Informazione di Trend Control Systems Italia orientato al risparmio energetico -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazione di Trend Control Systems Italia orientato al risparmio energetico - www.trend-controls.it"

Transcript

1 Marco Nostrini, Nuovo Mediterranean Area Regional Manager di Trend Control Systems Avvicendamento al vertice dell area mediterranea di Trend: Arman Saeidnia, che aveva lasciato il posto a Novembre è stato sostituito da Marco Nostrini. Passagio di testimone, quindi, tutto interno alla Honeywell, con Marco arrivato dalla posizione di Sales Leader BCI Italia. La struttura della regione Mediterranea guadagna un fine conoscitore delle dinamiche interne alla società e del mercato del BMS in generale. Marco, provenendo dal settore Partners di Honeywell non cambia filosofia di applicazione nel suo nuovo lavoro giornaliero. L occasione è stata proficua anche per una riorganizzazione interna del team, che si è dato dei ruoli con ambiti ben definiti per ciascuno dei membri. Lo scopo della riorganizzazione è quella di snellire il processo decisionale, dando un carico di lavoro uniforme ai vari componenti. La figura del Regional Manager, quindi, si avvale da oggi della collaborazione dei due Country Sales leaders Jero Bermudez per la Spagna e Domenico Di Canosa per l Italia e l Export. A questi riporteranno i rispettivi team nelle due nazioni, con Joanna Krecka e Wanda Battaglia a fare squadra per il sales support e Sergio Torre e Michel Osso per il product management, training & technical support. Confermate le posizioni degli altri componenti il MED TEAM TREND. A Marco per la sua nuova posizione tutto il Med Team Trend augura un caloroso benvenuto! L importanza di ritrovarsi: l annuale meeting Trend a Roma Gentili lettori, è con piacere che condivido le mie emozioni con voi nel descrivervi l ambiente del meeting annuale di Trend, che quest anno si è svolto a Roma presso L Ergife Palace Hotel nei giorni 11 e 12 Giugno. Tutto, quest anno, per noi, sembrava consolidato, ben delineato eppure mutevole, vivo, frizzante I giorni precedenti al meeting, durante le preparazioni, fra noi colleghi si respirava quella pressione positiva da bollicine di prosecco ancora imprigionate in una preziosa bottiglia qualche attimo prima di essere stappata E vedervi arrivare nella sala dell albergo mentre affinavamo gli ultimi dettagli dei due giorni, è stato un lento e gustoso perlage I sorrisi, i gesti di amicizia, i consolidati rapporti e le frizzanti new entry: il classico mix di un bouquet che non lascia spazio a rammarici o desideri inespressi. C è stato tutto! E davvero stato un peccato per chi non ha potuto partecipare, ma da queste righe parte l augurio che il tempo che ci separa dal prossimo meeting possa essere come un fiume in docile piena, che con la sua corrente trascini, senza tumulti, coloro che si avvicinano al nostro mondo ad una partecipazione piena e costante. Del resto quest anno le novità non sono mancate anche per chi il marchio Trend lo ha nel DNA: la soluzione alberghiera, il display a colori da 4 pollici IQview 4, i driver Mbus e modbus targati Trend per la XNC, le certificazioni BTL, Eubac e GAMP, oltreché per i soli addetti ai lavori, anticipazioni sui prodotti futuri Il lungo dibattito sull attività commerciale e le breakaway sessions del giorno successivo, assieme agli input dalla casa madre portati da Pete Roberts ad Angela Bufton dell international sales support team, sono stati la dimostrazione della forte interattività fra la produzione e la rete commerciale. Nelle settimane successive abbiamo già visto come il feedback portato in azienda dai nostri colleghi inglesi stia già Diritti Riservati Trend Control Systems non si assume responsabilità per eventuali imprecisioni riportate in questo documento. Pagina 1 di 7

2 influenzando alcune scelte sul lancio di nuovi prodotti. Nella sessione aperta al pubblico, oltre alla qualificata affluenza ed al saluto del Presidente dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, Dott.Ing.Francesco Duilio Rossi, abbiamo avuto riscontro del fervido interesse suscitato dalle presentazioni effettuate durante la sessione: numerose mail di richiesta degli elaborati ed un vero e proprio assalto al sito internet si sono verificati nei giorni successivi. A valle di una breve ed interessante panoramica storica di Trend come Azienda, tenuta da Angela Bufton, di particolare rilievo la presentazione del nostro collega Michel Osso sulle possibilità e le modalità tecniche di interfacciamento ed integrazione degli impianti eventualmente già esistenti di Siemens, Honeywell, Sauter, TAC e Johnson Control attraverso l uso del protocollo BACnet. La potenzialità commerciale di poter aprire nuove strade anche su impianti già realizzati, implementandoli con la tecnologia Trend, estende il concetto di protezione degli investimenti, per noi naturale, anche a quegli utenti che in prima battuta avevano fatti scelte diverse, mettendoli al riparo da strategie commerciali umorali, che costringono a rivedere l intero impianto a causa di un semplice ampliamento anche solo dopo un breve periodo di esercizio. Di notevole interesse anche la presentazione tenuta dall Ing. Paola Del Grosso della Tecnozenith di Saluzzo (CN), sugli scenari dell assistenza in tempo reale, che ha mostrato come la formula di commercializzazione ed assistenza attraverso partners certificati, si sia rivelata una scelta vincente per l Università di Torino, che ha stipulato un contratto di full maintenance per 18 anni con la Tecnozenith. Grazie a questa scelta l Ateneo torinese gode dell assistenza h24 attraverso tecnologia IP Trend, che garantisce comfort agli occupanti e risparmio per l ente gestore. Numeri alla mano la presentazione del sito BMS più grande d Europa: la base NATO di Sigonella, ha fatto segnare risparmi tracciati e misurati in campo dell ordine medio del 25% sulle fonti energetiche e sull impiego dell acqua nella base, garantendo un ritorno sull investimento nell arco di 18 mesi. E utile ricordare a tale proposito che gli investimenti nel sito di Sigonella sono proposti e preventivamente studiati da una società di gestione esterna e privata (attualmente è la AMERESCO), che si fa carico dell entrata a regime degli impianti e della copertura finanziaria attraverso una sorta di project financing. Spazio anche alle necessità della progettazione con una live teaching session guidata da Marco Vincenzi, che ha mostrato le nuove modalità di progettazione dei sistemi BMS ed i servizi di supporto e formazione continua ai progettisti che Trend mette a disposizione. Ha chiuso i lavori una impressionante carrellata di referenze a livello mondiale di Trend, nella quale Pete Roberts ha mostrato i numeri degli impianti di: Heathrow T5, Arfrisol Spagna, University of Southampton, Quingdao Railway Station China, etc. Nei saluti finali, Marco Nostrini, nuovo Mediterranean Area Regional Manager di Trend ha rinnovato l invito ai presenti a partecipare ai prossimi meeting Trend che si svolgeranno sul territorio nazionale. Domenico Di Canosa Sales Leader Cell Il mercato BMS mostra una nuova faccia con il Display Trend IQView4 Trend Control Systems Casa Madre (Horsham, Inghilterra), ha implementato un nuovo display nella sua gamma prodotti per il controllo dell efficienza energetica degli edifici. Nuovo display Trend IQView4 Il nuovo display Trend si chiama IQView4, nome dato per i suoi 4 (pollici) di dimensioni di schermo. E di tipo Touch-Screen con una risoluzione fino a colori. Il suo montaggio può essere sia a parete che fronte quadro, con una connessione diretta sulla porta seriale del controllore Trend. La sua scheda elettronica è dotata di una porta USB, permettendo così di eseguire degli aggiornamenti rapidi di firmware direttamente sul campo, di memorizzare le configurazioni di sicurezza (Utenti) e anche di trasferire i valori grafici dal controllore. La classe di protezione è IP50 per installazione in ambiente industriale. Le dimensioni globali del display IQView4 sono 185mm (7.3 ) x Diritti Riservati Trend Control Systems non si assume responsabilità per eventuali imprecisioni riportate in questo documento. Pagina 2 di 7

3 155mm (6.1 ) x 40mm, con un peso complessivo di 1.16 kg (2.55 lbs). Firmware Grafico La grande novità del nuovo display Trend IQView4 risiede nelle performance del suo firmware. Infatti, le caratteristiche principali sono l auto-configurazione alla connessione della porta seriale, la sua programmazione intuitiva e facile attraverso un menù grafico ad icone per ottimizzare i costi di manutenzione ordinaria e di formazione dell utilizzatore. In più, è stata implementata una completa libreria grafica offrendo la possibilità di vedere un impianto meccanico in tempo reale. Per esempio, l utilizzatore può visualizzare una valvola 3-vie, un potenziometro per set-point, l impostazione di un orologio dell impianto. Oltre queste prestazioni realizzate con il firmware grafico, il nuovo display Trend IQview4 potrà anche creare delle cartelle di lavoro secondo le esigenze dell utilizzatore velocizzando l accesso alle sue responsabilità principali. Questo menù chiamato Favorite come da un browser Web standard, è molto utile quando di devono nominare dei grafici di sonde. A questo punto, l operatore entrerà nel suo menù Favorite nel quale avrà creato una cartella chiamata Grafici per esempio. La cartella Grafici contiene dei grafici specifici che rispondono perfettamente ai dati richiesti dall operatore Sempre la compatibilità retro-attiva! Come tutti prodotti Trend, il nuovo display Trend IQView4 è completamente compatibile con tutte le gamme di controllori Trend liberamente programmabili (serie IQ1xx, IQ2xx e IQ3xx). Cioè, se oggi avete un impianto realizzato 25 anni fa con i controllori Trend della serie IQ1xx oggi fuori produzione, il manutentore come il cliente finale non avranno nessun ostacolo (midelware, gateway o altro..) per installare il nuovo display Trend IQView4. Infatti, i nostri colleghi Trend R&D hanno previsto tutte le connessioni possibili tipo seriale nel perfetto rispetto del protocollo standard Trend. Ulteriori informazioni con una dimostrazione on-line, possono essere trovate sul sito Michel Osso Product Manager Cell Rendimento energetico degli edifici D.P.R. 2 aprile 2009 n. 59 Regolamento d attuazione dei Decreti Legislativi 192/05 e 311/06 Il settore dei sistemi di Building and Energy Management, in cui operiamo, è di fondamentale importanza per il comportamento energetico degli edifici. Per questo motivo riveste un ruolo di rilievo, l aggiornamento sulle normative di settore che, specialmente negli ultimi anni, stanno evolvendo molto rapidamente sia al livello nazionale che localmente nelle diverse realtà regionali. Nell ottica di contribuire alle Vostre attività di aggiornamento non solo tecnologico, ma anche sulle normative che interessano il nostro settore, Vi riporto di seguito la notizia dell entrata in vigore del regolamento di attuazione del D.Lgs.192 e, in modo estremamente sintetico, quelle che sono le principali novità con esso introdotte. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 10 giugno 2009 è stato pubblicato il D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 "Attuazione dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.192, e successive modificazioni, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia." Il testo, varato dal Consiglio dei Ministri e che è entrato in vigore dal 25 giugno 2009 conferma, in linea generale, le disposizioni contenute nel D.Lgs.115/2008 e nell'allegato I del decreto legislativo 192/2005. Il DPR n.59 ribadisce infatti, nell art. 3, l'adozione delle norme tecniche nazionali della serie UNI/TS e in particolare: a. UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell'edificio per la climatizzazione estiva ed invernale; b. UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria. Diritti Riservati Trend Control Systems non si assume responsabilità per eventuali imprecisioni riportate in questo documento. Pagina 3 di 7

4 Nell'articolo 4, il testo approvato, fissa i requisiti minimi della prestazione energetica degli impianti e degli edifici nuovi ed esistenti, confermando quelli già stabiliti all'allegato I del decreto legislativo 192/2005 con l'aggiunta, però, di alcune ulteriori disposizioni tra le quali, è rilevante, l'introduzione di un valore massimo ammissibile della prestazione energetica per il raffrescamento estivo dell'involucro edilizio (Epe,invol). L'Epe.invol, per nuove costruzioni e ristrutturazioni di edifici residenziali, deve risultare inferiore ai seguenti limiti: 40 kwh/m2 anno nelle zone climatiche A e B; 30 kwh/m2 anno nelle zone climatiche C, D, E, e F; mentre, per tutti gli altri edifici, deve risultare inferiore ai seguenti valori: 14 kwh/m3 anno nelle zone climatiche A e B; 10 kwh/m3 anno nelle zone climatiche C, D, E, e F. A questo proposito il progettista deve valutare puntualmente e documentare l'efficacia dei sistemi schermanti delle superficie vetrate, esterni o interni, per ridurre l'apporto di calore per irraggiamento solare, ai fini di contenere l'oscillazione termica estiva negli ambienti; Nelle nuove costruzioni è resa obbligatoria l'adozione di sistemi schermanti, fermo restando che " qualora si dimostri la non convenienza in termini tecnicoeconomici ", gli schermi possono essere omessi in presenza di superfici vetrate con fattore solare minore o uguale a 0,5. Nel caso delle ristrutturazioni eventuali impedimenti di natura tecnica ed economica all'utilizzo dei sistemi schermanti o filtranti devono essere stimati con una specifica valutazione, che può essere omessa in presenza di superfici vetrate con fattore solare minore o uguale a 0,5. E prevedibile, a valle di tutto ciò, un consistente aumento delle applicazioni di vetri o schermi a controllo solare. Al comma c) dell'art. 4 è precisato, inoltre, che "il valore massimo della trasmittanza (U) delle chiusure apribili ed assimilabili, quali porte, finestre e vetrine anche se non apribili, comprensive degli infissi, considerando le parti trasparenti e/o opache che le compongono, deve rispettare i limiti riportati nelle tabelle 4.a e 4.b al punto 4 dell'allegato C al decreto legislativo". E interessante notare, quindi, come il concetto di "chiusure trasparenti" che appare nel Dlgs192 sia stato esteso, considerando sia le parti trasparenti che opache, anche a componenti specificamente indicati quali porte, finestre e vetrine, anche se non apribili. Si potrebbe ipotizzare, di conseguenza, un estensione delle "detrazioni 55%" anche per le porte di ingresso, in genere opache, che una risoluzione dell'agenzia delle Entrate dello scorso dicembre, invece, aveva molto delimitato. Data la difficoltà attuale a prevedere chiusure automatiche pedonali, in genere vetrate, soddisfacenti i requisiti di trasmittanza termica previsti per porte, finestre e vetrine, restano esclusi dal rispetto di detti requisiti, gli ingressi pedonali automatizzati, da considerare solo ai fini dei ricambi di aria in relazione alle dimensioni, tempi e frequenze di apertura, conformazione e differenze di pressione tra l'ambiente interno ed esterno. Il regolamento di attuazione, inoltre: introduce i requisiti specifici minimi (rendimento energetico, emissione del generatore e isolamento dell'involucro edilizio) per nuove costruzioni o ristrutturazioni di edifici dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili; prevede requisiti più restrittivi, nel caso di nuove costruzioni o ristrutturazioni di immobili pubblici o ad uso pubblico. Nell'articolo 7, infine, sono confermate le disposizioni del D.Lgs.115/2008 che hanno introdotto la certificazione dell'attendibilità dei risultati dei software alle metodologie di calcolo definita dalle norme UNI TS 11300, attraverso una verifica e dichiarazione resa dal Comitato termotecnico italiano (CTI) o dall'ente nazionale italiano di unificazione (UNI)". Il ministro dello sviluppo economico Claudio Scajola dopo l'approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del regolamento in materia di rendimento energetico in edilizia ha dichiarato: dopo un vuoto legislativo di alcuni anni, stiamo completando l'iter iniziato nel 2005, quando abbiamo recepito la direttiva europea 2002/91/CE, sul rendimento energetico in edilizia. Presto porteremo in Consiglio dei Ministri gli altri provvedimenti del "pacchetto", che riguardano le linee guida per la certificazione energetica degli edifici ed i Diritti Riservati Trend Control Systems non si assume responsabilità per eventuali imprecisioni riportate in questo documento. Pagina 4 di 7

5 requisiti dei soggetti chiamati a effettuare la certificazione energetica degli edifici. E da considerare, comunque, che per completare il quadro delineato dal D.Lgs. 192/2005, il D.P.R. 2 aprile 2009 dovrà essere seguito da almeno altri due regolamenti: un Provvedimento inerente i requisiti e l'accreditamento dei Certificatori, previsto dall'art. 4 comma 1 lett. c); un Decreto interministeriale recante le "Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici", previsto dall'art. 6 comma 9. Necessità o meno di allegare l attestato di certificazione energetica agli atti di compravendita: Dall'entrata in vigore della legge 133/2008 è venuto meno l'obbligo di allegare l'attestato di certificazione energetica agli atti di compravendita, ma non l'obbligo di redigerlo. Il comma 2-bis dell art. 35 della legge 133/2008 ha, infatti, abrogato i commi 3 e 4 dell'art. 6 e i commi 8 e 9 dell'art. 15 del dlgs 192/2005, ovvero: Comma 3 art. 6: Nel caso di compravendita dell'intero immobile o della singola unità immobiliare, l'attestato di certificazione energetica è allegato all'atto di compravendita, in originale o copia autenticata. Comma 4 art. 6: Nel caso di locazione, l'attestato di certificazione energetica è messo a disposizione del conduttore o ad esso consegnato in copia dichiarata dal proprietario conforme all'originale in suo possesso. Comma 8 art. 15: In caso di violazione dell'obbligo previsto dall'articolo 6, comma 3, il contratto è nullo. La nullità può essere fatta valere solo dal compratore. Comma 9 art. 15: In caso di violazione dell'obbligo previsto dall'articolo 6, comma 4, il contratto è nullo. La nullità può essere fatta valere solo dal compratore. energetica degli edifici ai contratti di compravendita, continuerà a sussistere in quelle regioni che, in attesa delle linee guida nazionali, hanno imposto con leggi regionali tale obbligo (Piemonte, Lombardia, Valle d Aosta, Liguria, Emilia Romagna, Umbria, Province autonome di Trento e Bolzano). Obbligo, invece, che non sussisterà più in quelle regioni che non hanno ancora legiferato in merito. Sempre secondo il Consiglio del Notariato, inoltre, mentre l abrogazione dei commi 8 e 9 dell art. 15 del D.Lgs.192/2005 non comporta problemi di compatibilità con l ordinamento comunitario, l abrogazione dei commi 3 e 4 dell art.6 dello stesso atto potrebbe. In particolare, se l abrogazione dei commi 3 e 4 non sarà accompagnata dalla previsione di altra disposizione volta a trasporre nell ordinamento interno gli obblighi previsti dal primo paragrafo dell art. 7 della direttiva 2002/91/CE, verrà a crearsi un vuoto normativo in contrasto con l obbligo, imposto agli Stati membri dall ordinamento comunitario, di prevedere che l attestato di certificazione energetica sia messo dal proprietario a disposizione del futuro acquirente o locatario. Alla luce della nuova formulazione del Dlgs n.192/2005 deve ritenersi che la consegna della certificazione energetica potrebbe non essere contestuale al rogito, ma eventualmente precederlo o seguirlo. In queste ipotesi resta centrale l intervento del notaio, non solo in funzione informativa ma anche quale Soggetto in grado di costruire un adeguata regolamentazione contrattuale in ordine alla consegna del certificato. Marco Vincenzi Business Development Cell Come noto, a partire dal 1 luglio 2009, l obbligo di produrre la certificazione energetica è in vigore anche per le singole unità immobiliari; quello che ancora non è stato definito nel dettaglio, invece, sono le modalità di sanzione a livello nazionale. Sul problema della certificazione energetica e sull abrogazione dei commi 3 e 4 dell'art. 6 e i commi 8 e 9 dell'art. 15 del dlgs 192/2005, è intervenuto anche il Consiglio nazionale del Notariato affermando che l obbligo di allegare l attestazione o la certificazione Diritti Riservati Trend Control Systems non si assume responsabilità per eventuali imprecisioni riportate in questo documento. Pagina 5 di 7

6 47 Convegno Internazionale AICARR 8 / 9 Ottobre 2009 Tivoli, Roma Il Convegno Impianti, Energia e Ambiente Costruito. Verso un benessere sostenibile, organizzato da AICARR, nasce sotto il patrocinio e la fattiva collaborazione di tre prestigiose organizzazioni: ASHRAE (Società americana dei tecnici del riscaldamento), IIF/IIR (Istituto internazionale del freddo) e REHVA (Federazione europea delle associazioni dei tecnici HVACR). L evento offre un tavolo di incontro e confronto per tutte le figure professionali coinvolte nella progettazione, costruzione, gestione e manutenzione di edifici sostenibili ad alte prestazioni e si rivolge a una platea vasta e articolata. Il programma prevede due Sessioni plenarie che si svolgeranno le mattine dell 8 e 9 Ottobre e ospiteranno eminenti key speaker provenienti dai settori energia, architettura, ingegneria. Il problema energetico nel settore delle costruzioni, la sostenibilità e l efficienza energetica con particolare riguardo al protocollo LEED - la qualificazione e la riqualificazione energetica dell ambiente costruito, il teleriscaldamento e il teleraffreddamento sono solo alcuni dei temi che verranno affrontati dagli illustri relatori di livello internazionale. Le Sessioni plenarie saranno affiancate da un intenso programma di Sessioni tecniche parallele nelle quali interverranno non soltanto relatori a invito ma anche professionisti e aziende che, attraverso la presentazione di relazioni libere, avranno l opportunità di illustrare a un auditorium di operatori qualificati soluzioni impiantistiche, macchine e componenti tecnologicamente all avanguardia, casehistory d eccellenza. I lavori si svolgeranno in un contesto piacevole e rilassante, ideale anche per gli accompagnatori: a loro è dedicato un programma di visite guidate a Tivoli e dintorni. me.aspx Squadra Marketing Trend Italia Diritti Riservati Trend Control Systems non si assume responsabilità per eventuali imprecisioni riportate in questo documento. Pagina 6 di 7

7 Informazione per risparmio energetico con sistema BMS Trend Control Systems Italia - Numero Regione Sud Europa Trend Italia fa parte della regione Sud Europa che raggruppa diversi paesi del bacino mediterraneo (Spagna, Portogallo, Italia, Svizzera Italiana (Ticino), Grecia, Turchia, Israele, Malta e Marocco). Le Squadre Trend Spagna e Trend Italia seguono questi mercati nei quali i System Integrators autorizzati Trend fanno da riferimento per gli utenti finali. Trend Control Systems Spagna Avenida de la Vega No 1 Edificio Veganova Edificio 2 Planta 1a Oficina No 1 Alcobendas Madrid SPAIN Telefono : Fax : E: Web: Trend Control Systems Italia Via Tintoretto, Cassano Magnago (VA) ITALY Telefono : Fax : Web: I vostri commenti Trend Italia resta alla vostra disposizione per i vostri commenti e suggerimenti. Il nostro indirizzo è: Un Vostro riscontro o suggerimenti in merito al nuovo editoriale di Trend Italia ed ai suoi contenuti sono sempre graditi. RIEPILOGO DI QUESTO NUMERO Marco Nostrini, Nuovo Mediterranean Area Regional Manager di Trend Control Systems... 1 L importanza di ritrovarsi: l annuale meeting Trend a Roma... 1 Il mercato BMS mostra una nuova faccia con il Display Trend IQView Rendimento energetico degli edifici D.P.R. 2 aprile 2009 n Regolamento d attuazione dei Decreti Legislativi 192/05 e 311/ Convegno Internazionale AICARR 8 / 9 Ottobre 2009 Tivoli, Roma... 6 Regione Sud Europa... 7 I vostri commenti... 7 Documentazione Marketing Trend disponibile! La Squadra Trend Italia vi informa che il nuovo Trend Data CD no39 è ormai disponibile su richiesta. Le richieste possono essere inviate direttamente a: Sg.a Wanda Battaglia Diritti Riservati Trend Control Systems non si assume responsabilità per eventuali imprecisioni riportate in questo documento. Pagina 7 di 7

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI è un Organismo di Certificazione Ispezione e di Verifica, accreditato da SINCERT, con Certificati

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

DECRETO N. 224 Del 18/01/2016

DECRETO N. 224 Del 18/01/2016 DECRETO N. 224 Del 18/01/2016 Identificativo Atto n. 15 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Oggetto INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Michele Sanfilippo PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LEGISLAZIONE - REQUISITI - ATTESTATO - PROCEDURE DI CALCOLO 2 a Edizione INDICE INTRODUZIONE.............................................. 7 1 LA

Dettagli

Dossier UNICMI decreti Risparmio Energetico degli Edifici

Dossier UNICMI decreti Risparmio Energetico degli Edifici Dossier UNICMI decreti Risparmio Energetico degli Edifici Decreti Ministeriali in materia di risparmio energetico in edilizia elaborati dal Ministero dello Sviluppo Economico, pubblicati sulla Gazzetta

Dettagli

La Certificazione Energetica degli Edifici in Liguria

La Certificazione Energetica degli Edifici in Liguria La Certificazione Energetica degli Edifici in Liguria Regione Liguria - Dipartimento Ambiente Servizio Tutela dall Inquinamento Atmosferico e Sviluppo dell energia Sostenibile Badalato Lidia 02/07/2009

Dettagli

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità D.Lgs. n.192/05 Lineamenti essenziali e novità Parleremo di Sintesi dei contenuti Adempimenti sanzionati Norme transitorie Non entreremo nel merito degli aspetti inerenti l esercizio e manutenzione degli

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

Studio Tiravia Tullio

Studio Tiravia Tullio Studio Tiravia Tullio consulenza tecnica & supporto professionale Associato Sede Operativa : Via I Maggio,151 63036 Pagliare d. Tronto Spinetoli (AP) - Tel e fax 0736.890164 Geom. Tullio Tiravia Risparmio

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali. Milano, 09 ottobre 2015

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali. Milano, 09 ottobre 2015 RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali Milano, 09 ottobre 2015 Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15/07/201 le nuove disposizioni legislative nazionali primo decreto contiene

Dettagli

Corso per certificatori energetici accreditato SACERT in collaborazione con ANIT e alcuni Ordini e Collegi Professionali della Regione FVG

Corso per certificatori energetici accreditato SACERT in collaborazione con ANIT e alcuni Ordini e Collegi Professionali della Regione FVG Corso per certificatori energetici accreditato SACERT in collaborazione con ANIT e alcuni Ordini e Collegi Professionali della Regione FVG Il corso, facoltativo, si rivolge ai professionisti che, alla

Dettagli

Riqualificazione energetica degli edifici

Riqualificazione energetica degli edifici Riqualificazione energetica degli edifici Detrazione fiscale 55% Infissi vetrati Bologna 30/11/2009 Cna Unione Produzione A cura di Alma Diego Caratteristiche e requisiti Rientrano nella detrazione del

Dettagli

ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI

ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI Torino, 14 Luglio 2014

Dettagli

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione).

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1 di 5 29/12/2013 18.25 (agg.5) Testo in vigore dal: 24-12-2013 Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente disposizione,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.140 del 13 Ottobre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi APE nuove regole a partire dal 01.10.2015: attenzione alle sanzioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Corso di aggiornamento 1

Corso di aggiornamento 1 REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale Certificazione

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici Firenze 22

Dettagli

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Ubicazione Proprietà Tipologia edilizia Riferimenti catastali Codice attestato San Casciano Val Di Pesa, via Decimo 14, 50026 San Casciano

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo.

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Estratto dal libro: Involucro trasparente ed efficienza energetica Tecnologie, prestazioni e controllo ambientale

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE FAQ sull applicazione della l.r. n. 13/2007 e della D.G.R. n. 43-11965

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE FAQ sull applicazione della l.r. n. 13/2007 e della D.G.R. n. 43-11965 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE FAQ sull applicazione della l.r. n. 13/2007 e della D.G.R. n. 43-11965 DOCUMENTO REDATTO IL 20-11-2009 PREMESSA Si precisa che tale documento è stato

Dettagli

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010 APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI (PARAGRAFO 4.2 DELL ALLEGATO ALLA D.G.R. N. 43-11965) SEDE CORSO : ORARIO 18,00 22,00 soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo 1991 - La certificazione energetica degli edifici in Italia è un idea che parte da lontano, tanto che il percorso compie proprio

Dettagli

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Prof.Gianfranco Cellai Università di Firenze Laboratorio di Fisica Ambientale per

Dettagli

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE : INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE Riferimenti: Art. 1, commi da 344 a 347, Finanziaria 2007 Art. 1, comma 48, Finanziaria 2011 La detrazione d imposta

Dettagli

Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09. COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali)

Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09. COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali) Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09 COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali) DPR 59/09 1. Nella documentazione da allegare al momento

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ALLEGATO 5 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI RESIDENZIALI Codice Certificato Riferimenti catastali edificio - GENOVA (GENOVA) 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

ENERGY. BERGAMO - i.lab ITALCEMENTI, KILOMETROROSSO 28/29 OTTOBRE 2015 LOMBARDIA WORKSHOP. Tecnologie impiantistiche per l efficienza energetica

ENERGY. BERGAMO - i.lab ITALCEMENTI, KILOMETROROSSO 28/29 OTTOBRE 2015 LOMBARDIA WORKSHOP. Tecnologie impiantistiche per l efficienza energetica OTTOBRE BERGAMO - i.lab ITALCEMENTI, KILOMETROROSSO ENERGY Tecnologie impiantistiche per l efficienza energetica WORKSHOP Con il Patrocinio di Media Partner CONSULTA REGIONALE LOMBARDA DEGLI ORDINI DEGLI

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato xxxxxx Validità 10 anni, salvo quanto previsto nel D.L. 4 giugno 2013, n. 63 art. 6 Riferimenti catastali

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici La certificazione energetica degli edifici Arch. Riccardo Giacobazzi Consulente tecnico di CISA per il settore della bioedilizia Decreto Legislativo del 29 dicembre 2006 n.311 Disposizioni correttive e

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: IL QUADRO NORMATIVO LA DIRETTIVA EUROPEA

LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: IL QUADRO NORMATIVO LA DIRETTIVA EUROPEA LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: IL QUADRO NORMATIVO LA DIRETTIVA EUROPEA DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea La nuova Direttiva stabilisce un quadro

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

Dall edificio alla certificazione energetica. Rilievi con tecniche termografiche

Dall edificio alla certificazione energetica. Rilievi con tecniche termografiche ing. Bruno De Nisco Studio:Via Umbria,83 65122 Pescara Tel/Fax: 085.385253 Cell: 348.9372528 Dall edificio alla certificazione energetica. Rilievi con tecniche termografiche EDIFICIO ed edificazione Per

Dettagli

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI IL MINISTRO DELLA SALUTE

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI IL MINISTRO DELLA SALUTE DECRETO 26 giugno 2015: Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici. (15A05198) (Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici - Linee Guida Nazionali

Certificazione Energetica degli Edifici - Linee Guida Nazionali Durata del corso 40 ore DESTINATARI Periti Industriali, Laureati in chimica, Periti Agrari, Geometri, Architetti e Ingegneri, Laureati in Scienze e Tecnologie Agrarie e Scienze e Tecnologie Forestali e

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

Corso per Certificatori Energetici degli Edifici

Corso per Certificatori Energetici degli Edifici Corso per Certificatori Energetici degli Edifici La Figura del certificatore Oneri Doveri - Responsabilità La procedura di certificazione in Regione Lombardia Ambito di applicazione, modalità Relatore

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28 Indice PREMESSA... 11 1. IL QUADRO LEGISLATIVO... 17 1.1. Provvedimenti legislativi... 21 1.2. Il dibattito sul 55% a seguito delle modifiche del decreto anticrisi del gennaio2009... 23 1.3. La situazione

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 03/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 6 Particella: 1430 Subalterno: 1 edificio

Dettagli

Efficienza energetica

Efficienza energetica Efficienza energetica negli edifici i La certificazione energetica degli edifici M. De Carli Leggi italiane ai fini del risparmio energetico Legge 373/76 Legge 10/91 DPR 412/93 D.Lgs. 192/2005 D.Lgs. 311/2006

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI DOCUMENTI LEGISLATIVI DI RIFERIMENTO DLGS 192/05 "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia." così come modificato

Dettagli

Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica

Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica Soluzioni impiantistiche orientate all efficienza energetica

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 17/12/2013 Riferimenti catastali Particella 2174 - Sub. 36 edificio via Rossini, 92-80027

Dettagli

CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna*

CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna* KYOTO CLUB in collaborazione con organizzano a Roma CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna* Coordinatore scientifico: arch. Patricia

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo. Rita Anni

ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo. Rita Anni ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo Rita Anni La questione energetica costo crescente dell energia approvvigionamenti incerti nuovi grandi consumatori tra i Paesi in via

Dettagli

La certificazione degli edifici

La certificazione degli edifici Convegno FIRE La certificazione energetica negli edifici: opportunità e ruoli per gli Energy Manager Milano - 11 e 12 novembre 2004 La certificazione degli edifici Mario de Renzio - Consigliere FIRE

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 Determinazioni in merito alle disposizioni per l'efficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici in vigore

Dettagli

Certificazione e Diagnosi Energetica con le Fonti Rinnovabili Ing. V. Dabove

Certificazione e Diagnosi Energetica con le Fonti Rinnovabili Ing. V. Dabove Certificazione e Diagnosi Energetica con le Fonti Rinnovabili Ing. V. Dabove Genova, 15 ottobre 2008 La CERTIFICAZIONE ENERGETICA LA CERTIFICAZIONE e DIAGNOSI ENERGETICA NELLA LEGISLAZIONE 2 La CERTIFICAZIONE

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI Elaborato redatto ai sensi dell art. 123, comma 1, lettera d) del Regolamento Edilizio

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

Certificazione energetica in Regione Lombardia

Certificazione energetica in Regione Lombardia Milano 18 dicembre 2008 Certificazione energetica in Regione Lombardia IEE-Project: Tools and Methods for Linking EPBD and Continuous Commissioning (EPBD-cx) The sole responsibility for the content of

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA: La normativa nazionale vigente

CERTIFICAZIONE ENERGETICA: La normativa nazionale vigente Laboratorio 3. Costruzione dell Architettura Proff. Paola Marrone Chiara Tonelli Modulo di Fisica Tecnica Prof. Marco Frascarolo LEZIONE 2 CERTIFICAZIONE ENERGETICA: La normativa nazionale vigente Università

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA pag. 1 CERTIFICAZIONE ENERGETICA TermiPlan è il software per la certificazione energetica e la verifica delle prestazioni energetiche degli edifici, la redazione dell Attestato di Qualificazione Energetica

Dettagli

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica Regolamento recante le procedure per la di sostenibilità energetico ambientale degli edifici, di cui all articolo 6 bis, della legge regionale 18 agosto 2005 n. 23, "Disposizioni in materia di edilizia

Dettagli

Certicazione Energetica degli Edifici

Certicazione Energetica degli Edifici Certicazione Energetica degli Edifici Accreditato CENED - Regione Lombardia Obiettivi Fornire una panoramica della legislazione e normativa vigente sulla qualificazione e certificazione degli edifici nella

Dettagli

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.)

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) IL RIFERIMENTO NORMATIVO: DGR 8/5117 del 18.07.07 e s.m. Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione, l ispezione degli

Dettagli

Art.9 Ispezioni sugli impianti termici

Art.9 Ispezioni sugli impianti termici Art.8 Controllo dell'efficienza energetica degli impianti termici Art.8 Controllo dell'efficienza energetica degli impianti termici 7. I generatori di calore per i quali, durante le operazioni di controllo,

Dettagli

Certificazione energetica: normative nazionali e albi certificatori

Certificazione energetica: normative nazionali e albi certificatori Certificazione energetica: normative nazionali e albi certificatori 1- ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA La Gazzetta Ufficiale dell agosto 2013 ha pubblicato la Legge 90/2013 che ha confermato l obbligo

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ARCHinNOVA Efficienza Energetica nelle costruzioni leggere. Riflessioni e dibattito Bologna 28 aprile 2006 ASSOCIAZIONE CULTURALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali Codice certificato Riferimenti catastali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Nessuno Validità Indirizzo edificio Piazza Della Repubblica 1, Varese

Dettagli

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Il consumo energetico degli edifici Gli edifici, nella loro costruzione e utilizzo, rappresentano oltre il 40% del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Recuperare e riqualificare il patrimonio edilizio GUIDA A CURA DELLA IQT CONSULTING AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001:2008 PERCHÉ RIQUALIFICARE IL PROPRIO PATRIMONIO EDILIZIO

Dettagli

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E.

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E. Manuale d uso SACE Modulo Controlli Certificatori Energetici Rev. 01 Rev. 01 del 03-12-2014 Rif. Progetto Sistema per l esecuzione di verifiche e controlli sulle attività di certificazione energetica degli

Dettagli

Le Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ed il DPR 59/09

Le Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ed il DPR 59/09 Auditorium Stella Polare Centro Servizi FIERA MILANO RHO 4 Febbraio 2010 Convegno: Le Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici ed il Piano Casa Le Linee Guida nazionali per

Dettagli

DOSSIER D.Lgs 311 e 192. Schermature Solari

DOSSIER D.Lgs 311 e 192. Schermature Solari DOSSIER D.Lgs 311 e 192 Schermature Solari Governo italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri È stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri di oggi, il decreto legislativo che modifica

Dettagli

Esperto in Gestione Energia Energy Manager

Esperto in Gestione Energia Energy Manager Con il Coordinamento Scientifico del dipartimento dell energia ALLEGATI Organizzano il corso di Esperto in Gestione Energia Energy Manager ALLEGATO A Presentazione Azienda ALLEGATO B Descrizione del corso

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici: opportunità e prospettive

La certificazione energetica degli edifici: opportunità e prospettive Il risparmio energetico negli edifici: opportunità di lavoro ed esperienze a confronto 29 marzo 2008 Ente Fiera di Lanciano La certificazione energetica degli edifici: opportunità e prospettive arch. Carmela

Dettagli

IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI

IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI INFORMATIVA N. 149 07 GIUGNO 2013 IMPOSTE DIRETTE IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI Art. 1, comma 48, Legge n. 220/2010

Dettagli

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Come prevista dall allegato 4 della delibera di Assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna n.156/2008, atto di indirizzo e

Dettagli

Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise

Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise L Attestato di Prestazione Energetica (APE) Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise Giacomo Iannandrea - Ricercatore ENEA Convegno GLOBAL ENERGY

Dettagli

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Edilclima ha predisposto un prospetto informativo delle principali prescrizioni previste dal D.P.R. n. 59 del 2.4.2009, al fine di semplificare e

Dettagli

Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia di rendimento energetico nell edilizia. edilizia

Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia di rendimento energetico nell edilizia. edilizia Risparmio energetico ed edilizia: normative, soluzioni, esempi ed incentivi economici Parco Alta Valle Pesio e Tanaro Chiusa Pesio, 9.11.2006 Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia

Dettagli

La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile

La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile Maria Fabianelli ARE LIGURIA Elenco degli argomenti 1. Nuova Legge Regionale

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli EDIFICI COMITATO SCIENTIFICO. Ing. Valerio DABOVE Direttore Comitato Scientifico

LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli EDIFICI COMITATO SCIENTIFICO. Ing. Valerio DABOVE Direttore Comitato Scientifico INCONTRO TAVOLA ROTONDA 14 luglio 2008 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA E RISPARMIO ENERGETICO: COME ATTUARE GLI INTERVENTI NEGLI IMMOBILI LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE software certificato CTI per le UNI-TS 11300 1-2-4 include anche la UNI-TS 11300 parte 3 Semplice da usare, esegue la verifica di nuove costruzioni, ristrutturazioni,

Dettagli

28-10-06. Prof. Arch. Sala Ing. Alcamo

28-10-06. Prof. Arch. Sala Ing. Alcamo 28-10-06 Prof. Arch. Sala Ing. Alcamo Documenti da produrre a seguito delle novità legislative, prospettive offerte dalla Certificazione Energetica degli Edifici (anche sulla base di attuali esperienze

Dettagli

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Questo articolo illustra i nuovi schemi della relazione tecnica di progetto - contenuti nel D.M. 26/06/2015

Dettagli