Gentile Cliente, ITA GUIDA PRATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gentile Cliente, ITA GUIDA PRATICA"

Transcript

1 Gentile Cliente, CefarCompex le offre questa Guida pratica contenente informazioni specifiche su ognuno dei programmi previsti dal suo stimolatore. La Guida pratica descrive tutti i programmi dei tre prodotti CefarCompex per la riabilitazione, Mi-Theta 600, Theta 500 e Rehab 400. Di ciascun programma è indicata la disponibilità nel suo stimolatore. Le informazioni contenute nella guida sono di facile lettura e si propongono come un approfondimento. Qui troverà le indicazioni consigliate e una descrizione degli effetti prodotti dal trattamento sul paziente. La invitiamo a leggere le raccomandazioni sui livelli di intensità da utilizzare e i suggerimenti sul posizionamento degli elettrodi riportati sulla copertina del pieghevole. Può trovare ulteriori informazioni sul sito Web CefarCompex: Cefar e Compex, due marchi leader nel settore dell'elettroterapia, hanno unito la propria esperienza per offrirle le tecnologie di ultima generazione con un obiettivo comune: assisterla nello svolgimento quotidiano della sua attività professionale. 253

2 SOMMARIO Informazioni preliminari NMES TENS Informazioni generali Energia di stimolazione / Posizione del corpo Combinazione funzione e tecnologia Mi Trattamenti comuni Riabilitazione Amiotrofia Prevenzione dell'amiotrofia Rafforzamento Neuro Rehab (Slow start) Stabilizzazione schiena-tronco Atrofia (Mod Freq) Forza (Mod Freq) Ossigenazione Lesione muscolare Punti motori Riabilitazione specifica Protesi anca Sindrome rotulea Emiplegia Cuffia dei rotatori LCA All. cardiovascolare Antalgico TENS 100 Hz o 80 Hz TENS a freq. modulata TENS a durata modulata TENS Burst / Endorfinico Decontratturante TENS misto Dolore muscolare Dolore articolare Dolore da frattura Antalgico specifico Dolore ginocchio

3 Dolore al trapezio Dolore alla spalla Cervicalgia (Bassa) Cervicalgia (Alta) Dorsalgia Lombalgia Dolore muscolare lombalgico Lombo-sciatalgia Lombalgia acuta Epicondilite Torcicollo Artralgia Vascolare Gambe pesanti Insufficienza venosa Insufficienza venosa Insuf. arteriosa Insuf. arteriosa Prevenzione crampi Capillarizzazione Trattamenti specifici Agonista/Antago Atrofia / Rafforzamento Spasticità Piede emiplegico Spasticità Spalla sublussata Emofilia Emofilia/Amiotrofia/Rafforzamento Bellezza Tonificazione Rassodamento Inestetismi cellulite Definizione Addominali Glutei e cosce Cutaneo-elastico Preparazione fisica Sport Potenziamento

4 Resistenza aerobica Forza resistente Forza Forza esplosiva Ipertrofia Ripristino Rafforzamento lombari Rafforzamento busto Recupero attivo Recupero plus Fitness Muscolazione Definizione muscolare Potenza Massaggio Massaggio tonico Massaggio-relax Massaggio energetico Massaggio anti-stress Massaggio connettivo Massaggio connettivo

5 Informazioni preliminari NMES NMES (NeuroMuscular Electrical Stimulation) è una tecnica impiegata con successo sia nella riabilitazione medica che come complemento della preparazione atletica a qualsiasi livello. L'obiettivo della stimolazione muscolare per mezzo di impulsi elettrici è produrre contrazioni o vibrazioni nei muscoli. La normale attività muscolare è controllata dal sistema nervoso centrale e periferico, che trasmettono segnali elettrici ai muscoli. La NMES funziona in modo analogo ma impiegando una sorgente esterna (lo stimolatore) ed elettrodi applicati alla pelle per trasmettere gli impulsi elettrici al corpo. Gli impulsi stimolano i nervi a inviare segnali a un muscolo specifico, che reagisce contraendosi, proprio come nella normale attività muscolare. L'elettrostimolazione è adatta a tutti i muscoli del corpo e può essere utilizzata per rafforzare muscoli indeboliti in seguito a un intervento chirurgico, una frattura, ecc. e migliorare la mobilità. È inoltre un eccellente strumento per la riabilitazione post-ictus perché aiuta i pazienti a recuperare le capacità di presa e deambulazione. Per risultati ottimali, l'elettrostimolazione muscolare a scopo di riabilitazione deve essere verificata da un fisioterapista o altro operatore sanitario. TENS TENS (Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation) è una tecnica che produce ottimi risultati nel trattamento di dolori acuti e cronici di svariato tipo. È clinicamente provata ed è impiegata quotidianamente da fisioterapisti, altri operatori sanitari e dai migliori atleti in tutto il mondo. La TENS attiva i meccanismi di inibizione del dolore del sistema nervoso. Gli impulsi elettrici trasmessi dagli elettrodi, applicati sulla pelle sopra o nei pressi dell'area dolente, inducono i nervi a bloccare i segnali di dolore inviati al cervello, cosicché il dolore non viene percepito. Il trattamento TENS burst/endorfinico stimola il rilascio di endorfine, sostanze antalgiche prodotte naturalmente dal nostro organismo. La TENS è un trattamento sicuro e, a differenza degli analgesici assunti per via orale o altri metodi di alleviamento del dolore, non presenta effetti collaterali. Può essere sufficiente come unica forma di trattamento, ma è anche un utile complemento ad altri trattamenti fisici e/o farmacologici. Informazioni generali Per ottenere risultati ottimali dalla stimolazione, è importante posizionare correttamente gli elettrodi. Per le contrazioni muscolari, un posizionamento preciso sui punti motori assicura il massimo comfort e la massima efficacia. Sui pieghevoli acclusi a questa guida sono disponibili le illustrazioni relative a diversi posizionamenti degli elettrodi. Prima di posizionare gli elettrodi sul corpo, lavare e asciugare sempre la pelle per garantire un'adeguata conduttività. Gli elettrodi devono essere posizionati su pelle sana e a una distanza non inferiore a 3 cm e non superiore a 30 cm 257

6 l'uno dall'altro. La durata degli elettrodi dipende dal grado con cui vengono seguite le istruzioni relative alla cura e la manutenzione. Assicurarsi di utilizzare elettrodi personali per ciascun paziente. Scegliere le dimensioni degli elettrodi in base alle dimensioni del muscolo: utilizzare elettrodi di piccole dimensioni per i muscoli più piccoli e di grandi dimensioni per i muscoli più grandi. Se la stimolazione risulta fastidiosa, è probabile che il contatto tra la pelle e l'elettrodo sia insufficiente. Gli elettrodi sono soggetti a usura e devono essere periodicamente sostituiti. Nota: assicurarsi che la stimolazione sia disattivata (livello di energia 0) prima di rimuovere gli elettrodi dalla pelle. Energia di stimolazione Nel trattamento per alleviare il dolore con frequenza di stimolazione tra 50 e 100 Hz, la regola di base è che la stimolazione deve essere percepita con maggiore intensità del dolore stesso. Aumentare l'intensità fino a ottenere una sensazione di pizzicore, distinta senza essere dolorosa. Per alleviare il dolore con una frequenza di stimolazione tra 2 e 10 Hz, l'intensità deve essere sufficiente a produrre una reazione visibile del muscolo. Tenere presente che il paziente avverte la stimolazione prima che si produca una contrazione visibile. Nella NMES e la stimolazione muscolare, l'obiettivo del terapista è incoraggiare il paziente a tollerare il livello di energia di stimolazione massimo che non comporti dolore. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è la percentuale di punti motori coinvolti. In alcuni casi, può essere opportuno associare alla stimolazione contrazioni/co-contrazioni volontarie. Provare ad aumentare progressivamente le energie raggiunte in una seduta e da una seduta a quella successiva. Posizione del corpo Una raffigurazione della posizione del corpo raccomandata è disponibile sotto l'illustrazione del posizionamento degli elettrodi. La posizione ottimale dipende dal tipo di programma e dalla parte del corpo che deve essere stimolata. Quando si utilizzano i programmi di massaggio, ad esempio Massaggio-relax, è importante trovarsi in una posizione in cui sia possibile rilassarsi. 258 Combinazione funzione e tecnologia Mi: tenere presente che quando si utilizza la funzione, la funzione Mi-Scan può continuare sui canali 1 e 2, ma è disponibile solo per i programmi Endorfinico, Rafforzamento e Amiotrofia sui canali 3 e 4. Le funzioni Mi-Range, Mi-Tens e Mi-Action, invece, non possono essere utilizzate. Per ulteriori informazioni consultare la sezione "Elenco dei programmi" del Manuale d'uso. Mi-Theta 600: i due sensori Mi inclusi nel kit consentono di utilizzare al meglio la tecnologia Mi con le funzioni Mi-Action, Mi-Range, Mi-Tens e Mi-Scan. Theta 500: questo dispositivo è predisposto per l'utilizzo della tecnologia Mi. Acquistando due cavi con sensori Mi è possibile utilizzare la tecnologia Mi con le funzioni, Mi-Range, Mi-Tens e Mi-Scan. Rehab 400: questo dispositivo non impiega la tecnologia Mi.

7 Trattamenti comuni Riabilitazione Amiotrofia Quando, in seguito a un prolungato periodo di immobilizzazione o riduzione del movimento, un muscolo normalmente innervato diminuisce in volume. Le fibre lente (tipo 1) sono quelle che risentono maggiormente di questa inattività. Utilizzando frequenze che creano contrazioni tetaniche delle fibre di tipo 1. Per modificare il programma adattandolo ai progressi del paziente, utilizzare il livello 1 per le prime due settimane prima di passare al livello 2 nelle settimane successive. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Se durante la stimolazione il paziente prova fastidio e dolore, la funzione consente di combinare il programma (canali 1+2) con un programma per alleviare il dolore (canali 3+4). Amiotrofia, Livello 1 (25 min) Frequenza 6 Hz 35 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 1,5 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 6 sec 7 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 0,75 sec 0,5 sec 3 sec Amiotrofia, Livello 2 (25 min) Frequenza 6 Hz 45 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 1,5 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 6 sec 5 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 0,75 sec 0,5 sec 3 sec 259

8 Prevenzione dell'amiotrofia Quando, in seguito a un intervento chirurgico o a una frattura ossea, un arto o parte di esso viene immobilizzato e i relativi muscoli vengono in breve tempo colpiti da amiotrofia. La rapida diminuzione del volume muscolare è dovuta principalmente a un fenomeno di inibizione riflessa o di totale assenza di movimento. È importante tenere presente che questo tipo di atrofia colpisce soprattutto le fibre muscolari lente (tipo 1). Per compensare l'immobilità, la NMES riproduce una serie di contrazioni paragonabili al normale livello di attività quotidiana. La durata del trattamento di questo programma è relativamente lunga e si utilizzano frequenze mirate alle fibre muscolari lente. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Se durante la stimolazione il paziente prova fastidio e dolore, la funzione consente di combinare il programma (canali 1+2) con un programma per alleviare il dolore (canali 3+4). Prevenzione dell'amiotrofia, Livello 1 (54 min) Frequenza 6 Hz 30 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 3 sec 1,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 5 sec 14 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 1,5 sec 1,5 sec 3 sec Prevenzione dell'amiotrofia, Livello 2 (47 min) Frequenza 6 Hz 40 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 3 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 6 sec 12 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 0,75 sec 0,5 sec 3 sec 260

9 Rafforzamento Esempio Il rafforzamento muscolare ha per scopo rafforzare i muscoli sani (con un volume normale). Può essere utilizzato su muscoli prima atrofizzati che hanno recuperato volume. Per aumentare forza e stabilità. Utilizzando frequenze che creano contrazioni tetaniche delle fibre muscolari veloci (tipo 2). Si utilizza in molti casi nel corso della riabilitazione, dopo che è stato raggiunto un volume muscolare normale mediante programmi per amiotrofia. Si consiglia l'uso del livello 1 per le prime due settimane e del livello 2 nelle settimane successive. Rafforzare i muscoli peroneali laterali per prevenire distorsioni. Rafforzare i muscoli della spalla per prevenire dislocazioni della spalla. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Se durante la stimolazione il paziente prova fastidio e dolore, la funzione consente di combinare il programma (canali 1+2) con un programma per alleviare il dolore (canali 3+4). Rafforzamento, Livello 1 (20 min) Frequenza 6 Hz 75 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 1,5 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 4 sec 10 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 0,75 sec 0,5 sec 3 sec Rafforzamento, Livello 2 (20 min) Frequenza 6 Hz 85 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 1,5 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 4 sec 8 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 0,75 sec 0,5 sec 3 sec 261

10 Neuro Rehab (SLOW START) Esempio La NMES è un eccellente complemento della fisioterapia tradizionale per numerose patologie neurologiche come l'ictus. Il trattamento può essere somministrato passivamente ma è preferibile la somministrazione attiva durante il recupero fisico. Per favorire la ripresa delle capacità motorie. Questo programma prevede un tempo di salita lento (4 secondi) della contrazione e una lunga fase di riposo. L'esperienza dimostra che questa impostazione del programma è più adatta ai pazienti di questo gruppo diagnostico. Aumento della funzionalità di una spalla sublussata. Recupero e aumento della funzionalità di avambraccio/mano. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Se durante la stimolazione il paziente prova fastidio e dolore, la funzione consente di combinare il programma (canali 1+2) con un programma per alleviare il dolore (canali 3+4). Neuro Rehab (Slow start), Livello 1 (20 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza 6 Hz 35 Hz - 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 4 sec - 1,5 sec Durata della fase 2 min 5 sec 15 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 2 sec - 3 sec Neuro Rehab (Slow start), Livello 2 (20 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza 6 Hz 45 Hz - 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 4 sec - 1,5 sec Durata della fase 2 min 5 sec 15 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 2 sec - 3 sec 262

11 Stabilizzazione schiena-tronco Esempio Per pazienti con disfunzioni della schiena e del tronco dovute a dolore prolungato o disturbi neurologici. È utile associare questo programma ad esercizi con movimenti attivi. Per stabilizzare i muscoli del tronco e della schiena. Per aumentare la consapevolezza e il controllo posturali. Con la stimolazione dei gruppi muscolari addominali o lombari. Stimolazione addominale e/o lombare per aumentare la consapevolezza del movimento pelvico. Aumento di stabilità e funzionalità dei muscoli lombari/addominali. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Stabilizzazione schiena-tronco (30 min) Frequenza 6 Hz 40 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 2 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 6 sec 12 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 1 sec 0,5 sec 3 sec 263

12 Atrofia (Mod Freq) Esempio Quando i muscoli sono deboli o immobilizzati. Il programma è indirizzato principalmente alle fibre di tipo 1 per migliorare la resistenza muscolare. Modulando la frequenza per un intervallo di tempo pari alla durata della contrazione, in modo che la contrazione risulti più tollerabile. La contrazione ha inizio con la frequenza più bassa e termina con la frequanza più alta. Aumento della forza dei muscoli della spalla attraverso la stimolazione dei muscoli romboidi. Stimolazione postoperatoria sui quadricipiti, in particolare del vasto mediale. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Atrofia, modulazione di frequenza (30 min) Frequenza 6 Hz Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 2 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 4 sec 8 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 1 sec 0,5 sec 3 sec 264

13 Forza (Mod Freq) Esempio Per preservare la forza muscolare durante un periodo di immobilizzazione o per aumentare la forza di un muscolo/gruppo muscolare specifico. Il programma è indirizzato principalmente alle fibre di tipo 2 per migliorare la resistenza muscolare. Modulando la frequenza per un intervallo di tempo pari alla durata della contrazione, in modo che la contrazione risulti più tollerabile. Aumento della forza degli adduttori dell'anca. Stimolazione dei quadricipiti in caso di immobilizzazione. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Forza, modulazione di frequenza (30 min) Frequenza 6 Hz Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 3 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 8 sec 15 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 1 sec 0,5 sec 3 sec 265

14 Ossigenazione Esempio Come preparazione prima, o come recupero dopo, dell'attività muscolare. Può essere utilizzato per aumentare la circolazione a livello locale nel tessuto/muscolo. Per favorire l'eliminazione dell'acido lattico e dei prodotti di scarto e ridurre la rigidità muscolare. Questo programma genera vibrazioni dei muscoli che aumentano l'afflusso di sangue ai muscoli, la resistenza e la capacità di recupero. Posizionare elettrodi grandi sui gruppi muscolari più grandi, ad esempio quadricipite e flessori. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. È importante che vengano generate vibrazioni visibili. Ossigenazione (30 min) Stimolazione continua Frequenza 8 Hz 266

15 Lesione muscolare Esempio Quando è presente una lesione muscolare più o meno significativa, è possibile utilizzare questo programma come complemento del trattamento consueto (crioterapia, compressione, ecc.). Deve essere consentita la mobilizzazione dell'arto. Per accelerare il recupero della normale attività delle fibre muscolari. Il programma è impostato per applicare sul muscolo una stimolazione con un tempo di salita graduale per impedire lo sforzo delle fibre muscolari. Stimolazione della parte posteriore della coscia (flessori). posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Lesione muscolare (30 min) Frequenza 6 Hz 40 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 6 sec 1,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 3 sec 10 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 1,5 sec 1,5 sec 3 sec 267

16 Punti motori Questo programma (continuo a 3 Hz), insieme all'impiego di una penna punto motore, consente di determinare l'esatta posizione dei punti motori in ciascun individuo. Un elettrodo posizionato sul punto motore assicura il grado di stimolazione più efficace e confortevole. Collegare la penna punto motore al connettore con pin rosso del cavo (vedere il diagramma delle connessioni nel Manuale d'uso). Collegare il connettore con pin nero a un elettrodo e posizionare l'elettrodo sulla pelle. Applicare del gel sulla zona dove verrà eseguita la ricerca del punto motore e aumentare l'intensità. Il punto esatto è quello dove si produce la contrazione più vigorosa ed evidente. Contrassegnare il punto con un pennarello. Punti motori (15 min) Stimolazione continua Frequenza 3 Hz 268

17 Riabilitaz. specifica Protesi anca Esempio In seguito a chirurgia ortopedica dell'anca. La stimolazione può essere utilizzata come complemento dell'esercizio fisico e della fisioterapia attiva. È frequente che i muscoli glutei si indeboliscano riducendo la stabilità attiva dell'anca. Di conseguenza, la capacità di restare in equilibrio su una sola gamba o di camminare può risultare compromessa. Le fasi di basse frequenze (riscaldamento, riposo attivo, recupero) sono escluse da questo programma al fine di non creare vibrazioni del materiale prostetico. I tre livelli disponibili sono: Amiotrofia livello 1 e livello 2 e Rafforzamento livello 1 senza basse frequenze. Stimolazione del gluteo massimo e medio. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Protesi anca, Livello 1 (30 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza - 35 Hz - - Tempo di salita - 1,5 sec - - Durata della fase - 6 sec 6 sec - Tempo di discesa - 0,75 sec - - Protesi anca, Livello 2 (30 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza - 45 Hz - - Tempo di salita - 1,5 sec - - Durata della fase - 6 sec 6 sec - Tempo di discesa - 0,75 sec - - Protesi anca, Livello 3 (15 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza - 75 Hz - - Tempo di salita - 1,5 sec - - Durata della fase - 4 sec 11 sec - Tempo di discesa - 0,75 sec

18 Sindrome rotulea Esempio Sublussazione della rotula dovuta allo squilibrio dei diversi gruppi muscolari del quadricipite. In seguito a trauma dell'articolazione del ginocchio e/o della cartilagine del ginocchio interessato che può causare dolore e/o inibizione dei riflessi, risultando in uno stato amiotrofico del quadricipite. Riduzione della stabilità del ginocchio. È possibile trattare specificamente il vasto mediale mentre viene applicata elettrostimolazione al muscolo. È anche possibile alterare l'inibizione dei riflessi stimolando l'intero quadricipite. Le fasi di basse frequenze (riscaldamento, riposo attivo, recupero) sono escluse da questo programma al fine di non creare vibrazioni, che potrebbero causare effetti indesiderati sulla rotula. I tre livelli disponibili sono Amiotrofia livello 1 e livello 2 e Rafforzamento livello 1 senza basse frequenze. Stimolazione specifica di una parte (ad esempio del vasto mediale) o dell'intero quadricipite. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Disponibile, ma come 3+1 in quanto i canali sono utilizzati per il programma Sindrome rotulea. Sindrome rotulea, Livello 1 = AMIOTROFIA, LIVELLO 1 (30 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza - 35 Hz - - Tempo di salita - 1,5 sec - - Durata della fase - 6 sec 6 sec - Tempo di discesa - 0,75 sec - - Sindrome rotulea, Livello 2 = AMIOTROFIA, LIVELLO 2 (30 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza - 45 Hz - - Tempo di salita - 1,5 sec - - Durata della fase - 6 sec 6 sec - Tempo di discesa - 0,75 sec - - Sindrome rotulea, Livello 3 = RAFFORZAMENTO, LIVELLO 1 (15 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza - 75 Hz - - Tempo di salita - 1,5 sec - - Durata della fase - 4 sec 11 sec Tempo di discesa - 0,75 sec - -

19 Emiplegia Esempio Come complemento della fisioterapia tradizionale in seguito a ictus. Favorisce il recupero delle capacità motorie e riduce la spasticità. Se il paziente presenta ridotte capacità percettive (neglect), è possibile integrare nel trattamento anche l'allenamento di questa funzionalità. I pazienti che hanno subito un ictus presentano una duplice problematica. La prima è la difficoltà a "individuare" il muscolo dovuta alla ridotta capacità di inviare l'impulso a livello centrale. La seconda è l'inattività, che sfocia in atrofia muscolare. Il trattamento può essere somministrato passivamente ma è preferibile la somministrazione attiva durante il recupero fisico. Questo programma prevede un tempo di salita lento (4 secondi) della contrazione e una lunga fase di riposo. L'esperienza dimostra che questa impostazione del programma è più adatta ai pazienti di questo gruppo diagnostico. Miglioramento della deambulazione e della dorsoflessione della caviglia. Riduzione della spasticità e aumento della funzionalità attraverso la stimolazione dei muscoli antagonisti. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Emiplegia, Livello 1 (20 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza 6 Hz 40 Hz - 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 4 sec - 1,5 sec Durata della fase 2 min 10 sec 20 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 2 sec - 3 sec Emiplegia, Livello 2 (20 min) Riscaldamento Contrazione Riposo Fase di recupero finale Frequenza 6 Hz 45 Hz - 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 4 sec - 1,5 sec Durata della fase 2 min 10 sec 20 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 2 sec - 3 sec 271

20 Cuffia dei rotatori Esempio Disturbi del range di movimento, tendinopatie della spalla e dolore intorno alla spalla. Per aumentare la funzionalità muscolare e la rieducazione neuromotoria della cuffia dei rotatori. Aumentando la funzionalità della rotazione interna della spalla. Centralizzando e comprimendo la testa omerale. È possibile associare all'allenamento movimenti attivi. Stimolazione dei muscoli sovraspinato, infraspinato, piccolo rotondo e/o deltoide. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Energia di stimolazione massima tollerabile, uno dei fattori chiave per l'efficacia del trattamento. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. È importante che vengano generate vibrazioni visibili. Cuffia dei rotatori, Livello 1 (25 min) Frequenza 6 Hz 35 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 1,5 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 6 sec 7 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 0,75 sec 0,5 sec 3 sec Cuffia dei rotatori, Livello 2 (25 min) Frequenza 6 Hz 45 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 1,5 sec 0,5 sec 1,5 sec Durata della fase 2 min 6 sec 5 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 0,75 sec 0,5 sec 3 sec Cuffia dei rotatori, Livello 3 (20 min) Frequenza 6 Hz 75 Hz 4 Hz 3 Hz Tempo di salita 1,5 sec 1,5 sec 0,5 sec 1,5 sec 272 Durata della fase 2 min 4 sec 10 sec 3 min Tempo di discesa 2 sec 0,75 sec 0,5 sec 3 sec

21 LCA Esempio In seguito a rottura del legamento crociato anteriore (LCA). Si tratta di uno degli infortuni più comuni nella traumatologia sportiva. Per la stimolazione postoperatoria o come trattamento conservativo. Per raggiungere la stabilità attiva dell'articolazione del ginocchio, con un'adeguata funzionalità dei muscoli che circondano l'articolazione. Il programma LCA è stato appositamente progettato per questo trattamento tramite l'implementazione di una sessione di co-contrazioni bilanciate. La stimolazione inizia dai tendini flessori (canali 1 e 2). Quando i muscoli vengono contratti, la stimolazione continua sul quadricipite (canali 3 e 4), prevenendo qualsiasi rischio di cassetto anteriore. Trattamento postoperatorio. Riabilitazione per consentire il ritorno all'attività sportiva, stimolazione dei tendini flessori e del quadricipite. posizionati come indicato in base al muscolo da stimolare. Vedere Posizione degli elettrodi. Maggiore è l'energia di stimolazione, maggiore è il numero di fibre muscolari (punti motori) attivate. Provare ad aumentare progressivamente il livello di energia nel corso di una seduta. Non disponibile. La funzione non è disponibile poiché il programma utilizza tutti e quattro i canali. LCA (25 min) Prima contrazione (can. 1+2) tendini flessori Seconda contrazione (can ) tendini flessori e quadricipite Riposo attivo Frequenza 40 Hz 40 Hz 4 Hz Tempo di salita 1,5 sec 3 sec 0,5 sec Durata della fase 3 sec 6 sec 8 sec Tempo di discesa 0 sec 0,75 sec 0,5 sec 273

Wireless Professional. Riabilitazione funzionale in movimento

Wireless Professional. Riabilitazione funzionale in movimento Riabilitazione funzionale in movimento Wireless Professional Wireless Professional: Riabilitazione funzionale in movimento Attualmente Wireless Professional è l unità di elettroterapia più avanzata, offre

Dettagli

X FORMER / EXE PERSONAL BODY OPTIMIZER. posizionamento elettrodi e tabelle delle applicazioni

X FORMER / EXE PERSONAL BODY OPTIMIZER. posizionamento elettrodi e tabelle delle applicazioni PERSONAL BODY OPTIMIZER posizionamento e tabelle delle applicazioni Introduzione Informazioni sul manuale... pag. Tipi di Elettrodi a gel adesivo... pag. 0 e posizionamento Elettrodi con spugna ad acqua...

Dettagli

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28 1 APPROCCIO ALL INTEGRITÀ BIOPSICOSOCIALE.......... 1 2 VALUTAZIONE DELLA PATOLOGIA SPECIFICA............ 3 Scopi della valutazione............................ 3 Contenuti della valutazione.........................

Dettagli

Mobilizzazione senza Impulso

Mobilizzazione senza Impulso Patologie degenerative e traumatiche di muscoli e tendini Possibilità terapeutiche Dr.essa Med. M.G. Canepa Patologie degenerative e traumatiche di muscoli e tendini!! Possibilità terapeutiche! Medicina

Dettagli

catalogo Scoprite il mondo di Compex Raccomandato da atleti professionisti e fisioterapisti

catalogo Scoprite il mondo di Compex Raccomandato da atleti professionisti e fisioterapisti catalogo Scoprite il mondo di Compex Raccomandato da atleti professionisti e fisioterapisti Compex, il marchio preferito dalle persone attive Compex è il dispositivo giusto per le vostre necessità. Gamma

Dettagli

ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE. Presentazione...15

ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE. Presentazione...15 ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE Presentazione...15 1. Introduzione 1.1 Un po di storia...17 1.2 Linee di forza del corpo umano...18 1.3 I poligoni di forze...19 2. L'azione dei punti di agopuntura

Dettagli

CORSO DI ELETTROSTIMOLAZIONE

CORSO DI ELETTROSTIMOLAZIONE CORSO DI ELETTROSTIMOLAZIONE CAP.1 - ELEMENTI DI ELETTROSTIMOLAZIONE CAMPI DI UTILIZZO L elettrostimolazione è una metodica particolare utilizzata per diversi obiettivi: 1. in campo medico - per la terapia

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

BEAUTY WORKS ELETTROSTIMOLATORE DIGITALE 12 ELETTRODI. Istruzioni per l uso e informazioni utili. I. Introduzione. II. Indicazioni di utilizzo: Corpo

BEAUTY WORKS ELETTROSTIMOLATORE DIGITALE 12 ELETTRODI. Istruzioni per l uso e informazioni utili. I. Introduzione. II. Indicazioni di utilizzo: Corpo BEAUTY WORKS ELETTROSTIMOLATORE DIGITALE 12 ELETTRODI Istruzioni per l uso e informazioni utili I. Introduzione II. Indicazioni di utilizzo: Corpo III. Indicazioni di utilizzo: Viso IV. Controindicazioni

Dettagli

I MUSCOLI L APPARATO MUSCOLARE

I MUSCOLI L APPARATO MUSCOLARE IL GINOCCHIO Il ginocchio la più grande articolazione dell uomo è un articolazione doppia, che si costituisce grazie all intersezione di 3 diverse ossa: - Rotula - Perone - Femore La parte più robusta

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

Le caratteristiche tecniche sono assolutamente interessanti e ne fanno un prodotto con un eccellente rapporto prezzo/prestazioni.

Le caratteristiche tecniche sono assolutamente interessanti e ne fanno un prodotto con un eccellente rapporto prezzo/prestazioni. Scheda Prodotto ELITE Codice: Produttore: GLB-G0862 GLOBUS Prezzo: 269,00 IVA COMPRESA Elettrostimolatore: GLOBUS ELITE Qualita' a portata di mano. Elettrostimolatore portatile consigliato per utenti particolarmente

Dettagli

Wireless Professional. Riabilitazione funzionale in movimento

Wireless Professional. Riabilitazione funzionale in movimento Wireless Professional Riabilitazione funzionale in movimento Wireless Tru-Pull Lite Professional Wireless Professional: Riabilitazione funzionale in movimento Attualmente Wireless Professional è l unità

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER Il cerotto Painmaster MCT si presta a numerosi utilizzi in diversi distretti del corpo, garantendo risultati ottimali e in piena sicurezza. Sfrutta la terapia alle micro correnti,

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

Terapia TENS gli impulsi nella terapia del dolore

Terapia TENS gli impulsi nella terapia del dolore Terapia TENS gli impulsi nella terapia del dolore Per molti anni la stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS) è stata applicata con risultati soddisfacenti in ospedali, studi medici e a domicilio.

Dettagli

I TRAUMI ALLA SCHIENA

I TRAUMI ALLA SCHIENA I TRAUMI ALLA SCHIENA La colonna vertebrale ( rachide ) è composta da 34-35 ossa corte, le vertebre. Si distinguono in 7 cervicali, 12 toraciche, 5 lombari, 5 sacrali (+3/4 coccigee) Funzioni Protezione

Dettagli

Globus Genesy 3000 Novo Tens - Elettrostimolatore multifunzionale

Globus Genesy 3000 Novo Tens - Elettrostimolatore multifunzionale Globus Genesy 3000 Novo Tens - Elettrostimolatore multifunzionale Elettrostimolatore professionale dedicato particolarmente al trattamento del dolore. Dispone di 89 programmi principali per ambito medico,

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta LIFETRAIL è un innovativo sistema concepito per la ginnastica dolce e riabilitativa della terza e quarta età. Si

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE 2 CORSO NAZIONALE PREPARATORI FISICI PALLAVOLO LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE GIACOMO TOLLINI NORCIA 20/21 GIUGNO 2005 FUNZIONALITA FLESSIBILITA ORGANIZZAZIONE CATENE CINETICHE POSTURA Metodi

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello PATOLOGIE DEL CORRIDORE Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello L ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA FASCITE PLANTARE Sintomi: Dolore acuto e intenso

Dettagli

Caratteristiche principali. Zero Gravity (Gravità Zero) Massaggio Totale con Aria e Rulli

Caratteristiche principali. Zero Gravity (Gravità Zero) Massaggio Totale con Aria e Rulli uastro Caratteristiche principali Zero Gravity (Gravità Zero) Massaggio Totale con Aria e Rulli La Poltrona Massaggio Zero Gravity con Sistema Ibrido Poltrona con 3-Sistemi di Massaggio 3 Sistemi Indipendenti

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Corso taping kinesiologico nella fisioterapia generale, e nella fase post chirurgica.

Corso taping kinesiologico nella fisioterapia generale, e nella fase post chirurgica. Corso taping kinesiologico nella fisioterapia generale, e nella fase post chirurgica. docente: prof. Rosario per dieci anni fisioterapista della nazionale italiana F.I.H.P. docente presso l Università

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DI APPLICAZIONE DEL TAPING KINSIOLOGICO NELLA TRAUMATOLOGIA SPORTIVA

CORSO DI FORMAZIONE DI APPLICAZIONE DEL TAPING KINSIOLOGICO NELLA TRAUMATOLOGIA SPORTIVA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LE PROFESSIONI SANITARIE CORSO DI FORMAZIONE DI APPLICAZIONE DEL TAPING KINSIOLOGICO NELLA TRAUMATOLOGIA SPORTIVA Ed. 1 del 27-28/02-01/03/2015 - Fisiosport Medical Center Macerata

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

Performance ed elasticità: una nuova metodica al servizio dello sportivo. 16 Febbraio 2003 Prof. Paolo Beretta

Performance ed elasticità: una nuova metodica al servizio dello sportivo. 16 Febbraio 2003 Prof. Paolo Beretta PREPARAZIONE ATLETICA Performance ed elasticità: una nuova metodica al servizio dello sportivo. 16 Febbraio 2003 Prof. Paolo Beretta La Performance Nello sport, risultato di particolare rilievo ottenuto

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

Globus Genesy 1200 Pro - Elettrostimolatore multifunzione

Globus Genesy 1200 Pro - Elettrostimolatore multifunzione Globus Genesy 1200 Pro - Elettrostimolatore multifunzione Professionale e completo. 530 programmi e ionoforesi. Ideale per uso professionale in ambito medico, riabilitativo, fisioterapeutico, sportivo

Dettagli

Gloreha DAS (Dynamic Arm Support)

Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Ausilio Supporto Dispositivo di riabilitazione Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) è un supporto dinamico per il braccio; è stato sviluppato

Dettagli

Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica

Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica Risonanza Quantica Molecolare : la nostra esperienza clinica nella sua applicazione in Medicina Antalgico-Riabilitativa ed Estetica Il Rexon-age è un apparecchiatura elettromedicale che ha nel cuore il

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

Globus Fit & Beauty Elettrostimolatore

Globus Fit & Beauty Elettrostimolatore Globus Fit & Beauty Elettrostimolatore Elettrostimolatore professionale per utenti esigenti.dimagrimento, Rimodellamento del corpo, Lassità Cutanee e Riduzione delle Circonferenze. La più completa metodica

Dettagli

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Stefano Folzani Responsabile f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Dott. Gianluca Castellarin Responsabile Ortopedia III Ospedale

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Mal di schiena Istruzioni per l uso

Mal di schiena Istruzioni per l uso Mal di schiena Istruzioni per l uso A cura del prof. Revrenna Luca Chinesiologo - Personal trainer Operatore di riequilibrio posturale ad approccio globale Metodo Raggi COS È Il mal di schiena è un dolore

Dettagli

Termine d iscrizione 10.09.2015 Il corso è a numero chiuso, con un massimo di 20 partecipanti per Anno Accademico.

Termine d iscrizione 10.09.2015 Il corso è a numero chiuso, con un massimo di 20 partecipanti per Anno Accademico. Terapia Funzionale Globale Tematiche Anatomia funzionale e meccanica articolare dei vari distretti dell apparato di movimento Anatomia palpatoria finalizzata alla conoscenza dei punti di repere principali

Dettagli

GUIDE PRATIQUE IT:AS 23/02/07 17:09 Page 1

GUIDE PRATIQUE IT:AS 23/02/07 17:09 Page 1 GUIDE PRATIQUE IT:AS 3/0/07 7:09 Page GUIDA PRATICA COMPEX 3 GUIDE PRATIQUE IT:AS 3/0/07 7:09 Page Compex Médical SA - 0/07 - All rights reserved - Art. 84305/ V. GUIDE PRATIQUE IT:AS 3/0/07 7:09 Page

Dettagli

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome radicolare pura si esprime con un dolore irradiato nel territorio

Dettagli

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 Tecniche manipolative - Regole di applicazione- Le sette tecniche di base Vittorio Marcelli LESIONE DI BASE:

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia LA GESTIONE DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI: interpretazione del rischio specifico, e gestione aziendale della collocazione lavorativa Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in

Dettagli

www.mondialrelax.it - info@mondialrelax.it - Numero Verde : 800-911914

www.mondialrelax.it - info@mondialrelax.it - Numero Verde : 800-911914 La magnetoterapia è una forma di fisioterapia che utilizza il magnetismo terrestre, risorsa presente in natura necessario per tutte le forme di vita. La magnetoterapia può essere di bassa e alta frequenza

Dettagli

TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE

TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE Come abbiamo visto nelle precedenti lezioni, l apparato locomotore è quell insieme di organi e di strutture anatomiche del nostro corpo che realizza il MOVIMENTO

Dettagli

LA CURA EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE POSTURALE, RIABILITAZIONE FUNZIONALE E PREVENTIVA TORNARE IN SALUTE O STAR BENE SENZA INTERVENTO

LA CURA EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE POSTURALE, RIABILITAZIONE FUNZIONALE E PREVENTIVA TORNARE IN SALUTE O STAR BENE SENZA INTERVENTO SCOLIOSI? STOP AL BUSTO! DOLORE ALLA SPALLA? STOP ALL' INTERVENTO! DOLORE ALLA SCHIENA, ALLE SPALLE, TUNNEL CARPALE, ARTRITE ARTROSI DELLE PICCOLE E GRANDI ARTICOLAZIONI, LOMBALGIA, CERVICALGIA, DORSALGIA,

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda PILATES E LOMBALGIA Bologna 19 Novembre 2011 Rosalisa Lapomarda PILATES: IL METODO PILATES RICHIEDE UN TOTALE IMPEGNO DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO INSIEME:ARMONIA. E UNA FORMA DI BENESSERE CHE

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

www.compex.info STIMOLATORE MUSCOLARE SPORT FORMA SALUTE MIGLIORA LE TUE PRESTAZIONI OTTIMIZZA IL TUO ALLENAMENTO GODITI IL TUO SPORT

www.compex.info STIMOLATORE MUSCOLARE SPORT FORMA SALUTE MIGLIORA LE TUE PRESTAZIONI OTTIMIZZA IL TUO ALLENAMENTO GODITI IL TUO SPORT * SPORT MIGLIORA LE TUE PRESTAZIONI OTTIMIZZA IL TUO ALLENAMENTO GODITI IL TUO SPORT FORMA OTTIMIZZA I RISULTATI TIENITI IN FORMA SALUTE PRENDITI CURA DEL TUO CORPO www.compex.info STIMOLATORE MUSCOLARE

Dettagli

CENTRO IDROKIN. V.le XXIV maggio, 11 TREVIGLIO BENESSERE IN GRAVIDANZA

CENTRO IDROKIN. V.le XXIV maggio, 11 TREVIGLIO BENESSERE IN GRAVIDANZA BENESSERE IN GRAVIDANZA La gravidanza è l evento più bello che una donna possa affrontare. Il lavoro corporeo in gravidanza rappresenta una sorta di viaggio, di esplorazione e riscoperta di sé. È occasione

Dettagli

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua 50 1964 2014 anni Il Centro di Terapia in Acqua di Villa Maria Il Centro di Fisioterapia Riabilitativa in Acqua (idrochinesiterapia) di Villa Maria è

Dettagli

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Cos è il legamento crociato anteriore e a che cosa serve All interno dell articolazione del ginocchio vi sono due legamenti interposti

Dettagli

CORSO TERAPIA MANUALE

CORSO TERAPIA MANUALE CORSO TERAPIA MANUALE La terapia manuale è uno strumento terapeutico indispensabile per un buon terapista che vuole approcciarsi al paziente con diversi strumenti teorici e pratici, al fine di effettuare

Dettagli

Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia

Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia 30.01.2016 1 Tetra/paraplegia. Cosa vuol dire? Tetra significa quattro e si riferisce ai quattro arti. Plegia significa

Dettagli

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE Via Amadeo 24, 20133 Milano Via Vivaio 22, 20122 Milano Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 E-mail: info@oasiortopedia.it E-mail: l.boldrini@isokinetic.com Pagina web: www.oasiortopedia.it

Dettagli

TRATTAMENTI DI OSTEOPATIA & FISIOTERAPIA in collaborazione con lo Studio Atollo

TRATTAMENTI DI OSTEOPATIA & FISIOTERAPIA in collaborazione con lo Studio Atollo TRATTAMENTI DI OSTEOPATIA & FISIOTERAPIA in collaborazione con lo Studio Atollo I TRATTAMENTI LA PROFESSIONALITÀ Lo studio Atollo si avvale di un equipe di professionisti nel settore della Fisioterapia

Dettagli

PROPONIMENTO CHE DETERMINA IL PERCORSO DEL TRATTAMENTO

PROPONIMENTO CHE DETERMINA IL PERCORSO DEL TRATTAMENTO PROPONIMENTO CHE DETERMINA IL PERCORSO DEL TRATTAMENTO A RIPOLARIZZARE LA STRUTTURA MUSCOLARE (RILASCIO GLOBALE FIBRE MUSCOLARI) B RIMODELLARE LA POSTURA SCHELETRICA C ALLEVIARE PROBLEMI ALLA SCHIENA O

Dettagli

Calcificazione del tendine del sovraspinato

Calcificazione del tendine del sovraspinato Calcificazione del tendine del sovraspinato 1 ANAMNESI E STORIA CLINICA Maria C. è una donna di 35 anni che si iscrive per la prima volta in palestra. E stata inviata dal suo medico curante a fare un pò

Dettagli

Attività motoria e benessere psicofisico

Attività motoria e benessere psicofisico Attività motoria e benessere psicofisico BENESSERE Il sistema Muscolo scheletrico -Ossa articolazioni -Tessuti molli muscoli, tendini e legamenti Con l'avanzare dell'età le articolazioni tendono generalmente

Dettagli

Distorsioni Fratture Esiti di interventi chirurgici Dolori vertebrali e sciatalgie Amputazioni ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA

Distorsioni Fratture Esiti di interventi chirurgici Dolori vertebrali e sciatalgie Amputazioni ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA Le nuove frontiere della sanità preventiva e riabilitativa in traumatologia sono il frutto di uno sforzo concettuale complesso, che soddisfi esigenze diverse tra bisogni, metodiche diagnostiche e cliniche,

Dettagli

Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi

Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi EFFETTI BIOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA Gli effetti biologici principali delle correnti elettriche a scopo terapeutico sono i seguenti: Chimici (fisico-chimici)

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

PRINCIPI DI NEUROLOGIA

PRINCIPI DI NEUROLOGIA Indice 1 2 INTRODUZIONE........................... 1 1.1 Sviluppo della tecnica del massaggio connettivale................ 1 1.2 Diagnostica dell area del riflesso............ 4 Cambiamenti di tipo nervoso

Dettagli

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it Stretching (da to stretch, allungare) è il nome dato a una serie di tecniche e metodologie, il

Dettagli

SPALLA CONGELATA. -Sintomi, diagnosi, riabilitazione-

SPALLA CONGELATA. -Sintomi, diagnosi, riabilitazione- SPALLA CONGELATA -Sintomi, diagnosi, riabilitazione- La spalla congelata, o capsulite adesiva, è una condizione dolorosa che affligge questa importante articolazione. I pazienti che ne soffrono lamentano

Dettagli

LINEA POST-TRAUMA supporti

LINEA POST-TRAUMA supporti LINEA POST-TRAUMA supporti 500091 GINOCCHIERA SEMPLICE IN NEOPRENE Dim. ginocchio: S cm 30-35 ;M cm 35-38 ; L cm 38-43 Fascia di neoprene termico lunga 28cm con rivestimento in nylon su entrambi i lati.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Il taping nelle patologie di spalla

Il taping nelle patologie di spalla Il taping nelle patologie di spalla La Spalla : Metodologie Riabilitative delle Protesi e Lesioni Tendinee - Applicazione pratica Battipaglia 06-13 Giugno 2015 Battipaglia 13 giugno 2015 Dott.ssa Di Cerbo

Dettagli

CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA

CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA COGNOME, NOME, LUOGO E DATA DI NASCITA: ALONGI PIETRO -nato a PALERMO il 14/12/76 RESIDENZA: Palermo - Via Spinasanta 210 - cap 90147 - Tel: 091-6726744

Dettagli

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA Gli Osteopati,i Fisioterapisti ed i Posturologi sono molto attenti riguardo la postura dei loro pazienti, consigliando loro come correggerla e come eseguire esercizi correttivi,

Dettagli

Sintesi liberamente tratta. -> In sintesi. -> Introduzione

Sintesi liberamente tratta. -> In sintesi. -> Introduzione Sintesi liberamente tratta Una teoria sul dolore lombare cronico: le lesioni dei legamenti al di sotto del punto di cedimento comportano una disfunzione nel controllo Articolo originale: Panjabi M.M.,

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Livello I

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Livello I Educazione Continua in Medicina Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Livello I Documentazione per poter richiedere accreditamento al Ministero della Salute per i corsi di Terapia

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare Schede informative per il paziente Artriti della spalla Capsulite adesiva Lesioni della cuffia dei rotatori Instabilità e lussazione articolare Vi sono tre articolazioni nella spalla: la clavicola con

Dettagli

Taping NeuroMuscolare (TNM) propriocettivo applicazione in fisioterapia

Taping NeuroMuscolare (TNM) propriocettivo applicazione in fisioterapia Taping NeuroMuscolare (TNM) propriocettivo applicazione in fisioterapia Modulo I, II - 4 giorni per Fisioterapisti fra 27 e 32 crediti Codice: TNM 4/I Data: 4 giorni - da vedere pagina 18 per le date disponibili

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167 Stimola la riparazione dei tessuti Magnetoterapia BF 167 Illustrazioni esplicative per famiglie che intendono utilizzare trattamenti con Magnetoterapia BF 167: Illustrazione Descrizione Diffusori Frequenza

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

MAL DI SCHIENA : TANTI MOTIVI PER UNA RIEDIZIONE

MAL DI SCHIENA : TANTI MOTIVI PER UNA RIEDIZIONE MAL DI SCHIENA : TANTI MOTIVI PER UNA RIEDIZIONE Il libro Mal di schiena - Prevenzione e terapia delle algie vertebrali è stato pubblicato per la prima volta nel 1991, aggiornato e ampliato nel 1994. Dal

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda LA LOMBALGIA Lezione 1 C Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda Il dolore lombare Il dolore lombare può essere classificato in base a criteri clinici,

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi.

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi. Gravidanza: maneggiare con cura Molte amiche e colleghe abituate a fare attività fisica e con un idea piuttosto abituale della loro forma fisica, mi chiedono come io abbia affrontato le mie gravidanze

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

ESPERIENZA CLINICA NELL IMPIEGO DEL DISPOSITIVO REXON-AGE

ESPERIENZA CLINICA NELL IMPIEGO DEL DISPOSITIVO REXON-AGE Dott. Valentin Tröbinger Str.Dantercepies 2/a I 39048 SELVA VAL GARDENA 5-10-2009 ESPERIENZA CLINICA NELL IMPIEGO DEL DISPOSITIVO REXON-AGE Il presente breve commento fa riferimento ed integra la Tabella

Dettagli