Knowledge Box - Autumn 2005 Tecnologie, Esperienze e Vision di Knowledge Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Knowledge Box - Autumn 2005 Tecnologie, Esperienze e Vision di Knowledge Management"

Transcript

1 Knowledge Box - Autumn 2005 Tecnologie, Esperienze e Vision di Knowledge Management Marco Bianchini Milano, 25 novembre 2005 Lo scorso 23 novembre presso la sede milanese di Microsoft si è tenuta, riscuotendo un notevole successo, l edizione autunnale 2005 del Knowledge Box, l ormai consueto appuntamento nazionale con i massimi esperti di gestione della conoscenza in azienda. Il convegno, organizzato dalla software house itconsult in collaborazione con Microsoft Italia, ha affrontato il tema del Knowledge Management sia da un punto di vista teorico che metodologico. Questa edizione, denominata Tecnologie, Esperienze e Vision di Knowledge Management, ha offerto un mix di interventi di ottimo livello che hanno spaziato da contenuti accademici ad esperienze concrete fino ad esplorare in forma visionaria lo scenario futuro di questa disciplina. Dopo una breve presentazione da parte di Pierpaolo Manzini (Direttore Commerciale it Consult) l apertura dei lavori è stata affidata al Prof. Mariano Corso (Docente di Economia e Organizzazione Aziendale al Politecnico di Milano nonché ricercatore e docente della School of Management del Politecnico di Milano in materia di ICT) il cui intervento, Il Konwledge Management come modo nuovo di pensare e gestire l organizzazione, ha colpito i presenti specialmente per aver sostenuto che il Knowledge Management è 10% un problema di strumenti e tecnologie e 90% una questione di persone, cultura, comportamenti. A rappresentare il mondo aziendale è intervenuto Francesco Ardito (Responsabile Knowledge Management SEMEA di CSC Italia) che con il suo contributo, Il ruolo delle persone e della tecnologia nel prossimo KM, ha spiegato quali difficoltà si possono incontrare nell introdurre pratiche di KM in azienda, nonostante un forte commitment del top management, perché come usava dire un suo professore siculo: L uomo è un ann male abbb tud nario. L intervento di Elena Semplici (Solution Specialist Real Time Collaboration di Microsoft) ha avuto un impronta tecnico/commerciale e il prodotto presentato ha suscitato un certo interesse. La Real Time Collaboration: la nuova frontiera della tecnologia informatica per la comunicazione aziendale sarà al centro del nuovo modo di lavorare per le aziende? Lo spazio che Pierpaolo Manzini ha ritagliato per la sua presentazione, josh: la piattaforma standard per il KM, è stato funzionale per illustrare il corretto funzionamento di josh, la piattaforma per il Knowledge Management offerta da itconsult. In particolare è sembrata molto chiara la sua utilità pratica in azienda, aspetto critico per un prodotto software innovativo. Roberto D Angelo (Technology Advisor Collaboration & Portals Solutions di Microsoft) con il suo contributo, Dal KM verso la Social Enterprise Architecture, ha sostenuto e in parte dimostrato che il futuro della Gestione della Conoscenza saranno le connessioni (tra computer, applicazioni, contenuti, informazioni e persone) anche se oggi sembra tutta fuffa. Chiude i lavori Giovanni Marré (Amministratore Delegato di itconsult) che ha spiegato Dove va il Knowledge Management attraverso delle congetture e supposizioni molto concrete e realistiche. Dopo questo intervento il Professor Corso ha riconosciuto al fattore tecnologico un peso del 30% in un sistema di KM. Il Knowledge Management come un modo nuovo di pensare e gestire l organizzazione Dal punto di vista del Professor Mariano Corso l ampliamento dei servizi e la necessità di un maggiore orientamento al cliente, il decentramento organizzativo e la dispersione dei lavoratori, nonché la disponibilità di nuove tecnologie ICT hanno fatto crescere l interesse nelle organizzazioni per la risorsa conoscenza e di conseguenza per il Knowledge Management come necessità. Copyright 2005 it Consult Reproduction is prohibited 1-8

2 La conoscenza è: La sola risorsa significativa del nostro tempo (Druker), La fonte di ogni potere economico (Toffler), La base di ogni prodotto/servizio di successo (Quinn). Lindahl di ABB sostiene che: Ci sono almeno 300 tonnellate di brain power nell azienda. Dobbiamo imparare a farne un uso efficace. Ci si chiede se in 10 anni di KM le imprese abbiano imparato a farlo. Il Professor Corso definisce il KM come il complesso di Strumenti Gestionali, Meccanismi Organizzativi e Tecnologie per stimolare e indirizzare i comportamenti di: Assimilazione e Generazione, Trasferimento e Condivisione, Capitalizzazione e Reperimento/Riutilizzo di conoscenza utile per l organizzazione. I nuovi manager non gestiscono la conoscenza (ciò è impossibile), né le persone (ciò è sempre meno possibile), ma lo spazio in cui la conoscenza viene creata. Tale spazio è sia la cultura, immateriale, sia l ambiente fisico, come il luogo di lavoro (Sveiby). Lo spazio fatto di organizzazione, processi e relazioni può essere ripensato per mezzo delle nuove tecnologie ICT, che però da sole non possono essere la soluzione. Il KM, secondo il Professor Corso, è 10% un problema di strumenti e tecnologie e 90% una questione di persone, cultura e comportamenti. L osservatorio Intranet della School of Management ha rilevato lo stato delle applicazioni in Italia. Su 65 intranet di grandi imprese recensite soltanto 9 risultano essere decisamente orientate al KM. I casi di maggior successo hanno visto l approccio al KM indirizzato allo sviluppo di comunità di lavoratori dispersi (vendita, manutenzione, consulenza, ecc.) e interaziendali (supply chain collaboration, consorzi di ricerca, ecc.). Secondo il Professor Corso, presto si assisterà al passaggio da un KM IT-Based ad un KM Community-Based attraverso la diffusione delle Comunità di Pratica, definite: gruppi di persone che: condividono un interesse comune, un set di problemi o una passione rispetto ad un certo argomento (Dominio), approfondiscono la conoscenza e la comprensione di questi aspetti (Pratica) attraverso l interazione e l impegno reciproco (Comunità). Il futuro sarà del Community Management. Un aspetto molto importante di questa considerazione è che i vertici aziendali potranno prendere parte, incoraggiare, supportare, trarre valore dalle Community ma non potranno mai controllarle o possederle appieno. Tra i fattori di successo per lo sviluppo di un sistema di Knowledge Management affiora che: i dipendenti sono clienti da soddisfare, i progetti di KM sono progetti di cambiamento organizzativo prima che tecnologico, il KM sviluppa una comunità che va lasciata libera di evolvere, nelle regole e nella struttura. Il ruolo delle persone e della tecnologia nel prossimo KM L uomo è un an male abbb tud nario usava dire un professore siculo di Francesco Ardito, sembra banale ma questa citazione può spiegare il perché di tante problematiche aziendali. Ci si pone una domanda: Perché il KM? L offerta di soluzioni quando si utilizzano le varie Intranet, Portali Wikis, Forums, Blogs, ecc. è abbondante, ma il più delle volte troppe informazioni creano dispersione, frustrazione, confusione. Inoltre, cosa ancora più importante sarebbe riuscire a capire se quanto recuperato sia anche di qualità, chi può garantire la qualità delle informazioni? Il KM potrebbe essere la soluzione. La visione del KM di Ardito ha la classica forma a piramide i cui angoli rappresentano gli impatti: Tecnologico, Infrastrutturale e Umano. CSC, la società di Ardito costituita da un agglomerato di società diverse che negli ultimi 20 anni ha acquisito 65 aziende, ha trovato nell elemento tecnologico il fattore per superare il forte impatto geografico nelle attività di Knowledge Transfer. Precisamente, attraverso il RFA (Request For Assistance) è stata in grado di sensibilizzare il personale ad un primo approccio con il KM anche in zone geografiche dove le persone sono per natura poco consone allo scambio reciproco di informazioni senza ricevere contropartite economiche, come la zona dell Europa mediterranea. Copyright 2005 it Consult Reproduction is prohibited 2-8

3 Questo esempio dimostra come la tecnologia può essere di supporto per risolvere un problema di natura organizzativo/culturale. Un progetto di KM è come un puzzle complesso nel quale il fattore umano, spesso sottostimato, gioca un ruolo importante, visione CSC del KM. Il puzzle può essere composto da tanti tasselli tra cui l Address Book aziendale, la lista degli SME, i documenti core, gli organigrammi, ecc., ma chi può avere il compito di aggiornarlo e soprattutto chi può essere in grado di garantire la veridicità dell informazione, l uomo o la macchina? Dopo il KM World Forum di San Francisco del 2001 sembrava che di lì a poco la tecnologia si sarebbe messa al servizio dell uomo: Il KM sarà a breve trasparente, invisibile, ma presente in tutte le nostre attività lavorative quotidiane fra qualche anno non se ne sentirà neanche più parlare, Ci penserà la tecnologia [ad aggiornare e a garantire la veridicità dei contenuti] e il contributo umano sarà quindi minimo. Dichiarazioni un po avventate e prontamente smentite dalla realtà che ci ha fatto capire come la Tecnologia per essere efficace deve essere al servizio del KM. Nel momento in cui si decide di introdurre nel puzzle specifici strumenti tecnologici e la formazione all uso ci si deve chiedere: se si possono obbligare i colleghi ad essere formati, se si hanno risorse per formarli, se hanno intenzione di essere formati e se realmente desiderano cambiare il modo in cui lavorano/collaborano. La risposta l aveva data il professore siculo di Ardito: L uomo è un ann male abbb tud nario. Nella piramide del KM, i fattori Infrastrutturale e Tecnologico corrono molto più velocemente di quello Umano. In quest ottica, il must delle Aziende dovrà essere: pensare concretamente al medio-lungo termine per ottenere dei reali e tangibili benefici economici attraverso un grande e impegnativo intervento sulle Persone, sulle Organizzazioni e sulla Cultura, considerando che L Uomo è un an male abbb tud nario la Tecnologia deve essere di aiuto per le Imprese. Real Time Collaboration: la nuova frontiera della tecnologia informatica per la comunicazione aziendale Con il suo intervento Elena Semplici ha presentato le potenzialità per il KM di Microsoft Office Live Communications Server Questo innovativo prodotto targato Microsoft consente alle organizzazioni di utilizzare la messaggistica immediata aziendale (IM) per trasferire in tempo reale messaggi di testo su una rete IP come Internet o una rete aziendale, e offre la possibilità di segnalare la propria presenza online ai partner, ai collaboratori, ai clienti e ai fornitori esterni, per collaborare, comunicare e condividere informazioni al momento giusto al fine di prendere decisioni migliori e più veloci. LCS 2005 supporta anche audio, video, condivisione di applicazioni e funzionalità di collaborazione a livello peer-to-peer, rendendo veloce ed efficiente il flusso di lavoro per gli information worker. Live Communications Server 2005, perfettamente integrato con Office System, rappresenta un importante tassello nella strategia di Microsoft, che punta a valorizzare strumenti per la collaborazione e la comunicazione in tempo reale, sempre più indispensabili per le aziende che intendono incrementare il proprio vantaggio competitivo. I principali vantaggi di LCS 2005 sono rappresentati da: Caratteristiche di federazione due o più aziende possono condividere lo strumento di Instant Messanging e la rilevazione della presenza di altri utenti in tempo reale, in un ambiente crittografato, autenticato e gestito. Lo stesso IM può essere condiviso con fornitori e clienti tramite reti pubbliche come MSN, AOL e Yahoo!, creando un unico canale di comunicazione e collaborazione tra persone che si trovano in diverse aree geografiche. Accesso remoto utenti gli utenti finali possono connettersi al servizio di IM anche dall esterno della rete aziendale, da casa, in viaggio oppure quando si trovano presso clienti o partner. L accesso viene garantito in modo sicuro tramite autenticazione, attraverso l utilizzo di porte firewall standard, senza che sia necessario creare una rete privata virtuale. Copyright 2005 it Consult Reproduction is prohibited 3-8

4 Maggiore scalabilità consente di raggiungere un limite massimo di utenti che utilizzano il servizio in IM. Il gruppo Telecom Italia, con una forte presenza a livello globale e reti estese in Europa e in Sud America, ha scelto Live Communications Server per estendere i vantaggi della soluzione esistente, basata su LCS 2003, anche al personale delle diverse business unit in tutto il mondo. Con LCS 2005 l azienda ha migliorato l accesso per i dipendenti mobili e ha incrementato l affidabilità generale delle comunicazioni in tempo reale, rendendo disponibili, allo stesso tempo, servizi di messaggistica immediata e presenza in rete alle varie sedi, indipendentemente dalla distanza geografica. Live Communications Server è lo strumento ideale per rendere più rapidi ed efficienti i flussi di informazioni in modo tale da ottenere un risparmio sui costi e migliorare i processi decisionali. josh: la piattaforma standard per il KM Secondo Pierpaolo Manzini, per comprendere le ragioni dell utilizzo di una piattaforma di KM, come josh (il prodotto it Consult per il KM), è necessario partire dal definire l obiettivo finale rappresentato dal fatto di poter risolvere problematiche come ad esempio: la presenza di dati e conoscenze destrutturati, l utilità delle aziende di essere provviste di SOX (Sarbanes-Oxley), ISO9000, Basilea II, Protocollo Informatico, Archiviazione Sostitutiva, e così via. Tematiche che si possono ricondurre allo sviluppo integrato di: Processi Documenti Autorizzazioni e Sicurezza (chi può fare cosa su che cosa) La filosofia aziendale it Consult è di esaminare il problema del KM seguendo una prassi secondo la quale la Metodologia è prioritaria nell affrontare la strutturazione della conoscenza da un punto di vista organizzativo, culturale, tecnologico. Ci penserà la Tecnologia a realizzare, attraverso una piattaforma standard, flessibile e scalabile nel tempo, quanto definito metodologicamente. Il loro approccio metodologico è basato su un sistema di KM (KMS) in grado di gestire tutti i tipi di conoscenza: Conoscenza Esplicita sistema documentale (documenti, file multimediali, , ecc.) Conoscenza Tacita modellazione dell organizzazione (mappatura delle competenze) Conoscenza Incorporata descrizione processi (esplicitazione delle routine organizzative) Conoscenza Creabile interazione fra i diversi moduli (SW capace di trarre nuova conoscenza dall analisi delle istanze degli altri tipi di conoscenze). Un KMS, come quello proposto da it Consult, poggia su tre pilastri: Gestione Documentale Mappa delle Competenze Gestione dei Processi le cui fondamenta sono rappresentate da un infrastruttura costituita da strumenti di messaggistica e dalle intranet/extranet aziendali. Tale sistema può essere inoltre integrato, fra l altro con prodotti di e-learning, di BI e con i cosiddetti Agenti Intelligenti. La Gestione Documentale consente alla KM platform di: memorizzare qualunque file nel Repository (dall audio al cartaceo), indicizzare per una ricerca full-text, categorizzare, gestire le revisioni o meglio le versioni, notificare automaticamente la modifica di documenti di interesse, ed infine deve possedere delle caratteristiche avanzate che consentano di fare annotazioni a documenti esistenti e di registrare URL su Internet, anziché file. La Mappa delle Competenze contiene informazioni su competenze, attività svolte, informazioni anagrafiche, costi, ecc., deve essere consultabile dall utente via web, deve costituire anche un modello dell organizzazione e deve servire al modulo di workflow per assegnare i singoli task (attività) all esecutore più idoneo. Copyright 2005 it Consult Reproduction is prohibited 4-8

5 La Gestione dei Processi descrive i singoli processi aziendali al fine di creare un modello di funzionamento dell organizzazione (per gestire la conoscenza incorporata). Manzini sottolinea che: la rappresentazione dei processi deve essere al contempo formale, rigorosa e intuitiva, soprattutto per evitare di rimanere impantanati in molti dei classici problemi dei sistemi qualità ISO La soluzione suggerita è un Workflow Management System (WFMS), che consente di descrivere i processi con un linguaggio grafico e che sia anche in grado di mandare in esecuzione tali diagrammi, chiamando in causa gli utenti coinvolti nel processo. Esaminando le istanze (singole esecuzioni) della rappresentazione grafica del processo si ricavano meta-informazioni relative a quali documenti vengono usati nelle diverse fasi del processo, merito della sinergia tra il modulo WFMS e la Gestione Documentale. In sostanza: correlando l uso dei documenti con le singole attività svolte si crea nuova conoscenza, il sistema ha cognizione di che cosa sta facendo l utente e di conseguenza riesce a fornire informazioni sull utilità dei singoli documenti per le diverse attività cui ciascun utente è interpellato. L accesso al WFMS avviene nella maniera più semplice possibile, ovvero attraverso il web sfruttando le potenzialità di un portale aziendale. Tutto si riassume in un'unica parola: josh, che integra josh.doc, josh.kmap e josh.flow rispettivamente i moduli della Gestione Documentale, della Mappa delle Competenze e della Gestione dei Processi. Per la comprensione del Modello Logico, del Modello Fisico e del Formalismo utilizzato nel Modello dei Processi si rimanda alle slide dell intervento pubblicate sul sito Infine, una demo di josh ha chiarito l utilità pratica in azienda di una piattaforma di KM come quella sviluppata da it Consult. E chissà se Manzini, per poter sfruttare le potenzialità ancora inespresse di josh non stia già pensando di integrarlo con LCS 2005 di Microsoft. Dal KM verso la Social Enterprise Architecture Prima di definire la Social Enterprise Architecture, Roberto D Angelo si chiede cosa ci sia dietro alle sigle XML e RSS, molto gettonate in questi ultimi tempi sulle home page dei siti di informazione come ad esempio il Corriere, la Repubblica e così via. Il Realy Simple Sindacation attraverso la tecnologia XML nel prossimo futuro, anche se alcuni lo utilizzano già con ottimi risultati, consentirà di gestire le informazioni che affollano i PC aziendali, e non solo, in modo da poter avere in primo piano e a disposizione dati informazioni e conoscenze al posto giusto nel momento giusto attraverso un interfaccia web semplice e intuitiva. Stilando un sintetico Executive Summary si può dire che a livello temporale ieri è stata l era del Document Management: i tecnologi al potere, l ICT è il messaggio, la conoscenza è nei documenti; oggi è il momento del Business Process Management: mercato della conoscenza = i tecnologi non sanno vendere, l ICT diventa ICOT (Information Communication and Organization Technology), si parla di canali, la conoscenza nei processi; il domani è rappresentato dal Social Enterprise Architecture: nuovi modelli di business compro-vendo, micro-aziende interconnesse, il business assorbe l ICT, si parla di Media, la conoscenza è nelle connessioni. La presentazione dell Hype Cycle for Collaboration and Communication, definito da Gartner nel 2005 (v. slide su è stata l occasione per fare chiarezza su alcuni termini che, per chi inizia a prendere confidenza con le nuove tecnologie della comunicazione, ancora oggi creano una certa confusione, come ad esempio: il Web Service, sistema software progettato per supportare l'interoperabilità tra diversi elaboratori su di una medesima rete; l RSS, uno dei più popolari formati per la distribuzione di contenuti Web, basato su XML, da cui ha ereditato la semplicità, l'estensibilità, la flessibilità; il wiki, un insieme di pagine web che consente agli utenti di aggiungere, modificare e aggiornare contenuti; il Blog, contrazione di web log, ovvero "traccia su rete"; il Peer-to-Peer (o P2P), rete di computer o qualsiasi rete che non possiede client o server fissi, ma un numero di nodi equivalenti (peer, appunto) che fungono sia da client che da server verso altri nodi della rete. Ogni Peer può differire nella configurazione locale, nella velocità di elaborazione, nell ampiezza di banda e nella quantità di dati memorizzati. Copyright 2005 it Consult Reproduction is prohibited 5-8

6 Il P2P, l'antitesi dell'architettura client-server in cui è presente un dominio centralizzato, consente a qualsiasi nodo di avviare o completare una transazione. In pratica si tratta di una rete di due o più computer in cui tutti gli elaboratori occupano la stessa posizione gerarchica in alcuni casi definibile Gruppo di Lavoro. In ambito informatico, le reti di File sharing rappresentano un tipico esempio di P2P. Dal P2P alle Reti Sociali, che possono definirsi: regolari nelle quali esiste un alto livello di controllo ma anche una elevata lentezza di comunicazione, oppure random con un eccellente velocità di comunicazione ma caratterizzate da un basso livello di controllo. La soluzione che coniuga gli aspetti del controllo e della comunicazione è lo small-world caratterizzato da una forma regolare con alcuni nodi che comunicano direttamente senza seguire il percorso tradizionale. In questo caso si ottiene il controllo del sistema ma con la possibilità di velocizzare le comunicazioni e le collaborazioni focali. A questo punto ci si chiede che cosa possa c entrare tutto questo con il KM. D Angelo sostiene che: Il problema non è l informazione ma come viene usata. Siamo pieni di informazione male usata. Il Knowledge Management deve aiutare un decisore ad individuare, nel minor tempo possibile e con il minor margine di errore, il punto esatto dove applicare una forza necessaria alla realizzazione di un cambiamento. Il punto in questione può essere una singola persona, un gruppo, una categoria, un flusso informativo, un processo oppure nel modello organizzativo. La gestione dei canali di comunicazione deve diventare un fattore igienico, atto a ridurre il tempo necessario alla valutazione delle decisioni per il business. In futuro, secondo la visione di D Angelo, Tecnologicamente si andrà verso reti sociali, costruite sul modello P2P sviluppando: Gestione & privacy Connettività / Occasionalmente connessi Integrazione applicativa peer2peer: io con il mio pc interagisco con i tuoi dati Contemporaneamente cliente e servente Consumo dati da te e riespongo aggiungendo valore o semplicemente fornendo una modalità alternativa Audio/Video/Desktop Sharing in real-time Aggregatori di notizie e fonti fidate di notifica Workflow dinamici basati su una matrice ruolo/competenza gestita dinamicamente dai contatti sociali dell utente Il vero problema sarà come prepararsi, scegliendo il modello organizzativo più efficace per il proprio caso specifico. La soluzione indicata da D Angelo si chiama SEA (Social Enterprise Architecture) che è l insieme di strumenti e metodologie atte a ridurre l errore nel raggiungimento degli obiettivi del Knowledge Management. Si concentra sulle connessioni tra persone (risorsa pregiata delle organizzazioni) di tipo procedurale (processi) o basate sulle competenze (reti sociali) con l obiettivo di facilitare la mappatura dei modelli organizzativi, specifici di ogni azienda, sulle infrastrutture tecnologiche di classe Enterprise. Si prospetta il passaggio dal C-Model al modello urbanistico della Social Enterprise Achitecture secondo il quale da una piattaforma di Servizi Infrastrutturali parte un Bus Applicativo che attraversa i Processi Primari e di Supporto per mezzo di un Canale di Comunicazione che arriva direttamente al Cliente (utilizzatore finale). Per dimostrare l efficacia di questa soluzione sono stati presentati alcuni esempi di urbanistica ad effetto e di forte impatto comunicativo. Dove va il Knowledge Management Con l intervento di Giovanni Marré si sono analizzate alcune previsioni sul divenire del Knowledge Management. Una moderna soluzione di KM è oramai riconosciuto debba comprendere 3 aree: Gestione Documentale; Copyright 2005 it Consult Reproduction is prohibited 6-8

7 Mappa delle Competenze; Sistema di Gestione del Workflow; che itconsult già nel 2002 definiva come l approccio vincente al KM. Non a caso, sono considerati punti fermi riconosciuti e molti utenti le hanno messe in pratica. Il workflow è diventato centrale nell offering dei principali produttori software (a partire da Micrsosoft) e l intuizione della integrazione sinergica tra document e workflow management viene sempre più spesso riconosciuta quale soluzione alle reali esigenze dei clienti. Il futuro prossimo sarà ancora caratterizzato da un sistema di KM composto da software di: Document Management; Mappatura delle Competenze; Workflow Management. Diventeranno, invece, commodity : la semplice posta elettronica (ad esclusione della sua catalogazione, gestione e capitalizzazione), l e-learning (come mera trasposizione di corsi sul web), il search engine su documenti testuali (non su documenti non convenzionali come audio e immagini) e l Information Portal. Le nuove tendenze, sinteticamente, saranno delineate da: un ruolo crescente del workflow un nuovo modello P2P la convergenza digitale tecnologie informatiche sempre più sofisticate ulteriori benefici di produttività ma con vincoli crescenti di sicurezza e conformità innovazione organizzativa. Il workflow avrà un ruolo di primo piano in due accezioni completamente diverse: l integrazione di applicazioni (EAI) e il coordinamento di persone (più promettente per il KM). Nell impiego di software workflow sarà fondamentale pensare ogni azienda come unica, in questo modo, nella modellazione dei processi, rispecchiare il contesto aziendale viene facilitato per meglio catturare le specificità di ogni organizzazione e la conoscenza incorporata nei processi. Il nuovo modello di P2P interaziendale avrà l obiettivo di rendere davvero realizzabile l azienda estesa attraverso la creazione di una sorta di ecosistema a rete. Una risposta, possibile ed efficiente, ai supposti problemi dimensionali delle imprese. La convergenza digitale non riguarderà certo solo il mercato consumer, ma anche quello business. Il fatto che tutti i dispositivi HW produrranno file spingerà gli utenti a pretendere dal SW le stesse prestazioni oggi ottenute su documenti Word o PDF, considerato anche che tale operazione sarà più facile tecnicamente. Ci si aspetterà, quindi, di poter indicizzare una telefonata e di collocarla nella medesima cartella di una mail sullo stesso argomento. Le tecnologie informatiche saranno sempre più di alta affidabilità, di elevata disponibilità, di buona interoperabilità, pervasive per ogni dispositivo. Ma di conseguenza dovranno essere rese sempre più trasparenti agli utenti creando una facilità d uso e un incorporazione nelle attività ordinarie (e relativi strumenti come ad esempio il telefono). I vincoli di sicurezza e conformità cresceranno in quanto fare KM significa anche distribuire una quantità sempre maggiore di oggetti di conoscenza a più persone, che apporta sicuramente grossi vantaggi ma al contempo fa sorgere la necessità di rispondere a requisiti sempre più stringenti di: Security, Compliance, Digital Rights Management, Record Management, ecc.. Dunque, i vantaggi di disponibilità e facilità si contrappongono con vincoli di sicurezza e monitoraggio. La sfida che ad oggi sembra essere la più difficile è quella dell innovazione organizzativa. Sarà sempre più necessario innovare l organizzazione accanto alle tecnologie di supporto. Ci si chiede infine se il KM è una moda o qualcosa di più. Assolutamente NO, è un esigenza reale delle organizzazioni e sarà sempre più LA fonte di vantaggio competitivo duraturo. L evoluzione dell informatica sarà in gran parte proprio a supporto di sistemi di gestione della conoscenza organizzativa. Copyright 2005 it Consult Reproduction is prohibited 7-8

8 In questa occasione Marré con un esempio rivendica per il fattore Tecnologico, a dispetto di quanto sostenuto dal Prof. Corso, il peso di almeno il 30% in un sistema di KM: se Schumacher (il fattore umano) avesse guidato una 500 (il fattore tecnologico) di sicuro non avrebbe ottenuto i risultati raggiunti finora in carriera. Conclusioni/Riflessioni Dopo quest entusiasmante edizione del Kbox viene naturale chiedersi: Ma se il KM è in grado di generare così tanti effetti positivi per le aziende, perché non si è ancora diffuso a macchia d olio?. Le ragioni sono tante e si riescono ad intuire anche dagli interventi sopra descritti, ciò che frena maggiormente la diffusione della cultura/delle pratiche di KM in azienda sono soprattutto l esiguità degli investimenti con ritorno a medio/lungo termine e la scarsa sensibilità al cambiamento, non tanto delle aziende stesse quanto delle persone che vi lavorano. In azienda, nonostante l introduzione di funzioni di pianificazione strategica di lungo periodo accanto al controllo di gestione, è presente ancora una cultura dell investimento a breve termine, per intenderci con ritorno immediato. Il manager purtroppo viene valutato per quanto è in grado di far guadagnare all azienda nell arco di ogni singolo anno di mandato. Così facendo, i veri progetti di KM saranno sempre accantonati a favore di progetti di KM esclusivamente di carattere tecnologico che produrranno benefici per un periodo limitato senza stabilire qualcosa di duraturo e di organico in grado di far crescere e migliorare le prestazioni aziendali per lungo tempo. L esempio classico in questo caso è rappresentato dall investimento in strumenti di Document Management, che nei primi anni, se tutto funziona, genera elevati ritorni sull investimento, quando però la tecnologia introdotta diventa una commodity l effetto positivo si azzera e l azienda avrà una nuova modalità di lavorare che però non produrrà più alcun vantaggio competitivo. Un azienda prima di imbattersi in progetti di KM, deve essere assolutamente consapevole che la Tecnologia è fondamentale per il KM, ma da sola non risolve i problemi. L elemento tecnologico rappresenta lo strumento di supporto nel modo di operare di un impresa e nel cambiamento organizzativo per ricavare vantaggio competitivo per lungo tempo. Questo messaggio però deve arrivare anche a chi produce per le aziende (l aspetto più difficile della questione), la diffusione di pratiche come il KM spesso è bloccata dalla pigrizia al cambiamento dei lavoratori. Anche se esiste una certa preparazione e un forte commitment da parte del top management per creare un ambiente idoneo a supportare progetti di KM è necessario rendere il cambiamento oltre che accettabile anche e soprattutto desiderabile agendo su leve quali il coinvolgimento, la partecipazione, le motivazioni, gli incentivi. Il KM non potrà mai svilupparsi in aziende il cui personale non ha né la volontà né il desiderio di modificare il proprio modo di lavorare. Si potranno anche organizzare centinaia di corsi di sensibilizzazione e di formazione ma senza il volere del singolo l insuccesso sarà garantito. Un consiglio che si potrebbe dare alle aziende in generale è quello di agire sull aspetto culturale, a partire dalle fasi di selezione e reclutamento. Per finire, è interessante far notare il fatto che i relatori del Kbox Autumn 2005 abbiano impostato le loro presentazioni con principi molto simili. Segnale interpretabile come l esistenza di una tendenza comune tra gli esperti di KM, cosa impensabile fino a qualche anno fa. In tal senso, la chiarezza di idee da trasmettere è fondamentale per una corretta diffusione della cultura di KM. Copyright 2005 it Consult Reproduction is prohibited 8-8

Il Knowledge Management come modo nuovo di pensare e gestire l organizzazione. Mariano Corso Knowledge Box 2005, 23 Novembre 2005

Il Knowledge Management come modo nuovo di pensare e gestire l organizzazione. Mariano Corso Knowledge Box 2005, 23 Novembre 2005 Il Knowledge Management come modo nuovo di pensare e gestire l organizzazione Mariano Corso Knowledge Box 2005, 23 Novembre 2005 Agenda Le attività della School of Management sul management dell ICT Il

Dettagli

it Consult (2) La tecnologia?

it Consult (2) La tecnologia? L approccio it Consult al Knowledge Management Giovanni Marrè Amministratore Delegato, it Consult seminario pubblico CRIAPI workshop corso di Economia delle reti e commercio elettronico, laurea specialistica

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Fondamenti di Knowledge e Business Process Management Giovanni Marrè Amministratore Delegato, it Consult Business Process Management input Competenze individuali Fattori Tecnologici PROCESSO Competenze

Dettagli

Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza

Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza Il KM nell economia della conoscenza Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza Giovanni Marrè Amministratore Delegato it Consult Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, 5

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

Capitolo 5: Una software house che fornisce applicazioni per il Knowledge Management: it Consult

Capitolo 5: Una software house che fornisce applicazioni per il Knowledge Management: it Consult Capitolo 5: Una software house che fornisce applicazioni per il Knowledge Management: it Consult 5.1 Il profilo di it Consult It Consult è una software house fondata nel 2001 ad Urbino dall amministratore

Dettagli

Organization Intelligence

Organization Intelligence Organization Intelligence: un paradigma e delle tecnologie per l impresa agile Giovanni Marrè Amministratore Delegato, it Consult Organization Intelligence? Pag. 1 Organization Intelligence! Definizione

Dettagli

Un esempio di modellazione di processo con josh. Pierpaolo Manzini Direttore Commerciale, it Consult

Un esempio di modellazione di processo con josh. Pierpaolo Manzini Direttore Commerciale, it Consult Un esempio di modellazione di processo con josh Pierpaolo Manzini Direttore Commerciale, it Consult Agenda it Consult: presentazione e posizionamento strategico Approccio a Knowledge, Workflow e Document

Dettagli

Guido Bacigalupi Area manager Centro-Sud, itconsult

Guido Bacigalupi Area manager Centro-Sud, itconsult L'innovazione passa attraverso una piattaforma integrata per la dematerializzazione e la gestione dei processi Guido Bacigalupi Area manager Centro-Sud, itconsult Alcune considerazioni Dati strutturati

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva

josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva josh è un software di it Consult e marchio registrato della stessa it Consult S.r.l. - 2001-2014

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

dell integrazione Le criticità organizzative La nuova sfida per l impresa

dell integrazione Le criticità organizzative La nuova sfida per l impresa Dalla gestione dei documenti alla creazione di spazi di lavoro e condivisione: il nuovo ruolo delle intranet per la gestione della conoscenza Mariano Corso Professore Ordinario di Organizzazione e Risorse

Dettagli

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Cosa è e come si usa la Organization Intelligence Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Overload Informativo Siamo costretti a navigare in un mare di informazioni nel quale è facile «perdere

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica Mobile & wireless Con applicazioni Mobile & Wireless si intendono le applicazioni a supporto dei processi aziendali che si basano su: rete cellulare, qualsiasi sia il terminale utilizzato (telefono cellulare,

Dettagli

Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali. I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività

Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali. I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali I vantaggi della

Dettagli

Infoservice: chi siamo

Infoservice: chi siamo Document Management con josh: migrazione da un sistema legacy Salvatore Gargano Direttore tecnico, Infoservice Infoservice: chi siamo Infoservice è Microsoft Certified Partner dal 2002 e Gold dal 2005

Dettagli

GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI

GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI Gestionale Integrato, tagliato su misura per gli Studi Commerciali e i Consulenti del Lavoro. ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI LECCE FONDAZIONE

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

josh Archive! il software per Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di

josh Archive! il software per Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di josh Archive! il software per l Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di Archiviazione Documentale e Conservazione Sostitutiva Cos è josh Archive! Dalla scansione

Dettagli

Scenari di Knowledge Management nella PA: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza. it Consult

Scenari di Knowledge Management nella PA: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza. it Consult MASTER PA Workshop W6 Scenari di Knowledge Management nella PA: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza MASTER PA Workshop W6 Passare dalla teoria alla pratica: Approccio,

Dettagli

Soluzioni di dematerializzazione dei processi documentali

Soluzioni di dematerializzazione dei processi documentali CONFINDUSTRIA CUNEO, GIOVEDÌ 10 LUGLIO Convegno Archiviazione documentale e conservazione sostitutiva Loris SCANFERLA Marketing Manager di Siav SpA Siav Company profile SIAV, DAL 1989 Con oltre 200 collaboratori

Dettagli

www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534

www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 Varedo (MI) - ITALIA applicazioni WEB Gestore di Portali

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 http://www.sinedi.com ARTICOLO 18 DICEMBRE 2007 LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 Come ogni anno, Gartner, la società americana di ricerche e d informazione sulle tecnologie, ha identificato dieci

Dettagli

Marco Camisani Calzolari (Impresa 4.0)

Marco Camisani Calzolari (Impresa 4.0) AREE d INTERVENTO Un'ampia visione del marketing delle relazioni, trasforma le tecnologie digitali in una potente leva di innovazione del modello di business Il marketing relazionale, in contrapposizione

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI

SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI Il mondo sta cambiando Internet e web 2.0 Da luogo di gestione dei dati a spazio virtuale,per: Condividere Collaborare Comunicare Socializzare Partecipare

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

INFIN OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE

INFIN OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE INFIN Ricezione, Acquisizione, Protocollazione, Classificazione, Condivisione, Distribuzione e Gestione dei processi documentali. I TUOI DOCUMENTI DIVENTANO INFORMAZIONI

Dettagli

CARATTERISTICA / MODULO

CARATTERISTICA / MODULO NextWare Doc è il prodotto che consente di amministrare semplicemente tutte le p roblematiche inerenti la gestione dei documenti; è rivolto sia la settore privato che alla Pubblica Amministrazione, e copre

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

ché chi WEB DOCUMENT & PROCESS MANAGEMENT BUSINESS MANAGEMENT CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA REVISIONI SPOOL RECOGNITION PEC WORKFLOW PRATICHE

ché chi WEB DOCUMENT & PROCESS MANAGEMENT BUSINESS MANAGEMENT CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA REVISIONI SPOOL RECOGNITION PEC WORKFLOW PRATICHE DOCUMENT R & PROCESS MANAGEMENT ché chi BUSINESS PROCESS MANAGEMENT WEB CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA WORKFLOW FASCICOLI REVISIONI DOCUMENT MANAGEMENT PRATICHE SPOOL RECOGNITION INTEGRAZIONE MAIL e FAX PEC

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

"Dal Knowledge Management all Organization Intelligence Il KM assume una nuova connotazione oggettiva che lo mette al riparo da libere interpretazioni

Dal Knowledge Management all Organization Intelligence Il KM assume una nuova connotazione oggettiva che lo mette al riparo da libere interpretazioni "Dal Knowledge Management all Organization Intelligence Il KM assume una nuova connotazione oggettiva che lo mette al riparo da libere interpretazioni Marco Bianchini Premessa A metà anni 90 quando iniziarono

Dettagli

documenta PLM certificato da Autodesk

documenta PLM certificato da Autodesk documenta PLM documenta PLM certificato da Autodesk Implementare un progetto PLM significa spesso riorganizzare e razionalizzare molti dei processi aziendali legati alla progettazione e produzione. In

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Knowledge Box Spring 2011 Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Maria Pia Giovannini DigitPA Responsabile Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO COMUNE DI CAMISANO VICENTINO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO COMUNE DI CAMISANO VICENTINO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO COMUNE DI CAMISANO VICENTINO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE

Dettagli

La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge

La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge josh Protocol! è il rivoluzionario sistema di Protocollo Informatico scalabile ed idoneo alle esigenze di grandi e piccole amministrazioni Non

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Gestione della conoscenza Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Automazione del lavoro d ufficio Chiunque può avvalersi di un computer allo scopo di snellire ed ottimizzare il proprio lavoro Voler fare

Dettagli

Unified Communications & Collaboration

Unified Communications & Collaboration I vantaggi delle tecnologie di Unified Communications & Collaboration Il caso del Comune di Mantova Realizzato da in collaborazione con Dicembre 2012 2012 NetConsulting - 1 - Migliorare la comunicazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICATION FRAMEWORK Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework

Dettagli

Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali

Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework è la base di tutte le applicazioni della famiglia Infinity Project

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

B14 DMS IT Governance Business Competence

B14 DMS IT Governance Business Competence B14 DMS IT Governance Business Competence B14 DMS E un Document Management System che consente di gestire l archiviazione di documenti in modo semplice e intuitivo. Le soluzioni di gestione documentale

Dettagli

Presentazione Azienda

Presentazione Azienda Un esperienza vincente di integrazione del sistema di organization intelligence con SAP Edoardo Gentili Resp. Sistemi informativi, Scavolini S.p.A. Presentazione Azienda La Scavolini nasce a Pesaro nel

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Servizi di Messaggistica

Servizi di Messaggistica Servizi di Messaggistica Generalità Messaggistica Introduzione I servizi di messaggistica sono servizi di comunicazione bidirezionale sincroni tra due o più soggetti in rete. Caratteristiche. Sincronismo

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

IT-Connect Specto La Piattaforma di Knowledge Sharing

IT-Connect Specto La Piattaforma di Knowledge Sharing IT-Connect Specto La Piattaforma di Knowledge Sharing www.itconnectitalia.it IT-Connect We Solve IT Piattaforma di Collaboration La soluzione di egovernance per la gestione integrata della conoscenza ITC

Dettagli

Le tecnologie per le imprese

Le tecnologie per le imprese Le tecnologie per le imprese Obiettivi della lezione L evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Le tre funzioni dell ICT Direttrici e problematiche delle tecnologie disponibili

Dettagli

DoQui - la nascita del progetto. Franco Gola Responsabile Piattaforme CSI-Piemonte

DoQui - la nascita del progetto. Franco Gola Responsabile Piattaforme CSI-Piemonte DoQui - la nascita del progetto Franco Gola Responsabile Piattaforme CSI-Piemonte Agenda L iniziativa DoQui Il modello di governance in Piemonte La gestione dell archivio: DoQui Acta La piattaforma DoQui

Dettagli

Un nuovo ruolo per il Workflow ed il Document Management

Un nuovo ruolo per il Workflow ed il Document Management Un nuovo ruolo per il Workflow ed il Document Management Roma, 14 settembre 2004 Relatore: Domenico Natale Il caso Sogei Sogei, Società Generale d Informatica S.p.A., in 28 anni di attività ha sviluppato

Dettagli

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System Progettazione e Sviluppo di un PROTOTIPO di Piattaforma Informatica per la Gestione Autonomica, Integrata e Collaborativa della Manutenzione RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE Indice 5.1 UNA PANORAMICA SULLE NUOVE TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE......... 102 La struttura dell impresa oggi....................................................

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING I N F I N I T Y Z U C C H E T T I Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere MARKETING SALES SUPPORT CMS KNOWLEDGE BASE E COMMERCE B2B E COMMERCE B2C AD HOC INFINITY ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE

Dettagli

ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta

ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta 1 Indice TeamSystem 2 POLYEDRO 4 ALYANTE Enterprise 8 Accessibilità, collaboration e funzionalità condivise 11 1 Aree funzionali

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

UN SALTO DI QUALITA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

UN SALTO DI QUALITA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE UN SALTO DI QUALITA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Snellimento organizzativo, egovernment, servizi ai cittadini: il rinnovamento della PA trova slancio nelle tecnologie e soluzioni per la gestione dei

Dettagli

Apex%21%marzo%2013 %%

Apex%21%marzo%2013 %% Apex%21%marzo%2013 %% La#necessità#di#innovare# La%legge%di%Joy:%% «Non%importa%chi%tu%sia,%le%persone%più%brillanti% lavorano%sempre%per%qualcun%altro»% Innovazione#=#valore# L innovazione%costituisce%nuovo%valore%

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Soluzioni efficaci di Knowledge Management

Soluzioni efficaci di Knowledge Management S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 11 MEETING NAZIONALE EVOLUZIONE DEI SERVIZI PROFESSIONALI DELLA CONSULENZA (R)INNOVARE LO STUDIO Soluzioni efficaci di Knowledge Management Dott. STEFANO

Dettagli

FAI Fondo Ambiente Italiano

FAI Fondo Ambiente Italiano FAI Fondo Ambiente Italiano FAI - Fondo Ambiente Italiano (www.fondoambiente.it) è una fondazione nazionale senza scopo di lucro che dal 1975 ha salvato, restaurato e aperto al pubblico importanti testimonianze

Dettagli

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus Pag. 1 di 9 PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Sommario...2 IL MONDO LOTUS...2 LA NOSTRA ESPERIENZA...4 Formazione...4 Sviluppo e Sistemi...4 LA NOSTRA PROPOSTA...8 Area formazione...8 Area sviluppo...8

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

MCA nasce per ottimizzare i tempi ed aumentare la produttività.

MCA nasce per ottimizzare i tempi ed aumentare la produttività. MCA, ossia Multimedia Collaboration APP, è la soluzione di web collaboration contributiva e interattiva realizzata da HRC per apportare nuove funzionalità nella gestione di meeting e per poter condividere

Dettagli

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata Tutti noi prendiamo decisioni, facciamo valutazioni, pianifichiamo strategie basandoci sulle informazioni in nostro possesso. Il tempo è una risorsa preziosa, ottimizzarlo rappresenta un obiettivo prioritario.

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Peer to Peer non solo file sharing

Peer to Peer non solo file sharing Peer to Peer non solo file sharing Indice Prima Parte: il Peer to Peer in generale P2P: definizione Curiosità Punti di forza e di debolezza Il Free Riding Seconda Parte: classificazione del Peer to Peer

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management Enterprise Content Management SOLUZIONI PER LA COLLABORAZIONE SOCIAL Condividi l informazione, snellisci I flussi, ottimizza la produttività Freedoc è un applicazione documentale multicanale per il trattamento

Dettagli

La piattaforma Microsoft per la gestione documentale e integrazioni con la firma digitale

La piattaforma Microsoft per la gestione documentale e integrazioni con la firma digitale La piattaforma Microsoft per la gestione documentale e integrazioni con la firma digitale Carlo Iantorno National Technology Officer carloi@microsoft.com Alberto Masini Business Development Manager alberto.masini@microsoft.com

Dettagli

GESTIRE IL SUPPORTO INFORMATIVO E LE NUOVE TECNOLOGIE DI STUDIO

GESTIRE IL SUPPORTO INFORMATIVO E LE NUOVE TECNOLOGIE DI STUDIO Titolo dell'area di formazione: GESTIRE IL SUPPORTO INFORMATIVO E LE NUOVE TECNOLOGIE DI STUDIO (3 Moduli formativi della durata di 8 Ore cadauno. Percorso formativo completo pari a 24 Ore per l organizzazione

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi I sistemi operazionali complementari Copyright 2011 Pearson Italia Sistemi di supporto primario all ERP Le aree tradizionalmente coperte dai sistemi ERP

Dettagli

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo I trend tecnologici che influenzano le nostre imprese? Collaboration Sentiment

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO RUGGIERI GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO RUGGIERI GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO RUGGIERI GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.10 Innovare

Dettagli

CHI SIAMO SOFTWARE WEB. L Azienda. Siti statici e dinamici. e-commerce

CHI SIAMO SOFTWARE WEB. L Azienda. Siti statici e dinamici. e-commerce L Azienda CHI SIAMO FEBOSOFT viene fondata nel 2010 da un gruppo di giovani neolaureati, con l obiettivo di offrire ai propri clienti soluzioni innovative costruite sulla loro esperienza. In un mondo in

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2015

CALENDARIO EVENTI 2015 CALENDARIO EVENTI 2015 Cloud Computing Summit Milano 25 Febbraio 2015 Roma 18 Marzo 2015 Mobile Summit Milano 12 Marzo 2015 Cybersecurity Summit Milano 16 Aprile 2015 Roma 20 Maggio 2015 Software Innovation

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Utilizzo di Adobe Acrobat X per migliorare la collaborazione con Microsoft SharePoint e Microsoft Office

Utilizzo di Adobe Acrobat X per migliorare la collaborazione con Microsoft SharePoint e Microsoft Office Utilizzo di Adobe Acrobat X per migliorare la collaborazione con Microsoft SharePoint e Microsoft Office Cicli di revisione dei progetti più rapidi grazie all integrazione di flussi di lavoro basati su

Dettagli

ALYANTE Enterprise. Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta

ALYANTE Enterprise. Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta Con l esperienza del canale ACG per gestire Dimensione e Complessità aziendale 1 Indice TeamSystem 2 ACG 4 POLYEDRO 6 ALYANTE

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli