BORSE DI STUDIO p. 6 LA SFIDA: CONIUGARE PROSSIMITÀ, EFFICIENZA OPERATIVA ED EFFICACIA COMMERCIALE. avviso, un aspetto della soluzione della

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BORSE DI STUDIO p. 6 LA SFIDA: CONIUGARE PROSSIMITÀ, EFFICIENZA OPERATIVA ED EFFICACIA COMMERCIALE. avviso, un aspetto della soluzione della"

Transcript

1 N. 2/2013 Poste italiane Spa - spedizione in A.P. 70% DC Trento - Editore: Cassa Rurale di Aldeno e Cadine - Registrazione al Tribunale di Trento n del 20/3/03. - Direttore responsabile Walter Liber Redazione: Servizio Stampa e Comunicazione Federazione Trentina della Cooperazione - Coordinamento: Diego Nart - Realizzazione: Artimedia sas, Trento - Stampa: Grafiche Futura, Trento - Periodicità: quadrimestrale IN QUESTO NUMERO PUNTI DI VISTA p. 5 BORSE DI STUDIO p. 6 STORIE DI GENERE p. 8 PIO ZANELLA LA SFIDA: CONIUGARE PROSSIMITÀ, EFFICIENZA OPERATIVA ED EFFICACIA COMMERCIALE Le Casse Rurali hanno assunto, nel corso del tempo, un ruolo sempre più importante nel sistema economico e finanziario europeo; pur avendo avuto un evoluzione diversificata nei vari Paesi, le banche di tipo cooperativo hanno, infatti, rafforzato la propria funzione di sostegno allo sviluppo dell economia attraverso l offerta di servizi finanziari a imprese e famiglie. nostro Paese, è stato spinto, anno dopo anno, a causa dell aggravarsi della situazione sociale, a mutare in peggio il proprio giudizio sull Italia. Mentre, nel 2007, aveva utilizzato l espressione società mucillagine per descrivere un Paese senza spina dorsale, nel 2010 aveva parlato di una società senza regole e senza sogni e se, nel 2012, aveva parlato di un Italia in preda ad una sensazione di povertà unita ad ansia, nel Rap- Oggi, i Paesi europei vivono un conomia locale rappresentano, a mio momento di notevoli difficoltà economiche e sociali; in crisi. Una soluzione, che, oggi, non può avviso, un aspetto della soluzione della questo contesto di crisi globale, che che essere vista all interno di un ampio presenta molteplici problematiche, le cooperative di credito radicate nell e- SEGUE A PAG. 3 LUIGI BALDO SALDARE PASSATO E FUTURO Riflessioni suggerite dalla lettura del 47 Rapporto Censis sulla situazione sociale dell Italia. Ho letto qualche giorno fa alcuni brani del 47 Rapporto Censis sulla situazione sociale dell Italia, uscito nei primi giorni di dicembre. Esso rappresenta un ormai tradizionale focus dell indagine sociologica sulla realtà italiana, curato dal Prof. Giuseppe De Rita. Propone, purtroppo, anche quest anno, una scoraggiata chiave di lettura della difficile situazione che il nostro Paese sta vivendo. Il curatore del rapporto, che era solito, negli anni precedenti la crisi, esprimere un costante ottimismo di fondo sulle condizioni del SEGUE A PAG. 2 Il Direttore Pio Zanella L IMPORTANZA DELL EDUCAZIONE FINANZIARIA La recente crisi finanziaria, che ha investito anche il territorio su cui vivono le comunità che fanno riferimento alla Cassa Rurale di Aldeno e Cadine, ha messo in luce l importanza che i cittadini, specialmente i più giovani, siano dotati delle competenze necessarie ad una responsabile gestione delle risorse economiche proprie ed anche della comunità. Su questo tema le istituzioni pubbliche SEGUE A PAG. 4 1

2 SEGUE DA PAG. 1 porto 2013 vede una società sciapa ed infelice. A suo avviso, quindi, gli italiani sono sì esausti per i mali che li affliggono ormai da anni disoccupazione, povertà, riduzione del potere d acquisto dei salari, mancanza di servizi - ma, soprattutto, sembrano senza speranza, senza fiducia, infelici e sciapi, ossia senza sale, come paralizzati, incapaci di reagire, al punto che chi può ed ha l età per farlo preferisce scappare. Questo fenomeno è raddoppiato dal 2007 ad oggi e, solo nell ultimo anno, è cresciuto del 28%: in numeri assoluti vuol dire 106 mila giovani formati che se ne vanno ogni anno. Tutto ciò succede in un momento in cui il Paese inizia a riprendersi e la situazione economica mostra i primi segni positivi sugli ordini dell industria e sulla fiducia di famiglie ed imprese. Mi sono chiesto spesso, di fronte a questa situazione, in che modo il credito cooperativo possa essere sempre più pronto a riconoscere i veri bisogni delle persone e delle famiglie, i bisogni più tradizionali, ma anche quelli più nuovi e pertanto difficili da cogliere ed ho maturato la convinzione che si debba perseverare nell impegno di cercare modalità nuove per rimanere sempre, come Cassa Rurale, espressione ed al contempo volano di una società capace di auto-organizzarsi, ispirata dai valori della solidarietà ed irrobustita dai principi della responsabilità personale e collettiva. Certo, non è facile saldare passato e futuro. Tuttavia, oggi, uno dei compiti di una buona Cassa Rurale è proprio quello di riuscire a guardare al proprio territorio come ad un patrimonio da rispettare, da coltivare e da far evolvere con l impegno e con l entusiasmo di un identità sempre a due facce: quella che i nostri padri ci hanno trasmesso e quella che noi vogliamo ancora costruire e lasciare ai nostri figli. Investiremo, quindi, anche i prossimi anni per contribuire alla promozione di uno sviluppo che sia al tempo stesso crescita economica, inclusione sociale, rispetto per il territorio, nuovo benessere per tutti e contemporaneamente attiva solidarietà per chi è più debole. Accanto alle iniziative a favore delle fasce più in difficoltà, quale quella denominata Credito solidale, si presterà particolare attenzione alla fascia centrale delle nostre famiglie, quella che fatica sempre di più a rapportarsi con la caduta del potere di acquisto di stipendi e salari e con modelli culturali che mettono in crisi i rapporti inter- Il Presidente Luigi Baldo TECH PEAKS generazionali. Faremo la nostra parte, inoltre, affinché il nostro territorio sia sempre terra di reale uguaglianza, promuovendo iniziative, quali Job Trainer e Summerjobs, per liberare tutte le potenzialità ed il talento delle persone, oltre ogni condizionamento anche di genere: anche per questo abbiamo promosso nel mese di novembre l iniziativa: Storie di genere. L altra metà della Cooperazione. Ma, soprattutto, cercheremo di vivere quest epoca di grande incertezza economica globale, cercando di cogliere, oltre le criticità, anche le opportunità del ciclo globale. Per questo continueremo, come abbiamo fatto con le iniziative collegate alle misure anticrisi della Provincia Autonoma di Trento a favore di imprese e famiglie, ad essere accanto alle nostre comunità ed alle loro istituzioni per elaborare e sostenere strategie per uno sviluppo economico capace di non lasciare indietro nessuno. La Cassa Rurale di Aldeno e e Cadine sostiene Tech Peaks. Si tratta di un programma di Trento Rise, sviluppato con la collaborazione di Trentino Sviluppo, che si propone di finanziare nuove iniziative imprenditoriali in ambito digitale. Tech Peaks è, in sintesi, un modello innovativo di acceleratore pubblico di impresa, in quanto è aperto sia a team imprenditoriali sia ad individui e mette a disposizione di singoli individui o gruppi, dotati di competenze, talento e passione, un pacchetto di risorse economiche, intellettuali, laboratori e tecnologie, per creare start-up di successo nell ambito della tecnologia dell informazione. L obiettivo del progetto è quello di contribuire alla costituzione di team solidi, diminuendo il fattore di rischio collegato alla disgregazione dei gruppi di lavoro che generalmente si verifica nella fase di avvio di nuove iniziative imprenditoriali. Il programma è, quindi, globale e mira a raccogliere imprenditori digitali italiani e stranieri in un esperienza unica, con la finalità di formare aziende internazionali che uniscano sin dall origine il design e la creatività italiana con la tecnologia e i mercati esteri. La nostra Cassa Rurale, insieme a Cassa Rurale di Trento e Cassa Rurale di Lavis Valle di Cembra, supporta l iniziativa, offrendo a queste nuove realtà un conto corrente a condizioni di favore. Il programma coinvolge 80 ricercatori di 58 diverse nazionalità, provenienti da una selezione di circa nominativi. Attraverso un articolato processo di valutazione, saranno progressivamente elaborate 30 idee high-tech che dovranno trasformarsi in un progetto d impresa entro 18 mesi (6 di studio e 12 di avvio). Con un attività di scouting, saranno reperite le necessarie fonti di finanziamento per far decollare il progetto, attraverso la partecipazione diretta o meno di imprese interessate all idea imprenditoriale. La Provincia Autonoma di Trento (PAT) raddoppierà il capitale da loro investito. Dopo 18 mesi sarà verificato lo stato dell azienda e solo allora, se opportuno, la start-up potrà accedere a finanziamenti bancari. 2

3 SEGUE DA PAG. 1 processo di rafforzamento dell Unione Europea. Appare opportuno evidenziare che, in un panorama caratterizzato dal perdurare della crisi economico-finanziaria, l applicazione di importanti riforme istituzionali e normative rende molto complesso il contesto in cui si trovano ad operare le banche di credito cooperativo, le quali sono chiamate a gestire le priorità dettate dalla congiuntura e, contestualmente, a far fronte con interventi strutturali alle sfide che derivano dall evoluzione del contesto europeo. Quali sono, dunque, le tendenze evolutive del contesto di riferimento che, per gestire bene le difficoltà del presente, evidenziate anche dall andamento negativo dei risultati economici, le Casse Rurali devono valutare attentamente? Innanzitutto, c è la necessità di migliorare la dotazione patrimoniale, sia a seguito delle nuove regole prudenziali sia in conseguenza dell impatto del deterioramento della qualità dei prestiti e Partecipazione Soci Assemblea 2013 dell indebolimento reddituale. Vi è poi l esigenza di rafforzare le componenti stabili della provvista, in considerazione dei maggiori vincoli riguardanti disponibilità e costi del funding, anche in relazione ai futuri standard regolamentari; vanno, inoltre, considerate la tendenza alla contrazione dei margini della gestione del denaro, nonchè le Ad ogni start-up è affiancato un tutore aziendale nominato dalla Provincia Autonoma di Trento. Anche in questo modo la nostra Cassa Rurale intende puntare sul rilancio dell imprenditoria giovanile, nella convinzione che quella di TechPeaks sia un operazione che può funzionare da esempio, in quanto, nonostante la crisi, rappresenta un esempio di come si possa investire, creando sinergie, somme importanti sui giovani e sul loro talento. pressioni sulla competitività e sull efficienza potenzialmente derivanti da un accresciuta integrazione del mercato dei servizi bancari e finanziari. Come affrontare sfide così impegnative? È, innanzitutto, necessario che le singole Casse Rurali fronteggino l aumento della rischiosità dell erogato con adeguati accantonamenti, al fine di mantenere la fiducia degli stakeholder e del mercato, ma anche valorizzando un modello relazionale che può concorrere a limitare le perdite sui crediti, in virtù di un legame più intenso con la clientela e di un più efficace controllo sociale. Appare, poi, essenziale recuperare una stabile e adeguata capacità di produrre reddito, che consenta di generare le risorse necessarie per accrescere il capitale e sostenere l attività di prestito. Per fronteggiare le sfide attuali e prospettiche del contesto di riferimento, occorre, inoltre, salvaguardare il radicamento nelle comunità locali, le cui potenzialità sono valorizzate da una fase storica che pone nuova enfasi sul tema dell inclusione sociale e finanziaria. Appare necessario, infine, aggiornare continuamente anche il modello di servizio alla clientela retail, per rafforzarne la fidelizzazione e accrescere la redditività aziendale. Negli ultimi anni la Cassa Rurale di Aldeno e Cadine sta, inoltre, cercando di integrare l assistenza e la consulenza ai clienti con progetti rivolti alle giovani generazioni e mirati a fornire educazione al risparmio e alla previdenza. In ultima analisi, appare oggi sempre più strategica la capacità di coinvolgere la base sociale in un impegno condiviso, volto ad individuare criteri di azione capaci di coniugare al meglio il tradizionale valore della prossimità del credito cooperativo con le esigenze di efficienza operativa ed efficacia commerciale. 3

4 SEGUE DA PAG. 1 (Ministero della Pubblica Istruzione, uffici scolastici regionali) e private hanno evidenziato in più occasioni l urgente necessità di fornire, anche ai minori, informazioni e strumenti conoscitivi utili a gestire le proprie risorse economiche (quella che l OECD chiama financial education o educazione finanziaria), enfatizzando l apprendimento di nozioni inerenti non solo alla realtà micro-sociale (il tema del risparmio e della previdenza), ma anche quelle inerenti alla realtà macro-sociale (il tema della solidarietà, della cooperazione, della mutualità, della lotta all evasione fiscale). Partendo da queste riflessioni, la Cassa Rurale di Aldeno e Cadine, in sinergia con il Piano Giovani di Zona Arcimaga e con la collaborazione dell Università degli Studi di Udine, ha ritenuto opportuno promuovere un percorso di educazione finanziaria, destinato a circa 150 alunni delle classi quarte e quinte dei principali Istituti Comprensivi del proprio territorio, sulla base del presupposto che un migliore livello di alfabetizzazione finanziaria aiuti i cittadini non solo a diventare più informati e consapevoli nelle proprie decisioni, e, quindi, a raggiungere un miglioramento del proprio benessere economico nel breve e nel lungo occasione in cui la Cassa Rurale valorizza l impegno ed il talento delle giovani generazioni termine (diminuendo indirettamente la spesa sociale pubblica e migliorando la sostenibilità del sistema previdenziale nel medio-lungo termine), ma anche a prevenire problemi di sovra-indebitamento, specialmente tra i giovani (target privilegiato di forti pressioni al consumo). La Cassa Rurale si è proposta, inoltre, l ambizioso obiettivo di coinvolgere in questo progetto anche 10 giovani laureati o laureandi, soci o figli di soci della nostra Cassa Rurale, alcuni dei quali hanno partecipato ai progetti Job Trainer 2011 e Job Trainer 2012, promossi sempre dalla Cassa, affinché fossero protagonisti di un progetto di animazione di comunità, che li vedesse assumersi la responsabilità di proporre a ragazzi più giovani ed alle loro famiglie un percorso dedicato ad acquisire la consapevolezza del valore sociale del denaro. Per scendere sul piano della concretezza, si è provveduto alla realizzazione di un percorso educativo-esperienziale, accompagnato da una ricerca di monitoraggio, che puntasse specialmente a stimolare nei partecipanti la riflessione intorno a 4 usi diversi del denaro: il risparmio nel breve termine, la previdenza, il dono e la solidarietà. Tale progetto ha trovato una traduzione pratica in specifici laboratori formativi, che sono ruotati intorno all utilizzo di un apposito oggetto, il salvadanaio Torta dell economia, costruito a forma di una torta con 4 differenti fette, in collaborazione con il Centro di promozione sociale Maso Pez di Trento. In particolare, sono state realizzate alcune specifiche attività in classe, progettate da un gruppo di esperti pedagogisti sulla base della lettura scientifica inerente la socializzazione economica e sviluppate con la partecipazione dei docenti delle classi coinvolte. Gli obiettivi principali del progetto sono stati, quindi, quelli di: promuovere il dialogo inter-generazionale intorno a 4 usi diversi del denaro ovvero il risparmio a breve termine, il risparmio a lungo termine (previdenza), il dono e la solidarietà; stimolare nei giovani la capacità di pianificazione, agendo sul loro orientamento intertemporale (time perspective) in riferimento specialmente all utilizzo di risorse limitate; promuovere tra i giovani un orientamento pro-sociale sensibile ai desideri dei componenti del gruppo di riferimento (rete familiare, gruppo dei pari) e alla collettività allargata (solidarietà), sviluppando altresì un senso di rispetto per il proprio territorio e le sue limitate risorse; raccogliere tramite la ricerca scientifica evidenze sulla socializzazione economica dei minori e l educazione finanziaria in famiglia e a scuola, indicazioni utili per riformulare il progetto in futuro per un eventuale fase Alunni in Sala Consiglio a regime su un numero di scuole e famiglie più ampio. Il progetto ha previsto, dunque, che gli avanzamenti ed i successi progettuali raggiunti fossero successivamente monitorati attraverso la realizzazione di una seria ricerca scientifica, svolta dai giovani residenti locali sopra menzionati, appositamente formati, coordinati e supervisionati da un equipe di ricercatori universitari. La ricerca ha coinvolto i fruitori, i referenti scolastici ed un gruppo di famiglie (monitorate tramite un Diario di Bordo gestito in collaborazione con i protagonisti del progetto e il team di ricercatori in un ottica di tutoraggio formativo). La ricerca ha analizzato, in particolare: i criteri che hanno guidato i bambini nelle scelte di allocazione dei soldi nelle diverse fette della torta; le abitudini di gestione dei soldi dei bambini (paghetta, denaro su richiesta ); le occasioni di dialogo inter-generazionale suscitate dalla torta e le difficoltà/ suggerimenti emerse nell utilizzo del salvadanaio a casa. La presentazione dei risultati avverrà in un finale momento di dibattito pubblico, avente come tema conduttore i temi-chiave del progetto, che sarà promosso nell ambito del territorio su cui opera il Piano Giovani di Zona, al fine di favorire la riflessione delle comunità coinvolte ed il dialogo, anche intergenerazionale, su questioni che non riguardano solamente l economia, ma anche la qualità delle relazioni sociali su cui si basa la vita delle nostre comunità. Si è trattato, quindi, di un progetto sperimentale, in cui l educazione finanziaria ha rappresentato uno degli strumenti su cui una comunità può puntare per aiutare ogni suo componente ad interpretare il proprio ruolo di cittadino in maniera responsabile e costruttiva. 4

5 PUNTI DI VISTA La Cassa Rurale di Aldeno e Cadine, nell ambito dei numerosi appuntamenti con i propri Soci, a cui è solita dedicare il mese di novembre, ha promosso un breve percorso di incontri culturali, denominato Punti di Vista. Si è trattato di occasioni di confronto con esponenti significativi di vari ambiti tematici, con l aiuto dei quali ci si è proposto di condividere alcune riflessioni sulla complessa quotidianità che stiamo vivendo e sulle sfide che essa ci pone. Lunedì 25 novembre è stato promosso, presso il teatro di Romagnano, un dibattito intitolato Punti di Vista: l angolo del Mister, che ha visto protagonista il tecnico trentino Rolando Maran ed i giornalisti Peppe Di Stefano di Sky Tv e Nello Morandi, storica firma dell Adige. Rolando Maran ha parlato della sua esperienza di allenatore sulle panchine di varie squadre di calcio, sia di serie cadetta sia di serie A, ed, in modo particolare, della sua esperienza nel corso della stagione 2013/2013, durante la quale ha portato il Catania a conquistare l ottavo posto in classifica, stabilendo un record in serie A per la società rosso azzurra. Stimolato dalle domande di Peppe Di Stefano, catanese di nascita, che ha seguito da vicino le gesta di Maran durante la sua permanenza sulla panchina del Catania e di Nello Morandi, che ha visto i primi passi della carriera sportiva del tecnico trentino, Maran ha dato vita ad un piacevole incontro culturale, proponendo al numeroso pubblico presente alcuni punti di vista circa l importanza dello sport come strumento per lo sviluppo armonico di una comunità e circa le dinamiche di gestione di quella che è, a tutti gli effetti, una vera e propria impresa: una squadra di calcio di livello professionistico. Riflessioni importanti, che hanno offerto un contributo significativo al tentativo, avviato dalla Cassa Rurale di Aldeno e Cadine, attraverso il percorso culturale Punti di vista, di decifrare una realtà sempre più complessa intrecciando pensieri ed idee forniti da protagonisti di vari ambiti della nostra società. È anche attraverso queste forme di sana contaminazione, infatti, che una Cassa Rurale, che abbia a cuore il progresso non solo economico del proprio territorio di riferimento, può trovare modalità nuove per cooperare alla costruzione di quell unità nella pluralità che appare, oggi, strategica per lo sviluppo di una comunità capace di essere veramente inclusiva. Maran, che alle pendici dell Etna si è guadagnato il soprannome di The Edge per via della somiglianza con il chitarrista degli U2, anche grazie alle sollecitazioni offerte dai numerosi interventi del pubblico presente, fra cui Roberto Serniotti, allenatore della squadra di pallavolo Diatec Trentino, ha proposto suggestioni capaci, ad esempio, di far riflettere su quanto sia importante valorizzare fino in fondo le potenzialità di un gruppo di persone con caratteri e personalità diverse: «Per allenare bene devi essere competente e questa competenza devi riuscire a trasmetterla ai tuoi giocatori ed alla tua società: la gestione del gruppo, più si sale di categoria, più ha rilevanza; un allenatore deve essere bravo a conoscere e capire il carattere dei giocatori e a saper gestire gli equilibri con grande attenzione». Nella lunga chiacchierata, Maran ha raccontato di come, negli ultimi tempi, sia cambiato anche il suo approccio nei confronti del territorio, nel quale di volta in volta si trova a lavorare: «Mi sono ripromesso di vivere le città dove alleno, con il tempo mi sono lasciato coinvolgere di più, provando quanto sia importante il valore aggiunto che riescono a trasmettere le relazioni autentiche con la comunità». Competenza, valorizzazione dei talenti, spirito di gruppo e coinvolgimento nella vita della comunità di riferimento: questi, dunque, sono stati i concetti più volte ripresi nel corso della serata. Indicazioni utili, che valgono sia per chi opera nelle varie associazioni sportive presenti nelle nostre comunità, sia per chi fa impresa e si trova a gestire un equipe di collaboratori, sia per una Cassa Rurale che vuole declinare i suoi antichi principi ispiratori affrontando, in maniera dinamica, le sfide poste dalla quotidianità contemporanea. Il secondo appuntamento si è, invece, tenuto il giorno 27 novembre, presso il Muse, il nuovo Museo delle Scienze di Trento. Il titolo della serata è stato: Punti di vista: sospesi fra passato e futuro. Alla serata ha partecipato come relatore il Direttore del Museo delle Scienze, dott. Michele Lanzinger. È stato possibile riflettere con lui sull importanza della cultura, intesa non solo come strumento capace di aiutarci a comprendere il percorso evolutivo fatto finora dal nostro pianeta e di farci intravvedere le caratteristiche del futuro che vorremmo costruire, ma anche come strumento per favorire la ripresa economica del nostro Paese. L Italia, infatti, nel 2012, pur essendo il primo Paese al mondo nella graduatoria dei siti Unesco, ha contato un numero di lavoratori nelle aziende culturali che ha coinciso con la metà di quello di Regno Unito e Germania ed è stato di molto inferiore rispetto a quello di Francia e Spagna. Anche il valore economico aggiunto prodotto dalla cultura, 12 miliardi di euro per Italia, è stato molto inferiore rispetto a quello della Germania (35 miliardi di euro) e della Francia (26 miliardi), contribuendo solo per l 1,1% a quello totale del Paese. Insomma, si è cercato di guardare la realtà economico e sociale di questo periodo da un punto di vista non scontato: quello di una cultura, che può, davvero, divenire fattore di sviluppo sostenibile ed inclusivo. La conferenza è stata preceduta, da una visita guidata al Muse offerta dalla Cassa Rurale a tutti i Soci presenti. Rolando Maran ed i giornalisti Nello Morandi e Peppe Di Stefano 5

6 BORSE DI STUDIO Rebel Rootz Si terrà nei primi mesi del 2014 la serata dedicata alla consegna delle borse di studio istituite a favore di studenti meritevoli soci o figli di soci. L a serata dedicata alla consegna certo facile, soprattutto per i più giodelle borse di studio istituite a vani, definire il proprio orientamento favore di studenti meritevoli soci formativo e professionale. Oggi, molo figli di soci rappresenta, ormai, un ti giovani fuggono dall Italia. Anche il appuntamento fisso per le comunità Fondo Monetario Internazionale, in un che vivono sul territorio in cui opera la documento di analisi dedicato al nocassa Rurale. stro Paese, spiega che sono i giovani È una serata, infatti, pensata per esprila fascia più vulnerabile della popolamere loro una forma di vicinanza che zione, quella cui arriva una quota sempossa, almeno in pre più bassa della parte, sostenerne ricchezza. L impresl impegno a costru- occasione in cui la Cassa Rurale sione è, in estrema ire il proprio profilo valorizza l impegno ed il talento sintesi, che si siano professionale e cul- delle giovani generazioni interrotti quei leturale. Purtroppo, gami di solidarietà infatti, non è più molto originale dire che hanno sempre caratterizzato lo che, oggi, si stanno vivendo tempi di sviluppo del Paese ed hanno mostrato profondo cambiamento, in cui non è come la crescita economica genera- Il gruppo dei Diplomati Il gruppo dei Laureati 6 le, per essere vera, debba realmente coincidere con quella delle persone e delle famiglie. Stiamo vivendo, in ultima analisi, un momento in cui molta gente sembra costretta a vivere in un clima di sfiducia generalizzata verso la politica, le istituzioni e verso tutti i principi dell autorità, famiglia compresa. Quella che vede la consegna delle borse di studio, dunque, rappresenta un appuntamento molto significativo, in quanto costituisce l occasione in cui la Cassa Rurale valorizza l impegno ed il talento delle giovani generazioni, mostrando anche il senso di responsabilità di una comunità che investe sul percorso di preparazione culturale e professionale dei propri giovani. Si tratta di una serata speciale, quindi, durante la quale la Cassa Rurale di Aldeno e Cadine cerca di accompagnare i giovani del proprio territorio nella delicata fase di ricerca e di ingresso nel mondo del lavoro: anche così, in ultima analisi, si prova a fare in modo che si possano sentire un po meno soli e possano ricominciare ad investire un futuro, difficile, ma non totalmente buio.

7 ELENA BANDERA EDUCARE INSIEME AL RISPARMIO La testimonianza di una componente del team di ricercatori junior che ha partecipato al progetto La torta dell economia. S i può affermare che il progetto La torta dell economia ha fatto proprio il pensiero di R.L. Stevenson: Non giudicare ciascun giorno in base al raccolto che hai ottenuto, ma dai semi che hai piantato. Tale progetto, infatti, ha affrontato una tematica molto sentita attualmente: quella dell educazione finanziaria. Nel concreto, il progetto è consistito in un azione di educazione al risparmio, posta in essere mediante un percorso di sensibilizzazione dei giovani e delle loro famiglie ed attivata già in età scolare, vale a dire in un età dove la possibilità di assimilare è forte e la trasmissione dei valori avviene secondo un ottica equiparabile a quella dell imprinting. Ritengo che la conoscenza e l interiorizzazione del valore del risparmio possa essere la chiave di volta per riuscire a calibrare bene scelte intertemporali ed eventuali piani di consumo individuali o familiari. Sono, tuttavia, convinta che tale conoscenza possa essere ancor più determinante per aumentare il grado di consapevolezza nelle decisioni, così da riuscire a discernere ciò che è utile dal superfluo e, conseguentemente, migliorare il proprio benessere economico nel breve e nel lungo periodo. Ho avuto la possibilità, di vivere il progetto La torta dell economia, che ha visto la realizzazione di un ampia sinergia tra l associazione no profit FARE Alunni con Presidente e Direttore ECONOMIA, un equipe di ricercatori dell Università di Udine, la Cassa Rurale di Aldeno e Cadine e gli Istituti Comprensivi di Aldeno, Mattarello e Trento 6, come componente del team di ricercatori junior che ha fatto da supporto al progetto. Ho, quindi, potuto partecipare ad una fase di formazione dedicata alla metodologia della ricerca statistica, che ha preceduto l attuazione del progetto ed ha approfondito, in particolare, la differenza fra la ricerca condotta attraverso canali qualitativi e quella condotta attraverso canali di carattere quantitativo. In seguito, ho partecipato ad una fase di sperimentazione svolta direttamente con i bambini in aula, ai quali sono state rappresentate storie, attraverso appositi materiali e giochi, al fine di renderli protagonisti di un percorso formativo da vivere direttamente a casa con la famiglia. I materiali forniti ai giovani partecipanti ed alle loro famiglie sono stati: un diario di bordo dotato di giochi, storie e riflessioni da compilare da parte degli alunni ed un salvadanaio suddiviso in 4 comparti, che concretizzavano la metafora delle fette della torta dell economia e nei quali i bambini erano invitati a collocare il denaro risparmiato sulla base di fini predeterminati: risparmio per un dono, risparmio per un consumo personale, per un progetto da realizzare in futuro e per un opera di solidarietà. Elena Bandera L ultima fase del progetto è stata destinata al reperimento ed all elaborazione di dati relativi all esperienza vissuta nelle varie fasi del percorso. Essi sono stati raccolti tramite interviste dirette ad insegnanti e genitori. A questa fase ho dato il mio contributo come membro del gruppo ricercatori junior, partecipando alla fase di raccolta dei dati tramite interviste e questionari ed ho altresì avuto l occasione di andare direttamente in aula per leggere alcune fiabe ai bambini e discutere insieme alle classi coinvolte le fiabe appena lette. Questa esperienza mi ha permesso di capire quanto sia importante per i bambini il tema del risparmio e quanto gli stessi lo abbiano a cuore. Gli alunni mi sono parsi attenti e molto presi dai racconti, motivati e interessati a capire attraverso domande pertinenti. Auspico, in ultima analisi, che la Cassa Rurale promuova altre iniziative capaci, come questa, di creare sinergie e reti di cooperazione ancora più solide tra gli enti presenti sul territorio. Anche attraverso questi strumenti, infatti, è possibile affrontare, come comunità, temi economici particolarmente vicini all agire quotidiano di ognuno di noi e strategici nella definizione del modello di sviluppo che si ritiene migliore per il futuro delle giovani generazioni che su questi territori vivono. 7

8 STORIE DI GENERE. L ALTRA METÀ DELLA COOPERAZIONE La Cassa Rurale di Aldeno e Cadine, in collaborazione con Società Frutticoltori Trento, Cantina Aldeno S.c.a. e Vinfrutta Società Cooperativa, ha ritenuto importante allestire, nel periodo compreso fra l 8 ed il 23 novembre 2013, presso la Sala Consiliare del Comune di Aldeno, la mostra fotografica Storie di genere. L altra metà della Cooperazione. L a mostra fotografica Storie di genere. L altra metà della Cooperazione, ha cercato di offrire qualche risposta alla seguente domanda: Qual è stata e qual è la presenza femminile nella cooperazione trentina?. L allestimento ha offerto, quindi, ai visitatori un percorso documentario e fotografico, costituito dalle testimonianze di alcune protagoniste del mondo della cooperazione, presidenti, socie, lavoratrici, che si sono raccontate ed hanno raccontato la loro esperienza di donne nella cooperazione. Al fine di offrire un ulteriore opportunità di approfondimento di questo importante e spesso trascurato tema, nell ambito della mostra sono stati proposti due momenti di incontro: il primo, che si è tenuto il giorno 8 novembre, ha visto la presenza del Sindaco Emiliano Beozzo, nonchè dei Presidenti delle realtà cooperative coinvolte ed è stato dedicato alla presentazione generale dell iniziativa. Alla presenza di un numeroso pubblico, le caratteristiche della mostra sono state illustrate dagli interventi della Presidente dell Associazione Donne in Cooperazione, dott.ssa Barbara Grassi, del dottor Alberto Ianes della Fondazione Museo Storico del Trentino e di Simonetta Fedrizzi, presidente della Commissione Pari Opportunità della P.A.T.. Il secondo appuntamento si è, invece, tenuto il giorno 15 novembre ed ha visto la proiezione del video-documentario Storie di genere. L altra metà della Cooperazione, realizzato con la regia della dottoressa Ania Tonelli. Alla presenza della regista, che ne ha illustrato contenuti e significati, è stato proiettato un documento che fà memoria del significativo apporto di pensiero e di impegno personale fornito da tutte le donne che, attraverso la loro partecipazione - a volte resa difficile da convinzioni sociali e culturali spesso poco sensibili alle pari opportunità - hanno contribuito alla formazione di quell identità cooperativa che ha conno- Il pubblico presente Lucia Prada con i Presidenti Baldo e Mazzurana tato lo sviluppo della comunità trentina e che sta alla base della storia dell intero movimento cooperativo trentino. In questa occasione, inoltre, è stata valorizzata la testimonianza di pluriennale attaccamento all esperienza cooperativistica del nostro paese offerta da Socie e Collaboratrici di varie realtà cooperative locali. Assieme a Lucia Prada, ex collaboratrice della Cassa Rurale di Aldeno Da sinistra: Alessandro Bertagnoli, Dario Comper, Mauro Coser e Luigi Baldo 8 e - in quanto prima donna ad essere assegnata allo svolgimento di mansioni proprie del ruolo di funzionario - protagonista di una delle interviste presenti nel filmato, sono state premiate per il loro impegno: Zandonai Silvia, Perini Marina in Peterlini, Coser Orietta, Marchi Cesarina, Dallago Silvia, Piffer Baldo Jolanda, Forti Fulvia, Coser Emiliana, Gottardi Franca, Enderle Giovanna, Beozzo Albina, Plotegher Franca, Boscolo Luigina, Baldo Giulietta, Cont Carla, Bisesti Cinzia, Malfer Severina, Piffer Giacomina e Cimadom Ada. Si è trattato, quindi, di un piccolo percorso, che ha permesso alle molte persone che vi hanno partecipato di fare qualche passo in più verso la comprensione di quale sia stato il ruolo della presenza femminile nella cooperazione locale e verso un più fondato apprezzamento della ricchezza di idee, pensieri e passione di cui il movimento cooperativo aldenese dispone.

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Il Museo del Risparmio di Torino è un luogo unico, innovativo e divertente in cui bambini, ragazzi e adulti possono avvicinarsi ai temi del risparmio

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Gian Franco Giannini Guazzugli

Gian Franco Giannini Guazzugli SENATO DELLA REPUBBLICA 7ª COMMISSIONE ISTRUZIONE PUBBLICA E BENI CULTURALI Disegno di legge AS 1196 Norme per l'educazione alla Cittadinanza economica Intervento del Vice Presidente di ANASF Gian Franco

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie. Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente, per se stessi

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici FoRAGS FORUM REGIONALE ASSOCIAZIONI GENITORI SCUOLA Rimettere

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance Workcare synergies Il progetto in Italia Social care and work-care balance Newsletter n. 1 del 1/05/2011 Il progetto Gli obiettivi del progetto WORKCARE SYNERGIES è un progetto di supporto per diffondere

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO INCISA Azioni per l autovalutazione formativa MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA Definizione condivisa del concetto di standard Si tratta della individuazione di comportamenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

*+, +* %-+./0. 10. 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, * + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#"+%7784*9 :;55. 5 76*,, $47*?...@ /

*+, +* %-+./0. 10. 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, * + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#+%7784*9 :;55. 5 76*,, $47*?...@ / ! "! $%&'$(%) *+, +* %-+./0. 10... 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, $+56 * 2%34 + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#"+%7784*9 :;55. 5 5**9,* 76*,, 64*/"*5 $47*?...@ / A6A= 5$'#'7#$ 5 SOGGETTO QUALIFICATO

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

le ragioni del progetto

le ragioni del progetto 1 2 le ragioni del progetto Il progetto mira a mettere in luce la complessità del mondo della cooperazione allo sviluppo, spesso confusa dall opinione pubblica con più superficiali atteggiamenti solidaristici

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile SONO UN GRANDE!!!! Progetto per l accrescimento dell autostima di

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

L Italia non è un Paese per giovani

L Italia non è un Paese per giovani L Italia non è un Paese per giovani su ogni giovane italiano oggi gravano 80.000 euro di debito pubblico e 250.000 euro di debito pensionistico. ASSEMBLEA DELL ASSOCIAZIONE GIOVANI COOPERATORI TRENTINI

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Con il patrocinio morale di:

Con il patrocinio morale di: dove siamo TReNo Dalla Stazione Termini, ogni ora (al 38 minuto) treno Roma Termini - Civitavecchia. Scendere alla stazione Roma Aurelia. Uscire dal sottopassaggio a via della Stazione Aurelia. A destra,

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE Di ENRICO COPPOTELLI PROGETTO DI COORDINAMENTO DENOMINATO: COORDINAMENTO CISL GIOVANI. MOTIVAZIONE: Parlando della CISL di Frosinone si parla inequivocabilmente

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Renken, Chi siamo? migliorare la qualità di vita delle popolazioni Renken Senegal sull'ʹautofinanziamento

Renken, Chi siamo? migliorare la qualità di vita delle popolazioni Renken Senegal sull'ʹautofinanziamento ASSOCIAZIONE RENKEN Renken, Chi siamo? Renken nasce nell estate del 2006 quando Lara e Claudia, le due co- fondatrici, decisero di riunire in un progetto associativo le loro esperienze e relazioni costruite

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio. Monica Rivelli

I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio. Monica Rivelli I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Monica Rivelli La Fondazione per l educazione finanziaria e al Risparmio La costituzione della Fondazione per l Educazione Finanziaria

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Presentazione Perché i donatori investono?

Presentazione Perché i donatori investono? Presentazione Il fund raising è il carburante che alimenta il motore delle aziende nonprofit, permettendo loro di raggiungere la mission. Tuttavia, rappresenta soltanto un mezzo, non un fine. Il fine è

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie. Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente, per se stessi

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini si rifugia in una grotta e per proteggersi dal freddo si stringono vicini. Ben presto però sentono le spine reciproche e il dolore li costringe

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L associazione sportiva dilettantistica BIMBI ALLA RISCOSSA promuove la divulgazione dello sport in genere, attività didattiche, ludiche e

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014. Referente di Progetto Prof.ssa Patrizia M.A. Di Lorenzo Prof.ssa Rosa Stella Macaluso

ANNO SCOLASTICO 2013/2014. Referente di Progetto Prof.ssa Patrizia M.A. Di Lorenzo Prof.ssa Rosa Stella Macaluso ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Referente di Progetto Prof.ssa Patrizia M.A. Di Lorenzo Prof.ssa Rosa Stella Macaluso Premessa La Continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto del bambino/ragazzo

Dettagli

Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale

Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale Provincia di Mantova Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale IO SCELGO 2016 GUIDA ALL ORIENTAMENTO Percorsi

Dettagli