Agenzia Lazio Lavoro Viale del Caravaggio, ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agenzia Lazio Lavoro Viale del Caravaggio,99-00147 ROMA"

Transcript

1 Agenzia Lazio Lavoro Viale del Caravaggio, ROMA Agenzia per l Impiego del Lazio

2 testi: Anna Medina in collaborazione con Silvia Lavanga Fortunato risoluzioni grafiche: Roberto Lucertoni Agenzia per l Impiego del Lazio 1

3 INDICE PRIMA PARTE PREMESSA.. 1 I PARTE 3 FIGURE PROFESSIONALI PER SETTORE DI ATTIVITÀ : Agroalimentare.. 4 Meccanica.. 7 Commercio - Marketing... 9 Credito Finanza Assicurazione 13 Sanità Assistenza sociale.. 15 Servizi ricreativi e culturali. 19 Turismo e pubblici esercizi. 20 Spettacolo Produzione artistica. 23 Pubblicità e comunicazione 26 Informatica. 30 Elettronica.. 33 Terziario avanzato 34 Tessile. 39 Artigianato. 41 Edile Costruzioni.. 44 Ambiente Territorio.. 46 Amministrativo Lingue. 51 Altri servizi. 53 FONTI 54 INDICE ALFABETICO INDICE PER SETTORI.. 60 Agenzia per l Impiego del Lazio 2

4 Premessa Cosa farò da grande? Questo interrogativo ha accompagnato in modo ricorrente la nostra vita infantile ed adolescenziale, per il naturale desiderio di essere proiettati nel futuro e di immaginare il proprio destino professionale, lasciandosi guidare dalla fantasia, dai modelli o dagli idoli del momento. Dietro questo impulso si lasciava libera espressione al gioco di identificazione nel grande (l adulto) e si impersonava, nei comportamenti, negli abiti e spesso anche con l ausilio degli strumenti del mestiere, l homo faber a cui miravano le nostre aspirazioni professionali. La libertà del gioco era tale da consentire di poter interpretare, a piacere, tutti i ruoli professionali racchiusi nei nostri desideri. Da adulti la situazione ci appare profondamente modificata, sia perchè le figure, un tempo idealizzate, hanno perso un po' del loro fascino, sia perchè nel frattempo, grazie ad una buona dose di realismo, si devono fare i conti con le opportunità concrete, sia perchè i fattori in gioco nella scelta professionale sono divenuti molteplici, al punto da rendere più ardua e complessa la decisione. Le certezze di un tempo vengono a cadere e, nelle difficoltà del momento, ci sembra persino di non saperci orientare tra una figura professionale e l altra, facendo anche confusione di ruoli. Questa breve guida mira ad offrire un contributo, nell illustrare sinteticamente CHI-FA- CHE-COSA, per aprire uno spiraglio di luce, almeno nella fase iniziale della scelta professionale, pur nella consapevolezza che la prima fase decisionale (quale professione scegliere) apre successivamente a nuovi e similmente complessi interrogativi: quali competenze e conoscenze vanno acquisite? Quali percorsi formativi vanno intrapresi? Quali opportunità concrete di lavoro si aprono? E nostra intenzione far seguire a questo primo lavoro altri che possano aiutare a dare risposte agli interrogativi sopra accennati, predisponendo per ciascun profilo professionale Agenzia per l Impiego del Lazio 3

5 una scheda descrittiva dei contenuti formativi richiesti e dell offerta formativa presente nella regione, sulla falsariga di una traccia esemplificativa fornita nella seconda parte di questo lavoro. Ci sembra comunque doveroso segnalare che la guida non ha la pretesa di essere esaustiva di tutte le possibili tipologie professionali che oggi possono trovare realizzazione nel mercato del lavoro. Del resto lo stesso scenario in continua evoluzione presuppone un repertorio permanentemente aperto ad aggiustamenti ed integrazioni. Il lavoro è frutto di una raccolta e selezione di materiali di varia fonte, che in diverso modo hanno contribuito alla sua realizzazione, consentendo la descrizione degli ambiti professionali, ma anche condizionato il suo contenuto, determinando i confini e l ampiezza della guida qui proposta. Un ultima avvertenza riguarda le dizioni dei profili professionali sulle quali non c è, allo stato attuale dell arte, alcuna convergenza, poichè la professione è un concetto astratto, al punto che nella pratica corrente si fa uso spesso di definizioni desunte dalla disciplina contrattuale o di tipo convenzionale; pertanto sia la classificazione delle professioni sia quella per macroaree di attività economica sono opinabili. I termini e le classificazioni qui adottate sono da ritenersi meramente indicative, nell intento di facilitare la conoscenza delle possibili occasioni di lavoro. Agenzia per l Impiego del Lazio 4

6 PRIMA PARTE Agenzia per l Impiego del Lazio 5

7 AGROALIMENTARE Figura professionale Agricoltore biologico: Agronomo: Agrotecnico: Apicoltore: Descrizione esplica la sua attività in aziende e cooperative agricole e/o in attività autonoma, applicando le proprie conoscenze di elementi di base di patologia vegetale e di tecniche biologiche alternative, per intervenire sulle tecniche di coltivazione più opportune a seconda del prodotto coltivato e del terreno agricolo; decide riguardo le modalità di concimazione/fertilizzazione con sostanze organiche, sulla rotazione delle colture e sulle scelte di tipo economico. dirige e amministra grosse aziende agricole e opere di intervento sui territori agricoli intervenendo anche come consulente nella progettazione di grossi interventi sui terreni, programma la produzione e il controllo della qualità e pianifica la trasformazione dei prodotti. esperto nella gestione globale delle risorse agricole esistenti, gestisce e stipula contratti, contatta clienti e fornitori, controlla i risultati della produzione, progetta le attività necessarie allo sviluppo dell impresa agricola. sceglie i diversi sistemi di riproduzione e allevamento, tenendo conto dell anatomia e fisiologia delle api e delle diverse tecniche di produzione; valuta i criteri di allevamento dei soggetti; commercializza il prodotto e gestisce l azienda; esegue le attività inerenti l impianto, l estrazione, la lavorazione e la commercializzazione del miele e dei suoi sottoprodotti. Conduttore di azienda agricola: possiede competenze che gli permettono di impiantare e gestire una azienda agricola; progetta e segue l intero ciclo di produzione fino alla collocazione dei prodotti sul mercato, scegliendo il tipo di impianto da immettere, l entità della produzione da realizzare, il sistema di allevamento da adottare, i vari metodi di potatura, innesto e parainnesto da praticare; definisce, inoltre, le lavorazioni ordinarie e straordinarie di irrigazione, concimazione e trattamento per la prevenzione/cura delle piante e prepara i prodotti per l immissione sul mercato. Conduttore di macchine agricole: Divulgatore agricolo: è un operatore che conosce i vari tipi di trattrici agricole, il loro funzionamento nei componenti elettrici e meccanici, le macchine operatrici per lavori del terreno, per la concimazione, la seminagione, la trapiantatura e la raccolta dei prodotti; opera con tali macchine e provvede alla loro manutenzione. affianca l agricoltore dall assistenza nella lotta fitopatologica al supporto nelle decisioni di marketing Enologo: segue la trasformazione, l affinamento, la conservazione e l imbottigliamento del vino. Enotecnico: collabora all ideazione del materiale utilizzato in tecnologia e per l equipaggiamento delle cantine, collabora all impianto e alla coltura dei vigneti; ha la responsabilità dell elaborazione dei succhi d uva, dei vini e Agenzia per l Impiego del Lazio 6

8 Enotecnico (segue): Fitoiatra: Itticoltore: Macellatore in genere: Manager agroalimentare: Olivicoltore: Operatore nel settore pescheria: Orticoltore: Ortifloricoltore: Pastaio: Pasticcere: dei prodotti derivati dall uva; procede alle analisi (fisica, chimica, microbiologica ed organolettica) dei prodotti; valuta le relazioni tra l economia e la legislazione vitivinicola e la tecnica enologica; organizza la distribuzione del prodotto. specialista delle piante in campo frutticolo, vinicolo e orticolo, le protegge e le controlla al fine di usare sempre meno i prodotti per combatterne le malattie, svolgendo anche ricerche e dando consigli agli agricoltori per difendere le colture. alleva e riproduce pesci; attende alla lavorazione, trasformazione e conservazione del prodotto e alla sua preparazione e confezione per l immissione sul mercato: si inserisce produttivamente nel processo di lavorazione, trasformazione e conservazione dei prodotti alimentari animali, effettuando la sezionatura e il taglio delle carni e delle carcasse e la preparazione delle stesse in vista della loro conservazione e commercializzazione. verifica il fabbisogno e i comportamenti di consumo alimentari; effettua la pianificazione tecnica e commerciale della distribuzione; supervisiona i processi di produzione e trasformazione. conosce tutte le forme di coltura dell ulivo, le varie tecniche di lavorazione, in modo particolare la potatura, e tutti gli aspetti relativi alla produzione e lavorazione dell olio; evidenzia, tenendo conto delle tendenze di mercato, tutti gli aspetti legati alla qualità organolettica delle olive e dell olio; trova impiego presso aziende e cooperative agricole e in attività autonoma. conoscendo le norme del commercio, igienico sanitarie e di sicurezza, effettua tutte le operazioni di trattamento del pesce, dal suo arrivo fino all esposizione sul banco di vendita di supermercati e ipermercati. nella sua attività applica conoscenze e competenze relative alla geologia, podologia e morfologia del terreno, ai problemi specifici della conservazione dei prodotti ottenuti e alla loro commercializzazione, alla climatologia ed ecologia ambientale, all uso delle macchine agricole, alla gestione aziendale, all associazionismo e cooperazione e all infortunistica; valuta i fattori economici di mercato per la scelta di colture erbacee, delle tecniche agronomiche, delle concimazioni e irrigazioni dei terreni, dell avvicendamento delle colture e della cura delle piante; conosce la coltivazione dei principali ortaggi. possiede competenze teorico pratiche di agronomia relative al terreno agrario, alla sistemazione di orti e frutteti, alla preparazione del terreno, alla botanica generale relativa a serre mobile/fisse, a cassoni e letti caldi, a rotazione e consociazioni; interviene su molteplici aspetti tecnico-operativi nel settore specifico delle piccole superfici e delle grandi estensioni produttive, occupandosi anche della manutenzione. impasta e forma ogni tipo di pasta alimentare e provvede alla essiccazione, mediante l uso appropriato dei macchinari a disposizione. conosce in particolare le materie prime utilizzate nel settore dolciario, i differenti metodi di trattamento e collocazione delle medesime nei diversi manufatti e le varie tecniche di lavoro per la produzione dei dolci; prepara, decora e presenta i dolci nel rispetto delle norme igieniche. Agenzia per l Impiego del Lazio 7

9 Pizzaiolo: Selezionatore agricolo: Serricoltore: Sommelier: conosce i vari ingredienti necessari per confezionare una pizza, i processi di trasformazione degli alimenti e le tecniche di lavorazione degli impasti per realizzare la pizza. Conosce i vari tipi di forno, nonché il modo di utilizzarli al meglio per la cottura più appropriata. operatore agricolo qualificato che svolge attività di ricerca sia in laboratorio che nelle serre, operando incroci e manipolazioni genetiche per migliorare le caratteristiche delle piante. ha conoscenze e competenze di graminacee minore e del loro adattamento all ambiente; prepara i terreni, sceglie le piante più adatte alla coltivazione, impianta e coltiva le varie specie con l uso corretto di concimi chimici e naturali o mediante la lotta guidata, integrata e biologica; raccoglie e confeziona i prodotti per l immissione sul mercato. ha il compito di gestire la cantina, selezionando ed acquistando i vini, in base ad una pianificazione effettuata in collaborazione con il responsabile food and beverage o con il direttore dell azienda; aggiorna la situazione delle scorte e delle giacenze, controllando anche tutte le operazioni di stoccaggio e di pulizia degli ambienti; definisce e compila la carta dei vini in modo tale che si accompagni bene con la lista dei piatti e con i desideri del cliente; serve a tavola gli ospiti, ponendo in essere una serie di operazioni (scelta della bottiglia, estrazione del tappo, controllo olfattivo, assaggio nel tastevin). Tecnico di micropropagazione: possiede conoscenze di chimica, biologia, coltivazione arborea, patologia vegetale, botanica, genetica e tecnica vivaistica e la sua funzione principale è di isolare la pianta da sottoporre a prelievo quale germoglio iniziale da riprodurre; esercita la sua professione in forma imprenditoriale o dipendente in laboratori di produzione di piante per le aziende vivaistiche e ortofrutticole. Tecnologo agroalimentare: Zoonomo: si occupa dell approvvigionamento delle materie prime, trasformazione, confezionamento, marketing, ricerca e controllo della qualità dei prodotti agro-alimentari. è un nutrizionista ed esperto di mangimistica ed alimentazione animale; è responsabile di produzione e di sistema-qualità nelle aziende agroalimentari; è analista di prodotto e di processo nelle aziende del sistema agro-alimentare; è responsabile commerciale e del marketing nell industria agro-alimentare. Agenzia per l Impiego del Lazio 8

10 MECCANICA Figura professionale Addetto alla micromeccanica di precisione: Attrezzista meccanico: Car stilista: Carrozziere: Fresatore: Manager di azienda metalmeccanica: Manutentore meccanicoelettronico: Manutentore: Meccanico d auto: Montatore installatore: Montatore manutentore di impianti termofluidici: Descrizione possiede conoscenze e competenze tecnologiche di alto livello per progettare e realizzare meccanismi di precisione e macchine secondo le più moderne tecnologie. possiede conoscenze teorico-pratiche che gli consentono di rendere utilizzabile in modo ottimale una macchina utensile per eseguire una specifica lavorazione; su indicazioni di massima di progettisti o capi reparto costruisce attrezzature meccaniche specifiche e cura la loro corretta installazione; interviene con elevata capacità manuale su diverse macchine e in diverse fasi del ciclo produttivo. si occupa di tutta la finitura superficiale dei volumi creati dai designer, dalle vernici alle plastiche particolari, ai tessuti per i sedili, alle moquette ed ai rivestimenti degli interni. effettua in modo autonomo e responsabile ogni intervento di riparazione, sostituzione e aggiustaggio degli elementi accessori del telaio e della carrozzeria di veicoli a motore, nonché le operazioni di verniciatura della carrozzeria e di ogni suo elemento. gestisce e guida il percorso utensile della fresa automatica, impostandola sulla base del pezzo da fresare fino al raggiungimento del master, il campione modello di riferimento che si ottiene passando per fasi intermedie nelle quali vengono fresati modelli in polistirolo. organizza e conduce un azienda metalmeccanica, coordina le attività di settore, programma ed imposta il ciclo di produzione, dirige il personale, commercializza il prodotto e utilizza strumenti informatici. dev essere capace di individuare e risolvere i guasti delle componenti meccaniche ed elettroniche e di intervenire per le sostituzioni o riparazioni. mantiene in efficienza le apparecchiature e le macchine di produzione, intervenendo sugli impianti per prevenire o riparare guasti e anomalie di funzionamento. individua i guasti di un automezzo, ripara e sostituisce le parti danneggiate o usurate, esegue il check-up elettronico del motore e la revisione di organi e strumenti. contribuisce, presso il cliente, al montaggio, alla installazione, alla verifica funzionale ed alle riparazioni di prodotti composti normalmente da svariati gruppi funzionali. interpreta il disegno tecnico e lo schema progettuale, sceglie e prepara i materiali occorrenti alla lavorazione, esegue la costruzione, il montaggio, le prove di funzionalità e le riparazioni di impianti termici idraulici, di Agenzia per l Impiego del Lazio 9

11 Montatore manutentore di impianti termofluidici (segue): Montatore manutentore di sistemi meccanici: le prove di funzionalità e le riparazioni di impianti termici idraulici, di condizionamento dell aria, igienico-sanitari e oleodinamici. organizza le fasi di lavoro (montaggio e manutenzione), assembla le parti e ne controlla la funzionalità, riconosce le anomalie delle macchine e dei difetti delle parti da sostituire, utilizzando anche strumenti informatici, ed esegue la manutenzione ordinaria e straordinaria dell impianto. Operatore di macchine utensili: è addetto alla conduzione di macchine che eseguono lavorazioni mediante asportazione di trucioli; esegue lavori per la costruzione e/o revisione di parti meccaniche rispettando le tolleranze e impiegando materiali di diversi gradi di durezza; prepara gli utensili ed esegue la loro manutenzione ordinaria e predispone la macchina a seconda del tipo di lavorazione da eseguire; controlla costantemente il processo di lavorazione e verifica la correttezza delle lavorazioni effettuate. Operatore macchine a controllo numerico: Restyling: Saldatore in genere: Tecnico di collaudo: Tecnico di sistemi automatizzati di fabbricazione: Tecnico manutenzione impianti termici: deve conoscere gli elementi di base della tecnologia meccanica e della meccanica delle macchine, le caratteristiche elettromeccaniche e le prestazioni del sistema sensoriale e trasduttivo delle macchine utensili e delle macchine utensili a Controllo Numerico e il linguaggio di programmazione del Controllo Numerico, che permette la programmazione della macchina ed il suo funzionamento automatico. Imposta e programma il ciclo di lavorazione della macchina utensile. Prepara gli utensili che la macchina utilizza in ciascuna lavorazione, cura il loro montaggio e il posizionamento del pezzo sul quale deve essere eseguita la lavorazione; avvia il ciclo di lavorazione, segue il corretto funzionamento della macchina ed effettua un primo controllo sul pezzo. effettua schizzi per nuove forme ed idee per modelli da ristilizzare o per prototipi da proporre. la sua attività consiste nell interpretare il disegno, leggere gli impianti elettrici, eseguire vari tipi di saldatura, su materiali ferrosi e su leghe, elettriche e a gas, eseguire finitura delle superfici saldate e mantenere gli impianti di saldatura. verifica la rispondenza funzionale del prodotto alle caratteristiche richieste, e indica, e talvolta anche rimuove, le cause di malfunzionamento. organizza e riorganizza reparti ed officine nella piccola e media impresa utilizzando tecnologie e strumenti informatici, elettrici, ottici e meccanici, propri dei sistemi automatizzati di fabbricazione. deve soprintendere alla realizzazione dell impianto di riscaldamento di casa, verificare che il tutto sia a norma di legge, conoscere le normative vigenti in materia e dialogare con il verificatore in sede di approvazione dell impianto stesso. Agenzia per l Impiego del Lazio 10

12 COMMERCIO-MARKETING Figura professionale Addetto ai rapporti commerciali: Agente di baratto: Agente e rappresentante di commercio: Assistente allo sviluppo del marketing nei paesi emergenti: Descrizione coordina la rete di vendita, gestisce gli ordini dei clienti e dei fornitori, cura la comunicazione amministrativa, organizza la spedizione, esegue il controllo dello scadenzario dei clienti e dei fornitori e gestisce i rapporti interpersonali mediante l utilizzo dei sistemi informativi per la registrazione, archiviazione ed elaborazione di statistiche. permuta o colloca sui mercati prodotti inutilizzati e tenuti in deposito. rappresenta aziende produttrici, colloca i prodotti sul mercato, intrattiene i rapporti sia con le case produttrici che con i clienti e utilizza i mezzi informatici; promuove la conclusione di contratti in una determinata zona, in cambio di provvigioni; ricerca le tendenze di mercato e i gusti dei consumatori. Monomandatario o plurimandatario a seconda se ha o meno un rapporto in esclusiva con una azienda. opera nella organizzazione imprenditoriale a diretto contatto con il centro strategico dell impresa e gestisce le strategie di marketing verso i mercati esteri; si occupa di ridefinizione e ristrutturazione delle organizzazioni imprenditoriali e produttive anche piccole e medie, di attività di vendita di servizi in forma di contract management, di concessionario in esclusiva di strategie di penetrazione in mercati stranieri e come consulente di direzione strategica e di marketing. Category manager-buye: sceglie il prodotto migliore all interno di una categoria merceologica e, attraverso lo sfruttamento ottimale dello spazio espositivo, realizza al meglio l obiettivo della vendita. Direttore ipermercato: Esperto di distribuzione nel settore moda (trade manager): Export manager: Export manager (segue): gestisce gli aspetti commerciali, i rapporti con i fornitori, la gestione delle risorse umane e i rapporti con l esterno della struttura di grande distribuzione. opera con elevata competenza tecnico organizzativa in aziende manifatturiere e della distribuzione, fornendo alle aziende servizi professionali inerenti la commercializzazione dei prodotti di moda, mediante agenzie specializzate nel trade marketing. generalmente gestisce e amministra, con un forte grado di autonomia, una sezione commerciale dell azienda. Questa persona può curare sia aspetti tecnici (ad es. l organizzazione della partecipazione e fiere) sia specialistici (es. l analisi del mercato potenziale) che gestionali all interno di una struttura aziendale. Agisce su un mandato concordato con la direzione commerciale o con il titolare nelle imprese di minori dimensioni mentre, nelle imprese di maggiori dimensioni è inserito all interno di un ufficio vendite per l estero in cui generalmente è responsabile delle strategie e delle condotte operative dell azienda in aree/paesi esteri e, organizzando la gestione di un budget, riferisce al responsabile commerciale dell impresa. E in quest ultimo caso una figura professionale ben specifica che opera in seno trading company, occupandosi di contrattazioni e gestione delle transazioni nelle varie Agenzia per l Impiego del Lazio 11

13 tipologie previste dalle regole del commercio internazionale. L attuazione della sua professione può richiedere lunghi trasferimenti all estero. Franchisor (affiliante): Incaricato alla vendita: Key account: Operatore di marketing: Product specialist: Promoter e merchandiser: Responsabile dei servizi commerciali: Responsabile dei servizi di marketing: Responsabile dei servizi di marketing (segue): collabora continuamente con il franchisee (affiliato) per la distribuzione di beni o servizi, attraverso l utilizzo di una formula commerciale con un proprio know how e segni distintivi specifici; garantisce assistenza all affiliato, consentendogli la gestione della propria attività commerciale con la medesima immagine e politica; assai rilevante sono il marchio e la competitività del prodotto. effettua dimostrazioni dei prodotti commercializzati e raccoglie le proposte d ordine per trasmetterle all azienda. segue particolari clienti nel mondo professionale o alcuni canali distributivi. risolve le problematiche commerciali, utilizza le tecniche del marketing operativo in campo commerciale, i sistemi di elaborazione dati e una lingua straniera nella gestione dei rapporti internazionali. studia le caratteristiche tecnologiche dei prodotti per individuare miglioramenti e nuove applicazioni commerciali. svolge attività di supporto ai punti vendita, con dimostrazioni tecniche per i clienti e consigli sull esposizione dei prodotti per i venditori. concorre alla definizione della strategia aziendale, della sua organizzazione e delle sue principali politiche attraverso varie funzioni:??propone piani di business, di linea di prodotto e di prodotto ( a medio e breve termine)??assicura le realizzazione degli obiettivi di marketing?? definisce le politiche di marketing, di comunicazione, le strategie di prodotto e di prezzo e la politica commerciale??definisce l esposizione creditizia verso i clienti??segue l andamento dei mercati di interesse ed il comportamento dei concorrenti in ciascuna area di business??gestisce il budget della comunicazione aziendale??struttura e mantiene un organizzazione di vendita. collabora alla definizione delle principali scelte commerciali e di marketing dell azienda, attraverso varie funzioni:??realizza gli obiettivi di vendita in Italia e all estero??definisce le politiche commerciali e di vendita della rete e concorre a definire le politiche commerciali di prodotto??formula il piano annuale delle vendite e definisce le previsioni di vendita di periodo??struttura un organizzazione di vendita e dirige tutte le attività di vendita della rete??partecipa direttamente alle trattative di vendita più importanti??realizza i volumi ed il mix di vendite??raccoglie informazioni sul mercato e sulla concorrenza??presidia le linee di prodotti e le marche di competenza formulando Agenzia per l Impiego del Lazio 12

14 marketing (segue): Responsabile logistica: Tecnico commerciale di soluzioni grafiche EDP: Tecnico degli scambi con l estero: Tecnico della commercializzazione e sicurezza del software: Tecnico della grande distribuzione: Tecnico di gestione dei servizi informativi commerciali: Tecnico di gestione di tecnologie all estero: Tecnico di import-export: proposte strategiche??presidia i business di competenza ed i prodotti, pianificando, coordinando e controllando l attività operativa, al fine di raggiungere gli obiettivi competitivi ed economico-finanziari fissati. dirige l attività di acquisizione degli ordini; effettua previsioni sulle vendite; gestisce le scorte e gli approvvigionamenti nei magazzini. oltre a possedere tutte le caratteristiche proprie del venditore e ad essere specializzato nelle applicazioni in cui la grafica presenta maggiore valenza economico gestionale, interpreta la realtà dell interlocutore intuendone le necessità meno evidenti e suggerendogli, oltre alle soluzioni specialistiche, anche le tradizionali soluzioni appartenenti alla sfera dell informatica in azienda; come venditore ed assistente post vendita gestisce i rapporti con l utenza facendosi interprete delle sue esigenze. applica le proprie conoscenze riguardo alle procedure del commercio internazionale e agli aspetti societari e tributari della gestione di impresa, al fine di valutare gli aspetti economici delle politiche commerciali per ricercare un adeguato posizionamento delle piccole e medie imprese nel contesto della globalizzazione dei mercati. propone il software più adatto alla soluzione dei problemi o alla trasformazione aziendale che si intende operare. organizza, coordina e gestisce l attività dell unità commerciale in termini di personale, organizzazione del lavoro, amministrazione e risultati; segue i vari servizi dal punto di vista della movimentazione del denaro ai servizi di pulizia e manutenzione, alla sorveglianza, alla disposizione delle merci; suggerisce miglioramenti e cambiamenti sulla base dell andamento del mercato e della concorrenza locale; assicura il raggiungimento degli obiettivi commerciali, gestionali e amministrativi fissati, la completezza degli assortimenti, la reintegrazione delle scorte e la rilevazione dei dati circa l andamento delle vendite da trasmettere al Centro di elaborazione. principalmente gestisce il raccordo tra il mondo esterno, il mercato e l azienda, curando il ricevimento degli ordini provenienti da clienti, distributori o agenti e inserendoli nel sistema informativo aziendale per controllarne l esattezza, la consistenza e l evadibilità in rapporto alla data ed al periodo di consegna del materiale richiesto; verificando la posizione anagrafica e contabile del cliente e provvedendo alla conferma dell ordine, al lancio in produzione dell ordine, seguendone l avanzamento e curando la spedizione del prodotto finito; sviluppando caratteristiche per l analisi del venduto e la verifica dei target prefissati. pianifica le attività all estero, vi installa tecnologie, esegue il controllo di processo, valuta gli aspetti esterni ambientali e non ambientali del progetto ed eventualmente provvede alla sua ristrutturazione, fornisce assistenza tecnica post vendita, esegue l analisi di redditività e gestisce le risorse umane e materiali anche con supporti informatici. predispone la documentazione gestionale e legale per le attività di import ed export, gestisce la corrispondenza in lingua straniera, stende contratti, cura i rapporti con fornitori e clienti e con gli istituti di credito, pianifica i tempi e l utilizzo dei mezzi di trasporto, utilizza gli strumenti Agenzia per l Impiego del Lazio 13

15 Tecnico di marketing della distribuzione: informatici per l archiviazione, l amministrazione e la rilevazione dei movimenti commerciali. individua i canali distributivi, utilizza le tecniche di segmentazione di mercato, pianifica l approccio a nuovi segmenti di mercato, gestisce e controlla il territorio di vendita, utilizza il software applicativo per la gestione dei prodotti e i canali distributivi, elabora tecniche di assistenza alla vendita in centri di distribuzione, pianifica campagne promozionali e pubblicitarie e gestisce il magazzino. Tecnico di marketing operativo: analizza il mercato, individua i segmenti targets, determina le strategie, pianifica ed impiega gli strumenti operativi di marketing e comunicazione aziendale. Vetrinista: cura l allestimento di una vetrina, in modo che l esposizione della merce catturi l attenzione del cliente. Agenzia per l Impiego del Lazio 14

16 CREDITO-FINANZA-ASSICURAZIONE Figura professionale Agente di assicurazione: Descrizione vende e gestisce, all interno o all esterno di un agenzia di assicurazioni, garanzie contro particolari ed eventuali imprevisti o incidenti che possono danneggiare l individuo o l impresa. Assuntore di rischi assicurativi: valuta il rischio assicurativo e decide se l azienda ha convenienza o meno ad assumerlo; stabilisce il costo della copertura (il premio). Broker di assicurazione: Cambista: Consulente finanziario: Consulente tributario: Euro-esperto: Insurance manager: Investor relator: garantisce al cliente qualificata consulenza e assistenza sia nella fase che precede la sottoscrizione del contratto di assicurazione sia in quella della gestione dello stesso, sulla base dell analisi dei rischi a cui è esposto. si occupa ed effettua le transazioni di valute di paesi diversi ed è responsabile della gestione del cambio, cioè decide in quale momento, a quali condizioni, in quali quantità ed in quali tipi di valute effettuare l operazione di cambio. padroneggia tecniche, strumenti e procedure specialistiche al fine di realizzare un analisi della situazione finanziaria del cliente più esatta possibile. Integra autonomamente strumenti teorici e tecnici per la soluzione di problemi in situazioni complesse, che richiedono una valutazione del grado di rischio che le operazioni possono comportare e quindi decide se conviene o meno attuarle. presta consulenza fiscale, tributaria e societaria a piccole e medie imprese, relativamente ad ogni operazione in campo fiscale e tributario per la quale non esista una specifica riserva di legge. individua le difficoltà di impatto e le opportunità legate all introduzione dell euro nelle aziende di credito, informa e forma il personale, suggerisce modelli organizzativi strategici al fine di ridefinire il rapporto con il personale interno, con le imprese e con l utenza, presta consulenza in campo informatico, particolarmente nel ridisegnare i bilanci. gestisce il programma assicurativo aziendale:??raccoglie dati su rischi, misure di prevenzione e sinistri dell azienda??imposta, negozia, stipula le polizze e ne cura la gestione amministrativa e contrattuale??gestisce i sinistri in qualità di perito di parte dell azienda. fornisce al mercato un efficiente comunicazione sui valori fondamentali dell azienda quotata, informazione in grado di far riflettere sui prezzi di borsa dei titoli della società, l effettivo valore del suo patrimonio e le aspettative di redditività. Agenzia per l Impiego del Lazio 15

17 Liquidatore sinistri: Liquidatore sinistri (segue): Mediatore finanziario: Promotore commerciale di prodotti assicurativi: Promotore di servizi finanziari: Specialista in finanza d azienda e dei mercati finanziari: Tesoriere di azienda: gestisce le pratiche di liquidazione dei danni e segue gli eventuali contenziosi con gli avvocati e i periti di parte. mette in relazione banche o intermediari finanziari con la clientela potenziale al fine della concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma. propone coperture assicurative, rivolgendosi sia al privato cittadino con l offerta di diversi tipi di polizza, sia al commerciante, all artigiano, all imprenditore o all ente pubblico, proponendo ad ognuno particolari garanzie di copertura assicurativa. tiene i rapporti tra un intermediario autorizzato e i risparmiatori-clienti; analizza la situazione finanziaria del cliente; consiglia tipi di investimento; vende prodotti finanziari come Fondi o polizze vita. compiti principali:??analizza la situazione economico-finanziaria dell impresa??decide con i vertici aziendali le politiche generali di sviluppo e finanziarie??attua la pianificazione finanziaria a medio e a lungo termine ela programmazione economica e finanziaria a breve termine??gestisce l analisi finanziaria, elaborando indicatori empirici??analizza i flussi monetari e del capitale circolante??controlla la formazione e le modificazioni della struttura finanziaria dell impresa??studia gli effetti dei mutamenti economico-industriali sulla gestione finanziaria dell impresa??decide in ordine ai problemi di natura valutaria??valuta gli investimenti rispetto ai rendimenti e al rischio??valuta fusioni, acquisizioni, scorpori e gestione finanziaria dei gruppi??prende decisioni finanziarie riguardo l impresa in fase di difficoltà, ristrutturazioni, piani di risanamento. coltiva i rapporti con gli istituti di credito; trova fondi e impiega liquidità; minimizza i rischi dei cambi e dei tassi di interesse; contratta le condizioni di credito. Agenzia per l Impiego del Lazio 16

18 SANITÀ - ASSISTENZA SOCIALE Figura professionale Acustico: Descrizione esegue misure acustiche e vibrazioni; interpreta i dati e progetta soluzioni tecniche. Addetto all assistenza di base: affronta situazioni di bisogno particolari mediante assistenza capillarizzata sul territorio evitando sia i disagi alle persone in stato di bisogno ed alle loro famiglie, sia il sovraffollamento e l uso improprio delle strutture sanitarie e ospedaliere. Animatore di comunità: Assistente odontoiatrico (alla poltrona): Audioprotesi sta: Biologo: Chinesiologo: Consulente familiare: Dietista: Educatore sociale: Fisioterapista: possiede conoscenze mutuate dalle scienze dell educazione, abilità tecnica di osservazione, comunicazione interpersonale, dinamica di gruppo, svolge attività ludiche ed animazione in situazione educativa. coadiuva il dentista nel suo lavoro, assicura l assoluta sterilità dell ambiente, delle attrezzature e degli strumenti; cura la preparazione del paziente. si occupa della prevenzione e della correzione dei deficit dell udito; applica le protesi e le adatta alle esigenze del paziente; esegue i controlli e svolge attività di riabilitazione. analizza, studia e classifica gli organismi viventi negli ambienti naturali, studiandone le caratteristiche e le mutazioni, definendo anche programmi di ricerca in equipe, conducendo esperimenti, preparando gli strumenti necessari e relazionando rapporti sulle ricerche effettuate. si occupa di attività psicomotorie in tutte le fasi dell età evolutiva e involutiva, con orientamento educativo, rieducativo, preventivo, formativo, correttivo e sportivo. opera in un consultorio o in uno studio privato per aiutare i singoli, la coppia o il nucleo familiare nelle dinamiche relazionali a mobilitare le risorse interne ed esterne per la soluzione di problematiche specifiche. si occupa della sostanza degli alimenti e del loro dosaggio; esegue controlli sanitari; organizza il servizio di ristorazione nelle mense; svolge campagne di educazione alimentare nelle scuole. svolge la propria attività nei riguardi di persone disagiate di età diverse, attraverso l attuazione di progetti educativi volti a promuovere il pieno sviluppo delle potenzialità di crescita personale e di inserimento sociale. svolge la propria attività in due particolari aree: Agenzia per l Impiego del Lazio 17

19 ??attiva il progetto riabilitativo??elabora il programma di riabilitazione, pratica l attività terapeutica, propone l adozione di protesi e di ausili e svolge sia un assistenza riabilitativa che psichica. Igienista dentale: Infermiere: Informatore scientifico: Istruttore per minorati della vista: Logopedista: Mediatore culturale linguistico per immigrati: Mediatore familiare: Odontoiatra: Operatore pratico di fecondazione artificiale animale: Operatore sociale di strada: Operatore socio culturale: si occupa di rimozione del tartaro e pulizia dei denti, medicazioni, raccolta dei dati per la cartella clinica, trattamenti di prevenzione della carie e delle malattie della bocca, controlli sugli apparecchi di ortodonzia. identifica i bisogni di salute della persona e della collettività; valuta, gestiscono e pianifica l intervento assistenziale-infermieristico; effettua medicazioni, bendaggi, manovre rianimatorie, cure post-operatorie e corretta somministrazione delle terapie. tiene aggiornato il medico di base su qualsiasi novità farmaceutica, descrivendogli anche la possibile applicazione. insegna ad una persona non vedente determinate condotte motorie e abilità connesse con la gestione della propria persona e delle relazioni sociali, mediante lo sviluppo e la conduzione di programmi riabilitativi individuali relativi alle problematiche di autonomia, deambulazione, mobilità ed orientamento dei non vedenti ed ipovedenti. si occupa di prevenzione e trattamento dei disturbi del linguaggio e della comunicazione. interviene in specifiche situazioni per individuare ed esplicitare bisogni di utenti extracomunitari e per negoziare prestazioni da parte dei servizi e degli operatori pubblici, attivando la comunicazione e apportando modificazioni di contenuto e di modalità di approccio. opera affinché i genitori mantengano vivo il senso e la pratica della loro responsabilità genitoriale e sappiano salvaguardare il mantenimento dell autostima nonostante il momento di crisi. Promuove nei partner/genitori le risorse, le competenze, la motivazione al dialogo e previene il disagio dei minori. cura specifiche malattie e tratta malformazioni, congenite e non, della bocca. raccoglie, valuta, diluisce e conserva il materiale seminale; esegue la fecondazione artificiale e l inseminazione artificiale bimanuale; si occupa di valutazione morfologica degli animali. svolge attività di mediazione relazionale, in contatto con agenzie educative e gruppi informali presenti nel territorio, col fine di esercitare la prevenzione primaria e secondaria rivolta a fasce deboli, in particolare a quella di giovani a rischio. Agisce nella strada in maniera autonoma, contatta individui e gruppi, stabilisce con essi un rapporto di fiducia e li indirizza verso le strutture di recupero organizzate sul territorio per il trattamento. conosce ed utilizza tecniche di comunicazione, di animazione e di conduzione di gruppi in situazione educativa, organizza servizi socio educativi relativi a socializzazione primaria, istruzione, cultura e tempo libero e ne valuta i risultati, operando individualmente o in équipe. Agenzia per l Impiego del Lazio 18

20 Ortottista: Osteopata: Ostetrica: Ottico optometrista: Pedagogista relazionale: Pedagogista: Podologo: Promoter di impresa sociale: Tecnici di neurofisiopatologia: svolge, su prescrizione medica, prevenzione e trattamento riabilitativo dei disturbi della motilità oculare e della visione binoculare; rieduca handicap della funzione visiva; effettua tecniche di semiologia strumentale oftalmologica; svolge un attività didattica. svolge un attività di prevenzione, cura e riabilitazione delle alterazioni muscolo-scheletriche viscerali, miofasciali e cranio-sacrali che turbano l omeostasi del corpo umano. assiste e consiglia la donna durante la gravidanza, il parto e nel puerperio; presta assistenza al neonato. si occupa di misurazione della vista, dell applicazione delle lenti a contatto, dell individuazione della soluzione per la compensazione dell handicap e degli esercizi utili al miglioramento delle potenzialità visive. è esperto nell educare e gestire in modo funzionale le relazioni umane nell ambito della scuola e di altri sistemi sociali, tratta problemi che riguardano il rapporto insegnamento/apprendimento, legati agli aspetti di contenuto e di relazione nella comunicazione, effettua interventi calibrati sull individuo e sul sistema, concentrando il campo di interesse sull etica piuttosto che sulla patologia. svolge attività:??di assistenza e di trattamento abilitativo e riabilitativo in ambito educativo e pedagogico, rivolte alle persone, alle famiglie, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità??di orientamento scolastico e professionale??di assistenza educativa e consulenza psico-pedagogica alle famiglie e alle istituzioni, in relazione a problematiche familiari, educazionali, di tutela e di affidamento??di progettazione, coordinamento e direzione di progetti di formazione, aggiornamento e riqualificazione professionale??di formulazione di progetti in relazione a stati di disagio (handicappati, disabili, minori, tossicodipendenti, emarginati sociali)??di progettazione, sperimentazione, ricerca, didattica, formazione e verifica nello specifico ambito professionale. è un operatore sanitario che tratta le callosità, le unghie ipertrofiche, deformi e incarnite e il piede doloroso, avvalendosi di metodi incruenti, oresici e idromassoterapici. è una figura in grado di progettare, avviare e condurre un impresa sociale (si intende una serie di realtà di vario tipo, senza fine di lucro, comprendenti associazioni culturali, di volontariato, per il tempo libero, e altro ancora) in tutte le sue fasi. Le competenze necessarie per tale ruolo sono evidentemente molto varie (conoscenze economiche e giuridiche, progettuali, relazionali e comunicazionali, manageriali) e comprendono quelle relative al settore d intervento (per esempio turismo, ambiente, cultura, ecc.). documenta il silenzio elettrico cerebrale nei pazienti in stato di rianimazione. Agenzia per l Impiego del Lazio 19

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE Il Settore Equitazione Ludico Educativo Ricreativa per Diversamente Abili (E.R.D.) nasce dalla necessità di conciliare l'inserimento nella società della persona diversamente abile, o a rischio di emarginazione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli