Membri del Consiglio d Amministrazione: Mario Giovannini, Presidente. Non esecutivo. Riccardo Giovannini, Amministratore Delegato e Consigliere.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Membri del Consiglio d Amministrazione: Mario Giovannini, Presidente. Non esecutivo. Riccardo Giovannini, Amministratore Delegato e Consigliere."

Transcript

1 Responsibility report 2009

2 Membri del Consiglio d Amministrazione: Mario Giovannini, Presidente. Non esecutivo. Riccardo Giovannini, Amministratore Delegato e Consigliere. Esecutivo. Simone Basili, Consigliere. Non esecutivo. Carlo Cici, Consigliere. Esecutivo.

3 Sommario Lettera dell Amministratore Delegato 4 Guida alla lettura 6 1. Profilo di RGA Chi siamo Come siamo Cosa facciamo Network Dal Codice di Comportamento al Piano di CSR Codice di Comportamento Piano di CSR Metodologia di definizione Risultati dell indagine interna Contenuti del Piano di CSR Monitoraggio dei nostri impegni Apertura e partecipazione Stimolare e facilitare il confronto e la partecipazione Considerare e valorizzare le attitudini professionali Concretezza e flessibilità Perseguire soluzioni pratiche, con flessibilità, metodo e tempestività Creare le condizioni affinché si possa conciliare la vita professionale con quella personale Competenza e creatività Accrescere costantemente il livello delle conoscenze interne Incoraggiare a proporre soluzioni innovative ed inedite Consapevolezza e coerenza Promuovere la riflessione e la condivisione sugli effetti dei propri comportamenti e delle proprie azioni Fare quello che si dice Piano di CSR Altri eventi rilevanti 40 Questionario 41

4 Lettera dell Amministratore Delegato Non sono mai stato un grande fautore dei formalismi anche quando, come in questo caso, la presentazione di un Report di Responsabilità, il terzo della storia di RGA, lo richiederebbe; al contrario i bilanci, le riflessioni e i relativi spunti di miglioramento hanno, certamente, stimolato la mia fantasia e creatività fornendo elementi utili anche per un Report che, in primis, desidera essere un momento di rendicontazione dell operato di RGA nell ultimo esercizio economico ( ). In particolare, con questo Report, che è destinato a tutti gli interlocutori (stakeholder) di RGA, sono presentati una serie di fatti, eventi, azioni, numeri, risultati e accadimenti professionali che descrivono l impegno e la passione con cui i soci e le persone di RGA hanno attuato e perseguito la missione aziendale operando nel rispetto della normativa vigente e dei valori e principi sanciti nel nostro codice di comportamento. Sono perfettamente consapevole che tale affermazione, obiettivamente forte nel sottolineare temi sensibili come la conformità normativa e la responsabilità, può oggi apparire retorica come, forse, retorico può apparire il solo descrivere un Report di Responsabilità o semplicemente parlare di Responsabilità. Questo dubbio nasce dalla semplice osservazione di quanto ci circonda e di quanto, in particolare, emerge con sempre maggiore frequenza sul mercato, ossia una eccessiva presenza di comportamenti, fra alcuni operatori economici, poco in linea con regole note e condivise e, a volte, al limite della legalità. L affermazione non è però, probabilmente, tacciabile di essere retorica se, con altrettanta attenzione e spirito critico, si considera che è sempre più chiara, presso la società civile, la consapevolezza che la crisi economica che ha travolto il nostro sistema negli ultimi dodici mesi è stata generata più che da situazioni di illegalità, come accaduto negli anni scorsi per scandali di rilevanza internazionale, da alcuni comportamenti, appunto, Irresponsabili e, anche, talvolta poco intelligenti. Ed è proprio qui il punto: la forte differenza tra una situazione di fatto caratterizzata, da un lato, da un crisi di sistema dovuta ad una carenza di valori (o, ciò che è lo stesso, indotta da valori peculiari quali la speculazione, l opportunismo, la già detta Irresponsabilità e quant altro) e, dall altro, da un azione aziendale focalizzata sul perseguimento di valori condivisi, ha incentivato ulteriormente nelle persone di RGA la convinzione e la forza che tali valori e principi (sani principi, come qualcuno li definisce) rappresentasse la strada giusta da percorrere per garantire maggiore solidità e potenzialità di sviluppo all azienda. 4

5 Posso serenamente confermare che questa non è stata, non è, e non sarà ancora per un periodo non breve, una scelta facile in quanto nell immediato ha esposto l azienda a difficoltà e ostacoli che hanno determinato degli effetti economici negativi; mi riferisco, ad esempio, a quando, in taluni casi, siamo risultati poco competitivi nel confronto con aziende che non tutelano il proprio personale con la nostra stessa attenzione o con altre aziende che non comunicano e diffondono sul mercato informazioni sulla propria operatività con la stessa trasparenza e veridicità che usa praticare e promuovere RGA. Ma, con la stessa serenità, possiamo dire che questi eventi hanno solo contenuto e non certamente intaccato la crescita e la redditività dell azienda e, ciò che per noi conta altrettanto, hanno rafforzato, da un lato, la nostra credibilità e reputazione e, dall altro insieme alla consapevolezza sulla situazione di sistema sopra descritta, dato maggiore vigore alla nostra azione e fiducia nella capacità del sistema economico di crescere culturalmente e migliorarsi. non solo che l essere Responsabili paga e che quindi, probabilmente, abbiamo acquisito un importante asset immateriale per il buon funzionamento dell azienda; ma anche, nel contempo, che abbiamo individuato un quid da trasferire alle future generazioni professionali, alle professioni dei nostri figli, valido e forse più affidabile di quello che negli ultimi anni si è riusciti a confezionare a supporto di chi, nello stesso periodo, è entrato nel mondo del lavoro. Riccardo Giovannini I risultati raggiunti quest anno, seppure maturati in uno scenario di crisi economica e limitati da alcune situazioni non positive sopra richiamate, derivano dall incontro con un altra parte del mercato, quella che condivide e apprezza i nostri valori e che crediamo possa svilupparsi e maturare ulteriormente. Tali risultati sono motivo di soddisfazione per tutte le persone di RGA e desideriamo quindi condividerli con tutti i nostri interlocutori nei lori tratti principiali: aumento del valore netto dei compensi del 7% e redditività pressoché stabile intorno al 12% del volume di affari; indebitamento finanziario prossimo allo zero per buona parte dell esercizio; completo svolgimento del 68% delle azioni di responsabilità previste (nel piano di CSR) ad inizio anno ed esecuzione parziale di un altro 28% delle stesse; un riposizionamento strategico verso i temi della sicurezza su cui i nostri clienti hanno manifestato numerose e specifiche esigenze nel corso dell esercizio; crescita di oltre il 40% del numero dei clienti; evoluzione di alcuni assetti organizzativi che hanno consentito la revisione del logo aziendale e la ristrutturazione dei sistemi informativi di supporto alla gestione aziendale. Se tutto questo ha funzionato, ossia porsi oltre il rispetto della normativa praticando e diffondendo valori forti e condivisi, vuol dire 5

6 GUIDA ALLA LETTURA 1 Tale periodo corrisponde all anno fiscale , di seguito abbreviato FY Ove non diversamente specificato, i dati quantitativi si riferiscono ai valori rilevabili al Guida alla lettura In questo Report sono presentati i comportamenti tenuti da RGA nel periodo compreso tra il 1 giugno 2008 e il 31 maggio al fine di valutare la loro coerenza rispetto ai valori generali enunciati nel Codice di Comportamento e alle azioni indicate nel Piano di CSR , che aveva appunto lo scopo di dare concreta attuazione, nel periodo di rendicontazione, ai principi del Codice. RGA si impegna a rendicontare il suo operato agli stakeholder con continuità: questo è infatti il terzo Report dopo quello del 2007, diffuso solo all interno dell azienda, e quello del 2008, reso disponibile anche all esterno tramite il sito web aziendale. Il documento è composto da quattro parti principali. Il profilo di RGA descrive l identità di RGA ( Chi siamo ), illustrando la missione e la storia dell azienda, le modalità di governo e di gestione, la distribuzione del capitale, l andamento economico, la composizione del personale e le politiche di selezione e gestione delle risorse umane. RGA si impegna a rendicontare il suo operato agli stakeholder con continuità: questo è infatti il terzo Report dopo quello del 2007, diffuso solo all interno dell azienda, e quello del 2008, reso disponibile anche all esterno tramite il sito web aziendale. raccogliere le opinioni dei lettori. Nonostante rispetto allo scorso anno siano stati implementati dei sistemi di raccolta e gestione dei dati più sistematici, in alcuni casi permangono delle aree di miglioramento in tal senso sulle quali RGA si sta impegnando. Ove necessario, è stato specificato all interno del documento se il dato deriva da stime piuttosto che da calcoli e misure. Per qualsiasi chiarimento o richiesta in merito al presente documento è possibile rivolgersi all indirizzo Successivamente ( Come siamo ) sono descritte l organizzazione interna, la politica di formazione ed i contenziosi in essere. L attività di RGA ( Cosa facciamo ) è illustrata attraverso gli ambiti d intervento consulenziale, il rapporto con i clienti e le iniziative di comunicazione esterna. L ultima parte del primo capitolo riguarda il network, composto dai partner e dalle associazioni con cui l azienda ha regolari rapporti di collaborazione. Rientrano in questo ambito anche le attività di sponsorizzazione in favore di associazioni sportive. Il secondo capitolo illustra il Codice di Comportamento di RGA e il Piano di CSR 08-09, descrivendo la metodologia seguita per la definizione di quest ultimo. Nel terzo capitolo, monitoraggio dei nostri impegni, vero cuore del documento, viene fornito un riscontro puntuale per ogni azione prevista nel Piano di CSR. Infine, nel Piano di CSR 09-10, sono indicati gli obiettivi per il relativo anno fiscale. Concludono il documento una sintesi degli altri eventi rilevanti e un questionario per 6

7 7

8 1. Profilo di RGA

9 1.1 chi siamo Missione RGA è una società di consulenza che propone idee e realizza soluzioni in tema di ambiente, sicurezza e responsabilità sociale nel rispetto dei suoi valori e dei suoi interlocutori Gli elementi di riferimento RGA aspira ad essere riconosciuta sul mercato come un azienda unica, apprezzata per la professionalità delle sue persone e l elevato livello delle competenze offerte. Le leve strategiche identificate per conseguire tale riconoscimento sono: le competenze, le idee e le relazioni sia interne che esterne. Le leve strategiche di RGA Idee Competenze Relazioni Poiché questi elementi sono ritenuti fondamentali per il buon funzionamento di una società di consulenza e per mantenere e rafforzare quelle caratteristiche che hanno consentito il positivo avvio e la successiva crescita della Società, si presta molta attenzione affinché le persone di RGA siano focalizzate sullo sviluppo di questi tre fondamentali ingredienti, anche attraverso la definizione delle azioni del Piano di CSR di cui si rende conto nel presente documento. Storia RGA nasce per iniziativa di un gruppo di professionisti che nel 1998 costituivano in Italia la Divisione Ambiente della multinazionale della consulenza Arthur Andersen. RGA si è costituita come società autonoma specializzata in consulenza ambientale e Corporate Social Responsibility nel 2003, a seguito di uno spin-off da Deloitte Consulting che nel 2002 aveva acquisito le attività di consulenza di Arthur Andersen. Il nome RGA, acronimo di Riccardo Giovan- 9

10 1. PROFILO DI RGA 2 Ad esempio, finanziamenti e acquisto di immobilizzazioni 3 Riccardo Giovannini (Partner), Carlo Cici (Senior Manager), Rossella Zunino (Senior Manager), Alberto de Marinis (Manager), Erica Monticelli (Manager), Antonio Sitzia (Manager), Leandro Barozzi (Expert), Fabrizio Cantore (Expert), Monica Merlo (Senior Consultant). nini & Associati, deriva dal socio fondatore e dagli associati che hanno creduto nella sua iniziativa imprenditoriale seguendolo nel suddetto spin-off. RGA ha due sedi: una a Roma, con funzione legale e operativa, e l altra a Milano, con funzione operativa. Nell autunno del 2008 la sede di Milano si è trasferita in un nuovo ufficio nel centro della città. Governo e gestione L attività di RGA è governata e gestita tramite l Assemblea dei Soci e il Consiglio d Amministrazione, cui si aggiunge, per aspetti più operativi, il Manager Meeting. Il più alto organo di governo della società è l Assemblea dei Soci, che si riunisce per l approvazione del Bilancio, la distribuzione degli utili ed eventuali operazioni straordinarie. La gestione della società e le materie che lo statuto dell azienda o la legge non riserva all Assemblea dei Soci 2 sono di pertinenza del Consiglio d Amministrazione, i cui membri sono nominati dall Assemblea dei Soci in base alle quote possedute da questi ultimi, come prescritto dal Codice Civile. L Amministratore Delegato ed i Manager di RGA si riuniscono mensilmente in un incontro, noto internamente all azienda come Manager Meeting, che verte sui principali aspetti della gestione ordinaria di RGA sia di carattere organizzativo che commerciale. Per guidare il personale nello svolgimento delle attività più rilevanti o più frequenti l azienda ha definito procedure che aggiorna costantemente. Nel 2008, inoltre, RGA ha adottato un Modello Organizzativo conforme alle prescrizioni del D.Lgs. 231/2001, introducendo un Codice Etico per ridurre il rischio di condotte illecite all interno dell azienda e offrire maggiori garanzie ai suoi stakeholder, in particolare ai clienti. Il Codice Etico e il Codice di Comportamento si differenziano in quanto i contenuti del primo sono stabiliti da precisi riferimenti normativi, mentre il secondo è stato formulato liberamente dalle persone di RGA sulla base dei loro valori. In entrambi i casi si tratta di processi che RGA ha intrapreso volontariamente. Durante il periodo di rendicontazione è stato introdotto un nuovo sistema informatico di supporto alla gestione amministrativa che garantirà una maggiore efficienza e uno snellimento di alcuni processi interni relativi alla gestione delle commesse e del personale. Distribuzione del capitale I soci di RGA 3 sono tutti parte dell organico della società. Questa scelta risponde al principio di riconoscere e premiare l apporto dato dalle persone al buon andamento della società e incoraggiare, nel tempo, il loro ruolo imprenditoriale. Distribuzione percentuale del capitale per ruolo aziendale - FY ,0% 2,1% 13,9% 0,7% 80,3% Partner Senior manager Manager Expert Senior Consultant La distribuzione delle quote è sottoposta a revisione periodica, al fine di garantire l aggiornamento della ripartizione in base ai principi appena illustrati. Il trasferimento delle quote tra i soci avviene attraverso appositi aumenti di capitale che consentono l incremento delle quote agli aventi diritto. Il valore del patrimonio netto alla data dell ultimo bilancio è il riferimento per stabilire il prezzo di ciascuna quota. Per consentire l acquisizione delle quote, l azienda si fa garante dell eventuale prestito bancario che venga richiesto dalla persona interessata. 10

11 Andamento economico Nell anno fiscale il valore della produzione è stato di Euro Il volume della produzione al netto del riaddebito delle spese di viaggio, è stato pari a Euro , in crescita del 7% rispetto all anno precedente, mentre il risultato d esercizio è rimasto pressochè stabile (-5%). Nonostante la crisi economica, RGA ha continuato a crescere mantenendo su buoni livelli la sua redditività. Nonostante la crisi economica, RGA ha continuato a crescere mantenendo su buoni livelli la sua redditività. Risultati economici principali ( ) - FY FY FY FY Valore della produzione Valore netto della produzione (al netto del riaddebito delle spese per viaggio) Risultato economico Va segnalato, inoltre, che nell ultimo esercizio la composizione del portafoglio clienti dell azienda ha subito mutamenti significativi, che hanno portato alla gestione di relazioni commerciali con un maggior numero di soggetti rispetto agli anni precedenti. Questa evoluzione è stata una prova ulteriore a cui l azienda ha saputo rispondere con grinta e compattezza. 4 La distribuzione del fatturato non è stata rilevata con un metodo sistematico di raccolta dati, ma è stata stimata attraverso una ricostruzione a posteriori. Variazione del valore netto della produzione (%) FY FY FY % +23% +7% Oltre il 40% del valore netto della produzione 4 è stato sviluppato con servizi inerenti le tematiche ambientali, mentre il 30% dello stesso è attribuibile a servizi erogati nel campo della sicurezza sul lavoro, un tema che negli ultimi anni ha visto progressivamente aumentare il suo peso nel business dell azienda, diventando sempre più significativo. Il restante 30% è parimenti suddiviso tra servizi legati alla responsabilità sociale d impresa e servizi sul tema della qualità o ricerche. Distribuzione del valore netto della produzione per categoria di servizi - FY % 13% 42% Qualità e Ricerca Ambiente Sicurezza CSR 30% 11

12 1. PROFILO DI RGA Personale L organico di RGA al 31 maggio 2009 era composto da 25 persone: 18 con contratto da lavoro dipendente a tempo indeterminato e 7 collaboratori esterni con cui l azienda intrattiene rapporti stabili e che, nella maggior parte dei casi, non hanno un inquadramento da dipendente per una scelta personale. All organico di RGA si aggiungono, di fatto, altre 8 persone che al 31 maggio 2009 erano in fase di inserimento professionale (4) o intrattenevano con l azienda un rapporto di lavoro non stabile (4). I dati riportati nel seguito di questo paragrafo si riferiscono solo alle persone effettivamente nell organico di RGA secondo l accezione sopra delineata. In RGA lavorano 15 uomini e 10 donne, con una distribuzione abbastanza equilibrata rispetto ai vari ruoli, ad eccezione del personale di supporto e del ruolo di expert ove risulta una dominanza rispettivamente di donne e di uomini. Il personale è relativamente giovane, per la natura professionale dell attività svolta. L età media è infatti di 38 anni. L analisi dei dati relativi ai percorsi di studio seguiti dal personale professionale evidenzia una composizione multidisciplinare, in cui prevalgono comunque i profili ingegneristici, soprattutto nel campo ambientale. Consistenza del personale per tipologia di rapporto lavorativo FY FY FY Lavoro dipendente Collaborazione stabile Totale Distribuzione del personale per ruolo e genere FY Per la descrizione delle mansioni di ciascun ruolo si rimanda al paragrafo Organizzazione. Consistenza del personale per ruolo ricoperto e genere 5 FY FY FY M F M F M F Partner Senior Manager Manager Expert Senior Consultant Consultant Personale di supporto Totale

13 Età media del personale in base al ruolo FY Escluso il personale di supporto Distribuzione del personale per indirizzo di studi 6 FY % 4% 4% 48% 17% 4% Chimica Economia Giurisprudenza Ingegneria Scienze ambientali Comunicazione Politica di selezione del personale Per la selezione del personale RGA valuta generalmente le candidature che pervengono nella maggior parte dei casi tramite il sito web, presso il quale sono spesso disponibili degli annunci per la ricerca di profili specifici. Ad ogni candidato viene inviata una risposta entro un mese dal contatto con RGA, dopo un attento esame del suo profilo. Durante il periodo di rendicontazione sono state registrate circa 250 candidature spontanee, a cui si sono aggiunti altri 22 profili forniti da istituzioni accademiche o agenzie di selezione specializzate. Complessivamente sono stati effettuati dei colloqui di selezione a 76 persone, ripartite tra Roma (12) e Milano (64). Per i neolaureati è previsto un percorso di inserimento della durata di circa un anno, durante il quale il rapporto lavorativo è regolato da un contratto a progetto. Alla positiva conclusione di tale periodo, viene normalmente offerto un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, altrimenti la collaborazione si conclude e la persona, ove possibile, viene supportata nella ricerca di una nuova soluzione lavorativa. RGA si impegna al rispetto delle pari opportunità durante la selezione del personale, così come per la definizione degli avanzamenti di carriera. RGA si impegna al rispetto delle pari opportunità durante la selezione del personale, così come per la definizione degli avanzamenti di carriera; delle 76 persone incontrate per colloqui di valutazione, 37 erano donne e 38 uomini. Nel periodo di rendicontazione si registra una cessazione (uomo) e quattro assunzioni (tre uomini e una donna), di cui una con contratto a tempo indeterminato e tre con contratto di collaborazione di carattere stabile. Il tasso di turnover 7 riferito al periodo di rendicontazione è del 5%, in netta diminuzione rispetto ai precedenti esercizi. 7 Il tasso di turnover è stato calcolato come rapporto percentuale tra il numero di persone con rapporto di lavoro stabile che si sono dimesse nell anno fiscale e il numero di persone con rapporto di lavoro stabile che costituivano l organico di RGA alla fine dell anno fiscale precedente, ovvero al 31 maggio Tasso di turnover FY FY FY Tasso di Turnover

14 1. PROFILO DI RGA Politica di gestione del personale Nel corso degli anni si sono consolidate delle prassi aziendali di gestione del personale che nella maggior parte dei casi derivano dall esperienza acquisita dal Partner e dai Manager all interno delle realtà multinazionali che hanno preceduto la nascita di RGA. La politica di gestione del personale è, quindi, particolarmente strutturata e finalizzata a curare attentamente la relazione e la comunicazione tra l azienda e il suo personale, capitale fondamentale di ogni società di consulenza. Riportiamo di seguito i principali strumenti di gestione del personale e di comunicazione interna: STAFF MEETING: Si tratta di riunioni periodiche tra il Partner, il personale consulenziale, quello di supporto e almeno un Manager. Sono l occasione per affrontare questioni di interesse comune e partecipare alla vita dell azienda. L ordine del giorno è infatti stabilito su libera proposta di tutti i partecipanti. MEETING PLENARIO: E una riunione che si svolge solitamente a metà anno fiscale (dicembre) con lo scopo di aggiornare tutti i collaboratori sulle questioni attinenti alle tematiche più rilevanti della vita aziendale. SAVE THE DATE: Una volta all anno, solitamente a giugno o luglio, tutti i membri dell azienda sono invitati a trascorrere qualche giorno di vacanza insieme per conoscersi meglio e rafforzare lo spirito di squadra. COLLOQUI DI PIANIFICAZIONE E DI VA- LUTAZIONE: All inizio di ogni anno fiscale, tra giugno e luglio, il Partner conduce i colloqui di pianificazione con ogni risorsa di RGA con lo scopo di definire gli obiettivi che ciascuno dovrà perseguire nel corso dell anno appena avviato, sia per contribuire al raggiungimento dei traguardi aziendali, sia per accrescere la sua stessa competenza e maturità professionale. Contestualmente viene comunicata l attribuzione di eventuali riconoscimenti una tantum o di miglioramenti contrattuali, in conseguenza delle prestazioni aziendali e individuali conseguite nell anno fiscale precedente. Alla fine di ogni anno fiscale viene attivato il processo di valutazione, che prevede la valutazione collegiale di ciascuna risorsa da parte del Partner e dei Manager. Il risultato delle valutazioni viene comunicato nel mese di maggio nell ambito dei colloqui di valutazione, condotti dal Partner o da un Manager, in cui ad ogni persona viene comunicata la valutazione delle sue prestazioni rispetto agli obiettivi pianificati. L obiettivo dei colloqui di valutazione è di comunicare alle risorsa tutti gli elementi utili per consentirle un continuo sviluppo e miglioramento delle sue competenze tecniche, professionali e relazionali all interno di RGA in un ottica di valorizzazione delle persone. PERMESSI RETRIBUITI PER VISITE ME- DICHE: RGA concede a tutti i suoi dipendenti 4 ore mensili di permesso retribuito da utilizzare per sottoporsi ad eventuali visite mediche. Si tratta di ore non previste dalla Contrattazione Collettiva vigente che l azienda offre come condizione di miglior favore. NEWSLETTER INTERNA: La newsletter interna è una pubblicazione elettronica con cadenza mensile curata dalla funzione Comunicazione e Marketing e diffusa a tutto il personale di RGA per condividere le informazioni relative ai progetti avviati, in corso e appena conclusi. Contiene inoltre un riepilogo delle attività di promozione commerciale, delle offerte, delle pubblicazioni, degli eventi e dei nuovi documenti archiviati nella biblioteca aziendale. 14

15 1.2 come siamo Organizzazione Lo schema seguente illustra l organizzazione gerarchica di RGA, evidenziando le responsabilità previste per ciascun ruolo. Al Partner, ai Senior Manager, ai Manager e agli Expert sono attribuiti i cosiddetti presidi tecnici, ovvero riconoscimenti di un elevata competenza tecnica su una o più materie, Formazione Al fine di coniugare la richiesta di competenze specifiche espressa dal mercato con le esigenze e le aspirazioni professionali dei suoi collaboratori, RGA presta particolare attenzione alla crescita professionale del suo personale, soprattutto nei primi anni di lavoro, impegnandosi in modo sistematico nella definizione e nell attuazione di intensi programmi di formazione e addestramento. Per ogni persona è individuato un Mentor, cioè un collega più esperto, generalmente un Manager, che cura e supervisiona la formazione e la crescita professionale della persona. Per un approfondimento delle iniziative formative in RGA nel periodo di rendicontazione, si rimanda al par Organizzazione interna del personale di RGA - FY PARTNER PERSONALE DI SUPPORTO SEGRETERIA, COMUNICAZIONE E MARKETING RAPPRESENTANZA LEGALE, DIREZIONE, AMMINISTRAZIONE E SVILUPPO COMMERCIALE SENIOR MANAGER DELEGA DI UNA FUNZIONE, GESTIONE PROGETTI, RELAZIONE COL CLIENTE E SVILUPPOCOMMERCIALE MANAGER GESTIONE DEI PROGETTI, RELAZIONE COL CLIENTE E SVILUPPO COMMERCIALE EXPERT GESTIONE E SUPERVISIONE TECNICA SENIOR CONSULTANT ESECUZIONE TECNICA E COORDINAMENTO PRESIDI TECNICI CONSULTANT ESECUZIONE TECNICA che comportano per il titolare del relativo presidio il coinvolgimento in una serie di responsabilità nelle iniziative commerciali sulla relativa tematica, nell esecuzione dei progetti consulenziali e nello svolgimento delle attività formative attinenti alla sua specializzazione. La Segreteria di Direzione, che cura aspetti gestionali e logistici e supporta l attività amministrativa, e la funzione Comunicazione e Marketing, che cura le relazioni esterne, la comunicazione interna e le iniziative di marketing, supportano tutta l Organizzazione, con particolare riferimento al ruolo svolto dal Partner, dai Senior Manager e dai Manager. Contenziosi Due contenziosi attualmente in corso, rispettivamente con il Ministero dell Ambiente e con Unicredit Banca di Roma, vedono il coinvolgimento di RGA, che ha assunto l iniziativa di entrambi i procedimenti legali per tutelare i suoi diritti e chiedere il riconoscimento di danni materiali e morali subiti. Per quanto riguarda il contenzioso con il Ministero dell Ambiente a seguito di una discussa esecuzione di un bando di gara, il TAR e il Consiglio di Stato hanno accolto il ricorso di RGA, che sta attualmente valutando l opportunità di chiedere il risarcimento dei danni subiti e di promuovere eventuali azioni nei confronti dei Funzionari del Ministero coinvolti nella vicenda. In relazione al contenzioso con Unicredit Banca di Roma, il procedimento è iniziato da alcuni mesi ed è prevista una prossima udienza nel Durante il periodo di rendicontazione non si sono registrati contenziosi a carico di RGA. 15

16 1. PROFILO DI RGA 1.2 cosa facciamo 8 In questo numero stimato rientrano anche clienti acquisiti da RGA prima che fosse un azienda autonoma rispetto ad Arthur Andersen e Deloitte in quanto RGA ha rilevato l intero ramo d azienda relativo ai servizi ambientali. Ambiti di intervento RGA è una società di consulenza specializzata nei seguenti ambiti: ambiente e sicurezza (sicurezza sul lavoro e rischi di incidente rilevante); responsabilità sociale d impresa. I servizi principali riguardano l implementazione di sistemi di gestione ambientale, sicurezza e qualità, lo svolgimento di audit normativi, assessment ambientali e di sicurezza, il supporto all elaborazione di documenti per il reporting di sostenibilità, l erogazione di servizi connessi all applicazione del Protocollo di Kyoto e alla bonifica di suolo e sottosuolo, nonchè l assistenza per processi di stakeholder engagement. Per ulteriori dettagli si rinvia al sito web Rapporto con i clienti I clienti di RGA appartengono sia al settore industriale che al terziario. Dall inizio della sua attività al 31 maggio 2009 RGA ha acquisito complessivamente 211 clienti 8, di cui 65 nel corso dell ultimo anno. La maggioranza dei clienti di RGA ha sede ed opera nel territorio nazionale, ma si rileva un progressivo incremento della quantità di incarichi che comportano l erogazione di servizi di consulenza presso sedi estere di clienti italiani. Distribuzione dei clienti per tipologia FY % 12% 19% 57% Diretti (ultimo anno) Diretti (precedenti) Indiretti (ultimo anno) Indiretti (precedenti) Nuovi clienti acquisiti da RGA FY Tipologia Anno fiscale Dall origine al 31/05/ Per clienti indiretti intendiamo quelli per i quali sono stati svolti dei servizi grazie ad una partnership. Clienti diretti Clienti indiretti Totale

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee PREMESSA Il Regolamento dell Associazione Idee descrive il disegno organizzativo e rappresenta sinteticamente il complesso delle attribuzioni

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Scheda di partecipazione Quinta edizione

Scheda di partecipazione Quinta edizione Scheda di partecipazione Quinta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia Contratto FM Il Bollino Blu di IFMA Italia AGENDA Premessa Obiettivi Contenuti/Requisiti Conclusioni 2. PREMESSA Introduzione IFMA Italia, interlocutore privilegiato per tutte le tematiche relative al

Dettagli

REVI & PARTNERS di A. Grö bner & C. s.a.s.

REVI & PARTNERS di A. Grö bner & C. s.a.s. REVI & PARTNERS di A. Grö bner & C. s.a.s. SOCIETA DI REVISIONE LEGALE- WIRTSCHAFSTPRÜFER Relaziöne di trasparenza Ex Art. 18 D. Lgs. n 39/2010 Per l esercizio sociale chiuso al 31 dicembre 2013 1 1. Forma

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

01. UN REPORT DISEGNATO SU MISURA

01. UN REPORT DISEGNATO SU MISURA Highlights 01. UN REPORT DISEGNATO SU MISURA Abbiamo raccolto i suggerimenti e le idee dei nostri dipendenti (17) e dei nostri clienti (8) al fine di redigere un report disegnato su misura. 02. LA NOSTRA

Dettagli

Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG)

Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG) Data // Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE Manuale applicativo Firenze, 23 luglio 2009 INDICE 1. PREMESSA 2. I PRINCIPI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 3. COSA SI VALUTA 4. LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

CCIAA DI REGGIO EMILIA

CCIAA DI REGGIO EMILIA CCIAA DI REGGIO EMILIA RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITA DEI CONTROLLI INTERNI (ART.14, COMMA 4, LETTERA A E LETTERA G, D.LGS. 150/2009). 1 INDICE

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 203 Abstract Il 203 è stato un anno ancora pesantemente influenzato da una profonda crisi economica e finanziaria, i cui effetti hanno minato la stabilità di molte famiglie e

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

«Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente

«Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente «Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente Cos è il Bilancio Sociale È uno strumento (documento complementare al bilancio d esercizio)

Dettagli

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO La presente Politica rappresenta l impegno della Termisol Termica verso la salute e la sicurezza dei propri lavoratori e di tutte le persone che si trovino ad operare all interno della propria sede e dei

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Career service dell Università IUAV di Venezia CARTA DEI SERVIZI

Career service dell Università IUAV di Venezia CARTA DEI SERVIZI Career service dell Università IUAV di Venezia CARTA DEI SERVIZI 1 indice 1. La Carta dei Servizi 3 2. Il career service di IUAV 4-6 2.1. servizi offerti a laureandi e laureati 2.2. servizi offerti alle

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. del placement dell Università Iuav di Venezia

CARTA DEI SERVIZI. del placement dell Università Iuav di Venezia CARTA DEI SERVIZI del placement dell Università Iuav di Venezia 1 indice 1. La Carta dei Servizi 3 2. Il placement di IUAV 4-6 2.1. servizi offerti a laureandi e laureati 2.2. servizi offerti alle imprese

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Premi EMAS 2014 Informazioni di base Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Introduzione Il Premio Europeo EMAS è il riconoscimento più prestigioso

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC 1. Linee guida operative Il documento promulgato nel maggio del 2015 a cura della commissione Collegio Sindacale dell

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

+39 0258370580. Offerta formativa 2016

+39 0258370580. Offerta formativa 2016 +39 0258370580 Offerta formativa 2016 L offerta formativa a catalogo 2016 è il primo prodotto del partenariato ICOM Italia e Intesa Sanpaolo Formazione - agenzia formativa del Gruppo Intesa Sanpaolo -

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO

Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO DEFINIZIONE Il project management viene identificato come una combinazione di persone, risorse e fattori organizzativi,

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: GIOVANI INFORMATI 7 SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

La valutazione dei rischi e delle procedure sull adeguatezza del SCI.

La valutazione dei rischi e delle procedure sull adeguatezza del SCI. 1 La valutazione dei rischi e delle procedure sull adeguatezza del SCI. Prof.ssa Roberta Provasi Università degli Studi di Milano-Bicocca 13 giugno 2014 2 La valutazione delle componenti del SCI 2 1 3

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 10 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione. Piano di massima aprile 2011

Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione. Piano di massima aprile 2011 Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione Piano di massima aprile Premessa Il presente piano è stato redatto dalla risorsa facente capo alla Funzione Qualità dr.ssa Antonina Pennacchio

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing Procedura Audit PROTOCOLLI OPERATIVI. Piano Audit anno 2015 Allegato_C )al PTPC 2015-2017 INDICE: 1. Premesse 2. Campo di applicazione; 3. Obiettivi dell attività di auditing 4. Ruoli e responsabilità

Dettagli

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE CONFINDUSTRIA MACERATA SEZIONE TERZIARIO INNOVATIVO SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE Percorsi e tecniche per ridefinire i modelli manageriali delle nostre imprese. Ridurre i costi preservando agilità

Dettagli

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE e CONTROLLO di GESTIONE D I R E T T O R E S C I E N T I F I C O

Dettagli

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE Bando pubblico per la selezione di 20 candidate per il percorso formativo di sviluppo di nuove idee imprenditoriali al

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

Le azioni vengono descritte più dettagliatamente dopo il riepilogo dei costi e del contributo dei partner.

Le azioni vengono descritte più dettagliatamente dopo il riepilogo dei costi e del contributo dei partner. Invito a presentare progetti per la valorizzazione di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale (l.r. 81/1985 anno 2015) Scheda del progetto Soggetto presentatore: Consorzio Sistema

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELL AOUS Premessa Il Decreto Legislativo 27 ottobre 2009 n.150, attuativo della Legge 4 marzo

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi L importanza della comunicazione Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi FAbio ACCARDi se nella ricerca

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

Linea Guida Pag. 1 di 6. Sommario

Linea Guida Pag. 1 di 6. Sommario Pag. 1 di 6 Titolo: Linea Guida per la Tutela dei Diritti Umani N LG ASCO 015 Vincoli di riservatezza: RISERVATO EDIPOWER LIBERO Sommario Distribuito a: Descrizione revisione: GADDI DE SIMONE SONCINI MINCUZZI

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO Contenuti 1. INTRODUZIONE 3 2. IL CODICE ETICO 3 3. I DESTINATARI 4 4. EMANAZIONE, VERIFICA E SANZIONI 4 5. PRINCIPI DI CONDOTTA 8 5.1 RELAZIONI CON IL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli