Famija Albèisa. Arch. Antonio TIBALDI. e dal già presidente Dott. Giovanni BRESSANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Famija Albèisa. Arch. Antonio TIBALDI. e dal già presidente Dott. Giovanni BRESSANO"

Transcript

1

2 L autorizzazione alla pubblicazione di questo articolo in formato digitale (PDF) è stata concessa dal Presidente dell Ente Morale Famija Albèisa Arch. Antonio TIBALDI e dal già presidente Dott. Giovanni BRESSANO L'indirizzo della Famija Albèisa è Via Pietrino Belli n Alba (CN) - Italia Telefono: (+39) Fax: (+39) Indirizzi mail: Gli orari di segreteria sono: Tutti i giorni da martedi' a sabato dalle ore alle ore

3 MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DEL PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI ALBA UNA CITTA NEL MEDIOEVO Archeologia e architettura ad Alba dal VI al XV secolo a cura di Egle Micheletto FAMI]A ALBEISA

4 UNA CITrA NEL MEDIOEVO Archeologia e architettura ad Alba dal VI al XV secolo a cura di Egle Micheletto Testi di Federico Barello, Fulvio Bartoli, Elena Bedini, Claudia Bonardi, Lanfredo Castelletti, Mario Cavaletto, Mauro Cortelazzo, Alberto Crosetto, Giovanni Donato, Egle Micheletto, Sila Motella De Carlo, Francesco Panero, Francesca Quasimodo, Arianna Semenzato, Carlo Tosco, Laura Vaschetti, Micaela Viglino Davico Disegni ed elaborazioni graficbe Giovanni Abrardi, Ugo Comollo, Giorgio Barullo, Fernando Delmastro, Susanna Salines, Flavia Vacchero, Walter Visentin Fotografie Enrico Necade Fotografie di scavo e dei materiali arcbeologici Chora, Cooperativa di ricerca archeologica, Franco Lovera, Enrico Necade Restauro dei materiali arcbeologici Laboratorio di restauro della Soprintendenza Archeologica del Piemonte La documentazione grafica e stata in gran parte realizzata nell' ambito dei programmi di catalogazione dell'istituto Centrale per i1 Catalogo e la Documentazione del Ministero per i Beni e Ie Attivita Culturali. Gli scavi di cui si presentano i risultati sono stati effettuati dalla Soprintendenza Archeologica del Piemonte; hanno collaborato il Comune di Alba, la Famija Albeisa ed alcuni privati A tutti coloro che hanno contribuito e partecipato alia realizzazione di quest'opera, la nostra viva riconoscenza. In particolare si desidera ringraziare: Mario Serio Direttore Generale dell 'Ufficio Centrale per i Beni Arcbitettonici, Arcbeologici, Artistici e Storici del Ministero per i Beni e le Atuoita Culturali Giovanni Quaglia Presidente della Provincia di Cuneo Carla Boffa Verrua Assessore alia Cultura della Provincia di Cuneo Mirella Belli Funzionario del suddetto Assessorato Giuseppe Rossetto Sindaco di Alba Bruno Ceretto Assessore alia Cultura e Immagine del Comune di Alba Pia Cavallo Bressano Consigliere delegate aile Attioita Culturali Gianfranco Maggi Direttore della Biblioteca e del Museo Civico di Alba Giovanni Bressano Presidente della Famija Albeisa Inoltre Enzo Demaria, gia Sindaco di Alba; Domenico Viberti, gia Assessore alia Cultura della Provincia di Cuneo' Mariangela Roggero Domini, gia Assessore alia Cultura del Comune di Alba; la Curia Vescovile; l'ufficio Tecnico Comunale di Alba e Giulio Parusso, Amedeo Castagnotti, Alessandro Marengo, Nando Vioglio per la loro preziosa collaborazione. Per la cortese disponibilita e le autorizzazioni concesse si ringraziano: Archivio di Stato di Torino; Biblioteca Reale, Torino; Galleria Civica d'arte Moderna, Torino; Museo "F. Eusebio", Alba; Archivio Storico del Comune di Alba FAMI]AALBEISA Via P. Belli, ALBA (CN) - Tel.lFax 0173/ Coordinamento editoriale: Antonio Buccolo Stampa: Camedda & C. snc - Torino - Arti Grafiche - Editoria

5 Sommario Presentazioni 9 Liliana Mercando 10 Giovanni Quaglia 11 Giuseppe Rossetto 12 Giovanni Bressano TAVOLE ASPETTI DEL PAESAGGIO URBANO 15 Come introduzione. Questioni politicbe, istituzionali e soeio-eeonomiehe Francesco Panero 31 Areheologia medievale ad Alba: note per la definizione del paesaggio urbano (V-XIV seeolo) Egle Micheletto 61 Spazio urbano e arehitettura tra X e XVI secolo Claudia Bonardi 89 II gotico ad Alba: I 'architettura degli ordini mendicanti Carlo Tasca 109 Mura, porte urbane e castelli di Alba nel basso medioevo Micaela Viglino Davico CANTIERI DI ARCHEOLOGIA MEDIEVALE 125 Piazza Risorgimento Egle Micheletto 135 Via Vernazza, via Cerrato e via Gioberti Mario Cavaletta 153 Teatro Sociale Mauro Cortelazzo 161 La cbiesa di San Domenico Egle Micheletto LA DECORAZIONE 169 Sculture altomedieuali dalla citta e dal territorio Alberto Crosetto 191 Ornamento efiniture nell'edilizia albese Giovanni Donato 223 San Domenico: la scoperta di nuovi aifreschi trecentesehi Francesca Quasimodo - Arianna Semenzato LA CULTURA MATERIALE 233 La ceramica Mario Cavaletto - Mauro Corte1azzo 277 La pietra ollare Laura Vaschetti 285 Le monete Federico Barello ANALISI NATURALISTICHE 291 IIpaesaggio nel medioevo attraverso 10 studio dei resti vegetali Lanfredo Castelletti - Sila Motella De Carlo 303 Analisi antropologica e paleopatologica dei resti scbeletrici umani medieuali Elena Bedini 319 Analisipaleonutrizionali mediante spettroscopia ad assorbimento atomico Fulvia Bartoli 323 I reperti faunistici delle jasi urbane medieuali Elena Bedini 337 Abbreviazioni bibliograficbe

6 'J(I{! II - Cera mica pri ua di riuestim ento, da Alba (secoli XlJI-XIV)

7 '[au. VI - Cera m ica in uetri ata, ing obbiata d ip in ta, maiolica a rcaica, graffaa e uetri, da Alba e da Sa nta Vittoria (secolo XIV)

8 233 La ceram.ica Mario Cavaletto - Mauro Cortelazzo* Nel presentare il materiale ceramico rinvenuto ad Alba, appartenente ad un arco cronologico di molti secoli, e stato adottato un criterio quanta pill possibile sintetico. Allo stato attuale degli studi non e sembrato infatti proponibile identificare e di conseguenza pubblicare una serie di morfologie e tipologie, costruendo nel dettaglio innumerevoli varianti. La pubblicazione dei manufatti ceramici richiede, corn'e noto, ampi spazi editoriali. Si e volutamente tralasciata, anche per questo motivo, la pubblicazione di un catalogo che, senza il supporto di una dettagliata tipologia, avrebbe avuto i connotati di un elenco sterile e fine a se stesso. La sintesi che qui si propone vuole essere un quadro di riferimento per esporre da un lato l'evoluzione dei manufatti d'uso quotidiano, dall'altro quali siano state le trasformazioni avvenute sulla tavola e nella cucina della popolazione albese nel medioevo. II materiale ceramico preso in considerazione appartiene prevalentemente al periodo compreso tra i secoli X e XIV; per i secoli precedenti e stato possibile sviluppare unicamente considerazioni sui secoli VI e VII mentre I'VIII e il IX secolo non hanno restituito contesti certi. Si sono cosi privilegiati insiemi 0 sequenze che garantissero inquadramenti cronologici pill sicuri: la carenza di dati per i secoli finali dell'alto medioevo e peraltro relativa a tutti gli insediamenti del Piemonte. Si tratta dell'assenza di sequenze stratigrafiche di riferimento, ma soprattutto della presenza di un corredo ceramico molto povero e semplificato, dove domina un meccanismo produttivo di tipo autarchico. La suddivisione cronologica e stata operata con l'intento di fornire quadri di riferimento molto ristretti. Tuttavia, l'inizio 0 la fine di un secolo non costituiscono un limite netto per l'introduzione di una nuova tecnica produttiva 0 per la scomparsa di una determinata tipologia, ma semplicemente l'identificazione di un periodo entro il quale si avvia 0 viene a mancare un certo trend produttivo. In alcuni casi, infatti, dove l'evoluzione del patrimonio morfologico e tipologico risulta molto lenta, l'arco temporale di analisi e stato pill ampio. I prodotti attribuiti al VI-VII secolo si inquadrano in un panorama regionale che risente allo stesso tempo della tradizione tardoantica, ma che contemporaneamente sembra trovare nuovi stimoli da modelli di derivazione germanica. L'introduzione di nuove forme e il trattamento particolare di alcune superfici degli oggetti testimoniano il contatto con nuove esperienze artigianali. La semplificazione del corredo ceramico ed il ristretto gruppo di materiali riferibili al X secolo non consente di fornire un quadro esaustivo delle produzioni. In questo periodo fanno la loro comparsa i fornetti che, accanto alle olle, domineranno per alcuni secoli. Le capacita tecniche dei vasai paiono ancora risentire di incertezze nella gestione del forno. Gli impasti piuttosto grezzi sono interessati in prevalenza da cotture non uniformi e molto spesso riducenti. Nel corso dell'xi e XII secolo Ie migliorie tee niche, soprattutto una maggiore depurazione degli impasti, favoriscono l'intensificarsi della produzione con i primi tentativi di articolazione del corredo ceramico. Si attestano in questo periodo Ie prime decorazioni con rotella, che troveranno ampio sviluppo nel secolo suecessivo. Fanno la lora comparsa oggetti con tracce di vetrina, che, pur in quantita estremamente limitata, testimoniano come questa tecnica di rivestimento fosse gia conosciuta. Rimane da stabilire, proprio alla luce della diffusione che avra nel secolo successivo, se si debba parlare di importazioni 0 di prodotti locali. Con il XIII secolo il quadro delle produzioni albesi subisce una prima trasformazione tecnologica, e nonostante la scarsita dei dati a disposizione, possiamo ipotizzare una simile situazione per tutta la regione, con scansioni cronologiche diversificate. L'introduzione della tecnica di ricopertura dei vasi con una vetrina densa in monocottura, costituisce un saito di qualita notevole se paragonato alla monotonia produttiva dei secoli precedenti. La diffusione nel XIII secolo di questa classe ceramica non sembra riconducibile ad una continuita con Ie produzioni tardoantiche 0 con i pochissimi frammenti rinvenuti nei secoli dopo il Mille; si tratta in realta della reintroduzione di una tecnologia da parte di nuovi artigiani. In questo secolo tutta la citra pare investita da un fervore urbanistico e con esso da uno sviluppo politico ed economico che la porta a diventare polo di intensi contatti commerciali. Proprio la circolazione di maestranze qualificate attirate ad Alba da questa crescita edilizia, ma al contempo anche culturale, e alla base delle nuove esperienze delle botteghe ceramiche. La conoscenza di una tecnologia produttiva e l'apprendimento di una tecnica e frutto della scambio di esperienze umane:

9 234 MARIO CAYALETIO - MAURO CORTELAZZO Alba in questa periodo e una cittadina in cui si vanno a creare le condizioni favorevoli per una tale circostanza. II salta di qualita che avviene nel XIII secolo e tuttavia poca cosa se paragonato all'introduzione, nel corso del Trecento, di una nuova componente tecnica: il metodo della seconda cottura dei manufatti, con il rivestimento ad ingobbio e 10 smalto. L'impatto che questa mutamento esercita sugli apparati produttivi e a dir poco radicale. La bottega artigiana a conduzione familiare si trasforma, diventando un laboratorio con garzoni e maestranze che produce oggetti in serie con una diversificazione di prodotti fino ad allora inimmaginabile. II vasellame in monocottura, che alla fine del XIII secolo aveva ormai raggiunto una qualita soddisfacente, viene in buona parte soppiantato dalle invetriate in doppia cottura, che forniscono un'ottima standardizzazione del manufatto. L'introduzione di colori a base di manganese, ramina e ferraccia favorisee l'elaborazione di decori che si distaccano nettamente dalla rigidita geometrica e formale dei motivi di solo cinquant'anni prima. In breve tempo si ridefinisce il quadro ceramologico cittadino e allo stesso tempo si modifica l'apparato domestico presente nella cucina e sulla tavola. II vasellame strettamente legato a criteri di funzionalita e praticita si arricchisce in qualita e quantita raggiungendo ampi strati della popolazione. Se quindi gia per la trasformazione del XIII secolo era possibile pensare all'introduzione di nuove tecniche da parte di maestranze allogene, vieppili per il XIV secolo, dove l'impianto produttivo si rivoluziona, la migrazione di vasai con il loro bagaglio di conoscenze esercita quella palingenesi tecnologica che da il via allo sviluppo di produzioni tipiche del Piemonte meridionale. 11 fenomeno appena delineato esige valutazioni su pili ampia scala ed una sua scansione cronologica e geografica, all'interno della regione inizia qui a tracciare i margini di una lettura ancora molto sfocata. VI- VII SECOLO L'analisi del materiale ceramico attribuito a questo periodo si basa sui contesti di via Vernazza: strato 478, relativo alla costruzione di capanne lignee dopo il crollo-abbandono delle strutture romane; strato 420, in connessione con le capanne e datato al tardo VII secolo sulla base del materiale metallico; di via Cerrato: strato 173, successivo alla distruzione delle strutture di V secolo e di via Gioberti: strati 627, 628 e 629, relativi alla fase insediativa altomedievale. La totalita dei frammenti e costituita esclusivamente da ceramica acroma grezza caratterizzata da impasti di colore prevalentemente grigio, duri, a volte vacuolati, con abbondanti inclusi micrometrici e millimetrici, cotti in atmosfera riducente. Pochi frammenti hanno un impasto con le medesime caratteristiche, rna di colore marrone-arancio. Le decorazioni sono piuttosto rare e costituite da solcature a onda 0, in un caso, da leggere rna fitte striature disposte sulla spalla e su parte del collo. La superficie ha quasi sempre un aspetto irregolare, ruvido con effetto a buccia d'arancia, pur non mancando esempi di lisciatura. Tracce di Fuoco sono presenti su buona parte dei frammenti, senza distinzione di forma. La presenza di altre classi riguarda frammenti di ceramica romana residua e alcuni vasi a listello rivestiti di vetrina pesante, riconducibili ad una fase pill antica (IV-V secolo)'. E presente un solo frammento di sigillata grigia decorata a stampiglia" (fig. 224, n. 13) mentre mancano del tutto esempi di sigillata africana d'importazione, a conferma di una presenza ridotta gia nei contesti pill antichi", e sigillata d'imitazione. La forma con maggiori attestazioni e l'olla (81%), sono presenti anche ciotole (8,5%), coperchi (0,5%), contenitori con listello orizzontale (6%), mentre il restante 4% del materiale e costituito da ceramica romana 0 tardo-rornana residua. Per quanto riguarda l'olla, non e stato possibile ricostruire integralmente la forma del contenitore, anche se l'esame dei frammenti consente di recuperame le caratteristiche principali: corpo ovoide e spalla poco pronunciata; sono presenti - anche se in numero ridotto - esempi di corpo globulare schiacciato (fig. 224), fondo piano e orlo estroflesso con alcune varianti morfologiche: a. orlo semplice tagliato obliquamente 0 leggermente arrotondato (nn. 1-3); b. orlo semplice affusolato al bordo (n. 4); c. orlo semplice arrotondato e ingrossato all'estrernita (n. 5), E stato possibile misurare esc1usivamente i diametri degli orli, che vanno da 11 a 26 em, consentendo comunque di immaginare una vasta gamma dimensionale per questo tipo di contenitore. La presenza di manici e stata verificata solo per quelli di dimensioni maggiori, caratterizzati da anse a nastro impostate al di sotto dell'orlo'' (n, 6). II tipo a, la variante pill rappresentata, trova confronti a Belmonte (TO) con fasi di occupazione tra il Veil VII secolo", al Castelvecchio di Peveragno (CN) nelle fasi di V-VI secolo", nella grotta della Ciota Ciara (VC) in contesti di tardo V-VI secolo". Sono possibili confronti anche con materiale di Ventimiglia datato al VII-VIII secolo", con quello dei contesti altomedievali di Brescia (via A. Mario)", di Monte Barro (CO)lO e di Milano, con materiali recuperati durante i lavori della metropolitana11. La variante b e confrontabile con alcuni frammenti

10 LACERAMICA 235 Fig Ceramica acroma (VI-VII secolo), \ I A ~. ~ 11, P=-==-==j 10'~- -1 J 12 \ 7

11 236 MARIO CAVALETfO - MAURO CORTELAZZO dal Castelvecchio di Peveragno" e da livelli altomedievali scavati ad Asti in via dei Varroni'", II tipo c e affine a materiale proveniente dalla grotta della Ciota Ciara'", da stratificazione del VI-VII secolo nell'lsola di S. Giulio d'orta (NOYs e da Monte Barre". Le ciotole hanno forma emisferica con pareti lisce e bordi piatti a tesa leggermente ingrossati. Un caso presenta un orlo sagomato e assottigliato all'estrernita. II diametro dei bordi, nei pochi casi in cui e stato possibile effettuare la misurazione, corrisponde sempre a 20 em (fig. 224, nn ). Tracce di Fuoco sia all'intemo che all'estemo consentono di immaginare un loro utilizzo anche come coperchi 0 fometti copri brace. La forma si confronta con materiali del Castelvecchio di Peveragno'", di Belmonte" e da contesti altomedievali dell'emilia Rornagna'", E stato possibile riconoscere alcuni frammenti relativi ad un coperchio di forma tronco conica schiacciata con orlo semplice arrotondato e leggermente ingrossato. II diametro dell'orlo corrisponde a 19 em (n, 7). Forme simili sono state recuperate a Peveragno", nella grotta della Ciota Clara", in livelli altomedievali ad Asti - via dei Varroni", a Torino - Palazzo Madama" ed infine in contesti di VII-VIII secolo a Ventimiglia". Sono stati inoltre individuati i frammenti pertinenti a due contenitori di forma emisferica, caratterizzati da un listello orizzontale posto all'estemo in prossimita del punto di massima espansione del corpo. La forma di dimensioni maggiori presenta tracce di leggera lisciatura sulla superficie estema e in forma piu irregolare, con segni a volte trasversali alle tracce del tornio, sulla parete intema. I diametri misurati nel punto di maggiore ampiezza corrispondono a 26 e 35 em. (nn.8-9). La forma e assimilabile a contenitori simili recuperati a Belmonte", a Peveragno" e nella grotta della Ciota Clara". In questi ultimi due siti, tuttavia, i frammenti sono caratterizzati da un impasto piu fine. Contenitori a listello sono segnalati anche in Emilia Romagna, in contesti del VII secolo": datazioni al VI-VII secolo vengono proposte per contenitori simili, recuperati durante i lavori per la metropolitana di Milano'? e negli scavi di Castelseprio-". II contesto ceramico esaminato e troppo limitato per trarre considerazioni di valore generale. Gli scavi effettuati nel centro urbano di Alba hanno sicuramente restituito altri materiali assegnabili a questa ambito cronologico, rna la necessita di operare su contesti cronologicamente definiti e certi ha ridotto considerevolmente la scelta dei frammenti ceramici. Paiono possibili alcune osservazioni: la ceramica acroma ad impasto grezzo risulta la classe preponderante, impasti piu fini sono riconducibili a produzioni ceramiche residue, piu antiche; la presenza di ceramica invetriata e affidata ad alcuni frammenti di vasa a listello con vetrina pesante riconducibili a fasi di IV-V secolo. II catino in sigillata grigia di produzione marsigliese attesta l'esistenza di rapporti commerciali con l'area transalpina legati, soprattutto, all'importazione di ceramica fine altrimenti non reperibile nella produzione locale. Non sono stati recuperati reperti con tracce di vetrina sparsa, come invece risulta attestato per questo periodo in altri centri piemontesi". Per quanta riguarda il repertorio formale e accertata le predominanza di due forme, l'olla e il coperchio, e risulta del tutto assente il vasellame da mensa, probabilmente sostituito con forme analoghe in legno 0 vetro; non e stato recuperato alcun frammento ascrivibile a produzioni longobarde, tuttavia la presenza di reperti con superficie lucidata e forme come i contenitori a listel 10 orizzontale sembra attestare un'influenza resa piu concreta e percepibile dalla presenza di una fibbia longobarda di tipo Aldene>, in associazione con questi materiali. /LX SECOLO E stato individuato solo un piccolo gruppo di materiali da contesti sicuramente assegnabili al X secolo: in particolare dal cantiere di via Cerrato, 10 strato 174 costituito dal deposito che ha colmato la fossa relativa alla capanna interrata di IX secolo ha restituito una moneta di X secolo'"; dal cantiere di piazza Risorgimento, gli strati 1087 e 1098 relativi alle prime sistemazioni pavimentali del settore di scavo corrispondente all'attuale piazza. Stratigraficamente i livelli sono collocabili dopo Ie attivita che hanno obliterato l'area cimiteriale di VII-VIII secolo rna prima della costruzione della torre 602. La classe ceramica preponderante e costituita da acroma poco depurata con impasti duri e micacei ricchi di inclusi prevalentemente micrometrici. II colore degli impasti va dal grigio-marrone all'arancio con sfumature intermedie, a testimonianza di cotture ossidanti non perfettamente controllate. La superficie appare ruvida, rna con caratteristiche meno grossolane della ceramica del VI-VII secolo ed in alcuni casi presenta tracce di lisciatura. Un frammento di olla e rivestito all'intemo dell'orlo con una vetrina di colore marrone, parzialmente assorbita (fig. 225, n. 1). La presenza di un rivestimento vetroso risulta eccezionale in questa fase cronologica e solo analisi minero-petrografiche consentirebbero di verificame la possibile produzione locale, anticipando al X secolo una tecnica che si ritie

12 LA CERAMICA 237 Fig Ceramica acroma e invetriata (X secolo). ne diffusa in Piemonte solo nel XIII secolo, 0 la sua derivazione da aree diverse>', L'olla e la forma pill rappresentata, anche se non mancano frammenti attribuibili a catini-coperchi di forma tronco-conica che, a causa delle ridotte dimensioni, non sono stati rappresentati graficamente. L'olla ha corpo ovoide con orlo semplice estroflesso a sezione rettangolare 0 lievemente ingrossato rna sempre arrotondato all'estrernita (nn. 2-4). Alcuni frammenti di fondo risultano leggermente convessi. Le dimensioni dei diametri variano tra 12 e 16 em. I confronti rimandano a forme individuate in contesti del X-XI secolo a Pecetto'" e a Trino S. Michele, con datazioni tra il X e il XIII secolo>, L'olla invetriata (n. 1) ha un orlo verticale sagomato e ingrossato all'estremita, che risulta appiattita; il diametro, pari a 18 em, la identifica come il contenitore di dimensioni maggiori nel contesto esaminato. II profilo dell'orlo non e confrontabile con produzioni regionali 0 del Nord Italia, rna e possibile verificare affinita con alcune forme di provenienza francese, datate tra il IX e il X secolo'". L'assenza di elementi morfologici caratteristici rende poco riconoscibili questi contesti tra i materiali di scavo. La prescnza di impasti solo parzialmente depurati associati a forme che anticipano quelle delle produzioni successive, caratterizzano una fase di transizione verso tecniche piu progredite e forme che troveranno un maggiore sviluppo nell'xl-xii secolo. La stessa presenza di materiale proveniente da aree produttive diverse, caratterizzate da realta tecnologiche pill avanzate, conferma il carattere evolutivo di queste produzioni ~ F! 4 2 ~ I (, 3 ~ I I P P L'Xl-XII SECOLO 11 materiale scelto per definire il corredo ceramico di questo periodo proviene dall'unita stratigrafica 320 del cantiere di via Vemazza, corrispondente al piano di fondazione dell'cdificio "C", che ha restituito un denaro di Enrico III )38, dagli strati 371 e 399, coevi 0 immediatamente successivi a 320; dal livello 151 di via Cerrato, relativo alia prima fase d'uso dell'ambiente individuato, nel quale e stato recuperato un denaro di Asti )39; la posizione stratigrafica e la cronologia degli strati assegnati aile fasi successive consentono di fissame la formazione al XII secolo; dallo strato 950 di piazza Risorgimento che ha restituito un denaro di Enrico III )40; dai livelli 951 e 954 dello stesso cantiere, nei quali si e recuperato un denaro di Rouen (meta XI sec. ca.)" e, infine, sempre da piazza Risorgimento, dagli strati 70 26, 7033, 7041 e 7043, rclativi alia stessa fase d'uso di un edificio, datati sulla base del ritrovamento di un denaro di Enrico III )42 in L'esame del materiale consente di verificare una preponderante presenza di ceramica acroma. Gli impasti sono depurati, prevalentemente micacei, e solo raramente utilizzano argilla grezza con inclusi micrometrici; solo un frammento, relativo ad una brocca (cfr. infra nel testo), ha un impasto con inclusi di dimensioni pili grossolane. La cottura risulta quasi sernpre ossidante, mentre le tracce di fuoco sono state rilevate su un cospicuo numero di frammenti, pertinenti sia a forme chiuse che a forme aperte. L'aspetto regolare delle superfici esteme deriva, prevalentcmente, dall'uso del tornio veloce per la realizzazione dei vasi; sono presenti casi di lisciatura, mentre in alcuni frammenti la superficie e ruvida e porosa. Quest'uItimo casu e sempre associato ai pochi frammenti cotti in atmosfera riducente. Le decorazioni risuitano rarissime e sono affidate ad alcune incisioni a onde e a rotellature orizzontali sulla spalla e sulle pareti dei contenitori (fig. 226 n. 34 e fig. 227 n. 13). La decorazione a rotella risulta simile - anche se meno fitta e distribuita su linee pill distanziate - a quella che caratterizza in maniera pill consistente la ceramica dei secoli XlII e XIV, e si ritiene quindi possibile stabilire almeno fin dal XlI secolo la diffusione di questa tecnica decorativa. Occorre infine rilevare la presenza, sia pure sporadica (5 frammenti su un totale di 1254), di vetrina pesante di colore verdastro con superficie a buccia d'arancia, utilizzata per rivestire estemamente aicune olle (per le quali non e possibile individuare l'appartenenza ad una particolare variante morfologica), e distribuita a gocce sul colla di una brocca. La presenza di ceramica invetriata in un contesto dell'xl-xli se

13 238 MARIO CAYALETIO - MAURO CORTELAZZO colo, nonostante ritrovamenti analoghi gia nel X seco 10 43, rimane un episodio anomalo rispetto al panorama delle produzioni regionali. I frammenti in questione potrebbero costituire la testimonianza dei primi tentativi di proporre localmente una tecnica importata da altre aree produttive gia nel secolo precedente'". II repertorio formale, apparentemente piuttosto articolato, e in realta caratterizzato dalla presenza preponderante di due forme: le olle (60%) e i catinicoperchio (37,5%); sono rappresentate in percentuali infinitamente pili basse anche altre forme: i boccali (2%) e le brocche (0,5%). L'oIla, sulla base dei numerosi frammenti disponibili che, tuttavia, non consentono una ricostruzione integrale della forma, ha un corpo ovoide tendente al globulare, fondo leggermente convesso 0, pili raramente, piano; in alcuni casi e dotata di un'ansa a nastro confluente al bordo 0 con attacco nel punto di innesto collo-spalla e ricaduta sulla linea di massima espansione del corpo. La caratteristica pili evidente e costituita dalla presenza, in una buona percentuale di contenitori, di un colla pili 0 meno alto, rna sempre ben distinguibile rispetto alla spalla poco accentuata. Questo aspetto sembra costituire una peculiarita delle olle albesi di questo periodo: e possibile riscontrare in esse elementi di continuita con le produzioni pili antiche e aspetti innovativi come il fondo convesso e l'articolazione dell'orlo che, pur nell'impossibilita di individuare particolari aspetti funzionali, sembra costituire un principio di specializzazione delle forme". La sagoma dell'orlo costituisce, infatti, insieme alle dimensioni, l'unica variante individuata. Sono state classificate cinque tipologie di orlo: a - orlo semplice arrotondato, fortemente estroflesso, raramente caratterizzato da un leggero incavo sul lato intemo. Le dimensioni dei diametri rilevati variano da 8 a 12 em (fig. 226, nn. 1-9). Questo tipo di orlo e confrontabile con esempi da Trino-S. Michele (VC) dove risultano attestati in fasi dal X al XIII secolov: a Pecetto (TO) un frammento simile e datato al X-XI secolo": a Charavines, nella regione francese Rhones-Alpes, il contesto di XI secolo e contraddistinto da orli con le stesse caratteristiche morfologiche"; risultano infine datati all'xi-xii secolo alcuni frammenti provenienti da scavi nelle aree urbane di Lyon e Vienne". b - orlo ispessito a sezione rettangolare 0 affusolato al bordo, sagomato a formare una breve tesa molto inclinata 0 quasi orizzontale nella quale e riscontrabile, nella maggior parte dei casi, un lieve incavo per l'appoggio di un coperchio. Le dimensioni dei diametri rilevati variano da 11,5 a 15 em (nn, 10-18). II tipo di orlo e ampiamente confrontabile con materiali di Trino-S. Michele (VC), databili tra l'xi e il XIII secolo, anche se in questo caso le forme hanno un corpo pili globulare e risultano prive di collo'"; forme analoghe sono riscontrabili gia in fasi di X se colo in alcuni siti dell'ile-de-france'" e a Charavines in contesti di XI secolo'". c - costitisce una variante del tipo "b" ed e caratterizza ta da un minore spessore dell'orlo. Le dimensioni dei diametri rilevati variano da 8 a 13,5 em (nn ). Per questo tipo di orlo sono possibili confronti con il materiale proveniente dai depositi di XI-XII secolo del sito di Cherasco-Manzano (CN)53 e con un frammento datato alla fine del XII secolo proveniente da Pecetto (TO)54. La forma e assimilabile anche a materiale proveniente dagli scavi gia citati di Charavines e Lyon, con datazioni analoghe, e a forme provenienti dallo scavo di una fomace di XII secolo a Strasbourg in Alsazia". d - orlo a sezione rettangolare dotato di un profondo incavo per l'appoggio di un coperchio. 11 diametro dell'unico frammento attribuito a questo tipo corrisponde a 10 em (n. 30). Sono possibili confronti puntuali con materiale di XI secolo da Charavines'". e - orlo estroflesso molto ispessito rispetto alla parete con bordo affusolato e arrotondato. Le dimensioni dei diametri rilevati variano da 12 a 13,5 em (nn ). 11 tipo e affine ad alcune forme trovate a Trino - S. Michele (VC) e a Cherasco-Manzano (CN) in contesti di XI-XII secolo. I boccali hanno orlo semplice, breve e arrotondato, fortemente estroflesso e trilobato a formare un beccuccio versatoio. I diametri degli orli, variabili tra 7 e 10 em, sono piuttosto piccoli rispetto allo sviluppo del corpo che, anche in assenza di ricostruzioni integrali della forma, risulta globulare e piuttosto schiacciato anche a causa della totale assenza del col 10. Sono probabilmente dotati di ansa a nastro e ad essi si ritiene di poter attribuire la maggior parte dei frammenti di fondo piano recuperati nel contesto. In un caso l'attacco orlo-spalla e sottolineato da una solcatura orizzontale. A differenza delle olle, per le quali e riscontrabile una discreta serie di varianti morfologiche, per i boccali e stato possibile riconoscere un solo tipo (fig. 226, nn.34-37). L'assenza di confronti puntuali per questa forma sembrerebbe indicare una possibile peculiarita della produzione ceramica albese del periodo, per la quale si potrebbe ipotizzare una derivazione da alcune forme tipicamente francesi. II ritrovamento ad Asti di un frammento di pegau con becco a ponte? testimonia la circolazione di forme di provenienza transalpina, che potrebbero aver influenzato, sia pure solo a livel 10 di modelli funzionali - in questo caso un contenitore adatto alla mescita delle bevande - le produzioni locali del periodo.

14 LA CERAMICA 239 Fig Ceramica acroma (XI-XII secolo)., ) 11 ( 1 I ( 4 1 / 7 1 ~l ( ) 2 (- 3 I " I T 5 I =r 8 I <9, I 1 ( 10 ~l? ~ =r (' ) 1,-= ( 11 I~?14 17 ~ i,, --J=-----{ )12 ) " f r' 19 ~ ==r ~ 23, i 1 ( 15 18, T ( 1--=1, ~ r? 24 ~ \====:::1,1. f \ 28 1 \ ) ) l I ( 26 I ( 1-~29? 30 ~ 34, C? 36, I -- - ( 31, /, ' / \ \ I ~ ] -: 1===r ( 37 I '--l~( 33_~ 35 38

15 240 MARIO CAYALETIO - MAURO CORTELAZZO I pochissimi frammenti pertinenti a contenitori per it trasporto 0 la mescita di liquidi permettono di individuare una sola brocca, caratterizzata da un orlo estroflesso, breve collo, il cui diametro - pari a 6 cm e l'unica dimensione rilevabile, e ansa a nastro complanare all'orlo. A differenza delle altre forme esaminate risulta di fattura pill grossolana, anche a causa dell'impasto poco depurato e rieco di inclusi eterometrici. II dato consente di ipotizzare un suo utilizzo soprattutto per il trasporto e la conservazione dei liquidi, piuttosto che per il servizio da mensa. Nell'attacco orlo-ansa e sui colla sono presenti gocciolature di vetrina di colore verde (n, 38). La forma e confrontabile con un contenitore simile proveniente dai livelli di XIII secolo del castello di Montaldo di Mondovi (CN)58. Per quanto riguarda i catini-coperchio, sono attestate due varianti morfologiche alle quali non e possibile attribuire particolari tipi di orlo nonostante I'ampia varieta di sagome a disposizione. Un gruppo di catini, con diametri variabili tra 25 e 40 em, e caratterizzato da pareti poco inclinate 0 quasi verticali (fig. 227, nn. 1-4). In un frammento sono individuabili Ie tracce di probabili anse verticali ad a nello (n. 1). Un secondo gruppo, pill consistente, e definibile sulla base di forme tronco coniche pill schiacciate, con pareti segnate in prossimita dell'orlo da solcature pill 0 meno profonde (nn. 5-13). In un caso e presente una decorazione a rotella appena sopra l'orlo (n. 13). Non sono stati recuperati frammenti direttamente collegabili a prese 0 manici mentre i fondi attribuiti a questa forma risultano indifferentemente piani 0 leggermente convessi. I diametri determinabili variano tra 26 e 46 cm. A differenza di altri siti non e possibile stabilire u na sequenza cronologiea nella sviluppo delle due forme individuate, essendo entrambe contemporaneamente presenti in tutti gli strati esaminati'". Per i catini-coperchio con pareti poco inclinate e anse vertieali ad anello e possibile il confronto con materiali provenienti da contesti di X secolo scavati a Piadena (Cremonaj'" mentre per Ie forme tronco-coniehe esistono affinita con i ritrovamenti di Cherasco-Manzano (CN) in strati di XIII secolo e con alcuni catini provenienti da Brescia (via A. Mario), datati tra I'XI e il XIII secolo?'. II materiale ceramico assegnabile alia fase di XI-XII secolo delinea un repertorio formale piuttosto povero dove predominano due forme, l'olla e il catinocoperchio, che insieme costituiscono il 97,5% del materiale esaminato. Anche tenendo conto del fatto che molti contenitori, soprattutto quelli da mensa, potevano essere realizzati in pietra ollare, con materiaii deperibili come il legno 0 riutilizzabili mediante fusione come il metallo e it vetro, appare evidente come la dotazione di recipienti per la conservazione, la cottura e it consumo degli alimenti risulti poco articolato. La caratteristica pill evidente delle forme individuate e pertanto la polifunzionalita. Ne costituisce un esempio evidente la vasta gamma dei catini-coperchio che, pur presentando dimensioni e forme diverse, risultano utilizzati indistintamente sia come contenitori che come fornetti copri brace. Occorre tuttavia rilevare come non manchino i segnali, individuabili nella presenza - sia pure limitata di forme diverse, quali boccali e brocche, 0 elementi morfologici come ad esempio il fondo convesso, relativi a tentativi di diversificazione delle forme in base ad un loro specifieo utilizzo. Se il proseguimento delle indagini e il confronto con i materiali di altri siti confermera la presenza, almeno per quanta riguarda i boccali, di una produzione esclusivamente locale, possiamo individuare in questo fattore una particolare vitalita delle botteghe artigiane albesi e assegnare gia alia fase di XI-XII secolo i primi tentativi di artieolare e specializzare it corredo ceramieo. Tuttavia, per quanto riguarda Ie suppellettili fittili, mancano ancora del tutto i contenitori individuali. Anche I'assenza di decorazioni, costituite esclusivamente da semplici solcature e dai primi tentativi di rotellatura, conferma I'assenza di un servizio ceramieo da mensa e allo stesso tempo individua una produzione che, almeno apparentemente, non prevede la possibilita di diversificare i prodotti, in termini qualitativi ed estetici, a seconda delle classi sociali che possono acquistarli. Per quanto riguarda Ie tecniche di produzione pare evidente che la preponderante presenza di impasti depurati testimonia un buon livello tecnologico, anche se Ie molte varianti che contraddistinguono Ie sagome degli orli, sia delle forme chiuse, sia di quelle aperte, possono essere considerate I'indizio di una produzione esclusivamente affidata all'estro dell'artigiano non ancora concepita, e tantomeno organizzata, come produzione in serie. Sicuramente suggestiva e I'ipotesi di influenze dall'area transalpina sia a livello di importazione, non solo di singoli pezzi rna anche di modelli da cui trarre spunto per nuove forme, sia per quanto riguarda la diffusione di nuove tecnologie come la presenza di oggetti invetriati lascerebbe supporre. IL XlII SECOLO I prodotti ceramici riconducibili a questa secolo'< si arricchiscono di una nuova classe tecnologicamente molto diversa dai prodotti fino ad allora conosciuti. La presenza di una vetrina densa che ricopre gli oggetti costituisce una novita produttiva di notevole

16 LA CERAMICA 241 Fig Catini - coperchio (XI-XII secolo). ==~~=~\ 2 \ \ \ \ ~) 4 ~5 \6 '\7 ~10 \ J12 \, -----') 13

17 242 MARIO CAYALETTa - MAURO CORTELAZZO Fig alia acroma rotellata con colature eli vetrina. portata. L'associazione acroma, vetrina densa, pietra ollare costituisce una persistente casistica nei livelli di tutta la citra, siano essi in aree marginali 0 in aree centrali. Non a caso questa elemento innovativo e la considerevole articolazione delle forme nella ceramica acroma, coincidono con 10 sviluppo economico e urbanistico della citta, Il corollario di manufatti che le botteghe diffondono sul mercato diviene molto pill articolato, in quanto vengono prodotti in ceramica anche oggetti che fino a quel momento non esistevano 0 erano realizzati con altri materiali (salvadanai, tripodi). L'oggetto che tuttavia ancora manca nel corredo ceramico della produzione albese del XIII e la forma aperta ed in particolare l'oggetto d'uso individuale. La scodella 0 la ciotola costituiscono ancora a questa data un prodotto prevalentemente ligneo, in cui il rapporto qualita-prezzo risulta favorevole a questi rispetto ai probabili costi di oggetti in ceramica'". Una quantificazione di quanto vas ellame ligneo circolasse sui mercati cittadini non e possibile stabilirlo. Documenti d'archivio e indagini archeologiche in particolari situazioni di deposizione stratigrafica, consentono di indicare quantita senza dubbio considerevoliv'. L'acroma Questa classe ceramica, pur subendo il progressivo diffondersi delle prime coperture vetrificate, continua ad avere per tutto il secolo una presenza preponderante. Essa viene utilizzata per quasi tutte le forme chiuse e per i fornetti copribrace. Non mancano tuttavia brocche 0 coperchi e qualche altra forma pill rara 228 a completare il quadro morfologico. L'elemento discriminante e l'essenziale funzionalita degli oggetti in relazione alla cottura 0 alla conservazione dei cibi. Solo le decorazioni a crudo sulle superfici esterne costituiscono il tentativo di modificarne la monotonia e stetica, costituendo una innovazione di non scarsa rilevanza. La derivazione di morfologie e motivi decorativi da modelli gia presenti nei secoli precedenti e molto evidente. Il corredo raggiunge in questo secolo il suo completo sviluppo; esso costituisce il vasellame per eccellenza utilizzato da ampistrati della popolazione. I prodotti sono ormai realizzati con impasti pill depurati e quasi sempre in fomi con buona circolazione d'aria, ottenendo quindi risultati con cotture ossidanti. Lo spessore delle pareti, proprio per l'abilita raggiunta dai vasai (non e da escludere una certa parsimonia nella quantita di argilla necessaria per produrre l'oggetto), tende ad assottigliarsi. La produzione sembra avviarsi, pur se lentamente, verso un'organizzazione pill consona alla domanda del prodotto. La bottega gestita precedentemente dal solo artigiano od a conduzione familiare vede la necessita di accrescere l'organico con la presenza di garzoni'". I livelli riconducibili a questo secolo presentano una considerevole quantita di frammenti in ceramica acroma evidenziando, rispetto ai secoli precedenti, un aumento rilevante nella diffusione e nell'utilizzo. Forse un nuovo potere d'acquisto, forse la professionalita raggiunta dai vasai, forse 10 sviluppo di mercati e contatti commerciali fanno si che questo prodotto si diffonda 0 vunque. L'olla continua ad essere come nei secoli precedenti l'oggetto ceramico maggiormente usato, anche se la percentuale dei fornetti viene aumentando. L'assenza di forme complete per i periodi precedenti non consente di valutare una possibile modificazione del corpo e delle sue dimensioni: la varieta delle misure degli orli nel XIII secolo induce a ipotizzare una maggiore diversificazione. L'evoluzione degli orli, che da semplici ed estroflessi tendono sempre pill a verticalizzarsi ed a presentare un leggero incavo per l'appoggio del coperchio, testimonia l'orientamento della produzione verso una forma che diverra quasi standardizzata nel corso del XIV secolo. La presenza dell'ansa e purtroppo raramente accertabile e di conseguenza il rischio e che si identifichino come appartenenti ad olle, orli che in realta sarebbero pertinenti a "pegaus". In realta e probabile che le due forme fossero tra loro complementari e che svolgessero la stessa funzione; la presenza dell'ansa costituirebbe semplicemente l'aggiunta di un elemento pill funzionale. Non a caso nel XIV secolo l'ansa a nastro, se non la presenza di due anse, diverra un elemento imprescindibile, mentre l'olla nel suo modello arcaico cessera di esistere. Le basi si presentano nella maggior parte

18 LA CERAMICA 243 Fig Ceramica acroma: olle (XIII secolo), , I ( ) T \7 5 )--1=\. ) M.C1n~ea ftl"l" nl'l.. "eft,,~n 11 ~- =~( )-1~ '\\ 8 2,,)!:...l 9,) I ~ 13} I,..",,( 10.) I ~ ) 14 /==-r ~ ""e-... "'"core" r I'cl"r r "Ill"''' "r"..,. ~. r:o II eo '"' pc II: e... ~... I> ~.. II D"t L_ I

19 244 MARIO CAVALETIO - MAURO CORTELAZZO Fig Ceramica acroma: brocche (XIII secolo),. I A :::.~":: ~=.:.. L b I ~ 3... " ~". 230 dei casi leggermente convesse, distinguendosi nettamente da quelle delle brocche perfettamente piane. Tuttavia non sembra esistere una relazione tra basi convesse e contatto con le braci, supponendo la convessita come prerogativa per meglio sistemare l'olla direttamente su queste ultime 0 su di un treppiede'", in quanta molte forme non presentano contatti con il fuoco. Molte delle olle considerate come appartenenti alla classe della ceramica acroma evidenziano nei pressi dell'orlo 0 sulla superficie esterna, pill frequentemente sulla spalla, gocce 0 colature di vetrina densa (figg, , n. 17). Non per questo sono state attribuite a quella classe. 11 motivo, specificato in dettaglio pill avanti, e legato alla convinzione, che si tratti di colature casuali da ricondurre unicamente alla posizione del pezza all'interno dell'infornata, nella parte pill alta, e quindi molto vicino alla zona dove erano sistemati gli oggetti ricoperti di vetrina. In fase di cottura la fusione della vetrina provocava gocciolature, che cadendo andavano ad interessare gli oggetti sottostanti'". Gli elementi decorativi che rivestono in molti casi le olle sulla su perficie esterna sono suddivisibili in due categorie: la decorazione ad onde e la rotellatura utilizzate sia singolarmente che in associazione. La decorazione ad onde, ampiamente documentata e diffusa'", compare tra i materiali albesi su un numero di oggetti molto limitato, almena per quanta riguarda Ia ceramica acroma. Nel caso dove questa risulta pill facilmente leggibile essa e realizzata su pill fasce sovrapposte, delimitate da linee orizzantali, dal collo fino alla massima espansione del corpo (fig. 229, n. 18). Tale motivo trova attestazioni sulle brocche ricoperte da vetrina densa (nn ) realizzato in modo analogo. La diffusione del decoro a rotella'" trova attestazioni ad Alba gia nel secolo XII, pur con una distribuzione sul corpo dell'oggetto meno fitta?". Un dato che conferma l'attestazione albese e il rinvenimento di un frammento di coperchio nei livelli di riempimento per la realizzazione del mosaico nella cattedrale di Santa Maria ad Asti, nel quadro di un complesso intervento dovuto al vescovo Guglielmo ( )71. Tuttavia, nonostante questi esempi molto precoci e collocabili nell'ultimo quarto del XII secolo, la decorazione con rotella dentata e una delle caratteristiche pill evidenti della ceramica acroma del XIII secolo. 11 motivo come vedremo, proprio perche tipico di questo periodo, trova applicazione su uno svariato numero di forme, dalle brocche, ai coperchi, ai fornetti per arrivare ad interessare anche i salvadanai. 11 gruppo delle brocche rinvenuto nei contesti albesi e riconducibile ad una sola morfologia, pur con varianti dimensionali. Si tratta di forme con base piana, corpo globulare leggermente schiacciato, stretto colla cilindrico, orlo appena ingrossato e rilevato verso l'esterno con piccolo beccuccio versatoio, ricavato piegando la parte terminale dell'orlo verso l'esterno e ansa a nastro, con attaccature orlo/massima espansione del corpo (fig. 230, nn. 1-3), La forma ha qualche precedente in contesti albesi assegnabili al XII secolo e in alcuni frammenti di XIII secolo di Montaldo di Mondovi". Caratteristica di questa morfologia e la presenza costante della decorazione sulla spalla, sia essa realizzata con rotellature 0 con linee parallele. Due so no le morfologie attestate per i coperchi: in entrambi i casi si tratta di oggetti riconducibili a forme di piccolo diametro. Nel primo caso abbiamo una forma conica con piccola presa a bottone circolare sulla punta e labbro 0 tesa d'incastro nell'orlo quasi verticale, nel secondo la presa e ricavata nella forma conica della terminazione mentre l'orlo e ripiegato su se stesso verso l'interno (l'oggetto e tuttavia molto irregolare). 11 primo esemplare (fig. 230, n. 5) sembra essere di tradizione molto antica. Reperti molto simili compaiono a partire dall'epoca tardoromana.", per arrivare con minime varianti morfologiche, fino al XIV secolo". Le ridotte dimensioni legano l'oggetto a forme con diametri all'orlo molto contenuti, quali ad esempio Ie brocche; non e da escludere quindi una

20 LA CERAMICA 245 Fig Ceramica acroma: fornetti (XIII secolo), t:t.ft.-t:.o:;o-c(llre-~n1'n.-r'o"tl~ -----~ 5 a ~-~j 6 / I o o o T I 1

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova * Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova Da più di 20 anni si conducono a Genova ricerche di archeologia urbana che hanno permesso di delineare un quadro pur lacunoso delle fasi

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE)

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi 181 CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi LO SCAVO Lavori edili eseguiti dalla ditta Bonini e Bussolati di Parma nel comparto N-E del

Dettagli

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 4. LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 1 Lippolis 1984, pp. 31-34. 2 Goudineau 1968, pp. 320-322. 3 Lamboglia 1950, p. 69. 4 Cristofani 1972, p. 506. 5 Palermo 1990, pp. 114-115. 6 Cristofani

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA In questo volume, frutto del lavoro di dottorato di Federico Cantini, sono presentati i risultati dell elaborazione

Dettagli

Ceramica invetriata da Vada Sabatia

Ceramica invetriata da Vada Sabatia Ceramica invetriata da Vada Sabatia 1. Il centro di Vada Sabatia sorge nel II secolo a.c. nel punto di innesto costiero della via Aemilia Scauri (poi Iulia Augusta) che, dall'entroterra piemontese e ligure,

Dettagli

Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina

Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina Negli ultimi anni numerosi indagini archeologiche sia scavi che "survey" stanno gettando luce sulle produzioni ceramiche della

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Nora. Il foro romano

Nora. Il foro romano Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Archeologia Nora. Il foro romano Storia di un area urbana dall età fenicia alla tarda antichità 1997-2006 Volume II.2 - I materiali romani E GLI ALTRI

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

CERAMICA A PARETI SOTTILI:

CERAMICA A PARETI SOTTILI: CERAMICA A PARETI SOTTILI: con questo termine si indica un tipo di ceramica fine da mensa, con funzione prevalentemente potoria, caratterizzata dall'estrema sottigliezza delle pareti, che va da un minimo

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA...

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... LABORATORIO ARCHEOLOGICO DEGLI ALUNNI DI 3 a - 4 a A - 4 a B DELLA Scuola Primaria di Sedegliano Anno Scolastico 2009-2010 LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... Le fotografie sono state scattate nel corso

Dettagli

ATTESTAZIONI DI TERRA SIGILLATA TARDA MEDIO-ADRIATICA A TRENTO

ATTESTAZIONI DI TERRA SIGILLATA TARDA MEDIO-ADRIATICA A TRENTO Roberta Oberosler 79 ATTESTAZIONI DI TERRA SIGILLATA TARDA MEDIO-ADRIATICA A TRENTO Roberta Oberosler Gli studi più recenti sulla presenza di terra sigillata nel capoluogo trentino hanno permesso di approfondire

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA. Descrizione del progetto

Progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA. Descrizione del progetto Progetto A Descrizione del progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA I fattori che hanno determinato la posizione del nuovo ponte: sezione di alveo inferiore rispetto a quella al ponte crollato prolungamento

Dettagli

Ann Mus civ Rovereto Sez : Arch, St, Sc nat Vol 23 (2007) 51-87 2008 CLAUDINE MARCONI & MILENA ANESI STUDIO PRELIMINARE DEI REPERTI CERAMICI PROVENIENTI DAI SETTORI B E C DELLO SCAVO DI LOPPIO-S ANDREA

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia*

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* CHIARA DE SANTIS Fig. 1 Pianta della Tomba Comune di Viterbo Località

Dettagli

Associazioni ceramiche nei contesti della prima fase longobarda di Brescia - S. Giulia

Associazioni ceramiche nei contesti della prima fase longobarda di Brescia - S. Giulia Gian Pietro Brogiolo, Serena Massa, Brunella Portulano, Mariagrazia Vitali 15 Associazioni ceramiche nei contesti della prima fase longobarda di Brescia - S. Giulia Introduzione Presentiamo in questa sede

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

La Boutique della Piastrella snc

La Boutique della Piastrella snc La Boutique della Piastrella nasce nel 1996 a Saccolongo, in provincia di Padova. La fusione tra la decennale esperienza degli artigiani e la collaborazione di partner qualificata ha permesso alla Boutique

Dettagli

3. I REPERTI ARCHEOLOGICI

3. I REPERTI ARCHEOLOGICI 3. I REPERTI ARCHEOLOGICI Nel corso dello scavo archeologico di Gorfigliano sono stati recuperati più di 4300 frammenti ceramici e altri reperti archeologici, che si caratterizzano essenzialmente per il

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE

CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE La ditta Carmela Sirello Restauro Archeologico e Conservazione Opere d Arte opera dal 1991 nel settore della valorizzazione e della conservazione

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

V. VETRI ALTOMEDIEVALI DAGLI SCAVI DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA 1

V. VETRI ALTOMEDIEVALI DAGLI SCAVI DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA 1 V. VETRI ALTOMEDIEVALI DAGLI SCAVI DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA 1 PREMESSA 1. Il presente lavoro è frutto della collaborazione di Mariacristina Galgani e Marja Mendera: la prima ha

Dettagli

UTILIZZO DI UNA UNITÀ DI MISURA POLVERI PER IL MONITORAGGIO IN TEMPO REALE DELLE CONCENTRAZIONI DEL PARTICOLATO IN SITI MUSEALI

UTILIZZO DI UNA UNITÀ DI MISURA POLVERI PER IL MONITORAGGIO IN TEMPO REALE DELLE CONCENTRAZIONI DEL PARTICOLATO IN SITI MUSEALI UTILIZZO DI UNA UNITÀ DI MISURA POLVERI PER IL MONITORAGGIO IN TEMPO REALE DELLE CONCENTRAZIONI DEL PARTICOLATO IN SITI MUSEALI Salvatore Lorusso, Andrea Natali Dipartimento di Storie e Metodi per la Conservazione

Dettagli

Le ceramiche comuni di età romana

Le ceramiche comuni di età romana Le ceramiche comuni di età romana Alessandro Quercia Introduzione Le ceramiche comuni di età romana 1 costituiscono di gran lunga la categoria ceramica maggiormente attestata nello scavo di via Sacchi:

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

Attività di prospezione archeologica sul sito di Podere Castellina (Scarlino, GR)

Attività di prospezione archeologica sul sito di Podere Castellina (Scarlino, GR) Attività di prospezione archeologica sul sito di Podere Castellina (Scarlino, GR) LAP&T (Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi e Telerilevamento), Dipartimento di Archeologia, Università di Siena) La

Dettagli

Vetri da contesti postclassici di Faenza (XV-XVIII secolo)

Vetri da contesti postclassici di Faenza (XV-XVIII secolo) Quaderni Friulani di Archeologia XIX/2009 Vetri da contesti postclassici di Faenza (XV-XVIII secolo) Chiara guarnieri Uno studio recentemente pubblicato, relativo ai butti rinvenuti nel centro urbano di

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Biblioteche di Roma e biblioteche europee: dati a confronto

Biblioteche di Roma e biblioteche europee: dati a confronto di Filippo Lobina* Biblioteche di Roma e biblioteche europee: dati a confronto Premessa La gestione delle biblioteche comunali, negli ultimi anni, ha subito un consistente cambiamento attraverso interventi

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Ceramica a vetrina pesante degli scavi del castello di Montella (AV)

Ceramica a vetrina pesante degli scavi del castello di Montella (AV) Ceramica a vetrina pesante degli scavi del castello di Montella (AV) Gli scavi condotti dal Dipartimento di Discipline Storiche dell'università di Napoli Federico II nel castello del Monte di Montella

Dettagli

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico QUARTE GIORNATE INTERNAZIONALI DI STUDI SULL AREA ELIMA (Erice, 1-4 dicembre 2000) ATTI I Pisa 2003 Il

Dettagli

Indagini archeologiche in via del Lavatore n.31: testimonianze di epoca medioevale e rinascimentale

Indagini archeologiche in via del Lavatore n.31: testimonianze di epoca medioevale e rinascimentale The Journal of Fasti Online (ISSN 1828-3179) Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Enrico Cirelli, Elvira Lo Mele La cultura materiale di San Severo alla luce delle nuove scoperte archeologiche

Enrico Cirelli, Elvira Lo Mele La cultura materiale di San Severo alla luce delle nuove scoperte archeologiche Enrico Cirelli, Elvira Lo Mele La cultura materiale di San Severo alla luce delle nuove scoperte archeologiche [A stampa in La basilica ritrovata. I restauri dei mosaici antichi di San Severo a Classe,

Dettagli

Esempi di tecniche decorative con le. argille nelle collezioni del MIC. Percorso tematico per il corso. Dipingere con gli ingobbi

Esempi di tecniche decorative con le. argille nelle collezioni del MIC. Percorso tematico per il corso. Dipingere con gli ingobbi Esempi di tecniche decorative con le argille nelle collezioni del MIC Percorso tematico per il corso Dipingere con gli ingobbi Faenza settembre 2011 A cura di Anna Lega SALA DIDATTICA: IMPASTO MARMORIZZATO

Dettagli

MATERIALI E METODI. I casi sono stati tutti documentati fotograficamente.

MATERIALI E METODI. I casi sono stati tutti documentati fotograficamente. PREMESSA Nonostante l evidente progresso che nel campo dei materiali per otturazioni estetiche è stato compiuto in questi anni, molti problemi restano ancora da risolvere per ottenere i risultati di durata,

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

AREA DI SCAVO 9000. Lo scavo. L'indagine archeologica ha permesso di individuare tre fasi di attività produttive nettamente differenziate:

AREA DI SCAVO 9000. Lo scavo. L'indagine archeologica ha permesso di individuare tre fasi di attività produttive nettamente differenziate: AREA DI SCAVO 9000 L'area 9000 è situata all'esterno delle mura castellane, in una zona pianeggiante a sud-ovest dell'altura su cui si sviluppa l'insediamento (fig. 25). La zona indagata ha un'estensione

Dettagli

AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE

AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE Nicola Mancassola 105 AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE Nicola Mancassola Fig. 1. Posizionamento dell area 5000 rispetto alle precedenti zone di scavo. Prima dello scavo Il settore della Rocca Vecchia di

Dettagli

IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita)

IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita) IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita) L indagine L indagine sul pubblico dell arte contemporanea, condotta dal Centro Studi e Ricerche dell Associazione

Dettagli

Il disegno archeologico della ceramica

Il disegno archeologico della ceramica Il disegno archeologico della ceramica Cynthia Mascione, Arianna Luna Il disegno affianca la schedatura dei reperti, è utile all articolazione della tipologia, accompagna e illustra in fase di edizione

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

Associazione Culturale di Promozione Sociale Ars in Urbe

Associazione Culturale di Promozione Sociale Ars in Urbe Associazione Culturale di Promozione Sociale Ars in Urbe L Associazione Culturale di Promozione Sociale Ars in Urbe si è costituita il 2 Marzo 2011 e registrata ad Acilia (Roma) il 3 Marzo 2011, n. 1895.

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma Al Sindaco del Comune di Ciampino All Assessore all Assetto del Territorio All Assessore al Patrimonio All Assessore all Ambiente All Assessore alle Infrastrutture All Assessore alla Cultura All Assessore

Dettagli

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD I GENERALITÀ Origine MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD Razza Veneta, selezionata dall'allevatore Luca Rizzini alla fine del XX secolo a partire da esemplari di polli di tipologia

Dettagli

Pavimenti: Cotto Interno Sommario. Il Palagio - 1 -

Pavimenti: Cotto Interno Sommario. Il Palagio - 1 - Pavimenti: Cotto Interno Sommario Il Palagio Trattato a galesro -2- Natura -3- Tarsie -4- Onda pompeiana -5- Solare -6- Palmmira -7- Antico -8- Semilevigato -9- Artigiano -10- Mito -11- Museo -12- Sabbiato

Dettagli

L ascolto telefonico in una società comunicazionale

L ascolto telefonico in una società comunicazionale Progetto Co.RAL Regione Lombardia L ascolto telefonico in una società comunicazionale Qualità ed integrazione dei centralini di aiuto telefonico e loro messa in rete Relazione di fine progetto a cura di

Dettagli

E8. Il rilievo materico e del degrado

E8. Il rilievo materico e del degrado Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in ingegneria Edile A.A. 2014/2015 E8. Il rilievo materico e del degrado Corso Integrato di CONOSCENZA DEL COSRUITO STORICO Modulo di FONDAMENTI DI RESTAURO

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Comune di Clusone Deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 27/12/2005 Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Art. 1 (Oggetto del Regolamento) E istituito il MAT

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI LABMATER=Laboratorio dei "Materiali e risparmio energetico" Corso di: A.A. 2011/2012 Tema d anno: Ambienti Mediterranei e

Dettagli

L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a.

L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a. L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a. L Elicoidale Snc nasce il 13/01/1998 dall idea dei due soci fondatori, Zandonà Renzo e Bicego Domenico, di realizzare

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015 La Rete è sul web: grandevercelli.it ed è costituita da: DOSSIER 01 30 GIUGNO 2015 RICONTESTUALIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE A VER- CELLI DI ALCUNI REPERTI STORICO-ARCHEOLOGICI SIGNIFICATIVI In ottemperanza

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli I materiali di rivestimento di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli Porosità della ceramica -Le ceramiche hanno la caratteristica di essere porose, un fattore che non le ha rese utilizzabili

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

Comune di Brenzone 1. RICHIEDENTE: 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO:

Comune di Brenzone 1. RICHIEDENTE: 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO: AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA 1. RICHIEDENTE: persona fisica società impresa ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA

Dettagli

Torre di controllo del porto di Lisbona

Torre di controllo del porto di Lisbona Torre di controllo del porto di Lisbona Il progetto Gonçalo Sousa Byrne G.B. Arquitectos Prima che i Portoghesi, a metà del XVIII sec. costruissero il primo faro, il margine occidentale d Europa è stato

Dettagli

French Sculturale in Acrilico Regole, Criteri & Istruzioni per i giudici

French Sculturale in Acrilico Regole, Criteri & Istruzioni per i giudici Regole generali di competizione 1. I concorrenti devono applicare su una mano della modella esclusivamente smalto rosso.non è consentito l'uso di base coat, ridge filler (smalto riempitivo) o top coat.

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO Regione Veneto COMUNE DI TRECENTA INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE VIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE, MIGLIORAMENTO SISMICO ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

ARCHITETTURE PER LA CULTURA WORKSHOP 10 MAGGIO 01 GIUGNO 2013 LUOGHI TEMI PREMESSA

ARCHITETTURE PER LA CULTURA WORKSHOP 10 MAGGIO 01 GIUGNO 2013 LUOGHI TEMI PREMESSA ARCHITETTURE PER LA CULTURA WORKSHOP 10 MAGGIO 01 GIUGNO 2013 PREMESSA Il tema del recupero e del riuso dei grandi complessi monumentali ha recentemente evidenziato a Reggio Emilia episodi di forte criticità.

Dettagli

ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007

ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007 ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007 ANALISI ARCHEOMETALLURGICHE ESEGUITE SU UN QUINCUSSIS PROVENIENTE DALL AREA VESUVIANA. CONFRONTO CON UN RITROVAMENTO ANALOGO DAL MUSEO ARCHEOLOGICO

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

CERAMICA PER DISABILI

CERAMICA PER DISABILI INDICE FASI DI LAVORAZIONE DELLA CERAMICA IMPASTATRICE PER ARGILLA TAGLIERINA MANUALE TORNIO PER CERAMICA TORNIO PER CERAMICA PRESSA PNEUMATICA TRAFILA FORNO ELETTRICO POSTAZIONE PER DECORO DL 65IP DL

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PERCORSI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRESENTAZIONE Anche per l anno scolastico 2013/2014 la Cooperativa Colline Metallifere torna a proporre alle scuole primarie e secondarie i Percorsi Didattici

Dettagli

il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali

il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali Versione 1.2 - dicembre 2014 il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali ArcheoJobs è un portale web che opera su scala nazionale, raccoglie contenuti

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

La mostra dal titolo Culti

La mostra dal titolo Culti CULTI DELLA FERTILITÀ NEL II MILLENNIO a.c. A LAVELLO di Addolorata Preite BASILICATA REGIONE Notizie La mostra dal titolo Culti della fertilità nel II millennio a.c., allestita nel Civico Antiquarium

Dettagli

STUDIO SUI CONTENITORI IN PIETRA OLLARE DA SITI INDIVIDUATI IN SUPERFICIE NEL MEDIO POLESINE 1

STUDIO SUI CONTENITORI IN PIETRA OLLARE DA SITI INDIVIDUATI IN SUPERFICIE NEL MEDIO POLESINE 1 C. Malaguti, A. Zane : Studio sui contenitori in pietra ollare da siti individuati in superficie nel Medio Polesine STUDIO SUI CONTENITORI IN PIETRA OLLARE DA SITI INDIVIDUATI IN SUPERFICIE NEL MEDIO POLESINE

Dettagli

Nuove ricerche nell area archeologica di S. Omobono a Roma

Nuove ricerche nell area archeologica di S. Omobono a Roma RICERCHE SUPPLEMENTI Collana del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti 3 Nuove ricerche nell area archeologica di S. Omobono a Roma a cura di Nicola Terrenato Università della Calabria 2012 Direttore

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE Maggio 2011 Settore Urbanistica Servizio Governo del territorio PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE ALLEGATO C Elenco dei beni di interesse artistico e storico Sindaco Giorgio Oldrini Assessore

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997)

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) Corso di formazione per insegnanti 2 incontro Francesca Piccinini Coordinatrice del sito UNESCO di Modena 22 ottobre 2013 Modena nel

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

L uso privato e a scopo di studio dei testi e delle immagini contenuti nel presente volume è consentito. La riproduzione anche parziale per altri

L uso privato e a scopo di studio dei testi e delle immagini contenuti nel presente volume è consentito. La riproduzione anche parziale per altri L uso privato e a scopo di studio dei testi e delle immagini contenuti nel presente volume è consentito. La riproduzione anche parziale per altri scopi ed in contesti pubblici o commerciali costituisce

Dettagli

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec.

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. MARTA MATTIOLO CHIARA ROTA MARIA CRIPPA -PROGETTO 21- I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. Negli ultimi anni numerosi sono stati gli interventi architettonici all' interno della città di Lecco. Alcuni di questi

Dettagli

10 bianco 11 grigio 12 nero 20 turchese. 23 blu 31 verde chiaro 33 verde 40 marrone

10 bianco 11 grigio 12 nero 20 turchese. 23 blu 31 verde chiaro 33 verde 40 marrone Mosaico Soft Il Mosaico La linea per Mosaico "Soft è realizzata in vetro trasparente smaltato e placcato da 4 mm di spessore. Grazie ad una ricottura ad oltre 700º, le tessere presentano bordi arrotondati

Dettagli

IL QUARTIERE DI SAN LORENZO AD ALBA (SECOLI V-XIII) di EGLE MICHELETTO

IL QUARTIERE DI SAN LORENZO AD ALBA (SECOLI V-XIII) di EGLE MICHELETTO IL QUARTIERE DI SAN LORENZO AD ALBA (SECOLI V-XIII) di EGLE MICHELETTO La recente pubblicazione di un volume dedicato all archeologia medievale della città di Alba (MICHELETTO 1999a) ha costituito l occasione

Dettagli

ITALIAN LIGHT DESIGN. 2015 s collection. Vintage. from. to MODERN

ITALIAN LIGHT DESIGN. 2015 s collection. Vintage. from. to MODERN ITALIAN LIGHT DESIGN 2015 s collection from Vintage to MODERN ILIDE 2015 s collection fromvintage to MODERN ITALIAN LIGHT DESIGN ILIDE parteciperà a I Saloni - EUROLUCE di Milano. La fiera biennale dedicata

Dettagli