statua presso la rotonda di via Matteotti / Trieste, spesa a carico dei Fernesi. Via Trieste ( La provinciale ) non è più strada provinciale, purtroppo non è stata realizzata una viabilità alternativa e quindi a Ferno: avremo lo stesso traffico che passa quasi per il centro, e in più dovremo d ora in poi pagarci le opere di nuova asfaltatura. Massimo Regalia Ora la stazione ferroviaria di Ferno - Lonate Pozzolo è aperta e funzionante (una grande comodità per tutti noi Fernesi): ci sono pochi parcheggi e non ci sono marciapiedi, gli utenti sono tutti i giorni in pericolo quando tentano di raggiungerla a piedi o in bicicletta. Scuola Materna Non si sa più niente di questo progetto. Per tutte le famiglie, ma in particolare per le mamme lavoratrici, sarebbe importante avere una struttura pubblica che possa essere un alternativa più economica, ma altrettanto valida, rispetto alle proposte del nostro paese e dei paesi limitrofi e che le aiutasse nell educazione dei figli. Opere Pubbliche Tutto fermo per quanto concerne la riqualificazione di Piazza Luciani e rifacimento della fognatura di via Oberdan. La via Mario Agusta, versa in uno stato pietoso e tutti quelli che si recano all eco centro lo possono costatare. I dossi, per obbligare gli automobilisti a tenere una velocità moderata, sono costati ma ciò nonostante alcuni sono in degrado e la loro utilità sembra essere scarsa. Il paventato progetto di ampliamento del cimitero è stato bloccato da un parere negativo dell ASL, perché in quel punto passa il collettore fognario. Lo spostamento dell area mercato doveva essere L opera del 2010, e invece sarà pronta con più di un anno di ritardo per la primavere del Qualità della vita a Ferno Continuiamo a registrare da diversi anni un continuo incremento dell inquinamento da Pm10, continuiamo a farlo presente alla nostra amministrazione; ma nessuno fa niente. Ci sono rilevazioni dell Asl di Varese, che mettono in luce come dalle nostre parti le patologie da cause respiratorie, siano maggiori rispetto al resto della provincia. A Ferno si continua a costruire nonostante il territorio libero sia ormai sempre più raro. Nel 2010 continuando una serie negativa che non conosce soste, si è deliberato di edificare qualcosa come 5000mq di territorio pari a circa l 1,5% di territorio non occupato dell aeroporto. Ferno è uno dei comuni più antropizzati del Varesotto. Tutti questi problemi, grandi e piccoli, meritano di esser presi i considerazione ma soprattutto, secondo noi, c è il reale bisogno di un amministrazione capace di ascoltare, rispondere, valutare ed agire e al bisogno prendere anche posizioni impopolari. In più di un occasione Uniti per Ferno ha teso l orecchio e dato ascolto ai cittadini Fernesi. In tutti questi interventi è emersa forte, una voce che ci chiede di rivitalizzare Ferno, concetto che abbiamo fatto subito nostro e tradotto nello slogan: Vogliamo riaccendere Ferno, Tu Vuoi?. A questo desiderio noi risponderemo ai nostri elettori, allo scadere del nostro mandato. Uniti per Ferno riceve tutti i Fernesi presso la ex biblioteca il 1 e 3 martedì del mese UNITI per FERNO 15

16 gruppi consiliari Gruppo misto Famiglie, garanzia per il futuro Cari amici, stiamo vivendo un pesante ritorno al passato, RECESSIONE, è così che viene chiamata. Ognuno di noi, chi più chi meno è toccato da questa crescita dei costi della vita e dal calo o dalla fermata dei redditi. In prima persona vivo questo momento con non celata preoccupazione, sia come membro di consiglio comunale dove ci si trova sempre più spesso a fare quadrare conti che non quadrano, sia e principalmente come padre di 4 figli. Proprio in famiglia si vive con apprensione questa situazione di crisi nazionale, che in questi giorni è passata ad essere mondiale. Davanti allo scoramento di qualcuno che ha perso il lavoro o di altri che ormai da anni sono precari, mi sento ancora fortunato ad avere un lavoro noioso ma fisso, con il quale posso cercare di far quadrare i conti fino a fine mese. Davanti a queste situazioni e ad altre a volte anche peggiori, mi chiedo e ci chiediamo come persone impegnate in politica (seppur di paese sempre di politica trattasi) che cosa si può fare. Credo che le famiglie abbiano già pagato abbastanza, dai conti fatti per una Massimiliano Guidi famiglia con almeno due figli la spesa annua aumenterà, se non lo è già, di circa 3000 euro che sono pari a 300 euro al mese e chi ce li ha? Lo chiederanno i nostri politiconi al nostro datore di lavoro l aumento per noi? Da politico di paese mi chiedo questo; ma è possibile che nessuno si renda conto che le FAMIGLIE SONO E SARANNO LA RISPOSTA PRESENTE E FUTURA AL DEGRADO MORALE ED ECONOMICO CHE STIAMO VIVENDO. Nessuno dei nostri politici e tecnocrati si rende conto che oltre che un salvadanaio da cui attingere le famiglie con i loro figli, sono una fabbrica di futuro. Il Prof. L. Campiglio prorettore dell Università Cattolica di Milano riconosce le famiglie come; patrimonio misconosciuto del paese. In funzione di quanto sopra mi sento di dichiarare che indubbiamente le politiche sociali stanno vivendo momenti difficili, ma non tutto è perduto. Con un impegno congiunto che veda partecipi le famiglie insieme ai politici ed i tecnici si potrà addivenire a soluzioni responsabili e decorose per far fronte a situazioni preoccupanti. Spezzando quel senso di abbandono, la peggiore delle sensazioni, che in momenti di crisi come questo prende il posto della serenità, potremmo già aver ottenuto un importante risultato. Siamo convinti che oggi la politica debba essere più concreta, non bastano più solo gli aiuti economici, serve di più e di meglio. I modi ci sono. Ma non da soli, non senza la partecipazione di tutti. Sarà su queste basi che porteremo avanti i nostri obiettivi politici per Ferno, insieme a Voi. Per una Ferno ViVa. Voglio concludere con un affermazione:- Famiglie motore del paese che è e che sarà. GALMARINI ANGELO imbiancatura e verniciatura civile e industriale FERNO (VA) Via Buonarroti, 51 Tel./Fax Cell ripristino condomini stucchi decorativi stucco veneziano spatolato rivestimenti a cappotto rivestimenti esterni silicati / silossanici abbassamenti gesso / cartongesso velature verniciatura pavimenti in genere PORTE INTERNE E PORTONCINI PORTE AD ANTA A SOFFIETTO SERRAMENTI IN LEGNO MASSICCIO LAVORAZIONE LEGNAMI SU MISURA FALEGNAMERIA NAVA s.n.c. di ANNIBALE & C SAN MACARIO (VA) - Via Monte Golico, Tel/Fax Abitaz

17 SAP AUSER FERNO - INSIEME SI STA MEGLIO Da oltre un anno ci siamo fatti prendere dalla Febbre del Sabato Sera, lanciandoci in una serie di serate danzanti, che ci danno la possibilità di offrire un occasione unica di stimolo per il corpo e per la mente, accompagnati dalle più celebri melodie del liscio. Suonavamo perché l Oceano è grande, e fa paura, suonavamo perché la gente non sentisse passare il tempo, e si dimenticasse dov era e chi era. Suonavamo per farli ballare, perché se balli non puoi morire, e ti senti Dio. - Novecento di Alessandro Baricco - Il ballo ha una insostituibile funzione socializzante, che ha permesso di fare incontrare persone tra loro sconosciute in un atmosfera di divertimento, formando una comunità più unita. Non di minore importanza sono i positivi risvolti psicofisici di quest attività, anche per fasce di età meno giovani, l allenamento mantiene in esercizio il cuore, gli arti inferiori, i polmoni e la mente. Un valzer, un tango o un fox-trot sono fruibili ad ogni età, è ormai dimostrato che un regolare esercizio fisico aiuta nella prevenzione e nella terapia di patologie dismetaboliche e cardiocircolatorie dell età matura. Questo l abbiamo appreso dalle conferenze di carattere socio-sanitario intitolate Parliamone Ancora..., che ci teniamo a proporre alla cittadinanza, con cadenza annuale, grazie alla disponibilità dei medici dell ospedale di Gallarate e dei medici di Base. Oltre alle problematiche di carattere sanitario quest anno abbiamo avuto l occasione di incontrare il nostro Sindaco che ci ha intrattenuti esponendoci le politiche passate e presenti per la gestione del territorio. Concludiamo ricordandovi che il gruppo dell Auser di Ferno, con la collaborazione tecnica dell agenzia turistica I Viaggi della Mongolfiera, propone periodicamente delle gite nel nostro territorio, delle quali diamo comunicazione tramite affissione di locandine presso la nostra sede. Inoltre le sedi del sindacato pensionati (SPI) sono aperte nei giorni di lunedì e mercoledì dalle ore 14,30 alle ore 17,00 per il disbrigo di pratiche pensionistiche, controllo contributi, compilazione modelli ISE, 730, RED. Per partecipare alle nostre iniziative, vi aspettiamo presso il salone superiore del Circolo San Martino di Ferno. SPI-AUSER Ferno 17

18 ASSOCIAZIONI Frustatori Colpi di Frusta a ritmo di musica. Passato, presente e futuro del Gruppo Folcloristico Frustatori Ferno. I Frustatori raccontano in un libro i loro primi venticinque anni di attività Centoventisette pagine per raccontare la storia dei primi venticinque anni di vita del Gruppo Folcloristico Frustatori Ferno. Il libro, scritto da Gianni Chierichetti con la collaborazione del giornalista Riccardo Prando, si intitola Colpi di Frusta a Ritmo di Musica e sarà presentato ai fernesi, nella Sala Consiliare di via Roma 51, alla presenza degli autori, di tutti i componenti del gruppo e delle Autorità Comunali. Questo libro spiega Gianni Chierichetti, ideatore, fondatore e per anni Presidente del Gruppo è stato scritto per raccontare la nostra storia nei primi venticinque anni di attività, ma anche per lasciare ai posteri una panoramica sull universo dimenticato del carrettiere e del frustaio, sulla storia della comunità fernese e sull amicizia che ha sempre legato le persone che per passione o per amore desiderano mantenere in vita lo spirito più autentico del folclore, ponte ideale tra il mondo di ieri e quello di oggi. Il libro prende le mosse dagli albori della storia del gruppo frustatori e ne racconta tutta l attività, fino ai nostri giorni, ma la preziosità del volume sta anche nelle parti introduttive dove viene descritta puntualmente l arte del costruire ed usare le fruste attraverso anche precise descrizione dei luoghi, dei materiali e delle tecniche utilizzate. La presentazione del libro sarà un ottima occasione per ripercorrere un importante pezzo di vita del nostro paese, andandone a ricercare le radici nel passato, mentre la lettura del volume darà la possibilità di riscoprire tradizioni antiche e ormai quasi dimenticate, nel perfetto spirito che da sempre anima l attività del Gruppo Frustatori Ferno. Un gruppo che, infatti, ha sempre cercato di creare, attraverso i suoi schiocchi di frusta, un ponte tra passato, presente e futuro, un impegno che la Presidente del Gruppo, Anna La Salandra, sottolinea con le sue parole rivolte in particolare ai giovani: A loro auguro di ottenere le stesse soddisfazioni che noi abbiamo raccolto in venticinque anni e di essere consapevoli della bellezza di ciò che fanno e del messaggio che trasmettono portando la nostra cultura e le nostre tradizioni in Italia e nel Mondo. Kung Fu L ANNO DEL DRAGONE Kung Fu in crescita! Dodici anni di campionati internazionali, per il Centro Kung Fu Ferno : il nome del nostro paese fa il giro del mondo, è già conosciuto in tutto il territorio nazionale, grazie al lavoro del Maestro Nese Gianni e all impegno di tutti i suoi atleti. Una società che ha voglia di dimostrare che non teme nessuno, ma capace di confrontarsi sempre nel rispetto degli altri. Quest anno il Maestro Nese è stato premiato durante il campionato europeo svoltosi a Marina di Massa Carrara: il Centro Kung Fu Ferno è stata una delle migliori prime quattro società. Inoltre il Maestro ricorda che dal 22 al 29 Febbraio 2012, sarà con il suo allievo Rubino Massimo ad Honk Kong, per la terza volta, a difendere il titolo mondiale: saranno i partecipanti al 10 Campionato Mondiale proprio nell anno del Dragone. L anno scorso non dimentichiamo il trionfo del giovane atleta De Tomasi Christian e un risultato non fortunato di Mileo Samuele. Nei giorni 3 e 4 Marzo 2012, si disputerà il 17 trofeo città di Ferno, valido per le selezioni del campionato italiano che si disputerà a Catanzaro il 16 e 17 Giugno Il Maestro Nese vuole far sapere a tutte le persone che vogliono praticare il Kung Fu, adulti, ragazzi e bambini, che questa disciplina aiuta a formare il carattere e a coordinare corpo e mente, mentre per i non più giovani c è anche la Nella foto da sinistra: Christian De Tomasi, M Nese Gianni e un M della scuola cinese, durante i mondiali 2011 a Honk Kong. pratica del Tai-Chi, cioè un susseguirsi di movimenti lenti che rigenerano energia alla circolazione del corpo. Sarà possibile seguire le lezioni di Tai-Chi, nel mese di Giugno al parco di Ferno: i corsi saranno aperti a tutti e a tutte le fasce d età. Per informazioni telefonare ai numeri

19 ASSOCIAZIONI Acli Associazione Cristiana Lavoratori Italiani Ai cittadini di Ferno rammentiamo che tutti i giovedì dalle 20,30 alle 21,30 presso l Oratorio in Via Fiume 7 è disponibile il personale per pratiche di Patronato. Il notiziario Speciale Fiscale 2012 quest anno ha molte novità e informazioni fiscali anche dalle ultime manovre finanziarie quali ad esempio il nuovo modello CUD, la nuova tassa IMU e tutto quanto è stato introdotto dal decreto salva Italia. Un capitolo è dedicato ad un nuovo servizio che Vi offriamo gratuitamente MY CAF. È uno strumento molto utile per avere sempre con sè la propria posizione fiscale e poter direttamente disporre delle proprie dichiarazioni dei redditi, della documentazione allegata e di tutto quanto è stato svolto tramite il nostro CAF. Da ultimo vogliamo rammentarvi i vari servizi svolti da SAF ACLI Varese, quali le dichiarazioni dei redditi (730, Unico, 730 integrativi, Bollettini ICI, Dichiarazioni ICI); la consegna Cud per destinazione 8 per mille, Contenzioso Tributario, Ravvedimento operoso, Controllo Cartelle Esattoriali, Visure Catastali; i servizi ISE (ISE Università, Compilazione D.S.U. Dichiarazione Sostitutiva Unica per il calcolo ISE- ISEE Riccometro,ISE FSA per il Fondo Sostegno Affitti, Ise Trasporti, Ise Mutuo prima casa, in convenzione con la Regione Lombardia). Per appuntamenti: dichiarazione 730, Unico, 730 integrativi, bollettini ICI. FISSATE UN APPUNTAMENTO PRESSO LA SEDE A VOI PIU COMODA TELEFONANDO AL NUMERO VERDE Attivo dal 30 gennaio 2012 ai seguenti orari: dal lunedì al venerdì 8,30-18,00; sabato 9,00-12,00 Visita al parlamento europeo con il gruppo ACLI Lombardia Il gruppo ACLI regionale, in collaborazione con l On. Patrizia Toia, deputata del Parlamento Europeo, ha proposto per quest anno una grande esperienza: una visita a Strasburgo, la città francese capoluogo dell Alsazia, nella quale hanno la loro sede il Parlamento Europeo e il Consiglio d Europa. L evento era indirizzato principalmente ai giovani, ma poi è stato colto come un occasione da non perdere da aclisti di ogni età. Ognuno di noi è partito con delle motivazioni personali, ma sicuramente quel che ha accomunato un po tutti i partecipanti era la curiosità di conoscere più da vicino una realtà cosi importante come quella parlamentare a livello europeo. E così la mattina del 12 febbraio ha avuto inizio il nostro viaggio con una prima sosta, vista la distanza dalla nostra meta, a Basilea, dove abbiamo visitato il centro storico e l antica cattedrale che conserva le spoglie di Erasmo da Rotterdam. Proseguito il nostro viaggio, siamo giunti dopo diverse ore a Strasburgo dove abbiamo trascorso la serata in compagnia di un aclista emigrato dall Italia in Belgio che ha affrontato, anche sulla base della sua esperienza, la tematica dell emigrazione italiana all estero. Il giorno seguente dopo aver visitato la città di Strasburgo abbiamo fatto visita al Parlamento Europeo, dove abbiamo avuto modo di conoscere più da vicino questa realtà grazie all intervento dell On. Toia, che partendo dalle motivazioni che hanno dato origine all Unione Europea, ha spiegato quali sono gli organi che ne fanno parte e le loro competenze, illustrando poi quali sono le proposte e gli interventi che sta perseguendo in questo periodo in particolar modo l assemblea parlamentare europea. Dopo questo momento di confronto in cui sono state poste anche svariate domande sempre inerenti alla tematica europea e alle problematiche attuali abbiamo partecipato alla sessione plenaria, dove abbiamo così potuto vedere concretamente come funziona l attività degli europarlamentari. Soddisfatti da questa giornata veramente unica, il giorno seguente abbiamo concluso la nostra esperienza con un ultima tappa presso la città di Colmar, nota soprattutto per il quartiere della piccola Venezia con edifici tipicamente alsaziani, canali, ponticelli e diverse stradine. E così la nostra vacanza è terminata: sono stati solo tre giorni, apparentemente un tempo abbastanza breve ma se ben organizzato, come nel nostro caso, più che sufficiente per poter definire questo viaggio una gran bella esperienza! OTTICA LOS di Prealta & C. s.n.c. PER OGNI VOSTRA ESIGENZA DI VISTA TEST VISIVO OCCHIALI DA VISTA E DA SOLE LENTI A CONTATTO LA PIU ALTA QUALITA AL PIU BASSO COSTO SAMARATE (VA) Via Verdi 5 (Strada Prov. Gallarate Ferno - Lonate P. - Castano P.) Tel

20 ASSOCIAZIONI Corpo Musicale di Ferno La banda, ovvero il Corpo Musicale di Ferno Il Corpo Musicale di Ferno con questo ultimo articolo prima del silenzio elettorale saluta e ringrazia l Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Sig.Cerutti che, in questi anni di governo del paese, ha sempre fortemente sostenuto l operato della Banda, secondo le proprie possibilità, quale giusto riconoscimento per la sua importanza sociale ed educativa. Il Corpo Musicale, la Banda, è parte vitale e punto di riferimento della comunità; la Banda è sempre presente nelle occasioni importanti della vita civica e religiosa del paese, collabora ad ogni evento: non vive per un impegno individuale o per pochi... ma vive per la comunità. La Banda è fabbrica di valori importanti e, tra questi, il valore forse più significativo, un reticolo saldo e vitale dei rapporti umani, fatti di amicizia, di solidarietà, di aggregazione, di crescita e perché no, di passioni. Far parte di un corpo bandistico richiede oggi come nel passato, impegno, sacrificio e rispetto; chi fa parte di una banda ha ben chiara la parola rispetto sia delle regole che degli altri: non è scontato affermare che la banda rappresenta una buona occasione, un esempio per tanti giovani, una palestra dove sperimentare divertimento ed opportunità di incontro, ma anche dedizione, costanza e perché no, a volte sacrificio. A differenza dei circoli culturali o delle società sportive la Banda è una delle poche associazioni - forse l unica - dove ragazzi di 10 anni, con quelli di 30 e con quelli di 50, vivono a stretto contatto ed imparano ad interagire e a confrontarsi l un l altro anziché rinchiudersi nel ghetto della propria generazione e/o classe sociale. In banda ci sono laureati, operai, impiegati, pensionati e studenti ma tutti, indipendentemente dalle proprie esigenze, imparano a dare all altro ciò che meglio riescono ad offrire. E l insieme delle piccole offerte di ciascuno costituisce l anima ed il corpo di una banda, della nostra banda. La musica rappresenta un elemento importante, sia nella cultura popolare italiana che in quella europea e le bande, con il mantenimento delle tradizioni, hanno svolto una capillare opera di educazione musicale, raggiungendo in modo immediato e diretto il pubblico, oltre a quello di educare i giovani ad una disciplina civica. Significante, nel Corpo Musicale, la seguente frase latina: «MUSICA EST EXERCITIUM ARITHMETICAE OCCULTUM NESCIENTIS SE NUMERARE ANIMI» «LA MUSICA È UNA PRATICA OCCULTA DELL ARITMETICA, DOVE L ANIMA NON SA DI CALCOLARE» (Leibniz, Lettera a Goldbach, 17 aprile 1712) La frase del filosofo Leibniz potrebbe essere usata come messaggio propagandistico rivolto ai bambini e ai loro genitori, affinché capiscano che imparare a suonare non è solo un imparare fine a se stesso, ma anche acquisire la consapevolezza che la musica aiuta a strutturare il pensiero e l apprendimento delle attività linguistiche, matematiche, scientifiche, spaziali e soprattutto influisce sullo sviluppo emotivo e culturale. Attraverso la musica i giovani possono sviluppare capacità di ascolto e di osservazione dell ambiente sonoro, maturare le proprie potenzialità espressive, comunicative, immaginative e creative, accrescere le capacità di concentrazione e la memoria, rafforzare l autostima ed abituarsi al controllo dei propri sentimenti ed al rispetto delle regole condivise. L esperienza musicale permette di sviluppare nella persona, fin dalla più tenera età, un attitudine culturale ad apprezzare ciò che è bello e maturare un senso estetico consapevole. Queste le convinzioni e gli argomenti che spingono il nostro Corpo Musicale a sostenere sempre più presso i giovani la bellezza e l opportunità di entrare a far parte del Corpo medesimo. E con la forza di queste convinzioni che ci rivolgiamo alla presente ed alla futura Amministrazione per chiedere sostegno nella diffusione di quanto comunicato così da avere sempre più giovani allievi pronti per rinforzare la nostra giovane Young Band e renderla sempre più affollata di ragazzi in gamba che scelgano di dedicare il proprio tempo a qualcosa di piacevole per sé e per gli altri. NOI CONTIAMO SU DI VOI X La Direzione Tax Si informa che, anche per l anno corrente, sarà presente presso il Palazzo Comunale, al primo piano Uff. Servizi Sociali, uno sportello CAF per i cittadini, aperto il martedì dalle ore 9.00 alle ore Un operatore, previo appuntamento, sarà a disposizione per prestazioni gratuite quali Certificazione ISEE, compilazione ed invio telematico modelli Red, compilazione ed invio telematico all INPS delle dichiarazioni di responsabilità per invalidità civili/prestazioni, Pratiche FSA (Fondo sostegno affitto). Ulteriori servizi gratuiti sono offerti sempre per tramite del Patronato Encal Cisal. Per informazioni e appuntamenti rivolgersi all Ufficio Servizi Sociali del Comune di Ferno. 20

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli