PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14"

Transcript

1 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO giovanni pascoli BARGA Anno scolastico 13/14 Il presente Piano dell Offerta Formativa è stato presentato al Collegio dei Docenti (seduta plenaria) in data 21 novembre 2013 ed è stato adottato dal Consiglio di Istituto in data 26 novembre 2013.

2 Premessa. L I.C. è stato intitolato a G.Pascoli nell a.s. 2012/13. Nel centenario della morte del poeta lo scultore borghigiano, Gualtiero Pia, ha donato all I.C. una scultura raffigurante Valentino, famoso personaggio nella poetica pascoliana. La scultura è dislocata presso l ingresso della sede centrale dell I.C. in via Roma a Barga. Da i Canti di Castelvecchio (1903) Oh! Valentino vestito di nuovo, come le brocche dei biancospini! Solo, ai piedini provati dal rovo porti la pelle de tuoi piedini; porti le scarpe che mamma ti fece, che non mutasti mai da quel dì, che non costarono un picciolo: in vece costa il vestito che ti cucì. Costa; chè mamma già tutto ci spese quel tintinnante salvadanaio: ora esso è vuoto; e cantò più d un mese, l amare, per riempirlo, tutto il pollaio. Giovanni Pascoli Valentino Pensa, a Gennaio, che il fuoco del ciocco Non ti bastava, tremavi, ahimè!, e le galline cantavano. Un cocco! ecco ecco un cocco un cocco per te! Poi, le galline chiocciarono, e venne Marzo, e tu, mago contadinello, restasti a mezzo, così, con le penne, Ma nudi i piedi, come un uccello: come l uccello venuto dal mare, che tra il ciliegio salta, e non sa ch oltre il beccare, il cantare, Ci sia qualch altra felicità. L I.C. comprende nove plessi, dislocati sul territorio comunale di Barga : SCUOLE DELL INFANZIA di : Filecchio, Fornaci di Barga, Barga, Castelvecchio Pascoli SCUOLE PRIMARIE di : Filecchio, Fornaci di Barga, Barga SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO : unico istituto dislocato su due plessi, un plesso si trova a Fornaci di Barga, l altro a Barga. Io vorrei che la scuola fosse un luogo in cui al bambino venisse offerto ogni giorno l occasione di vivere frequenti momenti di felicità. Felicità come riflesso di una sua partecipazione attiva ad esperienze che lo aiutino a crescere, quella felicità che deriva dalla partecipazione ad un gioco, dalla lettura di un racconto, dall acquisizione di una abilità nuova o dal fatto di trovare una risposta ad un problema, di compiere con i compagni una ricerca, di guardare un bel film o ascoltare una bella musica o stringere nuove amicizie e così via Guido Petter ( Psicologo-scrittore )

3 IL CONTESTO SOCIO ECONOMICO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO. L Istituto Comprensivo opera in una realtà composita e diversificata, sia dal punto di vista geografico, che economico e sociale. Tale realtà comprende due centri più grandi e varie frazioni situate nel fondovalle o sulle pendici appenniniche. I due centri maggiori, BARGA e FORNACI di BARGA, appaiono ben differenziati tra loro. BARGA, a 410 metri s.l.m., con il suo patrimonio storico-artistico si presenta con una precisa vocazione turistica e culturale. FORNACI DI BARGA, sviluppatasi nel secolo scorso attorno agli stabilimenti della Europa Metalli, si presenta più vitale da un punto di vista economico per la presenza di diverse e diversificate attività commerciali e artigianali. Sul territorio operano servizi sociali ( Comunali, A.S.L., S.E.R.T.,Centro psicologico... ) con i quali è possibile instaurare rapporti di collaborazione. Sono attive anche associazioni di tipo sportivo, culturale e di volontariato ( ANFAS, Misericordia, Casa di Riposo, Donatori di sangue...) che tendono a coinvolgere soprattutto i giovani. Sul territorio sono presenti anche insegnanti in pensione, che, come volontari, offrono il loro tempo per il recupero didattico di alunni in difficoltà. Nei centri minori : Castelvecchio Pascoli, San Pietro in Campo, Mologno, Filecchio, Albiano, Tiglio, Catagnana, Renaio, Sommocolonia, Ponte all Ania, Pedona, Pegnana, gli abitanti sono impegnati prevalentemente nei settori secondario e terziario; le attività del settore primario sono praticate solo marginalmente, a tempo parziale e a completamento di altre occupazioni. Su tutto il territorio comunale è diffuso il fenomeno dell immigrazione da Paesi stranieri, soprattutto extracomunitari.

4 IN TALE CONTESTO le profonde e rapide trasformazioni, a cui è sottoposta la società attuale, impongono alla scuola di riesaminare e attualizzare il proprio ruolo istituzionale per rispondere con maggiore efficacia ai bisogni formativi degli alunni di oggi. In particolare Crisi della famiglia Società complessa Presenza di nuove tecnologie la scuola cerca di rispondere ai nuovi bisogni culturali dovuti a : Globalizzazione, mobilità e multietnicità Rapidi cambiamenti economico-sociali tecnologici Pluralità di agenzie formative Bisogno di partecipazione Riappropriazione e riformulazione dei valori attraverso la predisposizione del Piano dell Offerta Formativa Cos è il Piano dell Offerta Formativa? Il POF è normato dall art. 3 del DPR. 275 del 99 (Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell'art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59) di seguito riportato : Art. 3 Piano dell'offerta formativa 1. Ogni istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti, il Piano dell'offerta formativa. Il Piano è il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia. 2. Il Piano dell'offerta formativa è coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi e indirizzi di studi determinati a livello nazionale a norma dell'articolo 8 e riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, tenendo conto della programmazione territoriale dell'offerta formativa. Esso comprende e riconosce le diverse opzioni metodologiche, anche di gruppi minoritari, e valorizza le corrispondenti professionalità. 3. Il Piano dell'offerta formativa è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal consiglio di circolo o di istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori e, per le scuole secondarie superiori, degli studenti. Il Piano è adottato dal consiglio di circolo o di istituto. 4. Ai fini di cui al comma 2 il dirigente scolastico attiva i necessari rapporti con gli Enti locali e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti sul territorio. 5. Il Piano dell'offerta formativa è reso pubblico e consegnato agli alunni e alle famiglie all'atto dell'iscrizione.

5 Il UP.O.FU. è il documento con cui la Scuola presenta le finalità e gli interventi progettuali, le sue forme e modalità di funzionamento e gestione a tutti i livelli. Esso nasce, da un lato, dall analisi dei bisogni formativi ed educativi dell utenza, dall esame degli strumenti e delle risorse disponibili, dall osservazione delle condizioni logistiche ed organizzative dell Istituto, dall altro invece - dai mutamenti della richiesta di formazione ed istruzione sollecitata dai continui cambiamenti della politica scolastica e suffragata dalle profonde mutazioni degli assetti strutturali e di programma. UIl Piano dell Offerta FormativaU intende dunque rivisitare la funzione del servizio scolastico rigenerandone percorsi, finalità organizzative e avvicinarsi ulteriormente alle esigenze dell utenza, alle richieste della formazione, ai bisogni del territorio, aprendosi a sollecitazioni e stimoli esterni (scolastici e non solo), facendosi carico di promuovere iniziative significative in campo formativo. Schematizzando : POF Documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche È LA CARTA D IDENTITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA che garantisce ESPLICITA: La programmazione curricolare e extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito dello loro autonomia D.P.R. 275/99 Collegamenti con il territorio Ispirazione culturalepedagogica Nel rispetto degli artt. 3, 30, 33, 34 della Costituzione Unitarietà didatticoorganizzativa È la risultante di un intensa attività di esplorazione, negoziazione, relazione con le diverse realtà del territorio e degli Enti Locali

6 Finalità del POF Nella prospettiva delle linee di indirizzo delineate dal Consiglio di Istituto e delle Indicazioni deliberate dalle Raccomandazioni del Parlamento e del Consiglio Europeo (Lisbona 2020), i docenti lavoreranno per sviluppare gradualmente gli otto ambiti di competenze chiave : 1. Comunicazione nella madre lingua 2. Comunicazione nelle lingue straniere 3. Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia 4. Competenza digitale 5. Imparare ad imparare 6. Competenze sociali e civiche 7. Spirito di iniziativa e imprenditorialità 8. Consapevolezza ed espressione culturale PER Mettere in grado gli alunni di Sapersi relazionare con se stessi, con gli altri e con l'ambiente Far nascere il tarlo della curiosità, lo stupore della conoscenza, la voglia di declinare il sapere con la fantasia, creatività, ingegno, le pluralità delle applicazioni delle proprie capacità, abilità e competenze (tematica centrale del Progetto Idee a confronto per i curricoli )

7 OLTRE a ciò L Istituto Comprensivo di Barga si impegna a : rafforzare il ruolo e la partecipazione delle famiglie, personalizzare gli interventi formativi ( piani di studio e obiettivi formativi personalizzati), promuovere una didattica laboratoriale che si propone di contenere la didattica frontale e verbalistica della classe / auditorium e di caratterizzare le attività dei gruppi di classe, di interclasse, elettivi, di compito o di livello, riflettere attivamente su un nuovo modello valutativo che prevede la valutazione interna degli apprendimenti e del comportamento, con un controllo esterno attraverso le verifiche periodiche e sistematiche dell INVALSI sulle conoscenze e abilità degli alunni, in particolare con la prova nazionale di italiano e matematica prevista per l Esame di Stato della terza classe della Scuola Secondaria di I Grado, attuare continuità dei piani di studio dalla scuola dell infanzia alla scuola secondaria di primo grado. Autovalutazione d Istituto Dimensione Laboratoriale delle attività I.C. G.Pascoli Educazione alla Convivenza Civile Nuove Indicazioni Nazionali Nuova Cultura della Valutazione Patto di corresponsabilità scuola-famiglia Equipe Pedagogica Personalizzazione piani di studio

8 FINALITA FORMATIVE nei tre ORDINI DI SCUOLA L Istituto Comprensivo G.Pascoli pone alla base della propria identità progettuale una serie di finalità formative e si impegna a valorizzarle e perseguirle attraverso l azione educativa. Esse costituiscono l asse portante per la formazione dello studente da 3 a 14 anni, attraversando, quindi, tutti gli ordini di scuola. Nello specifico le finalità formative nei tre ordini di scuola si possono schematizzare nel modo di seguito descritto. SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA 1 Offrire il primo approccio con la scuola, favorendo esperienze di socializzazione. Offrire una risposta ai bisogni di apprendimento, fornendo gli strumenti adatti. Offrire una risposta ai bisogni di apprendimento e di esperienza degli alunni nel contesto sociale in evoluzione Promuovere la stima di sé, la sicurezza, il rispetto per l altro e per l ambiente per stare bene a scuola. Sviluppare un identità positiva, avere cura di sé, rispetto degli altri, degli oggetti e dell ambiente. Far sviluppare un immagine positiva di sé nella realtà scolastica attraverso il rispetto dell ambiente e dell altro in un contesto favorevole all apprendimento Attivare progetti di accoglienza, promuovere la collaborazione con le famiglie favorendo l inserimento e tenendo conto dei bisogni. Attivare progetti di accoglienza e integrazione per favorire l apprendimento degli alfabeti di base, organizzando percorsi personalizzati e promuovendo il senso di responsabilità Attivare progetti di accoglienza, favorire relazioni costanti con le famiglie e promuovere l integrazione per evitare situazioni di disagio, organizzando momenti di dialogo, confronto, recupero, rinforzo Favorire lo sviluppo di abilità di base per acquisire le future competenze, riflettendo sulle esperienze, utilizzando l osservazione, il confronto e la descrizione. Favorire l acquisizione dei linguaggi simbolici che costituiscono la struttura della nostra cultura in vista di competenze sempre più definite Favorire l acquisizione di conoscenze, abilità disciplinari in funzione di competenze sempre più definite, riconoscendo la continua evoluzione dei saperi. Prestare attenzione alla persona, riconoscendo il proprio corpo, il piacere di fare e di collaborare Prestare attenzione alla persona, rispettare gli stili individuali del crescere per sviluppare il pensiero riflessivo e critico,favorendo la consapevolezza e l autonomia, nel rispetto delle regole. Prestare attenzione alla persona rispettando gli stili individuali di apprendimento per fare acquisire un metodo di studio personale e rendere autonomi gli studenti in un confronto libero e pluralistico Imparare a gestire situazioni, fatti, contrasti, attraverso semplici regole condivise.

9 L I.C. G.Pascoli e l integrazione. L I.C., in riferimento alla Circolare n. 8 del marzo 2013 (Alunni BES) utilizza le procedure e mette in atto le strategie necessarie : 1. per riconoscere alunni con Bisogni Educativi Speciali 2. per assicurare loro il successo formativo. Alcune procedure di individuazione degli alunni BES sono consolidate da anni, altre sono in fase di studio. Il Collegio dei docenti, alla luce della C.M. richiamata, ha allargato il GLH di istituto, nominando il GLI, Gruppo Lavoro per l Inclusione, inoltre, per favorire l integrazione, sono state nominate tre funzioni strumentali : una f.s. relativa alla diversa abilità, una relativa ai disturbi specifici di apprendimento e la terza destinata all intercultura. Il Piano annuale per l inclusione, per l a.s. 13/14, prevede: Nello specifico : 1. la predisposizione di PDP e PEI secondo modelli uguali per i tre ordini di scuola, 2. l attivazione di diversi progetti che sono di seguito descritti (sezione progetti), 3. l utilizzo di risorse umane di vario tipo (docenti di sostegno, assistenti comunali, docenti della scuola in compresenza), 4. l utilizzo di risorse strumentali di vario tipo (pc, lim, libri in braille, ). a) relativamente ai DSA: la Scuola mette in atto un intervento di tipo globale che coinvolge famiglie, docenti, alunni, professionisti USL nella predisposizione del PDP; conoscenze culturali, legislative,didattiche, pedagogiche e psicologiche; gli strumenti tradizionali, convenzionali, compensativi, dispensativi; e che è attuato già nella scuola dell infanzia per continuare nella scuola elementare. b) relativamente ai bambini d.a. : la Scuola mette in atto un intervento finalizzato allo sviluppo delle potenzialità del bambino attraverso la formulazione di specifici progetti educativi individualizzati in collaborazione con le famiglie; l attuazione di verifiche periodiche effettuate in collaborazione con equipe multifunzionale ASL; interventi individualizzati in ambito disciplinare; utilizzo dei docenti su progetti finalizzati; attività integrative; interventi di recupero extra-curricolari periodici; c) relativamente ai bambini stranieri : la Scuola mette in atto interventi finalizzati all acquisizione dell italiano L2, iniziative per favorire l integrazione nel contesto territoriale in cui abitano; la formulazione di piani didattici individualizzati. Per gli altri alunni BES (bambini in condizioni di svantaggio socio-culturale) la scuola predispone piani didattici personalizzati, come auspicato anche dalla normativa previgente la C.M. 8 del 2013 (Lg. 53 del 2004), per favorire il loro successo formativo.

10 I punti di forza del Progetto Educativo dell I.C. 32BDimensione Europea Gemellaggio NICE TO MEET YOU con la Scozia(East Lothian- Edinburgh) Visite, corrispondenza ed con la Scozia Approccio alla lingua inglese a partire dalla scuola dell infanzia TRINITY 36BContinuità Attività di accoglienza Attività per anni ponte Percorsi verticali 33BEducazioni trasversali Educazione alla cittadinanza alla legalità alla sicurezza Educazione interculturale ambientale stradale alla salute 34BPrevenzione del disagio 35BAscolto attento dei bisogni dell alunno Interventi di recupero, consolidamento, sviluppo Collaborazione con famiglie, enti, associazioni e volontari Orientamento Attività finalizzate alla conoscenza di sé e delle proprie attitudini per una scelta consapevole della scuola superiore Verifica e valutazione Ogni insegnante, d intesa con tutti i componenti dell equipe pedagogica o del consiglio di classe, verificherà, in itinere, obiettivi e contenuti della propria programmazione secondo le modalità che riterrà più opportune relativamente ai propri alunni e alle metodologie messe in atto. La scuola annualmente, come prescritto dalla normativa, svolge le prove di valutazione di sistema INVALSI.

11 Organizzazione dell Istituto Comprensivo Dirigente Scolastico (art. 25 D.lgs 165/01) Il D.S. è il rappresentante legale dell Istituto. Assicura Il funzionamento dell unità scolastica secondo criteri di efficienza ed efficacia formativa La gestione unitaria La direzione, il coordinamento, la valorizzazione delle risorse umane Promuove L autonomia sul piano gestionale e didattico L esercizio dei diritti costituzionalmente tutelati Lo sviluppo dell autonomia organizzativa, di ricerca e sperimentazione La collaborazione tra le risorse culturali, professionali sociali ed economiche del territorio interagendo con gli EE.LL. E responsabile Della gestione delle risorse finanziarie, strumentali e dei risultati del servizio Della sicurezza nei luoghi di lavoro E titolare Lo Staff di Direzione E costituito Delle relazioni dalla sindacali. Dirigente Scolastica, dai due docenti collaboratori, dai docenti con incarico di Funzione Strumentale, dai coordinatori di Plesso e dal DSGA. Lo Staff garantisce il necessario supporto alle scelte ed alle azioni intraprese dall Istituto. Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi svolge attività lavorativa di rilevante complessità ed avente rilevanza esterna. Sovrintende ai servizi amministrativo-contabili e ne cura l organizzazione svolgendo funzioni di coordinamento. Ai sensi, e per gli effetti, dell art. 25 bis D.lgs 29/93 e successive modificazioni ed interazioni, il DSGA coadiuva il Dirigente scolastico nelle proprie funzioni organizzative ed amministrative. Assistenti amministrativi L assistente amministrativo esegue attività lavorativa richiedente specifica preparazione professionale e capacità di esecuzione delle procedure con strumenti informatici. Esegue inoltre attività di supporto amministrativo alla progettazione di iniziative didattiche. Assistenti amministrativi in servizio presso I.C. nell a.s. 13/14 : 5 unità. Collaboratori scolastici Il collaboratore scolastico è addetto ai servizi generali della scuola con compiti di accoglienza e di sorveglianza nei confronti degli alunni e del pubblico, compiti di pulizia dei locali scolastici e degli arredi. Il collaboratore scolastico collabora anche con i docenti. Collaboratori scolastici in servizio presso I.C. nell anno scolastico 13/14 : 17 unità. Gli uffici di segreteria e la Presidenza sono dislocati presso la scuola primaria di Barga: Via Roma, BARGA (LU)

12 2B 1B 3B Ufficio di Segreteria: Orario di servizio del personale Martedì e Mercoledì: dalle h 7,30 alle h. 14,00 e dalle h. 15,00 alle h. 18,00 Lunedì e Venerdì Sabato: dalle h. 7,30 alle h. 14,00 Orario di apertura al pubblico Lunedì Venerdì 8:30-10:00 Martedì 8:30-9:30 e 15:30-17:30 Mercoledì 11:30-13:30 Giovedì 8:30-9:30 Sabato 10:00-12:00 Dirigente Scolastica La D.S., Prof.ssa Patrizia Farsetti, compatibilmente con gli impegni in essere, riceve i genitori il Martedì e il Giovedì dalle 9 alle 11 previo appuntamento (tel n ) In presenza di urgenze, i genitori possono contattare telefonicamente la Dirigente scolastica (tel ) o, in sua assenza, il primo collaboratore docente Rosa Cinque. In assenza della Dirigente e del primo collaboratore, i genitori si potranno rivolgere al secondo collaboratore, docente Anna Laura Arrighi, in servizio presso la SS1 di Fornaci di Barga. I docenti e il personale ATA saranno ricevuti tramite accordo telefonico tra gli interessati e la D.S. Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi Il Direttore dei servizi generali ed amministrativi, sig. Anna Maria Biagioni, riceve su appuntamento : il mercoledì dalle 16:00 alle 17:30 e il venerdì dalle 8:30 alle 10:00. CONTATTI :. 0583/ Fax. 0583/ SITO WEB HUwww.icbarga.itU

13 Organigrammi relativi al supporto organizzativo, alla realizzazione del P.O.F. e al processo di Autonomia Scolastica Dirigente Scolastica Prof.ssa Patrizia FARSETTI Docente Vicario D.ssa Rosa CINQUE 2 Docente Collaboratore D.S. D.ssa Anna Laura ARRIGHI Funzioni Strumentali: UAREA 1 BROGI Maria Antonietta/CASTELVECCHI Piera GESTIONE P.O.F./ AUTONOMIA UAREA 2 BECHELLI Marusca GESTIONE MULTIMEDIALITA UAREA 3 SUCCESSO FORMATIVO ALUNNI DISAGIO e INTEGRAZIONE GIANNOTTI Valentina/NARDINI Giuliana AREA SUPPORTO DOCENTI AUTOVALUTAZIONE di ISTITUTO VALUTAZIONE APPRENDIMENTO e CONTINUITA NANNINI Giovanna COMPARINI Luciana/GIANNOTTI Valentina/ LENA Andrea INTERCULTURA FAVOINO M.Rosaria /PIERONI Deborah

14 Referente Collegio Scuola dell Infanzia mª BIAGIOTTI Neva Coordinatori di plesso Scuola Infanzia BARGA mª DI CANIO E. CARMELA/TURICCHI Lisa Scuola Primaria BARGA mª BROGI M. Antonietta S.S.1 Grado BARGA Prof. LENA Andrea Scuola Infanzia FORNACI DI BARGA Scuola Primaria FORNACI DI BARGA S.S.1 Grado FORNACI DI BARGA Scuola Infanzia FILECCHIO Scuola Primaria FILECCHIO Scuola Infanzia CASTELVECCHIO PASCOLI mª CAVANI Orietta mª COMPARINI Luciana Prof.ssa ARRIGHI A Laura/Prof.ssa NANNINI Giovanna mª ROSSINI M.Rita mª BARTOLOMEI Liana/GIUSTI Maria mª BATTANI Monica/GONNELLA Mirella Coordinatori di classe Scuola Secondaria di I Grado 1ª A Barga Prof. LUCHINI Lucia 1ª B Barga Prof. MONCIATTI Anna 2ª A Barga Prof. PIERONI Deborah 2ª B Barga Prof. PIERONI Deborah 3ª A Barga Prof. GIANNOTTI Paolo 3ª B Barga Prof. GIGLI Claudia 1ª C Fornaci di Barga Prof. TADDEI Daniela 2ª C Fornaci di Barga Prof.. TADDEI Daniela 3ª C Fornaci di Barga Prof. NANNINI Giovanna 2ª D Fornaci di Barga Prof. ANZELMO Giulia 3ª D Fornaci di Barga Prof. PIERI Attilio Laboratorio scientifico SS1 Banca del Libro SS1 Progetto Lettura d Istituto P.E.Z. MIRIAM Scuola Amica e Progetto Legalità Mensa Lingue Comunitarie Responsabili funzionamento LIM SS1 Referenti Laboratori e Tematiche Specifiche ARRIGHI A. Laura/LUCHINI Lucia LENA Andrea/ NANNINI Giovanna NARDINI A.Grazia /ROMEI Ileana CINQUE Rosa CASTELVECCHI Piera CINQUE Rosa NANNINI Giovanna CIARI Cristina FONTANA Claudio- NARDINI Giuliana LENA Andrea (BARGA) VALDRIGHI Manuela (FORNACI DI BARGA)

15 Gruppi di Lavoro del Collegio Docenti Plenario Commissione P.O.F. Comm. GLI Comm. Lingue Comunitarie Comm. Intercultura Nucleo di Autovalutazione di Istituto Gruppo di Lavoro Curricolo e Continuità Anni Ponte Comm. Orientamento Gruppo di Lavoro Scuola Amica Commissione Legalità Commisione Orario SS1 Calendario Consigli di Classe Comitato Valutazione del servizio docenti Docenti Fuori Ruolo con compiti di supporto amministrativo didattico Tutte le FF/SS, SANTERINI Daniela PIERONI Emanuela FF.SS. (NARDINI Giuliana GIANNOTTI Valentina), docenti di sostegno, rappresentante ASL (da nominare da parte della ASL), genitori (Sig.ra COSIMINI Cristina), Ente locale (Dott. CONTI Gabriella) NARDINI Giuliana FONTANA Claudio CIARI Cristina- LUCCARINI Bruna BARTOLOMEI Liana BECHELLI Marusca PELLEGRINI Maristella FF.SS.(FAVOINO Maria Rosaria PIERONI Deborah), LUCHINI Lucia SANTI Licia GIUNTOLI Angela ANZELMO Giulia MAZZANTI Gabriella CASTELVECCHI Piera GIANNOTTI Sabrina F.S.(NANNINI Giovanna), Ente Locale (Ass. PIA Renzo), genitori (GIUSTI Samantha ZINANNI Simona SANTI Debora) F.S.(GIANNOTTI Valentina) SALOTTI Pieranna TADDEI Daniela GUADAGNINI Lorena LUCHINI Lucia CINQUE Rosa FAVOINO M. Rosaria GIANNOTTI Paolo PALAGINI Paola CINQUE Rosa DI CANIO E. Carmela TURICCHI Lisa PALAGINI Paola SANTERINI Daniela BIAGIOTTI Neva VERDIGI Viviana MAZZANTI Gabriella CAVANI Orietta GIANNOTTI Nadia GONNELLA Mirella BATTANI Monica BERTUCCI Clara BROGI M.Antonietta GIANNOTTI Valentina BIAGIOTTI Linda LUCCARINI Bruna DA PRATO Serena GUADAGNINI Lorena PIERONI Emanuela Favoino M.Rosaria COMPARINI Luciana BATASTINI Antonella BECHELLI Marusca BIAGIONI Mara GIANNOTTI Sabrina LIBBRA Luciana NARDINI Giuliana BARTOLOMEI Liana BERTONCINI Adriana GIUSTI Maria GIUNTOLI Angela PIERONI Luigina RIGALI Gabriele GIGLI Claudia GIANNOTTI Paolo PIERONI Debora NANNINI Giovanna PIERI Attilio TADDEI Daniela ANZELMO Giulia BONFANTI Miranda. VALDRIGHI Manuela MONCIATTI Anna CIARI Cristina TOMEI Marco COSIMINI Luigi Membri effettivi: LENA Andrea CASTELVECCHI Piera PIERONI Emanuela ARRIGHI A. Laura Membri supplenti: BATASTINI Antonella SANTI Licia NARDINI A.Grazia ROMEI Ileana

16 PROGETTAZIONE FORMATIVA a.s. 13/14 L I.C. potenzia la propria offerta formativa attraverso la realizzazione dei seguenti progetti : Progetto Verso una scuola amica SOS disagio fatti non parole Il Laboratorio della Cittadinanza Progetto Intercultura Una finestra sul mondo Progetto Magicamente abili Continuità educativa d'istituto Progetto Lingue Comunitarie Progetto Orientamento Progetto P.E.Z. e altri...

17 Progetto Verso una Scuola Amica UNICEF MIUR Favorisce azioni di sensibilizzazione e conoscenza della Convenzione Internazionale sui diritti dell infanzia e della adolescenza Previene e contrasta la dispersione scolastica Una Scuola Amica Promuove il protagonismo degli studenti Accoglie le differenze e promuove l inclusione scolastica Promuove iniziative concrete di solidarietà Elabora un patto formativo costruito con la collaborazione condivisa dei genitori e di tutte le componenti scolastiche Favorisce una partecipazione attiva degli studenti e prende in considerazione le loro opinioni Attivazione di laboratori artistico-espressivi Spazi aperti di discussione con le metodologie dell ascolto attivo Gestione creativa dei conflitti Revisione del PEC Progettazione partecipata con il coinvolgimento diretto degli studenti. Attestazione e logo ufficiale rilasciati dal MIUR

18 Attuazione L. 169 del 2008 Il Laboratorio della Cittadinanza Un giioco da ragazzii:: officina creativa per la trasformazione dei conflitti Progetti correlati e sottoprogetti Educare alllle diifferenze Costiituiiamo cittadini: laboratori teatrali e di espressione creativa Percorsi di legalità: Collaborazione con l arma dei Carabinieri, Polizia di Stato e GDF Finalità: Il Progetto si propone di creare un sistema integrato e condiviso finalizzato alla formazione di una viva coscienza democratica ed al riconoscimento dei diritti umani attraverso un percorso coordinato di interventi educativi, scuola, famiglia enti territoriali. Strategie metodologiche: Peer Education Giochi esperienziali Approccio laboratoriale Problem solving

19 Destinatari : componente docenti, genitori, ASL, Enti Locali, alunni dell'istituto Comprensivo Barga. FINALITA : 1. affrontare le difficoltà con professionalità e maggiore attenzione agli effettivi bisogni e ai tempi di elaborazione, 2 costruire relazioni alla pari mediante semplici e concreti gesti quotidiani, 3. diffondere e trasferire buone pratiche di integrazione nella gestione delle diversità, 4. sviluppare un senso nuovo di giustizia: Uessere giusti a scuola significa trattare tutti diversamente. 1.Gestione di sottoprogetti: - "Anch io leggo e scrivo in Braille - "Una carezza per Beatrice" - "Palmo a palmo". 2.Acquisto di sussidi vari e di materiali compensativi. 3.Organizzazione della biblioteca e dell' aula Peter Pan. 4.Collaborazione con esperti e/o agenzie educative per corsi di aggiornamento e/o interventi diretti con docenti, famiglie e alunni.

20 DESTINATARI: tutti i plessi dell Istituto Comprensivo FINALITA : dimostrare interesse e apertura verso la cultura di altri popoli, sviluppare una competenza relazionale, condividendo momenti di socializzazione, confrontare e presentare informazioni sulla propria cultura e su quella del partner, scambiare idee e metodi di lavoro. CONTENUTI : attività programmate dalle singole scuole/classi dell Istituto, inerenti il programma Nice to Meet You, con produzione di lavori e materiali che le scuole condividono durante le visite di interscambio.

21 FINA LITA : agevolare e rendere più proficuo possibile l inserimento di ciascuno affinché ogni alunno sia messo nelle condizioni migliori per apprendere ed imparare, proporzionalmente alle sue potenzialità. OBIETTIVI: 1. assicurare a tutti gli alunni il pieno successo formativo; 2. sviluppare personalità aperte, motivate e positive in relazione all apprendimento; 3. sviluppare la socializzazione e l integrazione anche attraverso la pratica sportiva non agonistica; 4. rispettare tempi e stili di apprendimento stimolando interesse e curiosità; 5. educare gli alunni a sentire, ascoltare, analizzare per poter riconoscere,memorizzare, ripetere e riprodurre; 6. sensibilizzare i docenti a capire, riconoscere e "trattare" i disturbi specifici di apprendimento (DSA) in classe; 7. conoscere ed adottare strumenti compensativi e dispensativi per facilitare apprendimento e risposte; 8. diffondere e trasferire buone pratiche di integrazione per conseguire strumenti di crescita nella gestione della diversità. CONTENUTI ed ATTIVITA : gli insegnanti di ogni ordine e grado svilupperanno contenuti ed attività che meglio rispondono alle esigenze delle proprie classi.

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli