EFFETTI TIPICI DEL FONDO PATRIMONIALE E SIMULAZIONE UNA SPERANZA PER L'ISTITUTO (?)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFETTI TIPICI DEL FONDO PATRIMONIALE E SIMULAZIONE UNA SPERANZA PER L'ISTITUTO (?)"

Transcript

1 EFFETTI TIPICI DEL FONDO PATRIMONIALE E SIMULAZIONE UNA SPERANZA PER L'ISTITUTO (?) Antonio di Lizia e 2741 c.c. - Cenni su responsabilità patrimoniale assoluta e par condicio creditorum; fondamento dell'interesse posto alla base della loro tutela - eccezioni al principio e fondamento dell'interesse che ispira in tal senso l'ordinamento Giuridico. 2 Il fondo patrimoniale come eccezione al principio della responsabilità patrimoniale assoluta valutazione dell'ordinamento e meritevolezza in sé dell'istituto. 3 Il fondo patrimoniale come strumento di tutela degli interessi della famiglia e compressione degli interessi contrapposti - Segregazione del patrimonio interessi dei creditori e loro tutela Consapevolezza della compressione degli interessi estranei ai bisogni della famiglia e tipicità degli effetti della destinazione del patrimonio cenni sulla simulazione incompatibilità della simulazione se il fondo viene costituito per conseguire i suoi effetti tipici paradosso della visione che tende a dimostrare la simulazione in chi vuole conseguire gli effetti tipici di segregazione del patrimonio di destinazione. 4 Uso distorto e fraudolento dell'istituto e nota esemplare delle valutazioni giurisprudenziali che tendono a neutralizzare gli effetti del fondo patrimoniale, di fatto riconducendo ogni genere di obbligazione a far fronte ai bisogni della famiglia.

2 INTRODUZIONE Sono Antonio di Lizia, * Notaio in Potenza e sono (e faccio il) Notaio, posso dirlo, da venti anni... * ma non li dimostro. Mi piace pensarlo (che non li dimostro) perchè, come ritenevo vent'anni fa, il Notaio deve essere giovane, fresco di studi, dinamico, brillante. Tutte situazioni che, mi illudo, ancora mi appartengono. * Tuttavia sono certo che il Notaio non possa fare a meno, altresì, dell'esperienza e per questo amo chi mi riconosce un'arte stipulatoria esperta capace di risolvere, con successo, complicati problemi giuridici. Vale a dire, insomma, che sono giovane, fresco di studi, dinamico, brillante e, per di più, esperto; * cosa volete di più dalla vita? * Un Lucano...infatti. L'incontro, a cui ho chiesto di partecipare, per onorare l'esperienza, il dinamismo e la brillantezza del Notaio Lia Russo, titola * Sistemi di protezione del patrimonio personale. In verità, essendo - come detto dotato di una certa esperienza, per non dire anziano, a me era sembrato che l'odierno incontro avesse come tema * Sistemi di proiezione del patrimonio personale e mi sono così apprestato a preparare, appunto, una proiezione che, man mano, è sfuggita al mio controllo (peraltro blando), per approdare alla performance cui state assistendo. Vi chiedo clemenza, quindi, ma, soprattutto Vi prego di volermi considerare unico responsabile di quello che sta accadendo, con esonero, per il Notaio Lia Russo, da ogni responsabilità al riguardo. Chi mi conosce sa (e chi non mi conosce viene notiziato testè) che amo le provocazioni, anche a costo di deviazioni dal rigore scientifico (che pure informa la mia professione notarile); sicchè come ho già sostenuto - devo, dolorosamente, informarvi che l'istituto del Fondo patrimoniale risulta essere stato abrogato. Sebbene, con un rigurgito di contenuto (e giustificato) ottimismo, sull'onda di un rinnovato senso di fiducia nella Giustizia, ci corre l'obbligo di domandarci se esista una nuova speranza per l'istituto. * Punto di domanda? *

3 Interrogarsi è legittimo, soprattutto da operatori del diritto, che devono le risposte; spesso, infatti, ci si rivolge al Notaio con la domanda: * notaio, che posso fare per mettere al sicuro i miei sudati beni da eventuali aggressioni dei creditori? Ho sentito parlare del conto matrimoniale, di che si tratta, posso stare tranquillo?. Dal Notaio, infatti, si va per avere tranquillità; quante volte ci si inorgoglisce dichiarando: la nostra è un'obbligazione di risultato, non di mezzi? Ma i mezzi che l'ordinamento giuridico ci offre per il raggiungimento del risultato prefisso, consentono la garanzia del risultato e, con questo, consentono al Notaio di garantirlo? Insomma: * Il fondo patrimoniale può considerarsi un efficace strumento nell'ambito dei sistemi di protezione del patrimonio personale? Uno dei principi (fino a qualche tempo fa ritenuto) cardine del nostro Ordinamento è quello della responsabilità patrimoniale assoluta, sancito dall'art del codice civile, per il quale * il debitore risponde dell'adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. Non sono ammesse limitazioni alla responsabilità patrimoniale assoluta se non nei casi stabiliti dalla legge, con una evidente limitazione dell'autonomia privata dal numerus clausus delle fattispecie legislativamente contemplate. Il patrimonio del debitore, in caso di inadempimento di quest'ultimo, agli effetti, soggiace alle iniziative che il creditore può intraprendere per conseguire sopra di esso la realizzazione delle proprie ragioni di credito. (L'esecuzione forzata) Il principio, che appare ferreo, in realtà risulta mitigato, nel nuovo codice civile, rispetto alle previgenti norme che volevano l'assoggettamento del debitore all'arresto personale per debiti. La notazione non è superflua se, come vedremo, può spiegare l'anacronistico atteggiamento di sfavore diffuso verso ogni eccezione alla responsabilità patrimoniale, quand'anche stabilita dalla legge. Il debitore, infatti, risponde solo con i suoi beni, tutti i suoi beni patrimoniali, con esclusione di ripercussioni sulla sua persona, fatti salvi gli effetti delle sanzioni penali, cui si va incontro per determinate forme di inadempimento, e gli effetti personali del fallimento.

4 Questo principio viaggia in tandem con il suo corollario: la par condicio creditorum, per la quale * i creditori hanno eguale diritto di essere soddisfatti sui beni del debitore, salve le cause legittime di prelazione. Anche la parità di trattamento dei creditori, quindi, come vedremo, ha le sue eccezioni. La ratio alla base di questi principi, ça va sans dire (sebbene lo diremo), è la tutela del credito e, attraverso questa, si persegue l'obiettivo di evitare che si vanifichi l'operatività di un fondamentale meccanismo di attuazione dei rapporti obbligatori, e con essa siano incrinate le basi medesime di un sistema fondato sugli scambi di ricchezza tramite promesse: un obiettivo da perseguirsi nell'interesse dell'economia tutta intera, a salvaguardia dello stesso carattere di giuridicità del rapporto obbligatorio. Le limitazioni alla responsabilità patrimoniale assoluta, dunque, che rispondono alla citata ratio, si hanno allorchè una certa categoria di beni del debitore è sottratta all'azione esecutiva di tutti o alcuni dei di lui creditori. Per effetto di una specifica destinazione legislativamente tipizzata, quindi, l'ordinamento riconosce un valore a determinati beni, finalizzati a soddisfare interessi ritenuti tanto meritevoli di tutela, da anteporre la loro tutela alla tutela degli interessi dei creditori; * sì da stabilire una graduazione di priorità degli interessi, di per sé tutti meritevoli di tutela ma, prevalenti l'uno sull'altro. Ma la legge, che prescrive le regole, da cui si deducono principi, può prescrivere nuove regole (nuove leggi), da cui si deducono eccezioni ai principi, che, nel corso evolutivo temporale, a loro volta, possono assurgere ed essere riconosciuti principi, nuovi principi; cui fanno eccezione i (vecchi) principi precedentemente ritenuti tali ma, successivamente, derubricati ad eccezioni. Per quanto mi sforzi di tentare di capire quanto appena affermato, vi confesso che non è proprio tutto chiaro, * ma non dispero, nel corso di questa giornata, di poterci capire qualcosa e farla capire pure a voi; sebbene questo sia (più che arduo) eroico. Potremmo pacificamente (?) affermare che il fondo patrimoniale costituisca una limitazione legale della responsabilità patrimoniale, ma a questo enunciato corrisponde una prassi coerente nella realtà giuridica? Vale a dire, la salvaguardia degli interessi cui il legislatore ha dato rilievo rispetto ad altri è garantita dall'istituto del fondo patrimoniale?

5 La protezione dell'interesse della famiglia che, nell'idea del legislatore, prevale sull'interesse del creditore è comunemente (e realmente) sentita ovvero il * comune sentire risulta preponderantemente orientato verso la protezione (di alcuni o di quanto sia possibile) dei beni patrimoniali tout court dalle vicende di un rapporto obbligatorio potenzialmente critico? In una visione del diritto meno mercantile e più solidaristica? Sono certo che tutte queste domande meritino risposte e, siccome non so se sono in grado di darvele, me la potrei cavare dicendovi che si tratta di domande retoriche e così mi volgo a trattarle. Il fondo patrimoniale è stato introdotto con la riforma del diritto di famiglia nel 1975, quale succedaneo del patrimonio familiare che, a sua volta, non aveva precedenti nel vecchio codice, trattandosi di un nuovo istituto del codice del L'istituto del patrimonio familiare, fin dalla sua introduzione non ha incontrato molto favore. Non appare irrilevante considerare che durante i lavori preparatori alla riforma del diritto di famiglia, se ne sia discussa la soppressione e la non riproposizione, non potendosi contestare che consentire all'autonomia privata di dare vita ad un qualsivoglia patrimonio vincolato, importa anche il consenso ad una contraddizione con principi dell'ordine pubblico economico, tra i cui aspetti essenziali va considerato, oltre che il pieno potere di disposizione dei beni da parte del titolare, la rispondenza del debitore con tutti i propri beni a fronte di ogni obbligazione assunta. * Con la costituzione del fondo patrimoniale, dunque, entrambi i coniugi o uno solo di essi o, ancora, un terzo, possono vincolare alcuni beni immobili, mobili registrati o titoli di credito al soddisfacimento dei bisogni della famiglia. Il fondo patrimoniale non sostituisce ma affianca, integrandolo, il regime patrimoniale primario adottato dai coniugi che può essere, indifferentemente, la comunione, la separazione dei beni, o un regime convenzionale quale la comunione convenzionale o qualsiasi altro regime patrimoniale atipico adottato dai coniugi. * Per effetto della costituzione in fondo patrimoniale, l'esecuzione sui beni del fondo e sui frutti di essi non può aver luogo per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia, * venendosi a creare quel patrimonio separato destinato a far fronte ai bisogni della famiglia (ad sustinenda onera matrimonii) ed a garantire l'adempimento delle obbligazioni sorte per farvi fronte.

6 Con l'istituzione della disciplina del fondo patrimoniale si è introdotta una deroga legale alla responsabilità patrimoniale assoluta, come detto, in funzione di tutelare i bisogni della famiglia; ma non deve tralasciarsi che anche gli interessi di una categoria di creditori godono di una particolare tutela per effetto della costituzione del fondo patrimoniale. * I creditori familiari, infatti, possono soddisfarsi in via esclusiva, rispetto ai * creditori estranei, sui beni vincolati a quanto occorra alle necessità familiari. In espressa deroga, pertanto, al principio della parità di trattamento dei creditori, di cui al citato art c.c.. Proprio perchè il Fondo è stato sempre considerato come una eccezione al principio generale della responsabilità patrimoniale assoluta si è ritenuto possibile farvi ricorso nei casi previsti dall'ordinamento ed esclusivamente quando l'interesse del debitore a disporre dei propri beni risulti prevalente rispetto a quello dei creditori alla loro soddisfazione e sia quindi meritevole di maggiore tutela. E' evidente che il ricorso a figure che, come il fondo patrimoniale, prevedono la costituzione di un patrimonio separato (di destinazione) trova la sua giustificazione in un giudizio, gia operato dal legislatore, di meritevolezza giuridica dell'interesse di protezione della famiglia. Il giudizio di meritevolezza, dunque, giustificherebbe la deroga alla norma generale. Seguendo la linea delle domande retoriche, possiamo chiederci: * in quali casi un interesse può dirsi meritevole di particolare tutela? Il giudizio di meritevolezza non può ridursi ad un mero giudizio di liceità ma deve qualificarsi come uno strumento di valutazione di valori e interessi contrapposti; * deve concretarsi in una valutazione comparativa tra i diversi interessi necessariamente contrapposti, in un sistema che mira a riconoscere maggiore tutela agli interessi che attengono alla persona rispetto a quelli che attengono al patrimonio. La prevalenza degli interessi della famiglia, d'altronde, si scorge con chiarezza tra le fonti del diritto, stante la diretta rilevanza costituzionale data alla persona e, direttamente ed indirettamente, al nucleo dove essa nasce e si sviluppa; * in questo quadro si inserisce il fondo patrimoniale, dove il giudizio di meritevolezza degli interessi familiari risulta espresso dallo stesso legislatore allorquando ha disegnato le linee guida e segnato i contenuti a sostegno della famiglia.

7 Lo speciale regime che si genera per effetto della convenzione matrimoniale di costituzione del fondo patrimoniale si esprime, soggettivamente, verso i coniugi, da una parte, e verso i creditori dall'altra. Il patrimonio separato che viene così a costituirsi si atteggia, nei confronti dei primi, in positivo, fornendo il peculium ad sustinenda onera familiae, cui corrisponde il correlativo obbligo di impiego delle risorse destinate e la limitazione dei poteri dispositivi dei costituenti. * Verso i creditori ( creditori estranei ), invece, si manifesta in negativo con il divieto di soddisfarsi sui beni vincolati ai bisogni della famiglia, posti a garanzia delle obbligazioni sorte nei confronti dei creditori familiari. Bene. Dopo essere riuscito a mantenere per tanto tempo un ragionevole equilibrio, almeno così mi sembra, credo sia giunto il momento di cominciare, lentamente, come potrebbe addirsi ad uno streep tease, a * gettare la maschera.* * Facciamo finta che io non sia un giurista, cosa che, comunque, mi riesce superbamente, che vuol dire questo accidente (capisc a me) di patrimonio separato? Senza stare a farla tanto lunga con principi ed eccezioni ai principi che diventano principi a loro volta? Facciamo finta che un Maestro, un vero Maestro (del diritto) debba affrontare l'arduo compito di spiegare a me stesso il fenomeno. Come una specie di gioco, tipo quello del Monopoli, che potrebbe dire? Proviamo. Che durante il corso degli umani ordinari eventi (lavorare, mangiare, dormire, spostarsi, comprare, comprare, comprare...) siamo continuamente chiamati a consumare per soddisfare i nostri bisogni e per consumare dobbiamo acquistare beni di consumo; per acquistare un bene dobbiamo dare in cambio un altro bene, dobbiamo pagarlo. Se non riusciamo a pagare * tattà, dobbiamo ricorrere al credito. Chi ci fa credito corre il rischio di non essere pagato. Per sopportare questo rischio, il creditore si affida ai beni che il debitore ha o alle garanzie che quest'ultimo può offrirgli per assicurare la soddisfazione del suo credito. Infatti, che cosa succede se non paghiamo? Che il creditore si piglia tutto quello che abbiamo e che potremo avere, fino alla concorrenza di quanto avanza. Se abbiamo più di un creditore, tutti i creditori partecipano in pari misura a pigliarsi i nostri beni, se non paghiamo. Da un lato ci siamo * Noi, i

8 consumatori; da un lato ci stanno loro: * i creditori. Sta di fatto che, però, accade spesso il contrario: che certe volte diventiamo * creditori noi e * debitori loro; e questo può aiutarci a capire che abbiamo delle ragioni da tutelare sia noi che loro. Se io mi faccio un salvadanaio, ad esempio, un bel salvadanaio a forma * di porcellino, sul quale scrivo * per la famiglia e mi costituisco una riserva per tutto quel che può occorrere per i bisogni familiari, non potrò utilizzare il suo contenuto per pagare il * sarto delle * escort che allietano le mie serate a palazzo. Corrispondentemente, e parimenti, i creditori che conoscono l'estraneità dei miei debiti ai bisogni familiari (il sarto delle escort) non potranno rivalersi sui beni contenuti nel salvadanaio-fondo costituito * per la famiglia. L'effetto che ne consegue è che questa categoria di creditori, si ripete i creditori che conoscono l'estraneità dei debiti ai bisogni familiari, per usare un termine tecnico-giuridico, rimane fregata. E questo costituisce un effetto, come può dubitarsi (?), previsto e garantito dal legislatore. Che altro senso potrebbe avere la formulazione dell'art. 170 del codice civile? Ora, se la legge prevede e garantisce questo effetto, chi si muove alla costituzione del fondo patrimoniale, non può non prevedere (e volere) che se ne realizzino i suoi effetti tipici; il chè tradotto in linguaggio strettamente giuridico, può volere dire che la legge sa (e di conseguenza non lo ignora l'utilizzatore dell'istituto) che tra gli effetti tipici del fondo patrimoniale ci sta quello di * fregare i creditori. * Sebbene, meno tecnicamente, e con una più garbata locuzione, si parli di * compressione degli interessi contrapposti, ovvero di mettere i beni, * determinati beni al riparo delle vicende economiche dei coniugi. Cosa posso fare per assicurare a questa categoria di creditori (i sarti delle escort, continuando nell'esempio) un affidamento, in mancanza del quale potrei vedere compromessa la mia brillante vita di relazione? Potrei pensare, ad esempio, di farmi un altro salvadanaio, * un bel salvadanaio a forma di porcellino, di costituire un fondo, una riserva per far fronte ai bisogni delle * escort, che si dedicano, a loro volta, alla soddisfazione dei miei più bassi istinti. Avrò a questo punto più di un fondo, * una serie di riserve * dedicate a far fronte * ad una serie di bisogni * ed a creare un affidamento in una serie di creditori: una parcellizzazione *del patrimonio e delle riserve

9 patrimoniali*. Ma posso operare sul mio patrimonio sì da creare una quantità di riserve che generi affidamento nei miei svariati creditori e garantisca una ragionevole soddisfazione dei miei molteplici bisogni, permanendo il principio della responsabilità patrimoniale assoluta per come pensato comunemente dalla dottrina e, soprattutto, dalla giurisprudenza? Tornando a fare finta di essere un giurista, per di più ardito, oserei chiedermi, alla luce dell'evoluzione normativa in argomento, ma siamo proprio sicuri che sia preclusa all'autonomia privata la creazione di patrimoni separati, in ossequio al principio dedotto dal secondo comma dell'art codice civile? Forse occorrerebbe un ripensamento sulla figura di patrimonio, sulla concezione che gli attribuisce una monolitica unicità in funzione soggettiva. Invero, non può non riconoscersi, alla luce dell'evoluzione del diritto positivo, che la legge sancisce, ormai, espressamente la legittimità della figura di patrimonio separato, cosa che impone, di conseguenza, l'inquadramento del patrimonio in una visione oggettiva, piuttosto che soggettiva, sebbene permanga la convinzione, a questo punto non saprei nemmeno quanto rigorosamente corretta sul piano logico, che sia riservata esclusivamente alla legge la tipizzazione (la creazione) dei patrimoni separati. Se, poi, tale convinzione continua a sussistere quale baluardo a tutela delle ragioni del creditore, non dimentichiamo che quest'ultimo dispone di mezzi più che adeguati di protezione costituiti, in primis, dall'azione revocatoria. * Il creditore, infatti, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio, con i quali il debitore rechi pregiudizio alle sue ragioni, atteso che la creazione di un patrimonio separato si configura, come vedremo, come un atto (quasi sempre gratuito) di disposizione patrimoniale. Si tratta, quindi, di ricorrere ad un mezzo legale di conservazione della garanzia patrimoniale del creditore che punta a far dichiarare giudizialmente l'inefficacia dell'atto dispositivo, nei confronti del creditore stesso, per consentirgli di esercitare sui beni oggetto dell'atto l'azione esecutiva per la realizzazione del credito.

10 L'azione, presupposto il credito, è esperibile contro il debitore e necessita, del consilium fraudis del debitore conferente e dell' eventus damni arrecato al creditore; fondamenti che la giurisprudenza ritiene sussistenti in re ipsa, nell'atto costitutivo del fondo patrimoniale. La dimostrazione del dolo specifico (vale a dire dello specifico intento di arrecare un pregiudizio alle ragioni del creditore), di norma, non è necessaria, poiché nella pratica il fondo viene costituito successivamente al sorgere del debito, e comunque non è impossibile una prova, quantomeno per presunzioni. * L'azione si prescrive in cinque anni dalla data dell'atto. Non sembra il caso, in questa sede, di soffermarci sull'azione revocatoria,* non si può ignorare, però, che essa sia stata esperita con grande successo nei confronti della costituzione di quasi tutti i fondi patrimoniali che abbiano potuto arrecare pregiudizio alle ragioni dei creditori. Qualsiasi banca dati giurispudenziale può confermarlo. D'altronde se * il fondo patrimoniale deve conseguire i suoi effetti tipici, cioè impedire che i creditori estranei si soddisfino sui beni in esso conferiti, esso non può che arrecare pregiudizio alle ragioni di questi creditori, vale a dire che genera una preclusione alla soddisfazione dei loro diritti... * li freca in definitiva. * Ecco perchè non è derisibile quel Notaio, non ne faccio il nome perchè mi ripugna parlarne bene, che richiesto insistentemente di fornire un parere sulla reale efficacia del fondo patrimoniale come mezzo di tutela del patrimonio familiare abbia affermato serafico: il fondo patrimoniale funziona fino a che non si palesa una situazione di crisi nel far fronte a tutte le proprie obbligazioni ; che vuol dire? pare abbia chiesto uno stupefatto interlocutore; che il fondo patrimoniale funziona solo se non hai debiti o se, comunque, paghi regolarmente tutti quelli che hai e allora che lo faccio a fare? di rimando l'altro e il Notaio ecco un'altro che vuole destinare i beni per far fronte ai bisogni della famiglia al solo scopo di frecare i creditori, vergogna...simulatore che non sei altro. E se l'azione si prescrive, allora? Cioè se sono trascorsi più di cinque anni dalla data della costituzione del fondo patrimoniale? Riusciranno finalmente, i nostri eroi, a frecare i creditori? Quale possibilità, in questo caso, ha il creditore di vedere salvaguardato il proprio credito di fronte alla sottrazione patrimoniale operatasi per effetto

11 della costituzione del fondo patrimoniale, avverso il quale non sia proponibile azione revocatoria per il decorso del termine quinquennale di prescrizione? Gli avvocati, che ne sanno una più del diavolo, propongono * l'azione di simulazione. L'azione di simulazione presenta meno vincoli rispetto all'actio revocatoria: essa, infatti, può essere proposta da chiunque ne abbia interesse (e non solo dal creditore) ed è imprescrittibile. Tralasciamo il caso in cui l'azione di simulazione sia esperita in concorso con l'azione revocatoria, dove si chiede con la seconda di revocare un atto che si ritiene valido ed efficace e con la prima un atto che si ritiene invalido, nell'uso invalso di chiedere tutto e tutto il suo contrario contemporaneamente e anche altrove. Il nodo è: c'è sempre spazio per provare la simulazione nella costituzione del fondo patrimoniale costituito per conseguire i suoi effetti tipici? Ovvero, * si può provare la simulazione sull'assunto che la costituzione del fondo sia stata voluta al solo scopo di sottrarre i beni ad una eventuale esecuzione dei creditori consapevoli della estraneità delle obbligazioni sorte ai bisogni della famiglia? L'orientamento prevalente in giurisprudenza configura la simulazione come un'ipotesi di * dissociazione concordata tra volontà e dichiarazione. In dottrina, tradizionalmente, si ritiene che la suddetta contrapposizione sussisterebbe tra due dichiarazioni: l'una ad efficacia esterna, da opporre ai terzi, l'altra ad efficacia interna, da far valere tra le parti. Le parti, in pratica, non vorrebbero produrre alcun effetto o vorrebbero produrre effetti diversi rispetto a quelli tipicamente discendenti da ciò che è stato dichiarato. Non manca, poi, chi configuri la simulazione come fenomeno giuridico unitario e chi sostenga non esservi divergenza tra quanto voluto e quanto dichiarato: le parti vogliono l'intero meccanismo simulatorio; sussistono due volontà distinte ma collegate all'unico fine di creare quel complesso meccanismo in cui i piani dell'efficacia esterna e dell'efficacia interna del regolamento d'interessi convivono pur essendo difformi. Questo cenno sull'orientamento dottrinario si riferisce alla disciplina della simulazione che il legislatore, colloca nei contratti in generale di cui agli artt e ss. del codice civile, laddove la simulazione delle convenzioni matrimoniali cui si ascrive la costituzione del fondo patrimoniale - è trattata nel capo VI (Del regime patrimoniale della famiglia) del libro

12 primo del codice civile medesimo. Il legislatore quivi afferma che è consentita ai terzi la prova della simulazione delle convenzioni matrimoniali. Le controdichiarazioni scritte possono aver effetto nei confronti di coloro tra i quali sono intervenute, solo se fatte con la presenza ed il simultaneo consenso di tutte le persone che sono state parti nelle convenzioni matrimoniali. Da una prima lettura potrebbe dedursi che i terzi possono fornire la prova della simulazione delle convenzioni matrimoniali solo attraverso la produzione di una controdichiarazione di tutte le parti, ma così non è; tale limitazione deve riferirsi esclusivamente ai rapporti tra le parti, essendo pacifico che i terzi possano, senza alcun limite, provare l'accordo simulatorio della intervenuta convenzione matrimoniale. In ogni caso, appare saggio partito ritenere...che ormai la simulazione delle convenzioni matrimoniali è disciplinata, quanto alla impugnazione ed alla prova da parte dei terzi, dalle norme sulla simulazione in generale. Il legislatore non fornisce una definizione della simulazione, sicchè, come sempre, spetta agli interpreti precisarne, sempre sulla base dei dati normativi, la definizione che, in qualche modo si è già tentato di dare. Tornando alla simulazione in generale, quindi, e facendo riferimento al suo significato lessicale possiamo dire che dicesi simulazione * l'atto, il fatto di simulare, di far finta, insomma di fingere; nell'ambito giuridico, per simulazione si intende una particolare intesa che può accompagnare la conclusione di un negozio giuridico mediante la quale le parti interessate convengono che il contratto concluso sia simulato, cioè non debba avere effetto alcuno (simulazione assoluta), ovvero debba avere effetto diverso da quello suo proprio (simulazione relativa). Comunque, si tratti dell'una o dell'altra ipotesi di simulazione (assoluta o relativa) non può mancare l'accordo simulatorio, vale a dire l'intesa che si sta fingendo, che si sta facendo una cosa che appare diversa da quella che si vuole; in mancanza dell'accordo, infatti, si deduce la ipotesi di riserva mentale che ci porta da un'altra parte e che non è il caso di esplorare adesso. Non si può dubitare dell'esperibilità, in astratto, dell'azione di simulazione ove la volontà dei coniugi di destinare i beni ai bisogni della famiglia sia solo apparente. Altra cosa è provare l'intento simulatorio e quanto e come questo influisca sull'efficacia dell'atto di disposizione che ha portato alla costituzione del fondo.

13 Non potrà negarsi, certo, che se a margine della costituzione fondo sia stato stipulato un corrispondente ulteriore patto volto ad una utilizzazione dei beni per scopi che non hanno nulla a che vedere con il soddisfacimento dei bisogni della famiglia, sarebbe perfettamente riconoscibile un'ipotesi di simulazione assoluta, oggettivamente in danno dei creditori, a prescindere dall'intento delle parti; sebbene non necessariamente in forma assoluta, non potendosi trascurare che, l'eventuale trasferimento della proprietà connessa all'unitario conferimento dei beni in fondo patrimoniale potrebbe essere inteso dagli stipulanti comunque efficace, con il fine ultimo di alienare un bene il cui vincolo apparente lo ponga al riparo da azioni esecutive dei creditori dell'acquirente. Non si può sostenere che possa avere spazio, invece, l'azione di simulazione nell'ipotesi di fondo patrimoniale che, pure se costituito con scopi di elusione creditoria, venga effettivamente gestito ed utilizzato per soddisfare le esigenze della famiglia. Si pensi a quei beni, già utilizzati per soddisfare bisogni primari della famiglia, che vengano destinati al fondo con un'operazione che ha il solo scopo di sottrarli all'azione esecutiva. Valga l'esempio di costituzione in fondo patrimoniale dell'immobile che era prima, e continua poi ad essere, utilizzato quale casa di abitazione della famiglia (spesso il bene di maggior valore economico dei coniugi); in questi casi l'azione revocatoria, nei termini prescrizionali per la sua proposizione, resterebbe sicuramente l'unico rimedio possibile. E neanche è detto che la prova sic et simpliciter di aver distratto (o non impiegato) i beni del fondo per precipui scopi familiari possa, di per sé, costituire la prova della simulazione nella costituzione del fondo patrimoniale, potendo ben trattarsi solo di un uso scorretto di beni destinati, censurabile per altri aspetti, certo, ma non costituente elemento essenziale della prova della simulazione. E' pur vero che del fondo patrimoniale si possa fare un uso distorto, ovvero che si possa costituirlo con intenti fraudolenti, molti istituti giuridici si prestano a tanto; ma si ha motivo di temere che, molto spesso, la semplice supposizione di intenti distorti o fraudolenti abbia avuto ragione rispetto alla lettera della legge ed abbia contribuito allo scarso successo che ha accompagnato il fondo patrimoniale fino ad oggi. Con la conseguenza che può affermarsi che la tutela del credito abbia ricevuto maggiore attenzione rispetto alla tutela della famiglia, smentendo la scelta che il legislatore aveva operato in sede di creazione dell'istituto.

14 Basta riflettere sul fatto che una volta costituito il fondo patrimoniale i coniugi, pur credendo di avere messo qualcosa al sicuro da aggressioni dei creditori estranei, in realtà non hanno nessuna tutela dalle pretese di questi, potendo (e dovendo) subire ogni sorta di azione tesa a vanificare lo schermo che il legislatore, quasi sempre inutilmente, aveva pensato per loro e per la loro famiglia. Facciamo un esempio tipo. * Due coniugi esercitano attività imprenditoriali, * ovvero lato sensu commerciali. Hanno una situazione economica tranquilla e debiti affidati, fisiologicamente, sulla base della loro attività. Pensando al futuro ed alla possibilità di vivere tempi difficili, può capitare, sono giunti alla determinazione di chiedere consiglio al * Notaio * (garante delle più importanti vicende legate al patrimonio familiare ed alle aziende) e gli rappresentano la loro esigenza di costituire una riserva per la sicurezza della loro famiglia; hanno due figli che si affacciano all'adolescenza e vorrebbero assicurar loro un futuro, nel malaugurato caso che la loro fortuna dovesse cambiare. In tanti anni, hanno comprato una casa in città, una al mare ed hanno titoli di credito sicuri. * Il Notaio, nella sua maledetta funzione di adeguamento, consiglia loro, senza un attimo di dubbio, di costituire un fondo patrimoniale, destinando a far fronte ai bisogni della famiglia le case ed i titoli di credito. Notaio, le ultime parole dei coniugi, lei ce lo garantisce? * E' la legge che ve lo garantisce!!! risponde fiero il Notaio con un sorriso rassicurante. Passa qualche tempo, fintanto che alcuni spregiudicati operatori finanziari statunitensi, garantiti da un mercato senza regole e spinti dalla necessità di creare ricchezza attraverso la catena di Sant'Antonio, * fanno scoppiare una crisi economica, in tutto il mondo. * Le fortune dei coniugi cominciano a cambiare ed in breve si trovano in stato di grave difficoltà economica, rischiano di perdere tutto. Meno male che abbiamo ascoltato il Notaio ed abbiamo costituito il fondo patrimoniale, pensano, almeno la nostra famiglia è salva. * I creditori, implacabili come solo i creditori sanno essere, vogliono avere soddisfazione dei loro crediti e cominciano le azioni esecutive sui beni dei coniugi, ivi compresi i beni costituiti in fondo patrimoniale. I coniugi eccepiscono che quei beni non possono essere aggrediti dai creditori

15 consapevoli della estraneità dei debiti ai bisogni della famiglia. I creditori, famelici, propongono l'azione revocatoria. * I giudici, pur riconoscendo che il fondo patrimoniale è stato costituito per essere oggetto di revocatoria, a prescindere dal momento del sorgere del credito, si vedono costretti ad accettare la strenua difesa della famiglia che oppone il decorso del termine prescrizionale: il fondo è stato costituito da oltre cinque anni. La famiglia respira di sollievo, ma dura poco. Gli ineffabili creditori, attaccano con la richiesta di annullamento del fondo patrimoniale, infatti, argomentano: i coniugi non avevano nessuna intenzione di destinare alcunchè a far fronte ai bisogni della famiglia, essi hanno costituito il fondo patrimoniale al solo scopo di sottrarre tutti i loro beni all'aggressione dei creditori. * I giudici, allora, reduci da migliaia di declaratorie di simulazione di fondi patrimoniali, costituiti fraudolentemente al solo scopo di frecare i creditori, pur consapevoli che la funzione tipica del fondo è proprio quella di riparare i beni costituiti nel fondo dalle pretese dei creditori per debiti estranei ai bisogni della famiglia, pur di vanificarne gli effetti, perchè il fondo patrimoniale proprio non gli piace, arrivano a sentenziare che le obbligazioni dei coniugi contratte nell'ambito dell'attività di impresa commerciale, sono state contratte per i bisogni della famiglia, atteso che il reddito dell'attività era destinato, anch'esso a soddisfare i propri bisogni; come se non bastasse...ultrapetitum, insomma i creditori non ci avevano neanche provato a sostenerlo. La conseguenza, come volevasi dimostrare, altri non è che * l'abrogazione giudiziale di un istituto inutile. A questo punto i coniugi, furiosi come solo i coniugi sodomizzati sanno essere, consigliati dagli avvocati dei creditori, fanno causa al Notaio per il risarcimento dei danni. Non ci aveva forse detto che potevamo stare tranquilli? Le loro ultime parole. * Epilogo Può aiutarci a tirare le fila, in un mosaico, del quale si comincia a scorgere il progetto figurativo, una interessante pronuncia della cassazione che nelle motivazioni esprime quanto segue:

16 Ma soprattutto: Sicchè, in quell'afflato di speranza che vuole il potere legislativo e quello giudiziario non in conflitto, ma sinergicamente orientati verso una convergenza parallela che aiuti il cittadino alla fiducia nel rispetto della norma, non ci resta che valutare quanto l'evoluzione normativa, in questi ultimi anni, abbia segnato più di un punto a favore della separazione patrimoniale, allo scopo di disciplinare sistemi di protezione del patrimonio sempre più efficaci: * oltre che al fondo patrimoniale (art. 167 ss. c.c.), possiamo riferirci: al trust (Legge 16 ottobre 1989 n. 364 di ratifica ed esecuzione della Convenzione sulla Legge applicabile al trusts e sul loro riconoscimento, adottata all'aja il 1 luglio 1985, in vigore dal 1 gennaio 1992); ai fondi pensione (D.Lgs. 21 aprile 1993 n. 124); alla separazione patrimoniale degli strumenti finanziari (art. 22 D.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58); alla cartolarizzazione dei crediti (Legge 30 aprile 1999 n. 130, D.L. 6 settembre 1999 n. 308, conv. L. 5 novembre 1999 n. 422 e art. 22 D.L. 25 settembre 2001 n. 350, conv. L. 23 novembre 2001 n. 409) * e dei proventi derivanti dalla dismissione del patrimonio immobiliare dello Stato e degli altri enti pubblici (D.L. 25 settembre 2001 n. 351, conv. L. 23 novembre 2001 n. 410); ai patrimoni delle S.p.A. destinati in via esclusiva ad uno specifico affare (artt bis ss.); all'atto di destinazione ex art ter (D.L. 30 dicembre 2005 n. 273, conv. L. 23 febbraio 2006 n. 51). Questa elencazione pare sufficiente per constatare che negli ultimi trent'anni il legislatore è stato particolarmente generoso nei confronti dei patrimoni destinati, onde può dedursene che * l'ago della bussola si sta spostando verso la specializzazione della responsabilità patrimoniale; cosa che ci lascia più di una speranza per L'Istituto.

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014 L incontro odierno prosegue sulla scia di quello del 3 dicembre 2013, nell intento di affrontare problematiche che investono aspetti di diritto societario, ma anche del diritto di famiglia e del diritto

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 (SEZIONE ECONOMIA PORTALE LEONARDO.IT) Proteggere il patrimonio: che cosa è e quando conviene il Fondo Patrimoniale avv. Roberto lenzi Lenzi e Associati Una recente sentenza

Dettagli

Fisco e beni del fondo patrimoniale - Sentenza 437/2010 Commissione Tributaria Milano

Fisco e beni del fondo patrimoniale - Sentenza 437/2010 Commissione Tributaria Milano Fisco e beni del fondo patrimoniale La Commissione Tributaria Provinciale di Milano, sezione XXI, con la sentenza n.ro 437 del 20 dicembre 2010, ha statuito che non sono ammesse azioni esecutive e cautelari

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

! ! ! ! !! - INTERRUZIONE PER MORTE DI UNO DEI CONVIVENTI rimedio: il testamento - INTERRUZIONE VOLONTARIA rimedio: patto di convivenza INTERRUZIONE VOLONTARIA: - PROVA DELLA CONVIVENZA - ACCERTAMENTO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 1605 Ipotecabilità di beni del fondo patrimoniale per scopi estranei ai bisogni della famiglia Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 21 luglio 1997

Dettagli

LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO

LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO di Stefano Inverardi (Responsabile Divisione Tutela Credito di SESVIL srl) E indubbio che la crisi economica ha avuto effetti anche e soprattutto

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO di Antonello Fabbro (Tribunale di Treviso) Gli artt. 2758 comma 2 e 2772, co. 3, del codice civile prevedono il privilegio speciale,

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO E LE CONSEGUENZE SUL PIANO FISCALE. A CURA DELL AVV. RAFFAELLA DE VICO Premessa Diverse sono le questioni di rilevanza fiscale che possono sorgere

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI BENI TRA CONIUGI 1. Premesse. Il rilievo sociale del regime di separazione dei beni... 3 2.

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

In linea generale, l impresa collettiva è quella

In linea generale, l impresa collettiva è quella UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE -Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA COLLETTIVA E SCOPI ASSOCIATIVI In linea generale, l impresa collettiva è quella - esercitata in comune da più soggetti; - nella titolarità

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E INDICE Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E PRESUPPOSTI SOGGETTIVI DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA 1. Ratio della riforma: garantire la

Dettagli

in forza del citato rogito notarile, il dott. B. C., in qualità di "disponente" del " TRUST BENEDETTO", ha devoluto in " trust ", con relativo

in forza del citato rogito notarile, il dott. B. C., in qualità di disponente del  TRUST BENEDETTO, ha devoluto in  trust , con relativo Il Tribunale Torino Sezione Terza Civile Composto dai Magistrati: Dott.ssa Elisabetta MASSA PRESIDENTE Dott.ssa Luisa VIGONE GIUDICE Dott. Edoardo DI CAPUA GIUDICE REL. sciogliendo la riserva assunta all'udienza

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 4673/b Terzo condono - Atto mortis causa Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 21 ottobre 2003 L'art. 32, comma 49 del decreto legge n. 269 del 2003,

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA Trissino Sabato 10 aprile 2010 1 La definizione di TRUST rapporto fiduciario in virtù del

Dettagli

Cass. civ., sez. III, 19.02.13, n. 4005, Pres. Trifone, Rel. Carluccio

Cass. civ., sez. III, 19.02.13, n. 4005, Pres. Trifone, Rel. Carluccio Cass. civ., sez. III, 19.02.13, n. 4005, Pres. Trifone, Rel. Carluccio Non è ammissibile l'azione revocatoria ex art. 2901 c.c.. - la cui funzione è di conservazione della garanzia del patrimonio del debitore,

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

Conferimento e persona giuridica

Conferimento e persona giuridica conferimento atto con il quale i soci provvedono all organizzazione dei loro investimenti in modo funzionale all esercizio collettivo dell attività di impresa: vedi art. 2247 c.c. (Società) MA ANCHE conferimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 750 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PANIZ Introduzione dell articolo 283-bis e modifica all articolo 286 del codice delle assicurazioni

Dettagli

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile A12 Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Dr. Giuseppe Paulato Art. 2233 c.c. Il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon 2 DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon Le sentenze che cambiano il diritto, l Europa e le sue regole, il legislatore speciale che

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Argomento 7 Costituzione di fondo patrimoniale ed azione revocatoria ordinaria

Argomento 7 Costituzione di fondo patrimoniale ed azione revocatoria ordinaria Argomento 7 Costituzione di fondo patrimoniale ed azione revocatoria ordinaria Il fondo patrimoniale: nozione, natura e costituzione Ciascuno o ambedue i coniugi (ovvero ancora un terzo, anche per testamento)

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio

Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio L AVVOCATURA ECCLESIASTICA IN ITALIA Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio Giornata di studio Roma 23 maggio 2014 ore 10,00 14,00 Palazzo della Cancelleria Sala dei Cento Giorni 1

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI Elenco delle principali abbreviazioni... XXV CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI Guida Bibliografica... 3 1.1. Introduzione... 5 1.1.1. La disciplina previgente.... 6 1.1.1.1. La riforma del 1975....

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Tutti caratterizzati da effetto segregativo

Tutti caratterizzati da effetto segregativo Il fondo patrimoniale i quale strumento di protezione del patrimonio i familiare Confronto tra fondo patrimoniale e trust di Maurizio Casalini 1 Esempi di patrimoni separati Fondo patrimoniale Accettazione

Dettagli

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI I pareri di Assifero EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI Motivazioni del parere Accade che, benché l erogazione sia fatta a favore di un soggetto, per diverse ragioni, le fatture vengono

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine dell'unione tra P.M. e Pa.Mi., il Tribunale di Milano

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

IL FONDO PATRIMONIALE

IL FONDO PATRIMONIALE IL FONDO PATRIMONIALE La ricerca risponde a vari quesiti relativi all istituto di cui alla sezione II, titolo VI, libro I del codice civile (artt. 167-176 c.c.), modificato dalla riforma del diritto di

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 OGGETTO: Imposta di registro - agevolazioni fiscali prima casa - Cass. SS.UU. 6-21 ottobre 2000, n. 1196 - termine di decadenza triennale

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Capitolo I Generalità

Capitolo I Generalità Prefazione................................. VII Capitolo I Generalità 1. Principi generali sul regime patrimoniale fra coniugi.......... 1 1.1. Introduzione......................... 1 1.2. Le convenzioni

Dettagli

TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO

TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO avv. Andrea Moja Presidente Assotrusts prof. a Contratto di International Trade Law nell Universit Università LUIC di

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 3121/12 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

Quali sono i tempi ed i modi, in Italia, per ottenere il recupero del proprio credito stante

Quali sono i tempi ed i modi, in Italia, per ottenere il recupero del proprio credito stante LE GARANZIE DEL CREDITORE IPOTECARIO Caracciolo Marzagalli Studio Legale Associato Avv. Paolo DAffan Avv. Enrnesto Caracciolo L Italia da un po di tempo è divenuta meta di molti stranieri che, al di là

Dettagli

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 133 07.05.2013 Finanziamento e società in perdita Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nelle società di piccole dimensioni

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Page 1 of 10 DIRITTO DI FAMIGLIA - SUCCESSIONI - DONAZIONI 1) Quale dei seguenti beni non rientra nella comunione legale dei beni? A [ ] beni immobili acquistati dopo il matrimonio B [*] beni immobili

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli

IL TRIBUNALE DI VENEZIA. Prima Sezione Civile. Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA

IL TRIBUNALE DI VENEZIA. Prima Sezione Civile. Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA Tribunale di Venezia, Sez. I, 10 febbraio 2012 IL TRIBUNALE DI VENEZIA Prima Sezione Civile Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA nella causa civile in primo grado,

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento Inserire testo Inserire testo Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento La risoluzione per inadempimento e l annullamento del Concordato dopo l omologa A cura dell Avv. Simona Cardillo LA RISOLUZIONE

Dettagli