Il Giornale dei Pensionati della Ca de Sass

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Giornale dei Pensionati della Ca de Sass"

Transcript

1 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale 70% DCB Milano Bilancio di fine anno Cari Amici, l anno che va a concludersi ha confermato il trend negativo per la nostra economia e una pesante stagnazione che, come al solito, colpisce le fasce più deboli della popolazione. Da tale contesto non è esente la maggior parte dei pensionati e, per quanto ci riguarda, degli esodati, i quali ultimi sono costretti ancora a vivere nell incertezza del loro domani, incertezza che speriamo si risolva o, quantomeno, si attenui - con l emanazione della prossima legge di stabilità per il Per quanto riguarda la nostra Associazione e i suoi aderenti, i problemi più volte portati alla vostra attenzione sono tutt altro che risolti e ad essi se ne sono aggiunti altri, la cui portata avrete modo di considerare nel corpo del nostro Giornale. La problematicità della situazione complessiva in cui versiamo è stata discussa pure nelle riunioni zonali che abbiamo organizzato ed alle quali molti di voi hanno partecipato. Non possiamo certo nasconderci che lo strisciante disinteresse verso i pensionati e gli anziani in genere - non trova limiti, solo se si pensi al trattamento riservato loro, in particolare, in termini di sanità integrativa. Per non parlare della situazione creatasi per la riscossione delle quote di iscrizione alla nostra Associazione, tema trattato più ampiamente nel prosieguo del Giornale. Ma l Associazione non intende piana pagina 2 Il Giornale dei Pensionati della Ca de Sass Anno 43, numero 111, novembre 2013 Associazione Pensionati CARIPLO e Banca Intesa Aderente alla FAP Credito Solidarietà a senso unico IN QUESTO NUMERO: Solidarietà a senso unico Fondo Sanitario: disdetta sì o no Personale in esodo Il salvadanaio Notizie in breve La lettera del socio Acerbi a pag. 2 mi ricorda una delle lamentele più frequenti dei pensionati ex Cariplo a proposito della Cassa Mutua, che ormai non è più né mutua né cassa. Lamentando il trattamento vessatorio riservato alla sua categoria, il pensionato trova ingiusto che, dopo aver contribuito per decenni all assistenza sanitaria di chi lo aveva preceduto in azienda, ora non gli sia riservato lo stesso trattamento; anzi, gli viene fatto capire che sarebbe meglio se togliesse il disturbo (in tutti i sensi). È dunque finita la solidarietà intergenerazionale? Ci pare evidente che non esiste più, che non è prevista dal nuovo sistema sanitario, dove chi paga può curarsi e chi non può si arrangi. Del resto, i primi evidenti segnali si ebbero anni fa quando la Cassa mutua divenne sanitaria : non si trattò di un semplice cambiamento di aggettivo, ma del primo passo per arrivare alla situazione attuale. Riconosciuta la oggettiva giustificazione di questa lamentela, che tocca la propria persona e il proprio nucleo familiare, colpisce però che alcuni pensionati assumano contemporaneamente un atteggiamento opposto quando si tratta della solidarietà verso gli altri. Per spiegarci meglio: l Associazione sta faticosamente cercando di recuperare le quote di iscrizione per il 2013, la cui riscossione è stata bloccata dai cambiamenti nel pagamento delle pensioni; ancor di più, essa sta lottando per la propria sopravvivenza, perché non può permettersi di perdere la metà dei suoi iscritti, il cui contributo è la sola fonte di sostentamento per poter operare al servizio dei soci. Purtroppo, all invito ad associarsi o a rimanere iscritti, alcuni hanno risposto: Ma che cosa me ne viene in tasca? Non pare azzardato affermare che la nostra Associazione molto abbia fatto e stia facendo per i suoi iscritti, soprattutto per quelli che sono in difficoltà per stato di salute, solitudine o avanzamento negli anni. E lo fa grazie ai volontari che non si sono prefissati alcun vantaggio né economico né di altro genere, ma, disinteressatamente e gratuitamente, si sono messi a disposizione per vero spirito di solidarietà, come dimostrano le frequenti attestazioni di gratitudine di molti iscritti. Invitiamo chi non trova motivi sufficienti per rimanere socio a una serena riflessione, tenendo presente che la vita riserva a volte repentini mutamenti di condizione. Considerato il mondo sempre più arido ed egoista che ci circonda, il poter contare anche soltanto su un piccolo aiuto per pratiche personali o familiari, consulenze gratuite, compilazione di domande di rimborso, non ci pare trascurabile. O no? Ermanno Cavagnera SOSTENETE LA VOSTRA ASSOCIAZIONE RIMANENDO ISCRITTI!

2 Associazione anno 43, numero 111, novembre 2013 Lettere al Giornale Milano, 28 settembre 2013 Il 31 dicembre prossimo scadrà il vincolo triennale di iscrizione al Fondo Sanitario Integrativo. Frequentando abitualmente gli uffici dell Associazione, ho avuto modo di ascoltare alcuni soci che asserivano di aver corrisposto nel triennio un importo eccessivo e comunque superiore - in rapporto alle prestazioni o ai rimborsi ottenuti. Francamente mi stupiscono tali considerazioni: non si può pensare infatti che un ente mutualistico per ciascun aderente corrisponda più di quanto introita. L introito non retrocesso di molti servirà a coprire le spese di quelli che necessitano di maggiore assistenza medica. Ciononostante siamo in passivo, segno evidente che un numero rilevante di iscritti ha avuto la necessità di maggiori interventi. Allora, più che dimettersi, sarà necessario insistere perché venga abolita la discriminante fra attivi e pensionati, perché venga ripristinato quel sano principio di mutualità che era alla base della Cassa Mutua di un tempo. Cordiali saluti. Ulderico Acerbi P.S. Anche la nostra Associazione ha fini mutualistici e per questo mi auguro che non venga abbandonata solo perché si ritiene di non averne bisogno. Essa potrà servire, come infatti serve, ad altri pensionati in condizioni di difficoltà. Come disse un illustre personaggio, non dobbiamo pensare che cosa fa l Associazione per noi, ma che cosa possiamo fare noi per l Associazione o, meglio, per gli altri. 2 Una ragione in più per iscriversi alla nostra Associazione Al termine di un lavoro che si è protratto per qualche anno siamo riusciti a concludere un accordo - che porteremo all attenzione del nostro Consiglio nella sua imminente riunione - che ci consentirà di offrire ai nostri iscritti, a titolo totalmente gratuito, tutte le prestazioni proprie di un CAF (Centro di Assistenza Fiscale), come la denuncia dei redditi (modello 730 e Unico), domande di pensione da inoltrare all Inps, ISEE, IMU e così via. Faremo tutto noi; ai colleghi verrà richiesto di attenersi a semplicissime disposizioni che ci riserviamo di comunicare in seguito. Enrico Moneta segue da pagina 1 gersi addosso per come sono considerati e vessati i propri aderenti e i pensionati in genere. E allora, senza perderci d animo, stiamo cercando di fornire ai nostri iscritti nuove opportunità in materia di servizi, che riteniamo di sicuro interesse; su questo tema avremo modo di ritornare non appena i progetti in cantiere assumeranno una fisionomia meglio definita. Rimandandovi alle pagine che seguono, ricche di argomenti e di riflessioni, non mi resta che porgere a Voi, alle Vostre famiglie ed a tutti i Vostri cari i migliori auguri, miei e di tutti i collaboratori dell Associazione, perché possiate trascorrere un sereno e felice Natale, iniziando anche con i migliori auspici il prossimo Giovanni F. Catenaccio Ricordo di Agostino Colace Agostino Colace ci ha lasciati il 23 settembre scorso. Ho conosciuto Agostino il 2 febbraio 1976, quando sono stato chiamato a far parte del Servizio Segreteria della Cariplo e ho potuto immediatamente apprezzarne la signorilità del tratto e l innata capacità, sotto l aspetto umano, di essere amico. Da lui, proprio per queste sue doti, ho molto imparato, anche sotto il profilo professionale, per la sua disponibilità al dialogo e per la capacità e semplicità di trasmissione del pensiero. Non ha mai lesinato a nessuno il suo sapere, mettendo a disposizione di tutti professionalità e competenza che, successivamente, ha profuso anche nella nostra Associazione e nei Consigli degli enti nei quali ha accettato, dimostrando uno spirito di servizio non comune, di far parte per la tutela dei diritti dei pensionati. Lo ha sempre contraddistinto anche una forte sensibilità sociale, talvolta in controtendenza rispetto a fin troppo conosciuti atteggiamenti di opportunismo, accettando i rischi che la coerenza di pensiero nelle cose più importanti della vita può comportare. Il suo definitivo commiato, assai partecipato, è stato un esempio di serenità e di abbandono a una Volontà superiore, trascendente, contro la quale nulla è possibile all essere umano. Così come, credo, egli avrebbe voluto. Arrivederci, carissimo Agostino, che la terra ti sia lieve. g.f.c.

3 anno 43, numero 111, novembre 2013 Fondo Sanitario In questi mesi molti soci ci hanno scritto o telefonato per chiedere informazioni circa tempi e modi della disdetta al Fondo Sanitario Integrativo, motivando la probabile rinuncia con la crescente insoddisfazione per le prestazioni sanitarie sempre più ridotte e costose a fronte di quote sempre più elevate e penalizzanti per i pensionati. I nostri addetti alla Segreteria hanno dato pronta evasione alle richieste, precisando che la rinuncia deve essere fatta tramite raccomandata AR da indirizzare al Fondo Sanitario Integrativo in via Cechov 50/5, Milano (e non a Previmedical), preferibilmente entro la fine di novembre per essere certi che arrivi a destinazione entro e non oltre il 31 dicembre Nella stessa occasione essi hanno doverosamente ricordato ai richiedenti che la disdetta è irreversibile: a norma di statuto, chi lascia il Fondo Sanitario non potrà più rientrarvi. Questo deve essere chiaro a tutti, specie a coloro che motivano la decisione anche con il limitato utilizzo delle Fondo Sanitario Integrativo: disdetta sì o no? prestazioni offerte. Avvicinandosi dunque la scadenza del triennio di iscrizione obbligatoria, e in vista di una scelta comunque sofferta, invitiamo i nostri iscritti prima di decidere - a una riflessione serena ma approfondita di tutti i pro e i contro del rimanere nel Fondo Sanitario. Fra gli aspetti positivi possiamo, al momento, ricordare: - la deducibilità integrale delle quote di iscrizione, che incide direttamente sul reddito - la detraibilità delle spese sanitarie rimaste a carico - la copertura offerta in caso di grandi interventi - il rimborso integrale (quindi senza quota percentuale e conseguente quota differita) dei ticket pagati per prestazioni usufruite con il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) - il riconoscimento di una diaria per ricoveri, con o senza intervento, tramite SSN, per i quali si rimanda al Regolamento delle prestazioni del Fondo Sanitario Integrativo - la possibilità di recedere anno per anno (essendo cessato l obbligo triennale). Fra quelli negativi troviamo: - le sempre più pesanti quote a carico dei pensionati - le prestazioni che anno dopo anno vengono ridotte e in pari tempo rese più onerose - il rischio di dover integrare i disavanzi (dovuti all assurdo contabile delle gestioni separate per attivi e pensionati) con un ulteriore carico sulle quote di iscrizione. Queste brevi considerazioni non sono un invito a rimanere o a ritornare sulle decisioni prese: ognuno valuti a fondo la propria situazione e poi decida. Le pagine che seguono offrono un ampia documentazione che sarà di aiuto per orientarsi. Sappia comunque che se abbandona il FSI non potrà più farvi parte. E, al riguardo, sia chiaro che l Associazione Pensionati CARIPLO e Banca Intesa non ha alcuna possibilità di intervenire o di fare pressioni per un eventuale reinserimento. Ermanno Cavagnera Ricordo di Everardo Schiavi L improvvisa e inattesa scomparsa di Everardo Schiavi, avvenuta il 14 ottobre scorso, lascia un vuoto profondo nell animo di coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di apprezzarne le straordinarie doti di umanità. Grande professionalità aveva Everardo, dote che gli consentiva di essere sempre a disposizione di tutti. Proprio per questo la sua cordialità e schiettezza non saranno dimenticate. La sua mancanza si avvertirà anche nell ambito della nostra Associazione, di cui era da anni consigliere in rappresentanza degli iscritti della provincia di Varese. In questo ruolo, svolto sempre con il massimo impegno, è stato un vero trascinatore e organizzatore per i nostri soci che avevano in lui un preciso punto di riferimento. Specialmente negli ultimi tempi, consapevole delle difficoltà cui sta andando incontro l Associazione per i gravi problemi che deve affrontare quotidianamente, tutti noi abbiamo potuto apprezzare la sua preziosa opera di proselitismo e di convincimento per gli ex dipendenti Cariplo poco propensi a rimanere iscritti. Certi di interpretare l unanime sentimento di commozione, porgiamo ai famigliari e a tutti coloro che lo ebbero amico fraterno le più sentite condoglianze. e.c. 3

4 Fondo Sanitario anno 43, numero 111, novembre 2013 Sanità integrativa del SSN Fondi Sanitari e Assicurazioni Un raffronto fra le condizioni applicate da un Fondo Sanitario e da una Compagnia di Assicurazioni non dovrebbe essere proponibile. Il Fondo opera nell interesse degli iscritti; non ha scopo di lucro; non sostiene, in molti casi, costi amministrativi che sono a carico dell azienda. L Assicurazione è invece un impresa commerciale destinata a creare profitti. Tuttavia le recenti iniziative assunte dal Fondo Sanitario, con la prospettiva di possibili ulteriori peggioramenti delle prestazioni e aumento dei contributi, ci hanno indotto ad effettuare una ricerca di soluzioni alternative. Tale ricerca non può peraltro fornire dei confronti puntuali, in quanto le condizioni che una Compagnia di Assicurazioni offre sono legate al numero di partecipanti di cui è composto un nuovo gruppo che intenda stipulare una polizza. Pertanto, per consentire a chi fosse interessato di fare un raffronto con l offerta del Fondo Sanitario, abbiamo utilizzato convenzioni in vigore fra Compagnie di Assicurazioni e gruppi che potrebbero avere caratteristiche simili a quello formato da soggetti provenienti dalle nostre Associazioni. Nel comparare le condizioni non si può prescindere dal trattamento fiscale. Il contributo versato ad un Fondo Sanitario integrativo è deducibile dal reddito sino a euro 3.615,20, mentre nessuna deducibilità o detraibilità è consentita sui premi versati alle Assicurazioni. Il contribuente detrae poi al 19% le spese rimaste a suo carico (oltre 250); nel caso di assicurazione detrae il 100% dei costi sostenuti (quindi anche la parte rimborsata). Il risparmio fiscale sull ammontare del contributo è pari al: 38% per redditi superiori a % per redditi superiori a % per redditi superiori a Per i redditi inferiori a euro, il premio assicurativo, che è in cifra fissa, è senz altro superiore al contributo al Fondo (3%) anche se non si considera il beneficio fiscale. Infine occorre ricordare, una volta di più, che l uscita da un Fondo Sanitario avviene in via definitiva. Non è infatti consentita una nuova adesione una volta che l associato abbia deciso di dare disdetta. Chi ha il diritto di partecipare ad un Fondo Sanitario deve quindi farsi bene i conti prima di rinunciare. Un discorso a parte merita il ricorso a piani assicurativi light, che prevedono il risarcimento limitatamente a una casistica ristretta a episodi di particolare gravità (i cosiddetti grandi interventi). In questo caso il premio richiesto è contenuto, così come il massimale del rimborso. È una soluzione che potrebbe interessare coloro che abitualmente ricorrono al Servizio Sanitario Nazionale e che intendano però avere delle alternative nel malaugurato caso necessiti di un intervento ricompreso fra quelli considerati di particolare importanza e riportati su appositi elenchi. Premesso quanto sopra e una volta valutate, se del caso, le comparazioni delle prestazioni e dei costi fra Fondo Sanitario, Cattolica di Assicurazioni e Caspie (peraltro, quanto a queste ultime, suscettibili ancora di modifiche allo stato in discussione), è comunque in facoltà dell iscritto al Fondo medesimo di recedere, posto che è in scadenza (31 dicembre 2013) il triennio durante il quale, a termini di statuto, tale recesso non era possibile. Per tale eventualità si propone uno schema di lettera che dovrà pervenire al Fondo per raccomandata AR entro e non oltre il 31 dicembre Con l inoltro della lettera al Fondo, occorrerà, per maggior sicurezza, anche revocare il corrispondente RID. Si tenga, in ogni caso, presente, che, a decorrere dal 2014, la facoltà di recesso può essere esercitata di anno in anno. In altri termini, non si sarà obbligati a rimanere iscritti per altri tre anni. Filippo Vasta Consigliere FSI Schema di lettera di recesso (da far pervenire per lettera raccomandata AR al Fondo entro il 31 dicembre 2013) Oggetto: (nome e cognome dell iscritto) / Esercizio della facoltà di recesso (Luogo e data) Spett. FONDO SANITARIO INTEGRATIVO DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Via Cechov 50/ MILANO Con riferimento a quanto in oggetto, comunico il mio recesso da codesto Fondo a far tempo dal 1 gennaio Vorrete, pertanto, soprassedere dal disporre l addebito a mio carico del contributo di iscrizione a decorrere da tale data. Distinti saluti. (nome, cognome e firma) 4

5 anno 43, numero 111, novembre 2013 Fondo Sanitario Massimale annuo a nucleo familiare di Se intervento chirurgico: franchigia fissa 500 Senza intervento chirurgico: idem Con intervento chirurgico: Rimborso spese con massimali di cui sopra Franchigia 25%, massimo Senza intervento chirurgico: Franchigia del 15%, minimo 1.100, max Iscritto: Massimale annuo a nucleo familiare di Franchigia 30% con un minimo di 800 per ricovero Familiari e affini: massimale Franchigia 10% minimo Iscritto: Massimale come sopra; Franchigia 30%.con un minimo di per ricovero Fam. e affini franchigia 20% minimo a ricovero Incluse nella totalità del rimborso di cui sopra Incluse Limite giornaliero 250 Limite giornalieri al giorno con un massimo di 30 giorni all anno 60 al giorno con un massimo di 30 giorni all anno Riconosciuta se ricoveri con o senza intervento chirurgico effettuati a mezzo del SSN. Consiste in 100 per ogni notte per un massimo di 100 notti all anno 50 per i day hospital Riconosciuta per i ricoveri a mezzo del SSN, con o senza intervento chirurgico. 80 sino ad un massimo di gg. 150 per nucleo. Franchigia del 15% con un minimo di 100 a prestazione N.B.: massimale annuo 800. Comprendono: visite specialistiche, escluse pediatriche, odontoiatriche e ortodontiche Limite per anno per nucleo familiare. Scoperto 20%, minimo 50 per ricevuta. con massimale annuo a nucleo famigliare di ,00 elevato a ,00 per G.I.C. Applicazione franchigia del 25% con massimale a carico del socio di 2.000,00. Per i G.E.P. applicazione franchigia del 15% con massimale a carico del socio di 2.000,00 Incluso intervento ambulatoriale Rimborso spese con limitazioni di cui sopra Limite giornaliero di 300,00 Per i G.I.C. limite giornaliero di 350,00 Limite giornaliero di 300,00 Per i G.I.C. limite giornaliero di 350,00 Riconoscimento 100,00 al giorno per 30 giorni all anno SOLO per G.E.P. Riconoscimento 100,00 al giorno per 30 giorni all anno SOLO per G.E.P. Riconosciuta se ricoveri con o senza intervento chirurgico effettuati a mezzo del SSN. Consiste in 90,00 per ogni notte per un massimo di 90 notti all anno raddoppiati se trattasi di G.E.P. Indennità valida anche per ricoveri in D.H. ma con riferimento ai massimali previsti per le prestazioni ospedaliere Applicazione di una franchigia a carico del socio pari al 20% con un minimo a carico di 80 per visita sostenuta Sono rimborsati i ticket relativamente alle visite specialistiche e all alta diagnostica, con una franchigia di 50 a ricevuta Acquisto e riparazione protesi ortopediche sino a Pagamento quota fissa percentuale pari al 30% con massimale di ,00 annui e elevato a ,00 per G.E.P. Stessi massimali con franchigia a carico dell iscritto del 40% N.B.: massimale annuo 3.000,00. Comprendono: visite specialistiche, diagnostica standard (non alta), terapie. Queste ultime, all interno del massimale, fino ad un massimo di 800,00. Visite specialistiche e Diagnostica standard (non alta), quota percentuale a carico dell iscritto pari al 30%. Visite specialistiche e Diagnostica standard (non alta), quota percentuale a carico dell iscritto pari al 40%. Ticket rimborsati al 100% 5

6 Fondo Sanitario anno 43, numero 111, novembre 2013 No Nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna Massimale annuo 250,00. Franchigia a carico del socio pari al 30% della spesa sostenuta Massimale annuo 1.800,00. Franchigia a carico del socio pari al 25% della spesa inclusa asportazione della cataratta Massimale annuo 1.800,00. Franchigia a carico del socio pari al 25% della spesa inclusa asportazione della cataratta Massimale annuo 600,00. Franchigia a carico del socio pari al 30% della spesa ablazione tartaro inclusa in massimale Massimale annuo 600,00. Franchigia a carico del socio pari al 30% della spesa ablazione tartaro inclusa in massimale oltre alla quota percentuale a proprio carico, pagamento del 15% sulla quota a carico dell ente a titolo di quota differita da restituire entro il mese di giugno dell anno successivo a patto che il bilancio della propria sezione sia in attivo nessuna nessuna Sulla cifra rimborsabile (quindi già al 70 o 80% a seconda delle prestazioni di cui sopra): riconoscimento del 70% subito, il restante 30% (quota differita) entro il mese di giugno dell anno successivo a patto che il bilancio della propria sezione sia in attivo. 850 per nucleo familiare composto da una sola persona per nucleo familiare di 2 o più persone (pensionato, coniuge e figli conviventi a carico) 400 pro capite per familiari conviventi non fiscalmente a carico, familiari non conviventi limitatamente al coniuge e ai figli, questi ultimi con il limite di età di 35 anni. Titolare e moglie: complessivi Altri familiari: 590 per ciascuno Per personale in quiescenza: 3% pensione INPS 0,25% famigliare a carico max 0,75% 1,50% famigliare aggregato se bilancio in passivo contributo del 6% in unica soluzione sul montante annuo e sospensione erogazione quote differite Polizza Light Premio 140 annue per persona assicurata Rimborso con massimale annuo di per ciascun assicurato. Retta di degenza giornaliera max 250; Esami, accertamenti, visite nei 90 gg. precedenti e successivi Eventuale accompagnatore limite giornaliero 60 sino a gg. 30 per anno. Trasporto ambulanza max 517 per evento. 6

7 anno 43, numero 111, novembre 2013 Fondo Sanitario Considerazioni a margine dell Assemblea dei Delegati del Fondo Sanitario Integrativo Il 25 giugno 2013 si è svolta l Assemblea dei delegati del Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa Sanpaolo che ha avuto per oggetto, per la parte ordinaria, l approvazione del bilancio relativo all esercizio 2012 e, per la parte straordinaria, le modifiche statutarie inerenti solamente alle disposizioni transitorie (allungamento a tre anni della durata in carica dell attuale Assemblea dei delegati e inserimento dell art. 36, che prevede anche per il 2013 l erogazione una tantum di 1,5 milioni di euro da parte della gestione attivi alla gestione pensionati a copertura del disavanzo annuale). Dopo la presentazione del bilancio da parte del Direttore del Fondo, l unico intervento è stato il mio. Nell occasione ho chiesto conto della destinazione dell ormai enorme Fondo di riserva ammontante a 73 milioni di euro, ribadendo che, trattandosi di un ente con un bilancio unitario a dispetto della divisione in due gestioni, non è condivisibile il fatto che, nella copertura di eventuali disavanzi, si tenga conto delle risultanze delle singole gestioni, con evidente ed esclusiva penalizzazione di quella dei pensionati, piuttosto che del risultato complessivo di bilancio. Ho anche ripreso l eccezione, sollevata in sede di Consiglio da Filippo Vasta, circa l effettivo ruolo del Consiglio stesso, alla luce del fatto che le correzioni in materia di contribuzione e prestazioni vengono deliberate dal Consiglio sulla base di quanto deciso dalle cosiddette fonti istitutive in via preliminare. Alla luce di questa considerazione, ho chiesto al Presidente chi fosse l effettivo gestore del Fondo, l effettivo estensore dei bilanci e di chi fossero le correlate responsabilità, adombrando il fatto che le predette fonti istitutive potessero essere considerate gli amministratori di fatto dell ente. Il Presidente, preso atto delle mie osservazioni, non ha voluto entrare nel merito delle stesse, giustificando il rifiuto con il fatto che le questioni sollevate non erano attinenti all ordine del giorno, ma coinvolgevano problematiche di competenza delle fonti istitutive e che, pertanto, non era tenuto a rispondere. Quanto alla parte straordinaria dell Assemblea, ho eccepito che mi pareva assai singolare una modifica statutaria che riguardasse solo ed esclusivamente le norme transitorie perché, più correttamente, sotto il profilo logico-giuridico, esse hanno la funzione, originaria, di consentire la gestione dell ente in ragione dell applicazione delle norme statutarie una volta a regime. Messo a votazione il bilancio, lo stesso è stato approvato a maggioranza, con il voto contrario dei rappresentanti dei pensionati. Nella circostanza, sono intervenuto relativamente ai motivi di rifiuto del Presidente di rispondere alla mie considerazioni, facendo presente che, non essendo riconosciuta come fonte istitutiva la componente dei pensionati, l unico momento per far sentire la loro voce era in questa sede. È il secondo anno che partecipo a questa assemblea e mi chiedo quale senso e quale utilità la stessa possa avere, posto che: - allo stato, i componenti in maggioranza sono nominati da Azienda e Sindacati in misura paritetica (18 ciascuno), essendo riservati solo due posti ai pensionati; - evidenti ragioni di convenienza (anche personale) impongono alla componente aziendale di non esprimere alcuna critica in merito agli argomenti all ordine del giorno, bilancio compreso, evitando di conseguenza qualsiasi intervento; - quanto alle componenti sindacali, tutte, nessuna esclusa, nemmeno quelle che fingono di essere critiche, aderiscono incondizionatamente e non intervengono mai, anche perché le questioni in discussione sono già, prima d ora, esaminate in sede sindacale e lì decise; - anche quando l Assemblea sarà elettiva, quantomeno da parte degli iscritti, le cose non muteranno, posto che le elezioni avverranno per lista e le liste degli attivi saranno proposte dai soliti noti. In definitiva, questo Organo a che cosa ed a chi serve? Giovanni F. Catenaccio 7

8 Esodati anno 43, numero 111, novembre Anche nell ambito della nostra categoria c è la piaga degli ex esodati, i quali, per lo slittamento della propria finestra pensionistica, non percepiscono più l assegno di esodo e non hanno ancora la pensione. Costoro dovrebbero essere salvaguardati, cioè assistiti da un assegno stanziato dallo stato con un apposita legge. Nella maggioranza dei casi non hanno ancora visto una lira, ma possono sperare e nel frattempo consumare i propri risparmi se sono così fortunati da averne messi da parte. Per convenzione, l esodato è considerato, ai fini della partecipazione al Fondo Sanitario, un dipendente in servizio. L ex esodato invece, a partire dal 1 gennaio dell anno successivo a quello in cui è cessata l erogazione dell assegno di esodo, scompare dagli elenchi della banca, ma non entra in quella dei quiescenti sino a quando non maturerà il diritto alla pensione. Si trova in un limbo. Ai fini della contribuzione al Fondo Sanitario, la banca partecipa, per il personale in servizio, con un contributo commisurato al numero dei dipendenti, per un importo di originari Euro 900, soggetti a rivalutazione annuale. Attualmente si commisura in ca. Euro 970. Poiché gli ex esodati non trovano collocazione nell elenco dei dipendenti, essendo stati cancellati con la cessazione dell assegno di esodo, la banca non corrisponde più il contributo aziendale. Una situazione siffatta avrebbe richiesto un interessamento immediato delle Fonti Istitutive, unico organismo avente competenza in materia di contributi e prestazioni, anche perché la delicatezza del caso e il disagio cui queste persone vanno incontro sono senz altro degne della massima attenzione e solidarietà. La Direzione del Fondo Sanitario, verosimilmente su input del Servizio Personale della banca, ha provveduto ad addebitare a questi soci, in aggiunta alla quota di contributi prevista a loro carico, anche la componente aziendale. Il problema non è stato portato all attenzione del Consiglio di Amministrazione per incompetenza dello stesso sull argomento; non si è potuto neanche, per disposizione del Presidente, discutere o verbalizzare alcunché sull argomento, che era marginalmente emerso nella seduta del marzo Da allora nessuna decisione è stata assunta dalle Fonti Istitutive, uniche depositarie di competenze in materia di contribuzioni e prestazioni. Con l inizio del prossimo anno, la situazione sopra descritta si estenderà ad altri associati, e nel timore che l attuale situazione di interruzione di trattative e relativo stato di agitazione sindacale possa rendere problematica una prossima attività Personale in esodo delle Fonti Istitutive, l argomento è stato portato nel CdA del 5 novembre in maniera trasversale. Non è stato infatti inserito all ordine del giorno, ma è stato oggetto di un breve passaggio nella relazione del Direttore. A tale passaggio ha fatto seguito un intervento del Consigliere prof. Sandulli, notoriamente consulente legale dell azienda, il quale ha sostenuto che, in mancanza di una determinazione da parte delle fonti istitutive, spetta al CdA farsi carico del problema, riappropriandosi della pienezza delle proprie competenze. Ho fatto presente che il CdA non può riappropriarsi di qualcosa che non è mai stata propria e se non aveva competenze prima non ce le ha neanche ora, malgrado le inadempienze delle Fonti Istitutive, visto che lo Statuto parla chiaro. È stato allora deliberato di fare un ulteriore raccomandazione alle Fonti Istitutive per la soluzione del caso; tuttavia, a Consiglio chiuso, ho capito che la deliberazione conterrà, a verbale, una autorizzazione in via transitoria alla Direzione del Fondo di procedere agli addebiti in attesa della soluzione del problema da parte delle competenti Fonti Istitutive. Ripeto che si trattava di un argomento non previsto dall OdG. Mi riprometto di contestare la cosa quando mi verrà sottoposto il verbale per l approvazione, sempreché il verbale stesso non riporti correttamente il mio intervento sull argomento. Nel frattempo ho inviato al Presidente e ai Consiglieri la seguente Mi associo all'invito del Consigliere Manna perché l'argomento venga discusso al più presto dalle Fonti Istitutive. Ritengo che, al momento, il Fondo stia operando gli addebiti in questione senza una legittimazione che può derivare soltanto, come tutti gli argomenti concernenti il regime della contribuzione, da un Accordo. Non può, a mio parere, ritenersi efficace, neanche in via provvisoria, la deliberazione assunta dal CdA del 5 novembre u.s. Tale deliberazione, su un argomento peraltro non all'ordine del giorno, è al di fuori dalle competenze statutarie dell'organo. Mi rivolgo pertanto al Presidente perché si adoperi affinché una apposita sessione delle Fonti Istitutive proceda a discutere nel merito il regime da applicare agli associati che si trovano nella condizione sopra descritta ed a prendere una corretta decisione di cui il CdA sarà lieto di prendere atto. Con i migliori saluti, Filippo Vasta

9 anno 43, numero 111, novembre 2013 Lettere Lettera all avv. Giuseppe Guzzetti Milano, 10 ottobre 2013 Egregio Signor Presidente, mi vedo ancora una volta costretto a rivolgermi a Lei per segnalarle l ennesimo comportamento vessatorio che Intesa Sanpaolo riserva ai pensionati CARIPLO e Banca Intesa aderenti alla nostra Associazione. Tralasciando di entrare nel merito, ormai consolidato, relativo alle pesanti penalizzazioni ed al differente trattamento complessivo rispetto ai lavoratori in servizio che, fin dall origine della costituzione del Fondo Sanitario Integrativo di Gruppo e, successivamente, di anno in anno, la categoria dei quiescenti è costretta a subire senza possibilità alcuna di intervenire a propria difesa, essendo esclusa dal novero delle cosiddette Fonti istitutive, devo portare alla Sua attenzione un ulteriore accadimento che riguarda il Fondo Pensioni Cariplo. Fino a 31 dicembre dello scorso anno il Fondo, per effetto della cosiddetta Legge Amato che lo aveva trasformato da sostituivo in integrativo, disponendo la creazione di una Sezione speciale in seno all INPS di durata ventennale, provvedeva ad erogare agli aventi diritto (cioè a quelli collocati a riposo fino al 30 giugno 1998) sia il trattamento a carico dell Assicurazione Generale Obbligatoria, sia la parte di integrazione di propria competenza. In tale contesto, per accordo con la nostra Associazione risalente ab immemorabili, il Fondo provvedeva a trattenere sulle somme erogate il contributo associativo nella misura percentuale dovuta dagli iscritti. Intervenuto il nuovo regime, il Fondo ha dovuto interrompere necessariamente tale collaborazione. Tuttavia, in seguito ai contatti giunti a positiva conclusione, il Consiglio di Amministrazione ha assunto una delibera con la quale la collaborazione in questione è stata ripristinata, prevedendo una trattenuta in misura fissa, diversificata in relazione al grado di appartenenza dell iscritto riferito al momento del pensionamento. Nessun aggravio, di nessun tipo, ne sarebbe conseguito al Fondo anzidetto, se non una modifica delle procedure informatiche del tutto semplice. E dal costo assolutamente contenuto. Ebbene, la Banca, ingerendosi, a mio avviso, senza alcun titolo nella decisione assunta in piena autonomia da un ente dotato di propria personalità giuridica e di propri Organi decisionali e comunque, fra l altro, non facente parte, per sua stessa natura, del Gruppo, è pesantemente intervenuta, adducendo inesistenti e pretestuose difficoltà di ordine tecnico, sì da impedire, di fatto, qualsiasi ulteriore attività destinata a dare attuazione alla determinazione in parola. L Associazione, quindi, si vede costretta ad utilizzare i comuni sistemi di pagamento per gli addebiti in via continuativa dell importo dovuto sui rispettivi conti correnti dei pensionati, con notevole aggravio di costi in quanto Banca Prossima, con la quale è intervenuto un apposito accordo, chiede comunque la corresponsione di una commissione di Euro 0,80 per ogni documento lavorato. A ciò aggiungansi le spese postali in misura doppia, per la trasmissione agli iscritti interessati (3.500) della documentazione da ritornare sottoscritta in busta preaffrancata. Ma ciò che più preoccupa è l emorragia di iscritti che detto sistema potrebbe, per le più svariate ragioni, comportare, con grave ripercussione sulla vita dell Associazione, costretta a mantenere inalterati i costi di gestione (affitto dei locali della sede, personale, spese ordinarie) dovendo, comunque, continuare a fornire agli aderenti gli apprezzatissimi servizi, elargiti gratuitamente in ogni campo (fiscale, immobiliare, condominiale, legale, finanziario, sanitario ecc.). In tale complessivo contesto, che dura da troppo tempo, al quale, fra l altro, non è estraneo, a mio parere, il progetto di accorpamento dei Fondi Pensione del Gruppo al solo fine di eliminare le garanzie alle quali la Banca è tenuta, l atteggiamento discriminatorio perseguito da Intesa Sanpaolo nei confronti dei pensionati pare lucidamente preordinato a colpire principalmente le Associazioni che cercano in ogni di modo di tutelarne i diritti e le aspettative e che, a lungo andare, potrebbero non avere più ragion d essere, con evidente sollievo per la Banca. Concludendo, sono certo che la Sua sensibilità verso le problematiche degli anziani, l apprezzamento più volte dimostrato per l attività svolta dalla nostra Associazione e, non ultimo, il fatto di essere chiamato a presiedere un ente che porta ancora il nome di Cariplo, dimenticato da troppi, vorrà fare proprie le nostre istanze, valu- 9

10 Lettere anno 43, numero 111, novembre 2013 tando la possibilità di un intervento presso chi di dovere al fine di far sì che le preoccupazioni espresse non si concretizzino a scapito della sopravvivenza della nostra meritoria e antica Associazione. Grato fin d ora dell attenzione che vorrà riservarci e disponibile, se Ella lo dovesse ritenere, ad esporle personalmente il nostro pensiero su tutto quanto sopra, colgo l occasione per esprimerle i sensi della più profonda stima e della più viva cordialità. Avv. Giovanni F. Catenaccio Presidente Siamo stati contattati dall'avv. Guzzetti, il quale ci ha chiesto alcuni chiarimenti. Non abbiamo dubbi circa il suo intervento, ma finora nulla è cambiato nell'atteggiamento della Banca. Lettera al dottor Francesco Micheli Pubblichiamo la lettera indirizzata il 10 settembre 2013 al Dottor Francesco Micheli, Settore delle Risorse Umane di Intesa Sanpaolo, finora rimasta inevasa. Egregio Dottore, mi trovo costretto a rivolgermi a Lei per segnalarle che i competenti Uffici del Settore Risorse Umane di Intesa Sanpaolo, da Lei diretto, si sono opposti pesantemente, con argomenti tanto ingiustificati quanto pretestuosi, a che il Fondo Pensioni Cariplo provvedesse a trattenere, sulla pensione integrativa liquidata ai pensionati iscritti all Associazione da me presieduta, il contributo associativo e, ciò, nonostante che il Consiglio di Amministrazione del Fondo medesimo avesse assunto una regolare delibera in tal senso. Non intendo, in questa sede, entrare nel merito del rispetto dovuto all autonomia, anche giuridica e legale, del Fondo Pensioni Cariplo e delle delibere assunte all unanimità dei presenti dai suoi Organi Amministrativi (diversamente non si capirebbe quale debba essere la loro funzione). Voglio, invece, farle presente che da oltre settant anni il Fondo anzidetto ha sempre provveduto a svolgere tale incombente per le pensioni complessive (INPS + Integrazione) dallo stesso erogate direttamente fino al 31 dicembre scorso e la circostanza che a decorrere dal 1 gennaio 2013 sia mutato il sistema di erogazione non può essere assunta, in quanto a mio avviso non veritiera, quale giustificazione posta a base del succitato rifiuto opposto dai competenti Uffici della Banca. La trattenuta diretta del contributo associativo, quantomeno per coloro che ricevono l integrazione dal Fondo, è, d altro canto, di vitale importanza per la vita dell Associazione sotto un duplice profilo: soprattutto il mantenimento e se possibile l aumento - del numero degli iscritti ed il contenimento il più possibile, sotto l aspetto gestionale, degli incombenti gravanti da un diverso sistema di riscossione. Auspico, quindi, che Ella possa intervenire perché gli Uffici competenti non perseverino nell opporsi all esecuzione della delibera del Fondo Pensioni Cariplo, dandovi completa attuazione nel più breve tempo possibile, risultando a me che non vi sarebbero impedimenti di carattere tecnico che possano impedire tale esecuzione. In attesa di un Suo cortese cenno di riscontro, La saluto cordialmente. Avv. Giovanni F. Catenaccio Presidente I gravosi impegni del dr. Micheli hanno prevalso sulla cortesia che dovrebbe suggerire di rispondere, anche perché non ci pare di avere chiesto la luna. Hanno collaborato a questo numero: Giovanni F. Catenaccio, Ermanno Cavagnera, Ornella Giulini Neri, Alberto Locatelli, Pietro Locatelli, Dante Manara, Giuseppe Tiritiello, Filippo Vasta. Le foto alle pagine 12, 13 e 14 sono di Ermanno Cavagnera 10

11 anno 43, numero 111, novembre 2013 Auguri Buone Feste! Milano, piazza Fontana, circa cento anni fa. La foto d epoca ci restituisce una veduta parziale di un luogo simbolo della città ambrosiana. Manca infatti la bella fontana del Piermarini, fatta costruire dal conte Carlo Firmian, ministro plenipotenziario di Maria Teresa d Austria, e inaugurata nel 1783 (per circa centocinquanta anni rimase l unica della città). A un osservatore attento non sfuggirà, al centro dell immagine, l insegna della Banca Nazionale dell Agricoltura; anni dopo alla banca subentrerà l albergo Rosa, che sarà demolito negli anni Novanta (attualmente sulla stessa area sorge un hotel pluristellato), mentre l istituto di credito si trasferirà nell edificio costruito proprio di fronte, che occupa tuttora. Si noti, in alto sulla sinistra, la guglia della Madonnina del Duomo e, sulla destra, il retro del palazzo che ospita il glorioso Teatro Gerolamo, di cui sono in corso i lavori di restauro. Questo scorcio della vecchia Milano ha offerto al nostro socio Alberto Locatelli lo spunto per ricreare, con la sua consueta abilità manuale, un atmosfera natalizia. È il suo modo tradizionale di fare gli auguri di buon Natale e buon anno nuovo, auguri fervidi che anche l Associazione porge a tutti gli iscritti e alle loro famiglie! 11

12 Gita sociale anno 43, numero 111, novembre 2013 Gita a Soncino e Cremona Il tempo uggioso ed una sottile pioggerella non hanno influito negativamente sulla riuscita della nostra gita annuale di ottobre. Giunti a Soncino dopo aver rischiato e schivato per la prontezza di riflessi dell autista ore di coda in autostrada, una giovane e competente guida ci aspettava presso il santuario della Madonna delle Grazie, bella chiesa a pianta rettangolare dove spicca la decorazione delle dieci cappelle, curata principalmente da Francesco Scanzi e Giulio Campi. Il gruppo si è poi trasferito alla imponente Rocca Sforzesca, una delle più importanti in Lombardia, caratterizzata da alte mura di cinta, torrioni angolari, ponti levatoi e spartani spazi ove alloggiavano le truppe. È seguita una passeggiata nel centro storico di Soncino, antico borgo L ingresso alla Rocca Sforzesca. medioevale, con breve sosta nelle chiese di San Giacomo e di Santa Maria Assunta, che si è conclusa nella Casa degli Stampatori, tappa che ha riscosso un notevole gradimento, dove abbiamo brevemente Le possenti mura di cinta della Rocca Sforzesca. 12

13 anno 43, numero 111, novembre 2013 Gita sociale rivissuto l atmosfera di un antica stamperia ebraica del secolo XV. Il pranzo a Palazzo Quaranta, un elegante edificio settecentesco di Isola Dovarese, è stato il piacevole e più che soddisfacente coronamento della mattinata, prima del trasferimento in una località appena fuori Cremona, dove sorge, accanto ad un monastero di clausura, il bellissimo tempio di San Sigismondo, al quale non a caso nel 1974 la Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde dedicò uno dei suoi più bei volumi di storia dell arte. L edificio meriterebbe una visita di almeno un giorno, tanto ricca ed affascinante è la sua decorazione pittorica, nella quale si impegnarono i manieristi della scuola dei Campi. Essendo arrivati in una delle capitali della gastronomia italiana, non si poteva non concludere la giornata con un momento dedicato allo shopping; così i gitanti si sono dispersi per le vie del centro cittadino, chi in cerca di torrone, chi di mostarde, chi di tortelli, chi infine, quasi tutti per la verità, per dare una rapida occhiata al Duomo e al Torrazzo. Alla fine, soddisfatti, tutti sono Interno della chiesa di San Sigismondo. risaliti sul pullman facendo rientro a Milano in perfetto orario. Un ringraziamento alla Frigerio Viaggi per la perfetta organizzazione della gita. Ermanno Cavagnera 90 anni... Albera Clara Antonietti Cesarina Banditori Giulia E. Bargiggia Virginia Bassi Agostino Bernardi Luisa Bernasconi Carlo Bolla Rachele Bruni Renata Capoferri Silvio Carabelli Maria Carrara Caterina Castoldi Renato Coletta Corrado Comaschi Liliana Conti Maria Buon Compleanno! Nel 2013 i sottoelencati nostri soci hanno festeggiato o festeggeranno il 90 e il 100 compleanno rispettivamente. L Associazione porge loro i più sinceri e affettuosi auguri. Del Ton Maurizio Donizetti Bruna Donzelli Antonio Emoli Maria Fava Enzo Federici Luigia Ferrandi Cesare Ferri Giovanna Fiocchi Rosa Frigerio Cesare Ghislotti Franco Giarelli Mario Guandalino Franco Guerneri Adrio Guidi Michelina Inzaghi Teresa Labianca Margherita Laus Giuseppina Lavagno Valerio Lentoni Bruna Maschio Sergio Massini Natalina Medetti Albertina Montemurri Luigi Monti Carla Palmery Giancarlo Parravicini Mario M. Pascalicchio Maria Pasta Mariuccia Piantoni Maria Pozzi Ernesta Ratti Matilde Redaelli Mario Sartori Giacomo Sforzi Rinaldo Soldarini Albertina Tornaghi Maria A. Villa Luigi Violetti Graziella Vitale Alberto Zanella Fernanda Zanibelli Francesco Zidoni Giovanni Zoia Maria Rosa 100 anni... Celadon Elvira Meroni Germana Villa Felicita 13

14 Risparmio anno 43, numero 111, novembre 2013 Il salvadanaio e la Giornata del Risparmio 14 Una mattina di ottobre, al risveglio, mi è stranamente balzato alla mente il termine salvadanaio. Inconsciamente lo devo aver associato alla Giornata del Risparmio che si celebra ogni anno proprio il 31 ottobre. La memoria mi ha fatto tornare ragazzo, quando la giornata era considerata molto importante per aiutare le giovani generazioni a comprendere il valore del risparmio sia per le famiglie sia per l economia del nostro Paese. Da anni non sento più pronunciare la parola salvadanaio, tanto da chiedermi se sia ancora riportato nel vocabolario di italiano. Sono andato a consultare un recente vocabolario Garzanti; soddisfatto e compiaciuto, ho ritrovato il termine salvadanaio: piccolo recipiente in cui si introducono, attraverso una fessura, monete che si vogliono risparmiare. La conferma mi ha gratificato, perché questo oggetto è stato un riferimento preciso per me e per parecchi della mia età, tanto da averne un ricordo indelebile. Il salvadanaio, che condividevo con i fratelli, era di acciaio, di forma ovoidale a scrigno, mentre lo sportello con la chiusura, rigorosamente con chiave, era sul fondo. Sulla fiancata spiccava la scritta Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde. Al suo riempimento contribuivamo tutti noi dieci fratelli. Veniva distribuito a scuola e credo fosse riservato a chi avesse svolto al meglio il tema sul senso e valore del risparmio. Il destino ha voluto che, da grande, mi sia trovato a lavorare proprio in Cariplo, durante la Presidenza del grande e compianto professor Giordano Dell Amore. Per la mia Cariplo la giornata del risparmio era sacra ed era molto sentita anche da noi dipendenti, che ci impegnavamo perché avesse il massimo successo, così da poter identificare la Giornata del Risparmio quanto più possibile con la nostra Cassa di Risparmio. Si condividevano incontri nelle scuole, concorsi sul tema, premi ai bambini con la consegna del salvadanaio e, per i più grandicelli, anche il dono di un libretto di risparmio con già accreditata una certa somma, sempre se meritata grazie al tema svolto in classe sull argomento. Insomma, la giornata era sentita da noi in banca, dai genitori, da tutte le altre componenti scolastiche e in particolare dai ragazzi, i quali non potevano non raccogliere il senso vero di quella giornata e i valori che essa voleva trasmettere. Purtroppo è sparita la Cariplo e mi pare di poter dire che anche la Giornata del Risparmio, se proprio non sparita, abbia perso la sua vivacità e soprattutto il suo vero significato; di conseguenza, anche il salvadanaio, purtroppo, comincia ad essere sconosciuto alla gran parte dei nostri ragazzi. Chiudiamo qui, con il solito velo di nostalgia tipico per le persone di una certa età? Non direi! Proprio in occasione della Giornata del Risparmio dello scorso ottobre, seguendo casualmente alla TV la trasmissione Uno mattina sul tema del risparmio e sul significato di questa giornata, ho ascoltato l intervista a una funzionaria delle Poste Italiane, la quale sottolineava come oggi possa apparire anacronistico parlare di risparmio quando troppe famiglie faticano a tirare fine mese, ma come, proprio per questo, la celebrazione potesse assumere un valore particolare. Dopo aver ribadito quanto sia importante ridare senso e valore al concetto del risparmiare, rivolgendosi in particolare ai ragazzi, l intervistata ha illustrato le recenti iniziative delle Poste al riguardo: fra queste, un quaderno con bellissimi disegni attinenti al tema del risparmio che verrà distribuito nelle scuole. Il tutto realizzato in cooperazione con la Cassa Depositi e Prestiti. Ho subito pensato che si tentasse di riproporre quanto aveva messo in atto, più di cinquanta anni fa, il nostro compianto Presidente Dell Amore ma, come sempre accade, le imitazioni non raggiungono mai la suggestione e l efficacia dell originale. Comunque, proprio perché apprezzabile, l iniziativa delle Poste Italiane ci autorizza anche a ribadire con forza quanto fosse lungimirante la nostra Cariplo in queste azioni a sfondo formativo e sociale. Era infatti, la nostra, una banca che, partendo anche dalla Giornata del Risparmio, entrava in case di genitori con prole per portare il salvadanaio e il libretto di risparmio, mentre a scuola gli studenti trova-

15 anno 43, numero 111, novembre 2013 Risparmio vano sui banchi i quaderni e alle pareti le carte geografiche Cariplo, il tutto finalizzato a far ricordare ai ragazzi l importanza del risparmio. Era la vera banca del territorio, capace di integrarsi con le agenzie educative dello stesso a partire della scuola, ma mai dimenticando, oltre alle iniziative culturali e sportive, le aziende produttive, contribuendo così al benessere sociale. L attuale sistema bancario cerca risultati economici immediati e, come conseguenza, tiene in minor considerazione il fatto che la società e l economia del domani si fondano su giovani formati con buoni principi morali; soprattutto, finge di non ricordare che le banche, purché dirette con lungimiranza, sono supporto indispensabile per l attività economica del Paese. Pietro Locatelli MERCATINO IMMOBILIARE L Associazione non assume alcuna responsabilità per le questioni che a qualsiasi titolo, in relazione agli annunci, dovessero sorgere fra le parti interessate. MILANO via Valsesia 8 Affittasi appartamento al terzo piano (cucina, ampio soggiorno, due camere) libero a partire da aprile Canone mensile: 900 (incluse spese condominiali) Acerbi Ulderico - cell MILANO via Tertulliano 61 Affittasi box auto singolo. Canone mensile 120 Passaglia Giuseppe - cell MILANO via Alamanni 13 (inizio via Ripamonti) Vendesi 3 piano, bilocale con cucina separata, piccola terrazza su giardino, cantina e box pertinenziale, molto confortevole e silenzioso Serpagli Luciano tel / cell MILANO vicinanze piazzale Accursio Vendesi appartamento al 3 piano con ascensore e portineria, composto da ingresso, soggiorno con angolo cottura, ampia camera da letto e bagno, tutto ristrutturato. Libero subito Monzini Maria Luisa tel / cell MILANO via Montevideo 5 (zona Solari) Vendesi immobile a uso ufficio o studio di mq 75 (3 locali più servizi) Cattaneo Maria Luisa tel (ore serali) / cell MILANO autosilo Costa ang. Loreto Affittasi box, 1 piano seminterrato. Canone mensile spese Terracina Salvatore cell MILANO via Santa Sofia ang. corso di Porta Romana Posto auto in autosilo. Affitto: canone mensile 95 / Vendita: prezzo interessante. Bolognini Umberto - tel / cell

16 Libri anno 43, numero 111, novembre 2013 Cariplo Gli ultimi venti anni di una grande istituzione bancaria Assunto dalla Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, e in tal modo raggiunta la stabilità economica, Aldo Gaverini ha finalmente la possibilità di dedicarsi, nel tempo libero, alla sua vera vocazione: la pittura, e completare la sua formazione da autodidatta. La critica si occupa di lui già nel 1963 e gli tributa un lusinghiero successo. Nel volgere di pochi anni riesce a farsi conoscere e apprezzare anche all estero, esponendo a New York, Monaco, Parigi e Vienna. La sua vocazione è incoraggiata e sostenuta dalla moglie Enrica, sua vera musa ispiratrice e modella, che appare ritratta in molte delle sue opere, spesso come ballerina di danza classica, il soggetto più praticato nei primi decenni ( il tutù di tulle sa esprimere la mia idea di donna: è Sotto il profilo cronologico i libri dedicati alla lunga e gloriosa storia della Cariplo si fermano al 1973, anno in cui, per festeggiare i 150 anni di vita della Ca de Sass, uscì il volume La Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde nel cinquantennio , opera ponderosa in quattro tomi. Rimaneva pertanto scoperto un quarto di secolo di storia della banca, ma questo vuoto sta per essere colmato dalla imminente uscita di Cariplo Gli ultimi venti anni di una grande istituzione bancaria. Leggo, nella bozza della Premessa, che L idea di questo lavoro nasce una decina di anni fa per l originario impulso dell avv. Camillo Ferrari e del prof. Riccardo Marchioro [che colsero] allora un esigenza diffusa nei tradizionali ambienti Cariplo di dare una compiuta e corretta rappresentazione anche degli ultimi periodi di attività di questa grande Istituzione bancaria. In sostanza i promotori si proponevano di dimostrare l infondatezza delle critiche rivolte alla Cariplo, di cui si tendeva a disconoscere il peso e l importanza nell ambito del sistema creditizio italiano. Al progetto aderirono prontamente quattro colleghi del Servizio Studi: Laura Frisoni, Lino Pogliaghi, Piergiovanni Razzi e Adelmo Tedeschi. I loro saggi dimostrano che Cariplo era, al momento della trasformazione in SpA, uno dei più importanti Istituti bancari italiani [e che] aveva un forte insediamento territoriale con una spiccata capacità di raccolta e una notevole e moderna capacità operativa idonea ad assecondare, ormai anche all estero, l attività imprenditoriale, in particolare della piccola e media imprenditoria lombarda. In sintesi, si potrebbe dire che essa rappresentava il tipo di banca di cui oggi si avverte - a ogni livello - la mancanza. Il libro è alle fasi finali di lavorazione. Non appena disponibile, non mancheremo di dare agli interessati, tramite il sito o il Giornale, ulteriori informazioni circa le modalità di acquisto. Aldo con Enrica. Luce, colore ed emozioni nel volto della donna e.c. delicato, mobile, luminoso come un volto femminile ). E se la donna è indubbiamente il soggetto più caro al pittore ( La bellezza del corpo femminile ha sempre suscitato in me una grande ammirazione e un grande rispetto. Mi piacevano le pieghe dei movimenti e i riflessi di luce sulla pelle ), egli si dedica con esiti brillanti anche alla natura morta, ai soggetti floreali, al paesaggio, ai ritratti. Il lungo percorso artistico di Aldo Gaverini è ora compendiato nel bel volume che presentiamo, e da cui sono tratte le citazioni fra virgolette. Il libro, affidato alle cure di Gabriella Fusi, raccoglie un ampia antologia di dipinti e disegni, intervallati da riflessioni e considerazioni del pittore circa la propria vita e le proprie scelte artistiche. e.c. 16

17 anno 43, numero 111, novembre 2013 Agoal Residenza al Mare La tua vacanza a colori... Alassio Stagione Residenza al Mare Alassio Stagione Affacciata sul Golfo di Alassio, nella soleggiata Riviera delle Palme, la Residenza al Mare è situata in una posizione privilegiata tra il suggestivo centro di Alassio, con il suo budello rinomato per i negozi e locali, e la tranquilla località di Laigueglia. Entrambe sono raggiungibili in pochi minuti a piedi, lungo la passeggiata che si sviluppa in riva al mare. La struttura è circondata da un parco centenario che ospita al suo interno un incantevole belvedere e una piccola chiesetta dove, tutti i sabati, si celebra la Messa. In un ambiente familiare ed informale, grandi e piccini possono trascorrere vacanze di relax e divertimento. La comoda posizione, raggiungibile in poche ore d auto, treno o pul- lman dalle città lombarde e piemontesi, la sua vicinanza a centri d interesse turistico e culturale quali Genova, con il suo famoso acquario, Sanremo, e i numerosi borghi liguri, oltre a Nizza e Montecarlo, ne fanno una meta ideale sia per brevi week end che per soggiorni più lunghi. PeriodieTarifffe giornaliere di soggiorno: PERIODO Festività fine Anno Epifania Bassa Stagione Media Stagione 1 Periodo Primav. Festività Pasquali 2 Periodo Primav. Pre-Turni Estivi Primo Turno Secondo Turno Terzo Turno Quarto Turno Quinto Turno Sesto Turno Settimo Turno Pre-Autunnale DAL 28/12/ /01/ ,00 02/01/ /01/ ,00 06/01/ /03/ ,00 01/03/ /03/ ,00 29/03/ /04/ ,00 16/04/ /04/ ,00 23/04/ /05/ ,00 17/05/ /05/ ,00 31/05/ /06/ ,00 14/06/ /06/ ,00 28/06/ /07/ ,00 12/07/ /07/ ,00 26/07/ /08/ ,00 09/08/ /08/ ,00 23/08/ /09/ ,00 13/09/ /10/ ,00 FORMULE WEEK-EN D TARIFFE ( Turni Estivi Esclusi) AL RESIDENZA AL MARE Via Roma, Alassio (SV) Tel Fax e.com - SOCI AGOAL AGGREGATI NOTE 75,00 Periodo frazionabile 65,00 Periodo frazionabile 45,00 Periodo frazionabile 48,00 Periodo frazionabile 50,00 Periodo frazionabile 70,00 Periodo frazionabile 52,00 Periodo frazionabile 63,00 Periodo frazionabile 72,00 Periodo frazionabile 75,00 Periodo frazionabile 76,00 Periodo non frazionabile 78,00 Periodo non frazionabile 80,00 Periodo non frazionabile 82,00 Periodo non frazionabile 70,00 Periodo frazionabile 60,00 Periodo frazionabile FORMULA A : Arrivo il venerdì (entro le per cena) e partenza domenica pomeriggio (pranzo incluso) camera disponibile fino al pomeriggio (valide le riduzioni indicate nella voce supplementi e riduzioni) FORMULA A + Giovedì : tariffa week-end formula A + tariffa giornaliera in vigore (servizi a partire dalla cena del giovedì) FORMULA B : Arrivo sabato (entro le per il pranzo) e partenza domenica pomeriggio (pranzo incluso) - camera disponibile fino al pomeriggio (valide le riduzioni indicate nella voce supplementi e riduzioni). FORMULA B + Lunedì = tariffa week-end formula B + tariffa giornaliera in vigore (i servizi terminano con il pranzo del lunedì). Servizio Autopullma n tuttiisabatii (nei turni estivi il sabato di cambio turno ) Andata: partenza da Milano alle ore P.za Castello, 1 (AUTOSERVIZI CERVI Metropolitana MM1 Cairoli) Arrivo alla Residenza al Mare di Alassio alle ore circa Ritorno: partenza dalla Residenza al Mare di Alassio alle ore circa Arrivo a Milano P.za Castello, 1 alle ore ca. Costo del servizio: Per ulteriori informazioni è disponibile la circolare completa sul sito oppure è possibile contattare telefonicamente la Resi- denza al Mare di Alassio al numero

18 Lettera anno 43, numero 111, novembre 2013 Lettera all Associazione Riceviamo e volentieri pubblichiamo: Sono la mamma di Francesco, ragazzo di 30 anni, affetto dalla sindrome del cri du chat. Il nome deriva dal fatto che i bambini che ne sono affetti piangono con un tono di voce identico al miagolio del gatto. La caratteristica più invalidante è un grave ritardo psicomotorio e del linguaggio. Un tempo la prognosi era nettamente infausta, mentre ora si riescono ad ottenere discreti risultati a livello motorio, conoscitivo, relazionale e soprattutto comportamentale. Purtroppo nel 1998 è mancato papà Gianni Barbini, nostro collega, e mi sono trovata ad affrontare da sola tutte le responsabilità che una famiglia comporta, specie quando c è un figlio speciale. Pensando al suo futuro mi è venuta l idea di creare una micro-comunità, di mettere a disposizione una casa che rispondesse alle esigenze di Francesco e che potesse ospitare quattro ragazzi e gli operatori. Ho proposto il progetto alla Cooperativa Spazio Aperto Servizi onlus, che ha risposto con entusiasmo. L 11 settembre 2008 è stata inaugurata la sede in un appartamento di via Edolo 15 a Milano. È quindi iniziato un graduale percorso di inserimento al fine di giungere alla permanenza costante. In questa fase sperimentale, ci si propone di valutare la compatibilità degli utenti e la preparazione delle famiglie al distacco. E i ragazzi coinvolti che cosa ne pensano? Questa è la più grande soddisfazione, perché sono tutti felicissimi di andare nell appartamento e lo vivono come un esperienza di vita autonoma a casa loro. Anche Francesco ne è entusiasta. Nella sua casa è molto più responsabile e adulto. E io, finalmente, sono molto più serena, perché consapevole che il presente e il futuro di mio figlio sono garantiti per sempre e in una situazione il più possibile simile a quella a cui è abituato. Il progetto prevede infatti il mantenimento delle abitudini dei ragazzi, che continuano a svolgere le loro attività, sportive, riabilitative o altro. Il sostegno è la nota dolente. Una struttura di questo tipo ha costi elevatissimi che le famiglie non possono permettersi. Da qui la ricerca di contributi a livello di istituzioni, aziende e privati. Il lavoro è difficile e faticoso, ma voglio sperare che sarà possibile rendere il progetto sostenibile: basterebbe trovare persone disposte a donare 50 euro all anno in via continuativa per superare ogni difficoltà! Di che cosa c è bisogno? Di adottare a distanza un giovane con disabilità, mediante versamenti continuativi di almeno 50 euro, con periodicità annuale, semestrale o mensile. Di sollecitare le aziende a sostenere questo progetto con contributi annuali. Di volontari! Conto sul sostegno di tutti i colleghi pensionati e ricordo che tutte le donazioni sono detraibili fiscalmente. Sostieni la micro-comunità Senza il tuo aiuto non c è futuro! Banca Prossima Fil Via Manzoni Milano ABI CAB CIN E C/C 1000/ Intestato SPAZIO APERTO SERVIZI ONLUS Iban: IT13 E Per maggiori informazioni: cell / Nuova convenzione Manuela Sfondrini EMPORIO DEL CORREDO di Bassano Rozza c/o Centro Commerciale Il Castello - Via Trento-Trieste Sant Angelo Lodigiano Tel. 0371/ / Cell. 338/ / Agli iscritti all Associazione Pensionati CARIPLO e Banca Intesa offre uno sconto del 10% su materassi: Memory, molle insacchettate e ortopedici. Consegna gratuita a domicilio entro 50 km (province di Lodi, Pavia, Piacenza, Milano e Monza Brianza) e smaltimento vecchi materassi. 18

19 anno 43, numero 111, novembre 2013 Anagrafe Anagrafe ottobre ottobre 2013 Sono entrati a far parte della nostra Associazione e li accogliamo con un cordiale benvenuti! : Abeni Gabriella (Bagnolo Mella), Bassani Luigia (Broni), Bello Daniela (Milano), Benassi Maria Grazia (Guanzate), Benigno Giovanni (Gaggiano), Bossi Rina Maria Luisa (Varese), Calò Francesco (Albairate), Coluccia Elia Maria (Milano), Crippa Giuseppe (Cornate d Adda), De Gaspari Carla (Milano), Favini Maurizio (Gaggiano), Flore Anna Margherita (Milano), Forti Mario (Vellezzo Bellini), Fumagalli Marilena (Segrate), Gasparo Franco (Abbiategrasso), Giudici Gino Antonio (Sernio), Giulini Neri Ornella (Milano), Gorla Maria Rosa (Milano), Grillo Pasquale (San Donato Milanese), Gusmani Marieva (Milano), Mantovani Edda (Sermide), Marinello Franca (Tortona), Menin Paola (Milano), Paganini Enni Nerino (Trezzano s/n), Passon Angela (Milano), Pinetto Maria Angela (Brugherio), Poli Adriana Gilda (Milano), Resteghini Gabriele (Arcisate), Romeo Antonio (Lecco), Ronchi Daniela (Motta Visconti), Rovelli Maria Antonietta (Milano), Salati Maria Zelinda (Milano), Saresella Egidio (Milano), Sassone Ritta (Biandrate), Spoldi Antonio (Moscazzano), Tarantola Renato (Sesto San Giovanni), Tozzi Antonio (Villaguardia), Verga Felicita (Cermenate), Zanotto Franco (Milano), Zelaschi Gianna Luigia Maria (Milano), Zilioli Giovanni (Pozzo d Adda). Ci hanno lasciato: Agostani Aldo, Agostoni Luigia Edvige, Arfini Guido, Balestro Umberto, Balzarini Remo, Banfi Rita, Bennati Renzo, Berra Roberto, Berté Fernanda, Bertolotti Liliana, Bianchi Maria, Biffi Carla, Bigoni Giuseppe, Bindolino Enrico, Bonecchi Ugo, Bonini Antonio, Bonzi Giampiero, Bortolotti Cornelio, Bortolotto Guido, Breghiroli Franco, Brioschi Luigia, Brivio Ferdinando, Brusamolino Michele, Busatti Margherita, Camerone Carlo, Cannillo Gina, Carra Luciano, Casilli Luigi, Castiglioni Cesare, Cattani Oriele, Cervio Teresa, Colace Agostino, Colla Angelo, Colleoni Mario, Colombo Luigi, Colombo Raoul, Comelli Giuseppe, Comolli Giuseppina, Conca Enrico, Conte Rosa, Costa Giuseppe, Dabbeni Alfredo, Daffini Elio, Danioni Ercole, De Alessandri Fiorella, Della Torre Margherita, Dell Era Moserino, De Marchi Franca, Donati Ferdinando, Erba Rita Maria, Farina Enrico, Favalli Roberto, Felippone Valeriano, Formaggia Amelia, Garancini Enrico, Gardellin Luciano, Gardini Annamaria, Geddo Francesca, Giacomelli Eleonora, Gionchetta Sergio, Gobbatti Edgardo, Granchelli Gennaro, Guardamagna Giuseppe, Kormos Aldo, Lanfranchi Rino, Lanzani Mario, Lanzillotta Domenico, Lauri Franco, Liverani Adelio, Lo Presti Mariano, Lovati Annamaria, Luchetta Leda, Lupo Franco, Mandelli Luigi, Mangoni Gianandrea, Mauri Anselmo, Mazza Francesco, Mazza Giuliano, Meregalli Maria Antonietta, Milanesi Giuseppe, Minerva Marisa, Minghetti Pierina, Moioli Sergio Valentino, Morosi Severina, Motta Alfredo, Motta Giancarlo, Negrari Annina, Ossoli Zaffiro, Padoan Maria Angela, Paleari Carla, Pallestrini Franca, Pandolfi Alma, Papetti Carlo, Pavesi Giorgio, Pedrazzi Bernardino, Pedrazzini Maria, Perego Enrica, Perelli Cazzola Carla, Petro Romano, Pettena Vittoria, Piccaluga Giancarlo, Pologna Albino, Portioli Bruno, Prandi Danilo, Pranzo Vittorio, Ragazzini Giacomo, Raja Antonina, Rainoldi Franca Vittorina, Ravasio Luigi, Recalcati Enrico, Repossini Giancarlo, Ricci Liliana, Riva Luciana, Rizzardini Palma, Sacchi Iseo, Santamaria Giancarlo, Savazzi Angela Palmira, Scrocchi Giancarlo, Siepi Sergio, Tagliabue Giuseppe, Terragni Giancarlo, Tirelli Miranda, Tonetti Maria, Torresani Gabriella, Trogni Giancarlo, Ubertone Giuseppe, Vergani Emilia, Viadana Maria, Vidale Carlo, Viganò Livio, Viganò Sergio, Villa Carlo, Villa Maria, Visigalli Pasquale, Zanotti Giuseppe, Ziletti Lorenzo, Zoncada Luigia, Zorzolo Giuseppina. L Associazione esprime alle famiglie il suo partecipe cordoglio. 19

20 S Segreteria anno 43, numero 111, novembre 2013 QUESTO GIORNALE VIENE INVIATO A COLORO CHE RISULTAVANO ISCRITTI AL 31 DICEMBRE DAL PROSSIMO ANNO LO RICEVERÀ SOLO CHI HA CONFERMATO LA PROPRIA ADESIONE RESTITUENDO IL MOD. SEPA Notizie NOTIZIE IN BREVE DALL ASSOCIAZIONE LA SEGRETERIA INFORMA Durante il periodo natalizio gli uffici dell Associazione rimarranno chiusi soltanto nei giorni dal 23 dicembre 2013 al 1 gennaio 2014 compresi. I recapiti telefonici sono e Fax diretto: CONSULENZE Rag. Giorgio ARDORE - Coordinamento Consulta Provinciale - Problemi di carattere assicurativo Rag. Piero BACCHETTA - Assistenza investimenti finanziari e gestione risparmio Avv. Giovanni BARONI - Problemi di carattere legale Rag. Giovanni BASSANO - Problemi di carattere condominiale Sig. Roberto BORIOLI - Assistenza nel campo dei mutui (preferibilmente via Rag. Franco CAJA - Problematiche previdenziali Sig. Enzo CAPOLONGO - Problemi di carattere fiscale Avv. Giovanni CATENACCIO - Problemi di carattere legale Dr. Benito COVOLAN - Assistenza investimenti finanziari e gestione risparmio Avv. Ferdinando DE PAOLA - Problemi di carattere legale Dr. Giovanni MAZZAMUTO - Assistenza investimenti finanziari e gestione risparmio Geom. Enrico MONETA - Problemi di carattere catastale, urbanistico, compilazione delle dichiarazioni di successione Dr. Aurelio PELLEGRINI - Assistenza investimenti finanziari e gestione risparmio Sig. Roberto RAZZABONI - Problematiche previdenziali Sig. Luigi SERAFINI - Problemi di carattere assistenziale (assistenza agli anziani, case di riposo, iniziative di solidarietà) Si ricorda che il servizio di assistenza e consulenza viene prestato a titolo gratuito ed esclusivamente previo appuntamento da richiedere tramite la Segreteria dell Associazione oppure all indirizzo visitate il nostro sito Web per la nostra posta elettronica Direttore Responsabile: Giovanni F. Catenaccio - Redattore: Ermanno Cavagnera Testata: Alberto Locatelli Grafica e impaginazione: Roberto Colombo - Stampa: Grafiche Passoni - Milano Direzione, Redazione e Amministrazione: Via Torino, 51 - Milano Registrazione: Tribunale di Milano n.127 del 18 Aprile 1975 (licenziato alle stampe il 18/11/ tiratura copie) 20

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli