PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14"

Transcript

1 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14 Il presente Piano dell Offerta Formativa è stato presentato al Collegio dei Docenti (seduta plenaria) in data 21 novembre 2013 ed è stato adottato dal Consiglio di Istituto in data 26 novembre 2013.

2 Premessa. L I.C. è stato intitolato a G.Pascoli nell a.s. 2012/13. Nel centenario della morte del poeta lo scultore borghigiano, Gualtiero Pia, ha donato all I.C. una scultura raffigurante Valentino, famoso personaggio nella poetica pascoliana. La scultura è dislocata presso l ingresso della sede centrale dell I.C. in via Roma a Barga. Da i Canti di Castelvecchio (1903) Oh! Valentino vestito di nuovo, come le brocche dei biancospini! Solo, ai piedini provati dal rovo porti la pelle de tuoi piedini; porti le scarpe che mamma ti fece, che non mutasti mai da quel dì, che non costarono un picciolo: in vece costa il vestito che ti cucì. Costa; chè mamma già tutto ci spese quel tintinnante salvadanaio: ora esso è vuoto; e cantò più d un mese, l amare, per riempirlo, tutto il pollaio. Giovanni Pascoli Valentino Pensa, a Gennaio, che il fuoco del ciocco Non ti bastava, tremavi, ahimè!, e le galline cantavano. Un cocco! ecco ecco un cocco un cocco per te! Poi, le galline chiocciarono, e venne Marzo, e tu, mago contadinello, restasti a mezzo, così, con le penne, Ma nudi i piedi, come un uccello: come l uccello venuto dal mare, che tra il ciliegio salta, e non sa ch oltre il beccare, il cantare, Ci sia qualch altra felicità. L I.C. comprende nove plessi, dislocati sul territorio comunale di Barga : SCUOLE DELL INFANZIA di : Filecchio, Fornaci di Barga, Barga, Castelvecchio Pascoli SCUOLE PRIMARIE di : Filecchio, Fornaci di Barga, Barga SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO : unico istituto dislocato su due plessi, un plesso si trova a Fornaci di Barga, l altro a Barga. Io vorrei che la scuola fosse un luogo in cui al bambino venisse offerto ogni giorno l occasione di vivere frequenti momenti di felicità. Felicità come riflesso di una sua partecipazione attiva ad esperienze che lo aiutino a crescere, quella felicità che deriva dalla partecipazione ad un gioco, dalla lettura di un racconto, dall acquisizione di una abilità nuova o dal fatto di trovare una risposta ad un problema, di compiere con i compagni una ricerca, di guardare un bel film o ascoltare una bella musica o stringere nuove amicizie e così via Guido Petter ( Psicologo-scrittore )

3 IL CONTESTO SOCIO ECONOMICO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO. L Istituto Comprensivo opera in una realtà composita e diversificata, sia dal punto di vista geografico, che economico e sociale. Tale realtà comprende due centri più grandi e varie frazioni situate nel fondovalle o sulle pendici appenniniche. I due centri maggiori, BARGA e FORNACI di BARGA, appaiono ben differenziati tra loro. BARGA, a 410 metri s.l.m., con il suo patrimonio storico-artistico si presenta con una precisa vocazione turistica e culturale. FORNACI DI BARGA, sviluppatasi nel secolo scorso attorno agli stabilimenti della Europa Metalli, si presenta più vitale da un punto di vista economico per la presenza di diverse e diversificate attività commerciali e artigianali. Sul territorio operano servizi sociali ( Comunali, A.S.L., S.E.R.T.,Centro psicologico... ) con i quali è possibile instaurare rapporti di collaborazione. Sono attive anche associazioni di tipo sportivo, culturale e di volontariato ( ANFAS, Misericordia, Casa di Riposo, Donatori di sangue...) che tendono a coinvolgere soprattutto i giovani. Sul territorio sono presenti anche insegnanti in pensione, che, come volontari, offrono il loro tempo per il recupero didattico di alunni in difficoltà. Nei centri minori : Castelvecchio Pascoli, San Pietro in Campo, Mologno, Filecchio, Albiano, Tiglio, Catagnana, Renaio, Sommocolonia, Ponte all Ania, Pedona, Pegnana, gli abitanti sono impegnati prevalentemente nei settori secondario e terziario; le attività del settore primario sono praticate solo marginalmente, a tempo parziale e a completamento di altre occupazioni. Su tutto il territorio comunale è diffuso il fenomeno dell immigrazione da Paesi stranieri, soprattutto extracomunitari.

4 IN TALE CONTESTO le profonde e rapide trasformazioni, a cui è sottoposta la società attuale, impongono alla scuola di riesaminare e attualizzare il proprio ruolo istituzionale per rispondere con maggiore efficacia ai bisogni formativi degli alunni di oggi. In particolare Crisi della famiglia Società complessa Presenza di nuove tecnologie la scuola cerca di rispondere ai nuovi bisogni culturali dovuti a : Globalizzazione, mobilità e multietnicità Rapidi cambiamenti economico-sociali tecnologici Pluralità di agenzie formative Bisogno di partecipazione Riappropriazione e riformulazione dei valori attraverso la predisposizione del Piano dell Offerta Formativa Cos è il Piano dell Offerta Formativa? Il POF è normato dall art. 3 del DPR. 275 del 99 (Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell'art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59) di seguito riportato : Art. 3 Piano dell'offerta formativa 1. Ogni istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti, il Piano dell'offerta formativa. Il Piano è il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia. 2. Il Piano dell'offerta formativa è coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi e indirizzi di studi determinati a livello nazionale a norma dell'articolo 8 e riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, tenendo conto della programmazione territoriale dell'offerta formativa. Esso comprende e riconosce le diverse opzioni metodologiche, anche di gruppi minoritari, e valorizza le corrispondenti professionalità. 3. Il Piano dell'offerta formativa è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal consiglio di circolo o di istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori e, per le scuole secondarie superiori, degli studenti. Il Piano è adottato dal consiglio di circolo o di istituto. 4. Ai fini di cui al comma 2 il dirigente scolastico attiva i necessari rapporti con gli Enti locali e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti sul territorio. 5. Il Piano dell'offerta formativa è reso pubblico e consegnato agli alunni e alle famiglie all'atto dell'iscrizione.

5 Il UP.O.FU. è il documento con cui la Scuola presenta le finalità e gli interventi progettuali, le sue forme e modalità di funzionamento e gestione a tutti i livelli. Esso nasce, da un lato, dall analisi dei bisogni formativi ed educativi dell utenza, dall esame degli strumenti e delle risorse disponibili, dall osservazione delle condizioni logistiche ed organizzative dell Istituto, dall altro invece - dai mutamenti della richiesta di formazione ed istruzione sollecitata dai continui cambiamenti della politica scolastica e suffragata dalle profonde mutazioni degli assetti strutturali e di programma. UIl Piano dell Offerta FormativaU intende dunque rivisitare la funzione del servizio scolastico rigenerandone percorsi, finalità organizzative e avvicinarsi ulteriormente alle esigenze dell utenza, alle richieste della formazione, ai bisogni del territorio, aprendosi a sollecitazioni e stimoli esterni (scolastici e non solo), facendosi carico di promuovere iniziative significative in campo formativo. Schematizzando : POF Documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche È LA CARTA D IDENTITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA che garantisce ESPLICITA: La programmazione curricolare e extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito dello loro autonomia D.P.R. 275/99 Collegamenti con il territorio Ispirazione culturalepedagogica Nel rispetto degli artt. 3, 30, 33, 34 della Costituzione Unitarietà didatticoorganizzativa È la risultante di un intensa attività di esplorazione, negoziazione, relazione con le diverse realtà del territorio e degli Enti Locali

6 Finalità del POF Nella prospettiva delle linee di indirizzo delineate dal Consiglio di Istituto e delle Indicazioni deliberate dalle Raccomandazioni del Parlamento e del Consiglio Europeo (Lisbona 2020), i docenti lavoreranno per sviluppare gradualmente gli otto ambiti di competenze chiave : 1. Comunicazione nella madre lingua 2. Comunicazione nelle lingue straniere 3. Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia 4. Competenza digitale 5. Imparare ad imparare 6. Competenze sociali e civiche 7. Spirito di iniziativa e imprenditorialità 8. Consapevolezza ed espressione culturale PER Mettere in grado gli alunni di Sapersi relazionare con se stessi, con gli altri e con l'ambiente Far nascere il tarlo della curiosità, lo stupore della conoscenza, la voglia di declinare il sapere con la fantasia, creatività, ingegno, le pluralità delle applicazioni delle proprie capacità, abilità e competenze (tematica centrale del Progetto Idee a confronto per i curricoli )

7 OLTRE a ciò L Istituto Comprensivo di Barga si impegna a : rafforzare il ruolo e la partecipazione delle famiglie, personalizzare gli interventi formativi ( piani di studio e obiettivi formativi personalizzati), promuovere una didattica laboratoriale che si propone di contenere la didattica frontale e verbalistica della classe / auditorium e di caratterizzare le attività dei gruppi di classe, di interclasse, elettivi, di compito o di livello, riflettere attivamente su un nuovo modello valutativo che prevede la valutazione interna degli apprendimenti e del comportamento, con un controllo esterno attraverso le verifiche periodiche e sistematiche dell INVALSI sulle conoscenze e abilità degli alunni, in particolare con la prova nazionale di italiano e matematica prevista per l Esame di Stato della terza classe della Scuola Secondaria di I Grado, attuare continuità dei piani di studio dalla scuola dell infanzia alla scuola secondaria di primo grado. Autovalutazione d Istituto Dimensione Laboratoriale delle attività I.C. G.Pascoli Educazione alla Convivenza Civile Nuove Indicazioni Nazionali Nuova Cultura della Valutazione Patto di corresponsabilità scuola-famiglia Equipe Pedagogica Personalizzazione piani di studio

8 FINALITA FORMATIVE nei tre ORDINI DI SCUOLA L Istituto Comprensivo G.Pascoli pone alla base della propria identità progettuale una serie di finalità formative e si impegna a valorizzarle e perseguirle attraverso l azione educativa. Esse costituiscono l asse portante per la formazione dello studente da 3 a 14 anni, attraversando, quindi, tutti gli ordini di scuola. Nello specifico le finalità formative nei tre ordini di scuola si possono schematizzare nel modo di seguito descritto. SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA 1 Offrire il primo approccio con la scuola, favorendo esperienze di socializzazione. Offrire una risposta ai bisogni di apprendimento, fornendo gli strumenti adatti. Offrire una risposta ai bisogni di apprendimento e di esperienza degli alunni nel contesto sociale in evoluzione Promuovere la stima di sé, la sicurezza, il rispetto per l altro e per l ambiente per stare bene a scuola. Sviluppare un identità positiva, avere cura di sé, rispetto degli altri, degli oggetti e dell ambiente. Far sviluppare un immagine positiva di sé nella realtà scolastica attraverso il rispetto dell ambiente e dell altro in un contesto favorevole all apprendimento Attivare progetti di accoglienza, promuovere la collaborazione con le famiglie favorendo l inserimento e tenendo conto dei bisogni. Attivare progetti di accoglienza e integrazione per favorire l apprendimento degli alfabeti di base, organizzando percorsi personalizzati e promuovendo il senso di responsabilità Attivare progetti di accoglienza, favorire relazioni costanti con le famiglie e promuovere l integrazione per evitare situazioni di disagio, organizzando momenti di dialogo, confronto, recupero, rinforzo Favorire lo sviluppo di abilità di base per acquisire le future competenze, riflettendo sulle esperienze, utilizzando l osservazione, il confronto e la descrizione. Favorire l acquisizione dei linguaggi simbolici che costituiscono la struttura della nostra cultura in vista di competenze sempre più definite Favorire l acquisizione di conoscenze, abilità disciplinari in funzione di competenze sempre più definite, riconoscendo la continua evoluzione dei saperi. Prestare attenzione alla persona, riconoscendo il proprio corpo, il piacere di fare e di collaborare Prestare attenzione alla persona, rispettare gli stili individuali del crescere per sviluppare il pensiero riflessivo e critico,favorendo la consapevolezza e l autonomia, nel rispetto delle regole. Prestare attenzione alla persona rispettando gli stili individuali di apprendimento per fare acquisire un metodo di studio personale e rendere autonomi gli studenti in un confronto libero e pluralistico Imparare a gestire situazioni, fatti, contrasti, attraverso semplici regole condivise.

9 L I.C. G.Pascoli e l integrazione. L I.C., in riferimento alla Circolare n. 8 del marzo 2013 (Alunni BES) utilizza le procedure e mette in atto le strategie necessarie : 1. per riconoscere alunni con Bisogni Educativi Speciali 2. per assicurare loro il successo formativo. Alcune procedure di individuazione degli alunni BES sono consolidate da anni, altre sono in fase di studio. Il Collegio dei docenti, alla luce della C.M. richiamata, ha allargato il GLH di istituto, nominando il GLI, Gruppo Lavoro per l Inclusione, inoltre, per favorire l integrazione, sono state nominate tre funzioni strumentali : una f.s. relativa alla diversa abilità, una relativa ai disturbi specifici di apprendimento e la terza destinata all intercultura. Il Piano annuale per l inclusione, per l a.s. 13/14, prevede: Nello specifico : 1. la predisposizione di PDP e PEI secondo modelli uguali per i tre ordini di scuola, 2. l attivazione di diversi progetti che sono di seguito descritti (sezione progetti), 3. l utilizzo di risorse umane di vario tipo (docenti di sostegno, assistenti comunali, docenti della scuola in compresenza), 4. l utilizzo di risorse strumentali di vario tipo (pc, lim, libri in braille, ). a) relativamente ai DSA: la Scuola mette in atto un intervento di tipo globale che coinvolge famiglie, docenti, alunni, professionisti USL nella predisposizione del PDP; conoscenze culturali, legislative,didattiche, pedagogiche e psicologiche; gli strumenti tradizionali, convenzionali, compensativi, dispensativi; e che è attuato già nella scuola dell infanzia per continuare nella scuola elementare. b) relativamente ai bambini d.a. : la Scuola mette in atto un intervento finalizzato allo sviluppo delle potenzialità del bambino attraverso la formulazione di specifici progetti educativi individualizzati in collaborazione con le famiglie; l attuazione di verifiche periodiche effettuate in collaborazione con equipe multifunzionale ASL; interventi individualizzati in ambito disciplinare; utilizzo dei docenti su progetti finalizzati; attività integrative; interventi di recupero extra-curricolari periodici; c) relativamente ai bambini stranieri : la Scuola mette in atto interventi finalizzati all acquisizione dell italiano L2, iniziative per favorire l integrazione nel contesto territoriale in cui abitano; la formulazione di piani didattici individualizzati. Per gli altri alunni BES (bambini in condizioni di svantaggio socio-culturale) la scuola predispone piani didattici personalizzati, come auspicato anche dalla normativa previgente la C.M. 8 del 2013 (Lg. 53 del 2004), per favorire il loro successo formativo.

10 I punti di forza del Progetto Educativo dell I.C. 32BDimensione Europea Gemellaggio NICE TO MEET YOU con la Scozia(East Lothian- Edinburgh) Visite, corrispondenza ed con la Scozia Approccio alla lingua inglese a partire dalla scuola dell infanzia TRINITY 36BContinuità Attività di accoglienza Attività per anni ponte Percorsi verticali 33BEducazioni trasversali Educazione alla cittadinanza alla legalità alla sicurezza Educazione interculturale ambientale stradale alla salute 34BPrevenzione del disagio 35BAscolto attento dei bisogni dell alunno Interventi di recupero, consolidamento, sviluppo Collaborazione con famiglie, enti, associazioni e volontari Orientamento Attività finalizzate alla conoscenza di sé e delle proprie attitudini per una scelta consapevole della scuola superiore Verifica e valutazione Ogni insegnante, d intesa con tutti i componenti dell equipe pedagogica o del consiglio di classe, verificherà, in itinere, obiettivi e contenuti della propria programmazione secondo le modalità che riterrà più opportune relativamente ai propri alunni e alle metodologie messe in atto. La scuola annualmente, come prescritto dalla normativa, svolge le prove di valutazione di sistema INVALSI.

11 Organizzazione dell Istituto Comprensivo Dirigente Scolastico (art. 25 D.lgs 165/01) Il D.S. è il rappresentante legale dell Istituto. Assicura Il funzionamento dell unità scolastica secondo criteri di efficienza ed efficacia formativa La gestione unitaria La direzione, il coordinamento, la valorizzazione delle risorse umane Promuove L autonomia sul piano gestionale e didattico L esercizio dei diritti costituzionalmente tutelati Lo sviluppo dell autonomia organizzativa, di ricerca e sperimentazione La collaborazione tra le risorse culturali, professionali sociali ed economiche del territorio interagendo con gli EE.LL. E responsabile Della gestione delle risorse finanziarie, strumentali e dei risultati del servizio Della sicurezza nei luoghi di lavoro E titolare Lo Staff di Direzione E costituito Delle relazioni dalla sindacali. Dirigente Scolastica, dai due docenti collaboratori, dai docenti con incarico di Funzione Strumentale, dai coordinatori di Plesso e dal DSGA. Lo Staff garantisce il necessario supporto alle scelte ed alle azioni intraprese dall Istituto. Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi svolge attività lavorativa di rilevante complessità ed avente rilevanza esterna. Sovrintende ai servizi amministrativo-contabili e ne cura l organizzazione svolgendo funzioni di coordinamento. Ai sensi, e per gli effetti, dell art. 25 bis D.lgs 29/93 e successive modificazioni ed interazioni, il DSGA coadiuva il Dirigente scolastico nelle proprie funzioni organizzative ed amministrative. Assistenti amministrativi L assistente amministrativo esegue attività lavorativa richiedente specifica preparazione professionale e capacità di esecuzione delle procedure con strumenti informatici. Esegue inoltre attività di supporto amministrativo alla progettazione di iniziative didattiche. Assistenti amministrativi in servizio presso I.C. nell a.s. 13/14 : 5 unità. Collaboratori scolastici Il collaboratore scolastico è addetto ai servizi generali della scuola con compiti di accoglienza e di sorveglianza nei confronti degli alunni e del pubblico, compiti di pulizia dei locali scolastici e degli arredi. Il collaboratore scolastico collabora anche con i docenti. Collaboratori scolastici in servizio presso I.C. nell anno scolastico 13/14 : 17 unità. Gli uffici di segreteria e la Presidenza sono dislocati presso la scuola primaria di Barga: Via Roma, BARGA (LU)

12 2B 1B 3B Ufficio di Segreteria: Orario di servizio del personale Martedì e Mercoledì: dalle h 7,30 alle h. 14,00 e dalle h. 15,00 alle h. 18,00 Lunedì e Venerdì Sabato: dalle h. 7,30 alle h. 14,00 Orario di apertura al pubblico Lunedì Venerdì 8:30-10:00 Martedì 8:30-9:30 e 15:30-17:30 Mercoledì 11:30-13:30 Giovedì 8:30-9:30 Sabato 10:00-12:00 Dirigente Scolastica La D.S., Prof.ssa Patrizia Farsetti, compatibilmente con gli impegni in essere, riceve i genitori il Martedì e il Giovedì dalle 9 alle 11 previo appuntamento (tel n ) In presenza di urgenze, i genitori possono contattare telefonicamente la Dirigente scolastica (tel ) o, in sua assenza, il primo collaboratore docente Rosa Cinque. In assenza della Dirigente e del primo collaboratore, i genitori si potranno rivolgere al secondo collaboratore, docente Anna Laura Arrighi, in servizio presso la SS1 di Fornaci di Barga. I docenti e il personale ATA saranno ricevuti tramite accordo telefonico tra gli interessati e la D.S. Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi Il Direttore dei servizi generali ed amministrativi, sig. Anna Maria Biagioni, riceve su appuntamento : il mercoledì dalle 16:00 alle 17:30 e il venerdì dalle 8:30 alle 10:00. CONTATTI :. 0583/ Fax. 0583/ SITO WEB HUwww.icbarga.itU

13 Organigrammi relativi al supporto organizzativo, alla realizzazione del P.O.F. e al processo di Autonomia Scolastica Dirigente Scolastica Prof.ssa Patrizia FARSETTI Docente Vicario D.ssa Rosa CINQUE 2 Docente Collaboratore D.S. D.ssa Anna Laura ARRIGHI Funzioni Strumentali: UAREA 1 BROGI Maria Antonietta/CASTELVECCHI Piera GESTIONE P.O.F./ AUTONOMIA UAREA 2 BECHELLI Marusca GESTIONE MULTIMEDIALITA UAREA 3 SUCCESSO FORMATIVO ALUNNI DISAGIO e INTEGRAZIONE GIANNOTTI Valentina/NARDINI Giuliana AREA SUPPORTO DOCENTI AUTOVALUTAZIONE di ISTITUTO VALUTAZIONE APPRENDIMENTO e CONTINUITA NANNINI Giovanna COMPARINI Luciana/GIANNOTTI Valentina/ LENA Andrea INTERCULTURA FAVOINO M.Rosaria /PIERONI Deborah

14 Referente Collegio Scuola dell Infanzia mª BIAGIOTTI Neva Coordinatori di plesso Scuola Infanzia BARGA mª DI CANIO E. CARMELA/TURICCHI Lisa Scuola Primaria BARGA mª BROGI M. Antonietta S.S.1 Grado BARGA Prof. LENA Andrea Scuola Infanzia FORNACI DI BARGA Scuola Primaria FORNACI DI BARGA S.S.1 Grado FORNACI DI BARGA Scuola Infanzia FILECCHIO Scuola Primaria FILECCHIO Scuola Infanzia CASTELVECCHIO PASCOLI mª CAVANI Orietta mª COMPARINI Luciana Prof.ssa ARRIGHI A Laura/Prof.ssa NANNINI Giovanna mª ROSSINI M.Rita mª BARTOLOMEI Liana/GIUSTI Maria mª BATTANI Monica/GONNELLA Mirella Coordinatori di classe Scuola Secondaria di I Grado 1ª A Barga Prof. LUCHINI Lucia 1ª B Barga Prof. MONCIATTI Anna 2ª A Barga Prof. PIERONI Deborah 2ª B Barga Prof. PIERONI Deborah 3ª A Barga Prof. GIANNOTTI Paolo 3ª B Barga Prof. GIGLI Claudia 1ª C Fornaci di Barga Prof. TADDEI Daniela 2ª C Fornaci di Barga Prof.. TADDEI Daniela 3ª C Fornaci di Barga Prof. NANNINI Giovanna 2ª D Fornaci di Barga Prof. ANZELMO Giulia 3ª D Fornaci di Barga Prof. PIERI Attilio Laboratorio scientifico SS1 Banca del Libro SS1 Progetto Lettura d Istituto P.E.Z. MIRIAM Scuola Amica e Progetto Legalità Mensa Lingue Comunitarie Responsabili funzionamento LIM SS1 Referenti Laboratori e Tematiche Specifiche ARRIGHI A. Laura/LUCHINI Lucia LENA Andrea/ NANNINI Giovanna NARDINI A.Grazia /ROMEI Ileana CINQUE Rosa CASTELVECCHI Piera CINQUE Rosa NANNINI Giovanna CIARI Cristina FONTANA Claudio- NARDINI Giuliana LENA Andrea (BARGA) VALDRIGHI Manuela (FORNACI DI BARGA)

15 Gruppi di Lavoro del Collegio Docenti Plenario Commissione P.O.F. Comm. GLI Comm. Lingue Comunitarie Comm. Intercultura Nucleo di Autovalutazione di Istituto Gruppo di Lavoro Curricolo e Continuità Anni Ponte Comm. Orientamento Gruppo di Lavoro Scuola Amica Commissione Legalità Commisione Orario SS1 Calendario Consigli di Classe Comitato Valutazione del servizio docenti Docenti Fuori Ruolo con compiti di supporto amministrativo didattico Tutte le FF/SS, SANTERINI Daniela PIERONI Emanuela FF.SS. (NARDINI Giuliana GIANNOTTI Valentina), docenti di sostegno, rappresentante ASL (da nominare da parte della ASL), genitori (Sig.ra COSIMINI Cristina), Ente locale (Dott. CONTI Gabriella) NARDINI Giuliana FONTANA Claudio CIARI Cristina- LUCCARINI Bruna BARTOLOMEI Liana BECHELLI Marusca PELLEGRINI Maristella FF.SS.(FAVOINO Maria Rosaria PIERONI Deborah), LUCHINI Lucia SANTI Licia GIUNTOLI Angela ANZELMO Giulia MAZZANTI Gabriella CASTELVECCHI Piera GIANNOTTI Sabrina F.S.(NANNINI Giovanna), Ente Locale (Ass. PIA Renzo), genitori (GIUSTI Samantha ZINANNI Simona SANTI Debora) F.S.(GIANNOTTI Valentina) SALOTTI Pieranna TADDEI Daniela GUADAGNINI Lorena LUCHINI Lucia CINQUE Rosa FAVOINO M. Rosaria GIANNOTTI Paolo PALAGINI Paola CINQUE Rosa DI CANIO E. Carmela TURICCHI Lisa PALAGINI Paola SANTERINI Daniela BIAGIOTTI Neva VERDIGI Viviana MAZZANTI Gabriella CAVANI Orietta GIANNOTTI Nadia GONNELLA Mirella BATTANI Monica BERTUCCI Clara BROGI M.Antonietta GIANNOTTI Valentina BIAGIOTTI Linda LUCCARINI Bruna DA PRATO Serena GUADAGNINI Lorena PIERONI Emanuela Favoino M.Rosaria COMPARINI Luciana BATASTINI Antonella BECHELLI Marusca BIAGIONI Mara GIANNOTTI Sabrina LIBBRA Luciana NARDINI Giuliana BARTOLOMEI Liana BERTONCINI Adriana GIUSTI Maria GIUNTOLI Angela PIERONI Luigina RIGALI Gabriele GIGLI Claudia GIANNOTTI Paolo PIERONI Debora NANNINI Giovanna PIERI Attilio TADDEI Daniela ANZELMO Giulia BONFANTI Miranda. VALDRIGHI Manuela MONCIATTI Anna CIARI Cristina TOMEI Marco COSIMINI Luigi Membri effettivi: LENA Andrea CASTELVECCHI Piera PIERONI Emanuela ARRIGHI A. Laura Membri supplenti: BATASTINI Antonella SANTI Licia NARDINI A.Grazia ROMEI Ileana

16 PROGETTAZIONE FORMATIVA a.s. 13/14 L I.C. potenzia la propria offerta formativa attraverso la realizzazione dei seguenti progetti : Progetto Verso una scuola amica SOS disagio fatti non parole Il Laboratorio della Cittadinanza Progetto Intercultura Una finestra sul mondo Progetto Magicamente abili Continuità educativa d'istituto Progetto Lingue Comunitarie Progetto Orientamento Progetto P.E.Z. e altri...

17 Progetto Verso una Scuola Amica UNICEF MIUR Favorisce azioni di sensibilizzazione e conoscenza della Convenzione Internazionale sui diritti dell infanzia e della adolescenza Previene e contrasta la dispersione scolastica Una Scuola Amica Promuove il protagonismo degli studenti Accoglie le differenze e promuove l inclusione scolastica Promuove iniziative concrete di solidarietà Elabora un patto formativo costruito con la collaborazione condivisa dei genitori e di tutte le componenti scolastiche Favorisce una partecipazione attiva degli studenti e prende in considerazione le loro opinioni Attivazione di laboratori artistico-espressivi Spazi aperti di discussione con le metodologie dell ascolto attivo Gestione creativa dei conflitti Revisione del PEC Progettazione partecipata con il coinvolgimento diretto degli studenti. Attestazione e logo ufficiale rilasciati dal MIUR

18 Attuazione L. 169 del 2008 Il Laboratorio della Cittadinanza Un giioco da ragazzii:: officina creativa per la trasformazione dei conflitti Progetti correlati e sottoprogetti Educare alllle diifferenze Costiituiiamo cittadini: laboratori teatrali e di espressione creativa Percorsi di legalità: Collaborazione con l arma dei Carabinieri, Polizia di Stato e GDF Finalità: Il Progetto si propone di creare un sistema integrato e condiviso finalizzato alla formazione di una viva coscienza democratica ed al riconoscimento dei diritti umani attraverso un percorso coordinato di interventi educativi, scuola, famiglia enti territoriali. Strategie metodologiche: Peer Education Giochi esperienziali Approccio laboratoriale Problem solving

19 Destinatari : componente docenti, genitori, ASL, Enti Locali, alunni dell'istituto Comprensivo Barga. FINALITA : 1. affrontare le difficoltà con professionalità e maggiore attenzione agli effettivi bisogni e ai tempi di elaborazione, 2 costruire relazioni alla pari mediante semplici e concreti gesti quotidiani, 3. diffondere e trasferire buone pratiche di integrazione nella gestione delle diversità, 4. sviluppare un senso nuovo di giustizia: Uessere giusti a scuola significa trattare tutti diversamente. 1.Gestione di sottoprogetti: - "Anch io leggo e scrivo in Braille - "Una carezza per Beatrice" - "Palmo a palmo". 2.Acquisto di sussidi vari e di materiali compensativi. 3.Organizzazione della biblioteca e dell' aula Peter Pan. 4.Collaborazione con esperti e/o agenzie educative per corsi di aggiornamento e/o interventi diretti con docenti, famiglie e alunni.

20 DESTINATARI: tutti i plessi dell Istituto Comprensivo FINALITA : dimostrare interesse e apertura verso la cultura di altri popoli, sviluppare una competenza relazionale, condividendo momenti di socializzazione, confrontare e presentare informazioni sulla propria cultura e su quella del partner, scambiare idee e metodi di lavoro. CONTENUTI : attività programmate dalle singole scuole/classi dell Istituto, inerenti il programma Nice to Meet You, con produzione di lavori e materiali che le scuole condividono durante le visite di interscambio.

21 FINA LITA : agevolare e rendere più proficuo possibile l inserimento di ciascuno affinché ogni alunno sia messo nelle condizioni migliori per apprendere ed imparare, proporzionalmente alle sue potenzialità. OBIETTIVI: 1. assicurare a tutti gli alunni il pieno successo formativo; 2. sviluppare personalità aperte, motivate e positive in relazione all apprendimento; 3. sviluppare la socializzazione e l integrazione anche attraverso la pratica sportiva non agonistica; 4. rispettare tempi e stili di apprendimento stimolando interesse e curiosità; 5. educare gli alunni a sentire, ascoltare, analizzare per poter riconoscere,memorizzare, ripetere e riprodurre; 6. sensibilizzare i docenti a capire, riconoscere e "trattare" i disturbi specifici di apprendimento (DSA) in classe; 7. conoscere ed adottare strumenti compensativi e dispensativi per facilitare apprendimento e risposte; 8. diffondere e trasferire buone pratiche di integrazione per conseguire strumenti di crescita nella gestione della diversità. CONTENUTI ed ATTIVITA : gli insegnanti di ogni ordine e grado svilupperanno contenuti ed attività che meglio rispondono alle esigenze delle proprie classi.

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14 Il presente Piano dell Offerta Formativa è stato presentato al Collegio dei Docenti (seduta plenaria) in data

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico OPEN DAY Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it 1 Sede Operativa per la Formazione Continua e Superiore Attività conformi

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero. Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764 E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.it Progetto a.s.2013/2014 Funzioni Strumentali Area 3 CONTINUITA

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014

Anno scolastico 2013/2014 L Istituto Comprensivo ha la sua sede in AZZANO SAN PAOLO Via Don Gonella, 4 Tel.: 035/530078 Fax: 035/530791 e-mail: BGIC82300D@istruzione.it sito internet : www.azzanoscuole.it I. C. - AZZANO S. PAOLO

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15

3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15 3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Il presente Piano delle attività, proposto dal Dirigente

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA INDICE Il piano dell offerta formativa:premessa Vision e mission dell Istituto2 Le nostre scuole Contesto di riferimento Analisi dei bisogni formativ Offerta formativa Scelte

Dettagli

Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Scuola dell Infanzia Fornaci Chizzolini Scuola Primaria Bertolotti Deledda Marcolini Scuola Secondaria di 1^ grado Franchi Calvino Appunti tratti dal nostro Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PONTELANDOLFO

ISTITUTO COMPRENSIVO PONTELANDOLFO ISTITUTO COMPRENSIVO PONTELANDOLFO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PONTELANDOLFO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Sant Anna, 4-82027 PONTELANDOLFO BN - tel. 0824 851880

Dettagli

Finalità del percorso scolastico

Finalità del percorso scolastico Finalità del percorso scolastico Mettere ciascuno in condizione di raggiungere la piena realizzazione di sé, di acquisire la cultura e i valori necessari per vivere da cittadini responsabili; nessuno deve

Dettagli

Benvenuti in prima media!

Benvenuti in prima media! ISTITUTO COMPRENSIVO SELVAZZANO II Scuola Secondaria I grado M. Cesarotti di Selvazzano & «L. Da Vinci» di Saccolongo Benvenuti in prima media! Corresponsabilità educativa Importanza della famiglia per

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Istituto Comprensivo Sestri Est

Istituto Comprensivo Sestri Est Istituto Comprensivo Sestri Est via Ursone da Sestri, 5-16154 GENOVA (GE) Tel. (010) 6531858 * Fax (010) 6515147 e-mail: geic837008@istruzione.it pec: geic837008@pec.istruzione.it C.F. 95131650103 SCHEDA

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019

Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019 Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019 PREMESSA E MISSIONE Il piano si basa su criteri educativi-formativi di: Flessibilità Programmazione

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. CENA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. CENA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. CENA Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4.

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4. Istituto Omnicomprensivo Statale Beato Simone Fidati Scuola d Infanzia, Primaria, Secondaria primo grado e Secondaria Superiore (IPSIA) Località La Stella - 06043 Cascia (PG) 074376203 0743751017 074376180

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Fanciulli Arrone. PROGETTO CONTINUITA Anno Scolastico 2014/2015

Istituto Comprensivo G. Fanciulli Arrone. PROGETTO CONTINUITA Anno Scolastico 2014/2015 Istituto Comprensivo G. Fanciulli Arrone PROGETTO CONTINUITA Anno Scolastico 2014/2015 PREMESSA La continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto dell alunno ad un percorso formativo organico

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. Anno Scolastico 2014/15

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. Anno Scolastico 2014/15 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LITTARDI Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Viale della Rimembranza, 16 18100 IMPERIA Codice Fiscale/P. Iva 91037880084 Tel/Fax 0183 667430 ~ e-mail: imic81000q@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019 I.C. 6 QUASIMODO DICEARCHIA 80078 POZZUOLI (NA)-Via Caio Vestorio,3 Tel e Fax 081/8042620 Cod. Fisc. 96029330634 Cod.Mecc. NAIC8DY002 http://www.ic6quasimododicearchia.gov.it e-mail: NAIC8DY002@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO EccoCi Qua PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA Linee essenziali Valori, obiettivi e piano d azione IC TOMMASEO - SECONDARIA UNA SCELTA DI CONTINUITÀ La

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 Progetto Descrizione Destinatari Valorizzazione della matematica Coinvolge tutto L Istituto; in particolare vede coinvolte le classi V^ della

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC)

Scuola Secondaria di primo grado Dante Arfelli Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Tel. 0547 80309 Fax 0547 672888 e-mail: fomm08900a@istruzione.it www.smcesenatico.net PIANO dell'offerta FORMATIVA S I

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (D.M. 12 luglio 2011)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (D.M. 12 luglio 2011) ISTITUTO COMPRENSIVO LAZZARO SPALLANZANI DI SCANDIANO Viale della Rocca, 8 - Scandiano (RE) - Tel/Fax 0522-857593 e-mail: reic85400a@istruzione.it www.icspallanzani.gov.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

www.iscrizioni.istruzione.it

www.iscrizioni.istruzione.it ISTITUTO COMPRENSIVO VITTORIO VENETO I DA PONTE SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Stadio, 5 31029 Vittorio Veneto (TV) Segreteria: tel. 0438/57587 fax 0438/53278 E-mail: TVIC859007@istruzione.it

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITÀ PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO DELLE ATTIVITÀ PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16 Organismo di Formazione accreditato Regione Veneto Cert. n. A0363 Istituto Tecnico Tecnologico FRANCESCO SEVERI 35129 PADOVA - Via L. Pettinati, 46 - Distretto n. 44 - Cod. Fisc. 80012040285 Tel. 049 8658111

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI Via Garibaldi, 90 26812 Borghetto Lodigiano (LO) - C.M. LOIC80400A C.F. 92517390156 Tel. 0371/80389

Dettagli