CONCORSO. Anno scolastico Prima Edizione INDAGINE SUL RISPARMIO ATTRAVERSO TRE GENERAZIONI. Classi IV Scuole Primarie di BRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCORSO. Anno scolastico 2011 2012. Prima Edizione INDAGINE SUL RISPARMIO ATTRAVERSO TRE GENERAZIONI. Classi IV Scuole Primarie di BRA"

Transcript

1 CONCORSO Prima Edizione Anno scolastico INDAGINE SUL RISPARMIO ATTRAVERSO TRE GENERAZIONI Hanno partecipato Classi IV Scuole Primarie di BRA Direzione Didattica I Circolo Direzione Didattica II Circolo Convitto della Provvidenza

2 Prima Edizione Concorso NOI e il RISPARMIO Anno scolastico Un particolare ringraziamento agli alunni, agli insegnanti e ai Dirigenti didattici che hanno partecipato al Concorso, autentici protagonisti di questa edizione 1

3 A BRA, SCEGLIERE È CRESCERE In occasione della Giornata Mondiale del Risparmio, la Fondazione e la Cassa di Risparmio di Bra hanno promosso una duplice iniziativa. Da un lato un concorso che invitava gli studenti a misurarsi con elaborati, disegni o fotografie sul tema risparmio nella sua accezione più ampia (economico, energetico e ambientale etc). Dall altro, una originale indagine svolta dai bambini delle scuole elementari braidesi, che hanno intervistato nonni e genitori, ma anche se stessi, sul risparmio di ieri e di oggi. Ne è risultato un lavoro puntuale, da cui emerge una fotografia nitida del percepito di tre generazioni riguardo ad un tema, quello del risparmio, che trova tutti d accordo su un punto: si tratta di un valore. Il denaro è vissuto come un fattore che pone dilemmi spendere o risparmiare? e gli interrogativi aiutano i giovani a riflettere e a gestire i propri desideri, a pensare al futuro, a comporre gradatamente la frattura tra il principio del piacere e quello della realtà. L educazione al risparmio si propone dunque come una tappa importante per la formazione, che aiuta i ragazzi a comprendere i meccanismi del nostro mondo, a crescere in autonomia e a passare dai capricci alle scelte. Estratto da: FONDAZIONI Periodico delle FONDAZIONI di Origine Bancaria novembre - dicembre 2012 Questa pubblicazione è dedicata a tutti i bambini, ai loro genitori e nonni che hanno partecipato alla nostra iniziativa CASSA DI RISPARMIO DI BRA S.p.A. Il Presidente Francesco Guida FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI BRA Il Presidente Donatella Vigna 2

4 FINALITÀ Nell'ambito della 87a Giornata Mondiale del Risparmio (celebrata a Roma il 26 ottobre 2011) la Cassa di Risparmio di Bra e la Fondazione della Cassa di Risparmio di Bra rivolsero, nel mese di novembre 2011, alle classi IV della Scuola primaria di Bra il Bando di Concorso NOI e il RISPARMIO sul tema del risparmio economico, energetico e ambientale, lasciando agli alunni la libertà di scelta nelle forme degli elaborati: scritta, grafica, audiovisuale, fotografica ecc. La finalità educativa del concorso si è concretizzata, attraverso attività didattiche programmate ad hoc dagli insegnanti e attraverso gli impegni personali degli alunni, nella stesura di lavori, in gruppo e individuali, con il raggiungimento dei seguenti obiettivi: riflessione su che cosa è il denaro, su che cosa significa risparmiare e rispettare l'ambiente; sensibilizzazione ad un risparmio semplice: dal salvadanaio al conto in banca in varie forme; comprensione dei punti basilari del problema energetico. METODO 3 Incontri di sensibilizzazione Il Presidente della CRBra Francesco Guida e il Presidente della Fondazione CRBra Donatella Vigna hanno presentato, in apposite riunioni, il significato e le modalità del concorso alle scuole primarie cittadine, invitando alla partecipazione ed illustrando i premi previsti per i vincitori. Lezioni di economia nelle classi Nelle classi che ne hanno fatto richiesta (n 7 su 11 partecipanti) Francesco Guida, Presidente della CRBra e Margherita Testa, componente della Fondazione CRBra, hanno svolto, nei mesi di gennaio e febbraio 2012, lezioni di economia con metodi attivi (narrazione, esempi, disegni, aneddoti) e coinvolgenti (domande e risposte), in stretta collaborazione con i Dirigenti didattici Giuseppe Giacone (I Circolo), Silvana Manna (II Circolo) e Marco Domenicale (Convitto della Provvidenza). Sono stati trattati i seguenti temi: i meccanismi del sistema economico con spunti tratti dalla vita della banca e dagli esempi di vita delle famiglie, esposti con freschezza dai bambini stessi, e con alcuni passi delle Avventure di Pinocchio, il burattino birbante e simpatico, che cerca la sua strada, curioso ed ingenuo, sovente vittima di inganni, ma sempre capace di rimonte: come capire che i soldi non crescono sugli alberi? Come usare, custodire, gestire, fare rendere il denaro? Come evitare il Gatto e la Volpe, gli esperti ed eterni profittatori? Come resistere agli inviti del Paese dei Balocchi? i valori del risparmio e della sobrietà, contro il superfluo e lo spreco; gli ideali della solidarietà, della condivisione, del dono; i tempi delle istituzioni bancarie a Bra: il Monte di Pietà, la Cassa di Risparmio e la Fondazione; i luoghi e le opere della Cassa di Risparmio di Bra e della Fondazione; la necessità dello studio e del lavoro.

5 LE SCUOLE PARTECIPANTI GLI ELABORATI DELLE CLASSI Le classi sono state esortate a partecipare al Concorso NOI e il RISPARMIO con indicazioni, consigli e promesse di premi, come previsto dal bando. Di seguito, si illustrano gli elaborati delle classi. DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO SCUOLA E MOSCA: CLASSE IV A Fumetto: STORIA DEL DENARO: CARLETTO IL ROTONDETTO ALLA SCOPERTA DEL GRUZZOLETTO 4

6 SCUOLA E. MOSCA: CLASSE IV B TESTI POESIE DISEGNI dal titolo: IL RISPARMIO.. e prodotto multimediale Gli alunni propongono domande alla Presidente della Fondazione CRBra intenzionalmente lasciate in attesa di risposta CHRISTIAN: come si fa a risparmiare? EDOARDO: che cosa si fa nella Fondazione? FEDERICA: Lei sa chi ha inventato il risparmio? GEO: è complicato fare il suo lavoro? LORENZO: quali edifici avete costruito con il risparmio? MARGHERITA: in quale Paese del Mondo si risparmia di più? MARTINA: da quanti anni fa la Presidente della Fondazione CRBra? NICOLÒ: che lavoro è fare la Presidente? 5

7 SCUOLA E. MOSCA: CLASSE IV C PROGETTO NOI E IL RISPARMIO E IL GIOCO DEL RISPARMIO (Gioco dell oca) e prodotto multimediale 6

8 DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO PLESSO CENTRALE: CLASSE IV A TESTI, FAVOLE, RACCONTI E FILASTROCCHE sul risparmio 7

9 PLESSO CENTRALE: CLASSE IV B FILASTROCCHE: IL RISPARMIO 8

10 PLESSO CENTRALE: CLASSE IV A e IV B LA FONDAZIONE CRBra E I FRUTTI DEL RISPARMIO: LE OPERE DI PUBBLICO INTERESSE IN BRA Libro cartonato 9

11 PLESSO CENTRALE: CLASSE IV C elaborato IL SALVADANAIO DEI NOSTRI PENSIERI 10

12 DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO SCUOLA VENERIA: CLASSE IV A e IV B Libretto SALVATORE IL RISPARMIATORE con allegato DVD SALVIAMO IL MONDO 11

13 SCUOLA MADONNA DEI FIORI: CLASSE IV A e IV B INVENZIONE DI UNA POESIA E CREAZIONE LOGO CRBra Giornalino Risparmio Bra viaggi per il mondo - incontri sorprendenti, tanti giochi e. 12

14 SCUOLA Frazione BANDITO: CLASSE IV Libro cartonato: NOI RISPARMIAMO COSÌ realizzato con materiali cartacei e tecniche a rilievo 13

15 SCUOLA Frazione POLLENZO: CLASSE IV IL GIOCO DEL RISPARMIO Ideazione di un gioco dell Oca con relazione esplicativa sul tema Il risparmio 14

16 SCUOLA Frazione RIVA: PLURICLASSE (III, IV e V) Libro cartonato vivacemente illustrato IL RISPARMIO PER NOI sotto molteplici aspetti 15

17 SCUOLA SAN MICHELE: CLASSE IV Libro/quadernone illustrato: ALFABETO DEL RISPARMIO NOI E IL RISPARMIO DALLA A ALLA Z 16

18 SCUOLA CONVITTO DELLA PROVVIDENZA CLASSE IV Progetto multimediale (DVD): NOI E IL RISPARMIO Video con testi degli alunni, fotografie, inserti di film e animazioni 17

19 I LAVORI INDIVIDUALI DEGLI ALUNNI TEMI DISEGNI 18

20 COMMISSIONE GIUDICATRICE (composizione) 19

21 PREMIAZIONE Il 14 maggio 2012 è giunta felicemente a conclusione la prima edizione del concorso scolastico Noi e il risparmio istituito dalla Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bra, rivolto a tutti gli alunni delle classi IV delle scuole elementari braidesi. L Auditorium CRBra era una vivace fotografia di voci e colori, entusiasmo e tanta allegria diversamente espressi da parte di un numerosissimo pubblico di giovanissimi protagonisti, tutti coinvolti nella realizzazione degli elaborati ed accompagnati dai loro insegnanti. Erano presenti i Direttori Didattici del Primo e Secondo Circolo, Giuseppe Giacone e Silvana Manna, mentre Marco Domenicale rappresentava il Convitto della Provvidenza. I premi sono stati consegnati dal Presidente della CRBra, Francesco Guida, che ha brillantemente condotto la manifestazione e dalla Presidente della Fondazione Donatella Vigna, insieme al Direttore Generale Nino Arpellino e alcuni Amministratori. La cerimonia si è conclusa con un omaggio a tutti i bambini partecipanti e agli insegnanti e con un arrivederci a settembre, quando l iniziativa verrà ripetuta coinvolgendo altri studenti, affinché si perpetui il ruolo centrale di un Istituto di Credito che vanta una storia di 170 anni: la Cassa di Risparmio di Bra. 20

22 GRADUATORIA DEI VINCITORI E MOTIVAZIONI LE CLASSI Si sono maggiormente distinte 5 classi Le cinque classi che si sono distinte tra i partecipanti hanno ricevuto, come riconoscimento per la capacità e l impegno dimostrati, un premio in denaro rapportato al punteggio raggiunto, finalizzato all acquisto di attrezzature e/o al finanziamento di attività di sussidio didattico, che potrà essere speso nel prossimo anno scolastico quando i ragazzi frequenteranno la quinta elementare: 4 classe classificata: premio del valore di 300,00 euro Direzione Didattica II Circolo Frazione Bandito Classe IV Libro cartonato: NOI RISPARMIAMO COSI realizzato con materiali cartacei e tecniche a rilievo Motivazione Il lavoro consiste in un libro realizzato con materiali cartacei di vivaci colori e con tecniche a rilievo. Particolarmente interessante risulta la ricerca grafica, che dimostra abilità e sicurezza. I diversi capitoli non solo coinvolgono ed appagano gli occhi, ma espongono ampie riflessioni maturate sul risparmio del denaro, dell'energia, del cibo, dell'acqua, invitano all'oculatezza negli acquisti, alla riparazione degli oggetti ed al riciclo. 21

23 3 classi classificate: due ex aequo premio del valore di 400,00 euro - per ciascuna classe Direzione Didattica I Circolo Plesso centrale classi IV A e IV B LA FONDAZIONE CRBra E I FRUTTI DEL RISPARMIO: LE OPERE DI PUBBLICO INTERESSE IN BRA Libro cartonato Motivazione La ricerca inizia con un'intervista alla Presidente della Fondazione della CRBra e da una sua sollecitazione a riflettere sugli utili della banca che ritornano alla città ; prosegue con le considerazioni della classe sulle parole-chiave riportate su un grande quaderno colorato: attrae in particolare l'attenzione l'inserto di un cartellone sul quale sono disegnate le opere di pubblico interesse finanziate dalla Fondazione, le quali vengono poi analiticamente descritte con schede esplicative e fotografie. L'elaborato risulta ben strutturato e vivace sia per la varietà delle tecniche espressive sia per alcuni spunti creativi. 22

24 Scuola Convitto della Provvidenza classe IV Progetto multimediale (DVD): NOI E IL RISPARMIO Video con testi degli alunni, fotografie, inserti di film e animazioni Motivazione Il lavoro presentato dalla classe consiste in un video che raccoglie le produzioni dei testi degli alunni, le fotografie loro e dei familiari, inserti di film ( Se avessi mille lire al mese ), animazioni. Il risultato è molto piacevole ed accattivante sia per il ritmo vivace e l'armonia delle parti sia per il sottofondo musicale e la qualità delle immagini. 23

25 2 classe classificata: premio del valore di 600,00 euro Direzione Didattica I Circolo E. Mosca classe IV B TESTI POESIE DISEGNI dal titolo: IL RISPARMIO.. e prodotto multimediale Motivazione La puntuale presentazione del percorso di lavoro dimostra quanto sia stato grande il coinvolgimento degli alunni sul problema del risparmio: tutti i bambini hanno seguito le varie fasi della ricerca (che prende le mosse dal significato etimologico della parola) ed hanno individualmente elaborato in aula ed in tappe didatticamente cadenzate una varietà di testi (informativo o narrativo, filastrocche e disegni), dai quali emergono con naturalezza elementi di riflessione e alcuni guizzi di creatività. Inoltre, gli alunni, suddivisi in gruppi, hanno ideato, preparato e realizzato un prodotto multimediale che propone domande per un'intervista alla Presidente della Fondazione della CRBra, intenzionalmente lasciate in attesa di risposta. 24

26 1 classe classificata: premio del valore di 1.000,00 euro Direzione Didattica I Circolo E. Mosca classe IV C PROGETTO NOI E IL RISPARMIO E IL GIOCO DEL RISPARMIO (Gioco dell oca) e prodotto multimediale Motivazione La classe è stata coinvolta in un interessante lavoro in aula, ben stimolata dai docenti nell'ideazione e nella realizzazione del progetto che risulta articolato, vivace ed originale. Tutti gli alunni hanno elaborato dei testi che entrano a far parte del video, toccano varie discipline e usano diversi linguaggi e strumenti. Il prodotto finale, allietato anche dal gioco dell'oca, dimostra sensibilità verso il tema del risparmio, creatività nell'espressione, impegno nella documentazione, diligenza e precisione sia nella compilazione dei questionari sia nella tabulazione dei risultati. La commissione è stata concorde nell'assegnare a questa classe il massimo punteggio. 25

27 LAVORI INDIVIDUALI Si sono distinti 3 alunni per lavori individuali svolti Tre gli alunni premiati a titolo individuale, con una carta prepagata CRBra di diverso valore: Motivazione 3 alunno classificato: un premio in denaro del valore di 100,00 Direzione Didattica I circolo Plesso Centrale classe IV A FOGLIACCO FEDERICA PIA L'elaborato rivela una buona dimestichezza con il gioco linguistico (rime, filastrocche) ed un'apprezzabile fantasia nell'interpretare in modo personale la classica favola della cicala e della formica. 26

28 2 alunno classificato: un premio in denaro del valore di 150,00 Direzione Didattica I circolo E. Mosca classe IV B NAWFAL YOUSSOUFI Motivazione L'elaborato manifesta una personalità sensibile ed attenta; procede in modo lineare e corretto e si conclude con un suggerimento spontaneo e simpatico rivolto alle banche; è corredato da un fumetto vivace ed originale. 27

29 1 alunno classificato: un premio in denaro del valore di 200,00 Direzione Didattica I circolo E. Mosca classe IV B COMPAORE MOUSTAPHA Motivazione L'elaborato manifesta una buona sensibilità di fronte al problema del risparmio, che viene affrontato in modo personale e trattato con vivacità ed un tocco di originalità. 28

30 INDAGINE sul RISPARMIO attraverso TRE GENERAZIONI Premessa metodologica In occasione della 87a Giornata Mondiale del Risparmio ottobre la Cassa di Risparmio di Bra e la Fondazione della Cassa di Risparmio di Bra rivolsero alle classi IV della scuola primaria di Bra il concorso NOI e il RISPARMIO sul tema del risparmio economico, energetico e ambientale, lasciando agli alunni la libertà di scelta nelle forme degli elaborati. Nell'ambito dei lavori previsti dal concorso, fu altresì, realizzata nelle medesime classi un'indagine sui comportamenti in materia di risparmio di tre diverse generazioni, mediante questionari con domande rivolte a persone anziane (nonni), a persone di media età (genitori) ed agli alunni stessi. Più precisamente le tre generazioni considerate furono: Nonni: settantenni e oltre, nati nel 1942 o prima; Genitori: quaranta-cinquantenni, nati nel decennio ; Alunni: di dieci anni, nati nel Ogni alunno doveva far compilare i questionari n 1 e n 2 dai "grandi" e rispondere egli stesso alle domande del questionario n 3. L'indagine coinvolse 9 plessi scolastici, 15 classi e 181 alunni e fu realizzata nei mesi di aprile e maggio Non tutti gli adulti hanno risposto a tutte le domande, mentre tutti i bambini hanno compilato il loro questionario. Il campione si può considerare rappresentativo delle famiglie braidesi con figli/nipoti in IV elementare. Confronto fra la nostra indagine ed alcuni dati dell'indagine condotta dall'acri - Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio SpA 29 I comportamenti in merito al risparmio che emergono dalle risposte ai nostri questionari possono essere confrontati con alcuni dati della ricerca sugli Italiani ed il risparmio effettuata dall'acri in collaborazione con IPSOS a cavallo dei mesi di settembre-ottobre 2012, tramite interviste telefoniche, circa mille, presso un campione rappresentativo della popolazione italiana adulta; la ricerca fu pubblicata in sintesi sul periodico delle Fondazioni di origine bancaria (Nov./Dic. 2012) ed è leggibile in forma integrale sul sito dell'acri. Secondo l'indagine dell'acri, le famiglie italiane quest'anno sono riuscite a risparmiare solamente nella misura del 28%, mentre negli anni precedenti più di un terzo degli Italiani riusciva a risparmiare: il 35% nel 2011 ed il 36% nel Questi dati, confrontati con quelli della nostra ricerca, consentono due semplici osservazioni: la percentuale dei risparmiatori nel nostro territorio è leggermente superiore a quella italiana; ma è ravvisabile anche nel braidese una tendenza alla diminuzione del tasso di risparmio. Consideriamo ora, in termini analitici, le risposte della nostra indagine.

31 Il risparmio ieri ed oggi Le risposte dei nonni e dei genitori evidenziano che si risparmiava molto di più nel passato (quando essi erano giovani) che ora. Infatti, dalla tabella n 1 risulta che: l'83% dei nonni, quando erano giovani negli anni , risparmiavano, mentre ora solamente il 36% dichiara di risparmiare; l'83% dei genitori, quando erano giovani negli anni , risparmiavano, mentre oggi solamente il 32% dichiara di risparmiare. Può darsi che, nel rispondere alle domande le persone, per quel naturale senso di nostalgia verso i verdi anni della giovinezza che è connaturato in ognuno di noi, siano anche state spinte a lodare il buon tempo passato e ad enfatizzare i problemi del presente. Oppure oggi si vuole consumare di più, godere di un tenore di vita più alto e, quindi, si tende a risparmiare di meno. Tuttavia, bisogna tener presente che le classi sociali e le culture di provenienza di questi bambini sono diverse; quindi, domandandoci perché il tasso del risparmio diminuisce, dobbiamo riflettere sulle cause finanziarie e socio-economiche di questa notevole tendenza. Il potere di acquisto delle famiglie è sensibilmente diminuito: la crisi economica è un fatto conclamato e persistente. Il 92% degli alunni dichiara di riuscire a risparmiare. Ma, si sa che il risparmio per i bambini ha il sapore ludico del salvadanaio e dei regali ricevuti dai parenti; tuttavia, riuscire a risparmiare esprime la capacità dei bambini di tenere a bada i desideri, di mettere da parte qualcosa e di pensare al futuro. Le forme di investimento ieri ed oggi Come si può notare nella tabella n 2, il 65% dei nonni che riuscivano a risparmiare, quando erano giovani negli anni , affidavano i risparmi ad una banca e preferivano il tradizionale Libretto di risparmio (63%), rispetto al Conto corrente (13%) ed agli Investimenti finanziari (24%). Oggi quella stessa generazione dei nonni affida i suoi risparmi ad una banca nel 96% dei casi, privilegiando, pur timidamente, le forme degli Investimenti finanziari (37%) a scapito del Libretto di risparmio (che scende al 36%) ed un po' meno a scapito del Conto corrente (che sale al 21%). Si riscontra che sono aumentati la fiducia nella banca e l'interesse verso gli investimenti finanziari, mentre è diminuito l'uso del Libretto di risparmio. Simile è la tendenza che si riscontra nelle risposte dei genitori (tabella n 3). Infatti, l'84% dei genitori che riuscivano a risparmiare, quando erano giovani negli anni , affidavano i risparmi ad una banca scegliendo il Libretto di risparmio (50%), il Conto corrente (20%), gli Investimenti finanziari (30%). Oggi questa stessa generazione di genitori affida i suoi risparmi ad una banca nella misura del 97%, privilegiando di gran lunga gli investimenti finanziari (48%) rispetto al Libretto di risparmio (25%) ed al Conto Corrente (27%). 30

32 Il significato del risparmio per i bambini Del questionario n 3, rivolto agli alunni di IV, sono state considerate le risposte alla prima domanda Tu riesci a risparmiare?, le quali (come sopra già detto) risultano positive nel 92% dei casi; e le risposte all'ultima domanda a risposta aperta Che cosa significa per te Risparmiare?. E' quest'ultima una domanda diretta e stimolante che indubbiamente tocca diverse condizioni socio-culturali, che scuote l'animo dei ragazzini di 10 anni, un'età di passaggio dall'infanzia alla preadolescenza, un'età in cui l'insofferenza dei limiti ed i balocchi ancora tumultuano con la ricerca di sé e l'accettazione della fatica quotidiana, in cui gli insegnamenti, le occupazioni e le preoccupazioni degli adulti (scuola e famiglia, studio e lavoro) aiutano a comprendere ed a crescere. E' una domanda che fa riflettere sul "denaro", come guadagnarlo, custodirlo ed usarlo. E' una domanda che non è mai troppo presto porre, perché la vita, sin da bambini, mette alla prova attraverso il denaro. Quindi, il denaro può essere considerato un tema educativo forte, che pone dilemmi (spendere o risparmiare?), che aiuta a riflettere, a capire, a gestire i propri desideri, a pensare al futuro e, quindi, a comporre, poco a poco, la frattura tra il principio del piacere ed il principio della realtà. Educare al risparmio è una tappa importante per la formazione, significa far comprendere le regole del risparmio, i meccanismi del mondo in cui viviamo, far crescere in autonomia, passare dai capricci alle scelte. Tutti gli alunni hanno risposto alla domanda non solo perché toccati dal problema, ma anche perché il questionario doveva essere riconsegnato agli insegnanti, ed hanno espresso con sincerità e semplicità varie sfumature di pensieri e di esperienze. Solamente otto bambini (4%) hanno dichiarato di essere confusi, di non conoscere il significato del risparmio o non hanno fornito alcuna indicazione. Le risposte sono state raggruppate per aree di significato e tabulate (tabella n 4). In complesso risultano 210 risposte, in quanto alcuni questionari sono stati considerati due volte perché presentavano risposte classificabili in caselle diverse. La tabella tratteggia vivaci schizzi di vita quotidiana e lascia intravvedere storie familiari diverse ed in certi casi complesse; inoltre, pare scrivere una concreta pagina di psicologia infantile: pillole di saggezza domestica, frammenti di discorsi familiari, guizzi di desideri, embrioni di progetti, sogni per il futuro, slanci di generosità, pensieri per il mondo... Ci sono quelli (37%) che rimangono nell'ambito del ménage di casa e dei desideri personali, ben sapendo che bisogna avanzare, mettere da parte perché ci sarà in futuro necessità di cose utili ed importanti oppure si potrà acquistare qualcosa di caro. 31

33 Altri (28%) sono consapevoli della difficoltà di andare avanti in casa e, quindi, per loro risparmiare significa limitare i consumi, non sprecare soldi e risorse in cose inutili, riciclare, usare cose vecchie. Hanno imparato a casa ed a scuola ad evitare comportamenti di spreco in nome dell'economia domestica e della sostenibilità ambientale, a non buttare via cibo, a non sprecare acqua ed energia, a separare i rifiuti, e, accompagnando i genitori al supermercato, hanno anche appreso l'oculatezza nel confronto dei prezzi e la prudenza negli acquisti. Addirittura c'è chi (8%) sa accontentarsi, fare rinunce e sacrifici soprattutto di giocattoli, acquistare cose che costano meno, poco, ed alcuni (3%) indicano anche il fine dichiarandosi disposti a risparmiare, a conservare per avere poi un gruzzolo, per avere più soldi. Si intravedono da una parte un'esigenza di maggior sobrietà nello stile di vita, imposta dalla crisi sociale ed economica, ed una tenue eco delle ormai diffuse critiche alla crescita produttiva non rispettosa dell'ambiente, dall'altra la consapevolezza del problema di gestire e far rendere i soldi: la banca viene considerata un luogo sicuro. Da questi bambini-preadolescenti ci viene indicata una strada giusta: nelle nostre azioni dobbiamo sempre fare una valutazione qualitativa, distinguere ciò che è utile, un bene, perché risponde ad un bisogno essenziale o soddisfa un desiderio importante, da ciò che è superfluo e distruttivo per l'ambiente. Il 17% di questi alunni di 10 anni dimostra di saper superare l'egoismo e l'urgenza del presente ed associa la parola risparmio alla sobrietà ed alla speranza, al proprio futuro esprimendo desideri di una nuova vita ; alcuni precisano di voler risparmiare per frequentare l' università, per costruire la casa, per comperare bestie nell'azienda di famiglia. Una significativa, ancorché piccola, percentuale di risposte (3%) supera i limiti personali, riflette sul rapporto con gli altri e con la natura, assume una dimensione più alta, tende ad orizzonti lontani, pur senza distinguervi qualcosa di preciso, afferma che risparmiare significa anche donare a coloro che non hanno, aiutare gli altri. Nella profondissima radice della parola economia, invero, si coglie non solamente il significato di amministrazione, ma anche quello di distribuzione, di solidarietà. Addirittura, viene proposto attraverso il risparmio, inteso come impegno e solidarietà, un ideale che ha il sapore dell'utopia, che si apre all'avvenire, al bene comune: salvare il mondo, renderlo pulito e fresco (come scrive un alunno della Veneria, classe IV B). Questa espressione nella sua ingenua, nobile e quasi francescana purezza indica con efficacia lo stretto legame fra economia, ecologia ed equità, la vera chiave di volta per la salvezza del nostro pianeta e dei suoi abitanti. 32

34 Ed anche noi, concludendo, riponiamo sentimenti di speranza in queste classi di bambini che, cercando una definizione di risparmio, sanno pensare al futuro e far leva su quell'istinto della cooperazione e della solidarietà che è così ben radicato nella natura umana e che, per l'evoluzione sociale, è ben più importante dell'istinto aggressivo: in queste classi, alcune delle quali già multiculturali (ad esempio, nel plesso della Veneria un terzo delle persone che hanno risposto ai questionari non sono nate in Italia: 24 su 71), giorno dopo giorno con il lavoro generoso ed intelligente della scuola si fa una grande opera di educazione della persona, incisiva soprattutto nei primi anni, si forma la capacità di unire mente e cuore, di ragionare e provare emozioni, di ascoltare quello che sente, vuole e pensa l'altro che sta accanto, di affrontare costruttivamente le diversità, di risolvere insieme i problemi, perché la condizione umana è condizione di pluralità. L'educazione, anche e soprattutto quella economica, si fa cultura e sensibilità. L'economia per la persona deve recuperare il suo antico significato di accoglienza reciproca, di solidarietà per dare una speranza di futuro; deve essere la base di uno sviluppo sostenibile, costruito, utilizzato e ridistribuito nel rispetto dell'ambiente e, di conseguenza, delle generazioni presenti e di quelle che verranno. 33

35 34

36 35

37 36

38 37

39 RISPARMIARE per i BAMBINI SIGNIFICA mettere da parte per necessità e desideri futuri limitare i consumi non sprecare soldi e risorse in cose inutili riciclare usare cose vecchie non buttare via cibo non sprecare acqua ed energia separare i rifiuti fare attenzione nel confronto dei prezzi aver prudenza negli acquisti accontentarsi fare rinunce e sacrifici acquistare cose che costano meno, poco conservare per avere più soldi distinguere ciò che è utile da ciò che è superfluo sobrietà speranza futuro esprimere desideri di una nuova vita donare a coloro che non hanno aiutare gli altri salvare il mondo, renderlo pulito e fresco I bambini delle Classi IV delle scuole elementari braidesi anno scolastico

40

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Concorso nazionale La mia

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli