eni for 2013 Eni for italiano 2013 *00150*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "eni for 2013 Eni for italiano 2013 *00150*"

Transcript

1 eni for 2013

2

3 eni for 2013

4

5 Messaggio agli stakeholder eni è cresciuta costruendo con passione e trasparenza le proprie attività d impresa e adottando strategie fondate su una visione di lungo termine, che le hanno consentito di conseguire successi operativi e creare valore condiviso. A rendere possibili questi risultati è stato il coinvolgimento di tutti, a partire dalle persone, fino alle comunità in cui l azienda opera, in un costante dialogo con i grandi attori internazionali dello sviluppo. Anche il 2013 è stato un anno di costruzione su questi fronti. Grazie all impegno di tutte le sue persone, eni ha raggiunto risultati straordinari sul fronte della sicurezza, conservando la doverosa ambizione di migliorare sempre. Al talento e alla competenza di ciascuno, l azienda ha affidato il compito di promuovere processi di innovazione che riguardano la tecnologia, le pratiche quotidiane, l identificazione di nuove opportunità di business, che le consentono di consolidare e rinnovare la propria presenza sui territori. Il contributo allo sviluppo locale è stato, anche nell anno appena trascorso, una priorità indiscussa. Al fianco delle istituzioni e dei Paesi, eni ha sviluppato soluzioni per una crescita rispettosa delle risorse delle comunità, a partire dall impegno per l accesso all energia in Paesi di presenza storica o recente, come la Repubblica del Congo e il Mozambico. Sempre in ambito internazionale, nel 2015 sarà completato il processo, di cui eni è parte attiva, di condivisione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. La nuova agenda dello sviluppo si concentrerà su problemi complessi e sarà valorizzato il contributo di tutti gli attori capaci di offrire soluzioni concrete, a partire dalle aziende. Descrivere l operato d impresa avendo come riferimento anche questi obiettivi è un passo importante per rendere conto in modo più efficace delle correlazioni esistenti e del contributo che l azienda è in grado di apportare. È un percorso che richiede competenza e coraggio, per sviluppare insieme circoli virtuosi e l innovazione necessaria per progettare un futuro sostenibile. Anche questo, per eni, è ripensare l energia. Paolo Scaroni Amministratore Delegato e Direttore Generale

6 Box di contesto Intervista Contenuto sul web Contenuto video sul web Rimando a testo in evidenza nel capitolo di riferimento Testo in evidenza

7 Indice Profilo di eni 6 La sostenibilità nella storia di eni 8 Progressi al 2013 e obiettivi 10 Contributo allo sviluppo sostenibile Energia sostenibile e cambiamento climatico Strategia di contrasto al cambiamento climatico 50 Accesso all energia 53 Efficienza energetica 58 Nuove frontiere: deepwater, Artico e unconventional 59 Creazione di valore condiviso 12 Collaborazioni internazionali sui temi di sostenibilità 14 Agenda Post Reporting di sostenibilità 16 Sviluppo locale Coinvolgimento delle comunità 61 Local content 66 Governance, diritti umani e lavoro Cultura dell integrità 18 - Lotta alla corruzione 20 - Trasparenza 22 Tutela dei diritti umani 25 Sicurezza e asset integrity 31 Lavoro 34 Persone 42 Risorse naturali e biodiversità Strategia ambientale 44 Risultati ambientali 48 Investimenti per il territorio 68 Educazione e formazione 71 Agricoltura e sicurezza alimentare 73 Salute delle comunità 75 Gender equality 78 Innovazione Innovazione nel business 80 Nuovi business sostenibili 85 La leva tecnologica in risposta 86 alle sfide energetiche Innovazione diffusa 89 Rethink Energy 90 I principi e i criteri di reporting 92 La relazione della Società di Revisione 94 > tavole infografiche

8 6 eni for 2013

9 7

10 8 eni for 2013

11 9

12 10 eni for 2013

13 11

14 12 eni for 2013 Contributo allo sviluppo sostenibile Per eni è importante che la crescita del business sia accompagnata da un rapporto di dialogo e collaborazione con la popolazione e gli attori locali. Ovunque eni porti la propria attività, tecnologia e competenze, le popolazioni locali percepiscono immediatamente i benefici della nostra presenza. Forte dell eredità del modello Mattei, queste sono le fondamenta su cui abbiamo costruito e vogliamo continuare a costruire la nostra presenza, non solo in Africa, ma in tutti i Paesi in cui eni opera. Questo impegno a livello locale rappresenta per eni il tassello con cui l azienda può contribuire fattivamente al percorso globale verso uno sviluppo sostenibile. Paolo Scaroni, Amministratore Delegato eni, intervento in occasione della Lecture del Prof. Jeffrey D. Sachs presso la Fondazione Eni Enrico Mattei, dal titolo Feeding the Planet - Energy for Africa, 6 dicembre Creazione di valore condiviso eni ritiene che le aziende possano avere un ruolo attivo nella costruzione di un percorso di sviluppo sostenibile dei contesti in cui operano. Attraverso le competenze delle proprie persone e lo sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative, eni conduce le attività, anche nei contesti più complessi, in sinergia con gli stakeholder locali e nel rispetto dell ambiente e delle comunità in cui è attiva. La disponibilità di energia è un prerequisito per la crescita economica e sociale dei Paesi, anche per questo motivo eni propone e attua programmi di produzione e distribuzione di energia elettrica e gas naturale contribuendo allo sviluppo dei sistemi energetici, con un focus particolare sull Africa Subsahariana. L impegno di eni su questi temi è il

15 Contributo allo sviluppo sostenibile 13 risultato delle attività condotte nei Paesi di presenza ed è rafforzato dalla partecipazione a tavoli internazionali. Già nel 2010 eni ha annunciato al Global Compact Leaders Summit di New York la volontà di contribuire alla costruzione di un futuro sostenibile dell energia, e nel 2012 ha consolidato questo impegno durante la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile a Rio de Janeiro (Rio+20). Nel dibattito in corso per la definizione della cosiddetta Agenda Post-2015, con la quale saranno definiti i nuovi Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile (SDGs), eni è presente in molti dei tavoli dedicati alle imprese: è infatti membro del Programma LEAD del Global Compact, del WBCSD e del Sustainable Development Solutions Network (SDSN) e partecipa al gruppo multistakeholder italiano a sostegno degli obiettivi posti dall Open Working Group. Un opportunità, questa, che le consente di affiancare ai temi individuati come prioritari per il proprio business quelli di rilevanza globale, identificando strategie comuni e mettendo a disposizione risorse umane, tecnologiche e finanziarie per creare valore condiviso. Parlare di Sviluppo Sostenibile oggi significa raccontare un nuovo approccio olistico al mondo che ci circonda, che tenga conto di tre dimensioni, quella economica, sociale e ambientale. Ogni volta che guardiamo a una sfida da affrontare, ad esempio quella dell accesso al cibo o all energia, dobbiamo farlo attraverso queste tre lenti. Sebbene questa non sia una modalità di pensare e operare semplice da adottare per gli attuali sistemi politici ed economici, uno sforzo da parte di tutti gli attori per la costruzione di un modello di relazione innovativo per lo Sviluppo Sostenibile si rende oggi più che mai necessario. E sulla base di queste tre dimensioni è fondamentale che sfera pubblica e settore privato inizino a pianificare insieme, a co-finanziare e a collaborare. Il settore energetico si presta benissimo a questo modo nuovo di guardare, che abbandona il concetto di business as usual. L energia è un fattore chiave di ogni economia e l accesso ad essa è un driver di crescita imprescindibile per i Paesi in via di sviluppo. Unendo una politica pubblica lungimirante alla capacità di innovazione tecnologica e di gestione efficiente delle risorse propria del settore privato, è possibile costruire un percorso di transizione in ottica di Sviluppo Sostenibile che guardi all efficienza energetica attraverso una graduale riduzione dell utilizzo di carbone e petrolio a favore del gas naturale e del progressivo utilizzo di fonti alternative. Quello che stiamo vivendo è un momento cruciale per questa transizione. Stiamo per entrare nell era degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile che verranno adottati a settembre del 2015 in revisione e a integrazione degli Obiettivi del Millennio adottati nel 2000 dalle Nazioni Unite. Questi Obiettivi hanno un altro valore fondamentale, ossia la capacità di ispirare le persone e di mostrare loro qual è l idea di futuro a cui tutti dobbiamo guardare e i passi necessari affinché quel futuro si concretizzi. Nel Post-2015 la consapevolezza dei cittadini sarà un aspetto indispensabile per mantenere alta l attenzione sugli Obiettivi e farli diventare realtà. Prof. Jeffrey D. Sachs, Lecture presso la Fondazione Eni Enrico Mattei, dal titolo Feeding the Planet - Energy for Africa, 6 dicembre 2013.

16 14 eni for 2013

17 Contributo allo sviluppo sostenibile 15 Agenda Post-2015 Nel definire l Agenda dello Sviluppo Post-2015, la comunità internazionale ha un opportunità unica per integrare crescita economica, giustizia sociale e preoccupazioni ambientali, mettendo lo sviluppo sostenibile al centro dell agenda globale ( ). È con un senso di urgenza che la comunità internazionale dovrà andare oltre le divisioni per definire un agenda ambiziosa. Questa può essere la prima generazione a mettere fine alla povertà e indirizzare il nostro pianeta sulla strada giusta per uno sviluppo sostenibile. Amina J. Mohammed, Consigliere Speciale delle Nazioni Unite per la definizione dell Agenda dello Sviluppo Post-2015, settembre In vista del 2015, anno in cui saranno definiti i nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), diversi network internazionali hanno avanzato proposte di definizione delle aree prioritarie in un ottica di crescita verde e inclusiva a livello globale. Guardando ai risultati degli Obiettivi del Millennio e seguendo le indicazioni della Conferenza di Rio+20, la nuova Agenda dovrà riprendere le sfide già individuate e affrontarle in un ottica di sviluppo sostenibile, a partire da un auspicato partenariato globale che includa tutti gli attori, dai Governi al settore privato fino alla società civile. Come azienda privata operante nel settore energetico, eni può contribuire a questo percorso attraverso il proprio operato su molti dei temi che si stanno individuando sui tavoli internazionali: il rispetto dei diritti umani e una governance sostenibile; la garanzia di un lavoro dignitoso; la riduzione della povertà elettrica e la valorizzazione delle risorse energetiche, anche in relazione al cambiamento climatico; la tutela delle risorse naturali e delle biodiversità; un diffuso impegno per lo sviluppo locale, con l obiettivo di garantire prosperità ed equità. Infine e di particolare interesse per il settore privato l investimento nell innovazione per il rinnovamento del proprio business, a partire da tecnologie e strumenti d avanguardia e dalla creatività delle proprie persone. In questo contesto si rende necessaria l individuazione di metriche e strumenti che consentano di misurare il contributo al perseguimento di obiettivi di sviluppo, da parte del settore privato così come delle istituzioni pubbliche e della società civile. eni intende offrire il proprio contributo in questo percorso complesso ed eni for 2013 vuole essere un primo passo in questa direzione. Alla base c è un analisi del lavoro attualmente in corso da parte del Sustainable Development Solutions Network, di UN Global Compact, dell Open Working Group e dello UN High Level Panel on the Post-2015 Development Agenda, che ha permesso di evidenziare i diversi temi sui quali verteranno i futuri Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, a prescindere dal livello di aggregazione e sintesi su cui convergerà il consenso internazionale. Rispetto a molti di essi, è possibile identificare strategie, azioni e risultati coerenti, stabilendo una relazione fra un operare sostenibile dell impresa e le priorità dell agenda internazionale dello sviluppo.

18 16 eni for 2013 Reporting di sostenibilità eni for 2013, insieme al Bilancio Integrato e al sito eni.com, compone il sistema di rendicontazione e di comunicazione della sostenibilità e ha l obiettivo di illustrare attraverso i fatti salienti dell anno, il contributo di eni al conseguimento di obiettivi globali di sviluppo sostenibile, anche in relazione all Agenda Post Bilancio Integrato eni for 2013 Good Governance e Diritti Umani Energia sostenibile e cambiamento climatico Risorse naturali e biodiversità Sviluppo locale Innovazione Lavoro dignitoso Diversità e valorizzazione delle donne Smart cities e aree rurali Acqua Salute e benessere Pace e stabilità Educazione e formazione eni.com Il Bilancio Integrato illustra come la sostenibilità costituisca uno dei driver per il conseguimento di obiettivi aziendali. eni for 2013 offre una vista complessiva sul contributo al raggiungimento di obiettivi globali di sviluppo sostenibile. Con riferimento ai temi trattati in eni for 2013, dopo aver enucleato dal dibattito in corso le aree che comporranno la strategia globale per il Post-2015, è stata condotta un analisi sulla capacità da parte del settore privato, e in particolare di quello Oil&Gas, di contribuire allo sviluppo sostenibile in questi ambiti. Si è poi proceduto a un confronto con le priorità strategiche di eni, così come emergono dalla pianificazione di sostenibilità. Si sono così identificate le linee tematiche su cui l azienda è in grado di offrire un contributo maggiore: una governance sostenibile in termini di integrità, trasparenza, rispetto dei diritti umani, la garanzia di un lavoro dignitoso e la sicurezza delle persone; il rispetto e la salvaguardia delle risorse naturali e delle biodiversità; l accesso e la valorizzazione delle risorse energetiche in considerazione del cambiamento climatico; l impegno per lo sviluppo locale, in termini di contributo al perseguimento di obiettivi globali e locali di prosperità ed equità; l investimento nell innovazione per il rinnovamento sostenibile del proprio business, a partire da tecnologie e strumenti d avanguardia e dalla creatività delle proprie persone. eni for 2013 descrive quindi questi aspetti, mentre gli altri documenti che compongono il reporting di sostenibilità e, più in generale, quello aziendale, trattano altri temi rilevanti. In paricolare aspetti sulla corporate governance e sulla remunerazione del

19 Contributo allo sviluppo sostenibile 17 board e del top management sono presenti nei due documenti dedicati: Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 e Relazione sulla Remunerazione Nel corso del 2013 è stata effettuata un analisi di materialità che si basa sulla valutazione dei temi rilevanti per eni in ottica strategica (identificati sulla base del Piano strategico di eni) e di quelli percepiti come rilevanti per gli stakeholder. Tale analisi è stata realizzata attraverso una metodologia, che: categorizza gli stakeholder e li valuta in base ai criteri della norma A1000; definisce i temi di sostenibilità suddividendoli in temi e sottotemi (questi ultimi sono circa 300). La valutazione condotta sul processo di engagement 2013 ha permesso di individuare i temi per eni più rilevanti in termini di sostenibilità: le Relazioni con le Comunità, la Salute e la Sicurezza, lo Sviluppo locale e il Cambiamento climatico. Una volta finalizzato, questo sistema di analisi, che si basa su griglie oggettive di valutazione, fornirà input per la pianificazione e il reporting di sostenibilità a livello globale e locale permettendo un più facile allineamento tra gli obiettivi aziendali e le aspettative degli stakeholder. I risultati dell analisi condotta mostrano una sostanziale coerenza fra i temi dell Agenda Post-2015 su cui eni può offrire un contributo più significativo e quelli individuati come più rilevanti e a più alto impatto sulla strategia aziendale. In particolare, i temi che emergono in misura maggiore sono il contrasto al cambiamento climatico e l efficienza energetica, cui si affianca lo sviluppo locale, che include l accesso a sistemi energetici moderni nei Paesi di operatività, in linea con la strategia Sustainable Energy for All. Alta rilevanza è attribuita anche alla tutela delle risorse naturali e della biodiversità. Seguono i temi afferenti a governance, diritti umani e lavoro. Infine, all innovazione eni for 2013 dedica un capitolo, data l importanza rispetto alla strategia aziendale. Analisi di materialità Linee tematiche * eni for 2013 Good Governance e Diritti Umani (UNGC, #10; SDSN, #4 e #10; HLP, #10 e #12; OWG, #15 e #16). Risorse Naturali e Biodiversità (SDSN, #2 e #9; OWG, #13 e #14; HLP, #9). Energia Sostenibile e Cambiamento Climatico (UNGC, #7; SDSN, #8; OWG, #7, #15 e #12; HLP, #7). Sviluppo locale (SDSN, #1 e #6; UNGC, #1 e #5; HLP, #1 e #5; OWG, #1, #2, #8 e #9). Lavoro dignitoso (OWG, #8; HLP, #8). Diversità e valorizzazione delle donne (SDSN, #4; UNGC, #3; HLP, #2; OWG, #5). Innovazione (UNGC, #9; OWG, #8 e #15; SDSN, #10). Temi rilevati dall analisi di materialità Governance & Ethics (Include: Creazione di valore economico - finanziario, Corporate governance, Integrità e Trasparenza, Protezione dei Diritti Umani) Ambiente (Include: Cambiamento climatico ed efficienza energetica, Gestione degli Impatti Ambientali, Asset integrity e Gestione delle emergenze) Ambiente (Include: Cambiamento climatico ed efficienza energetica, Gestione degli Impatti Ambientali, Asset integrity e Gestione delle emergenze) Comunità (Include: rapporto con le comunità e sviluppo locale) Comunità (Include: rapporto con le comunità e sviluppo locale) Persone di eni (Include: salute e sicurezza del lavoro, clima organizzativo e welfare, standard di lavoro e diversità) Trasversale (*) Così come rilevate al 30 Aprile Rilevanza per l azienda alta e rilevanza percepita dagli stakeholder alta Rilevanza per l azienda media e rilevanza percepita dagli stakeholder media

20 18 eni for 2013 Governance, diritti umani e lavoro P er eni l operare d impresa si basa su una forte cultura dell integrità, che si traduce in trasparenza, lotta alla corruzione, rispetto dei diritti umani, del lavoro, della salute e della sicurezza delle persone. La creazione di lavoro dignitoso è uno strumento strategico per la crescita dell organizzazione. Questi temi sono stati individuati come essenziali per lo sviluppo sostenibile fin dall ideazione dei Millennium Development Goals. Il processo di definizione dell Agenda Post-2015 rende però più esplicito il loro riferimento. Cultura dell integrità Il più profondo obiettivo del programma responsible leadership è quello di riaffermare che quello che conta non è solo cosa facciamo, ma come lo facciamo. Per essere degni della fiducia di coloro che lavorano con voi è importante essere tutti i giorni una sintesi di capacità e integrità. Essere un manager, un leader, vuol dire essere integri, avere un solido baricentro di valori, essere degni della fiducia di chi ci segue e di chi condivide il futuro dell azienda con noi. Una persona è leader non perché guida, ma perché si merita di guidare. Giuseppe Recchi, Presidente eni, Leadership Meeting Quando si parla di etica in eni si intende in particolare competenza etica e cioè la capacità delle persone di prendere decisioni tenendo conto del sistema di compliance e degli interessi di tutti gli stakeholder (azionisti, lavoratori, clienti, fornitori, comunità locali, future generazioni), e di traguardare la creazione di valore nel lungo termine. Per governare tale complessità è necessario quindi sviluppare una competenza che integri, con la dimensione etica, elevate capacità manageriali di visione, di sintesi, di gestione del rischio e decisionali. Tale competenza risiede sia nei singoli individui sia nelle organizzazioni e fa riferimento alla

21 Governance, diritti umani e lavoro 19 coerenza fra dichiarato e realizzato. È per questo che eni monitora costantemente le componenti del proprio sistema organizzativo (cultura, valori, regole, stili di leadership, strumenti di pianificazione e controllo, sistemi di incentivazione), intervenendo per garantire un elevato grado di coerenza. eni si basa su un approccio pervasivo che ha puntato innanzitutto all allineamento sulla cultura dell integrità di tutti i sistemi normativi aziendali e dei processi che guidano l organizzazione e lo sviluppo delle persone. È in fase di finalizzazione il sistema normativo eni, che ad oggi comprende 28 Management System Guidelines di processo e 10 di compliance e sono stati realizzati interventi mirati a rendere più chiaro e comprensibile a tutti questo apparato normativo. Sono stati impostati sull integrità anche i processi che guidano l organizzazione e lo sviluppo delle persone, da quelli decisionali alla valutazione delle performance e la gestione del sistema premiante, fino alle attività di comunicazione interna e formazione. Per quanto riguarda il sistema di valutazione della performance, che rappresenta un motore importante di indirizzo dei comportamenti manageriali, nelle schede di tutti i manager, partendo da quelli apicali, sono stati inseriti obiettivi volti a monitorare i risultati di business collegati a tematiche di integrity. Responsible leadership> All interno del più ampio intervento sull Integrity Culture, il programma di formazione Responsible Leadership ha avuto un ruolo primario nel diffondere gli elementi chiave di questo approccio. Il programma ha avuto l obiettivo di consolidare e potenziare nei manager: la personale attitudine ad adottare strategie di decision making che considerino la complessità dei valori in gioco per adottare comportamenti etici; la capacità di diffondere in modo efficace i valori di integrità e responsabilità, attraverso l esempio e la costruzione di un clima di fiducia. Il programma Responsible Leadership è stato sviluppato da Eni Corporate University con il supporto di specialisti esterni competenti sui temi della managerialità e dell etica, attraverso i seguenti step operativi: l effettuazione di interviste al Top Management, finalizzate ad esplorarne la visione e l opinione personale, in merito ad una serie di temi di business in rapporto all etica; la realizzazione del Kick-off Meeting per Top Manager e dirigenti che ricoprono ruoli di rilevante responsabilità; la realizzazione di Workshop formativi Per governare le complessità è necessario sviluppare una competenza che integri la dimensione etica con elevate capacità manageriali. È in fase di finalizzazione il sistema normativo eni. 28 Management System Guideline di processo 10 Management System Guideline di compliance

22 20 eni for 2013 dedicati a tutti i manager (a partire dai ruoli manageriali chiave ), in cui i temi astratti dell etica e della compliance sono stati contestualizzati nelle realtà di eni. A tal fine sono stati utilizzati specifici case study, basati su dilemmi etici, predisposti dal team di lavoro interno, sulla base delle proprie esperienze operative e coadiuvati da docenti ed esperti. Ad oggi, sono state erogate 10 edizioni che hanno visto il coinvolgimento di 175 (su 192) dirigenti che ricoprono ruoli di rilevante responsabilità. I feedback raccolti evidenziano una percezione di efficacia dell iniziativa molto elevata (valutazione media 4,34 su 5). Si prevede di diffondere, attraverso incontri, webinar e materiale multimediale la cultura dell integrità a tutti i livelli dell azienda e di sensibilizzare le persone di eni sulla rilevanza dell integrità nella gestione delle attività operative. Workshop sull integrità 10 sessioni formative Responsible Leadership 175 dirigenti in ruoli di responsabilità coinvolti Lotta alla corruzione Il Corruption Perception Index (CPI) di Transparency International fotografa e monitora annualmente la percezione dei livelli di corruzione nel mondo. L indice è costruito in maniera tale da evidenziare un range di valori, che va da zero a cento. Nei Paesi in cui i valori sono inferiori a 50 la situazione è considerata preoccupante. Area geografica % di Paesi con CPI da 0 a 49 Mondo 69% Nord America 33% Sud America e Caraibi 69% Europa (UE) 25% Europa (non UE) 75% Medio Oriente e Asia Centrale 85% Asia Orientale e Oceania 57% Nord Africa 100% Africa Subsahariana 90% La corruzione ha effetti fortemente negativi sulle economie mondiali e sulla qualità della vita dei cittadini. Uno studio recentemente condotto (1) Worldwide Governance Indicators (WGI) Project, (2) WORLD BANK, Worldwide Governance Indicators, da World Bank, classifica l Africa Subsahariana tra le Regioni con il più alto tasso di percezione della corruzione 1. Sulla stessa linea l Unione Africana, stima che il costo della corruzione del continente sia pari a 148 miliardi di dollari l anno, circa il 25% del PIL 2.

23 Governance, diritti umani e lavoro 21 La corruzione è un ostacolo intollerabile all efficienza del business e alla leale concorrenza. Per questo motivo eni si è dotata di un rigoroso sistema di gestione, allineato alle normative di contrasto alla corruzione nazionali e internazionali, incluso lo UK Bribery Act il cui costante aggiornamento è proseguito anche nel corso del Una funzione centrale, l Anti-corruption Legal Support Unit, creata nel 2010, svolge attività di consulenza e assistenza specialistica in materia di anti-corruzione per le persone di eni e delle sue controllate non quotate. Nel 2013, eni è risultata prima nella ricerca sulla trasparenza nel corporate reporting condotta da Transparency International Italia su un campione delle maggiori aziende italiane. Le aziende sono state valutate su quanto rendono pubblico in termini di informativa sui programmi anti-corruzione, trasparenza organizzativa e reporting per Paese. La formazione in materia di anti-corruzione, è obbligatoria ed è estesa a tutto il personale a rischio, in Italia e all estero. Ha l obiettivo di illustrare il quadro normativo interno ed esterno e di fornire gli strumenti per riconoscere le condotte che possono costituire reati, le azioni da intraprendere, i rischi, le responsabilità e le sanzioni che possono derivarne. La formazione è svolta attraverso corsi online (e-learning) e sessioni formative in aula (workshop) tenute dall ufficio legale anti-corruzione di eni in Italia e all estero. Le risorse formate nel triennio sono circa 6.370, di cui mediante workshop e tramite e-learning. Nel 2013, con un nuovo ciclo di e-learning, sono state formate circa persone. Gli eventi formativi in aula sono stati 57, di cui 13 all estero, per un totale di partecipanti tra dipendenti e contrattisti. eni svolge un ruolo attivo a livello nazionale e internazionale che le consente non solo il confronto con i maggiori player sul tema della lotta alla corruzione, ma anche di contribuire alla formazione di best practice in materia. Principali partnership internazionali sulla lotta alla corruzione Nel dicembre 2013 eni e Transparency International hanno firmato un accordo di collaborazione per l elaborazione congiunta di una metodologia innovativa di Country Assessment, che ha lo scopo di evidenziare, in un determinato contesto geografico, gli impatti e i condizionamenti dei fenomeni corruttivi sulle attività delle imprese. La nuova metodologia sarà elaborata con il coinvolgimento del settore privato, del settore pubblico e della società Nel 2013, eni è risultata prima nella ricerca sulla trasparenza nel corporate reporting condotta da Transparency International Italia. eni collabora con vari soggetti a livello nazionale e internazionale per contribuire a creare una cultura condivisa dell integrità.

24 22 eni for 2013 civile. L accordo di collaborazione prevede altresì l impiego di tale innovativa metodologia per l esecuzione di due Country Assessment in altrettanti Paesi di rilievo per il settore dell energia. Altri esempi di importanti collaborazioni sono: il contributo fornito al lavoro del B20 sul tema della lotta alla corruzione che ha portato nel 2013, nell ambito del G20/B20 in Russia, alla nomina del Presidente di eni come Co-Chair della Task Force Anti-corruption; l accordo di cooperazione con l International Scientific and Professional Advisory Council of the United Nations Crime Prevention and Criminal Justice Programme (ISPAC); la partecipazione al processo di revisione sull applicazione delle convenzioni OCSE e UNCAC in Italia; l adesione nel marzo 2013 all Energy & Extractives Working Group del Regno Unito che ha portato all elaborazione della seconda edizione dei Principles for an Anticorruption Programme under the UK Bribery Act 2010 in the Energy & Extractives sector ; il coinvolgimento in un iniziativa collettiva intrapresa a dicembre 2013 dalle imprese europee e il contributo alla redazione di un manuale pratico pubblicato dalla Camera di Commercio Internazionale di Parigi sui modelli anti-corruzione ICC Ethics and Compliance Handbook. La trasparenza e il contrasto alla corruzione Trasparenza Per il settore estrattivo, l iniziativa di riferimento sul tema della trasparenza e del buon governo delle risorse è l Extractive Industries Transparency Initiative (EITI), sottoscritta da più di 40 Paesi. L obiettivo dell EITI è promuovere la trasparenza dei pagamenti e dell intera catena del valore del settore petrolifero, del gas e delle risorse minerarie nei Paesi produttori. La pubblicazione dei dati relativi alle risorse corrisposte ai Governi dei Paesi produttori a fronte dell utilizzo delle risorse ha lo scopo di contribuire a rafforzare l affidabilità e il buon governo nei Paesi produttori e di promuovere, allo stesso tempo, l adozione di percorsi di utilizzo sostenibile delle risorse a vantaggio delle popolazioni locali. Dal 2009 al 2013 i Paesi che hanno pienamente implementato l iniziativa (Paesi Compliant ) sono passati da 2 a 25 e l ammontare complessivo dei pagamenti ai Paesi produttori pubblicati è aumentato di 5 volte, da 200 miliardi di dollari a 1 trilione di dollari Paesi Compliant Periodi fiscali coperti nei report EITI Ammontare complessivo del valore pubblicato 200 billion $ 570 billion $ 1 trillion $ Fonte: EITI, factsheet, Per un impresa estrattiva, il contrasto alla corruzione e il contributo alla trasparenza si traducono anche nell impegno a fornire evidenza dei pagamenti corrisposti ai Paesi produttori a fronte delle attività estrattive. Nel 2013, l Extractive Industries Transparency Initiative (EITI), a cui eni aderisce

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK I. IL FRAMEWORK IN AMBITO NAZIONI UNITE (a) Il framework sviluppo per il post-obiettivi di Sviluppo del Millennio(MDG) A partire, formalmente,

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli