LA SPEZIA Incontro formativo Sordità Diversi Punti di Vista

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SPEZIA Incontro formativo Sordità Diversi Punti di Vista"

Transcript

1 LA SPEZIA Incontro formativo Sordità Diversi Punti di Vista L' Ente Nazionale Sordi, perseguendo l impegno di formazione e di aggiornamento dei docenti e degli operatori scolastici, attraverso il proprio Dipartimento FALiCSEU (Formazione e Aggiornamento sulla Lingua e Cultura dei Sordi - Scuola Educazione Università), propone una serie di incontri di formazione e aggiornamento tra cui: Meeting In/Formativo e di aggiornamento dal titolo Sordità: diversi punti di vista. Atteso che l ENS è soggetto accreditato dal Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) per la formazione per il personale della scuola, queste iniziative formative danno diritto, nei limiti previsti dalla normativa vigente, al riconoscimento dall esonero dal servizio del personale della scuola. Al termine dell incontro verrà rilasciato ai partecipanti che lo richiederanno un attestato di partecipazione. LUOGO E TEMPI DI SVOLGIMENTO Meeting In/Formativo e di aggiornamento dal titolo Sordità: diversi punti di vista ; è organizzato per il 23 e 24 marzo 2012 dalla Sezione Provinciale ENS di La Spezia; si svolgerà presso la Scuola Secondaria di Primo Grado Alfieri in Via Napoli, 144 Località La Spezia (SP), secondo programma disponibile sul sito. Il numero dei partecipanti è limitato a un massimo di 70 posti e la quota di partecipazione è di 50,00, comprensiva di un coffee break. Il pranzo è libero. INFO e iscrizioni: È previsto il sevizio di interpretazione da/in Italiano/LIS e viceversa. DESTINATARI I destinatari sono: Dirigenti scolastici, Docenti curriculari e di sostegno di ogni ordine e grado di scuola, operatori ASL (neuropsichiatri, psicologi, logopedisti), familiari di persone sorde, Interpreti di LIS, Assistenti alla Comunicazione, Educatori Sordi che hanno in carico scolari sordi, nonché e gli studenti dei Corsi di LIS, ma sono aperti a tutte le persone interessate. MODALITÀ DI ISCRIZIONE La partecipazione è riservata alle persone che si iscrivono compilando e seguendo le modalità indicate nei moduli di iscrizione disponibili sul sito e versano la quota di iscrizione prevista per ciascun incontro, entro i termini indicati. Scarica il programma e il modulo di partecipazione fonte: ens.it 1 marzo 2012

2 CONILPATROCINIODI ENTENAZIONALESORDI SEDECENTRALE L intento del meeting è quello di dare informazioni sulla sordità, non solo dal punto di vista antropologico-culturale ma anche dal punto di vista medico, psicologico e sociologico per avere una visione generale sulle sfaccettature che accompagnano la vita dei componenti della comunità sorda. Si presenteranno inoltre le varie sfumature delle persone appartenenti alla cultura sorda mostrandoli come esempi positivi e risorse disponibili nella società e non come persone malate o che necessitano di particolari cure. Si mira inoltre a sensibilizzare le famiglie che hanno figli o parenti sordi per far capire loro come sia importante accettarli per quello che sono e non prestare il fianco a pregiudizi rischiando di tenere un comportamento discriminatorio o di vergogna nei loro confronti. RICONOSCIUTO SOGGETTO ACCREDITATO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA (DECRETO DEL 18 LUGLIO 2005) PROVINCIADELLASPEZIA COMUNEDELLASPEZIA SEZIONEPROVINCIALEDELLASPEZIA SORDITÀ ENTE NAZIONALE SORDI REGIONE LIGURIA CONSULTA DISABILI PROVINCIA DELLA SPEZIA PER INFORMAZIONI ENTENAZIONALESORDI DIVERSI PUNTI DI VISTA VENERDÌ 23 E SABATO 24 MARZO 2012 SEZIONEPROVINCIALEDELLASPEZIA VIA DEI PIOPPI LA SPEZIA FAX SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALFIERI VIA NAPOLI 144 LA SPEZIA

3 VENERDÌ 23 MARZO SABATO 24 MARZO PROGRAMMA PROGRAMMA Ore Ore Ore Ore Ore Ore Ore Accoglienza e registrazione partecipanti Benvenuto da parte della Sezione Provinciale della Spezia Saluti delle Autorità Fisiopatologia dell udito e correzione della ipoacusia Dott. Alessandro Belloni Otorinolaringoiatra Il counseling nel trattamento delle sordità nei servizi territoriali Dott.ssa Edda Tesi Neuropsichiatra ASL 5 - La Spezia Viaggio nella comunità sorda Dott. Claudio Baj Educatore sordo e docente LIS (Lingua dei Segni Italiana) Tavola rotonda Chiusura lavori Ore Ore Ore Ore Ore Ore Accoglienza partecipanti Da sordomuti a sordi... a Sordi. Un (altro) punto di vista sulla sordità Dott.ssa Rita Sala Sociologa ed interprete LIS (Lingua dei Segni Italiana), esperta in sordità La logopedia del bambino sordo: possibili percorsi riabilitativi Dott.ssa Piera Massoni Logopedista Coffee Break Una vita da mediano Dott. Emanuele Arzà Presidente ENS Sezione Provinciale della Spezia La mia vita attraverso gli occhi (e qualche suono) Dott. Claudio Baj Educatore sordo e docente LIS (Lingua dei Segni Italiana) Ore Ore Ore Ore Ore Sordi in USA: riflessioni ed esperienze Dott.ssa Christine Brown Coordinatrice programmi studio per Sordi - Siena School for Liberal Arts Esperienze di una mamma con due tipologie di abilitazione per i suoi figli: oralismo-lis Dott.ssa Elda Lisjak Assistente alla comunicazione Io giovane sordo a La Spezia Dott. Gabriele Alberici Delega alle Politiche Giovanili ENS Sezione Provinciale della Spezia Tavola rotonda Chiusura lavori Ore Tavola rotonda Ore Pranzo (libero) Si ringrazia Anna Maria Giarrizzo per la gentile concessione dell opera in copertina Acquerello su tela La Spezia

4

5

6 L'Assemblea Nazionale di CoorDown A una ventina di giorni dalla Giornata Mondiale delle Persone con Sindrome di Down, in calendario per il 21 marzo prossimo, si è tenuta a Segrate (Milano), il 3 e 4 marzo, l'assemblea Nazionale del CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down), durante la quale, oltre alla definizione delle attività per l'evento ormai prossimo, si discuteranno vari altri temi, tra i quali anche una possibile azione di class action nei confronti del parco di divertimenti Gardaland Tra i vari argomenti in discussione, da segnalare in particolare la ventilata azione di class action nei confronti del parco di divertimenti Gardaland - questione seguita ampiamente anche dal nostro sito - per i ripetuti comportamenti discriminatori attuati nei confronti delle persone con sindrome di Down e l'elezione dei rappresentanti in seno al Comitato di Gestione del Coordinamento per il biennio Altro tema importante, la Giornata Mondiale delle Persone con Sindrome di Down, in calendario il 21 marzo prossimo, rispetto alla quale verrà definito il programma delle diverse attività. E ancora, sarà presente all'assemblea un rappresentante della Società Deichmann Calzature - da tempo partner di CoorDown, nel fornire opportunità di lavoro alle persone con sindrome di Down - si parlerà dei rapporti con la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'handicap) e i Gruppi Lavoro, Scuola, Stato Sociale e Sport presenteranno le proprie rispettive relazioni. Per ulteriori informazioni: fonte: superando.it 5 marzo 2012

7 Donne: sul lavoro devono farsi perdonare di non essere uomini Nonostante il cammino di conquiste che ha portato la donna ad una completa parità giuridica rispetto agli uomini, nel campo del lavoro ci sono ancora poche donne ed esse sembra quasi che debbano farsi perdonare il loro essere donna e che sul posto di lavoro debbano provare ad essere uomini. Lo sottolinea l Anmil nel rapporto Donne, lavoro e disabilità: fra sicurezza e qualità della vita, reso noto oggi alla vigilia della Giornata della donna. Un lavoro che illustra come ancora oggi le donne costituiscano una delle fasce deboli del mercato del lavoro, trovandosi spesso in una posizione di maggiore vulnerabilità rispetto agli uomini. Per le donne, sottolinea l associazione nazionale mutilati invalidi del lavoro, esistono forti esigenze relative alla conciliazione dei tempi di lavoro e di vita familiare: un approccio che non si ferma alla semplice considerazione del suo essere madre e del connesso stato di gravidanza (la classica prospettiva di tutela della salute della donna-madre) ma che si amplia alla più moderna ottica della prevenzione collegata all organizzazione del lavoro complessivamente intesa. Il rapporto sottolinea come nel nostro paese appena l 1,4% del Pil venga destinato a famiglia e maternità, contro il 2,1% della media europea e il 3,7% record della Danimarca: i dati 2010 del World Economic Forum sulla condizione femminile in 134 Stati del mondo mettono l Italia al 74esimo posto, in calo ulteriore rispetto agli anni precedenti. Quanto alla disparità economica fra uomini e donne, l Italia è al 95esimo posto. Nel nostro paese è critico il problema dell abbandono del lavoro per motivi di maternità e non a caso l Italia ha uno dei più bassi indici di occupazione femminile in Europa: l Italia è al 49,5%, penultima (dati Ue). Altra faccia della medaglia: gli infortuni sul lavoro. Secondo dati Inail, a fronte di un aumento di donne occupate (+8,1% dal 2001 al 2010) c è una sostanziale stabilità nel numero di infortuni (244mila nel 2001, 245mila nel 2010). In termini di rischio, si tratta comunque di una diminuzione che però è molto meno forte di quella riscontrata fra gli uomini. E ciò nonostante le professioni tipicamente maschili siano notoriamente più rischiose di quelle al femminile. Fra le donne, la professione più colpita dagli infortuni è quella delle infermiere professionali, che ricoprono il 10% circa degli infortuni occorsi a tutte le qualifiche professionali femminili definite dalla classificazione Inail. Ma la particolarità femminile è quella degli infortuni in itinere: su 89mila complessivi, oltre 43mila (il 50,7) hanno interessato donne. In pratica per la donna la probabilità di subire un infortunio in itinere è superiore di ben il 50% rispetto a quella del collega uomo, il che conferma che per le donne che lavorano il pericolo più diffuso è rappresentato dal percorso che si effettua per recarsi o tornare dal posto di lavoro. Il perché, al di là dei tanti fattori che influenzano un dato simile, è da ricercare nel fatto che il percorso casa-lavoro-casa rappresenta nella vita quotidiana della donna il segmento temporale in cui si concentrano tutte le problematiche e le difficoltà di conciliazione famiglia-lavoro, con le conseguenze sul piano della sicurezza che le evidenze statistiche mettono in luce. Esempio classico, la donna che nel tragitto verso il lavoro accompagna il figlio all asilo o a scuola, o lo va a riprendere: troppi incidenti sono dovuti proprio anche alla condizione di stress e di minore lucidità che le donne hanno quando si recano al lavoro. fonte: redattoresociale.it 7 marzo 2012

8 La sclerosi tuberosa, malattia multisistemica e di grande variabilità clinica Se ne parlerà il 16 marzo a Bologna, nel corso di una tavola rotonda di aggiornamento voluta dall'ast (Associazione Sclerosi Tuberosa), allo scopo di aggiornare il mondo medico e sanitario sulle nuove terapie che si sono delineate per la cura di questa rara patologia, ma aperta anche alle persone che ne sono affette e ai loro familiari La sclerosi tuberosa è una malattia genetica caratterizzata da un coinvolgimento multisistemico e dalla grande variabilità clinica. La conoscenza dei geni coinvolti e delle proteine alterate ha permesso di riconoscere la storia naturale della malattia e di comprendere che tale affezione è molto più frequente di quanto rilevato fino ad oggi e che solamente meno della metà dei soggetti presenta un grave deficit neuropsichico. Una tavola rotonda di aggiornamento sulla sclerosi tuberosa (Vicini ai bisogni dei pazienti e delle famiglie) è stata organizzata per venerdì 16 marzo a Bologna (Aula Rossa dell'edificio C dell'ospedale Maggiore, Via dell'ospedale, ore 14.30) dall'ast (Associazione Sclerosi Tuberosa), allo scopo di aggiornare il mondo medico e sanitario sulle nuove terapie che si sono delineate per la cura di tale rara patologia. L'incontro è per altro aperto anche alle persone affette dalla malattie e alle famiglie, senza alcun obbligo d'iscrizione. Dopo i saluti di Manuela Magni e Anna Baldini, rispettivamente coordinatrice per l'emilia Romagna e delegata per la Provincia di Bologna, vi parteciperanno - moderati da Paolo Cuoghi, tesoriere dell'ast - Giuseppe Gobbi, neurologo dell'ospedale Maggiore di Bologna, referente dell'emilia Romagna per l'ast (Introduzione sugli aspetti clinici e terapeutici nella sclerosi tuberosa), Claudio Campieri e Francesco Grammatico, nefrologi dell'ospedale Maggiore di Bologna (Protezione renale nei soggetti con sclerosi tuberosa e indicatori specifici), Andrea Fabiani, pneumologo dell'ospedale Sant'Orsola-Malpighi di Bologna (le problematiche pneumologiche nella sclerosi tuberosa: la LAM linfangioleiomiomatosi) e Iris Neri, dermatologa pediatrica e responsabile dell'ambulatorio Malattie rare dell'ospedale Sant'Orsola-Malpighi di Bologna (Rapamicina topica nella sclerosi tuberosa). In apertura di giornata è prevista anche la visione del corto L'agnellino con le trecce di Maurizio Rigatti, dedicato alla sclerosi tuberosi, cui hanno partecipato gli attori Nino Frassica, Riccardo Zinna, Gianluca Grecchi, Manuela Morabito e Enrico Iannello, per il quale l'ast è stata sostenuta da DIVA UNIVERSAL, in collaborazione con UNICORNO Visioni Parallele fonte: superando.com 13 marzo 2012

9 L'emozione opaca: l'intimità È questo il nome scelto per il convegno che si terrà il 17 marzo a Udine, dedicato alla sessualità delle persone con disabilità e che consentirà anche ai genitori, alle associazioni e agli operatori presenti di confrontarsi in un'ampia tavola rotonda conclusiva con gli esperti che interverranno sul tema. «Fornire un contributo di analisi, soprattutto rispetto ai luoghi comuni e alle contraddizioni che caratterizzano la letteratura su un tema così importante della vita, ma anche tracciare le prospettive che sul piano della progettazione e dell'implementazione di percorsi siano mirate alla realizzazione di una formazione ad personam, nel rispetto delle necessità del singolo»: viene presentato così il convegno L'emozione opaca: l'intimità, sul tema della sessualità delle persone con disabilità, organizzato per sabato 17 marzo a Udine (Auditorium della Regione, Via Sabbadini, 31, ore 9), dal Dipartimento Provinciale "Disabilità e Salute" dell'udc della città friulana e dal Gruppo Consiliare Regionale dell'udc del Friuli Venezia Giulia. I lavori saranno aperti da Giorgio Venier Romano, presidente della III Commissione Sanità della Regione Friuli Venezia Giulia, da Roberto Molinaro, assessore regionale all'istruzione, Università, Ricerca, Famiglia, Associazionismo e Cooperazione e da Marisol Calligaro, responsabile del Dipartimento Provinciale "Disabilità e Salute" dell'udc di Udine, lasciando poi spazio alla testimonianza della madre di una persona con disabilità. Interverranno quindi Lucio Cottini dell'università di Udine (È proprio vero che a tutti i disabili adulti piace il caffè d'orzo? La prospettiva dell'autodeterminazione), Serafino Corti dell'università Cattolica di Milano (Le famiglie e la sessualità dei figli disabili. Servizi educativi e fattori di qualità: una prospettiva per la famiglia), Daniele Fedeli dell'università di Udine (Il controllo emotivo nella persona disabile. Punti critici e vissuti personali), Carlo Pascoletti dell'università di Udine (Un percorso formativo per un "dopo di noi" emotivo affettivo). Il convegno - moderato da Giacomo Ferrara, segretario organizzativo dell'udc della Provincia di Udine - sarà concluso dalla proiezione del documentario Enea: the special need, che racconta la storia di un ventisettenne con disabilità e da una tavola rotonda che metterà a confronto i relatori con genitori, associazioni e operatori del settore. fonte: superando.it 15 marzo 2012

10 Il 25 marzo si celebra la VI Giornata regionale del Volontariato Domenica 25 marzo si celebrerà la VI Giornata regionale del Volontariato, quest anno dedicata al tema Volontariato: uno stile che promuove speranza, presso il Centro Incontri della Regione Piemonte, in corso Stati Uniti 23 a Torino. La Giornata è promossa dal Consiglio regionale, d intesa con la Giunta regionale e il Consiglio regionale del Volontariato, con la partecipazione delle Province, in collaborazione con i Centri di Servizio per il Volontariato del Piemonte. In questo momento storico e sociale di grande vulnerabilità, di crisi economica e culturale, il Volontariato gioca un ruolo educativo e formativo importante. La Giornata sarà dunque un occasione per dare voce al mondo del Volontariato e contribuire a costruire un nuovo stile di relazione con il sistema dei servizi pubblici che, secondo una logica sussidiaria, dia spazio al protagonismo e alla progettualità del Volontariato nel fornire servizi essenziali per l umanizzazione della comunità sociale e civile. Nella Giornata sarà inoltre presentata l Agenda di Lavoro del triennio del Consiglio Regionale del Volontariato, che riprende le istanze e le proposte elaborate nel quinquennio dal CRV. Programma Ore 9.00 Accoglienza e registrazione partecipanti Ore 9.30 Apertura lavori: Maria Paola Tripoli, Vicepresidente del Consiglio Regionale del Volontariato Saluto delle autorità: Roberto Cota, Presidente della Regione Piemonte *, Valerio Cattaneo, Presidente del Consiglio regionale del Piemonte * in attesa di conferma Ore Relazione Introduttiva "Volontariato e sussidiarietà. Un nuovo sistema di welfare delle opportunità" Stefano Gheno, Centri di Solidarietà Milano Ore Interventi "Le sfide interne al volontariato. Luci ed ombre del volontariato" Luca Stefanini, Società di San Vincenzo de Paoli "Il volontariato come fattore di umanizzazione della società e dei servizi. L unificazione dei settori socio-assistenziale e sanitario è un urgenza ineludibile" Paola Varese, Associazione Vela onlus Ovada "Rendere sostenibile il pianeta. La cultura della bellezza come promozione della dignità della persona"

11 Alessandro Meluzzi, Comunità Agape Madre dell Accoglienza e Comunità Incontro "Il ruolo propositivo e rappresentativo del Consiglio regionale del Volontariato" Anna Laura Ravera, Coordinamento VOL.O. Volontariato Oncologico Piemonte Ore Volontariato è : proposta musicale del Coro della Scuola Primaria Oltremaira, Direzione didattica di Dronero (CN), diretto dalla Maestra Claudia Ribero Ore Intervento Danilo Giovanni Festa, Direttore Generale per il terzo Settore e le Formazioni Sociali, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Intervento D.ssa Raffaella Vitale, Direttore alle Politiche sociali e Politiche per la famiglia della Giunta regionale Ore Conclusioni Maria Paola Tripoli, Vicepresidente del Consiglio Regionale del Volontariato Ore Buffet Per informazioni: Direzione Politiche Sociali della Regione Piemonte, Settore Promozione attività altri soggetti pubblici e del privato sociale Ufficio Volontariato Tel: Tel: Consiglio regionale del Piemonte Direzione Comunicazione istituzionale Tel: fonte: regione.piemonte.it 15 marzo 2012

12 Tutore o Amministratore di sostegno? Come orientarsi L Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici Piemonte organizza Circle Line: un progetto di Accoglienza, Informazione e Formazione per Volontari genitori. Il prossimo incontro, Tutore o Amministratore di sostegno? Come orientarsi, si terrà giovedì 22 marzo, dalle alle 20.30, presso il Centro Servizi V.S.S.P. in via Giolitti 21. L argomento interessa tutti i genitori con un figlio autistico che si avvia verso l età adulta. Chi ci è già passato ben sa quanto sia complesso questo periodo, sotto tutti i punti di vista. Il problema della tutela legale è sicuramente una componete difficile da affrontare, anche dal punto di vista emotivo. Relatori: Diego Lopomo Ufficio provinciale di Pubblica Tutela Tutela e Amministrazione di Sostegno. Attività dell Ufficio di Pubblica Tutela Giuliana Cottino Ufficio di Servizio Sociale presso la sezione fasce deboli della Procura presso il Tribunale Ordinario di Torino Il ruolo dell Ufficio di Servizio sociale presso la Procura presso il tribunale di Torino sezione fasce deboli Questo incontro, grazie alla competenza dei due funzionari che interverranno, vuol essere un aiuto all orientamento su questo argomento sul quale tanti genitori chiedono informazioni. fonte: vssplive.it 16 marzo 2012

13 Le malattie neuromuscolari nei primi mesi e anni di vita Si profila come un vero e proprio "evento" di informazione e formazione medica, il corso-convegno del 23 e 24 marzo a Pavia, denominato "Le malattie neuromuscolari nei primi mesi/anni di vita: dalla diagnosi alla presa in carico", che vedrà la partecipazione di numerosi esperti del settore, provenienti da tutta Italia e anche dall estero, "tessera" ulteriore per la costruzione di quella «figura professionale unificante, disponibile ad accogliere le esigenze cliniche e i bisogni umani delle persone affette da malattie neuromuscolari», tanto auspicata a suo tempo dal compianto Giovanni Lanzi, uno dei "padri" della Neuropsichiatria Infantile italiana, che proprio a Pavia fondò il Centro per le Malattie Neuromuscolari in Età Evolutiva dell'istituto Mondino, promotore di tale iniziativa Distrofie muscolari, amiotrofie spinali, miopatie e miastenie congenite, glicogenòsi: sono tutte malattie neuromuscolari di origine genetica, progressive e gravemente invalidanti, rare se prese singolarmente, ma che complessivamente coinvolgono nel nostro Paese decine di migliaia di bambini, caratterizzandosi come un'importante causa di disabilità e mortalità infantile. Si tratta - com'è facilmente immaginabile - di un settore abitualmente considerato "di nicchia", sia da parte dei neuropsichiatri infantili, che dei pediatri o degli altri specialisti e trattandosi di patologie rare, esse pongono spesso notevoli difficoltà diagnostiche e di trattamento clinico. Negli ultimi dieci anni, tuttavia, l'imponente sviluppo di conoscenze e di strumenti terapeutici sta modificando in modo sostanziale la qualità e la durata della vita dei piccoli pazienti affetti da malattie neuromuscolari, pur non essendo queste ancora guaribili. «In tal senso - spiegano Umberto Balottin e Angela Berardinelli dell'irccs Fondazione Istituto Neurologico Mondino di Pavia, coordinatori del Corso-Convegno Le malattie neuromuscolari nei primi mesi/anni di vita: dalla diagnosi alla presa in carico, previsto per venerdì 23 e sabato 24 marzo nella città lombarda (Aula Berlucchi dell'università di Pavia) - la consapevolezza delle accresciute conoscenze e la prospettiva di possibili terapie inducono nei familiari la richiesta sempre più pressante di garantire tutto quanto sia possibile perché i loro bambini vivano meglio e più a lungo. Da parte degli stessi clinici, inoltre, si sta determinando un radicale cambiamento di attitudine, rispetto al passato, con un approccio che si può definire "globale", nei confronti di chi è coinvolto in questi problemi». Anche alla luce di quanto detto, perciò, risultano quanto mai necessari gli incontri di informazione e aggiornamento, come quello del 23 e 24 marzo a Pavia, consistente in un'intensa due giorni di lavoro, pensata "dai clinici per i clinici", durante la quale i principali esperti del settore, provenienti da tutta Italia e anche dall'estero, illustreranno le più recenti acquisizioni, consentendo ai partecipanti di declinarle nella pratica medica quotidiana e presentando vere e proprie "linee-guida" per la presa in carico dei pazienti. Organizzato dall'irccs Fondazione Istituto Neurologico Mondino (Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Neuromuscolari dell'età Evolutiva), il Corso-Convegno di Pavia - che si avvarrà del patrocinio dell'aim (Associazione Italiana Miologia), della SINPIA (Società Italiana di Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza), della Fondazione Telethon, della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e dell'associazione Famiglie SMA - sarà quindi un vero e proprio "evento" di informazione e formazione medica, "tessera" ulteriore per la costruzione di quella «figura professionale unificante, disponibile ad accogliere le esigenze cliniche e i bisogni umani delle persone affette da malattie neuromuscolari», tanto auspicata a suo tempo dal compianto Giovanni Lanzi, uno dei "padri" della Neuropsichiatria Infantile italiana, che proprio a Pavia fondò il Centro per le Malattie Neuromuscolari in Età Evolutiva dell Istituto Mondino. Per ulteriori informazioni: Bquadro congressi srl, tel , fonte: superando.it 20 marzo 2012

14 Lo sport è un diritto sancito dalla Convenzione ONU E lo deve diventare sempre di più anche in montagna, ove gli sport della neve non vanno più ritenuti come "un pericolo", ma come un bisogno, un'opportunità e un diritto delle persone con disabilità. Se ne parlerà il 24 marzo a Courmayeur (Aosta), nel corso del Convegno "Montagne pour tous. Lo sport per la salute e il benessere delle persone con disabilità", organizzato dalla locale ASPERT (Associazione Sport per Tutti) e patrocinato anche dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'handicap) «I bambini con disabilità non hanno quasi mai le stesse opportunità di confronto con lo sport dei loro coetanei; esso, anzi, è vissuto spesso come una cosa lontana, addirittura talvolta come "fonte di pericolo", in particolare riguardo agli sport della neve, che si svolgono in un ambiente ritenuto potenzialmente ostile. Lo sport è però anche un diritto, sancito dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità e tutti dovrebbero poter beneficiare dei suoi valori educativi, formativi, ma anche riabilitativi e terapeutici, oltre che come strumento per emergere dalla solitudine e dall'isolamento che la condizione di disabilità favorisce». Lo dichiarano gli esponenti dell'aspert (Associazione Sport per Tutti) di Courmayeur (Aosta), nel presentare il Convegno Montagne pour tous. Lo sport per la salute e il benessere delle persone con disabilità, organizzato per sabato 24 marzo nella nota località valdostana (Centro Congressi di Courmayeur, ore 9-13), aggiungendo che tale iniziativa, «rivolgendosi in primo luogo alle famiglie, vuole stimolare questo cambio di paradigma, analogo a quello che è avvenuto in passato nei confronti della montagna, ritenuta storicamente fonte di pericolo e di malattie e ora apprezzata anche per i benefìci per la salute. Analogamente l'attività sportiva in montagna dev'essere riconosciuta non più come un pericolo, ma come un bisogno, un'opportunità e un diritto della persona con disabilità». Sostenuto dal CSV (Centro di Servizio per il Volontariato)-Coordinamento Solidarietà Valle d'aosta e patrocinato dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'handicap), dal CoDiVdA (Coordinamento Disabilità Valle d'aosta), dall'aivips (Associazione Italiana Vivere la Paraparesi Spastica), da Orphanet, dalla Società Italiana Medicina di Montagna, da Antenne Handicap Valle d'aosta, dall'associaziona Valdostana Maestri di Sci e dal Segretariato Sociale della RAI, l'incontro sarà aperto dai saluti di Fabrizia Derriard, sindaco di Courmayeur, di Stefania Perego, vicepresidente del CSV e di Andrea Borney, presidente dell'aspert. Interverranno dapprima Roberto Sterzi, primario emerito dell'azienda Ospedaliera di Neurologia del Niguarda di Milano (Lo sport come attività riabilitativa: il punto di vista di un neurologo) e Lorenzo Prando, psicologo e psicoterapeuta (Il Cavallo Bangio). Successivamente è prevista la tavola rotonda Montagna e sport, da preclusione a opportunità: esperienze e riflessioni, moderata dal giornalista Pierfrancesco Pontecorvo e alla quale prenderanno parte Albert Lanièce, assessore regionale della Valle d'aosta alla Sanità, alla Salute e alle Politiche Sociali, Guido Giardini, presidente dell'associazione Nazionale Medici di Montagna, Carlo Romeo, direttore del Segretariato Sociale della Rai, il senatore valdostano Antonio Fosson, il presidente nazionale della FISH Pietro Barbieri e il presidente dell'aisla (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica) Mario Melazzini. Il convegno si concluderà con alcuni interventi sul tema Risposte del territorio per il diritto allo sport delle persone con disabilità, con la partecipazione di Tommaso Amelio, odontoiatra dell'aivips, Marc Gostoli, direttore dell'associazione Antenne Handicap di La Plagne (Francia), del già citato Andrea Borney e di Giovanna Rabbia dell'avres (Associazione Valdostana Riabilitazione Equestre). Durante la mattinata è prevista anche l'anteprima del video realizzato da TERZOOCCHIO di Gabriella Monti, nell'ambito del progetto del PIT (Piano Integrato Transfrontaliero) dell'espace Mont Blanc AuTour du Mont Blanc, azione Montagne pour Tous, Valle d Aosta: una Regione dove lo sport è per tutti (Meeting Internazionale Special Olympics Italia - Giochi Interregionali Special Olympics Italia 2012 di Sport Invernali). fonte: superando.com 21 marzo 2012

15 Ferrara: La disabilità questione sociale e non privata - la qualità dell integrazione La disabilità riguarda l intero arco della vita della persona ed è per questo che la città deve aprirsi a 360 gradi alle sue specifiche esigenze. Nasce da queste premesse la seconda edizione del convegno provinciale La disabilità questione sociale e non privata - la qualità dell integrazione in programma sabato 24 marzo (alle 9) alla biblioteca Bassani (piazza Emilia 1 a Barco). L iniziativa, patrocinata dalla Provincia e dal Comune di Ferrara, è promossa dalle sezioni provinciali di Uil pensionati, A.n.m.i.c., Unione italiana ciechi e ipovedenti, A.n.f.f.a.s., Centro C.a.s.p.canoa club, C.i.p.(Comitato Italiano Paralimpico). Importanti relatori di livello locale, regionale e nazionale saranno chiamati ad analizzare le condizioni di vita delle persone con disabilità nella scuola, nel lavoro, nella mobilità, nei servizi sociali e socio sanitari, nel mondo sportivo, nell università, nell accessibilità nel turismo, nello sviluppo d impresa, nelle politiche abitative. fonte: ferrarasociale.org 22 marzo 2012

16 Le nuove prospettive terapeutiche per la sclerodermia Nota anche come sclerosi sistemica, la sclerodermia è una patologia complessa, autoimmune, cronica e invalidante e ad essa sarà dedicata la XVIII Giornata Nazionale del 24 marzo, che ruoterà tradizionalmente attorno al convegno nazionale organizzato a Milano dal GILS (Gruppo Italiano per la Lotta alla Scleerodermia), ove si parlerà anche di nuove prospettive terapeutiche. Si tratta di una manifestazione che coinvolge i malati in prima persona, per affrontare la patologia in ogni suo aspetto, da quello più scientifico a quello umano, toccando anche la problematica dei diritti legati a una malattia complessa La nota produttrice discografica e produttore televisivo Mara Maionchi è il testimonial del GILS. Verrà presentata venerdì 23 marzo a Milano (Sala Alessi di Palazzo Marino, Piazza della Scala, 2, ore 12) - nel corso di una conferenza stampa cui parteciperanno Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche Sociali e alla Cultura della Salute del Comune di Milano, Carla Garbagnati Crosti e Raffaella Scorza, rispettivamente presidente e coordinatrice del Comitato Scientifico del GILS (Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia) - la XVIII Giornata Nazionale per la Lotta alla Sclerodermia. L'evento ruoterà tradizionalmente attorno al Convegno Nazionale promosso dal GILS per sabato 24 marzo all'aula Magna dell'università di Milano e dedicato al tema Sclerosi sistemica: nuove prospettive terapeutiche, che per l'occasione ospiterà i malati provenienti da tutta Italia, i loro familiari, i medici, i ricercatori e le Istituzioni, per ascoltare, dibattere e costruire insieme nuovi e importanti progetti riguardanti questa rara malattia, nota anche come sclerosi sistemica. «La nostra Giornata - sottolinea Carla Garbagnati Crosti - che ha avuto anche quest'anno l'adesione del Presidente della Repubblica, vuole porre l'attenzione sulle terapie e sui farmaci innovativi per combattere una patologia complessa, autoimmune, cronica e invalidante, puntando a nuove prospettive terapeutiche. Si parla di nuove molecole che, sembra, possano risultare vincenti nella fibrosi polmonare e nella sclerosi sistemica». L'appuntamento di Milano, dunque, vuole essere un'opportunità e un sostegno concreto per i malati, veri protagonisti della giornata. È questa infatti l'unica manifestazione che coinvolge i pazienti in prima persona per affrontare la patologia in ogni suo aspetto, da quello più scientifico a quello umano, toccando anche la problematica dei diritti legati a una malattia complessa. Altro tema di notevole importanza è quello del rapporto di coppia, molto sentito dagli ammalati, ma finora rimasto troppo spesso nell'ombra. Il GILS vuole invece affrontarlo nella sua problematicità, perché grazie a una comunicazione aperta tra la coppia e lo specialista, i problemi peseranno di meno e verranno affrontati con più serenità, riuscendo così ad abbattere un'ulteriore barriera che migliorerà la loro qualità di vita fonte: superando.com 22 marzo 2012

17 Convegno sulla diffusione dell'icf nell'inserimento dei disabili Mercoledì 28 marzo a Roma dalle ore 9:30, nella sala Biagi di Italia Lavoro (via Guidubaldo del Monte, 60), si svolgerà il convegno sul tema "La diffusione dell Icf nell inserimento lavorativo dei disabili". Nel corso dell'incontro verranno ripercorse le tappe storiche del progetto e nel pomeriggio, alle ore 14:30, è prevista una tavola rotonda sulla valenza e le prospettive della diffusione dell'icf. IL PROGETTO ICF Il progetto Icf (Classificazione Internazionale del Funzionamento della Disabilità e della Salute) e politiche del lavoro, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e realizzato da Italia Lavoro in collaborazione con il Disability Italian Network (Din), ha portato l'italia (primo paese su questa tematica) a compiere un'azione capillare di in/formazione e ad avviare la sperimentazione e l'utilizzo degli strumenti operativi derivanti dalla nuova classificazione nel campo delle politiche attive per il lavoro, con particolare riferimento all'integrazione lavorativa delle persone con disabilità. Italia Lavoro ha sviluppato nel tempo un sistema di inserimento lavorativo disabili Icf qualificato comprensivo degli strumenti denominati Protocollo Lavoratore e Protocollo Azienda, contribuendo alla costruzione del sistema dell accertamento unico del funzionamento e della disabilità all interno del macro processo di presa in carico socio-sanitaria. Con questa iniziativa, Italia Lavoro ha promosso e diffuso nei territori le attività di trasferimento nei processi di integrazione della Classificazione Icf (principi, metodologie e strumenti) all interno della filiera del collocamento mirato e delle politiche attive rivolte ai disabili mediante la formazione e la sperimentazione di entrambi i protocolli. GLI INTERVENTI Ad aprire i lavori sul tema "Il programma di diffusione dell'icf nell'inserimento lavorativo: risultati raggiunti e prospettive della diffusione" il presidente di Italia Lavoro Paolo Reboani e il responsabile Area Inclusione Sociale e Lavorativa di Italia Lavoro Mario Conclave. Seguiranno gli approfondimenti scientifici, coordinati da Raffaele Tangorra della direzione generale per l'inclusione e le politiche sociali, di Carlo Francescutti dell' Osservatorio nazionale sulle condizioni delle persone con disabilità sul tema "Convenzione Onu ed applicazione dell Icf", di Lucilla Frattura del Centro collaboratore italiano dell Oms-Organizzazione Mondiale della Sanità sul tema "I processi di diffusione dell Icf e l applicazione nell inserimento lavorativo dei disabili"; di Giovanni Cortese dell'inail sul tema "Icf e disabili da lavoro. L impegno dell Inail" e di Alessandro Solipaca dell'istat-unità Operativo Disabilità e integrazione Sociale sul tema "L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità". LA TAVOLA ROTONDA Dopo la pausa pranzo, alle ore 14:30, inizierà la tavola rotonda sul tema "Valenza e prospettive della diffusione dell'icf" che sarà coordinata da Grazia Strano della direzione generale per le politiche dei servizi per il lavoro. Interverranno: Massimo Piccioni del Coordinamento Generale Medico Legale Inps; Mario Carletti della direzione generale Riabilitazione e Protesi Inail; Fabio Montanini dirigente settore Lavoro della Regione Marche; Sergio Polisicchio assessore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Sociali della Provincia di Catanzaro; Gianfranco Marino dirigente settore Lavoro della Provincia di Pordenone; Pietro Vittorio Barbieri presidente nazionale Fish-Federazione Italiana Superamento Handicap; Sandro Giovannelli direttore generale Anmil-Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro. Concluderà i lavori il sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Cecilia Guerra. fonte: lavoratorio.it 23 marzo 2012

18 La cultura ti aiuta nei momenti di difficoltà... DIRITTO ALLE CURE SANITARIE Malati di Alzheimer e anziani non autosufficienti...ne parliamo al cinema e a teatro venerdì 13 aprile 2012 Cinema Massimo, sala 3 - via Verdi 18, Torino (accessibile con ascensore) ore Proiezione del film UNA SCONFINATA GIOVINEZZA di Pupi Avati, anno 2010, durata 98 ore Forum con gli interventi di: Piero Secreto, medico geriatra Testimonianza di un familiare dell Associazione Alzheimer Piemonte Informazioni e proposte a cura della Fondazione promozione sociale onlus sabato 26 maggio 2012 Cascina Marchesa - c.so Vercelli 141/7, Torino ore Lettura teatrale E TU CHI SEI? COMPAGNIA 3001 ore Forum con gli interventi di: Pietro Landra, medico geriatra Testimonianza di un familiare dell Associazione Alzheimer Piemonte Informazioni e proposte a cura della Fondazione promozione sociale onlus domenica 21 ottobre 2012 Cascina Roccafranca, via Rubino 45, Torino ore Proiezione del film UNA SCONFINATA GIOVINEZZA di Pupi Avati, anno 2010, durata 98 ore Forum con gli interventi di: Luigi Pernigotti, medico geriatra Testimonianza di un familiare dell Associazione Alzheimer Piemonte Informazioni e proposte a cura della Fondazione promozione sociale onlus mercoledì 21 novembre 2012 Teatro Baretti via Baretti 4, Torino ore Lettura teatrale E TU CHI SEI? COMPAGNIA 3001 ore Forum con gli interventi di: Massimo Mao, medico geriatra Testimonianza di un familiare dell Associazione Alzheimer Piemonte Informazioni e proposte a cura della Fondazione promozione sociale onlus INGRESSO LIBERO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA Per avere il codice di accesso alla sala inviare a Si può prenotare anche per telefono al numero orario / Le prenotazioni si ricevono fino ad esaurimento posti. La prenotazione è considerata valida fino a 10 minuti prima dell inizio dello spettacolo. Per altre informazioni CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SOCIALE Per una cultura dei diritti delle persone non autosufficienti, saperne di più ci aiuta a costruire meglio il nostro futuro! promossa da con il sostegno in collaborazione con 25x60.pmd 1 27/02/2012, 10:50

19 Perché mi serve un disability manager?. Il 30 marzo tavolo di incontro sul tema Perché mi serve un disability manager?. Il tavolo di incontro tra figura professionale e bisogni che si tiene il 30 marzo a partire dalle ore 9.30 presso la biblioteca Paolo Angelani di Monterotondo va diritto al punto: far comprendere l importanza della funzione del disability manager e della sua competenza in ogni campo. La nomina di questa figura professionale nei Comuni italiani è prevista dal "Libro bianco su accessibilità e mobilità urbana: Linee guida per gli enti locali" redatto da ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali nel 2009, ma c è ancora molto da sapere e da conoscere in merito al suo ruolo e alle opportunità che ne derivano. L iniziativa del 30 marzo è delle associazioni SuperInsieme (Reti per il sostegno al disagio psicosociale) e Afimid (Associazione familiare per l integrazione dei minori disabili), con la collaborazione di associazione Il Tamburo onlus. Si ragionerà su soluzioni per la gestione della disabilità per superare i confini tra i servizi e valorizzare le singole professionalità che già operano, favorire l'accessibilità (urbanistica e non solo), coordinare il sistema sociosanitario, l'assistenza alla famiglia, l'integrazione scolastica, l'inclusione lavorativa, il turismo. Ma cosa fa, in pratica, il disability manager? Si tratta di una figura professionale che nasce negli Usa al servizio della grande industria, finalizzandosi alla integrazione lavorativa della persona con disabilità. In Italia questa figura ha acquisito delle competenze ulteriori che ne fanno un facilitatore a tutto campo, con rilevanti percorsi per il superamento di barriere, non solo architettoniche, ma anche e soprattutto culturali. Si tratta specificano i promotori dell iniziativa del 30 marzo - di una figura altamente specializzata sulle tematiche della disabilità e della accessibilità, di un costruttore di reti, un professionista che mette in rete enti, professionisti, uffici, associazioni, specificità, in un determinato territorio, con lo scopo di superare e far superare qualunque tipo di barriera. Una competenza al servizio della società e non solo della disabilità, perché la disabilità è una condizione dell intera umanità. Siamo convinti che per gli enti che inseriranno nei loro Comuni la figura del disability manager questo comporterà un enorme risparmio in termini economici; un ulteriore vantaggio si ripercuoterà sul piano del miglioramento della qualità di vita, inizialmente delle persone svantaggiate e delle loro famiglie, ma successivamente di una intera cittadinanza o comunità. All incontro del 30 marzo a Monterotondo prenderanno parte amministratori, tecnici e docenti come Rodolfo Dalla Mora, ocente presso il Corso di Perfezionamento in Disability Manager presso l'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Disability manager presso l'ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione di Motta di Livenza (Tv) e Presidente Nazionale di Sidima (Società Italiana Disability Manager), composta da circa 40 Disability Manager, interverranno poi associazioni e altre realtà del terzo settore, psicologi e pedagogisti. In Italia per diventare disability manager bisogna frequentare un corso di perfezionamento presso l'università ed essere in possesso di almeno una laurea triennale. Sidima ha stipulato protocolli d'intesa con le maggiori società scientifiche e università italiane, ha patrocinato inoltre il master in Disability Manager realizzato presso l'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, sarà presente a Milano alla Fiera Reatech con un un proprio convegno in data 27 maggio Per info e contatti: ; cell: ; fonte: redattoresociale.it 27 marzo 2012

20 Specialisti in neurologia: focus sulle neurofibromatosi Macchie color caffellatte diffuse lungo il corpo. È questo il segno più visibile e precoce di un gruppo di malattie genetiche rare che prendono il nome di neurofibromatosi. Queste malattie portano a una crescita incontrollata di cellule lungo i nervi, causa di pressioni dolorose e gravi danni alla loro funzionalità, fino a provocare lo sviluppo di tumori benigni. Si possono associare malformazioni ossee e vascolari, che a volte coesistono con altre patologie, come ritardo nell apprendimento, sclerosi multipla e leucemie. Esistono due forme principali di neurofibromatosi: quella di tipo 1 è la tipologia più diffusa e interessa il 90% dei casi, con un milione e mezzo di malati nel mondo, di cui 20 mila in Italia; quella di tipo 2 è meno frequente, ma più grave, perché causa tumori al nervo acustico, cervello o il midollo spinale, con problemi di sordità, perdita dell equilibrio e difetti della visione. Molti aspetti di queste malattie sono ancora imprevedibili. È certo che la NF1 interessa circa un bambino ogni 4 mila, mentre la NF2 colpisce 1 caso ogni 33 mila. Entrambe sono ereditarie, quindi i genitori affetti da neurofibromatosi hanno il 50% di probabilità di trasmettere la malattia ai figli. Agli Ospedali Riuniti dal 1992 è attivo un centro multidisciplinare per la diagnosi, la cura e lo studio delle neurofibromatosi, coordinato da Marco Poloni, primario della Neurologia degli Ospedali Riuniti, in collaborazione con l Istituto Mario Negri. Il centro è riconosciuto a livello nazionale, tanto da avere in cura non solo pazienti bergamaschi e lombardi, ma malati provenienti da tutta Italia. La neurofibromatosi è una patologia ancora sottovalutata, almeno fino a quando si manifesta con sintomi meno gravi. Basti pensare che nel 30% dei casi la malattia viene diagnostica in concomitanza con la nascita di un figlio ha spiegato Marco Poloni -. Le conseguenze più gravi sono rappresentante dallo sviluppo di tumori a livello cerebrale o spinale, che richiedono interventi neurochirurgici importanti, che possono portare anche alla sordità, con la conseguente necessità di dover intraprendere un percorso di riabilitazione uditiva. In generale in tutti questi malati il meccanismo fisiologico che frena la proliferazione delle cellule tumorali funziona male e quindi la sfida per il futuro consiste nel trovare una terapia efficace per bloccare questo pericoloso fenomeno. Al Centro di Bergamo l Associazione Italiana Neurofibtromatosi ha affidato l onore di organizzare il sesto congresso nazionale, che si svolgerà alla Casa del Giovane e all Auditorium Villa Elios il 27 e 28 aprile, con l obiettivo di fare il punto sulle nuove strategie terapeutiche e diffondere informazioni preziose su una patologia ancora poco conosciuta, anche dai medici. Sono previsti gli interventi di professionisti provenienti dai maggiori centri italiani e di Gareth Evans, del St. Mary s Hospital di Manchester, tra i maggiori esperti mondiali di neurofibromatosi. Il congresso è aperto e gratuito per tutti. Per iscrizioni inviare una all indirizzo o contattare il numero entro il 10 aprile. fonte: infosalute.info 28 marzo 2012

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org 48 Congresso Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors COMITATI Presidente del Congresso: Carlo Signorelli, Presidente Presidente Comitato organizzatore: Francesco Auxilia,

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.11 del 2.3.2009 Pubblicato all Albo dal 19.3.2009 al 3.4.2009 Reg.nr.102

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli