news Fondi In questo numero Notiziario di Aggiornamento F i n a n z i a r i o Anno 10 - Numero 1 Febbraio 2012 Prezzo a Copia 0,925

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "news Fondi In questo numero Notiziario di Aggiornamento F i n a n z i a r i o Anno 10 - Numero 1 Febbraio 2012 Prezzo a Copia 0,925"

Transcript

1 news Fondi In questo numero Notiziario di Aggiornamento F i n a n z i a r i o Anno 10 - Numero 1 Febbraio 2012 Prezzo a Copia 0,925 ANALISI DI SCENARIO: UN 2012 ALL INSEGNA DELLA TURBOLENZA ABC DELLA FINANZA: QUANDO LA PAURA DI PERDERE CI FA PERDERE FOCUS PRODOTTI E SERVIZI: PAF, UN SALVADANAIO PER ESSERE SERENI DATI PERIODICI DI RISCHIO-RENDIMENTO E COSTI DEI FONDI

2 APRILE 2012 U N I V E R S I T À B O C C O N I EDIFICIO GRAFTON VIA ROENTGEN, 1 - MILANO T I A S P E T T I A M O A L L A T E R Z A E D I Z I O N E D E L P I Ù IMPORTANTE EVENTO ITALIANO DEDICATO ALLA GESTIONE DEL RISPARMIO. TRE GIORNI DI CONTATTO DIRETTO TRA O PER AT OR I DEL S E T T O R E, I N V E S T I T O R I P R I V A T I E S T U D E N T I P E R DIALOGARE SULLE PRINCIPALI TEMATICHE DI ATTUALITÀ ATTRAVERSO INCONTRI, PROGETTI CULTURALI E OCCASIONI DI APPROFONDIMENTO. A N C H E Q U E S T A N N O U B I P R A M E R I C A È S P O N S O R DELLA MANIFESTAZIONE, DOVE SARÀ PRESENTE CON UNO STAND DEDICATO E TERRÀ UN CONVEGNO GIOVEDÌ 19 APRILE ALLE ORE Per ricevere ulteriori informazioni sul nostro convegno invia una a w w w. s a l o n e d e l r i s p a r m i o. c o m Dove è possibile sottoscrivere i fondi di UBI Pramerica SGR Gruppo UBI Banca Banca Popolare di Bergamo Banco di Brescia Banca Popolare Commercio e Industria Banca Regionale pea Banca Popolare di Ancona Banca Carime Banca di Valle Camonica Banco di San Giorgio UBI Banca Private Investment UBI Banca IW Bank Altri Collocatori AlpenBank Banca Agricola Popolare di Ragusa Banca di Credito Cooperativo Valdostana Banca di Romagna Banca Emilveneta Banca Farnese Banca Generali Banca Ifigest Banca Interprovinciale Banca Interregionale Banca Popolare Pugliese Banco di Desio e della Brianza Banco Emiliano Romagnolo Barclays Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti Cassa di Risparmio di Cesena Cassa di Risparmio di Lucca, Pisa e Livorno Cassa di Risparmio di San Miniato Cassa Lombarda Corporate Family Office SIM Fineco GenesiULN SIM Hypo Tirol Bank Online SIM SOL&FIN Südtirol Bank

3 Milano, febbraio 2012 Gentile cliente, l anno che ci siamo lasciati alle spalle si è rivelato particolarmente difficile, per via della crisi che ha interessato tutta l zona e della volatilità che ha investito i mercati finanziari. Anche l anno appena iniziato si presenta complesso: crescita economica a rischio, politiche fiscali restrittive, decisioni politiche difficili. UBI Pramerica ha sempre puntato alla qualità dei prodotti e alla vicinanza al cliente e la situazione straordinaria in cui ci troviamo ci spinge a intensificare ancor di più gli sforzi in questo senso. In primo luogo stiamo sviluppando nuovi prodotti pensati come risposta alle aspettative di rischio/rendimento dei nostri clienti, in un contesto volatile e incerto come quello attuale. La nostra gamma di offerta è ampia e solida e comprende fondi di diritto italiano, una sicav lussemburghese e gestioni patrimoniali: a tale offerta tradizionale stiamo affiancando un numero selezionato di prodotti innovativi per rispondere in modo diretto alle esigenze specifiche di oggi, aiutando il cliente a orientarsi verso un orizzonte d investimento di medio termine e verso una maggiore diversificazione. La seconda esigenza da soddisfare è la richiesta d informazioni chiare, semplici e immediate alla quale stiamo rispondendo con il potenziamento degli strumenti di supporto alle reti distributive, mediante nuovi canali che s integrano con quelli attuali e puntano alla diffusione tempestiva di contenuti di qualità facilmente fruibili. Infine, il cliente chiede qualità nella gestione degli investimenti, alla quale rispondiamo con la professionalità dei nostri team che nel tempo ha reso possibili risultati tra i migliori dell industria italiana. La nostra forza è la scala che va ben oltre la semplice dimensione domestica. Grazie alla partnership con Pramerica Financial possiamo, infatti, fare affidamento su un team composto da oltre 250 professionisti presenti nelle aree geografiche di maggiore interesse del mondo. Oggi più che mai è, infatti, importante continuare ad affidarsi a una gestione professionale, in grado di affrontare con esperienza e pragmatismo questi momenti d instabilità e d incertezza. UBI Pramerica sarà presente anche quest anno al Salone del Risparmio, il più importante evento italiano dedicato alla gestione del risparmio. La manifestazione si terrà a Milano dal 18 al 20 aprile e si propone come luogo d incontro diretto e privilegiato con il pubblico dei risparmiatori, cui sono dedicati momenti di confronto, progetti culturali e occasioni di approfondimento: tutti i nostri clienti sono invitati! Nel ringraziarla nuovamente per la fiducia accordataci, le porgo cordiali saluti. Andrea Pennacchia Direttore Generale UBI Pramerica SGR In questo numero Analisi di scenario: pag. 2 un 2012 all insegna della turbolenza Il gestore risponde pag. 5 ABC della finanza: pag. 6 Quando la paura di perdere ci fa perdere focus prodotti e servizi: PAF, un salvadanaio per essere sereni pag. 8 Dati periodici di rischio-rendimento pag. 10 e costi dei fondi News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 1

4 a n a l i s i d i s c e n a r i o U n a l l i n s e g n a d e l l a t u r b o l e n z a Pre vis to un r allentamento dell economia mondiale I l 2012 sarà un anno impegnativo per i mercati finanziari, che continueranno a essere soggetti a volatilità e turbolenze. L economia mondiale entrerà in una fase di rallentamento, mentre appare ancora distante una soluzione definitiva ai problemi dell eurozona. Tra gli elementi positivi vanno segnalate una decelerazione dell inflazione a livello mondiale e la prosecuzione di politiche monetarie accomodanti da parte delle banche centrali. la crescita rallenta Lo scenario globale si caratterizza per una decelerazione sincronizzata, con l eccezione degli Stati Uniti. Nel primo semestre del 2011 gli Usa hanno registrato un tasso di crescita assai modesto, prossimo allo zero, mentre nel secondo semestre hanno evidenziato una riaccelerazione del ciclo economico. In un contesto globale caratterizzato da un rallentamento diffuso, riteniamo che questa dinamica non possa essere sostenuta in maniera significativa nel corso dell anno e confermiamo il nostro scenario centrale di una crescita modesta e vulnerabile con alcuni rischi di downside. Il recupero dell attività economica sta avvenendo prevalentemente attraverso un erosione del tasso di risparmio delle famiglie, che non appare conciliabile con la necessità di lungo periodo di riduzione dell indebitamento, e attraverso un rafforzamento della dinamica delle esportazioni nette difficilmente sostenibile in un contesto globale di rallentamento. Gli altri rischi presenti sono legati al peggioramento delle condizioni finanziarie e di accesso al credito, nonché agli effetti negativi della stretta fiscale per il 2012, qualora non venga trovato un accordo per l estensione di alcuni benefici fiscali introdotti negli ultimi anni. Nell area le sorprese macro restano negative e gli indicatori guida dell attività economica hanno raggiunto i livelli tipici dei periodi recessivi. Lo scenario centrale si caratterizza per un aumento dei rischi di una stagnazione dell area nel suo complesso, con probabilità elevate di recessione nella periferia e semiperiferia da mettere in relazione all austerità fiscale, al restringimento delle condizioni finanziarie e all azione di deleveraging delle banche, che sta progressivamente riducendo l offerta di credito al sistema, nonché alla crisi di fiducia di imprese e consumatori. In Giappone l economia è in ripresa, spinta soprattutto dall attività di ricostruzione post terremoto, ma stanno aumentando gli effetti negativi derivanti dalla decelerazione dell area asiatica e dalla forza dello Yen. Nei Paesi emergenti la crescita è in una fase di moderazione. Risente del restringimento delle condizioni monetarie che ha caratterizzato molti Paesi e della decelerazione del ciclo a livello globale attraverso le esportazioni e, potenzialmente, attraverso il canale finanziario. Emilio Franco, CFA Responsabile investimenti e Vice Direttore Generale di UBI Pramerica la crisi dell eurozona La situazione nell eurozona resta molto complessa, con una soluzione organica della crisi che appare ancora distante. Alle spalle c'è una grande recessione con troppo debito nel sistema, e per l immediato futuro si prevede una crescita modesta e vulnerabile, nonché il problema di una leadership politica in transizione (per esempio con le elezioni in Francia) proprio nel momento in cui le risposte devono essere sempre più politiche. Per Paesi come l Italia c è inoltre il rischio della trappola del debito, cioé una bassa crescita da cui derivano politiche di austerity che a loro volta provocano ulteriore bassa crescita. Nell eurozona si sono sviluppate quattro diverse crisi: la crisi del debito sovrano, quella bancaria (dovuta anche al leveraging), la crisi istituzionale (nella quale sono confluiti per esempio problemi di governance, ristrettezze di mandato alla Banca Centrale pea, la divergenza tra una politica monetaria pagina 2 News Fondi - anno 10 - numero 1

5 unica e politiche fiscali indipendenti) e la perdita di competitività dei Paesi periferici e semiperiferici. È indispensabile affrontare i grandi squilibri competitivi che, assieme alla mancanza di mobilità del lavoro e di coordinamento delle politiche fiscali, rappresentano i principali elementi di debolezza dell Unione. Purtroppo il summit europeo dell 8-9 dicembre scorsi non ha delineato un processo istituzionale verso il federalismo fiscale, ma solo un sistema di politiche fiscali basate su regole. Queste regole fiscali rappresentavano già una caratteristica peculiare dei Trattati di Maastricht e Lisbona e finora non hanno garantito una solida disciplina di bilancio. Inoltre, il veto della Gran Bretagna a modificare tali trattati in campo fiscale si tradurrà nel fatto che le nuove regole saranno introdotte attraverso accordi bilaterali tra governi, con il rischio di essere impugnati o rinnegati dagli esecutivi successivi. Dal canto suo, la Banca Centrale pea ha deluso le aspettative degli operatori perché ha ribadito l incompatibilità del suo mandato con il ruolo di prestatore di ultima istanza per gli emittenti sovrani. Dopo il vertice dell 8-9 dicembre va però anche ricordato che la BCE ha assunto un atteggiamento molto aggressivo come prestatore di ultima istanza delle banche: si tratta di un passo importante perché l economia europea è molto più intermediata dagli istituti di credito di quella statunitense. l inflazione decelera L inflazione appare in moderazione e non costituisce un problema neppure nei Paesi emergenti. Nella prima parte del 2011 il livello dei prezzi è cresciuto in maniera abbastanza significativa in quasi tutte le aree del mondo, soprattutto grazie a una dinamica penalizzante delle materie prime. Nei prossimi anni nelle aree più sviluppate l inflazione dovrebbe ridursi, per il calo delle commodities e la debolezza del quadro di crescita, caratterizzato da elevati livelli di disoccupazione. Nell area i possibili rialzi dell Iva, prospettati nei piani di austerità fiscale di molti Paesi, costituiscono rischi contenuti. Le parole da conoscere Deleveraging Il deleverage è la riduzione della leva finanziaria, vale a dire il disinvestimento che si realizza rimborsando il debito pregresso con la liquidità disponibile o vendendo asset finanziari in portafoglio per fare cassa. Il leverage, o effetto leva, viene utilizzato per misurare la proporzione fra il capitale proprio e quello di terzi delle risorse utilizzate per finanziare gli impieghi. Duration La duration di un portafoglio titoli, o di un singolo titolo, indica la durata finanziaria residua media dei titoli contenuti in un determinato portafoglio, o del titolo considerato. Easing quantitativo È un processo di creazione di moneta attraverso l acquisto, per esempio, di titoli di Stato in mano ai privati. Si tratta di una strategia messa in campo quando i tassi d interesse sono vicini allo zero e l istituto centrale ha scarsi margini di manovra sul costo del denaro. Paesi periferici e semiperiferici I Paesi periferici dell area sono Grecia, Irlanda e Portogallo (che hanno ricevuto da tempo gli aiuti del Fondo Salva-Stati), mentre i Paesi considerati semiperiferici sono Italia, Spagna e Belgio. Prestatore di ultima istanza È l organismo che finanzia il sistema bancario e monetario, quando sono esaurite o indisponibili tutte le altre forme di credito. Debito ancora a livelli pre-grande Recessione DEBITO TOTALE/PIL USA EUROPA IN % DEL PIL Fonte: Federal Reserve, NBER, stat. News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 3

6 Nell area degli emergenti molti Paesi stanno ancora crescendo sopra il loro potenziale: questa situazione comporta dei rischi di surriscaldamento, che però all interno di questo contesto si stanno progressivamente ridimensionando. politiche monetarie accomodanti In un contesto di rallentamento della crescita, di moderazione dell inflazione e di crisi finanziaria dell area, le Banche centrali sono diventate sempre più accomodanti. Quelle più importanti hanno anche definito un azione coordinata per offrire liquidità in dollari. La Federal Reserve statunitense mantiene una politica estremamente accomodante ed è probabile che si prepari a una nuova fase di easing quantitativo, nel caso si verificasse una decelerazione maggiore delle attese. La Banca Centrale pea ha effettuato un doppio taglio di 25 punti base del tasso di riferimento e, cosa ben più significativa, ha deciso di offrire liquidità illimitata alle banche per tre anni, allentando anche in maniera considerevole i criteri per l accettazione di collaterale, riducendo quindi lo stress sulle necessità di finanziamento delle banche. i nodi da sciogliere All interno dello scenario permangono tuttavia i rischi di natura ciclica legati alla decelerazione macroeconomica, all austerità fiscale e al restringimento delle condizioni finanziarie. Sono presenti pure i rischi strutturali rappresentati dal deleveraging, dalla crisi bancaria, dalla paralisi istituzionale dell Unione pea, dal tema della sostenibilità fiscale degli emittenti sovrani e dal problema latente di competitività all interno dell area. Da segnalare, inoltre che nel corso del 2012 ci sarà un elevato fabbisogno di finanziamento per le banche e per gli emittenti sovrani di area (a partire dall Italia). Nella gestione di questa crisi rimane decisamente elevato l execution risk di carattere politico e resta considerevole la possibilità di commettere errori di politica economica e fiscale da parte dei principali policy maker. Inoltre gli operatori considerano sempre più probabile, da parte delle principali agenzie di rating, una serie di downgrade degli emittenti sovrani di area, decisione che potrebbe determinare un ulteriore incremento della volatilità dei mercati finanziari. le prospettive per il 2012 All interno di un quadro così articolato e turbolento è più che mai necessario procedere alla costruzione di un portafoglio ampiamente diversificato in termini di asset class, esposizione geografica e valutaria, ed è necessario affidarsi a una gestione professionale. A questo proposito è fondamentale ricordare al cliente di evitare il fai da te e di combinare sempre il rendimento con l altra dimensione dell investimento rappresentata dal rischio, poiché in questa fase particolare vi possono essere delle situazioni in cui scenari anche poco probabili possono avere dei costi molto elevati. Per quanto riguarda l asset class obbligazionaria, il nostro posizionamento si traduce nel mantenimento di una duration mediamente contenuta rispetto a quella tenuta storicamente sui nostri portafogli, perché la situazione è particolarmente complessa. Relativamente ai Paesi periferici e semiperiferici, riteniamo che l assenza di una soluzione sistemica alla crisi e l indisponibilità della Banca Centrale pea ad assumere il ruolo di prestatrice di ultima istanza rendano probabile uno scenario di estrema volatilità degli spread all interno di un trading range piuttosto ampio. Per quanto riguarda l investimento azionario, il nostro approccio rimane prudente. In una logica di lungo termine le valutazioni appaiono accettabili: vale a dire che i mercati azionari offrono un premio per il rischio, ovvero un potenziale sovrarendimento rispetto alle attività prive di rischio significativo, molto attraente. In un orizzonte temporale più breve, però, i rischi tendono a prevalere rispetto a questo tipo di opportunità. In un quadro globale in cui gli stati patrimoniali pubblici sono sotto pressione, riteniamo che l elemento migliore sia rappresentato dalla solidità delle imprese a elevato merito di credito non appartenenti al settore finanziario. Relativamente alle valute, riteniamo che l sia destinato a indebolirsi anche in maniera significativa nei confronti del Dollaro e di altre valute. Questo elemento ci induce a sottolineare l opportunità di un ampia diversificazione valutaria e della costruzione di portafogli che abbiano un adeguata esposizione a valute extra. pagina 4 News Fondi - anno 10 - numero 1

7 i l g e s t o r e r i s p o n d e e tensioni sui debiti sovrani L dei paesi periferici dell zona hanno impattato sensibilmente sulle performance dei portafogli dei fondi che investono in strumenti monetari. In particolare le performance dei fondi UBI Pramerica Cash e UBI Pramerica B.T. continuano ad essere negative. Quali strategie state assumendo per arginare questo fenomeno? E quali strategie intendete intraprendere per il nuovo anno? La principale ragione della sottoperformance nel 2011 dei due fondi va ricercata nel significativo sovrappeso dei titoli di stato italiani ed in particolare dei CCT che più dei titoli a tasso fisso sono stati colpiti dalle vendite sulla carta italiana. Anche se continuiamo a ritenere l Italia un Paese fondamentalmente solvibile e solido, abbiamo ritenuto necessario ridurre il rischio Italia in questi portafogli pur mantenendo una non trascurabile sovraesposizione. Pertanto nel mese di settembre, approfittando della discesa dei rendimenti seguita all intervento della Banca Centrale pea, abbiamo diminuito di circa 20 punti percentuali la componente di titoli di stato italiani, mantenendo tuttavia invariato il peso dei CCT che continuano ad essere estremamente convenienti rispetto al tasso fisso e che dovrebbero essere i maggiori beneficiari di un ritorno di positività nei confronti del nostro Paese. Inoltre, per coprire i portafogli almeno in parte da un eventuale peggioramento della situazione all interno dell area, è stato deciso (sul fondo UBI Pramerica BT) di acquistare opzioni sui cambi che beneficerebbero in caso di svalutazione della divisa comune rispetto a Dollaro, Sterlina e Yen. Attualmente, si ritiene di mantenere per il 2012 un sovrappeso di governativi italiani ed in particolare di CCT, data la combinazione favorevole di valutazioni interessanti e posizioni del mercato tendenzialmente piuttosto scariche. Tuttavia consideriamo di intraprendere a livelli e momenti che giudicheremo opportuni una strategia di maggiore diversificazione del portafoglio su titoli governativi di altri Paesi dell area o su titoli corporate (per UBI Pramerica BT). Il restringimento degli spread sul debito italiano da inizio 2012 ha contribuito ad una buona rivalutazione assoluta dei fondi nelle prime settimane dell anno. osa ci dobbiamo aspettare C per il prossimo futuro per i fondi obbligazionari corporate? A nostro avviso i titoli corporate rappresentano una buona opportunità di investimento per il I livelli degli spread riflettono un premio per il rischio richiesto ancora alto e si mantengono storicamente elevati rispetto alle obbligazioni governative core, mentre la situazione dei fondamentali delle imprese appare generalmente solida nell attuale scenario macroeconomico. Le opportunità presenti sul mercato devono comunque essere sempre considerate in relazione ai rischi che, in questa fase della crisi dei debiti sovrani, potrebbero manifestarsi soprattutto a causa di fattori esogeni al mercato, e che rendono ancor più necessaria una gestione attiva e diversificata degli investimenti. Dal punto di vista dei fondamentali delle imprese, la situazione macroeconomica, in uno scenario di crescita debole ma non ancora recessivo, è sostanzialmente positiva per l andamento delle obbligazioni dei settori industriali e ciclici, i cui spread potrebbero ridursi progressivamente. Per quanto riguarda gli emittenti finanziari, i fondamentali del settore nel medio-lungo periodo rimangono sotto pressione, ma in questa fase essi risultano i beneficiari diretti delle manovre delle autorità per garantirne liquidità e capitale: ciò costituisce un elemento positivo, soprattutto per quanto riguarda il debito senior. Se consideriamo i fattori tecnici del mercato, la situazione è favorevole: si prevede una contrazione delle emissioni nette sul mercato, a fronte di una domanda in crescita per l asset class, grazie anche a nuove forme di investimento sul credito come i fondi a scadenza. In sintesi, le prospettive di performance nel medio termine appaiono positive, ma l'investitore in fondi obbligazionari corporate dovrà affrontare, anche nel prossimo futuro, fasi di volatilità dei corsi, comunque in linea con il profilo di rischio (medio) dei fondi. News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 5

8 A B C d e l l a f i n a n z a Quando la paura di perdere ci fa perdere I s e g r e t i d e l l a f i n a n z a c o m p o r ta m e n ta l e Proseguono gli approfondimenti di News Fondi sulle principali tematiche legate al risparmio gestito. In questa tappa, ci occupiamo di finanza comportamentale P erché la paura di perdere soldi è tre volte più potente della soddisfazione che si prova quando li si guadagna? Perché siamo convinti che se con la monetina è uscito tre volte testa sia più probabile che la prossima volta esca croce, anche se la probabilità continua a essere del 5? O che i numeri ritardatari al Lotto abbiano più possibilità di uscire? Perché se abbiamo guadagnato a poker una certa somma aumenta la nostra propensione al rischio, a giocarci a cuor leggero di nuovo i soldi vinti, magari con il risultato di perderli tutti? Sono i paradossi studiati dalla finanza comportamentale, la branca degli studi economici che indaga sui comportamenti dei mercati, includendo nei propri modelli i principi di psicologia legati alla condotta individuale e sociale. Una disciplina che ci mostra quanto possano essere irrazionali ( ingannate da avidità e paura) le nostre decisioni quando si parla di denaro. Gli individui, infatti vengono influenzati da numerose variabili, come le credenze, le esperienze passate, il contesto e l incompletezza informativa. Tutte ragioni per le quali, come vedremo, in campo finanziario è preferibile affidarsi a dei professionisti, per non cadere vittima dell emotività e di meccanismi psicologici pericolosi. la storia. Il legame tra psicologia ed economia, già noto nel periodo classico con gli studi di Adam Smith (in particolare la sua Teoria dei sentimenti morali ) e Jeremy Bentham, passa in secondo piano durante il periodo neoclassico, in cui l economia viene avvicinata alle scienze naturali nel nome della razionalità e dell efficienza. Bisogna attendere gli anni Sessanta del secolo scorso per ritrovare traccia della psicologia in campo economico, con l affacciarsi alla ribalta dell economia comportamentale. Ma è nel 1979 che la nuova disciplina si afferma definitivamente, grazie alla pubblicazione da parte degli psicologi israeliani Daniel Kahneman (Nobel per l economia nel 2002) e Amos Tversky dello studio Prospect Theory: Decision Making Under Risk, pietra miliare della finanza comportamentale. Nel lavoro dei due israeliani viene delineata la Teoria del prospetto, che dimostra come le decisioni degli individui violino regolarmente i principi di razionalità economica. Due i capisaldi della teoria di Kahneman e Tversky: l effetto contesto e l avversione alle perdite. Il primo è noto anche come framing e dimostra come il modo con il quale il problema viene formulato abbia un effetto determinante sulla scelta stessa. L avversione alle perdite, legata probabilmente a un ancestrale istinto di sopravvivenza dell uomo, significa invece che per la maggior parte delle persone la paura di perdere è superiore alla motivazione a realizzare un guadagno. Facciamo un esempio. Immaginiamo che vi consegnino mille e che vi chiedano di scegliere tra due possibilità: indicando A vincete altri 500, optando per B avete la possibilità di lanciare una moneta che se esce testa vi fa portare a casa altri mille, mentre se esce B nulla. La maggior parte degli individui sceglierà la prima opzione (il guadagno sicuro di 500 ), anche se con la seconda ha il 5 di possibilità di raddoppiare la vincita. Vediamo un secondo esempio, speculare al primo. Immaginate che vi diano duemila e che vi chiedano di scegliere tra due possibilità. Con l opzione A perdete 500, con la B lanciate la moneta: se esce testa perdete mille, se viene croce non perdete nulla. In questo caso, la maggioranza delle persone sceglie la B, anche se in teoria il risultato - a livello di probabilità - è identico nelle due opzioni. Che cosa significa tutto ciò? Che c è la tendenza a prendere rischi per evitare di perdere soldi (il meccanismo in questo caso si chiama dell avversione alla perdita certa). In modo irrazionale, perché di fatto le situazioni sono identiche. pagina 6 News Fondi - anno 10 - numero 1

9 i tre cardini. Sono tre i bastioni della finanza comportamentale. Il primo è l euristica: le decisioni sono basate su regole empiriche, approssimative, che non seguono l analisi razionale ma vengono prese istintivamente, sulla base di esperienze passate. Poi c è l inquadramento, quando la decisione di chi sceglie viene influenzata dal modo con cui una decisione o un particolare quesito viene presentato. Il terzo tema forte della finanza comportamentale sono le inefficienze di mercato, comportamenti sociali contrari alle spiegazioni razionali. euristica: la fallacia dello scommettitore. Un esempio legato all euristica è la cosiddetta fallacia dello scommettitore, che possiamo vedere in molti giochi d azzardo: è l errata convinzione che gli eventi avvenuti nel passato influiscano su quelli futuri. Un classico esempio è convincersi che sia molto più probabile che al Lotto esca un numero ritardatario. In realtà, le possibilità che un qualche evento si verifichi non sono necessariamente correlate con ciò che è accaduto in passato. Un esempio classico è quello del lancio di una moneta. La probabilità di ottenere testa è una su due, quella di ottenere due volte consecutive testa è una su quattro, quella di ottenerla tre volte consecutive una su otto e così via. Ipotizziamo che sia uscita per quattro volte consecutive testa. La fallacia dello scommettitore si traduce nel seguente ragionamento: «Se la prossima volta esce testa, si ha una successione di cinque volte consecutive in cui esce testa. La probabilità di cinque testa consecutive è di 1/32; dunque, al prossimo tentativo c è una probabilità di solo 1 su 32 che esca testa». Ma questo è un ragionamento errato. Mentre la probabilità di una successione di cinque testa consecutive è solo 1 su 32, ciò vale solo prima del primo lancio della moneta. Dopo i primi quattro lanci i risultati non sono più sconosciuti, per cui non vengono contati. Se la moneta è regolare, per definizione la probabilità che esca croce è infatti sempre una su due e quella che esca testa pure. Ritenere che nel lancio successivo sia più probabile che esca croce piuttosto che testa basandosi sui precedenti lanci è un errore. Così come è un errore la convinzione che l essere stati fortunati in passato influenzi in qualche modo l andamento delle prove future. inquadramento: gli inganni della contabilità mentale. Un esempio legato all inquadramento è quello del mental accounting, studiato in particolare dall economista americano Richard Thale. Il cardine della teoria è che le persone tendono a suddividere il denaro in diversi conti mentali, creando differenti budget per le spese e categorizzando la propria ricchezza e il proprio reddito. Tutto ciò in aperta contraddizione con il principio per cui i soldi non dovrebbero avere etichette ed essere tutti uguali, indipendentemente dalla fonte da cui provengono o dall impiego cui sono destinati. Esistono, secondo la teoria, sistemi di conti mentali anche per il reddito e la ricchezza. Il reddito si presta a essere contabilizzato in base alle fonti: la provenienza del denaro in questo caso fa la differenza, e la stessa somma viene percepita in modo diverso se ottenuta in modo occasionale (per esempio vinta al Lotto) o meno (grazie a un aumento di stipendio che premia un periodo di lavoro intenso). La serietà della fonte influisce sulla propensione a spendere e sul tipo di acquisti effettuati: mentre il denaro ritrovato a sorpresa in un cassetto si presta a essere speso subito e in modo frivolo, lo stesso non si può dire della somma ottenuta da un duro lavoro. inefficienze di mercato: seguire il gregge. A volte il mercato è viziato da comportamenti poco razionali con una caratteristica fondamentale: avere forte valenza collettiva. Tra le inefficienze di mercato, uno dei fenomeni più conosciuti è il cosiddetto comportamento del gregge. Esempi classici sono le bolle speculative, quando sembra che non ci sia fine alla crescita in Borsa del tal titolo azionario o della tale materia prima. In quel caso, il comportamento percepito come ottimale per molti individui è fare esattamente ciò che fanno gli altri, nella convinzione di continuare tutti a guadagnare all infinito (abbandonando tra l altro il principio dell avversione al rischio). Il comportamento collettivo, in questi casi, emerge da scelte individuali non coordinate. Il brutto è che quando il piccolo investitore entra nel mercato, buon ultimo dopo gli operatori professionali, spesso la bolla sta per esplodere. Senza preavviso, e con effetti rovinosi. L importanza di una gestione professionale Ma quali sono le implicazioni pratiche della finanza comportamentale nelle scelte di investimento che facciamo ogni giorno? Sono molte e non trascurabili per il nostro portafoglio: pensiamo per esempio alla febbre da acquisto legata alla bolla speculativa dei titoli tecnologici, alla fine degli anni Novanta, quando tutti erano convinti che le quotazioni dei titoli tecnologici dovessero sempre solo salire. Quando si è manifestata l inversione del trend molti hanno continuato a mediare al ribasso (cioè a comprare mentre i prezzi precipitavano) convinti che si trattasse di una correzione di breve periodo. Oppure pensiamo alle ondate di panico che portano migliaia di investitori a vendere nel momento peggiore, vale a dire in prossimità dei minimi. La componente emotiva, con tutti i tranelli che abbiamo visto in queste pagine, non è facile da eliminare per un piccolo investitore. Perciò è necessario affidarsi a dei professionisti, in grado di costruire un portafoglio molto diversificato in termini di asset class, esposizione geografica e valutaria. Evitando rigorosamente il fai da te e non dimenticandosi mai di combinare sempre le prospettive di rendimento con l altra dimensione dell investimento, quella rappresentata dal rischio. News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 7

10 f o c u s p r o d o t t i e s e rv i z i PA F, u n s a lva d a n a i o p e r e s s e r e s e r e n i Uno strumento di risparmio flessibile con rate contenute I sette vantaggi del PAF ono la versione moderna del tradizionale S porcellino-salvadanaio dove mettere i propri risparmi. Uno strumento semplice e flessibile per investire periodicamente e automaticamente in uno o più dei nostri fondi - spiega Suzanne Rohe, direttore commerciale e vicedirettore generale di UBI Pramerica - adattando l investimento alle proprie finalità e al proprio grado di rischio. Stiamo parlando del PAF, il Programma di Accumulazione Finanziaria. Di che si tratta? Di uno strumento semplice, estremamente flessibile che prevede il versamento automatico e periodico di una somma, normalmente su base mensile, con una soglia minima di 50. Ogni piano ha un numero minimo di 60 rate, quindi - visto che la base è mensile - si articola su almeno cinque anni. Il cliente può sospendere e riprendere il Programma di Accumulazione Finanziaria a sua discrezione senza costi aggiuntivi né penali. Inoltre con i PAF è possibile ottenere una gestione professionale anche con piccoli capitali. I Programmi di Accumulazione Finanziaria sono disponibili per tutti i fondi azionari, obbligazionari e bilanciati di UBI Pramerica. Suzanne Rohe direttore commerciale e vice direttore generale di UBI Pramerica 1. Controllo dell emotività negli investimenti: le tempistiche d ingresso nel fondo non sono dettate dall emotività ma dalla cadenza automatica dell investimento. 2. Sfruttamento della volatilità dei mercati: l acquisto delle quote del fondo avviene a diversi prezzi di mercato, mediando così il valore d acquisto delle quote in portafoglio. In questo modo, viene difeso meglio il capitale nelle fasi di calo dei mercati. 3. Gestione professionale del risparmio anche con capitali modesti (bastano 50 per l apertura di un PAF e per ogni versamento successivo). 4. Avvicinamento graduale ai mercati azionari, beneficiando dei versamenti dilazionati nel tempo. 5. Flessibilità: l importo e il numero dei versamenti sono adattabili a ogni esigenza, ed è possibile disinvestire in ogni momento tutto il capitale o parte di esso senza penalità. 6. È possibile reinvestire il capitale derivante da cedole o dividendi. 7. L accantonamento può servire per finanziare specifiche esigenze future, come gli studi universitari o una pensione integrativa. un avvicinamento graduale ai mercati. Uno dei benefici di un Programma di Accumulazione Finanziaria è di permettere di avvicinarsi ai mercati in maniera graduale, automaticamente, eliminando la componente emotiva che spesso condiziona l investitore e lo porta a non azzeccare il market timing (cioè il momento giusto per entrare o uscire dal mercato), con esiti davvero poco piacevoli. Un timing sbagliato, infatti, è una delle cause più frequenti di rendimenti bassi o negativi. E l emotività, quando si parla di denaro, spesso la fa da padrona attivando quei meccanismi della finanza comportamentale che abbiamo descritto nell'articolo a pagina 6. Con la volatilità (cioè le oscillazioni dei valori di azioni e obbligazioni) che abbiamo vissuto negli ultimi mesi, il piccolo investitore fatica a mantenere il sangue freddo e la lucidità nel timing di entrata e uscita dal mercato, sottolinea Suzanne Rohe. su misura per ogni esigenza. Quale tipo di fondo scegliere per il proprio Programma di Accumulazione? In un ottica di lungo termine legata a obiettivi precisi, come quelli per esempio di accantonare capitale per l università dei figli o costruirsi una rendita previdenziale complementare, è consigliabile l azionario, che storicamente ha dato dei rendimenti maggiori. In generale come sottostanti dei Programmi di Accumulazione Finanziaria sono comunque consigliabili oltre ai fondi azionari i prodotti bilanciati. Ma l investimento dev essere di lunga durata? Dipende dall obiettivo e può variare in base alle esigen- pagina 8 News Fondi - anno 10 - numero 1

11 ze; in genere è bene considerare almeno cinque anni (che corrispondono appunto a 60 rate mensili). Il numero massimo di rate è invece 600. Per costruire i PAF, tra l altro, è possibile versare non solo una parte del reddito, ma anche reinvestire per esempio le rendite finanziarie, come le cedole dei titoli di Stato o di altre obbligazioni, oppure i dividendi di titoli azionari. Il meccanismo dei versamenti automatici e periodici inoltre ha il pregio di proteggere il risparmiatore nelle fasi di calo delle Borse: ripartire i versamenti, infatti, significa acquistare quote del fondo in tutte le condizioni di mercato, sia durante i rialzi che i ribassi, mediando i prezzi. In questo modo si riduce il rischio dell investimento. i destinatari dei paf? Chiunque, ma in particolare i giovani, i risparmiatori e le famiglie che vogliono investire gradualmente per accumulare capitale, destinato per esempio al futuro acquisto di un immobile oppure al pagamento degli studi universitari dei figli o ancora all integrazione della pensione. Negli Stati Uniti fin da giovani viene sottolineata l importanza dell accantonamento di capitale in chiave previdenziale, che oltreoceano grava più sull individuo che sullo Stato, spiega Suzanne Rohe - che è nata a New York - e anche in pa probabilmente si andrà verso questa direzione. P.A.F. - Programma di Accumulazione Finanziaria Il futuro si costruisce un po alla volta. Il PAF dinamico È possibile sottoscrivere anche il servizio PAF Dinamico, che permette di equilibrare l esposizione azionaria di un investimento in funzione dell andamento dei mercati, sfruttando i momenti favorevoli all acquisto di quote oppure mettendo al riparo i risultati ottenuti. Il servizio funziona con un trasferimento automatico di quote tra un qualsiasi fondo azionario UBI Pramerica, alimentato da un PAF con un minimo di 120 versamenti mensili, e il fondo liquidità UBI Pramerica Cash. L investimento in quest ultimo deve essere pari ad almeno 10 versamenti unitari del PAF. Il meccanismo non è discrezionale ma automatico: al verificarsi di determinate condizioni di mercato favorevoli alla vendita o all acquisto di quote del fondo azionario, il servizio prevede rispettivamente il passaggio di parte dell investimento dal fondo azionario al fondo di liquidità o viceversa. L identikit di tre risparmiatori che hanno scelto i PAF Luigi 25 anni single Antonio e Maria 35 anni genitori di due bambine piccole Giovanni e Laura 55 anni genitori di un figlio autonomo Obiettivo: accumulare risparmio per avere in futuro un entrata che si accompagni a quella della pensione Orizzonte temporale: 30 anni Obiettivo: accumulare risparmio in previsione del momento in cui i figli dovranno frequentare l università Orizzonte temporale: 15 anni Obiettivo: accumulare risparmio per esigenze future e in ogni caso per vivere con serenità Orizzonte temporale: 10 anni News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 9

12 DATI PERIODICI DI RISCHIO-RENDIMENTO DEL FONDO UBI Pramerica Total Return Prudente Obbligazionari Flessibili Misura di rischio (*) Ex ante (Var, 1 mese, 99%): - 2% Ex post: -0,88% La misura di rischio ex post è pari al minor rendimento realizzato su base mensile nel corso dell ultimo anno determinato escludendo l 1% dei peggiori risultati. (*) Il carattere dinamico della gestione non consente l individuazione di un Benchmark. 8% 6% 4% 2% In questo periodo la politica di investimento del Fondo era diversa 4,2% 2,3% Rendimento annuo del Fondo 1,9% 1,2% 1,9% -2% UBI Pramerica Total Return Prudente Benchmark non previsto 1,3% 6,2% 3,8% 0,4% -0,2% I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 28/11/1994 Patrimonio netto al 30/12/ ,20 Valore Quota al 30/12/ ,480 UBI Pramerica Cash Liquidità Area 10 The BofA Merrill Lynch Treasury Bill Index 6% In questo periodo la politica di investimento del Fondo era diversa 5% 4,1% 4% 3,5% 2,8% 3% 3, 3, 2,7% 2,3% 2,1% 2, 2% 1,7% 1,8% 1,8% 1,8% 1,7% 1,4% 1,3% 1,1% 1% 0,5% 0,1% -0,2% -1% UBI Pramerica Cash Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 02/01/1997 Patrimonio netto al 30/12/ ,09 Valore Quota al 30/12/2011 7,279 pagina 10 News Fondi - anno 10 - numero 1

13 UBI Pramerica B.T. Obbligazionari Governativi Breve Termine 10 The BofA Merrill Lynch 1-3 Year Government Index 9% In questo periodo la politica di investimento del Fondo era diversa I dati di rendimento del Fondo non includono i costi 6% 3% 4,2% 4,5% 3,2% 3,4% 2,1%2,1% 2,2% 1,9% 1,1% 1,8% 1,4% 1,9%2,7% 5,8% 3,9% 3,7% 0,7% 0,8% 2,3% Inizio collocamento 02/01/1995-3% -2,9% -6% UBI Pramerica B.T. Benchmark Patrimonio netto al 30/12/ ,92 Valore Quota al 30/12/2011 6,549 UBI Pramerica Medio/Lungo Termine Obbligazionari Governativi Medio/Lungo Termine 10 The BofA Merrill Lynch Large Cap Index 9% 7,3% 6,5% 6% 5,5% 5,6%6,1% 3,9% 4,6% 4,3% 3,3% 3,2% 3,1% 3% 1,2% 1,3% 1,7% 1,9% -0,1% -0,2% -2,2% -3% UBI Pramerica Medio/Lungo Termine Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 27/03/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,20 Valore Quota al 30/12/2011 6,766 News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 11

14 UBI Pramerica Obbligazioni Dollari Obbligazionari Altre Specializzazioni 10 Barclays Capital U.S. Government/Credit Index 2 15% 1 5% -5% -1-15% -12,2% -11,2% -4,4% -3,8% 15,2% 16,2% -7, -6,3% -4,5% -3,6% 12, 12,3% 12,5% 9,5% 10,6% 7,2% 5,6% 2,6% UBI Pramerica Obbligazioni Dollari Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 26/04/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,57 Valore Quota al 30/12/2011 5,728 UBI Pramerica SGR S.p.A., nel quadro dei criteri di allocazione del risparmio dalla stessa definiti, ha conferito a Prudential International Investments Advisers LLC (***) una delega avente ad oggetto le scelte di investimento sui mercati di riferimento del Fondo. UBI Pramerica Obbligazioni Globali Obbligazionari Internazionali Governativi 10 Citigroup World Government Bond Index 18% 15% 12% 9% 6% 3% -3% -6% 1,4% 6,2% 6,8% 14,5% 13,5% 0,4% 8,1% 10,8% 6,7% 10,3% -0,6% -0,6% -0,3% -1, -4,4% -3,8% -3,7% -4,4% UBI Pramerica Obbligazioni Globali Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 12/04/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,30 Valore Quota al 30/12/2011 6,286 pagina 12 News Fondi - anno 10 - numero 1

15 UBI Pramerica Obbligazioni Globali Corporate Obbligazionari Internazionali Corporate Investment Grade 10 Citigroup World Broad Investment Grade Corporate Hedged Index 2 15% 1 5% -5% -1 7,4% 5,3% 4,5% 5,6% 1,4% 2, 0,5% 1,4% 1,7% 0,4% -5,5% 15,8% 14,2% -1,6% 5,4% 5,9% 6, 5,2% UBI Pramerica Obbligazioni Globali Corporate Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 26/04/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,76 Valore Quota al 30/12/2011 7,274 UBI Pramerica SGR S.p.A., nel quadro dei criteri di allocazione del risparmio dalla stessa definiti, ha conferito a Prudential International Investments Advisers LLC (***) una delega avente ad oggetto le scelte di investimento sui mercati di riferimento del Fondo. UBI Pramerica Obbligazioni Globali Alto Rendimento Obbligazionari Internazionali High Yield 10 Barclays Capital Global High Yield - Hedged Index ,5% 22,5% 10,1% 10,9% 5, 3,9% 6,6% 8,6% -0,2% 0,5% 39,5% 51,9% 11,8% 13,3% 3,7% 2,9% -23,1% -24,8% UBI Pramerica Obbligazioni Globali Alto Rendimento Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 26/04/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,23 Valore Quota al 30/12/2011 9,573 UBI Pramerica SGR S.p.A., nel quadro dei criteri di allocazione del risparmio dalla stessa definiti, ha conferito a Prudential International Investments Advisers LLC (***) una delega avente ad oggetto le scelte di investimento sui mercati di riferimento del Fondo. News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 13

16 UBI Pramerica Corporate Obbligazionari Corporate Investment Grade 10 The BofA Merrill Lynch Large Cap Corporate Index 2 In questo periodo la politica di investimento del Fondo era diversa I dati di rendimento del Fondo non includono i costi 15% 1 15,3% 13,4% 6,4% 6,8% 5,8% 6,3% 6,6% 5,2% 4,1% 5% 3,1% 2,7% 1,6% 0, 0,6% 1,8% 0,8% 0,8% -0,2% -2, -2,3% -5% UBI Pramerica Corporate Benchmark Inizio collocamento 01/06/1999 Patrimonio netto al 30/12/ ,78 Valore Quota al 30/12/2011 7,642 UBI Pramerica Bilanciato a Rischio Controllato Bilanciati Obbligazionari 25% EURO STOXX Index (già Dow Jones Stoxx Index) 75% The BofA Merrill Lynch 1-3 Year Government 12% 9% 6% 3% 9, 6,2% 6,6% 7,2% 6,2%5,9% 6, 5,3% 4,5% 4,5% 4,2% 0,5% 0,2% 1,5% I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 12/04/2002-3% -4,4% -6% -2,2% -6,2% -7,4% -9% UBI Pramerica Bilanciato a Rischio Controllato Benchmark Patrimonio netto al 30/12/ ,20 Valore Quota al 30/12/2011 5,629 pagina 14 News Fondi - anno 10 - numero 1

17 UBI Pramerica Portafoglio Prudente Obbligazionari Misti 3 The BofA Merrill Lynch Treasury Bill Index 2 The BofA Merrill Lynch Global Government excluding Index ( Hedged) 5% The BofA Merrill Lynch Global Government excluding Index 35% The BofA Merrill Lynch Large Cap Index 5% EURO STOXX Index (già Dow Jones Stoxx Index) 5% MSCI AC World Index ex EMU 6% 5% 4% 3% 2% 1% 3,2% 2,6% 2,6% 4, 4,7% 5, 1,8% 1,9% 0,9% 2,7% 1,2% 0,8% 5, 5, 2,5% 3,6% 1,1% UBI Pramerica Portafoglio Prudente Benchmark 2,9% I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 12/04/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,48 Valore Quota al 30/12/2011 6,191 UBI Pramerica Portafoglio Moderato Bilanciati Obbligazionari 2 The BofA Merrill Lynch Treasury Bill Index 2 The BofA Merrill Lynch Global Government excluding Index 35% The BofA Merrill Lynch Large Cap Index 15% EURO STOXX Index (già Dow Jones Stoxx Index) 1 MSCI AC World Index ex EMU 15% 12% 9, 8,8% 9, 8,7% 9% 6,6% 6% 3,4% 3,9% 4,7% 3,2%2,9% 3,3% 2,4% 3% 1,7% 0,5% 1,5% -1, -3% -6% -5,1% -5,1% -9% UBI Pramerica Portafoglio Moderato Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 12/04/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,96 Valore Quota al 30/12/2011 6,016 News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 15

18 UBI Pramerica Portafoglio Dinamico 2 15% 1 5% -5% -1-15% -2 6,6% 5,8%3,8% 4,6% 14, 13,2% 7, 5,3% -2,5% 1,9% -16,6%-16,6% 16,3% 14,9% 9, 6,8% -3,1% -1,7% UBI Pramerica Portafoglio Dinamico Benchmark Bilanciati 1 The BofA Merrill Lynch Treasury Bill Index 15% The BofA Merrill Lynch Global Government excluding Index 25% The BofA Merrill Lynch Large Cap Index 25% EURO STOXX Index (già Dow Jones Stoxx Index) 25% MSCI AC World Index ex EMU I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 12/04/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,31 Valore Quota al 30/12/2011 5,534 UBI Pramerica Portafoglio Aggressivo Bilanciati Azionari 25% The BofA Merrill Lynch Large Cap Index 4 EURO STOXX Index (già Dow Jones Stoxx Index) 35% MSCI AC World Index ex EMU , 17, 11,3% 12,5% 10,1% 6, 6,4% 9,6% 2,7% -3,7% 22,3% 22, 8,8% 6,4% -7,6% -6,6% -27,6% -28,1% UBI Pramerica Portafoglio Aggressivo Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 12/04/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,63 Valore Quota al 30/12/2011 4,996 pagina 16 News Fondi - anno 10 - numero 1

19 UBI Pramerica Azionario Etico Azionari Area 95% ECPI - Ethical Index uro (**) 5% The BofA Merrill Lynch Treasury Bill Index (**)L indice ECPI - E. Capital Partners Indices Ethical Index uro è disponibile a decorrere dal 1 gennaio ,4% 19,4% 6,3% 1,4% -37,7% -38, 22,6% 22, -0,8% 1,7% -14, -15,3% UBI Pramerica Azionario Etico Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 16/09/2005 Patrimonio netto al 30/12/ ,40 Valore Quota al 30/12/2011 4,293 UBI Pramerica Azioni Italia Azionari Italia 95% COMIT Performance R Index (**) 5% The BofA Merrill Lynch Treasury Bill Index (**) A far tempo dal 1 gennaio 2006, l indice COMIT Globale R è utilizzato nella versione Total Return: COMIT Performance R Index ,6% 15,3% 15, 15,4% 17,7% 19,7% 11,9% 11,6% -4,7% -3,4% 24,4% 20,3% -4,1% -3,6% -20, -18,7% -43,1% -39, UBI Pramerica Azioni Italia Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 27/03/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,92 Valore Quota al 30/12/2011 3,890 News Fondi - anno 10 - numero 1 pagina 17

20 UBI Pramerica Azioni Azionari Area 95% EURO STOXX Index (già Dow Jones Stoxx Index) 5% The BofA Merrill Lynch Treasury Bill Index ,7% 25, 21, 14,9% 19,2% 19,2% 13,1% 8,6% -0,7% 6,3% -38,7% -37,3% 23,2% 23, 2,9% 2,7% -12,4% -15,1% UBI Pramerica Azioni Benchmark I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 27/03/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,92 Valore Quota al 30/12/2011 5,017 UBI Pramerica Azioni USA Azionari America 95% Standard & Poor s 500 Index 5% The BofA Merrill Lynch Treasury Bill Index ,1% 4,7% 0,6% 0,5% 27,4% 15,7% -1, 3,1% -2,7% -3,8% 31,6% 23,4% 15,1% 18,8% -2,2% -35,5% -29,9% UBI Pramerica Azioni USA Benchmark 4,7% I dati di rendimento del Fondo non includono i costi Inizio collocamento 27/03/2002 Patrimonio netto al 30/12/ ,15 Valore Quota al 30/12/2011 4,232 UBI Pramerica SGR S.p.A., nel quadro dei criteri di allocazione del risparmio dalla stessa definiti, ha conferito a Prudential International Investments Advisers LLC (***) una delega avente ad oggetto le scelte di investimento sui mercati di riferimento del Fondo. pagina 18 News Fondi - anno 10 - numero 1

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager Soluzioni orientate ai risultati Obiettivo raggiunto L esperienza trentennale di UBS Global Asset Management nella gestione dei

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli