CONCORSO. Anno scolastico Prima Edizione INDAGINE SUL RISPARMIO ATTRAVERSO TRE GENERAZIONI. Classi IV Scuole Primarie di BRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCORSO. Anno scolastico 2011 2012. Prima Edizione INDAGINE SUL RISPARMIO ATTRAVERSO TRE GENERAZIONI. Classi IV Scuole Primarie di BRA"

Transcript

1 CONCORSO Prima Edizione Anno scolastico INDAGINE SUL RISPARMIO ATTRAVERSO TRE GENERAZIONI Hanno partecipato Classi IV Scuole Primarie di BRA Direzione Didattica I Circolo Direzione Didattica II Circolo Convitto della Provvidenza

2 Prima Edizione Concorso NOI e il RISPARMIO Anno scolastico Un particolare ringraziamento agli alunni, agli insegnanti e ai Dirigenti didattici che hanno partecipato al Concorso, autentici protagonisti di questa edizione 1

3 A BRA, SCEGLIERE È CRESCERE In occasione della Giornata Mondiale del Risparmio, la Fondazione e la Cassa di Risparmio di Bra hanno promosso una duplice iniziativa. Da un lato un concorso che invitava gli studenti a misurarsi con elaborati, disegni o fotografie sul tema risparmio nella sua accezione più ampia (economico, energetico e ambientale etc). Dall altro, una originale indagine svolta dai bambini delle scuole elementari braidesi, che hanno intervistato nonni e genitori, ma anche se stessi, sul risparmio di ieri e di oggi. Ne è risultato un lavoro puntuale, da cui emerge una fotografia nitida del percepito di tre generazioni riguardo ad un tema, quello del risparmio, che trova tutti d accordo su un punto: si tratta di un valore. Il denaro è vissuto come un fattore che pone dilemmi spendere o risparmiare? e gli interrogativi aiutano i giovani a riflettere e a gestire i propri desideri, a pensare al futuro, a comporre gradatamente la frattura tra il principio del piacere e quello della realtà. L educazione al risparmio si propone dunque come una tappa importante per la formazione, che aiuta i ragazzi a comprendere i meccanismi del nostro mondo, a crescere in autonomia e a passare dai capricci alle scelte. Estratto da: FONDAZIONI Periodico delle FONDAZIONI di Origine Bancaria novembre - dicembre 2012 Questa pubblicazione è dedicata a tutti i bambini, ai loro genitori e nonni che hanno partecipato alla nostra iniziativa CASSA DI RISPARMIO DI BRA S.p.A. Il Presidente Francesco Guida FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI BRA Il Presidente Donatella Vigna 2

4 FINALITÀ Nell'ambito della 87a Giornata Mondiale del Risparmio (celebrata a Roma il 26 ottobre 2011) la Cassa di Risparmio di Bra e la Fondazione della Cassa di Risparmio di Bra rivolsero, nel mese di novembre 2011, alle classi IV della Scuola primaria di Bra il Bando di Concorso NOI e il RISPARMIO sul tema del risparmio economico, energetico e ambientale, lasciando agli alunni la libertà di scelta nelle forme degli elaborati: scritta, grafica, audiovisuale, fotografica ecc. La finalità educativa del concorso si è concretizzata, attraverso attività didattiche programmate ad hoc dagli insegnanti e attraverso gli impegni personali degli alunni, nella stesura di lavori, in gruppo e individuali, con il raggiungimento dei seguenti obiettivi: riflessione su che cosa è il denaro, su che cosa significa risparmiare e rispettare l'ambiente; sensibilizzazione ad un risparmio semplice: dal salvadanaio al conto in banca in varie forme; comprensione dei punti basilari del problema energetico. METODO 3 Incontri di sensibilizzazione Il Presidente della CRBra Francesco Guida e il Presidente della Fondazione CRBra Donatella Vigna hanno presentato, in apposite riunioni, il significato e le modalità del concorso alle scuole primarie cittadine, invitando alla partecipazione ed illustrando i premi previsti per i vincitori. Lezioni di economia nelle classi Nelle classi che ne hanno fatto richiesta (n 7 su 11 partecipanti) Francesco Guida, Presidente della CRBra e Margherita Testa, componente della Fondazione CRBra, hanno svolto, nei mesi di gennaio e febbraio 2012, lezioni di economia con metodi attivi (narrazione, esempi, disegni, aneddoti) e coinvolgenti (domande e risposte), in stretta collaborazione con i Dirigenti didattici Giuseppe Giacone (I Circolo), Silvana Manna (II Circolo) e Marco Domenicale (Convitto della Provvidenza). Sono stati trattati i seguenti temi: i meccanismi del sistema economico con spunti tratti dalla vita della banca e dagli esempi di vita delle famiglie, esposti con freschezza dai bambini stessi, e con alcuni passi delle Avventure di Pinocchio, il burattino birbante e simpatico, che cerca la sua strada, curioso ed ingenuo, sovente vittima di inganni, ma sempre capace di rimonte: come capire che i soldi non crescono sugli alberi? Come usare, custodire, gestire, fare rendere il denaro? Come evitare il Gatto e la Volpe, gli esperti ed eterni profittatori? Come resistere agli inviti del Paese dei Balocchi? i valori del risparmio e della sobrietà, contro il superfluo e lo spreco; gli ideali della solidarietà, della condivisione, del dono; i tempi delle istituzioni bancarie a Bra: il Monte di Pietà, la Cassa di Risparmio e la Fondazione; i luoghi e le opere della Cassa di Risparmio di Bra e della Fondazione; la necessità dello studio e del lavoro.

5 LE SCUOLE PARTECIPANTI GLI ELABORATI DELLE CLASSI Le classi sono state esortate a partecipare al Concorso NOI e il RISPARMIO con indicazioni, consigli e promesse di premi, come previsto dal bando. Di seguito, si illustrano gli elaborati delle classi. DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO SCUOLA E MOSCA: CLASSE IV A Fumetto: STORIA DEL DENARO: CARLETTO IL ROTONDETTO ALLA SCOPERTA DEL GRUZZOLETTO 4

6 SCUOLA E. MOSCA: CLASSE IV B TESTI POESIE DISEGNI dal titolo: IL RISPARMIO.. e prodotto multimediale Gli alunni propongono domande alla Presidente della Fondazione CRBra intenzionalmente lasciate in attesa di risposta CHRISTIAN: come si fa a risparmiare? EDOARDO: che cosa si fa nella Fondazione? FEDERICA: Lei sa chi ha inventato il risparmio? GEO: è complicato fare il suo lavoro? LORENZO: quali edifici avete costruito con il risparmio? MARGHERITA: in quale Paese del Mondo si risparmia di più? MARTINA: da quanti anni fa la Presidente della Fondazione CRBra? NICOLÒ: che lavoro è fare la Presidente? 5

7 SCUOLA E. MOSCA: CLASSE IV C PROGETTO NOI E IL RISPARMIO E IL GIOCO DEL RISPARMIO (Gioco dell oca) e prodotto multimediale 6

8 DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO PLESSO CENTRALE: CLASSE IV A TESTI, FAVOLE, RACCONTI E FILASTROCCHE sul risparmio 7

9 PLESSO CENTRALE: CLASSE IV B FILASTROCCHE: IL RISPARMIO 8

10 PLESSO CENTRALE: CLASSE IV A e IV B LA FONDAZIONE CRBra E I FRUTTI DEL RISPARMIO: LE OPERE DI PUBBLICO INTERESSE IN BRA Libro cartonato 9

11 PLESSO CENTRALE: CLASSE IV C elaborato IL SALVADANAIO DEI NOSTRI PENSIERI 10

12 DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO SCUOLA VENERIA: CLASSE IV A e IV B Libretto SALVATORE IL RISPARMIATORE con allegato DVD SALVIAMO IL MONDO 11

13 SCUOLA MADONNA DEI FIORI: CLASSE IV A e IV B INVENZIONE DI UNA POESIA E CREAZIONE LOGO CRBra Giornalino Risparmio Bra viaggi per il mondo - incontri sorprendenti, tanti giochi e. 12

14 SCUOLA Frazione BANDITO: CLASSE IV Libro cartonato: NOI RISPARMIAMO COSÌ realizzato con materiali cartacei e tecniche a rilievo 13

15 SCUOLA Frazione POLLENZO: CLASSE IV IL GIOCO DEL RISPARMIO Ideazione di un gioco dell Oca con relazione esplicativa sul tema Il risparmio 14

16 SCUOLA Frazione RIVA: PLURICLASSE (III, IV e V) Libro cartonato vivacemente illustrato IL RISPARMIO PER NOI sotto molteplici aspetti 15

17 SCUOLA SAN MICHELE: CLASSE IV Libro/quadernone illustrato: ALFABETO DEL RISPARMIO NOI E IL RISPARMIO DALLA A ALLA Z 16

18 SCUOLA CONVITTO DELLA PROVVIDENZA CLASSE IV Progetto multimediale (DVD): NOI E IL RISPARMIO Video con testi degli alunni, fotografie, inserti di film e animazioni 17

19 I LAVORI INDIVIDUALI DEGLI ALUNNI TEMI DISEGNI 18

20 COMMISSIONE GIUDICATRICE (composizione) 19

21 PREMIAZIONE Il 14 maggio 2012 è giunta felicemente a conclusione la prima edizione del concorso scolastico Noi e il risparmio istituito dalla Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bra, rivolto a tutti gli alunni delle classi IV delle scuole elementari braidesi. L Auditorium CRBra era una vivace fotografia di voci e colori, entusiasmo e tanta allegria diversamente espressi da parte di un numerosissimo pubblico di giovanissimi protagonisti, tutti coinvolti nella realizzazione degli elaborati ed accompagnati dai loro insegnanti. Erano presenti i Direttori Didattici del Primo e Secondo Circolo, Giuseppe Giacone e Silvana Manna, mentre Marco Domenicale rappresentava il Convitto della Provvidenza. I premi sono stati consegnati dal Presidente della CRBra, Francesco Guida, che ha brillantemente condotto la manifestazione e dalla Presidente della Fondazione Donatella Vigna, insieme al Direttore Generale Nino Arpellino e alcuni Amministratori. La cerimonia si è conclusa con un omaggio a tutti i bambini partecipanti e agli insegnanti e con un arrivederci a settembre, quando l iniziativa verrà ripetuta coinvolgendo altri studenti, affinché si perpetui il ruolo centrale di un Istituto di Credito che vanta una storia di 170 anni: la Cassa di Risparmio di Bra. 20

22 GRADUATORIA DEI VINCITORI E MOTIVAZIONI LE CLASSI Si sono maggiormente distinte 5 classi Le cinque classi che si sono distinte tra i partecipanti hanno ricevuto, come riconoscimento per la capacità e l impegno dimostrati, un premio in denaro rapportato al punteggio raggiunto, finalizzato all acquisto di attrezzature e/o al finanziamento di attività di sussidio didattico, che potrà essere speso nel prossimo anno scolastico quando i ragazzi frequenteranno la quinta elementare: 4 classe classificata: premio del valore di 300,00 euro Direzione Didattica II Circolo Frazione Bandito Classe IV Libro cartonato: NOI RISPARMIAMO COSI realizzato con materiali cartacei e tecniche a rilievo Motivazione Il lavoro consiste in un libro realizzato con materiali cartacei di vivaci colori e con tecniche a rilievo. Particolarmente interessante risulta la ricerca grafica, che dimostra abilità e sicurezza. I diversi capitoli non solo coinvolgono ed appagano gli occhi, ma espongono ampie riflessioni maturate sul risparmio del denaro, dell'energia, del cibo, dell'acqua, invitano all'oculatezza negli acquisti, alla riparazione degli oggetti ed al riciclo. 21

23 3 classi classificate: due ex aequo premio del valore di 400,00 euro - per ciascuna classe Direzione Didattica I Circolo Plesso centrale classi IV A e IV B LA FONDAZIONE CRBra E I FRUTTI DEL RISPARMIO: LE OPERE DI PUBBLICO INTERESSE IN BRA Libro cartonato Motivazione La ricerca inizia con un'intervista alla Presidente della Fondazione della CRBra e da una sua sollecitazione a riflettere sugli utili della banca che ritornano alla città ; prosegue con le considerazioni della classe sulle parole-chiave riportate su un grande quaderno colorato: attrae in particolare l'attenzione l'inserto di un cartellone sul quale sono disegnate le opere di pubblico interesse finanziate dalla Fondazione, le quali vengono poi analiticamente descritte con schede esplicative e fotografie. L'elaborato risulta ben strutturato e vivace sia per la varietà delle tecniche espressive sia per alcuni spunti creativi. 22

24 Scuola Convitto della Provvidenza classe IV Progetto multimediale (DVD): NOI E IL RISPARMIO Video con testi degli alunni, fotografie, inserti di film e animazioni Motivazione Il lavoro presentato dalla classe consiste in un video che raccoglie le produzioni dei testi degli alunni, le fotografie loro e dei familiari, inserti di film ( Se avessi mille lire al mese ), animazioni. Il risultato è molto piacevole ed accattivante sia per il ritmo vivace e l'armonia delle parti sia per il sottofondo musicale e la qualità delle immagini. 23

25 2 classe classificata: premio del valore di 600,00 euro Direzione Didattica I Circolo E. Mosca classe IV B TESTI POESIE DISEGNI dal titolo: IL RISPARMIO.. e prodotto multimediale Motivazione La puntuale presentazione del percorso di lavoro dimostra quanto sia stato grande il coinvolgimento degli alunni sul problema del risparmio: tutti i bambini hanno seguito le varie fasi della ricerca (che prende le mosse dal significato etimologico della parola) ed hanno individualmente elaborato in aula ed in tappe didatticamente cadenzate una varietà di testi (informativo o narrativo, filastrocche e disegni), dai quali emergono con naturalezza elementi di riflessione e alcuni guizzi di creatività. Inoltre, gli alunni, suddivisi in gruppi, hanno ideato, preparato e realizzato un prodotto multimediale che propone domande per un'intervista alla Presidente della Fondazione della CRBra, intenzionalmente lasciate in attesa di risposta. 24

26 1 classe classificata: premio del valore di 1.000,00 euro Direzione Didattica I Circolo E. Mosca classe IV C PROGETTO NOI E IL RISPARMIO E IL GIOCO DEL RISPARMIO (Gioco dell oca) e prodotto multimediale Motivazione La classe è stata coinvolta in un interessante lavoro in aula, ben stimolata dai docenti nell'ideazione e nella realizzazione del progetto che risulta articolato, vivace ed originale. Tutti gli alunni hanno elaborato dei testi che entrano a far parte del video, toccano varie discipline e usano diversi linguaggi e strumenti. Il prodotto finale, allietato anche dal gioco dell'oca, dimostra sensibilità verso il tema del risparmio, creatività nell'espressione, impegno nella documentazione, diligenza e precisione sia nella compilazione dei questionari sia nella tabulazione dei risultati. La commissione è stata concorde nell'assegnare a questa classe il massimo punteggio. 25

27 LAVORI INDIVIDUALI Si sono distinti 3 alunni per lavori individuali svolti Tre gli alunni premiati a titolo individuale, con una carta prepagata CRBra di diverso valore: Motivazione 3 alunno classificato: un premio in denaro del valore di 100,00 Direzione Didattica I circolo Plesso Centrale classe IV A FOGLIACCO FEDERICA PIA L'elaborato rivela una buona dimestichezza con il gioco linguistico (rime, filastrocche) ed un'apprezzabile fantasia nell'interpretare in modo personale la classica favola della cicala e della formica. 26

28 2 alunno classificato: un premio in denaro del valore di 150,00 Direzione Didattica I circolo E. Mosca classe IV B NAWFAL YOUSSOUFI Motivazione L'elaborato manifesta una personalità sensibile ed attenta; procede in modo lineare e corretto e si conclude con un suggerimento spontaneo e simpatico rivolto alle banche; è corredato da un fumetto vivace ed originale. 27

29 1 alunno classificato: un premio in denaro del valore di 200,00 Direzione Didattica I circolo E. Mosca classe IV B COMPAORE MOUSTAPHA Motivazione L'elaborato manifesta una buona sensibilità di fronte al problema del risparmio, che viene affrontato in modo personale e trattato con vivacità ed un tocco di originalità. 28

30 INDAGINE sul RISPARMIO attraverso TRE GENERAZIONI Premessa metodologica In occasione della 87a Giornata Mondiale del Risparmio ottobre la Cassa di Risparmio di Bra e la Fondazione della Cassa di Risparmio di Bra rivolsero alle classi IV della scuola primaria di Bra il concorso NOI e il RISPARMIO sul tema del risparmio economico, energetico e ambientale, lasciando agli alunni la libertà di scelta nelle forme degli elaborati. Nell'ambito dei lavori previsti dal concorso, fu altresì, realizzata nelle medesime classi un'indagine sui comportamenti in materia di risparmio di tre diverse generazioni, mediante questionari con domande rivolte a persone anziane (nonni), a persone di media età (genitori) ed agli alunni stessi. Più precisamente le tre generazioni considerate furono: Nonni: settantenni e oltre, nati nel 1942 o prima; Genitori: quaranta-cinquantenni, nati nel decennio ; Alunni: di dieci anni, nati nel Ogni alunno doveva far compilare i questionari n 1 e n 2 dai "grandi" e rispondere egli stesso alle domande del questionario n 3. L'indagine coinvolse 9 plessi scolastici, 15 classi e 181 alunni e fu realizzata nei mesi di aprile e maggio Non tutti gli adulti hanno risposto a tutte le domande, mentre tutti i bambini hanno compilato il loro questionario. Il campione si può considerare rappresentativo delle famiglie braidesi con figli/nipoti in IV elementare. Confronto fra la nostra indagine ed alcuni dati dell'indagine condotta dall'acri - Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio SpA 29 I comportamenti in merito al risparmio che emergono dalle risposte ai nostri questionari possono essere confrontati con alcuni dati della ricerca sugli Italiani ed il risparmio effettuata dall'acri in collaborazione con IPSOS a cavallo dei mesi di settembre-ottobre 2012, tramite interviste telefoniche, circa mille, presso un campione rappresentativo della popolazione italiana adulta; la ricerca fu pubblicata in sintesi sul periodico delle Fondazioni di origine bancaria (Nov./Dic. 2012) ed è leggibile in forma integrale sul sito dell'acri. Secondo l'indagine dell'acri, le famiglie italiane quest'anno sono riuscite a risparmiare solamente nella misura del 28%, mentre negli anni precedenti più di un terzo degli Italiani riusciva a risparmiare: il 35% nel 2011 ed il 36% nel Questi dati, confrontati con quelli della nostra ricerca, consentono due semplici osservazioni: la percentuale dei risparmiatori nel nostro territorio è leggermente superiore a quella italiana; ma è ravvisabile anche nel braidese una tendenza alla diminuzione del tasso di risparmio. Consideriamo ora, in termini analitici, le risposte della nostra indagine.

31 Il risparmio ieri ed oggi Le risposte dei nonni e dei genitori evidenziano che si risparmiava molto di più nel passato (quando essi erano giovani) che ora. Infatti, dalla tabella n 1 risulta che: l'83% dei nonni, quando erano giovani negli anni , risparmiavano, mentre ora solamente il 36% dichiara di risparmiare; l'83% dei genitori, quando erano giovani negli anni , risparmiavano, mentre oggi solamente il 32% dichiara di risparmiare. Può darsi che, nel rispondere alle domande le persone, per quel naturale senso di nostalgia verso i verdi anni della giovinezza che è connaturato in ognuno di noi, siano anche state spinte a lodare il buon tempo passato e ad enfatizzare i problemi del presente. Oppure oggi si vuole consumare di più, godere di un tenore di vita più alto e, quindi, si tende a risparmiare di meno. Tuttavia, bisogna tener presente che le classi sociali e le culture di provenienza di questi bambini sono diverse; quindi, domandandoci perché il tasso del risparmio diminuisce, dobbiamo riflettere sulle cause finanziarie e socio-economiche di questa notevole tendenza. Il potere di acquisto delle famiglie è sensibilmente diminuito: la crisi economica è un fatto conclamato e persistente. Il 92% degli alunni dichiara di riuscire a risparmiare. Ma, si sa che il risparmio per i bambini ha il sapore ludico del salvadanaio e dei regali ricevuti dai parenti; tuttavia, riuscire a risparmiare esprime la capacità dei bambini di tenere a bada i desideri, di mettere da parte qualcosa e di pensare al futuro. Le forme di investimento ieri ed oggi Come si può notare nella tabella n 2, il 65% dei nonni che riuscivano a risparmiare, quando erano giovani negli anni , affidavano i risparmi ad una banca e preferivano il tradizionale Libretto di risparmio (63%), rispetto al Conto corrente (13%) ed agli Investimenti finanziari (24%). Oggi quella stessa generazione dei nonni affida i suoi risparmi ad una banca nel 96% dei casi, privilegiando, pur timidamente, le forme degli Investimenti finanziari (37%) a scapito del Libretto di risparmio (che scende al 36%) ed un po' meno a scapito del Conto corrente (che sale al 21%). Si riscontra che sono aumentati la fiducia nella banca e l'interesse verso gli investimenti finanziari, mentre è diminuito l'uso del Libretto di risparmio. Simile è la tendenza che si riscontra nelle risposte dei genitori (tabella n 3). Infatti, l'84% dei genitori che riuscivano a risparmiare, quando erano giovani negli anni , affidavano i risparmi ad una banca scegliendo il Libretto di risparmio (50%), il Conto corrente (20%), gli Investimenti finanziari (30%). Oggi questa stessa generazione di genitori affida i suoi risparmi ad una banca nella misura del 97%, privilegiando di gran lunga gli investimenti finanziari (48%) rispetto al Libretto di risparmio (25%) ed al Conto Corrente (27%). 30

32 Il significato del risparmio per i bambini Del questionario n 3, rivolto agli alunni di IV, sono state considerate le risposte alla prima domanda Tu riesci a risparmiare?, le quali (come sopra già detto) risultano positive nel 92% dei casi; e le risposte all'ultima domanda a risposta aperta Che cosa significa per te Risparmiare?. E' quest'ultima una domanda diretta e stimolante che indubbiamente tocca diverse condizioni socio-culturali, che scuote l'animo dei ragazzini di 10 anni, un'età di passaggio dall'infanzia alla preadolescenza, un'età in cui l'insofferenza dei limiti ed i balocchi ancora tumultuano con la ricerca di sé e l'accettazione della fatica quotidiana, in cui gli insegnamenti, le occupazioni e le preoccupazioni degli adulti (scuola e famiglia, studio e lavoro) aiutano a comprendere ed a crescere. E' una domanda che fa riflettere sul "denaro", come guadagnarlo, custodirlo ed usarlo. E' una domanda che non è mai troppo presto porre, perché la vita, sin da bambini, mette alla prova attraverso il denaro. Quindi, il denaro può essere considerato un tema educativo forte, che pone dilemmi (spendere o risparmiare?), che aiuta a riflettere, a capire, a gestire i propri desideri, a pensare al futuro e, quindi, a comporre, poco a poco, la frattura tra il principio del piacere ed il principio della realtà. Educare al risparmio è una tappa importante per la formazione, significa far comprendere le regole del risparmio, i meccanismi del mondo in cui viviamo, far crescere in autonomia, passare dai capricci alle scelte. Tutti gli alunni hanno risposto alla domanda non solo perché toccati dal problema, ma anche perché il questionario doveva essere riconsegnato agli insegnanti, ed hanno espresso con sincerità e semplicità varie sfumature di pensieri e di esperienze. Solamente otto bambini (4%) hanno dichiarato di essere confusi, di non conoscere il significato del risparmio o non hanno fornito alcuna indicazione. Le risposte sono state raggruppate per aree di significato e tabulate (tabella n 4). In complesso risultano 210 risposte, in quanto alcuni questionari sono stati considerati due volte perché presentavano risposte classificabili in caselle diverse. La tabella tratteggia vivaci schizzi di vita quotidiana e lascia intravvedere storie familiari diverse ed in certi casi complesse; inoltre, pare scrivere una concreta pagina di psicologia infantile: pillole di saggezza domestica, frammenti di discorsi familiari, guizzi di desideri, embrioni di progetti, sogni per il futuro, slanci di generosità, pensieri per il mondo... Ci sono quelli (37%) che rimangono nell'ambito del ménage di casa e dei desideri personali, ben sapendo che bisogna avanzare, mettere da parte perché ci sarà in futuro necessità di cose utili ed importanti oppure si potrà acquistare qualcosa di caro. 31

33 Altri (28%) sono consapevoli della difficoltà di andare avanti in casa e, quindi, per loro risparmiare significa limitare i consumi, non sprecare soldi e risorse in cose inutili, riciclare, usare cose vecchie. Hanno imparato a casa ed a scuola ad evitare comportamenti di spreco in nome dell'economia domestica e della sostenibilità ambientale, a non buttare via cibo, a non sprecare acqua ed energia, a separare i rifiuti, e, accompagnando i genitori al supermercato, hanno anche appreso l'oculatezza nel confronto dei prezzi e la prudenza negli acquisti. Addirittura c'è chi (8%) sa accontentarsi, fare rinunce e sacrifici soprattutto di giocattoli, acquistare cose che costano meno, poco, ed alcuni (3%) indicano anche il fine dichiarandosi disposti a risparmiare, a conservare per avere poi un gruzzolo, per avere più soldi. Si intravedono da una parte un'esigenza di maggior sobrietà nello stile di vita, imposta dalla crisi sociale ed economica, ed una tenue eco delle ormai diffuse critiche alla crescita produttiva non rispettosa dell'ambiente, dall'altra la consapevolezza del problema di gestire e far rendere i soldi: la banca viene considerata un luogo sicuro. Da questi bambini-preadolescenti ci viene indicata una strada giusta: nelle nostre azioni dobbiamo sempre fare una valutazione qualitativa, distinguere ciò che è utile, un bene, perché risponde ad un bisogno essenziale o soddisfa un desiderio importante, da ciò che è superfluo e distruttivo per l'ambiente. Il 17% di questi alunni di 10 anni dimostra di saper superare l'egoismo e l'urgenza del presente ed associa la parola risparmio alla sobrietà ed alla speranza, al proprio futuro esprimendo desideri di una nuova vita ; alcuni precisano di voler risparmiare per frequentare l' università, per costruire la casa, per comperare bestie nell'azienda di famiglia. Una significativa, ancorché piccola, percentuale di risposte (3%) supera i limiti personali, riflette sul rapporto con gli altri e con la natura, assume una dimensione più alta, tende ad orizzonti lontani, pur senza distinguervi qualcosa di preciso, afferma che risparmiare significa anche donare a coloro che non hanno, aiutare gli altri. Nella profondissima radice della parola economia, invero, si coglie non solamente il significato di amministrazione, ma anche quello di distribuzione, di solidarietà. Addirittura, viene proposto attraverso il risparmio, inteso come impegno e solidarietà, un ideale che ha il sapore dell'utopia, che si apre all'avvenire, al bene comune: salvare il mondo, renderlo pulito e fresco (come scrive un alunno della Veneria, classe IV B). Questa espressione nella sua ingenua, nobile e quasi francescana purezza indica con efficacia lo stretto legame fra economia, ecologia ed equità, la vera chiave di volta per la salvezza del nostro pianeta e dei suoi abitanti. 32

34 Ed anche noi, concludendo, riponiamo sentimenti di speranza in queste classi di bambini che, cercando una definizione di risparmio, sanno pensare al futuro e far leva su quell'istinto della cooperazione e della solidarietà che è così ben radicato nella natura umana e che, per l'evoluzione sociale, è ben più importante dell'istinto aggressivo: in queste classi, alcune delle quali già multiculturali (ad esempio, nel plesso della Veneria un terzo delle persone che hanno risposto ai questionari non sono nate in Italia: 24 su 71), giorno dopo giorno con il lavoro generoso ed intelligente della scuola si fa una grande opera di educazione della persona, incisiva soprattutto nei primi anni, si forma la capacità di unire mente e cuore, di ragionare e provare emozioni, di ascoltare quello che sente, vuole e pensa l'altro che sta accanto, di affrontare costruttivamente le diversità, di risolvere insieme i problemi, perché la condizione umana è condizione di pluralità. L'educazione, anche e soprattutto quella economica, si fa cultura e sensibilità. L'economia per la persona deve recuperare il suo antico significato di accoglienza reciproca, di solidarietà per dare una speranza di futuro; deve essere la base di uno sviluppo sostenibile, costruito, utilizzato e ridistribuito nel rispetto dell'ambiente e, di conseguenza, delle generazioni presenti e di quelle che verranno. 33

35 34

36 35

37 36

38 37

39 RISPARMIARE per i BAMBINI SIGNIFICA mettere da parte per necessità e desideri futuri limitare i consumi non sprecare soldi e risorse in cose inutili riciclare usare cose vecchie non buttare via cibo non sprecare acqua ed energia separare i rifiuti fare attenzione nel confronto dei prezzi aver prudenza negli acquisti accontentarsi fare rinunce e sacrifici acquistare cose che costano meno, poco conservare per avere più soldi distinguere ciò che è utile da ciò che è superfluo sobrietà speranza futuro esprimere desideri di una nuova vita donare a coloro che non hanno aiutare gli altri salvare il mondo, renderlo pulito e fresco I bambini delle Classi IV delle scuole elementari braidesi anno scolastico

40

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGETTO LET S PLAY AND TALK

PROGETTO LET S PLAY AND TALK PROGETTO LET S PLAY AND TALK FINALITA Il progetto Let s play and talk riguarda tutti i plessi di scuola primaria. Esso intende avvicinare gli alunni alla comprensione ed all uso della lingua straniera

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G. Allegato 1 PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.Binotti di Pergola motivazione Il nostro progetto si prefigge la costituzione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA Questo progetto nasce come continuazione e approfondimento del lavoro dello scorso anno, si è pensato di continuare in questa direzione prendendo

Dettagli

Il mondo intorno a noi

Il mondo intorno a noi Il mondo intorno a noi SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Le insegnanti, Germana Liani Giovanna d Isanti 1 Loredana Camiscia Angela Tomasi SCUOLA DELL INFANZIA DI CASOLABERZANTINA

Dettagli

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Il Museo del Risparmio di Torino è un luogo unico, innovativo e divertente in cui bambini, ragazzi e adulti possono avvicinarsi ai temi del risparmio

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

SPECIFICA DI BASE DELLA PROGETTAZIONE

SPECIFICA DI BASE DELLA PROGETTAZIONE SPECIFICA DI BASE DELLA PROGETTAZIONE 1.0 DENOMINAZIONE 2.0 FASI DI PROGETTO ATTIVITÀ Fase iniziale di innesco mese settembre: Noi siamo ciò che mangiamo L. Feuerbach Realizzazione logo in tutte le classi

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio La virtù del risparmio è cosa da adulti, ma fin da bambini occorre prenderne l abitudine e capirne il valore. Perché gli uomini risparmiano? Per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2

ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 Scuola Primaria Statale E. Canziani PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE DEL PERCORSO: 1) Premessa p. 2 2) funzioni e carattere dell'offerta formativa p. 2 3) analisi del contesto

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO 1 TEMPI COMPETENZE CHIAVE EUROPEE SETTEMBRE Competenze sociali consapevolezza ed culturale. tecnologia COMPETENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

NONNI SU INTERNET. Linee guida per Nonni. Fondazione Mondo Digitale

NONNI SU INTERNET. Linee guida per Nonni. Fondazione Mondo Digitale Nonni su Internet NONNI SU INTERNET Linee guida per Nonni Fondazione Mondo Digitale Linee guida per Nonni Questo manuale è a cura della Fondazione Mondo Digitale con la supervisione del prof. Alfonso Molina.

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

Vi chiediamo di scrivere di seguito alle indicazioni le vostre risposte rispettando il limite orientativo di 20 righe per punto.

Vi chiediamo di scrivere di seguito alle indicazioni le vostre risposte rispettando il limite orientativo di 20 righe per punto. Questa scheda si inserisce nelle attività di valutazione che il LaREA intende sviluppare nell ambito del Bando 2005/2006. La scheda vuole essere uno strumento che ci permetta di fare una valutazione in

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Progetto Scuole in Movimento. Premessa

Progetto Scuole in Movimento. Premessa Progetto Scuole in Movimento Premessa Premesso che il Ministero dell'istruzione, Università e Ricerca, di seguito denominato MIUR, ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, nel protocollo d intesa siglato

Dettagli

MIUR USR per la Campania PROGETTI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013-2014

MIUR USR per la Campania PROGETTI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013-2014 MIUR USR per la Campania PROGETTI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013-2014 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO Numero verde: 800.22.87.22 Sito: www.playenergy.enel.com

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L associazione sportiva dilettantistica BIMBI ALLA RISCOSSA promuove la divulgazione dello sport in genere, attività didattiche, ludiche e

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'...

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MALFATTI CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... Premessa Il Natale, è una delle ricorrenze più ricche di significato

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

NONNI SU INTERNET LINEE GUIDA PER NONNI. Fondazione Mondo Digitale

NONNI SU INTERNET LINEE GUIDA PER NONNI. Fondazione Mondo Digitale NONNI SU INTERNET LINEE GUIDA PER NONNI Fondazione Mondo Digitale FONDAZIONE Nonni su Internet - Linee Guida per Nonni - edizione prima - Questo manuale è a cura della dott.ssa Annamaria Cacchione, sotto

Dettagli

UN TAPPO PER AMICO - II EDIZIONE

UN TAPPO PER AMICO - II EDIZIONE UN TAPPO PER AMICO - II EDIZIONE 1. OGGETTO Progetto di sviluppo e sostegno agli Istituti scolastici della provincia di Sondrio, di sensibilizzazione ed approfondimento verso le tematiche proposte da Expo

Dettagli

Regolamento del Concorso di Arte Creativa

Regolamento del Concorso di Arte Creativa Concorso di arte creativa per le scuole primarie A.S. 2013/2014 Regolamento del Concorso di Arte Creativa Il presente concorso, rivolto alle scuole primarie di tutta la Sardegna, intende promuovere la

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PROGETTO L2

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PROGETTO L2 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI Denominazione del progetto/laboratorio some more PROGETTO L2 Responsabile di progetto D Aniello Michelina Gruppo di progetto

Dettagli

Progetto. Lettura:cibo. della mente

Progetto. Lettura:cibo. della mente ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Via Medaglia d Oro Iannotta,17 81052 Pignataro Maggiore (CE) Tel e Fax 0823/871059 Distretto scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

DELLA VALLE DEI LAGHI

DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MUSICA PER LA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA 1 MUSICA NEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA Premessa Le attività musicali svolte nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Laboratorio della Memoria

Laboratorio della Memoria Comune di Gemmano Laboratorio della Memoria Progetto 2006 a cura dell Auser Provinciale di Rimini 1 Laboratorio della Memoria 2006 Premessa Il presente progetto è la prosecuzione del progetto approvato

Dettagli

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti...

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti... Scuola Statale dell'infanzia di "Lammari" Progetti educ.-did. anno scolastico 2010/2011 ********************************************************** AREA P.O.F. Linguaggi espressivo_creativi AREA P.O.F.

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

PROGETTI SCUOLA INFANZIA

PROGETTI SCUOLA INFANZIA PROGETTI SCUOLA INFANZIA TITOLO DESCRIZIONE SEDE SEZIONI CORPO E MUSICA. IN MOVIMENTO In collaborazione con il Museo del Fiore. realizzazione di piccole sculture in carta, legno, metallo.il progetto coinvolge

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A DENOMINAZIONE PROGETTO Educazione al Consumo Consapevole progetto per la realizzazione di un programma di educazione al consumo consapevole per le scuole di istruzione primaria

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE PER L ACQUISIZIONE DI UNA SECONDA LINGUA E PER L EDUCAZIONE AL BILINGUISMO

PROGETTO TRIENNALE PER L ACQUISIZIONE DI UNA SECONDA LINGUA E PER L EDUCAZIONE AL BILINGUISMO PROGETTO TRIENNALE PER L ACQUISIZIONE DI UNA SECONDA LINGUA E PER L EDUCAZIONE AL BILINGUISMO 1. Introduzione Come dimostrano le recenti ricerche sul funzionamento del nostro cervello, quando si tratta

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

I cambiamenti nel decennio 1980-1990

I cambiamenti nel decennio 1980-1990 LA STORIA DI LUCCA 2 CIRCOLO I cambiamenti nel decennio 1980-1990 Per opera del dimensionamento dei plessi scolastici avviato dal M.P.I. ed a causa del calo demografico della popolazione scolastica degli

Dettagli

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI Località d intervento: Varese Scuola Secondaria di I grado Mons. E. Manfredini Durata prevista: Giugno 2014Maggio 2015 Beneficiari diretti: 30

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Presentazione dell offerta formativa

Presentazione dell offerta formativa Presentazione dell offerta formativa della sezione ad indirizzo Montessori Scuola primaria M. L. King Bolzano Presentazione dell offerta formativa della sezione ad indirizzo Montessori Scuola primaria

Dettagli

M.Cristina Stradi 2011 1

M.Cristina Stradi 2011 1 M.Cristina Stradi 2011 1 Il gioco riposa e diverte. Evoca un attività non soggetta a costrizioni, ma anche priva di conseguenza per la vita reale. Si contrappone alle serietà di questa e viene perciò considerato

Dettagli

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment Scuola Triennale di Counseling Integrato CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP Formazione teorico - pratica Empowerment Più attenzione sulle risorse che sui problemi. Roma, 7 giugno 2017 www.felicianocrescenzi.com

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli